Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)"

Transcript

1 TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente: 1) Riduzione degli oneri a carico di chi riqualifica l esistente; 2) Eliminazione di qualsiasi adempimento per i cambi di destinazione d uso commerciali, merceologicamente similari; 3) Eliminazione progressiva delle barriere architettoniche. Cosa: Valorizzazione della Res-Publica: il nuovo per migliorare il vecchio (tramite differente gestione delle urbanizzazioni secondarie): 1) Ridefinizione delle opere di urbanizzazione secondaria verso la riqualificazione ed implementazione dell esistente (Rete Fognaria, Marciapiedi e Strade, Scuole e Parchi) piuttosto che ampliamento del nuovo. Cosa: Riduzione dell' abbandono immobiliare (immobili nuovi lasciati in stato di abbandono) 1) Recupero eventuale delle spese Notarili tramite scontistica fiscale locale. 2) Stipula di convenzioni con l'ordine dei notai per agevolare le pratiche relative ai passaggi di proprietà immobiliari per immobili sul territorio; Frazioni: Cosa: Rilancio economico e Sociale 1) Miglioramento dei collegamenti viabilistici (strade, piste ciclabili, trasporto pubblico); 2) Miglioramento rete internet. 3) Istituzione di un tavolo permanente di rappresentanza delle frazioni in seno alla competente commissione consiliare; 4) Facilitazioni Fiscali e Burocratiche per l avvio di attività imprenditoriali nelle frazioni.

2 Viabilità e Sicurezza: Cosa: Sicurezza stradale attiva (no alle trappole, si alla prevenzione): 1) Revisione del Piano Generale del Traffico Urbano; 2) Riduzione dei semafori dove possibile. 3) Applicazione delle linee guida dell OMS (come da Mozione approvata con ATTO N. 67 del Cons. Di Oto), nella progettazione e riqualificazione delle Strade; 4) Installazione di impianti semaforici controllati attivati dal superamento del limite di velocità, al posto degli autovelox, lungo le strade a maggior tasso di infrazioni; Cosa: Parità tra trasporto pubblico e privato: 1) Eliminazione, dove possibile, dei vincoli alla circolazione imposti dalle strisce gialle ; 2) Stipula di convenzioni con società di trasporto pubblico per servire anche le frazioni o le zone non servite adeguatamente, valutando la possibilità di utilizzare i mezzi adibiti al trasporto scolastico; 3) Revisione dei sensi di marcia e della viabilità alternativa alle vie piu congestionate, per ridurre i percorsi garantendo Sicurezza e Migliore Qualità Ambientale; 4) Realizzazione della viabilità NORD per liberare la Via Emilia Cosa: Revisione del Piano sosta: Residenti, Domiciliati, operatori e titolari di attività imprenditoriali non paghino la sosta: 1) Emissione di un tagliando (e relativo regolamento) che garantisca sosta libera e gratuita a Residenti, Domiciliati, operatori e titolari di attività imprenditoriali; 2) Modifica del Piano sosta già approvato. Cosa: Piano per la sicurezza pubblica; 1) Ampliamento degli impianti di Illuminazione Pubblica (anche tramite urbanizzazioni secondarie) nelle aree buie e nei parchi; 2) Ampliamento delle aree video-sorvegliate e della sorveglianza con personale di Pubblica Sicurezza. Lavoro e Crescita: Impresa: Cosa : Agevolazioni per le imprese e per le nuove aperture per il rilancio economico: 1) Agevolazioni Fiscali e Burocratiche,per le attività aperte dal 2013, per i primi due anni e per le nuove aperture; 2) Accordi con aziende del territorio per favorire l'occupazione di residenti e domiciliati nel comune di San Lazzaro di Savena; 3) Recupero di una quota di quanto versato dalle imprese del territorio per l'iscrizione alla camera di commercio attraverso una scontistica fiscale; 4) Riduzione dei diritti di segreteria per l' Autorizzazione per insegne ed altri mezzi pubblicitari;

3 Fiscalità: Cosa: Agevolazioni a chi mantiene l occupazione nonostante la crisi: 1) Agevolazioni Fiscali e Burocratiche per le attività con bilancio in passivo che non hanno licenziato o fatto uso di strumenti alternativi (Cassa Integrazione ecc ) o già usufruito di agevolazioni/finanziamenti da parte di altri enti pubblici. Cosa: Revisione del commercio ambulante: 1) Armonizzazione e modernizzazione del regolamento Favorendo gli ambulanti storicamente presenti sul territorio e l imprenditoria locale specialmente in occasione di manifestazioni fieristiche. Cosa: Valorizzazione del settore Agricolo: 1) Riduzione della Burocrazia per il settore agricolo; 2) Eliminazione dei diritti di segreteria per le pratiche per Piani di Riconversione e di Ammodernamento dell Azienda Agricola 3) Creazione, previo accordo con i produttori locali, di una Associazione di Produttori al fine di dare risalto alle produzioni locali; Cosa: Dove possibile riduzione dell imposizione fiscale: 1) Eliminazione progressiva della Tassa sui passi carrai. 2) Applicazione, per quanto di competenza comunale, del Quoziente Famigliare ( come da proposta, ATTO N. 2 del cons. Di Oto) sul modello già sperimentato; 3) Opportunità per gli studenti universitari per la realizzazione di opere anche mediante lo strumento del Tirocinio pre/post laurea; Cosa: Meno costi = Meno imposte: 1) Revisione degli accordi per ridurre i Costi del Servizio Smaltimento Rifiuti per poter ridurre proporzionalmente le Tasse sui servizi comunali; 2) Nessuna nomina aggiuntiva di Dirigenti Comunali; 3) Eliminazione di tutti i rimborsi spese se non espressamente disposto caso per caso; 4) Eliminazione delle spese per Consulenze; 5) Revisione oculata delle convenzioni; 6) Vendita con aste competitive degli Immobili inutilizzati e dei relitti stradali di proprietà Comunale con eccezione di quelli storico-monumentali; Cosa: Revisione delle spese in Bilancio per Ripartire gli investimenti 1) Ridefinizione delle priorità di investimento in risposta alle esigenze dei cittadini, con recupero di fondi dalla razionalizzazione del bilancio.

4 Ambiente, Sport, Salute e Terzo Settore: Ambiente: Cosa: Rivisitazione del Piano energetico Comunale: 1) Ridefinizione delle priorità di intervento al fine di compensare con finanziamenti esterni le risorse di bilancio; Cosa: La raccolta differenziata non deve essere un peso ma una risorsa 1) Revisione degli accordi per ridurre i Costi del Servizio Smaltimento Rifiuti per poter ridurre proporzionalmente la Tassa sui rifiuti. Cosa: Fluidificare il traffico per inquinare meno: 1) Revisione dei sensi di marcia e della viabilità alternativa alle vie piu congestionate, per ridurre i percorsi garantendo Sicurezza e Migliore Qualità Ambientale; 2) Redazione di un Piano di Ciclabilità comunale e, se possibile, sovra comunale, al fine di migliorare e rendere piu efficiente la viabilità ciclabile. Cosa: Interventi in favore di chi detiene animali domestici; 1) Apertura di un luogo di sepoltura per gli animali da compagnia. 2) Revisione ed ammodernamento del regolamento sui Diritti degli animali e diritti/doveri dei loro proprietari, per rendere più semplice il possesso di un animale da compagnia; Sport e Salute e Terzo Settore: Cosa: Lo sport è salute: riqualificazione impianti sportivi esistenti e realizzazione di nuovi: 1) Reperimento di fondi dalle urbanizzazioni secondarie, da bandi e Sponsorizzazioni; 2) Realizzazione di impianti sportivi anche per sport minori (Skatepark ad esempio); Cosa: Perfezionamento dell Ordinanza anti-fumo: 1) Comparazione con analoghi provvedimenti e correzioni per renderla più facilmente applicabile; Cosa: Programmi di prevenzione sanitaria: 1) Ridefinizione degli accordi in essere con l'azienda Ausl di Bologna per potenziare i servizi di assistenza serale e festiva. 2) Corsi aggiuntivi di protezione civile per le scuole. 3) Implementazione dell Ordinanza Anti-Amianto (come da proposta, Delibera N. 58 di Delibere di Consiglio del 17/09/2009 cons. Di Oto). 4) In convenzione con AUSL o Con sponsorizzazioni, si prevede di mettere in campo in via sperimentale uno screening di popolazione per la prevenzione delle complicanze legate alle forme nascoste di Diabete;

5 Cosa: Terzo Settore: 1) Maggiori concessioni di spazi durante gli eventi sul territorio e sulle pubblicazioni del Comune; 2) Facilitazioni burocratiche per chi contribuisce o collabora attivamente con le associazioni sul territorio; 3) Istituzione di uno sportello permanente delle associazioni presso l'urp del Comune, per la promozione delle associazioni stesse. Cultura, Scuola e Giovani Cultura e Scuola: Cosa: Valorizzazione e Revisione della gestione del Museo: 1) Realizzazione di eventi attrattivi durante l anno; 2) Stipula di Convenzioni per migliorare l attrattività e la gestione economica del Museo; 3) Creazione di un percorso Museale creando una rete con l enogastronomia e la tradizione; Cosa: Valorizzazione e Revisione della gestione del Teatro: 1) Stipula di Convenzioni per migliorare la gestione economica del Teatro; 2) Realizzazione di un percorso culturale con Museo e Mediateca; Cosa: Valorizzazione e Revisione della gestione della Mediateca: 1) Definizione di un polo culturale con centro alla Mediateca attraverso una maggior numero di eventi adatti anche al grande pubblico (enogastronomici, musicali, sportivi e culturali); 2) Pubblicizzazione della Tessera della Cultura con vincolo di destinazione dei fondi cosi reperiti; Giovani di Oggi e di Ieri : Cosa: Incentivi alla creazione ed organizzazione di eventi (musica, sport, corsi) in cui siate protagonisti: 1) Per l organizzazione di eventi liberi, senza scopo di lucro, mettere a disposizione i luoghi pubblici agli organizzatori, nel rispetto delle normative vigenti; 2) Facilitazioni Burocratiche per chi organizza, senza scopo di lucro, corsi di formazione o di informazione sul territorio; Cosa: Facilitare l incontro e la condivisione di esperienze tra i Giovani di Oggi e di Ieri: 1) Creazione di eventi e manifestazioni dirette ad un pubblico giovane presso i centri sociali dislocati sul territorio, anche a carattere formativo (Corsi di Cucina, Cucito ad esempio); 2) Valutare la fattibilità di un servizio di Nonni in affitto per cui si possa dare la possibilità ai genitori che lavorano di portare i figli presso i centri sociali in attesa della fine dell orario di lavoro;

6 Semplificazione Cosa: Semplificazione dei Regolamenti e della Burocrazia, per un rapporto più trasparente ed efficiente tra l amministrazione ed il cittadino: 1) Revisione ed aggiornamento dei regolamenti in essere con la nuova normativa; 2) Dove possibile, semplificazione e riduzione delle imposizioni da regolamenti; 3) Dove possibile, unione di più regolamenti attinenti lo stesso ambito per semplificarne la consultazione; 4) Applicazione di normative piu moderne, internazionali e/o ad evidenza scientifica in sostituzione di quelle in essere; 5) Redazione del bilancio secondo legge e per partita doppia; 6) Consultazioni on-line durante le sedute del consiglio comunale;

Lista Civica NOI cittadini Programma Elettorale

Lista Civica NOI cittadini Programma Elettorale Lista Civica NOI cittadini Programma Elettorale elezioni amministrative 2014 Chi siamo Noi Cittadini ricerca la partecipazione di tutti come metodo per generare i contenuti delle proprie azioni: riteniamo

Dettagli

Documento programmatico UNA PROVINCIA UTILE

Documento programmatico UNA PROVINCIA UTILE Documento programmatico UNA PROVINCIA UTILE Continuità nel buon governo e innovazione per la cura degli interessi della comunità locale. Introduzione Le elezioni amministrative del 2009 hanno rappresentato

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA COLLABORAZIONE TRA CITTADINI E AMMINISTRAZIONE PER LA CURA E LA RIGENERAZIONE DEI BENI COMUNI URBANI

REGOLAMENTO SULLA COLLABORAZIONE TRA CITTADINI E AMMINISTRAZIONE PER LA CURA E LA RIGENERAZIONE DEI BENI COMUNI URBANI REGOLAMENTO SULLA COLLABORAZIONE TRA CITTADINI E AMMINISTRAZIONE PER LA CURA E LA RIGENERAZIONE DEI BENI COMUNI URBANI CAPO I - Disposizioni generali Art. 1 (Finalità, oggetto ed ambito di applicazione)

Dettagli

I servizi educativi per la prima infanzia in Emilia-Romagna

I servizi educativi per la prima infanzia in Emilia-Romagna Il sistema prima infanzia della Regione Emilia-Romagna Il servizi educativi Nidi d infanzia, micronidi, sezioni primavera Servizi domiciliari: piccoli gruppi educativi Servizi integrativi: spazi bambini,

Dettagli

Proposta di legge regionale concernente

Proposta di legge regionale concernente Proposta di legge regionale concernente Nuove disposizioni per favorire la tutela, la valorizzazione e lo sviluppo dell artigianato nel Lazio. Modifiche alla l.r. 6 agosto 1999, n.14 (Organizzazione delle

Dettagli

Guida alle semplificazioni. del decreto legge del Fare

Guida alle semplificazioni. del decreto legge del Fare Guida alle semplificazioni del decreto legge del Fare Approvato il decreto del Fare, si apre la fase importante e delicata dell attuazione delle nuove norme. Per questo è essenziale che cittadini e imprese

Dettagli

Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ,

Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ, Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ, TERRITORIO E MONDO DEL LAVORO IN ITALIA: Un riepilogo delle principali trasformazioni degli ultimi venti anni di Cristiana Rita Alfonsi e Patrizia

Dettagli

Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese.

Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 245 del 19 ottobre 2012 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Decreto-legge. Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese

Decreto-legge. Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese Decreto-legge Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese 1 Sommario SEZIONE I...5 AGENDA E IDENTITA DIGITALE...5 Art. 1...5 Attuazione dell Agenda digitale italiana e documento digitale unificato...5

Dettagli

Guida alle semplificazioni. del decreto legge del Fare

Guida alle semplificazioni. del decreto legge del Fare Guida alle semplificazioni del decreto legge del Fare Approvato il decreto del Fare, si apre la fase importante e delicata dell attuazione delle nuove norme. Per questo è essenziale che cittadini e imprese

Dettagli

STATUTO DEL COMUNE DI RAGUSA

STATUTO DEL COMUNE DI RAGUSA - STATUTO DEL COMUNE DI RAGUSA TESTO DEFINITIVO CON LE MODIFICHE APPROVATE DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N. 63 DELL 08 OTTOBRE 2007, N. 36 DEL 7 APRILE 2010 E N. 85 DEL 5 OTTOBRE

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017

Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017 Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017 \ Premessa L obiettivo generale I settori chiave di intervento La cittadinanza digitale Il welfare e la salute Il fisco L edilizia L impresa Gli strumenti

Dettagli

LA DIRETTIVA SERVIZI Guida all utente

LA DIRETTIVA SERVIZI Guida all utente LA DIRETTIVA SERVIZI Guida all utente In collaborazione con Formez Pubblicazione a cura di Lidia Germani, Dirigente coordinatore del Servizio I Libera circolazione delle Persone e dei servizi e professioni

Dettagli

Una bussola per orientarsi nella Pubblica Amministrazione

Una bussola per orientarsi nella Pubblica Amministrazione absolutgroup.it O 12 Vademecum delle Attività Imprenditoriali Seconda Edizione Provincia di Bologna Servizio Industria, Artigianato e Commercio Ufficio di Coordinamento SUAP Via Benedetto XIV, 3-40125

Dettagli

L attuazione del nostro programma

L attuazione del nostro programma L attuazione del nostro programma di mandato è il frutto di un lavoro svolto in maniera condivisa e attraverso atti quotidiani. Quasi tre anni significano quasi 1.000 giorni di ricerca a trovare le soluzioni

Dettagli

PIANO NAZIONALE PER IL SUD LE PRIORITA PER LA STRATEGIA DI RIPRESA SVILUPPO DEL MEZZOGIORNO

PIANO NAZIONALE PER IL SUD LE PRIORITA PER LA STRATEGIA DI RIPRESA SVILUPPO DEL MEZZOGIORNO PIANO NAZIONALE PER IL SUD LE PRIORITA PER LA STRATEGIA DI RIPRESA SVILUPPO DEL MEZZOGIORNO 1. Il Piano Nazionale per il Sud e il futuro della politica di coesione Il Piano nazionale per il Sud interviene

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL APPRENDIMENTO IN OGNI ETA

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL APPRENDIMENTO IN OGNI ETA REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL APPRENDIMENTO IN OGNI ETA INDICE GENERALE SEZIONE I CARATTERISTICHE DEL SISTEMA LOCALE PER IL DIRITTO ALL APPRENDIMENTO ART. 1 PRINCIPI DI RIFERIMENTO ART. 2 FINALITA GENERALI

Dettagli

Approvato con. D.C.C. n.17/2008

Approvato con. D.C.C. n.17/2008 Approvato con. D.C.C. n.17/2008 REGOLAMENTO UNICO PER L ACCESSO AL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIO -ASSISTENZIALI E PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI E DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, recante ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese.

Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, recante ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese. L. 17 dicembre 2012, n. 221 (1). Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, recante ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese. (1) Pubblicata nella Gazz.

Dettagli

Città di Pescara. Medaglia d oro al Merito Civile Settore Attività Produttive Servizio Mercati ed altre attività a rilevanza economica

Città di Pescara. Medaglia d oro al Merito Civile Settore Attività Produttive Servizio Mercati ed altre attività a rilevanza economica Città di Pescara Medaglia d oro al Merito Civile Settore Attività Produttive Servizio Mercati ed altre attività a rilevanza economica REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL COMMERCIO SULLE AREE PUBBLICHE

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Strategia d azione ambientale per lo sviluppo sostenibile in Italia Approvata dal CIPE il 2 agosto 2002 con Deliberazione n. 57 Pubblicata nella Gazzetta

Dettagli

IPOTESI PER UN PROGETTO DI RIORGANIZZAZIONE DEL COMPARTO EDUCATIVO E FORMATIVO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

IPOTESI PER UN PROGETTO DI RIORGANIZZAZIONE DEL COMPARTO EDUCATIVO E FORMATIVO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO IPOTESI PER UN PROGETTO DI RIORGANIZZAZIONE DEL COMPARTO EDUCATIVO E FORMATIVO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO L opera del maestro non deve consistere nel riempire un sacco ma nell accendere una fiamma

Dettagli

La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità

La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità Questa pubblicazione è stata realizzata con il contributo della Commissione europea, in occasione del 2007 - Anno europeo delle

Dettagli

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO Emanato con Decreto Rettorale n. 623/AG del 23 febbraio 2012 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 52 del 2 marzo 2012 STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI Art.

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

L ENTE LOCALE E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI

L ENTE LOCALE E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI L ENTE LOCALE E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI Applicazione della Legge Regione Emilia Romagna n. 11/2007 Disciplina delle modalità di affidamento della gestione di impianti sportivi di proprietà

Dettagli

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE PER LA BELLEZZA

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE PER LA BELLEZZA PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE PER LA BELLEZZA Premessa La proposta di un Disegno di Legge che abbia al centro il tema della bellezza trova le sue motivazioni in almeno due obiettivi principali che si vogliono

Dettagli

REGIONE 2010 IA CRIVE PUGLIA. 2005/2010 si scrive Puglia si legge sviluppo. www.regione.puglia.it

REGIONE 2010 IA CRIVE PUGLIA. 2005/2010 si scrive Puglia si legge sviluppo. www.regione.puglia.it 05 2010 IA CRIVE E UPPO REGIONE PUGLIA 2005/2010 si scrive Puglia si legge sviluppo www.regione.puglia.it La programmazione e l impiego * dei fondi strutturali europei 2007/2013 Valori in milioni di euro

Dettagli