Conciliazione: una questione irrisolta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Conciliazione: una questione irrisolta"

Transcript

1 Conciliazione: una questione irrisolta relazione di Marina Piazza Gender Milano Io intanto vorrei dire che credo che la questione della conciliazione, per come si è realizzata finora e della conciliabilità per le prospettive che apre sia una delle questioni più intricate della contemporaneità perché mette insieme tantissimi aspetti sociali e perché fa emergere le interdipendenze tra quello che succede dentro la famiglia tra uomini e donne, tra generi e tra generazioni. Non dimentichiamoci che noi - per come è stato detto anche stamattina parliamo molto della conciliazione per quanto riguarda i piccoli, i bambini, ma il dramma più grande che ci si presenta, e che ci si aprirà davanti come un baratro, è quello degli anziani non autosufficienti. La conciliazione è però in relazione anche con il mercato del lavoro e però è anche in relazione con le diverse politiche e i loro paradigmi predominanti in tema di conciliazione, cura, occupazione eccetera. Quindi non è un questione marginale quella che stiamo affrontando da tanti anni e che è stata affrontata anche stamattina, ma una questiona e assolutamente centrale del funzionamento di una società e, per riprendere anche molto brevemente quello che diceva stamattina Rossana Trifiletti, nella formulazione iniziale, europea, e per così dire teorica della conciliazione, la conciliazione si presentava come un'azione politica con la finalità di ridisegnare l'organizzazione complessiva della società cioé in qualche senso si potrebbe dire che sia come il riconoscimento della necessità di una società che cura. Con l'andare del tempo io penso che ci siano stati due fattori che, come sottolineano molto bene molte autrici, ultimamente anche Saraceno e Naldini (2011), a partire dal trattato di Amsterdam e dalla definizione della strategia europea per l'occupazione hanno in qualche modo inficiato questa visione complessiva della conciliazione anche in sede europea e rappresentato due deficit e due potenziali fattori di stravolgimento e di fallimento. Il primo fattore è che le

2 politiche di conciliazione hanno in qualche modo oscurato le politiche di pari opportunità e possono perfino costituire uno svantaggio per le donne se non si dà priorità al coinvolgimento degli uomini nel lavoro di cura, nel lavoro domestico, come precondizione per poter modificare la divisione di genere nella famiglia, nel lavoro e costruire uguaglianza nella vita pubblica. La settimana scorsa ero ad un convegno della Banca d'italia ha fatto un intervento Andrea Ichino per sostenere la sua posizione di detassazione del lavoro femminile e diceva Se ci fosse qui c'era, era andata via per un momento la Ministra per le Pari Opportunità le direi altro che quote nella rappresentanza, bisogna fare le quote in famiglia. Qui se non si risolve questo problema è inutile che noi discutiamo di qualsiasi altro problema. Dopodiché però lui portava come risoluzione di questo problema la detassazione del lavoro femminile che a mio parere è eventualmente uno spicchietto, se siamo sempre d'accordo il che non è sicuro, di una visione più complessiva. Però questo è importantissimo e questo fattore è stato in qualche modo oscurato in questi ultimi tempi, a partire proprio dal fatto che la conciliazione è stata inserita nella strategie europea per l'occupazione e quindi si è messo tutto l'accento su questa cosa dell'occupazione femminile. Secondo fattore: il modello del breadwinner universale, donne e uomini nel mercato del lavoro, doppia carriera eccetera, che è il modello europeo, oscura il fatto che non si affronta attraverso questo modello la cesura insensata che c'è nelle vite di uomini e di donne tra il volerci essere e trasformare nel mondo e nelle società e la voglia e la responsabilità di prendersene cura. Naturalmente sono importantissimi i servizi, ma non bastano perché bisogna riconoscere il fatto dell'importanza della cura e non, come a volte fa l'unione Europea, come rischio per la presenza nel mercato del lavoro, ma come un'attività umana irrinunciabile che è al fondamento dell'etica della cittadinanza. Non tenere conto di questo implica, in questa fase soprattutto, tra le giovani donne, un gap fortissimo tra soggettività di donne e uomini e politiche pubbliche.

3 Mi torna in mente qualcuno che stamattina diceva Avendo soldi si comprano servizi non basta perché bisogna riconoscere la voglia, il desiderio di uomini e di donne di stare anche un po' con i loro bambini, di dare qualcosa che poi gli ritorna in termini di amore, di affettività. Fatta questa premessa, proprio rapidamente, perché penso che siamo tutti d'accordo, come la conciliazione è entrata a far parte delle politiche nazionali? Io credo, e lo sappiamo tutti, che il tema della conciliazione sia entrato nelle politiche italiane ed europee a partire dal '93-95, e quindi nelle politiche italiane una decina di anni fa, ma ma non è mai diventato il fulcro delle politiche sia sociali che lavorative. A mio parere è diventata una pratica discorsiva, retorica, che copre vistosi arretramenti. Si parla sempre di conciliazione, in realtà non si fa mai nulla. Perché l'italia è uno dei paesi europei su questo vado veloce perché si è detto anche stamattina in cui si è meno lavorato per adeguare le politiche attive del lavoro, le politiche sociali e familiari alle trasformazioni in atto nel mercato del lavoro, nella composizione delle famiglie, nelle identità dei soggetti donne e uomini. Stamattina c'era uno studente che diceva è una novità, ma no non è una novità è una novità perché di fatto non si è mai lavorato in questo senso. D'altra parte non bisogna dimenticare che noi veniamo da un mondo strano perché vorrei ricordare che - adesso non ce li ho a memoria, ma più o meno, quasi un segmento della sentenza della Corte Costituzionale del 1969 in cui si appoggiava il prepensionamento delle donne, in cui si diceva bisogna tener conto che la donna ha meno resistenza fisica degli uomini e che è quindi opportuno delimitare il periodo di distrazione dalle cure domestiche. Dunque il lavoro come distrazione dalle cure domestiche, è da lì che veniamo e quindi ce la portiamo dietro tutta questa cosa. Al contrario, diciamo, in questi ultimissimi tempi il modello familista nostro del welfare è uscito assolutamente rafforzato dai tagli recenti che hanno ridotto drasticamente, qualche volta anche azzerato, i dieci fondi a carattere sociale. E' stata una manovra complessiva che ha portato alla riduzione di quasi il 79% dei 10 fondi a carattere sociale tra il 2008 e il 2011 e ha praticamente consegnato alle famiglie la risoluzione dei problemi sociali.

4 Anche il mancato finanziamento, che è durato 1 anno e mezzo, dell'articolo 9 della legge 53, che ha bloccato tutti i bandi per le azioni nelle aziende, e che è stato fatto perché siamo sempre in un clima surreale è stata fatta questa chiusura del bando in contemporanea con la riforma del bando stesso perché doveva diventare qualcosa di molto più utile ed è stato bloccato, anche questo è stato dovuto alla scarsità di fondi a disposizione del Ministero erogatore oltre che forse anche alla presenza non particolarmente accogliente del Sottosegretario Giovanardi. I risparmi derivati dalla parificazione dell'età pensionabile nella pubblica amministrazione, quasi 4 milioni di euro tra il 2010 e il 2020, che avrebbero dovuto essere destinati per principio, per regola, alla conciliazione, sono spariti, affondati nelle sabbie mobili della spesa pubblica e in effetti quando ora propongono il pensionamento anche nel privato non hanno neanche fatto riferimento perché tanto sanno che sarebbero andati persi anche questi. Per ultimo la manovra ultima che fa pagare alle donne prezzi altissimi, quasi che l'obiettivo sia quello di scoraggiare le donne dal presentarsi o restare nel mercato del lavoro e riconfinarle a casa. E questo naturalmente crea una contraddizione pazzesca tra un modello di cura ormai alle nostre spalle, tradizionale, tra le identità, i desideri, le voglie delle donne, e gli orientamenti di autonomia e di presenza delle donne. Volevo darvi solo un dato: in Lombardia, nel 2010, sono aumentate del 14% le donne che hanno dato le dimissioni dopo il rientro dal congedo di maternità, entro il primo anno di vita del bambino, e per il 2011 si stima il 18% in meno di assunzioni di donne il dato nazionale peraltro è del 20%. Allora si potrebbe definire il quadro italiano come un quadro di forte immobilismo istituzionale, segnato da qualche increspatura come per esempio gli accordi territoriali per le reti di conciliazione del febbraio 2010 nell'ambito dell'intesa sottoscritta tra Governo, Regioni e Province autonome per la suddivisione dei fondi per azioni di conciliazione, complessivamente, in tutta Italia 38 milioni di euro. Oppure l'intesa tra Governo e parti sociali sulle linee guida per la conciliazione firmata il 7 marzo 2011.

5 insomma, complessivamente scarsità di fondi, non so, ci possiamo domandare come si domandavano ad un recentissimo convegno dell'irss a Milano Ma dobbiamo fare le nozze con i fichi secchi?, domandiamocelo, forse possiamo anche pensare che è così e che bisogna darsi da fare noi, in mancanza... Allora ritorniamo un po' al tema della vostra ricerca che più che una ricerca, come avete spiegato, è un tentativo di far entrare questo tema nel discorso pubblico e quindi di diffusione e sensibilizzazione. La conciliazione, come sappiamo io lo chiamo un ecosistema è fatta di tre sottosistemi. A livello di primo sottosistema c'è la relazione di scambio tra donne e uomini nelle famiglie, nel lavoro di cura. Cosa si può fare da questo punto di vista? Una cosa che si potrebbe fare e che non si sta facendo è l'intervento legislativo perché qui è in gioco tutto il sistema dei congedi parentali noi è vero che abbiamo i congedi parentali a livello europeo, però siamo l'unico paese europeo in cui i congedi parentali non possono essere fatti part-time, siamo l'unico paese europeo in cui sono pagati al 30% invece che al 45 o 50 % come in altri paesi, insomma si potrebbe molto intervenire su questo e si potrebbe intervenire sul congedo di paternità - adesso c'è stato un disegno di legge che ancora non è stato firmato e che portava a 4 giorni il congedo di paternità obbligatorio io penso che questo o si fa, anche se sembra un diktat, obbligatorio, o non si fa altrimenti finisce come i congedi parentali perché lì non ci sono solo le resistenze degli uomini, ci sono anche le ostilità delle aziende. Un padre che prende il congedo parentale o che potrebbe prendere il congedo di paternità in via non obbligatoria, viene immediatamente marchiato come un lavoratore femminilizzato e viene considerato come peggio delle donne. La seconda area è quella della sensibilizzazione, che è soprattutto quello che avete fatto in questo vostro intervento, diciamo, soprattutto tra i giovani, soprattutto nelle scuole e ci sono state esperienze in diversi paesi europei, pochissimi in Italia, ma anche a Prato stiamo portando avanti un'esperienza che dura da 4 o 5 anni e che riguarda le scuole dell'infanzia. E' un percorso lungo, poco frequentato ma sicuramente un investimento strategico. Si dovrebbe

6 renderlo un obiettivo che passi in tutte le scuole e bisogna farlo bene, perché non si tratta tanto di andare a parlare nelle scuole di pari opportunità, che va sopra 10 metri alla testa dei ragazzi. Si tratta di andare a scavare e a ricercare gli stereotipi, a farli parlare loro. Se un ragazzo dice le donne devono stare a casa non posso dirgli ma sei scemo? devo capire e fargli capire perché devono stare a casa, quindi affrontare gli stereotipi, come dice sempre la Lambertini, è andare a interrogare, interrogare, interrogare fino allo sfinimento e non a dire delle cose. Quindi sono interventi complessi, che devono essere fatti da persone formate, si devono formare gli insegnanti perché poi siano portati avanti nel tempo perché io credo che come un po' risulta anche dagli incontri che avete fatto ancora questa divisione dei ruoli non sia scomparsa, nonostante questo anelito alla parità che si coglie a volte nei giovani, ma riappaia sotto traccia perché non è soltanto una divisione materiale del lavoro, è soprattutto una divisione simbolica. Se un uomo pensa che il lavoro di cura, di affettività, di accoglimento sia un attentato alla sua virilità, se una donna pensa che se non raggiunge la perfezione nel lavoro di cura non verrò considerata una buona moglie, una buona figlia, una buona madre, siamo sul terreno simbolico e lì bisogna lavorare, scavare, con molto approfondimento perché gli stereotipi sono delle armi potentissime, perché sono strutture congelate di senso e quindi bisogna lavorare a disfare per liberare energie e desideri dalla clausura di strutture già fatte. E per questo io penso che tutta l'azione di sensibilizzazione nelle scuole sia importantissima, anche perché nonostante l'anelito dichiarato alla parità i dati delle ricerche direbbero che sembra che le donne in qualche modo abbiano ridotto il lavoro domestico in senso reale, materiale, e però gli uomini partecipano ancora poco. Allora qualcuno dice è una rivoluzione bloccata o è una convergenza ritardata?, nel senso che si presume che saranno forse più le donne ad adottare dei comportamenti maschili che gli uomini ad adottare comportamenti femminili. La terza area è quella delle campagne mediatiche. Negli altri paesi d'europa, e basterebbe citarne solo uno, l'olanda, che ha fatto una campagna che è durata un anno e mezzo e che ha coinvolto tutti i media, tutte le scuole, tutte le università

7 eccetera eccetera finanziata con il Fondo Sociale Europeo. Noi abbiamo qualche piccola punta carsica di queste campagne ma non è che abbiamo delle campagne vere e proprie che sono poi rivolte appunto ai giovani Il secondo sottosistema è la trasformazione di come può agire la conciliazione all'interno delle organizzazioni di cui ha parlato Luca Salmieri stamattina. Io credo che benché la necessità del benessere organizzativo e quindi anche il tema della conciliazione venga astrattamente recepita dalle organizzazioni, poi molto spesso il suo recepimento si traduce in non azioni e anche la difficoltà che voi avete avuto a trovare delle aziende è naturalmente un esempio di questa difficoltà. Ci sono state diverse esperienze di conciliazione anche grazie al finanziamento dell'articolo 9 della legge 53 soprattutto anche per l'input dell'unione Europea perché sono avvenute soprattutto nelle grandi multinazionali, però i progetti finanziati sono al di sotto delle possibilità di finanziamento e poi sono esperienze rimaste carsiche, poco conosciute, non hanno creato sistema, non hanno dato origine aduna vera cultura della conciliazione Allora io sono d'accordo che esistano delle pratiche di conciliazione anche nelle piccole aziende dalle quali è più difficile tirarle fuori, naturalmente, perché sono molto più informali e tuttavia è importante tirarle fuori, ma secondo me bisogna vedere dei fenomeni un pochino più generali, e bisogna partire dalle trasformazioni del mercato del lavoro, in questa fase. La cosa che è interessante è vedere che a volte nella stessa azienda ci sono misure di conciliazione e discriminazioni palesi. Non so, magari fanno qualcosa e poi si rifiuta il part-time alla donna che lo chiede quando ritorna dalla maternità, con discriminazione e anche mobbing. E su questo volevo dire una cosa che veniva fori anche un po' dal report di Luca, cosa si è fatto di più? Si è fatto un po' di più nel tentativo di liberare lavoro, servizi per riassumere, il maggiordomo in azienda che ormai è una parola che passa, cioè fare tutte quelle cose che sennò un lavoratore o una lavoratrice perde tempo a fare come fare tutte le pratiche, eccetera, aiutare... dopodiché potrebbe venire il dubbio: ma lo fai per liberare il tempo perché lui o lei stia di più con il suo bambino o perché te lo dia di più in azienda?

8 Si è fatto di più per progetti per il sostegno e il supporto al rientro dalla maternità o dalla paternità - ci sono degli esempi molto belli da questo punto di vista, non sempre, perché io ho sentito dalla consigliera del Veneto la registrazione fatta per essere portata in processo di un imprenditore che telefonava a questa che aveva fatto il secondo figlio e le diceva: Non farti vedere mai più in quest'azienda, non voglio vederti mai più, quindi delle cose fatte bene e poi un sostrato di mobbing...da questa ricerca che ho fatto un anno e mezzo fa in provincia di Venezia il libro si chiama Attacco alla maternità perché veramente ci sono delle situazioni quasi incredibili oggi come oggi. Si è fatto qualcosa sui nidi aziendali, si è fatto molto molto meno sulla flessibilità degli orari. Nel sistema delle imprese quindi l'insieme delle misure di conciliazione, in Italia, ha avuto un andamento carsico, diciamo, e io mi sono chiesta perché. Perché non è stato accolto? Potrebbe invece essere qualcosa che serve all'organizzazione... perché nonostante le trasformazioni del mercato del lavoro resiste ancora oggi e non è stato intaccato il modello organizzativo di base, e cioè nonostante i cambiamenti il modello di base è il modello male oriented anytime, anywhere, disponibilità totale. E in cui la disponibilità di tempo e di spazio implica una carriera lineare, mentre le donne sono quelle che esercitano l' opting out, che si tirano fuori per parti importanti della loro vita e appunto anche nei documenti se voi andate a vedere i documenti sulla flexi-curity, i documenti europei, l'attività di cura svolta prevalentemente dalle donne viene vista come una costrizione del tempo disponibile per il lavoro retribuito come rischio, appunto e non come una preziosa attività sociale, oltre che individuale, il cui coinvolgimento ha un valore intrinseco perché produce benessere sociale. Secondo perché la conciliazione è stata interpretata solo come una serie di misure a favore delle donne, alimentando una visione di tutela che è tipica del modello fordista dove le donne sono sopportate, considerate soggetti deboli e da tutelare, ma la cui tutela pesa sull'azienda come un costo aggiuntivo.

9 Terzo perché la conciliazione è stata considerata come una questione a sé, e non come una componente vitale del processo di riorganizzazione del lavoro. Questo è l'elemento di base, secondo me, riorganizzazione che dovrebbe collegare valorizzazione delle competenze e rifiuto dello spreco dei talenti e azioni di contrasto agli stereotipi con le misure di conciliazione. Non ti diamo un part time, poveretta che poi devi tornare ma vogliamo che il tuo talento possa svilupparsi anche in azienda. Volevo citarvi questo, una manager del personale di una grande azienda che adesso per nostra fortuna è anche Assessore al benessere della città di Milano, lei diceva E' incredibile la cecità dei datori di lavoro rispetto al peso della frustrazione da negazione. Lei dice Ma come, ti nego un part time quando ritorni dalla maternità e non penso a tutto quello che perdo rispetto alla tua motivazione di lavoro? E' una vera perdita e ci si àncora ancora a posizioni rigide di un mercato del lavoro che ormai è obsoleto invece che fare una lettura intelligente dello spazio e del tempo flessibile. Infine, perché l'articolo 9 della L. 53 riguarda specificamente le aziende e le organizzazioni e nella sua prima formulazione presentava molte criticità, burocratiche ed altro, poi dopo è stato bloccato, adesso è ricominciato, vediamo come va. Io non sono molto ottimista. Il secondo fattore, secondo me il fatto più importante, è che le trasformazioni del mercato del lavoro sono andate alla velocità della luce in questi ultimissimi anni e non si tratta più di destandardizzazione degli orari, ma di destandardizzazione dei rapporti di lavoro. Allora, oggi le giovani donne ma anche i giovani uomini che entrano nel mercato del lavoro come lavoratori a progetto, partita Iva, lavoratrici intermittenti, precarie, interinali... allora i dati ISTAT ci dicono che il 43% delle donne italiane con età inferiore ai 40 anni e addirittura il 55% della forza lavoro femminile sotto i 30 anni non potrebbe accedere alla maternità con tutte le tutele previste oggi dalla legge. Quindi quando abbiamo queste giovani donne che lavorano un mese se va bene e che non hanno nessuna tutela, ma con che coraggio andiamo a parlare loro di conciliazione se non c'è il lavoro? Prima della conciliazione vorrei il lavoro. Allora: vorrei il lavoro, vorrei

10 anche il lavoro che vorrei, perché c'è anche questo desiderio di non entrare in una macchina massacrante ma di correre anche qualche rischio per la realizzazione di sé e allora bisogna rompere questo modello che lega il welfare al lavoro. E per esempio una delle proposte può essere quella dell'indennità di maternità universale, quindi la maternità è un fatto sociale e devono avere la maternità le donne che lavorino, che non lavorino che siano studentesse, che siano disoccupate, eccetera eccetera. E questa è una nuova frontiera della conciliazione perché qui non possiamo più parlare di conciliazione pensando ad un mercato del lavoro che esiste ancora perché è vero che la maggioranza è ancora in questo rapporto non direi privilegiato ma standard ma è vero anche che sempre e di più c'è un mercato del lavoro e una società molto mobile per cui alle volte non si può nemmeno fare la distinzione tra lavoro e vita, vita e lavoro/lavori si intersecano talmente che tu non devi restare attaccata a vecchie formule. L'altro sottosistema è quello del pubblico è molto difficile fare una politica trasversale come per definizione è la politica di conciliazione, perché ci sono tutte vie molto parallele e trovare la trasversalità tra i vari assessorati, fare protocolli... Insomma, qui il problema si pone proprio nel senso di dire: la conciliazione o interessa tantissimi attori sociali parti sociali eccetera, vari assessorati, o è trasversale quindi, e ridisegna la mappa del welfare o non è e quindi potremo dire, con il titolo di un libro peraltro bello di Egidio Riva non Quello che resta della conciliazione ma quando comincerà la conciliazione? perché finora non l'abbiamo ancora vista. Naldini, M. e Saraceno, C. 2011, Conciliare famiglia e lavoro. Vecchi e nuovi patti fra sessi e generazioni, Bologna, il Mulino. Riva, E Quel che resta della conciliazione. Lavoro, famiglia, vita privata tra resistenze di genere e culture organizzative, Milano, Vita e Pensiero.

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi.

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. LA CENTRALE RISCHI Di Emanuele Bellano MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. Noi volevamo avere qualche informazione per un mutuo. Allora

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica.

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica. PREMESSA I libri e i corsi di 123imparoastudiare nascono da un esperienza e un idea. L esperienza è quella di decenni di insegnamento, al liceo e all università, miei e dei miei collaboratori. Esperienza

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi.

Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi. "Successo senza paura nel lavoro e nella vita" di Geshe Michael Roach Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi. Note

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Karin Wüthrich, pedagoga sociale, Esercito della salvezza Quando, nell autunno 2008, il signor K. è stato messo in malattia, il responsabile dell Esercito della

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

Occupazione femminile

Occupazione femminile Occupazione femminile Le misure per l inserimento lavorativo delle donne Francesca Di Giovangiulio Struttura Lavoro e Professioni Roma, Corso D Italia, 33 Il lavoro della giornata Quali numeri per le donne

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

L AZIENDUCCIA. Personaggi: Cav. Persichetti, Agente 008, Cav. Berluscotti, Assunto.

L AZIENDUCCIA. Personaggi: Cav. Persichetti, Agente 008, Cav. Berluscotti, Assunto. L AZIENDUCCIA Analisi: Sketch con molte battute dove per una buona riuscita devono essere ben caratterizzati i personaggi. Il Cavalier Persichetti e il cavalier Berluscotti devono essere 2 industriali

Dettagli

COMMISSIONE CONSILIARE III. Sanità e Assistenza. Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI

COMMISSIONE CONSILIARE III. Sanità e Assistenza. Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI COMMISSIONE CONSILIARE III Sanità e Assistenza Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI Argomento n. 4 all ordine del giorno: ITR N. 3113 Bando per l'accesso alla "Dote

Dettagli

volontario e lo puoi fare bene».

volontario e lo puoi fare bene». «Ho imparato che puoi fare il volontario e lo puoi fare bene». Int. 8 grandi eventi e partecipazione attiva Una fotografia dei volontari a EXPO 2015 Dott.sa Antonella MORGANO Dip. di Filosofia, Pedagogia,

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Lavoratrici madri e lavoratori padri. Profili di competenza della Direzione Territoriale del Lavoro in ordine alla convalida delle dimissioni.

Lavoratrici madri e lavoratori padri. Profili di competenza della Direzione Territoriale del Lavoro in ordine alla convalida delle dimissioni. SEMINARIO DALLA CONCILIAZIONE AL WELFARE AZIENDALE Lavoratrici madri e lavoratori padri. Profili di competenza della Direzione Territoriale del Lavoro in ordine alla convalida delle dimissioni. Il mio

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility.

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility. Giancarlo CREMONESI (Presidente nazionale di Confservizi) Buonasera. Confservizi Industria rappresenta le tre federazioni di Servizi Pubblici Locali industriali, quindi la Federazione dei trasporti Astra,

Dettagli

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze)

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) È un piacere per il Comune di Firenze ospitare questo bellissimo incontro ricco di contenuti. Ho partecipato anche ai lavori di stamani. È

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA 61 di TEODORO FULGIONE * Intervista ad Alessandro Luciano capo del progetto Monitoraggio delle politiche del lavoro con le politiche di sviluppo locale dei sistemi

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Benvenuto/a o bentornato/a Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Non pensare di trovare 250 pagine da leggere,

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso

AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso Anna Contardi e Monica Berarducci Aipd Associazione italiana persone down AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso imparare A conoscere se stessi, Gli AlTri, le proprie emozioni collana Laboratori per

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 La relazione di Sergio Veneziani contiene tutta la struttura dell idea che noi abbiamo di Auser attraverso gli strumenti per qualificare e migliorare,

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Helsana Assicurazioni SA, Lucerna

Helsana Assicurazioni SA, Lucerna Helsana Assicurazioni SA, Lucerna Il datore di lavoro Sandra Meier La signora F. è impiegata nella nostra azienda al servizio clienti. Lavora alla Helsana da oltre 20 anni. L ho conosciuta nel 2006 al

Dettagli

dagli enti locali, dai comuni, dalle province e dalle regioni,

dagli enti locali, dai comuni, dalle province e dalle regioni, i a relazione tra fondazioni e territorio è com- plessa e intima. E non solo per ragioni storiche.! Ma qual è oggi il rapporto tra comuni e fon- _ w dazioni? Abbiamo girato il tema a Giuseppe Guzzetti,

Dettagli

La dura realtà del guadagno online.

La dura realtà del guadagno online. La dura realtà del guadagno online. www.come-fare-soldi-online.info guadagnare con Internet Introduzione base sul guadagno Online 1 Distribuito da: da: Alessandro Cuoghi come-fare-soldi-online.info.info

Dettagli

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3 PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... pazza! MODULO 3 Fino ad ora abbiamo lavorato sulla consapevolezza, identificando le 4 chiavi che ci servono per aver successo nel nostro

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

Livello A2 Unità 7 Istruzione

Livello A2 Unità 7 Istruzione Livello A2 Unità 7 Istruzione Chiavi Lavoriamo sulla comprensione 1. Ascolta il testo. Vero o Falso? Testo 1 - Ciao Marta. - Ciao Habiba, come stai? - Bene grazie. - E Aziz? Lo hai già iscritto scuola?

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per Verbale di Consiglio del 25 gennaio 2012 INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI PERNIGOTTI E OLIVERI IN MERITO AGLI STRUMENTI DA ADOTTARE PER COMUNICARE CON I PAESI EMERGENTI ED ECONOMICAMENTE FORTI COME LA CINA

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria Università di Genova MATEMATICA Il

Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria Università di Genova MATEMATICA Il Lezione 5:10 Marzo 2003 SPAZIO E GEOMETRIA VERBALE (a cura di Elisabetta Contardo e Elisabetta Pronsati) Esercitazione su F5.1 P: sarebbe ottimale a livello di scuola dell obbligo, fornire dei concetti

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 4 GLI UFFICI COMUNALI A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa - 2011 GLI UFFICI COMUNALI DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Scusi

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

GLI SPORTELLI D ASCOLTO NEGLI ISTITUTI SECONDARI E NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DELLE PROVINCE DI PARMA E FORLI -CESENA

GLI SPORTELLI D ASCOLTO NEGLI ISTITUTI SECONDARI E NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DELLE PROVINCE DI PARMA E FORLI -CESENA DIPARTIMENTO DI PSICOLOGIA GLI SPORTELLI D ASCOLTO NEGLI ISTITUTI SECONDARI E NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DELLE PROVINCE DI PARMA E FORLI -CESENA PRIMI RISULTATI DELL ANALISI QUALITATIVA a cura

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE NR. 8/08 CORTE D ASSISE E NR. 9066/2007 R.G.N.R. ELENCO DELLA DIFESA DI SOLLECITO RAFFAELE

PROCEDIMENTO PENALE NR. 8/08 CORTE D ASSISE E NR. 9066/2007 R.G.N.R. ELENCO DELLA DIFESA DI SOLLECITO RAFFAELE PROCEDIMENTO PENALE NR. 8/08 CORTE D ASSISE E NR. 9066/2007 R.G.N.R. ELENCO DELLA DIFESA DI SOLLECITO RAFFAELE TRASCRIZIONI INTERCETTAZIONI TELEF. Nr. 13 Data. 05.11.2007 Ora 15.00 Intercettazioni telefoniche

Dettagli

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete Una cosa sola è certa del mio futuro... VOGLIO avere dei figli! il diabete non

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

VENDERE BENE LA TUA CASA,

VENDERE BENE LA TUA CASA, 1 SCOPRI I SEGRETI PER VENDERE BENE LA TUA CASA, E LE AZIONI COMMERCIALI SBAGLIATE DA NON COMMETTERE. 2 Oggi il nostro compito è quello di proteggerti da tutto ciò che potrebbe trasformare Vendita di casa

Dettagli

Dai, domanda! 6. Vita romana

Dai, domanda! 6. Vita romana Italiano per Sek I e Sek II Dai, domanda! 6. Vita romana 9:46 minuti Olivia: Edward: Margherita Un vecchio proverbio dice che tutte le strade portano a Roma. E finalmente sono venuto qua, giusto in tempo

Dettagli

www.metodobillings.it

www.metodobillings.it Si riporta nel seguito l intervista alla Dott.ssa Piera di Maria, riportata alla pag. 11 del Bollettino. La versione integrale del bollettino e scaricabile dal sito del C.L.O.M.B. Centro Lombardo Metodo

Dettagli

Educazione di genere: impossibile non farla

Educazione di genere: impossibile non farla Educazione di genere: impossibile non farla Inizia prima della nascita Riguarda loro, ma innanzitutto noi Riguarda la soggettività individuale ma anche la struttura sociale E la struttura sociale a sua

Dettagli

Il Quotidiano in Classe

Il Quotidiano in Classe Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati dagli studenti sul HYPERLINK "ilquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Matilde Soana Supervisione di Sofia Macchiavelli

Dettagli

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19.

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19. Insegnante intervistata: 12 anni di insegnamento; al momento dell intervista insegna nelle classi II di una scuola primaria Durata intervista: 30 minuti 1. Ti chiederei gentilmente di pensare ad un bambino

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Una parola per te Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Prima edizione Fabbri Editori: aprile

Dettagli

PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per

PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per finanziamento lavori realizzazione sezione asilo nido rione Borgo, chi illustra? Romani, assessore Romani per

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Introduzione. Gentile lettore,

Introduzione. Gentile lettore, Le 5 regole del credito 1 Introduzione Gentile lettore, nel ringraziarti per aver deciso di consultare questo e-book vorrei regalarti alcune indicazioni sullo scopo e sulle modalità di lettura di questo

Dettagli

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola Pagine di diario di chi ci crede ancora Erickson Lo sguardo dei bambini 39 Capitolo quinto Lo sguardo dei bambini di Camillo Bortolato Quando

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

Grazie davvero al Presidente Guzzetti e grazie a tutti voi, al. Sindaco di Lucca, al Presidente della Fondazione per questo invito

Grazie davvero al Presidente Guzzetti e grazie a tutti voi, al. Sindaco di Lucca, al Presidente della Fondazione per questo invito Testo dell intervento del Presidente dell Anci Piero Fassino Grazie davvero al Presidente Guzzetti e grazie a tutti voi, al Sindaco di Lucca, al Presidente della Fondazione per questo invito e, per non

Dettagli

LABORATORIO 1 1 INCONTRO - IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA

LABORATORIO 1 1 INCONTRO - IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA iuseppeolivotti giuseppeolivo LABORATORIO 1 1 INCONTRO - IL CICLO VITALE DELLA FAMIGLIA Venire al mondo è come essere gettati in un libro in cui ci sono già altri personaggi ed altre storie, e entrare

Dettagli

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100%

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% Risparmiare in acquisto è sicuramente una regola fondamentale da rispettare in tutti i casi e ci consente di ottenere un ritorno del 22,1% all

Dettagli

Supronto Back AG, Egolzwil (LU)

Supronto Back AG, Egolzwil (LU) Supronto Back AG, Egolzwil (LU) La Supronto Back AG Il datore di lavoro Willi Suter: «Siamo una tradizionale panetteria-pasticceria industriale. Io e mia moglie abbiamo iniziato 25 anni fa con un apprendista

Dettagli

"Gli Elementi del Successo" non sono per Tutti. Sono per te?

Gli Elementi del Successo non sono per Tutti. Sono per te? "Gli Elementi del Successo" non sono per Tutti. Sono per te? Stiamo cercando persone che possano avere successo nel MLM. Come abbiamo fatto noi. E come vogliamo fare ancora quando c'è il "business perfetto

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita Come Guadagnare Molto Denaro Lavorando Poco Tempo Presentato da Paolo Ruberto Prima di iniziare ti chiedo di assicurarti di

Dettagli

Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding. Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan

Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding. Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan venerdì 25 giugno 2010 Buon pomeriggio. Un cordiale saluto al Ministro

Dettagli

Ho imparato a fare le idee. Approfondimento: ruolo ed evoluzione delle grafiche progettuali. Strategie per progettisti consapevoli

Ho imparato a fare le idee. Approfondimento: ruolo ed evoluzione delle grafiche progettuali. Strategie per progettisti consapevoli Materiali di scarto industriale per una pedagogia sostenibile Ho imparato a fare le idee Strategie per progettisti consapevoli Tasca Ilaria, insegnante di scuola dell infanzia Approfondimento: ruolo ed

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI

COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI Scopri i Segreti della Professione più richiesta in Italia nei prossimi anni. www.tagliabollette.com Complimenti! Se stai leggendo questo

Dettagli

Guadagnare Con i Sondaggi Remunerati

Guadagnare Con i Sondaggi Remunerati ebook pubblicato da: www.comefaresoldi360.com Guadagnare Con i Sondaggi Remunerati Perché possono essere una fregatura Come e quanto si guadagna Quali sono le aziende serie Perché alcune aziende ti pagano

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

LA FATTURA ELETTRONICA di Giuliano Marrucci

LA FATTURA ELETTRONICA di Giuliano Marrucci LA FATTURA ELETTRONICA di Giuliano Marrucci FUORI CAMPO Luca Richelli insegna informatica musicale al conservatorio di Verona. E siccome di informatica ci capisce, quando a fine corso ha dovuto fare la

Dettagli

Vediamone una alla volta.

Vediamone una alla volta. SESSUALITÀ: SI APRE UN MONDO! Non lasciarti ingannare anche tu. SESSUALITÀ È TUTTA LA PERSONA UMANA. Secondo il modello proposto da Fabio Veglia 1, l esperienza della sessualità umana si organizza intorno

Dettagli

TEST I (Unità 1, 2 e 3)

TEST I (Unità 1, 2 e 3) TEST I (Unità 1, 2 e 3) 1) Indica la frase che non ha lo stesso significato delle altre. (1) a) Compro una macchina per l espresso, perché voglio il caffè come quello del bar. b) Compro una macchina per

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Vai a visitare un cliente ma non lo chiudi nonostante tu gli abbia fatto una buona offerta. Che cosa fai? Ti consideri causa e guardi

Dettagli

La TUA Grande Rete Sempre Disponibile

La TUA Grande Rete Sempre Disponibile La TUA Grande Rete Sempre Disponibile A chi ci rivolgiamo? Chi vuole mettersi in gioco sempre. Chi vuole raggiungere livelli altissimi di guadagno. Chi vuole essere il padrone di se stesso. Chi vuole

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

1. Scrivere ad amici e parenti

1. Scrivere ad amici e parenti 1. Scrivere ad amici e parenti In questo capitolo ci concentreremo sulle lettere per le persone che conosciamo. Normalmente si tratta di lettere i cui argomenti sono piuttosto vari, in quanto i nostri

Dettagli

Età pensionabile delle donne nel pubblico impiego. Cosa dice esattamente la sentenza?

Età pensionabile delle donne nel pubblico impiego. Cosa dice esattamente la sentenza? www.osservatorioinca.org APPROFONDIMENTI Dicembre 2008 Età pensionabile delle donne nel pubblico impiego. Cosa dice esattamente la sentenza? È discriminatorio mantenere in vigore un regime pensionistico

Dettagli

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Grazie, vi ringrazio molto di avermi invitato. Come Ministro dell Ambiente ho tratto più di uno stimolo dalla

Dettagli