Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali"

Transcript

1 Monetario Mercato monetario e mercato finanziario Finanziario Breve termine: 0-18 m. Lungo termine: > 18 m. Impiego liquidità Valuta / banconote / B.o.t. (buoni ordinati del tesoro) C/c (conto corrente) deposito a vista Investimenti Determinazione valore delle Obbligazioni Valore Interesse Saggio di interesse 10 : 20 = x : euro 5% euro 4% euro 3% Azioni: -prezzo di mercato: combinazione domanda-offerta --> prezzo mercato -dividendo: è una quota degli utili proporzionali alle azioni Obbligazioni: -Private (Bond); -Dello Stato (debito sovrano): Treasury bond (USA), Bund (Germania), Cct (Italia) conto corrente. Nei paesi che hanno praticato il Q.E. (agevolazione quantitativa) negli ultimi anni vi è stata una politica di acquisto di titoli di stato da parte della banca centrale con due obbiettivi interconnessi: 1. Aumentare l'offerta di moneta compro titoli contro banconote più banconote nel istema 2. Aumento valore dei titoli se compro titoli la domanda aumenta aumenta valore titoli sono agevolati gli investimenti Borsa e intermediari finanziari Privato Banca (compra) SIM S.G.R: - Borsa Telematica SIM S.G.R. (banca d'affari (vende) Banca Impresa Indice è un valore sintetico dell'andamento della borsa SEC (USA)/Consob sono organi di vigilanza, per vigilare sugli scambi ed evitare l'abuso di informazioni riservate (insider trading) Futures sono delle anicipazioni dei titoli che rappresentano un valore futuro (previsioni) Hedge Funds sono dei fondi di investimento speculativi. Sono finalizzati ad assicurare un maggiore rendimento, con però un rischio maggiore e hanno in genere 2 caratteristiche: 1. un'evelata quota d'ingresso 2. i gestori sono molto liberi nel decidere cosa comprare, non solo azioni o obbligazioni, ma anche materie prime e cose acquistabili I nostri fondi, rappresentati da quote, vanno in banca. Il gestore compra e vende azioni che rimarranno in banca Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali Il ruolo della banca: Ogni banca raccoglie i risparmi da parte dei correntisti e investe queste somme, trattenendo una quota di riserva, in altre attività mettendole a disposizione di soggetti che hanno necessità di liquidità. Le banche guadagnano dalla differenza fra gli interessi pagati ai correntisti e gli interessi incassati dai debitori.

2 In questo modo però le banche possono creare moneta. Il valore del moltiplicatore è 1\r (r=riserva obbligatoria). Le banche, non come singolo operatore, sono in grado di "creare moneta" cioè di moltiplicare le banconote emesse dalla Banca Centrale. Le banche, nel loro complesso, possono creare moneta con un sistema simile al moltiplicatore Keynesiano che si chiama moltiplicatore dei depositi bancari. Funzionamento: Banca 800 (Prestiti) Banca B 640 (prestito) Banca C 512 (prestito) Banca D (riserva) 160 (riserva) 128 (riserva) Il sistema in questo caso viene bloccato dalla percentuale di riserva quindi la formula diventa m=1/r. Esercizio 1: r = 20% deposito iniziale = 1000 totale deposito = 1 / 20% / 100 1x100/20 = 5 Esercizio 2: la riserva obbligatoria passa al 25%, calcolare gli effetti sul totale dei depositi bancari. M= 1 / 25% / 100 = 1x100/25 = 4 La riserva può essere determinata dalla banca centrale quindi può orientare con uno strumento molto incisivo l'offerta di moneta: abbassa la riserva e moltiplica l'offerta, aumenta la riserva e demoltiplica l'offerta. Questo strumento proprio per la sua potenzialità viene poco usato. Strumenti di controllo dell'offerta di moneta 1. L'emissione o il ritiro di moneta: (signoraggio) 2. Operazioni di mercato aperto: la Banca Centrale compra o vende titoli e in questo modo rispettivamente aumenta o diminuisce l'offerta di moneta (compra=aumenta, vende=riduce). Questo strumento è di facile utilizzo ma relativamente poco efficace sul breve periodo 3. Manovre sul tasso d'interesse: una volta il termine era tasso di sconto, ora è il tasso di riferimento ed era il tasso praticato dalla Banca Centrale alle banche per prestare loro dei soldi (il padre di tutti i tassi d'interesse, da quello derivano a cascata tutti gli altri). In pratica quando la Banca Centrale vuole aumentare la disponibilità di moneta abbassa il tasso, se vuole ridurla lo alza. Fino al 2003 le decisioni spettavano alla Banca d'italia, successivamente con l'introduzione dell'euro, le decisioni sono state affidate alla BCE e sono uniche per tutta l'area euro. Il tasso d'interesse è già uno strumento abbastanza potente nell'incidere sull'offerta di moneta perchè combina anche degli effetti a cascata sui prestiti e sui valori dei titoli 4. La variazione del coefficiente di riserva delle banche: in questo caso la Banca Centrale o le autorità monetarie impongono di variare la percentuale che le banche sono obbligate a trattenere come riserva euro base monetaria riserva 25% m=1\r=1\4 offerta globale delle banche=? ---> euro totale depositi riserva 20% ---> euro La manovra sulla riserva obbligatoria ha degli effetti fortissimi e viene usata raramente salvo che vi sia la necessità di contrastare una fortissima inflazione. Attualmente la riserva obbligatoria imposta è del 2%. 5. Tasso di cambio: se prevalgono le importazioni il valore della moneta diminuisce; se il valore della moneta scende e prevalgono le importazioni, dovremmo usare più nostre monete per comprare all'estero quindi viene tolta moneta dal sistema e si riduce l'offerta di moneta. Viceversa se prevalgono le esportazioni

3 (X-M)>0 saldo positivo --> domanda moneta nazionale --> apprezzamento cambio --> esportazioni causano un aumento della moneta nazionale --> aumento offerta moneta (X-M)<0 saldo negativo --> domanda moneta estera --> deprezzamento cambio --> importazioni causano una diminuzione della moneta nazionale --> diminuisce moneta in circolazione Caso particolare di breve periodo: 1. Operazioni su iniziativa delle controparti (overnight): può essere o di deposito (chi ha eccesso di moneta deposita e poi ritira) o viceversa di ritiro (ritiro e poi deposito il giorno dopo). Queste operazioni permettono di riassorbire o immettere liquidità su un arco di tempo brevissimo e hanno anche un tasso di riferimento (se il tasso sale riduce la liquidità e se scende la aumenta). La struttura della Banca Centrale Europea BANCA NAZIONALE: in Italia è la Banca d'italia (1893-Via Nazionale, Roma); fino all'istituzione dell'euro controllava l'offerta di moneta in Italia decidendo in merito. Dal 1999 questa funzione è passata alla BCE e il controllo e la stampa delle banconote avviene sulla base delle direttive della BCE. Alla Banca d'italia sono rimaste le competenze di tesoreria dello Stato e vigilanza sulle banche italiane. Al vertice c'è un governatore (prima a vita, ora carica massima di 12 anni, Ignazio Visco) insieme ad un direttorio; è un ente di diritto pubblico anche se ha una struttura da S.P.A; gli azionisti della Banca d'italia sono le maggiori banche e le assicurazioni. SEBC: Sistema Europeo delle Banche Centrali. Questo sistema comprende tutte le banche dei Paesi dell'unione Europea. Euro Sistema, che comprende tutti i Paesi e le loro banche centrali che hanno l'euro. La BCE, al vertice ha un presidente, Mario Draghi; un Consiglio Direttivo composto da presidente e vicepresidente e governatori dell'euro Sistema che decide la politica monetaria; un Comitato esecutivo più ristretto che ha il compito di attuare la politica monetaria; il presidente che unifica queste attività e ha il diritto di voto che prevale in caso di parità; un Consiglio Generale con compiti consultivi a cui partecipano tutti i governatori delle Banche Centrali (anche se non hanno l'euro) Unità 16 Inflazione e disoccupazione Terminologia essenziale: INFLAZIONE: è l'incremento del livello generale dei prezzi, non occasionale o momentaneo Strisciante: fino al 3% Moderata: fino al 5/6% Elevata: fino al 10/12% Galoppante: oltre al 10/20% Iperinflazione DEFAZIONE: è il contrario di inflazione, e rappresenta quindi una riduzione del livello generale dei prezzi (è sicuramente negativo, è un indice di crisi economica) DISINFLAZIONE: è la riduzione del tasso di aumento dei prezzi, riduzione dell'inflazione (è quasi sempre positivo)

4 Come si misura l'inflazione? IPC (indice dei prezzi al consumo) DEFLATORE Gli effetti dell'inflazione: L'inflazione in sè e dal punto di vista astratto potrebbe essere un fenomeno totalmente neutro ("una questione di dimensione del portafoglio"), se l'inflazione fosse perfettamente spalmata e senza ritardi, i suoi effetti sarebbero nulli, dato che non è così qualcuno ci guadagna e qualcuno ci perde. BENEFICIATI Debitori Stato Azionisti Investitori audaci Chi ha comprato un lingotto d'oro DANNEGGIATI Creditori Pensionato Obbligazionisti Investitori timidi Cause dell'inflazione: 1. da domanda: "buona" perchè nasce dalla richiesta di beni (i prezzi salgono perchè tutti vogliono comprare); però può diventare negativa, in connessione con l'eccesso di moneta, se legata ad una domanda statale senza controllo 2. da offerta 3. da eccesso di moneta 1) INFLAZIONE DA DOMANDA: la domanda dei beni può provenire dal settore privato e frequentemente è un indice di un aumento dei costumi indotto da un aumento del reddito; oppure da un aumento della domanda di beni di investimento (più raro). A volte la domanda è indotta dalle spese pubbliche e in questo caso il rischio di inflazione può essere duplice: la domanda di beni e la distribuzione di redditi da parte dello stato; per pagare queste spese lo stato emette titoli di debito e si fa finanziare dalla banca centrale aumentando l'offerta di moneta e quindi facendo scattare anche l'inflazione da eccesso di moneta Questa inflazione diventa negativa quando l'incremento della richiesta di beni, in genere su iniziativa dello Stato, viene a coincidere con il reddito di piena occupazione: cioè quando il sistema è al livello di PIL potenziale. 2) INFLAZIONE DA OFFERTA: ha 2 componenti, una interna che è l'aumento del costo del lavoro e una esterna che da luogo a quella che si chiama inflazione importata (es. Crisi petrolifera degli anni '70 aumento del prezzo del petrolio, nei secoli scorsi era stata causata anche da politiche mercantilistiche). Contro l'inflazione importata, non per scelte mercantilistiche, c'è poco da fare nel breve periodo, quindi si subisce e basta. Può essere però contenuta con una politica monetaria restrittiva, ma con il rischio di peggiorare l'andamento dell'economia (Stagflazione=crisi+inflazione) L'inflazione interna viene a volte definita "inflazione da eccesso di domanda salariale" perché secondo alcuni economisti le richieste di aumento del salario provocano un aumento dei costi e a cascata dei prezzi, quest'ultimo nasce dall'aumento dei salari che si ribaltasugli stessi e viene moltiplicato dal metodo del markup metodo del costo pieno; (p ) Prezzo=CostoUnitario+Profitto% ES. Clup(Costo per ogni unita di lavoro) Clup: 80; Mark-up:20%; Prezzo:? 96 Clup: 100; Mark-up: 20%; Prezzo:? 120 (+24)

5 Il metodo del mark-up provoca una moltiplicazione degli effetti inflattivi perché si crea una specie di profitto da inflazione C.U. (costo unitario); Prezzo = C.U. (1+mark-up) L'inflazione da costi veniva negli anni 80 anche alimentata da meccanismi quali la "scala mobile" (un adeguamento automatico dei salari a fronte dell'aumento dei prezzi, temperato ma comunque automatico). Questo meccanismo assicurava delle tutele ma creava contemporaneamente i presupposti per una perdita del potere d'acquisto. Fu sostituito dalla politica dei redditi di programmazione del tasso di inflazione e dei salari con verifica a posteriori. La soluzione sostanzialmente efficace è stata quella di togliere la scala mobile e fissare un adeguamento programmato di prezzi e salari. Il collegamento tra prezzi e mercato del lavoro emerge anche da un altro meccanismo, il cosiddetto "trade off" (scambio) tra inflazione e disoccupazione studiato dalla curva di Phillips che studiando l'andamento dell'economia inglese tra 800 e 900 ha osservato che la riduzione dell'inflazione normalmente era sempre associata ad un aumento della disoccupazione e viceversa se infl disocc se infl disocc Questa relazione è stata messa in discussione però a partire dagli anni '70 perché prima si ha avuto la stagflazione (che è un composto di stagnazione + inflazione, dove stagnazione vuol dire crisi economica e disoccupazione). Dopo la stagflazione dei primi ani '70 il mondo economico cambiò un po' opinione e buona parte degli economisti immaginarono una curva di Phillips verticale, coincidente con il tasso naturale di disoccupazione chiamato "Nairù" che significa tasso di disoccupazione che non accelera l'inflazione. Ormai la curva di Phillips non viene più applicata ma il collegamento tra inflazione e disoccupazione continua a essere tenuto presente ad esempio dalla Banca Centrale Europea (BCE). 3) INFLAZIONE DA ECCESSO DI MONETA (viene stampata troppa moneta o vengono comprati titoli di Stato), se è costretta a farlo questo provoca un aumento costante della quantità di moneta con 2 soggetti, uno che ci guadagna (Stato) perchè può pagare i propri debiti, e uno che ci perde (cittadini) perchè perdono potere d'acquisto. Il trasferimento alla BCE ha reso impraticabile questo meccanismo perchè non ha più nessun obbligo di comprare i titoli di Stato, quindi per trovare i soldi lo Stato o aumenta le imposte o paga maggiori interessi sui propri prestiti. 1- esempio storico: iperinflazione spagnola e portoghese a seguito dell'afflusso di metallo dalle Americhe 2- iperinflazione post guerra in Germania, in questo caso l'elemento scatenante di inflazione è un eccessivo aumento della base monetaria non compensato da un aumento dell'attività economica. In questa inflazione in fondo ha una causa assolutamente discrezionale cioè legata a scelte della Banca Centrale Inflazione Più recentemente si sono avute nflazioni i ecceso di moneta legate ai finanziamenti del debito pubblico (es. Italia anni fa). Negli ultimi anni il tentativo delle Banche Centrali di agevolare la ripresa con politiche monetarie estremamente espansive e si presenta come una possibile fonte di inflazione al momento solo parziale. Riferimento pag 501, il libro nel trattare l'argomento rovescia la terminologia parlando di: a. domanda di inflazione ossia la richiesta di aumento dei prezzi e dei salari che crea una spirale inflazionistica (questa secondo le categorie già utilizzate sarebbe un'inflazione da costo o da offerta) b. offerta di inflazione: in questo caso si descrive il comportamento della banca centrale che allargango la base monetaria alimenta l'inflazione (secondo la terminologia degli appunti è il caso di inflazione da eccesso di moneta).

6 Il beneficiario di queste operazioni (vedi pag 500) diventa frequentemente lo stato che si avantaggia della cosiddetta imposta da inflazione e inoltre gode della riduzione del peso del debito. Disoccupazione Popolazione attiva: popolazione dai 15 ai 65/70 anni; Tasso di attività: percentuale della popolazione attiva che lavora o che è in cerca di occupazione o è disoccupata; Disoccupati o in cerca di occupazione:ci sono due criteri di valutazione: a. Criterio soggettivo: chi dichiara di cercare o di aver attivamente cercato lavoro in un dato periodo b. Criterio oggettivo: chi ha lavorato un certo numero di ore in un dato periodo L'ISTAT ha adottato prima un criterio sogettivo e successivamente un criterio oggettivo; Il tasso di disoccupazione: misura il rapporto tra disoccupati e soggetti in cerca di prima occupazione (numeratore) e sotto al denominatore gli occupati + disoccupati in cerca di occupazione. Offerta lavoro: S (salari) L (lavoro) / We (salari) Ol (lavoro) S L S L Domanda lavoro: S L S L Se il salario di equilibrio (We) coincide con l'incontro tra domanda e offerta. Abbiamo una perfetta coincidenza tra quantità di posti richiesti e quantità di posti offerti (chi non lavora sceglie la condizione che sotto un certo salario non lavora). (es. 16 popolazione attiva, salario 100 euro a settimana. Con un salario a 100 euro (io datore di lavoro) assumerei solo 8 persone, se io ne assumo solo 8 i disoccupati involontari sono 6, 2 invece che non vogliono solo 100 euro sono i dusoccupati volontari). Secondo la teoria neoclassica, la disoccupazione è causata da un eccesso di domanda salariale, quindi si può abbassare diminuendo i salari. Questa soluzione è però solo parziale perchè comunque lascia molti lavoratori fuori dall'occupazione (anche se vengono etichettati come disoccupati volontari). Invece dal punto di vista delle politiche Keynesiane, la soluzione potrebbe essere un'altra: aumentare la domanda di lavoro attraverso l'intervento dello Stato, di investimento o di semplice assunzione. CRISI DELLO STATO SOCIALE Recentemente queste politiche sono andate in crisi a fronte di quella definita come crisi dello Stato sociale ovvero a causa dell'eccessivo debito e per la combinazione di: 1. rallentamento della crescita 2. invecchiamento della popolazione 3. incidenza (quanto pesa) della spesa e del debito pubblico Come si risolve? 1. intervento del terzo settore come strumento di compensazione 2. riforme per rendere dinamico il mercato del lavoro 3. ripresa almeno in termini contingenti (in modo momentaneo) degli investimenti pubblici

7 Curva dell'offerta di lavoro inclinata all'indietro Secondo alcuni economisti oltre un certo limite, la curva dell'offerta si presenta addirittura inclinata all'indietro, ossia se aumentano i salari vi può essere una minore offerta di lavoro (il salario è sufficiente, viene incentivato il part-time...). Questa forma fa sì che il meccanismo funzioni anche al contrario, cioè la tendenza alla diminuzione dei salari fa aumentare l'offerta di lavoro e quindi incrementare la disoccupazione.

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli Lezione 13. Moneta e inflazione Leonardo Bargigli La Moneta La moneta è tutto ciò che viene accettato come mezzo di acquisto di beni e servizi. E il medium dello scambio che consente di superare il baratto

Dettagli

Capitolo Quarto. Analisi di scenario

Capitolo Quarto. Analisi di scenario Capitolo Quarto Analisi di scenario 1. Distinzione tra politica economica e politica monetaria La politica economica studia l insieme degli interventi del soggetto pubblico sull economia, atti a modificare

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

Capitolo 4. Moneta e inflazione. Capitolo 4: Moneta e inflazione 1

Capitolo 4. Moneta e inflazione. Capitolo 4: Moneta e inflazione 1 Capitolo 4 Moneta e inflazione 1 Il percorso La moneta Cos è la moneta: funzioni e tipi. Offerta di moneta: strumenti. Domanda di moneta o o Teoria quantitativa. Teoria delle preferenze per la liquidità.

Dettagli

Capitolo 4 Moneta e inflazione. Mankiw, MACROECONOMIA, Zanichelli editore 2004 Capitolo 4: Moneta e inflazione 1

Capitolo 4 Moneta e inflazione. Mankiw, MACROECONOMIA, Zanichelli editore 2004 Capitolo 4: Moneta e inflazione 1 Capitolo 4 Moneta e inflazione 1 Il percorso La moneta Cos è la moneta: funzioni e tipi. Offerta di moneta: strumenti. Domanda di moneta o o Teoria quantitativa. Teoria delle preferenze per la liquidità.

Dettagli

LA BANCA CENTRALE E LA POLITICA MONETARIA

LA BANCA CENTRALE E LA POLITICA MONETARIA LA BANCA CENTRALE E LA POLITICA MONETARIA STRUTTURA E GOVERNANCE DELLE BANCHE CENTRALI Osserviamo le due autorità più rilevanti: BCE e Federal Reserve (Fed). -La Banca Centrale Europea è inserita nel più

Dettagli

Capitolo 4 Moneta e inflazione. Mankiw, MACROECONOMIA, Zanichelli editore 2004 Capitolo 4: Moneta e inflazione 1

Capitolo 4 Moneta e inflazione. Mankiw, MACROECONOMIA, Zanichelli editore 2004 Capitolo 4: Moneta e inflazione 1 Capitolo 4 Moneta e inflazione 1 la moneta Moneta come mezzo di pagamento strumento che agevola gli scambi A seconda dei diversi gradi di minimizzazione dei costi di detenzione e di trasferimento si hanno:

Dettagli

La Moneta e i Mercati Monetari. Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano)

La Moneta e i Mercati Monetari. Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano) La Moneta e i Mercati Monetari In questa lezione: Determiniamo le funzioni e l origine della moneta Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano) Data

Dettagli

Banca centrale europea. a cura di G.Garofalo

Banca centrale europea. a cura di G.Garofalo Banca centrale europea a cura di G.Garofalo Tanti acronimi, un unica Banca BCE [Francia, Spagna, Irlanda, Italia, Portogallo, Malta] ECB [Inghilterra, Danimarca, Olanda, Svezia, Slovenia, Slovacchia] EZB

Dettagli

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito Capitolo 13 Banca Centrale, moneta e credito La moneta: cosa sappiamo già (cap. 5) La moneta è un bene comunemente accettato come mezzo di scambio e pagamento. Deve avere come caratteristiche: facile trasferibilità,

Dettagli

Macroeconomia: scuole di pensiero

Macroeconomia: scuole di pensiero Macroeconomia: scuole di pensiero Le diverse scuole di pensiero possono essere raggruppate in due filoni principali: LIBERISTI (e monetaristi): sui mercati l aggiustamento all equilibrio è basato sulla

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

Macroeconomia. Mauro Visaggio Anno accademico 2014-15

Macroeconomia. Mauro Visaggio Anno accademico 2014-15 Mauro Visaggio Anno accademico 2014-15 CAPITOLO 4 Benchmark classico di breve e medio periodo: equilibrio in assenza di imperfezioni informative e di mercato Mauro Visaggio CAPITOLO 4 1 / 74 Copyright

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 Funzioni della moneta Consideriamo i mercati della moneta e delle attività

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10) A B C D 11) A B

Dettagli

I MERCATI FINANZIARI

I MERCATI FINANZIARI I MERCATI FINANZIARI 1 SCOPRIREMO cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse 2 LE ATTIVITÀ FINANZIARIE Due attività: Moneta non frutta interessi serve per

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

LA MONETA. identifica l insieme dei mezzi di pagamento comunemente accettati

LA MONETA. identifica l insieme dei mezzi di pagamento comunemente accettati LA MONETA identifica l insieme dei mezzi di pagamento comunemente accettati DAL BARATTO ALLA MONETA Prima dell avvento della moneta gli scambi avvenivano attraverso il baratto: scambio di beni con beni

Dettagli

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette)

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette) In una ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla e a una delle due domande a risposta aperta, e risolvere l esercizio. DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Lezione 6: La moneta e la scheda LM

Lezione 6: La moneta e la scheda LM Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 6: La moneta e la scheda LM Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Moneta DEFINIZIONE. In macroeconomia

Dettagli

Quesiti a risposta breve

Quesiti a risposta breve Quesiti a risposta breve Le domande proposte in questo elenco sono una raccolta dei quesiti a risposta breve contenuti nella domanda 1 degli esami di Istituzioni di Economia Politica II degli ultimi anni.

Dettagli

Politica Economica Europea. a.a. 2014-15

Politica Economica Europea. a.a. 2014-15 Politica Economica Europea 3 Altre fonti di asimmetria Diversità strutturali Le istituzioni che governano i mercati possono essere diverse tra stati (diversità strutturali). Shock simmetrici in origine

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca CLASSE 3 INDIRIZZO AFM UdA n. 1 Titolo: SISTEMA ECONOMICO E STORIA DEL PENSIERO ECONOMICO Interpretare il modello di funzionamento del sistema economico attraverso le relazioni tra le categorie di soggetti

Dettagli

Ma di cosa stiamo parlando?

Ma di cosa stiamo parlando? Ma di cosa stiamo parlando? Spiegare l'economia e la finanza Trento, 19 novembre 2014 Roberto Tamborini Università di Trento, Dipartimento di Economia e Management Spread Lo spread è la differenza tra

Dettagli

Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia

Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia SCENARI E POLITICHE DI STABILITÀ E CONVERGENZA La tabella 2.1 mostra come l anno da poco concluso sia stato

Dettagli

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 1. La domanda di moneta La moneta può essere usata per transazioni, ma non paga interessi. In realtà ci sono due tipi di moneta: il circolante, la moneta metallica e cartacea,

Dettagli

Una tipica richiesta degli esercizi di Macroeconomia è il calcolo del reddito (Y) e del tasso d'interesse (i) d'equilibrio macroeconomico generale.

Una tipica richiesta degli esercizi di Macroeconomia è il calcolo del reddito (Y) e del tasso d'interesse (i) d'equilibrio macroeconomico generale. Esercizi di Macroeconomia PARTE I: ECONOMIA CHIUSA SENZA DEBITO Una tipica richiesta degli esercizi di Macroeconomia è il calcolo del reddito (Y) e del tasso d'interesse (i) d'equilibrio macroeconomico

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo Questo modulo si occupa dei problemi della moneta e dei prezzi nel lungo periodo. Prenderemo in esame gli aspetti istituzionali che regolano il controllo del

Dettagli

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE VII IL SETTORE MONETARIO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A Ω B Ω C Ω D Ω 2) A Ω B Ω C Ω D Ω 3) A Ω B Ω C Ω D Ω 4) A Ω B Ω C Ω

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Dopo aver analizzato il mercato dei beni (i.e. i mercati reali) passiamo allo studio dei mercati finanziari. Ricordo che, proprio come nello studio del settore reale (IS), anche

Dettagli

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long)

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Curva di Phillips e aspettative R. Capolupo- Macro 2 1 Legame tra modello a prezzi vischiosi e quello a prezzi flessibili Il passaggio dal modello a prezzi vischiosi al

Dettagli

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale.

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale. DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA PARTE I: I FONDAMENTI DELLA MACRO 1) Dopo aver spiegato la distinzione tra micro e macro economia, lo studente definisca e spieghi il concetto di Prodotto Interno

Dettagli

PROF. MATTIA LETTIERI

PROF. MATTIA LETTIERI LA DOMANDA DI MONETA PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 LA MONETA ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------ 3 2 LA TEORIA QUANTITATIVA

Dettagli

Teoria dell Unione Monetaria

Teoria dell Unione Monetaria Teoria dell Unione Monetaria Gli elementi costitutivi di un unione monetaria sono: LA PIENA ED IRREVOCABILE CONVERTIBILITÀ DI TUTTE LE VALUTE: Prima di entrare in un unione monetaria ogni paese aveva la

Dettagli

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri 1 Risparmio e investimento Risparmio è l ammontare di reddito che non viene consumato. Si origina nelle famiglie

Dettagli

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale Stefano Papa Università di Teramo spapa@unite.it Facoltà di Scienze della Comunicazione La politica Monetaria La politica monetaria europea è responsabilità

Dettagli

I due dopoguerra: similarità e differenze 1/2. I due dopoguerra: similarità e differenze 2/2

I due dopoguerra: similarità e differenze 1/2. I due dopoguerra: similarità e differenze 2/2 I due dopoguerra: similarità e differenze 1/2 I due dopoguerra: depressione versus crescita, perché? Tre fattori causali: L entità degli shock Il grado di cooperazione internazionale: gli aiuti scambiati

Dettagli

Lezioni di economia INFLAZIONE E DEFLAZIONE. Prof. Piergiorgio Masala, lezione di diritto ed economia.

Lezioni di economia INFLAZIONE E DEFLAZIONE. Prof. Piergiorgio Masala, lezione di diritto ed economia. Lezioni di economia INFLAZIONE E DEFLAZIONE 1 Inflazione e deflazione INFLAZIONE CAUSE È l'aumento prolungato del livello medio generale dei prezzi in un dato periodo di tempo. L'aumento dei costi di produzione,

Dettagli

La politica monetaria

La politica monetaria Lezione 27 1 consiste nelle decisioni delle autorità monetarie che influenzano il tasso di interesse. Come abbiamo visto, le banche centrali mediante le operazioni di mercato aperto possono influenzare

Dettagli

987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.

987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r. 987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.l SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 4 1. In base all Articolo 105.2 del

Dettagli

Questionario: Esercitazione 6.2

Questionario: Esercitazione 6.2 Questionario: Esercitazione 6.2 N.B.: Il Riepilogo delle risposte esatte a ciascuna domanda è riportato al termine del presente documento. Domanda numero 1 Secondo i classici la curva di offerta aggregata

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Inflazione e Produzione. In questa lezione cercheremo di rispondere a domande come queste:

Inflazione e Produzione. In questa lezione cercheremo di rispondere a domande come queste: Inflazione e Produzione In questa lezione cercheremo di rispondere a domande come queste: Da cosa è determinata l Inflazione? Perché le autorità monetarie tendono a combatterla? Attraverso quali canali

Dettagli

IL SISTEMA MONETARIO. Harcourt Brace & Company

IL SISTEMA MONETARIO. Harcourt Brace & Company IL SISTEMA MONETARIO Il significato della moneta La moneta è l insieme dei valori che vengono utilizzati regolarmente dagli individui di un economia per acquistare beni e servizi da altri individui. Tre

Dettagli

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili.

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili. Esercizi 2014-2015 IL BREVE PERIODO Esercizio 1 Si consideri il seguente sistema economico in cui operano solamente due (categorie di) imprese, e la cui attività può essere sintetizzata come segue: Impresa

Dettagli

POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA

POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA Matilde Vassalli e-mail vassalli@eco.unibs.it 1 OBIETTIVO E SCHEMA DELLA LEZIONE Comprendere il ruolo della moneta e della politica monetaria in una economia aperta.

Dettagli

La Banca Centrale e la politica monetaria. Economia degli Intermediari Finanziari 6 maggio 2009 A.A. 2008-2009

La Banca Centrale e la politica monetaria. Economia degli Intermediari Finanziari 6 maggio 2009 A.A. 2008-2009 La Banca Centrale e la politica monetaria Economia degli Intermediari Finanziari 6 maggio 2009 A.A. 2008-2009 La politica monetaria (1) La politica monetaria, insieme alla politica dei redditi e di bilancio,

Dettagli

Macro 3. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11

Macro 3. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11 Macro 3 La moneta e la politica monetaria Moneta Qualsiasi mezzo di pagamento generalmente accettato per lo scambio di beni e servizi e per l estinzione dei debiti Ciò che importa non è il materiale usato

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Banca nazionale e politica monetaria Fondazione e compiti. 1.3 Altri compiti

Banca nazionale e politica monetaria Fondazione e compiti. 1.3 Altri compiti Fondazione e compiti 1.3 Altri compiti In qualità di banca della Confederazione, la Banca nazionale svolge inoltre i seguenti compiti: si occupa dei pagamenti per la Confederazione amministra i titoli

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Dipartimento di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 13 Il Patto di Stabilità Per poter usare la moneta unica, occorreva la convergenza

Dettagli

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA capitolo 12-1 OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA ECONOMIA MONETARIA CARATTERISTICA ESSENZIALE: SCAMBI ATTRAVERSO LA MONETA E NON ATTRAVERSO TUTTI GLI ALTRI BENI (BARATTO). LA MONETA, INIZIALMENTE

Dettagli

Capitolo 6. Il modello IS - LM

Capitolo 6. Il modello IS - LM Capitolo 6 187 Il modello IS - LM Fino ad ora abbiamo considerato separatamente il mercato delle merci e il mercato della moneta, a questo punto dobbiamo prendere in considerazione i collegamenti esistenti

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa

Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa Il PIL è la somma dei valori monetari del consumo (C), dell investimento lordo, della spesa pubblica per beni e servizi (G) e delle

Dettagli

ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS

ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS Per dubbi, domande e/o chiarimenti contattare: gaetano.lisi@unicas.it Il modello AD-AS è un modello di equilibrio economico generale (a differenza del modello

Dettagli

APPUNTI di ECONOMIA MONETARIA Giancarlo Bertocco* Corso di Laurea Triennale Anno Accademico 2010-11

APPUNTI di ECONOMIA MONETARIA Giancarlo Bertocco* Corso di Laurea Triennale Anno Accademico 2010-11 APPUNTI di ECONOMIA MONETARIA Giancarlo Bertocco* Corso di Laurea Triennale Anno Accademico 2010-11 *Questo testo è stato realizzato sulla base degli appunti presi durante le lezioni tenute nell anno accademico

Dettagli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia Macroeconomia Laura Vici laura.vici@unibo.it www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6 Rimini, 6 ottobre 2015 Macroeconomia 140 La ripresa dell Italia Il Fondo Monetario internazionale ha alzato le stime

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

Y t Y t - 1. Il tasso di disoccupazione (u) si calcola come rapporto tra lavoratori disoccupati e forza lavoro U totale: u= L

Y t Y t - 1. Il tasso di disoccupazione (u) si calcola come rapporto tra lavoratori disoccupati e forza lavoro U totale: u= L PIL COME PRODUZIONE AGGREGATA E REDDITO AGGREGATO Il PIL viene definito in tre modi: valore di beni e servizi finali (non intermedi) prodotti nell'economia in un dato periodo di tempo ( produzione aggregata

Dettagli

Corso di Economia Politica (a.a. 2006-7) Esercitazioni - Macroeconomia Capitoli dal 10 al 21

Corso di Economia Politica (a.a. 2006-7) Esercitazioni - Macroeconomia Capitoli dal 10 al 21 Corso di Economia Politica (a.a. 2006-7) Esercitazioni - Macroeconomia Capitoli dal 10 al 21 Sezione 2: Macroeconomia Capitolo 10: Problemi 1, 2, 4; Capitolo 11: Problemi 4, 5, 9: Capitolo 12: Problemi

Dettagli

Introduzione 1. I Macroeconomia monetaria nazionale 17

Introduzione 1. I Macroeconomia monetaria nazionale 17 Indice Indice delle tavole Indice delle figure Ringraziamenti Prefazione xiii xv xvii xix Introduzione 1 I Macroeconomia monetaria nazionale 17 1 La moneta flusso e la moneta stock 19 La moneta come forma

Dettagli

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 26 Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale In questa lezione Banca centrale Europea (BCE) e tassi di interesse: M D e sue determinanti; M S ed equilibrio del mercato monetario;

Dettagli

Capitolo 5 Z L inflazione

Capitolo 5 Z L inflazione Parte quarta La moneta e il sistema finanziario Capitolo 5 Z L inflazione Sommario Z 1. Il fenomeno inflazionistico. - 2. Le cause dell inflazione. - 3. Gli effetti dell inflazione. - 4. Il controllo dell

Dettagli

Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria

Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria La moneta influenza la produzione reale e gli equilibri macroeconomici? Teoria quantitativa della moneta:

Dettagli

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione Domande di ripasso 1. La moneta ha tre funzioni: riserva di valore, unità di conto e mezzo di scambio. In quanto riserva di valore, la moneta rappresenta un modo per

Dettagli

Il sistema monetario internazionale pre 1973

Il sistema monetario internazionale pre 1973 Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Il sistema monetario internazionale pre 1973 Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MACROECONOMIA - Anno accademico 2015-2016, I semestre

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MACROECONOMIA - Anno accademico 2015-2016, I semestre UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MACROECONOMIA - Anno accademico 2015-2016, I semestre Soluzioni esercitazione (seconda parte del programma), 04.12.2015.

Dettagli

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest 16 Jarai 24-05-2000 9:46 Pagina 135 135 Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest L integrazione con l Unione Europea, la rapida crescita economica, un migliore equilibrio finanziario

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Programmazione annuale di Economia Politica Classe 4^ Indirizzo Sistemi informativi aziendali (n. 2 ore settimanali) Sezione Tecnica

Programmazione annuale di Economia Politica Classe 4^ Indirizzo Sistemi informativi aziendali (n. 2 ore settimanali) Sezione Tecnica Programmazione annuale di Economia Politica Classe 4^ Indirizzo Sistemi informativi aziendali (n. 2 ore settimanali) Sezione Tecnica Modulo 1 LA TEORIA DEL REDDITO NAZIONALE (*) COMPETENZE ABILITA /CAPACITA

Dettagli

CAPITOLO IV L ANDAMENTO PROGRAMMATICO DELL ECONOMIA E DELLA FINANZA PUBBLICA ITALIANA. IV.1 L andamento programmatico dell economia italiana al 2006

CAPITOLO IV L ANDAMENTO PROGRAMMATICO DELL ECONOMIA E DELLA FINANZA PUBBLICA ITALIANA. IV.1 L andamento programmatico dell economia italiana al 2006 CAPITOLO IV L ANDAMENTO PROGRAMMATICO DELL ECONOMIA E DELLA FINANZA PUBBLICA ITALIANA IV.1 L andamento programmatico dell economia italiana al 2006 Il quadro programmatico per l economia italiana qui presentato

Dettagli

Macroeconomia 12 gennaio 2015 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 12 gennaio 2015 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 12 gennaio 2015 1. (*) Spiega in che consiste la procedura di calcolo del deflatore implicito del PIL e se questo è più/meno attendibile di un qualunque deflatore a paniere fisso. 2. (*)

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014).

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014). Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014). Questo documento si ispira al libro Le 7 Innocenti Frodi Capitali della Politica Economica, scritto

Dettagli

Fallimenti macroeconomici del mercato

Fallimenti macroeconomici del mercato Fallimenti macroeconomici del mercato Fallimenti macroeconomici del mercato i. Disoccupazione ii. Inflazione iii. Sottosviluppo iv. Squilibri di bilancia dei pagamenti Costituiscono altrettanti fallimenti

Dettagli

Le Bolle speculative

Le Bolle speculative Le Bolle speculative Vito Lops giornalista del Sole 24 Ore Social media editor Sole 24 Ore www.twitter.com/vitolops Autore del blog «L economia della trasparenza» http://vitolops.blog.ilsole24ore.com COME

Dettagli

Lezione 12 Risparmio privato e Debito Pubblico. Leonardo Bargigli

Lezione 12 Risparmio privato e Debito Pubblico. Leonardo Bargigli Lezione 12 Risparmio privato e Debito Pubblico Leonardo Bargigli Risparmio privato Gli individui desiderano risparmiare per poter trasferire potere d acquisto nel tempo e per poter coprire necessità impreviste

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli Lezione 14. Risparmio e investimento Leonardo Bargigli Risparmio e investimento nella contabilità nazionale Ripartiamo dalla definizione di PIL in termini di spesa finale Y = C + I + G + NX Consideriamo

Dettagli

Introdurre la materia macroeconomica 1 CAPITOLO 1 - Variabili macroeconomiche. Contabilità nazionale ed equilibrio tra risparmio e investimento

Introdurre la materia macroeconomica 1 CAPITOLO 1 - Variabili macroeconomiche. Contabilità nazionale ed equilibrio tra risparmio e investimento INDICE XVII 1 2 4 5 Introdurre la materia macroeconomica 1 CAPITOLO 1 - Variabili macroeconomiche. Contabilità nazionale ed equilibrio tra risparmio e investimento 1.1 1.2 1.3 1.4 L'oggetto della macroeconomia

Dettagli

10 FINANZA PUBBLICA, DISAVANZO E DEBITO. 10.1: Il quadro della finanza pubblica in Italia. 10.2: Saldi, disavanzo e debito: definizioni e relazioni

10 FINANZA PUBBLICA, DISAVANZO E DEBITO. 10.1: Il quadro della finanza pubblica in Italia. 10.2: Saldi, disavanzo e debito: definizioni e relazioni 10 FINANZA PUBBLICA, DISAVANZO E DEBITO 10.1: Il quadro della finanza pubblica in Italia 10.2: Saldi, disavanzo e debito: definizioni e relazioni 10.3: Debito pubblico, rimborso e stabilizzazione. 10.4:

Dettagli

MICROECONOMIA: MACROECONOMIA:

MICROECONOMIA: MACROECONOMIA: MICROECONOMIA/MACROECONOMIA MICROECONOMIA: STUDIA IL COMPORTAMENTO DI SINGOLI SOGGETTI ECONOMICI (TEORIA DEL CONSUMATORE, TEORIA DELL IMPRESA), E IL FUNZIONAMENTO DI SINGOLE COMPONENTI (MERCATI) DEL SISTEMA

Dettagli

Il controllo dell offerta di moneta

Il controllo dell offerta di moneta Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il controllo dell offerta di moneta Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Fasi della politica monetaria

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

Facoltà di Economia Sapienza

Facoltà di Economia Sapienza Lezione 10 L integrazione monetaria Stefano Papa Università di Roma Sapienza stefano.papa@uniroma1.it Facoltà di Economia Sapienza Storia monetaria Storia monetaria Storia monetaria Sistema aureo (gold

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Abbiamo detto che le risorse che costituiscono il reddito nazionale possono essere

Dettagli