EL.C.I. Automazione & Elettronica Strada S. Mauro 139 / 6l

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EL.C.I. Automazione & Elettronica Strada S. Mauro 139 / 6l"

Transcript

1 EL.C.I. Automazione & Elettronica Indirizzo Strada S. Mauro 139 / 6l Citta Torino Paese Italia Fax 011 / Telefono 011 / Manuale d uso, installazione e manutenzione quadro di segnalazione allarmi SENTINEL 16 Vers.1.3 Il presente documento annulla e sostituisce la precedente versione

2 Quadro di segnalazione allarmi SENTINEL 16 Il quadro di segnalazione allarmi SENTINEL 16 e stato progettato allo scopo di assicurare continuità di erogazione dei gas per uso terapeutico e di fornire all utilizzatore le informazioni relative alle condizioni di esercizio del proprio impianto di distribuzione quali : contenuto delle bombole di riserva, pressione di serbatoio, stato delle valvole di intercettazione a valle dei riduttori di pressione, ecc. Il quadro e stato progettato in accordo alle seguenti prescrizioni di carattere generale: DISPOSITIVO TESTATO PER LA SENSIBILITA AI DISTURBI ELETTROMAGNETICI E PER LE EMISSIONI INDOTTE SECONDO norme ISO\IEC guida 22 ed EN 45014, EN \92, EN \94, CONFORME ALLA DIRETTIVA 73\23\EEC, 89\336\EEC DISPOSITIVO PROGETTATO PER LE SEGNALAZIONI DI ALLARME SECONDO EN :1998 ( ) EN 475 :1995 ( ) Ogni sentinel prodotto viene collaudato in fabbrica secondo la seguente procedura 1 Burn in di 48 ore a 50 C. 2 Collaudo funzionale assistito da attrezzatura automatica. 3 Collaudo assorbimento. Realizzazione Il quadro di segnalazione allarme SENTINEL 16 è realizzato con un contenitore in ABS con grado di protezione maggiore di IP 44 con una dimensione di 250 mm ( base ) per 195 mm ( altezza ) ed una profondità di 100 mm. Può essere installato ad incasso inserendo nel muro il contenitore per una profondità massima di 70 mm. Viene fornito in un involucro protettivo al cui interno si trova : la centralina di allarme SENTINEL 16 una batteria12 Vdc 1,2 Amph Ogni lotto di SENTINEL 16 risulta accompagnato dal presente manuale di complessive pg Ricambi disponibili Il quadro di segnalazione allarmi SENTINEL 16 dispone dei seguenti ricambi : DESCRIZIONE Scheda principale Scheda alimentazione Trasformatore Coperchio frontale Batteria CODICE Sc1p Sc2a Tr1 Cop B SCOPO DELLA CENTRALINA La centralina ha lo scopo di fornire una segnalazione di allarme in coincidenza con particolari situazioni anomale rilevabili su un impianto di distribuzione gas. 1.2 DESCRIZIONE DELLA CENTRALINA Le situazioni di allarme saranno, tipicamente, rilevate tramite pressostati, rilevatori di posizione, flussostati. Ognuno di questi dispositivi fornirà un segnale di allarme tramite un contatto pulito od una uscita statica del tipo normalmente chiuso in assenza di allarme. Tale segnale sarà alimentato dalla centralina stessa con una tensione di 12 volt corrente continua. Il numero massimo di allarmi rilevabili è di 16 per ciascun dispositivo. Ogni singolo allarme può essere ripetuto dalla centralina stessa tramite un contatto pulito, libero da tensione disponibile sulla apposita morsettiera. In corrispondenza di ogni evento di allarme partiranno una serie di segnalazioni ottiche ed acustiche realizzate nel rispetto delle norme armonizzate europee. Ogni evento di allarme può avere una diversa importanza, tale fatto è evidenziato attribuendogli un livello ( alto, medio, basso ) cui corrispondono delle diverse modalità di segnalazione.

3 Ad ogni diverso livello di allarme devono ovviamente corrispondere dei diversi tempi e criteri di reazione degli operatori di manutenzione che dovranno essere stabiliti dall utilizzatore finale. Allo stesso modo è responsabilità dell utilizzatore decidere quanti e quali punti dell impianto controllare e in quale punto presidiato posizionare il segnalatore di allarme. La programmazione della corrispondenza tra ingresso di allarme e livello di ciascun allarme è oggetto del capitolo Ogni ingresso genererà un allarme sempre che il suo segnale persista per un tempo superiore al tempo di mascheratura. Inoltre, affinchè sia memorizzato dalla centralina, dovrà superare il tempo di preallarme. E possibile tacitare l allarme acustico tramite un pulsante per un tempo di tacitazione prestabilito al raggiungimento del quale si riattiva la segnalazione. In corrispondenza di ciascun allarme o, qualora si verifichi una condizione di guasto\anomalia della centralina, si attiva un segnale fornito tramite un contatto in scambio libero da tensione di allarme generale. L intero dispositivo, alimentato dalla tensione di rete principale, dispone di una batteria interna di BACK UP per poter funzionare in assenza di alimentazione principale. Sul frontale della centralina troviamo : 1. pulsanti di TACITAZIONE allarmi presenti e TEST (accessibili dall esterno) 2. un blocco chiave ed un pulsante di silenziamento 3. circuito di sorveglianza ( watch-dog ) per segnalazione anomalia del sistema facente capo ad un led di segnalazione verde lampeggiante in condizioni di normale funzionamento. 4. L.E.D. ausiliario a luce rossa lampeggiante per segnalazione presenza allarmi (allarme riepilogativo). Questo segnale visivo indichera indistintamente la presenza di uno o piu allarmi nonche la mancanza della tensione di alimentazione da rete (intervento della batteria) o ancora la fase di parametrizzazione livelli di allarme. 5. sedici gruppi di led di segnalazione in corrispondenza di ciascun canale di allarme All interno della centralina troviamo : 2 pulsanti di RESET e PROGRAM necessari alla programmazione iniziale del sistema (accessibili solo dall interno). Sul pannello frontale del contenitore è sistemata una maschera in policarbonato antigraffio.su questa maschera sono stampati in modo indelebile il logo del produttore, il nome del modello di apparecchiatura, il marchio CE ed alcune scritte indicative associate a led e pulsanti. In corrispondenza dei L.E.D. di segnalazione sono presenti finestre trasparenti che consentono di apporre le scritte indicative di ciascun segnale di allarme garantendo il grado IP dichiarato. 1.3 FUNZIONAMENTO DELLA CENTRALINA L apparecchiatura in oggetto svolge autonomamente le seguenti operazioni: 1. acquisizione degli ingressi di allarme provenienti dai pressostati (da 1 a 16; gli ingressi di allarme non utilizzati dovranno essere ponticellati); 2. segnalazione a livello locale dello stato di ciascun ingresso di allarme tramite L.E.D. di tre colori; per ogni ingresso è possibile programmare in modo libero ed indipendente il tipo di indicazione visiva secondo la norma EN475: luce rossa lampeggiante per gli allarmi di alta priorita, luce gialla lampeggiante per gli allarmi di media priorita, luce gialla fissa per gli allarmi di bassa priorita ed infine luce verde fissa per i segnali di informazione ( allarme non presente ). 3. segnalazione a livello locale della condizione di allarme tramite avvisatore acustico con possibilita di regolazione del livello sonoro. La segnalazione avviene con le modalita previste dalla norma EN Eventuale ripetizione tramite avvisatore acustico esterno remotabile. 5. attivazione a livello locale di un L.E.D. a luce rossa lampeggiante e di un contatto in scambio per segnalazione remota della condizione di allarme (uno o piu allarmi presenti oppure mancanza di rete oppure ancora parametrizzazione in corso). 6. ripetizione per segnalazione remota tramite contatti di ripetizione delle 16 linee di allarme controllate. 7. funzione di TEST (attivabile tramite apposito pulsante) per controllare in qualsiasi momento l efficienza degli indicatori visivi ed acustici; questa funzione una volta attivata decadra automaticamente dopo circa 30 secondi.

4 8. funzione di TACITAZIONE (attivabile tramite apposito pulsante) per silenziare temporaneamente e solo a livello acustico gli allarmi pendenti (la segnalazione di tipo visivo rimarra quindi inalterata); allo scadere del tempo di tacitazione, regolabile su 16 valori tra 0 (funzione esclusa ovvero impossibilita di tacitazione) e 15 minuti, se gli allarmi attivi al momento della tacitazione risulteranno ancora presenti gli allarmi acustici torneranno a suonare; l insorgenza di allarmi nuovi causera invece l immediata attivazione delle suonerie. 9. funzione di programmazione dei parametri di funzionamento per la personalizzazione del modo operativo del sistema. Sara possibile modificare: a) il tempo di tacitazione allarmi (gli allarmi presenti vengono temporaneamente silenziati) su 16 valori tra 0 (funzione esclusa) e 15 minuti (impostazione tramite 4 microinterruttori sulla scheda). b) il tempo di mascheratura allarmi (allarmi di durata inferiore al tempo di mascheratura vengono ignorati) su 4 valori tra 0 (funzione esclusa) e 2 secondi (impostazione tramite 2 microinterruttori sulla scheda). c) il tempo di preallarme (allarmi di durata superiore al tempo di mascheratura ma inferiore al tempo di preallarme causano il solo lampeggio dei corrispondenti L.E.D. verdi) su 4 valori tra 0 (funzione esclusa) e 10 secondi. Questa funzione, se ritenuta utile, potra essere abilitata e convenientemente usata per verificare periodicamente il buon funzionamento dell intero sistema (impostazione tramite 4 microinterruttori sulla scheda). 1.3 NORME DI SERVIZIO E DI SICUREZZA La particolare funzione cui è destinato il quadro impone frequenti e costanti operazioni di controllo della sua funzionalità ed operatività. ATTENZIONE!!! SI RACCOMANDA DI INFORMARE ED ADDESTRARE PREVENTIVAMENTE IL PERSONALE ADDETTO ALL USO ED ALL INSTALLAZIONE DEL QUADRO E DI FAR PRENDERE ATTENTA VISIONE DI QUESTO DOCUMENTO. IN CASO DI EMERGENZA E NECESSARIO CHE IL PERSONALE ADDETTO POSSA INTERVENIRE CON TEMPESTIVITÀ E CON CHIARE NOZIONI OPERATIVE PREVENTIVAMENTE ACQUISITE SUGLI INTERVENTI DA EFFETTUARE.

5 1.3.0 PREDISPOSIZIONI ELETTRICHE PER IL COLLEGAMENTO DEL QUADRO Alimentazione : portare al quadro una linea di alimentazione 220 Vac 50 Hz protetta da un interruttore magnetotermico differenziale ad alta sensibilità, sezione consigliata 3 * 0.75 mmq L assorbimento massimo della centralina è di 10 VA. Segnali dai pressostati : per ogni pressostato portare un cavo a due conduttori sez. massima consigliata 0.35 mmq dal pressotato alla centralina. Ripetizione di allarme : per ogni segnalazione da ripetere dalla centralina verso una centralina di allarme di ripetizione un cavo costituito da un conduttore comune più un conduttore per ciascun segnale da ripetere Sezione minima consigliata 0,35 mmq. Linea seriale : cavo schermato e intrecciato a due conduttori piu sez. massima consigliata 0.35 mmq. Porre particolare attenzione alla zona di ingresso cavi per la versione da incasso rappresentata in figura NORME DI MONTAGGIO - PRIMA INSTALLAZIONE Verificare tramite il presente documento e tramite il documento di consegna del fornitore la compatibilita della centralina con l impianto da realizzarsi. Definire preventivamente quantità e ubicazione dei pressostati o degli altri tipi di trasduttori da collocarsi sull impianto. Realizzare le linee di collegamento tra trasduttori e centralina prendendo come riferimento quanto riportato nei disegni Accertarsi che la linea di alimentazione sia disinserita Posizionare il quadro in modo che si trovi in un luogo presidiato od in sua prossimita Collegare i segnali di ingresso alle morsettiere M1 M2 M5 M6 Collegare le eventuali ripetizioni dei singoli allarmi alle morsettiere M3 M4 M7 M8 Collegare l eventuale linea seriale alla morsettiera M10 Collegare il segnale generale di ripetizione allarme ad eventuali altri segnalatori presenti nell impianto. Collegare l eventuale ripetizione della segnalazione acustica. Verificare il collegamento del cavo di alimentazione tra la scheda principale e la scheda di alimentazione e tra la scheda di alimentazione e il trasformatore. Eseguire la programmazione PROGRAMMAZIONE : Queste operazioni devono essere eseguite da personale qualificato che dovrà seguire attentamente la procedura di seguito indicata Analizzare e definire preventivamente il tipo di segnalazione che si vuole dare per ciascun canale conformemente a quanto previsto dalla norma EN475. apertura del coperchio della centralina. Entrare in programmazione tramite la contemporanea attivazione dei pulsanti RESET e PROGRAM (entrambi i pulsanti si trovano all interno della centralina), il pulsante PROGRAM dovra essere rilasciato almeno 5 secondi piu tardi rispetto a quello di RESET. si accendera il L.E.D. relativo al primo ingresso di allarme; il colore sara quello corrispondente all ultima programmazione eseguita: luce rossa lampeggiante per gli allarmi di alta priorita, luce gialla lampeggiante per gli allarmi di media priorita, luce gialla fissa per gli allarmi di bassa priorita. tramite il pulsante TACITAZIONE / SET si potra modificare il tipo di segnalazione: ad ogni attivazione del pulsante questa verra cambiata a rotazione, l ultima visualizzata verra automaticamente memorizzata al termine della procedura. tramite il pulsante TEST / SELEZIONE si potranno selezionare in sequenza tutti i diversi ingressi di allarme; attivando ripetutamente questo pulsante sara ovviamente possibile esaminare uno alla volta gli allarmi (non e quindi indispensabile cambiare ogni volta il tipo di segnalazione: se questa e gia corretta si puo passare semplicemente all;allarme successivo!). ripetendo quante volte necessario i due precedenti punti si potranno definire in modo completo tutti i 16 ingressi di allarme; per evitare confusioni si accendera sempre e solo il gruppo di L.E.D. relativo all allarme in corso di modifica, gli altri resteranno spenti. terminata la programmazione, la temporanea attivazione del pulsante PROGRAM chiudera la fase di modifica: tutti i L.E.D. si accenderanno in modo coerente alla impostazione effettuata per permettere di verificarne la correttezza; in caso di errore sara necessario ripetere tutto dall inizio.

6 una nuova temporanea attivazione del pulsante PROGRAM causera la memorizzazione della nuova situazione nella EEPROM del sistema; la vecchia situazione verra eliminata. chiusura del coperchio della centralina NORME DI FUNZIONAMENTO Tempo di mascheratura Il tempo di mascheratura allarmi permette che allarmi di durata inferiore al tempo di mascheratura vengono ignorati. Tale scelta permette di evitare falsi allarmi dovuti a eventuali disturbi della linea elettrica. Sono possibili 4 valori tra 0 (funzione esclusa) e 3 secondi NORME DI FUNZIONAMENTO Tempo di preallarme Il tempo di preallarme permette di collaudare l impianto in quanto allarmi di durata superiore al tempo di mascheratura ma inferiore al tempo di preallarme causano il solo lampeggio dei corrispondenti L.E.D. verdi. Sono possibili 4 valori tra 0 (funzione esclusa) e 6 secondi. Questa funzione, se ritenuta utile, potra essere abilitata e convenientemente usata per verificare periodicamente il buon funzionamento dell intero sistema NORME DI FUNZIONAMENTO Tempo di tacitazione Il tempo di tacitazione permette di tacitare la segnalazione acustica a seguito di un allarme. Una volta effettuata tale tacitazione si avrà un ripristino automatico dell allarme acustico dopo un tempo impostabile tra 0 e 15 minuti NORME DI FUNZIONAMENTO Condizione di assenza allarmi 1 In condizioni normali di assenza allarme si dovranno avere : 2 le segnalazioni relative ai canali di allarme in condizione di luce fissa verde 3 la segnalazione di allarme generale con luce rossa spenta 6 segnalazione acustica inesistente 7 chiave del silenziamento non inserita 1.3.7NORME DI FUNZIONAMENTO Condizione di allarme di primo livello o bassa priorità 1 In condizioni normali di allarme di primo livello si dovranno avere : 2 le segnalazioni relative ai canali in allarme in condizione di luce lampeggiante arancione 3 la segnalazione di allarme generale con luce rossa accesa 6 segnalazione acustica in funzione a basso livello NORME DI FUNZIONAMENTO - Condizione di allarme di secondo livello o media priorità 1 In condizioni normali di allarme di secondo livello si dovranno avere : 2 le segnalazioni relative ai canali in allarme in condizione di luce lampeggiante arancione 3 la segnalazione di allarme generale con luce rossa accesa 6 segnalazione acustica di medio livello

7 1.3.9 NORME DI FUNZIONAMENTO - Condizione di allarme di terzo livello o alta priorità 1 In condizioni normali di allarme di terzo livello si dovranno avere : 2 le segnalazioni relative ai canali in allarme in condizione di luce rossa fissa 3 la segnalazione di allarme generale con luce rossa accesa 6 segnalazione acustica di alto livello NORME DI FUNZIONAMENTO - Condizioni generali per l individuazione di un allarme e\o di una anomalia di funzionamento In condizioni di allarme e o di anomalia si verificherà almeno una delle seguenti condizioni : 1 una o più segnalazioni relative ai canali con una luce diversa dalla luce fissa verde 2 la segnalazione di allarme generale con luce rossa accesa fissa o lampeggiante 3 la segnalazione di sentinel 16 in funzione con luce verde spenta o accesa in modo non lampeggiante 4 la segnalazione di silenziamento con luce arancione accesa 5 segnalazione acustica in funzione 6 chiave del silenziamento inserita Qualora risulti una o più di una di queste situazioni è necessario attivarsi per individuare e risolvere nel più breve tempo possibile la causa del problema.nel caso in cui il problema nasca da un eventuale malfunzionamento della centralina stessa diventa indispensabile presidiare e controllare direttamente l intero impianto NORME DI FUNZIONAMENTO Rimozione del quadro e suo smaltimento. Effettuare l eventuale smaltimento del quadro o delle sue parti, in particolar modo, della batteria avvalendosi dell opera di aziende abilitate NORME DI MANUTENZIONE: ATTENZIONE!!! LA PARTICOLARE FUNZIONE CUI È DESTINATO IL QUADRO IMPONE FREQUENTI E COSTANTI OPERAZIONI DI CONTROLLO DELLA SUA FUNZIONALITÀ ED OPERATIVITÀ. Effettuare una controllo generale di funzionalità almeno una volta ogni tre mesi tramite la procedura che utilizza il tempo di preallarme. Effettuare un controllo periodico dell interruttore magnetotermico che protegge la linea di alimentazione del quadro di segnalazione allarmi secondo le modalita e le tempistiche indicate dai costruttori dello stesso. Revisionare o sostituire il quadro ogni 5 anni affidandosi ad aziende qualificate. Sostituire la batteria ogni 2 anni affidandosi ad aziende qualificate Ed utilizzando ricambi originali. Non usare ricambi non originali DOCUMENTARE I TEMPI E LE MODALITÀ DELLE OPERAZIONI EFFETTUATE NORME DI SICUREZZA : ATTENZIONE!! Non manomettere in nessun caso, per nessuna ragione il quadro e/o i suoi componenti. In caso di anomalie o di condizioni operative non indicate o previste in questo documento non utilizzare il quadro, porlo immediatamente fuori servizio interrompendone l alimentazione e consultare il fornitore. Avviare contemporaneamente una operazione di sorveglianza diretta dell impianto. Il costruttore non si assume alcuna responsabilità per un utilizzo del quadro difforme da quanto indicato ne' sulla protezione delle apparecchiature montate o dei collegamenti effettuati a valle e non facenti parte del quadro stesso.

Sistema di rivelazione fughe gas. contatti del modulo relè opzionale LZY20-R. Descrizione. Centralina di comando. Sonda per gas metano IP44

Sistema di rivelazione fughe gas. contatti del modulo relè opzionale LZY20-R. Descrizione. Centralina di comando. Sonda per gas metano IP44 s 7 682.1 INTELLIGAS Sistema di rivelazione fughe gas per centrali termiche QA..13/A QA..13/A Sistema elettronico per la rivelazione di fughe gas per una o più sonde per il comando di una elettrovalvola

Dettagli

BOX A3 TEST 3 20-07-2012. REV. DATA Verifica ed Approvazione R.T.

BOX A3 TEST 3 20-07-2012. REV. DATA Verifica ed Approvazione R.T. BOX A3 TEST 3 20-07-2012 REV. DATA Verifica ed Approvazione R.T. INDICE 1 - PREMESSA...Pag. 3 2 - BOX A3 TEST PER ASCENSORI IDRAULICI...Pag. 3 2.1 FUNZIONAMENTO GENERALE...Pag. 3 2.2 MODALITA DI ESECUZIONE

Dettagli

KIT RIVELATORI DI GAS

KIT RIVELATORI DI GAS SEZIONE 4 KIT RIVELATORI DI GAS attivato guasto allarme sensore esaurito test Scaricabile dal sito www.urmetdomus.com nell area Manuali Tecnici. MT140-001_sez.4.pdf MT140-001 sez.4 1 INDICE SEZIONE 4 CONTROLLO

Dettagli

TERMINALE REMOTO mod. 630 SCHEDA DECODIFICA mod. 633 ORGANO DI COMANDO PROGRAMMABILE A CODICE NUMERICO

TERMINALE REMOTO mod. 630 SCHEDA DECODIFICA mod. 633 ORGANO DI COMANDO PROGRAMMABILE A CODICE NUMERICO GESCO SECURKEY TERMINALE REMOTO mod. 630 SCHEDA DECODIFICA mod. 633 ORGANO DI COMANDO PROGRAMMABILE A CODICE NUMERICO Adatto a comandare impianti di allarme antiintrusione eda controllare accessi o apparecchiature,mediante

Dettagli

Vox. Manuale di Installazione ed Uso. - Versione 1.0 - www.amcelettronica.com. Vox

Vox. Manuale di Installazione ed Uso. - Versione 1.0 - www.amcelettronica.com. Vox Manuale di Installazione ed Uso - Versione 1.0 - Indice INTRODUZIONE 3 SCHEDA E COLLEGAMENTI 3 LED DI SEGNALAZIONE DELLO STATO OPERATIVO 4 DEFAULT RESET 4 PROGRAMMAZIONE 4 wizard tecnico 5 FUNZIONE INGRESSI

Dettagli

IMPIANTI DI RIVELAZIONE GAS

IMPIANTI DI RIVELAZIONE GAS IMPIANTI DI RIVELAZIONE GAS ESEMPI DI INSTALLAZIONE Il presente documento è stato redatto con l obiettivo di fornire delle informazioni che possano aiutare l utente a comprendere le problematiche relative

Dettagli

QUADRO DI CONTROLLO MANUALE/AUTOMATICO (ACP) Serie GBW

QUADRO DI CONTROLLO MANUALE/AUTOMATICO (ACP) Serie GBW QUADRO DI CONTROLLO MANUALE/AUTOMATICO () Generalità Quadro di comando e controllo manuale/automatico () fornito a bordo macchina, integrato e connesso al gruppo elettrogeno. Il quadro utilizza un compatto

Dettagli

Rivelatori di fughe gas per ambienti domestici e luoghi similari. norma di riferimento CEI-EN50194. Descrizione : Tipo :

Rivelatori di fughe gas per ambienti domestici e luoghi similari. norma di riferimento CEI-EN50194. Descrizione : Tipo : s 7 604 ITEIGAS Rivelatori di fughe gas per ambienti domestici e luoghi similari norma di riferimento CEI-E50194 YA16.. Rivelatori elettronici di fughe gas ad una soglia per ambienti domestici. Alimentazione

Dettagli

CENTRALE ALLARME ANTINTRUSIONE G8 PLUS

CENTRALE ALLARME ANTINTRUSIONE G8 PLUS CENTRALE ALLARME ANTINTRUSIONE G8 PLUS Le centrali di allarme G-Quattro plus (4 zone) e G-Otto plus (8 zone) nascono con lo scopo di facilitare la realizzazione e la gestione di impianti di allarme di

Dettagli

PA100. Pulsante manuale a riarmo wireless. Manuale Installazione/Uso

PA100. Pulsante manuale a riarmo wireless. Manuale Installazione/Uso I PA100 Pulsante manuale a riarmo wireless DS80SB32001 LBT80856 Manuale Installazione/Uso DESCRIZIONE GENERALE Il pulsante manuale a riarmo wireless PA100 è un dispositivo che consente di generare una

Dettagli

EG4 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE

EG4 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE Curtarolo (Padova) Italy MANUALE DI INSTALLAZIONE EG4 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE IST0571V1.3-1 - Generalità Indice Generalità... pag. 2 Caratteristiche tecniche... pag. 2 Scheda della centrale...

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO La presente guida mette in risalto solo alcuni punti salienti estrapolati dalla specifica norma UNI 9795 con l

Dettagli

RIVELATORI DI FUGHE DI GAS METANO E GPL

RIVELATORI DI FUGHE DI GAS METANO E GPL RIVELATORI DI FUGHE DI GAS METANO E GPL P21 - P22 Sicurgas P21 e P22 è un dispositivo che, mediante una sensibilissima sonda, rivela la presenza di concentrazioni di gas metano (P21) e GPL (P22) in ambienti

Dettagli

MANUALE D INSTALLAZIONE

MANUALE D INSTALLAZIONE SJ604AX SH602AX SH602AX: tele 2 pulsanti con ritorno informaz. SJ604AX: tele 4 pulsanti con ritorno informaz. MANUALE D INSTALLAZIONE Indice 1. Presentazione... 1 2. Preparazione... 2 3. Apprendimento...

Dettagli

Rivelatori di fughe gas per ambienti domestici e luoghi similari. norma di riferimento CEI-EN50194. Descrizione : Tipo :

Rivelatori di fughe gas per ambienti domestici e luoghi similari. norma di riferimento CEI-EN50194. Descrizione : Tipo : s 7 606 ITEIGAS Rivelatori di fughe gas per ambienti domestici e luoghi similari norma di riferimento EI-E50194 YA26.. Rivelatori elettronici di fughe gas ad una soglia per ambienti domestici. Alimentazione

Dettagli

< Apparecchiatura di controllo di fiamma > RIVELAZIONE FIAMMA BI ELETTRODO. SAITEK srl

< Apparecchiatura di controllo di fiamma > RIVELAZIONE FIAMMA BI ELETTRODO. SAITEK srl Serie CF3q < Apparecchiatura di controllo di fiamma > SAITEK srl www.saitek.it info@saitek.it Casalgrande (RE) ITALY Tel. +39 0522 848211 Fax +39 0522 849070 CONTROLLO DI FIAMMA SERIE C F 3 Q pag. 1 di

Dettagli

www.protexitalia.it centrale antifurto 5 zone radio/filo

www.protexitalia.it centrale antifurto 5 zone radio/filo www.protexitalia.it centrale antifurto 5 zone radio/filo IInttroduziione La centrale di allarme RF5000 (LEVEL 5) nasce con lo scopo di facilitare la realizzazione e la gestione di un impianto di allarme

Dettagli

Eikon Idea Plana. Controllo accessi e gestione utenze via BUS mediante chiave o card a transponder Istruzioni

Eikon Idea Plana. Controllo accessi e gestione utenze via BUS mediante chiave o card a transponder Istruzioni Eikon Idea Plana 20470 16470 14470 Controllo accessi e gestione utenze via BUS mediante chiave o card a transponder Istruzioni INDICE 1. Legenda... 2 2. Installazione sistema via BUS... 3 3. Caratteristiche

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE E MESSA IN SERVIZIO INDICE. Funzione. Dati tecnici Dimensioni Collegamenti elettrici. Caratteristiche funzionali

MANUALE DI INSTALLAZIONE E MESSA IN SERVIZIO INDICE. Funzione. Dati tecnici Dimensioni Collegamenti elettrici. Caratteristiche funzionali 28111.03 www.caleffi.com Regolatore digitale SOLCAL 1 Copyright 2012 Caleffi Serie 257 MANUALE DI INSTALLAZIONE E MESSA IN SERVIZIO INDICE Funzione 1 Dati tecnici Dimensioni Collegamenti elettrici 3 Caratteristiche

Dettagli

Monitor di isolamento ISL Monitoraggio continuo dei sistemi IT dal fotovoltaico all industriale.

Monitor di isolamento ISL Monitoraggio continuo dei sistemi IT dal fotovoltaico all industriale. Monitor di isolamento ISL Monitoraggio continuo dei sistemi IT dal fotovoltaico all industriale. Assicurare la continuità di servizio Per assicurare la continuità di funzionamento di un impianto elettrico,

Dettagli

MANUALE PER L UTENTE. Centrale Antifurto 8 zone a Microprocessore con tastiera di comando. Ver. 1.0 ACCENTA CEN800. MANUALE UTENTE Centrale ACCENTA8

MANUALE PER L UTENTE. Centrale Antifurto 8 zone a Microprocessore con tastiera di comando. Ver. 1.0 ACCENTA CEN800. MANUALE UTENTE Centrale ACCENTA8 MANUALE PER L UTENTE ACCENTA CEN800 Ver. 1.0 Centrale Antifurto 8 zone a Microprocessore con tastiera di comando SICURIT Alarmitalia Spa Via Gadames 91 - MILANO (Italy) Tel. 02 38070.1 (ISDN) - Fax 02

Dettagli

GUIDA PRATICA COMBINATORE TELEFONICO MCON MESSAGGIO DI ALLARME

GUIDA PRATICA COMBINATORE TELEFONICO MCON MESSAGGIO DI ALLARME CARATTERISTICHE TECNICHE SH-TAG Tensione di Alimentazione 12 Vcc +/- 10 % Assorbimento in riposo 20 ma Assorbimento in trasmissione 110 ma Avvisatore telefonico GSM a 2 canali - 8 numeri telefonici per

Dettagli

Centrale d allarme monozona Mod. EA-104

Centrale d allarme monozona Mod. EA-104 XON Electronics Manuale Utente EA104 Centrale d allarme monozona Mod. EA104! Attenzione prodotto alimentato a 220V prima di utilizzare, leggere attentamente il manuale e particolarmente le Avvertenze a

Dettagli

CE1_AD/P2 DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE. Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione

CE1_AD/P2 DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE. Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE CE1_AD/P2 Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione Versione 01.10/12 CE1_AD/P2: dispositivo elettronico programmabile

Dettagli

Me.Si. V.7. Manuale di INSTALLAZIONE ed USO - R1.4

Me.Si. V.7. Manuale di INSTALLAZIONE ed USO - R1.4 Me.Si. V.7 DISPOSITIVO per il RISPARMIO di COMBUSTIBILE negli IMPIANTI di RISCALDAMENTO Manuale di INSTALLAZIONE ed USO - R1.4 Che cos'è Me.Si. è un prodotto rivoluzionario e brevettato che consente di

Dettagli

DVSIR SIRENA VIA FILO DA ESTERNO. Il presente manuale può essere soggetto a modifiche senza preavviso

DVSIR SIRENA VIA FILO DA ESTERNO. Il presente manuale può essere soggetto a modifiche senza preavviso DVSIR SIRENA VIA FILO DA ESTERNO MANUALE D USO E INSTALLAZIONE (VERSIONE 8.1) Il presente manuale può essere soggetto a modifiche senza preavviso ATTENZIONE L'INSTALLATORE È TENUTO A SEGUIRE LE NORME VIGENTI.

Dettagli

Mod:KCGD1/AS. Production code:kev/1

Mod:KCGD1/AS. Production code:kev/1 02/200 Mod:KCGD1/AS Production code:kev/1 Sommario I. SCHEMA DI INSTALLAZIONE...... 4 II. III. IV. SCHEMA ELETTRICO....... 1. Schema elettrico AC 230 50/0 Hz.. CARATTERISTICHE GENERALI...... 1. Descrizione

Dettagli

B0SEAL01 Sirena da esterno per sistema wireless B0

B0SEAL01 Sirena da esterno per sistema wireless B0 BPT Spa PREVENZIONE FURTO INCENDIO GAS Centro direzionale e Sede legale Via Cornia, 1/b 33079 Sesto al Reghena (PN) - Italia http://www.bpt.it mailto:info@bpt.it B0SEAL01 Sirena da esterno per sistema

Dettagli

SISPA Sicurezza Incendio S. r. l.

SISPA Sicurezza Incendio S. r. l. CARATTERISTICHE DI ESERCIZIO 1.1 Normale Esercizio di Analisi Fumi. Il pannello di centrale si presenta con la spia power accesa in colore verde, simbolo della corretta alimentazione di centrale. La scritta

Dettagli

Controlgas 3 Sistema di rivelazione fughe di gas

Controlgas 3 Sistema di rivelazione fughe di gas Controlgas 3 Sistema di rivelazione fughe di gas Termoidraulica Scheda tecnica 52 IT 02 1 Indice Controlgas 3... 3 Elettrovalvole a riarmo manuale per gas... 6 Testi di capitolato... 14 2 Controlgas 3

Dettagli

Installazione del quadro di distribuzione

Installazione del quadro di distribuzione 10 Installazione del quadro di distribuzione Dopo aver realizzato l intero impianto, si conosce il numero di circuiti e dei punti di utilizzo. Questo permette di determinare il numero dei dispositivi di

Dettagli

Guardall Srl Via Quasimodo, 12 20205 Legnano Milano

Guardall Srl Via Quasimodo, 12 20205 Legnano Milano Guardall Srl Via Quasimodo, 12 20205 Legnano Milano MANUALE UTENTE Indice MANUALE N. 700-175-01 REV D ISS. Versione 1 221199 1. INTRODUZIONE...3 2. FUNZIONAMENTO DELLA TASTIERA...5 3. COME INSERIRE LA

Dettagli

Interfaccia contatti a 2 ingressi indipendenti

Interfaccia contatti a 2 ingressi indipendenti Il dispositivo è utilizzato per collegare al sistema antintrusione i contatti magnetici di allarme normalmente chiusi, contatti elettromeccanici a fune per la protezione di avvolgibili e tapparelle e sensori

Dettagli

Manuale d uso di GAS T1 (Propane Detector). Montaggio dei SENSORI DI GAS nel sistema D2NA e NNA

Manuale d uso di GAS T1 (Propane Detector). Montaggio dei SENSORI DI GAS nel sistema D2NA e NNA Manuale d uso di GAS T1 (Propane Detector). Il gas detector è un dispositivo che segnala la presenza di un certo tipo di gas con l ausilio di un allarme acustico e visivo locale. Il dispositivo può funzionare

Dettagli

AR32 PLUS RICEVITORE PER INTERFACCIAMENTO A CENTRALI DI ALLARME

AR32 PLUS RICEVITORE PER INTERFACCIAMENTO A CENTRALI DI ALLARME AR32 PLUS RICEVITORE PER INTERFACCIAMENTO A CENTRALI DI ALLARME ( MANUALE PROVVISORIO DI FUNZIONAMENTO ED USO CARATTERISTICHE TECNICHE) 1.0 DESCRIZIONE GENERALE DI FUNZIONAMENTO Il ricevitore AR-32 Plus,

Dettagli

CENTRALE RADIO SUPERVISIONATA CAF 528. MANUALE UTENTE Rel. 1.00

CENTRALE RADIO SUPERVISIONATA CAF 528. MANUALE UTENTE Rel. 1.00 CENTRALE RADIO SUPERVISIONATA CAF 528 MANUALE UTENTE Rel. 1.00 CAF528 è una centrale di semplice utilizzo da parte dell utente il quale può attivare l impianto in modo totale o parziale per mezzo dei PROGRAMMI

Dettagli

Centrale Radio S64R Manuale utente. Edizione 1.0

Centrale Radio S64R Manuale utente. Edizione 1.0 Centrale Radio S64R Manuale utente Edizione 1.0 ª2002 Tutti i diritti riservati Prodotto distribuito da: Securforce Srl - Milano Centralino: +39 02 48926456 Fax: +39 02 48919252 Internet: e-mail: Edizione

Dettagli

SCHEDA COMANDO PER MOTORE MONOFASE TRIFASE 230 / 400 Vac

SCHEDA COMANDO PER MOTORE MONOFASE TRIFASE 230 / 400 Vac SCHEDA COMANDO PER MOTORE MONOFASE TRIFASE 230 / 400 Vac LOGICA CON MICROPROCESSORE STATO DEGLI INGRESSI VISUALIZZATO DA LEDs PROTEZIONE INGRESSO LINEA CON FUSIBILE FUNZIONE INGRESSO PEDONALE CIRCUITO

Dettagli

LOCALI ADIBITI AD USO MEDICO: ESAMI A VISTA, PROVE, VERIFICHE DA ESEGUIRE PRIMA DELLA MESSA IN FUNZIONE E VERIFICHE PERIODICHE

LOCALI ADIBITI AD USO MEDICO: ESAMI A VISTA, PROVE, VERIFICHE DA ESEGUIRE PRIMA DELLA MESSA IN FUNZIONE E VERIFICHE PERIODICHE LOCALI ADIBITI AD USO MEDICO: ESAMI A VISTA, PROVE, VERIFICHE DA ESEGUIRE PRIMA DELLA MESSA IN FUNZIONE E VERIFICHE PERIODICHE La norma CEI 64 8 per impianti elettrici utilizzatori prevede che prima di

Dettagli

TASTIERA DI COMANDO E CONTROLLO PER INVERTERS EL.-5000

TASTIERA DI COMANDO E CONTROLLO PER INVERTERS EL.-5000 ELCOM S.R.L. TASTIERA DI COMANDO E CONTROLLO PER INVERTERS EL.-5000 ( Rev. 0.3s ) MANUALE USO TASTIERA EL.-5000 I pulsanti hanno le seguenti funzioni: Comando di START abilitazione alla marcia con accensione

Dettagli

- Limena (Padova) - &HQWUDOH$;,6 MANUALE PER L UTENTE. Centrale mod. AXIS 30. Omologazione IMQ - ALLARME 1 e 2 LIVELLO

- Limena (Padova) - &HQWUDOH$;,6 MANUALE PER L UTENTE. Centrale mod. AXIS 30. Omologazione IMQ - ALLARME 1 e 2 LIVELLO - Limena (Padova) - &HQWUDOH$;,6 MANUALE PER L UTENTE Centrale mod. AXIS 30 Omologazione IMQ - ALLARME 1 e 2 LIVELLO AXEL AXIS 30 6HJQDOD]LRQLFRQOHG led giallo: se acceso, indica la presenza della tensione

Dettagli

Q71A. 230V ac Q71A. CENTRALE DI GESTIONE PER CANCELLO BATTENTE Manuale di installazione e uso

Q71A. 230V ac Q71A. CENTRALE DI GESTIONE PER CANCELLO BATTENTE Manuale di installazione e uso Q71A CENTRALE DI GESTIONE PER CANCELLO BATTENTE Manuale di installazione e uso 230V ac Q71A Centrale di gestione per cancello battente 230Vac ad 1 o 2 ante Programmazione semplificata del ciclo di funzionamento

Dettagli

Manuale di installazione ALM-W002

Manuale di installazione ALM-W002 Manuale di installazione ALM-W002 ALM-W002 Sirena via radio - Manuale di installazione Tutti i dati sono soggetti a modifica senza preavviso. Conforme alla Direttiva 1999/5/EC. 1. Introduzione ALM-W002

Dettagli

MANUALE D USO POMPE CENTRIFUGHE CON SERBATOIO PER ACQUA DI CONDENSA COD. 12170027-12170013 - 12170012-12170011

MANUALE D USO POMPE CENTRIFUGHE CON SERBATOIO PER ACQUA DI CONDENSA COD. 12170027-12170013 - 12170012-12170011 MANUALE D USO POMPE CENTRIFUGHE CON SERBATOIO PER ACQUA DI CONDENSA COD. 12170027-12170013 - 12170012-12170011 INDICE INSTALLAZIONE...3 INTERRUTTORE DI SICUREZZA...3 SCHEMA ELETTRICO...4 GRAFICI PORTATE......5

Dettagli

QUADRO ELETTRICO AUTOMATICO DI COMANDO E CONTROLLO PER GRUPPI ELETTROGENI

QUADRO ELETTRICO AUTOMATICO DI COMANDO E CONTROLLO PER GRUPPI ELETTROGENI QUADRO ELETTRICO AUTOMATICO DI COMANDO E CONTROLLO PER GRUPPI ELETTROGENI GENERALITA': Il quadro elettrico oggetto della presente specifica è destinato al comando e al controllo di gruppo elettrogeni automatici

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

EASY 1 LOOP. Centrale Rivelazione Incendio Analogica Centrale di Estinzione. Manuale Utente

EASY 1 LOOP. Centrale Rivelazione Incendio Analogica Centrale di Estinzione. Manuale Utente EASY 1 LOOP Centrale Rivelazione Incendio Analogica Centrale di Estinzione Manuale Utente EASY 1 LOOP Manuale Utente Capitolo 1 Descrizione della centrale 1.1 Dati di identificazione del dispositivo Denominazione:

Dettagli

Rivelatori di fughe gas Serie CIVIC1 - CIVIC4

Rivelatori di fughe gas Serie CIVIC1 - CIVIC4 Rivelatori di fughe gas Serie - Caratteristiche principali - Adatti per applicazioni domestiche e industriali. - Funzionamento mediante elettronica con autodiagnostica. - Collegabili fino a 4 sensori IP44

Dettagli

CP4 PLUS E CP4 PLUS RM Armadi a parete per schede di rivelazione gas SICOR

CP4 PLUS E CP4 PLUS RM Armadi a parete per schede di rivelazione gas SICOR SICUREZZA COMPAGNIA RIUNITE S.p.A. Manuale d uso CP4 PLUS E CP4 PLUS RM Armadi a parete per schede di rivelazione gas SICOR SICOR S.p.A. Sede Comm. Amm.: Via Pisacane N 23/A 20016 Pero (MI) Italia Tel.

Dettagli

ITALIANO TM400P. Pannello centrale antifurto 4 zone MANUALE PER L'UTENTE

ITALIANO TM400P. Pannello centrale antifurto 4 zone MANUALE PER L'UTENTE ITALIANO TM400P Pannello centrale antifurto 4 zone MANUALE PER L'UTENTE Indice Capitolo 1 Introduzione 3 1.1 Descrizione della centrale...3 1.2 Caratteristiche funzionali...3 1.3 Caratteristiche tecniche...4

Dettagli

Il contatore elettronico

Il contatore elettronico Il contatore elettronico Modalità d uso e vantaggi Gestioni IL CONTATORE ELETTRONICO AEM ha avviato un progetto per la sostituzione del tradizionale contatore elettromeccanico a disco con il nuovo contatore

Dettagli

IL CONTATORE ELETTRONICO:

IL CONTATORE ELETTRONICO: IL CONTATORE ELETTRONICO: COME UTILIZZARLO E I VANTAGGI 1 PREMESSA Il contatore elettronico è un sistema destinato a cambiare in termini di semplicità, trasparenza e rapidità il rapporto tra SIE srl e

Dettagli

RBAND/OS RBAND/OSB INTRODUZIONE CARATTERISTICHE TECNICHE TRASMETTITORE DESCRIZIONE USO DEL SISTEMA - 1 -

RBAND/OS RBAND/OSB INTRODUZIONE CARATTERISTICHE TECNICHE TRASMETTITORE DESCRIZIONE USO DEL SISTEMA - 1 - INTRODUZIONE DESCRIZIONE Il sistema Radioband è stato concepito per applicazioni in porte e cancelli industriali, commerciali e residenziali nei quali venga installata una banda di sicurezza. Il sistema

Dettagli

EG8 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE

EG8 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE Curtarolo (Padova) Italy MANUALE DI INSTALLAZIE EG8 Star CENTRALE A MICROPROCESSORE IST0274V3.2-1 - Generalità Indice Generalità... pag. 2 Caratteristiche tecniche... pag. 2 Scheda della centrale... pag.

Dettagli

Centrale Mini MEDIA. Manuale Utente DT00815

Centrale Mini MEDIA. Manuale Utente DT00815 Centrale Mini MEDIA Manuale Utente DT00815 Egregio Cliente, congratulazioni per la scelta della Centrale di Sicurezza MiniMEDIA. La Centrale MiniMEDIA, prodotta dalla HESA S.p.A., è il frutto dei più avanzati

Dettagli

Guida rapida Cisco SPA 504G

Guida rapida Cisco SPA 504G Guida rapida Cisco SPA 504G Indice Indice Introduzione 3 Panoramica del telefono 4 Gestione delle chiamate 6 Effettuare una chiamata 6 Rispondere a una chiamata 6 Concludere una chiamata 7 Mettere una

Dettagli

Guida rapida Cisco SPA 303

Guida rapida Cisco SPA 303 Giugno 2011 Guida rapida Cisco SPA 303 www.vodafone.it numero breve 42323, gratuito da cellulare Vodafone numero verde 800-227755, dalle 8.00 alle 24.00 Questo materiale è stato realizzato con carta riciclata

Dettagli

Ver. 1.1. Manuale d uso e configurazione

Ver. 1.1. Manuale d uso e configurazione Ver. 1.1 Manuale d uso e configurazione Introduzione Questa applicazione consente di gestire le principali funzioni delle centrali Xpanel, Imx e Solo da un dispositivo mobile dotato di sistema operativo

Dettagli

TYRECONTROL «P» A-187

TYRECONTROL «P» A-187 TYRECONTROL «P» A-187 Manuale (IT) 2 Presentazione TYRECONTROL «P» caratteristiche : - Misura e regola la pressione dei pneumatici - Memorizza i dati fino a 99 set ( 1 set = memorizza fino a 4 valori di

Dettagli

Manuale Utente Leonardo Inverter 1500. Western Co. Leonardo Inverter

Manuale Utente Leonardo Inverter 1500. Western Co. Leonardo Inverter Western Co. Leonardo Inverter 1 Leonardo Inverter 1500 Inverter ad onda sinusoidale pura Potenza continua 1500W Potenza di picco 2250W per 10sec. Tensione di Output: 230V 50Hz Distorsione Armonica

Dettagli

Combinatore telefonico

Combinatore telefonico SISTEMA ANTINTRUSIONE Manuale utente Combinatore telefonico Microfono 16877 INDICE COMBINATORE TELEFONICO Indice 1. CARATTERISTICHE TECNICHE... 3 2. PROGRAMMAZIONE... 4 3. COMANDI PARTICOLARI... 6 4.

Dettagli

Sistema di rilevazione fughe gas. per centrali termiche e luoghi similari. Descrizione. Centralina di comando. Sonda per gas metano IP44

Sistema di rilevazione fughe gas. per centrali termiche e luoghi similari. Descrizione. Centralina di comando. Sonda per gas metano IP44 s 7 601 INTELLIGAS Sistema di rilevazione fughe gas per centrali termiche e luoghi similari Centralina elettronica per la rilevazione di fughe gas ad una sonda per il comando di una elettrovalvola di intercettazione

Dettagli

SIRRA-NT SIRENA RADIO BIDIREZIONALE

SIRRA-NT SIRENA RADIO BIDIREZIONALE SIRRA-NT SIRENA RADIO BIDIREZIONALE MANUALE INSTALLAZIONE ed USO (VERSIONE 1.5) Il presente manuale può essere soggetto a modifiche senza preavviso Questo apparecchio elettronico è conforme ai requisiti

Dettagli

UNIVERSITA DI MESSINA. REGISTRO ANTINCENDIO DPR n 37/98

UNIVERSITA DI MESSINA. REGISTRO ANTINCENDIO DPR n 37/98 UNIVERSITA DI MESSINA REGISTRO ANTINCENDIO DPR n 37/98 CONTROLLI E MANUTENZIONE DI SISTEMI, DISPOSITIVI, ATTREZZATURE ED IMPIANTI ANTINCENDIO Struttura: DATA del Responsabile della struttura PAGINE Totali.

Dettagli

Simple4 MANUALE: - INSTALLAZIONE - PROGRAMMAZIONE - USO

Simple4 MANUALE: - INSTALLAZIONE - PROGRAMMAZIONE - USO Simple4 MANUALE: - INSTALLAZIONE - PROGRAMMAZIONE - USO 1 CARATTERISTICHE DISPOSITIVI A BORDO Presa di comando con chiave elettronica (mod. INS/P) Tastiera ad 8 tasti per la programmazione ed esclusione

Dettagli

Manuale utente RSF 20 /S. per il modello. Caldaia murale istantanea a gas a camera stagna CE 0694 RSF 20_S - RAD - ITA - MAN.UT - 0113.

Manuale utente RSF 20 /S. per il modello. Caldaia murale istantanea a gas a camera stagna CE 0694 RSF 20_S - RAD - ITA - MAN.UT - 0113. Manuale utente per il modello RSF 20 /S Caldaia murale istantanea a gas a camera stagna CE 0694 RSF 20_S - RAD - ITA - MAN.UT - 0113.1-40-00068 Documentazione Tecnica RADIANT BRUCIATORI S.p.A. Montelabbate

Dettagli

08880940 Sensore sole-vento via radio

08880940 Sensore sole-vento via radio 08880940 Sensore sole-vento via radio Manuale d istruzione CARATTERISTICHE D IMPIEGO Il sensore 940 è un dispositivo di rilevamento presenza vento e sole, in caso di eventuale allarme vento o presenza

Dettagli

ISTRUZIONI D USO. Trasmettitori a pulsante: LM-T800 LM-T910 LM-T1010 Ricevitori a display: LM-D102S Ripetitore di segnale per pulsanti: LM-K100

ISTRUZIONI D USO. Trasmettitori a pulsante: LM-T800 LM-T910 LM-T1010 Ricevitori a display: LM-D102S Ripetitore di segnale per pulsanti: LM-K100 ISTRUZIONI D USO Trasmettitori a pulsante: LM-T800 LM-T910 LM-T1010 Ricevitori a display: LM-D802 LM-D102S Ripetitore di segnale per pulsanti: LM-K100 Sede europea Linkman: PRIMITECH sas Via Marchesina,

Dettagli

BY10870 AVVISATORE DISTACCO/RIPRISTINO DA DISTRIBUTORE. Sistema di sorveglianza e avviso GSM via SMS per sistema BY10850

BY10870 AVVISATORE DISTACCO/RIPRISTINO DA DISTRIBUTORE. Sistema di sorveglianza e avviso GSM via SMS per sistema BY10850 BY10870 AVVISATORE DISTACCO/RIPRISTINO DA DISTRIBUTORE Sistema di sorveglianza e avviso GSM via SMS per sistema BY10850 (versione firmware: BY10850-M1-V2) La presente documentazione è di proprietà esclusiva

Dettagli

Dispositivo compatto di controllo tenuta valvole. VDK 200 A S02 Esecuzione per H 2

Dispositivo compatto di controllo tenuta valvole. VDK 200 A S02 Esecuzione per H 2 Dispositivo compatto di controllo tenuta valvole Esecuzione per H 2 8.12 Printed in Germany Edition 02.10 Nr. 225 703 1 6 Caratteristiche tecniche Il H 2 è un apparecchio compatto di controllo di tenuta

Dettagli

Ma n u a l. istruzioni

Ma n u a l. istruzioni Ma n u a l istruzioni Ricettore radio 1 canale on /off So m m a r i o Presentazione 1 Installazione 1 Collegamento elettrico 4 Apprendimento 5 Cosa fare se 9 Caratteristiche tecniche 10 Pr e s e n t a

Dettagli

DomoDigit. DomoDigit. Il controllo della vostra casa a portata di dito

DomoDigit. DomoDigit. Il controllo della vostra casa a portata di dito DomoDigit Il controllo della vostra casa a portata di dito DomoDigit DomoDigit è la tecnologia che unisce, integra e controlla i dispositivi elettrici ed elettronici utili per la gestione della casa.

Dettagli

Sch. 1043/422 Sch. 1043/424

Sch. 1043/422 Sch. 1043/424 Mod. 1043 DS1043-160 LBT8539 CENTRALI DI RIVELAZIONE INCENDIO CONVENZIONALI A 2 E 4 ZONE Sch. 1043/422 Sch. 1043/424 MANUALE UTENTE INDICE 1 DESCRIZIONE GENERALE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 2 NORMATIVE...

Dettagli

PR5. MANUALE ISTRUZIONI IM846-I v0.4

PR5. MANUALE ISTRUZIONI IM846-I v0.4 MANUALE ITRUZIONI IM846-I v0.4 PANNELLO DI EGNALAZIONE E CONTROLLO A DITANZA da associare ai seguenti dispositivi per il controllo permanente dell isolamento: HRI-R40 HRI-R22t HRI-R22 HRI-R24 HRI-R24N

Dettagli

elero VarioTec-868 JA VarioTec-868 RM Istruzioni d uso Conservare le presenti istruzioni d uso!

elero VarioTec-868 JA VarioTec-868 RM Istruzioni d uso Conservare le presenti istruzioni d uso! VarioTec-868 JA VarioTec-868 RM elero Istruzioni d uso Conservare le presenti istruzioni d uso! elero Italia S.r.l. Via A. Volta, 7 20090 Buccinasco (MI) info@elero.it www.elero.com 309025 02 Nr. 18 100.4602/0605

Dettagli

DS38 Centrale Radio INTRODUZIONE E CARATTERISTICHE TECNICHE

DS38 Centrale Radio INTRODUZIONE E CARATTERISTICHE TECNICHE DS38 Centrale Radio INTRODUZIONE E CARATTERISTICHE TECNICHE La centrale è stata realizzata per permettere l installazione di un sistema d allarme dove non è possibile, o non si ritenga opportuno per vari

Dettagli

HOME AUTOMATION Antintrusione in radiofrequenza

HOME AUTOMATION Antintrusione in radiofrequenza 1 2 3 4 HOME AUTOMATION 01737 - Rivelatore ad infrarossi installato all interno dei locali da sorvegliare, è in grado di gene rare un messaggio di allarme quando rileva, nelle proprie aree di copertura,

Dettagli

Espansore di ingressi per antifurto filare GW10946 MANUALE TECNICO

Espansore di ingressi per antifurto filare GW10946 MANUALE TECNICO Espansore di ingressi per antifurto filare MANUALE TECNICO PER L INSTALLATORE: AVVERTENZE Attenersi scrupolosamente alle normative operanti sulla realizzazione di impianti elettrici e sistemi di sicurezza,

Dettagli

Manuale utente per il modello

Manuale utente per il modello Manuale utente per il modello RBS 24 Elite Caldaia murale istantanea con scambiatore integrato CE 0694 Documentazione Tecnica RADIANT BRUCIATORI S.p.A. Montelabbate (PU) ITALY RBS 24 - RAD - ITA - MAN.UT

Dettagli

AEM Torino Distribuzione S.p.A. Gruppo Iren. Il Contatore Elettronico. Modalità d uso e vantaggi.

AEM Torino Distribuzione S.p.A. Gruppo Iren. Il Contatore Elettronico. Modalità d uso e vantaggi. AEM Torino Distribuzione S.p.A. Gruppo Iren Il Contatore Elettronico. Modalità d uso e vantaggi. Il Contatore Elettronico. Il sistema intelligente. Il Contatore Elettronico Il nuovo Contatore è parte di

Dettagli

INFORMAZIONI TECNICHE per C.A.T. e R.T.A.

INFORMAZIONI TECNICHE per C.A.T. e R.T.A. INFORMAZIONI TECNICHE per C.A.T. e R.T.A. CORNELIA PELLET ECO PELLET Autoapprendimento Radiocomando L autoapprendimento è quella funzione che permette al ricevitore del Pannello Emergenza di autoapprendere

Dettagli

LINCE ITALIA S.p.A. REG.N.4796 UNI EN ISO 9001:2008. GR868ONDA Art.: MANUALE DI INSTALLAZIONE, PROGRAMMAZIONE ED USO MADE IN ITALY

LINCE ITALIA S.p.A. REG.N.4796 UNI EN ISO 9001:2008. GR868ONDA Art.: MANUALE DI INSTALLAZIONE, PROGRAMMAZIONE ED USO MADE IN ITALY LINCE ITALIA S.p.A. REG.N.4796 UNI EN ISO 9001:2008 GR868ONDA Art.: 4072 MANUALE DI INSTALLAZIONE, PROGRAMMAZIONE ED USO MADE IN ITALY SOMMARIO 1 Generalità...3 2 Caratteristiche Tecniche...3 3 Avvertenze...3

Dettagli

Ricevitore radio supervisionato - RX16 - Manuale utente 1.0

Ricevitore radio supervisionato - RX16 - Manuale utente 1.0 Ricevitore radio supervisionato - RX16 - Manuale utente 1.0 ª2002 Tutti i diritti riservati Prodotto distribuito da: Securforce Srl Internet: www.securforce.com e-mail: supporto.tecnico@securforce.com

Dettagli

I VALORI RILEVABILI I VANTAGGI DEL NUOVO CONTATORE ELETTRONICO TRIFASE. Energia attiva. Energia reattiva. Potenza attiva assorbita

I VALORI RILEVABILI I VANTAGGI DEL NUOVO CONTATORE ELETTRONICO TRIFASE. Energia attiva. Energia reattiva. Potenza attiva assorbita I VANTAGGI DEL NUOVO CONTATORE ELETTRONICO TRIFASE Il contatore elettronico, installato dalla SECAB su direttiva dell Autorità per l energia elettrica e il gas per registrare direttamente dai propri uffici

Dettagli

Interfaccia remotizzatore GSM - RF antifurto - da guida DIN

Interfaccia remotizzatore GSM - RF antifurto - da guida DIN Interfaccia remotizzatore GSM - RF antifurto - da guida DIN GW 90 823 A 1 2 3 4 RF 5 1 Pulsante di programmazione 2 Morsetto ponticello programmazione 3 LED presenza alimentazione 4 LED di programmazione

Dettagli

POWER ROD 1365 GENERATORE art. 252

POWER ROD 1365 GENERATORE art. 252 CEBORA S.p.A. 1 POWER ROD 1365 GENERATORE art. 252 MANUALE DI SERVIZIO CEBORA S.p.A. 2 SOMMARIO 1 - INFORMAZIONI GENERALI... 3 1.1 - Introduzione... 3 1.2 - Filosofia generale d assistenza.... 3 1.3 -

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (art. 30 del D.Lgs. 163/2006)

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (art. 30 del D.Lgs. 163/2006) COMUNE DI IMPRUNETA Provincia di Firenze CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (art. 30 del D.Lgs. 163/2006) ALLEGATO Interventi sugli impianti elettrici Il Responsabile

Dettagli

MANUALE UTENTE CENTRALE 5 ZONE CENTRALE 10 ZONE. IS09005 Rev.B

MANUALE UTENTE CENTRALE 5 ZONE CENTRALE 10 ZONE. IS09005 Rev.B MANUALE UTENTE CENTRALE 5 ZONE CENTRALE 10 ZONE IS09005 Rev.B MANUALE UTENTE CENTRALI DOMINA 10 e 5 Le descrizioni fatte per la Domina 10 sono valide anche per la Domina 5 che gestisce di base solo 5 zone.

Dettagli

Manuale utente. MIra. venitem.com

Manuale utente. MIra. venitem.com Manuale utente MIra venitem.com INDICE TASTIERA 1. Segnalazione sulla tastiera 2. Segnalazione sul display durante il normale funzionamento 3. Segnalazione sul display dopo la digitazione di un Codice

Dettagli

Tastiere 636 e 646. Manuale utente DT01451

Tastiere 636 e 646. Manuale utente DT01451 Tastiere 636 e 646 636 646 Manuale utente DT01451 Sommario Operazioni di base 3 Codici accesso 4 Inserimento e disinserimento 5 Tasti panico 9 Tasto di accesso alla programmazione 10 Caratteristiche supplementari

Dettagli

Ricevitore radio DCMP2000FL INDICE

Ricevitore radio DCMP2000FL INDICE Ricevitore radio DCMP2000FL INDICE Generalità pag. 2 Caratteristiche pag. 2 Modo di funzionamento pag. 3 Collegamenti pag. 3 Visualizzazioni pag. 4 Eventi pag. 4 Allarme pag. 4 Tamper pag. 4 Batteria scarica

Dettagli

AEM Torino Distribuzione S.p.A. Gruppo Iride. Il contatore elettronico. Modalità d uso e vantaggi.

AEM Torino Distribuzione S.p.A. Gruppo Iride. Il contatore elettronico. Modalità d uso e vantaggi. AEM Torino Distribuzione S.p.A. Gruppo Iride Il contatore elettronico. Modalità d uso e vantaggi. Consumi Il contatore più elettronico. consapevoli. Il sistema intelligente. Il Contatore Elettronico AEM

Dettagli

Manuale di istruzioni del regolatore di carica per modulo fotovoltaico. Serie EPRC10-EC/PWM ITA

Manuale di istruzioni del regolatore di carica per modulo fotovoltaico. Serie EPRC10-EC/PWM ITA Manuale di istruzioni del regolatore di carica per modulo fotovoltaico Serie EPRC10-EC/PWM ITA Serie EPRC10-EC/PWM 12V O 24V (RICONOSCIMENTO AUTOMATICO) EPRC10-EC è un regolatore di carica PWM che accetta

Dettagli

Manuale per il cliente

Manuale per il cliente HOME ACCESS GATEWAY ADSL Manuale per il cliente INDICE 1. CHE COS È L HAG ADSL... 3 2. COLLEGAMENTO ALLA RETE FASTWEB... 5 3. COLLEGAMENTO DEL TELEFONO... 7 4. COLLEGAMENTO DEL COMPUTER... 8 5. RISOLUZIONE

Dettagli

ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222

ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222 ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222 Art. 4 VERIFICHE PERIODICHE 4.1 Generalità Per l esecuzione delle verifiche periodiche deve essere resa disponibile la documentazione tecnica relativa all impianto, compresa

Dettagli

EV-COM SISTEMA DI ALLERTAMENTO EVACUAZIONE CENTRALIZZATO

EV-COM SISTEMA DI ALLERTAMENTO EVACUAZIONE CENTRALIZZATO E INNOVATIOON CASE INNNOVVATION CASE Quando un idea creativa genera progresso, allora si parla di innovazione. Se l innovazione si traduce in un agire concreto capace di portare risultati, allora siamo

Dettagli

file: OSIN1.ITA ver 2.1 [090600] OSIN1 DESCRIZIONE GENERALE

file: OSIN1.ITA ver 2.1 [090600] OSIN1 DESCRIZIONE GENERALE file: OSIN1.ITA ver 2.1 [090600] OSIN1 DESCRIZIONE GENERALE L'OSIN1 è uno strumento che permette di controllare e comandare un impianto di osmosi inversa. La sezione di controllo analizza i segnali provenienti

Dettagli

Quadro elettrico tipo ABS CP 151-254

Quadro elettrico tipo ABS CP 151-254 15975197IT (12/2014) Istruzioni di Installazione e Uso www.sulzer.com 2 Istruzioni di Installazione e Uso ABS Pannello di controllo CP 151 153 253 254 Sommario 1 Informazioni generali... 3 1.1 Unità di

Dettagli

Monitor automatico Spiratec R16C per scaricatore di condensa Istruzioni per l'operatore

Monitor automatico Spiratec R16C per scaricatore di condensa Istruzioni per l'operatore ...0 IM-P0- MI Ed. IT - 00 Monitor automatico Spiratec RC per scaricatore di condensa Istruzioni per l'operatore RC 0. Introduzione. Descrizione. Descrizione della tastiera. Funzionamento normale. Modo

Dettagli

A 4-8-16 Centrale modulare analogica multiprocessore 16 bit A 4-8-16 MANUALE UTENTE A 4-8-16. Centrale modulare analogica multiprocessore 16 bit

A 4-8-16 Centrale modulare analogica multiprocessore 16 bit A 4-8-16 MANUALE UTENTE A 4-8-16. Centrale modulare analogica multiprocessore 16 bit Page / 4 A 4-8-6 Centrale modulare analogica multiprocessore 6 bit A 4-8-6 0/03/2004 A 4-8-6 Centrale modulare analogica multiprocessore 6 bit Manuale utente Page 2 / 4 A 4-8-6 Centrale modulare analogica

Dettagli