Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre Consob Divisione Tutela del Consumatore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore"

Transcript

1 Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore

2

3 Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible 4 Unbundling ovvero cosa si compra (e quanto si paga) 7 Mercato secondario 9 Tre regole per investire in reverse convertible 9 Il ruolo della Consob 14 I quesiti più frequenti 15 Per saperne di più 17 1 Consob

4

5 Introduzione Il tradizionale concetto di obbligazione si basa su uno schema finanziario abbastanza semplice: il sottoscrittore del titolo versa all emittente una somma di denaro che produce interessi e, ad una scadenza prefissata, viene restituita. Gli interessi possono essere corrisposti periodicamente, durante la vita del titolo, ovvero alla scadenza (zero coupon) e la misura può essere fissa (tasso fisso) oppure variabile in relazione all andamento di tassi di mercato (tasso variabile). In ogni caso i criteri per la loro determinazione sono stabiliti al momento della sottoscrizione e la loro applicazione non presenta elementi di complessità. Dalla metà degli anni 90 sono apparsi sul mercato, e si sono successivamente sviluppate, (in alternativa ai titoli di Stato ed ai certificati di deposito) nuovi tipi di obbligazioni che hanno assunto la qualificazione di strutturate e sono generalmente emesse da soggetti bancari. Le obbligazioni strutturate hanno come caratteristica comune modalità particolari, e innovative, di calcolo della cedola o del valore di rimborso, a volte particolarmente complesse. Questi elementi di difficoltà fanno sì che la comprensione delle caratteristiche del titolo e, quindi, anche della sua convenienza non sia un processo semplice e immediatamente percepibile dal risparmiatore. Al contrario, questi titoli comportano una oggettiva difficoltà di valutazione. Alla categoria delle strutturate appartengono varie tipologie di obbligazioni. Alcune di queste mantengono la caratteristica tipica dell obbligazione, e cioè la restituzione del capitale investito, presentando elementi di varia complessità per la determinazione degli interessi. Esempi di questo tipo sono le obbligazioni il cui rendimento, in quanto collegato ad eventi non conosciuti al momento dell emissione, è incerto (ad esempio le obbligazioni reverse floater e quelle linked), ovvero quelle con cedole inizialmente determinate ma non costanti nel tempo (ad esempio, le cosiddette step down e step up). Altre, invece, presentano un rilevante strappo rispetto al concetto tradizionale di obbligazione, poiché non garantiscono la integrale restituzione del capitale. Costituisce, questa, una caratteristica di assoluto rilievo per il risparmiatore, in quanto muta radicalmente il profilo di rischio dell investimento e, specie nel passato, non sempre se ne è avuta consapevolezza. Appartengono a questo tipo le reverse convertible che, per la loro diffusione e per il fatto che le loro caratteristiche spesso non sono state correttamente va- 3 Consob

6 lutate, saranno diffusamente trattate. Questi prodotti possono essere presentati anche con denominazioni diverse come, ad esempio, obbligazioni convertendo. Le reverse convertible Le reverse convertible sono strumenti finanziari che promettono al sottoscrittore una cedola particolarmente elevata. Comportano però il rischio per l investitore di ricevere alla scadenza, in luogo del capitale inizialmente versato, un numero di azioni il cui controvalore è inferiore all investimento originario. Con questi strumenti le banche sostengono la raccolta del risparmio e possono soddisfare un ulteriore fine, e cioè quello di coprire rischi altrimenti assunti. Cos è una reverse convertible Che ne pensa di investire in derivati? Questo dovrebbe domandare l impiegato di banca (o il promotore) al cliente prima di offrirgli una reverse convertible. Perché questo strumento finanziario, sotto l apparenza di un titolo obbligazionario particolarmente attraente, cela in realtà un investimento in strumenti derivati. Più precisamente, il sottoscrittore di una reverse convertible versa un capitale all emittente il quale riconoscerà alla scadenza un rendimento allettante. Allo stesso tempo, però, vende all emittente una opzione put su un titolo. Che cos è un opzione put? L opzione put è uno strumento finanziario derivato. Più precisamente è un contratto dove il venditore, a fronte della ricezione di un premio, si obbliga ad acquistare dalla controparte, ad una certa data, un determinato quantitativo di titoli (o altre attività) ad un prezzo fissato al momento della conclusione del contratto. Chi vende una put, pertanto, si espone al rischio, alla scadenza, di dover comprare un titolo ad un prezzo superiore a quello di mercato. Una reverse convertible, dunque, è un titolo collegato ad un altro titolo, generalmente un azione quotata, che dà diritto ad incassare una cedola di valore notevolmente superiore ai rendimenti di mercato. L elevato rendimento, però, deve essere valutato in rapporto al fatto che l emittente della reverse, con l acquisto dell opzione put, alla scadenza ha la facoltà di consegnare, in luogo del controvalore del titolo (e cioè di quanto ricevuto dall investitore), un quantitativo di azioni prestabilito dal contratto (nel caso di reverse del tipo physical delivery) ovvero il loro equivalente in denaro (tipo cash). Ovviamente, l emittente avrà interesse ad esercitare la facoltà solo nel caso che il valore dell azione scenda sotto un livello predeterminato. Pertanto chi acquista una reverse convertible confida che il valore dell azione sottostante rimanga immutato o, anche, che aumenti. In conclusione, le reverse convertible non possono essere assimilate al tradizionale investimento obbligazionario; a differenza delle obbligazioni, infatti, non Le reverse convertible 4 Ottobre 2012

7 garantiscono la restituzione del capitale investito che può ridursi in funzione dell andamento negativo dell azione sottostante. In linea teorica, il capitale investito può anche azzerarsi (ferma restando la percezione della cedola), nel caso limite in cui il valore dell azione sottostante si annulli alla scadenza (o ad altra data eventualmente prevista nel regolamento di emissione). Questa caratteristica deve essere attentamente valutata da coloro che si avvicinano a questo strumento finanziario con l idea di effettuare un investimento di tipo obbligazionario. Esempio Un esempio renderà più chiaro il concetto. Titolo: Reverse convertible su azioni Gamma Taglio minimo del titolo (o valore nominale): 2000 Tasso di interesse cedolare al netto della ritenuta del 27%: 15% Nr. di azioni Gamma sottostanti: 200 Valore di riferimento azioni (strike price): 10 Data di lancio (o di emissione): 1 luglio 2012 Scadenza: 1 anno L investitore, con la sottoscrizione, versa all emittente 2000 euro e acquista il diritto ad una cedola (notevolmente superiore ai tassi di mercato) pari a 300 euro. Si espone, però, al rischio di non riavere l intero capitale versato. Alla scadenza, infatti, si possono avere diversi esiti a seconda del valore assunto dall azione in relazione al valore di riferimento (10 euro). 1ª IPOTESI: la quotazione dell azione è superiore al valore di riferimento ed è pari a 13 euro. L emittente non eserciterà la facoltà di consegnare le azioni in luogo dei 2000 euro in quanto il loro controvalore, pari a 2600 euro (200 X 13 euro), è superiore. Il cliente, quindi, riceverà la somma versata più la cedola pattuita, per un totale di 2300 euro pari ad un rendimento del 15% dopo un anno. Questo rendimento rimane uguale per qualsiasi valore dell azione Gamma superiore a 10 euro in quanto, in tutti questi casi, l emittente restituirà i 2000 euro ricevuti più i 300 della cedola. 2ª IPOTESI: la quotazione dell azione è inferiore al valore di riferimento ed è pari a 7 euro. L emittente avrà interesse ad esercitare la facoltà e consegnerà le 200 azioni per un controvalore di 1400 euro. L investitore, quindi, includendo la cedola, otterrà un controvalore complessivo di 1700 euro ( ), con una perdita di 300 euro, pari al 15% del capitale versato (2000 euro). La perdita sarà tanto più grave quanto più bassa la quotazione dell azione Gamma e, seppure teoricamente, può arrivare all 85% in caso di azzeramento del valore dell azione stessa. In questo caso estremo, infatti, il sottoscrittore riceverebbe solo la cedola di 300 euro con una perdita di 1700 euro, pari all 85% del capitale versato. 3ª IPOTESI: la quotazione dell azione è inferiore al valore di riferimento ed è pari a 9 euro. 5 Consob

8 Anche in questo caso l emittente avrà interesse ad esercitare la facoltà e consegnerà le 200 azioni per un controvalore di 1800 euro che, uniti alla cedola, assommano a 2100 euro. L investitore, quindi, otterrà un guadagno di 100 euro, pari al 5%, che risulterà però inferiore al rendimento prospettato del 15%. Può essere utile calcolare il punto di pareggio che corrisponde all quotazione dell azione Gamma che, alla scadenza, consente al sottoscrittore di riavere le stesse somme investite, senza però ottenere alcuna remunerazione dal capitale versato. Nel nostro esempio, questo valore è di 8,5 euro. Ed infatti, moltiplicato per le 200 azioni (1700 euro) e sommato alla cedola (300) consente al sottoscrittore di riottenere, dopo un anno, 2000 euro (pari all investimento originariamente effettuato). Per determinare il punto di pareggio è disponibile un calcolatore su Gli esempi sopra riportati possono essere rappresentati, sinteticamente, con il seguente grafico. Sull asse delle x è riportato l andamento del prezzo del sottostante, mentre sull asse delle y il profitto/ perdita che può generare la reverse convertible. Possiamo vedere che al di sopra del valore del punto di pareggio (8,5 euro) inizia l area di profitto per il portatore del titolo che può arrivare, nel suo valore massimo, a 300 euro (pari al 15% di quanto investito) per valori del sottostante pari o superiori a 10 euro. Sotto il punto di pareggio, invece, comincia l area delle perdite che può arrivare, nel caso di azzeramento del valore del sottostante, fino a 1700 euro, corrispondenti all 85% del capitale investito. Le emissioni di reverse convertible presentano spesso la cosiddetta clausola di knock in che subordina la facoltà dell emittente di consegnare i titoli in luogo del nominale ad una duplice condizione: a) il valore dell azione sottostante alla scadenza sia inferiore al valore di riferimento iniziale e b) durante la vita del titolo (o altro periodo eventualmente predeterminato) l azione sottostante sia scesa, almeno una volta, in un qualsiasi giorno e momento, delle negoziazioni, al di sotto di un certo valore, detto knock-in, inferiore in genere di oltre il 10% rispetto al valore di riferimento. Questa clausola, ponendo un ulteriore condizione all evento sfavorevole, avvantaggia il sottoscrittore. Non è però offerta gratuitamente dall emittente che, in presenza del knock-in, offrirà un interesse cedolare minore. Si deve inoltre osservare che tale struttura determina che, una volta toccata la barriera del knockin, la reverse avrà una probabilità di non rimborsare il nominale tanto maggiore quanto minore è il tempo residuo della reverse. Ciò in quanto il valore dell azione sottostante risulterà già al di sotto del valore di riferimento. Nell esempio precedente, con un knock-in fissato a 6 euro (e con un rendimento netto diminuito al 10%), se l azione Gamma durante la vita della reverse non è mai scesa al di sotto dei 6 euro, l investitore avrà diritto a ricevere il nominale investito anche se l azione alla scadenza è inferiore al valore di riferimento iniziale (10 euro). Pertanto, anche nelle ipotesi 2 e 3 (valore dell azione pari a, rispettivamente, 7 e 9 euro) l acquirente riceverà comunque il valore nominale del titolo (2000 euro) più la cedola (200 euro), con un guadagno pari al 10%. Le reverse convertible 6 Ottobre 2012

9 Per quanto concerne il calcolo del punto di pareggio, si può utilizzare il calcolatore presentato per le reverse senza knock-in, tenendo ovviamente a mente che la consegna delle azioni in luogo del nominale avverrà solo se si verificherà l ulteriore condizione dell abbattimento del knock-in. Unbundling ovvero cosa si compra (e quanto si paga) La reverse convertible è un prodotto finanziario strutturato in quanto, abbiamo visto, presenta due componenti: una di tipo obbligazionario (nominale più cedola) e l altra derivativa (opzione put). Per comprendere appieno cosa si compra è utile fare l unbundling, e cioè scomporre il titolo nelle sue componenti. Nel nostro esempio, quindi, il sottoscrittore acquista il diritto ad una cedola del 15% e cede all emittente la facoltà di vendergli 200 azioni Gamma, al prezzo di 10 euro ciascuna, per un controvalore totale di 2000 euro (che è poi la somma che il sottoscrittore versa per l acquisto della reverse convertible). Individuate le due componenti è possibile attribuire loro un valore: è il primo passo per valutare la convenienza dell investimento. Il valore della componente obbligazionaria è oggettivamente determinabile attraverso l utilizzo della funzione di attualizzazione di un flusso finanziario atteso ai tassi del mercato monetario. Nel nostro esempio, ipotizzando un tasso di mercato pari al 5%, si tratta di determinare il valore attualizzato di un attività finanziaria che dopo un anno assumerà un valore pari a 2300 euro. La formula è la seguente: Va = C t / (1+i) t dove: - Va è il valore attuale che si vuole determinare; - C t è il ricavo atteso alla fine del periodo (nel nostro esempio 2300 euro); - i è il tasso di mercato monetario su base annua (nel nostro esempio 5%); - t è il periodo di riferimento (nel nostro caso un anno =1). Il valore attualizzato, che risulta dalla formula, è pari a 2190,4. Il fatto che il risparmiatore abbia pagato solo 2000 euro non implica affatto una particolare vantaggiosità dell investimento; la differenza di 190,4 euro, infatti, rappresenta il prezzo che l emittente paga all investitore per l acquisto dell opzione put. Ma il prezzo di 190,4 euro può essere considerato congruo? Per rispondere a questa domanda, si deve calcolare il valore teorico dell opzione. A questo fine, su è disponibile un calcolatore. Occorre precisare che, a differenza della determinazione della componente obbligazionaria, la valorizzazione di una opzione implica l individuazione di alcuni dati (quali, in primo luogo, la volatilità) il cui valore è oggetto di stima. 7 Consob

10 Questa materia è ampiamente trattata all interno della scheda informativa riguardante i covered warrant, capitolo Come si calcola il valore di un covered warrant. La lettura e la comprensione delle indicazioni fornite con riguardo ai covered warrant è presupposto necessario per poter procedere alla valutazione della congruità del prezzo della opzione put compresa nella reverse convertible utilizzando il calcolatore che forniamo nel nostro sito internet. Le oggettive difficoltà nel determinare il valore dell opzione, conseguenti alla necessità di stimare caso per caso alcuni dati necessari per il calcolo, non hanno consentito di impostare il calcolatore in modo da restituire il solo valore corretto dell opzione. Il calcolatore rende invece diversi prezzi dell opzione, ciascuno calcolato con diversi livelli di volatilità predeterminati (10, 30, 50, 70 e 90%). Per semplicità di utilizzazione, il calcolatore non richiede l immissione del dato relativo al dividendo dell azione sottostante la put, dato, questo, non facilmente stimabile. Come conseguenza, i prezzi dell opzione restituiti dal calcolatore sono sottovalutati in presenza di una stima positiva del dividendo atteso. Per quanto appena detto, se il prezzo che l emittente paga per la put è inferiore a tutti i prezzi resi dal calcolatore, quasi sicuramente questo prezzo non è congruo ed il risparmiatore riceve meno di quanto dovuto. Se invece il prezzo offerto dall emittente è prossimo a uno di quelli resi dal calcolatore, occorre confrontare il livello di volatilità assunto dal calcolatore per determinare quel prezzo e vedere se corrisponde alla volatilità tipica dell azione o, quanto meno, del relativo settore di appartenenza. Se la volatilità considerata dal calcolatore per determinare il prezzo prossimo a quello offerto dall emittente è notevolmente inferiore a quella propria del titolo o del settore di appartenenza, probabilmente, anche in questo caso, il prezzo pagato dall emittente è inferiore al valore reale dell opzione. I dati di volatilità del titolo o del settore di appartenza possono essere desunti dalla stampa o da siti internet specializzati. Per i titoli quotati al Mercato Telematico Azionario (MTA) italiano, questi dati sono forniti dal calcolatore stesso. In particolare, sono presenti i dati di volatilità storica (a 1, 3, 6, 9 e 12 mesi) che vengono utilizzati per calcolare i corrispondenti prezzi della put. Un approfondimento circa la congruità del prezzo pagato dall emittente può quindi essere effettuato attraverso il suo confronto con il prezzo determinato dal calcolatore in base alla volatilità storica relativa al periodo confrontabile con la scadenza della reverse. Occorre però considerare che la volatilità storica, essendo riferita al passato, non necessariamente è indicativa dell andamento futuro della volatilità del titolo. Per i titoli quotati all MTA che, al contempo, sono sottostanti alle opzioni scambiate sul mercato IDEM, il calcolatore, al fine di rendere più significativo il confronto, fornisce anche il dato, determinato secondo criteri stabiliti dalla Cassa di Compensazione e Garanzia spa, di volatilità implicita rapportabile alla put Le reverse convertible 8 Ottobre 2012

11 compresa nella reverse convertible. La volatilità implicita è così chiamata perché desunta dai prezzi dei contratti di opzione effettivamente scambiati sui mercati. Rappresenta, dunque, l orientamento dei mercati circa la volatilità attesa di una attività e, in quanto tale, costituisce un ulteriore dato utilizzabile per approfondire la congruità del prezzo pagato dall emittente. Come abbiamo visto, i risultati forniti dal calcolatore soffrono di un certo grado di approssimazione che, del resto, è inevitabile se non si vuol rendere lo strumento troppo complesso da utilizzare. Per questa ragione, però, i dati forniti devono essere interpretati e possono portare ad individuare, con ragionevole sicurezza, solo i casi in cui il prezzo che il sottoscrittore riceve dall emittente è manifestamente incongruo. Negli altri casi possono fornire indicazioni da valutare di volta in volta. Il calcolatore, ovviamente, può funzionare solo laddove il risparmiatore è a conoscenza di tutti i dati richiesti. In alcuni casi, come si vedrà (seconda regola contenuta nel capitolo Tre regole per investire in reverse convertible ), l emittente fissa lo strike (e quindi il valore nominale) solo il giorno di emissione, e dunque un giorno successivo a quello in cui il sottoscrittore assume l impegno. In questi casi, l eventuale acquisto avviene senza conoscere elementi importanti del contratto, necessari per l utilizzo dei calcolatori (il calcolatore è su Mercato secondario Le reverse convertible, allo stato, non sono quotate sul mercato telematico delle obbligazioni e dei titoli di Stato (MOT). Vi è infatti una specifica previsione del regolamento della Borsa Italiana spa che esclude l ammissione in questo mercato di titoli il cui rimborso possa avvenire ad un valore inferiore al loro valore nominale. Anche se non ammesse in mercati regolamentati italiani, le reverse convertible possono peraltro essere negoziate in altre sedi di negoziazione ai sensi degli artt. 77-bis - 79 del Testo unico della finanza, ovvero per il tramite dello stesso emittente. Queste forme di negoziazione non necessariamente sono però equiparabili, in termini di trasparenza nella formazione dei prezzi e di liquidità, alla negoziazione su un mercato ufficiale. Queste circostanze determinano che l investitore che voglia rivendere i propri titoli, potrebbe in alcuni casi avere come controparte lo stesso emittente e dovrà eseguire l operazione al prezzo da questo fissato. Tre regole per investire in reverse convertible 1. Conoscere il prodotto Leggere il prospetto informativo ed il regolamento dell emissione al fine di comprendere appieno le caratteristiche del prodotto e, in particolare, il grado di 9 Consob

12 esposizione al rischio che esso comporta (sottoscrivere una reverse convertible non corrisponde alla sottoscrizione di un titolo di Stato!). Inoltre è opportuno verificare se le caratteristiche del prodotto corrispondono alle proprie esigenze, alla propria situazione patrimoniale, alla propria propensione al rischio e alla propria esperienza nel campo degli investimenti (le caratteristiche di un abituale sottoscrittore di titoli di Stato sono diverse da quelle di chi opera in derivati). Comprendere, poi, anche con l aiuto dell intermediario che propone l investimento, il regime fiscale a cui la reverse convertible è assoggettata. 2. Il potenziale vantaggio informativo per l investitore In generale sono possibili alcune accortezze per ridurre la probabilità che l investimento in reverse convertible possa causare perdite in conto capitale. Va premesso che alcuni dei consigli dati in questa sezione si riferiscono al caso più frequente di emissione di reverse convertible, ovvero quello nel quale l opzione che il risparmiatore vende all emittente è, al momento della creazione della reverse convertible, at-the-money. Per capire a fondo il significato di una reverse convertible nella quale l opzione venduta è at-the-money, riprendiamo l esempio esposto in precedenza Titolo: Reverse convertible su azioni Gamma Taglio minimo del titolo (o valore nominale): 2000 Tasso di interesse cedolare al netto della ritenuta del 27%: 15% Nr. di azioni Gamma sottostanti: 200 Valore di riferimento azioni (strike price): 10 Data di lancio: 1 luglio 2012 Scadenza: 1 anno La put implicita nella struttura è at-the-money nel momento della creazione della reverse convertible se il prezzo dell azione Gamma in quel particolare giorno è all incirca pari allo strike price dell opzione put (e quindi al valore di riferimento delle azioni). Questo significa che la cedola che il risparmiatore riscuoterà a scadenza tiene conto del valore del premio di una opzione put at-the-money. Se riprendiamo l esempio proposto nella sezione dedicata all unbundling, supponendo cioè che il tasso di interesse di mercato fosse pari al 5%, il restante 10% della cedola si può considerare, in modo un po grossolano, il premio della opzione put che il risparmiatore ha venduto. Quel premio è stato calcolato su una opzione at the-money. Dal momento in cui la reverse convertible viene creata, al momento in cui il risparmiatore può sottoscriverla passano alcuni giorni (a volte settimane). Ciò è dovuto ai tempi di preparazione dei documenti informativi e/o prospetti, alla pre- Le reverse convertible 10 Ottobre 2012

13 disposizione di tutta l operazione commerciale, ecc.. In questo periodo le condizioni del mercato azionario cambiano e, per questi prodotti, possono cambiare anche molto velocemente. Infatti, nel momento in cui il risparmiatore si trova a sottoscrivere il prestito reverse convertible, è molto probabile che tutti i parametri che influiscono sul valore di questo titolo siano cambiati (prezzo dell azione sottostante, volatilità, dividendo atteso, ecc.), ma non sono cambiate le condizioni contrattuali della reverse convertible. Riassumendo: il prestito reverse convertible viene creato e tutte le condizioni contrattuali (prezzo di sottoscrizione, cedola, strike price, ecc.) sono fissate ad una certa data. Pertanto, il risparmiatore avrà convenienza ad acquistare l ultimo giorno disponibile per la sottoscrizione, in modo da sfruttare tutte le informazioni sul titolo sottostante. Esempio Un esempio chiarirà quanto affermato. Riprendiamo ancora il caso proposto di una reverse convertible su azioni Gamma e supponiamo che la creazione della reverse sia avvenuta esattamente un mese prima della data di lancio-emissione (1 giugno 2012), mentre i risparmiatori possano sottoscrivere le reverse convertible nel periodo 15 giugno-25 giugno. Se la put implicita nella reverse era stata creata at-the-money, il prezzo dell azione Gamma il giorno 1 giugno 2012 oscillava intorno ai 10 euro, valore che è stato preso come strike price per la put (e, quindi, come valore di riferimento per la consegna della azioni per la reverse convertible). Sulla base di questo valore la cedola era stata posta pari al 15%. Vedremo sulla base delle successive due osservazioni che l investitore non avrà alcun vantaggio economico a sottoscrivere la reverse in data anteriore al 25 giugno, ad esempio il 20 giugno. In tali osservazioni, per comodità espositiva, si trascurano gli effetti di cambio nella volatilità del sottostante che saranno approfonditi nella terza e quarta osservazione e che comunque non alterano i risultati di tale conclusione. Osservazione 1 Il 20 giugno, le azioni Gamma valgono 8,5 euro, e, quindi, la put, incorporata nella reverse, risulta in the money. Considerato che l opzione put in-the-money vale più di quella at-the-money (e che è un opzione at-the-money il tipo che ha determinato il valore della cedola della reverse) il premio pagato da chi acquista (l emittente) la put dovrebbe essere superiore e, quindi, la cedola (che approssimativamente è il premio della put) percepita dall investitore dovrebbe essere più alta (es. 20%). Pertanto, può essere sconsigliabile per il risparmiatore acquistare la reverse. Osservazione 2 Il 20 giugno l azione Gamma ha un prezzo di 11,5 euro, la put venduta all emittente è out-of-the-money. Considerato che l opzione put out-of-the-money vale meno della put at-the-money (e che è un opzione at-the-money il tipo che ha determinato il valore della cedola della reverse) il premio pagato da chi acquista (l emittente) la put dovrebbe essere inferiore e, quindi, la cedola (che approssimativamente è il premio della put) percepita dall investitore dovrebbe essere più bassa. Pertanto, l acquisto della reverse potrebbe essere considerato vantaggioso in questa data. Ciononostante nei giorni intercorrenti tra il 20 e il 25 giugno la situazione potrebbe ancora cambiare, ad esempio il sottostante potrebbe tornare al valore di 8,5 euro, nel qual caso varrebbero le considerazioni svolte nella prima osservazione. 11 Consob

14 Ma nel periodo fino all ultimo giorno possono variare anche elementi diversi dal prezzo di Gamma: in particolare, la volatilità. Osservazione 3 Il prezzo del titolo nel periodo 1-20 giugno risulta talmente variabile da generare un incremento della volatilità. Come è noto (si rinvia per un approfondimento alla scheda sui covered warrant) maggiore volatilità vuol dire maggiore prezzo per un opzione; pertanto nella giornata del 20 giugno, ipotizzata per la sottoscrizione della reverse, l acquirente la put (l emittente) dovrebbe pagare un premio più alto e, quindi, l investitore dovrebbe percepire una cedola più elevata. Si è volutamente trascurato di considerare il prezzo del sottostante osservato nella data del 20 giugno, in quanto l impatto di un incremento di volatilità è predominante nella fase di emissione rispetto alle variazioni del sottostante. Quanto detto implica che il risparmiatore ha convenienza ad aspettare l ultimo giorno disponibile per effettuare l acquisto. Osservazione 4 La variabilità del prezzo del titolo nel periodo 1-20 giugno è tale da ridurre la volatilità del sottostante. Dato che minore volatilità vuol dire minor prezzo per un opzione, nella data del 20 giugno il potenziale sottoscrittore percepirebbe un premio maggiore per la vendita della put all emittente attraverso una cedola più elevata. Nuovamente le considerazioni sul valore del sottostante nella data considerata sono superflue. Ciononostante, considerato che nei cinque giorni successivi potrebbe ulteriormente verificarsi una qualche minimale variazione imprevista della volatilità, l investitore avrà comunque convenienza ad aspettare l ultimo giorno. Detto ciò, poniamoci questa domanda: è davvero saggio sottoscrivere la reverse il 20 giugno? Perdere anche solo un giorno del tempo offerto per il periodo di sottoscrizione, esponendo l investitore ad una incertezza legata all andamento del sottostante e della volatilità, non consente al sottoscrittore di sfruttare pienamente il vantaggio informativo del periodo che va dalla creazione della reverse alla fine del relativo collocamento. Recentemente le emissioni reverse convertible stabiliscono, sempre più spesso, lo strike price il giorno di emissione (nell esempio il 1 luglio), eliminando così la possibilità di valutazione in merito all andamento dell azione sottostante. Tuttavia rimane valido quanto detto a proposito della volatilità: un forte incremento della volatilità riduce il valore della reverse e rende più probabile la consegna delle azioni. 3. Ulteriori accorgimenti La creazione e la successiva distribuzione di un prestito reverse convertible coinvolgono una serie di soggetti oltre all emittente, alle banche collocatrici e ai risparmiatori-acquirenti. Molto spesso l opzione che il risparmiatore vende all emittente viene a sua volta venduta dall emittente ad altri intermediari. Questi ultimi possono decidere di tenerla in portafoglio, assieme ad altre migliaia di posizioni, o di venderla nuovamente. Il risultato di tutti questi processi è che, spesso, l intermediario finale che mantiene in portafoglio l opzione non ha niente a che fare con l emittente, né con il prestito reverse convertible, ma si trova a dover gestire questa posizione in modo Le reverse convertible 12 Ottobre 2012

15 da renderla profittevole. Per diversi motivi, molti dei quali indipendenti dalla volontà del singolo intermediario e causati da alcune ragioni tecniche connesse alla gestione del rischio, può capitare, come per tutti i derivati, che il prezzo del sottostante alla scadenza subisca delle pressioni in senso sfavorevole all investitore, qualora si trovi vicino allo strike price. Per questo motivo può essere utile usare alcune accortezze nel prendere in considerazione l acquisto di una reverse convertible. A) La liquidità del sottostante Più un titolo è liquido, più è difficile che questi fenomeni di pressione si manifestino o abbiano qualche effetto. È preferibile non acquistare reverse convertible aventi come azione sottostante un titolo scarsamente liquido (meglio, quindi, i titoli dello FTSE/MIB o comunque titoli molto conosciuti e tradizionalmente liquidi). B) L ammontare emesso Va fatto presente che maggiore è l ammontare del prestito e maggiore è il valore della posizione in derivati (è più elevato il valore della put implicita nella struttura). Per questo motivo è probabile che le pressioni siano accentuate al crescere del valore dell emissione. Questo porta alla considerazione che può essere preferibile privilegiare emissioni di ammontare più contenuto, rispetto a grosse emissioni. C) Il giorno della scadenza (ovvero il giorno delle streghe ) Che prezzo viene utilizzato per definire il rimborso della reverse? Il prezzo ufficiale, di riferimento, di apertura, di chiusura, ecc.. Questi, infatti, sono i prezzi generalmente utilizzati per determinare le modalità di regolamento di prodotti finanziari derivati, quali anche le reverse. È preferibile scegliere reverse convertible il cui prezzo alla scadenza da confrontarsi con lo strike sia il prezzo ufficiale o al massimo il prezzo di riferimento. È sconsigliabile acquistare reverse il cui prezzo alla scadenza da confrontarsi con lo strike sia il prezzo di chiusura o, anche, quello di apertura. Nella fase di apertura, infatti, la liquidità è molto scarsa e gli operatori istituzionali non sono tenuti, a differenza di quanto previsto per i prodotti derivati quotati nell IDEM, a presentare anticipatamente gli ordini di acquisto o vendita rivenienti dalle proprie procedure di controllo dei rischi. Questo potrebbe determinare che il mercato non riesca ad adeguarsi con sufficiente rapidità a tali ordini e pertanto i prezzi 13 Consob

16 potrebbero subire delle pressioni in senso sfavorevole all investitore. Ancora, è preferibile non acquistare reverse convertible scadenti in particolari giorni di borsa, caratterizzati da scarsi scambi sul titolo sottostante (ad esempio intorno al 6 Gennaio, al 1 Novembre, all 8 Dicembre, ecc.). D) Dettagli sul knock-in La presenza di pressioni può essere ancora più rilevante nel caso delle reverse con presenza della clausola di knock-in. In tal caso, infatti, è normalmente previsto che un qualsiasi prezzo pari o inferiore al knock-in, rilevato in un qualsiasi momento delle negoziazioni di borsa durante l intera vita del titolo, possa essere ritenuto valido per determinare la rottura della barriera. Si ricorda che la barriera è inferiore al prezzo strike; pertanto la rottura della barriera determina che l opzione risulta già in-the-money e quindi incrementa la probabilità che il risparmiatore riceva alla scadenza i titoli o il differenziale al posto del nominale sottoscritto. Il ruolo della Consob L emissione delle reverse convertible è sottoposto al controllo della Consob nell ambito della disciplina della sollecitazione all investimento. L offerta al pubblico di strumenti finanziari, infatti, è generalmente sottoposta a questa disciplina. Pertanto l offerta al pubblico di reverse convertible deve essere preceduta dalla pubblicazione del prospetto informativo. Un pò di norme La sollecitazione del pubblico risparmio è disciplinata dagli articoli 91 e seguenti del Testo Unico della finanza e dagli articoli 3 e seguenti del relativo regolamento di attuazione (regolamento Consob n ). I soggetti collocatori, poi, nel rapporto con i clienti sono tenuti al rispetto di una serie di norme contenute del Testo Unico della finanza (articoli 21 e seguenti) e nel regolamento Consob n (articoli 26 e seguenti). La Consob effettua un attività di vigilanza sulla trasparenza dell operazione e sulla correttezza delle modalità con cui viene sollecitato il pubblico risparmio. Un operazione finanziaria è trasparente quando l investitore è in grado di valutarne le caratteristiche, la convenienza ed i rischi grazie alle informazioni che sono messe a sua disposizione. Il principale strumento informativo per il pubblico è il prospetto informativo il cui contenuto è preventivamente sottoposto alla Consob. Oltre che sulla trasparenza la Consob vigila affinché l operazione si svolga se- Le reverse convertible 14 Ottobre 2012

17 condo principi di correttezza che devono ispirare l attività sia del soggetto emittente che dei soggetti collocatori. Il tutto nell interesse dei risparmiatori. Infine, per ogni emissione le banche sono tenute a mettere a disposizione un foglio informativo analitico ai sensi delle prescrizioni della Banca d Italia. I quesiti più frequenti 1 - Quando investire in reverse convertible? 2 - Se devo disinvestire parte del mio patrimonio per acquistare una reverse convertible, cosa è meglio che venda? 3 - Se ho in portafoglio una azione e acquisto una reverse convertible sulla stessa azione sto riducendo il rischio? 4 - La reverse convertible è un titolo adatto per fare speculazione? 5 - A chi devo rivolgermi per vendere la reverse convertible prima della scadenza? E il prezzo che mi viene proposto può considerarsi equo? 1) Quando investire in reverse convertible? Data la struttura di una reverse convertible, il guadagno massimo che il risparmiatore può ottenere si realizza se il valore del titolo sottostante non diminuisce, durante la vita della reverse, al di sotto del valore dello strike price. Per questo motivo, supponendo che il valore del titolo sottostante al momento della sottoscrizione sia all incirca uguale a quello di riferimento, chi acquista la reverse convertible ritiene che i prezzi dell azione sottostante rimarranno sostanzialmente stabili o al massimo subiranno un lieve apprezzamento. Peraltro, chi ha aspettative di forte rialzo del titolo sottostante può avere maggior interesse a comprare direttamente le azioni perché il massimo profitto derivante dall acquisto di reverse convertible non può in alcun caso eccedere la cedola, il cui valore è prefissato. Il tipico acquirente di una reverse convertible è, quindi, il risparmiatore che punta sulla stabilità dell azione sottostante, ritenendo che, nel periodo di vita della reverse, il valore dell azione non crescerà, né scenderà di molto. 2) Se devo disinvestire parte del mio patrimonio per acquistare una reverse convertible, cosa è meglio che venda? L investimento in reverse convertible può comportare potenzialmente la perdita di tutto il capitale investito (con eccezione della cedola interessi che viene comunque pagata); pertanto nel portafoglio di un piccolo risparmiatore dovrebbe rappresentare una parte minima del capitale e non dovrebbe sostituire i tradizionali titoli obbligazionari. Piuttosto, un investimento in reverse convertible può essere una buona alternativa alle azioni qualora non si abbiano particolari aspettative di rialzo del mercato; ciò in quanto chi ha aspettative di forte rialzo del titolo sottostante può avere maggior interesse a comprare direttamente le azioni perché il profitto derivante dall acquisto di reverse convertible non può in alcun caso eccedere la cedola, il cui valore è prefissato. 15 Consob

18 3) Se ho in portafoglio una azione e acquisto una reverse convertible sulla stessa azione sto riducendo il rischio? No, il rischio sta aumentando perché entrambi i rendimenti dipendono dall andamento di un medesimo titolo. Per esempio, se alla scadenza della reverse l azione avesse perso il 50%, il risparmiatore che avesse acquistato l azione e la reverse avrebbe perso in conto capitale: - il 50% sul titolo azionario; - il 50% sulla reverse convertible; mentre avrebbe guadagnato solamente la cedola interessi della reverse convertible. Di conseguenza il patrimonio risulterebbe quasi dimezzato. 4) La reverse convertible è un titolo adatto per fare speculazione? No. Le reverse convertible sono titoli con breve scadenza (normalmente inferiore all anno) e non sono quotate sul mercato ufficiale, pertanto non si adattano ad operazioni di trading (acquisto e rivendita sul mercato più volte prima della scadenza). L investitore che acquisti una reverse convertible dovrebbe mettere in conto di portare a scadenza l investimento. 5) A chi devo rivolgermi per vendere le reverse convertible prima della scadenza? E il prezzo che mi viene proposto può considerarsi equo? Dato che le reverse non possono essere quotate in Borsa, per venderle prima della scadenza bisogna verificare se siano negoziate in un sistema di scambi organizzati (s.s.o.) ovvero rivolgersi alla propria banca. Il prezzo che la banca propone, normalmente determinato sulla base delle indicazioni dell emittente (qualora non sia essa stessa l emittente), non è facilmente valutabile da parte dell investitore non professionale. Inoltre, questo prezzo contiene in sé anche una commissione per l intermediario, come sempre avviene nell attività di intermediazione. Abbiamo detto che un investimento in reverse convertible equivale all acquisto di una obbligazione e alla vendita di una opzione put all emittente, il cui premio è incassato sotto la forma di una cedola interessi molto alta. Il valore di una reverse convertible, pertanto, può diminuire o a seguito della diminuzione del valore della componente obbligazionaria oppure per un incremento del valore della put. Il valore di un obbligazione a tasso fisso si riduce in conseguenza di rialzi dei tassi di interesse. Il valore della put, invece, aumenta al ridursi del prezzo del sottostante (in verità, ci sono altri fattori che influenzano il valore per i quali si rinvia alla scheda informativa sui covered warrant, avendo cura di leggere tali indicazioni facendo però attenzione al fatto che il risparmiatore sta vendendo Le reverse convertible 16 Ottobre 2012

19 una opzione). Nel nostro caso, il valore dell obbligazione difficilmente diminuirà, in quanto la breve durata e la cedola sensibilmente più elevata rispetto ai tassi di mercato la rendono insensibile a variazioni dei tassi di interesse. È invece possibile che la put incrementi il proprio valore per effetto dei fattori che ne determinano il prezzo e, fra questi, il decremento della quotazione del sottostante. Inoltre, si sottolinea che l investitore dovrebbe incassare anche il rateo della maxi-cedola prevista dal regolamento della reverse. Pertanto, l unico motivo per cui l emittente può rimborsare meno dell importo investito è un sensibile incremento nel valore della componente derivata, che arrivi a compensare anche il valore del rateo che l investitore deve percepire. Nella tabella che segue (e che non tiene conto del rateo), si danno alcune indicazioni approssimate, ma complessivamente efficaci, per comprendere la congruità del prezzo della reverse offerto dall acquirente, partendo da quello di sottoscrizione. Infatti, se: Per saperne di più Per coloro che volessero approfondire gli argomenti trattati in questa sede, la Consob ha pubblicato alcuni Quaderni di finanza attinenti alla materia. In particolare, consigliamo la lettura dei seguenti: N Volatilità dei titoli industriali e volatilità dei titoli finanziari: alcuni fatti stilizzati (M. Bagella e L. Becchetti); N Reverse Convertible: costruzione e analisi degli effetti sul mercato dei titoli sottostanti (D. Canestri, L. Amadei). 17 Consob

20 CONSOB Via G.B. Martini, Roma - Tel Fax Via Broletto, Milano - Tel Fax

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati 1.1.1. I titoli di capitale Acquistando titoli di capitale

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATIVI

DOCUMENTI INFORMATIVI Sede sociale: Cortona, Via Guelfa, 4 Iscritta all albo delle Banche al n. matr. 506.6.0 Capitale sociale e riserve al 31/12/2013 32.044.372,37 i.v. Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di AREZZO

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 SERVIZIO SULLE OPZIONI SU AZIONI (ISOALPHA) 1. INTRODUZIONE Con la piattaforma T3 di Webank possono essere negoziate le Opzioni su Azioni (Isoalpha), contratti di opzione

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SANTERAMO IN COLLE (BARI) Aggiornata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 03 DICEMBRE 2014 VVeer r..1111

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore I principali prodotti derivati Elementi informativi di base Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice I - Premessa 3 II - Cosa sono i prodotti derivati 4 III - I principali prodotti

Dettagli

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione A) Informazioni generali 1. L Impresa di assicurazione Parte I del Prospetto d Offerta - Informazioni sull investimento e sulle coperture assicurative Parte I del Prospetto d Offerta Informazioni sull

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE.

GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE. GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE. CONSERVA QUESTA GUIDA, TI SARÀ UTILE NEL PERIODO DI OFFERTA. IL PRESENTE DOCUMENTO NON È UN PROSPETTO INFORMATIVO, OGNI DECISIONE DI INVESTIMENTO DEVE ESSERE ASSUNTA SOLO

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo Luca Cappellina GRETA, Venezia Che cosa sono i futures. Il futures è un contratto che impegna ad acquistare o vendere, ad una data futura,

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

GUIDA OPZIONI BINARIE

GUIDA OPZIONI BINARIE GUIDA OPZIONI BINARIE Cosa sono le opzioni binarie e come funziona il trading binario. Breve guida pratica: conviene fare trading online con le opzioni binarie o è una truffa? Quali sono i guadagni e quali

Dettagli

«Dexia Crediop Obbligazioni legate all Inflazione con floor 28.03.2012 di nominali massimi Euro 250.000.000»

«Dexia Crediop Obbligazioni legate all Inflazione con floor 28.03.2012 di nominali massimi Euro 250.000.000» Sede legale e amministrativa: Via Venti Settembre, 30 00187 Roma Tel. 06.4771.1 Fax 06. 4771.5952 Sito internet: www.dexia-crediop.it n iscrizione all Albo delle Banche: 5288 Capogruppo del Gruppo bancario

Dettagli