Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto"

Transcript

1 Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare alcuni suggerimenti e alcune indicazioni volte a facilitare la scrittura di una tesi di dottorato in diritto comparato. Non si pretende, tuttavia, di dare delle linee guida di portata assoluta, dato che ogni Scuola di dottorato e, al suo interno, ogni tutor, organizza il proprio lavoro in modo specifico. Inoltre ogni persona segue un proprio metodo in base alle proprie preferenze di studio, ragion per cui ciò che può essere utile per qualcuno, può risultare superfluo per altri. L elaborato qui presentato verrà diviso in due parti: la prima è dedicata all elaborazione della tesi in senso stretto, mentre la seconda vuole dare alcuni suggerimenti pratici ai dottorandi. Parte I: L elaborazione della tesi in senso stretto a. La scelta dell argomento Uno degli elementi più delicati rispetto all elaborazione della tesi di dottorato è dato dall individuazione dell argomento che ne sarà oggetto. Il tema che si sceglie deve rispondere principalmente a due esigenze: deve essere innovativo (anche se sempre con buoni basi teoriche) e deve presentare una domanda di fondo. Rispetto al primo dei due profili appena evidenziati è bene ricordare che lo scopo della tesi dovrebbe essere quello di aggiungere un quis pluris a quanto già presente sul panorama scientifico, approfondendo un tema (o comunque un profilo) innovativo. Siffatto aspetto è funzionale a due elementi: in primo luogo occorre dimostrare di essere degli studiosi che per quanto ancora giovani siano capaci di fare ricerca e di sviluppare una propria indagine; in secondo luogo la tesi, una volta scritta, dovrebbe rappresentare la base per la futura pubblicazione di una monografia o, in alternativa, di articoli accademici di una certa rilevanza. Come logico, la pubblicazione di un testo che analizzi un argomento già ampiamente arato dalla dottrina non presenterebbe alcun particolare interesse per l ambito accademico, anche perché si finirebbe solo per riportare le opinioni di studiosi più esperti e autorevoli, rendendo vano il proprio apporto. Similmente è sempre bene

2 cercare di non optare per un certo argomento solo per seguire quelle che sono le mode del momento. Si osservi altresì che il tema scelto, pur dovendo essere innovativo, non deve essere totalmente inesplorato. Avere delle basi teoriche solide per inquadrarlo è essenziale per poter costruire in modo adeguato le fondamenta della propria ricerca e lo sviluppo delle proprie analisi. Si ricordi anche che il lavoro richiesto per una tesi è notevole, pertanto affrontarlo senza avere nozioni scientifiche idonee è rischioso e può portare all elaborazione di una testo fragile. Insomma, è bene trovare un argomento poco arato, ma non troppo di nicchia. Il secondo profilo che deve trasparire dalla scelta del tema è la presenza di una domanda di fondo. Non deve infatti dimenticarsi che, come dice la parola stessa, l elaborato deve avere una tesi, cioè un principio, un idea, la cui validità si cerca di dimostrare. Si noti che, come logico, non si pretende che il dottorando abbia già le risposte ai suoi interrogativi prima di sviluppare il suo lavoro, tuttavia deve essere presente un interrogativo di base, che guidi la sua ricerca e che nelle fasi finali del lavoro dovrebbe portare a una vera e propria tesi. Infine l individuazione concreta dell argomento può seguire essenzialmente due strategie: può corrispondere a una scelta individuale, oppure essere il frutto del lavoro di un gruppo che sta conducendo una ricerca concentrandosi su una certa macro-area di indagine. In ogni caso un buon metodo per procedere alla scelta è quello di procedere per cerchi concentrici : in primo luogo si deve individuare l area giuridica (per esempio le forme di governo, la tutela dei diritti fondamentali, la giustizia costituzionale, ecc.), per poi restringerne la portata individuando via via un ambito sempre più specifico, fino a giungere a un tema idoneo. b. La struttura del lavoro Il primo passaggio da fare, per l elaborazione di una tesi di dottorato, è la stesura di un indice. Quest ultimo verrà senza dubbio modificato più e più volte, ma la sua elaborazione anche in una fase iniziale è essenziale per individuare immediatamente quali sono i punti cardine del proprio lavoro, quali gli aspetti chiari, quali quelli incerti. E altresì indispensabile per consultare il tutor e ricevere da questi le indicazioni e i suggerimenti necessari per il proprio lavoro. Una volta che si inizia a scrivere il corpo della tesi, alcuni elementi sono assolutamente imprescindibili. Fra essi devono essere menzionati l uso della dottrina, la giustificazione della scelta del tema e degli ordinamenti, l uso di modelli. Rispetto alla dottrina è essenziale ricostruire il quadro scientifico esistente rispetto all argomento che si sta esaminando, tenendo conto che non ci si deve porre in concorrenza con i grandi teorici,

3 ma che si deve mostrare di conoscerli. Si deve anche sempre tenere ben presente che una tesi di dottorato non costituisce già una monografia, anche se potrebbe costituire il primo passo per la redazione di quest ultima. Un altro elemento essenziale è la precisa individuazione e giustificazione del tema stesso, così come degli ordinamenti che sono stati scelti: è opportuno spiegare perché l argomento che si vuole sviluppare riveste un particolare interesse per la dottrina, quali sono i profili problematici, quali quelli inesplorati e innovativi, quali quelli rilevanti (a livello costituzionale o civile, a seconda dell area comparatistica di riferimento). Similmente, poiché si tratta di una tesi in diritto comparato, occorre spiegare perché si è scelto di porre a confronto e fare una comparazione fra determinati ordinamenti e se la decisione risiede nelle analogie oppure nelle differenze presenti fra questi ultimi. Insomma, alla base di ogni scelta deve esserci una giustificazione logica ravvisabile all interno del proprio lavoro. Un altro strumento valido è il riferimento alle tassonomie o ai modelli esistenti. La loro deduzione serve soprattutto nella parte iniziale dell elaborato giacché sono utili per ricostruire il quadro generale della dottrina e, in un certo senso, lo stato dell arte relativo a una certa materia. Può rivelarsi una valida scelta anche quella di provare a elaborare un nuovo modello, alla luce dei dati e delle prospettive offerte dal proprio lavoro, ma questo dipende molto anche dall argomento scelto e dal taglio che gli si vuole dare. Talvolta vengono redatti dei capitoli appositamente dedicati all individuazione del metodo di ricerca seguito, poiché c è chi ritiene che sia necessario spiegare in modo dettagliato come si è proceduto, mentre in altri casi si ritiene che questo emerga di per sé dall analisi e dal lavoro. Questo dipende molto dal tema sviluppato e dall impostazione richiesta dal tutor della tesi. In ogni caso, anche qualora si decidesse di fare un approfondimento che tocchi temi multidisciplinari, occorre tenere sempre ben presente qual è la materia cui fare riferimento e nell ottica della quale deve essere analizzato il tutto. Quindi, per esempio, se la tesi concerne il diritto pubblico comparato, il tema dovrà essere analizzato collocandolo all interno del quadro del diritto costituzionale. Infine, per quanto concerne le conclusioni, è fondamentale che non ci si limiti a ripetere e riproporre pedissequamente le medesime conclusioni riportate da altri autori (altrimenti si avrebbe una mera elencazione di dati e teorie altrui), ma che si dia un elaborazione personale a quanto si è letto e scritto. Non è strettamente necessario individuare una nuova linea di pensiero, una nuova lettura; ciò che si richiede, però, è che il dottorando elabori i concetti studiati, prendendo posizione sui dati individuati, motivando le proprie scelte e spiegando perché a suo giudizio una certa teoria è preferibile rispetto a un altra.

4 c. La comparazione Un aspetto delicato e talvolta sottovalutato è dato dalla comparazione in senso stretto. In questo senso, per esempio, c è spesso la tendenza a fare delle tesi in diritto straniero più che in diritto comparato. La differenza sta nel modo in cui si affronta la materia. Andrebbero evitati lunghi capitoli descrittivi di realtà diverse fra loro, collegate da una semplice giustapposizione, mentre occorre fare un lavoro organico che analizzi assonanze e dissonanze, analogie e differenze, valutando l influenza di un ordinamento rispetto all altro. Quest ultima comparazione può essere fatta considerando molteplici elementi fra cui possono essere menzionati la storia, le tradizioni, o i modelli giuridici di riferimento. In modo analogo deve esserci un certo equilibrio fra l analisi della dottrina e quella della giurisprudenza e del diritto vivente da essa derivante: ogni elemento individuato deve essere corredato da un adeguata ricostruzione degli istituiti giuridici menzionati, della loro teorizzazione e del loro funzionamento. Similmente la scelta degli ordinamenti, che come osservato sopra deve essere motivata nel corpo dell elaborato, deve essere funzionale alla soluzione degli interrogativi di fondo e allo studio dello specifico tema che si è scelto. In questo senso possono rilevare i modelli giuridici di certe aree geografiche individuate in modo consapevole (per esempio si possono considerare certi ordinamenti della famiglia di civil law o di quella di common law, o ancora quelli nel Commonwealth, e così via), mentre si deve evitare di fare comparazione fra ordinamenti scelti per mera comodità personale. Deve, insomma, esserci uno stretto rapporto di funzionalità fra il tema di studio e gli ordinamenti oggetto della comparazione. d. Note e bibliografia La gestione e l organizzazione della bibliografia costituisce uno degli aspetti più personali in assoluto, quindi i consigli che si possono dare in questo frangente sono limitati. Uno strumento utile può essere quello di lavorare su file paralleli. Da una parte può essere creato un file ufficiale, che sarà quello che poi confluirà nella tesi. I testi citati possono essere inseriti al suo interno già con la formattazione finale: a tal fine è utile indicare lo schema che si intende adottare per gli inserimenti bibliografici nella parte apicale del file. Possono anche essere utilizzati files contenenti l indicazione dei testi da reperire o già reperiti, organizzando gli stessi per argomenti, così che sia più facile sia l organizzazione che la consultazione del materiale.

5 Si noti anche un importante differenza fra le note e la bibliografia: le prime possono essere utilizzate per indicare gli autori di riferimento per esprimere un certo concetto; nella seconda, invece, deve confluire tutto il materiale utile che è stato consultato e il cui contenuto è rilevante ai fini della tesi. Può pertanto accadere che un testo indicato nella bibliografia non sia menzionato anche nelle note a piè di pagina. Parte II: Alcune strategie per la scrittura a. L individuazione del tema Si è già detto molto sulla scelta dell argomento della tesi, tuttavia qualche altra cosa può forse essere aggiunta. In primo luogo conviene scegliere un tema che piaccia e che interessi molto al dottorando: poiché molte ore di lavoro dovranno essere dedicate allo studio e alla scrittura della tesi, è consigliabile individuare un ambito di indagine che coinvolga in modo particolare l interesse di chi fa la ricerca. È inoltre auspicabile non scegliere lo stesso tema su cui si è fatta la tesi di laurea: senza dubbio questa soluzione è quella preferita in prima battuta dai dottorandi, tuttavia non è la più consigliabile. Sforzarsi di esplorare nuovi temi d indagine può disorientare in un primo momento, ma è utile confrontarsi con argomenti nuovi, sia per incrementare le proprie conoscenze, sia per affinare per proprie capacità di indagine. Infine si consiglia di non avere fretta di individuare l argomento della tesi, cercando se compatibile con le esigenze del corso di dottorato stesso di utilizzare tutto il primo anno per studiare, approfondire vari aspetti del diritto comparato e scegliere un profilo da approfondire nei restanti due anni di studio. b. La scansione del lavoro Anche in questo caso, come già fatto presente in precedenza, è necessario consultarsi in prima battuta con i tutores della propria tesi per valutare con loro come articolare il lavoro di ricerca. Tuttavia può rivelarsi utile individuare delle scadenze intermedie che, per esempio, indichino entro quale data completare l invio dell abstract e della bibliografia essenziale della tesi, la redazione dell indice nonché la stesura del primo capitolo e l invio della tesi completa. L individuazione di alcune tappe intermedie può rivelarsi un valido sistema per organizzare il lavoro e il suo sviluppo in modo graduale.

6 c. Lo studio delle lingue straniere Gli anni del dottorato possono rappresentare l occasione perfetta per studiare o per perfezionare la conoscenza un altra lingua straniera oltre all inglese. Una buona competenza linguistica può rappresentare un fattore essenziale per accedere a materiale scientifico, normativo e giurisprudenziale, altrimenti difficilmente comprensibile, permettendo altresì di realizzare un analisi più completa e approfondita del tema oggetto di studio. Si tratta, insomma, di uno strumento di lavoro essenziale per chi vuole occuparsi di diritto comparato. In questo frangente ogni lingua presenta i suoi pregi, così per esempio il francese sarà utile per accedere al materiale delle istituzioni europee e comunitarie, lo spagnolo sarà funzionale alla conoscenza giuridica dell area ibero-americana, mentre il tedesco (la cui conoscenza è complessivamente poco diffusa fra gli studiosi italiani) darà la possibilità di accedere a materiale giuridico di alta qualità. d. La partecipazioni a seminati e convegni La partecipazione a convegni e seminari (sia come pubblico, che proponendo dei papers) è consigliabile sotto vari profili: da una parte permette a un giovane studioso di confrontarsi con altri membri dell area accademica, traendo spunti e suggerimenti per la sua ricerca, dall altra può costituire una sorta di scadenza intermedia che ci si impone per sviluppare lo studio oggetto della tesi e per iniziare a fare circolare il risultato dei propri studi scientifici in materia. In conclusione, come si è potuto vedere, la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparato presenta molteplici elementi di cui è bene tenere conto. Tuttavia organizzare il proprio lavoro per tempo e strutturarlo in modo efficiente può rivelarsi una strategia utile per completare il proprio percorso di studi restando nel termine curricolare dei tre anni.

ANALISI E STRUMENTI PER L INNOVAZIONE

ANALISI E STRUMENTI PER L INNOVAZIONE Customer satisfaction: a che punto siamo Indagine sullo stato di attuazione della direttiva del Ministro per la Funzione pubblica del 24 marzo 2004 sulle rilevazioni della qualità dei servizi percepita

Dettagli

I Centri di Servizio per il Volontariato della Regione Lombardia I Centri di servizio per il volontariato nascono con l obiettivo di supportare,

I Centri di Servizio per il Volontariato della Regione Lombardia I Centri di servizio per il volontariato nascono con l obiettivo di supportare, I Centri di Servizio per il Volontariato della Regione Lombardia I Centri di servizio per il volontariato nascono con l obiettivo di supportare, sostenere e qualificare le organizzazioni di volontariato

Dettagli

n. 03 febbraio 2012 Quaderni di ricerca Cittadini a scuola per esser rlo nella società Rapporto sulla valutazione del potenziamento dell insegnamento della civica e dell educazione alla cittadinanza nelle

Dettagli

ECTS - Guida per l'utente

ECTS - Guida per l'utente ECTS - Guida per l'utente Ulteriori informazioni sull Unione Europea compaiono nel sito http://europa.eu Titolo originale: ECTS Users Guide edito nel 2009 dalla Commissione Europea Traduzione in Italiano

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO 1 INDICE LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO ---------------------------------------------------------------------------------------------1

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ANALISI DEGLI EFFETTI SULL OCCUPAZIONE DEGLI INTERVENTI (*)

LINEE GUIDA PER L ANALISI DEGLI EFFETTI SULL OCCUPAZIONE DEGLI INTERVENTI (*) LINEE GUIDA PER L ANALISI DEGLI EFFETTI SULL OCCUPAZIONE DEGLI INTERVENTI (*) settembre 2001 INDICE 1 Contenuti generali e finalità del criterio Qualità del sistema di valutazione degli effetti sull occupazione

Dettagli

Lo spagnolo come lingua accademica

Lo spagnolo come lingua accademica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI G. D ANNUNZIO CHIETI - PESCARA FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE CURRICULUM TURISTICO-MANAGERIALE Lo spagnolo come lingua accademica LAUREANDO Alessandra Pazienza RELATORE

Dettagli

La scuola. che verrà. Idee per una riforma tra continuità e innovazione

La scuola. che verrà. Idee per una riforma tra continuità e innovazione La scuola che verrà Idee per una riforma tra continuità e innovazione Indice Prefazione 3 Introduzione 4 1. Gestire l eterogeneità 10 Personalizzazione 13 Le forme didattiche 13 La griglia oraria 17 Le

Dettagli

In ce. pagina 89. Istruzioni delle attività di classe. Soluzioni - Esercizi, Fonetica, Test

In ce. pagina 89. Istruzioni delle attività di classe. Soluzioni - Esercizi, Fonetica, Test In ce di Introduzione Cos è Parla con me? pagina 4 Parla con me 2 pagina 4 Il libro di classe pagina 5. Le unità didattiche pagina 5. Le schede culturali pagina 6. La storia a fumetti pagina 6. Le appendici

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan GUIDA ALLA REDAZIONE DEL Business Plan INDICE GENERALE 1. Il Business Plan 1.1 La funzione del Business Plan 1.2 Consigli per la predisposizione 2. L articolazione del Business Plan 2.1 L Executive summary

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

ESITI DELLA CONSULTAZIONE SUL MANUALE DI VALUTAZIONE DELLA TERZA MISSIONE

ESITI DELLA CONSULTAZIONE SUL MANUALE DI VALUTAZIONE DELLA TERZA MISSIONE ESITI DELLA CONSULTAZIONE SUL MANUALE DI VALUTAZIONE DELLA TERZA MISSIONE Approvato dal Consiglio Direttivo nella seduta del 1 aprile 2015 Premessa È stato posto in consultazione pubblica il Manuale per

Dettagli

Gestire un progetto. Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati

Gestire un progetto. Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati Manuale a dispense sulla sicurezza urbana / dispensa n 4 / ottobre 2012 1 23 4 56 7 8910 Gestire un progetto Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati Collana a cura di: Stefano

Dettagli

Didattica assistita dalle nuove tecnologie

Didattica assistita dalle nuove tecnologie PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Didattica assistita dalle nuove tecnologie Giochi e simulazioni. Una proposta curricolare sperimentale per l introduzione delle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione

Dettagli

Gestire un associazione

Gestire un associazione Gestire un associazione Vademecum pratico per organizzazioni non profit Associazione NonProfit-Institut 1 Sommario Gestire un associazione... 1 Sommario 2 1. Introduzione... 4 2. Gestire un associazione...

Dettagli

Le unità di apprendimento e gli obiettivi formativi di Ermanno Puricelli

Le unità di apprendimento e gli obiettivi formativi di Ermanno Puricelli Le unità di apprendimento e gli obiettivi formativi di Ermanno Puricelli Questo articolo pubblicato come inserto sulla rivista SCUOLA E DIDATTICA del 15 ottobre 2003, viene pubblicato sul nostro sito per

Dettagli

TEMI E PROBLEMI DELLA LEGGE N. 247/2012 COMMENTO CRITICO ALLE NUOVE MODALITÀ DI ACCESSO ALLA PROFESSIONE FORENSE

TEMI E PROBLEMI DELLA LEGGE N. 247/2012 COMMENTO CRITICO ALLE NUOVE MODALITÀ DI ACCESSO ALLA PROFESSIONE FORENSE TEMI E PROBLEMI DELLA LEGGE N. 247/2012 COMMENTO CRITICO ALLE NUOVE MODALITÀ DI ACCESSO ALLA PROFESSIONE FORENSE Con la Legge 31.12.2012 n. 247 (Nuova disciplina dell ordinamento della professione forense)

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO il decreto legge 18 maggio 2006, n. 181, convertito dalla legge 17 luglio 2006, n. 233 ed in particolare l articolo 1, comma 8; VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e

Dettagli

Opportunità di apprendimento per volontari senior La gestione di scambi trans-nazionali

Opportunità di apprendimento per volontari senior La gestione di scambi trans-nazionali Rory Daly, Davide Di Pietro, Aleksandr Kurushev, Karin Stiehr and Charlotte Strümpel Opportunità di apprendimento per volontari senior La gestione di scambi trans-nazionali Manuale per volontari senior,

Dettagli

«Candidarsi con profilo». Centro Mercato del Lavoro.

«Candidarsi con profilo». Centro Mercato del Lavoro. «Candidarsi con profilo». Centro Mercato del Lavoro. Indice. Dimostri quanto è capace di fare! 3 Verso l obiettivo professionale. 5 Punto sulla situazione. 8 Strategie di candidatura. 10 Rispondere agli

Dettagli

STRUMENTI D INTERVENTO PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA : CONCETTI CHIAVE E

STRUMENTI D INTERVENTO PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA : CONCETTI CHIAVE E STRUMENTI D INTERVENTO PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA : CONCETTI CHIAVE E ORIENTAMENTI PER L'AZIONE Milano, dicembre 2013 Il documento

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

Un Quadro di Riferimento per gli Approcci Plurali alle Lingue e alle Culture

Un Quadro di Riferimento per gli Approcci Plurali alle Lingue e alle Culture Un Quadro di Riferimento per gli Approcci Plurali alle Lingue e alle Culture Competenze e risorse Michel Candelier (coordinatore), Antoinette Camilleri-Grima, Véronique Castellotti, Jean-François de Pietro,

Dettagli

I CONTRATTI TRA SOCIETÀ E SOCIO NELLA SOCIETÀ A RESPONSABILITÀ LIMITATA UNIPERSONALE

I CONTRATTI TRA SOCIETÀ E SOCIO NELLA SOCIETÀ A RESPONSABILITÀ LIMITATA UNIPERSONALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL'INSUBRIA QUADERNI DELLA FACOLTÀ DI ECONOMIA N. 43/2002 Ilaria Capelli I CONTRATTI TRA SOCIETÀ E SOCIO NELLA SOCIETÀ A RESPONSABILITÀ LIMITATA UNIPERSONALE VARESE 2002 ILARIA

Dettagli

Linee guida dell Associazione Bancaria Italiana per l adozione di modelli organizzativi sulla responsabilità amministrativa delle banche

Linee guida dell Associazione Bancaria Italiana per l adozione di modelli organizzativi sulla responsabilità amministrativa delle banche Linee guida dell Associazione Bancaria Italiana per l adozione di modelli organizzativi sulla responsabilità amministrativa delle banche (d.lgs. n. 231/2001) INDICE Capitolo I IL D.LGS. n. 231/2001 1.

Dettagli

Relazione sull attività Novembre 2005 Ottobre 2009

Relazione sull attività Novembre 2005 Ottobre 2009 Relazione sull attività Novembre 2005 Ottobre 2009 Nucleo di Valutazione di Ateneo MILANO PIACENZA-CREMONA ROMA BRESCIA CAMPOBASSO Ottobre 2009 INDICE ANALITICO Prefazione... 7 Nota metodologica... 9

Dettagli

Vademecum. Pubblica Amministrazione e social media

Vademecum. Pubblica Amministrazione e social media Vademecum Pubblica Amministrazione e social media Il presente documento, realizzato nell ambito delle attività finalizzate alla elaborazione delle Linee guida per i siti web delle Pubbliche Amministrazioni

Dettagli

Le Autorità d ambito tra normativa statale e scelte del legislatore regionale

Le Autorità d ambito tra normativa statale e scelte del legislatore regionale Supplemento 4.2008 81 Le Autorità d ambito tra normativa statale e scelte del legislatore regionale di Antonella Iunti* Sommario 1. L organizzazione unitaria dei servizi di più enti locali. 2. La nascita

Dettagli

Salute e sicurezza sul lavoro, una questione anche di genere

Salute e sicurezza sul lavoro, una questione anche di genere Salute e sicurezza sul lavoro, una questione anche di genere RISCHI LAVORATIVI. UN APPROCCIO MULTIDISCIPLINARE Volume 4 Salute e sicurezza sul lavoro, una questione anche di genere RISCHI LAVORATIVI. UN

Dettagli

Guida pratica alla progettazione di un Corso di Studio ai sensi del D.M. 270/04

Guida pratica alla progettazione di un Corso di Studio ai sensi del D.M. 270/04 Roma, ottobre 2009 Guida pratica alla progettazione di un Corso di Studio ai sensi del D.M. 270/04 Interazioni con il processo di autovalutazione GUIDA PRATICA ALLA PROGETTAZIONE DI UN CORSO DI STUDIO

Dettagli