I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti."

Transcript

1

2 INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4 Il libretto di impianto - 4 Cosa deve fare - Impianti inferiori a 35 KW - 5 Bollino Energetico - 5 Cosa deve fare - Impianti superiori a 35 KW - 6 Controlli a campione - 7 Le tariffe dei controlli - 7 Come pagare e inviare la dichiarazione all ATI (SEA ITAGAS PROMOECO) - 8 Gli artigiani manutentori - 9 Come si svolgono i controlli da parte del Comune di Roma - 10 La visita di controllo - 11 I verificatori - 11 Il verificatore accerterà - 11 Modalità di gestione delle non conformità - 12 Attivazione sportello informativo - 12 Controllo delle temperature ambiente - 13 Attivazione di un numero verde - 14 DOMANDE E RISPOSTE - 14

3 INFORMAZIONI PER I CITTADINI Campagna di controllo impianti termici Roma Capitale, ai sensi della vigente normativa nazionale (D.lgs 192/05 e D.lgs 311/06), effettua gli accertamenti e le ispezioni necessarie per verificare l osservanza delle norme relative al contenimento dei consumi di energia, nell esercizio e nella manutenzione degli impianti di riscaldamento. Questi controlli non sostituiscono le operazioni di manutenzione ordinaria, che devono essere effettuate secondo le frequenze temporali indicate dalle norme vigenti. I controlli sulle caldaie sono stabiliti e regolamentati da una serie di norme succedutesi in un tempo non breve, emanate da diverse autorità: 1) Lo Stato Italiano; 2) La Regione Lazio; 3) L Autorità per l Energia Elettrica e il Gas. I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. Essi consentono di: - Mantenere in buona efficienza operativa l impianto termico; - Consumare meno energia (quindi risparmiare soldi); - Garantire una maggiore sicurezza dell impianto; - Contribuire ad un minore inquinamento atmosferico. Roma Capitale ha attuato un programma di sensibilizzazione per il corretto utilizzo degli impianti termici al fine di mettersi in regola con le norme stabilite dalla legge 10 del 91 (migliorare il rendimento degli impianti termici, diminuire il consumo di combustibile e conseguentemente l inquinamento ambientale, migliorare la qualità della vita). RESPONSABILE DELL IMPIANTO TERMICO Per responsabile dell impianto termico si intende innanzitutto il proprietario del locale nel quale è installato l impianto. Tuttavia ne caso che l immobile sia dato in locazione o comunque risulti occupato, il responsabile dell impianto è l occupante anche senza titolo. i 3

4 Il responsabile dell impianto deve farsi carico del corretto esercizio e della corretta manutenzione dell impianto termico. La mancata effettuazione della manutenzione periodica comporta l applicazione di una sanzione che può variare da un minimo di 500,00 fino ad un massimo di 3.000,00 euro. Pertanto il responsabile dell impianto deve: - Conservare il libretto di impianto; - Farne eseguire regolarmente la manutenzione da parte di un artigiano abil itato che deve rilasciare copia della dichiarazione di avvenuta manutenzione dell impianto termico (cosiddetto rapporto di controllo tecnico modello G o F ), controfirmata per presa visione dal responsabile dell impianto. La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni IL LIBRETTO DI IMPIANTO/CENTRALE Tutte le operazioni di manutenzione e di verifica devono essere registrate sul cosiddetto Libretto di Impianto che viene rilasciato all atto dell installazione di una caldaia, oppure fornito dall impresa manutentrice in caso di impianto già esistente. La tenuta del Libretto di Impianto è a cura dell occupante della casa, e deve essere aggiornato per la parte relativa alle operazioni di manutenzione e ai risultati delle verifiche del rendimento di combustione dal tecnico dell impresa. COSA SI DEVE FARE - IMPIANTI INFERIORI A 35 KW Per questo tipo d impianti è obbligatorio essere in possesso del Libretto d Impianto, sul quale il manutentore annoterà obbligatoriamente i risultati delle manutenzioni e delle prove di combustione. Tutti i possessori di una caldaia a servizio dell impianto di riscaldamento di potenza nominale al focolare inferiore a 35 kw hanno l obbligo, salvo indicazioni più restrittive da parte dell impresa installatrice o del fabbricante degli apparecchi installati o del manutentore dell impianto, di effettuare i controlli di efficienza energetica almeno: 4 a)ogni anno per gli impianti alimentati a combustibile liquido o gassoso; b)ogni due anni per gli impianti, diversi da quelli individuati al punto a), di potenza nominale del focolare inferiore a 35 kw dotati di generatore di calore con una anzianità di installazione superiore a otto anni e per gli impianti dotati di generatore di calore ad acqua calda a focolare aperto installati all interno di locali abitati; c)ogni quattro anni per tutti gli altri impianti di potenza nominale del focolare

5 inferiore a 35 kw dotati di generatore di calore con una anzianità di installazione superiore a otto anni e per gli impianti do tati di generatore di calore ad acqua calda a focolare aperto installati all interno di locali abitati; c)ogni quattro anni per tutti gli altri impianti di potenza nominale del focolare inferiore a 35 kw. Fare eseguire, pertanto, la prova di combustione dell impianto da parte di un artigiano abilitato, ed inviare il modello G di cui sopra con allegata l attestazione del versamento dell importo di euro 5,54. Tutti i pagamenti dovranno essere effettuati sul conto corrente postale n. C/C n intestato a: ATI VERIFICHE PER ROMA CAPITALE Via Monasterace, 39/F Roma o sul conto corrente bancario SEA SRL - ATI ROMA alle seguenti coordinate: IT 74 G (eventuali versamenti su altri conti correnti non potranno essere rimborsati). COSA SI DEVE FARE - IMPIANTI SUPERIORI A 35 KW Anche per questo tipo d impianti è obbligatorio essere in possesso del Libretto di Centrale, sul quale il manutentore annoterà obbligatoriamente i risultati delle manutenzioni e delle prove di combustione. Roma Capitale, preso atto del Decreto Legislativo 19 agosto 2005 n. 192, ha adeguato le procedure di accertamento dell avvenuta manutenzione degli impianti termici, consentendo così anche per gli impianti di potenza superiore a 35 kw l invio annuale dell apposita dichiarazione, ovvero l Allegato F, Rapporto di controllo e manutenzione del D.L. 192 (scaricaribili dal sito La dichiarazione contenente gli elementi informativi dell impianto termico con le annotazioni riguardanti il controllo e la manutenzione, nonché i risultati delle verifiche di rendimento, relativamente alla stagione termica 2012/2013 dovrà pervenire a CON.TE - Via Monasterace, 39/F Roma o inviata per via telematica tramite registrazione (e successiva autorizzazione all accesso) sul sito La dichiarazione dovrà essere accompagnata dall attestazione di avvenuto pagamento della tariffa prevista (vedi Tabella) BOLLINO ENERGETICO All atto della manutenzione i manutentori abilitati che avranno aderito al protocollo di intesa proposto da Roma Capitale al fine di calmierare i prezzi della 5

6 6 manutenzione, rilasceranno, in sostituzione del versamento postale di euro 5,54 un bollino energetico di diverso colore per ogni stagione, composto da due tagliandi, uno da attaccare al modello G/F, l altra da attaccare al libretto di impianto/centrale. In alternativa, il responsabile dell impianto potrà effettuare l autodichiarazione inviando il rapporto di controllo tecnico unitamente alla copia dell attestazione del versamento della tariffa di autodichiarazione. Roma Capitale ha così dato la possibilità agli utenti di snellire le procedure di autocertificazione. L invio della dichiarazione, contenente gli elementi informativi dell impianto termico con le annotazioni riguardanti il controllo e la manutenzione nonché i risultati delle verifiche di rendimento, relativamente alla stagione termica 2012/2013, dovrà pervenire a: CON.TE - Via Monasterace, 39/F Roma o inviata per via telematica tramite registrazione (e successiva autorizzazione all accesso) sul sito La dichiarazione dovrà essere accompagnata dall attestazione di avvenuto pagamento della tariffa prevista (vedi Tabella) tramite bollettino CC o il pagamento del bollino energetico. Il controllo è gratuito nel caso in cui il Rapporto di Controllo Tecnico, corredato dal Bollino Caldaie Sicure o dalla ricevuta di pagamento, sia stato regolarmente compilato ed inviato all Ente controllore. In caso contrario il costo è a carico del Responsabile dell impianto termico con possibili aggiunte di sanzioni. Il controllo dell impianto termico privo di dichiarazione avrà un costo di 85,00 + il corrispettivo previsto per la presentazione della dichiarazione, come da tabella seguente:

7 N:B: La potenza nominale al focolare è da intendersi come somma delle potenze dei singoli generatori costituenti l impianto. La dichiarazione priva del relativo pagamento dovrà ritenersi nulla. CONTROLLI A CAMPIONE Roma Capitale ha il compito di verificare che la manutenzione ordinaria periodica e i controlli di efficienza energetica siano stati eseguiti correttamente nei modi e nei tempi previsti dalla normativa vigente e lo svolge attraverso l ATI CON.TE.. CON.TE. procede alle ispezioni: - gratuitamente ed a campione, sugli impianti per i quali sia pervenuto il regolare RCT (impianti autocertificati) - a pagamento sugli impianti per i quali non sia pervenuto con la dovuta regolarità l autodichiarazione del responsabile dell impianto termico nel qual caso saranno applicate le seguenti tariffe. Le tariffe dei controlli - Controlli effettuati a seguito di autocertificazione: controllo gratuito. - Controlli effettuati nei confronti di utenti che non hanno proceduto ad invi are l autocertificazione (modello G ): 85,00 + (corrispettivo previsto per l autocertificazione come da Tabella). - Rimborso ai verificatori del costo derivante dalla mancata presenza sull impianto dell utente a suo tempo preavvisato: 25,00 per impianti di po tenza inferiore a 35 kw, ed 50,00 per impianti di potenza superiore o uguale a 35 kw. Tale rimborso è da intendersi in aggiunta alla somma sopra indicata, nell ipotesi di inadempimento con l appuntamento in precedenza fissato. In caso di mancato rispetto delle norme di manutenzione ed esercizio il responsabile d impianto è soggetto a sanzioni da 500,00 a 3.000,00 Euro. 7

8 ? Come pagare e inviare la dichiarazione all ATI CON.TE. Il versamento dell autocertificazione, come da tabella, potrà essere effettuato sul C/C bancario SEA SRL - ATI ROMA alle seguenti coordinate: IT 74 G o sul c/c postale n intestato a ATI VERIFICHE PER ROMA CAPITALE Via Monasterace, 39/F Roma Indicando chiaramente nella causale del versamento autocertificazione Biennio/Quadriennio Relativo all impianto sito in... Via/Piazza. n.. Anno. La Dichiarazione di avvenuta manutenzione, insieme all attestazione di pagamento e ad una fotocopia non autenticata di un documento d identità del responsabile d impianto, dovranno essere inviati (si preferisce una raccomandata con ricevuta di ritorno, conservandone una copia) al seguente indirizzo: SEA SRL - ATI ROMA Servizio verifica impianti termici Via Monasterace 39/f Roma o inviata per via telematica tramite registrazione (e successiva autorizzazione all accesso) sul sito In alternativa, acquistando il Bollino Energetico presso il manutentore convenzionato all atto della manutenzione dell impianto. Provvederà successivamente il manutentore a trasmettere l allegato G o F all ATI con.te. - controlli impianti termici. 8

9 Gli artigiani manutentori L opera degli artigiani manutentori abilitati, svolta secondo le periodicità fissate dalla normativa in vigore, è essenziale ai fini del mantenimento dell impianto termico in buone condizioni di funzionamento. Ciò garantisce all utente: - Che l impianto è sicuro - Che l impianto è in regola con le norme dettate in materia di risparmio energetico - Che i gas derivanti dalla combustione sono contenuti nei limiti della legge a tutela dell ambiente. Nel caso in cui l utente si avvalga di artigiani manutentori non abilitati, le garanzie di cui sopra non saranno operative. Gli artigiani manutentori abilitati sono quelli iscritti in apposito albo tenuto presso la Camera di Commercio, in base al Decreto Ministeriale n. 37 del 22 gennaio 2008, per la specializzazione in materia. L utente è quindi, invitato a verificare, prima di servirsi di un artigiano manutentore, che questi sia in possesso dell iscrizione nel citato Albo per la specializzazione richiesta. Roma Capitale, allo scopo di garantire agli utenti la migliore qualificazione professionale degli artigiani manutentori abilitati, svolgerà specifici corsi di formazione professionale, al termine dei quali, a coloro che avranno seguito proficuamente i corsi, verrà rilasciato un attestato di partecipazione. I nominativi dei partecipanti in possesso dell attestato, che si siano impegnati a rispettare un codice deontologico nello svolgimento della loro professione (definito a seguito di apposita convenzione, mediante la quale sono stati definiti il contratto di manutenzione e le tariffe massime applicabili nei confronti dell utenza) saranno pubblicati sul sito internet del Comune. È previsto, inoltre, in base alla convenzione, che nei casi di controversie fra utenti e artigiani abilitati convenzionati,queste siano portate all attenzione di una Commissione di conciliazione per una soluzione bonaria della controversia. Anche per gli artigiani manutentori sono previste sanzioni pecuniarie piuttosto elevate qualora non rilascino la documentazione prevista per legge. Attenzione: i manutentori sono artigiani e pertanto liberi imprenditori. Non vanno assolutamente confusi con i verificatori che sono tecnici specializzati, operanti per conto del Comune con la qualifica di incaricati di pubblico servizio. 9

10 ? Come si svolgono i controlli da parte del Comune di Roma L Amministrazione Comunale svolgerà l attività di verifica circa lo stato di manutenzione, di esercizio, nonché del rendimento di combustione degli impianti termici in attuazione all art 9 comma 2 del D.Lgs 192/05 ed all allegato L del D.Lgs 311/06, tramite i tecnici CON.TE., muniti di tesserino di riconoscimento. La documentazione che deve essere resa disponibile al momento del controllo è: - libretto di impianto (per impianti inferiori a 35 KW); - libretto centrale (per impianti superiori a 35 KW); - libretto di uso e manutenzione, rilasciato al momento dell installazione; dichiarazione di conformità dell impianto termico. Durante il controllo sarà eseguita la verifica del rendimento della combustione del generatore, della quantità di inquinanti nelle emissioni, dello stato della canna fumaria, dell aerazione del locale e di altri parametri specifici. Al termine della verifica, l addetto al controllo rilascerà una copia del verbale di avvenuto controllo. 10

11 LA VISITA DI CONTROLLO Roma Capitale comunicherà l ora e il giorno del controllo unitamente alla seguente documentazione: Libretto d impianto (con potenza inferiori a 35 KW) Dichiarazione di conformità ai sensi della legge n 46/90 e del DM 37/2008; Libretto d uso e manutenzione rilasciato all atto dell installazione dell impianto. I VERIFICATORI I verificatori degli impianti termici sono tecnici specializzati aventi i requisiti minimi prescritti dal D. Lgs. 192/05 e ss.mm.ii. e dalla Delibera Giunta Regione Lazio n. 13 del 7 gennaio IL VERIFICATORE ACCERTERÀ - Le generalità del responsabile dell esercizio e della manutenzione; - Che il libretto di impianto sia correttamente compilato in ogni sua parte; - I parametri tecnici previsti dalla normativa (rendimento della combustione, quantità di inquinanti nelle emissioni...); - Lo stato della canna fumaria, l aerazione del locale e gli altri parametri di interesse. - Che le operazioni di manutenzione e gestione dell impianto vengano es eguite secondo la normativa vigente. Le verifiche saranno effettuate in presenza del proprietario, del responsabile dell impianto o di un delegato che sarà invitato a controfirmare in modo leggibile il rapporto di prova contenente tutte le indicazioni riguardanti l impianto oggetto del controllo e i dati risultanti dalle analisi. Tale rapporto, privo di correzioni, sarà rilasciato in copia agli interessati. Qualora la verifica non fosse effettuata per cause imputabili ai soggetti preavvisati, essa verrà ripetuta previo ulteriore avviso; inoltre verrà addebitato un rimborso pari a 25,00 (per gli impianti di potenza < a 35 kw) o 50,00 (per gli impianti superiori o uguali a 35 kw) per gli utenti che non sono presenti presso l impianto al momento della verifica da versare sul conto corrente postale n intestato ad ATI VERIFICHE PER ROMA CAPITALE. 11

12 Va tenuto presente che il rifiuto a consentire l accesso nell abitazione a tali tecnici (da essi segnalato al Comune) può essere sanzionato pecuniariamente, e nei casi più gravi, anche con l interruzione della fornitura dell energia da parte della società distributrice. Eventuali difficoltà oggettive da parte dell utente a rispettare l appuntamento fissato dall organizzatore delle verifiche, se comunicate con sufficiente anticipo, possono consentire uno spostamento dell appuntamento, senza aggravio di spesa per l utente. In caso contrario, l utente dovrà sostenere il costo del rimborso spese al verificatore conseguente al mancato accesso all impianto per causa a lui non imputabile. MODALITÀ DI GESTIONE DELLE NON CONFORMITÀ L esito di una verifica potrà essere la conformità o la non conformità alla normativa vigente dell impianto oggetto del controllo. Il costo di eventuali ulteriori verifiche, qualora l impianto non risultasse, al primo accertamento, conforme alla normativa vigente, sarà, in qualunque caso (cioè anche nel caso in cui sia stato consegnata il rapporto di controllo tecnico ed esso non risulti veritiero) a carico del responsabile dell impianto. Nel caso in cui ad una prima verifica l impianto risultasse non conforme alla normativa vigente, questa sarà ripetuta, previa corresponsione di un apposito rimborso, non prima di 30 giorni. Qualora alla successiva verifica l impianto risultasse nuovamente non idoneo, il Comune di Roma provvederà ad avviare le procedure di prescrizione e sanzionatorie previste. Attivazione sportello informativo Roma Capitale, ha attivato 21 Sportelli Informativi Energetici al fine di offrire la massima collaborazione all utenza interessata per la corretta applicazione della presente normativa, alle problematiche dei controlli e più in generale a quelle del Risparmio Energetico. Attraverso lo sportello è possibile: 1)ricevere il materiale informativo vario e i moduli di dichiarazione di avvenuta manutenzione (di rapporto di controllo tecnico); 2)riconsegnare i moduli una volta compilati; 3)verificare la corretta compilazione dei moduli e dei dati in essi contenuti. 12

13 I rapporti di controllo tecnico risulteranno validi solo se completamente e correttamente compilati ed accompagnati dalla relativa attestazione di pagamento, in conformità al principio stabilito dal comma 3, L. 10/91, che gli oneri per l effettuazione dei controlli a campione sono posti a carico degli utenti che presentino detta dichiarazione. La modulistica necessaria, inoltre, i riferimenti normativi e tecnici e le schede da utilizzare con le istruzioni per la compilazione saranno disponibili sul sito di Roma Capitale e sui siti: e I proprietari o i terzi responsabili devono inviare i rapporti di controllo tecnico di autodichiarazione : - Ogni 2 anni per gli impianti di potenza superiore a 35 kw; - Ogni 4 anni per gli impianti di potenza inferiore a 35 kw. Una copia del modulo di rapporto di controllo tecnico, con allegata una copia della ricevuta di avvenuto pagamento, dovrà essere trattenuta e conservata dagli interessati e mostrata, nel caso di controllo, per evitare il pagamento per intero dell importo dovuto. Così come previsto dall articolo 5.1 della Del. G. R. Lazio 15/2005, i manutentori ed i terzi responsabili potranno consegnare i moduli (che saranno predisposti in alcune loro parti per la lettura ottica) su supporto informatico standardizzato, e dovranno riportare la firma del responsabile dell impianto e la firma ed i dati del manutentore che ha effettuato le verifiche. Controllo della temperatura ambiente Il cittadino può richiedere un controllo del rispetto dei valori massimi della temperatura ambiente interna alla propria abitazione. Il controllo viene effettuato, con le seguenti modalità: *richiesta scritta formulata, servendosi del modulo predisposto dall Amministrazione presente nella sezione allegati (inviare al n. di fax ). *rilevazione dei valori di temperatura dell aria negli ambienti, ai sensi della legge 10/91 e del DPR 412/93 e s.m.i.., effettuata da un tecnico qualificato con strumentazione e modalità previste dalla normativa vigente in materia. 13

14 Attivazione di un numero verde Roma Capitale, tramite CON.TE., al fine di fornire notizie generali sul servizio di verifica degli impianti termici ed informazioni e risposte ai quesiti posti dall utenza, ha attivato il numero verde che è attivo tutti i giorni (sabato e festivi esclusi) dalle ore 9 alle 13 e dalle 15 alle 19. Nei giorni e nelle ore di disattivazione, il numero verde fornisce informazioni generali sulle verifiche e sui pagamenti da effettuarsi. DOMANDE E RISPOSTE Per gli utenti di impianti di riscaldamento con potenza inferiore a 35 kw La manutenzione della caldaia è un obbligo di legge e serve a garantire la sicurezza degli ambienti domestici, favorendo inoltre il risparmio energetico e di conseguenza una diminuzione della bolletta. Inoltre, non ultimo, riduce le emissioni di gas inquinanti. Chi è il responsabile dell esercizio e della manutenzione della caldaia dell alloggio? Per responsabile dell impianto termico si intende innanzitutto il proprietario del locale nel quale è installato l impianto. Costui può delegare tale responsabilità ad un terzo che assume la figura di Terzo Responsabile. Nel caso quindi che l immobile è dato in locazione o comunque risulta occupato, il responsabile dell impianto è l occupante, anche senza titolo. Il responsabile dell impianto deve farsi carico del corretto esercizio e manutenzione dell impianto di riscaldamento. La mancata effettuazione della manutenzione periodica comporta l applicazione di una sanzione da un minimo di 500,00 fino ad un massimo di euro. Quali sono le responsabilità ed i compiti del Responsabile dell impianto termico? Il responsabile dell impianto termico deve: predisporre il libretto d impianto ed effettuare, nel caso possieda i requisiti necessari, far svolgere ad una impresa abilitata, le operazioni previste dalla legge. Dopo l intervento di manutenzione deve essere compilato e consegnato in copia all utilizzatore il Rapporto di controllo e manutenzione; questa documentazione dovrà essere allegata al libretto d impianto sul quale si dovranno aggiornare i dati relativi alle manutenzioni ed alle prove fumi effettuate. regolare l impianto in modo che non superi la temperatura media degli ambienti di 22 C: a norma di legge, la responsabilità del superamento di tale limite è imputabile all occupante, con sanzioni a norma di legge. Il cittadino può richiedere un controllo del rispetto dei valori massimi della temperatura ambiente interna alla propria abitazione. Il controllo viene effettuato, con le seguenti modalità: richiesta scritta formulata, servendosi del modulo predisposto dall Amministrazione presente nella sezione allegati; rilevazione dei valori di temperatura dell aria negli ambienti effettuata da un tecnico qualificato. Sono un inquilino: la manutenzione e la tenuta del libretto sono di mia competenza? Se l impianto è individuale, la manutenzione è a Suo carico, in quanto, in questo caso, responsabile dell impianto termico è l occupante dell appartamento o unità immobiliare; se l impianto è centralizzato, la manutenzione è a carico del responsabile dell impianto stesso (proprietario, amministratore o terzo responsabile). Chi è il terzo responsabile? Il terzo responsabile dell esercizio e della manutenzione dell impianto termico è la persona fisica o giuridica delegata dal proprietario ad assumere la responsabilità dell esercizio e della manutenzione dell impianto termico. Generalmente è una figura professionale utilizzata per gli impianti di una certa dimensione, industriali o condominiali. 14 Ho installato un impianto nuovo: devo effettuare ugualmente la manutenzione? La manutenzione ordinaria va effettuata secondo le prescrizioni della Ditta installatrice, mentre la prova

15 di combustione va effettuata al momento dell installazione stessa. L installatore è obbligato a rilasciare la Dichiarazione di conformità, ai sensi del DM n. 37/2008 e il libretto di impianto, ai sensi del D.P.R. 551/99. Quali sono gli impianti termici soggetti a manutenzione e verifica di combustione? Sono gli impianti termici destinati alla climatizzazione degli ambienti comprendenti i sistemi di produzione, distribuzione e utilizzazione del calore nonché gli organi di regolazione e di controllo. Sono quindi compresi negli impianti termici, gli impianti individuali di riscaldamento, mentre non sono considerati impianti termici apparecchi quali: stufe, caminetti, radiatori individuali, scaldacqua unifamiliari. Che differenza c è tra la prova di combustione e la manutenzione ordinaria dell impianto termico? La manutenzione ordinaria consiste in quelle operazioni intese a conservare l impianto in uno stato nel quale può adempiere alla funzione richiesta, mentre la verifica di combustione consiste nel prelievo dei prodotti di combustione per misurare se i valori sono conformi ai valori di soglia indicati dalla legislazione vigente. Cos è la Dichiarazione di Conformità? Tale documento attesta che l impianto è stato realizzato nel rispetto delle norme. Nel caso non sia stata rilasciata bisogna risalire all installatore dell impianto che dovrà redigerla a sua volta. Se non svolgo le manutenzioni prestabilite cosa può accadere? Si possono verificare conseguenze anche gravi, dovute soprattutto alla formazione e diffusione del monossido di carbonio nei locali. Il monossido di carbonio (CO) e un gas inodore, incolore, tossico, e che può rivelarsi letale se respirato in alte concentrazioni e per un tempo prolungato, comunque nocivo per l organismo anche in basse concentrazioni. Per evitare pericolose intossicazioni è importante dunque verificare il corretto funzionamento delle caldaie, e della sicurezza degli impianti di riscaldamento. Quali sono le cause per cui si può formare e diffondere il CO nell ambiente in cui abito? Sono principalmente tre: 1) insufficiente aerazione nel locale ove avviene la combustione 2) cattivo funzionamento dello scarico dei fumi 3) mal funzionamento dovuto a scarsa manutenzione dell impianto stesso Se effettuo l autocertificazione, la manutenzione resta sempre a mio carico? Non bisogna confondere i controlli a carico dell utente, cioè manutenzione dell impianto e prova di combustione, i cui costi sono a carico dell utente stesso, con i controlli da parte di Roma Capitale che riguardano la conformità alle norme di Legge. Effettuando l autocertificazione ed il relativo versamento quale contributo spese di verifica, non si paga il costo del controllo svolto dai verificatori. Per qualsiasi informazione è possibile rivolgersi a: CON.TE. Controllo impianti termici Via Monasterace, 39/F Roma NUMERO VERDE: Sito Internet: 15

16 Campagna di comunicazione a cura di

Informazioni per i cittadini... 3 Campagna di controllo degli impianti termici... 3 Responsabile dell impianto termico... 4

Informazioni per i cittadini... 3 Campagna di controllo degli impianti termici... 3 Responsabile dell impianto termico... 4 INDICE Informazioni per i cittadini... 3 Campagna di controllo degli impianti termici... 3 Responsabile dell impianto termico... 4 La manutenzione degli impianti: Frequenze temporali delle operazioni...

Dettagli

Bollino Blu Caldaia. Manutenzione caldaie riscaldamento. In Italia sono installate circa 19 milioni di caldaie per impianti autonomi e condominiali.

Bollino Blu Caldaia. Manutenzione caldaie riscaldamento. In Italia sono installate circa 19 milioni di caldaie per impianti autonomi e condominiali. Bollino Blu Caldaia Manutenzione caldaie riscaldamento A cosa serve In Italia sono installate circa 19 milioni di caldaie per impianti autonomi e condominiali. Nell'ambito delle politiche europee per favorire

Dettagli

INFORMAZIONI PER I CITTADINI

INFORMAZIONI PER I CITTADINI 1 INDICE Pagina Informazioni per i cittadini: Campagna di controllo degli impianti termici... 3 Cosa si intende per impianto termico... 4 Responsabile dell impianto termico... 4 Il Libretto di Impianto

Dettagli

UFFICIO POLITICHE ENERGETICHE ANNO 2015

UFFICIO POLITICHE ENERGETICHE ANNO 2015 CITTÀ DI ALBANO LAZIALE UFFICIO POLITICHE ENERGETICHE CAMPAGNA DI CONTROLLO dello stato di esercizio e di manutenzione DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE INVERNALE E ESTIVA ANNO 2015 INTRODUZIONE Le tematiche

Dettagli

Il libretto informativo contiene inoltre il modulo di autocertificazione (da compilare nel solo caso di impianto con potenzialità inferiore a 35 KW)

Il libretto informativo contiene inoltre il modulo di autocertificazione (da compilare nel solo caso di impianto con potenzialità inferiore a 35 KW) Con la Legge n 46/90 e la Legge n 10/91,ed il conseguente regolamento di applicazione (D.P:R. n 412/93 e sue modifiche introdotte dal D.P.R. 551/99) la Provincia di Imperia, al pari di tante altre Amministrazioni

Dettagli

Riscaldiamoci risparmiando...

Riscaldiamoci risparmiando... REGOLAMENTO/ MANUALE PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI Città di Scafati Città di Scafati GUIDA ALLA SICUREZZA E ALL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI IMPIANTI TERMICI CAMPAGNA PER IL CONTROLLO OBBLIGATORIO

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE UFFICIO CONTROLLO IMPIANTI TERMICI

PROVINCIA DI UDINE UFFICIO CONTROLLO IMPIANTI TERMICI PROVINCIA DI UDINE UFFICIO CONTROLLO IMPIANTI TERMICI Testo modificato dalla Giunta Provinciale nella seduta del 28 luglio 2008 con delibera n. 167 d ordine. REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEL CONTROLLO

Dettagli

Città di Torre del Greco

Città di Torre del Greco Città di Torre del Greco (Provincia di Napoli) Regolamento per l esecuzione delle ispezioni sullo stato di esercizio e manutenzione degli impianti termici, ai sensi della Legge 9 gennaio 1991 n. 10 e s.

Dettagli

Domande e risposte sulla legge 10/91

Domande e risposte sulla legge 10/91 Domande e risposte sulla legge 10/91 Di cosa si occupa la legge 10/91? La legge 10/91 contiene le norme per l attuazione del piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio

Dettagli

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Prot. Generale n. 19033 del 23.10.2012 Primo livello di help desk HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Qui di seguito si riportano alcune delle più frequenti domande con le relative risposte.

Dettagli

La tua caldaia fuma? FALLA SMETTERE! Lodirespira. Campagna per il controllo e la gestione degli impianti termici

La tua caldaia fuma? FALLA SMETTERE! Lodirespira. Campagna per il controllo e la gestione degli impianti termici Comune di Lodi La tua caldaia fuma? FALLA SMETTERE! Lodirespira Indice CAMPAGNA OBBLIGATORIA PER IL CONTROLLO E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI A CHI E RIVOLTO QUESTO OPUSCOLO? 4 GLI IMPIANTI TERMICI,

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L'ESECUZIONE DELLE ISPEZIONI SUGLI IMPIANTI TERMICI E SUI SISTEMI DI CONDIZIONAMENTO D ARIA

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L'ESECUZIONE DELLE ISPEZIONI SUGLI IMPIANTI TERMICI E SUI SISTEMI DI CONDIZIONAMENTO D ARIA REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L'ESECUZIONE DELLE ISPEZIONI SUGLI IMPIANTI TERMICI E SUI SISTEMI DI CONDIZIONAMENTO D ARIA Art. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina le procedure per l'effettuazione

Dettagli

LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI

LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI Perche fare i controlli? RISPARMIO ENERGETICO Un impianto termico più efficiente consuma meno combustibile a parità di calore prodotto. RISPARMIO ECONOMICO

Dettagli

INDICE. All.1 Tempistica esemplificativa dei controlli sul rendimento di combustione degli impianti inferiori a 35 Kw

INDICE. All.1 Tempistica esemplificativa dei controlli sul rendimento di combustione degli impianti inferiori a 35 Kw COMUNE DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L'ESECUZIONE DEL CON- TROLLO DEL RENDIMENTO DI COMBUSTIONE E DELLO STATO DI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

(approvato con D.C.C. N.111 del 30.07.2007 e modificato con D.C.C. N. n. 29 del 17.03. 2009)

(approvato con D.C.C. N.111 del 30.07.2007 e modificato con D.C.C. N. n. 29 del 17.03. 2009) REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ESECUZIONE DEGLI ACCERTAMENTI E DELLE ISPEZIONI NECESSARIE ALL OSSERVANZA DELLE NORME RELATIVE AL CONTENIMENTO DEI CONSUMI D ENERGIA NELL ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

Dettagli

SERVIZIO QUALITA DELL ARIA E RISORSE ENERGETICHE. www.provincia.torino.it F.A.Q. Esercizio e manutenzione degli impianti termici

SERVIZIO QUALITA DELL ARIA E RISORSE ENERGETICHE. www.provincia.torino.it F.A.Q. Esercizio e manutenzione degli impianti termici F.A.Q. Esercizio e manutenzione degli impianti termici INDICE Che cosa s intende per impianto termico...4 Che cosa si intende genericamente per caldaietta...4 Impianto termico non utilizzato...4 ALCUNE

Dettagli

CAMPAGNA DI AUTODICHIARAZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI BIENNIO 2014-2015 INFORMATIVA AGLI UTENTI

CAMPAGNA DI AUTODICHIARAZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI BIENNIO 2014-2015 INFORMATIVA AGLI UTENTI PROVINCIA DI BRINDISI SERVIZIO 6 AMBIENTE ED ECOLOGIA UFFICIO IMPIANTI TERMICI Santa Teresa S.p.A. Società Multiservizi della Provincia di Brindisi SETTORE IMPIANTI TERMICI CAMPAGNA DI AUTODICHIARAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI ESISTENTI ALLE NORME VIGENTI

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI ESISTENTI ALLE NORME VIGENTI REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI ESISTENTI ALLE NORME VIGENTI (Delibera C.P. n. 109/A del 20/12/2001 integrata con la Delibera C.P. n. 64 del 29/04/2004) INDICE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

In caso di nuova installazione - ristrutturazione - cambio dei generatori di calore:

In caso di nuova installazione - ristrutturazione - cambio dei generatori di calore: Normativa di riferimento L. 10/91 D.P.R. 412/93 D.P.R. 551/99 D.Lgs. 192/05 D.Lgs. 311/06 L.R. 24/06 D.G.R. n. 6033/07 Cos è un impianto termico Qualsiasi impianto di riscaldamento dotato di: Generatore

Dettagli

per la verifica dello stato di manutenzione ed esercizio degli impianti termici da parte degli Enti locali competenti

per la verifica dello stato di manutenzione ed esercizio degli impianti termici da parte degli Enti locali competenti Linee Guida per la verifica dello stato di manutenzione ed esercizio degli impianti termici da parte degli Enti locali competenti RICORDATI DI CHIEDERE AL TUO MANUTENTORE DI APPLICARE IL BOLLINO Provincia

Dettagli

1. QUALI IMPIANTI SONO SOGGETTI A CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA?

1. QUALI IMPIANTI SONO SOGGETTI A CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA? 1. QUALI IMPIANTI SONO SOGGETTI A CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA? Tab. 1 - Impianti soggetti a controllo di efficienza energetica In base a quanto stabilito dal D.P.R. del 16 aprile 2013 n.74 ss.mm.ii,

Dettagli

Le ispezioni degli impianti termici in Provincia di Varese Ing. Susanna Capogna Dirigente Settore Ecologia ed Energia Obiettivo dell incontro illustrare i Compiti stabilire le Responsabilità chiarire le

Dettagli

Linee Guida per la manutenzione e la verifica degli Impianti Termici

Linee Guida per la manutenzione e la verifica degli Impianti Termici MULTISS multiservizisassari Codice 723A00A Rev. #5 del 10/09/2012 S.p.A. Servizio di esercizio e manutenzione impianti termici Linee Guida per la manutenzione e la verifica degli Impianti Termici Con I'

Dettagli

Comune di Corato (Prov. di Bari) Regolamento Comunale Per Le Verifiche degli Impianti Termici (L.10/91 DPR 412/93 DPR 551/99)

Comune di Corato (Prov. di Bari) Regolamento Comunale Per Le Verifiche degli Impianti Termici (L.10/91 DPR 412/93 DPR 551/99) Comune di Corato (Prov. di Bari) Regolamento Comunale Per Le Verifiche degli Impianti Termici (L.10/91 DPR 412/93 DPR 551/99) 1 Art.1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento emanato per dare attuazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE ED IL CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI. Provincia di Perugia. Confindustria Perugia. Confapi Perugia.

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE ED IL CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI. Provincia di Perugia. Confindustria Perugia. Confapi Perugia. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE ED IL CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI Provincia di Perugia Confindustria Perugia Confapi Perugia CNA Perugia Confartigianato Perugia Adiconsum Umbria ADOC Umbria ACU

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS.

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS. REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS. 192/05, D.LGS. 311/06) Approvato con delibera di C.C. n.

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L'ESECUZIONE DELLE ISPEZIONI SUGLI IMPIANTI TERMICI E SUI SISTEMI DI CONDIZIONAMENTO D ARIA

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L'ESECUZIONE DELLE ISPEZIONI SUGLI IMPIANTI TERMICI E SUI SISTEMI DI CONDIZIONAMENTO D ARIA REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L'ESECUZIONE DELLE ISPEZIONI SUGLI IMPIANTI TERMICI E SUI SISTEMI DI CONDIZIONAMENTO D ARIA APPROVATO DAL CONSIGLIO PROVINCIALE IN DATA 1 DICEMBRE 2009 1 Art. 1 - Oggetto -

Dettagli

PROVINCIA DI MATERA. Approvato con Deliberazione C.P. n. 72 del 28/06/2010

PROVINCIA DI MATERA. Approvato con Deliberazione C.P. n. 72 del 28/06/2010 PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L ESECUZIONE DEGLI ACCERTAMENTI E DELLE ISPEZIONI NECESSARIE ALL OSSERVANZA DELLE NORME RELATIVE AL CONTENIMENTO DEI CONSUMI DI ENERGIA NELL ESERCIZIO E

Dettagli

CALDAIE: PARTONO LE VERIFICHE! Una partita da giocare insieme: Comune, cittadini, operatori del settore

CALDAIE: PARTONO LE VERIFICHE! Una partita da giocare insieme: Comune, cittadini, operatori del settore Sabato 14 Maggio 2005 SALA CONSILIARE, CAMERA DI COMMERCIO - VENEZIA AGIRE AGENZIA VENEZIANA PER L ENERGIAL CONFARTIGIANATO VENEZIA CALDAIE: PARTONO LE VERIFICHE! Una partita da giocare insieme: Comune,

Dettagli

PROVINCIA DI MATERA. Approvato con Deliberazione C.P. n.72 del 28/06/2010. Modificato con deliberazione C.P. n 67 del 28/10/2013

PROVINCIA DI MATERA. Approvato con Deliberazione C.P. n.72 del 28/06/2010. Modificato con deliberazione C.P. n 67 del 28/10/2013 PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L ESECUZIONE DEGLI ACCERTAMENTI E DELLE ISPEZIONI NECESSARIE ALL OSSERVANZA DELLE NORME RELATIVE AL CONTENIMENTO DEI CONSUMI DI ENERGIA NELL ESERCIZIO E

Dettagli

L ATTIVITÁ DI ISPEZIONE E CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI AI SENSI DELLA L. 10/1991 E s.m.i.

L ATTIVITÁ DI ISPEZIONE E CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI AI SENSI DELLA L. 10/1991 E s.m.i. L ATTIVITÁ DI ISPEZIONE E CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI AI SENSI DELLA L. 10/1991 E s.m.i. 22 marzo 2012 Relatore: Paolo Piccini Presidente di UCIT srl UCIT srl UFFICIO CONTROLLO IMPIANTI TERMICI VIALE

Dettagli

INFORMATIVA PER L ESERCIZIO, LA CONDUZIONE, IL CONTROLLO, LA MANUTENZIONE ED ISPEZIONE, DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE ESTIVA ED INVERNALE

INFORMATIVA PER L ESERCIZIO, LA CONDUZIONE, IL CONTROLLO, LA MANUTENZIONE ED ISPEZIONE, DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE ESTIVA ED INVERNALE INFORMATIVA PER L ESERCIZIO, LA CONDUZIONE, IL CONTROLLO, LA MANUTENZIONE ED ISPEZIONE, DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE ESTIVA ED INVERNALE Stagione termica 2014-2015 Il D.P.R. n 74 del 2013 ha definito

Dettagli

VADEMECUM PER I CITTADINI (versione aggiornata a Dicembre 2015)

VADEMECUM PER I CITTADINI (versione aggiornata a Dicembre 2015) Legge Regionale 20 aprile 2015, n. 19 Impianti termici degli edifici Esercizio, controllo e manutenzione, accertamenti ed ispezioni VADEMECUM PER I CITTADINI (versione aggiornata a Dicembre 2015) Impianti

Dettagli

Premessa 2. Definizioni 3. Essere in regola 6. Vantaggi della manutenzione 7. Impianti termici ed enti locali 8

Premessa 2. Definizioni 3. Essere in regola 6. Vantaggi della manutenzione 7. Impianti termici ed enti locali 8 CARTA DEI SERVIZI Indice Premessa 2 Definizioni 3 Essere in regola 6 Vantaggi della manutenzione 7 Impianti termici ed enti locali 8 Ispezione degli impianti termici da parte di Publicontrolli 10 Ubicazione

Dettagli

Titolo I Principi. Art. 1 Oggetto del Regolamento

Titolo I Principi. Art. 1 Oggetto del Regolamento Premessa Il Comune di Taranto con l adozione del presente regolamento intende promuovere la qualità dell ambiente, l uso razionale dell energia, nonché la sicurezza degli impianti, attraverso un complesso

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO-URBINO

PROVINCIA DI PESARO-URBINO PROVINCIA DI PESARO-URBINO SERVIZIO 4.3.4 PREVENZIONE INQUINAMENTO ATMOSFERICO REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEL CONTROLLO DI RENDIMENTO DI COMBUSTIONE E DELLO STATO DI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

Dettagli

NORMATIVE. EMANA il seguente regolamento:

NORMATIVE. EMANA il seguente regolamento: NORMATIVE DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 21 dicembre 1999, n. 551 Regolamento recante modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 26 agosto 1993, n. 412, in materia di progettazione,

Dettagli

PROCEDURA DI CONTROLLO E MANUTENZIONE IMPIANTI TERMICI

PROCEDURA DI CONTROLLO E MANUTENZIONE IMPIANTI TERMICI Allegato B. PROCEDURA DI CONTROLLO E MANUTENZIONE IMPIANTI TERMICI I. AMBITO DI APPLICAZIONE Le presenti disposizioni disciplinano i seguenti temi: - attività di ispezione, da intendersi come interventi

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI RENDIMENTO DI COMBUSTIONE E DELLO STATO DI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI. (Del. C.P. n. 36/2009) Art. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento

Dettagli

T E R R A D I L A V O R O S. p. A. c o n s o c i o u n i c o

T E R R A D I L A V O R O S. p. A. c o n s o c i o u n i c o Accordo volontario tra la società Terra di Lavoro S.p.A., le Associazioni di categoria delle Imprese iscritte alla CCIA, le Associazioni dei Consumatori, per l attuazione di campagne di esercizio, il controllo,

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO-URBINO

PROVINCIA DI PESARO-URBINO PROVINCIA DI PESARO-URBINO SERVIZIO 4.3.4 PREVENZIONE INQUINAMENTO ATMOSFERICO REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DELLE ATTIVITA DI ACCERTAMENTO ED ISPEZIONE DEL RENDIMENTO DI COMBUSTIONE E DELLO STATO DI ESERCIZIO

Dettagli

GUIDA PER I MANUTENTORI

GUIDA PER I MANUTENTORI Provincia di Pisa Assessorato all Ambiente GUIDA PER I MANUTENTORI AMBITO DI APPLICAZIONE DEFINIZIONI COMPITI DEL RESPONSABILE DI IMPIANTO COMPITI DEL MANUTENTORE E DELL INSTALLATORE INTERVENTI DI CONTROLLO

Dettagli

Presentazione Progetto CALORE PULITO

Presentazione Progetto CALORE PULITO Presentazione Progetto CALORE PULITO INTRODUZIONE (1) Il Responsabile d impianto (proprietario immobile, locatario, amministratore condominiale e terzo responsabile) ha l obbligo di effettuare la regolare

Dettagli

Vademecum per i cittadini

Vademecum per i cittadini Impianti termici degli edifici Esercizio, controllo e manutenzione, accertamenti ed ispezioni nella Regione Marche. (Legge Regionale 20 aprile 2015, n. 19) Vademecum per i cittadini IMPIANTO TERMICO L

Dettagli

INFORMATIVA RIVOLTA ALLE DITTE DI MANUTENZIONI SUL SERVIZIO DI ISPEZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL COMUNE DI AVEZZANO

INFORMATIVA RIVOLTA ALLE DITTE DI MANUTENZIONI SUL SERVIZIO DI ISPEZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL COMUNE DI AVEZZANO INFORMATIVA RIVOLTA ALLE DITTE DI MANUTENZIONI SUL SERVIZIO DI ISPEZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL COMUNE DI AVEZZANO (Legge 10/91 e successive modifiche e integrazioni) Sommario 1. Informazione generale:...

Dettagli

LECCE CATEGORIA IMPIANTISTI IDRO-TERMO-SANITARI

LECCE CATEGORIA IMPIANTISTI IDRO-TERMO-SANITARI Lecce, 18 Dicembre 2013 Ai Sigg. Soci della Categoria Impiantisti Idro-termo-sanitari LORO SEDI Oggetto: Manutenzione verifiche impianti termici - Chiarimenti A seguito dell entrata in vigore, dal 12/7/2013,

Dettagli

Regione Liguria Disposizioni e criteri per l esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione degli impianti termici

Regione Liguria Disposizioni e criteri per l esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione degli impianti termici 1. Con che periodicità si devono effettuare i controlli di manutenzione sugli impianti termici? L art. 7 del DPR 16/04/2013 n. 74 ha disposto che le operazioni di controllo ed eventuale manutenzione su

Dettagli

Il NUOVO SISTEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI IL BOLLINO VERDE

Il NUOVO SISTEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI IL BOLLINO VERDE Il NUOVO SISTEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI IL BOLLINO VERDE BOLLINO VERDE Che cosa è un sistema obbligatorio di autocertificazione di tutti gli impianti termici In vigore dal 15 ottobre 2009

Dettagli

ENEA. Ufficio Territoriale Regione Marche. LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74

ENEA. Ufficio Territoriale Regione Marche. LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74 LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74 ENEA UNITA TECNICA EFFICIENZA ENERGETICA Ufficio Territoriale Regione Marche Ufficio Territoriale Regione Marche Palazzo Leopardi

Dettagli

PROVINCIA DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ISPEZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI INDICE. Articolo 1 - Premessa...

PROVINCIA DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ISPEZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI INDICE. Articolo 1 - Premessa... PROVINCIA DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ISPEZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI INDICE Articolo 1 - Premessa...2 Articolo 2 - Termini e definizioni...2 Articolo 3 Oggetto

Dettagli

SCRITTURA PRIVATA. Contratto di appalto per l affidamento del servizio consistente nelle ispezioni

SCRITTURA PRIVATA. Contratto di appalto per l affidamento del servizio consistente nelle ispezioni SCRITTURA PRIVATA Contratto di appalto per l affidamento del servizio consistente nelle ispezioni degli impianti termici ad uso civili presenti sul territorio della Provincia di Pistoia (CIG: 620951912F)

Dettagli

Art.1) Premessa Art.2) Definizioni Art.3) Individuazione del Servizio responsabile energia Art.4) Impianti soggetti

Art.1) Premessa Art.2) Definizioni Art.3) Individuazione del Servizio responsabile energia Art.4) Impianti soggetti COMUNE DI LECCE Regolamento per l esecuzione del controllo del rendimento di combustione e dello stato di esercizio e manutenzione degli impianti termici. (adempimenti connessi all attuazione della Legge

Dettagli

Allegato B (alla Deliberazione di Consiglio Comunale n. 480 del 6.12.2004)

Allegato B (alla Deliberazione di Consiglio Comunale n. 480 del 6.12.2004) Allegato B (alla Deliberazione di Consiglio Comunale n. 480 del 6.12.2004) CITTA' DI PALERMO REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DEL RENDIMENTO DI COMBUSTIONE E DELLO STATO DI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

Dettagli

CONTRATTO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI IMPIANTO TERMICO INDIVIDUALE DI POTENZA INFERIORE A 35 kw. Art. 1

CONTRATTO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI IMPIANTO TERMICO INDIVIDUALE DI POTENZA INFERIORE A 35 kw. Art. 1 CONTRATTO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI IMPIANTO TERMICO INDIVIDUALE DI POTENZA INFERIORE A 35 kw Art. 1 Tra l Impresa. Con sede in. Via/Piazza/Località.... N. civico.. Tel... cellulare.... N. di iscrizione

Dettagli

Il BOLLINO CALORE PULITO.

Il BOLLINO CALORE PULITO. ALLEGATO D SCADENZE TEMPORALI OPERAZIONI DI MANUTENZIONE D.Lgs. 192/05 e smi Allegato L Deliberazione Assemblea Legislativa Regione Emilia Romagna n 156/2008. Le operazioni di controllo ed eventuale manutenzione

Dettagli

ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI

ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI SERVIZIO AMBIENTE Maso Smalz via Ghiaie n. 58 Tel. 0461/884935 884936 Fax 884940 E-mail: servizio_ambiente@comune.trento.it dicembre 2005 ESERCIZIO E MANUTENZIONE

Dettagli

Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015

Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015 Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015 Relatore : Teresa Mauri - Responsabile Servizio Energia RUOLO PROVINCIA La Provincia, mediante

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA 1. PREMESSA

PROTOCOLLO D INTESA 1. PREMESSA PROTOCOLLO D INTESA 1. PREMESSA Obiettivo della Direttiva n. 2002/91/CE emanata nel dicembre 2002 è promuovere il miglioramento del rendimento energetico degli edifici nella Comunità. Il Decreto Legislativo

Dettagli

Settore Ambiente. Il Comune di Carrara, con sede in Carrara, Piazza 2 Giugno (C.F. 00079450458), rappresentata

Settore Ambiente. Il Comune di Carrara, con sede in Carrara, Piazza 2 Giugno (C.F. 00079450458), rappresentata Settore Ambiente OGGETTO : Protocollo di intesa tra il Comune di Carrara e le Associazioni di categoria dei manutentori per l attività di manutenzione e di verifica degli impianti termici di competenza

Dettagli

Disposizioni per esercizio, manutenzione ed ispezione impianti termici

Disposizioni per esercizio, manutenzione ed ispezione impianti termici Disposizioni regionali Disposizioni per esercizio, manutenzione ed ispezione impianti termici Regione Lombardia Relazione predisposta da Teresa Mauri Responsabile del Servizio Energia IMPIANTI NUOVI IMPIANTI

Dettagli

LA NORMA LIBRETTO DI IMPIANTO LIBRETTO DI CENTRALE PROVA DI COMBUSTIONE UNI EN 10389 LA REGOLA

LA NORMA LIBRETTO DI IMPIANTO LIBRETTO DI CENTRALE PROVA DI COMBUSTIONE UNI EN 10389 LA REGOLA LA NORMA LIBRETTO DI IMPIANTO LIBRETTO DI CENTRALE PROVA DI COMBUSTIONE UNI EN 10389 LA REGOLA 2003 DECRETO 17 marzo 2003 AGGIORNAMENTI AGLI ALLEGATI F e G DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N.

APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. COMUNE DI LECCE Regolamento per l esecuzione degli accertamenti e delle ispezioni per il controllo del rendimento di combustione e dello stato di esercizio e manutenzione degli impianti termici (adempimenti

Dettagli

Cosa fare per mettere in regola il proprio impianto

Cosa fare per mettere in regola il proprio impianto INFORMATIVA PER; L ESERCIZIO,CONDUZIONE, CONTROLLO, MANUTENZIONE E ISPEZIONE, DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE ESTIVA ED INVERNALE. Stagione termica 2014-2015 La Provincia Regionale di Palermo oggi libero

Dettagli

Città di Avezzano. Approvato con delibera di C.C. n. 68 del 30.06.2006 - 1 -

Città di Avezzano. Approvato con delibera di C.C. n. 68 del 30.06.2006 - 1 - Città di Avezzano Regolamento per l esecuzione del controllo del rendimento di combustione e dello stato di esercizio e manutenzione degli impianti termici Approvato con delibera di C.C. n. 68 del 30.06.2006-1

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA SETTORE GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO E DELL ECONOMIA U.O. SERVIZI TECNOLOGICI ENERGETICI ED INFORMATICI

COMUNE DI PERUGIA SETTORE GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO E DELL ECONOMIA U.O. SERVIZI TECNOLOGICI ENERGETICI ED INFORMATICI COMUNE DI PERUGIA SETTORE GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO E DELL ECONOMIA U.O. SERVIZI TECNOLOGICI ENERGETICI ED INFORMATICI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI CONTROLLI SUGLI IMPIANTI TERMICI APPROVATO

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile U.T.C. SETTORE MANUTENZIONE UFFICIO ENERGIA

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile U.T.C. SETTORE MANUTENZIONE UFFICIO ENERGIA CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile U.T.C. SETTORE MANUTENZIONE UFFICIO ENERGIA PROTOCOLLO D INTESA Protocollo d intesa tra il Comune di Barletta, le Associazioni di categoria,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI ISPEZIONE E CONTROLLO SUGLI IMPIANTI TERMICI DEGLI EDIFICI

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI ISPEZIONE E CONTROLLO SUGLI IMPIANTI TERMICI DEGLI EDIFICI REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI ISPEZIONE E CONTROLLO SUGLI IMPIANTI TERMICI DEGLI EDIFICI AI SENSI DEL D.LGS N. 192/2005 E S.M.I. E DELLA LEGGE REGIONE MARCHE n. 19 DEL 14/04/2015 Compiti e funzioni degli

Dettagli

Agenzia Fiorentina per l Energia Srl Florence Energy Agency Ltd www.firenzenergia.it info@firenzenergia.it

Agenzia Fiorentina per l Energia Srl Florence Energy Agency Ltd www.firenzenergia.it info@firenzenergia.it Firenze, 14 Ottobre 2008 Alla c.a. imprese manutenzione iscritte all accordo volontario Loro sedi Camera di Commercio di Firenze Piazza dei Giudici, 3 50122 Firenze FI info@fi.camcom.it Confartigianto

Dettagli

INCONTRO INFORMATIVO SERVIZIO ISPEZIONE E CONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE ESTIVA ED INVERNALE. Energymed Napoli 11 aprile 2015

INCONTRO INFORMATIVO SERVIZIO ISPEZIONE E CONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE ESTIVA ED INVERNALE. Energymed Napoli 11 aprile 2015 INCONTRO INFORMATIVO SERVIZIO ISPEZIONE E CONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE ESTIVA ED INVERNALE Energymed Napoli 11 aprile 2015 Chi siamo? L Agenzia Sannita per l Energia e l Ambiente è una Società

Dettagli

COMUNE DI SAVONA SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO VERIFICHE IMPIANTI TERMICI

COMUNE DI SAVONA SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO VERIFICHE IMPIANTI TERMICI COMUNE DI SAVONA SETTORE LAVORI PUBBLICI UFFICIO VERIFICHE IMPIANTI TERMICI REGOLAMENTO PER L ACCERTAMENTO DEI RAPPORTI DI CONTROLLO TECNICO PERVENUTI E PER LE VERIFICHE ED ISPEZIONI DEGLI IMPIANTI TERMICI

Dettagli

MANUTENZIONE E CONTROLLI DELLE CALDAIE PER LA PROVINCIA DI PISA ED IL COMUNE DI PISA MANUALE PER MANUTENTORI, INSTALLATORI E RESPONSABILI D IMPIANTO

MANUTENZIONE E CONTROLLI DELLE CALDAIE PER LA PROVINCIA DI PISA ED IL COMUNE DI PISA MANUALE PER MANUTENTORI, INSTALLATORI E RESPONSABILI D IMPIANTO MANUTENZIONE E CONTROLLI DELLE CALDAIE PER LA PROVINCIA DI PISA ED IL COMUNE DI PISA MANUALE PER MANUTENTORI, INSTALLATORI E RESPONSABILI D IMPIANTO INDICE 3 AMBITO DI APPLICAZIONE 4 DEFINIZIONI 8 COMPITI

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELLA LEGGE REGIONALE 13/2007 IN MATERIA DI IMPIANTI TERMICI

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELLA LEGGE REGIONALE 13/2007 IN MATERIA DI IMPIANTI TERMICI SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELLA LEGGE REGIONALE 13/2007 IN MATERIA DI IMPIANTI TERMICI Sommario Le principali novità introdotte dalla normativa statale e regionale Normativa Tecnica

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEL CONTROLLO DEL RENDIMENTO DI COMBUSTIONE E DELLO STATO DI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEL CONTROLLO DEL RENDIMENTO DI COMBUSTIONE E DELLO STATO DI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEL CONTROLLO DEL RENDIMENTO DI COMBUSTIONE E DELLO STATO DI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI Adempimenti connessi all attuazione della Legge 9 gennaio 1991

Dettagli

PROVINCIA DI PAVIA TRA. LA PROVINCIA DI PAVIA con sede in Piazza Italia, 2, nella persona dell Assessore. alla Tutela Ambientale Ruggero Invernizzi,

PROVINCIA DI PAVIA TRA. LA PROVINCIA DI PAVIA con sede in Piazza Italia, 2, nella persona dell Assessore. alla Tutela Ambientale Ruggero Invernizzi, PROVINCIA DI PAVIA DGP N. 42 PROT. 3383 DEL 8/02/07 ACCORDO VOLONTARIO TRA LA PROVINCIA DI PAVIA E LE ASSOCIAZIONI PER L ATTUAZIONE DI UNA CAMPAGNA DI MANUTENZIONE E VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI PROT.

Dettagli

OLTRE LA L.R. 13/2007 NUOVE PROCEDURE, NUOVO LIBRETTO DI IMPIANTO, NUOVO SISTEMA INFORMATICO

OLTRE LA L.R. 13/2007 NUOVE PROCEDURE, NUOVO LIBRETTO DI IMPIANTO, NUOVO SISTEMA INFORMATICO OLTRE LA L.R. 13/2007 NUOVE PROCEDURE, NUOVO LIBRETTO DI IMPIANTO, NUOVO SISTEMA INFORMATICO CUNEO 3 novembre 2014 Sommario Le principali novità introdotte dalla normativa statale e regionale Il nuovo

Dettagli

Operazione "Caldaia sicura"

Operazione Caldaia sicura Operazione "Caldaia sicura" :: Presentazione :: Dichiarazione per le caldaie di potenza minore di 35 Kw :: Dichiarazione per le caldaie di potenza superiore o pari a 35 Kw :: Informazioni utili sugli impianti

Dettagli

ITEM L abitazione è precedente o successiva alla data di entrata in vigore della Legge 46/90.

ITEM L abitazione è precedente o successiva alla data di entrata in vigore della Legge 46/90. GLOSSARIO ITEM L abitazione è precedente o successiva alla data di entrata in vigore della Legge 46/90. FATTORE DI RISCHIO CONNESSO La Legge 5 marzo 1990, n 46 (pubblicata sulla G.U. n 59) del 12.3.1990

Dettagli

Art. 1 "A partire dal 1 giugno 2014, gli impianti termici sono muniti di un libretto di impianto per la climatizzazione"

Art. 1 A partire dal 1 giugno 2014, gli impianti termici sono muniti di un libretto di impianto per la climatizzazione Art. 1 "A partire dal 1 giugno 2014, gli impianti termici sono muniti di un libretto di impianto per la climatizzazione" QUESITO N. 2 Quali impianti devono essere muniti del libretto? Ad esempio se ho

Dettagli

INIZIATIVA BOLLINO VERDE BIENNIO 2013-2014

INIZIATIVA BOLLINO VERDE BIENNIO 2013-2014 COMUNE DI PESARO INIZIATIVA BOLLINO VERDE BIENNIO 2013-2014 DISCIPLINARE TECNICO PER IL CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI CIVILI (Determinazione comunale n. 744 del 10/5/2013) Art. 1 - OGGETTO E FINALITA

Dettagli

LA CLIMATIZZAZIONE DEGLI AMBIENTI

LA CLIMATIZZAZIONE DEGLI AMBIENTI LA CLIMATIZZAZIONE DEGLI AMBIENTI Guida per l esercizio, controllo e manutenzione degli impianti termici Realizzato da ENEA nell ambito delle attività di informazione e formazione del Ministero dello Sviluppo

Dettagli

Libretto di impianto e Registro dell apparecchiatura per gli impianti di climatizzazione estiva e le pompe di calore elettriche per la

Libretto di impianto e Registro dell apparecchiatura per gli impianti di climatizzazione estiva e le pompe di calore elettriche per la Libretto di impianto e Registro dell apparecchiatura per gli impianti di climatizzazione estiva e le pompe di calore elettriche per la climatizzazione estiva e invernale Obblighi e prescrizioni di legge

Dettagli

GUIDA PER MANUTENTORI INSTALLATORI E RESPONSABILI DI IMPIANTO

GUIDA PER MANUTENTORI INSTALLATORI E RESPONSABILI DI IMPIANTO Agenzia Energetica Provincia di Pisa S.r.l. GUIDA PER MANUTENTORI INSTALLATORI E RESPONSABILI DI IMPIANTO PROVINCIA DI PISA COMUNE DI PISA COMUNE DI CASCINA GENNAIO 2016 INTRODUZIONE... 1 QUADRO DI RIFERIMENTO

Dettagli

PER INSERTI, STUFE, MONOBLOCCHI E FOCOLARI ALIMENTATI A LEGNA E PELLET

PER INSERTI, STUFE, MONOBLOCCHI E FOCOLARI ALIMENTATI A LEGNA E PELLET NUOVO LIBRETTO DI IMPIANTO 2014 PER INSERTI, STUFE, MONOBLOCCHI E FOCOLARI ALIMENTATI A LEGNA E PELLET SECONDO IL D.M. DEL 10/02/2014 1 www.zetalinea.it 1. Cos è il libretto di impianto? E la carta di

Dettagli

Approvato con Delibera C.C. n. del. Registro Delibera C.C. n. del pag. 1

Approvato con Delibera C.C. n. del. Registro Delibera C.C. n. del pag. 1 REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI CARRARA (L. n. 10/91, DPR n. 412/93, DPR n. 551/99, D.Lgs n.192/05, D.Lgs 311/06 e s.m.i.) Approvato con Delibera C.C. n.

Dettagli

Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 254 del 23/12/2013.

Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 254 del 23/12/2013. BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA SOSTITUZIONE DI GENERATORI DI CALORE Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 254 del 23/12/2013. 1. FINALITÀ DELL INIZIATIVA La Provincia di

Dettagli

AMBITO DI APPLICAZIONE - GLI IMPIANTI TERMICI SOGGETTI AGLI OBBLIGHI PREVISTI DALLA NORMA REGIONALE

AMBITO DI APPLICAZIONE - GLI IMPIANTI TERMICI SOGGETTI AGLI OBBLIGHI PREVISTI DALLA NORMA REGIONALE AMBITO DI APPLICAZIONE - GLI IMPIANTI TERMICI SOGGETTI AGLI OBBLIGHI PREVISTI DALLA NORMA REGIONALE In Lombardia le seguenti tipologie di apparecchi rientrano nell ambito di applicazione della normativa

Dettagli

COMUNE DI SCANDICCI PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ACCERTAMENTI E ISPEZIONI IN MATERIA

COMUNE DI SCANDICCI PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ACCERTAMENTI E ISPEZIONI IN MATERIA ALLEGATO A COMUNE DI SCANDICCI PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ACCERTAMENTI E ISPEZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEI CONSUMI DI ENERGIA NELL ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

SETTORE ECOLOGIA ED ENERGIA

SETTORE ECOLOGIA ED ENERGIA SETTORE ECOLOGIA ED ENERGIA Attività Rifiuti ed Inquinamento Atmosferico Autorizzazioni Integrate Ambientali ed impianti termici Affidamento del servizio di ispezione dello stato di esercizio e manutenzione,

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA Settore Ambiente Genio Civile e Protezione Civile Regolamento per il controllo del rendimento e dello stato di esercizio, manutenzione e ispezione degli impianti

Dettagli

Bollino Blu Caldaia. Manutenzione caldaie riscaldamento. . In Italia sono installate circa 19 milioni di caldaie per impianti autonomi e condominiali.

Bollino Blu Caldaia. Manutenzione caldaie riscaldamento. . In Italia sono installate circa 19 milioni di caldaie per impianti autonomi e condominiali. Note a cura dell'architetto Paolo Cortesi Socio ANACI 15831 uffici: via Bulgaria, 36-00196 Roma amministrazione: via di S. Maria dell'anima, 55-00186 Roma telefono: 06 393.66.577 - mobile: 335 611.33.77

Dettagli

Ing. SOCAL - Legge 10/91 1

Ing. SOCAL - Legge 10/91 1 Manutenzione degli impianto di riscaldamento 19/06/2007 Ing. SOCAL - Legge 10/91 1 Legge 10/91 Oggetto: uso razionale dell energia Finalità: ridurre i consumi energetici e migliorare la compatibilità ambientale

Dettagli

PROVINCIA DI BRESCIA AREA AMBIENTE SETTORE RIFIUTI ED ENERGIA

PROVINCIA DI BRESCIA AREA AMBIENTE SETTORE RIFIUTI ED ENERGIA Assessorato all Ambiente, Ecologia, Attività Estrattive ed Energia PROVINCIA DI BRESCIA AREA AMBIENTE SETTORE RIFIUTI ED ENERGIA Protocollo di intesa fra la Provincia di Brescia e le Associazioni imprenditoriali

Dettagli

COMUNE DI BRINDISI SETTORE LAVORI PUBBLICI SERVIZIO IMPIANTI TECNOLOGICI

COMUNE DI BRINDISI SETTORE LAVORI PUBBLICI SERVIZIO IMPIANTI TECNOLOGICI COMUNE DI BRINDISI SETTORE LAVORI PUBBLICI SERVIZIO IMPIANTI TECNOLOGICI REGOLAMENTO PER L'ESECUZIONE DEI CONTROLLI SUGLI IMPIANTI TERMICI, E PER LE MODALITÀ DI PAGAMENTO DEI RELATIVI ONERI (Legge 9 gennaio

Dettagli

CONTRATTO BIENNALE PER LA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI IMPIANTO TERMICO INDIVIDUALE CON POTENZA INFERIORE AI 35 KW

CONTRATTO BIENNALE PER LA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI IMPIANTO TERMICO INDIVIDUALE CON POTENZA INFERIORE AI 35 KW Confederazione Nazionale dell'artigianato della Piccola e Media Impresa Associazione Provinciale di Cuneo CONTRATTO BIENNALE PER LA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI IMPIANTO TERMICO INDIVIDUALE CON POTENZA

Dettagli

Prot. n. 106207 Treviso, 06 ottobre 2014

Prot. n. 106207 Treviso, 06 ottobre 2014 Prot. n. 106207 Treviso, 06 ottobre 2014 BANDO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI FINALIZZATI AL RISPARMIO ENERGETICO NEGLI IMPIANTI TERMICI CIVILI Approvato con Delibera di Giunta

Dettagli