Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence"

Transcript

1 Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del cliente Busacca & Associati T radizionalmente l area Information Technology (IT) ha risposto al crescente fabbisogno informativo delle altre funzioni aziendali con una logica on demand, secondo la quale ogni richiesta del cliente interno veniva soddisfatta con l introduzione di uno specifico prodotto/applicativo. Ciò ha provocato nel tempo enormi inefficienze che si sono tradotte, per la funzione IT, nella proliferazione di sistemi spesso non omogenei e non integrati con elevati costi di storage e di estrazione dei dati, mentre per gli utenti in una gestione problematica di informazioni sparse e disaggregate con impatto sui tempi di analisi, ideazione delle azioni e costruzione della relazione con il cliente finale. La necessità di disporre di informazioni complete e tempestive, nonché la crescente velocità di analisi e di decisione richiesta al management, stanno delineando nuove aree di intervento nella strategia di sviluppo dei sistemi di Business Intelligence. Tale strategia deve essere ispirata all opportunità di integrare le componenti architetturali al fine di gestire in maniera ottimale gli strumenti di analisi. 9

2 CARTESIO Un sistema integrato di Business Intelligence è un sistema a blocchi modulari in grado di fornire all utente un profilo completo del cliente finale. Questa nuova architettura fornisce all area IT una visione d insieme delle applicazioni e delle basi dati presenti in azienda, permettendo di razionalizzare piattaforme, interfacce, numero di progetti e storage impiegato. Analogamente fornisce al cliente interno un unico accesso agli applicativi e una visione coerente delle informazioni sul cliente finale, indispensabile per un presidio ordinato ed efficace della relazione. Le premesse allo sviluppo dei Sistemi Integrati Fino ad oggi l utente, per soddisfare il proprio fabbisogno di informazioni, formulava le richieste man mano che se ne manifestava l esigenza. In quest ottica l area IT introduceva di volta in volta uno specifico applicativo per rispondere alle singole esigenze. I sistemi informativi sviluppavano componenti e applicazioni in modo incrementale, suddividendoli in sottosistemi dedicati alla gestione dell operatività e delle transazioni. Questi archiviavano una mole di dati in crescita esponenziale, che rendevano disponibile agli utenti principalmente attraverso query ad hoc. Ogni sottosistema però costituiva un elemento a sé stante, collegato agli altri solo attraverso una fitta rete di interfacce di scambio dei dati. Tali sistemi diventavano enormi miniere di dati di difficile accesso, in quanto disseminati in ambienti tra loro eterogenei e scollegati. Questo approccio lasciava insoddisfatti sia le risorse dell area IT che gli utenti. Le prime si scontravano con: l aumento del numero di richieste ad hoc non strutturate e spesso pretenziose da parte degli utenti; l aumento dei tempi di ricerca ed elaborazione dei dati per le query ad hoc; la crescente necessità di investimenti in software, hardware, archiviazione e backup dei dati; il crescente numero di applicativi inutilizzati in quanto poco flessibili, obsoleti e di difficile integrazione col front-end; 10

3 Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence la duplicazione, ridondanza e incongruenza dei dati presenti contemporaneamente su più data base; i bassi livelli di servizio agli utenti in termini di tempi e qualità delle informazioni rilasciate; la crescente necessità di risorse interne ed esterne dedicate alla gestione delle emergenze contingenti anziché allo sviluppo, alla manutenzione e alla progettazione di opportuni controlli sulla qualità dei dati pubblicati. Anche per gli utenti l approccio tradizionale presentava diverse criticità: elaborate procedure di definizione dei requisiti di estrazione dei dati; elevati tempi di attesa dei report; necessità di rielaborazioni manuali delle informazioni; eccessivo delay dell informazione elaborata; gestione indifferenziata del cliente finale al front end; segmentazioni banali a causa di tool carenti e poco flessibili; campagne promozionali indifferenziate; assenza di presidio della relazione con il cliente finale; basso livello di soddisfazione di quest ultimo. In particolare, l assenza di sistemi di analisi e reporting in grado di soddisfare contemporaneamente le esigenze di più aree di business comportava una visione non univoca della realtà aziendale. Si assisteva ad una generale sensazione di frustrazione da parte del management che sapeva di avere a disposizione grande quantità di informazioni, che non giungevano nella forma desiderata. In grandi aziende in cui erano presenti più data base, ciascuno relativo all area di business che lo aveva richiesto, si producevano analisi che spesso fornivano risultati diversi. Infine altra fonte di frustrazione era costituita dalla consapevolezza che una parte non trascurabile dei dati operazionali non fosse corretta o fosse addirittura assente. D altro canto, l aumento esponenziale del volume di dati operazionali ed il crescente bisogno da parte degli utenti di strumenti in grado di accelerare il processo decisionale e di fornire indicazioni strategiche rendono oggi indispensabile l introduzione di un processo di selezione e di sintesi delle informazioni a partire dalle fonti informative primarie (sistemi operazionali e Data Warehouse), come mostra la figura che segue. 11

4 CARTESIO Il valore dell informazione in funzione della quantità dei dati VALORE indicazioni strategiche rapporti informazioni selezionate fonti informative primarie QUANTITA Il processo decisionale focalizza l attenzione sulle informazioni davvero importanti; tale processo è difficilmente pianificabile a priori. L utente richiede strumenti sufficientemente flessibili da consentirgli di condurre le proprie analisi decidendo al momento quali nuove correlazioni ricercare. Tutto ciò sta delineando nuove aree di intervento nella strategia di sviluppo dei sistemi, con particolare riferimento a quelli di business intelligence. Tale orientamento, volto ad integrarne le componenti architetturali, è finalizzato a soddisfare il fabbisogno di gestione e trattamento delle informazioni di tutte le principali funzioni aziendali. In questo modo sarà possibile incrementare il livello di servizio dell azienda nei confronti del cliente finale e quindi della customer satisfaction. L architettura integrata di Business Intelligence La realizzazione di un sistema integrato di BI intende trasformare un insieme di innumerevoli applicazioni e data base in un sistema flessibile e scalabile a blocchi modulari, con la possibilità di implementare ciascuno di essi in modo autonomo. Appare quindi come la soluzione ottimale, in grado di rispondere all esigen- 12

5 Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence za di avere a disposizione un profilo completo del cliente finale derivante da informazioni integrate, coerenti e consistenti. Struttura modulare dell architettura integrata Soluzioni Garantia de per Receita CC. Portale Accesso BI Profiling CMS GAC Intelligence Platform Metadati DATA WAREHOUSE Le caratteristiche distintive di tale sistema sono riassumibili in: modularità: le componenti del sistema sono solitamente divise in moduli funzionali, ognuno dei quali può essere implementato e aggiornato in maniera autonoma, secondo le esigenze dell azienda; integrabilità: i vari moduli sono in perfetta connessione fisica e logica tra loro; scalabilità: l architettura deve poter accogliere facilmente nuovi moduli senza necessità di una nuova progettazione; flessibilità: il sistema consente di rispondere in maniera semplice e tempestiva ai cambiamenti di business e più in generale dell azienda; configurabilità: il sistema permette all utente di definire le caratteristiche funzionali dei vari moduli attivati coerentemente con i processi operativi dell azienda; accessibilità: il sistema semplifica l estrazione/esportazione delle informazioni per le successive elaborazioni; 13

6 CARTESIO reporting: il sistema facilita la richiesta e la visualizzazione dei dati presenti nei vari sistemi; rende l utente autonomo nella produzione di report strutturati e facilmente aggiornabili; sicurezza: il sistema ricopre un ruolo delicato e fondamentale in sistemi che contengono sia le informazioni aziendali che quelle dei clienti. Infatti deve essere sempre garantita la riservatezza e l integrità dei dati in qualsiasi occasione di elaborazione e scambio degli stessi. Un esempio di architettura integrata di BI Sistemi Transazionali Data Warehouse Profiling Portale di accesso ai dati (WEB) Interfaccia CC Segmentatore Reporting CMS Query ad hoc Interfaccia configurazione servizi Cliente Interno Customer Care Marketing Sales Finance La struttura di un architettura di Business Intelligence è composta principalmente da: Data Warehouse unico, attraverso il quale i vari sistemi DWH di primo e secondo livello sono messi in comunicazione per mezzo della definizione logica di una chiave univoca di identificazione del cliente. 14

7 Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Portale di accesso ai dati, che permette ai clienti interni dell area IT di accedere in qualsiasi momento, via web e tramite la medesima interfaccia utente, sia ai contenuti relativi alle applicazioni che a quelli derivanti dall analisi dei dati. Sistema di Customer Profiling, che costituisce il cuore dell architettura stessa; mette a disposizione tutte le informazioni relative ai momenti di contatto con il cliente, dalla singola transazione, ai dati di risposta alle campagne effettuate, organizzate in analitics giornalieri, o variabili aggregate mensilmente. Soluzioni per strumenti di front end (scheda di sintesi del cliente per Customer Care), che consentono agli operatori del customer care di disporre di informazioni strategiche di sintesi sul cliente allo scopo di garantire un servizio differenziato per quelli di maggior valore. Allo stesso tempo permettono di sfruttare i contatti inbound per azioni di cross-selling ed up-selling oltre alla gestione delle chiamate outbound (supporto alle vendite). Campaign Management System, che permette di comunicare offerte ai segmenti di clientela in un ambiente multicanale e di misurarne i risultati. Reportistica ad hoc, che, inizialmente soddisfatta attraverso la consegna su portale unico, può essere successivamente evasa con l uso di moduli flessibili di reporting. Il Data Warehouse unico Il Data Warehouse costituisce la fonte di dati dei vari componenti dell architettura integrata di BI. Un processo di Data Warehousing è un complesso di attività che consente di trasformare i dati operazionali in informazioni aggregate a supporto delle decisioni. 15

8 CARTESIO Struttura del Data Warehouse unico Sistemi Operazionali Strumenti di ETL Dettaglio dei sistemi di 1 livello (DW) Data Warehouse Unico Un Data Warehouse è una collezione di dati di supporto al processo decisionale fortemente orientata agli utenti, integrata e consistente (anche se alimentato da fonti di dati eterogenee e esterne). La costruzione di un sistema di Data Warehouse comporta la riorganizzazione di dati già presenti in azienda: mentre i dati operazionali si riferiscono ad un arco temporale limitato, perché focalizzati sulla transazione, il DWH deve consentire anche analisi storiche. Quindi un Data Warehouse: 1. raccoglie i dati dai sistemi transazionali utilizzando opportune interfacce; 2. raffina i dati e li integra in insiemi logici in funzione delle esigenze espresse dagli utenti attraverso strumenti di pulitura e trasformazione; 3. carica e memorizza i dati in modo accessibile e di facile comprensione; 4. fornisce accesso diretto ai dati attraverso strumenti di analisi e reportistica. Alla base dell architettura integrata di BI vi è un unico Data Warehouse attraverso il quale i vari sistemi DWH di primo e secondo livello sono messi in comunicazione per mezzo della definizione logica di una chiave univoca di identificazione del cliente. La presenza di un DW unico ha importanti conseguenze sulla semplificazione dell operatività quotidiana: la presenza di un unica base dati, priva di ridondanze, favorisce la diminuzione dell asimmetria informativa tradizionalmente presente tra diverse aree e funzioni aziendali. Ciò fornisce all utente informazioni coerenti che lo portano alla conoscenza approfondita e integrata del cliente finale. 16

9 Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Il sistema di Customer Profiling Il Data Warehouse così costruito va ad alimentare il sistema di Customer Profiling, che costituisce il cuore dell architettura integrata di BI e che mette a disposizione sia analitics giornalieri, sia dati aggregati mensilmente. E in grado di ricevere tutte le informazioni presenti in azienda riguardanti il cliente, raggrupparle e infine calcolare indicatori anagrafici, comportamentali e predittivi per delineare il comportamento attuale e atteso del cliente. Il sistema così costruito è pronto a supportare tutti i processi di gestione della relazione col cliente finale. Il sistema di Customer Profiling Sistemi legacy Sistema di Customer Profiling Normalizzazione dati di dettaglio Calcolo indici di profiling Data Warehouse clienti ANALISI DI PROFILING Segmentazione e clustering su indici e dati Segmentazione e clustering comportamentale Analisi scostamenti e anomalie Gestione campagne Assistenza clienti Attività di marketing In questo contesto emerge chiaramente la complessità di realizzazione, aggiornamento, gestione e manutenzione di un sistema di Profiling, che prevede il coinvolgimento della funzione IT e delle varie aree di business in diverse attività, quali: l individuazione delle esigenze e la mappatura dei dati disponibili; la definizione dei requisiti; l analisi di fattibilità; la definizione delle specifiche tecnico-funzionali; lo sviluppo delle relative soluzioni; i test (Code e Unit test, System e Integration test, User test); il rilascio in esercizio; la gestione delle anomalie in esercizio. 17

10 CARTESIO La gestione dei sistemi di Profiling è pertanto un attività che comporta un impegno notevole in termini di risorse umane e tecnologiche. Un tale sistema apporta indubbi vantaggi; da un lato la possibilità di integrare e rendere disponibili per tutti gli utenti sia le informazioni sul cliente presenti sul DWH sia i dati esterni; inoltre permette, attraverso indicatori di calcolo, di descrivere dettagliatamente il cliente ed il suo comportamento; infine rende possibile la segmentazione della customer base. I risultati sono poi fruibili da chiunque in azienda abbia accesso allo strumento attraverso sistemi di analisi e di reporting. Dunque il Customer Profiling rappresenta una sorta di punto d incontro nella struttura aziendale: le informazioni partono dai sistemi informativi, giungono alle aree marketing, vendite, customer care, fino a tornare nuovamente all area IT; in questo modo il flusso di informazioni viene nuovamente veicolato verso le diverse componenti dell architettura integrata. Il Campaign Management System L introduzione di un sistema di esecuzione e gestione automatica delle campagne ha l obiettivo di aumentare il volume di azioni di marketing e di abbatterne i costi. Il corretto utilizzo dello strumento permette al CRM di gestire adeguatamente tutte le fasi del ciclo di vita del cliente, di ridurre il tasso di abbandono, di incrementare la customer base e, in generale, di ottimizzare l uso delle risorse. Infine, la presenza di strumenti di analisi predefiniti, contenenti informazioni quali il canale utilizzato, la quantità di contatti, la percentuale di successo e il costo medio per contatto, consente di analizzare i risultati delle campagne e di misurarne il ROI. Un sistema di Campaign Management, attraverso un interfaccia di facile utilizzo, deve permettere all utente di pianificare, eseguire e analizzare i risultati (in termini di efficienza e di efficacia) di un numero sempre maggiore di campagne multicanali. La corretta introduzione di un CMS all interno dell architettura di BI avviene ponendo particolare attenzione all integrazione con i sistemi a monte - DWH e Profiling e con i canali di delivery a valle (piattaforme di invio SMS, , strumenti in dotazione al customer care, ). 18

11 Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Modello e struttura di un Campaign Management System DWH Sistemi di Profiling Idea Campagna Individuazione Target GAC Raffinamento Campagna Misurazione Definizione campagna Esecuzione Campagna Sistemi di esecuzione SMS Call Center mail posta Clarify Infatti, per le fasi di segmentazione, individuazione del target e definizione delle campagne sono fondamentali le informazioni in input provenienti proprio dal Profiling. Analogamente è necessario che i sistemi di esecuzione e delivery siano adeguatamente connessi e dimensionati per rispondere alle esigenze degli utenti delle aree marketing e CRM in termini di tempi di esecuzione, di monitoraggio e di misurazione dei risultati ottenuti. Soluzioni per strumenti di front-end Un sistema di Customer Profiling e, più in generale, i sistemi di Business Intelligence, forniscono informazioni ai diversi strumenti in uso dagli utenti (marketing, CRM, vendite, customer care ecc.). L architettura integrata di BI prevede che Profiling e Data Warehouse ne ricevano i dati aggiornati di feedback. Un esempio di integrazione col front-end è costituito da un modulo che 19

12 CARTESIO consente agli operatori del customer care di disporre di informazioni strategiche di sintesi e di garantire un servizio differenziato per i clienti a maggior valore. Lo schema di funzionamento proposto è il seguente: La chiamata del cliente viene automaticamente instradata ad un nucleo specializzato di operatori in-bound, formato ad hoc, che accede ad una scheda di sintesi del cliente direttamente dalla schermata del sistema in utilizzo (ad esempio Clarify, Siebel). La scheda è suddivisa in quattro aree: Area 1: principali indici descrittivi ed anagrafici (da Profiling). Area 2: indici e allarmi comportamentali (da Profiling). Area 3: offerte da proporre in base al portafoglio ottimale del cliente (da Profiling). Area 4: campagne commerciali e di retention dedicate al segmento del cliente (da CMS). L operatore utilizza le indicazioni delle Aree 3 e 4 per azioni cross-selling e retention. L esito commerciale del cross-selling o della campagna viene inviato al Customer Profiling (feed-back). Schema di funzionamento della soluzione per il Customer Care Operatori Standard Sistema CRM TOP Routing Interfaccia di Profiling Customer base Operatori Dedicati Sistema CRM Scheda cliente Up-selling Retention Cross-selling Loyalty Azioni Commerciali 20

13 Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence La corretta applicazione di tutte le procedure consente di ottenere indubbi vantaggi. In particolare il feed-back al Profiling fornisce nuove informazioni relative al comportamento del cliente e nuove indicazioni per il lancio delle campagne e per lo sviluppo commerciale dell azienda. Il CRM è in grado di realizzare azioni in-bound mirate. Ma è soprattutto la possibilità di differenziare il livello di servizio erogato dagli operatori del customer care che permette di affinare iniziative di retention e di loyalty ad hoc. E infatti la gestione differenziata dei clienti migliori che consente di incrementare il livello di servizio e cogliere le opportunità per aumentare le revenue, proponendo servizi adeguati al profilo e al valore del cliente. Esempio di scheda di sintesi del cliente Indici di Anagrafica Nome Cliente: Tipo Cliente CONSUMER Anzianità cliente (mesi): 20 Affidabilità cliente: Affidabile Contatti al CC (trimestre): 3 Area Territoriale: - Spesa totale mensile ( ) ( ) 30 Spesa totale Indici di Traffico Consumi totali Indici Strategici Margine totale Indice di abbandono Propensione all acquisto GEN FEB MAR APR GEN FEB MAR APR Portafoglio Offerta Esito Data Portafoglio Campagne Adesione Data Segmento Portafoglio Servizi attivi/potenziali e loro esito Campagne in atto/ potenziali e loro esito I vantaggi di un architettura integrata di BI Una piattaforma integrata di Business Intelligence, strutturata come descritto in precedenza, apporta all utente notevoli vantaggi: 21

14 CARTESIO coerenza e univocità delle informazioni anche tra diverse funzioni aziendali; visione unica del cliente; segmentazione mirata ad azioni commerciali concrete; maggiore capacità di gestione, esecuzione e analisi delle campagne; capacità di azioni di sviluppo inbound; arricchimento del Profiling con dati di feed-back; possibilità di differenziare il livello di servizio erogato dagli operatori del customer care; realizzazione di iniziative di retention e loyalty ad hoc e per singolo cliente. Analogamente per l area IT è possibile conseguire i seguenti benefici in termini di saving: riduzione di sistemi ridondanti: oltre il 30% di risorse liberate in termini di CPU e spazio su disco rigido; ottimizzazione DWH: 15-20% di storage liberato; razionalizzazione del modello di dati sul cliente: fino al 60% di recupero di storage; automazione di query e reportistica: riduzione tra il 35% e l 80% delle query ad hoc; riduzione dei tempi di elaborazione delle richieste dell utente: un ordine di grandezza, passando dalle settimane ai giorni. Le condizioni per raggiungere tali risultati si realizzano attraverso la stretta collaborazione e unione di intenti da parte dei manager dell area IT e delle diverse aree di business. Questi devono definire insieme i set di applicazioni, i data base e le modalità di gestione degli stessi, identificare i sistemi da raggruppare (processo di razionalizzazione dei sistemi), specificare le modalità di comunicazione tra tali sistemi. Per i manager dell area IT diventano quindi sempre più rilevanti, accanto alle tradizionali e fondamentali competenze tecniche, caratteristiche quali la leadership, la capacità di comunicazione all interno e all esterno dell area, la conoscenza del business e del mercato, la propensione al cambiamento. In sostanza un mix di competenze organizzative e relazionali, a complemento di quelle tecniche, che consente una maggiore proattività e una migliore gestione dei progetti. 22

15 Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Collaborazione tra le aree: condizione per il successo di un architettura integrata di BI Disallineamento di obiettivi tra IT e Business FOCUS BUSINESS Processi e regole di business FOCUS IT Applicazioni Tecnologia FOCUS BUSINESS Processi e regole di business Collaborazione tra IT e Business Set di applicativi e DWH da gestire come Business Unit Interfacce che scambiano istruzioni e informazioni FOCUS IT Applicazioni Tecnologia Software Hardware Database Middleware Network Sistemi operativi L implementazione di un architettura integrata di BI si realizza attraverso una serie di progetti complessi e articolati, talvolta raggruppati in numerosi cantieri, con diverse responsabilità e con il coinvolgimento di diverse funzioni aziendali nei vari gruppi di lavoro. Inoltre la caratteristica d integrazione dei sistemi fa sì che essi siano strettamente legati e pertanto priorità e criticità di uno si ripercuotono sugli altri. Di fatto esiste una molteplicità di rischi che possono avere impatti su questi progetti, alcuni dei quali sono: errori di progettazione iniziale: obiettivi e processi mal definiti, mancanza di vision condivisa, risorse inadatte; requisiti in conflitto e/o interpretazione non corretta degli stessi; mancanza di comprensione delle priorità dei diversi attori; cattiva gestione della comunicazione; sottovalutazione dei processi di feedback e più in generale di controllo. Risulta indispensabile, pertanto, prevedere attività di Project Management Office, al fine di mantenere gli obiettivi in termini di tempi, costi e qualità dei risultati. Le attività di PMO riguardano: la pianificazione e condivisione dei prodotti finiti attraverso la strutturazione del piano di lavoro generale e dei singoli cantieri; il monitoraggio delle attività di progetto; 23

16 CARTESIO la raccolta e archiviazione dei documenti dei prodotti finiti accessibili ai componenti dei gruppi di lavoro autorizzati. Operativamente il PMO gestisce i piani di lavoro, i documenti di prodotto finito e gli incontri di stato avanzamento lavori. L ORGANIZZAZIONE DI UN PROJECT MANAGEMENT OFFICE Molte organizzazioni stanno manifestando interesse a costituire e implementare un Project Management Office per supportare servizi manageriali, amministrativi, consulenziali, formativi e tecnici in aziende project management oriented. L esigenza nasce dalla necessità di sistematizzare le modalità di gestione dei progetti, crescenti in numero e complessità, al fine di consentire sia maggiore flessibilità sia maggior controllo in termini di risorse (uomini, costi e tempi). Il PMO può avere varie dimensioni e assumere diverse caratteristiche, da semplice ufficio di supporto ai progetti a centro di eccellenza. Si possono incontrare quindi realtà in cui è costituito da una sola persona dedicata ad attività di coordinamento e supporto fino a diventare una vera e propria funzione organizzativa strutturata; ne consegue il passaggio del PMO da semplice attività a disciplina strategica per ogni organizzazione, guidata dal business e caratterizzata dalla massima attenzione ai clienti e ai prodotti finali. Pertanto la creazione di un PMO deve costituire un cambiamento culturale che spinge le organizzazioni a creare una cultura project based. Gli step necessari per un implementazione efficace sono: identificare la missione e l evoluzione del Project Management Office sulla base di un modello di maturità del project management; riconoscere e superare le barriere all introduzione del PMO; determinare la struttura di PMO adeguata all azienda; definire i ruoli e le responsabilità delle risorse dedicate; creare il Piano preliminare di avvio. Organizzazione PMO - Fattori di successo Cultura di Project Management diffusa Buona valutazione dei progetti Forte sponsorship Efficace attività di staffing in grado di garantire competenze tecniche e ottime capacità relazionali Condivisione della matrice di responsabilità 24

17 Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Le funzioni primarie riconosciute ad un PMO consistono in: armonizzazione dei progetti; impiego ottimale delle risorse; miglioramento dell efficacia della definizione e revisione delle priorità; supporto all attività dei project manager. L evoluzione del PMO in realtà project based dipende essenzialmente dall area di intervento all interno dell organizzazione dell azienda e dall influenza sui risultati aziendali. In altre parole le azioni del PMO possono interessare il singolo progetto fino ad arrivare all intero portafoglio di progetti aziendali, con un influenza strategica crescente che porta alla massima attenzione verso i clienti e i prodotti finali. Ne deve risultare una struttura snella e flessibile, in grado di rispondere rapidamente agli input provenienti dal mercato e adattarsi ai continui cambiamenti del contesto in cui è immersa. Il vantaggio competitivo che ne deriva è enorme: con una buona gestione dei progetti e un infrastruttura che consenta agilità di decisione, le organizzazioni possono operare in modo più efficace all interno di orizzonti strategici brevi. Ad un livello alto, un PMO è progressivamente visto come una componente essenziale che rende possibile il successo dei progetti, e quindi quello dell intera organizzazione. Organizzazione PMO Errori da evitare Mancanza di integrazione con i reali bisogni dell azienda (PMO come corpo estraneo ) Conflittualità tra capo del PMO e capi delle altre funzioni aziendali Mancanza di chiarezza nella distribuzione delle responsabilità tra tutti gli attori (Project manager, Responsabili di funzione.) Riduzione delle funzionalità del PMO a mera produzione di templates (ruolo burocratico) e a controllo dell andamento dei progetti senza produrre reale valore (ruolo di controllo) Oggi la Business Intelligence sta superando i confini dipartimentali per affermarsi, in modo trasversale, in tutte le aree dell impresa e garantire il raggiungimento degli obiettivi in modo allineato alla strategia aziendale. In tale contesto la realizzazione di una piattaforma integrata apporta vantaggi all area IT, e più in generale all intera azienda. Il successo di questa operazione dipende dalle nuove competenze del management IT e dalla sua capacità di relazionarsi con i manager delle diverse aree di business nonché di anticiparne le esigenze. A ciò si deve aggiungere la corretta gestione della complessità dei progetti relativi agli strumenti di BI, attuata grazie alle attività di Project Management Office. Si tratta di un forte cambiamento culturale all interno delle aziende che spesso può trovare strenue resistenze, a cui è opportuno rispondere evidenziando i benefici che tale approccio è in grado di assicurare. 25

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto La conoscenza del Cliente come fonte di profitto Giorgio Redemagni Responsabile CRM Convegno ABI CRM 2003 Roma, 11-12 dicembre SOMMARIO Il CRM in UniCredit Banca: la Vision Le componenti del CRM: processi,

Dettagli

I valori distintivi della nostra offerta di BPO:

I valori distintivi della nostra offerta di BPO: Business Process Outsourcing Partner 3M Software è il partner di nuova generazione, per la progettazione e la gestione di attività di Business Process Outsourcing, che offre un servizio completo e professionale.

Dettagli

Sistemi per le decisioni Dai sistemi gestionali ai sistemi di governo

Sistemi per le decisioni Dai sistemi gestionali ai sistemi di governo Sistemi per le decisioni Dai sistemi gestionali ai sistemi di governo Obiettivi. Presentare l evoluzione dei sistemi informativi: da supporto alla operatività a supporto al momento decisionale Definire

Dettagli

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004 Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari Giovanni Ciccone Stefania De Maria 080 5274824 Marketing Strategico Sistemi Informativi Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI

IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI I consumatori sono saturi e hanno poco tempo, ha sentenziato recentemente Enrico Finzi, presidente di Astra/Demoskopea,

Dettagli

Marketing relazionale e email marketing. Massimo Bosi. Presidente. www.moreco.it

Marketing relazionale e email marketing. Massimo Bosi. Presidente. www.moreco.it Marketing relazionale e email marketing Massimo Bosi Presidente www.moreco.it Il Consumatore Cambia IL CONSUMATORE CAMBIA I consumatori sono always on Esiste un overload di messaggi TO DO conoscere a fondo

Dettagli

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Microsoft Dynamics CRM e le istituzioni finanziare dedicate alle famiglie banche, banche assicurazioni e sim Premessa Ogni impresa che opera nel settore

Dettagli

Un unica piattaforma, tanti benefici. Gestire i dati come un asset aziendale. BUSINESS PRINCIPALI PIATTAFORME DI MERCATO

Un unica piattaforma, tanti benefici. Gestire i dati come un asset aziendale. BUSINESS PRINCIPALI PIATTAFORME DI MERCATO group Datawarehouse Gestire i dati come un asset aziendale. La numerosità delle informazioni all interno delle realtà aziendali operanti su diversi ambiti (Finance, Energy, Industria, Grande Distribuzione,

Dettagli

COME MIGLIORARE IL PROPRIO BUSINESS?

COME MIGLIORARE IL PROPRIO BUSINESS? COME MIGLIORARE IL PROPRIO BUSINESS? Le soluzioni INNOVA CRM sono la risposta L ESIGENZA DI UN NUOVO SISTEMA GESTIONALE E tipico e auspicabile per un Azienda, nel corso degli anni, avere un processo di

Dettagli

Data Warehousing e Data Mining

Data Warehousing e Data Mining Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Sistemi e Informatica A.A. 2011-2012 I primi passi Data Warehousing e Data Mining Parte 2 Docente: Alessandro Gori a.gori@unifi.it OLTP vs. OLAP OLTP vs.

Dettagli

CRM Downsizing Program

CRM Downsizing Program Azzerare i costi inutili del CRM e massimizzare il valore di quanto già realizzato S empre, e in special modo durante periodi di crisi, risulta vitale in azienda individuare tutte le potenziali fonti di

Dettagli

NOTE E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI STRATEGIA E FUNZIONALITÀ

NOTE E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI STRATEGIA E FUNZIONALITÀ LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) STRATEGIA E FUNZIONALITÀ L INTEGRAZIONE DELLE ATTIVITÀ LA COMUNICAZIONE TRA LE UNITA AZIENDALI I PROCESSI DECISIONALI RILEVANZA

Dettagli

GAT.crm Customer Solution Case Study

GAT.crm Customer Solution Case Study GAT.crm Customer Solution Case Study NETSI e GAT.crm danno voce alla tua azienda IN BREVE Profilo aziendale NETSI è attiva da diversi anni sul molti fronti: ad esempio, è infatti uno dei maggiori partner

Dettagli

SysAround S.r.l. L'efficacia delle vendite è l elemento centrale per favorire la crescita complessiva dell azienda.

SysAround S.r.l. L'efficacia delle vendite è l elemento centrale per favorire la crescita complessiva dell azienda. Scheda Il CRM per la Gestione delle Vendite Le organizzazioni di vendita sono costantemente alla ricerca delle modalità migliori per aumentare i ricavi aziendali e ridurre i costi operativi. Oggi il personale

Dettagli

Analisi funzionale della Business Intelligence

Analisi funzionale della Business Intelligence Realizzazione di un sistema informatico on-line bilingue di gestione, monitoraggio, rendicontazione e controllo del Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Francia Marittimo finanziato dal

Dettagli

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) ICT GOVERNANCE ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1 Sviluppo storico del CRM 50 60 Avvento dei brand items e delle agenzie di pubblicità 70 Avvento del

Dettagli

La tua Software House in Canton Ticino. La piattaforma per garantire l efficienza energetica

La tua Software House in Canton Ticino. La piattaforma per garantire l efficienza energetica La tua Software House in Canton Ticino La piattaforma per garantire l efficienza energetica Il CRM: controllo e performance Il CRM, customer relationship management, è una strategia competitiva basata

Dettagli

CRM Strategico Soluzione evoluta per aumentare vendite e soddisfazione dei clienti

CRM Strategico Soluzione evoluta per aumentare vendite e soddisfazione dei clienti CRM Strategico Soluzione evoluta per aumentare vendite e soddisfazione dei clienti Canali e Core Banking Finanza Crediti Sistemi Direzionali Sistemi di pagamento e Monetica CRM Strategico Cedacri ha sviluppato

Dettagli

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 Agenda Il contesto di mercato La centralità del Pricing Come sfruttare le potenzialità

Dettagli

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence Introduzione Definizione di Business Intelligence: insieme di processi per raccogliere

Dettagli

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager è una soluzione completa

Dettagli

OSSERVATORIO CRM. Milano, Circolo della Stampa

OSSERVATORIO CRM. Milano, Circolo della Stampa OSSERVATORIO CRM Milano, Circolo della Stampa E la parola di pietra è caduta Sul mio petto ancora vivo. Non è nulla, ecco, ero preparata. In qualche modo la supererò. Ho molto lavoro oggi: occorre uccidere

Dettagli

VoipNet. La soluzione per la comunicazione aziendale

VoipNet. La soluzione per la comunicazione aziendale VoipNet La soluzione per la comunicazione aziendale grave crisi economica fase recessiva mercati instabili terremoto finanziario difficoltà di crescita per le aziende Il mercato La nuova sfida per le aziende:

Dettagli

SIMULWARE. Datawarehouse e sistemi di BI Dati in qualità, decisioni rapide ed efficaci

SIMULWARE. Datawarehouse e sistemi di BI Dati in qualità, decisioni rapide ed efficaci SIMULWARE Datawarehouse e sistemi di BI Dati in qualità, decisioni rapide ed efficaci Introduzione Il mercato di riferimento per la Business Intelligence è estremamente eterogeneo: dalla piccola azienda

Dettagli

L integrazione del Data Warehouse di Marketing con applicazioni di Campaign Management nel contesto del CRM multicanale: il caso Vodafone Omnitel

L integrazione del Data Warehouse di Marketing con applicazioni di Campaign Management nel contesto del CRM multicanale: il caso Vodafone Omnitel L integrazione del Data Warehouse di Marketing con applicazioni di Campaign Management nel contesto del CRM multicanale: il caso Vodafone Omnitel CRM Conference 2003 18-19 febbraio 2003 - Milano 1 Benvenuto

Dettagli

SMS Strategic Marketing Service

SMS Strategic Marketing Service SMS Strategic Marketing Service Una piattaforma innovativa al servizio delle Banche e delle Assicurazioni Spin-off del Politecnico di Bari Il team Conquist, Ingenium ed il Politecnico di Bari (DIMEG) sono

Dettagli

www.happybusinessapplication.net

www.happybusinessapplication.net www.astudio.it Cosa è HBA Project HBA Project è una Web Business Application gratuita che può essere installata sul proprio dominio come una «personal cloud», alla quale avrà accesso solo l utente che

Dettagli

Ciclo di vita dimensionale

Ciclo di vita dimensionale aprile 2012 1 Il ciclo di vita dimensionale Business Dimensional Lifecycle, chiamato anche Kimball Lifecycle descrive il framework complessivo che lega le diverse attività dello sviluppo di un sistema

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

Marketing relazionale

Marketing relazionale Marketing relazionale Introduzione Nel marketing intelligence assume particolare rilievo l applicazione di modelli predittivi rivolte a personalizzare e rafforzare il legame tra azienda e clienti. Un azienda

Dettagli

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Osservatorio Cloud & ICT as a Service Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Mariano Corso Stefano Mainetti 17 Dicembre 2013 Collaborative Business

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Data warehousing Mario Guarracino Laboratorio di Sistemi Informativi Aziendali a.a. 2006/2007

Data warehousing Mario Guarracino Laboratorio di Sistemi Informativi Aziendali a.a. 2006/2007 Data warehousing Introduzione A partire dalla metà degli anni novanta è risultato chiaro che i database per i DSS e le analisi di business intelligence vanno separati da quelli operazionali. In questa

Dettagli

INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V. Indice

INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V. Indice INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V Indice Gli autori XIII XVII Capitolo 1 I sistemi informativi aziendali 1 1.1 INTRODUZIONE 1 1.2 IL MODELLO INFORMATICO 3 1.2.1. Il modello applicativo 3 Lo strato di presentazione

Dettagli

Dal CRM all ERM: nella condivisione degli obiettivi di business la chiave di una strategia di successo

Dal CRM all ERM: nella condivisione degli obiettivi di business la chiave di una strategia di successo Dal CRM all ERM: nella condivisione degli obiettivi di business la chiave di una strategia di successo ABI CRM 2002 Gabriella Lo Conte Marketing Manager Roma, 13 Dicembre 2002 Agenda TeleAp Customer Relationship

Dettagli

vendite Come organizzare le informazioni Il Customer Relationship Management nelle Istituzioni Finanziarie Europe

vendite Come organizzare le informazioni Il Customer Relationship Management nelle Istituzioni Finanziarie Europe Premessa Analisi dei progetti di Customer Il Customer Il data base per il marketing e per le : Come organizzare le informazioni Più di un terzo delle istituzioni non inserisce ancora in un unico data base

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 6 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 6 Modulo 6 Integrare verso l alto e supportare Managers e Dirigenti nell Impresa: Decisioni più informate; Decisioni

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM in Camomilla Milano

Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM in Camomilla Milano Facoltà di lingua e cultura italiana CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

Lo yield management. Revenue & yield management. Come si inserisce nel sistema di P&C?

Lo yield management. Revenue & yield management. Come si inserisce nel sistema di P&C? Lo yield management Lo yield management può essere definito un metodo per vendere l opportuna quantità di prodotto disponibile al cliente, al momento e al prezzo giusto. Costituisce una guida per allocare

Dettagli

LA SUITE ARCHIMEDE PER LA GESTIONE E L IMPIEGO

LA SUITE ARCHIMEDE PER LA GESTIONE E L IMPIEGO LA SUITE ARCHIMEDE PER LA GESTIONE E L IMPIEGO DEL PERSONALE IN TURNAZIONE Di cosa si tratta? La Suite Archimede è uno strumento scalabile, pratico ed efficiente, per la pianificazione e la gestione strategica

Dettagli

Requisiti della Business Intelligence

Requisiti della Business Intelligence Realizzazione di un sistema informatico on-line bilingue di gestione, monitoraggio, rendicontazione e controllo del Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Francia Marittimo finanziato dal

Dettagli

Modulo Campaign Activator

Modulo Campaign Activator Modulo Campaign Activator 1 Che cosa è Market Activator Market Activator è una suite composta da quattro diversi moduli che coprono esigenze diverse, ma tipicamente complementari per i settori marketing/commerciale

Dettagli

Introduzione alla Business Intelligence

Introduzione alla Business Intelligence SOMMARIO 1. DEFINIZIONE DI BUSINESS INTELLIGENCE...3 2. FINALITA DELLA BUSINESS INTELLIGENCE...4 3. DESTINATARI DELLA BUSINESS INTELLIGENCE...5 4. GLOSSARIO...7 BIM 3.1 Introduzione alla Pag. 2/ 9 1.DEFINIZIONE

Dettagli

EMC Documentum Soluzioni per il settore assicurativo

EMC Documentum Soluzioni per il settore assicurativo Funzionalità EMC Documentum per il settore assicurativo La famiglia di prodotti EMC Documentum consente alle compagnie assicurative di gestire tutti i tipi di contenuto per l intera organizzazione. Un

Dettagli

LA DIMENSIONE TECNOLOGICA DELLA RELAZIONE BANCA CLIENTE. Dott. Paolo Mangione DIREZIONE COMMERCIAL BANKING

LA DIMENSIONE TECNOLOGICA DELLA RELAZIONE BANCA CLIENTE. Dott. Paolo Mangione DIREZIONE COMMERCIAL BANKING 1 LA DIMENSIONE TECNOLOICA DELLA RELAZIONE BANCA CLIENTE Dott. Paolo Mangione DIREZIONE COMMERCIAL BANKIN 2 Numero di Banche (sedi legali) in Italia 1998-2009 3 Numero di sportelli in Italia 1998-2009

Dettagli

05/03/2009. Sociologia della Comunicazione. Importanza delle relazioni. Definizione di CRM A.A. 2008-2009. Logiche ed applicazioni di CRM

05/03/2009. Sociologia della Comunicazione. Importanza delle relazioni. Definizione di CRM A.A. 2008-2009. Logiche ed applicazioni di CRM Sociologia della Comunicazione A.A. 2008-2009 Logiche ed applicazioni di CRM Fulvio Fortezza Importanza delle relazioni Oggi il successo di un impresa non dipende più solo dalle competenze che si originano

Dettagli

Il Customer Relationship Management

Il Customer Relationship Management Il Customer Relationship Management In sintesi In sintesi il Customer Relationship Management può essere definito come una disciplina finalizzata a migliorare l'efficacia elle interazioni con i propri

Dettagli

SNAP Proposte e coupon personalizzati in tempo reale sui canali digitali

SNAP Proposte e coupon personalizzati in tempo reale sui canali digitali SNAP Proposte e coupon personalizzati in tempo reale sui canali digitali Canali e Core Banking Finanza Crediti Sistemi Direzionali Sistemi di pagamento e Monetica SNAP Proposte e coupon personalizzati

Dettagli

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP.

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. INTERVISTA 13 settembre 2012 ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. Intervista ad Ermanno Pappalardo, Lead Solution Consultant HP Software

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Data warehouse Introduzione

Data warehouse Introduzione Database and data mining group, Data warehouse Introduzione INTRODUZIONE - 1 Pag. 1 Database and data mining group, Supporto alle decisioni aziendali La maggior parte delle aziende dispone di enormi basi

Dettagli

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Il Modello di Soddisfazione-Loyalty consente alla banca di scoprire quali azioni mettere in campo per rendere concretamente più fedeli i clienti, incrementandone

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

Database Commerciali/ Marketing. Indice: 1. Gli elementi chiave del db commerciale/ marketing 2. Come si costruisce un db commerciale/ marketing

Database Commerciali/ Marketing. Indice: 1. Gli elementi chiave del db commerciale/ marketing 2. Come si costruisce un db commerciale/ marketing Database Commerciali/ Marketing Indice: 1. Gli elementi chiave del db commerciale/ marketing 2. Come si costruisce un db commerciale/ marketing Database Commerciali/ Marketing Gli elementi chiave del db

Dettagli

Contatti profittevoli

Contatti profittevoli Contatti profittevoli paolo.vitali@yourvoice.com Milano, 25 gennaio 2002 CONTATTARE significa: Informare Proporre nuovi servizi / prodotti Suscitare nuove esigenze Cliente Utente Socio Collega Partner

Dettagli

GAT.crm Customer Solution Case Study

GAT.crm Customer Solution Case Study GAT.crm Customer Solution Case Study SET Contact Center di Successo con VoIp e Crm In breve Profilo aziendale La storia di SET inizia nel 1989 dalla ferma volontà di Valter Vestena, che dopo aver creato

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

fornitore globale per la GDO

fornitore globale per la GDO fornitore globale per la GDO evision srl è specializzata in soluzioni software per le aziende della Grande Distribuzione (alimentare e non), per le piattaforme ortofrutticole e per le aziende manifatturiere.

Dettagli

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI 1. Lavorare per progetti La parola, oltre ad avere il significato del lessico comune, significa anche approccio manageriale, soprattutto da quando

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

Gruppo Telecom Italia Linee Guida del Nuovo Piano Industriale 2014-2016

Gruppo Telecom Italia Linee Guida del Nuovo Piano Industriale 2014-2016 GRUPPO TELECOM ITALIA Il Piano Industriale 2014-2016 Gruppo Telecom Italia Linee Guida del Nuovo Piano Industriale 2014-2016 - 1 - Piano IT 2014-2016 Digital Telco: perché ora I paradigmi di mercato stabile

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale Macro descrizione del progetto Il progetto intende fornire alle amministrazioni locali gli strumenti per un ottimale governo dell erogazione dei servizi sui diversi canali e per la definizione di concrete

Dettagli

Customer Relationship Management. Eleonora Ploncher 3 aprile 2006

Customer Relationship Management. Eleonora Ploncher 3 aprile 2006 Customer Relationship Management Eleonora Ploncher 3 aprile 2006 1. Gli obiettivi Gli obiettivi della presentazione sono volti a definire: 1. gli elementi fondamentali e strutturali di una strategia di

Dettagli

Contact Center Integrato Multicanale dell Area territoriale fiorentina

Contact Center Integrato Multicanale dell Area territoriale fiorentina COMUNE DI FIRENZE Area Comunicazione Contact Center Integrato Multicanale dell Area territoriale fiorentina Forum P.A. - Roma, 08 maggio 2006 I PERCORSI DI CAMBIAMENTO E INNOVAZIONE NEL COMUNE DI FIRENZE

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

Il Cloud Computing nel mondo dei servizi: prospettive per Banche e PA

Il Cloud Computing nel mondo dei servizi: prospettive per Banche e PA Forum Banche e PA 2012 Roma, 23 24 Febbraio 2012 Il Cloud Computing nel mondo dei servizi: prospettive per Banche e PA Monica Pellegrino Research Analyst, ABI Lab Roma, 23 Febbraio 2012-1- Agenda L evoluzione

Dettagli

Scheda. Il CRM per la Gestione del Marketing. Accesso in tempo reale alle Informazioni di rilievo

Scheda. Il CRM per la Gestione del Marketing. Accesso in tempo reale alle Informazioni di rilievo Scheda Il CRM per la Gestione del Marketing Nelle aziende l attività di Marketing è considerata sempre più importante poiché il mercato diventa sempre più competitivo e le aziende necessitano di ottimizzare

Dettagli

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT)

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) CONSIP S.p.A. Allegato 6 Capitolato tecnico Capitolato relativo all affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) Capitolato Tecnico

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

DEFINIO REPLY FINANCIAL PLATFORM

DEFINIO REPLY FINANCIAL PLATFORM DEFINIO REPLY FINANCIAL PLATFORM Definio Reply è una piattaforma tecnologica in grado di indirizzare le esigenze di gestione, analisi e reporting su portafogli di strumenti finanziari (gestiti, amministrati,

Dettagli

RELAZIONE E COMUNICAZIONE. Sviluppare la gestione delle relazioni con i clienti grazie a:

RELAZIONE E COMUNICAZIONE. Sviluppare la gestione delle relazioni con i clienti grazie a: RELAZIONE E COMUNICAZIONE Sviluppare la gestione delle relazioni con i clienti grazie a: Microsoft Office System 2007 Windows Vista Microsoft Exchange Server 2007 è ancora più potente ed efficace, grazie

Dettagli

L integrazione dei dati da fonti interne ed esterne nel processo Order to Cash 27 Maggio, Bardolino

L integrazione dei dati da fonti interne ed esterne nel processo Order to Cash 27 Maggio, Bardolino L integrazione dei dati da fonti interne ed esterne nel processo Order to Cash 27 Maggio, Bardolino AICS MEETING DAY 2009 Agenda La partnership La survey L integrazione Le soluzioni 2 Agenda La partnership

Dettagli

ORDINE DEGLI ATTUARI

ORDINE DEGLI ATTUARI La Funzione Attuariale in ottica Solvency 2 La Data Governance Paola Scarabotto Roma, 1 luglio 2014 Agenda I requisiti normativi e regolamentari Principi di riferimento Architettura dei processi DQ Rischi

Dettagli

CRM per il marketing associativo

CRM per il marketing associativo CRM per il marketing associativo Gestire le relazioni e i servizi per gli associati Premessa Il successo di un associazione di rappresentanza dipende dalla capacità di costituire una rete efficace di servizi

Dettagli

Una storia di successo: Alpitel

Una storia di successo: Alpitel Una storia di successo: Alpitel La suite applicativa People Talent conquista l'azienda italiana, leader nello sviluppo e nella realizzazione di reti ed impianti per le telecomunicazioni. L esigenza La

Dettagli

L E I N F O R M A Z I O N I P E R F A R E

L E I N F O R M A Z I O N I P E R F A R E L E I N F O R M A Z I O N I P E R F A R E C E N T R O Con InfoBusiness avrai Vuoi DATI CERTI per prendere giuste DECISIONI? Cerchi CONFERME per le tue INTUIZIONI? Vuoi RISPOSTE IMMEDIATE? SPRECHI TEMPO

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Sistemi informazionali La crescente diffusione dei

Dettagli

Come realizzare un progetto CRM eccellente

Come realizzare un progetto CRM eccellente Come realizzare un progetto CRM eccellente Andrea Farinet World Marketing & Sales Forum 2008 Milano, 18 giugno Come valorizzare strategia di marketing e strategia CRM? Di quale CRM hanno realmente bisogno

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

Sistemi informativi secondo prospettive combinate

Sistemi informativi secondo prospettive combinate Sistemi informativi secondo prospettive combinate direz acquisti direz produz. direz vendite processo acquisti produzione vendite INTEGRAZIONE TRA PROSPETTIVE Informazioni e attività sono condivise da

Dettagli

LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO IL CRM DELLA PIATTAFORMA SMARTPLANNER

LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO IL CRM DELLA PIATTAFORMA SMARTPLANNER LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO IL CRM DELLA PIATTAFORMA SMARTPLANNER Il CRM: controllo e performance Il CRM, customer relationship management, è una strategia competitiva basata su processi, controllo,

Dettagli

Business Intelligence Revorg. Roadmap. Revorg Business Intelligence. trasforma i dati operativi quotidiani in informazioni strategiche.

Business Intelligence Revorg. Roadmap. Revorg Business Intelligence. trasforma i dati operativi quotidiani in informazioni strategiche. soluzioni di business intelligence Revorg Business Intelligence Utilizza al meglio i dati aziendali per le tue decisioni di business Business Intelligence Revorg Roadmap Definizione degli obiettivi di

Dettagli

E-Mail. Scheduling. Modalità d invio. E-Mail

E-Mail. Scheduling. Modalità d invio. E-Mail BI BI Terranova, azienda leader in Italia per le soluzioni Software rivolte al mercato delle Utilities, propone la soluzione Software di Business Intelligence RETIBI, sviluppata per offrire un maggiore

Dettagli

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido Starter Package è una versione realizzata su misura per le Piccole Imprese, che garantisce una implementazione più rapida ad un prezzo ridotto. E ideale per le aziende che cercano ben più di un semplice

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - IMPIEGATO SERVIZI MARKETING E COMUNICAZIONE - DESCRIZIONE

Dettagli

Un nuovo modello operativo di filiale focalizzato sullo sviluppo commerciale e la gestione del rischio.

Un nuovo modello operativo di filiale focalizzato sullo sviluppo commerciale e la gestione del rischio. ABILab Forum 2012 Milano 28-29 Marzo Un nuovo modello operativo di filiale focalizzato sullo sviluppo commerciale e la gestione del rischio. Il caso Banco Desio Marcello Sala Responsabile Area Organizzazione

Dettagli

Brochure Internet. Versione 2010.1 The Keyrules Company s.r.l. Pagina 2 di 8

Brochure Internet. Versione 2010.1 The Keyrules Company s.r.l. Pagina 2 di 8 Ogni organizzazione possiede un sistema di regole che la caratterizzano e che ne assicurano il funzionamento. Le regole sono l insieme coordinato delle norme che stabiliscono come deve o dovrebbe funzionare

Dettagli

PMO: così fanno le grandi aziende

PMO: così fanno le grandi aziende PMO: così fanno le grandi aziende Tutte le grandi aziende hanno al loro interno un PMO - Project Management Office che si occupa di coordinare tutti i progetti e i programmi aziendali. In Italia il project

Dettagli

Un potente sistema di monitoraggio delle performance aziendali

Un potente sistema di monitoraggio delle performance aziendali Un potente sistema di monitoraggio delle performance aziendali Scenario di utilizzo Monitorare efficacemente e costantemente le performance aziendali diventa sempre più cruciale per mantenere alti i livelli

Dettagli

MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi

MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi 01 MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi Contenuti 1.0 1.1 1.2 Marketing Automation, un introduzione Cosa e quanto cambia in azienda Le prestazioni Le aziende che utilizzano la marketing

Dettagli

GESTIONE E ORGANIZZAZIONE PER LA COMUNICAZIONE D IMPRESA

GESTIONE E ORGANIZZAZIONE PER LA COMUNICAZIONE D IMPRESA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE PER LA COMUNICAZIONE D IMPRESA A.A. 2012-2013 Mercoledi 7 marzo 2012 La Business Intelligence verso il 2015: Il Collaborative Decision Making Cos è la Business Intelligence (1)

Dettagli

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Piani integrati per lo sviluppo locale Progetti di marketing territoriale Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Sviluppo di prodotti turistici Strategie e piani di comunicazione Percorsi

Dettagli