La gestione degli asset d impresa sta diventando una

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La gestione degli asset d impresa sta diventando una"

Transcript

1 OP Snitkin.imp :17 Pagina 21 La gestione collaborativa del ciclo di vita degli asset, visione e strategie Un modello che considera l asset management come una serie di processi ben definiti per la gestione delle informazioni, del ciclo di vita, la verifica e la gestione delle prestazioni SRM Acquire/Install Sid Snitkin, Arc Advisory Group, Dedham, Stati Uniti Design/Plan Maintain/Operate PLM Capital Assets SCM Audit/Retire OpX FIG. 1. Modello Arc di gestione collaborativa del ciclo di vita degli asset (Calm). La gestione degli asset d impresa sta diventando una questione chiave per il management. Le società che si erano concentrate sullo sviluppo di nuovi prodotti, sull ampliamento dei servizi e sull efficienza delle supply chain devono oggi affrontare mercati difficili e una costosa sovra-capacità. La sopravvivenza impone la riduzione dei costi e degli asset aziendali, che rappresentano una delle maggiori spese di un impresa: è questo il principale obiettivo degli sforzi in corso. Rinviare l acquisto di nuovi asset ed eliminare gli asset non essenziali sono due argomenti spesso presenti nelle agende dei manager, ma la carenza d informazioni rende ogni decisione una scommessa. L importanza di un efficace strategia di asset management che minimizzi le discussioni e consenta ai manager di prendere le necessarie decisioni sta diventando palesemente chiara. Le imprese industriali sono abituate agli alti e bassi del mercato e intervengono frequentemente sui livelli delle scorte per adattarsi alla riduzione o all espansione della domanda. La rapidità di questo «allineamento delle scorte» alla situazione effettiva è una prova evidente dell efficacia delle nuove tecnologie di supply chain management. Ma il persistente rallentamento dell economia obbliga tutte le società a valutare il più complesso problema dell allineamento strutturale, o ad adattare tutte le risorse a previsioni a lungo termine meno espansive. L allineamento strutturale influenza l impresa nel suo complesso e ha degli effetti a lungo termine. È vero che le risorse umane possono essere ridotte in caso di necessità, ma ricostruire delle squadre con la necessaria esperienza e dedizione può rivelarsi lungo e complesso. Gli asset d impresa come i macchinari produttivi, gli edifici, gli strumenti It e il parco automezzi hanno un impatto significativo sia sul bilancio patrimoniale che sul conto profitti e perdite, ma anche il loro adeguamento comporta un notevole sforzo in termini di tempo e di costi. Bisogna dunque prestare una grande attenzione quando si prendono decisioni che riguardano la riduzione dei costi degli asset d impresa. Rinviare l acquisto di nuovi asset per preservare le riserve finanziarie può portare all aumento dei costi di funzionamento e manutentivi, oltre che limitare l agilità dell azienda. Estendere la durata di un asset invece di sostituirlo può comportare un impegno limitato in termini finanziari, ma in caso di ripresa del mercato l azienda potrebbe ritrovarsi ad arrancare. Liberarsi di determinati asset per aumentare la liquidità richiede una profonda comprensione delle future necessità aziendali e dei costi necessari a sostituire quegli asset in caso di cambiamento delle necessità. In un mondo ideale, l allineamento strutturale è rapido e diretto come l allineamento delle scorte. Le società conoscono a fondo tutti i loro asset e le loro «Capacità produttive ottimali» per un ampia gamma di prodotti e livelli produttivi. Sempre in un mondo ideale, le aziende conoscono il potenziale di aggiornamento di ogni asset, le implicazioni legate all acquisto di nuovi asset e le opportunità esistenti per libe- OPERATIONS SETTEMBRE

2 OP Snitkin.imp :18 Pagina 22 Tavola 1. Caratteristiche e requisiti gestionali degli asset d impresa. Caratteristiche del capitale fisso Costoso Complesso Panoramica completa di tutti i dati relati- vi all asset. Visibilità effettiva dei dati da parte di tutti i partecipanti. Sincronizzazione dell Alm (Gestione asset per ciclo di durata) con altri processi aziendali. Forte impatto sull azienda Durata estesa Requisiti Calm Controllo costante: posizione, stato, chi lo usa, chi controlla, ecc. La cura appropriata dell asset è necessaria per estendere il più possibile il ciclo di vita Gestione del processo attraverso tutte le fasi significative del ciclo di vita. Uso di metodologie e tecnologie avanzate di gestione degli asset d impresa. Gestione delle prestazioni asset e Calm. Processo di miglioramento continuo. rarsi di un asset obsoleto. Naturalmente queste informazioni sono disponibili su semplice richiesta, in una forma che supporta tutti i partecipanti. In questo mondo ideale, l allineamento strutturale non viene visto come un compito difficile e sgradevole. Le imprese industriali hanno ben presente l importanza di ridurre a livello continuativo i costi e le loro necessità in termini di asset marginali. L attenzione viene dunque rivolta al conseguimento della miscela più efficace di disponibilità, impiego, durata e costi di funzionamento di tutti gli asset. Questo articolo presenta la nostra visione per la Gestione collaborativa del ciclo di vita degli asset, significativamente battezzata Calm (Collaborative asset lifecycle management), una strategia di asset management che considera tutte le classi di capital asset, riconosce le necessità di tutti i partecipanti e supporta le best practice in tutte le fasi del ciclo di vita. Calm consente alle imprese di ottenere il massimo valore dagli asset per l intero ciclo di vita e di mantenere un allineamento strutturale a livello continuativo. La gestione degli asset d impresa è importante. Gli investimenti in asset d impresa sono sbalorditivi. Nell industria di processo, i produttori attivi in settori come il chimico e petrolchimico, metallurgico e cartario hanno miliardi di euro investiti in capitali fissi per ognuno delle centinaia di impianti sparsi ai quattro angoli del globo. E anche se la natura degli asset può variare, le imprese attive nei settori automotive, food & beverage, aerospaziale ed elettronico possono rivelarsi altrettanto asset intensive. Oltre il 65% di questi investimenti riguardano i sistemi produttivi che influenzano direttamente la capacità di un azienda di generare guadagni. Acquistare, mantenere e smaltire questi asset è una questione molto seria. Un miglioramento di qualche punto percentuale delle prestazioni può valere miliardi di euro su base annua per tutti le imprese. Anche gli asset operator come le linee aeree, le ferrovie, le società marittime e di trasporto su gomma, le società edili, di telecomunicazioni, di fornitura di servizi pubblici, gli enti statali, gli ospedali e le immobiliari hanno immensi investimenti in asset d impresa che consentono la fornitura dei loro servizi. Il costo di manutenzione e sostituzione di questi asset rappresenta un ampia percentuale dei loro costi operativi e limita la loro capacità competitiva. In molti casi le tariffe sono fissate per legge e la stessa sopravvivenza si basa sulla capacità di gestire efficacemente gli asset. Il potenziale di risparmio generato da un efficace asset management è immenso. Si tratta di risparmi che influenzano direttamente i conti finali di una società. Nella produzione, in cui il margine di contribuzione equivale a una piccola percentuale delle entrate, sarebbe necessario aumentare le vendite di volte per conseguire lo stesso miglioramento finanziario. Relazioni analoghe si hanno quando i risparmi vengono paragonati ai programmi di riduzione delle scorte, che possono portare notevoli vantaggi una tantum sul flusso di cassa, ma i cui vantaggi a livello continuativo sono soprattutto i risparmi sugli interessi. Gli asset d impresa presentano sfide e opportunità uniche. Le imprese hanno un ampia gamma di asset e ogni gamma necessita attenzione. Gli asset intangibili come le progettazioni, le formule e i processi sono fondamentali per la sopravvivenza e la profittabilità. I brevetti, i marchi registrati e gli accordi di licenza sono metodi provati per proteggere la proprietà intellettuale e molti sistemi Plm (Product lifecycle management, Gestione del ciclo di vita del prodotto) incorporano la gestione Ip come caratteristica principale. La liquidità, le scorte, gli effetti esigibili e le obbligazioni sono asset tangibili ma di durata relativamente breve. La gestione di questi asset liquidi si concentra sulla precisa contabilità delle transazioni e sull ottimizzazione del portafoglio. I sistemi finanziari supportano in genere queste necessità. I capital asset comprendono gli asset d impresa, gli investimenti a lungo termine, i terreni e altre voci che non sono prontamente alienabili. Gli asset d impresa come gli edifici, le attrezzature per ufficio, gli strumenti It, i macchinari produttivi e il parco automezzi hanno caratteristiche particolari che impongono l adozione di una strategia diversa. Gli asset d impresa sono costosi e richiedono una cura e un controllo costante per ampliare la loro durata utile. Sono complessi e hanno cicli di vita che vanno gestiti con metodologie e processi di business basati sulle best practice. Il loro impatto sull azienda è ampio e coinvolge molti partecipanti che chiedono la visibilità delle informazioni sugli asset. La presenza di molteplici partecipanti introduce anche la necessità di sincronizzare le attività di asset management con altri processi come la gestione produttiva e le vendite. Infine, agli asset d impresa viene chiesto di fornire valore per un arco di tempo esteso. La prestazione dell asset e il programma di asset management devono essere periodicamente valutati con la gestione e il miglioramento continuo delle responsabilità per ottenere il massimo valore. Il ciclo di vita è una questione chiave per gli asset d impresa. Il ciclo di vita di un tipico asset d impresa si compone di parecchie fasi interdipendenti. Coordinare questi processi è vitale per una gestione effettiva dei 22 OPERATIONS SETTEMBRE 2003

3 OP Snitkin.imp :18 Pagina 23 Audit Capital Assets The Focus of CALM Tangible Assets Intangible Plan Acquire Replace Redeploy Dispose Improve Install Operate/Maintain Retire Fixed Buildings & Infrastructure Office Equipment It Equipment Production & Service Equipment Fleets Other Liquid Cash A/R Inventory Short Term Securities Other Licensing, Protection Cash, Portfolio Patents Trademarks Designs Formulas Processes Other IP FIG. 2. Classi di asset e strategie di gestione. FIG. 3. Fasi del ciclo di vita. propri asset. Il costo e la complessità degli asset richiede una notevole pianificazione per identificare le soluzioni più appropriate e valutare le opportunità d investimento alternativo. Le stesse caratteristiche si riflettono nella necessità di un processo di acquisizione ampliato, ovvero in una RdO completa e in un contratto d acquisto altrettanto completo che includa le necessarie tutele e garanzie. L installazione e la messa in servizio degli asset d impresa possono a loro volta rivelarsi alquanto complessi e richiedere una serie appropriata di processi per gestire i contractor. Il funzionamento e la relativa manutenzione costituiscono la fase più lunga del ciclo di vita. Gli asset generano valore in questo periodo, ma richiedono degli interventi per mantenere le loro prestazioni. È questo il principale campo d intervento delle soluzioni Cmms (Computerized maintenance management systems) e Eam (Enterprise asset management). Questa fase del ciclo di vita implica la gestione dei dati sull asset oltre a condizioni e prestazioni ottimali. Per raggiungere questi obiettivi con efficienza è necessaria una notevole attenzione sia in termini di lavoro che in termini di ricambi. La necessità di collaborazione tra i vari settori aziendali influenzati dalle prestazioni dell asset raggiunge il picco massimo proprio in questa fase. Il ritiro/smaltimento dell asset costituisce la fase finale del ciclo di vita e implica la rimozione dalla linea di processo e la rottamazione vera e propria. Spesso un asset richiede una notevole attenzione anche in questa fase, in cui è necessaria la totale conformità alle leggi ambientali e di sicurezza. Lo smaltimento di un capital asset implica l identificazione e la valutazione delle opportunità di vendita e la gestione della rimozione fisica e del ritorno alla normalità dell impianto. La verifica è un attività chiave associata a un asset per tutto il ciclo di vita, tra cui anche lo smaltimento. La verifica valuta le effettive capacità dell asset rispetto alle necessità dell azienda. I risultati del processo di verifica comprendono le raccomandazioni per il miglioramento dell asset in modo da estenderne la durata operativa e la capacità, suggerirne il riposizionamento oppure sostituirlo con un nuovo asset, decidendo eventualmente lo smaltimento. Il valore prodotto da un efficiente estensione della vita operativa, dal riposizionamento o dallo smaltimento può essere significativo ma spesso viene trascurato. Per questo costituisce un vantaggio chiave dei processi formalizzati di verifica continuativa. Le verifiche forniscono le basi per mantenere un allineamento strutturale tra le necessità dell azienda e la struttura degli asset d impresa. Più aumenta la loro frequenza e più l azienda si rivelerà strutturalmente allineata ai grandi cambiamenti di mercato. Considerare i malfunzionamenti un valido parametro per effettuare le verifiche significa chiudere la stalla quando i buoi sono scappati. Gli asset d impresa hanno molti partecipanti. Concentrarsi solo sulle necessità del personale addetto alla manutenzione limita seriamente il valore che può portare all azienda una seria gestione dei propri asset. Supportare le necessità di altri partecipanti come il management, la finanza e contabilità, gli acquisti, la progettazione del prodotto, la direzione di stabilimento, le vendite, il controllo conformità, i fornitori di servizi esterni permette di ottenere vantaggi sinergici che amplificano l impatto delle attività di asset management. La visione Calm (Collaborative asset lifecycle management). Riteniamo che ogni azienda dovrebbe avere un programma di asset management attivo ed efficace. Per arrivare a questo risultato, l azienda deve sviluppare una visione dell asset management che comprenda i seguenti elementi: essere convinti dell importanza di gestire gli asset d impresa sviluppare gli obiettivi del programma concordare principi di base per la valutazione delle diverse strategie sviluppare le strategie specifiche da implementare per raggiungere i risultati elaborare un programma d implementazione per ciascuna strategia. La visione non deve necessariamente essere complessa. Il requisito di base è che corrisponda alle necessità aziendali e sia abbastanza completa da assicurare l appropriata esecuzione del programma e il conseguimento degli obiettivi. Le singole strategie varieranno a seconda delle classi di asset, dell utilizzo, dell importanza, eccetera. È anche appropriato avere diverse strategie per soddisfare le necessità particolari dei diversi gruppi di OPERATIONS SETTEMBRE

4 OP Snitkin.imp :18 Pagina 24 asset e dei diversi contesti aziendali. Tuttavia, ogni strategia dev essere coerente con la visione complessiva. L Arc Advisory Group ha sviluppato una visione per l enterprise asset management che può essere applicata da qualsiasi azienda per sviluppare un programma di asset management appropriato. Il modello Calm, acronimo di Collaborative asset lifecycle management, vuole sostituire le visioni restrittive, asset-specific e basate sulla manutenzione della gestione asset con una visione completa che riguardi tutte le classi di asset, tutte le fasi del ciclo di vita e tutti i partecipanti. Convinzioni, obiettivi e principi guida di Calm. Calm si basa sulla convinzione che gli asset d impresa siano una delle risorse più importanti di un azienda e che i processi associati a tutte le fasi del ciclo di vita vadano attentamente gestiti per assicurare la competitività o la sopravvivenza dell azienda. Calm ha la stessa importanza per un azienda dei programmi ad esso associati, come la Gestione della supply chain (Scm) la Gestione ciclo di vita del prodotto (Plm), la Gestione delle relazioni con i fornitori (Srm) e l Eccellenza operativa (OpX). Questi programmi vanno pienamente integrati per sfruttare appieno le sinergie intrinseche dei processi su cui si basano. Calm vede la massimizzazione del «Valore del ciclo di vita degli asset» come l obiettivo generale della proprietà degli asset d impresa. Riconoscere tutti i vantaggi e i costi è vitale per ottenere il massimo da queste risorse e per stabilire un programma appropriato di allineamento strutturale. Calm comprende i seguenti principi come linee guida per lo sviluppo di specifiche strategie di gestione asset: tutte le classi di asset d impresa, i loro cicli di vita e le necessità di tutti i partecipanti vanno riconosciute integrare e sincronizzare le attività di Calm con altri processi aziendali è fondamentale per ottenere il massimo valore del ciclo di vita dell asset. La collaborazione è la best practice per arrivare all integrazione e alla sincronizzazione di tutti partecipanti al processo e dei sistemi complementari i processi di business formalizzati forniscono i mezzi per assicurare l esecuzione appropriata di una strategia. Le best practice forniscono le basi per sviluppare i processi di business più appropriati la tecnologia permette le best practice, ma non sostituisce la necessità di processi di business appropriati. La tecnologia va selezionata in base alla sua capacità di supportare la best practice più appropriata e l interoperabilità con le infrastrutture, gli standard e gli open principle esistenti l uso di soluzioni software e di standard che promuovono l efficienza e l efficacia dei costi viene data implicitamente per scontata in tutti i processi l impatto di Calm è troppo ampio per ricadere esclusivamente sulle spalle di un singolo reparto come i Servizi tecnici. Tutti i partecipanti vanno preparati sull impatto delle loro azioni e sul loro ruolo e responsabilità nell implementazione di Calm a livello aziendale l attribuzione di responsabilità specifiche per ogni processo Calm è la base per un implementazione effettiva. Il ricorso a fonti esterne è un opzione da considerare per ogni processo il miglioramento continuo va considerato intrinseco in ogni processo Calm. Questo riguarda sia le prestazioni degli asset che quella dei processi. L eccellenza operativa (OpX) e la gestione in tempo reale delle prestazioni (Rpm) sono le best practice per il miglioramento continuo. Strategie di Calm e programma d implementazione. Calm supporta lo sviluppo della strategia identificando i processi chiave da supportare e il modo in cui questi processi operano insieme per creare un programma effettivo. Questi processi comprendono tutte le attività da gestire per ogni fase del ciclo di vita e le tecnologie e le best practice da considerare. Calm supporta l implementazione del programma identificando le best practice per l attribuzione di responsabilità e la gestione delle relazioni esterne. Calm massimizza il valore del ciclo di vita dell asset. L obiettivo di Calm è massimizzare il valore dell asset per l intero ciclo di vita rispettando al contempo i limiti imposti dalle norme sulla sicurezza, la salute, l ambiente, oltre che dalle business practice accettabili. Il valore del ciclo di vita dell asset equivale alla differenza tra i vantaggi e i costi calcolata nell arco dell intero ciclo di vita (v. paragrafi precedenti). Conoscere tutti i costi e i vantaggi è difficile, ma la sua importanza è vitale per sviluppare un efficace programma Calm. I benefici assumono forme diverse. I vantaggi del- Tavola 2. Coinvolgimento tipico dei partecipanti Alm. Attività Pianificazione Acquisto Installazione Funzion./Manut. Verifica Valutazione Finanza e cont. Valutazione Acquisto Mro Progett. prodotto Incorporata Plant engineering Supporto Manutenzione Mantenere It (per assets di It) Mantenere Funzionamento Controllo Vendite Rapporto disp. Contr. conformità Monitoraggio Oem & 3Ps Supporto = Primario, = Secondario, = Supporto/interesse 24 OPERATIONS SETTEMBRE 2003

5 OP Snitkin.imp :18 Pagina 25 l asset management possono presentarsi in molti modi, ad esempio la generazione di profitti, la riduzione delle spese, la conformità alle leggi, processi più efficienti, miglior funzionamento di altri asset, eccetera. La capacità di un azienda di usare l asset management come un vantaggio competitivo è un altro vantaggio chiave da considerare. Un allineamento strutturale rapido e «un azienda snella» sono due benefici che possono fornire questo vantaggio competitivo. Le metodologie per misurare i vantaggi variano a seconda del ruolo dell asset nell ambito aziendale. Viene usato internamente per la produzione? Viene dato in leasing ad altri che usano le sue capacità per i loro scopi? Fa parte dell infrastruttura che supporta determinate funzioni aziendali? Quando gli asset vengono usati per operazioni interne, i loro vantaggi dipendono da quanto efficacemente possono utilizzarli i reparti produttivi (produzione, It, logistica, eccetera). I vantaggi riflettono i livelli di utilizzo e il valore del prodotto lavorato. Allo stesso modo i vantaggi generati dagli asset dati in leasing ad altri dipendono dall occupazione o dal livello di utilizzo e dalle tariffe applicate. Gli asset infrastrutturali come l It e gli impianti, producono il loro valore facilitando altre attività di generazione del profitto. Attribuire i vantaggi è sempre una sfida per gli asset infrastrutturali. La vita di un asset influisce naturalmente sui vantaggi che è possibile ottenere. Gli asset che funzionano sempre a massimo regime possono generare consistenti flussi di guadagni, ma per un limitato periodo di tempo. Interrompere il funzionamento a scopo manutentivo può ridurre le entrate effettive, ma aumenta i vantaggi complessivi tramite l estensione del ciclo di vita. Bilanciare la generazione dei vantaggi con la durata è una delle sfide più difficili della manutenzione degli asset d impresa e richiede una stretta collaborazione tra le strutture di gestione operativa e di asset management. Costo e prestazioni sono ugualmente difficili da valutare. Come i vantaggi, i costi impliciti nell asset lifecycle management assumono molte forme, tra cui quella finanziaria, di insoddisfazione dei clienti, dei limiti alle prestazioni di processo, dei limiti alle prestazioni di altri asset, eccetera. L opportunity cost di tenere un asset fino al termine del suo ciclo di vita o di sostituire prematuramente un asset la cui durata può essere estesa è molto difficile da determinare, ma la sua importanza è evidente. Considerando la complessità dei vantaggi e dei costi, la difficoltà nel valutare la prestazione di un programma di asset lifecycle management non deve sorprendere. La prestazione è multi-dimensionale e richiede la «monetizzazione» di fattori qualitativi e l uso di tecniche di misurazione a scheda bilanciata. Allo stesso modo va considerato l impatto limitato del modello di asset lifecycle management sulla generazione di profitti. Anche se il personale tecnico può avere il controllo dei costi del ciclo di vita e manutentivi, non può essere ritenuto responsabile del sottoutilizzo degli asset esistenti. Period Benefits/Costs (M$) Per massimizzare il valore del ciclo di vita dell asset occorre tener presente tutte le sue fasi: acquisto, funzionamento e smaltimento Benefits Costs Value Year of Ownership FIG. 4. Valore dalla gestione del ciclo di vita dell asset Guida alla strategia di sviluppo del programma Calm. Calm considera l asset management come una serie di processi ben definiti per la gestione delle informazioni, la gestione del ciclo di vita, la verifica delle prestazioni dell asset e la gestione delle prestazioni del programma Calm. Un componente di base di questi processi sono le best practice. La tecnologia è un fattore chiave per le best practice nel lifecycle management e viene riconosciuta dal modello Calm come un cerchio attorno a ogni processo di asset lifecycle management. La collaborazione con altri programmi e partecipanti aziendali viene supportata dal modello Calm tramite la visibilità delle informazioni e la condivisione dei processi aziendali. Le relazioni collaborative più importanti vengono «catturate» dal modello Calm complessivo come intersezioni con processi aziendali specifici (Plm, Srm, Scm e Rpm). Interfacce collaborative analoghe sono presenti per altri programmi e partecipanti aziendali, ma non vengono mostrate per preservare la semplicità del modello. Gestione delle informazioni. La Gestione delle informazioni nel modello Calm supporta tutte le forme d informazione sugli asset e sui processi. Queste informazioni vengono centralizzate per facilitare la visibilità e la collaborazione tra tutti i partecipanti. Secondo il modello Calm, la Gestione Informazioni comprende molto più della gestione di un database. Le best practice considerate in quest arena comprendono l integrazione con i sistemi d informazione geografica (Gis), l accesso al web Cumulative/Value (M$) e ai portali role-based per i partecipanti, la comunicazione cellulare, gli strumenti wireless e i metodi avanzati per la fornitura di informazioni basate sul servizio. Le soluzioni tradizionali come quelle Cmms e Eam forniscono una base naturale per la gestione delle informazioni secondo il modello Calm. Il loro livello di supporto per le necessità dei processi di funzionamento/manutenzione e dei partecipanti è ottimo e vanno quindi ampliati per riconoscere le necessità di altre fasi del ciclo di vita e del numero ampliato di utilizzatori previsto da Calm. OPERATIONS SETTEMBRE

6 OP Snitkin.imp :18 Pagina 26 CALM Performance Information Enabling Technology Lifecycle Processes Asset Performance Audit FIG. 5. Processi Calm. Processi di gestione del ciclo di vita. I processi di gestione del ciclo di vita previsti da Calm riguardano tutte le attività coinvolte nell identificazione di alternative, la valutazione delle opzioni, l elaborazione di decisioni razionali, l esecuzione di queste decisioni e la gestione efficiente delle risorse. I processi di gestione del ciclo di vita comprendono: pianificazione: tutte le attività associate all analisi tecnica e finanziaria, alla giustificazione e alla pianificazione dell acquisto di nuovi asset acquisto: tutte le attività associate alla gestione dell acquisto di un asset installazione: tutte le attività associate all installazione, alla prova e alla messa in esercizio di asset nuovi o ricondizionati funzionamento/manutenzione: tutte le attività associate all efficace mantenimento della disponibilità degli asset (condizioni), della longevità e della capacità (qualità e prestazioni) smaltimento: tutte le attività associate alla gestione di asset ancora presenti ma non più utilizzati, compresa la rimozione dalla linea, le misure di sicurezza e lo smaltimento. Funzionamento/manutenzione. La fase più lunga e complessa del ciclo di vita necessita senza dubbio di un attenzione aggiuntiva. Il modello Calm affronta questa fase con quattro sottoprocessi: la pianificazione manutentiva dell asset, il condition monitoring, la gestione della manodopera e la gestione delle risorse. Questi sottoprocessi riflettono la significativa diversità di problemi, best practice e tecnologie 26 OPERATIONS SETTEMBRE 2003 Capital Assets Collaboration with other Processes Other Processes (PLM, SCM, RPM) che si riscontrano nella gestione manutentiva. Questa struttura promuove anche la flessibilità nell uso dell outsourcing per singole attività di funzionamento/manutenzione. Pianificazione manutentiva dell asset. La pianificazione manutentiva dell asset riguarda le necessità di pianificazione a breve e lungo termine della gestione manutentiva. La pianificazione a lungo termine richiede delle decisioni su quale sia la strategia più indicata per la manutenzione di ogni asset. La pianificazione a breve termine gestisce il coordinamento delle attività manutentive specifiche con altre necessità aziendali. L uso di singoli piani di manutenzione asset è una migliore pratica che costituisce un elemento di base di tutte le operazioni manutentive previste da Calm. Un piano manutentivo di un asset definisce la strategia che verrà impiegata per gestire la «salute» e le prestazioni dell asset, tra cui la valutazione, l analisi e le attività di ricondizionamento/miglioramento. L attribuzione di responsabilità per ogni fase rappresenta a sua volta un elemento chiave del piano. Stabilire una strategia manutentiva per ogni asset è un passaggio cruciale che influenza direttamente la disponibilità, la durata e i costi manutentivi degli asset. La classe e l importanza degli asset sono questioni di business che vanno considerate. La classe degli asset stabilisce le modalità di malfunzionamento; l importanza degli asset stabilisce l impatto di un malfunzionamento sul ciclo produttivo/azienda, mentre il modello di business stabilisce la responsabilità del proprietario dell asset per un dato tipo di malfunzionamento. Le tipiche strategie manutentive di un asset comprendono: Rtf (Run to failure): l asset funziona fino a quando non si guasta preventiva: minimizza i malfunzionamenti tramite ispezioni basate sul tempo o sull utilizzo (manutenzione ispettiva) con eventuali riparazione/sostituzione predittiva: minimizza i malfunzionamenti tramite l esame delle condizioni effettive/prestazioni per prevedere i malfunzionamenti Il valore del ciclo di vita dell asset viene determinato dai vantaggi ottenuti tramite l uso e dal periodo di tempo in cui fornisce i suoi vantaggi. mista: applica strategie basate sull impatto dell asset sulle prestazioni funzionali (Rcm Manutenzione basata sull affidabilità) La pianificazione a breve termine nella Pianificazione manutentiva degli asset implica lo sviluppo degli ordini d intervento, l approvazione per l intervento, il coordinamento con altre attività aziendali e la verifica della qualità dell intervento. Stato dell asset e condition monitoring. La verifica dello stato dell asset e il condition monitoring sono attività fondamentali in tutti i programmi ma-

7 OP Snitkin.imp :18 Pagina 27 Tavola 3. Tipiche strategie di manutenzione asset. Asset Terreni, edifici Macchine produttive Attrezzature di consegna servizio Attrezzature sede Parco autom. It Modello Modello Modello di leasing produttivo infrastrutturale Preventivo, misto Preventivo, misto Rtf Preventivo, misto Misto Misto Misto nutentivi. Il modello Calm considera in modo separato la gestione di queste attività per sottolineare la frequente necessità di ricorrere a tecnologie specialistiche, con un livello di esperienza specifica tale da poter selezionare la tecnologia più idonea a effettuare le misurazioni, analizzare i risultati, diagnosticare i problemi e proporre gli interventi necessari a ripristinare le buone condizioni dell asset. Gli obiettivi della verifica e del condition monitoring possono variare notevolmente a seconda della classe dell asset. La verifica dello stato dell asset riguarda questioni come la posizione fisica, la configurazione, le condizioni d esercizio, eccetera. Il condition monitoring riguarda invece le condizioni dell asset, la capacità, le prestazioni, eccetera. L integrazione del modello Calm con i sistemi di automazione ha una particolare importanza negli ambienti produttivi. I sistemi di automazione utilizzano sempre più degli strumenti intelligenti con capacità diagnostiche incorporate e software di condition monitoring online a circuito chiuso che consentono un uso ampliato di strategie manutentive centrate sull affidabilità (Rcm). La stretta integrazione facilita anche il coordinamento in tempo reale tra gli addetti al processo e il personale di manutenzione. Questo amplifica i vantaggi ottenibili con strategie come la Tpm. Anche l integrazione in tempo reale con i laboratori di prova, i sistemi informatici, eccetera rappresenta una questione chiave trattata dal modello Calm per gli asset produttivi. Calm riconosce che gli standard, come quelli sviluppati dal consorzio Mimosa (Machinery information management open systems alliance) sono essenziali per sfruttare in modo efficiente le capacità delle tecnologie di verifica dello stato e di condition monitoring. L utilizzo di simili standard viene considerato una best practice di base per il corretto svolgimento di queste due attività. Gestione manodopera. La gestione della manodopera riguarda quei compiti legati all uso di risorse umane per l esecuzione di ordini d intervento per attività valutative, manutentive o migliorative sull asset. Ciò comprende la supervisione, la programmazione e l addestramento del personale oltre alla gestione di eventuali servizi esterni. La selezione delle tecnologie necessarie a migliorare l efficienza degli operatori sul campo, come l utilizzo di strumenti di misurazione mobili e wireless, è responsabilità di questo settore. Gestione risorse asset. Quest area riguarda tutti i processi legati alla gestione dei ricambi e delle attrezzature utilizzate per la manutenzione dell asset. Ciò comprende la gestione di tutte le transazioni del magazzino e la selezione di tecnologie come emro e sistemi di gestione magazzino (Wms) che possono venir utilizzati per migliorare l efficienza. Quest area comprende inoltre lo sviluppo e la gestione di accordi per la formazione di gruppi d acquisto con altri impianti, altre società e Oem. Verifica delle prestazioni. La verifica delle prestazioni dell asset comprende tutte le attività legate alla valutazione degli asset d impresa in termini di necessità attuali e future dell azienda, identificando le opportunità per miglioramenti funzionali in grado di estendere la durata o la capacità, la ri-applicazione o un proficuo smaltimento. Quest area considera molteplici prospettive nella valutazione delle prestazioni dell asset. Le informazioni ottenute con la Gestione del ciclo di vita consentono una valutazione continua del Valore del ciclo di vita dell asset. Le informazioni ottenute tramite la collaborazione con altri programmi aziendali supportano la valutazione delle prestazioni dell asset con metodologie come l Efficacia complessiva dei macchinari (Oee) e la Produttività effettiva totale dei macchinari (Teep). Oee è una misura di uso comune nel settore produttivo che unisce la disponibilità, la velocità produttiva e la resa per fornire una singola misura delle prestazioni complessive che va dalla singola macchina all intero impianto. Anche Teep fornisce una misura complessiva paragonando le prestazioni effettive a un obiettivo teorico e viene usata in attività come la produzione di energia. Gestione delle prestazioni secondo Calm. Quest area riguarda la valutazione a livello continuativo delle prestazioni di tutti i processi nell ambito del programma di asset management. Ciò comprende lo sviluppo e l applicazione d indicatori chiave delle prestazioni (Kpi) per Rtf Tavola 4. Tecnologie di verifica dello stato e di condition monitoring. Classe Verifica Condition dell asset stato monitoring Vibrazioni, lubrificazione, Macchinari Funzionamento, temperatura, produttivi livelli dei serbatoi, corrosione, prestazioni circuito, eccetera Gps, configurazione Utilizzo e ciclo di Strumenti It software, servizio del stato del network server Strutture Parco automezzi Amr, livelli serbatoi, eccetera Gps, Amr Temperature, condizioni macchine rotanti Uso carburanti, ore di servizio OPERATIONS SETTEMBRE

8 OP Snitkin.imp :18 Pagina 28 Supply-Side Materials Lifecycle Domain Plan, Acquire, Install Enterprise Domain Business Operations Operate & Maintain Plant/Factory Operations Audit, Reapply, Dispose Customer Order Fulfillment Value Chain Domain Le società di engineering, di approvvigionamento e impiantistiche possono giocare un ruolo chiave nella pianificazione, acquisizione e installazione di componenti dell impianto. Gli Oem e i fornitori di servizi di terziarizzazione possono autorevolmente candidarsi per la manutenzione, in particolar modo quando si tratta di società disposte ad assumersi la responsabilità per le prestazioni dell asset. Gli Oem possono anche dare un importante contributo nelle attività di verifica se non esistono questioni di «conflitto d interesse» o se queste sono state trattate in modo appropriato. I consulenti esterni sono un altra ottima opzione per le attività di verifica. Le decisioni relative all outsourcing sono più complesse di quelle riguardanti il partnering e devono considerare questioni importanti come la permanenza di competenze chiave, la protezione della proprietà intellettuale (Ip), la flessibilità e l agilità. La gestione delle attività in outsourcing richiede anche una chiara definizione dei Kpi e della condivisione dei vantaggi. FIG. 6. Calm e Cmm. ogni processo, l analisi delle deviazioni dalle normali prestazioni per identificare le cause di fondo e la presentazione dei risultati secondo il modello Calm a tutti i partecipanti. I partecipanti costruiscono il successo del modello Calm. L attribuzione delle responsabilità rappresenta la base d implementazione del modello Calm. Tutti i partecipanti hanno un impatto sul successo del programma e vanno quindi istruiti riguardo il loro ruolo e le loro responsabilità. Calm considera gli approcci olistici e collaborativi come la best practice per assegnare le responsabilità. Queste metodologie incoraggiano un ampio interesse nell asset lifecycle management e raccolgono i vantaggi sinergici del problem solving di squadra. Team e Tpm sono due metodologie specifiche che incorporano questi principi e vengono dunque considerate come migliori procedure. Dato che le aziende acquistano i loro asset, le parti di ricambio e gli approvvigionamenti da fornitori esterni, questi vengono naturalmente coinvolti in tutti i processi Calm. Queste relazioni richiedono un attenzione particolare per assicurarsi che le prestazioni effettive soddisfino le aspettative. L outsourcing amplia le opzioni d implementazione. Calm vede l outsourcing come un opzione di assegnazione delle responsabilità, non come una sostituzione di qualsiasi processo Calm. L outsourcing è un buon approccio quando una realtà esterna si trova nella posizione ottimale per eseguire una o più attività Calm. Al contempo l azienda deve riconoscere che l outsourcing è una strategia di gestione del rischio che richiede generalmente la condivisione dei vantaggi. Calm considera l outsourcing come un opzione fattibile in tutte le fasi del ciclo di vita. Calm complementa altri concetti Arc. Il modello Calm complementa altri concetti sviluppati per migliorare l efficienza aziendale nel difficile momento economico che stiamo attraversando. Questi concetti vengono trattati in altri rapporti strategici di Arc. La Gestione Collaborativa della Produzione (Cmm) è il modello di come sia possibile utilizzare la collaborazione per integrare e sincronizzare i molti processi interdipendenti presenti nelle aziende moderne. Il Cmm aiuta le aziende a controllare le proprie operazioni tramite l applicazione dei processi collaborativi, architetture e relazioni più appropriate. Il Cmm è un principio di base del modello Calm che mantiene le attività e le risorse concentrate sulle autentiche necessità dell azienda e non su ciò che i singoli reparti o uffici ritengono più importante. Riconoscere che il modello Calm si adatta alla sfera del ciclo di vita del Cmm assicura che le attività di Calm siano sempre coordinate con attività complementari e che favoriscano delle migliori prestazioni aziendali. La collaborazione è pervasiva nel modello Calm e influenza ogni processo. Riflettere le previsioni aggiornate sull andamento dei mercati nell acquisto di nuovi asset aiuta le società ad evitare l acquisizione di macchinari che potrebbero diventare prematuramente oblsoleti. Coordinare l installazione di asset product-specific con il lancio di nuovi prodotti aiuta le imprese a sfruttare tutte le opportunità che nascono dall essere i primi sul mercato. Sincronizzare le programmazioni manutentive con i piani produttivi limita le interruzioni alla produzione e il rischio di una mobilitazione inefficiente. Che il risultato sia l ampliamento dei vantaggi o la riduzione dei costi, l impatto della collaborazione è lo stesso: l aumento dei valore del ciclo di vita dell asset. L eccellenza operativa (OpX) è il modello di miglioramento continuo. L OpX amplia le strategie convenzionali di miglioramento continuo tramite il riconoscimento della necessità d includere dei fattori esterni nella definizione delle «migliori iniziative da intraprendere» e degli obiettivi aziendali più appropriati. OpX viene incor- 28 OPERATIONS SETTEMBRE 2003

9 OP Snitkin.imp :18 Pagina 29 porato nel modello Calm in due modi distinti ma collegati tra loro. Nel primo diventa la forza trainante dei processi coinvolti nella gestione delle prestazioni dei singoli asset. Gli asset vengono acquistati per le loro prestazioni e OpX spinge l azienda a raggiungere e addirittura a superare le prestazioni previste. Al contempo OpX incoraggia il paragone con i migliori asset della stessa categoria disponibili sul mercato, in modo da assicurarsi che l azienda ottenga i migliori risultati possibili da ogni asset. Infine, OpX concentra gli sforzi organizzativi su quegli asset che più limitano le possibili prestazioni aziendali. Calm utilizza OpX anche come base per il miglioramento continuo dei processi di asset management. Questo si ottiene tramite una gerarchia di processi OpX incorporati che si concentrano sulle prestazioni dei singoli processi. La gestione in tempo reale delle prestazioni (Rpm) concretizza la visione Arc dell ottimizzazione delle prestazioni aziendali tramite la misurazione e la gestione in tempo reale. L Rpm si basa su tre principi chiave: l attenzione va al potenziale ottimale, non al miglioramento incrementale le prestazioni dei singoli asset e processi vengono valutate tramite misure appropriate a livello operativo dotate di sufficiente granularità l impatto di qualsiasi deviazione viene minimizzato dal monitoraggio delle prestazioni in tempo reale e dalla reazione rapida degli operatori. L Rpm amplia i vantaggi dei processi OpX di Calm raffinando i concetti di «Giusto» e di «Positivo» e accellerando il processo di miglioramento continuo. L Rpm viene riflessa nel modello Calm tramite il ricorso alla collaborazione in tempo reale per facilitare l integrazione e la sincronizzazione con altri processi aziendali come i sistemi di automazione. Conclusioni. Gli asset d impresa rappresentano un enorme investimento per un azienda. Il modello Calm offre una visione complessiva per la gestione di questi asset che riguarda tutte le classi di asset, tutte le fasi del ciclo di vita e le necessità di tutti i partecipanti. Calm sfrutta le best practice riconosciute per l asset management e concetti come il Cmm, l OpX e l Rpm per ottenere il massimo valore del ciclo di vita dell asset. Questo avviene tramite: il conseguimento dei massimi risultati dagli asset già presenti la minimizzazione della necessità di nuovi asset l allineamento continuo degli asset alle necessità aziendali. Suggeriamo a tutte le aziende di adottare il modello Calm come base per la gestione degli asset d impresa. Arc pensa inoltre di fornire un continuo supporto all implementazione del modello Calm tramite una serie dedicata di approfondimenti e di strategy report che monitorizzano gli sviluppi a livello tecnologico, di metodologie e di best practice. Questi rapporti valuteranno le soluzioni specifiche e discuteranno i risultati di ricerche compiute presso gli utilizzatori su una varietà di argomenti che riguardano l asset management. BREVE GLOSSARIO DEGLI ACRONIMI INGLESI DI USO COMUNE Ahm Alm Amr Arm Asm Awm Calm Cm Cmm Cmms Crm Eam emro Erp Gis Gps Kpi Lims Mro Oem Olap OpX Pas Plm Rcm Rfp Rpm Rtf Wms Tpm 3Pp 3Ps CALM Performance Information Audit Plan Acquire Install Maintain Sub-Processes Retire FIG. 7. OpX e il miglioramento del ciclo di processo secondo Calm. Calm asset health & performance management Asset lifecycle management Automated meter reading Calm resources management Calm asset status monitoring Calm workforce management Collaborative asset lifecycle management Condition monitoring Collaborative manufacturing management Computerized maintenance management system Customer relationship management Enterprise asset management E-Procurement for Mro Enterprise resource planning Geographic information system Global positioning system Key performance indicator Laboratory information management system Maintenance, repair & overhaul Original equipment manufacturer On-line analytical processing Arc Operational Excellence model Process automation system Product lifecycle management Reliability-centered maintenance Request for proposal Arc real-time performance management model Run-to-failure Warehouse management system Total productive maintenance Third party parts provider Third party service provider. L Autore Sid Snitkin è il vicepresidente di Arc Advisory Group dove si occupa dell elaborazione delle strategie aziendali per la gestione e la pianificazione delle supply chain e della produzione collaborativa. È anche il principale esperto Arc per le analisi nel campo dell industria metallurgica. Vanta più di trent anni di esperienza nel campo dell automazione, dei sistemi informatici e della produzione. Ha conseguito il Bachelor of Science e il Master of Science in Fisica presso la Carnegie Mellon University, quindi l Mba e il Ph.D in Operation Research e Artificial Intelligence presso la University of Pittsburgh. Il suo ingresso in Arc è avvenuto più di cinque anni fa, dopo una lunga carriera professionale nell engineering che lo ha portato dapprima a occupare posizioni manageriali di rilievo e quindi la carica di senior executive presso società leader nella fornitura di macchinari e materiale elettrico, tra cui la Westinghouse Electric. È stato anche vicepresidente e amministratore delegato della Danieli United, per la quale ha istituito un programma Iso 9000 che ha riguardato tutti i reparti della società. È anche professore aggiunto all università di Pittsburgh, dove tiene corsi Mba in ottimizzazione e statistica. OPERATIONS SETTEMBRE

Le caratteristiche distintive di Quick Budget

Le caratteristiche distintive di Quick Budget scheda prodotto QUICK BUDGET Mercato imprevedibile? Difficoltà ad adeguare le risorse a una domanda instabile e, di conseguenza, a rispettare i budget?tempi e costi troppo elevati per la creazione di budget

Dettagli

Lista delle descrizioni dei Profili

Lista delle descrizioni dei Profili Lista delle descrizioni dei Profili La seguente lista dei Profili Professionali ICT è stata definita dal CEN Workshop on ICT Skills nell'ambito del Comitato Europeo di Standardizzazione. I profili fanno

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie dell informazione e controllo 2 Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale IT e coordinamento esterno IT e

Dettagli

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido Starter Package è una versione realizzata su misura per le Piccole Imprese, che garantisce una implementazione più rapida ad un prezzo ridotto. E ideale per le aziende che cercano ben più di un semplice

Dettagli

Optimize your energy park. www.en-come.com

Optimize your energy park. www.en-come.com Optimize your energy park / Supporto d ACQUISIZIONE / OPERAZIONI TECNICHE / OPERAZIONI COMMERCIALI / MIGLIORAMENTO DELLE PRESTAZIONI / SMALTIMENTO IMPIANTI IT www.en-come.com Supporto d ACQUISIZIONE SMALTIMENTO

Dettagli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli I sistemi informativi Il processo

Dettagli

1- Corso di IT Strategy

1- Corso di IT Strategy Descrizione dei Corsi del Master Universitario di 1 livello in IT Governance & Compliance INPDAP Certificated III Edizione A. A. 2011/12 1- Corso di IT Strategy Gli analisti di settore riportano spesso

Dettagli

Business Intelligence Revorg. Roadmap. Revorg Business Intelligence. trasforma i dati operativi quotidiani in informazioni strategiche.

Business Intelligence Revorg. Roadmap. Revorg Business Intelligence. trasforma i dati operativi quotidiani in informazioni strategiche. soluzioni di business intelligence Revorg Business Intelligence Utilizza al meglio i dati aziendali per le tue decisioni di business Business Intelligence Revorg Roadmap Definizione degli obiettivi di

Dettagli

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA Service Oriented Architecture Ormai tutti, nel mondo dell IT, conoscono i principi di SOA e i benefici che si possono ottenere

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 6 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 6 Modulo 6 Integrare verso l alto e supportare Managers e Dirigenti nell Impresa: Decisioni più informate; Decisioni

Dettagli

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende QUALITA UNINDUSTRIA INNOVAZIONE METODO UMIQ Il metodo UMIQ Unindustria Bologna Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende Obiettivi del corso Fornire

Dettagli

SimplERP in sintesi. Open Source SimplERP è un progetto Open Source. Il software è pubblicato sotto licenza AGPL ed AGPL + Uso Privato.

SimplERP in sintesi. Open Source SimplERP è un progetto Open Source. Il software è pubblicato sotto licenza AGPL ed AGPL + Uso Privato. SimplERP in sintesi SimplERP è una suite completa di applicazioni aziendali dedicate alla gestione delle vendite, dei clienti, dei progetti, del magazzino, della produzione, della contabilità e delle risorse

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ

PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT CENTRATE I VOSTRI OBIETTIVI LA MISSIONE In qualità di clienti Rockwell Automation, potete contare

Dettagli

La potenza di Ariba per i clienti SAP. I vantaggi del Collaborative Commerce

La potenza di Ariba per i clienti SAP. I vantaggi del Collaborative Commerce La potenza di Ariba per i clienti SAP I vantaggi del Collaborative Commerce Contenuti 4 9 10 12 14 18 20 22 24 Potenziare il Networked Business Una combinazione efficace Collaborative Commerce con Ariba

Dettagli

Sicuritalia e la soluzione di SAP per la Field Force.

Sicuritalia e la soluzione di SAP per la Field Force. Sicuritalia S.p.A. Utilizzata con concessione dell autore. SAP Customer Success Story Sicurezza e servizi fiduciari Sicuritalia S.p.A Sicuritalia e la soluzione di SAP per la Field Force. Partner Nome

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Fabbrica Futuro. Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani LA RISPOSTA EVOLUTA DELLA CONSULENZA ALLA DINAMICITÀ DEL MERCATO.

Fabbrica Futuro. Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani LA RISPOSTA EVOLUTA DELLA CONSULENZA ALLA DINAMICITÀ DEL MERCATO. Fabbrica Futuro Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani 27 giugno 2013 WEGE LA RISPOSTA EVOLUTA DELLA CONSULENZA ALLA DINAMICITÀ DEL MERCATO. MCS, Q&O e PTM tre società di consulenza che,

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

EasyMACHINERY ERPGestionaleCRM. partner

EasyMACHINERY ERPGestionaleCRM. partner ERPGestionaleCRM partner La soluzione software per le aziende di produzione di macchine Abbiamo trovato un software e un partner che conoscono e integrano le particolarità del nostro settore. Questo ci

Dettagli

Integrazione dei processi aziendali Sistemi ERP e CRM. Alice Pavarani

Integrazione dei processi aziendali Sistemi ERP e CRM. Alice Pavarani Integrazione dei processi aziendali Sistemi ERP e CRM Alice Pavarani Un ERP rappresenta la maggiore espressione dell inseparabilità tra business ed information technology: è un mega-package di applicazioni

Dettagli

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda Fa quadrato attorno alla tua azienda Professional Perché scegliere Cosa permette di fare la businessintelligence: Conoscere meglio i dati aziendali, Individuare velocemente inefficienze o punti di massima

Dettagli

Infor Ming.le Social Business

Infor Ming.le Social Business TM Social Business 1 Nuove modalità per risolvere vecchi problemi Una singola piattaforma per social collaboration e business process management I mezzi che utilizziamo per comunicare non sono perfetti.

Dettagli

LE SOLUZIONI PER L'INDUSTRIA AMMINISTRARE I PROCESSI

LE SOLUZIONI PER L'INDUSTRIA AMMINISTRARE I PROCESSI LE SOLUZIONI PER L'INDUSTRIA AMMINISTRARE I PROCESSI (ERP) Le soluzioni Axioma per l'industria Le soluzioni di Axioma per l'industria rispondono alle esigenze di tutte le aree funzionali dell azienda industriale.

Dettagli

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing PartnerWorld IBM Global Financing Straordinarie possibilità di crescita con IBM Global Financing Servizi finanziari per i Business Partner IBM ibm.com/partnerworld Accesso diretto a un avanzato servizio

Dettagli

DIGITAL MAINT APPLICATION SOLUTION TOTAL INFRASTRUCTURE GOVERNANCE

DIGITAL MAINT APPLICATION SOLUTION TOTAL INFRASTRUCTURE GOVERNANCE APPLICATION SOLUTION TOTAL INFRASTRUCTURE GOVERNANCE DIGITAL MAINT Modulo ECSM OVERVIEW IT, ver. 4.0 Pag. - 1 - Facilities & Real Estate Management Solutions DIGITAL MAINT è una soluzione progettata per

Dettagli

Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML

Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML Corsi internazionali, corsi in house, master e convegni: la qualità dell insegnamento è sempre garantita da docenti selezionati,

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

PROGETTATI PER UNA PRODUZIONE AFFIDABILE ED EFFICIENTE. PROPRIO COME LE NOSTRE SOLUZIONI LUBRIFICANTI PER IL SETTORE METALLURGICO.

PROGETTATI PER UNA PRODUZIONE AFFIDABILE ED EFFICIENTE. PROPRIO COME LE NOSTRE SOLUZIONI LUBRIFICANTI PER IL SETTORE METALLURGICO. PROGETTATI PER UNA PRODUZIONE AFFIDABILE ED EFFICIENTE. PROPRIO COME LE NOSTRE SOLUZIONI LUBRIFICANTI PER IL SETTORE METALLURGICO. PROGETTATO PER AFFRONTARE LE SFIDE LUBRIFICANTI PROGETTATI PER INCREMENTARE

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

Trasformiamo le vostre sfide in vantaggi. Produzione intelligente, sicura e sostenibile

Trasformiamo le vostre sfide in vantaggi. Produzione intelligente, sicura e sostenibile Trasformiamo le vostre sfide in vantaggi Produzione intelligente, sicura e sostenibile Trasformiamo la vostra azienda Pensate di poter continuare a lavorare nel solito modo? Le cose sono cambiate. Le aziende

Dettagli

GESTIONE DELL INFORMAZIONE AZIENDALE GRUPPO A prova scritta del 20 maggio 2004

GESTIONE DELL INFORMAZIONE AZIENDALE GRUPPO A prova scritta del 20 maggio 2004 GESTIONE DELL INFORMAZIONE AZIENDALE GRUPPO A prova scritta del 20 maggio 2004 Rispondere alle seguenti domande marcando a penna la lettera corrispondente alla risposta ritenuta corretta (una sola tra

Dettagli

Cybertec: high performance Supply Chain dal 1991

Cybertec: high performance Supply Chain dal 1991 Cybertec: high performance Supply Chain dal 1991 Fondata dall'ing. Kirchner nel 1991 Sede principale a Trieste. Filiali a Milano, Bologna, Padova e Udine Fornisce soluzioni per una Supply Chain ad alte

Dettagli

Wireless. Logistics. Aton Group Logistica. Orange mobility srl

Wireless. Logistics. Aton Group Logistica. Orange mobility srl Wireless Logistics Aton Group Logistica Automatizzare il magazzino Perché? Per ottimizzare Ottimizzare le scorte, gli spazi, i percorsi di prelievo Per garantire il proprio cliente Per aumentare l efficienza

Dettagli

Cybertec: High Performance Supply Chain dal 1991

Cybertec: High Performance Supply Chain dal 1991 Cybertec: High Performance Supply Chain dal 1991 Fornisce soluzioni per una Supply Chain ad alte prestazioni e per un'efficace pianificazione della produzione Sede principale a Trieste. Filiali a Milano,

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 5 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 5 Modulo 5 Il Sistema Informativo verso il mercato, i canali ed i Clienti: I nuovi modelli di Business di Internet;

Dettagli

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business.

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. ACCREDITED PARTNER 2014 Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Gariboldi Alberto Group Srl è una realtà

Dettagli

AT&S Aumenta l Efficienza e l Agilità del Business Tramite il Miglioramento della Gestione IT

AT&S Aumenta l Efficienza e l Agilità del Business Tramite il Miglioramento della Gestione IT CUSTOMER SUCCESS STORY Ottobre 2013 AT&S Aumenta l Efficienza e l Agilità del Business Tramite il Miglioramento della Gestione IT PROFILO DEL CLIENTE Settore: Manifatturiero Azienda: AT&S Dipendenti: 7500

Dettagli

Fattori critici di successo

Fattori critici di successo CSF e KPI Fattori critici di successo Critical Success Factor (CSF) Definiscono le azioni o gli elementi più importanti per controllare i processi IT Linee guida orientate alla gestione del processo Devono

Dettagli

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration COSA FACCIAMO SEMPLIFICHIAMO I PROCESSI DEL TUO BUSINESS CON SOLUZIONI SU MISURA EXTRA supporta lo sviluppo

Dettagli

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Agile Operations

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Agile Operations CUSTOMER SUCCESS STORY LUGLIO 2015 Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Agile Operations PROFILO DEL CLIENTE Settore: servizi IT Azienda: Lexmark Dipendenti: 12.000 Fatturato:

Dettagli

InfoFACILITY. La manutenzione dei sistemi di monitoraggio e degli edifici ARPAL. Agenzia PROFILO AZIENDA

InfoFACILITY. La manutenzione dei sistemi di monitoraggio e degli edifici ARPAL. Agenzia PROFILO AZIENDA La manutenzione dei sistemi di monitoraggio e degli edifici ARPAL - Case History ARPAL - Maggio 2014 L ottimizzazione del processo manutentivo, intesa come l aumento dell efficacia degli interventi ordinari,

Dettagli

Migliorare il processo produttivo con SAP ERP

Migliorare il processo produttivo con SAP ERP ICI Caldaie Spa. Utilizzata con concessione dell autore. Migliorare il processo produttivo con SAP ERP Partner Nome dell azienda ICI Caldaie Spa Settore Caldaie per uso residenziale e industriale, generatori

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

QUANDO L EFFICIENZA CREA VALORE

QUANDO L EFFICIENZA CREA VALORE QUANDO L EFFICIENZA CREA VALORE Tendenze del settore alimentare Numero di prodotti e personalizzazioni Normative, regolamenti e certificazioni Variabili del processo produttivo Dimensione del lotti o degli

Dettagli

Nordea risparmia 3,5 milioni di euro grazie a una migliore gestione del proprio portafoglio applicativo

Nordea risparmia 3,5 milioni di euro grazie a una migliore gestione del proprio portafoglio applicativo CUSTOMER SUCCESS STORY Nordea risparmia 3,5 milioni di euro grazie a una migliore gestione del proprio portafoglio applicativo CUSTOMER PROFILE Settore: servizi finanziari Azienda: Nordea Bank Dipendenti:

Dettagli

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6 Pag. 1 di 6 L Informedica è una giovane società fondata nel 2004 che opera nel settore dell'information Technology per il settore medicale. Negli ultimi anni attraverso il continuo monitoraggio delle tecnologie

Dettagli

Scheda. Il CRM per la Gestione del Marketing. Accesso in tempo reale alle Informazioni di rilievo

Scheda. Il CRM per la Gestione del Marketing. Accesso in tempo reale alle Informazioni di rilievo Scheda Il CRM per la Gestione del Marketing Nelle aziende l attività di Marketing è considerata sempre più importante poiché il mercato diventa sempre più competitivo e le aziende necessitano di ottimizzare

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance CUSTOMER SUCCESS STORY Febbraio 2014 Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance PROFILO DEL CLIENTE Settore: servizi IT Società: Lexmark Dipendenti: 12.000 Fatturato:

Dettagli

CRM Downsizing Program

CRM Downsizing Program Azzerare i costi inutili del CRM e massimizzare il valore di quanto già realizzato S empre, e in special modo durante periodi di crisi, risulta vitale in azienda individuare tutte le potenziali fonti di

Dettagli

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Un azienda è caratterizzata da: 1. Persone legate tra loro da

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma UNI CEI EN ISO 50001:2011 Sistemi di gestione dell energia Requisiti e linee guida per l uso è la versione ufficiale italiana della

Dettagli

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Informatica, Gestionale e dell Automazione SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK relators: Marcello

Dettagli

Indice. pagina 2 di 8

Indice. pagina 2 di 8 LEZIONE SOURCING, PROCUREMENT E METODOLOGIE PER L'OTTIMIZZAZIONE DELLA CATENA DEL VALORE DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1 Catena del valore e creazione del valore --------------------------------------------------------------

Dettagli

Le aree funzionali ed i processi

Le aree funzionali ed i processi Le aree funzionali ed i processi Gestione Operativa ITIL Information Technology Infrastructure Library (ITIL) è un insieme di linee guida ispirate dalla pratica (Best Practice) nella gestione dei servizi

Dettagli

Sede legale : Via G.Pansera, 17 25068 Sarezzo (BS)

Sede legale : Via G.Pansera, 17 25068 Sarezzo (BS) Gestione Strategica** Progettazione Organizzativa** Marketing & Vendite** Sistemi Informativi** Controllo di Gestione** Finanza Aziendale** Sistemi di QualitàTotale** Formazione** Sede legale : Via G.Pansera,

Dettagli

MOSSE. per passare senza difficoltà da una gestione manuale a una gestione touchless delle fatture fornitori in ambiente ERP

MOSSE. per passare senza difficoltà da una gestione manuale a una gestione touchless delle fatture fornitori in ambiente ERP Guidebook: Fatture Fornitori 7 MOSSE per passare senza difficoltà da una gestione manuale a una gestione touchless delle fatture fornitori in ambiente ERP 7 Mosse Per Passare Senza Difficoltà da una Gestione

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

LibrERP in sintesi. www.didotech.com. Completa

LibrERP in sintesi. www.didotech.com. Completa LibrERP in sintesi LibrERP è una suite completa di applicazioni aziendali dedicate alla gestione delle vendite, dei clienti, dei progetti, del magazzino, della produzione, della contabilità e delle risorse

Dettagli

Ferrovie dello Stato Italiane Garantisce l Efficienza dei Servizi IT in Outsourcing con CA Business Service Insight

Ferrovie dello Stato Italiane Garantisce l Efficienza dei Servizi IT in Outsourcing con CA Business Service Insight CUSTOMER SUCCESS STORY April 2014 Garantisce l Efficienza dei Servizi IT in Outsourcing con CA Business Service Insight PROFILO DEL CLIENTE: Azienda: S.p.A. Settore: logistica e trasporti Fatturato: 8,2

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

I valori distintivi della nostra offerta di BPO:

I valori distintivi della nostra offerta di BPO: Business Process Outsourcing Partner 3M Software è il partner di nuova generazione, per la progettazione e la gestione di attività di Business Process Outsourcing, che offre un servizio completo e professionale.

Dettagli

Le prestazioni della Supply Chain

Le prestazioni della Supply Chain Le prestazioni della Supply Chain L ottenimento dell adattamento strategico e la sua portata Le prestazioni della Supply Chain 1 Linea guida Le strategie Competitiva e della supply chain L ottenimento

Dettagli

Export Development Export Development

Export Development Export Development SERVICE PROFILE 2014 Chi siamo L attuale scenario economico nazionale impone alle imprese la necessità di valutare le opportunità di mercato offerte dai mercati internazionali. Sebbene una strategia commerciale

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità. ! I modelli normativi. ! I modelli per l eccellenza

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità. ! I modelli normativi. ! I modelli per l eccellenza 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

La soluzione per le aziende di trasformazione, produzione e distribuzione

La soluzione per le aziende di trasformazione, produzione e distribuzione La soluzione per le aziende di trasformazione, produzione e distribuzione Tutti i processi in un'unica piattaforma software Il software Quadra di Quadrivium è una soluzione applicativa di Supply Chain

Dettagli

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Servizi di connessione Prodotti a supporto del business Per sfruttare al meglio una rete di ricarica per veicoli

Dettagli

Chi siamo. vettori energetici (elettrico, termico ed energia prodotta da fonti tradizionali e rinnovabili) presenti nelle aziende pubbliche e private.

Chi siamo. vettori energetici (elettrico, termico ed energia prodotta da fonti tradizionali e rinnovabili) presenti nelle aziende pubbliche e private. Chi siamo Nata nel 1999, Energy Consulting si è affermata sul territorio nazionale fra i protagonisti della consulenza strategica integrata nel settore delle energie con servizi di Strategic Energy Management

Dettagli

THRU-PUT INFOR SCM > THRU-PUT. Qual è la Teoria dei Vincoli (TOC)? www.twingroup.com

THRU-PUT INFOR SCM > THRU-PUT. Qual è la Teoria dei Vincoli (TOC)? www.twingroup.com THRU-PUT Qual è la Teoria dei Vincoli (TOC)? La Teoria dei Vincoli è la filosofia globale sviluppata dal Dott. Eiyahu M. Goldratt pubblicata in vari libri, tra cui L obiettivo. TOC si concentra sulle restrizioni

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

NUMERO 1O l esperienza migliora il business

NUMERO 1O l esperienza migliora il business NUMERO 1O l esperienza migliora il business Dal 1986 al vostro fianco NUMERO 1O, a più di vent anni dalla sua nascita, rappresenta il polo di riferimento nell esperienza informatica legata al business.

Dettagli

WebBi S.r.l offre consulenza e soluzioni per le seguenti aree: Data Warehousing. Business Intelligence. Disegno di architetture integrate

WebBi S.r.l offre consulenza e soluzioni per le seguenti aree: Data Warehousing. Business Intelligence. Disegno di architetture integrate Migliorare l organizzazione per migliorare la qualità delle decisioni. Migliorare la qualità dei collaboratori per migliorare il servizio alla clientela. WebBi S.r.l offre consulenza e soluzioni per le

Dettagli

software gestione imprese settore AEROSPAZIALE

software gestione imprese settore AEROSPAZIALE software gestione imprese settore AEROSPAZIALE L industria aerospaziale italiana ricopre un ruolo di grande rilevanza non solo per le economie territoriali ma anche per il prestigio nazionale e internazionale

Dettagli

Automazione gestionale

Automazione gestionale ERP, MRP, SCM e CRM Automazione gestionale verticale editoria banche assicurazioni orizzontale contabilita (ordini fatture bolle) magazzino logistica (supply chain) Funzioni orizzontali (ERP) ordini vendita

Dettagli

SysAround S.r.l. L'efficacia delle vendite è l elemento centrale per favorire la crescita complessiva dell azienda.

SysAround S.r.l. L'efficacia delle vendite è l elemento centrale per favorire la crescita complessiva dell azienda. Scheda Il CRM per la Gestione delle Vendite Le organizzazioni di vendita sono costantemente alla ricerca delle modalità migliori per aumentare i ricavi aziendali e ridurre i costi operativi. Oggi il personale

Dettagli

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager Valentina Bini, FIRE 27 marzo, Napoli 1 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

I processi aziendali e l industria della cornice di legno.

I processi aziendali e l industria della cornice di legno. I processi aziendali e l industria della cornice di legno. Productio Flow può essere classificato come un sistema software progettato ad hoc sulle esigenze gestionali dell industria della cornice di legno

Dettagli

per il settore MECCANICO

per il settore MECCANICO per il settore MECCANICO L industria meccanica italiana ha sempre ricoperto una posizione strategica nell economia del paese. Questo settore sta affrontando sfide importanti, come il continuo incremento

Dettagli

L evoluzione del Settore della Manutenzione: La manutenzione predittiva su condizione

L evoluzione del Settore della Manutenzione: La manutenzione predittiva su condizione L evoluzione del Settore della Manutenzione: La manutenzione predittiva su condizione Qual è il Trend? 18% dei lavori di manutenzione eseguiti non necessari (ARC Advisory Group) At the end of the day,

Dettagli

Premessa... 1. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4

Premessa... 1. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4 Sommario Premessa... 1 Fasi del processo... 3 Zone di rischio... 4 Premessa Le tecnologie informatiche hanno rivoluzionato da tempo il modo in cui lavorano le aziende e le organizzazioni in genere. Gestire

Dettagli

Il miglioramento delle performance produttive tramite l analisi di KPI: stabilimento food & beverage. Case history Parmalat

Il miglioramento delle performance produttive tramite l analisi di KPI: stabilimento food & beverage. Case history Parmalat Il miglioramento delle performance produttive tramite l analisi di KPI: stabilimento food & beverage. Case history Parmalat - Food-Beverage&Packaging Industry - Analisi del contesto esterno La competitività

Dettagli

Bavutti Paolo Consulting Come ridurre le scorte al minimo

Bavutti Paolo Consulting Come ridurre le scorte al minimo Bavutti Paolo Consulting Come ridurre le scorte al minimo Presentiamo una soluzione totalmente diversa da altre offerte sul mercato. Un vero e proprio strumento operativo capace di far ridurre in modo

Dettagli

Maintenance & Energy Efficiency

Maintenance & Energy Efficiency Industrial Management School Maintenance & Conoscenze, metodi e strumenti per operare nel campo della gestione dell energia - Integrare le politiche di manutenzione con quelle legate all energia - Ottimizzare

Dettagli

Il Programma di razionalizzazione della spesa per beni e servizi della P.A.

Il Programma di razionalizzazione della spesa per beni e servizi della P.A. Il Programma di razionalizzazione della spesa per beni e servizi della P.A. Seminario sulle Convenzioni CONSIP in ambito ICT 28 Novembre 2003 Palazzo del Consiglio Regionale Sala Sinni Agenda 1. Apertura

Dettagli

WebRatio. Per il settore Energy e Utilities. Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 7

WebRatio. Per il settore Energy e Utilities. Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 7 WebRatio Per il settore Energy e Utilities Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 7 Il divario tra Business e IT nel settore Energy e Utilities Il settore Energy e Utilities è in grande

Dettagli

Executive Master in Logistica e Supply Chain

Executive Master in Logistica e Supply Chain Executive Master in Logistica e Supply Chain Management Governa l'insieme delle attività organizzative, gestionali e strategiche che governano nell'azienda i flussi di materiali e delle relative informazioni

Dettagli

ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE

ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE L approccio al processo di manutenzione Per Sistema Integrato di Produzione e Manutenzione si intende un approccio operativo finalizzato al cambiamento

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

Garantire l alimentazione critica

Garantire l alimentazione critica GE Critical Power Garantire l alimentazione critica Servizi post-vendita e assistenza imagination at work La divisione Critical Power di GE offre una gamma una gamma completa di prodotti UPS per garantire

Dettagli

NOTE E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI STRATEGIA E FUNZIONALITÀ

NOTE E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI STRATEGIA E FUNZIONALITÀ LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) STRATEGIA E FUNZIONALITÀ L INTEGRAZIONE DELLE ATTIVITÀ LA COMUNICAZIONE TRA LE UNITA AZIENDALI I PROCESSI DECISIONALI RILEVANZA

Dettagli

IVU Global Service S.r.l. (gruppo IVU S.p.A.)

IVU Global Service S.r.l. (gruppo IVU S.p.A.) IVU Global Service S.r.l. (gruppo IVU S.p.A.) Il gestore unico della sicurezza in azienda Quando la sicurezza va in rete IVU Global Service S.r.l. (gruppoivu S.p.A.) Via RinaMonti, 15 00155 Roma Tel +39

Dettagli

Share The Vision 2010. La vostra missione, il nostro obiettivo

Share The Vision 2010. La vostra missione, il nostro obiettivo La vostra missione, il nostro obiettivo Obiettivo L'obiettivo di SOFTECH è assistere le aziende manifatturiere nel raggiungimento del successo soddisfacendone le esigenze di globalizzazione, time-to-market

Dettagli

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business 2 La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business (2 - migliorate la vostra credibilità: i 5 passi per dimostrare l efficacia del Marketing) Pagina 1 di 9 SOMMARIO PREMESSA...

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli