Introduzione alle possibili articolazioni dei sistemi di contabilità analitica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione alle possibili articolazioni dei sistemi di contabilità analitica"

Transcript

1 Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Introduzione alle possibili articolazioni dei sistemi di contabilità analitica Anno Accademico LE CONFIGURAZIONI DI COSTO Le configurazioni di costo sono addensamenti successivi di costo (aggregazione per somma di elementi di costo) che evidenziano la composizione di un dato oggetto di costo ad un dato stadio del processo produttivo. 2 1

2 LE CONFIGURAZIONI DI COSTO COSTO PRIMO = Σ (materie prime; MOD; altri costi speciali) COSTO INDUSTRIALE = Σ (costo primo; quota di costi generali industriali) COSTO COMPLESSIVO = Σ (costo industriale; quota di costi generali: commerciali, amministrativi, finanziari, tributari) COSTO ECONOMICO-TECNICO = Σ (costo complessivo; costi figurativi) 3 LE CONFIGURAZIONI DI COSTO CONFIGURAZIONE costo primo costo industriale costo complessivo costo economico tecnico valorizzazione delle rimanenze SCOPO CONOSCITIVO esprimere giudizi di convenienza tra produzioni alternative o nei confronti di efficienza dei processi produttivi tra imprese può costituire la base per la formulazione del prezzo di vendita tenendo conto di un certo mark-up può costituire la base per esprimere la convenienza del prodotto che esiste nella misura in cui i ricavi riescono a coprire anche gli oneri figurativi e consentono la formazione di un profitto 4 2

3 METODOLOGIE DI CALCOLO DEI COSTI FULL COSTING SU BASE UNICA SU BASE MULTIPLA DIRECT COSTING SEMPLICE EVOLUTO 5 METODOLOGIE DI CALCOLO DEI COSTI: IL DIRECT COSTING DIRECT COSTING SEMPLICE (o contabilità a costi variabili) Solo i costi variabili sono attribuiti al prodotto; i costi fissi sono considerati di competenza del periodo in cui sono stati sostenuti e, essendo costi di capacità, non devono essere imputati alle singole lavorazioni ma al risultato economico di periodo. L imputazione dei costi comuni non viene effettuata. 6 3

4 METODOLOGIE DI CALCOLO DEI COSTI: IL DIRECT COSTING Conto economico consuntivo: Prezzo costi variabili = margine lordo di contribuzione DIRECT COSTING SEMPLICE (o contabilità a costi variabili) rappresenta la capacità del prodotto di coprire i costi fissi 7 METODOLOGIE DI CALCOLO DEI COSTI: IL DIRECT COSTING DIRECT COSTING EVOLUTO Oltre ai costi variabili attribuiti al prodotto, si considerano i costi fissi specifici, ossia quelli che sono direttamente imputabili al prodotto (ad esempio, una campagna pubblicitaria che riguarda solo un determinato prodotto). 8 4

5 METODOLOGIE DI CALCOLO DEI COSTI: IL DIRECT COSTING DIRECT COSTING EVOLUTO Conto economico consuntivo: Prezzo costi variabili = margine lordo di contribuzione costi fissi specifici = margine lordo di contribuzione di secondo grado rappresenta la capacità del prodotto di coprire i costi fissi comuni 9 METODOLOGIE DI CALCOLO DEI COSTI: IL DIRECT COSTING Una esemplificazione AZIENDA CARATTERIZZATA DA COMBINAZIONI P/M/T FRA LORO DIVERSE PENNE A SFERA 1-0,55 = 0,45 ( ) MDC RASOI 1-0,70 = 0,30 ( ) MDC 1 MdC Costi specifici di linea PENNE A SFERA 1-0,55 = 0,45-0,20 = 0,25 2 MdC RASOI 1-0,70 = 0,30-0,03 = 0,

6 METODOLOGIE DI CALCOLO DEI COSTI: IL DIRECT COSTING DIRECT COSTING : vantaggi 1. Limita la problematica delle imputazioni dei costi indiretti 2. Semplifica lo svolgimento della contabilità analitica 11 METODOLOGIE DI CALCOLO DEI COSTI: IL DIRECT COSTING DIRECT COSTING : limiti 1. La logica suppone una perfetta conoscenza della variabilità dei costi rispetto ai volumi 2. I problemi di imputazione non vengono completamente risolti ma solo limitatamente ai costi diretti variabili, in quanto esistono anche dei costi indiretti variabili 3. Esistono oggettive difficoltà nella separazione tra costi fissi e costi variabili 4. Il sistema è utile per calcoli di convenienza, ma in un ottica temporale di breve periodo 12 6

7 METODOLOGIE DI CALCOLO DEI COSTI: IL FULL COSTING FULL COSTING (contabilità a costi pieni) A partire dal costo diretto, viene attribuita al prodotto una quota di tutti i costi sostenuti dall azienda per effettuare la loro produzione. Si fonda sul principio dell assorbimento integrale dei costi. 13 METODOLOGIE DI CALCOLO DEI COSTI: IL FULL COSTING FULL COSTING Conto economico consuntivo: Prezzo costi variabili = margine lordo di contribuzione costi fissi specifici = margine lordo di contribuzione di secondo grado costi fissi comuni (indiretti)= reddito netto 14 7

8 METODOLOGIE DI CALCOLO DEI COSTI: IL FULL COSTING FULL COSTING (calcolo a costi pieni) CONFIGURAZIONI DI COSTO LE PIU COMPLETE POSSIBILI 2 PROBLEMI A. quali elementi di costo fisso includere nel calcolo B. quale metodo utilizzare nell attribuzione di tali elementi all oggetto di calcolo 15 METODOLOGIE DI CALCOLO DEI COSTI: IL FULL COSTING IMPUTAZIONE DEI COSTI CON IL METODO DELLA BASE UNICA ELEMENTI DI COSTO M.O.D. COEFF. D IMPUTAZIONE ( ) PRODOTTI/SERVIZI SERVIZIO A M.P. COSTI SERVIZIO B SERVIZIO C 16 8

9 METODOLOGIE DI CALCOLO DEI COSTI: IL FULL COSTING Criteri di imputazione dei costi indiretti: L ORIENTAMENTO AI FATTORI PRIMI CLASSI DI COSTO PER NATURA MATERIE PRIME COMPONENTI LAVORO DIRETTO PRESTAZIONI ESTERNE UNITA DI PRODOTTO COSTO DIRETTO AMMORTAM. STIPENDI COSTO INDIRETTO.. BASE DI RIPARTIZIONE 17 METODOLOGIE DI CALCOLO DEI COSTI: IL FULL COSTING Criteri di imputazione dei costi indiretti: L ORIENTAMENTO FUNZIONALE CLASSI DI COSTO PER NATURA MATERIE PRIME COMPONENTI LAVORO DIRETTO PRESTAZIONI ESTERNE AMMORTAM. STIPENDI.. Cti indiretti produz. UNITA DI PRODOTTO COSTO DIRETTO COSTO INDIRETTO AGGREGAZIONE DI COSTO FUNZIONALE BASE DI RIPARTIZIONE 18 9

10 METODOLOGIE DI CALCOLO DEI COSTI: IL FULL COSTING Criteri di imputazione dei costi indiretti: L ORIENTAMENTO ALLE FASI CLASSI DI COSTO PER NATURA MATERIE PRIME COMPONENTI LAVORO DIRETTO PRESTAZIONI ESTERNE AGGREGAZIONE DI COSTO PER FASE (CENTRI DI COSTO) UNITA DI PRODOTTO COSTO DIRETTO AMMORTAM. STIPENDI CDLC 1 CDLC 2 CDLC n COSTO INDIRETTO.. BASE DI RIPARTIZIONE 19 LA CONTABILITÀ PER CENTRI DI COSTO Principi utili all individuazione e alla definizione dei centri di costo 1. Omogeneità delle attività compiute all interno del centro di costo; 2. Omogeneità della dotazione di fattori produttivi; 3. Significatività dei costi localizzati nel centro; 4. Possibilità di individuare un responsabile per il centro. Scopo sottostante all individuazione dei centri di costo Caratteristiche delle attività raggruppate all interno dei centri di costo 20 10

11 LA CONTABILITÀ PER CENTRI DI COSTO Le fasi per la determinazione del costo di produzione con questo tipo di contabilità sono: 1. definizione di un piano per centri di costo; 2. scelta degli elementi di costo da includere nel calcolo e dei criteri di localizzazione dei costi nei centri di costo; 3. attribuzione dei costi dei centri intermedi ai centri di costo finali previa definizione di opportune basi di ripartizione; 4. imputazione dei costi all oggetto di calcolo. 21 1) DEFINIZIONE DEL PIANO DEI CENTRI DI COSTO Si definiscono le unità operative che costituiscono gli oggetti di costo «intermedi» rispetto all oggetto di costo «finale» costituito dal prodotto. Centri di costo intermedi: quando i costi in essi localizzati vengono attribuiti ad altri centri di costo (es.: reparto manutenzione, ufficio contabilità, ). Centri di costo finali: se da essi i costi vengono attribuiti ai prodotti (es.: reparti di produzione). Centri produttivi: operano il processo di trasformazione dei fattori produttivi in prodotti finiti. Centri ausiliari: svolgono una funzione di supporto alla produzione. Centri comuni: svolgono attività necessarie per il funzionamento dell azienda. Centri virtuali: non hanno un riferimento all organizzazione ma sono creati per accumulare costi generali che non sono relativi né a unità organizzative, né ad altri centri di costo

12 1) DEFINIZIONE DEL PIANO DEI CENTRI DI COSTO Comuni (o di struttura): amministrazione: contabilità; finanza; controllo di gestione; commerciale: direzione commerciale; marketing operativo; marketing strategico; servizi generali: personale ed organizzazione; EDP. 23 1) DEFINIZIONE DEL PIANO DEI CENTRI DI COSTO Ausiliari: manutenzione; controllo quoalità cabina elettrica; magazzini; Produttivi (es. in uno stabilimento di filatura): battitoi; pettinatura; stiratoi; 24 12

13 2) LOCALIZZAZIONE DEI COSTI NEI CENTRI DI COSTO Si considerano i costi indiretti rispetto al prodotto che possono, a loro volta, essere diretti o indiretti rispetto a determinati centri di costo. Occorre, quindi, individuare un parametro di localizzazione. Per ognuna delle voci di costo che vengono attribuite ai vari centri si pongono problemi di definizione quantitativa e di localizzazione. Es.: la manodopera indiretta, generalmente, si localizza nel centro di costo in funzione dei valori di tempo di impiego del lavoro utilizzando tabelle di rilevazione dell impegno giornaliero della manodopera diretta. 25 2) LOCALIZZAZIONE DEI COSTI NEI CENTRI DI COSTO COSTO Manodopera diretta e supervisione Ammortamento impianti Assicurazione impianti Affitti Manutenzione fabbricati Ammortamenti fabbricati Materie di consumo Prestazioni di terzi Pubblicità Viaggi/trasferte Comunicazioni telefoniche Riscaldamento/pulizia/vigilanza Energia/acqua/gas N. persone costo del personale ore di MOD diretta Localizzazione diretta (se l impianto opera in un unico centro) Valore impianti (se unica globale) Spazio occupato Spazio occupato Spazio occupato Localizzazione diretta Localizzazione diretta Localizzazione diretta Localizzazione diretta Rilevazione scatti numero telefonate Spazio occupato PARAMETRO Rilevazione consumi (costo diretto) o sulla base di un calcolo di consumo teorico 26 13

14 2) LOCALIZZAZIONE DEI COSTI NEI CENTRI DI COSTO Centri produttivi: manodopera diretta e indiretta; stipendi tecnici; forza motrice; illuminazione; materiali ausiliari di consumo; manutenzioni; lavorazioni esterne; ammortamenti; spese diverse industriali; 27 2) LOCALIZZAZIONE DEI COSTI NEI CENTRI DI COSTO Centri di struttura commerciali: stipendi commerciali; provvigioni di vendita; viaggi e trasferte; pubblicità; trasporti; consulenze; mostre e fiere; 28 14

15 2) LOCALIZZAZIONE DEI COSTI NEI CENTRI DI COSTO Centri di struttura amministrativi: stipendi direzione generale, amministrativi ed altre aree funzionali; compensi amministratori e sindaci; consulenze; cancelleria, spese postali e telefoniche; fitti passivi; assicurazioni; 29 3) CHIUSURA DEI CENTRI DI COSTO Problema: imputazione dei costi totali dei centri intermedi ad altri centri che hanno usufruito dei servizi da essi prodotti. È necessario chiudere : i centri di costo ausiliari: attraverso la misurazione diretta del servizio reso al centro di produzione (es.: rilevazione delle ore di manutenzione svolte dal centro di manutenzione nei vari reparti); in modo indiretto, in proporzione alla attività svolta dal centro utente (es.: il consumo di elettricità o le ore di funzionamento degli impianti possono costituire basi di riparto indicatrici del suo livello di attività) i centri comuni (o di struttura): direttamente sul prodotto; sui centri di costo produttivi ed ausiliari dopo aver scelto una opportuna base di riparto

16 4) CALCOLO DEL COSTO DI PRODOTTO Dopo la chiusura dei centri ausiliari (ed eventualmente di quelli comuni) i centri produttivi presentano un totale di costi che deve essere attribuito ai prodotti finali. Si deve trovare una quantità (una risorsa significativa utilizzata nel centro: ore uomo; ore macchina) che esprima in modo omogeneo l output dei singoli centri produttivi, ovvero il risultato in termini quantitativi dell attività del centro. Rapportando il costo totale del centro al totale di output si ottiene un coefficiente unitario di costo che serve per l imputazione dei costi ai prodotti, mediante la moltiplicazione tra esso e le unità di output contenute nei diversi prodotti. 31 CONCLUSIONI Il processo di determinazione di un costo si concretizza nelle seguenti fasi: 1. definizione degli obiettivi conoscitivi del calcolo dei costi; 2. definizione degli oggetti di costo; 3. classificazione dei costi elementari; 4. localizzazione dei costi indiretti ai centri di costo (produttivi, ausiliari e comuni); 5. ribaltamento dei costi indiretti dai centri di costo ausiliari e comuni a quelli produttivi; 6. imputazione dei costi dei centri produttivi agli oggetti di costo

17 METODOLOGIE DI CALCOLO DEI COSTI: L ACTIVITY BASED COSTING L arbitrarietà ha 2 ragioni fondamentali: E CONNATURATA AL PROCESSO DI RIPARTIZIONE DEI COSTI COMUNI: per attribuire ai singoli prodotti quote di costi generali e indispensabile fare ricorso a stime e a valutazioni soggettive DERIVA DALL USO IMPROPRIO DI BASI DI RIPARTIZIONE VOLUMETRICHE : attribuire costi che in gran parte sono fissi attraverso parametri quali le ore di mano d opera o le ore macchina significa ignorare i rapporti causa effetto che legano i prodotti al consumo di risorse 33 METODOLOGIE DI CALCOLO DEI COSTI: L ACTIVITY BASED COSTING Full costing e il fenomeno del sovvenzionamento incrociato La ripartizione dei costi generali attraverso parametri volumetrici finisce spesso col penalizzare i prodotti ad alti volumi e col premiare quelli con volumi di produzione e di vendita più ridotti che, a volte, sono responsabili dell aumento dei costi dei centri di supporto PRODOTTI AD ALTO VOLUME ALTE QUOTE DI RICARICO DEI COSTI GENERALI SOVRASTIMA DEL COSTO SOTTOSTIMA DELLA REDDITIVITA PRODOTTI A BASSO VOLUME BASSE QUOTE DI RICARICO DEI COSTI GENERALI SOTTOSTIMA DEL COSTO SOVRASTIMA DELLA REDDITIVITA 34 17

18 METODOLOGIE DI CALCOLO DEI COSTI: L ACTIVITY BASED COSTING ESEMPIO DI SOVVENZIONAMENTO INCROCIATO LINEA DI PRODOTTO NUMERO DI UNITA MANO D OPERA MATERIE PRIME SPESE GENERALI COSTI TOTALI FATTURATO UTILE Situazione di partenza X Y 10 TOTALE METODOLOGIE DI CALCOLO DEI COSTI: L ACTIVITY BASED COSTING ESEMPIO DI SOVVENZIONAMENTO INCROCIATO Situazione al momento dell introduzione del prodotto Z LINEA DI PRODOTTO X Y Z TOTALE NUMERO DI UNITA MANO D OPERA MATERIE PRIME SPESE GENERALI COSTI TOTALI FATTURATO UTILE

19 METODOLOGIE DI CALCOLO DEI COSTI: L ACTIVITY BASED COSTING Il fenomeno del sovvenzionamento incrociato si verifica solo se SPESE GENERALI e VOLUMI variano in modo non proporzionale IPOTESI A VAR % SG = VAR. % VOL NESSUN SOVVENZIONAMENTO INCROCIATO IPOTESI B VAR % SG > VAR. % VOL SOVV. INCR. A FAVORE DEI NUOVI PRODOTTI IPOTESI C VAR % SG < VAR. % VOL SOVV. INCR. A FAVORE DEI VECCHI PRODOTTI 37 METODOLOGIE DI CALCOLO DEI COSTI: L ACTIVITY BASED COSTING L IDEA CHIAVE CONSISTE NELL ATTRIBUIRE LE SPESE GENERALI AI PRODOTTI IN MODO DIVERSO LE SPESE GENERALI NON DEVONO ESSERE COLLEGATE SOLO AI VOLUMI PRODUTTIVI 38 19

20 METODOLOGIE DI CALCOLO DEI COSTI: L ACTIVITY BASED COSTING L ACTIVITY BASED COSTING TIENE CONTO DELLA COMPLESSITA ATTRAVERSO L INDIVIDUAZIONE DEI COST DRIVERS I COST DRIVERS SONO OPERAZIONI OD EVENTI DI VARIO GENERE CHE INFLUENZANO IN MODO DIRETTO LA REALIZZAZIONE DI CERTE ATTIVITA E, DI CONSEGUENZA, DETERMINANO IL COMPORTAMENTO ED IL SOSTENIMENTO DEI COSTI 39 METODOLOGIE DI CALCOLO DEI COSTI: L ACTIVITY BASED COSTING ESEMPI DI COST DRIVERS ATTIVITA COST DRIVERS A. APPROVVIGIONAMENTO B. SPEDIZIONI MAGAZZINO C. MANUTENZIONE PREVENTIVA D. ATTREZZAGGIO E. GESTIONE RETE COMMERCIALE F. ASSISTENZA TECNICA G. FATTURAZIONE H. GESTIONE CREDITI A. NUMERO ORDINI D ACQUISTO B. NUMERO LINEE DI SPEDIZIONE C. NUMERO CAMBI STAMPO D. NUMERO LANCI IN PRODUZIONE E. NUMERO DI VENDITORI-CLIENTI F. NUMERO/TEMPO INTERVENTI G. NUMERO FATTURE - NUMERO RIGHE FATTURA H. NUMERO SOILLECITI - AFFIDAMENTI 40 20

21 METODOLOGIE DI CALCOLO DEI COSTI: L ACTIVITY BASED COSTING Un esempio pratico di applicazione dell activity based costing PROD. X PROD. Y PROD. Z TOTALI PRODUZIONE E VENDITE (UNITA ) COSTO TOT. M.P. COSTO TOT. MOD ORE MOD ORE MACCHINA SPESE GENERALI: ATTREZZAGGI MACCHINA RICEVIMENTO IMBALLAGGIO REPARTO TECNICO TOT. SP. GENERALI PREZZI DI VENDITA ,33 1, METODOLOGIE DI CALCOLO DEI COSTI: L ACTIVITY BASED COSTING Il metodo con base di ripartizione unica BASE DI RIPARTIZIONE ORE MOD TOTALE SPESE GENERALI TOTALE ORE MOD = 21 /h X Y Z MANO D OPERA MATERIALI SPESE GENERALI TOT. COSTO DI PRODUZIONE

22 METODOLOGIE DI CALCOLO DEI COSTI: L ACTIVITY BASED COSTING Il metodo con base di ripartizione multipla TOTALE SPESE PER MATERIALI TOTALE ORE MACCHINA BASI DI RIPARTIZIONE RICEVIMENTO ATTR./MACCH./ IMBALL./REP.TECN = 35% =18,6 /h X Y Z MANO D OPERA MATERIALI RICEVIMENTO ,9 ALTRE SPESE GENERALI TOT. COSTO DI PRODUZIONE 24,7 18,6 37,2 66,5 57,6 58,1 43 METODOLOGIE DI CALCOLO DEI COSTI: L ACTIVITY BASED COSTING L activity based costing ha bisogno di ulteriori informazioni E NECESSARIO CONOSCERE CON PRECISIONE I COSTI LEGATI A CIASCUNA ATTIVITA ED I RELATIVI COST DRIVERS COST DRIVERS X Y Z TOT. ATTIVITA DI RIFERIMENTO COSTO TOTALE COSTO UNITARIO N DI ATTREZZAGGI ATTREZZAGGIO N DI CONSEGNE IMBALLAGGIO N DI ORDINI RICEVIMENTO N ORDINI IN PRODUZ REP. TECNICO ORE MACCHINA 1, MACCHINE

23 METODOLOGIE DI CALCOLO DEI COSTI: L ACTIVITY BASED COSTING L activity based costing produce i seguenti risultati: X Y Z MANO D OPERA MATERIALI S.G. MACCHINE S.G. ATTREZZAGGIO S.G. RICEVIMENTO S.G. IMBALLAGGIO S.G. REP. TECNICO TOT. COSTO PRODUZIONE 13, ,10 0,81 2,34 3,73 0,35 2,82 1,17 3,73 2,5 44,3 19,53 23,31 53,31 50,07 126,64 45 METODOLOGIE DI CALCOLO DEI COSTI: L ACTIVITY BASED COSTING I MARGINI EVIDENZIATI DALL ACTIVITY BASED COSTING SONO NOTEVOLMENTE DIVERSI DA QUELLI OTTENUTI CON IL METODO TRADIZIONALE PER ALCUNI PRODOTTI, ADDIRITTURA, IL COSTO E SUPERIORE AL PREZZO X Y Z PREZZO DI VENDITA BASE DI RIP. UNICA BASE DI RIP. PLURIME 66,5 57,6 58,1 ACTIVITY BASED COSTING 53,31 50,07 126,

24 METODOLOGIE DI CALCOLO DEI COSTI: L ACTIVITY BASED COSTING IN TALI TERMINI, LA DISTORSIONE DEI COSTI PUO ESSERE PARTICOLARMENTE GRAVE FATTORI DI PRESSIONE DECISIONE CONSEGUENZE SUI COSTI CLIENTI AMPL. GAMMA PRODOTTI E SERVIZI AUMENTO DELLA COMPLESSITA MAGGIORI COSTI DI SUPPORTO SOVVENZIONAMENTO INCROCIATO VALUTAZIONE DELLA STRATEGIA CONSEGUENZE FINALI VECCHI PRODOTTI PENALIZZATI NUOVI PRODOTTI BENEFICIATI OK! SUCCESSO DEI NUOVI PRODOTTI IN QUANTO AVVANTAGGIATI DALLA MINORE INCIDENZA DELLE SPESE GENERALI CRESCONO I NUOVI PRODOTTI AUMENTANO LE S.G. DIMINUISCE IL PROFITTO 47 24

Corso di Programmazione & Controllo Lez. 3. Docente: Alessandro Scaletti

Corso di Programmazione & Controllo Lez. 3. Docente: Alessandro Scaletti Corso di Programmazione & Controllo Lez. 3 Docente: Alessandro Scaletti Autonomia Responsabilità Controllabilità il responsabile deve tendere a controllare ed ottimizzare i ricavi che può direttamente

Dettagli

Programmazione e controllo e analisi dei costi II Parte. Cap. 3 Costo di prodotto e contabilità per centri di costo

Programmazione e controllo e analisi dei costi II Parte. Cap. 3 Costo di prodotto e contabilità per centri di costo Programmazione e controllo e analisi dei costi II Parte Cap. 3 Costo di prodotto e contabilità per centri di costo Prof. Nicola Castellano nicola.castellano@unimc.it Riferimenti Bibliografici: Cinquini

Dettagli

CONTABILITÀ GESTIONALE: METODI DI CALCOLO DEI COSTI

CONTABILITÀ GESTIONALE: METODI DI CALCOLO DEI COSTI Prova di verifica CONTABILITÀ GESTIONALE: METODI DI CALCOLO DEI COSTI di Rossana MANELLI ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE: ECONOMIA AZIENDALE (Classe 5 a IT Indirizzo AFM; Articolazione SIA; Articolazione

Dettagli

MODALITA D IMPUTAZIONE DEI COSTI DIRETTI

MODALITA D IMPUTAZIONE DEI COSTI DIRETTI MODALITA D IMPUTAZIONE DEI COSTI DIRETTI Si attribuiscono mediante la seguente formula: QUANTITA DI RISORSA X PREZZO UNITARIO Ad es. costo del personale sarà dato da: Costo orario x n ore prestate MODALITA

Dettagli

I modelli di analisi reddituale con il direct costing e con il full costing.

I modelli di analisi reddituale con il direct costing e con il full costing. I modelli di analisi reddituale con il direct costing e con il full costing. 1 La metodologia direct costing imputa ai prodotti i soli costi variabili ed esclude i costi fissi. Poiché i costi fissi non

Dettagli

Calcolare il costo dei prodotti

Calcolare il costo dei prodotti Calcolare il costo dei prodotti Metodi alternativi a confronto Parte 5 Activity based costing L Activity based costing guarda all azienda non per funzioni, ma per processi identifica i centri di costo

Dettagli

COSTO DI PRODUZIONE I COSTI DI PRODUZIONE CLASSIFICAZIONE COSTI

COSTO DI PRODUZIONE I COSTI DI PRODUZIONE CLASSIFICAZIONE COSTI COSTO DI PRODUZIONE I COSTI DI PRODUZIONE INSIEME DEI COSTI DI UTILIZZAZIONE DEI FATTORI IMPIEGATI IN UN DATO PROCESSO PRODUTTIVO O PER ALLESTIRE UN DATO PRODOTTO Economia Aziendale Milena Serra Corso

Dettagli

Costi diretti ed indiretti - Contabilità

Costi diretti ed indiretti - Contabilità Costi diretti ed indiretti - Contabilità per centri di costo La contabilità per centri di costo Gli oggetti di costo Distinzione tra costi diretti ed indiretti Le configurazioni di costo La Contabilità

Dettagli

Gestione Analitica dei Costi di impresa I anno LM. Management strategico dei costi di impresa II anno LM Opzionale

Gestione Analitica dei Costi di impresa I anno LM. Management strategico dei costi di impresa II anno LM Opzionale Gestione Analitica dei Costi di impresa I anno LM Management strategico dei costi di impresa II anno LM Opzionale Full Costring Richiami dei concetti di base 1-4 Prof.ssa Monia Castellini Configurazioni

Dettagli

IL COSTO DI PRODOTTO E IL COSTO MONETARIO INERENTE UNA DATA QUANTITA DI PRODOTTO

IL COSTO DI PRODOTTO E IL COSTO MONETARIO INERENTE UNA DATA QUANTITA DI PRODOTTO IL COSTO DI PRODOTTO E IL COSTO MONETARIO INERENTE UNA DATA QUANTITA DI PRODOTTO PER POTER ATTRIBUIRE I COSTI A SINGOLE UNITA DI PRODOTTO E NECESSARIO STABILIRE RELAZIONI TRA I FATTORI E I PRODOTTI STESSI

Dettagli

LA DETERMINAZIONE DEL COSTO DI PRODOTTO

LA DETERMINAZIONE DEL COSTO DI PRODOTTO LA DETERMINAZIONE DEL COSTO DI PRODOTTO DIRECT COSTING = SI CONSIDERANO SOLO I COSTI VARIABILI FULL COSTING = SI CONSIDERANO SIA I COSTI VARIABILI CHE QUELLI FISSI T R A D I Z I O N A L I A BASE UNICA

Dettagli

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Sistemi i di controllo di gestione prof. Sergio Mascheretti METODOLOGIE DI CALCOLO DEI : IL FULL NG SCG-L06 Pagina 0 di 22 A) OBIETTIVI DELLA LEZIONE B) BIBLIOGRAFIA DI

Dettagli

Economia Aziendale. Modelli e misure: costi e BEP. Lezione 17 L analisi dei costi

Economia Aziendale. Modelli e misure: costi e BEP. Lezione 17 L analisi dei costi Economia Aziendale Modelli e misure: costi e BEP Lezione 17 L analisi dei costi Prof. Paolo Di Marco Le tipologie di costo In azienda la dimensione del costo può essere descritta in modi diversi. Le diverse

Dettagli

Le condizioni di efficienza e di efficacia nella combinazione dei fattori di produzione. Corso di Economia Aziendale Prof.

Le condizioni di efficienza e di efficacia nella combinazione dei fattori di produzione. Corso di Economia Aziendale Prof. Le condizioni di efficienza e di efficacia nella combinazione dei fattori di produzione Corso di Economia Aziendale Prof. Giuseppe D Onza Misurazioni e strumenti per il controllo dei processi di produzione

Dettagli

Dal costo del prodotto al prezzo di vendita.

Dal costo del prodotto al prezzo di vendita. Newsletter Phedro settembre 2006 Dal costo del prodotto al prezzo di vendita. La logica tradizionale di calcolo del costo di prodotto. Il calcolo del costo del prodotto è nella prassi operativa uno dei

Dettagli

Analisi dei costi Programmazione e Controllo

Analisi dei costi Programmazione e Controllo Analisi dei costi Programmazione e Controllo 2015-2016 A cura della Dott.ssa Silvia Macchia 1 Costi: un diverso focus Contabilità generale Contabilità direzionale I costi sono utilizzati per dare un valore

Dettagli

Facoltà di Economia - Parma 1

Facoltà di Economia - Parma 1 La contabilità per centri di costo 7 LA CONTABILITA PER CENTRI DI COSTO Ai fini di un corretto calcolo del costo di prodotto occorre definire all interno della combinazione produttiva unità operative dette

Dettagli

I costi di produzione

I costi di produzione 1 con tale espressione, si fa riferimento a quel processo teso a. quantificare, in termini monetari, le risorse necessarie per l implementazione del processo produttivo COSTI DI FATTORE esprimono quantità

Dettagli

Pricing & Costing Cost Based Pricing: Il metodo a full costing

Pricing & Costing Cost Based Pricing: Il metodo a full costing Pricing & Costing Cost Based Pricing: Il metodo a full costing G.TOSCANO e A.VINCI Corso: Pricing & Costing LIUC Università di Castellanza Ottobre 2010 Anno accademico 2010/11 1 Il prezzo viene determinato

Dettagli

Il margine di contribuzione di primo livello rapportato alla quantità venduta è il seguente:

Il margine di contribuzione di primo livello rapportato alla quantità venduta è il seguente: 4. METODI DI CALCOLO DEI COSTI Classe 5^A A RIM - I.I.S. Capriotti - San Benedetto del Tronto (AP) 4.1 margine di contribuzione ( ) X11 X19 Totale Ricavi di vendita 360.000 360.000 720.000 Costi variabili

Dettagli

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Paola Demartini Il calcolo del costo di prodotto e la contabilità per centri di costo Il costo unitario di prodotto Conoscere il COSTO UNITARIO DI PRODOTTO

Dettagli

6.1. Lo schema di conto economico a direct costing

6.1. Lo schema di conto economico a direct costing 6.1. Lo schema di conto economico a direct costing Ricavi Costo del venduto variabile Rimanenze iniziali di prodotti finiti (+) Costo dei beni prodotti (+) Rimanenze finali di prodotti finiti (-) Costi

Dettagli

Esercizio 6.1 Prospetto della produzione ottenuta, normal costing. 1. Calcolo dei costi indiretti di fabbricazione sovrassorbiti/sottoassorbiti

Esercizio 6.1 Prospetto della produzione ottenuta, normal costing. 1. Calcolo dei costi indiretti di fabbricazione sovrassorbiti/sottoassorbiti Esercizio 6.1 Prospetto della produzione ottenuta, normal costing 1. Calcolo dei costi indiretti di fabbricazione sovrassorbiti/sottoassorbiti assorbiti 10 000 ore macchina * 5/ora macchina 50 000 effettivi

Dettagli

CONTO ECONOMICO CONTABILE CONTO ECONOMICO CONTABILE

CONTO ECONOMICO CONTABILE CONTO ECONOMICO CONTABILE CONTO ECONOMICO CONTABILE CONTO ECONOMICO CONTABILE Struttura Criterio di di classificazione Costi, ricavi e rimanenze Per natura Per natura Forma A sezioni contrapposte 1 I LIMITI DELLA STRUTTURA A COSTI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti ESAME DEL 12-07-11 DOMANDA 1 Definire ed illustrare graficamente il concetto di Break Even Point ESERCIZIO 1 Il direttore generale della società Salumificio Rossi srl, leader nel mercato europeo degli

Dettagli

LE METODOLOGIE PER LA DETERMINAZIONE DEI COSTI

LE METODOLOGIE PER LA DETERMINAZIONE DEI COSTI LE METODOLOGIE PER LA DETERMINAZIONE DEI COSTI METODO DIRETTO PER CENTRI DI COSTO PER ATTIVITA O ACTIVITY BASED COSTING (ABC) IL PRESUPPOSTO DI BASE DELLA CONTABILITA SEMPLIFICATA O DIRETTA E Sono i prodotti

Dettagli

CONTABILITA DEI COSTI

CONTABILITA DEI COSTI CONTABILITA DEI COSTI IL SISTEMA DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Pianificazione strategica Definizione degli obiettivi e delle linee guida aziendali Controllo direzionale Definizione e perseguimento delle

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti ESAME DEL 08-07-10 ESERCIZIO 1 La società Phone S.p.A. è un azienda in forte crescita che produce apparecchi telefonici in plastica per la telefonia fissa. L imprenditore vuole sapere se la redditività

Dettagli

Indice. Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore In questo volume... XV XXI XXIII XXV

Indice. Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore In questo volume... XV XXI XXIII XXV Indice Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore In questo volume... XV XXI XXIII XXV Introduzione Origini ed evoluzione del controllo direzionale nella letteratura italiana e

Dettagli

costo esercitazione La contabilità per centri di (Caso Pucci) Corso di creazione del valore e reporting integrato

costo esercitazione La contabilità per centri di (Caso Pucci) Corso di creazione del valore e reporting integrato La contabilità per centri di costo esercitazione (Caso Pucci) Dott.ssa Francesca Francioli francioli@economia.unige.it Corso di creazione del valore e reporting integrato Laurea Magistrale AFC a.a. 2014/15

Dettagli

Facoltà di Economia - Parma 1

Facoltà di Economia - Parma 1 L analisi dei costi 3 IL ONETTO DI OSTO on il termine OSTO si vuole indicare il valore degli investimenti effettuati per l acquisto dei fattori produttivi impiegati per l ottenimento di un determinato

Dettagli

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Sistemi i di controllo di gestione prof. Sergio Mascheretti L ATTRIBUZIONE DI RESPONSABILITÀ ECONOMICHE SCG-L07 Pagina 0 di 16 A) OBIETTIVI DELLA LEZIONE B) BIBLIOGRAFIA

Dettagli

Riclassificazione del conto economico

Riclassificazione del conto economico Riclassificazione del conto economico Schema generale comune Ricavi netti di vendita - costi operativi = reddito gestione caratteristica +/- risultato della gestione finanziaria +/- risultato della gestione

Dettagli

CONTROLLO E CONTABILITA

CONTROLLO E CONTABILITA CONTROLLO E CONTABILITA DEI COSTI Agenda Classificazione dei costi Costi variabili e fissi -Modello costo volume profitto Costi diretti e indirietti -La contabilità per centri di costo Analisi degli scostamenti

Dettagli

Calcolare il costo dei prodotti

Calcolare il costo dei prodotti Calcolare il costo dei prodotti Metodi alternativi a confronto Parte 3 Full costing Full costing Prevede che tutti i costi (variabili e fissi; specifici e comuni) siano attribuiti al prodotto (oggetto

Dettagli

Università degli Studi della Tuscia Viterbo -!!Corso di Economia aziendale!!!!!a.a !

Università degli Studi della Tuscia Viterbo -!!Corso di Economia aziendale!!!!!a.a ! Agenda Inquadramento dell analisi negli strumenti di controllo direzionale Per partire (nozioni, classificazione dei costi per le decisioni, ) Finalità conoscitive e nozioni Modalità di classificazione

Dettagli

Esercitazione Sul Budget

Esercitazione Sul Budget Esercitazione Sul Budget Traccia La Garofalo spa, produce e commercializza pasta. Il responsabile amministrativo, con l ausilio dei responsabili delle altre funzioni aziendali, si accinge all elaborazione

Dettagli

CONTABILITA INDUSTRIALE A COSA SERVE?

CONTABILITA INDUSTRIALE A COSA SERVE? Studio di Consulenza dottor Alessandro Tullio Analisi dei Costi e Contabilità Industriale Docente: dottor Alessandro Tullio Corso Canalgrande 90 41100 Modena Tel. 059.4279344 / Fax 059.241901 / e-mail:

Dettagli

Analisi caso: dal budget delle vendite al budget economico

Analisi caso: dal budget delle vendite al budget economico Analisi caso: dal budget delle vendite al budget economico Esempio La società Alfa produce due tipi di prodotti denominati Red e Black. Le vendite previste per l anno n+1 sono di: 320.000 unità di Red

Dettagli

ESERCIZI CAPITOLO 1 X 66,66% (2/3) 70% DA IMPUTARE AL REPARTO IN FUNZIONE DI UNA PREDETERMINATA BASE

ESERCIZI CAPITOLO 1 X 66,66% (2/3) 70% DA IMPUTARE AL REPARTO IN FUNZIONE DI UNA PREDETERMINATA BASE ESERCIZI CAPITOLO 1 ESERCIZIO 1.1.- SOLUZIONE Scheda di costo totale di reparto Elementi di costo ISOLA CAMICIE ISOLA CRAVATTE COSTI DIRETTI di reparto (isola): - manodopera spazi macchinari - stipendio

Dettagli

Conto Economico LEGALE

Conto Economico LEGALE Conto Economico CONTABILE Rende il conto della gestione in forma disorganica ed eterogenea ELENCO VOCI Conto Economico LEGALE Rende il conto della gestione in forma più organica ed omogenea AREE +/- OMOGENEE

Dettagli

Conto Economico LEGALE

Conto Economico LEGALE Conto Economico CONTABILE Rende il conto della gestione in forma disorganica ed eterogenea ELENCO VOCI Conto Economico LEGALE Rende il conto della gestione in forma più organica ed omogenea AREE +/- OMOGENEE

Dettagli

DIRECT COSTING E FULL COSTING NELLA CONTABILITÀ DEI COSTI AZIENDALI

DIRECT COSTING E FULL COSTING NELLA CONTABILITÀ DEI COSTI AZIENDALI DIRECT COSTING E FULL COSTING NELLA CONTABILITÀ DEI COSTI AZIENDALI SOMMARIO schema di sintesi fasi del metodo full costing metodo direct costing Problema: nelle diverse realtà aziendali il management

Dettagli

ABC: determinazione dei costi in base alle attività

ABC: determinazione dei costi in base alle attività ABC: determinazione dei costi in base alle attività L ABCèunmodello,nonunsistema contabile Particolarmente adatto in situazioni produttive caratterizzate: da un alta incidenza dei costi generali di produzione

Dettagli

DISHES Srl (Direct costing evoluto, bea, equiconvenienza, make or buy)

DISHES Srl (Direct costing evoluto, bea, equiconvenienza, make or buy) La Dishes Srl, specializzata nella produzione di stoviglie, possiede una divisione che si occupa esclusivamente di realizzare servizi di piatti. Nello stabilimento di Modena tale divisione realizza due

Dettagli

FITNESS. Costi fissi di commercializzazione e vendita ( ) Ore MOD disponibili in un trimestre

FITNESS. Costi fissi di commercializzazione e vendita ( ) Ore MOD disponibili in un trimestre FITNESS Fitness S.p.A. è un azienda produttrice di abbigliamento per il fitness operante sul mercato europeo. Nel maggio del 2008, il controller stava raccogliendo le informazioni necessarie per elaborare

Dettagli

ripartizione dei costi e dei ricavi comunanza dei costi e dei ricavi

ripartizione dei costi e dei ricavi comunanza dei costi e dei ricavi ripartizione dei costi e dei ricavi nel tempo e nello spazio costi e ricavi di competenza di un periodo costi e ricavi riferiti: - ad aree produttive - a singoli prodotti - a processi produttivi comunanza

Dettagli

Margine di contribuzione Criteri di allocazione. Costi diretti e indiretti Prodotto equivalente. - Facoltà di Ingegneria -

Margine di contribuzione Criteri di allocazione. Costi diretti e indiretti Prodotto equivalente. - Facoltà di Ingegneria - Margine di contribuzione Criteri di allocazione Costi diretti e indiretti Prodotto equivalente Petrolium SpA Petrolium SpA può raffinare ogni anno 500.000 tonnellate di greggio, producendo benzina. I costi

Dettagli

L organizzazione delle imprese. Il piano di marketing

L organizzazione delle imprese. Il piano di marketing Materia: ECONOMIA AZIENDALE Classe: V Sezione: C Indirizzo di studi: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING Docente: PEZZELLA PIO PROGRAMMA SVOLTO Lineamenti della moderna impresa industriale Che cosa s intende

Dettagli

Corso di Economia aziendale

Corso di Economia aziendale Corso di Economia aziendale Lezioni 35,36 e 38 La combinazione dei fattori produttivi 1 La combinazione dei fattori Insieme delle operazioni che riguardano: o la gestione MA ANCHE o la programmazione o

Dettagli

IL PRICING DI PRODOTTO. Dott. Claudio Orsini Studio Cauli, Marmocchi, Orsini & Associati Bologna

IL PRICING DI PRODOTTO. Dott. Claudio Orsini Studio Cauli, Marmocchi, Orsini & Associati Bologna IL PRICING DI PRODOTTO Dott. Claudio Orsini Studio Cauli, Marmocchi, Orsini & Associati Bologna LA DEFINIZIONE DEI PREZZI DI VENDITA La definizione dei prezzi di vendita costituisce una delle operazioni

Dettagli

Esercizio 1.1 Costi diretti e costi indiretti in rapporto ai differenti oggetti di calcolo dei costi: i reparti di produzione

Esercizio 1.1 Costi diretti e costi indiretti in rapporto ai differenti oggetti di calcolo dei costi: i reparti di produzione Esercizio 1.1 Costi diretti e costi indiretti in rapporto ai differenti oggetti di calcolo dei costi: i reparti di produzione ELEMENTI DI COSTO ISOLA CAMICIE ISOLA CRAVATTE COSTI DIRETTI di reparto (isola):

Dettagli

CASI ED ESERCIZI DI CONTABILITA ANALITICA SOLUZIONI

CASI ED ESERCIZI DI CONTABILITA ANALITICA SOLUZIONI CASI ED ESERCIZI DI CONTABILITA ANALITICA SOLUZIONI Esercizio 1: variabilità dei costi Costi fissi = 1.200 (assicurazione) + 320 (bollo) + 3.000 (ammortamento) = 4.520 Costi variabili unitari = 0,21 (carburante)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti ESAME DEL 14-01-10 DOMANDA 1 Descrivere il processo di elaborazione di un budget commerciale (logiche, attori, strumenti etc.) esemplificando attraverso i casi aziendali proposti durante il corso. ESERCIZIO

Dettagli

Dott. Maurizio Massaro

Dott. Maurizio Massaro Dott. Maurizio Massaro Ph. D. in Scienze Aziendali Ricercatore Universitario nell Università degli Studi di Udine 03, Ragioneria 1 La misurazione della performance economicofinanziaria. I sistemi fondati

Dettagli

Capitolo 1 La natura e lo scopo della contabilità 1

Capitolo 1 La natura e lo scopo della contabilità 1 Indice Prefazione Ringraziamenti dell Editore Guida alla lettura XV XIX XXI Capitolo 1 La natura e lo scopo della contabilità 1 1.1 La necessità di informazioni 1 1.1.1 Le informazioni motorie operative

Dettagli

La riclassificazione del Conto Economico Criterio Costi e Ricavi del Venduto

La riclassificazione del Conto Economico Criterio Costi e Ricavi del Venduto Corso di Economia Aziendale Prof. Alberto Kunz a.a. 2015.2016 La riclassificazione del Conto Economico Criterio Costi e Ricavi del Venduto 15 Marzo 2016 Dott.ssa Fabrizia Sarto LA RICLASSIFICAZIONE DEL

Dettagli

Pricing & Costing Cost Based Pricing: il metodo a Direct Costing

Pricing & Costing Cost Based Pricing: il metodo a Direct Costing Pricing & Costing Cost Based Pricing: il metodo a Direct Costing G. TOSCANO e A. VINCI Corso: Pricing & Costing LIUC Università di Castellanza Ottobre 2010 Anno accademico 2010/11 1 Cost- Based Pricing

Dettagli

L analisi di bilancio. La riclassificazione del Conto economico

L analisi di bilancio. La riclassificazione del Conto economico Dipartimento di Scienze umanistiche e sociali Dumas L analisi di bilancio. La riclassificazione del Conto economico Dott. Federico Rotondo frotondo@uniss.it Economia aziendale: lezioni n. 29-30 Metodi

Dettagli

PIANO CENTRI RESPONSABILITA E CENTRI DI COSTO : ipotesi di lavoro. A cura di Paolo Parodi 1

PIANO CENTRI RESPONSABILITA E CENTRI DI COSTO : ipotesi di lavoro. A cura di Paolo Parodi 1 PIANO RESPONSABILITA E DI COSTO : ipotesi di lavoro A cura di Paolo Parodi 1 L IMPOSTAZIONE Preliminarmente occorre individuare la struttura organizzativa per individuare i DI RESPONSABILITA I centri di

Dettagli

ESERCIZI. MDC e BEP Margine di Sicurezza Leva Operativa. Giulia Rita Biavati Docente responsabile: Emidia Vagnoni

ESERCIZI. MDC e BEP Margine di Sicurezza Leva Operativa. Giulia Rita Biavati Docente responsabile: Emidia Vagnoni ESERCIZI MDC e BEP Margine di Sicurezza Leva Operativa Giulia Rita Biavati Docente responsabile: Emidia Vagnoni LE CLASSIFICAZIONI DI COSTO VARIABILITA RISPETTO AL LIVELLO DI ATTIVITA ATTRIBUZIONE ALL

Dettagli

perché si ha lo scostamento chi è il responsabile se e come si può intervenire Facoltà di Economia - Parma 1

perché si ha lo scostamento chi è il responsabile se e come si può intervenire Facoltà di Economia - Parma 1 L analisi delle varianze 12 Essa permette il CONFRONTO tra OBIETTIVI ( ()) e RISULTATI. Il fine è quello di individuare: perché si ha lo scostamento chi è il responsabile se e come si può intervenire 2

Dettagli

Meccanismi di simulazione economico-finanziaria. Nicola Castellano - Università di Macerata

Meccanismi di simulazione economico-finanziaria. Nicola Castellano - Università di Macerata Meccanismi di simulazione economico-finanziaria Nicola Castellano - Università di Macerata ncaste@unimc.it 1 la simulazione metodologia decisionale con cui si analizzano le caratteristiche di un sistema

Dettagli

5. L'Activity Based Costing. Corso di Economia ed Organizzazione Aziendale II - a.a

5. L'Activity Based Costing. Corso di Economia ed Organizzazione Aziendale II - a.a 5. L'Activity Based Costing Corso di Economia ed Organizzazione Aziendale II - a.a. 2011-2012 Prof. Lorella Cannavacciuolo lorella.cannavacciuolo@unina.it www.docenti.unina.it/lorella.cannavacciuolo I

Dettagli

Individuare le risposte corrette per ciascun quesito (anche più di una)

Individuare le risposte corrette per ciascun quesito (anche più di una) F. GIUNTA ECONOMIA AZIENDALE QUESITI DI AUTOVALUTAZIONE CAPITOLO IX Individuare le risposte corrette per ciascun quesito (anche più di una) 1. Si ha equilibrio economico quando: a. i ricavi sono uguali

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere CORSO DI ECONOMIA AZIENDALE Lezione 9 I costi: concetti e classificazione Dott. Fabio Monteduro I costi: concetti e classificazione OBIETTIVI

Dettagli

3. I criteri di impostazione della contabilità analitica (o industriale) Corso di Economia ed Organizzazione Aziendale II - a.a.

3. I criteri di impostazione della contabilità analitica (o industriale) Corso di Economia ed Organizzazione Aziendale II - a.a. 3. I criteri di impostazione della contabilità analitica (o industriale) Corso di Economia ed Organizzazione Aziendale II - a.a. 2011-2012 Prof. Lorella Cannavacciuolo lorella.cannavacciuolo@unina.it www.docenti.unina.it/lorella.cannavacciuolo

Dettagli

Il calcolo economico. Le relazioni tra costi e prezzi.

Il calcolo economico. Le relazioni tra costi e prezzi. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI ECONOMIA Il calcolo economico. Le relazioni tra costi e prezzi. Capitolo 6 Chiara Demartini cdemartini@eco.unipv.it 1 RELAZIONI TRA COSTI E PREZZI Nel cap. 5

Dettagli

Comunicazione economico-finanziaria

Comunicazione economico-finanziaria Pagina 1 di 6 Comunicazione economico-finanziaria Bilanci aziendali Il bilancio d esercizio - Il sistema informativo di bilancio - La normativa sul bilancio Le componenti del bilancio civilistico: Stato

Dettagli

DIRECT E FULL COSTING

DIRECT E FULL COSTING DIRECT E FULL COSTING Esercizio 1 Un azienda produce due modelli di prodotti A e B. La contabilità analitica ha elaborato i seguenti dati economici unitari di produzione: A B Materiali diretti 10 14 Manodopera

Dettagli

I PROCESSI DI PRODUZIONE La produzione è la realizzazione dei prodotti, tramite la combinazione dei fattori produttivi. Questa produzione è una

I PROCESSI DI PRODUZIONE La produzione è la realizzazione dei prodotti, tramite la combinazione dei fattori produttivi. Questa produzione è una I PROCESSI DI PRODUZIONE La produzione è la realizzazione dei prodotti, tramite la combinazione dei fattori produttivi. Questa produzione è una attività complessa nella quale convergono più profili di

Dettagli

ANALISI E GESTIONE DEI COSTI

ANALISI E GESTIONE DEI COSTI ANALISI E GESTIONE DEI COSTI Dott.ssa Francesca Mandanici IL REPORTING: L analisi degli scostamenti 17-20 DICEMBRE 2010 Gli scopi conoscitivi dell analisi degli scostamenti SCOPI TRADIZIONALI SCOPI EMERGENTI

Dettagli

Budget. Budget flessibile. Ricavi di vendita ( )

Budget. Budget flessibile. Ricavi di vendita ( ) Esercizio 12.1 Deepsea Il primo passo da effettuare consiste nell elaborazione del budget flessibile, che ci porta a determinare il margine di contribuzione che avremmo dovuto ottenere dai volumi effettivamente

Dettagli

La traccia assegnata come seconda prova di Economia aziendale, nell Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing è strutturata in due parti.

La traccia assegnata come seconda prova di Economia aziendale, nell Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing è strutturata in due parti. Istituto Tecnico - Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Esame di Stato anno scolastico 2015/2016 Svolgimento seconda prova di Economia aziendale La traccia assegnata come seconda

Dettagli

Il Controllo di Gestione e la struttura organizzativa. Davide Vierzi

Il Controllo di Gestione e la struttura organizzativa. Davide Vierzi Il Controllo di Gestione e la struttura organizzativa Davide Vierzi L approccio al controllo di gestione Il controllo di gestione spesso non è sistematico Le cause sono molteplici: Può essere oneroso Non

Dettagli

Reddito d impresa: risultato della gestione (operazioni aziendali) in cui confluiscono forze personali, mezzi ed organizzazione.

Reddito d impresa: risultato della gestione (operazioni aziendali) in cui confluiscono forze personali, mezzi ed organizzazione. Reddito d impresa: risultato della gestione (operazioni aziendali) in cui confluiscono forze personali, mezzi ed organizzazione. I processi tecnici e amministrativi (funzionamento) Acquisizione dei fattori

Dettagli

Punto 2 PUNTO 3. I costi: concetti generali; classificazioni; configurazioni

Punto 2 PUNTO 3. I costi: concetti generali; classificazioni; configurazioni INDICE Punto 1 Punto 2 PUNTO 3 Punto 4 3) L impresa e l efficienza. Il concetto di efficienza I rendimenti fisico-tecnici I costi: concetti generali; classificazioni; configurazioni Il controllo dei costi:

Dettagli

OIC 13 LE RIMANENZE 1

OIC 13 LE RIMANENZE 1 OIC 13 LE RIMANENZE 1 CLASSIFICAZIONE STATO PATRIMONIALE - AREA C C. I RIMANENZE 1. materie prime, sussidiarie e di consumo 2. prodotti in corso di lavorazione e semilavorati 3. lavori in corso su ordinazione

Dettagli

Parte Organizzazione d Impresa

Parte Organizzazione d Impresa NOME COGNOME MATRICOLA Impianti Industriali e Organizzazione d Impresa Allievi Energetici L- Z - Proff. Federico Frattini e Giovanni Miragliotta Appello del 11 Settembre 2012 Parte Organizzazione d Impresa

Dettagli

Riclassificazione di bilancio

Riclassificazione di bilancio Riclassificazione di bilancio Riclassificazione di bilancio a. Cos è b. Finalità c. Criteri 2 a. Cos è Operazione di predisposizione dei dati di bilancio per l analisi economico-finanziaria e patrimoniale

Dettagli

Analisi di bilancio - II

Analisi di bilancio - II Lezione n.7 La mappa del Corso: gli argomenti contesto strategie bilancio prospettica Analisi di bilancio - II L di bilancio: la riclassificazione dell area operativa del Conto Economico confini del settore

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Prof. Antonio Renzi Economia e gestione delle imprese Parte ottava I costi di produzione 1 Argomenti 1. I costi di acquisto dei fattori produttivi 2. I costi di produzione 3. Costi speciali e costi comuni

Dettagli

Tracce esercitazione analisi e contabilità dei cos1. 15 maggio 2015 Caterina Ferrone

Tracce esercitazione analisi e contabilità dei cos1. 15 maggio 2015 Caterina Ferrone Tracce esercitazione analisi e contabilità dei cos1 15 maggio 2015 Caterina Ferrone Esercizio N.1 Sistema a cos1 pieni e variabili La LOVITO Spa presenta i da1 di costo e di ricavo rela1vi al primo mese

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE

RICLASSIFICAZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE RICLASSIFICAZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE 3 1. Attività liquide 2. Rimanenze 8. Pass.tà correnti 10 7 4. Imm. immat. e finanz. 9. Pass.tà consolidate 12 6 5. Imm. tecniche nette 11. Mezzi propri 1 1)

Dettagli

IAS 2 - RIMANENZE DI MAGAZZINO

IAS 2 - RIMANENZE DI MAGAZZINO IAS 2 - RIMANENZE DI MAGAZZINO Le rimanenze sono beni: - posseduti per la vendita nel normale svolgimento dell attività; - impiegati nei processi produttivi per la vendita; - sotto forma di materiali da

Dettagli

Confronto ABC CPCC. in un azienda di medio-piccole dimensioni

Confronto ABC CPCC. in un azienda di medio-piccole dimensioni Confronto ABC CPCC in un azienda di medio-piccole dimensioni L oggetto del caso è un azienda di medio/piccole dimensioni con due distinte aree di business: Verniciatura di materiali metallici Produzione

Dettagli

INDICE. Problemi presenti sul sito

INDICE. Problemi presenti sul sito I-XIV_Romane_Analisi 2-03-2005 11:03 Pagina V INDICE Problemi presenti sul sito Prefazione XI XIII Introduzione Natura e scopo dei sistemi contabili 1 La necessità di informazioni 1 Le informazioni operative

Dettagli

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE Largo Zecca, 4-16124 C.F. 95062410105 PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO TECNICO ECONOMICO CLASSE PRIMA I FONDAMENTI DELL ATTIVITA ECONOMICA: L attività economica La produzione, lo scambio, il consumo,

Dettagli

ESERCIZIO N 2 Sulla base della programmazione quinquennale ( ) dell impresa DELTA S.p.A. sono disponibili i seguenti dati:

ESERCIZIO N 2 Sulla base della programmazione quinquennale ( ) dell impresa DELTA S.p.A. sono disponibili i seguenti dati: ESERCIZIO N 1 Nel corso del 2010, primo anno di vita dell impresa, la ASTRA S.p.A. acquista 600 unità di merci: 150 q. nel mese di marzo al prezzo unitario di 15 ( costo complessivo: 2.225); 200 q. nel

Dettagli

Classe V^ A RIM Esercitazione di Economia Aziendale Contabilità Gestionale

Classe V^ A RIM Esercitazione di Economia Aziendale Contabilità Gestionale Classe V^ A RIM Esercitazione di Economia Aziendale Contabilità Gestionale La Amadio spa ha in produzione due prodotti, X1 e Y2. Nel periodo sono state eseguite le seguenti produzioni: 1. Produzione X1:

Dettagli

I metodi utilizzati per la tenuta di tale tipo di contabilità, possono distinguersi in due tipologie fondamentali:

I metodi utilizzati per la tenuta di tale tipo di contabilità, possono distinguersi in due tipologie fondamentali: /$ &217$%,/,7 '(, &267,, può essere definita, come un insieme di determinazioni economiche-quatitative, mediante le quali, si calcolano i costi di particolari oggetti individuabili, all interno del sistema

Dettagli

Università degli Studi di Sassari Dipartimento di Scienze economiche e aziendali Corso di laurea in Giurisprudenza

Università degli Studi di Sassari Dipartimento di Scienze economiche e aziendali Corso di laurea in Giurisprudenza IL CONTO ECONOMICO Università degli Studi di Sassari Dipartimento di Scienze economiche e aziendali Corso di laurea in Giurisprudenza Corso di Economia Aziendale Prof.ssa Lucia Giovanelli giovanel@uniss.it

Dettagli

Dal bilancio contabile al Bilancio d esercizio destinato a pubblicazione. Il caso TECNIC S.p.a.

Dal bilancio contabile al Bilancio d esercizio destinato a pubblicazione. Il caso TECNIC S.p.a. Dal bilancio contabile al Bilancio d esercizio destinato a pubblicazione Il caso TECNIC S.p.a. Bilancio d esercizio contabile o Situazione contabile (patrimoniale ed economica) finale della SpA Tecnic

Dettagli

PRINCIPALI OPERAZIONI DI GESTIONE

PRINCIPALI OPERAZIONI DI GESTIONE PRINCIPALI OPERAZIONI DI GESTIONE 1. FINANZIAMENTO ACQUISIZIONE DEL CAPITALE MONETARIO 2. IMPIEGO ACQUISIZIONE DEI FATTORI PRODUTTIVI 3. TRASFORMAZIONE 4. VENDITA DEL PRODOTTO 1 IL FINANZIAMENTO E L OPERAZIONE

Dettagli

La Tilco s.p.a. decide di sperimentare la tecnica dell ABC sui quattro prodotti che attualmente

La Tilco s.p.a. decide di sperimentare la tecnica dell ABC sui quattro prodotti che attualmente Il caso Tilco s.p.a. 1 Il calcolo dei costi con la logica ABC La Tilco s.p.a. decide di sperimentare la tecnica dell ABC sui quattro prodotti che attualmente realizza. Le informazioni disponibili sui prodotti

Dettagli

SISTEMA DEL REDDITO IL PRINCIPIO DELLA COMPETENZA

SISTEMA DEL REDDITO IL PRINCIPIO DELLA COMPETENZA SISTEMA DEL REDDITO IL PRINCIPIO DELLA COMPETENZA Reddito d esercizio = Ricavi - Costi Le scritture di esercizio contabili rilevano fenomeni con manifestazione numeraria nel periodo amministrativo: costi/ricavi

Dettagli

Svolgimento 1. CALCOLO DEL VALORE DI SOSTITUZIONE. Valori di sostituzione alla fine di ogni es. Dettaglio calcoli. es.

Svolgimento 1. CALCOLO DEL VALORE DI SOSTITUZIONE. Valori di sostituzione alla fine di ogni es. Dettaglio calcoli. es. ESERCIZIO AMMORTAMENTI dati UN IMMOBILIZZAZIONE TECNICA HA UN COSTO STORICO DI 10.000 EURO, CHE SI RITIENE DI DOVER AMMORTIZZARE IN 8 ANNI CON QUOTE COSTANTI CALCOLATE SUL VALORE DI SOSTITUZIONE. SI IPOTIZZI

Dettagli

L equilibrio finanziario. La riclassificazione del bilancio d esercizio

L equilibrio finanziario. La riclassificazione del bilancio d esercizio L equilibrio finanziario La riclassificazione del bilancio d esercizio Il bilancio civilistico Il Bilancio è il logico punto di partenza per conoscere e comprendere la dinamica della gestione aziendale.

Dettagli

Analisi dei costi-volumi-risultati e decisioni aziendali. A cura di Laura Coggiola

Analisi dei costi-volumi-risultati e decisioni aziendali. A cura di Laura Coggiola Analisi dei costi-volumi-risultati e decisioni aziendali A cura di Laura Coggiola Il Direct Costing MARGINALITA REDDITIVITA RICAVI? PROFITTO COSTI CONTO ECONOMICO GESTIONALE AREA OPERATIVA O CARATTERISTICA

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale Economia aziendale, bilancio, business plan Anno accademico 2016/2017 Prof. Antonio Staffa Prof. Mario Venezia

Dettagli