NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank"

Transcript

1 NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta ai sensi della Direttiva 2003/71/CE, del Regolamento n. 809/2004/CE e delle Raccomandazioni CESR del febbraio 2005 AVVERTENZA La presente Nota di Sintesi va letta congiuntamente al Documento di Registrazione relativo all Emittente depositato presso la Consob in data 12 settembre 2006 a seguito di nulla-osta della Consob comunicato con nota n del 6 settembre 2006, e alla Nota Informativa depositata presso la Consob in data 27 novembre 2006 a seguito di nulla-osta della Consob comunicato con nota n del 16 novembre Il Documento di Registrazione, la Nota Informativa e la Nota di Sintesi costituiscono, congiuntamente, il Prospetto di Base denominato Abaxbank Dynamic Allocation Certificates. La Nota di Sintesi va letta come un introduzione al Prospetto di Base, e riporta in forma sintetica le principali informazioni concernenti l Emittente e le principali caratteristiche e i fattori di rischio relativi ai Certificates. Per un esaustiva ricostruzione di tutte le informazioni rilevanti concernenti l Emittente ed i Certificates si invitano gli investitori a consultare il Prospetto di Base; in particolare qualsiasi decisione d investimento nei Certificates deve essere compiuta solo dopo aver attentamente esaminato tutte le informazioni contenute nel Prospetto di Base. Qualsiasi responsabilità in ordine al contenuto della Nota di Sintesi potrà essere ascritta all Emittente soltanto qualora la Nota di Sintesi risulti fuorviante, imprecisa o incoerente se letta insieme con le altre parti del Prospetto di Base. Qualora sia proposto un ricorso dinanzi all autorità giudiziaria in merito alle informazioni contenute nel Prospetto di Base l investitore ricorrente potrebbe essere tenuto a sostenere le relative spese di traduzione prima dell inizio del procedimento.

2 Informazioni sull Emittente 1. Informazioni Generali sull Emittente Abaxbank è una banca italiana appartenente al Gruppo Bancario Credito Emiliano-Credem autorizzata allo svolgimento dell attività bancaria e alla prestazione di tutti i servizi d investimento di cui all articolo 1, comma 5, del D. Lgs. N. 58 del 24 febbraio 1998 (e successive modifiche e integrazioni). L Emittente risulta iscritto presso il Registro delle Imprese di Milano al n , presso la Camera di Commercio di Milano al n e presso l Albo dei Gruppi Creditizi al n /5. L Emittente è sottoposto a vigilanza prudenziale da parte della Banca d Italia sensi del D. Lgs. n. 385 del 1 settembre 1993 (e successive modifiche e integrazioni). L oggetto dell attività sociale è l attività di intermediazione mobiliare nella sua più ampia accezione, nonché la prestazione dei servizi di investimento ed accessori e delle attività ad essi connesse e strumentali. La sede sociale e amministrativa dell Emittente è situata in Corso Monforte n. 34, Milano. L Emittente è una società costituita (con il nome di ISTITUTO CENTRALE DI BANCHE E BANCHIERI S.p.A.) in data 11 marzo Abaxbank S.p.A. nasce nel 2000 con l'obiettivo di fornire una globalità di servizi finanziari ad una clientela di natura professionale (banche, SIM, organismi di gestione del risparmio, assicurazioni, altri investitori istituzionali, e società quotate). 2. Informazioni Finanziarie La capacità dell Emittente di adempiere agli obblighi ad esso derivanti nei confronti degli investitori a seguito della sottoscrizione di Strumenti Finanziari, risulta strettamente connessa alla generale posizione patrimoniale e finanziaria dell Emittente. LA SITUAZIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA DELL EMITTENTE È IDONEA A GARANTIRE L ADEMPIMENTO DA PARTE DELL EMITTENTE DELLE PROPRIE OBBLIGAZIONI RELATIVE AGLI STRUMENTI FINANZIARI CHE SARANNO EMESSI IN BASE AL PRESENTE PROSPETTO DI BASE. ALLA DATA DI PUBBLICAZIONE DELLA PRESENTE NOTA DI SINTESI NON SONO IN CORSO PROCEDIMENTI OVVERO NON SI SONO VERIFICATI EVENTI TALI DA INCIDERE SUL GRADO DI SOLVIBILITÀ DELL EMITTENTE. Con riguardo alla situazione patrimoniale e finanziaria dell Emittente si invita l investitore a leggere attentamente i capitoli 3 (Fattori di Rischio) e 11 (Informazioni Finanziarie) del Documento di Registrazione, disponibile, unitamente alla Nota Informativa e alla presente Nota di Sintesi, sul sito internet dell Emittente (http://www.abaxbank.com). 2

3 3. Informazioni concernenti gli amministratori, i sindaci, il personale dipendente e i revisori Il Consiglio di Amministrazione di Abaxbank, nominato dall Assemblea dei Soci del 28 aprile 2004 per il triennio , è così composto: Nome Carica Luogo e data di nascita Membro del Comitato Esecutivo Termine di scadenza del mandato Lucio Zanon di Valgiurata Presidente Torino 10/08/1956 Sì (di diritto) Approvazione bilancio esercizio 2006 Enrico Corradi Vice Presidente Reggio Emilia 17/07/1956 Si (di diritto) Come sopra Paolo Caroli Amministratore Castellarano (RE) Si (di diritto) Come sopra Delegato 14/02/1954 Adolfo Bizzochi Consigliere Vezzano sul Crostolo (RE) Sì (nominato) Come sopra 24/08/1953 Marco Braglia Consigliere Reggio Emilia 19/06/1955 Sì (nominato) Come sopra Giorgio Ferrari Consigliere Reggio Emilia 16/12/1933 No Come sopra Luigi Marmotti Consigliere Reggio Emilia 12/03/1957 No Come sopra Matteo Mattei Gentili Consigliere Rimini 19/11/1942 No Come sopra Stefano Morellini Consigliere Novi di Modena (MO) No Come sopra 16/01/1960 Rossano Zanichelli (*) Consigliere Correggio (RE) 27/03/1956 No Come sopra (*) nominato con atto dell assemblea dei soci del 28 aprile 2006 Il Collegio Sindacale di Abaxbank, nominato dall Assemblea dei Soci del 28 aprile 2004 per il triennio , è così composto: Nome Carica Luogo e data di nascita Scadenza del mandato Giorgio Tagliavini Presidente del Reggio Emilia 24/09/1925 Approvazione bilancio esercizio 2006 Collegio sindacale Emilio Aguzzi de Sindaco effettivo Milano 01/08/1938 Come sopra Villeneuve Gianni Tanturli Sindaco effettivo Reggio Emilia 19/07/1964 Come sopra Aldo Marco Maggi Sindaco supplente Milano 14/02/1965 Come sopra Ezio Simonelli Sindaco Supplente Macerata (MC), 12/02/1958 Come sopra Alla data di pubblicazione della presente Nota di Sintesi la carica di Direttore Generale non è presente e l'organico complessivo di Abaxbank è costituito da n. 143 dipendenti. 3

4 L Assemblea Straordinaria dei Soci del 26 aprile 2005 ha conferito il mandato per la revisione e la certificazione del bilancio di Abaxbank, per il triennio , alla società Deloitte & Touche S.p.A., con sede a Milano, via Tortona Indicazioni Complementari L Emittente non è mai stato e non è attualmente oggetto di rating. 5. Capitale Sociale Al 31 dicembre 2005 il capitale sociale di Abaxbank ammontava ad Euro (centoventimilioni) suddiviso in n (unmilioneduecentomila) azioni nominative ciascuna del valore nominale di Euro 100 (cento). Non esiste capitale sottoscritto e non liberato. Il capitale sociale è interamente detenuto da Credito Emiliano S.p.A., socio unico di Abaxbank. 6. Documenti accessibili al pubblico Presso la sede dell Emittente (Corso Monforte 34 Milano), è possibile consultare la seguente documentazione: atto costitutivo e statuto dell'emittente; fascicolo del bilancio individuale al 31 dicembre 2004 e relativi allegati; fascicolo del bilancio individuale al 31 dicembre 2005 e relativi allegati. Il Documento di Registrazione, la Nota Informativa e la presente Nota di Sintesi. La suddetta documentazione potrà, inoltre, essere consultata sul sito internet dell'emittente all indirizzo 4

5 Informazioni sulle caratteristiche degli Abaxbank Dynamic Allocation Certificates su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank Nella presente sezione della Nota di Sintesi i termini riportati con lettera maiuscola hanno il significato ad essi attribuito nel Glossario riportato in apertura della Nota Informativa. 1. Caratteristiche strutturali degli Abaxbank Dynamic Allocation Certificates Gli Abaxbank Dynamic Allocation Certificates sono strumenti finanziari derivati di tipo certificates su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank che ne costituisce l attività sottostante. L Indice di Riferimento è, con riferimento alle singole Serie che verranno emesse sulla base della presente Nota Informativa, un indice a gestione dinamica calcolato e pubblicato da Abaxbank. Con riferimento a ciascuna Serie dei Certificate, il relativo Indice di Riferimento sarà calcolato e pubblicato secondo i criteri predeterminati e non discrezionali previsti dal Regolamento e descritti nel paragrafo 4.2 della Nota Informativa. Inoltre, con riferimento a ciascuna Serie di Certificate, i parametri specifici del relativo Indice di Riferimento, saranno riportati nel documento Condizioni Definitive. Nel caso in cui i Certificates non siano di tipo autocallable (i Non-Autocallable Certificates ) ovvero siano Autocallable Certificates per i quali non sia verificata la scadenza anticipata, i Certificates scadono e sono automaticamente esercitati alla Data di Scadenza allorché danno diritto al pagamento del relativo Ammontare di Regolamento Finale (per la descrizione delle condizioni che determinano la scadenza anticipata dei Certificates, nonché delle modalità di calcolo dell Ammontare di Regolamento Finale, si vedano il successivo paragrafo b, le esemplificazioni riportate al paragrafo 2.7.2, nonché il Regolamento). L Indice di Riferimento è costituito dalle seguenti componenti: la Componente Rischiosa, che realizza l esposizione dell Indice a strumenti finanziari di tipo rischioso ; la Componente a Basso Rischioso, che realizza l esposizione dell Indice a strumenti finanziari di tipo meno rischioso rispetto alla Componente Rischiosa, generalmente di tipo obbligazionario e monetario; e la Componente Priva di Rischio, che sarà presente soltanto al verificarsi dell Evento di Deleverage ed, in tal caso, sarà interamente composta dal Titolo Nozionale; la finalità di tale componente è di far sì che la composizione dell Indice di Riferimento, a seguito di un suo persistente andamento negativo, sia tale da assicurare che il valore dell Indice stesso alla Data di Scadenza risulti almeno pari all Ammontare Minimo di Regolamento Finale. I pesi delle Componenti all interno dell Indice variano nel tempo secondo un meccanismo di ribilanciamento giornaliero che si fonda sulle tecniche generalmente note come tecniche di portfolio insurance. In termini generali, la metodologia di portfolio insurance ha lo scopo di cercare di massimizzare l esposizione di un portafoglio ad una asset class rischiosa e cioè, nel caso dell Indice, la Componente Rischiosa - compatibilmente con un obiettivo di conservazione di un capitale minimo predeterminato sull orizzonte temporale prestabilito (ovverosia, l Ammontare Minimo di Regolamento Finale). Inoltre, il calcolo dell Indice viene effettuato al netto della Commissione sull Indice (il cui valore, espresso come percentuale su base annua, sarà di volta in volta riportato nelle Condizioni Definitive). 5

6 I Certificates possono essere di tipo autocallable (gli Autocallable Certificates ); in tal caso, al verificarsi della Condizione di Autocallability, i Certificates scadono anticipatamente rispetto alla Data di Scadenza, dando diritto al pagamento del relativo Ammontare di Regolamento Anticipato. Nel caso in cui i Certificates non siano di tipo autocallable (i Non-Autocallable Certificates ) ovvero siano Autocallable Certificates per i quali non si sia verificata la scadenza anticipata, i Certificates scadono e sono automaticamente esercitati alla Data di Scadenza dando diritto al pagamento dell Ammontare di Regolamento Finale. Tale Ammontare di Regolamento Finale è calcolato come il più elevato tra l Ammontare Minimo di Regolamento Finale (che è quindi tale da porre un limite alle perdite in cui l investitore può incorrere) ed il valore dell Indice di Riferimento rilevato alla Data di Rilevazione Finale. Per un esaustiva descrizione delle caratteristiche dei Certificates e delle modalità di calcolo e pubblicazione dell Indice di Riferimento si invita l investitore a leggere attentamente il capitolo 4 della Nota Informativa. 2. INFORMAZIONI SUI FATTORI DI RISCHIO 2.1 RISCHIO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI I CERTIFICATES SONO STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI. GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI SONO CARATTERIZZATI DA UNA RISCHIOSITÀ MOLTO ELEVATA IL CUI APPREZZAMENTO DA PARTE DELL INVESTITORE È OSTACOLATO DALLA LORO COMPLESSITÀ. È QUINDI NECESSARIO CHE L INVESTITORE CONCLUDA UN OPERAZIONE AVENTE AD OGGETTO TALI STRUMENTI SOLO DOPO AVERNE COMPRESO LA NATURA E IL GRADO DI ESPOSIZIONE AL RISCHIO CHE ESSA COMPORTA. L INVESTITORE DEVE CONSIDERARE CHE LA COMPLESSITÀ DI TALI STRUMENTI PUÒ FAVORIRE L ESECUZIONE DI OPERAZIONI NON ADEGUATE. SI CONSIDERI CHE, IN GENERALE, LA NEGOZIAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI NON È ADATTA PER MOLTI INVESTITORI. UNA VOLTA VALUTATO IL RISCHIO DELL OPERAZIONE, L INVESTITORE E L INTERMEDIARIO DEVONO VERIFICARE SE L INVESTIMENTO È ADEGUATO PER L INVESTITORE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE SITUAZIONI PATRIMONIALI, AGLI OBIETTIVI DI INVESTIMENTO ED ALL ESPERIENZA NEL CAMPO DEGLI INVESTIMENTI IN STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI DI QUEST ULTIMO. 2.2 RISCHIO DI PERDITA DEL CAPITALE INVESTITO I CERTIFICATES NON SONO PRODOTTI A CAPITALE GARANTITO E CONSEGUENTEMENTE L INVESTIMENTO IN UN CERTIFICATE ESPONE L INVESTITORE AL RISCHIO DI PERDITA DEL CAPITALE INVESTITO CHE SI REALIZZERÀ NEL CASO IN CUI IL PREZZO PAGATO PER LA SOTTOSCRIZIONE DEL CERTIFICATE RISULTI SUPERIORE ALL AMMONTARE DI REGOLAMENTO PERCEPITO DALL INVESTITORE (PER UN ILLUSTRAZIONE DI CIÒ SI VEDANO GLI SCENARI ESEMPLIFICATI AL PARAGRAFO DELLA NOTA INFORMATIVA). IN PARTICOLARE, AVUTO RIGUARDO ALLA STRUTTURA DEI CERTIFICATES, IL RISCHIO DI PERDITA DEL CAPITALE INVESTITO È RELATIVO ALL IPOTESI IN CUI IL CERTIFICATE I) SCADA E SIA AUTOMATICAMENTE ESERCITATO ALLA DATA DI SCADENZA; E II) L AMMONTARE DI REGOLAMENTO FINALE SIA INFERIORE AL PREZZO PAGATO PER LA 6

7 SOTTOSCRIZIONE DEL CERTIFICATE. TALE CIRCOSTANZA SARÀ VERIFICATA NEL CASO IN CUI IL VALORE DELL INDICE DI RIFERIMENTO ALLA DATA DI RILEVAZIONE FINALE SIA INFERIORE AL SUO VALORE BASE. SI PRECISA CHE NEL CASO DI NON-AUTOCALLABLE CERTIFICATES, I CERTIFICATES NECESSARIAMENTE SCADRANNO ALLA RELATIVA DATA DI SCADENZA; VICEVERSA NEL CASO DI AUTOCALLABLE CERTIFICATES, I CERTIFICATES SCADRANNO ALLA RELATIVA DATA DI SCADENZA, NEL CASO IN CUI NON SI SIA VERIFICATA LA CONDIZIONE DI AUTOCALLABILITY E RELATIVA SCADENZA ANTICIPATA. 2.3 RISCHIO RELATIVO ALL ANDAMENTO DELL INDICE DI RIFERIMENTO L INVESTITORE CHE INTENDA INVESTIRE NEI CERTIFICATES DEVE AVERE UN ASPETTATIVA DI ANDAMENTO POSITIVO DELL INDICE RIFERIMENTO. CONSEGUENTEMENTE, TRA I FATTORI DI RISCHIO RELATIVI ALL INVESTIMENTO NEI CERTIFICATES, VI SONO I FATTORI CHE PRINCIPALMENTE INFLUISCONO SULL ANDAMENTO DELL INDICE DI RIFERIMENTO, CHE SONO: L ANDAMENTO DEI MERCATI DI RIFERIMENTO DEGLI OICR INCLUSI NELLA COMPONENTE RISCHIOSA E L ANDAMENTO DEI RELATIVI TASSI DI CAMBIO (L ANDAMENTO DELL INDICE DI RIFERIMENTO È ANCHE SENSIBILE ALL ANDAMENTO DEI TASSI DI INTERESSE RELATIVI ALLA CURVA EURO). IN PARTICOLARE: L INVESTITORE CHE INTENDA INVESTIRE NEI CERTIFICATES DEVE AVERE UN ASPETTATIVA DI ANDAMENTO POSITIVO DEI MERCATI DI RIFERIMENTO DEGLI OICR INCLUSI NELLA COMPONENTE RISCHIOSA. CONSEGUENTEMENTE, L INVESTIMENTO NEI CERTIFICATES ESPONE L INVESTITORE AL RISCHIO CHE TALI MERCATI DI RIFERIMENTO NON FACCIANO REGISTRARE, DURANTE LA VITA DEI CERTIFICATES, UN ANDAMENTO POSITIVO. 2.4 CARATTERISTICHE CONTRATTUALI DEI CERTIFICATES E RISCHIO DELL EVENTO SFAVOREVOLE IN FASE DI SOTTOSCRIZIONE DEI CERTIFICATES, L ATTENZIONE DELL INVESTITORE DOVRÀ ESSERE PARTICOLARMENTE RIVOLTA A TUTTE LE CARATTERISTICHE DEL CERTIFICATE CHE POSSONO INFLUIRE SUL VERIFICARSI DELLO SCENARIO MENO FAVOREVOLE, E CHE - IN TALE CASO - POSSONO DETERMINARE L ENTITÀ DELLE PERDITE SUBITE. PER TALE RAGIONE L INVESTITORE DEVE PORRE PARTICOLARE ATTENZIONE ALLA COMPOSIZIONE E ALLE MODALITÀ DI CALCOLO DELL INDICE DI RIFERIMENTO. 2.5 IMPATTO DEI TASSI DI CAMBIO I CERTIFICATES, COSÌ COME L INDICE DI RIFERIMENTO, SONO DENOMINATI IN EURO E PERTANTO, SOTTO TALE ASPETTO, L INVESTIMENTO NEI CERTIFICATES NON DA LUOGO AD UN RISCHIO DI CAMBIO. L ANDAMENTO DELL INDICE DI RIFERIMENTO È INVECE SOGGETTO AD UN RISCHIO DI CAMBIO NELLA MISURA IN CUI GLI OICR INCLUSI NELLA COMPONENTE RISCHIOSA SIANO DENOMINATI IN VALUTE DIVERSE DALL EURO E/O INVESTANO IN STRUMENTI FINANZIARI DENOMINATI IN VALUTE DIVERSE DALL EURO. 2.6 COMMISSIONE SULL INDICE DI RIFERIMENTO L INDICE DI RIFERIMENTO VIENE CALCOLATO AL NETTO DELLA COMMISSIONE SULL INDICE DI RIFERIMENTO (CHE SARÀ DI VOLTA IN VOLTA INDICATA NELEL CONDIZIONI DEFINITIVE, IN TERMINI DI PERCENTUALE ANNUA). NEL CONSIDERARE E PREVEDERE L ANDAMENTO DELL INDICE DI RIFERIMENTO È PERTANTO NECESSARIO AVERE PRESENTE CHE, IN CONSEGUENZA DELL APPLICAZIONE DELLA COMMISSIONE SULL INDICE, IL VALORE DELL INDICE DI RIFERIMENTO SUBIRÀ A PARITÀ DI ALTRE CONDIZIONI UNA RIDUZIONE ANNUA PARI AL VALORE DELLA COMMISSIONE SULL INDICE. 2.7 RISCHIO DI LIQUIDITÀ 7

8 I CERTIFICATES NON SONO QUOTATI NÈ SI PREVEDE LA LORO QUOTAZIONE SU ALCUN MERCATO REGOLAMENTATO. TUTTAVIA L EMITTENTE, DURANTE L INTERA VITA DEI CERTIFICATES, ASSUME L IMPEGNO DI FORMULARE PER ESSI PREZZI DI ACQUISTO (E CIOÈ PREZZI DI VENDITA PER L INVESTITORE). SI SOTTOLINEA L ESISTENZA DI UN RISCHIO DI LIQUIDITÀ, DATO DAL FATTO CHE PREZZI DI ACQUISTO IN VIA CONTINUATIVA PER I CERTIFICATES SARANNO UNICAMENTE FORMULATI DALL EMITTENTE. PERALTRO L EMITTENTE ASSUME L IMPEGNO A FORMULARE I PREZZI DI ACQUISTO IN OGNI CASO IN BASE AL CRITERIO DESCRITTO NEL PARAGRAFO 2.7 DELLA PRESENTE NOTA INFORMATIVA, CRITERIO CHE È TALE DA CONSENTIRE DI DETERMINARE IL VALORE TEORICO DEL CERTIFICATE, DATI IL VALORE CORRENTE DELL INDICE DI RIFERIMENTO E IL TEMPO RESIDUO ALLA DATA DI SCADENZA, E CHE CONSEGUENTEMENTE CONSENTE DI INDIVIDUARE LO SPREAD APPLICATO DALL EMITTENTE AL VALORE TEORICO DEL CERTIFICATE. PER UNA PIÙ ESTESA TRATTAZIONE DEI FATTORI DI RISCHIO CONNESSI ALL INVESTIMENTO NEI CERTIFICATES (CHE, OLTRE A QUELLI SOPRA RIPORTATI, COMPRENDONO IL RISCHIO DI MODIFICA DELLE CARATTERISTICHE CONTRATTUALI IN SEGUITO AL VERIFICARSI DI EVENTI RILEVANTI E/O DI SCONVOLGIMENTO DI MERCATO, VALUTA DI DENOMINAZIONE DEI CERTIFICATES E RISCHIO DI CAMBIO, IL RISCHIO FISCALE, IL RISCHIO CONFLITTO DI INTERESSI E ASSENZA DI INFORMAZIONI SUCCESSIVE ) SI INVITA L INVESTITORE A LEGGERE ATTENTAMENTE IL CAPITOLO 2 DELLA NOTA INFORMATIVA. 3. Dettagli dell offerta e dell ammissione a negoziazione I termini, le condizioni e le modalità di svolgimento dell Offerta dei Certificates sono disciplinati dal Capitolo 5 della Nota Informativa. Di seguito se ne richiamano alcuni elementi essenziali: i Certificates sono offerti ad un Prezzo unitario di Offerta di [*] euro; il Periodo di Adesione all Offerta avrà inizio il [*] e avrà termine il [*]; il pagamento del Prezzo di Offerta da parte dei sottoscrittori dovrà essere effettuato entro la data del [*] e la consegna degli strumenti finanziari darà effettuata alla data del [*]. Abaxbank agisce in qualità di Responsabile del Collocamento; i Collocatori sono [*] e [*]. Gli strumenti finanziari emessi sulla base della presente Nota Informativa non sono destinati ad essere ammessi a negoziazione presso mercati regolamentati. 4. Esemplificazione degli scenari Di seguito vengono descritti, a titolo puramente indicativo, tre scenari (uno positivo, uno intermedio e uno negativo) relativi al possibile rendimento di un investimento nei Certificates, formulando diverse ipotesi sull andamento dell Indice di Riferimento. A tal fine, si considera un Certificates con le seguenti caratteristiche: - Data di Emissione, 31 ottobre 2006; - Data di Scadenza, 30 ottobre 2011; - Data di Autocallability, 23 ottobre 2009; - Data di Rilevazione Anticipata, 30 ottobre 2009; - Data di Rilevazione Finale, 30 ottobre 2011; - Valore di Autocallability, 1150; - Percentuale dell Ammontare di Regolamento Anticipato, 97%; 8

9 - Ammontare Minimo di Regolamento Finale, 900 euro; - Commissione sull Indice, 2%; - Valore Base, 1000; - Prezzo di Offerta, 1000 euro; - Indice di Riferimento denominato CHINA&INDIA DYNAMIC, avente la seguente composizione alla Data di Emissione: Tabella 1 Componente Rischiosa Asset Manager Nome OICR Codice ISIN Categoria Peso Iniziale OICR (all interno della componente) Margine di tolleranza HSBC Investment Funds SA (Luxembourg) INVESCO GT Asset Management SA (Luxembourg) JPMorgan Asset Management JPMorgan Asset Management DWS Investment SA (Luxembourg) HSBC GIF Chinese Equity AC INVESCO GT Greater China Equity Fund E LU % 10% 20% LU % 10% 20% JF China A USD LU % 5% 15% JF India A USD LU % 10% 20% Azionario DWS China Acc LU % 5% 15% Pictet Gestion SA (Luxembourg) Pictet Gestion SA (Luxembourg) Pictet F Asian Equities (Ex Japan) R Pictet F Indian Equities R LU % 10% 20% LU % 5% 15% Vontobel Fund Advisory SA (Luxembourg) Vontobel Fund - Far East Equity A2 Acc LU % 5% 15% Tabella 2 Componente a Basso Rischio Asset Manager Nome OICR Codice ISIN Categoria Peso Iniziale OICR (all interno della componente) Margine di tolleranza JPMorgan Asset Management Pictet Gestion SA (Luxembourg) European Global Investments Ltd (Ireland) JPM Europe Bond Fund A EUR Pictet FIF - EUR Bonds R Acc Plurima Enhanced Cash LU % 15% 25% Obbligazionario LU % 25% 35% IE00B054SW47 Monetario 50% 45% 55% Scenario positivo: Si ipotizza che alla data del 23 ottobre 2009 l Indice di Riferimento valga 1300,00 e che la Condizione di Autocallability risulti pertanto verificata. Alla fine del terzo anno l investitore percepirà pertanto un Ammontare di Regolamento Anticipato pari a 1261,00 euro (che corrisponde al 97% di 1300,00). In tale scenario, e dato il Prezzo di Offerta di euro 1000,00, l investitore realizzerebbe un rendimento medio annuo lordo pari al 7,98% (ovverosia di 7,05% al netto della fiscalità). 9

10 Scenario intermedio: Si ipotizza che alla data del 23 ottobre 2009 l Indice di Riferimento valga 1100,00 e la Condizione di Autocallability non risulti pertanto verificata. Si ipotizza inoltre che alla Data di Scadenza l Indice di Riferimento valga 1250,00: a scadenza l investitore riceverà pertanto un Ammontare di Regolamento Finale pari a 1250,00 euro. In tale scenario, e dato il Prezzo di Offerta di euro 1000,00, l investitore realizzerebbe un rendimento medio annuo pari al 4,54% (ovverosia di 4,02% al netto della fiscalità). Scenario negativo: Si ipotizza che alla data del 23 ottobre 2009 l Indice di Riferimento valga 1050,00 e la Condizione di Autocallability non risulti pertanto verificata. Si ipotizza altresì che alla Data di Scadenza l Indice di Riferimento valga 870,00: alla Data di Scadenza l investitore riceverà pertanto un Ammontare di Regolamento Finale pari al suo valore unitario minimo di 900,00 euro. In tale scenario, e dato il Prezzo di Offerta di euro 1000,00, l investitore realizzerebbe una perdita media annua pari al -2,08% (che corrisponde alla perdita massima conseguibile investendo nel Certificate). Simona Locatelli Responsabile Legal Department 10

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione A) Informazioni generali 1. L Impresa di assicurazione Parte I del Prospetto d Offerta - Informazioni sull investimento e sulle coperture assicurative Parte I del Prospetto d Offerta Informazioni sull

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta.

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta. PARTE III DEL PROSPETTO COMPLETO ALTRE INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Chiara Vita T Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni contrattuali

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. "BANCO POPOLARE Società Cooperativa

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. BANCO POPOLARE Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle Obbligazioni BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216 da emettersi nell ambito del programma di offerta e/o

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Fideiussione Corporate (la "Garanzia")

Fideiussione Corporate (la Garanzia) Fideiussione Corporate (la "Garanzia") OGGETTO: A ciascun detentore di obbligazioni convertibili in azioni della società Sacom S.p.A. denominati "Sacom 2013 2018 Obbligazioni Convertibili" (ciascun Obbligazionista,

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi -

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - di Mario Gabbrielli, Davide D Affronto, Rossana Bellina, Paolo Chiappa

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito anche Documento ) rivolto ai Clienti o potenziali Clienti della Investire Immobiliare SGR S.p.A è redatto in conformità a quanto prescritto

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Mod. T915 Ed. 07/2014 BNL Risparmio Prodotto EVPH Il presente

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Linea Investimento NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Contratto di Assicurazione caso morte a vita intera a premio unico Il presente Fascicolo Informativo contenente: Scheda Sintetica, Nota Informativa,

Dettagli

HANSARD EUROPE LIMITED PROSPETTO - PARTE II

HANSARD EUROPE LIMITED PROSPETTO - PARTE II HANSARD EUROPE LIMITED PROSPETTO - PARTE II Hansard PARTE II DEL PROSPETTO D OFFERTA ILLUSTRAZIONE DEI DATI PERIODICI DI RISCHIO-RENDIMENTO E COSTI EFFETTIVI DELL INVESTIMENTO La Parte II del Prospetto

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO IL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 CHE CHIUDE CON UN UTILE NETTO CONSOLIDATO DI EURO 4,25 MILIONI LA DISTRIBUZIONE DI UN DIVIDENDO LORDO

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli