Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali"

Transcript

1 Monetario Mercato monetario e mercato finanziario Finanziario Breve termine: 0-18 m. Lungo termine: > 18 m. Impiego liquidità Valuta / banconote / B.o.t. (buoni ordinati del tesoro) C/c (conto corrente) deposito a vista Investimenti Determinazione valore delle Obbligazioni Valore Interesse Saggio di interesse 10 : 20 = x : euro 5% euro 4% euro 3% Azioni: -prezzo di mercato: combinazione domanda-offerta --> prezzo mercato -dividendo: è una quota degli utili proporzionali alle azioni Obbligazioni: -Private (Bond); -Dello Stato (debito sovrano): Treasury bond (USA), Bund (Germania), Cct (Italia) conto corrente. Nei paesi che hanno praticato il Q.E. (agevolazione quantitativa) negli ultimi anni vi è stata una politica di acquisto di titoli di stato da parte della banca centrale con due obbiettivi interconnessi: 1. Aumentare l'offerta di moneta compro titoli contro banconote più banconote nel istema 2. Aumento valore dei titoli se compro titoli la domanda aumenta aumenta valore titoli sono agevolati gli investimenti Borsa e intermediari finanziari Privato Banca (compra) SIM S.G.R: - Borsa Telematica SIM S.G.R. (banca d'affari (vende) Banca Impresa Indice è un valore sintetico dell'andamento della borsa SEC (USA)/Consob sono organi di vigilanza, per vigilare sugli scambi ed evitare l'abuso di informazioni riservate (insider trading) Futures sono delle anicipazioni dei titoli che rappresentano un valore futuro (previsioni) Hedge Funds sono dei fondi di investimento speculativi. Sono finalizzati ad assicurare un maggiore rendimento, con però un rischio maggiore e hanno in genere 2 caratteristiche: 1. un'evelata quota d'ingresso 2. i gestori sono molto liberi nel decidere cosa comprare, non solo azioni o obbligazioni, ma anche materie prime e cose acquistabili I nostri fondi, rappresentati da quote, vanno in banca. Il gestore compra e vende azioni che rimarranno in banca Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali Il ruolo della banca: Ogni banca raccoglie i risparmi da parte dei correntisti e investe queste somme, trattenendo una quota di riserva, in altre attività mettendole a disposizione di soggetti che hanno necessità di liquidità. Le banche guadagnano dalla differenza fra gli interessi pagati ai correntisti e gli interessi incassati dai debitori.

2 In questo modo però le banche possono creare moneta. Il valore del moltiplicatore è 1\r (r=riserva obbligatoria). Le banche, non come singolo operatore, sono in grado di "creare moneta" cioè di moltiplicare le banconote emesse dalla Banca Centrale. Le banche, nel loro complesso, possono creare moneta con un sistema simile al moltiplicatore Keynesiano che si chiama moltiplicatore dei depositi bancari. Funzionamento: Banca 800 (Prestiti) Banca B 640 (prestito) Banca C 512 (prestito) Banca D (riserva) 160 (riserva) 128 (riserva) Il sistema in questo caso viene bloccato dalla percentuale di riserva quindi la formula diventa m=1/r. Esercizio 1: r = 20% deposito iniziale = 1000 totale deposito = 1 / 20% / 100 1x100/20 = 5 Esercizio 2: la riserva obbligatoria passa al 25%, calcolare gli effetti sul totale dei depositi bancari. M= 1 / 25% / 100 = 1x100/25 = 4 La riserva può essere determinata dalla banca centrale quindi può orientare con uno strumento molto incisivo l'offerta di moneta: abbassa la riserva e moltiplica l'offerta, aumenta la riserva e demoltiplica l'offerta. Questo strumento proprio per la sua potenzialità viene poco usato. Strumenti di controllo dell'offerta di moneta 1. L'emissione o il ritiro di moneta: (signoraggio) 2. Operazioni di mercato aperto: la Banca Centrale compra o vende titoli e in questo modo rispettivamente aumenta o diminuisce l'offerta di moneta (compra=aumenta, vende=riduce). Questo strumento è di facile utilizzo ma relativamente poco efficace sul breve periodo 3. Manovre sul tasso d'interesse: una volta il termine era tasso di sconto, ora è il tasso di riferimento ed era il tasso praticato dalla Banca Centrale alle banche per prestare loro dei soldi (il padre di tutti i tassi d'interesse, da quello derivano a cascata tutti gli altri). In pratica quando la Banca Centrale vuole aumentare la disponibilità di moneta abbassa il tasso, se vuole ridurla lo alza. Fino al 2003 le decisioni spettavano alla Banca d'italia, successivamente con l'introduzione dell'euro, le decisioni sono state affidate alla BCE e sono uniche per tutta l'area euro. Il tasso d'interesse è già uno strumento abbastanza potente nell'incidere sull'offerta di moneta perchè combina anche degli effetti a cascata sui prestiti e sui valori dei titoli 4. La variazione del coefficiente di riserva delle banche: in questo caso la Banca Centrale o le autorità monetarie impongono di variare la percentuale che le banche sono obbligate a trattenere come riserva euro base monetaria riserva 25% m=1\r=1\4 offerta globale delle banche=? ---> euro totale depositi riserva 20% ---> euro La manovra sulla riserva obbligatoria ha degli effetti fortissimi e viene usata raramente salvo che vi sia la necessità di contrastare una fortissima inflazione. Attualmente la riserva obbligatoria imposta è del 2%. 5. Tasso di cambio: se prevalgono le importazioni il valore della moneta diminuisce; se il valore della moneta scende e prevalgono le importazioni, dovremmo usare più nostre monete per comprare all'estero quindi viene tolta moneta dal sistema e si riduce l'offerta di moneta. Viceversa se prevalgono le esportazioni

3 (X-M)>0 saldo positivo --> domanda moneta nazionale --> apprezzamento cambio --> esportazioni causano un aumento della moneta nazionale --> aumento offerta moneta (X-M)<0 saldo negativo --> domanda moneta estera --> deprezzamento cambio --> importazioni causano una diminuzione della moneta nazionale --> diminuisce moneta in circolazione Caso particolare di breve periodo: 1. Operazioni su iniziativa delle controparti (overnight): può essere o di deposito (chi ha eccesso di moneta deposita e poi ritira) o viceversa di ritiro (ritiro e poi deposito il giorno dopo). Queste operazioni permettono di riassorbire o immettere liquidità su un arco di tempo brevissimo e hanno anche un tasso di riferimento (se il tasso sale riduce la liquidità e se scende la aumenta). La struttura della Banca Centrale Europea BANCA NAZIONALE: in Italia è la Banca d'italia (1893-Via Nazionale, Roma); fino all'istituzione dell'euro controllava l'offerta di moneta in Italia decidendo in merito. Dal 1999 questa funzione è passata alla BCE e il controllo e la stampa delle banconote avviene sulla base delle direttive della BCE. Alla Banca d'italia sono rimaste le competenze di tesoreria dello Stato e vigilanza sulle banche italiane. Al vertice c'è un governatore (prima a vita, ora carica massima di 12 anni, Ignazio Visco) insieme ad un direttorio; è un ente di diritto pubblico anche se ha una struttura da S.P.A; gli azionisti della Banca d'italia sono le maggiori banche e le assicurazioni. SEBC: Sistema Europeo delle Banche Centrali. Questo sistema comprende tutte le banche dei Paesi dell'unione Europea. Euro Sistema, che comprende tutti i Paesi e le loro banche centrali che hanno l'euro. La BCE, al vertice ha un presidente, Mario Draghi; un Consiglio Direttivo composto da presidente e vicepresidente e governatori dell'euro Sistema che decide la politica monetaria; un Comitato esecutivo più ristretto che ha il compito di attuare la politica monetaria; il presidente che unifica queste attività e ha il diritto di voto che prevale in caso di parità; un Consiglio Generale con compiti consultivi a cui partecipano tutti i governatori delle Banche Centrali (anche se non hanno l'euro) Unità 16 Inflazione e disoccupazione Terminologia essenziale: INFLAZIONE: è l'incremento del livello generale dei prezzi, non occasionale o momentaneo Strisciante: fino al 3% Moderata: fino al 5/6% Elevata: fino al 10/12% Galoppante: oltre al 10/20% Iperinflazione DEFAZIONE: è il contrario di inflazione, e rappresenta quindi una riduzione del livello generale dei prezzi (è sicuramente negativo, è un indice di crisi economica) DISINFLAZIONE: è la riduzione del tasso di aumento dei prezzi, riduzione dell'inflazione (è quasi sempre positivo)

4 Come si misura l'inflazione? IPC (indice dei prezzi al consumo) DEFLATORE Gli effetti dell'inflazione: L'inflazione in sè e dal punto di vista astratto potrebbe essere un fenomeno totalmente neutro ("una questione di dimensione del portafoglio"), se l'inflazione fosse perfettamente spalmata e senza ritardi, i suoi effetti sarebbero nulli, dato che non è così qualcuno ci guadagna e qualcuno ci perde. BENEFICIATI Debitori Stato Azionisti Investitori audaci Chi ha comprato un lingotto d'oro DANNEGGIATI Creditori Pensionato Obbligazionisti Investitori timidi Cause dell'inflazione: 1. da domanda: "buona" perchè nasce dalla richiesta di beni (i prezzi salgono perchè tutti vogliono comprare); però può diventare negativa, in connessione con l'eccesso di moneta, se legata ad una domanda statale senza controllo 2. da offerta 3. da eccesso di moneta 1) INFLAZIONE DA DOMANDA: la domanda dei beni può provenire dal settore privato e frequentemente è un indice di un aumento dei costumi indotto da un aumento del reddito; oppure da un aumento della domanda di beni di investimento (più raro). A volte la domanda è indotta dalle spese pubbliche e in questo caso il rischio di inflazione può essere duplice: la domanda di beni e la distribuzione di redditi da parte dello stato; per pagare queste spese lo stato emette titoli di debito e si fa finanziare dalla banca centrale aumentando l'offerta di moneta e quindi facendo scattare anche l'inflazione da eccesso di moneta Questa inflazione diventa negativa quando l'incremento della richiesta di beni, in genere su iniziativa dello Stato, viene a coincidere con il reddito di piena occupazione: cioè quando il sistema è al livello di PIL potenziale. 2) INFLAZIONE DA OFFERTA: ha 2 componenti, una interna che è l'aumento del costo del lavoro e una esterna che da luogo a quella che si chiama inflazione importata (es. Crisi petrolifera degli anni '70 aumento del prezzo del petrolio, nei secoli scorsi era stata causata anche da politiche mercantilistiche). Contro l'inflazione importata, non per scelte mercantilistiche, c'è poco da fare nel breve periodo, quindi si subisce e basta. Può essere però contenuta con una politica monetaria restrittiva, ma con il rischio di peggiorare l'andamento dell'economia (Stagflazione=crisi+inflazione) L'inflazione interna viene a volte definita "inflazione da eccesso di domanda salariale" perché secondo alcuni economisti le richieste di aumento del salario provocano un aumento dei costi e a cascata dei prezzi, quest'ultimo nasce dall'aumento dei salari che si ribaltasugli stessi e viene moltiplicato dal metodo del markup metodo del costo pieno; (p ) Prezzo=CostoUnitario+Profitto% ES. Clup(Costo per ogni unita di lavoro) Clup: 80; Mark-up:20%; Prezzo:? 96 Clup: 100; Mark-up: 20%; Prezzo:? 120 (+24)

5 Il metodo del mark-up provoca una moltiplicazione degli effetti inflattivi perché si crea una specie di profitto da inflazione C.U. (costo unitario); Prezzo = C.U. (1+mark-up) L'inflazione da costi veniva negli anni 80 anche alimentata da meccanismi quali la "scala mobile" (un adeguamento automatico dei salari a fronte dell'aumento dei prezzi, temperato ma comunque automatico). Questo meccanismo assicurava delle tutele ma creava contemporaneamente i presupposti per una perdita del potere d'acquisto. Fu sostituito dalla politica dei redditi di programmazione del tasso di inflazione e dei salari con verifica a posteriori. La soluzione sostanzialmente efficace è stata quella di togliere la scala mobile e fissare un adeguamento programmato di prezzi e salari. Il collegamento tra prezzi e mercato del lavoro emerge anche da un altro meccanismo, il cosiddetto "trade off" (scambio) tra inflazione e disoccupazione studiato dalla curva di Phillips che studiando l'andamento dell'economia inglese tra 800 e 900 ha osservato che la riduzione dell'inflazione normalmente era sempre associata ad un aumento della disoccupazione e viceversa se infl disocc se infl disocc Questa relazione è stata messa in discussione però a partire dagli anni '70 perché prima si ha avuto la stagflazione (che è un composto di stagnazione + inflazione, dove stagnazione vuol dire crisi economica e disoccupazione). Dopo la stagflazione dei primi ani '70 il mondo economico cambiò un po' opinione e buona parte degli economisti immaginarono una curva di Phillips verticale, coincidente con il tasso naturale di disoccupazione chiamato "Nairù" che significa tasso di disoccupazione che non accelera l'inflazione. Ormai la curva di Phillips non viene più applicata ma il collegamento tra inflazione e disoccupazione continua a essere tenuto presente ad esempio dalla Banca Centrale Europea (BCE). 3) INFLAZIONE DA ECCESSO DI MONETA (viene stampata troppa moneta o vengono comprati titoli di Stato), se è costretta a farlo questo provoca un aumento costante della quantità di moneta con 2 soggetti, uno che ci guadagna (Stato) perchè può pagare i propri debiti, e uno che ci perde (cittadini) perchè perdono potere d'acquisto. Il trasferimento alla BCE ha reso impraticabile questo meccanismo perchè non ha più nessun obbligo di comprare i titoli di Stato, quindi per trovare i soldi lo Stato o aumenta le imposte o paga maggiori interessi sui propri prestiti. 1- esempio storico: iperinflazione spagnola e portoghese a seguito dell'afflusso di metallo dalle Americhe 2- iperinflazione post guerra in Germania, in questo caso l'elemento scatenante di inflazione è un eccessivo aumento della base monetaria non compensato da un aumento dell'attività economica. In questa inflazione in fondo ha una causa assolutamente discrezionale cioè legata a scelte della Banca Centrale Inflazione Più recentemente si sono avute nflazioni i ecceso di moneta legate ai finanziamenti del debito pubblico (es. Italia anni fa). Negli ultimi anni il tentativo delle Banche Centrali di agevolare la ripresa con politiche monetarie estremamente espansive e si presenta come una possibile fonte di inflazione al momento solo parziale. Riferimento pag 501, il libro nel trattare l'argomento rovescia la terminologia parlando di: a. domanda di inflazione ossia la richiesta di aumento dei prezzi e dei salari che crea una spirale inflazionistica (questa secondo le categorie già utilizzate sarebbe un'inflazione da costo o da offerta) b. offerta di inflazione: in questo caso si descrive il comportamento della banca centrale che allargango la base monetaria alimenta l'inflazione (secondo la terminologia degli appunti è il caso di inflazione da eccesso di moneta).

6 Il beneficiario di queste operazioni (vedi pag 500) diventa frequentemente lo stato che si avantaggia della cosiddetta imposta da inflazione e inoltre gode della riduzione del peso del debito. Disoccupazione Popolazione attiva: popolazione dai 15 ai 65/70 anni; Tasso di attività: percentuale della popolazione attiva che lavora o che è in cerca di occupazione o è disoccupata; Disoccupati o in cerca di occupazione:ci sono due criteri di valutazione: a. Criterio soggettivo: chi dichiara di cercare o di aver attivamente cercato lavoro in un dato periodo b. Criterio oggettivo: chi ha lavorato un certo numero di ore in un dato periodo L'ISTAT ha adottato prima un criterio sogettivo e successivamente un criterio oggettivo; Il tasso di disoccupazione: misura il rapporto tra disoccupati e soggetti in cerca di prima occupazione (numeratore) e sotto al denominatore gli occupati + disoccupati in cerca di occupazione. Offerta lavoro: S (salari) L (lavoro) / We (salari) Ol (lavoro) S L S L Domanda lavoro: S L S L Se il salario di equilibrio (We) coincide con l'incontro tra domanda e offerta. Abbiamo una perfetta coincidenza tra quantità di posti richiesti e quantità di posti offerti (chi non lavora sceglie la condizione che sotto un certo salario non lavora). (es. 16 popolazione attiva, salario 100 euro a settimana. Con un salario a 100 euro (io datore di lavoro) assumerei solo 8 persone, se io ne assumo solo 8 i disoccupati involontari sono 6, 2 invece che non vogliono solo 100 euro sono i dusoccupati volontari). Secondo la teoria neoclassica, la disoccupazione è causata da un eccesso di domanda salariale, quindi si può abbassare diminuendo i salari. Questa soluzione è però solo parziale perchè comunque lascia molti lavoratori fuori dall'occupazione (anche se vengono etichettati come disoccupati volontari). Invece dal punto di vista delle politiche Keynesiane, la soluzione potrebbe essere un'altra: aumentare la domanda di lavoro attraverso l'intervento dello Stato, di investimento o di semplice assunzione. CRISI DELLO STATO SOCIALE Recentemente queste politiche sono andate in crisi a fronte di quella definita come crisi dello Stato sociale ovvero a causa dell'eccessivo debito e per la combinazione di: 1. rallentamento della crescita 2. invecchiamento della popolazione 3. incidenza (quanto pesa) della spesa e del debito pubblico Come si risolve? 1. intervento del terzo settore come strumento di compensazione 2. riforme per rendere dinamico il mercato del lavoro 3. ripresa almeno in termini contingenti (in modo momentaneo) degli investimenti pubblici

7 Curva dell'offerta di lavoro inclinata all'indietro Secondo alcuni economisti oltre un certo limite, la curva dell'offerta si presenta addirittura inclinata all'indietro, ossia se aumentano i salari vi può essere una minore offerta di lavoro (il salario è sufficiente, viene incentivato il part-time...). Questa forma fa sì che il meccanismo funzioni anche al contrario, cioè la tendenza alla diminuzione dei salari fa aumentare l'offerta di lavoro e quindi incrementare la disoccupazione.

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

LO STATO E L'ECONOMIA. (Sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli)

LO STATO E L'ECONOMIA. (Sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) LO STATO E L'ECONOMIA (Sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) IL LIBERISMO ECONOMICO 1. La legge di Say Il francese Say, sostenendo che è l'offerta a condizionare la Domanda, ritiene

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano CONOSCERE LA BORSA FUNZIONAMENTO I partecipanti formano delle squadre ed elaborano una strategia di investimento per il proprio capitale virtuale iniziale (50.000 euro). Nel nostro caso si sono costituite

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO La finanziarizzazione dell economia Di Osvaldo Lamperti Per valutare meglio l attuale fase di crisi del capitalismo globalizzato è necessario fare alcune considerazioni sui

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi.

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. DI Borsatti Federico matr.552665 Uliano Giuseppina A. matr. 025653 Il valore della credibilità della politica economica nell economia italiana

Dettagli

Politica economica e finanziaria applicata

Politica economica e finanziaria applicata Politica economica e finanziaria applicata Appunti delle lezioni A cura di Alessio Brunelli AFC 2011/12 1 Punto sulla situazione finanziaria corrente: home page di banca carige e in basso a sinistra c

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

Domande e risposte sull Europa

Domande e risposte sull Europa Domande e risposte sull Europa A cura del PD Bruxelles Cosa fa l Europa per noi? Come sta lavorando per uscire dalla crisi e per rafforzare i nostri diritti? Brevi domande/risposte su alcuni dei temi più

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

EACB Second Academics and stakeholders day 14-05-2013

EACB Second Academics and stakeholders day 14-05-2013 EACB Second Academics and stakeholders day 14-05-2013 Gentili signore e signori, Sono onorato di accogliervi al Parlamento Europeo per il Secondo Academics and stakeholders day. Saluto tutti i partecipanti,

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 18.3.2015 SWD(2015) 31 final/2 CORRIGENDUM This document corrects document SWD(2015) 31 final of 26.02.2015 Corrections of clerical errors in the text The text shall read

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI PESCIA-CREDITO COOPERATIVO SOC.COOP. Via Alberghi n. 26-51012 - PESCIA (PT) Tel. : 0572-45941 - Fax: 0572-451621 Email:

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo Luca Cappellina GRETA, Venezia Che cosa sono i futures. Il futures è un contratto che impegna ad acquistare o vendere, ad una data futura,

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

VINCOLO ESTERO E POLITICA ECONOMICA NEGLI ANNI NOVANTA

VINCOLO ESTERO E POLITICA ECONOMICA NEGLI ANNI NOVANTA VINCOLO ESTERO E POLITICA ECONOMICA NEGLI ANNI NOVANTA CONCETTO PAOLO VINCI * 1. Introduzione Sebbene si possa obiettare che è ancora troppo presto per formulare un giudizio su alcune misure in particolare

Dettagli

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO.

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. di A. Lalomia Premessa Si propongono di seguito venticinque items di Storia da utilizzare per una terza prova su argomenti

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Capital Group Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Evento Citywire Montreux, maggio 2015 La tesi a favore delle azioni europee Richard Carlyle, Investment Specialist, Capital Group La ripresa

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo Agrobresciano Soc. Coop. Piazza Roma, 17-25016 - GHEDI (BS) Tel. : 03090441 - Fax: 0309058501 Email:

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

GUIDA OPZIONI BINARIE

GUIDA OPZIONI BINARIE GUIDA OPZIONI BINARIE Cosa sono le opzioni binarie e come funziona il trading binario. Breve guida pratica: conviene fare trading online con le opzioni binarie o è una truffa? Quali sono i guadagni e quali

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Il Modello AS-AD In questa lezione: Deriviamo la curva di offerta aggregata Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Studiamo il meccanismo di aggiustamento verso l equilibrio

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

Appena prodotte, anzi, talora addirittura prima di essere prodotte, le merci vanno perciò vendute.

Appena prodotte, anzi, talora addirittura prima di essere prodotte, le merci vanno perciò vendute. www.resistenze.org - materiali resistenti in linea - formazione Corso a dispense di Economia Politica di Renato Ceccarello Prima parte: economia politica marxista 4) La suddivisione del profitto Introduzione

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo. Atto di fondazione. (Fondazione) Entrata in vigore: 1 dicembre 2011

Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo. Atto di fondazione. (Fondazione) Entrata in vigore: 1 dicembre 2011 Swiss Life SA, General-Guisan-Quai 40, Casella postale, 8022 Zurigo Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo (Fondazione) Atto di fondazione Entrata in vigore: 1 dicembre 2011 web1486 / 04.2012

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

"NON ERAVAMO I PIIGS. TORNEREMO ITALIA." PROGRAMMA ME-MMT DI SALVEZZA ECONOMICA PER IL PAESE

NON ERAVAMO I PIIGS. TORNEREMO ITALIA. PROGRAMMA ME-MMT DI SALVEZZA ECONOMICA PER IL PAESE "NON ERAVAMO I PIIGS. TORNEREMO ITALIA." PROGRAMMA ME-MMT DI SALVEZZA ECONOMICA PER IL PAESE Adottando l'euro, l'italia si è ridotta allo stato di una nazione del Terzo Mondo che deve prendere in prestito

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

LE POLITICHE DEL LAVORO

LE POLITICHE DEL LAVORO LE POLITICHE DEL LAVORO Sono l insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. Tali politiche sono strettamente connesse con altri settori: fiscale, sociale

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

G L O S S A R I O GLOSSARIO DELLA FINANZA

G L O S S A R I O GLOSSARIO DELLA FINANZA G L O S S A R I O GLOSSARIO DELLA FINANZA A REVOCA O CANCELLAZIONE Tipo di contratto di compravendita di titoli, attraverso un intermediario, che perde validità al momento della sua esecuzione o dell'annullamento

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO STUDI E NOTE DI ECONOMIA 2 /98 IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO CRISTINA BRANDIMARTE * - SOLANGE LEPROUX * - FRANCO SARTORI ** Introduzione Il Patto di stabilità

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

GLOSSARIO DI TERMINI ECONOMICO FINANZIARI

GLOSSARIO DI TERMINI ECONOMICO FINANZIARI GLOSSARIO DI TERMINI ECONOMICO FINANZIARI Fonti: http://www.borsaitaliana.it/bitapp/glossary.bit?target=glossarysearch http://www.bankpedia.org/vocidiz.php?lettera=1&azid=2 Consultazione fatta nel 25 marzo

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI AVVERTENZA SUGLI INVESTIMENTI AD ALTO RISCHIO: Il Trading sulle valute estere (Forex) ed i Contratti per Differenza (CFD) sono altamente speculativi, comportano un alto livello

Dettagli

L indipendenza della Banca d Italia dal Governo negli anni Ottanta: cause interne e internazionali

L indipendenza della Banca d Italia dal Governo negli anni Ottanta: cause interne e internazionali Studi e Note di Economia, Anno XVI, n. 2-2011, pagg. 133-170 GruppoMontepaschi L indipendenza della Banca d Italia dal Governo negli anni Ottanta: cause interne e internazionali MARiA LUisA MARinELLi*

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli