Il modello ICAR per la gestione dell Identit

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il modello ICAR per la gestione dell Identit"

Transcript

1 Il modello ICAR per la gestione dell Identit Identità Digitale Federata Architettura, opportunità e prospettive di convergenza Forum PA 2008, Roma 15 maggio 2008 Massimiliano Pianciamore FOR DISCUSSION PURPOSES ONLY: ANY OTHER Identità USE OF Federata THIS PRESENTATION in ICAR CEFRIEL INCLUDING REPRODUCTION FOR PURPOSES OTHER THAN NOTED ABOVE, MODIFICATION OR DISTRIBUTION - WITHOUT THE PRIOR WRITTEN PERMISSION OF CEFRIEL IS PROHIBITED

2 Accesso ai Servizi e-gov: e Una visione User-centrica Service 1 Req. Attrs: First Name Last Nname Address? 4: Retrieve Address Certification from AA1 ADDRESS AA1 AA2 1:Service Request PROFESSION Service 2 3: Retrieve Identity Certification from IdP Identity, Name, Last Name Identity Providers

3 Accesso ai Servizi e-gov: e Una visione User-centrica Service 1 ADDRESS AA1 Retrieve Profession Certification from AA2 PROFESSION AA2 Service 2 1:Service Request Req. Attrs: First Name Last name Profession? 3: Retrieve Identity Certification from IdP Identity, First Name, Last name Identity Providers

4 : Identity Provider Un Identity Provider è un entità della federazione ICAR in grado di fornire asserzioni sull identità digitale sugli utenti/subject conosciuti riceve richieste di autenticazione con l indicazione dell insieme dei metodi di autenticazione ritenuti accettabili dal richiedente produce token di autenticazione che certificano l avvenuto riconoscimento di un subject secondo una specifica modalità (Es. username/pwd, HardwareToken, etc.) Il token di autenticazione prodotto può eventualmente includere anche un insieme di attestazioni del valore degli attributi che caratterizzano il profilo dell utente mantenuto dal quell Identity Provider Normalmente un IdP non è in grado di comportarsi da Attribute Authority Può produrre attestazioni di attributo soltanto a seguito dell avvenuta autenticazione di un utente e congiuntamente al token di autenticazione La produzione del token di autenticazione tipicamente prevede l interazione con il browser utente Authentication Request/Response (Http) Identity, First Name, Last name Identity Providers

5 Una Attribute Authority è in grado di fornire certificazioni di attributo relative ai subject conosciuti Esempi: tutti gli attributi conosciuti di un determinato subject certificazione del valore (o dei valori) di uno o più attributi relativi ad uno specifico subject In generale, le Attribute Authorities (AA) non si comportano come Identity Provider e non sono in grado di certificare l identità di un utente/subject Una AA non è in grado di fornire token di autenticazione agli altri componenti della federazione Il recupero delle certificazioni di attributo dalle Attribute Authorities tipicamente non prevede l interazione diretta con l utente Interazioni M2M Es. SOAP requests/responses : Attribute Authorities

6 Non esiste una authority globale : Considerazioni Le singole (attribute) authorities possono certificare sottoinsiemi (in generale distinti) di attributi associati a uno specifico subject Uno stesso attributo per un determinato subject può essere certificato da più authorities (anche con valori diversi tra loro) Esempio: Attributi ruolo o professione Servizi distinti possono richiedere sottoinsiemi diversi di attributi di un subject per consentire l accesso a risorse protette Esempio: dati personali, qualifiche professionali, certificazioni di ruolo

7 Aggregazione degli attributi: Profili utente L accesso ad un servizio implica l interazione con un Identity Provider della federazione al fine di ottenere un token di autenticazione il recupero e il raggruppamento di attributi certificati da un insieme di (attribute) authorities AA 1 Codice Fiscale CGN Un Profilo utente abilita l aggregazione di certificazioni di attributo un profilo è una vista aggregata sull insieme di attributi di un subject un profilo associa ad un insieme di attributi di un subject il corrispondente insieme di certificazioni ciascun attributo in un profilo referenzia una specifica autorità certificante Codice Fiscale Residenza Professione Qualifica1 Qualifica2 PA subject CGN... Milano Medico... Residenza Qualifica... AA 2... Milano Rappres. XYZ Un profilo definisce una Attribute Release Policy che viene attuata sotto il controllo dell utente quando un SP richiede un insieme di attributi l utente seleziona un profilo adeguato a soddisfare la richiesta soltanto gli attributi (e le relative certificazioni) contenute nel profilo sono trasferiti al SP richiedente AA n Professione Medico Qualifica Avvocato...

8 Una Profile Authority è un componente della federazione ICAR preposto alla gestione e al rilascio dei profili utente Gli utenti possono selezionare ed aggregare attributi in profili Per ogni attributo è possibile selezionare l Attribute Authority in grado di certificarne il valore per quell utente La Gestione dei profili utente: Profile Authority Una Profile Authority opera come Rappresentante dell utente nei confronti delle Attribute Authorities e degli Identity Provider

9 Una Profile Authority riceve dai Service Provider richieste di autenticazione e di attributo richiede all utente il consenso al trasferimento degli attributi al Service Provider interagisce con l utente per ottenere l autorizzazione esplicita al rilascio degli attributi presenti nei profili utente ai Service Provider richiedenti interagisce con gli Identity Provider per ottenere token di autenticazione che verranno restituiti ai Service Providers insieme alle certificazioni di attributo Fornisce un servizio di IdP Discovery agli utenti interagisce con le Attribute Authorities per ottenere le certificazioni di attributo veicola le certificazioni di identità e di attributo verso i Service Provider richiedenti La Gestione dei profili utente: Profile Authority /2

10 Gestire la complessità della federazione: SP Domain, SP e servizi Le Profile Authorities svolgono il ruolo di mediatori fra gli utenti e le autorità di certificazione (IdP e AA) Non sono gli unici elementi nell architettura ICAR a svolgere il ruolo di mediatori L interazione fra i Service Provider in un dominio e il resto della federazione può essere infatti piuttosto complessa

11 Un singolo Service Provider può erogare più servizi, ciascuno con i propri requisiti in termini di certificazioni (di identità e di attributo) Un singolo dominio erogatore (ad esempio una Regione) tipicamente comprende al proprio interno più Service Provider Es. Portale Tributi con vari servizi, Portale per il bollo auto, etc. E opportuno introdurre un componente architetturale in grado di operare come mediatore fra un Dominio erogatore (SP Domain) e il resto della federazione Gestire la complessità della federazione: SP Domain, SP e servizi

12 Mediare l interazione l con i Domini erogatori: Il componente Local Proxy Il componente Local Proxy è un gateway bidirezionale fra i ServiceProvider di un dominio (es. una Regione) e il resto della federazione ICAR Opera come Relying Party dal punto di vista della federazione Produce richieste di certificazione e ottiene risposte dagli altri componenti della federazione Opera come Asserting Party (IdP o AA) nei confronti dei Service Provider del suo dominio Riceve le richieste dai Service Provider Inoltra le richieste ricevute alla Profile Authority selezionata dall utente e riceve le risposte dalla Profile Authority Veicola la risposta ricevuta verso il service provider richiedente

13 Architettura complessiva: SP, LP, PA, AA, AR Pubbliche Amministrazioni Locali e Centrali Infrastruttura ICAR AR Autorità di Certificazione (Pubbliche Amm., Ordini e Associaz. Professionali,...) SP Domain SP1 PA Discovery IdP Discovery Attribute Authorities ADDRESS LP PA PROFESSION SPn Identity, First Name, Last name Identity Providers

14 Architettura ICAR-INF INF-3 3 e SAML 2.0 Pubbliche Amministrazioni Locali e Centrali Infrastruttura ICAR AR Autorità di Certificazione (Pubbliche Amm., Ordini e Associaz. Professionali,...) SP Domain SP1 PA Discovery IdP Discovery Attribute Authorities ADDRESS LP PA PROFESSION SPn Identity, First Name, Last name Identity Providers

15 Iniziative presenti sul territorio: Il progetto People e l infrastruttura l SiRAC SiRAC: Infrastruttura di autenticazione federata realizzata nell ambito del progetto PEOPLE (54 enti fra Comuni e Province) Utilizzo di SAML 1.1 (Security Assertion Markup Language) per trasportare le asserzioni di autenticazione fra i portali degli enti e l IdP che mantiene il profilo dell utente. Dispiegato dal 2005 e attualmente operativo sugli enti della Comunità People Adottato anche da altri enti non appartenenti alla Comunità People Facilmente integrabile con portali e servizi preesistenti sugli enti

16 Infrastruttura SiRAC-People: L opportunità di integrazione e di convergenza verso il modello e l architettura l ICAR SAML 2.0 Wrapper Federazione ICAR ICAR Bridge IdP AA LP PA

17 Iniziative sul territorio e convergenza verso ICAR - Un esempio concreto: Regione Lombardia e IdPc In Regione Lombardia La Carta Regionale dei Servizi è distribuita su larga scala Credenziale forte, unificata, distribuita a tutti e conforme alla normativa esistente Come favorirne l utilizzo nella fase di accesso ai servizi? L Identity Provider del Cittadino (IdPc) Consente ai singoli enti di delegare ad un servizio esterno regionale la verifica delle credenziali di un utente in possesso di una smart card (CRS/CNS/CIE). L IdPC è aperto verso sistemi di autenticazione ed erogatori di servizi terzi rispetto alla Regione E possibile interoperare con la comunità PEOPLE e l infrastruttura SiRAC Evolverà e si integrerà in modo naturale con il modello e l architettura ICAR 20 Identità Federata CEFRIEL in ICAR

18 Punto di vista del Cittadino Conclusioni: Opportunità e Vantaggi dell adozione di una infrastruttura federata da parte dei diversi soggetti Possibilità di utilizzo di una singola credenziale spendibile su diversi erogatori di servizi Punto di vista dell Ente erogatore dei servizi Possibilità di demandare la gestione dell identità, ed in particolare il rilascio e la verifica di validità delle credenzali digitali, ad una infrastruttura centrale condivisa per tutti gli enti coinvolti La realizzazione dei singoli servizi continua a focalizzarsi sugli aspetti specifici (autorizzazione, business logic, etc.) Punto di vista Infrastrutturale Adozione di un processo e una infrastruttura di gestione dell identità digitale condivisi fra diversi soggetti erogatori dei servizi finali Punto di vista dei Fornitori di Soluzioni applicative L adozione di protocolli e interfacce standardizzate promuove e semplifica il processo di integrazione con le soluzioni commerciali esistenti 21

19 Il modello ICAR per la gestione dell Identit Identità Digitale Federata Architettura, opportunità e prospettive di convergenza Forum PA 2008, Roma 15 maggio 2008 Massimiliano Pianciamore FOR DISCUSSION PURPOSES ONLY: ANY OTHER Identità USE OF Federata THIS PRESENTATION in ICAR CEFRIEL INCLUDING REPRODUCTION FOR PURPOSES OTHER THAN NOTED ABOVE, MODIFICATION OR DISTRIBUTION - WITHOUT THE PRIOR WRITTEN PERMISSION OF CEFRIEL IS PROHIBITED

Identità digitale federata: il caso ICAR-INF3. Francesco Meschia CSI-Piemonte

Identità digitale federata: il caso ICAR-INF3. Francesco Meschia CSI-Piemonte Identità digitale federata: il caso ICAR-INF3 Francesco Meschia CSI-Piemonte Il task INF-3 di ICAR Identità digitale federata tra le Regioni Identità digitale a supporto di SPC Identità digitale per gli

Dettagli

l identità digitale federata nel progetto ICAR

l identità digitale federata nel progetto ICAR l identità digitale federata nel progetto ICAR Francesco Meschia Roma, 16 febbraio 2006 agenda generalità sul progetto ICAR e sul task INF-3 situazione e problemi dell identità digitale in Italia l approccio

Dettagli

Framework di sicurezza della piattaforma OCP (Identity & Access Management)

Framework di sicurezza della piattaforma OCP (Identity & Access Management) Smart Cities and Communities and Social Innovation Bando MIUR D.D. 91/Ric. del 5 luglio 2012 Framework di sicurezza della piattaforma OCP (Identity & Access Management) AAI: Il problema che OCP ha affrontato

Dettagli

Manuale di Integrazione IdM-RAS

Manuale di Integrazione IdM-RAS IdM-RAS Data: 30/11/09 File: Manuale di integrazione IdM-RAS.doc Versione: Redazione: Sardegna IT IdM-RAS Sommario 1 Introduzione... 3 2 Architettura del sistema... 4 2.1 Service Provider... 4 2.2 Local

Dettagli

SPID: Avvio regolamentazione e pilota. 9 Giugno 2014

SPID: Avvio regolamentazione e pilota. 9 Giugno 2014 SPID: Avvio regolamentazione e pilota 9 Giugno 2014 CONTENUTI 1. SPID 2. Obiettivo dell incontro 3. Presentazione team AgID 4. Elementi dello Schema di Decreto e normativa UE (S. Arbia) 5. Architettura

Dettagli

Verso una Pubblica Amministrazione unitaria: cooperazione applicativa e semplificazione

Verso una Pubblica Amministrazione unitaria: cooperazione applicativa e semplificazione Palazzo delle Stelline Milano 25 novembre ore 14.30 17.30 ATTI DEL SEMINARIO Verso una Pubblica Amministrazione unitaria: cooperazione applicativa e semplificazione Il Sistema Pubblico di Cooperazione

Dettagli

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security

Dettagli

FedERa Federazione degli Enti dell Emilia-Romagna per l autenticazione

FedERa Federazione degli Enti dell Emilia-Romagna per l autenticazione FedERa Federazione degli Enti dell Emilia-Romagna per l autenticazione Convegno Idem Roma, 31 Marzo 2009 Il Piano Telematico dell Emilia-Romagna (PiTER) Il Piano Telematico Regionale (PiTER) costituisce

Dettagli

REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO INFRASTRUTTURE, OO.PP. E MOBILITA

REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO INFRASTRUTTURE, OO.PP. E MOBILITA REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO INFRASTRUTTURE, OO.PP. E MOBILITA Ufficio Difesa del Suolo di Potenza SISTEMA FEDERATO DI AUTENTICAZIONE Informatizzazione dell iter procedurale e dei controlli relativi

Dettagli

Progetto Strategico ICT per Expo Milano 2015 Ecosistema Digitale E015

Progetto Strategico ICT per Expo Milano 2015 Ecosistema Digitale E015 Progetto Strategico ICT per Expo Milano 2015 Ecosistema Digitale E015. Assolombarda, 17 marzo 2014 FOR DISCUSSION PURPOSES ONLY: ANY OTHER USE OF THIS PRESENTATION - INCLUDING REPRODUCTION FOR PURPOSES

Dettagli

Attori nella Federazione e Profili SAML. Massimiliano Pianciamore massimiliano.pianciamore@cefriel.it

Attori nella Federazione e Profili SAML. Massimiliano Pianciamore massimiliano.pianciamore@cefriel.it Attori nella Federazione e Profili SAML Massimiliano Pianciamore Agenda Ruoli e Attori in una infrastruttura federata Service Provider Identity Provider Attribute Authorities Lo standard SAML 2.0 Asserzioni

Dettagli

Intarsio IAM Identity & Access Management

Intarsio IAM Identity & Access Management Intarsio IAM Identity & Access Management 2/35 Intarsio Interoperabilità Applicazioni Reti Servizi Infrastrutture Organizzazione 3/35 Una linea per molti servizi Una definizione: Intarsio è la nuova linea

Dettagli

Sistemi di identificazione del cittadino on line con la CRS (a cura di Lombardia Informatica)

Sistemi di identificazione del cittadino on line con la CRS (a cura di Lombardia Informatica) Palazzo delle Stelline Milano 27 novembre ore 10,00 13,00 ATTI DEL SEMINARIO Sistemi di identificazione del cittadino on line con la CRS (a cura di Lombardia Informatica) Regione Lombardia e Lombardia

Dettagli

identità digitale federata nella P.A. italiana Francesco Meschia CSI-Piemonte

identità digitale federata nella P.A. italiana Francesco Meschia CSI-Piemonte identità digitale federata nella P.A. italiana Francesco Meschia CSI-Piemonte Definire l Identità Digitale Il primo tentativo di fornire una definizione completa del concetto di identità digitale è stato

Dettagli

MODELLO DI GESTIONE FEDERATA DELLE IDENTITÀ DIGITALI (GFID)

MODELLO DI GESTIONE FEDERATA DELLE IDENTITÀ DIGITALI (GFID) MODELLO DI GESTIONE FEDERATA DELLE IDENTITÀ DIGITALI (GFID) Versione 1.5 INDICE 1. PREFAZIONE...5 1.1. Autori... 5 1.2. Modifiche Documento... 5 1.3. Riferimenti... 6 1.4. Acronimi e Definizioni... 6 2.

Dettagli

Il modello di gestione delle identità digitali in SPCoop

Il modello di gestione delle identità digitali in SPCoop Il modello di gestione delle identità digitali in SPCoop Francesco Tortorelli Il quadro normativo e regolatorio di riferimento 2 Il codice dell amministrazione digitale (CAD) CAD Servizi Access di services

Dettagli

SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE

SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE EGIDIO PICERNO POTENZA 9 LUGLIO 2010 Interoperabiltà è la capacità di due o più sistemi informativi di scambiarsi informazioni e di attivare, a suddetto

Dettagli

Integrazione di Service Provider e Identity Provider SiRAC e INF3

Integrazione di Service Provider e Identity Provider SiRAC e INF3 Integrazione di Service Provider e Identity Provider SiRAC e INF3 SOMMARIO 1. Introduzione... 4 1.1. Contenuti del Documento... 4 1.2. Distribuzione... 5 1.3. Acronimi... 5 2. Integrazione di Service Provider...

Dettagli

La sicurezza nel Sistema Pubblico di Connettività Prima parte

La sicurezza nel Sistema Pubblico di Connettività Prima parte La sicurezza nel Sistema Pubblico di Connettività Prima parte Ing. Gianfranco Pontevolpe Responsabile Ufficio Tecnologie per la sicurezza Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione

Dettagli

L autenticazione in rete e accesso ai servizi digitali. roberto palumbo

L autenticazione in rete e accesso ai servizi digitali. roberto palumbo L autenticazione in rete e accesso ai servizi digitali roberto palumbo Identità virtuali per servizi reali L apparato normativo e la concreta implementazione delle nuove tecnologie rendono sempre più reale

Dettagli

SIRV-INTEROP Sicurezza basata sui ruoli

SIRV-INTEROP Sicurezza basata sui ruoli SIRV-INTEROP (UML-A8.2-0) 06 ottobre 2004 Approvazioni Il presente documento è stato approvato da: UML-A8.2-0 18/11/05 16.25 2 Storia delle Modifiche Versione Data Descrizione Riferimenti Numero Titolo

Dettagli

Strumenti di identificazione in rete

Strumenti di identificazione in rete Pordenone, 14 novembre 2014 Strumenti di identificazione in rete SABRINA CHIBBARO sabrina@chibbaro.net PII - "Personally Identifiable Information" Nel mondo digitale, l identità è un informazione univoca

Dettagli

Mattone 9 Realizzazione del Patient File

Mattone 9 Realizzazione del Patient File Mattone 9 Realizzazione del Patient File Architettura di Cooperazione Roma 19 Giugno 2007 Nolan, Norton Italia Definizione del Fascicolo Sanitario Personale (FaSP) Non qualsiasi raccolta strutturata di

Dettagli

Identità certa nei processi online Identity & Service Provider SPID

Identità certa nei processi online Identity & Service Provider SPID Identità certa nei processi online Identity & Service Provider SPID Ing. Andrea Sassetti Direttore Servizi di Certificazione Gruppo Aruba Roma, 26 Maggio 2015 Contenuti della Presentazione Il Sistema SPID,

Dettagli

Progetto Strategico ICT per Expo Milano 2015 Ecosistema Digitale E015

Progetto Strategico ICT per Expo Milano 2015 Ecosistema Digitale E015 Progetto Strategico ICT per Expo Milano 2015 Ecosistema Digitale E015 FOR DISCUSSION PURPOSES ONLY: ANY OTHER USE OF THIS PRESENTATION - INCLUDING REPRODUCTION FOR PURPOSES OTHER THAN NOTED ABOVE, MODIFICATION

Dettagli

Progetto Strategico ICT per Expo Milano 2015 Ecosistema Digitale E015

Progetto Strategico ICT per Expo Milano 2015 Ecosistema Digitale E015 Progetto Strategico ICT per Expo Milano 2015 Ecosistema Digitale E015. FOR DISCUSSION PURPOSES ONLY: ANY OTHER USE OF THIS PRESENTATION - INCLUDING REPRODUCTION FOR PURPOSES OTHER THAN NOTED ABOVE, MODIFICATION

Dettagli

e.toscana Compliance visione d insieme

e.toscana Compliance visione d insieme Direzione Generale Organizzazione e Sistema Informativo Area di Coordinamento Ingegneria dei Sistemi Informativi e della Comunicazione I.T.S.A.E. e.toscana Compliance visione d insieme Gennaio 2007 Versione

Dettagli

Modello dell Infrastruttura per il Fascicolo Sanitario Elettronico (InfFSE) Progetto: Infrastruttura tecnologica del Fascicolo Sanitario Elettronico

Modello dell Infrastruttura per il Fascicolo Sanitario Elettronico (InfFSE) Progetto: Infrastruttura tecnologica del Fascicolo Sanitario Elettronico Dipartimento per la digitalizzazione della PA e l innovazione Consiglio Nazionale delle Ricerche Dipartimento delle Tecnologie dell Informazione e delle Comunicazioni Modello dell Infrastruttura per il

Dettagli

Shibboleth e Google Apps

Shibboleth e Google Apps Università di Modena e Reggio nell Emilia 17 giugno 2009 Panoramica funzionamento di default di Shibboleth; autenticazione SAML con Google Apps; indicazioni su come integrare Google Apps con Shibboleth

Dettagli

Progetto Strategico ICT per Expo Milano 2015. 4 ottobre 2012

Progetto Strategico ICT per Expo Milano 2015. 4 ottobre 2012 Progetto Strategico ICT per Expo Milano 2015 4 ottobre 2012 Diana Bracco (Presidente di Expo 2015 Spa) La valenza di sistema del Progetto e il lascito post-evento Progetto Strategico ICT per Expo Milano

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

PROCEDURA DI ACCREDITAMENTO

PROCEDURA DI ACCREDITAMENTO Procedura di accreditamento Solution Partner CRS PROCEDURA DI ACCREDITAMENTO per l iscrizione all Albo dei Solution Partner CRS in quanto produttori / distributori di prodotti CRS Ready in ambito Pubblica

Dettagli

Click to edit Master title style

Click to edit Master title style Click to edit Master title style Gli strumenti di semplificazione dei rapporti tra professionisti e PA Francesco Tortorelli 22 Gennaio 2010 Gli strumenti di semplificazione dei rapporti tra professionisti

Dettagli

COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE

COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE Flavia Marzano marzano@cibernet.it 10/05/2004 ARPA Club Forum PA 2004 Contenuti Cenni normativi Sistema di gestione documentale:

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Prospetto Informativo on-line Standard tecnici del sistema informativo per l invio telematico del Prospetto Informativo Documento: UNIPI.StandardTecnici Revisione

Dettagli

Servizio. Governance e linee guida tecnicoorganizzative

Servizio. Governance e linee guida tecnicoorganizzative Servizio Governance e linee guida tecnicoorganizzative della Federazione INDICE 1. Introduzione 3 1.1 Definizione e Acronimi 3 1.2 Scopo del documento 4 1.3 Destinatari 4 2. Il Sistema FedERa 5 3. Il governo

Dettagli

FedERa: sinergie tra federazioni di identità ed enti locali Gianluca Mazzini - Direttore Generale Lepida SpA

FedERa: sinergie tra federazioni di identità ed enti locali Gianluca Mazzini - Direttore Generale Lepida SpA FedERa: sinergie tra federazioni di identità ed enti locali Gianluca Mazzini - Direttore Generale Lepida SpA Scenario sistema per la federazione delle identità sottosistemi interagenti per realizzare le

Dettagli

[TS-CNS-INFRA] Gestione del ciclo di vita della Tessera sanitaria e della Carta nazionale dei servizi (TS-CNS)

[TS-CNS-INFRA] Gestione del ciclo di vita della Tessera sanitaria e della Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) Progetto cofinanziato dall Unione Europea Fondo Europeo di Sviluppo Regionale POR FESR Sardegna 2007-2013 [TS-CNS-INFRA] Gestione del ciclo di vita della Tessera sanitaria e della Carta nazionale dei servizi

Dettagli

CRS: un opportunità per le Biblioteche Lombarde

CRS: un opportunità per le Biblioteche Lombarde 23 Maggio 2008 CRS: un opportunità per le Biblioteche Lombarde daniele.crespi@lispa.it CRS : La diffusione Come accedere ai servizi online 2 Lettore smart card 1 PC connesso ad Internet 4 PDL & CRS Manager

Dettagli

I sistemi di Pagamento Elettronico come abilitatore centrale della Rivoluzione Digitale. Università degli Studi di Roma Tor Vergata

I sistemi di Pagamento Elettronico come abilitatore centrale della Rivoluzione Digitale. Università degli Studi di Roma Tor Vergata I sistemi di Pagamento Elettronico come abilitatore centrale della Rivoluzione Digitale Università degli Studi di Roma Tor Vergata Roma, 13 Marzo 2014 Rivoluzione Industriale e Rivoluzione Digitale Rivoluzione

Dettagli

ASPETTI DI SICUREZZA NELLA

ASPETTI DI SICUREZZA NELLA ASPETTI DI SICUREZZA NELLA COOPERAZIONE TRA I SERVIZI Versione 1.0 INDICE 1. PREFAZIONE...3 1.1. Autori... 3 1.2. Modifiche Documento... 3 1.3. Riferimenti... 4 1.4. Acronimi e Definizioni... 4 2. OBIETTIVI

Dettagli

Nuovo Proge@o di InformaGzzazione dei PunG di Vendita

Nuovo Proge@o di InformaGzzazione dei PunG di Vendita Nuovo Proge@o di InformaGzzazione dei PunG di Vendita WAN- IFRA Italia 2013 Bergamo, 27 Giugno 2013 FOR DISCUSSION PURPOSES ONLY: ANY OTHER USE OF THIS PRESENTATION - INCLUDING REPRODUCTION FOR PURPOSES

Dettagli

RICOGNIZIONE DELLA SITUAZIONE ESISTENTE...7

RICOGNIZIONE DELLA SITUAZIONE ESISTENTE...7 COMUNE DI SPECCHIA Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione e la compilazione on-line da parte di cittadini e imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al Comune INDICE

Dettagli

Il valore del Trusted Cloud in ambito sanitario

Il valore del Trusted Cloud in ambito sanitario Forum PA 1 Il valore del Trusted Cloud in ambito sanitario Danilo Cattaneo Direttore Generale InfoCert 16 maggio 2012 Agenda Forum PA 2 Chi è InfoCert Un esperienza nell E-Health: l Azienda ULSS 8 Dal

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 27 settembre 2012 Regole tecniche per l'identificazione, anche in via telematica, del titolare della casella di posta elettronica certificata, ai sensi

Dettagli

Qualificazione della Porta di Dominio con il concorso degli Enti Regionali

Qualificazione della Porta di Dominio con il concorso degli Enti Regionali Qualificazione della Porta di Dominio con il concorso degli Versione 1.1 INDICE 1. PREFAZIONE... 3 1.1. Autori... 3 1.2. Modifiche Documento... 3 1.3. Riferimenti... 4 1.4. Acronimi e Definizioni... 4

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

PROTOCOLLO DI ADESIONE AL PROGETTO. federa. tra. premesso che

PROTOCOLLO DI ADESIONE AL PROGETTO. federa. tra. premesso che PROTOCOLLO DI ADESIONE AL PROGETTO federa tra LEPIDA S.p.A., con sede legale in Bologna, Viale Aldo Moro 52, C.F. e P.IVA 02770891204, in persona del Direttore Generale Prof. Ing. Gianluca Mazzini, in

Dettagli

Sicurezza nelle Grid. Sommario. Page 1. Il Problema della Sicurezza nelle Grid. Grid Security Infrastructure Autorizzazione

Sicurezza nelle Grid. Sommario. Page 1. Il Problema della Sicurezza nelle Grid. Grid Security Infrastructure Autorizzazione Sommario Il Problema della Sicurezza nelle Grid Sicurezza nelle Grid Grid Security Infrastructure Autorizzazione 2 Page 1 Il Problema della Sicurezza nelle Grid (1) Le risorse sono presenti domini amministrativi

Dettagli

Strategie di system integration per l interoperabilità di sistemi eterogenei di Fascicolo Sanitario Elettronico

Strategie di system integration per l interoperabilità di sistemi eterogenei di Fascicolo Sanitario Elettronico Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Calcolo e Reti ad Alte Prestazioni Strategie di system integration per l interoperabilità di sistemi eterogenei di Fascicolo Sanitario Elettronico Mario Ciampi

Dettagli

Governance e linee guida tecnicoorganizzative

Governance e linee guida tecnicoorganizzative Allegato 1 Servizio Governance e linee guida tecnicoorganizzative del sistema ICAR-ER INDICE 1. Introduzione 3 1.1 Definizione e Acronimi 3 1.2 Scopo del documento 4 1.3 Destinatari 4 2. Il Sistema ICAR-ER

Dettagli

La sicurezza nel Sistema Pubblico di Connettività

La sicurezza nel Sistema Pubblico di Connettività La sicurezza nel Sistema Pubblico di Connettività Ing. Gianfranco Pontevolpe Responsabile Ufficio Tecnologie per la sicurezza Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Sistema pubblico

Dettagli

CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY. Prima parte: Panoramica sugli attori

CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY. Prima parte: Panoramica sugli attori ANALISI 11 marzo 2012 CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY Nella newsletter N 4 abbiamo già parlato di Cloud Computing, introducendone

Dettagli

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009)

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) CeBAS Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) Introduzione Il progetto CEBAS: la finalità è di migliorare l efficienza operativa interna dell Ente rispondere alle aspettative

Dettagli

Il cittadino digitale. Francesco Meschia, Erminio Ribet CSI-Piemonte

Il cittadino digitale. Francesco Meschia, Erminio Ribet CSI-Piemonte Il cittadino digitale Francesco Meschia, Erminio Ribet CSI-Piemonte Identitàpersonalevsidentitàdigitale L identità digitale non è la semplice trasposizione elettronica di quella fisica. Per fare chiarezza

Dettagli

Visione Generale. Versione 1.0 del 25/08/2009

Visione Generale. Versione 1.0 del 25/08/2009 Visione Generale Versione 1.0 del 25/08/2009 Sommario 1 Premessa... 4 2 Le componenti applicative... 6 2.1 Porta di dominio... 7 2.2 Infrastrutture per la cooperazione... 9 2.2.1 Registro degli Accordi

Dettagli

Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità.

Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità. Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità. Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità. Art. 1. Aventi diritto alle Credenziali-People 1. Per l accesso ai Servizi-People sviluppati

Dettagli

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli

Le politiche del Governo per lo sviluppo dell uso dell ITC nella Pubblica Amministrazione Locale

Le politiche del Governo per lo sviluppo dell uso dell ITC nella Pubblica Amministrazione Locale Le politiche del Governo per lo sviluppo dell uso dell ITC nella Pubblica Amministrazione Locale A. Pesaro 19 Giugno 2003 Le politiche del Governo per lo sviluppo dell uso dell ITC nella Pubblica Amministrazione

Dettagli

PROCEDURA DI ACCREDITAMENTO

PROCEDURA DI ACCREDITAMENTO PROCEDURA DI ACCREDITAMENTO per l iscrizione all Albo dei Solution Partner CRS in quanto produttori / distributori di prodotti CRS Ready in ambito Pubblica Amministrazione Locale Oggetto dell accreditamento

Dettagli

CNS - L amministrazione e i cittadini Ambrogio Zirattu - FORUM PA - Roma 11 maggio 2006. CNS L amministrazione e i cittadini Ambrogio Zirattu

CNS - L amministrazione e i cittadini Ambrogio Zirattu - FORUM PA - Roma 11 maggio 2006. CNS L amministrazione e i cittadini Ambrogio Zirattu CNS L amministrazione e i cittadini Ambrogio Zirattu Forum PA Roma, 11 maggio 2006 Indice La Carta Nazionale dei Servizi Cosa è A cosa serve Il sistema di richiesta e gestione La soluzione proposta dal

Dettagli

ALBO VOLONTARIATO (v. 2.4.0) UTENTE ORGANIZZAZIONE VOLONTARIATO

ALBO VOLONTARIATO (v. 2.4.0) UTENTE ORGANIZZAZIONE VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE PROTEZIONE CIVILE, PREVENZIONE E POLIZIA LOCALE UNITÀ ORGANIZZATIVA PROTEZIONE CIVILE ALBO VOLONTARIATO (v. 2.4.0) UTENTE ORGANIZZAZIONE VOLONTARIATO Realizzato a cura di: LOMBARDIA

Dettagli

e-documents per l identity management

e-documents per l identity management e-documents per l identity management 10may 05 ForumPA 2005 Marco Conflitti HP Consulting & Integration Public Sector Practice 2004 Hewlett-Packard Development Company, L.P. The information contained herein

Dettagli

Servizi di hosting offerti dall'area Servizi ICT Integrazione con l'anagrafica Unica di Ateneo. Area Servizi ICT

Servizi di hosting offerti dall'area Servizi ICT Integrazione con l'anagrafica Unica di Ateneo. Area Servizi ICT Area Servizi ICT Servizi hosting di Ateneo - Integrazione con l'anagrafica Unica di Ateneo Versione 1.1 http://hosting.polimi.it Servizi di hosting offerti dall'area Servizi ICT Integrazione con l'anagrafica

Dettagli

Guida alla registrazione di un utenza

Guida alla registrazione di un utenza Guida alla registrazione di un utenza Cos è FedERa? FedERa è il sistema di autenticazione che permette di accedere ai servizi on-line federati erogati dagli Enti della Regione Emilia-Romagna. 2 Chi può

Dettagli

Il progetto IDEM. Roberto Cecchini. Workshop GARR 08 Milano, 3 Aprile 2008

Il progetto IDEM. Roberto Cecchini. Workshop GARR 08 Milano, 3 Aprile 2008 Il progetto IDEM Roberto Cecchini Workshop GARR 08 Milano, 3 Aprile 2008 AA? Autenticazione l utente è veramente chi dice di essere? identità Autorizzazione a cosa può accedere l utente? diritti 2 AA tradizionale

Dettagli

Aspetti architetturali e tecnologici per l attuazione dell e-government a livello locale

Aspetti architetturali e tecnologici per l attuazione dell e-government a livello locale Aspetti architetturali e tecnologici per l attuazione dell e-government a livello locale Alessandro Osnaghi Università di Pavia E-government e Information Society L e-government è un capitolo della Società

Dettagli

L innovazione tecnologica nel territorio toscano. Prato, 24 Maggio 2011 Ing. Laura Castellani

L innovazione tecnologica nel territorio toscano. Prato, 24 Maggio 2011 Ing. Laura Castellani L innovazione tecnologica nel territorio toscano Prato, 24 Maggio 2011 Ing. Laura Castellani Innovazione: : cogliere e indirizzare le nuove opportunità E-Business Politiche per le imprese E-Society Politiche

Dettagli

LA GESTIONE DELLA SICUREZZA CON IBM Security Identity Governance

LA GESTIONE DELLA SICUREZZA CON IBM Security Identity Governance LA GESTIONE DELLA SICUREZZA CON IBM Security Identity Governance IDENTITY & ACCESS MANAGEMENT L approccio Engineering ai progetti Fa parte del contesto più ampio delle tematiche legate alla sicurezza (secure

Dettagli

:: RNDT. repertorio nazionale dei dati territoriali. 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1

:: RNDT. repertorio nazionale dei dati territoriali. 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1 :: RNDT repertorio nazionale dei dati territoriali 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1 I dati territoriali della Pubblica Amministrazione 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 2 Codice dell Amministrazione Digitale

Dettagli

Centro Tecnico per la Rete Unitaria della Pubblica Amministrazione

Centro Tecnico per la Rete Unitaria della Pubblica Amministrazione Centro Tecnico per la Rete Unitaria della Pubblica Amministrazione Area Rete Unitaria - Sezione Interoperabilità Linee guida del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica

Dettagli

Integrazione di CampusNet nell infrastruttura di autenticazione ed autorizzazione della rete GARR (IDEM) basata su Shibboleth

Integrazione di CampusNet nell infrastruttura di autenticazione ed autorizzazione della rete GARR (IDEM) basata su Shibboleth Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Tesi di Laurea in Reti di Calcolatori Integrazione di CampusNet nell infrastruttura di autenticazione ed autorizzazione

Dettagli

Ulisse-SUAP sottosistema Registrazione e autenticazione Utenti

Ulisse-SUAP sottosistema Registrazione e autenticazione Utenti Pagina 1 di 13 Ulisse-SUAP sottosistema Registrazione e autenticazione Utenti Bozza Data: 17/5/2014 Numero pagine: 13 Pagina 2 di 13 INDICE GESTIONE DEL DOCUMENTO...3 GLOSSARIO...5 ACRONIMI...6 INTRODUZIONE...7

Dettagli

Open City Platform OCP

Open City Platform OCP Open City Platform OCP Come rendere intelligente la città (un passo per volta)? Una piattaforma cloud aperta robusta, scalabile e flessibile per accelerare l attivazione digitale dei servizi della PA INFN

Dettagli

IL RUOLO DELLE REGIONI COME CST

IL RUOLO DELLE REGIONI COME CST N. 1 PROMUOVERE IL SUCCESSO DELLA TRANSIZIONE DELL ITALIA VERSO LA CULTURA DELL INNOVAZIONE. L ontologia della Pubblica Amministrazione. IL RUOLO DELLE REGIONI COME CST Regione Marche Lucio Forastieri

Dettagli

Eclipse Day 2010 in Rome

Eclipse Day 2010 in Rome Le infrastrutture open source per la cooperazione applicativa nella pubblica amministrazione: l'esperienza in Regione del Veneto Dirigente del Servizio Progettazione e Sviluppo Direzione Sistema Informatico

Dettagli

Sistema di autenticazione Gestisce il processo di riconoscimento delle credenziali (certificazione) per l accesso ai servizi;

Sistema di autenticazione Gestisce il processo di riconoscimento delle credenziali (certificazione) per l accesso ai servizi; People Scenario People Progetto Enti Online Portali Locali egovernment è un progetto presentato da una pluralità di Enti in risposta al primo avviso di attuazione del Piano d'azione per l egovernment (21/06/2000).

Dettagli

L EMAIL: ISTRUZIONI PER L USO Strumenti, metodi e criticità per creare, gestire e conservare la posta elettronica

L EMAIL: ISTRUZIONI PER L USO Strumenti, metodi e criticità per creare, gestire e conservare la posta elettronica Prof. Stefano Pigliapoco L EMAIL: ISTRUZIONI PER L USO Strumenti, metodi e criticità per creare, gestire e conservare la posta elettronica s.pigliapoco@unimc.it Posta Elettronica (PE) [DPCM 31/10/2000]:

Dettagli

Identity Access Management: la soluzione loginfvg

Identity Access Management: la soluzione loginfvg Identity Access Management: la soluzione loginfvg Identity Provider Per essere sicuri che una persona o un sistema in rete siano chi dicono di essere, abbiamo bisogno di sistemi che ne autentichino l'identità

Dettagli

AREA SERVIZI ICT. Servizi di hosting offerti dall'area Servizi ICT. Integrazione con l'anagrafica Unica di Ateneo. hosting.polimi.

AREA SERVIZI ICT. Servizi di hosting offerti dall'area Servizi ICT. Integrazione con l'anagrafica Unica di Ateneo. hosting.polimi. AREA SERVIZI ICT Servizi di hosting offerti dall'area Servizi ICT Integrazione con l'anagrafica Unica di Ateneo hosting.polimi.it Indice 1. Anagrafica unica di Ateneo... 4 1.1. Introduzione all anagrafica

Dettagli

L esperienza della Regione Lazio

L esperienza della Regione Lazio - GOVERNMENT L esperienza della Regione Lazio Ing. Vincenzo Bianchini Amministratore Unico Laziomatica Piano di E-Government Il Piano di Azione di E-government, Nazionale e Regionale, rappresenta una proposta

Dettagli

LE TECNOLOGIE PER IL CAMBIAMENTO 2

LE TECNOLOGIE PER IL CAMBIAMENTO 2 LE TECNOLOGIE PER IL CAMBIAMENTO 2 CITTADINANZA DIGITALE: GLI STRUMENTI La cooperazione applicativa - ICAR Andrea Nicolini PM ICAR - CISIS Roma, 1 ottobre 2010 Agenda E-gov in Italia negli ultimi 10 anni

Dettagli

Shibboleth enabling a web service: Nilde s case study

Shibboleth enabling a web service: Nilde s case study II giornata su Authentication & Authorization Infrastructure (AAI): Autenticazione federata e biblioteche digitali. Roma, 6 Marzo 2007 Shibboleth enabling a web service: Nilde s case study Silvana Mangiaracina

Dettagli

Identity Access Management nel web 2.0

Identity Access Management nel web 2.0 Identity Access Management nel web 2.0 Single Sign On in applicazioni eterogenee Carlo Bonamico, NIS s.r.l. carlo.bonamico@nispro.it 1 Sommario Problematiche di autenticazione in infrastrutture IT complesse

Dettagli

COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE)

COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE) COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE) Comune di Vigonovo Sistemi Informativi Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni

Dettagli

AIEA Associazione Italiana Information Systems Auditors

AIEA Associazione Italiana Information Systems Auditors AIEA Associazione Italiana Information Systems Auditors UTILIZZARE I SERVIZI CORPORATE TRAMITE LA TECNOLOGIA WIRELESS Carlo Muzzì Torino, 26 febbraio 2009 UTILIZZARE I SERVIZI CORPORATE TRAMITE LA TECNOLOGIA

Dettagli

Sistema di protocollo informatico e gestione documentale

Sistema di protocollo informatico e gestione documentale Sistema di protocollo informatico e gestione documentale Roma, 8 aprile 2002 Roberto Bettacchi Direttore Business Unit P.A. r.bettacchi@agora.it Scenario di riferimento I DIECI OBIETTIVI DEL GOVERNO PER

Dettagli

La PEC e interoperabilità di protocollo

La PEC e interoperabilità di protocollo La PEC e interoperabilità di protocollo Contenuti (1) La Pec La PEC nella normativa Gli attori coinvolti Utenti Gestori La rete di comunicazione Il documento informatico Il punto di vista dell utente Il

Dettagli

PKI e gestione delle Identità degli accessi. Franco Tafini. Security Solution Leader INTESA An IBM Company

PKI e gestione delle Identità degli accessi. Franco Tafini. Security Solution Leader INTESA An IBM Company PKI e gestione delle Identità degli accessi Franco Tafini Security Solution Leader INTESA An IBM Company Roma 10 Giugno 2008 Firma Digitale e non solo. Come nella quotidianità, anche in campo informatico,

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA REALIZZAZIONE DI UN APP PER LA PRENOTAZIONE DELLE PRESTAZIONI SANITARIE E SERVIZI CONNESSI.

PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA REALIZZAZIONE DI UN APP PER LA PRENOTAZIONE DELLE PRESTAZIONI SANITARIE E SERVIZI CONNESSI. Allegato 1) PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA REALIZZAZIONE DI UN APP PER LA PRENOTAZIONE DELLE PRESTAZIONI SANITARIE E SERVIZI CONNESSI Allegato tecnico Introduzione Si richiede di realizzare una

Dettagli

ASSESSORATO DEGLI AFFARI GENERALI, PERSONALE E RIFORMA DELLA REGIONE

ASSESSORATO DEGLI AFFARI GENERALI, PERSONALE E RIFORMA DELLA REGIONE SPID Cosa è SPID D.Lgs. 82 del 2005 (Codice dell Amministrazione Digitale) - art. 64 [ ] Il sistema SPID è costituito come insieme aperto di soggetti pubblici e privati che, previo accreditamento da parte

Dettagli

REGOLE PROCEDURALI DI CARATTERE TECNICO OPERATIVO PER L ACCESSO AI SERVIZI DISPONIBILI TRAMITE LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA

REGOLE PROCEDURALI DI CARATTERE TECNICO OPERATIVO PER L ACCESSO AI SERVIZI DISPONIBILI TRAMITE LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Dipartimento per gli Affari di Giustizia Direzione Generale della Giustizia Penale Decreto Dirigenziale Articolo 39 D.P.R. 14 Novembre 2002, N. 313 Decreto Dirigenziale del 5 dicembre 2012 recante le regole

Dettagli

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale 1. Livello infrastrutturale Il Cloud, inteso come un ampio insieme di risorse e servizi fruibili da Internet che possono essere dinamicamente

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

CA SiteMinder. we can. Panoramica sul prodotto. Vantaggi. Il vantaggio di CA Technologies

CA SiteMinder. we can. Panoramica sul prodotto. Vantaggi. Il vantaggio di CA Technologies SCHEDA PRODOTTO: CA SiteMinder CA SiteMinder we can CA SiteMinder offre una base per la gestione centralizzata della sicurezza, che consente l'utilizzo sicuro del Web per rendere disponibili applicazioni

Dettagli

Esperienze di servizi di rete basati su directory

Esperienze di servizi di rete basati su directory Esperienze di servizi di rete basati su directory Marco Ferrante CSITA - Università di Genova Cos è LDAP LDAP è un protocollo di accesso a servizi di directory; specifica le modalità di: connessione (bind)

Dettagli

guida: lo stato dell arte Stefano Micocci CUP 2000

guida: lo stato dell arte Stefano Micocci CUP 2000 Gli standard e le linee guida: lo stato dell arte Stefano Micocci CUP 2000 Di cosa parleremo Le reti in sanità: come stanno evolvendo in ambito regionale, nazionale ed europeo Il ruolo degli standard nel

Dettagli

Firma Digitale, Posta Elettronica Certificata, Conservazione Sostitutiva: gli strumenti per la dematerializzazione

Firma Digitale, Posta Elettronica Certificata, Conservazione Sostitutiva: gli strumenti per la dematerializzazione 1 Firma Digitale, Posta Elettronica Certificata, Conservazione Sostitutiva: gli strumenti per la dematerializzazione Pisa, 25 ottobre 2010 2 Visione d insieme FIRMA DIGITALE POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA

Dettagli

DigitPA. VISTI gli articoli 16 e 16 bis del decreto Legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito con modificazioni dalla Legge 28 gennaio 2009 n.

DigitPA. VISTI gli articoli 16 e 16 bis del decreto Legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito con modificazioni dalla Legge 28 gennaio 2009 n. DigitPA VISTO l art. 6, comma 1 bis, del decreto legislativo 7 marzo 2005 n. 82 (indicato in seguito con l acronimo CAD), come modificato dal decreto legislativo 30 dicembre 2010 n. 235; VISTI gli articoli

Dettagli