Ferisce più la penna che la spada

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ferisce più la penna che la spada"

Transcript

1 Anno X Gennaio 2015 Ferisce più la penna che la spada

2 Sommario 3 Anno X N 24 - Gennaio 2015 IL NUOVO MODELLO DI SERVIZIO DI BANCA DEI TERRITORI. GIOVANI E SINDACATO CHIAMA Torino Risponde A cura di Simona Misticoni STYLUS Pubblicazione Semestrale Registrazione n 5780 del 14/05/2004 del Tribunale di Torino Direttore responsabile Mauro Bossola Direttore editoriale Salvatore Taormina Hanno collaborato: Marco Grandin Simona Misticoni Daniela Fioretti Roberto Aschiero Salvatore Taormina Susanna Ponti Gabriella Mascari Pietro Gentile Video Interviste a cura di Marco Grandin Salvatore Tarmina Per le immagini: Paolo Moisiello I mpaginazione Grafica: Chiara Moraglio A cura di Marco Grandin e Salvatore Taormina, LO SMART WORKING A cura di Susanna Ponti e Salvatore Taormina Amministrazione Direzione e Redazione C/o FABI Via Guarini, Torino Tel Fax Sito internet: fabintesasanpaolo.eu

3 N 24 Editoriale con Salvatore Taormina IL NUOVO STYLUS Tanti cambiamenti a partire da questo numero. Un informazione sempre più tempestiva e puntuale

4 a cura di Salvatore Taormina A partire dal prossimo 19 Gennaio molte cose cambieranno a livello organizzativo all interno della Banca dei Territori e, di riflesso, nel modo di lavorare di tutti noi. Cambia profondamente la rete così come oggi la conosciamo, con la creazione nelle sette Direzioni di Filiere commerciali chiamate Territori commerciali specializzati per clientela Retail, Personal e Imprese. Vera e profonda novità di tutto questo è sicuramente la nascita delle filiali Personal. In parallelo, la Banca cercherà di cambiare le abitudini della clientela invitandola a un utilizzo sempre maggiore dei canali alternativi come Bancomat e ATM evoluti e dei canali internet e telefonici. Anche la Contact Unit, sarà chiamata ad un attività di supporto interattiva della filiale in maniera sempre più crescente. La Banca intende focalizzare l attenzione al mercato diversificando le varie fasce di clientela con servizi dedicati, puntando almeno nelle sue migliori intenzioni - ad un miglioramento dei servizi. L Azienda dichiara che oltre a cercare di dare una migliore qualità del servizio alla clientela intende valorizzare i propri dipendenti con la possibilità di crescita professionale e di un aumento delle competenze per gestori Imprese e Personal. Inoltre l incremento del numero dei direttori (complessivamente circa mille persone coinvolte) dovrebbe portare nuovo entusiasmo e positività. A una prima analisi risultano molti dubbi e criticità sui riflessi di tutto questo nei confronti di clienti e dipendenti, ecco perché in questo numero di Stylus abbiamo chiesto che siano loro stessi gli Attori protagonisti del dibattito che intendiamo aprire all interno di questo giornale parallelamente con le considerazioni e puntualizzazioni dei responsabili ai massimi livelli della Fabi. INCHIESTA SPECIALE! Interviste - Video Interventi

5 MAGNETTI: Come si rifletterà il nuovo modello sulla Clientela? L organizzazione della Rete su tre Territori commerciali significa specializzare il servizio sulle diverse tipologie di clientela in funzione della loro complessità e specificità, tutto ciò dovrebbe comportare un miglioramento della relazione/consulenza per i segmenti Personal e Imprese che potranno usufruire di una rete a loro dedicata. Occorre trovare il giusto equilibrio tra multicanalità e rapporto interpersonale. Inoltre assisteremo a una radicale trasformazione della Filiale Retail che raccoglierà le attività transazionali per tutti e tre i segmenti e svilupperà le transazioni sul digitale e la multicanalità per la clientela Base e Famiglie. Occorrerà vedere se i clienti utilizzeranno nel tempo, sempre più l internet banking e come reagiranno a questi cambiamenti radicali, o se dichiareranno A gran voce di preferire la Banca tradizionale rivolgendosi alla concorrenza data dalle piccole realtà di settore che dichiarano sempre più di voler tornare a una Banca tradizionale e a misura d uomo. Noi di Stylus, lo abbiamo chiesto ad alcuni di loro.

6 MESSORI: La Banca Tradizionale è superata. BOCCA: La Banca Tradizionale è utile per la consulenza nella scelta fra i diversi prodotti.

7 Quali le conseguenze per i colleghi? Se da una parte ci potrà essere la valorizzazione di nuove figure per l incremento del numero dei Direttori (Personal, Direttori di Area, Direttori Commerciali ecc.), tutto questo porterà molto probabilmente a un ulteriore aumento delle pressioni commerciali e a una fortissima difficoltà di scambio di risorse e competenze tra i Territori commerciali e tra i colleghi che fino a ieri erano nella stessa Filiale e oggi si ritrovano alle dipendenze di due direttori diversi: Direttore Retail e Direttore Personal. Ci si chiede inoltre se ci sarà una ghettizzazione delle figure non commerciali, e speriamo non si debba parlare in futuro di problemi occupazionali conseguenti alla riduzione del presidio commerciale sulle aree di business meno redditizie. Anche (e non solo) di questo ne abbiamo voluto parlare direttamente con alcuni colleghi che hanno acconsentito a darci la loro opinione in merito.

8 SONNESSA: Sarà necessaria tanta buona volontà per affrontare il nuovo modello organizzativo. GANORA: Semplicità e accessibilità del sito sono indispensabili per il suo utilizzo.

9 ROBERTO ASCHIERO, Segretario Coordinatore FABI, Gruppo IINTESA SANPAOLO Il Parere del Sindacato ROBERTO ASCHIERO: Il nostro compito sarà quello di costruire un sistema di inquadramenti e garantire un sistema incentivante uguale per tutti che faccia si che le differenze non diventino di carattere economico...

10 Giovani e Sindacato chiama, Torino risponde. CONGRESSI & CONVEGNI a cura di Simona Misticoni La tappa torinese degli incontri sul territorio della Fabi Giovani ha riscosso un grande successo: sono intervenuti sindacalisti under 40 provenienti dalle province del Piemonte e della Val d Aosta, oltre ad un nutrito schieramento del capoluogo. Presenti, in rappresentanza dell Esecutivo Nazionale Giovani, il Coordinatore Mattia Pari e la collega Simona Misticoni. Dopo il saluto della Segreteria Provinciale, la parola è passata al Segretario Generale Aggiunto della Fabi, Mauro Bossola, che ha illustrato all interessata platea la complessa situazione bancaria italiana e la delicata trattativa per il rinnovo del CCNL: Abi continua a dichiarare insostenibile la crescita del costo del lavoro mentre per la FABI difendere l occupazione del settore significa difendere la tenuta dell area contrattuale, il suo perimetro e il suo possibile rafforzamento in quanto questa operazione si ricongiunge direttamente al modello di banca che abbiamo in mente e il contratto nazionale rappresenta il cardine della contrattazione di gruppo e aziendale. Si è svolto poi un momento formativo, a cura dall Avv. Paolo Berti, che ha offerto ai partecipanti un importante riflessione sugli sviluppi normativi della regolamentazione del mercato del lavoro cosiddetto Jobs Act: superamento dell art 18, controllo a distanza dei lavoratori e demansionamento sono le principali novità previste che porterebbero conseguenze gravi nel nostro settore ormai oggetto di continue ristrutturazioni e di modelli organizzativi centrati sulla massimizzazione dei profitti nel breve periodo. Il coordinatore Pari, alla luce di quanto emerso sottolineava che la modifica dell Art. 18 non ha favorito le nuove assunzioni e la riforma delle pensioni ha incrementato la stagnazione del mercato del lavoro portando la disoccupazione giovanile ai record negativi. Nel nostro settore abbiamo provato a invertire la rotta con la contrattazione, come ci insegna anche l esperienza del Fondo per la nuova occupazione. Nel nostro gruppo in particolare cerchiamo di dare un segnale chiedendo a gran voce di

11 Giovani e Sindacato chiama, Torino risponde. CONGRESSI & CONVEGNI a cura di Simona Misticoni rispettare l accordo sui pensionamenti incentivati firmato l 11 aprile del 2013, dove Intesa Sanpaolo si era impegnata a procedere a 100 nuove assunzioni, pescando nel bacino dei precari che avevano già lavorato a tempo determinato in banca. Accordi come le casse sanitarie, la previdenza complementare, i premi sociali, l azionariato diffuso e, -concludeva la Misticoni parlando di giovani, il Fondo per l occupazione sono i principali esempi dove la Fabi è stata protagonista, impegno riconosciuto al sindacato di categoria più rappresentativo all unanimità dagli addetti ai lavori del settore. La giornata si è infine conclusa con un nutrito dibattito fra i partecipanti circa il coinvolgimento dei giovani nel sindacato, come strumento indispensabile per rivendicare il proprio futuro.

12 a cura di Susanna Ponti e Salvatore Taormina SMART WORKING. Il Lavoro flessibile arriva in banca. Intesa Sanpaolo e i sindacati hanno firmato un accordo per una sperimentazione da marzo a dicembre 2015 del lavoro agile. La sperimentazione avverrà sicuramente per agevolare i lavoratori che subiranno i disagi nel periodo dell Expo La Banca coinvolgerà altre strutture, come Banca Prossima, che si sono candidate a sperimentare il modello di Lavoro flessibile. L accordo rappresenta una tappa importante nella ricerca di strumenti innovativi per coniugare le esigenze organizzative dell Azienda con quelle dei colleghi, favorendone la qualità di vita. La notizia di questo accordo che fa da apripista nel settore ha avuto grande rilievo su tutti i giornali, e se il modello avrà successo, ha dichiarato il Segretario Generale della Fabi Lando Sileoni, potremmo utilizzarlo su base volontaria anche in altre strutture del Gruppo. La storia dello smart working in Intesa Sanpaolo nasce dal basso, dai lavoratori, ricordiamo che la Fabi ha avviato un indagine attraverso un questionario anonimo tra i lavoratori in via preventiva per ascoltare la loro voce al riguardo prima di avviare il confronto con l Azienda. Ne abbiamo parlato con Gabriella Mascari membro della Segreteria di Gruppo della Fabi di Intesa Sanpaolo. Un accordo importante e innovativo GABRIELLA MASCARI: L attenzione dei media è dovuta anche al fatto che oltre a essere un nuovo modo di lavorare è la prima volta che viene applicato con ACCORDO Sindacale GABRIELLA MASCARI: Accettare di introdurre il Lavoro Flessibile in Intesa Sanpaolo è una scelta innovativa e coraggiosa

NUOVI MODELLI DI SERVIZIO: evoluzione dei progetti

NUOVI MODELLI DI SERVIZIO: evoluzione dei progetti NUOVI MODELLI DI SERVIZIO: evoluzione dei progetti Nella giornata di ieri l Azienda ha fornito ulteriori aggiornamenti sulle sperimentazioni in corso del Nuovo Modello di Servizio delle Imprese e del Retail.

Dettagli

Contratto Integrativo Sanpaolo e Sanpaolo Banco Napoli: raggiunto l accordo

Contratto Integrativo Sanpaolo e Sanpaolo Banco Napoli: raggiunto l accordo Contratto Integrativo Sanpaolo e Sanpaolo Banco Napoli: raggiunto l accordo Dopo cinque mesi di trattative e forti tensioni con la Banca, è stato raggiunto oggi l accordo per il rinnovo dei Contratti integrativi

Dettagli

INTESA SANPAOLO, L ACCORDO SULLO SMART WORKING SOTTO I RIFLETTORI DELLA STAMPA

INTESA SANPAOLO, L ACCORDO SULLO SMART WORKING SOTTO I RIFLETTORI DELLA STAMPA INTESA SANPAOLO, L ACCORDO SULLO SMART WORKING SOTTO I RIFLETTORI DELLA STAMPA Grazie all accordo con i sindacati, Intesa Sanpaolo fa da apripista e lancia lo Smart Working in banca. Leggi il commento

Dettagli

Dr. Paolo Faieta Risorse Umane e Org.ne R.I. Poste Italiane S.p.A. Viale Europa 175 00144 ROMA. Roma, 14 settembre 2011

Dr. Paolo Faieta Risorse Umane e Org.ne R.I. Poste Italiane S.p.A. Viale Europa 175 00144 ROMA. Roma, 14 settembre 2011 Dr. Paolo Faieta Risorse Umane e Org.ne R.I. Poste Italiane S.p.A. Viale Europa 175 00144 ROMA Oggetto:- Apertura conflitto di lavoro a livello Nazionale.- Ormai da tempo si denota una preoccupante indifferenza

Dettagli

Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE ATTIVITA DI RICERCA 2015

Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE ATTIVITA DI RICERCA 2015 ATTIVITA DI RICERCA 2015 Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE In collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI Nel corso degli ultimi

Dettagli

L approccio modulare al cliente

L approccio modulare al cliente Q A fronte dei bisogni sempre più sofisticati e variegati dei clienti, le banche usano la tecnologia per instaurare, migliorare e creare una relazione più stabile e duratura che tenga conto della necessità

Dettagli

Risoluzione delle controversie in materia di impresa

Risoluzione delle controversie in materia di impresa Osservatorio Giustizia Risoluzione delle controversie in materia di impresa Primi risultati dell indagine campionaria ABI-Confindustria Maggio 2015 1 2 Indice Premessa... 4 Composizione del campione...

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna 2010/2012 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2010 2012 Fonti normative:

Dettagli

ORIZZONTE AGROALIMENTARE NUOVA PROPOSIZIONE DI VALORE DEDICATA ALL AGROALIMENTARE PREMIO ABI PER L INNOVAZIONE NEI SERVIZI BANCARI 2014

ORIZZONTE AGROALIMENTARE NUOVA PROPOSIZIONE DI VALORE DEDICATA ALL AGROALIMENTARE PREMIO ABI PER L INNOVAZIONE NEI SERVIZI BANCARI 2014 ORIZZONTE AGROALIMENTARE NUOVA PROPOSIZIONE DI VALORE DEDICATA ALL AGROALIMENTARE PREMIO ABI PER L INNOVAZIONE NEI SERVIZI BANCARI 2014 Orizzonte Agroalimentare: l approccio innovativo Obiettivi Soddisfare

Dettagli

CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI

CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI Il sistema premiante introdotto dal CCNL 31 marzo 1999 e dal CCNL 1 aprile 1999

Dettagli

GUIDA SINTETICA DEGLI INQUADRAMENTI AL CREDITO ITALIANO

GUIDA SINTETICA DEGLI INQUADRAMENTI AL CREDITO ITALIANO GUIDA SINTETICA DEGLI INQUADRAMENTI AL CREDITO ITALIANO INTRODUZIONE DEFINIZIONE DI ADIBIZIONE CONTINUATIVA E PREVALENTE SETTORE RETAIL (AGP) SETTORE RETAIL (ACU) SETTORE CORPORATE SETTORE ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Posizione di Filcem-Femca-Uilcem rispetto allo stato delle. trattative per il rinnovo del Contratto Nazionale unico di.

Posizione di Filcem-Femca-Uilcem rispetto allo stato delle. trattative per il rinnovo del Contratto Nazionale unico di. Prot. 584 Roma, 25 maggio 2006 Posizione di Filcem-Femca-Uilcem rispetto allo stato delle trattative per il rinnovo del Contratto Nazionale unico di Settore Gas/Acqua Dopo i primi incontri fra le OO.SS.

Dettagli

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI PREMESSA Anche se il settore della coibentazione termoacustica risente, inevitabilmente, delle difficoltà relative alle produzioni industriali ed alle realizzazioni

Dettagli

La filiale Bancaria, luogo di relazione

La filiale Bancaria, luogo di relazione GRUPPO TELECOM ITALIA ABI Dimensione Cliente 2009 La filiale Bancaria, luogo di relazione Agenda L evoluzione della filiale I modelli di evoluzione e le aree di relazione Le nostre esperienze Idee Cambiare:

Dettagli

Coinvolgere, valorizzare ed emozionare il cliente nei nuovi modelli di servizio

Coinvolgere, valorizzare ed emozionare il cliente nei nuovi modelli di servizio Coinvolgere, valorizzare ed emozionare il cliente nei nuovi modelli di servizio DIMENSIONE CLIENTE 2012 Roma, 11 aprile 2013 Daniela Vitolo ABI Ufficio Analisi Gestionali - Direzione Strategie e Mercati

Dettagli

Marketing e Comunicazione del settore bancario Il caso italiano dell Unicredit

Marketing e Comunicazione del settore bancario Il caso italiano dell Unicredit ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI Corso di laurea magistrale in Scienze della comunicazione pubblica e sociale Marketing e Comunicazione del settore bancario

Dettagli

UIL Credito Esattorie e Assicurazioni RSA DI ROMA DI BANCA FIDEURAM

UIL Credito Esattorie e Assicurazioni RSA DI ROMA DI BANCA FIDEURAM NUMERO 1 - ANNO 1 Gennaio 2006 Supplemento di Bankooonote AUT.TRIB.TORINO n 3697/86 PERIODICO DI INFORMAZIONE a cura della UILCA/UIL Roma di Banca Fideuram. Comunicazione Sindacale, stampato in proprio

Dettagli

Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce

Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce PROVINCIA DI LECCE SERVIZIO INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE SERVIZIO INNOVAZIONE TECNOLOGICA Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce Il nuovo portale istituzionale, che oggi presentiamo, è

Dettagli

ASSEMBLEA PROGRAMMATICA E ORGANIZZATIVA UST CISL PISA

ASSEMBLEA PROGRAMMATICA E ORGANIZZATIVA UST CISL PISA ASSEMBLEA PROGRAMMATICA E ORGANIZZATIVA UST CISL PISA Navacchio 29 SETTEMBRE 2015 DOCUMENTO CONCLUSIVO La relazione della Segreteria UST e gli interventi dell Assemblea Organizzativa hanno evidenziato

Dettagli

Jobs act: Poletti, lavoro flessibile costa più di stabile

Jobs act: Poletti, lavoro flessibile costa più di stabile Jobs act: Poletti, lavoro flessibile costa più di stabile (ANSA) - ROMA, 19 GIU - Il Governo ha stabilito il principio che il lavoro flessibile deve costare di più di quello stabile. Lo ha ribadito il

Dettagli

e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati al 31 Marzo 2004

e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati al 31 Marzo 2004 Relazione trimestrale Marzo 2004 Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati al 31 Marzo 2004 La relazione trimestrale

Dettagli

INTERNET E LA BANCA REGIONALE EUROPEA

INTERNET E LA BANCA REGIONALE EUROPEA INTERNET E LA BANCA REGIONALE EUROPEA LA BANCA SULLE AUTOSTRADE DELL INFORMAZIONE DI STEFANO DIONI, FABIO BERTOLI Che cosa offre e come utilizzare nel modo più efficace il sito della banca. Un canale complementare,

Dettagli

Rassegna Stampa. Martedì 28 Ottobre 2014

Rassegna Stampa. Martedì 28 Ottobre 2014 Rassegna Stampa 28 Ottobre 2014 Sommario Testata Data Pag. Titolo p. 1. Fondi pensione Sole 24 Ore (Il) 39 Professioni - Giovani commercialisti: «Bene il contributo annuale dimezzato» 2. Previdenza Sole

Dettagli

LINEA DIRETTA CON ANFFAS

LINEA DIRETTA CON ANFFAS LINEA DIRETTA CON ANFFAS SONDAGGIO TELEFONICO Com è nata l idea del Sondaggio? Il sondaggio nasce dall esigenza, fortemente avvertita nel corso degli ultimi anni, da Anffas Nazionale di trovare un modo

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE, 34

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE, 34 UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE, 34 TELEFONO 47531 1000 BRUXELLES TELEX 622425 TELEFONO 00322 / 2178838

Dettagli

SPECIALE FONDO DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE

SPECIALE FONDO DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE Notiziario interno della Fisac/Cgil per gli esattoriali della Concessione di Roma supplemento ad Informazioni-Fisac OTTOBRE 2000 Non sono le idee che mi spaventano, ma le facce che rappresentano queste

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Strumenti di lavoro n.6

Strumenti di lavoro n.6 1 Strumenti di lavoro n.6 a cura della FISAC-CGIL in UniCredit Focalizzazione su alcuni aspetti specifici legati alle Intese 28.06.2014 relative al Piano Strategico 2018 del Gruppo UniCredit - perimetro

Dettagli

Un manifesto di Cna per dare più forza e più voce ai nuovi professionisti

Un manifesto di Cna per dare più forza e più voce ai nuovi professionisti Un manifesto di Cna per dare più forza e più voce ai nuovi professionisti Sono circa 10.000 in provincia di Bologna Sondaggio tra gli iscritti Cna: sono laureati e soddisfatti della loro autonomia Rivendicano

Dettagli

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH ,O7HPSRGHOOH'RQQH Progetto ID 158160 Azioni di sistema E1 FSE Obiettivo 3 http://www.iltempodelledonne.it $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH Per lo studio dei servizi sul territorio,

Dettagli

EXPO 2015 PRESENZA ISP

EXPO 2015 PRESENZA ISP EXPO 2015 PRESENZA ISP Presentazione alle OO.SS. Milano 11 novembre 2014 1 EXPO 2015 Un evento unico che incarna un nuovo concept di Expo: tematico, sostenibile, tecnologico e incentrato sul visitatore.

Dettagli

Il Gruppo Banca Carige

Il Gruppo Banca Carige Il Gruppo Banca Carige Le tappe del Gruppo Banca Carige Costituzione della Cassa di Risparmio di Genova Trasformazione della Banca in SpA. Privatizzazione e capitalizzazione tramite OPS Nasce Carige Vita

Dettagli

I Giovani: un target da conoscere e coltivare per BCC

I Giovani: un target da conoscere e coltivare per BCC I Giovani: un target da conoscere e coltivare per BCC Stefania Conti - GfK Eurisko Roma, 2 Dicembre 2014 Agenda La ricerca: obiettivi e caratteristiche La relazione dei Giovani con BCC e le banche I canali

Dettagli

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Microsoft Dynamics CRM e le istituzioni finanziare dedicate alle famiglie banche, banche assicurazioni e sim Premessa Ogni impresa che opera nel settore

Dettagli

BANCA VALSABBINA FIRMATO L ACCORDO PER IL RINNOVO DEL C.I.A

BANCA VALSABBINA FIRMATO L ACCORDO PER IL RINNOVO DEL C.I.A BANCA VALSABBINA FIRMATO L ACCORDO PER IL RINNOVO DEL C.I.A Dopo una lunga ed complessa trattativa, durata parecchi mesi, è stato siglato l accordo fra le OO.SS. e l azienda che aggiorna il vigente contratto

Dettagli

PROPOSTA PER UNA NUOVA STRUTTURA E UNA NUOVA POLITICA DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA

PROPOSTA PER UNA NUOVA STRUTTURA E UNA NUOVA POLITICA DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA PROPOSTA PER UNA NUOVA STRUTTURA E UNA NUOVA POLITICA DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA La UIL nell assumere tra i suoi obiettivi prioritari per l'anno in corso il superamento del blocco della contrattazione

Dettagli

Il giorno 24 luglio 2008, in Roma. tra. Premesso che

Il giorno 24 luglio 2008, in Roma. tra. Premesso che ACCORDO PER IL PASSAGGIO DEI QUADRI DIRETTIVI E DEL PERSONALE DELLE AREE PROFESSIONALI DELLA CASSA DEPOSIT I E PRESTITI SOCIETÀ PER AZIONI AL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I QUADRI DIRETTIVI

Dettagli

Oggetto: Proposta di attività GIOVANI E SOCIAL BUSINESS: DIVENTARE ATTORI DEL CAMBIAMENTO, anno scolastico 2015/2016 INDICE

Oggetto: Proposta di attività GIOVANI E SOCIAL BUSINESS: DIVENTARE ATTORI DEL CAMBIAMENTO, anno scolastico 2015/2016 INDICE Pistoia, 01-09- 2015 Pistoia Social Business City Via Abbi Pazienza, 1-51100 Pistoia Ai soggetti interessati Oggetto: Proposta di attività GIOVANI E SOCIAL BUSINESS: DIVENTARE ATTORI DEL CAMBIAMENTO, anno

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

Premessa. Descrizione del Bilancio

Premessa. Descrizione del Bilancio Premessa Il Bilancio Preventivo 2011 è stato elaborato prendendo come riferimento i dati dell esercizio appena concluso e assumendo come obbiettivo la volontà di garantire la stessa impegnativa e intensa

Dettagli

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI SEGRETERIA NAZIONALE 00198 ROMA VIA TEVERE, 46 TEL. 06.84.15.751/2/3/4 FAX 06.85.59.220 06.85.52.275 SITO INTERNET: www.fabi.it E-MAIL: federazione@fabi.it FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI Ai Sindacati

Dettagli

Raggiunto l Accordo di Armonizzazione in Banca di Trento e Bolzano

Raggiunto l Accordo di Armonizzazione in Banca di Trento e Bolzano Pagina 1 di 7 Raggiunto l Accordo di Armonizzazione in Banca di Trento e Bolzano Dopo la sottoscrizione in ambito di IntesaSanpaolo degli Accordi di indirizzo volti ad armonizzare i trattamenti contrattuali

Dettagli

FILIALI IMPRESE pag. 2

FILIALI IMPRESE pag. 2 VENEZIA Mestre via della Montagnola 37 www.liberosinfub.com - tel. 041 544 11 33 Notizie ed approfondimen ti per gli Iscritti del Gruppo INTESA SANPAOLO N 5/20 14 7 agosto 2014 Gli argomenti trattati in

Dettagli

rappresenta la FABI al Cnel - I dipartimenti nazionali Comunicazione e Immagine, Contrattualistica, Formazione, Organizzazione, Salute e Sicurezza,

rappresenta la FABI al Cnel - I dipartimenti nazionali Comunicazione e Immagine, Contrattualistica, Formazione, Organizzazione, Salute e Sicurezza, rappresenta la FABI al Cnel - I dipartimenti nazionali Comunicazione e Immagine, Contrattualistica, Formazione, Organizzazione, Salute e Sicurezza, Servizi e Tempo libero, Welfare pianificano a Roma il

Dettagli

Special project Newsletter 1

Special project Newsletter 1 PO F.S.E. Regione Abruzzo 2007-23, Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo 2007-2008; Codice Identificativo (CIG) n. 64280FF5 L incremento dei fabbisogni di assistenza per non i autosufficienti ed il

Dettagli

Accordo Quadro 30/09/2014

Accordo Quadro 30/09/2014 Accordo Quadro 30/09/2014 Nella tarda serata del 30/09/2014 è stata raggiunta un ipotesi di Accordo tra le OO.SS. e l Azienda in relazione alle ricadute sul Personale del Gruppo derivanti dall applicazione

Dettagli

Ritorno alla base con modernità: nuova valorizzazione del territorio..

Ritorno alla base con modernità: nuova valorizzazione del territorio.. PRESENTAZIONE Nel costruire un nuovo progetto non potevamo che partire dai principi informatori contenuti nel programma del Presidente Malagò. Ritorno alla base con modernità: nuova valorizzazione del

Dettagli

JOBS ACT: COSA SIGNIFICA DAVVERO?

JOBS ACT: COSA SIGNIFICA DAVVERO? La FONDAZIONE STUDI DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO, il POLO UNIVERSITARIO ASTI STUDI SUPERIORI UNI-ASTISS e il CONSIGLIO PROVINCIALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

Dettagli

GLI OBIETTIVI, I CONTENUTI E LE ATTIVITÀ DEL PERCORSO FORMATIVO

GLI OBIETTIVI, I CONTENUTI E LE ATTIVITÀ DEL PERCORSO FORMATIVO DAL LAVORO AL PENSIONAMENTO 1 GLI OBIETTIVI, I CONTENUTI E LE ATTIVITÀ DEL PERCORSO FORMATIVO Chiara Cassurino, Genova Modulo 1 Il Percorso formativo dal lavoro al pensionamento : a chi si rivolge e perché?

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA. tra. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte

PROTOCOLLO DI INTESA. tra. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte PROTOCOLLO DI INTESA tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Associazione Italiana Fisioterapisti Piemonte Valle d

Dettagli

La Buona Scuola: il MIUR ascolta il territorio

La Buona Scuola: il MIUR ascolta il territorio La Buona Scuola: il MIUR ascolta il territorio Terni, Auditorium A.Casagrande F.Cesi 3 novembre 2014 Silvio Improta Dirigente Scolastico - Staff Regionale per le Misure di accompagnamento alle Nuove Indicazioni

Dettagli

ACCORDO QUADRO EX ART. 18 CCNL 12.2.2005 SULLA DIVISIONALIZZAZIONE. Il giorno 24 gennaio 2007. In Padova PREMESSO CHE

ACCORDO QUADRO EX ART. 18 CCNL 12.2.2005 SULLA DIVISIONALIZZAZIONE. Il giorno 24 gennaio 2007. In Padova PREMESSO CHE ACCORDO QUADRO EX ART. 18 CCNL 12.2.2005 SULLA DIVISIONALIZZAZIONE Il giorno 24 gennaio 2007 In Padova Tra la S.P.A. e le Segreterie degli Organi di coordinamento delle RR.SS.AA. PREMESSO CHE nelle riunioni

Dettagli

dello Sviluppo Economico Il Sottosegretario di Stato

dello Sviluppo Economico Il Sottosegretario di Stato Ministero dello Sviluppo Economico Il Sottosegretario di Stato Roma, 29 ottobre 2015 Gent. mo Presidente, in riferimento al Suo invito per la giornata odierna di inaugurazione della Vostra nuova sede di

Dettagli

DALLA PARTE DELLE FAMIGLIE. Prodotti e servizi che semplificano la vita.

DALLA PARTE DELLE FAMIGLIE. Prodotti e servizi che semplificano la vita. DALLA PARTE DELLE FAMIGLIE Prodotti e servizi che semplificano la vita. LA BANCA COME TU LA DALLA PARTE DELLE FAMIGLIE Prodotti e servizi che semplificano la vita. VUOI Una banca comoda per le mie esigenze

Dettagli

RETAIL MARKETING & RELAZIONE CON IL CLIENTE

RETAIL MARKETING & RELAZIONE CON IL CLIENTE RETAIL MARKETING & RELAZIONE CON IL CLIENTE La formazione e lo sviluppo ru uno strumento di cambiamento per la persona e l organizzazione Ad Meliora srl partita iva 07458521007 Tel: 06 39754305 - Fax:

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Programma delle attività 2008-09

Programma delle attività 2008-09 Programma delle attività 2008-09 1. Premessa Questo programma fa parte del "piano industriale" di rilancio della società consortile Proteus Progetti e riprende molti dei punti già enunciati nelle relazioni

Dettagli

Padova, 28 Marzo 2007. a cura di: Osservatorio sul Mercato Locale del Lavoro Roberta Rosa

Padova, 28 Marzo 2007. a cura di: Osservatorio sul Mercato Locale del Lavoro Roberta Rosa Università degli Studi di Padova Servizio Stage e Mondo del Lavoro Occupazione e professionalità nelle imprese venete di consulenza amministrativa, fiscale, legale e notarile Progetto FSE Ob. 3 Mis. C1

Dettagli

PROGETTO UILP Basilicata SPORTELLO ASCOLTO UN PROGETTO SPERIMENTALE E INNOVATIVO

PROGETTO UILP Basilicata SPORTELLO ASCOLTO UN PROGETTO SPERIMENTALE E INNOVATIVO Potenza,19 settembre 2014 PROGETTO UILP Basilicata SPORTELLO ASCOLTO UN PROGETTO SPERIMENTALE E INNOVATIVO I primi segni di invecchiamento iniziano con il pensionamento, perché nella nostra società l uomo

Dettagli

Dal CRM all e-crm. Andrea De Marco

Dal CRM all e-crm. Andrea De Marco Dal CRM all e-crm Andrea De Marco Qualità Uno dei principali fattori competitivi nell attuale contesto di mercato è rappresentato dalla qualità delle relazione online che vengono gestite tramite servizi

Dettagli

Evouzione del modello di servizio retail: da Filiale Estesa a Relazione Estesa. Laura Furlan Responsabile Marketing Strategico

Evouzione del modello di servizio retail: da Filiale Estesa a Relazione Estesa. Laura Furlan Responsabile Marketing Strategico Evouzione del modello di servizio retail: da Filiale Estesa a Relazione Estesa Laura Furlan Responsabile Marketing Strategico Divisione Banca dei Territori Roma, 8-9 Aprile 2014 Intesa Sanpaolo, come tutti

Dettagli

Professione Educatore Domiciliare Storia delle iscritte all Elenco Provinciale Pistoiese di Educatrici Domiciliari

Professione Educatore Domiciliare Storia delle iscritte all Elenco Provinciale Pistoiese di Educatrici Domiciliari Professione Educatore Domiciliare Storia delle iscritte all Elenco Provinciale Pistoiese di Educatrici Domiciliari La Regione Toscana aveva previsto nel PEZ (Piano Educativo Zonale) 2013/ 2014 al Punto

Dettagli

www.ic16verona.gov.it Relazione A.S. 2013-2014

www.ic16verona.gov.it Relazione A.S. 2013-2014 www.ic16verona.gov.it Relazione A.S. 2013-2014 Statistiche, linee di lavoro, considerazioni finali circa la gestione 2013-2014 del sito web dell IC 16 Valpantena. Mariacristina Filippin 16 giugno 2014

Dettagli

CUSTOMER SATISFACTION 2011

CUSTOMER SATISFACTION 2011 DIREZIONE REGIONALE MOLISE CUSTOMER SATISFACTION 2011 REPORT DI SINTESI DELLE SEDI DELLA REGIONE MOLISE CAMPOBASSO e sedi di pertinenza ( Isernia e Termoli) Rilevazione 2011 della soddisfazione dell utenza

Dettagli

La smart (R)evolution del cliente mobile. Elisabeth Rizzotti Responsabile Canali Diretti e Comunicazione

La smart (R)evolution del cliente mobile. Elisabeth Rizzotti Responsabile Canali Diretti e Comunicazione La smart (R)evolution del cliente mobile Elisabeth Rizzotti Responsabile Canali Diretti e Comunicazione Il contesto di riferimento La risposta di UBI Banca Le sfide del cambiamento Agenda Il comportamento

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni La nostra aspettativa è creare le condizioni di una autonomia del nostro territorio riguardante il ciclo dei rifiuti, attraverso una azienda di chiaro

Dettagli

Commissione per le pari opportunità

Commissione per le pari opportunità Commissione per le pari opportunità Verbale della riunione del 7 ottobre 2014 In data 7 ottobre 2014, alle ore 14,00, si è riunita presso via Milano, 53 la Commissione per le pari opportunità nella composizione

Dettagli

modelli organizzativi dell Istituto e la gestione del personale INPDAP, politiche di bilancio e patrimoniali,

modelli organizzativi dell Istituto e la gestione del personale INPDAP, politiche di bilancio e patrimoniali, INPDAP Tavolo tecnico regionale di coinvolgimento degli stakeholder (portatori di interesse qualificati), Torino 22 dicembre 2011 Concorso del Difensore civico quale Autorità istituzionale terza e indipendente.

Dettagli

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene:

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: 1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: SUL PIANO GENERALE. in una fase storica mondiale di grandi cambiamenti e grandi tragedie. Pensiamo solo alla rapida evoluzione tecnologica,

Dettagli

Sciopero per il mancato rinnovo del CCNL delle Telecomunicazioni

Sciopero per il mancato rinnovo del CCNL delle Telecomunicazioni http://www.julienews.it/notizia/istruzione-e-lavoro/sciopero-per-il-mancato-rinnovo-delccnl-delle-telecomunicazioni/277635_istruzione-e-lavoro_7.html Sciopero per il mancato rinnovo del CCNL delle Telecomunicazioni

Dettagli

Offriamo i nostri servizi bancari a una clientela sensibile allo sviluppo ecologico e sociale.

Offriamo i nostri servizi bancari a una clientela sensibile allo sviluppo ecologico e sociale. LINEE DIRETTRICI La nostra missione Noi della Banca Alternativa Svizzera ci impegniamo al massimo per il bene comune, per l uomo e la natura e per una qualità di vita sostenibile per le generazioni presenti

Dettagli

DALLA PARTE DEGLI ARTIGIANI. La nostra risposta alle esigenze della tua attività.

DALLA PARTE DEGLI ARTIGIANI. La nostra risposta alle esigenze della tua attività. DALLA PARTE DEGLI ARTIGIANI La nostra risposta alle esigenze della tua attività. LA BANCA COME TU LA VUOI DALLA PARTE DEGLI ARTIGIANI La nostra risposta alle esigenze della tua attività. Gestisci un attività

Dettagli

RC Auto Quanto mi costi? Progetto finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico

RC Auto Quanto mi costi? Progetto finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico RC Auto Quanto mi costi? Progetto finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico RC Auto quanto mi costi? Il servizio Rapporto di Ricerca su: Caratteristiche dell utente Canali distributivi Informazione

Dettagli

SCHEDA RIASSUNTIVA DEL PROGETTO (Una scheda per ogni singolo progetto. Ogni punto dovrà essere debitamente articolato)

SCHEDA RIASSUNTIVA DEL PROGETTO (Una scheda per ogni singolo progetto. Ogni punto dovrà essere debitamente articolato) Modello A SCHEDA RIASSUNTIVA DEL PROGETTO (Una scheda per ogni singolo Ogni punto dovrà essere debitamente articolato) 1) Denominazione del progetto: Il progetto prende il nome di PENSA RIFIUTO, nel tentativo

Dettagli

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 Agenda Il contesto di mercato La centralità del Pricing Come sfruttare le potenzialità

Dettagli

LEGGE DI STABILITÀ E JOBS ACT INCONTRI DI AGGIORNAMENTO ED APPROFONDIMENTO

LEGGE DI STABILITÀ E JOBS ACT INCONTRI DI AGGIORNAMENTO ED APPROFONDIMENTO LEGGE DI STABILITÀ E JOBS ACT INCONTRI DI AGGIORNAMENTO ED APPROFONDIMENTO 9 27 marzo 2015 2LEGGE DI STABILITÀ E JOBS ACT LEGGE DI STABILITÀ E JOBS ACT Cosa cambia per le imprese e i lavoratori dopo la

Dettagli

L attenzione verso i collaboratori e la loro formazione, perché l azienda non cresce se i collaboratori restano indietro.

L attenzione verso i collaboratori e la loro formazione, perché l azienda non cresce se i collaboratori restano indietro. 1 Chi siamo Mericom è una delle più consolidate realtà nell ambito delle vendite, del marketing e della comunicazione. Siamo sul mercato con successo da 15 anni e abbiamo realizzato grandi progetti anche

Dettagli

Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono

Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono 1 Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono presentati sul mercato del lavoro. Tali informazioni provengono

Dettagli

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti»

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» SPERIMENTAZIONI LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale GREEN JOBS Formazione e Orientamento L idea Si tratta di un esperienza di ricerca

Dettagli

! Scuola di Cittadinanza ATtiva!

! Scuola di Cittadinanza ATtiva! s C at! Scuola di Cittadinanza ATtiva! PROGETTO SCAT! scuola di cittadinanza attiva 2013/2014 un progetto ideato da 1 RIME (Responsabilità, Impegno, Memoria, Educazione) è un associazione di promozione

Dettagli

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI ISCRITTI DEL COLLEGIO IPASVI DI PISA

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI ISCRITTI DEL COLLEGIO IPASVI DI PISA ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI ISCRITTI DEL COLLEGIO IPASVI DI PISA Pisa, venerdì 20 marzo 2015 Oggetto: relazione programmatica per l'anno 2015 Prima di presentare gli elementi sui quali si svilupperà l'azione

Dettagli

CAPGEMINI: INTEGRATIVO RINNOVATO!

CAPGEMINI: INTEGRATIVO RINNOVATO! CAPGEMINI: INTEGRATIVO RINNOVATO! FIM, UILM, FISMIC e le RSU scelgono la RESPONSABILITA! FATTI, MERITO E CONCRETEZZA Raggiunto l accordo sul nuovo contratto integrativo di Capgemini Italia, Capgemini BS

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

presentarsi con determinazione e

presentarsi con determinazione e Come è stato già ricordato nella presentazione, l evento di oggi nasce dall'approvazione del famoso odg n. 3 del Congresso di Napoli che abbiamo, come sindacato, fortemente voluto. In quell'odg (sottoscritto

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. tra. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. tra. premesso che VERBALE DI ACCORDO Il giorno 22 aprile 2010, in Siena tra Banca CR Firenze S.p.A. (di seguito CRF) Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. (di seguito BMPS) e le sottoscritte Organizzazioni Sindacali premesso

Dettagli

1. BILANCIO CONSUNTIVO AL 31.12.2003 DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DI PREVIAMBIENTE

1. BILANCIO CONSUNTIVO AL 31.12.2003 DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DI PREVIAMBIENTE 1. BILANCIO CONSUNTIVO AL 31.12.2003 DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DI PREVIAMBIENTE Il bilancio consuntivo al 31/12/03 di Previambiente è stato redatto con l ausilio tecnico del Collegio dei Revisori Contabili

Dettagli

L Euro e i consumatori

L Euro e i consumatori XII Edizione del Forum della Pubblica Amministrazione EURO, CITTADINI, PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Roma, 9 maggio 2001 L Euro e i consumatori Intervento di Giustino Trincia (procuratore nazionale dei cittadini

Dettagli

Mobile e Social Banking: strategie di presidio e integrazione tra canali digitali

Mobile e Social Banking: strategie di presidio e integrazione tra canali digitali ATTIVITA DI RICERCA 2014 Mobile e Social Banking: strategie di presidio e integrazione tra canali digitali PROPOSTA DI ADESIONE 1 TEMI E MOTIVAZIONI La continua diffusione di internet e la rapida evoluzione

Dettagli

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO per il finanziamento di progetti di sviluppo di imprese sociali, associazioni e cooperative culturali e sociali, destinati a creare nuova occupazione REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE L iniziativa

Dettagli

DALLA PARTE DEL COMMERCIO. La nostra risposta alle esigenze della tua attività.

DALLA PARTE DEL COMMERCIO. La nostra risposta alle esigenze della tua attività. DALLA PARTE DEL COMMERCIO La nostra risposta alle esigenze della tua attività. LA BANCA COME TU LA VUOI DALLA PARTE DEL COMMERCIO La nostra risposta alle esigenze della tua attività. Gestisci un attività

Dettagli

Obiettivi, metodo e strumenti al servizio della customersatisfactione dell efficacia commerciale. Direzione Marketing Small Business

Obiettivi, metodo e strumenti al servizio della customersatisfactione dell efficacia commerciale. Direzione Marketing Small Business Obiettivi, metodo e strumenti al servizio della customersatisfactione dell efficacia commerciale. Direzione Marketing Small Business Torino, dicembre 2012 1 Progetto «Banca Estesa»: gli obiettivi. Massimizzare

Dettagli

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Premessa Il contesto nel quale avviene il rinnovo del contratto nazionale di lavoro delle autoscuole e agenzie è

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

DALLA PARTE DEGLI ARTIGIANI. La nostra risposta alle esigenze della tua attività.

DALLA PARTE DEGLI ARTIGIANI. La nostra risposta alle esigenze della tua attività. DALLA PARTE DEGLI ARTIGIANI La nostra risposta alle esigenze della tua attività. LA BANCA COME TU LA VUOI DALLA PARTE DEGLI ARTIGIANI La nostra risposta alle esigenze della tua attività. Gestisci un attività

Dettagli

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre (bozza non corretta) Accesso al credito: il ruolo di Cassa depositi e prestiti. Gli strumenti di sostegno alle PMI ed alle Pubbliche Amministrazioni" GIOVEDI' 14 GIUGNO 2012 FERMO (Sala dei Ritratti -

Dettagli

L OFFERTA FORMATIVA DEL 2015

L OFFERTA FORMATIVA DEL 2015 OFFERTA FORMATIVA 2015 Capacità Strumenti Competenze L OFFERTA FORMATIVA DEL 2015 CORSI DI FORMAZIONE Serie di incontri formativi su breve periodo; trattano argomenti specifici e sono aperti alle diverse

Dettagli

CESCOT Firenze srl. Progetti 2013-2014 RELAZIONE DI VALUTAZIONE EX POST

CESCOT Firenze srl. Progetti 2013-2014 RELAZIONE DI VALUTAZIONE EX POST CESCOT Firenze srl Progetti 2013-2014 RELAZIONE DI VALUTAZIONE EX POST Indice I. PREMESSA p. 3 II. CAMPIONE DI INDAGINE E SCHEMA DEI RISULTATI p. 4 III. CONCLUSIONI p. 6 2 I PREMESSA CESCOT Firenze srl,

Dettagli

REGOLE IN MATERIA DI INQUADRAMENTI

REGOLE IN MATERIA DI INQUADRAMENTI REGOLE IN MATERIA DI INQUADRAMENTI Emittente: Direzione Centrale Personale Destinatari: Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo Group Services Banca dell Adriatico Banco di Napoli Banca di Trento e Bolzano Cassa

Dettagli