Classe bit: net id host id. 1 0 net id host id net id host id multicast address

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address"

Transcript

1 CAPITOLO 11. INDIRIZZI E DOMAIN NAME SYSTEM 76 Classe bit: A B C D E 0 net id host id 1 0 net id host id net id host id multicast address riservato per usi futuri Figura 11.1: Classi di indirizzi Internet. net id rappresenta un identificativo della rete (l indirizzo della rete comprende anche i primi bit), host id rappresenta l identificativo dell host nella rete. Classe Indirizzi Note A reti con host B = reti con = host C > reti con 254 host D E La classe E é riservata per usi futuri. La classe D é invece costituita da particolari indirizzi, detti multicast. Ad ognuno di essi non corrisponde un singolo host, ma un insieme di host. Non tutte le combinazioni di bit sono utilizzabili per definire un indirizzo IP. Alcune di queste sono riservate, o hanno un significato particolare. In generale i campi formati da tutti bit 1 sono interpretati come all (tutti), mentre quelli formati da tutti 0 sono interpretati come this (questo). Alcuni esempi sono riportati in Fig In particolare, un pacchetto che ha per destinazione l indirizzo di loopback non viene effettivamente spedito sulla rete, ma viene girato direttamente all host stesso. Tale indirizzo é utilizzato sia da procedure di collaudo, che da particolari programmi per l esecuzione dei relativi client sullo stesso host anche in caso di assenza di una scheda di rete. Ogni host di Internet, che deve essere raggiungibile dagli altri host, deve avere un indirizzo IP unico. Ci deve essere quindi un meccanismo di assegnazione degli indirizzi. In particolare, l organismo centrale di assegnazione (NIC: Network Information Center) assegna ai responsabili delle varie reti

2 CAPITOLO 11. INDIRIZZI E DOMAIN NAME SYSTEM 77 net address host id net address L host stesso Broadcast sulla rete indicata Broadcast locale (tutti gli host della rete connessa) host id L host specificato della rete connessa 127 qualunque (es ) Loopback Figura 11.2: Alcuni indirizzi Internet riservati. degli insiemi di indirizzi. I responsabili delle varie reti provvedono poi ad assegnare la parte restante degli indirizzi. Un altro caso particolare di indirizzo di rete é costituito dagli indirizzi della forma xxx.xxx. Indirizzi di questo tipo non rappresentano indirizzi pubblici, ossia non corrispondono ad host direttamente raggiungibili dagli altri host, ma il loro uso é riservato alla creazione di sottoreti private. Tali indirizzi sono ad esempio utilizzati per condividere un unico indirizzo IP pubblico (valido) tra gli host di una sottorete privata. Un esempio a tale riguardo é schematizzato in Fig Nella rete di Fig i vari host hanno indirizzo IP del tipo xxx. Il collegamento con la rete esterna é assicurato dal gateway. Tale host ha due schede di rete, una si collega alla sottorete privata ed ha indirizzo , ed una si collega al mondo esterno (Internet) ed ha un indirizzo IP pubblico (ad esempio ). Come evidenziato in Fig. 11.3, il gatweay ha due indirizzi IP, uno per ogni collegamento. Gli host interni alla sottorete invieranno a i pacchetti diretti al mondo esterno (prima destinazione intermedia). Per raggiungere gli host della sottorete, i pacchetti provenienti dalla rete esterna raggiungeranno il gateway alla destinazione intermedia Gli host della sottorete si connettono direttamente agli altri host della sottorete, utilizzando l indirizzo IP specificato ( xxx). I pacchetti inviati dagli host della sottorete possono inviare pacchetti sulla rete esterna tramite il gateway. Un host della rete esterna non puó peró inviare direttamente pacchetti ad un host della sottorete, poiché gli indirizzi del tipo xxx.xxx sono appunto riservati alla creazione di sottoreti private e non puó essere determinato un instradamento verso di essi. Nessuno vieta infatti la contemporanea esistenza di un numero qualsiasi di sottoreti con gli

3 CAPITOLO 11. INDIRIZZI E DOMAIN NAME SYSTEM 78 Host (PC) Host (PC)..... Host (PC) hub (switch) Gateway + masch Internet Figura 11.3: Esempio di sottorete privata che usa un solo indirizzo IP pubblico per connettersi ad Internet.

4 CAPITOLO 11. INDIRIZZI E DOMAIN NAME SYSTEM 79 stessi indirizzi. Le cose funzionano, nel senso che gli host della sottorete possono accedere alla rete esterna, finché il gateway provvede alla funzionalitá di mascheramento. In pratica, i vari host della sottorete avranno impostato come gateway. Un pacchetto diretto ad un host su Internet viene inviato al gateway come prima destinazione intermedia. La funzionalitá di mascheramento di questo provvede a far sí che il pacchetto venga inviato sulla rete esterna come se fosse originato dal gateway, quindi con un indirizzo IP valido. I pacchetti in risposta vengono automaticamente reindirizzati nella sottorete e all host relativo dal gateway stesso. Un host esterno puó anche connettersi direttamente ad un host della sottorete. Deve peró essere specificato nella propria configurazione di instradamento che la rete puó essere raggiunta attraverso l host In commercio esistono modem/router con la funzionalitá descritta, che rende quindi possibile il collegamento ad Internet di diversi host con un unico abbonamento. Anche sistemi operativi come Linux e Windows permettono di realizzare gateway con tale funzionalitá Domain Name System L uso dell indirizzo IP é scomodo dal punto di vista dell utente. Per comoditá, ad un host é usualmente anche assegnato un nome simbolico, o nome di alto livello, o semplicemente nome, che lo identifica. Spesso, ci si riferisce a tale nome ancora come indirizzo dell host. Tali nomi devono essere univoci e, possibilmente, organizzati in modo da fornire alcune informazioni sull host stesso (ad esempio locazione geografica, ente, servizio operato, ecc.). Per l elevato numero di host collegati, é stato deciso di adottare una struttura gerarchica, sia per quanto riguarda l assegnazione dei nomi, che per quanto riguarda la relaizzazione del meccanismo di corrispondenza tra nomi e indirizzi IP. Nel caso di Internet, il meccanismo che implementa la gerarchia dei nomi di macchina é detto Domain Name System (DNS). Tale sistema provvede sia a dettare le regole per l assegnazione dei nomi e la delega dell autoritá, che ad implementare un meccanismo per convertire i nomi in indirizzi IP. In particolare, l autoritá di massimo livello (NIC: Network Information Center) demanda l autoritá di attribuzione dei nomi in modo gerarchico, in cui ogni divisione puó decidere se operare sottodivisioni. Un nome é formato da una sequenza di sottonomi (label), separate da un punto. Ogni sottonome puó rappresentare un dominio o un gruppo. Un

5 CAPITOLO 11. INDIRIZZI E DOMAIN NAME SYSTEM 80 nome ha una sintassi del tipo local.site in cui site é il nome del sito autorizzato dall autoritá centrale, local é la parte del nome controllata dal sito stesso. Un sito púo poi decidere di suddividere il proprio spazio dei nomi in gruppi: local.group.site ecc. ecc.. Ad esempio possibili nomi sono srtm.det.unifi.it det.unifi.it Ad esempio, srtm.det.unifi.it é un nome composto da 4 domini e 4 labels. L ordine di importanza del dominio va da destra a sinistra. Ogni sequenza di tali labels (a partire da destra) rappresenta un nome di dominio. Cosí it: dominio italiano, una delle divisioni del massimo livello. In srtm.det.unifi.it rappresenta il dominio di massimo livello. unifi.it: dominio dell Universitá di Firenze, collocato sotto l autoritá del dominio it. det.unifi.it: dominio del Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni, collocato sotto l autoritá del dominio unifi.it. srtm.det.unifi.it: identifica una macchina all interno del dominio det.unifi.it. srtm é il nome dell host. Oltre it, tra le divisioni di massimo livello si trovano com: organizzazioni commerciali net: fornitori di servizi int: organizzazioni internazionali codice stato (due lettere): divisione geografica I protocolli di collegamento (in particolare a livello Internet) devono comunque utilizzare l informazione dell indirizzo IP dell host destinazione. Quindi, quando si specifica una macchina tramite il suo nome, il sistema deve essere in grado di risalire all indirizzo IP relativo. Questo viene fatto in modo completamente trasparente per l utente tramite la chiamata ad un programma, detto name resolver. Tale programma é in grado di contattare dei name in grado di fornire l informazione cercata. Per questo, tra le impostazioni per il collegamento Internet di un host, si trova anche la specifica dell indirizzo IP di uno o piú name.

6 CAPITOLO 11. INDIRIZZI E DOMAIN NAME SYSTEM 81 radice com it int bank.com unifi.it det.unifi.it cnr.it Figura 11.4: Organizzazione gerarchica dei name. I name, o meglio gli host su cui girano, non contengono, per ragioni pratiche, tutto il database delle associazioni tra nomi ed indirizzi IP. Tale database, per la sua estensione, é infatti distribuito e organizzato in modo gerarchico, secondo uno schema del tipo di Fig In linea di principio, dato un nome da risolvere, richiesto ad un certo name, questo controllerá se é nel proprio database, altrimenti girerá la richiesta al radice e cosí via seguendo la struttura gerarchica fino a raggiungere il contenente l informazione cercata. In realtá, l albero dei ha meno livelli rispetto a quanto disegnato nello schema di principo di Fig Un puó infatti contenere tutte le informazioni dei propri sottodomini, per aumentare l efficienza e contattare un numero minore di. Inoltre, per velocizzare la richiesta, ogni name mantiene una cache contenente i nomi risolti piú di recente con l indirizzo del name che ha fornito l informazione. Tale cache viene consultata nel caso in cui il non abbia l autoritá di risolvere il nome richiesto. Nel caso in cui la cache contenga il nome cercato, il name invia l informazione (con l indirizzo del name da cui l ha ottenuta) marcandola come non authoritative. Le informazioni memorizzate nella cache vengono eliminate dopo un certo

7 CAPITOLO 11. INDIRIZZI E DOMAIN NAME SYSTEM 82 periodo di tempo, seguendo l informazione del TTL (Time To Live) inviata dal stesso da cui l informazione é stata ottenuta Informazioni per la connessione alla rete Per configurare un host per l accesso ad Internet ci sono essenzialmente due possibilitá. Un provider o una rete (LAN) puó fornire un servizio di assegnazione automatica dell indirizzo IP e delle altre informazioni necessarie. In tal caso, all accensione, l host invia una richiesta in broadcast sulla rete a cui é connesso per ottenere tale servizio. Un apposito raccoglie tali richieste e risponde inviando tutte le informazioni necessarie, compreso un indirizzo IP libero. In caso contrario le informazioni necessarie devono essere introdotte manualmente. Ció che viene richiesto (e fornito dall amministratore della rete) é usualmente: L indirizzo IP. La maschera di sottorete. Questo é un numero intero a 32 bit ricavato nel modo seguente. Scriviamo l indirizzo IP in forma binaria (32 bit). Gli host che appartengono alla sottorete avranno indirizzi simili, nel senso che cambieranno solo in alcuni bit piú a destra. La maschera di sottorete, utilizzata dal sistema per ricavare la parte fissa dell indirizzo IP degli host della sottorete, é un numero binario a 32 bit contenente 1 nelle posizioni corrispondenti ai bit dell indirizzo IP che restano fissi per i vari host della sottorete (relativi all indirizzo di rete, quindi), e 0 altrimenti. Ad esempio, Indirizzo IP (classe C) net address host id Maschera di sottorete (formato binario) Maschera di sottorete (dotted decimal) L indirizzo IP del gateway (o dei gateway), a cui vengono indirizzati i pacchetti destinati agli host che non fanno parte della rete a cui siamo direttamente connessi. Gli indirizzi di uno o piú DNS (Name ).

8 CAPITOLO 11. INDIRIZZI E DOMAIN NAME SYSTEM 83 Un nome di host, che peró non sará utilizzabile dagli altri host in Internet a meno di una sua registrazione. Un nome di dominio, che viene utilizzato solo per specificare un nome di dominio per completare un nome introdotto solo come nome di host. Come per il nome dell host, per comparire nei name, la nostra macchina deve essere registrata presso l autoritá locale.

9 Capitolo 12 Suite di protocolli TCP/IP In questo capitolo descriveremo brevemente alcuni dei protocolli previsti dalla suite TCP/IP. Abbiamo giá parlato della suddivisione in strati dei protocolli di comunicazione. Nel caso di Internet, la situazione é quella indicata in Fig. 12.1, in cui sono indicati alcuni dei protocolli dei vari livelli. Il livello dá il nome anche alla relativa serie di protocolli. Avremo cosí i protocolli Internet (IP, ecc.), i protocolli di trasporto (TCP e UDP), i protocolli applicativi (Telnet, FTP, SMTP, ecc. ecc.). I protocolli applicativi, in particolare, riguardano la realizzazione dei diversi servizi messi a disposizione dell utente: Telnet per l accesso remoto agli host, FTP per il trasferimento dei file, POP e IMAP per la gestione remota della casella di posta, ecc. ecc.. Per distinguere tra i vari protocolli di uno stesso livello viene utilizzata una tecnica di multiplexing/demultiplexing. In pratica, nel messaggio o nel pacchetto, vengono inclusi dei bit per identificare il tipo di messaggio, il processo che lo ha generato ed il protocollo utilizzato. L host destinazione sfrutta tale informazione per capire cosa ha di fronte e per girare i dati all appropriata applicazione per l elaborazione. Ad esempio, un datagramma IP puó contenere un pacchetto TCP, un pacchetto UDP, ICMP, ecc. Un codice in un apposito campo dell header individuerá di cosa si tratta. In precedenza abbiamo visto un esempio di protocollo di rete (Ethernet). Nel seguito descriveremo brevemente alcuni dei protocolli a livello Internet e trasporto. Passeremo poi a descrivere alcuni protocolli applicativi ARP (Address Resolution Protocol) Per poter trasmettere un frame nella rete fisica é necessario conoscere l indirizzo fisico dell host di destinazione (o della successiva destinazione intermedia nel caso in cui l host destinazione non sia connesso alla stessa rete fisica). 84

10 CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 85 Application Telnet FTP SMTP NFS POP IMAP HTTP..... Transport TCP UDP Internet..... ICMP BootP ARP RARP IP Network Interface Ethernet Token Ring..... Figura 12.1: La suite di protocolli TCP/IP. Perció deve essere possibile determinare l indirizzo fisico corrispondente ad un dato indirizzo IP, per gli host della rete di appartenenza. Il protocollo ARP (Address Resolution Protocol) implementa tale meccanismo. In pratica, ogni host mantiene una tabella di corrispondenza tra indirizzo IP e indirizzo fisico degli host collegati alla sua rete. Nel caso in cui la tabella non contenga l informazione desiderata, l host invia, in broadcast sulla rete di appartenenza, un pacchetto in cui richiede l indirizzo fisico dell host con il dato indirizzo IP. In tale pacchetto inserisce anche i propri indirizzi fisico e IP. Se attivo, l host cercato risponde alla richiesta e tutti gli altri host, che ricevono comunque il pacchetto, aggiornano la propria tabella. Per favorire tale aggiornamento, ogni host invia in broadcast un pacchetto contenente il proprio indirizzo fisico e IP al momento dell accensione RARP (Reverse Address Resolution Protocol) In una rete possono esistere host privi di dispositivi di memorizzazione di massa (hard disk). É il caso dei terminali utilizzati per la connessione a mainframe, a cui non viene richiesta alcuna capacitá di elaborazione e sono realizzati per avere un costo minimo. Tali host non sono quindi in grado di memorizzare informazioni in modo permanente. Ció comporta la necessitá di un meccanismo (o protocollo) per assegnare un indirizzo IP ad un host a partire dal suo indirizzo fisico (impo-

11 CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 86 stato sull adattatore di rete). Questo meccanismo é realizzato dal protocollo RARP (Reverse Address Resolution Protocol). In pratica, all accensione, un host che ha bisogno di conoscere il proprio indirizzo IP, invia un pacchetto in broadcast sulla rete di appartenenza contenente una richiesta per tale servizio. La richiesta é raccolta da un RARP (che deve essere presente e attivo sulla rete) che contiene una tabella con gli indirizzi preassegnati (o liberi) per i vari indirizzi fisici. Il invia quindi un pacchetto di risposta contenente l informazione desiderata. Il protocollo RARP si occupa solo di fornire un indirizzo IP. Altri due protocolli del livello Internet implementano un meccanismo per la configurazione automatica completa degli host, BootP (Bootstrap Protocol) e DHCP (Dynamic Host Configuration Protocol), funzionanti sempre sulla base di richieste effettuate in broadcast e raccolte da appositi. In particolare, il protocollo DHCP viene usualmente utilizzato dagli Internet provider per configurare automaticamente il collegamento Internet degli abbonati. In tal caso, l assegnazione degli indirizzi é effettuata in modo dinamico, scegliendo tra un elenco di indirizzi disponibili. A meno che non sia esplicitamente richiesto, un utente non avrá il solito indirizzo IP nei vari collegamenti IP (Internet Protocol) L Internet Protocol (IP) é il protocollo su cui si basa il livello Internet. Implementa un Connectionless Packet Delivery Service, ossia un servizio di trasmissione dei singoli datagrammi tra gli host, ed é caratterizzato dall essere non affidabile (non fornisce garanzie che il pacchetto inviato arrivi a destinazione) e dall essere connectionless, ossia senza connessione diretta (invia il pacchetto non preoccupandosi di che percorso seguirá). Il formato del datagramma IP é costituito, come al solito, da un intestazione (header) e da un campo dati, che conterrá i dati da inviare o una parte di essi, in pratica un pacchetto di un protocollo del livello superiore, fino a una lunghezza massima del datagramma di Byte. L header contiene tutta una serie di informazioni, tra cui tipo servizio: contiene codici relativi alla prioritá del pacchetto, alla possibilitá di frammentarlo o meno, ecc.; indicazioni sulla frammentazione: contiene un numero identificativo dei frammenti di un datagramma e del particolare frammento; tempo di vita (TTL: Time To Live) del datagramma: numero intero che viene decrementato ogni volta che il datagramma transita da un

12 CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 87 router. Se viene raggiunto lo 0, il datagramma non viene ritrasmesso. Tale contatore serve ad impedire che datagrammi che non riescono a raggiungere l host destinazione continuino a transitare nella rete per un tempo indefinito; protocollo: identificativo del protocollo di piú alto livello contenuto nel blocco dati; indirizzi IP dell host sorgente e destinazione. Il protocollo IP si occupa solo della spedizione del datagramma (e del suo instradamento nella rete). La realizzazione di un meccanismo affidabile di comunicazione (ad esempio tramite controllo di errore e ritrasmissione) é demandata ad un livello superiore. Il datagramma, una volta formato, viene inviato nella rete. Se l host destinazione é nella stessa rete dell host sorgente, il datagramma viene inviato direttamente ad esso (direct routing). In caso contrario, il datagramma viene spedito ad una destinazione intermedia (gateway o router), che si occuperá del successivo instradamento verso la destinazione (indirect routing). L instradamento é deciso in base ad una tabella di routing, in cui sono specificati gli indirizzi delle reti direttamente connesse all host, gli indirizzi dei router da utilizzare per dati indirizzi della rete di destinazione, e router di default, da utilizzare nel caso in cui la rete di destinazione non faccia parte di quelle specificate. É infatti poco pratico specificare le destinazioni intermedie per tutte le reti esistenti ICMP (Internet Control Message Protocol) Il protocollo ICMP (Internet Control Message Protocol) implementa un meccanismo di segnalazione di errori sulla rete. É considerato parte integrante dell IP, necessario dal momento che il protocollo IP stesso non prevede grossi meccanismi di verifica, che, al contrario, possono essere richiesti dai livelli superiori. Il protocollo prevede l utilizzo di un datagramma il cui header contiene, tra le altre cose, un codice di errore. A tale codice vengono associati messaggi di eco (reinvio di dati al mittente, usato ad esempio dal programma ping), di destinazione non raggiungibile, richieste di rallentamento, ecc. ecc..

Protocollo IP e collegati

Protocollo IP e collegati Protocollo IP e collegati Argomenti trattati: formato del pacchetto IP; servizi del protocollo IP; formato degli indirizzi; instradamento dei datagrammi; classi di indirizzi A, B, C, D; indirizzi speciali,

Dettagli

Internet e protocollo TCP/IP

Internet e protocollo TCP/IP Internet e protocollo TCP/IP Internet Nata dalla fusione di reti di agenzie governative americane (ARPANET) e reti di università E una rete di reti, di scala planetaria, pubblica, a commutazione di pacchetto

Dettagli

Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP

Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP 9.1 Introduzione a TCP/IP 9.1.1 Storia e futuro di TCP/IP Il ministero della difesa americana (DoD) creò il modello TCP/IP perché voleva una rete che

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Il modello TCP/IP. Sommario

Il modello TCP/IP. Sommario Il modello TCP/IP Il protocollo IP Mario Cannataro Sommario Introduzione al modello TCP/IP Richiami al modello ISO/OSI Struttura del modello TCP/IP Il protocollo IP Indirizzi IP Concetto di sottorete Struttura

Dettagli

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 4-1 Il Protocollo IP IPv4 Datagram IP: formato Indirizzi IP: formato Protocolli di controllo IP mobile

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Reti standard Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Rete globale Internet è una rete globale di calcolatori Le connessioni fisiche (link) sono fatte in vari modi: Connessioni elettriche

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema contenuto della comunicazione sistema per la gestione della comunicazione sottosistema C sottosistema B sottosistema A

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Il DNS e la gestione degli indirizzi IP. Appunti a cura del prof. ing. Mario Catalano

Il DNS e la gestione degli indirizzi IP. Appunti a cura del prof. ing. Mario Catalano Il DNS e la gestione degli indirizzi IP Appunti a cura del prof. ing. Mario Catalano Indirizzi fisici e indirizzi astratti Ogni macchina all interno di una rete è identificata da un indirizzo hardware

Dettagli

Introduzione alla rete Internet

Introduzione alla rete Internet Introduzione alla rete Internet Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ INTRODUZIONE A INTERNET - 1 Internet: nomenclatura Host: calcolatore collegato a Internet ogni host

Dettagli

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing a.a. 2002/03 Livello di Trasporto UDP Descrive la comunicazione tra due dispositivi Fornisce un meccanismo per il trasferimento di dati tra sistemi terminali (end user) Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it

Dettagli

Gli indirizzi dell Internet Protocol. IP Address

Gli indirizzi dell Internet Protocol. IP Address Gli indirizzi dell Internet Protocol IP Address Il protocollo IP Prevalente è ormai diventato nell implementazione di reti di computer la tecnologia sintetizzata nei protocolli TCP- Ip IP è un protocollo

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Componenti delle reti Una qualunque forma di comunicazione avviene: a livello hardware tramite un mezzo fisico che

Dettagli

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Classe V sez. E ITC Pacioli Catanzaro lido 1 Stack TCP/IP Modello TCP/IP e modello OSI Il livello internet corrisponde al livello rete del modello OSI, il suo

Dettagli

Introduzione alla rete Internet

Introduzione alla rete Internet Introduzione alla rete Internet AA 2004-2005 Reti e Sistemi Telematici 1 Internet: nomenclatura Host: calcolatore collegato a Internet ogni host può essere client e/o server a livello applicazione Router:

Dettagli

Protocolli di Comunicazione

Protocolli di Comunicazione Protocolli di Comunicazione La rete Internet si è sviluppata al di fuori dal modello ISO-OSI e presenta una struttura solo parzialmente aderente al modello OSI. L'architettura di rete Internet Protocol

Dettagli

Configurazione Rete in LINUX

Configurazione Rete in LINUX Configurazione Rete in LINUX Laboratorio di Reti Ing. Telematica - Università Kore Enna A.A. 2008/2009 Ing. A. Leonardi TCP/IP Il trasferimento dati con il protocollo TCP/IP si basa fondamentalmente su

Dettagli

Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP

Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP L architettura TCP/IP: Nasce per richiesta del Dipartimento della Difesa degli USA che intendeva poter creare una rete in grado di funzionare in qualsiasi tipo di

Dettagli

Interconnessione di reti

Interconnessione di reti Interconnessione di reti Collegamenti tra reti eterogenee Instradamento (routing) e inoltro (forwarding) IPv4 - indirizzi IP e MAC - sottoreti IPv6 - evoluzione di Internet DNS - Domain Name System Conclusioni

Dettagli

Introduzione alla rete Internet

Introduzione alla rete Internet Introduzione alla rete Internet Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ INTRODUZIONE ALLE RETI TELEMATICHE - 1 Copyright Quest opera è protetta dalla licenza Creative Commons

Dettagli

Gestione degli indirizzi

Gestione degli indirizzi Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Gestione degli indirizzi -Address Resolution Protocol (ARP) -Reverse Address Resolution Protocol (RARP) -Dynamic Host Configuration Protocol

Dettagli

Dal protocollo IP ai livelli superiori

Dal protocollo IP ai livelli superiori Dal protocollo IP ai livelli superiori Prof. Enrico Terrone A. S: 2008/09 Protocollo IP Abbiamo visto che il protocollo IP opera al livello di rete definendo indirizzi a 32 bit detti indirizzi IP che permettono

Dettagli

Gestione degli indirizzi

Gestione degli indirizzi Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory Gestione degli indirizzi - Address Resolution Protocol (ARP) - Reverse Address Resolution Protocol (RARP) - Dynamic Host Configuration Protocol

Dettagli

Università degli Studi di Pisa Dipartimento di Informatica. NAT & Firewalls

Università degli Studi di Pisa Dipartimento di Informatica. NAT & Firewalls Università degli Studi di Pisa Dipartimento di Informatica NAT & Firewalls 1 NAT(NETWORK ADDRESS TRANSLATION) MOTIVAZIONI NAT(Network Address Translation) = Tecnica di filtraggio di pacchetti IP con sostituzione

Dettagli

ARP e instradamento IP

ARP e instradamento IP ARP e instradamento IP A.A. 2003/2004 Walter Cerroni Relazione Indirizzi Fisici Indirizzi IP Software di basso livello nasconde gli indirizzi fisici e consente ai livelli superiori di lavorare solo con

Dettagli

P2-11: BOOTP e DHCP (Capitolo 23)

P2-11: BOOTP e DHCP (Capitolo 23) Autunno 2002 Prof. Roberto De Prisco -11: BOOTP e DHCP (Capitolo 23) Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica Indirizzi IP dinamici 11.2 Un indirizzo IP statico è assegnato ad

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software.

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software. Reti locati e reti globali Tecnologie: Reti e Protocolli Reti locali (LAN, Local Area Networks) Nodi su aree limitate (ufficio, piano, dipartimento) Reti globali (reti metropolitane, reti geografiche,

Dettagli

TCP/IP. Principali caratteristiche

TCP/IP. Principali caratteristiche TCP/IP Principali caratteristiche 1 TCP/IP Caratteristiche del modello TCP/IP Struttura generale della rete Internet IL MONDO INTERNET Reti nazionali e internazionali ROUTER Rete Azienade ROUTER ROUTER

Dettagli

Cos è. Protocollo TCP/IP e indirizzi IP. Cos è. Cos è

Cos è. Protocollo TCP/IP e indirizzi IP. Cos è. Cos è Protocollo TCP/IP e indirizzi IP Il protocollo TCP/IP è alla base dei sistemi di trasmissione dati impiegati sulle reti locali e su Internet. Nato nel Gennaio 1983 negli Stati Uniti come sistema di comunicazione

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

Internet: architettura e servizi

Internet: architettura e servizi Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Corso di Informatica - II anno Prof. Crescenzio Gallo Internet: architettura e servizi c.gallo@unifg.it Internet: argomenti n Modalità di collegamento

Dettagli

Internet: architettura e servizi

Internet: architettura e servizi Facoltà di Medicina Corso di Laurea in Logopedia Corso di Informatica - III anno Prof. Crescenzio Gallo Internet: architettura e servizi c.gallo@unifg.it Internet: argomenti Modalità di collegamento alla

Dettagli

158.110.1.3 158.110.1.2 SWITCH. 100 Mb/s (UTP cat. 5E) 158.110.1.1 158.110.3.3 158.110.3.2. 10 Mb/s SWITCH. (UTP cat. 5E) 100 Mb/s. (UTP cat.

158.110.1.3 158.110.1.2 SWITCH. 100 Mb/s (UTP cat. 5E) 158.110.1.1 158.110.3.3 158.110.3.2. 10 Mb/s SWITCH. (UTP cat. 5E) 100 Mb/s. (UTP cat. Università degli Studi di Udine Insegnamento: Reti di Calcolatori I Docente: Pier Luca Montessoro DOMANDE DI RIEPILOGO SU: - Livello network 1. Si deve suddividere la rete 173.19.0.0 in 510 subnet. Qual

Dettagli

10. Stratificazione dei protocolli

10. Stratificazione dei protocolli 10. Stratificazione dei protocolli 10.1. Introduzione Abbiamo visto la struttura dell'internet. Ora dobbiamo esaminare la struttura del restante software di comunicazione, che è organizzato secondo il

Dettagli

Corso di Reti di Calcolatori

Corso di Reti di Calcolatori Corso di Reti di Calcolatori IP switch uplink FDDI backbone global server porta Fddi Prof. Orazio Mirabella HUB SWITCH Ethernet SWITCH Ethernet Eth. 10Base-T SWITCH Ethernet TCP/IP Cenni Storici Internet

Dettagli

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.2. 2 Novembre 2005 Laura Ricci

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.2. 2 Novembre 2005 Laura Ricci CORSO DI RETI SSIS Lezione n.2. 2 Novembre 2005 Laura Ricci IL DOMAIN NAME SYSTEM (DNS) Indirizzi IP poco adatti per essere memorizzati da utenti umani è prevista la possibiltà di associare nomi simbolici

Dettagli

COMPLESSO SCOLASTICO INTERNAZIONALE GIOVANNI PAOLO II. Pianificazione di reti IP (subnetting)

COMPLESSO SCOLASTICO INTERNAZIONALE GIOVANNI PAOLO II. Pianificazione di reti IP (subnetting) Pianificazione di reti IP (subnetting) Avendo una rete complessa possiamo dividerla in sottoreti logiche, collegandole con dei router. Questa operazione di segmentazione prende il nome di subnetting, ed

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come:

Dettagli

Corso GNU/Linux - Lezione 5. Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it

Corso GNU/Linux - Lezione 5. Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it Corso GNU/Linux - Lezione 5 Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it Reti - Protocollo TCP/IP I pacchetti di dati vengono trasmessi e ricevuti in base a delle regole definite da un protocollo di comunicazione.

Dettagli

Internet. Cos'è internet? I parte

Internet. Cos'è internet? I parte Internet Da leggere: Cap.6, in particolare par. 6.4 del Console Ribaudo (testo B) I parte Cos'è internet? Milioni di dispositivi di calcolo tra loro interconnessi: host o end-systems Pc, workstation, server

Dettagli

Programmazione modulare 2014-2015

Programmazione modulare 2014-2015 Programmazione modulare 2014-2015 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 5 A e 5 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore (2 teoria + 2 laboratorio) Totale ore previste:

Dettagli

Configurazione IP. Assegnazione Indirizzi IP

Configurazione IP. Assegnazione Indirizzi IP Configurazione IP Reti II Stefano Leonardi Configurazione IP 4a-1 Assegnazione Indirizzi IP! Indirizzi IP memorizzati su memoria secondaria! Non disponibile per dispositivi senza disco o con file system

Dettagli

Indice. Prefazione XIII

Indice. Prefazione XIII Indice Prefazione XIII 1 Introduzione 1 1.1 Breve storia della rete Internet 1 1.2 Protocolli e standard 6 1.3 Le organizzazioni che definiscono gli standard 7 1.4 Gli standard Internet 10 1.5 Amministrazione

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21 Giovedì 15-05-2014 1 Protocolli a turno

Dettagli

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet Indirizzi Internet e Protocolli I livelli di trasporto delle informazioni Comunicazione e naming in Internet Tre nuovi standard Sistema di indirizzamento delle risorse (URL) Linguaggio HTML Protocollo

Dettagli

Introduzione alle Reti Informatiche

Introduzione alle Reti Informatiche WWW.ICTIME.ORG Introduzione alle Reti Informatiche Cimini Simonelli - Testa Sommario Breve storia delle reti... 3 Internet... 3 Gli standard... 4 Il modello ISO/OSI... 4 I sette livelli del modello ISO/OSI...

Dettagli

IP Internet Protocol

IP Internet Protocol IP Internet Protocol Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 13 IP - 1/20 IP IP è un protocollo a datagrammi In spedizione: Riceve i dati dal livello trasporto e

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni Mobile IP Mobile IP Internet Internet Protocol header IPv4 router host indirizzi IP, DNS URL indirizzo di rete

Reti di Telecomunicazioni Mobile IP Mobile IP Internet Internet Protocol header IPv4 router host indirizzi IP, DNS URL indirizzo di rete IP Analizziamo con sufficiente dettaglio il sistema denominato IP, usato per consentire a due computer mobili di spostarsi liberamente in altre reti pur mantenendo lo stesso indirizzo IP. In particolare,

Dettagli

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 2 SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 2 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Come si può notare ogni richiesta ICMP Echo Request va in timeout in

Come si può notare ogni richiesta ICMP Echo Request va in timeout in Comandi di rete Utility per la verifica del corretto funzionamento della rete: ICMP Nelle procedure viste nei paragrafi precedenti si fa riferimento ad alcuni comandi, come ping e telnet, per potere verificare

Dettagli

Elementi di Informatica

Elementi di Informatica Università degli Studi di Catania FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Elementi di Informatica Anno accademico: 2008/2009 Docente: Dr. Angelo Nicolosi angelo.nicolosi@unict.it I protocolli di Internet

Dettagli

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti:

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti: Pagina 1 di 8 Struttura di Internet ed il livello rete Indice Struttura delle reti Estremità della rete Il nucleo della rete Reti a commutazione di pacchetto e reti a commutazione di circuito Funzionalità

Dettagli

La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento Indice

La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento Indice Indice 1. Definizioni essenziali 2. Modelli di rete 3. Reti fisiche 4. Protocolli di rete 5. Modelli di riferimento 6. Raffronto tra modelli Architettura degli Elaboratori 2 - T. Vardanega Pagina 275 Definizioni

Dettagli

La nascita di Internet

La nascita di Internet La nascita di Nel 1969 la DARPA (Defence Advanced Research Project Agency) studia e realizza la prima rete per la comunicazione tra computer (ARPAnet) fra 3 università americane ed 1 istituto di ricerca.

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso

Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso A.A. 2005/2006 Walter Cerroni Il corso Seguito di Reti di Telecomunicazioni LA Approfondimento sui protocolli di Internet TCP/IP, protocolli di routing,

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il software

Reti di Calcolatori. Il software Reti di Calcolatori Il software Lo Stack Protocollare Application: supporta le applicazioni che usano la rete; Transport: trasferimento dati tra host; Network: instradamento (routing) di datagram dalla

Dettagli

network subnet host Classe A poche reti di dimensioni molto grandi 127

network subnet host Classe A poche reti di dimensioni molto grandi 127 INDIRIZZAMENTO IP Gli indirizzi IP, che devono essere univoci sulla rete, sono lunghi 32 bit (quattro byte) e sono tradizionalmente visualizzati scrivendo i valori decimali di ciascun byte separati dal

Dettagli

Capitolo 16 I servizi Internet

Capitolo 16 I servizi Internet Capitolo 16 I servizi Internet Storia di Internet Il protocollo TCP/IP Indirizzi IP Intranet e indirizzi privati Nomi di dominio World Wide Web Ipertesti URL e HTTP Motori di ricerca Posta elettronica

Dettagli

Domenico Costanzo Hacklab CS

Domenico Costanzo Hacklab CS Domenico Costanzo Hacklab CS Contenu( Introduzione al TCP/IP Indirizzamento Introduzione al Subnetwork IP Assignment Address resolution Modello TCP/IP Il dipartimento della difesa (DoD) creò il modello

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10 Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Antonio Pescapè (pescape@unina.it) ICMP ARP RARP DHCP - NAT ICMP (Internet

Dettagli

TOPOLOGIA di una rete

TOPOLOGIA di una rete TOPOLOGIA di una rete Protocolli di rete un protocollo prevede la definizione di un linguaggio per far comunicare 2 o più dispositivi. Il protocollo è quindi costituito dai un insieme di convenzioni

Dettagli

Reti di Calcolatori 18-06-2013

Reti di Calcolatori 18-06-2013 1. Applicazioni di rete [3 pts] Si descrivano, relativamente al sistema DNS: Compito di Reti di Calcolatori 18-06-2013 a) i motivi per i quali viene usato; b) l architettura generale; c) le modalità di

Dettagli

Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate

Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate protezione delle reti Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate FABIO GARZIA DOCENTE ESPERTO DI SECURITY UN FIREWALL PERIMETRALE È IL PUNTO CENTRALE DI DIFESA NEL PERIMETRO DI UNA RETE

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016 Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA Docenti: Gualdi (teoria), Travaglioni (laboratorio) Ore settimanali previste: 2 TEORIA +

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 8 -

Informatica per la comunicazione - lezione 8 - Informatica per la comunicazione - lezione 8 - I multipli 1 KB (kilo) = 1000 B 1 MB (mega) = 1 mln B 1 GB (giga) = 1 mld B 1 TB (tera) = 1000 mld B Codifica binaria dei numeri Numerazione con base 10:

Dettagli

Internet. Introduzione alle comunicazioni tra computer

Internet. Introduzione alle comunicazioni tra computer Internet Introduzione alle comunicazioni tra computer Attenzione! Quella che segue è un introduzione estremamente generica che ha il solo scopo di dare un idea sommaria di alcuni concetti alla base di

Dettagli

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 1 richiami SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 1 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Reti. Reti e interconnessione di reti - Internetwork WAN 1 WAN 1. Router multiprotocollo (gateway) Terminologia

Reti. Reti e interconnessione di reti - Internetwork WAN 1 WAN 1. Router multiprotocollo (gateway) Terminologia Reti Reti e interconnessione di reti - Internetwork WAN WAN Router multiprotocollo (gateway) Terminologia internet - internetwork :interconnessione di più reti generiche Internet - la specifica internetwork,

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 3 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 3 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 3 a lezione Francesco Fontanella Il pacchetto IP Il preambolo (header) IP è fatto in questo modo: Gli Indirizzi IP Ogni host e router

Dettagli

Modulo 1.3 Reti e servizi

Modulo 1.3 Reti e servizi Modulo 1.3 Reti e servizi 1. Introduzione al Networking Connettere il PC in rete; schede di rete e modem; Panoramica sulle reti ad alta velocita' e reti dial-up; Testare la connettivita' con ping; Introduzione

Dettagli

I canali di comunicazione

I canali di comunicazione I canali di comunicazione tipo velocità min velocità max doppino telefonico 300bps 10 mbps micro onde 256kbps 100 mbps satellite 256kbps 100 mbps cavo coassiale 56 kbps 200 mbps fibra ottica 500 kbps 10

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE RETI: UN APPROCCIO PRATICO

INTRODUZIONE ALLE RETI: UN APPROCCIO PRATICO INTRODUZIONE ALLE RETI: UN APPROCCIO PRATICO okfabian@yahoo.com Fabian Chatwin Cedrati Ogni scheda di rete ha un indirizzo MAC univoco L'indirizzo IP invece viene impostato dal Sistema Operativo HUB 00:50:DA:7D:5E:32

Dettagli

Introduzione al TCP/IP Indirizzi IP Subnet Mask Frame IP Meccanismi di comunicazione tra reti diverse Classi di indirizzi IP Indirizzi IP privati e

Introduzione al TCP/IP Indirizzi IP Subnet Mask Frame IP Meccanismi di comunicazione tra reti diverse Classi di indirizzi IP Indirizzi IP privati e TCP/IP Sommario Introduzione al TCP/IP Indirizzi IP Subnet Mask Frame IP Meccanismi di comunicazione tra reti diverse Classi di indirizzi IP Indirizzi IP privati e pubblici Introduzione al TCP/IP TCP/IP

Dettagli

Introduzione a Internet

Introduzione a Internet Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

Instradamento IP A.A. 2005/2006. Walter Cerroni. IP: instradamento dei datagrammi. Routing : scelta del percorso su cui inviare i dati

Instradamento IP A.A. 2005/2006. Walter Cerroni. IP: instradamento dei datagrammi. Routing : scelta del percorso su cui inviare i dati Instradamento IP A.A. 2005/2006 Walter Cerroni IP: instradamento dei datagrammi Routing : scelta del percorso su cui inviare i dati i router formano una struttura interconnessa e cooperante: i datagrammi

Dettagli

Architetture di router IP

Architetture di router IP Torino, novembre 2004 Reti e sistemi telematici Architetture di router IP Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA LAB ROUTER IP

Dettagli

www.lug-govonis.net LINUX e le reti

www.lug-govonis.net LINUX e le reti LINUX e le reti Ci troviamo di fronte ad una rete quando 2 o più computer sono in grado di comunicare tra di loro; esistono molti tipi di connessioni di rete divisi per protocollo di trasporto e per tipo

Dettagli

Sistemi informatici in ambito radiologico

Sistemi informatici in ambito radiologico Sistemi informatici in ambito radiologico Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A. 2015 2016 Reti di elaboratori, il modello a strati e i protocolli di comunicazione e di servizio Reti di elaboratori Definizioni

Dettagli

Capitolo 4: Gli indirizzi dell Internet Protocol (IP address)

Capitolo 4: Gli indirizzi dell Internet Protocol (IP address) Capitolo 4: Gli indirizzi dell Internet Protocol (IP address) 4.1 Fondamenti sugli indirizzi dell Internet Protocol Gli indirizzi IP identificano in modo univoco ciascun host su una internet TCP/IP. Un

Dettagli

ARP e RARP. Silvano GAI. sgai[at]cisco.com. Mario BALDI. mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi. Fulvio RISSO

ARP e RARP. Silvano GAI. sgai[at]cisco.com. Mario BALDI. mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi. Fulvio RISSO ARP e RARP Silvano GAI sgai[at]cisco.com Mario BALDI mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi Fulvio RISSO fulvio.risso[at]polito.it ARP - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di

Dettagli

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella Premessa breve Reti, Protocolli e Indirizzi Lo sviluppo delle telecomunicazioni ha avuto due fattori determinanti : L esistenza di una rete esistente (quella telefonica) La disponibilita di HW e SW adeguati

Dettagli

Il funzionamento delle reti

Il funzionamento delle reti Il funzionamento delle reti La rete ci cambia la vita L Età dell Informazione ha prodotto profondi cambiamenti nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali stanno mutando l

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Topologia delle reti. Rete Multipoint: ogni nodo è connesso agli altri tramite nodi intermedi (rete gerarchica).

Topologia delle reti. Rete Multipoint: ogni nodo è connesso agli altri tramite nodi intermedi (rete gerarchica). Topologia delle reti Una RETE DI COMPUTER è costituita da un insieme di elaboratori (NODI) interconnessi tra loro tramite cavi (o sostituti dei cavi come le connessioni wireless). Rete Point-to-Point:

Dettagli

ARP/RARP. Problema della Risoluzione dell Indirizzo. Corrispondenza statica e dinamica. Scenari

ARP/RARP. Problema della Risoluzione dell Indirizzo. Corrispondenza statica e dinamica. Scenari ARP/RARP Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Problema della Risoluzione dell

Dettagli

TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI

TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI Confronto tra ISO-OSI e TCP/IP, con approfondimento di quest ultimo e del livello di trasporto in cui agiscono i SOCKET. TCP/IP

Dettagli

Programmazione modulare 2015-2016

Programmazione modulare 2015-2016 Programmazione modulare 05-06 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 4 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore ( teoria + ) Totale ore previste: 4 ore per 33 settimane

Dettagli

IP (Internet Protocol) sta al livello 2 della scala Tcp/Ip o al livello 3 della scala ISO/OSI. Un indirizzo IP identifica in modo logico (non fisico

IP (Internet Protocol) sta al livello 2 della scala Tcp/Ip o al livello 3 della scala ISO/OSI. Un indirizzo IP identifica in modo logico (non fisico IP e subnetting Ip IP (Internet Protocol) sta al livello 2 della scala Tcp/Ip o al livello 3 della scala ISO/OSI. Un indirizzo IP identifica in modo logico (non fisico come nel caso del MAC Address) una

Dettagli

CONNESSIONE DI UN PC ALLA RETE INTERNET

CONNESSIONE DI UN PC ALLA RETE INTERNET CONNESSIONE DI UN PC ALLA RETE INTERNET Walter Cerroni wcerroni@deis.unibo.it http://deisnet.deis.unibo.it/didattica/master Internetworking Internet è una rete di calcolatori nata con l obiettivo di realizzare

Dettagli

Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli

Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Elementi di Informatica e Programmazione

Dettagli

Lezione 4. Le Reti ed i Protocolli

Lezione 4. Le Reti ed i Protocolli Lezione 4 Le Reti ed i Protocolli Come nasce internet I computer, attraverso i software applicativi, consentono di eseguire moltissime attività. Nel corso degli anni è emersa la necessità di scambiare

Dettagli

La rete è una componente fondamentale della

La rete è una componente fondamentale della automazioneoggi Attenti alle reti La telematica si basa prevalentemente sulle reti come mezzo di comunicazione per cui è indispensabile adottare strategie di sicurezza per difendere i sistemi di supervisione

Dettagli

Il Livello delle Applicazioni

Il Livello delle Applicazioni Il Livello delle Applicazioni Il livello Applicazione Nello stack protocollare TCP/IP il livello Applicazione corrisponde agli ultimi tre livelli dello stack OSI. Il livello Applicazione supporta le applicazioni

Dettagli

I protocolli TCP/IP di Internet

I protocolli TCP/IP di Internet I protocolli TCP/IP di Internet Introduzione E' quasi impossibile oggigiorno leggere un giornale o una rivista dove non si parli di Internet. I riferimenti ad Internet ed alle "autostrade dell'informazione"

Dettagli