ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE DELLO SPETTACOLO. Prof. Alberto Pasquale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE DELLO SPETTACOLO. Prof. Alberto Pasquale"

Transcript

1 ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE DELLO SPETTACOLO Prof. Alberto Pasquale

2 4 I SISTEMI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DIREZIONALE Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 2

3 Come si determinano gli obiettivi a breve termine? Il sistema di programmazione e controllo La contabilità analitica e il budget Il controllo di direzione Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 3

4 Il ruolo del sistema di programmazione e controllo È uno dei meccanismi operativi fondamentali per il funzionamento di un azienda. È dato dall insieme di processi organizzativi in grado di correlare: Unità organizzative Obiettivi di breve periodo Risorse disponibili. Consente di realizzare in maniera efficace ed efficiente le strategie, al fine di raggiungere gli obiettivi aziendali. Le strategie, individuate mediante il processo di pianificazione strategica, sono assunte come date. Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 4

5 Fasi del processo di programmazione e controllo Occorre un processo regolare e sistematico che si ripeta secondo un modello predefinito e ricorrente Le principali fasi in cui si articola il processo formale di programmazione e controllo sono: la programmazione la formulazione del budget lo svolgimento e la misurazione dell attività il reporting e la valutazione Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 5

6 Le quattro fasi della P&C 2 Formulazione del budget Revisione budget 1 Programmazione Revisione programmi Revisione attività 3 Svolgimento e misurazione dell attività Strategie Revisione strategie 4 Reporting e valutazione Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 6

7 Il ruolo del controller Il controller, in quanto esperto tecnicocontabile, si occupa della progettazione e della manutenzione della struttura tecnico-contabile del sistema di programmazione e controllo. In qualità di educatore, presidia il funzionamento del processo di programmazione e controllo. Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 7

8 Quando è opportuno introdurre un sistema di programmazione e controllo? Indipendentemente dalla dimensione aziendale, tre fattori rendono opportuna l introduzione del sistema di programmazione e controllo in un azienda: 1. l instabilità ambientale 2. la complessità strutturale dell azienda: 1. complessità strategica (detta anche esterna); riguarda le aree di risultato aventi rilevanza strategica 2. complessità organizzativa (detta anche interna); riguarda le unità organizzative in cui la struttura aziendale è articolata 3. la scarsità delle risorse disponibili Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 8

9 L infrastruttura tecnico-contabile del sistema di programmazione e controllo È costituita dagli strumenti su cui si fonda il funzionamento del sistema di programmazione e controllo, quali, per esempio: la contabilità analitica (costruzione di informazioni parziali) le tecniche decisionali di breve periodo il sistema di programmazione e budget il sistema di reporting e l analisi degli scostamenti Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 9

10 Dalle misure globali alle misure parziali: contabilità analitica Esigenza di segmentare le informazioni globali in informazioni parziali riferite a parti dell azienda che si ritiene opportuno: Programmare Controllare Siano esse: Aree di risultato aventi rilevanza strategica Unità organizzative Si parla principalmente di costi e ricavi, in part. di: Ricavo parziale Costo parziale Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 10

11 Esempio Dimensione di controllo Linea di prodotto Area geografica Funzione amministrazione, finanza e controllo Ricavi Parziali Fatturato della linea di prodotto Fatturato generato in ciascuna area (Non rilevante) Costi parziali Valore risorse consumate per produzione e vendita degli articoli della linea Valore risorse consumate per produzione e vendita degli articoli commercializzati nell area Valore risorse consumate per lo svolgimento dell attività della funzione Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 11

12 Il sistema di contabilità analitica Contabilità generale: valori aggregati per natura (es. costo del lavoro) Ricavi globali Costi globali Contabilità analitica: valori aggregati per destinazione (es. costi commercializzazione) Ricavi attribuiti Oggetto di calcolo Risultato parziale Costi attribuiti Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 12

13 Sistema di misurazione dei costi È più difficile attribuire a specifici oggetti di calcolo i costi, piuttosto che i ricavi. Per questo si approfondisce il sistema di misurazione dei costi. È il sottosistema della contabilità analitica finalizzato a rilevare e rielaborare le informazioni di costo, allorché avviene il loro consumo a favore di determinate dimensioni di controllo. Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 13

14 Progettazione del sistema di misurazione dei costi Scelte di progettazione Oggetti di calcolo Elementi di costo Metodologie di calcolo Scelta delle più rilevanti Classificazioni di costo Tipologie di costo Configurazioni di costo Tipologie di valori A base unica Di prodotto / di periodo Variabili / Fissi Di gestione caratteristiica A costi variabili A costi speciali Costi standard Costi effettivi A base multipla Diretti / Indiretti Specifici / Comuni A costi pieni Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 14

15 Costi variabili/fissi e diretti/indiretti Costi variabili Variano proporzionalmente al livello di attività (es. materie prime) Costi fissi Non variano al variare del livello di attività (es. costi amministrativi) Costi diretti Direttamente e oggettivamente attribuibili (es. provvigioni di vendita) Costi indiretti Attribuibili solo in base a un criterio di ripartizione (es. combustibile) Di norma: I costi diretti sono costi variabili I costi indiretti possono essere sia variabili sia fissi Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 15

16 Evitare confusioni Nella prassi vi è confusione fra costo diretto e costo variabile. La dicotomia diretto-indiretto si riferisce alla riconducibilità dei costi a specifici oggetti del costo. La dicotomia variabile-fisso si riferisce al comportamento dei costi al variare del volume di produzione. VARIABILE FISSO DIRETTO Costo pneumatici Stipendio supervisore linea assemblaggio INDIRETTO Energia, se i consumi sono rilevati per l intero stabilimento e si assemblano modelli diversi Costo del leasing dello stabilimento se vale quanto sopra Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 16

17 Costi fissi e costi variabili Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 17

18 Attribuzione dei costi diretti e allocazione dei costi indiretti Impresa(Alfa Due(linee(di(prodotto((A(e(B) Configurazione(di(conto(pieno(industriale((costi(diretti(:(materie(prime(e(costi(indiretti(:(variabili(e(fissi) Linea&A Linea&B Unità&di& misura a) Volume)di)produzione)e)vendita 1.000) 500) unità b) Costo)unitario)materie)prime )10 )5 /unità c) Costi)indiretti)complessivi )6.000 Attribuzione&costi&diretti&(materie&prime) d) Costo)complessivo)materie)prime)(a) )b) ) )2.500 Attribuzione&costi&indiretti Criterio(di(ripartizione:(ore(macchina(lavorate e) Ore)macchina/unità 0,5) 2) ore/unità f) Ore)macchina)totali)linea)(e) )a)) 500) 1.000) ore g) Ore)macchina)totali 1.500) ore h) Coefficiente)ripartizione)costi)indiretti)(c) )g) )4 /ora i) Imputazione)costi)indiretti)(h) )f) )2.000 )4.000 l) COSTO)PIENO)COMPLESSIVO)(d)+)i) ) )6.500 COSTO&DEL&PRODOTTO&(l& &a) &12 &13 /unità Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 18

19 Supporto del sistema decisionale Decidere significa scegliere la migliore alternativa tra differenti corsi di azione futuri. Le decisioni di breve periodo riguardano l analisi di convenienza tra alternative decisionali di utilizzo di una data capacità produttiva ipotizzata non modificabile nell orizzonte temporale considerato. Utilizzando la dicotomia costi fissi-costi variabili possiamo calcolare il margine di contribuzione, grandezza economica fondamentale a supporto del processo decisionale di breve periodo. Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 19

20 Varie tipologie di costo Ai fattori produttivi (detti anche condizioni di produzione ) impiegati nello svolgimento dell attività aziendale corrispondono tipologie di costo differenti... Organizzazione ed Economia Aziendale dello Spettacolo Prof. Alberto Pasquale 20

21 Costi fissi e costi variabili Immobilizzazioni (SP) (automezzi, impianti, macchinari, diritti cinematografici...) Manodopera indiretta (supervisori) Spese generali e amministrative Difficili da modificare nel breve R&S Formazione Riducibili nel breve ma non per molto Condizioni (fattori) di produzione Di gestione caratteristica Di gestione finanziaria e fiscale A impiego ripetuto A impiego unico Non strettamente proporzionali ai volumi Strettamente proporzionali ai volumi (materie prime, energia, manodopera diretta, provvigioni agenti) Quote di Ammortam. (CE) Costi fissi di struttura Costi fissi di sviluppo (o discrezionali) Costi Variabili Costi Finanziari Costi Fiscali Fissi Variabili Costi di gestione caratteristica Costi extra gest. caratt. Organizzazione ed Economia Aziendale dello Spettacolo Prof. Alberto Pasquale 21

22 La copertura dei costi Nello svolgimento dell attività caratteristica l azienda dovrà innanzitutto coprire i costi fissi, oltre ai costi variabili correlati ai volumi di produzione, prima di generare reddito (utile) Organizzazione ed Economia Aziendale dello Spettacolo Prof. Alberto Pasquale 22

23 Il punto di pareggio in grafico Il punto di pareggio (BEP, Break-Even Point) è il volume di vendita per il quale i ricavi coprono esattamente i costi Costi/ricavi Ricavi Costi fissi + costi variabili Dimensione dell'utile Costi variabili Costi fissi Dimensione della perdita Punto di pareggio Volumi Organizzazione ed Economia Aziendale dello Spettacolo Prof. Alberto Pasquale 23

24 Il calcolo del BEP Per un azienda che non abbia ancora raggiunto il punto di pareggio, è importante determinare quale sia l obiettivo minimo da raggiungere per poter generare reddito Proviamo a calcolare il BEP: In volume In valore Organizzazione ed Economia Aziendale dello Spettacolo Prof. Alberto Pasquale 24

25 Calcolo del BEP in volume Il punto di pareggio è quel punto nel quale i ricavi totali (RT) sono uguali ai costi totali (CT) Cioè: RT = CT Poiché: CT = Costi Variabili Totali (CVT) + Costi Fissi (CF) Abbiamo: RT = CVT + CF E dunque: P Q = (cv Q) + CF dove: P = prezzo di vendita Q = volumi prodotti e venduti cv = costo variabile unitario Quindi... Organizzazione ed Economia Aziendale dello Spettacolo Prof. Alberto Pasquale 25

26 Calcolo del BEP in volume Partendo da: P Q = (cv Q) + CF Abbiamo: P Q - (cv Q) = CF Quindi: Q (P - cv) = CF Da cui: Q = CF P - cv Margine Di Contribuzione Unitario (MDCU) alla copertura dei costi fissi Organizzazione ed Economia Aziendale dello Spettacolo Prof. Alberto Pasquale 26

27 Il MDCU: significato Q = CF P - cv Se per ogni unità (Q) di prodotto venduta sottraiamo al prezzo di vendita (P) il costo variabile unitario (cv)... Otteniamo il contributo che ciascuna unità (Q) porta per coprire i costi fissi (CF) Organizzazione ed Economia Aziendale dello Spettacolo Prof. Alberto Pasquale 27

28 MDCU: significato Pertanto, la quantità (Q) di pareggio, che si ha quando RT = CT, è data dal rapporto tra costi fissi (CF) e margine di contribuzione unitario (P-cv) Vediamo un esempio... Organizzazione ed Economia Aziendale dello Spettacolo Prof. Alberto Pasquale 28

29 Esempio In una tavola calda abbiamo: Costi fissi (CF) di gestione (affitto, 2 addetti al servizio, utenze varie) per I costi unitari (cv) e i ricavi unitari (P) di una consumazione-tipo sono: Prezzo di vendita (P) = 6,00 Costo unitario (cv) = 1,50 Quante consumazioni-tipo devo vendere per coprire tutti i costi fissi? Organizzazione ed Economia Aziendale dello Spettacolo Prof. Alberto Pasquale 29

30 Esempio Q = CF P - cv Q = ,00 1,50 = consumazioni Organizzazione ed Economia Aziendale dello Spettacolo Prof. Alberto Pasquale 30

31 Il punto di pareggio espresso in quantità (QP) R = CT R = CF + CV Ru x QP = (CVu x QP) + CF QP = CF / (Ru - CVu) R = Ricavi CT = Costi Totali CV = Costi Variabili u = unitari QP = Quantità di Pareggio Prezzo M.D.C. unitario Costo variabile unitario Copertura Costi Fissi e formazione utile COSTI FISSI QP= MARGINE DI CONTR. UNITARIO Organizzazione ed Economia Aziendale dello Spettacolo Prof. Alberto Pasquale 31

32 Il punto di pareggio espresso in fatturato Costi fissi Q x Prezzo = x Prezzo Margine di contribuzione unitario Costi fissi Fatturato = Margine di contribuzione unitario / Prezzo Costi fissi Fatturato = Margine di contribuzione % Questa versione della formula può essere utilizzata nelle aziende multiprodotto per le quali il volume di pareggio non ha significato. Organizzazione ed Economia Aziendale dello Spettacolo Prof. Alberto Pasquale 32

33 La funzione dei costi totali CT = CVt + CF CT = Costi Totali CVt = Costi Variabili totali CF = Costi Fissi totali CT = Cvu Q + CF CVu = Costo Variabile unitario Q = Volume di produzione e vendita (Q = Quantità) Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 33

34 La funzione dei ricavi totali RT = Pu Q RT = Ricavi Totali Pu = Prezzo di vendita unitario Q = Volume di produzione e vendita Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 34

35 Margine di contribuzione Il margine di contribuzione totale è la differenza tra i ricavi totali e i costi variabili totali MDCt = RT - CVt MDCt = margine di contribuzione totale MDCt = Pu Q Cvu Q Il margine di contribuzione unitario è la differenza tra il prezzo unitario di vendita e i costi variabili unitari MDCu = Pu - CVu MDCu = margine di contribuzione unitario Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 35

36 MDC totale MDCt = RT - CVt MDCt = Pu Q Cvu Q = (Pu Cvu) Q = MDCu Q Il MDC unitario rappresenta il contributo offerto dalla produzione e vendita di un unità di prodotto alla copertura dei costi fissi. Il MDC totale rappresenta la contribuzione che l attuale volume di produzione e vendita offre alla copertura dei costi fissi. Se il MDCt supera i costi fissi (MDCt > CF), si ha un utile. Se il MDCt è inferiore ai costi fissi (MDCt < CF), si ha una perdita. Il MDC è dunque la grandezza economica da massimizzare nel breve periodo al fine di sfruttare al meglio la capacità produttiva disponibile, tipicamente valorizzata dai costi fissi. Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 36

37 MDC: rappresentazione grafica Ricavo unitario Ricavo unitario Ricavo unitario Costi variabili cvu cvu cvu mdcu mdcu mdcu Costi C fissi Contribuzione Profitto Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 37

38 Utilizzo delle misure parziali a supporto del processo decisionale Le misure parziali consentono di supportare il processo decisionale di breve periodo identificando l alternativa decisionale che, ottimizzando il margine di contribuzione, è da ritenersi più conveniente sotto il profilo economico (analisi differenziale). Inoltre, consentono di calcolare il punto di pareggio e la reattività del risultato economico al variare dei volumi di produzione e vendita (break-even analysis). Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 38

39 Il punto di pareggio BEP = CF MDCu = Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 39

40 Volumi e risultati economici desiderati 1000 Prezzo di vendita unitario = 1,5 euro 900 Costo variabile unitario = 0,5 euro Margine di contribuzione unitario = 1,5-0,5 = 1 euro 800 Costo fisso totale = 200 euro 700 Risultato economico obiettivo = 100 euro Costi totali + obiettivo Costi totali (euro) Ricavi totali Costi totali CF + RE* Q* Q* = = MDCu Costi variabili Costi fissi Volume di produzione e vendita (unità) Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 40

41 Esempio impresa teatrale Un impresa teatrale vuole produrre e distribuire un opera: Aida Regia: Franco Zeffirelli Produzione: Teatro alla Scala Ipotizziamo 12 repliche Prezzo medio biglietto? Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 41

42 Costi fissi Costi fissi : Progettazione Regia Scenografia Organizzazione Luci Audio Salari e stipendi produzione spettacolo Costi di gestione del teatro imputati al progetto Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 42

43 Costi variabili e totali Costi variabili : Salario artisti e tecnici per ogni giorno aggiuntivo Affitto costumi e materiali di scena Quota elettricità imputabile a ciascuna replica Costi totali: Costi fissi Costi variabili totali = Costi totali Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 43

44 Altre informazioni Capienza massima teatro: posti Capienza 12 repliche: = Finanziamenti imputati ad Aida ( ricavi fissi) : Pubblici Privati Vediamo graficamente Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 44

45 Analisi punto di pareggio Ricavi totali Costi totali Ricavi variabili Costi variabili Costi fissi L incognita è il prezzo Ricavi fissi Quantità di equilibrio = posti (dato) Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 45

46 Calcoliamo il prezzo CT = RT CF + CV = RF + RV CF + CV = FinPub + FinPriv + P Q = P P = ( ) / = 119 = Prezzo medio Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 46

47 E se volessi prezzo medio = 90? Se la concorrenza vende i biglietti a 100 e io volessi venderli a 90? Q = (CF + CV FinPub Fin Priv) / P Q = ( ) / 90 = / 90 = biglietti Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 47

48 Effetti di diverse strutture di costo La quantità e il fatturato di pareggio sono condizionati dalla incidenza dei costi fissi e dei costi variabili sui costi totali Una maggiore incidenza di costi fissi determina: il raggiungimento del punto di pareggio a una soglia di volumi di vendita e di fatturato più alti ma anche un aumento più che proporzionale del reddito al variare dei volumi prodotti una volta che il BEP sia stato raggiunto Organizzazione ed Economia Aziendale dello Spettacolo Prof. Alberto Pasquale 48

49 Effetti di diverse strutture di costo Costi/ricavi Ricavi Costi fissi + costi variabili Costi fissi + costi variabili Costi fissi Costi fissi Punto di pareggio Punto di pareggio Volumi Organizzazione ed Economia Aziendale dello Spettacolo Prof. Alberto Pasquale 49

50 Effetti di diverse strutture di costo Al contrario, una incidenza maggiore dei costi variabili determina: una maggiore inclinazione della retta dei costi un più rapido raggiungimento del punto di pareggio ma anche un area della perdita e del reddito più contenute In funzione del mix tra costi fissi e variabili varia il livello di rischio operativo... Organizzazione ed Economia Aziendale dello Spettacolo Prof. Alberto Pasquale 50

51 Il rischio operativo: esempio Un produttore di tavoli deve decidere se acquistare un impianto automatizzato per la lavorazione del legno In questo modo potrebbe eliminare le lavorazioni che attualmente vengono svolte da imprese esterne L impianto: ha un costo di ammortizzabile in 5 anni richiede un operaio specializzato ( ) e un operaio generico ( ) altri dati... Organizzazione ed Economia Aziendale dello Spettacolo Prof. Alberto Pasquale 51

52 Il rischio operativo: esempio Senza impianto Con impianto automatizzato automatizzato Prezzo Costi variabili Costo materie prime Lavorazioni esterne Costo variabile unitario Costi fissi Costo del lavoro Manutenzione e gestione impianti Ammortamenti Altri costi fissi Totale costi fissi BEP senza impianto = CF / P-cv = / ( ) = / 100 = BEP con impianto = / ( ) = / 200 = In entrambi i casi il BEP è tavoli Organizzazione ed Economia Aziendale dello Spettacolo Prof. Alberto Pasquale 52

53 Il rischio operativo: esempio Abbiamo visto che il BEP è lo stesso (1.000 tavoli) indipendentemente dall acquisto dell impianto automatizzato La decisione di acquistare un impianto automatizzato tuttavia modifica il grado di flessibilità operativa dell azienda......perché determina una forbice tra costi e ricavi più ampia... Organizzazione ed Economia Aziendale dello Spettacolo Prof. Alberto Pasquale 53

54 Il rischio operativo Immaginiamo di voler conoscere il reddito operativo ipotizzando produzioni pari a 900 tavoli e tavoli Senza impianto Con impianto automatizzato automatizzato Quantità prodotta / venduta Ricavi Costi variabili Costi fissi Reddito operativo Quantità prodotta / venduta Ricavi Costi variabili Costi fissi Reddito operativo 0 0 Quantità prodotta / venduta Ricavi Costi variabili Costi fissi Reddito operativo Organizzazione ed Economia Aziendale dello Spettacolo Prof. Alberto Pasquale 54

55 Il rischio operativo L alternativa senza impianto automatizzato è: Meno rischiosa Meno redditizia in prospettiva La scelta di investire comporta: Maggiori rischi Maggiore reddito potenziale Come faccio a decidere? Organizzazione ed Economia Aziendale dello Spettacolo Prof. Alberto Pasquale 55

56 Come decidere? La scelta dipende da valutazioni in merito a: Prospettive del mercato Situazione competitiva Propensione al rischio dell impresa Pertanto, per esempio, se l azienda è di recente costituzione ed opera in un ambiente turbolento e poco noto, converrà privilegiare una struttura a maggiore incidenza di CV Internalizzare infatti significa allontanare il BEP e minore flessibilità nei costi Organizzazione ed Economia Aziendale dello Spettacolo Prof. Alberto Pasquale 56

57 Il rischio operativo Il rischio operativo è espresso dalla probabilità più o meno elevata di realizzare risultati reddituali particolarmente negativi o particolarmente positivi in relazione al fluttuare dei volumi di produzione e vendita. Il rischio operativo è legato a: livello del punto di pareggio grado di elasticità (o flessibilità) operativa (ampiezza forbice fra ricavi e CT prima e dopo il BEP) Una misura della elasticità operativa è rappresentata dal rapporto fra costi variabili totali e costi fissi al punto di pareggio Ricavi e costi Milioni di euro Flessibilità operativa Punto di pareggio Ricavi Costi fissi Costi totali Volumi Organizzazione ed Economia Aziendale dello Spettacolo Prof. Alberto Pasquale 57

58 Indice di flessibilità Senza impianto automatizzato Con impianto automatizzato Quantità prodotta / venduta Ricavi Costi variabili Costi fissi Reddito operativo 0 0 Indice di flessibilità (CV / CF) 2,0 0,5 Abbiamo dunque: Stesso BEP (1.000 tavoli) Indici di elasticità operativa molto diversi L impianto automatizzato è poco elastico (Indice = 0,5), quindi più rischioso Organizzazione ed Economia Aziendale dello Spettacolo Prof. Alberto Pasquale 58

59 Il BEP reddituale Il BEP che abbiamo visto finora è il punto di pareggio operativo, che consente di coprire i costi fissi di gestione operativa Se oltre a tali costi si desidera coprire altri costi (ad esempio oneri finanziari o tasse) e formare un utile, occorre vendere di più La formula del BEP si modifica e diventa: Q = Costi fissi + Oneri finanziari + Imposte + Utile desiderato P cv ( Margine di contribuzione ) Organizzazione ed Economia Aziendale dello Spettacolo Prof. Alberto Pasquale 59

60 Il punto di equilibrio reddituale PUNTO DI PAREGGIO IL REDDITO OPERATIVO SERVE A COPRIRE: Pareggio operativo Interessi Tasse Utile netto L UTILE NETTO DEVE ESSERE PROPORZIONATO A: investimenti rendimento degli investimenti senza rischio livello di rischio COSTI FISSI + REDDITO OPERATIVO DESIDERATO FATTURATO DI EQ. REDD. = MARGINE DI CONTRIBUZIONE % Organizzazione ed Economia Aziendale dello Spettacolo Prof. Alberto Pasquale 60

61 La leva operativa ALFA$(rigida) BETA$(intermedia) GAMMA$(flessibile) Volume'di'produzione'e'vendita 10,0 10,0 10,0 Prezzo'di'vendita'unitario 3,0 3,0 3,0 Ricavi$totali 30,0 30,0 30,0 Costi'variabili'unitari 91,0' 91,5' 92,0' Costi'variabili'totali 910,0' 915,0' 920,0' Margine$di$contribuzione$totale 20,0 15,0 10,0 Costi'fissi'totali 915,0' 910,0' 95,0' Risultato$economico 5,0 5,0 5,0 Grado'di'incidenza'costi'fissi 60% 40% 20% In'caso'di'variazione'del'10%'del'volume'di'vendita,'abbiamo: Variazione'ricavi'totali ±'3 ±'3 ±'3 Variazione'costi'variabili'totali ±'1 ±'1,5 ±'2 Risultato'economico ±'2 ±'1,5 ±'1 Punto'di'pareggio 7,5 6,7 5,0 Esempio ALFA+(rigida) BETA+(intermedia) GAMMA+(flessibile) Volume'di'produzione'e'vendita 11,0 11,0 11,0 Prezzo'di'vendita'unitario 3,0 3,0 3,0 Ricavi+totali 33,0 33,0 33,0 Costi'variabili'unitari 91,0' 91,5' 92,0' Costi'variabili'totali 911,0' 916,5' 922,0' Margine+di+contribuzione+totale 22,0 16,5 11,0 Costi'fissi'totali 915,0' 910,0' 95,0' Risultato+economico 7,0 6,5 6,0 Variazione 2,0 1,5 1,0 Il BEP = CF/MdCu si raggiunge prima se la struttura dei costi è flessibile Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 61

62 La mappa dei centri di responsabilità È l insieme delle unità organizzative inserite nella struttura organizzativa del controllo. Include i centri di responsabilità, ovvero le unità organizzative che, sotto la guida di un responsabile, governano in autonomia determinate risorse e, svolgendo una serie di attività, ottengono risultati misurabili in termini economico-finanziari. Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 62

63 Centri di responsabilità: tipologie In funzione dell ambito di autonomia decisionale di cui un centro di responsabilità dispone, si distinguono: centri di ricavo centri di costo centri di spesa centri di profitto centri di investimento Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 63

64 Il master budget È il documento di sintesi del sistema di budget, composto da: budget di conto economico situazione patrimoniale preventiva La costruzione del master budget richiede, in via preliminare, lo sviluppo analitico di budget elementari, tradizionalmente classificati in: budget operativi budget degli investimenti budget finanziari Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 64

65 L analisi degli scostamenti È una tecnica contabile che consente di misurare e spiegare la variazione complessiva tra l obiettivo di budget e il risultato effettivo con riferimento alle tipologie di valori incluse nel sistema di programmazione e controllo (ricavi di vendita, costi diretti, costi indiretti variabili, costi indiretti fissi). Permette di scomporre la variazione complessiva (scostamento di primo livello) nelle cause a essa sottostanti (scostamenti di secondo livello). Economia e Organizzazione dello Spettacolo Prof. A. Pasquale 65

Le fonti di economie. 1

Le fonti di economie. 1 Le fonti di economie paola.dubini@uni-bocconi.it 1 Contenuto le economie di apprendimento (o di esperienza) le economie di raggio d azione le economie di transazione il punto di pareggio la valutazione

Dettagli

L analisi di sensitività del conto economico

L analisi di sensitività del conto economico L analisi di sensitività del conto economico Analisi di sensitività In relazione alla combinazione fra costi variabili e costi fissi si configura un diverso profilo di rischio nelle condizioni operative

Dettagli

CONTROLLO E CONTABILITA

CONTROLLO E CONTABILITA CONTROLLO E CONTABILITA DEI COSTI Agenda Classificazione dei costi Costi variabili e fissi -Modello costo volume profitto Costi diretti e indirietti -La contabilità per centri di costo Analisi degli scostamenti

Dettagli

Le condizioni di efficienza e di efficacia nella combinazione dei fattori di produzione. Corso di Economia Aziendale Prof.

Le condizioni di efficienza e di efficacia nella combinazione dei fattori di produzione. Corso di Economia Aziendale Prof. Le condizioni di efficienza e di efficacia nella combinazione dei fattori di produzione Corso di Economia Aziendale Prof. Giuseppe D Onza Misurazioni e strumenti per il controllo dei processi di produzione

Dettagli

Analisi dei costi-volumi-risultati e decisioni aziendali. A cura di Laura Coggiola

Analisi dei costi-volumi-risultati e decisioni aziendali. A cura di Laura Coggiola Analisi dei costi-volumi-risultati e decisioni aziendali A cura di Laura Coggiola Il Direct Costing MARGINALITA REDDITIVITA RICAVI? PROFITTO COSTI CONTO ECONOMICO GESTIONALE AREA OPERATIVA O CARATTERISTICA

Dettagli

CONTABILITA DEI COSTI

CONTABILITA DEI COSTI CONTABILITA DEI COSTI IL SISTEMA DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Pianificazione strategica Definizione degli obiettivi e delle linee guida aziendali Controllo direzionale Definizione e perseguimento delle

Dettagli

MAPPA DEL PROCESSO BUDGET PIANIFICAZIONE FATTURE ACQUISTO E VENDITA DATI SUI PROCESSI PRODUTTIVI DATI DELLA COSTI STANDARD PROGRAMMAZIONE

MAPPA DEL PROCESSO BUDGET PIANIFICAZIONE FATTURE ACQUISTO E VENDITA DATI SUI PROCESSI PRODUTTIVI DATI DELLA COSTI STANDARD PROGRAMMAZIONE IL BUDGET MAPPA DEL PROCESSO FATTURE ACQUISTO E VENDITA SISTEMA DI CONTABILITÀ GENERALE DATI SUI PROCESSI PRODUTTIVI SISTEMA DI CONTABILITÀ ANALITICA DECISIONI COSTI STANDARD COSTI CONSUNTIVI DATI DELLA

Dettagli

Capitolo Analisi economiche per il controllo di gestione. Programmazione e Controllo Prof. Federico Verrucchi

Capitolo Analisi economiche per il controllo di gestione. Programmazione e Controllo Prof. Federico Verrucchi Capitolo 2 10-18 Analisi economiche per il controllo di gestione Programmazione e Controllo Prof. Federico Verrucchi Le configurazioni di costo Una volta compreso secondo quali prospettive possono essere

Dettagli

Programmazione e Controllo

Programmazione e Controllo Programmazione e Controllo A.A. 2013-2014 Dott.ssa Alessandra Stefanoni 2 Pianificazione La PIANIFICAZIONE è il processo mediante il quale l azienda determina gli obiettivi di medio lungo termine, stabilisce

Dettagli

IL COSTO DI PRODOTTO E IL COSTO MONETARIO INERENTE UNA DATA QUANTITA DI PRODOTTO

IL COSTO DI PRODOTTO E IL COSTO MONETARIO INERENTE UNA DATA QUANTITA DI PRODOTTO IL COSTO DI PRODOTTO E IL COSTO MONETARIO INERENTE UNA DATA QUANTITA DI PRODOTTO PER POTER ATTRIBUIRE I COSTI A SINGOLE UNITA DI PRODOTTO E NECESSARIO STABILIRE RELAZIONI TRA I FATTORI E I PRODOTTI STESSI

Dettagli

Pricing & Costing Cost Based Pricing: il metodo a Direct Costing

Pricing & Costing Cost Based Pricing: il metodo a Direct Costing Pricing & Costing Cost Based Pricing: il metodo a Direct Costing G. TOSCANO e A. VINCI Corso: Pricing & Costing LIUC Università di Castellanza Ottobre 2010 Anno accademico 2010/11 1 Cost- Based Pricing

Dettagli

DIRECT E FULL COSTING

DIRECT E FULL COSTING DIRECT E FULL COSTING Esercizio 1 Un azienda produce due modelli di prodotti A e B. La contabilità analitica ha elaborato i seguenti dati economici unitari di produzione: A B Materiali diretti 10 14 Manodopera

Dettagli

Definizione e Classificazione dei costi

Definizione e Classificazione dei costi Definizione e Classificazione dei costi Il concetto di costo Dai costi elementari alle sintesi di costo La classificazione dei costi I costi nelle decisioni Il concetto di costo Costo tecnico Costo psicologico

Dettagli

Tipologie di COSTI POLITICHE. Variabile / Fisso Unitario / Totale Diretto / Indiretto. Sopracosto Sottocosto

Tipologie di COSTI POLITICHE. Variabile / Fisso Unitario / Totale Diretto / Indiretto. Sopracosto Sottocosto Tipologie di COSTI Variabile / Fisso Unitario / Totale Diretto / Indiretto Sopracosto Sottocosto POLITICHE 1 Strategie di prezzo per la fase di lancio PENETRAZIONE Si valuta che stabilire un prezzo basso

Dettagli

Pricing & Costing Cost Based Pricing: Direct Costing Mark-Up Pricing & Break Even Analysis

Pricing & Costing Cost Based Pricing: Direct Costing Mark-Up Pricing & Break Even Analysis Pricing & Costing Cost Based Pricing: Direct Costing Mark-Up Pricing & Break Even Analysis G. TOSCANO e A. VINCI Corso: Pricing & Costing LIUC Università di Ottobre 2012 Anno accademico 2012/13 1 Cost-

Dettagli

ESERCIZI. MDC e BEP Margine di Sicurezza Leva Operativa. Giulia Rita Biavati Docente responsabile: Emidia Vagnoni

ESERCIZI. MDC e BEP Margine di Sicurezza Leva Operativa. Giulia Rita Biavati Docente responsabile: Emidia Vagnoni ESERCIZI MDC e BEP Margine di Sicurezza Leva Operativa Giulia Rita Biavati Docente responsabile: Emidia Vagnoni LE CLASSIFICAZIONI DI COSTO VARIABILITA RISPETTO AL LIVELLO DI ATTIVITA ATTRIBUZIONE ALL

Dettagli

Lezione 19 - La leva operativa

Lezione 19 - La leva operativa Lezione 19 - La leva operativa La struttura dei costi Modello di analisi della dinamica dei costi rispetto ai volumi di attività Si basa su alcune ipotesi semplificatrici Linearità dei costi Non rilevanza

Dettagli

Indice. Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore In questo volume... XV XXI XXIII XXV

Indice. Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore In questo volume... XV XXI XXIII XXV Indice Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore In questo volume... XV XXI XXIII XXV Introduzione Origini ed evoluzione del controllo direzionale nella letteratura italiana e

Dettagli

Comunicazione economico-finanziaria

Comunicazione economico-finanziaria Pagina 1 di 6 Comunicazione economico-finanziaria Bilanci aziendali Il bilancio d esercizio - Il sistema informativo di bilancio - La normativa sul bilancio Le componenti del bilancio civilistico: Stato

Dettagli

CL Produzioni Animali

CL Produzioni Animali CL Produzioni Animali Anno Accademico 2013-14 Beak Even Point l analisi del punto di pareggio: introduzione - è una delle più significative applicazioni della contabilità analitica* - analisi dei costi-ricavi

Dettagli

Università degli Studi della Tuscia Viterbo -!!Corso di Economia aziendale!!!!!a.a !

Università degli Studi della Tuscia Viterbo -!!Corso di Economia aziendale!!!!!a.a ! 32 Diagramma di redditività: il grafico R, C Si tratta di un equilibrio tra costi e ricavi (loro pareggio), ma in esso l azienda non raggiunge il cosiddetto equilibrio economico, che si ha quando i ricavi,

Dettagli

Il diagramma del profitto e il punto di pareggio

Il diagramma del profitto e il punto di pareggio Il diagramma del profitto e il punto di pareggio Costi Ricavi Ricavi totali area di profitto 5.000 Costi totali CFT area di perdita Volume di pareggio Dati: Costi fissi = 2.000 Costo variabile u. = 120

Dettagli

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Sistemi i di controllo di gestione prof. Sergio Mascheretti METODOLOGIE DI CALCOLO DEI COSTI: IL DIRECT COSTING SCG-L05 Pagina 0 di 42 A) OBIETTIVI DELLA LEZIONE B) BIBLIOGRAFIA

Dettagli

Università degli Studi della Tuscia Viterbo -!!Corso di Economia aziendale!!!!!a.a !

Università degli Studi della Tuscia Viterbo -!!Corso di Economia aziendale!!!!!a.a ! Agenda Inquadramento dell analisi negli strumenti di controllo direzionale Per partire (nozioni, classificazione dei costi per le decisioni, ) Finalità conoscitive e nozioni Modalità di classificazione

Dettagli

Analisi della Potenzialità Economico-Strutturale

Analisi della Potenzialità Economico-Strutturale Esercitazione Analisi della Potenzialità Economico-Strutturale ANALISI POTENZIALITA ECONOMICO- STRUTTURALE Obiettivi: Misurare la capacità dell impresa di ottenere un profitto data una certa composizione

Dettagli

Le potenzialità economico-strutturali dell impresa: l analisi del punto di pareggio

Le potenzialità economico-strutturali dell impresa: l analisi del punto di pareggio Anno Accademico 2012-2013 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Scienze MM.FF.NN Corso di Laurea in Informatica Corso di Economia e Organizzazione Aziendale Le potenzialità economico-strutturali

Dettagli

Corso di Economia aziendale

Corso di Economia aziendale Corso di Economia aziendale Lezioni 35,36 e 38 La combinazione dei fattori produttivi 1 La combinazione dei fattori Insieme delle operazioni che riguardano: o la gestione MA ANCHE o la programmazione o

Dettagli

La relazione tra equilibrio economico ed equilibrio finanziario

La relazione tra equilibrio economico ed equilibrio finanziario La relazione tra equilibrio economico ed equilibrio finanziario Università degli Studi di Firenze 1 La relazione tra equilibrio economico ed equilibrio finanziario Reddito disponibile (negativo) Capacità

Dettagli

29/04/2011. PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Prof. Luca Fornaciari

29/04/2011. PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Prof. Luca Fornaciari PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Prof. Luca Fornaciari Il comportamento dei costi Riferimenti bibliografici: libro di testo capitoli 5 e 7 di BREWER P.C., GARRISON R.H., NOREEN E.W., Programmazione e controllo

Dettagli

Un esercizio sulle configurazioni di costo

Un esercizio sulle configurazioni di costo Un esercizio sulle configurazioni di costo La Bike Srl è un azienda operante nel settore della produzione di biciclette sportive e per il tempo libero. Attualmente l azienda realizza tre prodotti: ALFA

Dettagli

Il candidato, ipotizzando, dove necessario, un criterio di riparto adeguato, determini:

Il candidato, ipotizzando, dove necessario, un criterio di riparto adeguato, determini: Le informazioni desunte dall analisi dei costi pieni e da quella dei costi diretti portano a conclusioni e decisioni differenti. Lo studente, dopo aver descritto i sistemi di contabilità a costi pieni

Dettagli

Classe V^ A RIM Esercitazione di Economia Aziendale Contabilità Gestionale

Classe V^ A RIM Esercitazione di Economia Aziendale Contabilità Gestionale Classe V^ A RIM Esercitazione di Economia Aziendale Contabilità Gestionale La Amadio spa ha in produzione due prodotti, X1 e Y2. Nel periodo sono state eseguite le seguenti produzioni: 1. Produzione X1:

Dettagli

CONTABILITÀ GESTIONALE: METODI DI CALCOLO DEI COSTI

CONTABILITÀ GESTIONALE: METODI DI CALCOLO DEI COSTI Prova di verifica CONTABILITÀ GESTIONALE: METODI DI CALCOLO DEI COSTI di Rossana MANELLI ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE: ECONOMIA AZIENDALE (Classe 5 a IT Indirizzo AFM; Articolazione SIA; Articolazione

Dettagli

Il margine di contribuzione di primo livello rapportato alla quantità venduta è il seguente:

Il margine di contribuzione di primo livello rapportato alla quantità venduta è il seguente: 4. METODI DI CALCOLO DEI COSTI Classe 5^A A RIM - I.I.S. Capriotti - San Benedetto del Tronto (AP) 4.1 margine di contribuzione ( ) X11 X19 Totale Ricavi di vendita 360.000 360.000 720.000 Costi variabili

Dettagli

TOMO 2-2. COSTI E SCELTE AZIENDALI. 2.1 costo suppletivo ( ) Ipotesi a.

TOMO 2-2. COSTI E SCELTE AZIENDALI. 2.1 costo suppletivo ( ) Ipotesi a. TOMO 2-2. COSTI E SCELTE AZIENDALI 2.1 costo suppletivo ( ) Ipotesi a. Produzione 12.000 unità Produzione 14.000 unità Costo complessivo Costo unitario Costo complessivo Costo unitario Costi variabili

Dettagli

Il Cambiamento e l Innovazione nella Professione: il Controllo Direzionale

Il Cambiamento e l Innovazione nella Professione: il Controllo Direzionale Il Cambiamento e l Innovazione nella Professione: il Controllo Direzionale I sistemi di controllo direzionale: progettazione, strumenti, organizzazione, ruoli Prof. Cattaneo Cristiana Bergamo, 7 Ottobre

Dettagli

Il Break Even Point (b.e.p.)

Il Break Even Point (b.e.p.) Prof. Sartirana Il Break Even Point (b.e.p.) E un analisi grafica e matematica della redditività della produzione aziendale E un analisi che riguarda il breve periodo Prevede che l azienda abbia la possibilità

Dettagli

A A. Bep, reddito atteso? Paola DE BERNARDI

A A. Bep, reddito atteso? Paola DE BERNARDI A A Bep, reddito atteso? Paola DE BERNARDI Torino, 26 febbraio 2009 1 percorso della lezione... Bea: le le simulazioni Costi fissi e variabili La BEA: il il contesto 2 IL CONTROLLO DI GESTIONE E : 3 E

Dettagli

Riclassificazione del conto economico

Riclassificazione del conto economico Riclassificazione del conto economico Schema generale comune Ricavi netti di vendita - costi operativi = reddito gestione caratteristica +/- risultato della gestione finanziaria +/- risultato della gestione

Dettagli

Politecnico di Milano IV Facoltà di Ingegneria Economia e Organizzazione Aziendale: Decisioni di Breve e Analisi di Break-even

Politecnico di Milano IV Facoltà di Ingegneria Economia e Organizzazione Aziendale: Decisioni di Breve e Analisi di Break-even Politecnico di Milano IV Facoltà di Ingegneria Economia e Organizzazione Aziendale: Decisioni di Breve e Analisi di Break-even Le decisioni d impresa Decisioni di investimento (lungo periodo) decisioni

Dettagli

Innovazione tecnologica e analisi costi-volumi-profitti

Innovazione tecnologica e analisi costi-volumi-profitti Anno Accademico 2008-2009 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Laurea in Informatica Corso di Economia e Organizzazione Aziendale Innovazione

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE

RICLASSIFICAZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE RICLASSIFICAZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE 3 1. Attività liquide 2. Rimanenze 8. Pass.tà correnti 10 7 4. Imm. immat. e finanz. 9. Pass.tà consolidate 12 6 5. Imm. tecniche nette 11. Mezzi propri 1 1)

Dettagli

DISHES Srl (Direct costing evoluto, bea, equiconvenienza, make or buy)

DISHES Srl (Direct costing evoluto, bea, equiconvenienza, make or buy) La Dishes Srl, specializzata nella produzione di stoviglie, possiede una divisione che si occupa esclusivamente di realizzare servizi di piatti. Nello stabilimento di Modena tale divisione realizza due

Dettagli

BASI E STRATEGIE PER LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO (CAP. 14, 15) Unit 10 Slide Lezioni del 01/02/03 dicembre 2015

BASI E STRATEGIE PER LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO (CAP. 14, 15) Unit 10 Slide Lezioni del 01/02/03 dicembre 2015 COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2015/2016 BASI E STRATEGIE PER LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO (CAP. 14, 15) Unit 10 Slide 10.2.1 Lezioni del 01/02/03 dicembre 2015 SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI IL

Dettagli

Capitolo 7 Organizzazione e comportamento dell impresa

Capitolo 7 Organizzazione e comportamento dell impresa Capitolo 7 Organizzazione e comportamento dell impresa Trasparenti tratti, con modifiche e integrazioni, da: David Begg, Stanley Fischer e Rudiger Dornbusch, Economia, cap.7 McGraw-Hill, 2001 La teoria

Dettagli

Il margine di contribuzione e le relazioni fra reddito e volume

Il margine di contribuzione e le relazioni fra reddito e volume Sistemi di Controllo di Gestione Il margine di contribuzione e le relazioni fra reddito e volume SISTEMI DI CONTROLLO, 2^ edizione R. Anthony, D. Hawkins, D. Macrì, K. Merchant UNIVERSITA DEGLI STUDI DI

Dettagli

INDICE. Problemi presenti sul sito

INDICE. Problemi presenti sul sito I-XIV_Romane_Analisi 2-03-2005 11:03 Pagina V INDICE Problemi presenti sul sito Prefazione XI XIII Introduzione Natura e scopo dei sistemi contabili 1 La necessità di informazioni 1 Le informazioni operative

Dettagli

Esercitazione di Marketing. Metodo del costo pieno Break Even Point

Esercitazione di Marketing. Metodo del costo pieno Break Even Point Esercitazione di Marketing Metodo del costo pieno Break Even Point 15/04/2013 Metodo del costo pieno Direttamente imputabili all output Quota dei costi indiretti imputabili all output calcolata in base

Dettagli

LE DIVERSE TIPOLOGIE DI COSTO. Giulia Rita Biavati Docente responsabile: Emidia Vagnoni

LE DIVERSE TIPOLOGIE DI COSTO. Giulia Rita Biavati Docente responsabile: Emidia Vagnoni LE DIVERSE TIPOLOGIE DI COSTO Giulia Rita Biavati Docente responsabile: Emidia Vagnoni 1 ARGOMENTI TRATTATI COSTI FISSI COSTI VARIABILI COSTO TOTALE IL MARGINE DI CONTRIBUZIONE COSTO MEDIO COSTO MARGINALE

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere CORSO DI ECONOMIA AZIENDALE Lezione 10 L ABC e la Break even analysis Dott. Fabio Monteduro I costi: concetti e classificazione OBIETTIVI DELLA

Dettagli

ESERCITAZIONE COSTI DIRETTI E INDIRETTI SOLUZIONE

ESERCITAZIONE COSTI DIRETTI E INDIRETTI SOLUZIONE ESERCITAZIONE COSTI DIRETTI E INDIRETTI SOLUZIONE soluzione casi Data di revisione 14/07/2000 1 ESERCITAZIONE: COSTI DIRETTI E INDIRETTI Elenco di voci di spesa suddivise in costi diretti, costi indiretti

Dettagli

Programmazione e controllo e analisi dei costi II Parte. Cap. 3 Costo di prodotto e contabilità per centri di costo

Programmazione e controllo e analisi dei costi II Parte. Cap. 3 Costo di prodotto e contabilità per centri di costo Programmazione e controllo e analisi dei costi II Parte Cap. 3 Costo di prodotto e contabilità per centri di costo Prof. Nicola Castellano nicola.castellano@unimc.it Riferimenti Bibliografici: Cinquini

Dettagli

I PROCESSI DI PRODUZIONE La produzione è la realizzazione dei prodotti, tramite la combinazione dei fattori produttivi. Questa produzione è una

I PROCESSI DI PRODUZIONE La produzione è la realizzazione dei prodotti, tramite la combinazione dei fattori produttivi. Questa produzione è una I PROCESSI DI PRODUZIONE La produzione è la realizzazione dei prodotti, tramite la combinazione dei fattori produttivi. Questa produzione è una attività complessa nella quale convergono più profili di

Dettagli

Lezione 15 Analisi dei costi VECCHIO LIBRO: Saltare par Solo da leggere 6.3

Lezione 15 Analisi dei costi VECCHIO LIBRO: Saltare par Solo da leggere 6.3 Lezione 15 Analisi dei costi VECCHIO LIBRO: Saltare par. 6.1.5 - Solo da leggere 6.3 Le imprese Le funzioni dell impresa: organizzare la produzione in serie reperire le risorse gestire il processo produttivo

Dettagli

Centri di spesa e di ricavo

Centri di spesa e di ricavo CORSO DI «MANAGEMENT DELLE AZIENDE E DEGLI EVENTI TURISTICI» LEZIONE 3 01.03.2017 Corso di LM in Progettazione e Management dei sistemi turistici e culturali Dott. Francesco Badia francesco.badia@uniba.it

Dettagli

Esercitazione sui costi

Esercitazione sui costi Esercitazione sui costi Esercizi riguardanti il punto di pareggio Esercizi riguardanti costi diretti e indiretti e la ripartizione Esercizi riguardanti l analisi degli scostamenti Esercizio n.1 Un impresa

Dettagli

ripartizione dei costi e dei ricavi comunanza dei costi e dei ricavi

ripartizione dei costi e dei ricavi comunanza dei costi e dei ricavi ripartizione dei costi e dei ricavi nel tempo e nello spazio costi e ricavi di competenza di un periodo costi e ricavi riferiti: - ad aree produttive - a singoli prodotti - a processi produttivi comunanza

Dettagli

Le leve dell equilibrio economico ed i costi secondo la variabilità. Obiettivo della lezione. Riassumendo l equilibrio economico soggettivo

Le leve dell equilibrio economico ed i costi secondo la variabilità. Obiettivo della lezione. Riassumendo l equilibrio economico soggettivo Economia Aziendale Oggetto della lezione Le leve dell equilibrio economico ed i costi secondo la variabilità Manetti Economia Aziendale-Lez.14 1 Obiettivo della lezione capire su quali leve agire per ricercare

Dettagli

Esercitazione 3 - BEP e Calcoli di Convenienza. PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Prof. Federico Verrucchi

Esercitazione 3 - BEP e Calcoli di Convenienza. PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Prof. Federico Verrucchi Esercitazione 3 - BEP e Calcoli di Convenienza PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Prof. Federico Verrucchi Ripartiamo dall Hp produttiva 1 Nell esercitazione precedente avevamo prospettato la seguente ipotesi

Dettagli

Il margine di contribuzione e le relazioni fra reddito e volume

Il margine di contribuzione e le relazioni fra reddito e volume Sistemi di Controllo di Gestione Il margine di contribuzione e le relazioni fra reddito e volume SISTEMI DI CONTROLLO, 2^ edizione R. Anthony, D. Hawkins, D. Macrì, K. Merchant UNIVERSITA DEGLI STUDI DI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti ESAME DEL 12-07-11 DOMANDA 1 Definire ed illustrare graficamente il concetto di Break Even Point ESERCIZIO 1 Il direttore generale della società Salumificio Rossi srl, leader nel mercato europeo degli

Dettagli

Introduzione La natura e lo scopo dei sistemi contabili 1

Introduzione La natura e lo scopo dei sistemi contabili 1 Indice Prefazione Ringraziamenti dell Editore Guida alla lettura XIX XXI XXIII Introduzione La natura e lo scopo dei sistemi contabili 1 La necessità di informazioni 1 Le informazioni operative 3 Le informazioni

Dettagli

COSTO DI PRODUZIONE I COSTI DI PRODUZIONE CLASSIFICAZIONE COSTI

COSTO DI PRODUZIONE I COSTI DI PRODUZIONE CLASSIFICAZIONE COSTI COSTO DI PRODUZIONE I COSTI DI PRODUZIONE INSIEME DEI COSTI DI UTILIZZAZIONE DEI FATTORI IMPIEGATI IN UN DATO PROCESSO PRODUTTIVO O PER ALLESTIRE UN DATO PRODOTTO Economia Aziendale Milena Serra Corso

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Prof. Antonio Renzi Economia e gestione delle imprese Parte ottava I costi di produzione 1 Argomenti 1. I costi di acquisto dei fattori produttivi 2. I costi di produzione 3. Costi speciali e costi comuni

Dettagli

Individuare le risposte corrette per ciascun quesito (anche più di una)

Individuare le risposte corrette per ciascun quesito (anche più di una) F. GIUNTA ECONOMIA AZIENDALE QUESITI DI AUTOVALUTAZIONE CAPITOLO IX Individuare le risposte corrette per ciascun quesito (anche più di una) 1. Si ha equilibrio economico quando: a. i ricavi sono uguali

Dettagli

UD15. Il punto di equilibrio e la redditività aziendale. a che cosa serve l, analisi del punto di equilibrio. obiettivi. Il punto di equilibrio 15.

UD15. Il punto di equilibrio e la redditività aziendale. a che cosa serve l, analisi del punto di equilibrio. obiettivi. Il punto di equilibrio 15. UD15 Il punto di equilibrio e la redditività aziendale obiettivi Analizzeremo un semplice ma utilissimo strumento per valutare, in qualsiasi momento della vita dell impresa, la sua capacità di produrre

Dettagli

I costi di produzione

I costi di produzione 1 con tale espressione, si fa riferimento a quel processo teso a. quantificare, in termini monetari, le risorse necessarie per l implementazione del processo produttivo COSTI DI FATTORE esprimono quantità

Dettagli

Analisi di sensibilità WHAT IF

Analisi di sensibilità WHAT IF Analisi di sensibilità WHAT IF 1 Analisi di sensibilità del risultato Quattro variabili fondamentali sulle quali agire per modificare la situazione di partenza: Prezzo, Volume, Costi fissi, Costo variabile

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI. Definizione e obiettivi. Cause degli scostamenti SISTEMI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO. Prof.ssa Monia Castellini

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI. Definizione e obiettivi. Cause degli scostamenti SISTEMI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO. Prof.ssa Monia Castellini SISTEMI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI Prof.ssa Monia Castellini Copyright Sistemi di programmazione e controllo 1 Definizione e obiettivi L analisi degli scostamenti o analisi

Dettagli

IL PRICING DI PRODOTTO. Dott. Claudio Orsini Studio Cauli, Marmocchi, Orsini & Associati Bologna

IL PRICING DI PRODOTTO. Dott. Claudio Orsini Studio Cauli, Marmocchi, Orsini & Associati Bologna IL PRICING DI PRODOTTO Dott. Claudio Orsini Studio Cauli, Marmocchi, Orsini & Associati Bologna LA DEFINIZIONE DEI PREZZI DI VENDITA La definizione dei prezzi di vendita costituisce una delle operazioni

Dettagli

Relazioni prezzi-volumi-risultati

Relazioni prezzi-volumi-risultati Relazioni prezzi-volumi-risultati 1 Variabili dipendenti Variabile indipendente Costi Volume di produzione e vendita Ricavi 2 1 L equazione del reddito RE = Reddito di esercizio Q = Quantità di produzione

Dettagli

Costi fissi, costi variabili, punto di pareggio e diagramma di redditività

Costi fissi, costi variabili, punto di pareggio e diagramma di redditività Cognome... Nome... Classe... Data... Costi fissi, costi variabili, punto di pareggio e diagramma di redditività Correlazione 1 Associa ciascun costo alla relativa tipologia. 1. Costo delle lavorazioni

Dettagli

Lezione 12 Argomenti

Lezione 12 Argomenti Lezione 12 Argomenti Costi di produzione: differenza tra costo economico e costo contabile I costi nel breve periodo Relazione di breve periodo tra funzione di produzione, produttività del lavoro e costi

Dettagli

SOMMARIO. Capitolo 1. Capitolo 2

SOMMARIO. Capitolo 1. Capitolo 2 BOOK Controllo di gestione - ToccoliTOC.fm Page V Monday, March 14, 2005 1:09 PM SOMMARIO Capitolo 1 IL CONTROLLO DI GESTIONE: ASPETTI GENERALI 1 1.1 Il controllo di gestione e la gestione dell impresa

Dettagli

FITNESS. Costi fissi di commercializzazione e vendita ( ) Ore MOD disponibili in un trimestre

FITNESS. Costi fissi di commercializzazione e vendita ( ) Ore MOD disponibili in un trimestre FITNESS Fitness S.p.A. è un azienda produttrice di abbigliamento per il fitness operante sul mercato europeo. Nel maggio del 2008, il controller stava raccogliendo le informazioni necessarie per elaborare

Dettagli

CONTROLLO DEI COSTI CON L ANALISI DI BREAK-EVEN

CONTROLLO DEI COSTI CON L ANALISI DI BREAK-EVEN CONTROLLO DEI COSTI CON L ANALISI DI BREAK-EVEN SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI IDENTIFICAZIONE DELLA STRUTTU- RA DEI COSTI GRAFICO DI BREAK-EVEN CALCOLO DEL PUNTO DI BREAK- EVEN RECUPERO DI EFFICIENZA CONTROLLO

Dettagli

LA STRUTTURA FINANZIARIA. Dopo aver esaminato:

LA STRUTTURA FINANZIARIA. Dopo aver esaminato: LA STRUTTURA FINANZIARIA Dopo aver esaminato: - come si genera e varia il FABBISOGNO di FINANZIAMENTO; - la diversa natura degli INVESTIMENTI; - le diverse forme e fonti dei possibili FINANZIAMENTI; si

Dettagli

Analisi dei costi Programmazione e Controllo

Analisi dei costi Programmazione e Controllo Analisi dei costi Programmazione e Controllo 2015-2016 A cura della Dott.ssa Silvia Macchia 1 Costi: un diverso focus Contabilità generale Contabilità direzionale I costi sono utilizzati per dare un valore

Dettagli

Economia Politica (Mod I) Nota integrativa n. 3

Economia Politica (Mod I) Nota integrativa n. 3 Economia Politica (Mod I) Nota integrativa n. 3 I costi di produzione Mankiw, Capitolo 13 Premessa Nell analisi della legge dell offerta, vista fino a questo momento, abbiamo sinteticamente descritto le

Dettagli

L organizzazione delle imprese. Il piano di marketing

L organizzazione delle imprese. Il piano di marketing Materia: ECONOMIA AZIENDALE Classe: V Sezione: C Indirizzo di studi: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING Docente: PEZZELLA PIO PROGRAMMA SVOLTO Lineamenti della moderna impresa industriale Che cosa s intende

Dettagli

Dal costo del prodotto al prezzo di vendita.

Dal costo del prodotto al prezzo di vendita. Newsletter Phedro settembre 2006 Dal costo del prodotto al prezzo di vendita. La logica tradizionale di calcolo del costo di prodotto. Il calcolo del costo del prodotto è nella prassi operativa uno dei

Dettagli

6.1. Lo schema di conto economico a direct costing

6.1. Lo schema di conto economico a direct costing 6.1. Lo schema di conto economico a direct costing Ricavi Costo del venduto variabile Rimanenze iniziali di prodotti finiti (+) Costo dei beni prodotti (+) Rimanenze finali di prodotti finiti (-) Costi

Dettagli

ESERCITAZIONI. Giulia Rita Biavati Docente Responsabile: Emidia Vagnoni

ESERCITAZIONI. Giulia Rita Biavati Docente Responsabile: Emidia Vagnoni ESERCITAZIONI Giulia Rita Biavati Docente Responsabile: Emidia Vagnoni COSTI FISSI e COSTI VARIABILI I Costi Fissi sono quei costi che nel breve periodo non variano al variare del volume di produzione.

Dettagli

Punto 2 PUNTO 3. I costi: concetti generali; classificazioni; configurazioni

Punto 2 PUNTO 3. I costi: concetti generali; classificazioni; configurazioni INDICE Punto 1 Punto 2 PUNTO 3 Punto 4 3) L impresa e l efficienza. Il concetto di efficienza I rendimenti fisico-tecnici I costi: concetti generali; classificazioni; configurazioni Il controllo dei costi:

Dettagli

Università degli Studi di Cassino - Facoltà di Economia

Università degli Studi di Cassino - Facoltà di Economia Docente: Prof. Roberto Diacetti Collaboratore di cattedra: Dott. Paolo Pace Quando si va verso un obiettivo, è molto importante prestare attenzione al Cammino. E il Cammino che ci insegna sempre la maniera

Dettagli

Corso di Programmazione & Controllo Lez. 2

Corso di Programmazione & Controllo Lez. 2 Corso di Programmazione & Controllo Lez. 2 Docente: Alessandro Scaletti L Analisi Costi-Volumi-Risultati (C-V-R) Costi Ricavi RT = p. Q CT = CF + v. Q RT = CT CVT = v. Q CFT Q* Q CVT = = costo Costo variabile

Dettagli

Dott. Maurizio Massaro

Dott. Maurizio Massaro Dott. Maurizio Massaro Ph. D. in Scienze Aziendali Ricercatore Universitario nell Università degli Studi di Udine 03, Ragioneria 1 La misurazione della performance economicofinanziaria. I sistemi fondati

Dettagli

I Costi di Produzione

I Costi di Produzione I Costi di Produzione Misurazione del costi: di quali costi tenere conto? I costi nel breve periodo I costi nel lungo periodo Curve di costo nel lungo e nel breve periodo a confronto Produzione di due

Dettagli

Economia Aziendale. Modelli e misure: costi e BEP. Lezione 19

Economia Aziendale. Modelli e misure: costi e BEP. Lezione 19 Economia Aziendale Modelli e misure: costi e BEP Lezione 19 BEP il modello del punto di pareggio Prof. Paolo Di Marco Break Even Analisys Quando sia possibile distinguere senza notevole arbitrio i costi

Dettagli

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Sistemi i di controllo di gestione prof. Sergio Mascheretti METODOLOGIE DI CALCOLO DEI : IL FULL NG SCG-L06 Pagina 0 di 22 A) OBIETTIVI DELLA LEZIONE B) BIBLIOGRAFIA DI

Dettagli

CONTABILITA INDUSTRIALE A COSA SERVE?

CONTABILITA INDUSTRIALE A COSA SERVE? Studio di Consulenza dottor Alessandro Tullio Analisi dei Costi e Contabilità Industriale Docente: dottor Alessandro Tullio Corso Canalgrande 90 41100 Modena Tel. 059.4279344 / Fax 059.241901 / e-mail:

Dettagli

Indice. Problemi presenti sul sito

Indice. Problemi presenti sul sito 18-12-2007 19:27 Pagina V Problemi presenti sul sito Prefazione XI XIII Introduzione Natura e scopo dei sistemi contabili 1 La necessità di informazioni 2 Le informazioni operative 3 Le informazioni di

Dettagli

La contabilità direzionale per la programmazione e il controllo. LA PIANIFICAZIONE E IL BUDGETING 15 maggio 2015

La contabilità direzionale per la programmazione e il controllo. LA PIANIFICAZIONE E IL BUDGETING 15 maggio 2015 La contabilità direzionale per la programmazione e il controllo LA PIANIFICAZIONE E IL BUDGETING 15 maggio 2015 Scopo: Contabilità generale Produrre informazioni per tutti i soggetti esterni tali da rappresentare

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti ESAME DEL 08-07-10 ESERCIZIO 1 La società Phone S.p.A. è un azienda in forte crescita che produce apparecchi telefonici in plastica per la telefonia fissa. L imprenditore vuole sapere se la redditività

Dettagli

SISTEMI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO. Le configurazioni di costo. Prof.ssa MoniaCastellini. Copyright Sistemi di programmazione e controllo 1

SISTEMI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO. Le configurazioni di costo. Prof.ssa MoniaCastellini. Copyright Sistemi di programmazione e controllo 1 SISTEMI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Le configurazioni di costo Prof.ssa MoniaCastellini Copyright Sistemi di programmazione e controllo 1 Obiettivi formativi 1. Delineare il concetto di configurazione

Dettagli

La concessionaria. Il posizionamento e la sostenibilità del business

La concessionaria. Il posizionamento e la sostenibilità del business La concessionaria Il posizionamento e la sostenibilità del business Le capacità della concessionaria ECONOMICA FINANZIARIA MONETARIA REDDITIVITA La capacità economica di una concessionaria E la capacità

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo. Analisi degli scostamenti - ESERCITAZIONE

Corso di Programmazione e Controllo. Analisi degli scostamenti - ESERCITAZIONE Corso di Programmazione e Controllo Analisi degli scostamenti - ESERCITAZIONE ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI durante il periodo di gestione programmato in sede di budget si effettueranno delle verifiche sul

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 Le decisioni di breve: Make or buy,, Margine di contribuzione, Break-even even Le decisioni

Dettagli

Strumenti innovativi per la creazione d impresa

Strumenti innovativi per la creazione d impresa I Seminario: competitività Modulo n. 2: Strumenti innovativi per la creazione d impresa Fondo Perequativo Accordo di Programma MISE Unioncamere 2010 Progetto n. 89 } } La valutazione della redditività

Dettagli

La teoria dell offerta

La teoria dell offerta La teoria dell offerta Tecnologia e costi di produzione In questa lezione approfondiamo l analisi del comportamento delle imprese e quindi delle determinanti dell offerta. In particolare: è possibile individuare

Dettagli