Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic"

Transcript

1 XVI Convention IBAN Dall Entrepreneurship al Capitale di Rischio dei Business Angels Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic Guido Ferrarini founder & Chairman Epic SIM

2 Agenda 1 Introduzione 2 Tipi di approccio regolatorio alla finanza alternativa 3 Impatto della regolazione 4 I servizi delle piattaforme digitali per le start-up 5 Una panoramica dei servizi Epic 6 Conclusioni 1

3 1. Introduzione 1.1 Finanza alternativa e ruolo delle piattaforme digitali - Nozione di finanza alternativa come finanza diretta alle PMI per il tramite di piattaforme digitali dove gli emittenti offrono sia strumenti di capitale che strumenti di debito - Ruolo delle piattaforme digitali nella riduzione dei costi di transazione - Costi di ricerca della controparte - Costi di informazione - Possibilità di frazionamento del rischio offerte dalle piattaforme digitali - Varietà di emittenti e di strumenti finanziari - Diverse classi di rischio 2

4 1. Introduzione - Tipologie di strumenti offerti - distinzione tra piattaforme investment-based e loan-based - le piattaforme del primo tipo trattano: (A) Azioni Offerta di azioni da parte delle PMI (start-up innovative) come equity crowdfunding (su portali di cui al TUF) Possibile variante: private equity crowdfunding (struttura simile, ma diretto esclusivamente a investitori professionali) (B) Strumenti di debito Minibond Altri strumenti (cambiali finanziarie, cartolarizzazioni) - le piattaforme del secondo tipo trattano (A) Prestiti a privati (P2P) e imprese (P2B) (B) Anticipo su fatture e altre operazioni di debito 3

5 1. Introduzione 1.2 Epic come piattaforma europea di investimenti alternativi Epic opera come piattaforma di investimenti alternativi intermediando gli scambi di strumenti finanziari di PMI tra queste ultime e gli investitori istituzionali e professionali aderenti alla piattaforma Partendo dall esperienza in Italia e da una prima fase di allargamento a Spagna e Portogallo (attualmente in discussione) punta ad affermarsi quale soluzione europea nel quadro della Capital Market Union di cui al Green Paper che la Commissione europea ha messo quest anno in consultazione Mentre gli investitori target di Epic sono già europei, le imprese emittenti sono oggi tipicamente domestiche nei loro comportamenti finanziari 4

6 2. Tipi di approccio regolatorio alla finanza alternativa 2.1 Quadro comparativo - L approccio regolatorio può variare a seconda del tipo di piattaforma (investment based o loan based), di strumenti finanziari (equity o debito) e di investitori (professionali o retail) - Esistono sostanzialmente tre approcci dal punto di vista comparato (IOSCO 2014): (A) Securities Regulation (B) Regolazione bancaria (C) Regolazione funzionale 5

7 2. Tipi di approccio regolatorio alla finanza alternativa (A) Securities Regulation 1. nella misura in cui siano offerti strumenti finanziari (securities), vengono in gioco la disciplina dei prospetti e dei servizi d investimento 2. peraltro, il carattere privato delle offerte e/o la natura professionale degli investitori sollecitati generalmente stemperano il rigore di questa disciplina 3. un simile approccio è seguito negli Stati Uniti anche per le piattaforme di P2P lending che devono registrarsi presso la SEC (esempio di Lending Club) 6

8 2. Tipi di approccio regolatorio alla finanza alternativa (B) Regolazione bancaria 1. questo approccio è seguito in alcune giurisdizioni per le piattaforme di P2P 2. se i prestiti offerti non costituiscono strumenti finanziari (in breve, non sono negoziabili sul mercato secondario), viene in gioco la disciplina degli intermediari finanziari e/o dei servizi di pagamento 3. certamente non si ha attività bancaria se i prestiti vengono concessi dagli investitori alle imprese senza l intermediazione di una banca (cioè di un ente che raccoglie depositi per erogare prestiti) 4. l intermediario ha nel P2P un ruolo più circoscritto; la sua intermediazione è trasparente, mentre quella della banca è opaca 5. un simile approccio è seguito in Francia, Germania e Italia (dove alle piattaforme di P2P è richiesto da Banca d Italia di costituirsi come istituti di pagamento) 7

9 2. Tipi di approccio regolatorio alla finanza alternativa (C) Regolazione funzionale 1. è l approccio inglese che estende al P2P (loan-based crowdfunding) regole già applicabili al equity crowdfunding (investment-based crowdfunding) 2. la nuova disciplina inglese della FCA è essenzialmente basata sull informazione 3. inoltre, essa prevede che gli intermediari - adottino misure per assicurare la gestione dei prestiti in essere nel caso di fallimento della piattaforma - quando detengano denari dei clienti, seguano regole a protezione di questi ultimi contro frodi e abusi (client money rules) - riportino periodicamente alla FCA 8

10 2. Tipi di approccio regolatorio alla finanza alternativa 2.2 La situazione in Italia - La finanza alternativa è per ora poco sviluppata nel nostro sistema - L approccio regolatorio italiano oscilla tra il polo della securities regulation disciplina del equity crowdfunding, norme agevolative dei mini-bond e loro emissione su piattaforme digitali (Epic) e quello della regolazione bancaria (il P2P è esercitato da finanziarie ex art. 106 o da istituti di pagamento) - Sembra comunque possibile pronosticare uno sviluppo della finanza alternativa basato sul primo polo, visti il trattamento fiscale favorevole dei mini-bond e l interesse ad avere strumenti forniti di un mercato secondario - Anche le nuove regole sulle cartolarizzazioni possono aiutare, vista la possibilità che la SPV eroghi crediti o acquisti minibond 9

11 2. Tipi di approccio regolatorio alla finanza alternativa 2.3 Epic come intermediario autorizzato Epic è autorizzata come SIM allo svolgimento del servizio di raccolta ordini, che include la mediazione Pertanto, essa stipula un contratto per la prestazione di servizi d investimento con gli investitori qualificati che partecipano alla piattaforma dopo averne accertato i requisiti di professionalità e integrità Epic stipula un analogo contratto con gli emittenti che partecipano alla piattaforma per offrirvi i propri strumenti finanziari (azioni, obbligazioni, altri strumenti) Epic è in attesa di essere autorizzata anche per il servizio di collocamento 10

12 3. Impatto della regolazione 3.1 Come si riducono i costi regolatori Esenzione dal prospetto informativo: le offerte di strumenti finanziari sono disegnate in modo da non essere soggette all obbligo di prospetto, sfruttando l esenzione per investitori professionali o quella per numero di investitori sollecitati (150) o per importo della emissione (Euro 5 milioni) o per taglio dei titoli (Euro ) Qualificazione giuridica del servizio: il servizio d investimento viene concepito nella sua forma più semplice (raccolta ordini) che include la mediazione. Questo servizio caratterizza anche l equity crowdfunding 11

13 3. Impatto della regolazione 3.1 Come si riducono i costi regolatori Regole di comportamento degli intermediari: nella misura in cui non sia prestata consulenza, si applica solo il test di appropriatezza, salvo che il servizio non sia offerto a investitori professionali, nel quale caso neppure la regola di appropriatezza trova applicazione Classificazione dei clienti: questo è sicuramente un aspetto essenziale, in quanto l offerta a investitori professionali non è soggetta al test di appropriatezza e presenta minori oneri informativi Va valutato il trade-off tra oneri e rischi nella qualificazione di un investitore come professionale e oneri e rischi di un giudizio di appropriatezza dell investimento per un investitore retail 12

14 3. Impatto della regolazione 3.2 Impatto di Mifid II Principi generali (art. 24 Direttiva) - Dovere delle imprese di investimento di agire con onestà, correttezza e professionalità nel migliore interesse dei clienti (già vigente in MiFID I) - Novità: - Investment firms which manufacture financial instruments for sale to clients shall ensure that those financial instruments are designed to meet the needs of an identified target market - An investment firm shall understand the financial instruments they offer or recommend, assess the compatibility of the same with the needs of the clients 13

15 3. Impatto della regolazione Che impatto hanno queste disposizioni sulle piattaforme digitali? - Certamente i gestori di tali piattaforme sono soggetti al dovere di correttezza - Le nuove disposizioni sopra citate, invece, non sembrano applicabili in quanto: - le piattaforme generalmente non fabbricano strumenti finanziari - neppure esse offrono strumenti finanziari: le offerte sono formulate dagli emittenti sulla piattaforma, che raccoglie ordini e li trasmette agli emittenti 14

16 3. Impatto della regolazione Appropriatezza (art. 25 della Direttiva) - La formulazione della regola (comma 3) non diverge dall attuale - La regola stessa può essere disapplicata dalle imprese di investimento che forniscano - investment services that only consist of execution or reception and transmission of client orders - purché tali servizi riguardino certi strumenti finanziari tra i quali - bonds or other forms of securitised debt admitted to trading on a regulated market or an MTF, excluding those that embed a derivative or incorporate a structure which makes it difficult for the client to understand the risk involved 15

17 3. Impatto della regolazione Cosa significa questa disposizione per le piattaforme digitali? - Nella misura in cui si limitino a prestare servizi di ricezione e trasmissione ordini relativamente a strumenti di debito, esse potranno escludere il test di appropriatezza - l esonero consente alle piattaforme medesime di offrire servizi ai clienti retail con minore esposizione a rischi legali - ai clienti dovrà essere naturalmente offerta ogni informazione circa il minor grado di protezione accordato - per gli investimenti in equity, peraltro, resta applicabile la regola di appropriatezza 16

18 4. I servizi delle piattaforme digitali per le start-up 4.1 Equity crowdfunding (in senso stretto) - è indirizzato a investitori retail e riguarda sia le start-up innovative che le PMI innovative - i portali di equity crowdfunding non sono intermediari, ma vengono gestiti da soggetti autorizzati i quali devono tuttavia avvalersi di intermediari autorizzati ai servizi di investimento per l esecuzione delle operazioni e per la classificazione dei clienti - i portali possono anche essere gestiti da intermediari autorizzati ai relativi servizi (sim e banche) 17

19 4. I servizi delle piattaforme digitali per le start-up 4.2 Equity crowdfunding for accredited investors: l esempio americano (A) Le regole - nella securities regulation americana esisteva un divieto di sollecitazione anche relativamente alle offerte esenti secondo la Regulation D (private placements) - il titolo II del JOBS Act ha richiesto alla SEC di togliere tale divieto; pertanto dal Settembre 2013 è possibile una general solicitation anche per queste offerte a condizione che gli investitori siano accredited e che l emittente abbia preso misure ragionevoli per verificarlo - conseguentemente, le offerte di azioni del tipo dell equity crowdfunding (in senso lato) sono oggi possibili su piattaforme riservate a investitori accreditati 18

20 4. I servizi delle piattaforme digitali per le start-up (B) Casi pratici CircleUp - si definisce a private, password-protected network for accredited investors - CircleUp Network, Inc. gestisce un website dove avvengono tutti gli scambi di informazioni rilevanti - Peraltro, all securities related activity is conducted through Fundme Securities LLC, a wholly owned subsidiary of CircleUp Network, Inc. Fundme Securities LLC is a registered Broker/Dealer and member FINRA/SIPC 19

21 4. I servizi delle piattaforme digitali per le start-up Early Shares Le startups possono vendere le loro securities in base alla Regulation D Rule 506(c) scegliendo fra tre tipi di servizio: - posting: l emittente propone tutti gli elementi dell offerta per un investimento diretto - broker-dealer: gli investitori comprano direttamente azioni dell emittente tramite i servizi di un intermediario partner che serve da placement agent - EarlyFund: una società di gestione del gruppo mette tutti gli investimenti nel singolo emittente in pool per gli investitori 20

22 4. I servizi delle piattaforme digitali per le start-up EquityNet - è una delle più vecchie piattaforme di offerta di equity-crowdfunding in base alla Regulation D - essa offre una varietà di servizi; oltre a quelli base di accesso al suo software, vi sono servizi premium inclusi servizi di brokeraggio (la piattaforma precisa, al riguardo, che gli investimenti avvengono al di fuori di essa per il tramite di un broker) 21

23 4. I servizi delle piattaforme digitali per le start-up (C) Implicazioni per l Italia - la casistica americana ora citata ci conferma che le piattaforme di equity crowdfunding (in senso lato, cioè operanti nei confronti di soli accredited investors) si limitano a operare come veicoli per lo scambio di informazioni, senza in alcun modo intervenire nella negoziazione e nello scambio di strumenti finanziari - tutte le attività, invece, relative alla sottoscrizione o acquisto di tali strumenti avvengono per il tramite di intermediari abilitati che operano in collegamento con la piattaforma - è anche interessante ricordare che le piattaforme in esame stanno considerando se avviare servizi di crowdfunding per retail investors ai sensi del titolo III del JOBS Act una volta che la regolazione proposta dalla SEC (Reg A+) sarà entrata in vigore (entro 2015) 22

24 4. I servizi delle piattaforme digitali per le start-up (D) Il ruolo di Epic La casistica americana conforta il modus operandi di Epic nei confronti dei networks di angel investors. Infatti Epic: mette a disposizione la propria piattaforma per lo scambio di informazioni tra investitori ed emittenti al pari delle piattaforme che si occupano di private equity crowdfunding negli USA; inoltre, cura la standardizzazione dei contratti e degli strumenti trattati in quanto intermediario autorizzato, agevola e porta a compimento le negoziazioni tra investitori ed emittenti sul mercato primario (e tra investitori su quello secondario) e, nel caso del collocamento, promuove la distribuzione di strumenti finanziari per conto degli emittenti classifica gli investitori come operatori qualificati ed effettua i richiesti controlli antiriciclaggio cura l esecuzione delle operazioni attraverso il sistema di regolamento gestito da BNP Securities Services 23

25 5. Una panoramica dei servizi Epic Servizi di intermediazione nelle emissioni di minibond e cambiali finanziarie Epic collabora con consulenti (che possono anche essere intermediari) i quali operano nelle emissioni di strumenti di debito da parte di PMI tali consulenti assistono le imprese nelle attività preparatorie dell emissione e le indirizzano a Epic per l offerta degli strumenti da emettere a investitori 24

26 5. Una panoramica dei servizi Epic Servizi di collocamento di azioni destinate all AIM e di obbligazioni nel mercato dei private placement Epic collabora con intermediari che operano nel collocamento di azioni emesse da growth companies e destinate a mercati secondari alternativi come AIM Epic si affianca all intermediario nel collocamento delle azioni tra investitori istituzionali e professionali Analoghi servizi sono prestati per collocamenti obbligazionari 25

27 5. Una panoramica dei servizi Epic Servizi per networks di angel investors e club di investitori Epic stipula accordi con networks di investitori che operano nel settore delle start-up e procurano l incontro tra queste ultime e gli investitori del network (angel investors e simili) per la sottoscrizione di azioni e titoli similari Epic fornisce al network i servizi di intermediazione occorrenti a imprese emittenti e investitori per il perfezionamento dell investimento azionario ( powered by Epic ) Uno schema analogo si applica ai servizi per club di investitori che operano nei confronti di PMI in genere (non necessariamente high tech). 26

28 5. Una panoramica dei servizi Epic Sindacazione di emissioni obbligazionarie e azionarie Epic opera con fondi di investimento per la sindacazione della sottoscrizione di titoli obbligazionari o azionari emessi da PMI e l assunzione da parte dell asset manager volta a volta interessato del ruolo di lead investor Questo ruolo comporta l espletamento delle attività di analisi normalmente richieste prima di un investimento in strumenti finanziari, inclusa la due diligence 27

29 Agenda 1 Introduzione 2 Tipi di approccio regolatorio alla finanza alternativa 3 Impatto della regolazione 4 I servizi delle piattaforme digitali per le start-up 5 Una panoramica dei servizi Epic 6 Conclusioni 28

30 Grazie per l attenzione! epic - private investment 29

31 Avvertenze. Epic SIM S.p.A. è iscritta al n. 287 dell'albo Sim di cui all'articolo 20 del d.lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 con delibera n del Epic SIM S.p.A. è autorizzata al servizio di ricezione e trasmissione di ordini, inclusa la mediazione, senza detenzione, neanche temporanea, delle disponibilità liquide e degli strumenti finanziari della clientela e senza assunzione di rischi da parte della società stessa. Epic SIM S.p.A. è altresì sottoposta alla vigilanza di Banca d Italia. Il contenuto del presente documento, redatto a cura di Epic SIM SpA, non intende costituire consulenza in materia di investimenti o in ambito giuridico, fiscale e di altra natura. È opportuno rivolgersi a un consulente professionista prima di prendere qualsiasi decisione d investimento. L accesso a Epic è riservato a investitori qualificati, in possesso dei requisiti previsti da Consob in tema di clienti professionali. La piattaforma è una private investment community gestita da Epic SIM SpA, che può concedere o rifiutare discrezionalmente l adesione di un investitore. Epic SIM SpA ha inoltre facoltà di fornire o rifiutare l accesso alle diverse sezioni di senza che l investitore nulla abbia a pretendere nei confronti di Epic SIM SpA. Le informazioni e le opinioni espresse nella piattaforma Epic non costituiscono una sollecitazione, una offerta o una raccomandazione per l'acquisto, la vendita o la disposizione di qualsiasi investimento, la partecipazione a qualsiasi altra transazione o la prestazione di consulenza. Prima di effettuare un investimento in strumenti finanziari il cliente deve informarsi presso il proprio intermediario sulla natura e i rischi delle operazioni che si accinge a compiere. Il Cliente deve concludere un'operazione solo se ha ben compreso la sua natura ed il grado di esposizione al rischio che essa comporta. 30

Opportunità di finanziare lo sviluppo con i mini-bond. Sergio Ferrarini e Stefano Visalli

Opportunità di finanziare lo sviluppo con i mini-bond. Sergio Ferrarini e Stefano Visalli Opportunità di finanziare lo sviluppo con i mini-bond Sergio Ferrarini e Stefano Visalli Lucca, 24 aprile 2014 Agenda 1 Opportunità di finanziarsi in minibond attraverso Epic 2 Come funziona? Una dimostrazione

Dettagli

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Obiettivo del Documento... 2 2. Criteri per la classificazione della clientela... 2 2.1 Controparti qualificate... 2 2.2. Clientela professionale... 3 2.3

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Agenda. 1 Un nuovo modello di finanziamento per le PMI. Caratteristiche e mercato dei minibond. 3 Illustrazione del processo Epic

Agenda. 1 Un nuovo modello di finanziamento per le PMI. Caratteristiche e mercato dei minibond. 3 Illustrazione del processo Epic Agenda. 1 Un nuovo modello di finanziamento per le PMI 2 Caratteristiche e mercato dei minibond 3 Illustrazione del processo Epic Minibond, anno 1. Volumi delle emissioni italiane per semestre 1 10 14

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

seminario online MINIBOND PER CRESCERE Emettere obbligazioni per finanziare i progetti di sviluppo Relatori: Andrea Crovetto (Epic) e Andrea Silvello

seminario online MINIBOND PER CRESCERE Emettere obbligazioni per finanziare i progetti di sviluppo Relatori: Andrea Crovetto (Epic) e Andrea Silvello seminario online MINIBOND PER CRESCERE Emettere obbligazioni per finanziare i progetti di sviluppo Relatori: Andrea Crovetto (Epic) e Andrea Silvello (MiniBondItaly.it) Agenda 1 Un nuovo modello di finanziamento

Dettagli

MiFID POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

MiFID POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA MiFID POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Documento approvato dal C.d.A. del 19/12/2014 Sommario 1. Premessa...3 2. Criteri Di Classificazione Statica Della Clientela...5 2.1. Controparti Qualificate...5

Dettagli

IL FENOMENO DELL EQUITY CROWDFUNDING E LE FUTURE MODIFICHE ALL ASSETTO LEGISLATIVO-REGOLAMENTARE. CI SIAMO QUASI

IL FENOMENO DELL EQUITY CROWDFUNDING E LE FUTURE MODIFICHE ALL ASSETTO LEGISLATIVO-REGOLAMENTARE. CI SIAMO QUASI regolazione IL FENOMENO DELL EQUITY CROWDFUNDING E LE FUTURE MODIFICHE ALL ASSETTO LEGISLATIVO-REGOLAMENTARE. CI SIAMO QUASI Vittorio Mirra * Attraverso il Decreto Legge n. 179/2012, convertito, con modifiche,

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Policy Sulla classificazione della clientela Data ultima modifica 29/03/2016 Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Approvato da : Consiglio di Amministrazione Massimo

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI Il presente documento descrive le misure per l esecuzione e la trasmissione degli ordini alle condizioni più favorevoli per il cliente (art. 45 e 48 del Regolamento Consob in materia di Intermediari) e

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Strategia di classificazione della clientela relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA

Strategia di classificazione della clientela relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA Classification Policy PREMESSA, FONTI NORMATIVE ED OBIETTIVO DEL DOCUMENTO... 3 1. DEFINIZIONI... 3 1.1. CLIENTI PROFESSIONALI...

Dettagli

SINTESI DELLA POLITICA DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A.

SINTESI DELLA POLITICA DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. PAG. 1 SINTESI DELLA POLITICA DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. PER LA DETERMINAZIONE DEL GRADO DI LIQUIDITA DEGLI STRUMENTI FINANZIARI DISTRIBUITI ALLA CLIENTELA AL VERSIONE N. 1/12 DEL 30/08/2012

Dettagli

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE)

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Le principali novità introdotte con il recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Direttiva 2004/39/CE ( dirett. di 1 livello ) Markets in Financial Instruments Directive o MiFID Direttiva 2006/73/CE

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Gli aspetti fiscali dei diversi strumenti/canali di finanziamento

Gli aspetti fiscali dei diversi strumenti/canali di finanziamento FINANZIARE IN MODO EQUILIBRATO LA CRESCITA Gli aspetti fiscali dei diversi strumenti/canali di finanziamento slide 1 FINANZIAMENTO CREDITO BANCARIO FINANZIAMENTO SOCI LEASING CAMBIALI FINANZIARIE PRESTITI

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Gli impatti della MiFID II nell Asset Management: una prospettiva

Gli impatti della MiFID II nell Asset Management: una prospettiva Financial Services Gli impatti della MiFID II nell Asset Management: una prospettiva Crisi Finanziaria/ Impegni del G20 Impatti della tecnologia Integrazioni Comunitarie Nuovo schema di vigilanza EU www.pwc.com/it

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI PREMESSE La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento Europeo

Dettagli

Un nuovo modello per ridurre la distanza tra il capitale privato e le imprese. Andrea Crovetto

Un nuovo modello per ridurre la distanza tra il capitale privato e le imprese. Andrea Crovetto Un nuovo modello per ridurre la distanza tra il capitale privato e le imprese Andrea Crovetto Confindustria, 4 marzo, 2014 Allineare le prospettive temporali verso orizzonti più lontani Capitale privato

Dettagli

1 Milano, 26 marzo 2014 FONDI COMUNI D INVESTIMENTO ALTERNATIVI E FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE: TRA VINCOLI E OPPORTUNITA

1 Milano, 26 marzo 2014 FONDI COMUNI D INVESTIMENTO ALTERNATIVI E FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE: TRA VINCOLI E OPPORTUNITA 1 Milano, 26 marzo 2014 FONDI COMUNI D INVESTIMENTO ALTERNATIVI E FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE: TRA VINCOLI E OPPORTUNITA 2 Milano, 26 marzo 2014 I FONDI COMUNI D INVESTIMENTO ALTERNATIVI: I FIA ITALIANI

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO 21 dicembre 2012

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO 21 dicembre 2012 DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO 21 dicembre 2012 LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO SOCIETA COOPERATIVA Sede sociale in Via Matteotti 11, 35044 Montagnana (Padova) Iscritta all Albo delle Banche al n. 5411, all Albo delle Società Cooperative

Dettagli

Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO

Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO I SERVIZI DI INVESTIMENTO Tali investimenti danno origine alla raccolta bancaria indiretta, termine con il quale si identificano alcuni

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 15

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 15 987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.l. SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 15 1. Le società di intermediazione

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

A capitale condizionatamente protetto

A capitale condizionatamente protetto SCHEDA PRODOTTO Banca IMI S.p.A. Digital Standard Autocallable Barrier Worst Of Certificates Quanto con effetto memoria su azione Apple, su azione Google e su azione Facebook DESCRIZIONE DELLO STRUMENTO

Dettagli

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID)

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID) Roma, 15 settembre 2007 OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID) L ANIA ha esaminato i contenuti della documentazione pubblicata

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Signa Tasso Fisso CONDIZIONI DEFINITIVE. Alla NOTA INFORMATIVA. Banca di Credito Cooperativo di Signa Tasso Fisso

Banca di Credito Cooperativo di Signa Tasso Fisso CONDIZIONI DEFINITIVE. Alla NOTA INFORMATIVA. Banca di Credito Cooperativo di Signa Tasso Fisso Banca di Credito Cooperativo di Signa Tasso Fisso CONDIZIONI DEFINITIVE Alla NOTA INFORMATIVA Banca di Credito Cooperativo di Signa Tasso Fisso Bcc Signa 12/02/2010 12/02/2017 3,50% 106 emissione Isin

Dettagli

La regolamentazione del mercato mobiliare 1

La regolamentazione del mercato mobiliare 1 La regolamentazione del mercato mobiliare 1 TUIF d. lgs n 58 del 1998 Nasce accorpando tutte le leggi in materia di intermediazione finanziaria Ha recepito la direttiva 1993/22/CE sui servizi d investimento

Dettagli

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi MiFID review: scenari e prospettive Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi AGENDA MiFID I: ricapitoliamo MiFID review: le ragioni MiFID review: le novità MiFID review: stato dell arte 2 MiFID I: ricapitoliamo

Dettagli

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI

SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI maggio 2007 SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI INTRODUZIONE La MiFID (Markets in Financial Instruments Directive) affronta in modo globale la disciplina

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO SOCIETA COOPERATIVA Sede sociale in Via Matteotti 11, 35044 Montagnana (Padova) Iscritta all Albo delle Banche al n. 5411, all Albo delle Società Cooperative

Dettagli

CAMFIN. Comunicato stampa

CAMFIN. Comunicato stampa IL PRESENTE COMUNICATO NON È DESTINATO ALLA PUBBLICAZIONE, DISTRIBUZIONE O CIRCOLAZIONE, DIRETTA O INDIRETTA, NEGLI STATI UNITI D AMERICA, IN AUSTRALIA, CANADA, GIAPPONE, O A SOGGETTI RESIDENTI IN TALI

Dettagli

Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini

Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini Delibera Cda del 27/10/2011 Ultima revisione Cda del 27/02/2014 Ultima revisione Cda dell 11/06/2015 1. LA NORMATIVA MiFID

Dettagli

Documento di sintesi della

Documento di sintesi della Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del settembre 2015 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Delibera C.d.A. del 23 dicembre 2010 LA NORMATIVA MIFID La Markets

Dettagli

Avv. Fabio Civale. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009

Avv. Fabio Civale. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009 Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009 I SERVIZI E LE ATTIVITA DI INVESTIMENTO NELLA DISCIPLINA MiFID Linee dell intervento A. Classificazione della clientela

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY DI CLASFICAZIONE DELLA CLIENTELA Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 25 giugno 2015 INDICE 1. PREMESSA...1 2. CATEGORIE DI CLIENTI PREVISTE DALLA MIFID...2 3. CRITERI DI CLASFICAZIONE

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI D.D.S. STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI D.D.S. STRATEGIA ESECUZIONE E TRASMISSIONE ORDINI Ed. Marzo 2012 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

Dettagli

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE SU AIM ITALIA

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE SU AIM ITALIA IL PROCESSO DI QUOTAZIONE SU AIM ITALIA Luca Tavano Mid & Small Caps Primary Markets Borsa Italiana London Stock Exchange Group Bologna 31 Marzo 2015 L offerta di Borsa Italiana per le PMI Mercati regolamentati

Dettagli

Informazioni valide solo per il periodo di collocamento

Informazioni valide solo per il periodo di collocamento DESCRIZIONE DELLO STRUMENTO SCHEDA PRODOTTO Express Certificate su azioni BMW AG, Daimler AG e Volkswagen AG Il Certificato ha una durata massima di 36 mesi e ha come Sottostante i titoli azionari Bayerische

Dettagli

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO Banca di Cesena 01/02/2010-01/02/2013 TF

Dettagli

MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI

MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI A cura della Dott.ssa Paola D'Angelo Manager, BP&A Finance and Business Consulting E-mail: paoladangelo@bpeassociati.it Ufficio: +39.0734.281411 Mobile: +39.393.1706394

Dettagli

Informativa sul rischio

Informativa sul rischio Informativa sul rischio Premessa AFX Capital e SuperTradingOnline (STO) sono marchi commerciali di AFX Capital Markets Ltd. e AFX Markets Ltd. AFX Capital Markets Ltd. è autorizzata e regolamentata dalla

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 1. Premessa Ai sensi della Direttiva 2004/39/CE (MiFID Markets in Financial Instruments Directive), nonché delle relative disposizioni comunitarie di secondo livello e nazionali di attuazione, la Banca

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Uno sguardo sul crowdfunding. Paola Pisano pisano@di.unito.it

Uno sguardo sul crowdfunding. Paola Pisano pisano@di.unito.it Uno sguardo sul crowdfunding Paola Pisano pisano@di.unito.it Obiettivo dell incontro Approfondire il tema del crowdfunding Agenda Quadro di riferimento Il crowdfunding L equity crowdfunding Analisi delle

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Febbraio 2014 1 STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 1 1 FINALITÀ... 3 2. INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI...

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Data documento 19/11/2012 Pagina 1/13 POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO SC Redatto da In collaborazione con Servizio Compliance e Antiriciclaggio

Dettagli

Policy di Classificazione della Clientela. Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA s.c.

Policy di Classificazione della Clientela. Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA s.c. Policy di Classificazione della Clientela Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA s.c. Deliberata dal C.d.A. del 9 settembre 2015 BCC Bergamasca e Orobica s.c. Policy classificazione clientela

Dettagli

Il perimetro della consulenza: fabbisogno e processi di erogazione

Il perimetro della consulenza: fabbisogno e processi di erogazione LA CONSULENZA FINANZIARIA Il perimetro della consulenza: fabbisogno e processi di erogazione Prof. Marco Oriani 11 maggio 2012 - Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I primordi della consulenza

Dettagli

INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A. Versione Aggiornata 28/11/2014

INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A. Versione Aggiornata 28/11/2014 INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A Versione Aggiornata 28/11/2014 Copia della presente Informativa è a disposizione della clientela presso tutte

Dettagli

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 25 giugno 2015 INDICE 1. PREMESSA...1 2. FATTORI RILEVANTI AI FINI DELLA BEST EXECUTION...2 3. PROCEDURA PER IDENTIFICAZIONE

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA AGRICOLA POPOLARE

Dettagli

L offerta di Borsa Italiana per le PMI

L offerta di Borsa Italiana per le PMI L offerta di Borsa Italiana per le PMI Paola Fico Responsabile Regolamentazione Emittenti quotati Borsa Italiana London Stock Exchange Group Convegno di studi Università di Macerata 14 Novembre 2014 I

Dettagli

La Direttiva Mifid. Principali novità e procedure di adeguamento. Avv. Fabio Civale Milano, 17 aprile 2007

La Direttiva Mifid. Principali novità e procedure di adeguamento. Avv. Fabio Civale Milano, 17 aprile 2007 La Direttiva Mifid Principali novità e procedure di adeguamento Milano, 17 aprile 2007 1 Linea dell intervento A. La Direttiva MIFID B. Regole di condotta e categorie di clientela C. Valutazione di adeguatezza

Dettagli

Azimut Global Counseling. Iacopo Corradi

Azimut Global Counseling. Iacopo Corradi Azimut Global Counseling Iacopo Corradi IL GRUPPO AZIMUT Azimut è la più grande realtà finanziaria indipendente attiva da oltre 20 anni nel mercato del risparmio gestito in Italia e quotata alla Borsa

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Tipo: Normativa Pagina: 1/18 POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Oggetto Redatto da Validato da Approvazione Data approvazione Policy di Classificazione della clientela della Banca Alpi Marittime

Dettagli

Copia della presente Informativa è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Cassa www.lacassa.com

Copia della presente Informativa è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Cassa www.lacassa.com INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A (Titolo illiquido ai sensi della Comunicazione Consob n. 9019104 del 2 marzo 2009) Copia della presente Informativa

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

CASSA RURALE DI LEDRO. Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Data 29.10.2007

CASSA RURALE DI LEDRO. Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Data 29.10.2007 CASSA RURALE DI LEDRO Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Data 29.10.2007 Aggiornata in data 12/10/2012 Indice PREMESSA... 3 1. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI... 5 2. PRINCIPI GUIDA

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA MIFID

L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA MIFID http://www.sinedi.com ARTICOLO 20 FEBBRAIO 2008 L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA MIFID La Markets on Financial Instruments Directive, di seguito MiFID, è la direttiva europea, approvata nel 2004 ed entrata

Dettagli

Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca www.bancadiimola.it

Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca www.bancadiimola.it INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A (Titolo illiquido ai sensi della Comunicazione Consob n. 9019104 del 2 marzo 2009) Copia della presente Policy è a disposizione

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI ICCREA BANCA S.P.A. DOCUMENTO DI SINTESI 07 FEBBRAIO 2008 INDICE 1. RIFERIMENTI NORMATIVI 3 2. Sezione Prima - Fattori di esecuzione

Dettagli

MiFID TUF Regolamento Emittenti

MiFID TUF Regolamento Emittenti La responsabilità dell'intermediario finanziario nelle negoziazioni e nelle gestioni patrimoniali a partire dall'arresto delle Sezioni Unite (19 dicembre 2007, n. 26725) e alla luce della normativa MiFID

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO TITOLI DI RISPARMIO

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA. Versione 8.0 del 14/03/2014. Approvata dal CDA nella seduta del 21/03/2014

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA. Versione 8.0 del 14/03/2014. Approvata dal CDA nella seduta del 21/03/2014 POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Versione 8.0 del 14/03/2014 Approvata dal CDA nella seduta del 21/03/2014 e-mail: banca@bancadiimola.it - www.bancadiimola.it - Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini.

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. 1. Introduzione - La Direttiva 2004/39/CE (MIFID) e le relative misure di attuazione emanate dalla Commissione europea

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Sintesi della politica di prestazione dei servizi di investimento (Investment Policy)

Sintesi della politica di prestazione dei servizi di investimento (Investment Policy) Sintesi della politica di prestazione dei servizi di investimento (Investment Policy) La banca per un mondo che cambia Disposizioni generali La Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. ( BNL ), capitale sociale

Dettagli

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza Modalità, Organizzazione e Procedure Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE A PREMESSA...2 1. Normativa di riferimento...2 D APPROPRIATEZZA...4

Dettagli

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO Banca di Cesena 20/09/2010 20/03/2013 TF

Dettagli

Policy di Classificazione della Clientela

Policy di Classificazione della Clientela Policy di Classificazione della Clientela INDICE 1. CONTENUTI DEL DOCUMENTO... 3 2. RIFERIMENTI RMATIVI... 3 3. CATEGORIE DI CLIENTELA... 4 3.1 Clientela professionale... 4 3.2 Controparti qualificate...

Dettagli

Le informazioni aggiornate sul rating sono disponibili sul sito dell Emittente. Importo Totale Emissione 3.000.000,00 Prezzo di Emissione

Le informazioni aggiornate sul rating sono disponibili sul sito dell Emittente. Importo Totale Emissione 3.000.000,00 Prezzo di Emissione SCHEDA PRODOTTO Express Certificate su azioni British Telecom Group PLC, Sky PLC e Vodafone Group PLC Emesso da BNP Paribas Arbitrage Issuance B.V. RENDIMENTO DESCRIZIONE DELLO STRUMENTO I Certificati

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari AGGIORNATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 19 DICEMBRE 2014 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. RELAZIONI CON ALTRE

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla

CONDIZIONI DEFINITIVE alla Società per azioni con unico Socio Sede sociale in Vignola, viale Mazzini n.1 Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Modena e Codice Fiscale/Partita I.V.A. 02073160364 Capitale sociale al 31

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini 1 Transmission Policy BCC CITTANOVA

Strategia di trasmissione degli ordini 1 Transmission Policy BCC CITTANOVA Strategia di trasmissione degli ordini 1 Transmission Policy BCC CITTANOVA APPROVATO DAL CDA NELLA SEDUTA DEL 06/06/2012 1 BCC CITTANOVA TRANSMISSION POLICY (VERS. 1.7 maggio 2012) INDICE PREMESSA....

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

START-UP INNOVATIVE: PRINCIPALI AGEVOLAZIONI. Stefano Battaglia Dottore Commercialista in Torino U.G.D.C.E.C. Torino

START-UP INNOVATIVE: PRINCIPALI AGEVOLAZIONI. Stefano Battaglia Dottore Commercialista in Torino U.G.D.C.E.C. Torino START-UP INNOVATIVE: PRINCIPALI AGEVOLAZIONI Stefano Battaglia Dottore Commercialista in Torino U.G.D.C.E.C. Torino Torino, lunedì 20 ottobre 2014 LE PRINCIPALI AGEVOLAZIONI DI CUI AL D.L. N. 179/2012

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA, FONTI NORMATIVE ED OBIETTIVO DEL DOCUMENTO... 3 1. CATEGORIE DI CLIENTELA...

Dettagli

INDICE EMITTENTI. 2. INDIVIDUAZIONE DELLE MODALITÀ DI NOMINA CON VOTO DI LISTA DEI COMPONENTI L ORGANO DI CONTROLLO di Francesco Saverio Martorano

INDICE EMITTENTI. 2. INDIVIDUAZIONE DELLE MODALITÀ DI NOMINA CON VOTO DI LISTA DEI COMPONENTI L ORGANO DI CONTROLLO di Francesco Saverio Martorano Introduzione, di Francesco Capriglione... XIII EMITTENTI 1. DETERMINAZIONE DELLA QUOTA DI PARTECIPAZIONE PER LA PRESENTAZIONE DELLE LISTE PER LA NOMINA DEGLI AMMINISTRATORI di Andrea Zoppini 1. Il voto

Dettagli

BANCO DI CREDITO P. AZZOAGLIO S.P.A. POLICY PER LA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA IN AMBITO SERVIZI DI INVESTIMENTO

BANCO DI CREDITO P. AZZOAGLIO S.P.A. POLICY PER LA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA IN AMBITO SERVIZI DI INVESTIMENTO BANCO DI CREDITO P. AZZOAGLIO S.P.A. POLICY PER LA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA IN AMBITO SERVIZI DI INVESTIMENTO Versione Versione 03 Approvato da Consiglio di Amministrazione data approvazione 30/01/2013

Dettagli

Informazioni valide solo per il periodo di collocamento

Informazioni valide solo per il periodo di collocamento DESCRIZIONE DELLO STRUMENTO Denominazione Certificato Codice ISIN Classificazione ACEPI (Associazione Italiana Certificati e Prodotti di Investimento) Durata Certificato Scheda prodotto Express Certificate

Dettagli

BANCA SVILUPPO ECONOMICO S.P.A.

BANCA SVILUPPO ECONOMICO S.P.A. PROSPETTO INFORMATIVO per le Emissioni di Obbligazioni Bancarie C.D. Plain Vanilla Offerta di obbligazioni a 3 anni 15/4/2011 15/4/2014 Tasso Fisso 3,50% a cedola semestrale Emissione n. 1/2011 ammontare

Dettagli

KJBSIM - ATTI CONSIGLIO - P06/2015 POLICY. Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

KJBSIM - ATTI CONSIGLIO - P06/2015 POLICY. Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini POLICY Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini [Pagina Bianca] Manuale delle procedure aziendali Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini 2 INDICE Indice... 3 1. INTRODUZIONE...

Dettagli

La gestione della raccolta bancaria (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

La gestione della raccolta bancaria (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 La gestione della raccolta bancaria (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 Le funzioni d investimento delle passività bancarie Esistono diverse tipologie

Dettagli

Strategia. degli ordini

Strategia. degli ordini Strategia di Trasmissione degli ordini Edizione 05/2012 INDICE Premessa 2 Fattori e criteri di esecuzione 2 Strategia di trasmissione degli ordini 2 Trattamento di ordini disposti in particolari condizioni

Dettagli

Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca www.bancadiimola.it

Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca www.bancadiimola.it INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A (Titolo illiquido ai sensi della Comunicazione Consob n. 9019104 del 2 marzo 2009) Copia della presente Policy è a disposizione

Dettagli