MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Servizio per l Automazione Informatica e l Innovazione Tecnologica UFFICIO DI STATISTICA -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Servizio per l Automazione Informatica e l Innovazione Tecnologica UFFICIO DI STATISTICA -"

Transcript

1 I

2 La pubblicazione è stata curata dal personale dell Ufficio di Statistica: Ufficio 6 - Scuola Elementare e Media Mariano Ferrazzano (Dirigente) Ida Cecati Carla Coccimiglio Ufficio 7 - Scuola Secondaria Superiore Maurizio Fortunato (Dirigente) Paola Di Girolamo Sonia Caccianini Informazioni e chiarimenti possono essere richiesti a: Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio di Statistica - Ufficio Sistan Ufficio 6 - telefono - 06/ Ufficio 7 - telefono - 06/ II

3 INDICE L INDAGINE Pag. 1 PRESENTAZIONE 2 GRAFICI Grafico 1 Grafico 2 Grafico 3 Grafico 4 Grafico 5 Alunni della scuola elementare statale agli scrutini finali: anni scolastici 1991/ /02 3 Alunni della scuola media statale agli scrutini finali: anni scolastici 1991/ /02 11 della scuola secondaria superiore statale agli scrutini finali per causalità, tipo di scuola e anno di corso: anno scolastico della scuola secondaria superiore statale agli scrutini finali per tipo di scuola e ripartizione geografica: anno scolastico della scuola secondaria superiore statale agli scrutini finali per tipo di scuola: anno scolastico TABELLE Tabella 1 Tabella 2 Tabella 3 Tabella 4 Tabella 5 Tabella 6 Alunni della scuola elementare statale agli scrutini finali per causalità, ripartizione geografica ed anno di corso: anno scolastico Alunni della scuola elementare statale agli scrutini finali per causalità, regione e ripartizione geografica: anno scolastico Alunni del 1 anno di corso della scuola elementare statale non valutati agli scrutini finali per causalità, regione e ripartizione geografica: anno scolastico Alunni del 2 anno di corso della scuola elementare statale non valutati agli scrutini finali per causalità, regione e ripartizione geografica: anno scolastico Alunni del 3 anno di corso della scuola elementare statale non valutati agli scrutini finali per causalità, regione e ripartizione geografica: anno scolastico Alunni del 4 anno di corso della scuola elementare statale non valutati agli scrutini finali per causalità, regione e ripartizione geografica: anno scolastico III

4 Tabella 7 Tabella 8 Tabella 9 Tabella 10 Tabella 11 Tabella 12 Tabella 13 Tabella 14 Tabella 15 Alunni del 5 anno di corso della scuola elementare statale non valutati agli scrutini finali per causalità, regione e ripartizione geografica: anno scolastico Pag. 10 Alunni della scuola media statale agli scrutini finali per causalità, ripartizione geografica ed anno di corso: anno scolastico Alunni della scuola media statale agli scrutini finali per causalità, regione e ripartizione geografica: anno scolastico Alunni del 1 anno di corso della scuola media statale non valutati agli scrutini finali per causalità, regione e ripartizione geografica: anno scolastico Alunni del 2 anno di corso della scuola media statale non valutati agli scrutini finali per causalità, regione e ripartizione geografica: anno scolastico Alunni del 3 anno di corso della scuola media statale non valutati agli scrutini finali per causalità, regione e ripartizione geografica: anno scolastico della scuola secondaria superiore statale agli scrutini finali per causalità, tipo di scuola, anno di corso e ripartizione geografica: anno scolastico della scuola secondaria superiore statale agli scrutini finali per causalità, tipo di scuola, anno di corso e ripartizione geografica: anno scolastico della scuola secondaria superiore statale agli scrutini finali per tipo di scuola, anno di corso e ripartizione geografica: anni scolastici 2000/ IV

5 INDAGINE CAMPIONARIA SULLA DISPERSIONE SCOLASTICA NELLE SCUOLE STATALI ELEMENTARI, MEDIE E SECONDARIE SUPERIORI ANNO SCOLASTICO L INDAGINE La presente indagine campionaria è effettuata a chiusura dell anno scolastico nelle scuole statali elementari, medie (con esclusione, quindi, della Regione Valle d Aosta e delle Province autonome di Trento e Bolzano) e nelle scuole secondarie superiori (con esclusione della Regione Valle d Aosta). L indagine in questione esamina il fenomeno degli alunni in sede di scrutinio finale fra i quali possono essere inclusi gran parte di coloro che abbandonano la scuola o che evadono l obbligo scolastico. SCUOLE ELEMENTARI Sono presi in considerazione : gli alunni entro il 15 marzo perché trasferiti all estero e in istruzione familiare (con esclusione di quelli trasferiti ad altra scuola); gli alunni agli scrutini finali per aver effettuato un numero di assenze troppo elevato a causa di malattie, interruzioni di frequenze non formalizzate e mancate frequenze; gli alunni non ancora valutati al momento della rilevazione perché rinviati alle prove suppletive. I dati sono disaggregati a livello regionale e per anno di corso. SCUOLE MEDIE Sono presi in considerazione: gli alunni entro il 15 marzo (con esclusione di quelli trasferiti ad altra scuola) perché: trasferiti all estero, in istruzione familiare e per assolvimento dell obbligo scolastico. gli alunni agli scrutini finali per aver effettuato un numero di assenze troppo elevato a causa di malattie, interruzioni di frequenze non formalizzate, mancate frequenze, assolvimento obbligo scolastico gli alunni che hanno interrotto la frequenza in corso d anno, non formalizzandola, perché non più in obbligo scolastico. I dati sono disaggregati a livello regionale e per anno di corso. SCUOLE SECONDARIE SUPERIORI Sono analizzate due categorie di studenti: quelli perché entro il 15 marzo e quelli per. I dati sono disaggregati per tipo di scuola, anno di corso e ripartizione geografica. 1

6 PRESENTAZIONE La dispersione scolastica, fenomeno che nell ultimo decennio ha subito un forte ridimensionamento, si è attestata oramai nelle scuole elementari su livelli fisiologici, mentre è ancora significativa, anche se in modo molto contenuto, nelle scuole medie. Nelle scuole secondarie superiori, i cui valori aumentano di poco rispetto allo scorso anno scolastico, gli istituti professionali e d arte si confermano come quelli aventi i valori più elevati. Questo il quadro complessivo che emerge dall Indagine campionaria sulla dispersione scolastica realizzata dall Ufficio di Statistica del Ministero dell Istruzione relativamente all anno scolastico La rilevazione riguarda gli studenti delle scuole statali elementari, medie e secondarie superiori che si sono con atto formale entro i termini di legge (esclusi comunque quelli che si sono trasferiti ad altra scuola), gli alunni agli scrutini finali a seguito di un troppo elevato numero di assenze, e i ragazzi che sono usciti dal circuito dell istruzione dopo l assolvimento dell obbligo scolastico senza aver però conseguito il titolo di licenza media. L indagine non è esaustiva dei fenomeni di abbandono ed evasione, ma analizza alcuni rilevanti aspetti strettamente collegati a situazioni di dispersione scolastica e i cui descrittori possono fornire attendibili indicazioni al riguardo. quanto concerne le scuole elementari, il dato risultante dagli indicatori di abbandono in senso stretto (iscritti mai frequentanti e interruzioni di frequenza non formalizzate) complessivamente nei cinque anni di corso è dello 0,08%, di poco superiore a quello dello scorso anno. C è da tenere presente comunque che, in un quadro di scolarità quasi piena, poche unità coinvolte in fenomeni di dispersione possono determinare variazioni di un certo rilievo quando si è nell ambito dei centesimi di unità percentuale. Inoltre, la quasi totalità dei casi è costituita da alunni nomadi le cui famiglie decidono di trasferirsi ve senza darne avviso o di non mandare più i figli a scuola: è questo il caso, per esempio, della ripartizione del Centro in cui si è riscontrato un aumento dello 0,05% rispetto all anno passato. Nelle scuole medie, i cui valori sono più elevati (nell a.s ha abbandonato lo 0,31% degli iscritti), il trend degli ultimi anni ha un andamento molto regolare, nel quale i valori dell Italia si pongono a metà tra quelli delle ripartizioni meridionale ed insulare e quelli del centro-nord. La maggiore concentrazione di abbandoni (0,23% nazionale) è presente tra gli alunni mai frequentanti sebbene iscritti, con punte dello 0,45% nel sud (0,70% in Calabria) e dello 0,34% nelle isole. Anche in questo ordine di scuola i valori riscontrati sono influenzati dalle scelte operate dagli alunni di origine nomade, i quali, però, costituiscono solo una parte di coloro che interrompono gli studi. Nelle scuole secondarie superiori la percentuale complessiva degli studenti è stata pari al 4,62% contro il 4,54% dell anno precedente. L aumento degli studenti si riscontra in tutti i tipi di istruzione eccetto che nei licei scientifici che invece hanno visto ridursi il loro numero (dal 2,15% all 1,84%). Dall esame della tipologia della mancata valutazione si nota che gli studenti sono lievemente aumentati (dal 2,77% al 2,93%) mentre quelli per altri motivi sono diminuiti (dall 1,77% all 1,68%). Come per il passato la dispersione scolastica colpisce maggiormente gli istituti professionali (8,93%) e gli istituti d arte (6,49%) mentre il fenomeno è più contenuto nei licei scientifici (1,84%). A rischio abbandono soprattutto il primo anno di corso che, sebbene rispetto all anno scolastico precedente abbia registrato un lieve calo per alcuni tipi di istruzione, complessivamente in Italia ha riportato una astensione dagli studi del 6,4% con un picco nelle isole pari al 10,21%. 2

7 Alunni NON VALUTATI agli scrutini finali perchè mai frequentanti (C), sebbene iscritti, e alunni che hanno interrotto la frequenza scolastica, in corso d'anno, senza fornire alcuna motivazione (B). SCUOLA ELEMENTARE STATALE Anni scolastici 1991/ Variazione /92-01/02 NORD 0,06 0,06 0,03 0,04 0,02 0,04 0,04 0,04 0,03 0,05 0,07 0,01 CENTRO 0,11 0,06 0,06 0,04 0,04 0,05 0,07 0,09 0,11 0,10 0,15 0,04 SUD 0,20 0,17 0,19 0,14 0,14 0,12 0,08 0,05 0,07 0,08 0,06-0,14 ISOLE 0,30 0,23 0,17 0,10 0,06 0,08 0,09 0,08 0,09 0,09 0,09-0,21 ITALIA 0,15 0,11 0,10 0,08 0,06 0,07 0,07 0,06 0,07 0,07 0,08-0,07 Graf. 1 NORD 0,08 0,35 0,30 CENTRO SUD ISOLE ITALIA Alunni 0,25 0,20 0,15 0,10 0,05 0, Anni scolastici Fonte M.I.U.R. - S.A.I.I.T. - UFFICIO DI STATISTICA - Ufficio 6 3

8 Tab. 1 Ripartizioni geografiche Alunni NON VALUTATI agli scrutini finali per causalità, ripartizione geografica ed anno di corso SCUOLA ELEMENTARE STATALE Anno scolastico ANNI DI CORSO R ALUNNI RITIRATI UFFICIALMENTE per: Trasferimento all'estero Ritiro in istruzione familiare A B C PS 1 0,08 0,02 0,00 0,01 0,09 0,02 2 0,05 0,01 0,00 0,03 0,04 0,01 NORD 3 0,03 0,01 0,00 0,02 0,06 0,02 4 0,03 0,01 0,00 0,01 0,02 0,01 5 0,04 0,00 0,01 0,02 0,06 0,06 Totale 0,05 0,01 0,00 0,02 0,05 0,02 1 0,07 0,01 0,01 0,09 0,26 0,05 2 0,02 0,00 0,00 0,03 0,06 0,03 CENTRO 3 0,06 0,00 0,00 0,03 0,05 0,02 4 0,03 0,01 0,00 0,04 0,09 0,00 5 0,04 0,00 0,02 0,05 0,06 0,09 Totale 0,05 0,00 0,01 0,05 0,10 0,04 1 0,01 0,12 0,01 0,03 0,12 0,07 2 0,01 0,01 0,01 0,01 0,05 0,02 SUD 3 0,00 0,04 0,00 0,00 0,02 0,01 4 0,01 0,04 0,01 0,02 0,01 0,01 5 0,01 0,02 0,01 0,00 0,04 0,12 Totale 0,01 0,04 0,01 0,01 0,05 0,04 1 0,07 0,00 0,02 0,00 0,29 0,05 2 0,03 0,02 0,00 0,02 0,02 0,03 ISOLE 3 0,00 0,00 0,00 0,02 0,03 0,03 4 0,03 0,02 0,00 0,01 0,04 0,03 5 0,01 0,02 0,02 0,04 0,00 0,07 Totale 0,03 0,01 0,01 0,02 0,07 0,04 1 0,06 0,04 0,01 0,03 0,16 0,04 2 0,03 0,01 0,00 0,02 0,05 0,02 ITALIA 3 0,02 0,02 0,00 0,01 0,04 0,02 4 0,03 0,02 0,00 0,02 0,03 0,01 5 0,03 0,01 0,01 0,02 0,05 0,09 Totale 0,03 0,02 0,00 0,02 0,06 0,03 R= Ritirati entro il 15 marzo 2002 (esclusi i trasferiti ad altra scuola) A= Non valutati per assenze dovute a motivi di salute B= Non valutati per interruzione di frequenza in corso d' anno scolastico per motivi non conosciuti dalla scuola. C= Non valutati perchè mai frequentanti sebbene iscritti. PS= Rinviati alle prove suppletive. N.B: Non sono compresi i dati del Trentino e della Valle d'aosta. Le cifre contrassegnate da "0,00" stanno ad indicare che: a) non si sono rilevati casi del fenomeno esaminato b) i numeri non raggiungono la metà delle cifre dell'ordine minimo considerato Fonte: M.I.U.R. - S.A.I.I.T. - UFFICIO DI STATISTICA - Ufficio 6 4

9 Tab. 2 Alunni NON VALUTATI agli scrutini finali per causalità, regione e ripartizione geografica SCUOLA ELEMENTARE STATALE Anno scolastico Regioni e ripartizioni R ALUNNI RITIRATI UFFICIALMENTE per: A B C PS geografiche Trasferimento all'estero Ritiro in istruzione familiare Piemonte 0,07 0,01 0,01 0,01 0,15 0,02 Lombardia 0,05 0,01 0,00 0,02 0,02 0,01 Veneto 0,01 0,02 0,00 0,01 0,09 0,02 Friuli - V.G. 0,10 0,00 0,02 0,06 0,00 0,00 Liguria 0,11 0,00 0,00 0,00 0,03 0,05 Emilia Romagna 0,02 0,01 0,01 0,01 0,01 0,04 Toscana 0,03 0,00 0,02 0,02 0,11 0,00 Umbria 0,05 0,00 0,00 0,00 0,00 0,08 Marche 0,01 0,01 0,00 0,00 0,03 0,03 Lazio 0,06 0,00 0,00 0,09 0,14 0,06 Abruzzo 0,00 0,00 0,00 0,01 0,03 0,01 Molise 0,00 0,00 0,00 0,00 0,13 0,00 Campania 0,01 0,09 0,01 0,02 0,07 0,06 Puglia 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,03 Basilicata 0,00 0,00 0,03 0,00 0,00 0,00 Calabria 0,02 0,02 0,00 0,01 0,09 0,05 Sicilia 0,03 0,01 0,01 0,02 0,10 0,05 Sardegna 0,01 0,00 0,00 0,01 0,00 0,01 N o r d 0,05 0,01 0,00 0,02 0,05 0,02 C e n t r o 0,05 0,00 0,01 0,05 0,10 0,04 S u d 0,01 0,04 0,01 0,01 0,05 0,04 I s o l e 0,03 0,01 0,01 0,02 0,07 0,04 I T A L I A 0,03 0,02 0,00 0,02 0,06 0,03 R= Ritirati entro il 15 marzo 2002 (esclusi i trasferiti ad altra scuola) A= Non valutati per assenze dovute a motivi di salute B= Non valutati per interruzione di frequenza in corso d' anno scolastico per motivi non conosciuti dalla scuola. C= Non valutati perchè mai frequentanti sebbene iscritti. PS= Rinviati alle prove suppletive. N.B: Non sono compresi i dati del Trentino e della Valle d'aosta. Le cifre contrassegnate da "0,00" stanno ad indicare che: a) non si sono rilevati casi del fenomeno esaminato b) i numeri non raggiungono la metà delle cifre dell'ordine minimo considerato Fonte: M.I.U.R. - S.A.I.I.T. - UFFICIO DI STATISTICA - Ufficio 6 5

10 Tab. 3 Regioni e ripartizioni Alunni NON VALUTATI agli scrutini finali per causalità, regione, ripartizione geografica ed anno di corso SCUOLA ELEMENTARE STATALE Anno scolastico Anno R ALUNNI RITIRATI UFFICIALMENTE per: A B C PS geografiche Trasferimento all'estero Ritiro in istruzione familiare Piemonte 0,16 0,03 0,00 0,03 0,45 0,00 Lombardia 0,08 0,01 0,00 0,01 0,03 0,01 Veneto 0,00 0,03 0,00 0,00 0,03 0,00 Friuli - V.G. 0,19 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 Liguria 0,16 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 Emilia Romagna 0,00 0,00 0,00 0,00 0,03 0,06 Toscana 0,03 0,00 0,03 0,00 0,10 0,00 Umbria 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 Marche 0,07 0,00 0,00 0,00 0,14 0,00 Lazio 0,12 0,02 0,00 0,19 0,45 0,12 Abruzzo 0,00 0,00 0,00 0,00 0,08 0,00 Molise 0,00 0,00 0,00 0,00 0,36 0,00 Campania 0,02 0,25 0,03 0,05 0,21 0,16 Puglia 0,02 0,00 0,00 0,00 0,02 0,00 Basilicata 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 Calabria 0,00 0,09 0,00 0,04 0,09 0,00 Sicilia 0,09 0,00 0,02 0,00 0,04 0,07 Sardegna 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 N o r d 0,08 0,02 0,00 0,01 0,09 0,02 C e n t r o 0,07 0,01 0,01 0,09 0,26 0,05 S u d 0,01 0,12 0,01 0,03 0,12 0,07 I s o l e 0,07 0,00 0,02 0,00 0,29 0,05 I T A L I A 0,06 0,04 0,01 0,03 0,16 0,04 R= Ritirati entro il 15 marzo 2002 (esclusi i trasferiti ad altra scuola) A= Non valutati per assenze dovute a motivi di salute B= Non valutati per interruzione di frequenza in corso d' anno scolastico per motivi non conosciuti dalla scuola. C= Non valutati perchè mai frequentanti sebbene iscritti. PS= Rinviati alle prove suppletive. N.B: Non sono compresi i dati del Trentino e della Valle d'aosta. Le cifre contrassegnate da "0,00" stanno ad indicare che: a) non si sono rilevati casi del fenomeno esaminato b) i numeri non raggiungono la metà delle cifre dell'ordine minimo considerato Fonte: M.I.U.R. - S.A.I.I.T. - UFFICIO DI STATISTICA - Ufficio 6 6

11 Tab. 4 Alunni NON VALUTATI agli scrutini finali per causalità, regione, ripartizione geografica ed anno di corso SCUOLA ELEMENTARE STATALE Anno scolastico Anno Regioni e ripartizioni R ALUNNI RITIRATI UFFICIALMENTE per: A B C PS geografiche Trasferimento all'estero Ritiro in istruzione familiare Piemonte 0,03 0,00 0,00 0,00 0,03 0,00 Lombardia 0,06 0,00 0,00 0,03 0,03 0,01 Veneto 0,00 0,03 0,00 0,00 0,13 0,03 Friuli - V.G. 0,21 0,00 0,00 0,21 0,00 0,00 Liguria 0,16 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 Emilia Romagna 0,03 0,03 0,00 0,03 0,00 0,00 Toscana 0,03 0,00 0,00 0,00 0,10 0,00 Umbria 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,14 Marche 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 Lazio 0,02 0,00 0,00 0,07 0,07 0,05 Abruzzo 0,00 0,00 0,00 0,00 0,07 0,00 Molise 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 Campania 0,01 0,01 0,01 0,01 0,04 0,01 Puglia 0,00 0,00 0,00 0,02 0,00 0,04 Basilicata 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 Calabria 0,04 0,00 0,00 0,00 0,21 0,00 Sicilia 0,04 0,02 0,00 0,02 0,00 0,04 Sardegna 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 N o r d 0,05 0,01 0,00 0,03 0,04 0,01 C e n t r o 0,02 0,00 0,00 0,03 0,06 0,03 S u d 0,01 0,01 0,01 0,01 0,05 0,02 I s o l e 0,03 0,02 0,00 0,02 0,02 0,03 I T A L I A 0,03 0,01 0,00 0,02 0,05 0,02 R= Ritirati entro il 15 marzo 2002 (esclusi i trasferiti ad altra scuola) A= Non valutati per assenze dovute a motivi di salute B= Non valutati per interruzione di frequenza in corso d' anno scolastico per motivi non conosciuti dalla scuola. C= Non valutati perchè mai frequentanti sebbene iscritti. PS= Rinviati alle prove suppletive. N.B: Non sono compresi i dati del Trentino e della Valle d'aosta. Le cifre contrassegnate da "0,00" stanno ad indicare che: a) non si sono rilevati casi del fenomeno esaminato b) i numeri non raggiungono la metà delle cifre dell'ordine minimo considerato Fonte: M.I.U.R. - S.A.I.I.T. - UFFICIO DI STATISTICA - Ufficio 6 7

12 Tab. 5 Alunni NON VALUTATI agli scrutini finali per causalità, regione, ripartizione geografica ed anno di corso SCUOLA ELEMENTARE STATALE Anno scolastico Anno Regioni e ripartizioni R ALUNNI RITIRATI UFFICIALMENTE per: A B C PS geografiche Trasferimento all'estero Ritiro in istruzione familiare Piemonte 0,03 0,03 0,00 0,00 0,15 0,00 Lombardia 0,04 0,00 0,00 0,03 0,03 0,01 Veneto 0,00 0,00 0,00 0,03 0,08 0,00 Friuli - V.G. 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 Liguria 0,00 0,00 0,00 0,00 0,08 0,00 Emilia Romagna 0,03 0,03 0,00 0,00 0,00 0,06 Toscana 0,03 0,00 0,00 0,03 0,10 0,00 Umbria 0,13 0,00 0,00 0,00 0,00 0,13 Marche 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 Lazio 0,09 0,00 0,00 0,05 0,05 0,02 Abruzzo 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 Molise 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 Campania 0,00 0,07 0,00 0,00 0,03 0,01 Puglia 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 Basilicata 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 Calabria 0,00 0,04 0,00 0,00 0,08 0,00 Sicilia 0,00 0,00 0,00 0,02 0,00 0,04 Sardegna 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 N o r d 0,03 0,01 0,00 0,02 0,06 0,02 C e n t r o 0,06 0,00 0,00 0,03 0,05 0,02 S u d 0,00 0,04 0,00 0,00 0,02 0,01 I s o l e 0,00 0,00 0,00 0,02 0,03 0,03 I T A L I A 0,02 0,02 0,00 0,01 0,04 0,02 R= Ritirati entro il 15 marzo 2002 (esclusi i trasferiti ad altra scuola) A= Non valutati per assenze dovute a motivi di salute B= Non valutati per interruzione di frequenza in corso d' anno scolastico per motivi non conosciuti dalla scuola. C= Non valutati perchè mai frequentanti sebbene iscritti. PS= Rinviati alle prove suppletive. N.B: Non sono compresi i dati del Trentino e della Valle d'aosta. Le cifre contrassegnate da "0,00" stanno ad indicare che: a) non si sono rilevati casi del fenomeno esaminato b) i numeri non raggiungono la metà delle cifre dell'ordine minimo considerato Fonte: M.I.U.R. - S.A.I.I.T. - UFFICIO DI STATISTICA - Ufficio 6 8

13 Tab. 6 Alunni NON VALUTATI agli scrutini finali per causalità, regione, ripartizione geografica ed anno di corso SCUOLA ELEMENTARE STATALE Anno scolastico Anno Regioni e ripartizioni R ALUNNI RITIRATI UFFICIALMENTE per: A B C PS geografiche Trasferimento all'estero Ritiro in istruzione familiare Piemonte 0,09 0,00 0,00 0,00 0,03 0,03 Lombardia 0,03 0,03 0,00 0,00 0,00 0,01 Veneto 0,00 0,00 0,00 0,00 0,05 0,00 Friuli - V.G. 0,10 0,00 0,10 0,10 0,00 0,00 Liguria 0,07 0,00 0,00 0,00 0,07 0,00 Emilia Romagna 0,00 0,00 0,00 0,03 0,00 0,00 Toscana 0,07 0,00 0,00 0,03 0,16 0,00 Umbria 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 Marche 0,00 0,07 0,00 0,00 0,00 0,00 Lazio 0,02 0,00 0,00 0,07 0,09 0,00 Abruzzo 0,00 0,00 0,00 0,07 0,00 0,00 Molise 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 Campania 0,03 0,09 0,00 0,03 0,01 0,03 Puglia 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 Basilicata 0,00 0,00 0,15 0,00 0,00 0,00 Calabria 0,00 0,00 0,00 0,00 0,04 0,00 Sicilia 0,04 0,02 0,00 0,02 0,01 0,04 Sardegna 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 N o r d 0,03 0,01 0,00 0,01 0,02 0,01 C e n t r o 0,03 0,01 0,00 0,04 0,09 0,00 S u d 0,01 0,04 0,01 0,02 0,01 0,01 I s o l e 0,03 0,02 0,00 0,01 0,04 0,03 I T A L I A 0,03 0,02 0,00 0,02 0,03 0,01 R= Ritirati entro il 15 marzo 2002 (esclusi i trasferiti ad altra scuola) A= Non valutati per assenze dovute a motivi di salute B= Non valutati per interruzione di frequenza in corso d' anno scolastico per motivi non conosciuti dalla scuola. C= Non valutati perchè mai frequentanti sebbene iscritti. PS= Rinviati alle prove suppletive. N.B: Non sono compresi i dati del Trentino e della Valle d'aosta. Le cifre contrassegnate da "0,00" stanno ad indicare che: a) non si sono rilevati casi del fenomeno esaminato b) i numeri non raggiungono la metà delle cifre dell'ordine minimo considerato Fonte: M.I.U.R. - S.A.I.I.T. - UFFICIO DI STATISTICA - Ufficio 6 9

14 Tab. 7 Alunni NON VALUTATI agli scrutini finali per causalità, regione, ripartizione geografica ed anno di corso SCUOLA ELEMENTARE STATALE Anno scolastico Anno Regioni e ripartizioni R ALUNNI RITIRATI UFFICIALMENTE per: A B C PS geografiche Trasferimento all'estero Ritiro in istruzione familiare Piemonte 0,03 0,00 0,03 0,00 0,12 0,09 Lombardia 0,04 0,00 0,00 0,04 0,03 0,00 Veneto 0,03 0,03 0,00 0,03 0,16 0,08 Friuli - V.G. 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 Liguria 0,14 0,00 0,00 0,00 0,00 0,21 Emilia Romagna 0,03 0,00 0,03 0,00 0,00 0,09 Toscana 0,00 0,00 0,07 0,03 0,10 0,00 Umbria 0,12 0,00 0,00 0,00 0,00 0,12 Marche 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,13 Lazio 0,07 0,00 0,00 0,09 0,07 0,13 Abruzzo 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,07 Molise 0,00 0,00 0,00 0,00 0,32 0,00 Campania 0,01 0,00 0,01 0,00 0,06 0,12 Puglia 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,08 Basilicata 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 Calabria 0,04 0,00 0,00 0,00 0,07 0,25 Sicilia 0,00 0,02 0,02 0,04 0,00 0,08 Sardegna 0,06 0,00 0,00 0,06 0,00 0,06 N o r d 0,04 0,00 0,01 0,02 0,06 0,06 C e n t r o 0,04 0,00 0,02 0,05 0,06 0,09 S u d 0,01 0,02 0,01 0,00 0,04 0,12 I s o l e 0,01 0,02 0,02 0,04 0,00 0,07 I T A L I A 0,03 0,01 0,01 0,02 0,05 0,09 R= Ritirati entro il 15 marzo 2002 (esclusi i trasferiti ad altra scuola) A= Non valutati per assenze dovute a motivi di salute B= Non valutati per interruzione di frequenza in corso d' anno scolastico per motivi non conosciuti dalla scuola. C= Non valutati perchè mai frequentanti sebbene iscritti. PS= Rinviati alle prove suppletive. N.B: Non sono compresi i dati del Trentino e della Valle d'aosta. Le cifre contrassegnate da "0,00" stanno ad indicare che: a) non si sono rilevati casi del fenomeno esaminato b) i numeri non raggiungono la metà delle cifre dell'ordine minimo considerato Fonte: M.I.U.R. - S.A.I.I.T. - UFFICIO DI STATISTICA - Ufficio 6 10

15 Alunni NON VALUTATI agli scrutini finali perchè mai frequentanti (C), sebbene iscritti, e alunni che hanno interrotto la frequenza scolastica, in corso d'anno, senza fornire alcuna motivazione (B). SCUOLA MEDIA STATALE Anni scolastici 1991/ /02 Variazione /92-01/02 NORD 0,28 0,20 0,21 0,13 0,17 0,16 0,11 0,11 0,08 0,09 0,11-0,17 CENTRO 0,38 0,35 0,32 0,21 0,21 0,22 0,24 0,16 0,19 0,13 0,17-0,21 SUD 2,09 1,70 1,18 1,24 1,06 0,96 0,74 0,79 0,62 0,55 0,59-1,50 ISOLE 3,13 2,56 2,19 2,00 2,28 1,69 0,97 0,91 0,81 0,67 0,57-2,56 ITALIA 1,30 1,07 0,82 0,75 0,75 0,62 0,48 0,48 0,39 0,31 0,33-0,97 Graf. 2 3,50 NORD CENTRO 3,00 2,50 SUD ISOLE ITALIA Alunni 2,00 1,50 1,00 0,50 0, Anni scolastici Fonte: M.I.U.R. - S.A.I.I.T. - UFFICIO DI STATISTICA - Ufficio 6 11

16 Tab. 8 Alunni NON VALUTATI agli scrutini finali per causalità, ripartizione geografica ed anno di corso SCUOLA MEDIA STATALE Anno scolastico Regioni e ANNI R ripartizioni DI ALUNNI RITIRATI UFFICIALMENTE per: A B C D geografiche CORSO Trasferimento all'estero Ritiro in istruzione familiare Assolvimento obbligo scolastico 1 0,05 0,03 0,01 0,01 0,04 0,12 0,02 NORD 2 0,01 0,06 0,03 0,01 0,04 0,04 0,07 3 0,01 0,11 0,13 0,01 0,04 0,06 0,11 Totale 0,02 0,07 0,06 0,01 0,04 0,07 0,07 1 0,04 0,07 0,04 0,02 0,13 0,16 0,03 CENTRO 2 0,04 0,12 0,04 0,01 0,03 0,09 0,09 3 0,04 0,09 0,04 0,03 0,05 0,06 0,19 Totale 0,04 0,09 0,04 0,02 0,07 0,10 0,10 1 0,02 0,14 0,07 0,04 0,20 0,56 0,07 SUD 2 0,03 0,26 0,06 0,01 0,12 0,47 0,11 3 0,02 0,18 0,03 0,02 0,08 0,31 0,12 Totale 0,02 0,19 0,05 0,02 0,14 0,45 0,10 1 0,02 0,08 0,08 0,01 0,26 0,41 0,18 ISOLE 2 0,03 0,13 0,12 0,03 0,26 0,36 0,33 3 0,02 0,30 0,30 0,02 0,17 0,26 0,45 Totale 0,02 0,17 0,17 0,02 0,23 0,34 0,32 1 0,03 0,08 0,05 0,02 0,14 0,29 0,05 ITALIA 2 0,02 0,14 0,05 0,01 0,09 0,22 0,12 3 0,02 0,15 0,11 0,02 0,07 0,16 0,17 Totale 0,03 0,12 0,07 0,02 0,10 0,23 0,12 R= RITIRATI UFFICIALMENTE entro il 15 marzo 2002 ( esclusi i trasferiti ad altra scuola ) A-B-C-D= ALUNNI NON VALUTATI, ma non, per i seguenti motivi: A= per assenze dovute a motivi di salute B= per interruzione di frequenza in corso d' anno per motivi non conosciuti dalla scuola C= perchè mai frequentanti sebbene iscritti D= per interruzione di frequenza per assolvimento dell'obbligo in corso d' anno scolastico N.B.: Non sono compresi i dati del Trentino e della Valle d'aosta. Le cifre contrassegnate da "0,00" stanno ad indicare che: a) non si sono rilevati casi del fenomeno esaminato b) i numeri non raggiungono la metà delle cifre dell'ordine minimo considerato Fonte: M.I.U.R. - S.A.I.I.T. - UFFICIO DI STATISTICA - Ufficio 6 12

17 Tab. 9 Regioni e Alunni NON VALUTATI agli scrutini finali per causalità, regione e ripartizione geografica SCUOLA MEDIA STATALE Anno scolastico R ripartizioni ALUNNI RITIRATI UFFICIALMENTE per: A B C D geografiche Trasferimento all'estero Ritiro in istruzione familiare Assolvimento obbligo scolastico Piemonte 0,02 0,12 0,13 0,00 0,02 0,11 0,06 Lombardia 0,03 0,06 0,03 0,01 0,03 0,09 0,10 Veneto 0,02 0,07 0,07 0,02 0,05 0,03 0,04 Friuli - V.G. 0,03 0,00 0,00 0,00 0,14 0,03 0,06 Liguria 0,02 0,06 0,10 0,08 0,10 0,11 0,05 Emilia Romagna 0,01 0,03 0,02 0,01 0,03 0,03 0,03 Toscana 0,06 0,09 0,05 0,02 0,13 0,12 0,14 Umbria 0,00 0,03 0,00 0,00 0,03 0,00 0,00 Marche 0,02 0,04 0,05 0,02 0,07 0,04 0,02 Lazio 0,03 0,12 0,04 0,02 0,04 0,12 0,11 Abruzzo 0,03 0,00 0,00 0,00 0,00 0,03 0,00 Molise 0,00 0,00 0,07 0,00 0,00 0,00 0,26 Campania 0,03 0,25 0,11 0,03 0,19 0,53 0,14 Puglia 0,00 0,22 0,01 0,03 0,12 0,41 0,06 Basilicata 0,00 0,03 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 Calabria 0,03 0,17 0,02 0,02 0,15 0,70 0,13 Sicilia 0,03 0,21 0,21 0,02 0,27 0,40 0,23 Sardegna 0,00 0,05 0,04 0,00 0,11 0,17 0,58 N o r d 0,02 0,07 0,06 0,01 0,04 0,07 0,07 C e n t r o 0,04 0,09 0,04 0,02 0,07 0,10 0,10 S u d 0,02 0,19 0,05 0,02 0,14 0,45 0,10 I s o l e 0,02 0,17 0,17 0,02 0,23 0,34 0,32 I T A L I A 0,03 0,12 0,07 0,02 0,10 0,23 0,12 R= RITIRATI UFFICIALMENTE entro il 15 marzo 2002 ( esclusi i trasferiti ad altra scuola ) A-B-C-D= ALUNNI NON VALUTATI, ma non, per i seguenti motivi: A= per assenze dovute a motivi di salute B= per interruzione di frequenza in corso d' anno per motivi non conosciuti dalla scuola C= perchè mai frequentanti sebbene iscritti D= per interruzione di frequenza per assolvimento dell'obbligo in corso d' anno scolastico N.B.: Non sono compresi i dati del Trentino e della Valle d'aosta. Le cifre contrassegnate da "0,00" stanno ad indicare che: a) non si sono rilevati casi del fenomeno esaminato b) i numeri non raggiungono la metà delle cifre dell'ordine minimo considerato Fonte: M.I.U.R. - S.A.I.I.T. - UFFICIO DI STATISTICA - Ufficio 6 13

18 Tab. 10 Regioni e Alunni NON VALUTATI agli scrutini finali per causalità, regione, ripartizione geografica ed anno di corso SCUOLA MEDIA STATALE Anno scolastico Anno R ripartizioni ALUNNI RITIRATI UFFICIALMENTE per: A B C D geografiche Trasferimento all'estero Ritiro in istruzione familiare Assolvimento obbligo scolastico Piemonte 0,04 0,04 0,02 0,00 0,04 0,24 0,02 Lombardia 0,06 0,04 0,00 0,00 0,02 0,13 0,02 Veneto 0,04 0,03 0,00 0,03 0,03 0,04 0,01 Friuli - V.G. 0,09 0,00 0,00 0,00 0,35 0,09 0,09 Liguria 0,05 0,00 0,14 0,05 0,10 0,14 0,00 Emilia Romagna 0,00 0,02 0,00 0,00 0,04 0,02 0,00 Toscana 0,02 0,04 0,02 0,00 0,19 0,17 0,00 Umbria 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 Marche 0,00 0,05 0,00 0,00 0,16 0,05 0,05 Lazio 0,06 0,09 0,07 0,04 0,11 0,20 0,05 Abruzzo 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 Molise 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 Campania 0,01 0,15 0,18 0,07 0,25 0,64 0,07 Puglia 0,01 0,20 0,00 0,04 0,19 0,46 0,07 Basilicata 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 Calabria 0,08 0,10 0,00 0,00 0,31 1,00 0,13 Sicilia 0,02 0,11 0,11 0,01 0,30 0,47 0,19 Sardegna 0,00 0,00 0,00 0,00 0,14 0,22 0,14 N o r d 0,05 0,03 0,01 0,01 0,04 0,12 0,02 C e n t r o 0,04 0,07 0,04 0,02 0,13 0,16 0,03 S u d 0,02 0,14 0,07 0,04 0,20 0,56 0,07 I s o l e 0,02 0,08 0,08 0,01 0,26 0,41 0,18 I T A L I A 0,03 0,08 0,05 0,02 0,14 0,29 0,05 R= RITIRATI UFFICIALMENTE entro il 15 marzo 2002 ( esclusi i trasferiti ad altra scuola ) A-B-C-D= ALUNNI NON VALUTATI, ma non, per i seguenti motivi: A= per assenze dovute a motivi di salute B= per interruzione di frequenza in corso d' anno per motivi non conosciuti dalla scuola C= perchè mai frequentanti sebbene iscritti D= per interruzione di frequenza per assolvimento dell'obbligo in corso d' anno scolastico N.B.: Non sono compresi i dati del Trentino e della Valle d'aosta. Le cifre contrassegnate da "0,00" stanno ad indicare che: a) non si sono rilevati casi del fenomeno esaminato b) i numeri non raggiungono la metà delle cifre dell'ordine minimo considerato Fonte: M.I.U.R. - S.A.I.I.T. - UFFICIO DI STATISTICA - Ufficio 6 14

19 Tab. 11 Regioni e Alunni NON VALUTATI agli scrutini finali per causalità, regione, ripartizione geografica ed anno di corso SCUOLA MEDIA STATALE Anno scolastico Anno R ripartizioni ALUNNI RITIRATI UFFICIALMENTE per: A B C D geografiche Trasferimento all'estero Ritiro in istruzione familiare Assolvimento obbligo scolastico Piemonte 0,00 0,14 0,08 0,00 0,02 0,06 0,08 Lombardia 0,02 0,05 0,03 0,01 0,01 0,05 0,13 Veneto 0,00 0,05 0,00 0,02 0,09 0,02 0,02 Friuli - V.G. 0,00 0,00 0,00 0,00 0,08 0,00 0,08 Liguria 0,00 0,09 0,05 0,05 0,14 0,14 0,05 Emilia Romagna 0,02 0,02 0,00 0,02 0,02 0,00 0,02 Toscana 0,11 0,13 0,02 0,00 0,09 0,09 0,13 Umbria 0,00 0,08 0,00 0,00 0,08 0,00 0,00 Marche 0,05 0,05 0,16 0,05 0,00 0,05 0,00 Lazio 0,00 0,14 0,02 0,01 0,00 0,11 0,11 Abruzzo 0,05 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 Molise 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,20 Campania 0,07 0,36 0,11 0,00 0,19 0,58 0,19 Puglia 0,00 0,25 0,03 0,03 0,11 0,42 0,01 Basilicata 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 Calabria 0,00 0,23 0,03 0,03 0,05 0,70 0,18 Sicilia 0,04 0,16 0,16 0,04 0,31 0,41 0,25 Sardegna 0,00 0,04 0,00 0,00 0,11 0,22 0,58 N o r d 0,01 0,06 0,03 0,01 0,04 0,04 0,07 C e n t r o 0,04 0,12 0,04 0,01 0,03 0,09 0,09 S u d 0,03 0,26 0,06 0,01 0,12 0,47 0,11 I s o l e 0,03 0,13 0,12 0,03 0,26 0,36 0,33 I T A L I A 0,02 0,14 0,05 0,01 0,09 0,22 0,12 R= RITIRATI UFFICIALMENTE entro il 15 marzo 2002 ( esclusi i trasferiti ad altra scuola ) A-B-C-D= ALUNNI NON VALUTATI, ma non, per i seguenti motivi: A= per assenze dovute a motivi di salute B= per interruzione di frequenza in corso d' anno per motivi non conosciuti dalla scuola C= perchè mai frequentanti sebbene iscritti D= per interruzione di frequenza per assolvimento dell'obbligo in corso d' anno scolastico N.B.: Non sono compresi i dati del Trentino e della Valle d'aosta. Le cifre contrassegnate da "0,00" stanno ad indicare che: a) non si sono rilevati casi del fenomeno esaminato b) i numeri non raggiungono la metà delle cifre dell'ordine minimo considerato Fonte: M.I.U.R. - S.A.I.I.T. - UFFICIO DI STATISTICA - Ufficio 6 15

20 Alunni NON VALUTATI agli scrutini finali per causalità, regione, ripartizione geografica ed anno di corso SCUOLA MEDIA STATALE Anno scolastico Anno Tab. 12 Regioni e R ripartizioni ALUNNI RITIRATI UFFICIALMENTE per: A B C D geografiche Trasferimento all'estero Ritiro in istruzione familiare Assolvimento obbligo scolastico Piemonte 0,02 0,19 0,29 0,00 0,00 0,04 0,10 Lombardia 0,02 0,09 0,07 0,01 0,07 0,09 0,16 Veneto 0,02 0,14 0,21 0,00 0,02 0,03 0,09 Friuli - V.G. 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 Liguria 0,00 0,10 0,10 0,15 0,05 0,05 0,10 Emilia Romagna 0,00 0,05 0,07 0,00 0,02 0,07 0,07 Toscana 0,06 0,09 0,11 0,06 0,11 0,11 0,30 Umbria 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 Marche 0,00 0,00 0,00 0,00 0,05 0,00 0,00 Lazio 0,04 0,12 0,02 0,02 0,02 0,06 0,19 Abruzzo 0,05 0,00 0,00 0,00 0,00 0,10 0,00 Molise 0,00 0,00 0,19 0,00 0,00 0,00 0,58 Campania 0,03 0,23 0,05 0,01 0,13 0,36 0,17 Puglia 0,00 0,19 0,00 0,03 0,06 0,34 0,10 Basilicata 0,00 0,10 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 Calabria 0,00 0,18 0,03 0,03 0,10 0,38 0,08 Sicilia 0,02 0,37 0,37 0,02 0,20 0,32 0,26 Sardegna 0,00 0,11 0,11 0,00 0,07 0,07 1,00 N o r d 0,01 0,11 0,13 0,01 0,04 0,06 0,11 C e n t r o 0,04 0,09 0,04 0,03 0,05 0,06 0,19 S u d 0,02 0,18 0,03 0,02 0,08 0,31 0,12 I s o l e 0,02 0,30 0,30 0,02 0,17 0,26 0,45 I T A L I A 0,02 0,15 0,11 0,02 0,07 0,16 0,17 R= RITIRATI UFFICIALMENTE entro il 15 marzo 2002 ( esclusi i trasferiti ad altra scuola ) A-B-C-D= ALUNNI NON VALUTATI, ma non, per i seguenti motivi: A= per assenze dovute a motivi di salute B= per interruzione di frequenza in corso d' anno per motivi non conosciuti dalla scuola C= perchè mai frequentanti sebbene iscritti D= per interruzione di frequenza per assolvimento dell'obbligo in corso d' anno scolastico N.B.: Non sono compresi i dati del Trentino e della Valle d'aosta. Le cifre contrassegnate da "0,00" stanno ad indicare che: a) non si sono rilevati casi del fenomeno esaminato b) i numeri non raggiungono la metà delle cifre dell'ordine minimo considerato Fonte: M.I.U.R. - S.A.I.I.T. - UFFICIO DI STATISTICA - Ufficio 6 16

21 NON VALUTATI agli scrutini finali per causalità, tipo di scuola, anno di corso e ripartizione geografica Tab. 13 SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE STATALE Anno scolastico ANNI DI CORSO 1 Anno 2 Anno 3 Anno 4 Anno Totale RIPARTIZIONI GEOGRAFICHE Classici Nord 2,48 0,47 2,11 0,49 0,74 0,23 1,39 0,63 1,72 0,45 Centro 0,71 0,40 0,42 0,42 0,53 0,53 0,31 0,51 0,49 0,47 Sud 1,75 0,66 1,31 0,50 0,97 0,24 1,47 0,32 1,37 0,43 Isole 1,80 0,48 2,00 0,27 3,41 0,13 0,93 0,00 2,05 0,22 Italia 1,83 0,52 1,53 0,45 1,19 0,27 1,13 0,41 1,43 0,41 Scientifici Nord 1,75 0,81 1,14 0,60 1,87 0,49 1,48 0,81 1,57 0,68 Centro 2,07 0,58 1,57 0,45 1,87 0,51 2,10 1,34 1,90 0,71 Sud 1,86 0,55 1,06 0,15 0,92 0,74 0,91 0,80 1,19 0,56 Isole 1,22 1,50 0,93 0,52 0,90 0,50 1,57 0,79 1,15 0,84 Italia 1,78 0,77 1,18 0,43 1,48 0,57 1,44 0,91 1,48 0,67 Magistrali Nord 2,83 1,01 1,96 1,18 1,47 0, ,12 0,92 Centro 0,90 2,83 0,93 1,47 1,14 0, ,99 1,75 Sud 2,77 1,12 1,23 0,54 1,94 0, ,01 0,74 Isole 2,63 4,47 0,79 1,96 1,33 1, ,58 2,55 Italia 2,52 1,77 1,37 1,09 1,57 0, ,84 1,20 Tecnici Nord 2,64 1,33 2,17 1,08 2,52 0,75 2,09 0,72 2,37 1,00 Centro 2,82 1,35 1,91 1,24 2,26 1,03 1,77 0,37 2,22 1,02 Sud 2,62 4,08 1,75 1,61 2,35 1,89 1,73 1,45 2,14 2,36 Isole 6,65 5,92 3,79 2,47 4,92 1,83 3,26 2,48 4,74 3,25 Italia 3,07 2,63 2,17 1,42 2,69 1,28 2,04 1,06 2,52 1,66 17

22 NON VALUTATI agli scrutini finali per causalità, tipo di scuola, anno di corso e ripartizione geografica SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE STATALE Anno scolastico Tab. 13 segue ANNI DI CORSO 1 Anno 2 Anno 3 Anno 4 Anno Totale RIPARTIZIONI GEOGRAFICHE Professionali Nord 6,04 2,46 5,19 0, ,79 0,97 5,92 1,57 Centro 4,47 4,88 3,83 1, ,44 1,58 4,01 3,10 Sud 6,56 11,42 3,04 2, ,22 2,50 4,65 6,62 Isole 5,57 6,59 3,45 3, ,65 4,11 4,71 5,21 Italia 5,86 5,82 4,22 1, ,03 1,82 5,12 3,59 d'arte Nord 3,74 0,30 3,42 0, ,23 2,37 3,49 0,76 Centro 2,78 2,53 2,19 1, ,82 3,24 2,91 2,36 Sud 5,32 3,16 4,31 1, ,04 2,11 4,35 2,39 Isole 3,30 11,71 3,31 2, ,98 2,93 2,72 6,30 Italia 3,95 3,50 3,45 1, ,99 2,57 3,52 2,45 Artistici Nord 3,81 2,64 3,84 0,57 1,82 0, ,18 1,27 Centro 1,49 0,99 2,24 0,84 2,44 0, ,05 0,60 Sud 4,84 8,60 1,39 2,78 3,74 2, ,48 4,64 Isole 3,36 5,03 2,31 0,46 2,58 1, ,82 2,68 Italia 3,25 3,38 2,96 0,85 2,34 0, ,86 1,71 Scuole Secondarie Superiori Nord 3,61 1,54 2,97 0,87 2,03 0,60 3,21 0,84 3,06 1,03 Centro 2,80 2,19 2,14 1,22 1,87 0,78 2,11 0,95 2,28 1,38 Sud 3,60 4,95 1,92 1,49 1,82 1,23 1,89 1,43 2,44 2,54 Isole 4,52 5,08 2,73 2,17 3,26 1,19 2,82 2,18 3,44 2,94 Italia 3,57 3,09 2,48 1,27 2,09 0,90 2,56 1,19 2,77 1,77 Fonte: M.I.U.R. - S.A.I.I.T. - UFFICIO DI STATISTICA - Ufficio 7 18

23 NON VALUTATI agli scrutini finali per causalità, tipo di scuola, anno di corso e ripartizione geografica SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE STATALE Anno scolastico Tab. 14 ANNI DI CORSO 1 Anno 2 Anno 3 Anno 4 Anno Totale RIPARTIZIONI GEOGRAFICHE Classici Nord 1,92 0,43 1,58 0,11 1,39 0,16 1,47 0,23 1,60 0,24 Centro 1,77 0,54 2,01 0,96 1,42 0,71 1,60 0,66 1,71 0,71 Sud 3,02 0,38 2,42 0,30 1,93 0,59 2,15 0,63 2,40 0,47 Isole 2,12 0,98 0,70 0,40 1,96 0,83 0,80 0,70 1,43 0,74 Italia 2,24 0,54 1,76 0,39 1,66 0,51 1,57 0,52 1,82 0,49 Scientifici Nord 1,69 0,52 1,09 0,25 1,73 0,15 1,31 0,30 1,46 0,31 Centro 1,30 0,92 1,71 0,36 1,89 0,78 1,56 0,45 1,59 0,64 Sud 1,57 0,61 0,80 0,44 1,30 0,34 0,57 0,28 1,09 0,43 Isole 1,36 1,19 1,06 1,27 1,61 0,54 1,75 0,77 1,44 0,96 Italia 1,53 0,70 1,11 0,43 1,60 0,38 1,15 0,37 1,36 0,48 Magistrali Nord 2,68 0,34 3,84 0,58 2,85 0,43 2,38 0,30 2,95 0,41 Centro 0,52 1,55 0,18 1,81 0,66 1,49 1,24 0,71 0,65 1,39 Sud 3,05 0,55 2,27 0,49 1,62 0,68 1,09 0,39 2,09 0,54 Isole 1,27 6,37 1,84 5,31 1,60 3,74 1,01 1,82 1,43 4,41 Italia 2,42 1,31 2,51 1,19 1,92 1,07 1,54 0,58 2,13 1,06 Tecnici Nord 3,13 1,19 2,68 0,96 3,43 0,70 2,51 0,49 2,95 0,86 Centro 2,68 1,27 2,08 1,06 2,32 1,26 2,06 0,89 2,31 1,13 Sud 5,01 2,73 2,35 1,40 2,87 1,63 1,88 1,46 3,15 1,86 Isole 5,68 6,10 4,46 3,37 5,13 2,31 3,25 1,86 4,71 3,53 Italia 3,91 2,21 2,66 1,37 3,26 1,28 2,32 1,02 3,09 1,52 19

24 NON VALUTATI agli scrutini finali per causalità, tipo di scuola, anno di corso e ripartizione geografica SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE STATALE Anno scolastico Tab. 14 segue ANNI DI CORSO 1 Anno 2 Anno 3 Anno 4 Anno Totale RIPARTIZIONI GEOGRAFICHE Professionali Nord 5,93 3,38 5,84 2, ,08 1,86 5,94 2,57 Centro 5,66 1,75 3,37 0, ,74 0,87 4,63 1,19 Sud 5,03 8,65 2,99 2, ,05 3,41 3,91 5,57 Isole 5,39 10,81 2,56 6, ,65 5,66 4,25 8,38 Italia 5,55 5,75 4,27 2, ,85 2,56 4,95 3,98 d'arte Nord 3,43 1,59 5,31 0, ,92 0,68 4,68 1,09 Centro 4,32 2,31 1,53 2, ,19 2,78 2,48 2,38 Sud 2,16 5,59 1,66 2, ,72 2,15 1,86 3,53 Isole 9,70 7,17 7,95 7, ,87 3,23 8,98 6,25 Italia 4,01 3,59 3,69 2, ,75 1,88 3,83 2,66 Artistici Nord 4,76 2,45 3,62 0,99 2,83 0,75 2,99 0,00 3,62 1,18 Centro 7,85 0,62 3,07 0,00 2,83 0,00 1,26 0,00 4,30 0,20 Sud 1,93 9,18 0,00 4,65 0,00 7,98 1,49 1,49 0,89 6,21 Isole 4,55 5,59 3,27 2,45 4,64 1,55 0,00 1,77 3,58 3,22 Italia 5,27 3,29 2,97 1,41 2,75 1,52 1,92 0,45 3,46 1,87 Scuole Secondarie Superiori Nord 3,65 1,64 3,38 1,06 2,72 0,49 3,12 0,73 3,29 1,07 Centro 3,02 1,23 2,17 0,90 1,98 1,02 2,29 0,79 2,42 1,00 Sud 3,91 3,54 2,15 1,40 2,14 1,11 1,76 1,40 2,62 2,02 Isole 4,23 5,98 2,78 3,78 3,46 1,83 2,72 2,23 3,37 3,77 Italia 3,70 2,71 2,72 1,46 2,49 0,95 2,50 1,13 2,93 1,68 Fonte: M.I.U.R. - S.A.I.I.T. - UFFICIO DI STATISTICA - Ufficio 7 20

25 NON VALUTATI agli scrutini finali per tipo di scuola, anno di corso e ripartizione geografica SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE STATALE Anni scolastici 2000/ /02 Tab. 15 RIPARTIZIONI GEOGRAFICHE ANNI DI CORSO 1 Anno 2 Anno 3 Anno 4 Anno Totale studenti Classici Nord 2,95 2,35 2,59 1,69 0,97 1,55 2,03 1,70 2,17 1,84 Centro 1,11 2,31 0,85 2,97 1,06 2,13 0,82 2,25 0,96 2,42 Sud 2,41 3,41 1,80 2,72 1,21 2,52 1,79 2,78 1,80 2,87 Isole 2,28 3,10 2,27 1,10 3,54 2,79 0,93 1,50 2,27 2,17 Italia 2,34 2,78 1,98 2,15 1,46 2,17 1,54 2,09 1,84 2,31 Scientifici Nord 2,56 2,21 1,74 1,34 2,36 1,88 2,29 1,62 2,25 1,77 Centro 2,66 2,22 2,02 2,07 2,38 2,67 3,44 2,01 2,62 2,24 Sud 2,40 2,18 1,21 1,24 1,66 1,64 1,71 0,85 1,75 1,52 Isole 2,73 2,54 1,44 2,33 1,40 2,15 2,36 2,51 1,99 2,39 Italia 2,55 2,24 1,61 1,54 2,05 1,98 2,35 1,52 2,15 1,84 Magistrali Nord 3,84 3,02 3,14 4,42 1,98 3,29-2,68 3,04 3,36 Centro 3,73 2,07 2,40 1,99 2,00 2,16-1,95 2,74 2,05 Sud 3,89 3,61 1,78 2,77 2,41 2,30-1,48 2,75 2,63 Isole 7,10 7,64 2,75 7,14 2,53 5,34-2,83 4,13 5,84 Italia 4,29 3,73 2,46 3,70 2,22 2,99-2,12 3,05 3,18 Tecnici Nord 3,96 4,32 3,25 3,64 3,27 4,13 2,81 3,00 3,37 3,82 Centro 4,17 3,94 3,15 3,14 3,28 3,58 2,14 2,95 3,24 3,44 Sud 6,70 7,74 3,36 3,75 4,23 4,50 3,18 3,34 4,51 5,01 Isole 12,57 11,78 6,27 7,83 6,74 7,44 5,74 5,11 7,99 8,24 Italia 5,70 6,12 3,59 4,03 3,96 4,54 3,09 3,34 4,19 4,61 21

26 NON VALUTATI agli scrutini finali per tipo di scuola, anno di corso e ripartizione geografica SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE STATALE Anni scolastici 2000/ /02 Tab. 15 segue RIPARTIZIONI GEOGRAFICHE ANNI DI CORSO 1 Anno 2 Anno 3 Anno 4 Anno Totale studenti Professionali Nord 8,50 9,31 6,09 7, ,77 7,94 7,49 8,51 Centro 9,35 7,41 5,81 4, ,02 5,61 7,10 5,82 Sud 17,98 13,68 6,01 5, ,72 6,46 11,26 9,48 Isole 12,16 16,20 7,31 9, ,76 10,31 9,92 12,64 Italia 11,69 11,30 6,15 7, ,85 7,41 8,71 8,93 d'arte Nord 4,04 5,02 3,42 6, ,59 6,61 4,25 5,77 Centro 5,30 6,63 3,56 3, ,06 3,97 5,27 4,86 Sud 8,47 7,75 6,14 4, ,15 3,87 6,74 5,39 Isole 15,02 16,88 5,51 15, ,90 12,10 9,01 15,23 Italia 7,45 7,59 4,66 5, ,57 5,63 5,97 6,49 Artistici Nord 6,44 7,20 4,41 4,61 2,42 3,58-2,99 4,45 4,80 Centro 2,48 8,47 3,08 3,07 2,44 2,83-1,26 2,65 4,50 Sud 13,44 11,11 4,17 4,65 5,88 7,98-2,99 8,12 7,10 Isole 8,39 10,14 2,78 5,71 4,12 6,19-1,77 5,51 6,80 Italia 6,62 8,56 3,80 4,38 3,10 4,27-2,37 4,57 5,32 Scuole Secondarie Superiori Nord 5,15 5,29 3,84 4,43 2,63 3,21 4,05 3,85 4,09 4,35 Centro 5,00 4,25 3,36 3,07 2,64 3,00 3,06 3,08 3,66 3,42 Sud 8,55 7,45 3,41 3,55 3,05 3,25 3,31 3,16 4,97 4,64 Isole 9,60 10,21 4,90 6,56 4,45 5,29 5,00 4,95 6,38 7,14 Italia 6,66 6,40 3,75 4,17 2,99 3,44 3,74 3,63 4,54 4,62 Fonte: M.I.U.R. - S.A.I.I.T. - UFFICIO DI STATISTICA - Ufficio 7 22

27 Graf. 3 NON VALUTATI agli scrutini finali per causalità, tipo di scuola e anno di corso SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE STATALE Anno scolastico Primo anno ,2 1,5 0,5 0,7 Classici Scientifici 2,4 1,3 Magistrali 5,6 5,8 5,3 3,9 4,0 3,6 3,3 2,2 Tecnici Profess. d'arte Artistici che' Secondo anno ,8 0,4 1,1 0,4 Classici 4,3 3,7 2,5 2,7 2,8 3,0 1,2 1,4 2,2 1,4 Magistrali Profess. Artistici che' Terzo anno ,7 1,6 1,9 0,5 1,1 0,4 Classici Scientifici Magistrali 3,3 1,3 Tecnici 0,0 Profess. 0,0 0,0 0,0 d'arte 2,8 1,5 Artistici che' Quarto anno ,57 0,52 1,15 0,37 Classici Scientifici 1,54 0,58 Magistrali 2,32 1,02 Tecnici 4,85 3,75 2,56 1,88 Profess. d'arte 1,92 0,45 Artistici che' N.B. : Il terzo anno degli istituti professionali e d'arte presentano valori nulli poiché il fenomeno della dispersione viene rilevato nella fase degli esami di qualifica o di licenza Fonte M.I.U.R. - S.A.I.I.T. - UFFICIO DI STATISTICA - Ufficio 7 23

28 NON VALUTATI agli scrutini finali per tipo di scuola e ripartizione geografica Graf. 4 SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE STATALE Anno scolastico Nord ,8 Classici 1,8 Scientifici 3,4 Magistrali 3,8 Tecnici 8,5 Profess. 5,8 d'arte 4,8 Artistici Centro ,4 2,2 2,0 3,4 5,8 4,9 4,5 0 Classici Scientifici Magistrali Tecnici Profess. d'arte Artistici Sud ,5 7,1 5 2,9 1,5 2,6 5,0 5,4 0 Classici Scientifici Magistrali Tecnici Profess. d'arte Artistici Isole ,2 2,4 Classici Scientifici 5,8 Magistrali 8,2 Tecnici 12,6 Profess. 15,2 d'arte 6,8 Artistici Fonte: M.I.U.R. - S.A.I.I.T. - UFFICIO DI STATISTICA - Ufficio 7 24

29 NON VALUTATI agli scrutini finali per tipo di scuola ( Valori percentuali sugli iscritti) SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE STATALE ANNO SCOLASTICO Graf. 5 Italia ,3 Classici 1,8 Scientifici 3,2 Magistrali 4,6 Tecnici 8,9 Profess. 6,5 d'arte 5,3 Artistici Fonte: M.I.U.R. - S.A.I.I.T. - UFFICIO DI STATISTICA - Ufficio 7 25

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA MINISTEO DELL ISTUZIONE, DELL UNIVESITA E DELLA ICECA Servizio per l Automazione Informatica e l Innovazione Tecnologica UFFICIO DI STATISTICA - UFFICIO SISTAN INDAGINE CAMPIONAIA SULLA DISPESIONE SCOLASTICA

Dettagli

Rilevazione sugli Scrutini Finali ed Esami di Stato conclusivi del I e II ciclo A.S. 2007/08

Rilevazione sugli Scrutini Finali ed Esami di Stato conclusivi del I e II ciclo A.S. 2007/08 Rilevazione sugli Scrutini Finali ed Esami di Stato conclusivi del I e II ciclo A.S. 2007/08 (Settembre 2008) Per l anno scolastico 2007/08 il notiziario relativo agli esiti degli scrutini ed esami di

Dettagli

Direzione Generale del Personale e degli Affari Generali e Amministrativi SERVIZIO STATISTICO - UFFICIO SISTAN NOTIZIARIO STATISTICO

Direzione Generale del Personale e degli Affari Generali e Amministrativi SERVIZIO STATISTICO - UFFICIO SISTAN NOTIZIARIO STATISTICO Direzione Generale del Personale e degli Affari Generali e Amministrativi SERVIZIO STATISTICO - UFFICIO SISTAN NOTIZIARIO STATISTICO ANNO - NUMERO 1 AFFLUENZA ALLE URNE DEI GENITORI E DEGLI STUDENTI PER

Dettagli

Focus. Esiti degli scrutini del secondo ciclo di istruzione A.S. 2014/2015. (Novembre 2015)

Focus. Esiti degli scrutini del secondo ciclo di istruzione A.S. 2014/2015. (Novembre 2015) Focus Esiti degli scrutini del secondo ciclo di istruzione A.S. 2014/2015 (Novembre 2015) I dati presenti in questa pubblicazione fanno riferimento agli esiti degli scrutini del secondo ciclo di istruzione

Dettagli

Notiziario. Esiti degli scrutini e degli Esami di Stato del secondo ciclo di istruzione. (Novembre 2011)

Notiziario. Esiti degli scrutini e degli Esami di Stato del secondo ciclo di istruzione. (Novembre 2011) Notiziario Esiti degli scrutini e degli Esami di Stato del secondo ciclo di istruzione (Novembre 2011) Premessa I dati rappresentati nelle tabelle e grafici successivi, sugli esiti degli esami di Stato

Dettagli

Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento Rilevazioni integrative a.s

Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento Rilevazioni integrative a.s Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione, la Partecipazione

Dettagli

Prodotto interno lordo per ripartizione geografica, in Italia e in Sardegna: variazioni percentuali 2005 su 2004

Prodotto interno lordo per ripartizione geografica, in Italia e in Sardegna: variazioni percentuali 2005 su 2004 Prodotto interno lordo per ripartizione geografica, in Italia e in Sardegna: variazioni percentuali 2005 su 2004 NORD-ORIENTALE NORD-OCCIDENTALE ITALIA MEZZOGIORNO ITALIA CENTRALE -0,5 0,0 0,5 1,0 1,5

Dettagli

INVALSI 2015: I RISULTATI DEL PIEMONTE Sintesi estratta dal rapporto INVALSI 2015

INVALSI 2015: I RISULTATI DEL PIEMONTE Sintesi estratta dal rapporto INVALSI 2015 INVALSI 2015: I RISULTATI DEL PIEMONTE Sintesi estratta dal rapporto INVALSI 2015 a cura dell Osservatorio sul sistema formativo piemontese ARTICOLO 3/2015 Chi ha partecipato ai test Invalsi? SOMMARIO

Dettagli

INVALSI 2016: I RISULTATI DEL PIEMONTE

INVALSI 2016: I RISULTATI DEL PIEMONTE INVALSI 2016: I RISULTATI DEL PIEMONTE Sintesi estratta dal rapporto INVALSI 2016 a cura dell Osservatorio sul Sistema formativo piemontese SISFORM realizzato da IRES Piemonte e Regione Piemonte ARTICOLO

Dettagli

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato Tab. IS.9.1a - Incidenti per tipo di e - Anni 2001-2013 a) Valori assoluti Anno 2001 o a altri Piemonte 16.953 23.818 19 77 167 146 80 67 1.942 123 254 153 50 59 824 1.920 1.037 653 50 4 23 0 112 31.578

Dettagli

Affitti Quota Latte - Periodo 2014/2015

Affitti Quota Latte - Periodo 2014/2015 Affitti Quota Latte - Periodo 2014/2015 PIEMONTE 603 1.127 87.148.771 13,0 144.525 VALLE D'AOSTA 80 88 1.490.121 0,2 18.627 LOMBARDIA 1.503 2.985 280.666.835 41,8 186.738 PROV. AUT. BOLZANO 1 1 31.970

Dettagli

Direzione Generale del Personale e degli Affari Generali e Amministrativi SERVIZIO STATISTICO - UFFICIO SISTAN

Direzione Generale del Personale e degli Affari Generali e Amministrativi SERVIZIO STATISTICO - UFFICIO SISTAN Direzione Generale del Personale e degli Affari Generali e Amministrativi SERVIZIO STATISTICO - UFFICIO SISTAN AFFLUENZA ALLE URNE DEI GENITORI E DEGLI STUDENTI PER LE ELEZIONI DEGLI ORGANI COLLEGIALI

Dettagli

Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento AA.SS. 2010/2011 e 2011/12

Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento AA.SS. 2010/2011 e 2011/12 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione, la Partecipazione

Dettagli

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo prestazioni Ticket Regione H , ,76 Basilicata H

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo prestazioni Ticket Regione H , ,76 Basilicata H Struttura Ex asl impegni prestazioni costo prestazioni Ticket Regione H02 102 4.663 6.145 159.302,40 51.697,76 Basilicata H03 102 9.222 12.473 252.025,98 136.892,31 Basilicata H04 102 3.373 3.373 230.650,00

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità. dati statistici A.S. 2011/2012. (luglio 2013)

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità. dati statistici A.S. 2011/2012. (luglio 2013) L integrazione scolastica degli alunni dati statistici A.S. 2011/2012 (luglio 2013) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati a luglio 2013. I dati elaborati e qui pubblicati sono patrimonio

Dettagli

Approfondimento 1 - Rsu per comparto e per ripartizione geografica

Approfondimento 1 - Rsu per comparto e per ripartizione geografica 1 Approfondimento 1 - Rsu per comparto e per ripartizione geografica ripartizione geografica votanti partec. voti validi CGIL CISL UIL ALTRE LISTE AGENZIE FISCALI Nord Ovest 85 12.904 11.248 87,17 10.922

Dettagli

Edifici e abitazioni

Edifici e abitazioni 11 agosto 2014 Edifici e abitazioni L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi sugli edifici. Il censimento degli edifici è avvenuto nel 2011 con modalità e tecnologie profondamente rinnovate rispetto

Dettagli

FIGURA 1 ESPORTAZIONI PER MACROAREA DATI TRIMESTRALI (variazioni percentuali rispetto all anno precedente)

FIGURA 1 ESPORTAZIONI PER MACROAREA DATI TRIMESTRALI (variazioni percentuali rispetto all anno precedente) Le esportazioni delle regioni italiane estre 3 13/6/3 CONGIUNTURA TERRITORIALE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE I Trimestre 3 Giugno 3 La dinamica delle esportazioni in valore nel estre 3 registra un

Dettagli

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale. Anno Scolastico 2016/2017 Settembre 2016

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale. Anno Scolastico 2016/2017 Settembre 2016 Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale v Anno Scolastico 2016/2017 Settembre 2016 Introduzione Il presente focus fornisce una sintesi dei principali dati relativi alla scuola statale,

Dettagli

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo Ticket Regione

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo Ticket Regione Struttura Ex asl impegni prestazioni costo Ticket Regione H02 102 3.244 4.234 prestazioni 106.541,38 39.721,59 Basilicata H03 102 6.820 9.139 183.359,67 103.341,43 Basilicata H04 102 2.243 2.243 150.815,00

Dettagli

Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2017-2018 Giugno 2017 I dati presenti in questa pubblicazione

Dettagli

REGIME QUOTE LATTE AFFITTI DI QUOTA

REGIME QUOTE LATTE AFFITTI DI QUOTA AZIENDE RILEVATARIE PER CLASSIFICAZIONE C-Montana Aziende 6.000 B-Svantaggiata A-Non svantaggiata 5.000 4.000 3.000 524 450 499 336 597 305 803 394 629 358 532 413 572 454 609 441 697 592 818 609 627 481

Dettagli

IMMIGRATI E SCUOLA: PRESENZA E RISULTATI DEGLI STUDENTI STRANIERI NELLE SCUOLE UMBRE

IMMIGRATI E SCUOLA: PRESENZA E RISULTATI DEGLI STUDENTI STRANIERI NELLE SCUOLE UMBRE flash paper Società 3 IMMIGRATI E SCUOLA: PRESENZA E RISULTATI DEGLI STUDENTI STRANIERI NELLE SCUOLE UMBRE di Ugo Carlone Febbraio 2005 AGENZIA UMBRIA RICERCHE - Via Mario Angeloni, 78-06124 PERUGIA -

Dettagli

Pensioni ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE. DIREZIONE Regionale PENSIONI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE. Presentazione...

Pensioni ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE. DIREZIONE Regionale PENSIONI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE. Presentazione... ISTITUTO DELLA PREVIDENZA SOCIALE DIREZIONE Regionale PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Pensioni PENSIONI Presentazione...2 Totale categorie...3 Vecchiaia...4 Invalidità...5 Superstiti...6 Presentazione

Dettagli

Le esportazioni delle regioni italiane

Le esportazioni delle regioni italiane 14 marzo 2003 Le esportazioni delle regioni italiane Anno 2002 Nel 2002 le esportazioni italiane hanno registrato una diminuzione in valore del 2,8 per cento rispetto al 2001. La contrazione, pur interessando

Dettagli

Area Turismo. I dati relativi al turismo sono stati forniti dall Assessorato Regionale al Turismo e riguardano gli anni dal 2002 al 2011.

Area Turismo. I dati relativi al turismo sono stati forniti dall Assessorato Regionale al Turismo e riguardano gli anni dal 2002 al 2011. Area Turismo I dati relativi al turismo sono stati forniti dall Assessorato Regionale al Turismo e riguardano gli anni dal 22 al 211. Glossario: Arrivi: il numero di clienti, italiani e stranieri, ospitati

Dettagli

La popolazione toscana al 1 gennaio marzo 2014

La popolazione toscana al 1 gennaio marzo 2014 La popolazione toscana al 1 gennaio 2013 marzo 2014 Il contesto nazionale La popolazione residente in Italia nell ultimo decennio è cresciuta sensibilmente. Complessivamente la variazione è stata pari

Dettagli

Comunicato Stampa del 25 marzo Miur. Scuola, i risultati delle iscrizioni alle prime classi degli istituti superiori

Comunicato Stampa del 25 marzo Miur. Scuola, i risultati delle iscrizioni alle prime classi degli istituti superiori Comunicato Stampa del 25 marzo 2013 - Miur http://hubmiur.pubblica.istruzione.it/web/ministero/cs250313bis Pagina 2 di 3 03/04/2013 Cerca Home» Ministero» Il Ministro» Comunicati Stampa» 2013» cs250313bis

Dettagli

Infortuni sul lavoro Anni

Infortuni sul lavoro Anni Statistica e Osservatori NOTIZIESTATISTICHE STATISTICA E OSSERVATORI N. 2 - Luglio 2008 L INAIL produce annualmente un rapporto sulle denunce di infortuni sul lavoro. I dati sono derivati da archivi gestionali

Dettagli

FOCUS Luglio Dinamica del mercato del lavoro dipendente e parasubordinato, sulla base delle comunicazioni obbligatorie.

FOCUS Luglio Dinamica del mercato del lavoro dipendente e parasubordinato, sulla base delle comunicazioni obbligatorie. trimestre, pertanto il dato a livello nazionale può non corrispondere alla somma dei lavoratori di ciascuna regione. Fonte dei dati. Ministero del Lavoro. SISCO (Sistema Informativo Statistico Comunicazioni

Dettagli

Scuola dell'infanzia Regione

Scuola dell'infanzia Regione Scuola dell'infanzia Abruzzo 30 Basilicata 37 Calabria 144 Campania 278 Emilia Romagna 54 Lazio 118 Liguria 16 Lombardia 88 Marche 35 Molise 11 Piemonte 47 Puglia 136 Sardegna 48 Sicilia 246 Toscana 82

Dettagli

Le dichiarazioni Ires e Irap in FVG

Le dichiarazioni Ires e Irap in FVG 14 marzo #economia Rassegna stampa Messaggero Veneto 13mar2016 Le dichiarazioni Ires e Irap in FVG Il Ministero dell Economia e delle Finanze ha recentemente pubblicato le statistiche sulle dichiarazioni

Dettagli

Ufficio Studi. Il Valore Aggiunto: dati e analisi per ripartizioni geografiche e attività economiche

Ufficio Studi. Il Valore Aggiunto: dati e analisi per ripartizioni geografiche e attività economiche Ufficio Studi Il Valore Aggiunto: dati e analisi per ripartizioni geografiche e attività economiche Il Valore Aggiunto: dati e analisi per ripartizioni geografiche e attività economiche Il report è stato

Dettagli

Scuola Secondaria II grado

Scuola Secondaria II grado Scuola Secondaria II grado Definizione della disponibilità per TFA nel prossimo triennio La tabella 1) che segue calcola le cessazioni dal servizio per i prossimi 4 anni. L articolo 9 comma 17 della Legge

Dettagli

La lettura di libri in Italia

La lettura di libri in Italia 12 maggio 2010 La lettura di in Italia Anno 2009 L indagine Aspetti della vita quotidiana rileva ogni anno informazioni sulla lettura di nel tempo libero, sul profilo dei lettori e sulla dotazione delle

Dettagli

DIPARTIMENTO AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA UFFICIO STAMPA E RELAZIONI ESTERNE

DIPARTIMENTO AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA UFFICIO STAMPA E RELAZIONI ESTERNE 1 Condannati definitivi Per di e per Durata della Pena Residua Situazione al 13/05/2010 Fino a 1 anno Da 1 a 2 Durata della pena residua Da 2 a 3 Da 3 a 5 Da 5 a 10 Da 10 a 20 Da 20 in poi Ergastolo Totale

Dettagli

Area Turismo. I dati relativi al turismo sono stati forniti dall Assessorato Regionale al Turismo e riguardano gli anni dal 2000 al 2009.

Area Turismo. I dati relativi al turismo sono stati forniti dall Assessorato Regionale al Turismo e riguardano gli anni dal 2000 al 2009. Area Turismo I dati relativi al turismo sono stati forniti dall Assessorato Regionale al Turismo e riguardano gli anni dal 2 al 29. Glossario: Arrivi: secondo la definizione dell ISTAT è il numero di clienti,

Dettagli

Dossier I dati regionali. Dossier Casa I dati regionali. A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi

Dossier I dati regionali. Dossier Casa I dati regionali. A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Dossier I dati regionali A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Dossier Casa I dati regionali A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Sommario... 3 Mercato immobiliare residenziale...

Dettagli

Nota di commento ai dati sulla spesa nella Ricerca e Sviluppo e sull innovazione nelle imprese

Nota di commento ai dati sulla spesa nella Ricerca e Sviluppo e sull innovazione nelle imprese Nota di commento ai dati sulla spesa nella Ricerca e Sviluppo e sull innovazione nelle imprese Fonte: Istat Ricerca e Sviluppo in Italia (anno 2014) Le rilevazioni sulla Ricerca e lo sviluppo sperimentale,

Dettagli

Lingua italiana e dialetti in Italia

Lingua italiana e dialetti in Italia Statistiche in breve del 12 marzo 2002 Lingua italiana e dialetti in Italia Anno 2000 Si consolida l, diminuisce l uso esclusivo del, aumenta l uso alternato Continua a crescere l uso dell nei confronti

Dettagli

Il censimento della popolazione straniera

Il censimento della popolazione straniera 19 dicembre 2012 Il censimento della popolazione straniera Nel corso dell ultimo decennio la popolazione straniera residente in Italia è triplicata: da poco più di 1 milione e 300 mila persone nel 2001

Dettagli

Le donne scelgono l agricoltura biologica

Le donne scelgono l agricoltura biologica Le donne scelgono l agricoltura biologica Cecilia Manzi Annalisa Pallotti MiPAAF,1 aprile 2014 Demografia delle aziende tra i due Censimenti In 10 anni il numero delle aziende agricole ha subito un forte

Dettagli

DIFFERENZE REGIONALI NELLA SPESA TERRITORIALE E NEL CONSUMO DEI FARMACI NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2012

DIFFERENZE REGIONALI NELLA SPESA TERRITORIALE E NEL CONSUMO DEI FARMACI NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2012 DIFFERENZE REGIONALI NELLA SPESA TERRITORIALE E NEL CONSUMO DEI FARMACI NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2012 In calo la spesa farmaceutica convenzionata in tutte le Regioni italiane, le maggiori riduzioni si registrano

Dettagli

Notiziario. Esiti degli scrutini e degli Esami di Stato del secondo ciclo di istruzione. (Dicembre 2013)

Notiziario. Esiti degli scrutini e degli Esami di Stato del secondo ciclo di istruzione. (Dicembre 2013) Notiziario Esiti degli scrutini e degli Esami di Stato del secondo ciclo di istruzione (Dicembre 2013) I dati presenti in questa pubblicazione fanno riferimento agli esiti degli scrutini e degli esami

Dettagli

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE ( * ) IN LIGURIA NEL 2016

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE ( * ) IN LIGURIA NEL 2016 LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE ( * ) IN LIGURIA NEL 216 Saldi positivi per giovani e stranieri, in calo le donne Nel 216 il saldo tra iscrizioni e cessazioni di imprese giovanili

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

REPORT GARANZIA GIOVANI I PRIMI NUMERI DELL INIZIATIVA

REPORT GARANZIA GIOVANI I PRIMI NUMERI DELL INIZIATIVA REPORT GARANZIA GIOVANI I PRIMI NUMERI DELL INIZIATIVA Il primo maggio 2014 è partita ufficialmente la Garanzia Giovani. Al 29 maggio 2014 1 si sono registrati a Garanzia Giovani 67.751 giovani, di questi

Dettagli

Dotazioni organiche personale amministrativo, tecnico, ed ausiliario - a.s. 2004/2005 -

Dotazioni organiche personale amministrativo, tecnico, ed ausiliario - a.s. 2004/2005 - Dotazioni organiche personale amministrativo, tecnico, ed ausiliario - a.s. 2004/2005 - Regione Organico a.s. 2002/03 Organico a.s. 2003/04 Organico a.s. 2004/05 Differenza 2003/04-2002/03 Differenza 2004/05-2002/03

Dettagli

Nota di commento ai dati sulla soddisfazione dei cittadini. per le condizioni di vita Anno 2016

Nota di commento ai dati sulla soddisfazione dei cittadini. per le condizioni di vita Anno 2016 Nota di commento ai dati sulla soddisfazione dei cittadini per le condizioni di vita Anno 2016 Fonte: Istat L indagine campionaria sulle famiglie Aspetti della vita quotidiana fa parte di un sistema integrato

Dettagli

sdf La mappa degli Operatori dell Agricoltura Sociale

sdf La mappa degli Operatori dell Agricoltura Sociale sdf La mappa degli Operatori dell Agricoltura Sociale Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Prov. Aut. Bolzano Puglia

Dettagli

Nidi e servizi integrativi in Italia: l indagine sulla spesa sociale dei Comuni

Nidi e servizi integrativi in Italia: l indagine sulla spesa sociale dei Comuni NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA Conoscere per governare Nidi e servizi : l indagine sulla spesa sociale dei Comuni Giulia Milan - Istat Servizio Sanità e assistenza Unità Operativa Interventi e servizi sociali

Dettagli

Dati nazionali Corrispondenza con i dati del RAV provincia di Bolzano Pag.

Dati nazionali Corrispondenza con i dati del RAV provincia di Bolzano Pag. Dati di benchmark nazionali per la Scuola primaria e secondaria di primo grado 1 In tutti i dati di benchmark il riferimento regionale è il Veneto, il riferimento provinciale è la provincia di Verona Tabelle

Dettagli

CASA.IT : Nota Congiunturale Mercato immobiliare residenziale

CASA.IT : Nota Congiunturale Mercato immobiliare residenziale CASA.IT : Nota Congiunturale Mercato immobiliare residenziale A cura del Centro Studi di Casa.it Maggio 2013 OVERVIEW: Highlights Alla fine del 2012 gli scambi di abitazioni in Italia hanno fatto registrare

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Conferenza Stampa Venezia, 11 settembre 2009

Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Conferenza Stampa Venezia, 11 settembre 2009 http://www.istruzioneveneto.it Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Conferenza Stampa Venezia, 11 settembre 2009 PROVINCIA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico

Dettagli

7.05. Federazione Italiana Dama RAPPORTO STATISTICO. FID Dama I NUMERI DELLO SPORT. Roma, 2003

7.05. Federazione Italiana Dama RAPPORTO STATISTICO. FID Dama I NUMERI DELLO SPORT. Roma, 2003 Comitato Olimpico Nazionale Italiano Ufficio Documentazione e Informazione Censis Servizi I NUMERI 2001 DELLO SPORT RAPPORTO STATISTICO Federazione Italiana Dama 7.05 FID Dama Roma, 2003 Premessa Poichè

Dettagli

Statistiche in breve

Statistiche in breve Statistiche in breve A cura del Coordinamento Generale Statistico Attuariale Giugno 2016 Anno 2015 Lavoratori Domestici Nell anno 2015 i lavoratori domestici 1 contribuenti all Inps sono stati 886.125,

Dettagli

Grafico 1 - Enti locali Contributi erariali per ente - Anni (valori nominali in migliaia di lire)

Grafico 1 - Enti locali Contributi erariali per ente - Anni (valori nominali in migliaia di lire) Grafico 1 - Enti locali Contributi erariali per ente - Anni -1999 - (valori nominali in migliaia di lire) 35... 3... 25... 2... 15... à montane 1... 5... 1998 1999 Grafico 2 - Enti locali Contributi erariali

Dettagli

OCCUPAZIONE ITALIANA E STRANIERA A CONFRONTO

OCCUPAZIONE ITALIANA E STRANIERA A CONFRONTO OCCUPAZIONE ITALIANA E STRANIERA A CONFRONTO QUALI LE DINAMICHE DAL 2008 AL 2009 STUDIO DELLE DIFFERENZE ASSOLUTE DEGLI OCCUPATI Distinzioni per Posizione nella professione Classi di età Genere Macroarea

Dettagli

Redditi Irpef e Toscana nel 2014 (anno d imposta 2013)

Redditi Irpef e Toscana nel 2014 (anno d imposta 2013) Settore Sistema Informativo di Supporto alle Decisioni. Ufficio Regionale di Statistica Redditi Irpef e nel 2014 (anno d imposta 2013) SINTESI Redditi Irpef e nel 2014 La seguente presentazione offre una

Dettagli

LE IMPRESE LIGURI NEL 2014

LE IMPRESE LIGURI NEL 2014 LE IMPRESE LIGURI NEL 214 Ci lasciamo alle spalle un anno ancora difficile: perse altre 9 imprese, più della metà sono artigiane I dati di chiusura del 214 non sono confortanti: il saldo tra imprese iscritte

Dettagli

UNA LETTURA DEL 15 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI

UNA LETTURA DEL 15 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI UNA LETTURA DEL 15 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI a cura del Centro Studi sull Economia Immobiliare - CSEI Tecnoborsa Tecnoborsa torna ad affrontare i temi dell ultimo Censimento

Dettagli

I dati generali sulla sicurezza stradale. Marco Giustini

I dati generali sulla sicurezza stradale. Marco Giustini I dati generali sulla sicurezza stradale Marco Giustini MORTI 7.500 INVALIDI 20.000 RICOVERI 150.000 ACCESSI AL PRONTO SOCCORSO 1.500.000 MORTI PER INCIDENTI STRADALI IN ITALIA PERIODO 1969-2000, PER SESSO

Dettagli

PRESENZE UNIVERSITARIE

PRESENZE UNIVERSITARIE PRESENZE UNIVERSITARIE Variabili Periodo di riferimento Studenti italiani iscritti Provincia residenza Facoltà sesso a.a. 2005-06 2006-07 2007-08 Studenti stranieri iscritti Continente di provenienza Tipo

Dettagli

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva de Biasio S. Croce 1299-30135 VENEZIA Ufficio IV - Ordinamenti scolastici -

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE GEOLOGI Centro Studi NOTA STAMPA

CONSIGLIO NAZIONALE GEOLOGI Centro Studi NOTA STAMPA CONSIGLIO NAZIONALE GEOLOGI Centro Studi NOTA STAMPA FRANE E ALLUVIONI: SEI MILIONI DI PERSONE A RISCHIO Emilia Romagna, Campania e Lombardia tra le regioni più esposte ausa del consapevolezza nella società

Dettagli

Per Regione e posizione giuridica

Per Regione e posizione giuridica Elaborazione del Centro Studi di Ristretti Orizzonti su dati del Ministero della Giustizia - Dap Per nazionalità e posizione giuridica Imputati Condannati Internati Da impostare Totale Itaniani 17.481

Dettagli

fiavet Le vacanze per modalità di prenotazione [Digitare il testo]

fiavet Le vacanze per modalità di prenotazione [Digitare il testo] Le vacanze per modalità di prenotazione 2011 Italia All'estero Totale Fai da te 87,9 65,8 83,4 Agenzia di viaggio (pacchetti anche web) 8,1 29,3 12,5 Organizzazione parallela 3,9 4,9 4,1 Totale 100,0 100,0

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Garanzia Giovani: a cinque settimane dall avvio sono 74.394 i giovani che si sono registrati

COMUNICATO STAMPA. Garanzia Giovani: a cinque settimane dall avvio sono 74.394 i giovani che si sono registrati COMUNICATO STAMPA Garanzia Giovani: a cinque settimane dall avvio sono 74.394 i giovani che si sono registrati I dati del 5 report settimanale Il primo maggio 2014 è partita ufficialmente la Garanzia Giovani.

Dettagli

IMPRESE: IN CALO GLI IMPIEGHI BANCARI, AUMENTA IL RISCHIO USURA

IMPRESE: IN CALO GLI IMPIEGHI BANCARI, AUMENTA IL RISCHIO USURA IMPRESE: IN CALO GLI IMPIEGHI BANCARI, AUMENTA IL RISCHIO USURA A seguito delle difficoltà in cui versano molte banche italiane, nell ultimo anno (maggio 2016 sullo stesso mese del 2015) gli impieghi bancari

Dettagli

Attività fisica e pratica sportiva

Attività fisica e pratica sportiva Attività fisica e pratica sportiva Alcuni dati per una riflessione Contributo al convegno «Il Partenariato pubblico privato per gli impianti sportivi» Firenze 20 novembre 2014 1 Alcuni dati sull esercizio

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

Iniziativa di sospensione delle rate dei mutui alle famiglie. Roma, 8 giugno 2011

Iniziativa di sospensione delle rate dei mutui alle famiglie. Roma, 8 giugno 2011 Iniziativa di sospensione delle rate dei mutui alle famiglie Roma, 8 giugno 2011 Agenda 1. Campione esaminato 2. Classificazione delle domande 3. Analisi territoriale 2 Classificazione delle banche Enti

Dettagli

Prof. Alberto Brambilla. Dott. Paolo Novati. 27 giugno 2017, Milano

Prof. Alberto Brambilla. Dott. Paolo Novati. 27 giugno 2017, Milano APPROFONDIMENTI 2017 DICHIARAZIONE DEI REDDITI AI FINI IRPEF anno 2015 per IMPORTI, TIPOLOGIA DI CONTRIBUENTI E TERRITORI e ANALISI IRAP (4 edizione) Prof. Alberto Brambilla Presidente Centro Studi e Ricerche

Dettagli

Il saldo della bilancia commerciale risulta positivo ed è pari a 18 miliardi e 454 milioni di euro.

Il saldo della bilancia commerciale risulta positivo ed è pari a 18 miliardi e 454 milioni di euro. I SEMESTRE 2015: CRESCITA DELL EXPORT IN LIGURIA DEL 7% Nel primo semestre 2015, rispetto allo stesso periodo del 2014, in Italia le vendite di beni sui mercati esteri risultano in sensibile espansione

Dettagli

ALFID. Associazione Laica Famiglie in Difficoltà

ALFID. Associazione Laica Famiglie in Difficoltà ALFID Associazione Laica Famiglie in Difficoltà Separazione e Divorzio: alcuni dati a confronto sui principali recenti cambiamenti in Provincia di Trento e nel resto d Italia a cura di Marco Brusegan Il

Dettagli

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015)

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015) Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016 (Settembre 2015) In occasione dell inizio dell anno scolastico si fornisce una breve sintesi dei principali dati relativi alla

Dettagli

Rapporto Epidemiologico InfluNet

Rapporto Epidemiologico InfluNet Casi per 1.000 assistiti Rapporto Epidemiologico InfluNet Settimana 2017-02 Il rapporto presenta i risultati nazionali e regionali relativi alla sorveglianza epidemiologica dell influenza, elaborati dal

Dettagli

Scuola infanzia e primaria

Scuola infanzia e primaria Scuola infanzia e primaria Definizione della disponibilità per i corsi di laurea magistrale a ciclo unico in scienze della formazione primaria La tabella 1) che segue calcola le cessazioni dal servizio

Dettagli

OFFERTA E DOMANDA DI CAPITALE UMANO QUALIFICATO IN TOSCANA

OFFERTA E DOMANDA DI CAPITALE UMANO QUALIFICATO IN TOSCANA AISRe Associazione Italiana di Scienze Regionali IRPET Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana XXX Conferenza Scientifica Federalismo, integrazione europea e crescita regionale 9-11 settembre

Dettagli

ITALIA SETTENTRIONALE

ITALIA SETTENTRIONALE Tabella 1 - Interruzioni volontarie di gravidanza, 2007 ABORTIVITA' IVG NATI VIVI * DONNE 15-49 RAPPORTO PER TASSO PER 1000 TASSO DI ANNI ** 1000 NATI VIVI DONNE 15-49 ANNI FECONDITA' ITALIA SETTENTRIONALE

Dettagli

MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010

MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010 MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010 STATISTICHE RELATIVE AL 1 SEMESTRE 2013 DATI DA RILEVAZIONE AGGIORNATA AL 6 NOVEMBRE 2013 Ministero della Giustizia Dipartimento della organizzazione giudiziaria, del

Dettagli

M inistero dell Istruzione, dell U niversit e della R icerca. Scuola infanzia e primaria

M inistero dell Istruzione, dell U niversit e della R icerca. Scuola infanzia e primaria M inistero dellistruzione, dellu niversit e della R icerca Scuola infanzia e primaria Definizione della disponibilità per i corsi di laurea magistrale a ciclo unico in scienze della formazione primaria

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LO STOCK ABITATIVO IN ITALIA

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LO STOCK ABITATIVO IN ITALIA DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LO STOCK ABITATIVO IN ITALIA 5 Maggio 2015 INDICE SINTESI... 3 ABITAZIONI... 4 ABITAZIONI OCCUPATE DA PERSONE RESIDENTI... 6 POPOLAZIONE E FAMIGLIE... 9 ABITAZIONI

Dettagli

Occupazione in Toscana e in Italia nel periodo luglio-settembre 2016

Occupazione in Toscana e in Italia nel periodo luglio-settembre 2016 Statistiche flash Settore Sistema Informativo di supporto alle decisioni. Ufficio Regionale di Statistica Occupazione in Toscana e in Italia nel periodo luglio-settembre 2016 7 Dicembre 2016 Gli ultimi

Dettagli

ITALIA SETTENTRIONALE

ITALIA SETTENTRIONALE Tabella 1 - Interruzioni volontarie di gravidanza, 2005 ABORTIVITA' IVG NATI VIVI * DONNE 15-49 RAPPORTO PER TASSO PER 1000 TASSO DI ANNI ** 1000 NATI VIVI DONNE 15-49 ANNI FECONDITA' ITALIA SETTENTRIONALE

Dettagli

Osservatorio trimestrale sulla crisi di impresa

Osservatorio trimestrale sulla crisi di impresa Maggio 2011 Osservatorio trimestrale sulla crisi di impresa Primo Trimestre 2011 I dati destagionalizzati indicano un calo nel primo trimestre; segnali di miglioramento dall industria Secondo gli archivi

Dettagli

Rilevazione sulle forze di lavoro

Rilevazione sulle forze di lavoro 28 aprile 2010 Rilevazione sulle forze di lavoro Media 2009 Sul sito www.istat.it sono da oggi disponibili i dati della media 2009 della rilevazione sulle forze di lavoro. In questa statistica in breve

Dettagli

Infermieri sempre più anziani e carenti soprattutto (ma non solo) sul territorio

Infermieri sempre più anziani e carenti soprattutto (ma non solo) sul territorio Scheda n 3 Infermieri sempre più anziani e carenti soprattutto (ma non solo) sul territorio Mancano all appello almeno 50mila infermieri per poter erogare un servizio in linea con i bisogni dei cittadini.

Dettagli

Ticket Regionali Specialistica e Diagnostica Studenti Universitari

Ticket Regionali Specialistica e Diagnostica Studenti Universitari NB. Nelle tabelle che seguono sono riportati i costi (in Euro) delle principali prestazioni ambulatoriali e specialistiche previste dal nostro Sistema Sanitario Nazionale a favore degli Studenti Universitari,

Dettagli

Siae Società Italiana degli Autori ed Editori Ufficio Statistica

Siae Società Italiana degli Autori ed Editori Ufficio Statistica Tavola 1 I dati elaborati dalla Siae hanno carattere censuario e non campionario: ossia i valori esposti sono la sintesi di tutte le informazioni raccolte sul territorio dai 650 uffici della SIAE. la rilevazione

Dettagli

BANDI DI GARA PER LAVORI PUBBLICI IN LIEVE AUMENTO A SETTEMBRE 2016 MA I PRIMI NOVE MESI RESTANO NEGATIVI

BANDI DI GARA PER LAVORI PUBBLICI IN LIEVE AUMENTO A SETTEMBRE 2016 MA I PRIMI NOVE MESI RESTANO NEGATIVI Direzione Affari Economici e Centro Studi BANDI DI GARA PER LAVORI PUBBLICI IN LIEVE AUMENTO A SETTEMBRE 216 MA I PRIMI NOVE MESI RESTANO NEGATIVI Nel mese di settembre 216, secondo il monitoraggio Ance-Infoplus

Dettagli

GARANZIA GIOVANI: AGGIORNAMENTO DEL PROGETTO IN CORSO FINANZIATO DALL'UNIONE EUROPEA.

GARANZIA GIOVANI: AGGIORNAMENTO DEL PROGETTO IN CORSO FINANZIATO DALL'UNIONE EUROPEA. GARANZIA GIOVANI: AGGIORNAMENTO DEL PROGETTO IN CORSO FINANZIATO DALL'UNIONE EUROPEA. ANALISI DEI DATI DEL 10 DICEMBRE 2015 A CURA DEL CENTRO STUDI LAVORI E RIFORME Il progetto Garanzia Giovani ha preso

Dettagli

Capitolo 5 La mortalità per malattie dell apparato respiratorio

Capitolo 5 La mortalità per malattie dell apparato respiratorio Capitolo 5 La mortalità per malattie dell apparato respiratorio Le malattie dell apparato respiratorio sono il terzo settore nosologico come frequenza di causa di morte, dopo le malattie del sistema circolatorio

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

LO STATO PONDERALE DEI BAMBINI

LO STATO PONDERALE DEI BAMBINI LO STATO PONDERALE DEI BAMBINI L obesità ed il sovrappeso in età evolutiva tendono a persistere in età adulta e a favorire lo sviluppo di gravi patologie quali le malattie cardio-cerebro-vascolari, diabete

Dettagli

I flussi turistici internazionali nelle strutture ricettive italiane

I flussi turistici internazionali nelle strutture ricettive italiane I flussi turistici internazionali nelle strutture ricettive italiane L andamento congiunturale e l attrattività delle regioni Mauro Politi Francesca Petrei ISTAT - Direzione Centrale delle Statistiche

Dettagli

Bilanci regionali di energia elettrica nel 2015

Bilanci regionali di energia elettrica nel 2015 Bilanci regionali di energia elettrica nel 2015 Dossier degli Amici della Terra Luglio 2017 a cura di Sandro Renzi Elaborazione su dati TERNA. 1 Sommario Glossario... 3 Introduzione... 4 Italia... 5 Piemonte...

Dettagli

GLI STRANIERI A LISSONE: DA STUDENTI A IMPRENDITORI?

GLI STRANIERI A LISSONE: DA STUDENTI A IMPRENDITORI? Città di Lissone Provincia di Monza e della Brianza GLI STRANIERI A LISSONE: DA STUDENTI A IMPRENDITORI? Indagine statistica su un fenomeno emergente IMMIGRAZIONE IN ITALIA Al 1 gennaio 2010 sono presenti

Dettagli

STUDIO COMPLETO OSSERVATORIO SUICIDI PER CRISI ECONOMICA, LINK LAB ANALISI DEL 1 TRIMESTRE 2014

STUDIO COMPLETO OSSERVATORIO SUICIDI PER CRISI ECONOMICA, LINK LAB ANALISI DEL 1 TRIMESTRE 2014 STUDIO COMPLETO OSSERVATORIO SUICIDI PER CRISI ECONOMICA, LINK LAB ANALISI DEL TRIMESTRE 0 Nei primi tre mesi del 0 sono già le persone che si sono tolte la vita per motivazioni economiche, rispetto ai

Dettagli

Analisi Filiali Banca Estesa: Confronto I Trim vs periodi precedenti

Analisi Filiali Banca Estesa: Confronto I Trim vs periodi precedenti Analisi Filiali Banca Estesa: Confronto I Trim. 2014 vs periodi precedenti Direzione Pianificazione e Controllo di Gestione Incontro con le OO.SS. Milano, 29 maggio 2014 Divisione Banca dei Territori Numerosità

Dettagli