DOTTORATO DI RICERCA IN GESTIONE BANCARIA E FINANZIARIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOTTORATO DI RICERCA IN GESTIONE BANCARIA E FINANZIARIA"

Transcript

1 SAPIENZA - UNIVERSITA DI ROMA FACOLTA DI ECONOMIA DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT E TECNOLOGIE DOTTORATO DI RICERCA IN GESTIONE BANCARIA E FINANZIARIA TESI DI DOTTORATO XXII CICLO LA MIFID E I MERCATI FINANZIARI EUROPEI: EFFETTI E PROSPETTIVE SIMONE FRANCESCO FIORAVANTI

2 Abstract La presente tesi si pone nel filone degli studi sulla MIFID ed ha l obiettivo di verificare se, a circa tre anni dall implementazione della Direttiva comunitaria, sia stato raggiunto l obiettivo di creare un mercato finanziario pan-europeo integrato ed efficiente, se si siano verificati i temuti effetti negativi dovuti alla frammentazione degli scambi e quali ulteriori evoluzioni sia lecito attendersi. Il lavoro, dopo la disanima della letteratura sull argomento e l analisi delle novità introdotte dalla MIFID in tema di mercati mobiliari, passa a descrivere l evoluzione nel panorama delle trading venue di titoli azionari nell Unione Europea, tracciando un parallelo con la situazione americana. Tramite un analisi empirica si analizzano poi gli effetti della frammentazione degli scambi post-mifid su tre panieri di titoli azionari caratterizzati da differenti livelli di frammentazione e si stimano gli effetti che una diversa implementazione della normativa sulla best execution potrebbe avere sul livello di frammentazione dei principali titoli azionari europei. I risultati ai quali si giunge dimostrano che negli ultimi anni si è incrementato il livello di frammentazione degli scambi su titoli azionari, con l introduzione di nuove trading venue, principalmente sistemi multilaterali di negoziazione, che hanno eroso la posizione dominante dei mercati regolamentati tradizionali e hanno costituito dei pool di liquidità sovranazionali. Queste nuove trading venue hanno adottato regimi commissionali ridotti e piattaforme di negoziazione tecnologicamente avanzate per attrarre flussi di ordini, specie da parte degli high frequency trader e, grazie ai volumi di negoziazione raggiunti, potrebbero essere in grado di mantenere, anche nel lungo periodo, le politiche di prezzo favorevoli all investitore che hanno contribuito al loro successo. L analisi empirica condotta non ha fatto emergere effetti negativi derivanti dalla frammentazione degli scambi, coerentemente con i risultati dei pochi studi empirici condotti nel periodo post-mifid e con una parte della letteratura in tema di microstruttura dei mercati. Inoltre è stato dimostrato che per i principali titoli europei nel mese di luglio 2

3 2010 è stata sostanzialmente raggiunta l esecuzione al prezzo migliore. Grazie ai nuovi sistemi multilaterali di negoziazione è stato parzialmente raggiunto uno degli obiettivi alla base della MIFID, ossia la creazione di un pool di liquidità pan-europeo, o, più precisamente, di numerosi pool in concorrenza fra loro. I sistemi multilaterali di negoziazione hanno infatti iniziato a proporsi come un alternativa a basso costo non solo per operare su titoli domestici ma anche per le operazioni cross-border, entrando quindi in concorrenza non solo con i mercati regolamentati ma, potenzialmente, anche con i servizi di brokeraggio offerti dagli intermediari. Un elemento caratterizzante i moderni mercati finanziari è la crescente importanza dell high frequency trading. Se esso ha certamente avuto un ruolo positivo nel decretare l instaurarsi della concorrenza fra trading venue e nel mantenere condizioni di equilibrio sulle varie sedi di negoziazione grazie all attività di arbitraggio, la sostituzione di trader umani con sofisticati software e hardware pone alcuni interrogativi, che hanno trovato maggior forza dopo il flash crash del 6 maggio 2010 verificatosi sui mercati americani. Le possibili soluzioni sul punto non sono ancora ben delineate, per via della novità e della estrema complessità del fenomeno, sebbene la Commissione Europea abbia recentemente proposto di introdurre un apposito regime regolamentare per tali soggetti e altre misure che ne dovrebbero influenzare, rectius, limitare, l operatività. Resta inoltre aperta la domanda se la necessità per i gestori dei sistemi multilaterali di contenere i costi operativi, visti i ridotti regimi commissionali adottati, abbia comportato il mancato svolgimento di alcune attività correlate alle negoziazioni ma che non generano profitti, quale ad es. il controllo sulla regolarità degli scambi, con potenziali effetti negativi per la qualità del mercato; inoltre le recenti proposte della Commissione Europea, che prevedono l introduzione di maggiori oneri organizzativi per le trading venue alternative, potrebbero comprometterne l equilibrio economico, costringendole ad un aumento delle commissioni di negoziazione chieste. Anche altri aspetti normativo-strutturali del mercato finanziario europeo non sono stati affrontati in maniera adeguata dalla Direttiva. Si pensi alla trasparenza sulle negoziazioni, 3

4 che in Europa è notevolmente più onerosa di quanto avviene negli Stati Uniti, oltre che di scarsa qualità per quanto concerne gli scambi effettuati al di fuori di mercati regolamentati e sistemi multilaterali di negoziazione. Oppure alla scarsa qualità dei dati ricevuti dalle Autorità tramite il transaction reporting. O, ancora, all integrazione dei sistemi nazionali di post trading, con la scarsa interoperabilità fra controparti centrali, il cui numero si è peraltro incrementato a seguito del proliferare delle trading venue post-mifid, e con la sostanziale inerzia del mercato e della Commissione Europea sul fronte del settlement che ha portato la Banca Centrale Europea a sostituirsi al legislatore comunitario e alle forze di mercato per realizzare, motu proprio, un sistema di regolamento comune. Tali problematiche sono frutto di un approccio probabilmente troppo liberista della MIFID rispetto al pur similare Regolamento NMS nonché nelle problematiche legate all enforcement della norma, affidata a troppe Autorità nazionali; a tali problematiche la Commissione Europea, cogliendo molti dei suggerimenti del CESR, sta tentando di porre rimedio nell ambito dei lavori per la revisione della MIFID, intrapresi nella seconda metà del In conclusione, quindi, l integrazione che la MIFID doveva portare al mercato europeo, tramite una maggiore concorrenza fra trading venue, è ancora in una fase iniziale che le forze di mercato, da sole, potrebbero non essere in grado di superare. Vi sono tuttavia le premesse per proseguire il cammino verso una maggior integrazione pan-europea, grazie ai continui sviluppi IT, al processo di revisione della MIFID recentemente intrapreso dalla Commissione Europea e alla creazione della prima Autorità pan-europea per i mercati finanziari, l European Securities and Markets Authority. 4

5 INDICE GENERALE INDICE DELLE TABELLE E DELLE FIGURE... 2 INTRODUZIONE Area d analisi, obiettivi e metodologia Analisi della letteratura di interesse Costi di negoziazione, costo del capitale e crescita economica La trasparenza degli scambi Effetti positivi del consolidamento degli scambi Effetti positivi della frammentazione degli scambi Risultanze empiriche dei primi studi post-mifid I. LA SITUAZIONE PRE MIFID DEI MERCATI EUROPEI Il quadro normativo europeo pre-mifid I mercati azionari europei pre-mifid II. L ESPERIENZA STATUNITENSE III. L IMPATTO DELLA MIFID SUI MERCATI EUROPEI Il quadro normativo post-mifid I mercati azionari europei post-mifid: un quadro generale I sistemi multilaterali di negoziazione visibili le fonti di ricavi per i mercati regolamentati L high frequency trading Gli scambi over-the-counter: problematiche aperte Il post trading dopo la MIFID IV. ANALISI EMPIRICA Andamento del prezzo Volumi scambiati e livello di frammentazione Andamento degli spread bid-ask quotati Gli effetti di differenti ipotesi di best execution CONCLUSIONI E PROBLEMATICHE APERTE BIBLIOGRAFIA

6 INDICE DELLE TABELLE E DELLE FIGURE Figura II.1 - Quote di mercato su titoli azionari quotati sul NYSE Pag. 26 Figura II.2 - Quote di mercato sui titoli azionari quotati sul NASDAQ Pag. 26 Figura III.1 Concentrazione degli scambi sui titoli dell indice Eurostoxx600 Pag. 42 Figura III.2 Frammentazione degli scambi azionari in Europa Pag. 43 Figura III.3 Scambi sui principali MTF Pag. 45 Tab. III.1 Regimi commissionali variabili al luglio 2010 in bp per titoli azionari Pag. 48 Tab. III.2 Latency media Pag. 49 Figura III.4 - Composizione dei ricavi per i principali mercati regolamentati Pag. 52 Figura III.5 Scambi gestiti dalle principali trading venue nel luglio 2010 Pag. 55 Figura III.6 Evoluzione dell high frequency trading negli USA Pag. 59 Figura IV.1 Andamento del prezzo per paniere (gen05 lug10) Pag. 68 Figura IV.2 Andamento di volumi e frammentazione per paniere (gen05 lug10) Pag. 70 Tab. IV.1 - Andamento del livello di frammentazione per paniere(gen05 lug10) Pag. 71 Tab. IV.2 - Andamento dei volumi scambiati per paniere (gen05 lug10) Pag. 72 Figura IV.3 Andamento dello spread per paniere (gen05 lug10) Pag. 73 Tab. IV.3 - Commissioni di negoziazione per l ipotesi prezzo e commissioni Pag. 76 Figura IV.4 - Frammentazione titoli FTSE100 con diverse ipotesi di best execution Pag. 76 Figura IV.5 - Frammentazione titoli DAX30 con diverse ipotesi di best execution Pag. 77 Figura IV.6 - Frammentazione titoli CAC40 con diverse ipotesi di best execution Pag. 77 Tab. IV.4 - Variazioni quote di mercato con diverse ipotesi di best execution Pag. 78 Tab. IV.5 - Indice di frammentazione con diverse ipotesi di best execution Pag. 79 2

7 INTRODUZIONE 1. AREA D ANALISI, OBIETTIVI E METODOLOGIA L entrata in vigore, il 1 novembre 2007, della Direttiva comunitaria 2004/39/CE c.d. MIFID (dall acronimo Market in Financial Instruments Directive, o Direttiva ) 1 ha, nel volgere di pochi anni, innovato il panorama dei mercati azionari dell Unione Europea. La Direttiva ha infatti abolito il monopolio a favore dei mercati regolamentati mettendoli in competizione con altre sedi di negoziazione (c.d. trading o execution venue), ossia i sistemi multilaterali di negoziazione (multilateral trading facilities, MTF ) e gli intermediari che negoziano fuori mercato, secondo l idea che la competizione avrebbe prodotto effetti positivi per l investitore e per l efficienza dei mercati, portando alla creazione di un mercato finanziario integrato pan-europeo, con conseguente riduzione dei costi di negoziazione e quindi del costo del capitale per le società emittenti. Tuttavia il proliferare di sedi di negoziazione, con la conseguente frammentazione della liquidità su più trading venue, potrebbe compromettere il buon funzionamento del processo di formazione dei prezzi dei titoli, come messo in evidenza da una parte della letteratura 1 E opportuno premettere che il corpus normativo al quale si fa riferimento nel presente lavoro con il termine MIFID è invero piuttosto articolato; comprende infatti la Direttiva di primo livello (2004/39/CE c.d. D1), la Direttiva (2006/31/CE) che ne ha spostato l implementazione al 1 novembre 2007, e le norme comunitarie di secondo livello (Direttiva 2006/73/CE c.d. D2- e Regolamento 1287/2006/CE c.d. R2) che fissano importanti elementi di dettaglio, nonché le interpretazioni autentiche fornite dalla Commissione Europea e dal CESR. La MIFID è una Direttiva di armonizzazione massima, volta ad uniformare le norme dei vari Paesi membri lasciando a questi ultimi scarsa discrezionalità (salvo alcune opzioni espressamente previste dalla Direttiva). Pertanto, le norme nazionali di implementazione del citato corpus legislativo comunitario sono in genere state piuttosto aderenti al tracciato europeo, complice anche il limite a possibili casi di gold plating previsto dall art. 4 della D2 (peraltro elencati sul sito internet della Commissione Europea - In particolare, solo 3 Paesi (Regno Unito, Irlanda e Francia) hanno adottato misure ulteriori. 3

8 sulla microstruttura dei mercati mobiliari. A tal fine, la Direttiva ha previsto specifici obblighi di trasparenza, seppur limitati ai soli strumenti azionari quotati 2. Il presente lavoro, che si pone nel filone degli studi sulla MIFID e sulla microstruttura dei mercati mobiliari, ha l obiettivo di verificare se, a circa tre anni dall implementazione della MIFID, gli obiettivi della Direttiva siano stati raggiunti, se si siano verificati i temuti effetti negativi dovuti alla frammentazione degli scambi e quali ulteriori evoluzioni sia lecito aspettarsi e sarebbe opportuno augurarsi. Il lavoro, dopo la disanima della letteratura sull argomento con un focus sul differenziale fra costi di esecuzione delle transazioni domestiche e cross-border, descrive la situazione europea pre-mifid; viene poi tracciato un parallelo con l evoluzione dei mercati americani a seguito dell implementazione del Regolamento NMS, simile per molti aspetti alla MIFID; si passa quindi ad analizzare le novità normative introdotte dalla MIFID, evidenziandone gli aspetti critici che la revisione della Direttiva, attualmente in corso, intende affrontare; viene quindi analizzata l evoluzione nel panorama delle trading venue su titoli azionari che si è verificata post-direttiva, indagano le ragioni del successo dei sistemi multilaterali di negoziazione e gli stretti legami con lo sviluppo dell high frequency trading. Tramite un analisi empirica si analizzano poi gli effetti della MIFID su tre panieri di titoli azionari caratterizzati da differenti livelli di frammentazione e si stimano gli effetti che una diversa implementazione della normativa sulla best execution potrebbe avere sul livello di frammentazione degli scambi dei principali titoli europei. 2. ANALISI DELLA LETTERATURA DI INTERESSE E possibile individuare vari filoni nella letteratura che analizzano aspetti di interesse per il presente lavoro, ed in particolare quelli inerenti: la relazione fra costi di negoziazione dei titoli, costo del capitale per le società 2 Nel presente lavoro per strumenti finanziari quotati si intendono strumenti ammessi a quotazione su mercati regolamentati dell Unione Europea ma negoziati su qualsiasi trading venue. Nel testo si indicheranno generalmente con titoli gli strumenti azionari quotati. 4

9 emittenti e crescita economica complessiva; la trasparenza delle negoziazioni; la frammentazione degli scambi, ulteriormente suddivisibile in: a. benefici del consolidamento; b. benefici della frammentazione; c. prime evidenze post implementazione della MIFID. Si rimanda invece al par. 3.5 per un approfondimento relativo agli high frequency trader. 2.1 Costi di negoziazione, costo del capitale e crescita economica In letteratura si suole differenziare i costi di negoziazione fra operazioni c.d. domestiche e operazioni c.d. cross-border. Le prime si hanno quando l investitore e la trading venue principale (in genere un mercato regolamentato) hanno sede nel medesimo Paese; le operazioni cross-border sono invece tutte quelle nelle quali ciò non avviene, siano esse infra-ue (ad es. investitore italiano e titolo inglese) o extra-ue (ad es. investitore spagnolo e titolo statunitense). Nel corso dei primi anni del 2000 sono state condotti numerosi studi, dichiarazioni e documenti di policy sui differenti costi di negoziazione per l investitore finale delle operazioni domestiche rispetto a quelle cross-border [si vedano fra gli altri: Giovannini Group, 2001 e 2003; Eurogroup Consulting, 2002; NERA Economic Consulting, 2004; Padilla, Pagano, 2005; Commissione Europea, 2005, 2006a, 2006b e 2006d; Furse, 2007; Oxera, 2009]. Le risultanze dei lavori condotti mostrano che l esecuzione di operazioni domestiche risulta relativamente poco costosa per l investitore finale, mentre i costi di negoziazione salgono notevolmente per le operazioni cross-border. Il maggior costo deriva principalmente dalla necessità di ricorrere a catene di intermediari per assicurare il buon fine dell operazione (sia nelle fasi della negoziazione vera e propria che nelle successive 5

10 fasi di clearing e settlement 3 ). Nella configurazione più semplice, per un operazione cross-border sono coinvolti l intermediario presso cui l investitore detiene titoli e contante ed il broker, aderente diretto al mercato estero sul quale sono negoziati i titoli di interesse, che svolge anche le attività di clearing e settlement connesse alla negoziazione; nella configurazione più complessa, possono essere coinvolti fino a 11 intermediari. Un altro elemento che contribuisce al maggior costo delle operazioni cross-border è rappresentato dal fatto che, essendovi in genere minori volumi di transazioni per intermediario, vi è una maggior incidenza dei costi fissi e un minor livello di automazione. Nel complesso, secondo la letteratura esaminata (tutta pre-mifid con la parziale eccezione dello studio Oxera che ha analizzato anche il 2008, anno in cui la Direttiva, sebbene formalmente implementata, non aveva ancora pienamente dispiegato i suoi effetti procompetitivi), le operazioni cross-border infra-ue possono costare all investitore finale da 1,5 a 6 volte il costo di un operazione domestica, a seconda della tipologia di investitore e dell entità dell operazione. Del costo complessivo pagato da un investitore per eseguire un operazione cross-border, circa il 75% è rappresentato dalle commissioni pagate ai vari intermediari della catena, il 10% dalle commissioni di negoziazione chieste dalla trading venue e da controparti centrali e depositari centrali ed il restante 15% da spese di custodia, accesso ai dati, tasse e altre voci. In termini assoluti, i costi a carico di un investitore istituzionale per ordini cross border di medio ammontare possono essere nell ordine dei 20 basis point sul controvalore dell ordine [Oxera, 2009 con riferimento al periodo ] contro i circa 10 bp per ordini domestici sulle principali piazze europee, mentre per piccoli scambi retail tali importi possono quasi centuplicare, arrivando quasi al 2% [Commissione Europea, 2006b]. 3 Nel presente lavoro per clearing si intende l attività svolta dalle controparti centrali di interposizione fra i partecipanti al mercato con la novazione dei contratti originali e la creazione di saldi bilaterali; per settlement si intende l attività svolta dai sistemi di regolamento titoli consistente nel trasferimento definitivo degli strumenti finanziari e del contante, nonché, in senso lato, l attività di custodia e gestione degli strumenti stessi (c.d. custody). Per una più precisa trattazione sul punto si rimanda a Commissione Europea,

11 Appare pertanto ovvio che i maggiori costi delle operazioni cross-border rappresentano un serio ostacolo per la creazione di un vero mercato finanziario pan-europeo, con risvolti negativi anche per le società emittenti, sotto forma di minor accessibilità da parte di investitori non residenti 4. London Economics [2002], a seguito di un analisi macroeconomica, considera che se vi fosse una totale integrazione europea (un single Securities market ) per titoli azionari e corporate bond si otterrebbe una riduzione dei costi complessivi di negoziazione 5 fra il 23% e l 87% che ridurrebbe del 36% il costo del capitale per le società emittenti e, da questo, deriverebbe un aumento del Pil europeo dell 1,1%. Uno studio più recente della Commissione Europea [2006d], condotto secondo una metodologia simile a quella utilizzata da London Economics, ha rettificato il precedente calcolando che se le operazioni cross-border infra-ue costassero quanto quelle domestiche, il Pil europeo otterrebbe un aumento fra lo 0,2% e lo 0,6% annuo. Tali elementi vanno considerati come alla base della Direttiva (e, più in generale, del Piano d Azione della Commissione Europea in tema di mercati finanziari c.d. FSAP), che aveva fra i suoi obiettivi principali proprio quello di creare un mercato finanziario comune all interno dell Unione Europea riunendo i vari pool di liquidità presenti a livello nazionale. 2.2 La trasparenza degli scambi Per trasparenza degli scambi 6 si intende il livello, la facilità, i costi e la velocità con cui le informazioni, principalmente di prezzo e quantità, sugli ordini e/o sulle quotazioni (c.d. interessi di negoziazione) e sulle transazioni eseguite diventano di pubblico dominio. Per i 4 Vi è da dire che un altro fattore individuato dalla letteratura che influenza negativamente gli scambi crossborder, specie da parte degli investitori retail, è il c.d. home-bias. 5 Intesi come costi impliciti di negoziazione, ossia spread effettivi calcolati come [2*(Prezzo negoziazione Midpoint Bid-Ask)/Prezzo negoziazione], derivanti dall accresciuta liquidità. 6 Nel presente lavoro si utilizzeranno indifferentemente i termini scambi, negoziazioni e operazioni per indicare sinteticamente sia le transazioni concluse che gli interessi di negoziazione. 7

12 primi si parla di trasparenza pre-trade, per le seconde di trasparenza post-trade. In letteratura [si vedano fra gli altri Lee, 2002; Sabatini, Tarola, 2004] vengono individuati sia benefici che costi associati ad un dato livello di trasparenza. In particolare, un alto livello di trasparenza comporterebbe i seguenti vantaggi: garantisce maggior equità fra gli investitori, rendendo disponibili a tutti lo stesso set informativo, e quindi una maggior partecipazione al mercato, specie da parte degli investitori non informati e/o di minori dimensioni; migliora la velocità con cui le informazioni sugli interessi di negoziazione e sugli scambi sono incorporate nei prezzi dei titoli, rendendo più accurato il processo di price discovery; favorisce la competizione fra market maker diminuendo i relativi spread, che costituiscono, come noto, una componente dei costi impliciti di negoziazione; facilita l arbitraggio fra più venue migliorando la qualità del mercato; agevola il raggiungimento della best execution da parte degli intermediari, specie per quelli di minori dimensioni, nell esecuzione degli ordini della clientela. Per contro, la letteratura individua anche alcuni possibili svantaggi derivanti da un eccessivo livello di trasparenza, senza tuttavia individuare con precisione tale soglia di eccessività : la più accesa competizione fra market maker e il maggior rischio di posizione per questi operatori potrebbero comportare l uscita dal mercato di alcuni market maker con conseguente riduzione della liquidità fornita al mercato; gli investitori informati preferiscono una minor trasparenza così da mantenere confidenziale il loro vantaggio informativo; pertanto, in contesti di eccessiva trasparenza, potrebbero astenersi dal negoziare; lo stesso può dirsi per gli investitori che devono scambiare grandi quantità di titoli e che vogliono celare le loro intenzioni di negoziazione per evitare movimenti avversi di prezzo. Nel complesso, quindi, dall esame della letteratura sull argomento sembra emergere un contrasto fra le convenienze delle differenti tipologie di investitori (informati vs non 8

13 informati) e operatori (market maker vs intermediari di minori dimensioni). Vi è poi un punto di discussione aperto in merito alla proprietà dei dati di trasparenza; secondo alcuni, essi apparterrebbero alla trading venue, secondo altri, agli intermediari che hanno trasmesso gli ordini. Comunque sul punto sia l esperienza europea che quella statunitense consentono di affermare che la prima soluzione ha prevalso, seppur con modalità differenti. Come si vedrà nel prosieguo, il legislatore europeo ha scelto una via di compromesso, prevedendo, per i titoli azionari quotati, un elevato livello di trasparenza ma con numerose deroghe per determinate tipologie di operazioni e/o venue. Sugli altri strumenti finanziari, invece, la MIFID non ha imposto alcun tipo di obbligo, dando però alle singole Autorità nazionali il potere di estendere, in tutto o in parte, gli obblighi di trasparenza ad altri strumenti finanziari e prevedendo un riesame dell argomento ad alcuni anni di distanza dall implementazione della Direttiva. Più stringente l approccio seguito dal legislatore americano, che ha imposto un sistema di consolidamento informativo dei dati di trasparenza pre e post trade su titoli azionari quotati pur in presenza di frammentazione operativa un sistema cioè dove gli scambi avvengono in differenti venue ma vi è un unico canale informativo che raccoglie i dati di trasparenza di tutte le venue - nonché alcuni obblighi di reportistica sugli scambi di corporate bond e, più recentemente, anche per certi tipi di derivati OTC. Pur ritenendo che i vantaggi di elevati livelli di trasparenza, specie sui titoli più liquidi, prevalgano sugli svantaggi, è opportuno sottolineare che un elevato livello di trasparenza è quanto mai opportuno in un assetto frammentato delle negoziazioni in quanto è uno degli elementi necessari, ma non sufficienti, per il consolidamento informativo dei dati di pre e post trade e la riduzione di alcuni degli effetti negativi della frammentazione degli scambi. 2.3 Effetti positivi del consolidamento degli scambi Secondo molti commentatori, fra i benefici del consolidamento di tutti gli scambi sullo 9

14 stesso titolo in un unica trading venue si annoverano: le economie di scala; le esternalità di network; la diminuzione dei costi impliciti di negoziazione; la garanzia della best execution; i minori rischi di controparte. Per quanto concerne le economie di scala [si vedano tra gli altri, Lee, 2002; Greese, 2010a], la letteratura sostiene che gran parte dei costi necessari per avviare l attività come trading venue consistono in spese fisse (si pensi alle spese di sviluppo IT di una piattaforma di trading) mentre le spese variabili, legate alla singola operazione di compravendita di titoli, sono piuttosto contenute. Pertanto, tanto maggiore il volume delle negoziazioni presso la stessa trading venue, tanto minore la quota di costi fissi ammortizzata per ciascuna operazione. I costi fissi sopra richiamati non sarebbero peraltro pienamente recuperabili, e pertanto costituirebbero una barriera per le strategie di tipo hit-and-run. Per quanto concerne invece le esternalità di network, è opportuno premettere che per network si intende una rete di soggetti, tra loro collegati, che possono accedere ai medesimi servizi. Con effetto network si identifica, invece, l incremento di beneficio che ciascun partecipante riceve quando un nuovo soggetto decide di far parte della rete [tra gli altri, Economides, 1995; Di Noia, 2001; Nagni, 2008]. Trasponendo tale concetto nel settore delle securities, l esternalità di network (cioè esternalità positive dovute alla presenza del network) consiste nel fatto che tanto più grande è il numero di partecipanti alla trading venue, tanto maggiore è il vantaggio che ciascun partecipante ne ricava. A titolo di esempio, un emittente preferisce quotare i propri strumenti finanziari, a parità di altre condizioni, in una trading venue dove molti altri emittenti sono già presenti (c.d. esternalità diretta) ed un numero elevato di broker è presente (c.d. esternalità incrociata). Infatti, tanti più intermediari negoziano sulla medesima trading venue, tanto maggiore è il 10

15 livello di liquidità complessiva del luogo di negoziazione e quindi l efficienza tecnicooperativa dello stesso (i noti concetti di spessore, ampiezza, elasticità del mercato). Oltre a questo, la competizione tra broker può determinare l abbassamento delle commissioni richieste dagli intermediari agli investitori e quindi una loro maggior partecipazione al mercato. La maggior efficienza della trading venue e i minori costi di transazione possono così ridurre il rendimento richiesto dagli investitori agli emittenti, con una diminuzione del costo del capitale, nonché incentivare altri investitori ad entrare sul mercato con un ulteriore effetto positivo. Tale teoria potrebbe giustificare il successo del sistema multilaterale inglese AIM, in cui circa metà delle società quotate hanno sede legale in Paesi diversi dal Regno Unito 7. A loro volta, gli intermediari sarebbero attratti da quei mercati in cui molti altri intermediari (esternalità diretta) e titoli/società quotate (esternalità incrociata) sono presenti. Infatti, tali condizioni permettono loro di trovare facilmente una controparte per le negoziazioni e di avere ampia scelta di investimento: di conseguenza, essi riescono ad attrarre più clienti-investitori, oltre che a gestire meglio il portafoglio di proprietà. Grazie agli effetti delle economie di scala e delle esternalità di network deriverebbe peraltro la circostanza che le trading venue principali (ossia, in quasi tutte le realtà internazionali, i mercati regolamentati) godrebbero di una situazione di monopolio naturale o comunque forti vantaggi competitivi rispetto ai possibili concorrenti. Per ridurre il rischio di fenomeni di abuso di posizione dominante (ad es. la fissazione, da parte della trading venue incombente, di elevate commissioni per il trading o il listing), alcuni [Lee, 2010] propongono l adozione di apposite misure di governance fra cui l adozione di specifici assetti proprietari (non-for-profit e/o user-governed). 7 Le società quotate sull AIM al luglio 2010 erano per 59 mld di capitalizzazione; di queste, 753 (62% del totale) per 24 mld di capitalizzazione (41% del totale), avevano sede legale nel Regno Unito e 469, per 35 mld di capitalizzazione, in altri Paesi. Fonte: AIM-LSE, londonstockexchange.com. 11

16 Alcuni studi empirici precedenti all implementazione della MIFID [Bennet, Wei, 2006; Gajewski, Greese, 2007] individuano benefici, in termini di diminuzione dei costi impliciti di negoziazione, dal passaggio da un sistema frammentato su più market maker ad uno centralizzato misto (order-driven con market maker), soprattutto per gli scambi di minori dimensioni. Infine, appare lapalissiano affermare [Greese, 2010a, Foucault, Menkveld, 2008] che il consolidamento degli scambi permette di ottenere più facilmente la best execution, in quanto gli ordini degli investitori, essendo indirizzati tutti sullo stesso mercato, saranno sempre eseguiti ai migliori (gli unici) prezzi disponibili. Viceversa, in un sistema frammentato, vi è la possibilità del c.d. trade-throughs, cioè che gli ordini vengano eseguiti su una venue ad un prezzo meno conveniente per l investitore di quello disponibile presso una venue concorrente: questo per via di scarsa trasparenza pre-negoziazione, o dell assenza di collegamenti fra il broker e la venue migliore, o l esistenza di accordi commerciali in merito all invio degli ordini come la prassi del pay-for-order-flow. In particolare tale prassi, tipica del modello statunitense, prevede che alcune trading venue, soprattutto intermediari operanti fuori mercato, paghino una commissione al broker per ricevere l ordine del cliente. Il broker può poi rigirare, in tutto o in parte, tale commissione al proprio cliente. Come si vedrà nel cap. 2, alcuni sistemi multilaterali di negoziazione nel fissare le proprie politiche commerciali hanno adottato una variante di tale prassi, il c.d. pricing maker-taker. Infine, secondo alcuni studi [Petrella 2010, Herting, 2010, Amihud e Mendelson, 2004] gli investitori e i broker preferiscono, in condizioni anomale di mercato (ad esempio in tempo di crisi), indirizzare i propri ordini verso le trading venue che garantiscono la massima liquidità in quanto permettono di massimizzare l effetto network, garantiscono maggior trasparenza e riducono il rischio di controparte e quindi, a livello aggregato, permettono di ridurre il rischio sistemico. 2.4 Effetti positivi della frammentazione degli scambi Secondo quel filone della letteratura che individua prevalentemente effetti positivi dalla 12

MiFID. La direttiva che rivoluziona i mercati finanziari europei. Tutti pronti?

MiFID. La direttiva che rivoluziona i mercati finanziari europei. Tutti pronti? MiFID La direttiva che rivoluziona i mercati finanziari europei. Tutti pronti? MiFID: la direttiva Negli ultimi anni il panorama finanziario europeo ha vissuto un importante riorganizzazione strutturale

Dettagli

ANALISI DELLA TRASPARENZA NEI MERCATI OBBLIGAZIONARI EUROPEI MATTEO CASSIANI, CFA

ANALISI DELLA TRASPARENZA NEI MERCATI OBBLIGAZIONARI EUROPEI MATTEO CASSIANI, CFA ANALISI DELLA TRASPARENZA NEI MERCATI OBBLIGAZIONARI EUROPEI MATTEO CASSIANI, CFA Rimini, 18 maggio 2012 Il Quadro Normativo: La Revisione della MiFID La Struttura del Mercato L Esperienza degli Stati

Dettagli

L impatto della frammentazione degli scambi azionari sui mercati regolamentati europei

L impatto della frammentazione degli scambi azionari sui mercati regolamentati europei L impatto della frammentazione degli scambi azionari sui mercati regolamentati europei S.F. Fioravanti, M. Gentile 69 luglio 2011 L impatto della frammentazione degli scambi azionari sui mercati regolamentati

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

O:\TesoreriaFinanza\MIFID\per sito internet\approfondimento Mifid.doc

O:\TesoreriaFinanza\MIFID\per sito internet\approfondimento Mifid.doc La nascita della MIFID. Il 21 aprile 2004 è stata approvata dal Parlamento europeo la direttiva 2004/39/CE Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Dettagli

Le riforme delle strutture delle sedi di negoziazione: profili evolutivi

Le riforme delle strutture delle sedi di negoziazione: profili evolutivi Scuola di Economia e Management DISAG- Dipartimento di Studi aziendali e Giuridici Corso di Diritto Europeo della Banca e della Finanza (EGIF) Prof.ssa Antonella Brozzetti a.a. 2015-2016 Le riforme delle

Dettagli

L impatto della frammentazione degli scambi azionari sui mercati regolamentati europei

L impatto della frammentazione degli scambi azionari sui mercati regolamentati europei L impatto della frammentazione degli scambi azionari sui mercati regolamentati europei S.F. Fioravanti, M. Gentile L attività di ricerca e analisi della Consob intende promuovere la riflessione e stimolare

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Documento di sintesi della

Documento di sintesi della Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del settembre 2015 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Modalità operative di trasmissione degli ordini

Modalità operative di trasmissione degli ordini Modalità operative di trasmissione degli ordini 18/06/2012 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Scopo 4 1.2 Riferimenti Normativi 4 1.3 Definizioni 4 2. QUALITÀ DELL ESECUZIONE 6 3. FATTORI DI ESECUZIONE 7 3.1 Eccezioni

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO 21 dicembre 2012

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO 21 dicembre 2012 DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO 21 dicembre 2012 LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI D.D.S. STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI D.D.S. STRATEGIA ESECUZIONE E TRASMISSIONE ORDINI Ed. Marzo 2012 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

La negoziazione di strumenti finanziari non si esaurisce con l esecuzione di contratti sul

La negoziazione di strumenti finanziari non si esaurisce con l esecuzione di contratti sul LE NOVITA NEL SISTEMA DI POST-TRADING Le Novità nel sistema di post-trading La negoziazione di strumenti finanziari non si esaurisce con l esecuzione di contratti sul mercato tramite l abbinamento di ordini

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

intermediari Discussion

intermediari Discussion CONSOB Presentazione della Relazione per il 2013 Roma, 12 maggio 2014 La vigilanza sui mercati e sugli intermediari Discussion Giovanni Petrella Università Cattolica, Milano giovanni.petrella@unicatt.it

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini Introduzione Lo scopo di questo documento è fornire informazioni sulla Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini di Mediobanca - Banca di Credito

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

La Best Execution nel Mercato Obbligazionario: un caso pratico per il segmento retail. 3 2 1 MiFID! Direttore Generale TLX S.p.A.

La Best Execution nel Mercato Obbligazionario: un caso pratico per il segmento retail. 3 2 1 MiFID! Direttore Generale TLX S.p.A. La Best Execution nel Mercato Obbligazionario: un caso pratico per il segmento retail Milano, 27 marzo 2007 Alessandro Zignani 3 2 1 MiFID! Direttore Generale TLX S.p.A. 1 Agenda 1. Il mercato obbligazionario

Dettagli

INDICE 1. RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 2. STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 6

INDICE 1. RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 2. STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 6 INDICE 1. RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 1.1 STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE...4 2. STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 6 2.1 TITOLI AZIONARI E RELATIVI DIRITTI DI OPZIONE, COVERED WARRANTS,

Dettagli

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE)

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Le principali novità introdotte con il recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Direttiva 2004/39/CE ( dirett. di 1 livello ) Markets in Financial Instruments Directive o MiFID Direttiva 2006/73/CE

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Delibera C.d.A. del 23 dicembre 2010 LA NORMATIVA MIFID La Markets

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI 1. Definizioni Strategia di Esecuzione o anche semplicemente Strategia : le misure, i meccanismi e le procedure adottate da MPS Capital Services - Banca

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Letture obbligatorie: M. Anolli Elementi di Economia del Mercato Mobiliare. Il Mulino, Bologna, 2001 (solo Capitolo 1)

Letture obbligatorie: M. Anolli Elementi di Economia del Mercato Mobiliare. Il Mulino, Bologna, 2001 (solo Capitolo 1) Cenni sulle principali caratteristiche di funzionamento dei mercati secondari Cenni sulla struttura competitiva dell exchange industry Letture obbligatorie: M. Anolli Elementi di Economia del Mercato Mobiliare.

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

MiFID LA BEST EXECUTION NELLA GESTIONE DEGLI ORDINI

MiFID LA BEST EXECUTION NELLA GESTIONE DEGLI ORDINI MiFID LA BEST EXECUTION NELLA GESTIONE DEGLI ORDINI Le soluzioni informative La direttiva MiFID ha segnato una svolta in tutti i mercati finanziari. Come rispettare gli adempimenti di legge previsti e

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA (08 giugno 2010) La Markets in Financial Instruments

Dettagli

KJBSIM - ATTI CONSIGLIO - P06/2015 POLICY. Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

KJBSIM - ATTI CONSIGLIO - P06/2015 POLICY. Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini POLICY Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini [Pagina Bianca] Manuale delle procedure aziendali Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini 2 INDICE Indice... 3 1. INTRODUZIONE...

Dettagli

Le fusioni cross-border nell exchange industry: la misurazione del valore. Josanco Floreani, Maurizio Polato

Le fusioni cross-border nell exchange industry: la misurazione del valore. Josanco Floreani, Maurizio Polato Le fusioni cross-border nell exchange industry: la misurazione del valore Josanco Floreani, Maurizio Polato agenda Le fusioni nell exchange industry: La ratio Opportunità e minacce I driver del valore

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Gli impatti della MiFID sui mercati: il punto di vista di TLX. Head of Market Supervision

Gli impatti della MiFID sui mercati: il punto di vista di TLX. Head of Market Supervision Gli impatti della MiFID sui mercati: il punto di vista di TLX Milano, 18 dicembre 2006 Stefano Cuccia Head of Market Supervision 1 I normali ambiti di attività dei mercati 1.Listing (ammissione alla negoziazione

Dettagli

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 10 maggio 2011 INDICE 1. PREMESSA...1 2. FATTORI RILEVANTI AI FINI DELLA BEST EXECUTION...2 3. PROCEDURA PER IDENTIFICAZIONE

Dettagli

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 25 giugno 2015 INDICE 1. PREMESSA...1 2. FATTORI RILEVANTI AI FINI DELLA BEST EXECUTION...2 3. PROCEDURA PER IDENTIFICAZIONE

Dettagli

LA PROPOSTA DI REVISIONE DELLA DIRETTIVA MIFID (LA CD. MIFID II) CORPORATE LAW ALERT NOVEMBRE 2011

LA PROPOSTA DI REVISIONE DELLA DIRETTIVA MIFID (LA CD. MIFID II) CORPORATE LAW ALERT NOVEMBRE 2011 CORPORATE LAW ALERT NOVEMBRE 2011 LA PROPOSTA DI REVISIONE DELLA DIRETTIVA MIFID (LA CD. MIFID II) Il corpus normativo che regola i mercati finanziari all interno dell Unione Europea, meglio conosciuto

Dettagli

CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO. Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. 30 ottobre 2007

CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO. Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. 30 ottobre 2007 CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini 30 ottobre 2007 Agg. 01 dd 26/11/2008 Sostituzione Policy di esecuzione e trasmissione degli ordini di Cassa Centrale

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

BCC di Valledolmo Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

BCC di Valledolmo Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob BCC di Valledolmo Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob marzo 2012 Delibera Cda del 16 maggio 2012 Indice BCC di Valledolmo

Dettagli

Documento di sintesi sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini adottata dalla Banca ai sensi della normativa MiFID

Documento di sintesi sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini adottata dalla Banca ai sensi della normativa MiFID Documento di sintesi sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini adottata dalla Banca ai sensi della normativa MiFID Documento di sintesi sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli

Dettagli

Oggetto: Osservazioni al documento di Consob in merito alla revisione della Direttiva 2004/39/CE (MiFID) - La disciplina dei mercati.

Oggetto: Osservazioni al documento di Consob in merito alla revisione della Direttiva 2004/39/CE (MiFID) - La disciplina dei mercati. Milano, 25 marzo 2010 Spettabile CONSOB Divisione Mercati Via G. B. Martini, 3 00198 Roma Prot. N. 213/10 Anticipata a mezzo posta elettronica Oggetto: Osservazioni al documento di Consob in merito alla

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI ICCREA BANCA S.P.A. DOCUMENTO DI SINTESI 07 FEBBRAIO 2008 INDICE 1. RIFERIMENTI NORMATIVI 3 2. Sezione Prima - Fattori di esecuzione

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA MIFID

L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA MIFID http://www.sinedi.com ARTICOLO 20 FEBBRAIO 2008 L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA MIFID La Markets on Financial Instruments Directive, di seguito MiFID, è la direttiva europea, approvata nel 2004 ed entrata

Dettagli

Indice. Capitolo 1 La securities industry in Italia: profili introduttivi

Indice. Capitolo 1 La securities industry in Italia: profili introduttivi Presentazione XI Capitolo 1 La securities industry in Italia: profili introduttivi 1.1. Articolazione del capitolo 1 1.2. Alcune definizioni preliminari 2 1.2.1. Premessa 2 1.2.2. Valori mobiliari, strumenti

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli ordini Della Banca di Credito Cooperativo di Barbarano Romano

Strategia di Trasmissione degli ordini Della Banca di Credito Cooperativo di Barbarano Romano Adempimenti MiFID Strategia di Trasmissione degli ordini Della Banca di Credito Cooperativo di Barbarano Romano Delibera CDA 31/10/2007 1 Aggiornamento del 9/04/2008 2 Aggiornamento del 29/10/2008 PREMESSA

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Bisogno di investimento del risparmio

Bisogno di investimento del risparmio Bisogno di investimento del risparmio Domanda e Offerta di strumenti di investimento del risparmio Bisogno di investimento Strumenti bancari (contratti bilaterali) depositi tempo; PcT; CD Strumenti di

Dettagli

UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica

UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica 17 Ottobre 2011 Indice Pag Sedi di esecuzione MiFID 2 Impatto della

Dettagli

POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Data documento 19/11/2012 Pagina 1/13 POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO SC Redatto da In collaborazione con Servizio Compliance e Antiriciclaggio

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/2009 ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Novembre 2011 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3 1.1

Dettagli

1. INTRODUZIONE SULLA DIRETTIVA MIFID

1. INTRODUZIONE SULLA DIRETTIVA MIFID 3 1. INTRODUZIONE SULLA DIRETTIVA MIFID 1. Un breve riassunto delle prescrizioni della direttiva La Direttiva n. 2004/39/CE sui Mercati di Strumenti Finanziari (qui di seguito, Direttiva MiFID, dall acronimo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini CASSA RURALE DI TRENTO

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini CASSA RURALE DI TRENTO Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini CASSA RURALE DI TRENTO 2014 INDICE PREMESSA... 3 1. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI... 6 2. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE DEGLI ORDINI... 8 3.

Dettagli

Gli impatti della MiFID II nell Asset Management: una prospettiva

Gli impatti della MiFID II nell Asset Management: una prospettiva Financial Services Gli impatti della MiFID II nell Asset Management: una prospettiva Crisi Finanziaria/ Impegni del G20 Impatti della tecnologia Integrazioni Comunitarie Nuovo schema di vigilanza EU www.pwc.com/it

Dettagli

POSITION PAPER. 23 novembre 2007

POSITION PAPER. 23 novembre 2007 Risposta ABI alla consultazione della CONSOB sulla Comunicazione contenente chiarimenti di natura applicativa in merito al Regolamento Mercati adottato in attuazione della MiFID 23 novembre 2007 POSITION

Dettagli

Strategia di esecuzione degli ordini. Banca Alpi Marittime

Strategia di esecuzione degli ordini. Banca Alpi Marittime Strategia di esecuzione degli ordini Banca Alpi Marittime INDICE PREMESSA... 3 1. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI... 5 2. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 7 3. FATTORI

Dettagli

CASSA RURALE DI LEDRO. Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Data 29.10.2007

CASSA RURALE DI LEDRO. Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Data 29.10.2007 CASSA RURALE DI LEDRO Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Data 29.10.2007 Aggiornata in data 12/10/2012 Indice PREMESSA... 3 1. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI... 5 2. PRINCIPI GUIDA

Dettagli

Caratteristiche del sistema SABE di Banca Akros (Sistema Automatico per la Best Execution)

Caratteristiche del sistema SABE di Banca Akros (Sistema Automatico per la Best Execution) Caratteristiche del sistema SABE di Banca Akros (Sistema Automatico per la Best Execution) CLIENTI PROFESSIONALI ATTIVI CON CLIENTELA AL DETTAGLIO Qui di seguito si sintetizzano le principali caratteristiche

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 1. Premessa Ai sensi della Direttiva 2004/39/CE (MiFID Markets in Financial Instruments Directive), nonché delle relative disposizioni comunitarie di secondo livello e nazionali di attuazione, la Banca

Dettagli

Politica di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini

Politica di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini Politica di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini Consiglio di Amministrazione del 18 dicembre 2014 INDICE PREMESSA... 3 1 AMBITO DI RIFERIMENTO... 3 2 FATTORI DETERMINANTI PER L INDIVIDUAZIONE DEI NEGOZIATORI...

Dettagli

Policy di Esecuzione e Trasmissione Ordini

Policy di Esecuzione e Trasmissione Ordini - Direttiva 2004/39/CE - Policy di Esecuzione e Trasmissione Ordini (Sintesi ad uso delle CR-BCC) Cassa Centrale Banca Credito Cooperativo del Nord Est Dicembre 2010 Indice 1. Premessa...3 2. Criteri di

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

EXECUTION E TRASMISSION POLICY (STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI)

EXECUTION E TRASMISSION POLICY (STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI) EXECUTION E TRASMISSION POLICY (STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI) Tipo: Redazione: Approvazione: Data rilascio: Policy Revisione Data Tipologia di aggiornamento 1 17/12/2014 Revisione

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI ALPI FONDI SGR - versione marzo 2015 -

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI ALPI FONDI SGR - versione marzo 2015 - STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI ALPI FONDI SGR - versione marzo 2015-1 Sommario 1 PREMESSA...4 1.1 Scopo del documento...4 1.2 Normativa...4 1.3 Ambito di Applicazione...5 1.4 Categorie

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873 POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO GIUGNO 2012 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti

Dettagli

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI Il presente documento descrive le misure per l esecuzione e la trasmissione degli ordini alle condizioni più favorevoli per il cliente (art. 45 e 48 del Regolamento Consob in materia di Intermediari) e

Dettagli

Best execution e struttura dei mercati finanziari. Guido Ferrarini, Università di Genova e European Corporate Governance Institute (ECGI)

Best execution e struttura dei mercati finanziari. Guido Ferrarini, Università di Genova e European Corporate Governance Institute (ECGI) Best execution e struttura dei mercati finanziari Guido Ferrarini, Università di Genova e European Corporate Governance Institute (ECGI) 1 Introduzione Perché una definizione flessibile? La definizione

Dettagli

LIBRO VERDE. Verso un mercato europeo integrato dei pagamenti tramite carte, internet e telefono mobile. I punti salienti

LIBRO VERDE. Verso un mercato europeo integrato dei pagamenti tramite carte, internet e telefono mobile. I punti salienti LIBRO VERDE Verso un mercato europeo integrato dei pagamenti tramite carte, internet e telefono mobile I punti salienti Nell ottica di migliorare i pagamenti elettronici (tramite carta di credito, internet

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi MiFID review: scenari e prospettive Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi AGENDA MiFID I: ricapitoliamo MiFID review: le ragioni MiFID review: le novità MiFID review: stato dell arte 2 MiFID I: ricapitoliamo

Dettagli

4. I nuovi mercati ufficiali

4. I nuovi mercati ufficiali 4. I nuovi mercati ufficiali (Ilaria Rega) 4.1 I nuovi mercati ufficiali Il filosofo e giurista Gian Battista Vico quando affermò: Paion traversie e sono opportunità non poteva immaginare quanto, qualche

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Flumeri Soc. Coop.

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Flumeri Soc. Coop. Strategia di trasmissione degli ordini su strumenti finanziari VERSIONE N 04 DEL 28/12/2011 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Flumeri Soc. Coop. Documento redatto ai sensi dell art. 48 del

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini 1 Transmission Policy BCC CITTANOVA

Strategia di trasmissione degli ordini 1 Transmission Policy BCC CITTANOVA Strategia di trasmissione degli ordini 1 Transmission Policy BCC CITTANOVA APPROVATO DAL CDA NELLA SEDUTA DEL 06/06/2012 1 BCC CITTANOVA TRANSMISSION POLICY (VERS. 1.7 maggio 2012) INDICE PREMESSA....

Dettagli

MODIFICHE AL REGOLAMENTO N. 11768/98 IN MATERIA DI MERCATI

MODIFICHE AL REGOLAMENTO N. 11768/98 IN MATERIA DI MERCATI MODIFICHE AL REGOLAMENTO N. 11768/98 IN MATERIA DI MERCATI DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE 27 luglio 2006 Le osservazioni al presente documento di consultazione dovranno pervenire entro il 7 agosto 2006 al

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI Edizione Luglio 2013 Il presente documento rappresenta la sintesi delle attività svolte

Dettagli

STRATEGIA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 16/11/2011 ai sensi dell art. 45 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca Santo Stefano Credito Cooperativo Martellago-Venezia Società Cooperativa aggiornato con delibera C.d.A. del 13/02/2013

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli