IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT"

Transcript

1 I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano di Investimento SGR S.p.A.

2 IL FONDO DI FONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo Gabriele Cappellini- Roma, 15 luglio 2015

3 AGENDA FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO SGR, LA SOCIETÀ DI GESTIONE IL MERCATO DEL PRIVATE DEBT IN ITALIA F-o-F PRIVATE DEBT: CARATTERISTICHE PRINCIPALI 2

4 AGENDA FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO SGR, LA SOCIETÀ DI GESTIONE IL MERCATO DEL PRIVATE DEBT IN ITALIA F-o-F PRIVATE DEBT: CARATTERISTICHE PRINCIPALI 3

5 FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO: LA SGR Fondo Italiano d Investimento SGR SpA («FII» o «SGR») Operativa dal novembre 2010, nasce come progetto condiviso tra Ministero dell Economia e delle Finanze, ABI, Confindustria, Cassa Depositi e Prestiti, Intesa Sanpaolo, UniCredit, Banca Monte dei Paschi di Siena e Istituto Centrale delle Banche Popolari, con l obiettivo di dare impulso alla crescita patrimoniale e manageriale delle imprese italiane di piccole e medie dimensioni con l ambizione di creare un importante nucleo di «medi campioni nazionali». La SGR è riconosciuta dal mercato come realtà solida, professionale e concreta nel modo di operare e ha consolidato il proprio ruolo di leadership nel mercato italiano: - del private equity (sia diretto che tramite fondi gestiti da terze parti); - del private debt e venture capital (tramite attività Fondi di Fondi). Azionisti FII 12,5% 12,5% 12,5% 12,5% 12,5% 12,5% 12,5% 12,5% 4

6 RISULTATI E PRODOTTI GESTITI: OLTRE 1,5 MILIARDI DI RISORSE IN GESTIONE I fondi gestiti Risultati conseguiti ad oggi FII UNO (commitment 1,2 Mld) Assunzione di partecipazioni dirette in medie e piccole imprese italiane, prevalentemente di minoranza ed in aumento di capitale Sottoscrizione di commitment, nell ambito dell attività di fondo di fondi, in quote ed azioni di altri fondi e veicoli di investimento(attivi nel private equity e nel venture capital) Investimenti diretti: 39 investimenti in medie e piccole imprese italiane deliberati, per un capitale impegnato pari a circa 380 mln. 4 disinvestimenti già realizzati nel 2014, per un capital gain complessivo di circa 45 mln, pari a circa 1,9x il capitale investito e un IRR superiore al 30%. FII UNO ha oggi a disposizione circa 130 mln per nuovi investimenti oltre a circa 100 mln per follow-on; Fondo di Fondi: 21 commitment deliberati in fondi di private equity (con focus nazionale e territoriale) e venture capital per complessivi 440 mln (di cui 80 mln dedicati ai soli operatori di venture capital). Il portafoglio è sostanzialmente completato. Gli investimenti di FII UNO hanno permesso di attivare ulteriori risorse per oltre 2,0 mld di cui circa 750 mln provenienti da primari investitori esteri che costituiscono risorse aggiuntive, rispetto a quelle investite da FII UNO, messe a disposizione delle piccole e medie imprese e start up italiane; Complessivamente, la somma degli impegni investiti e deliberati è di circa 820 mln (pari a circa l 80% del capitale disponibile per investimenti di FII UNO); Le imprese coinvolte, direttamente e indirettamente, nell attività di FII UNO sono oltre 120, per un fatturato aggregato di oltre 5,0 mld e circa dipendenti. F-o-F Private Debt (target 500 Mln) Sottoscrizione di commitment, nell ambito dell attività di fondo di fondi, in quote ed azioni di altri fondi e veicoli di investimento dedicati al private debt Nel mese di aprile 2015 è stata effettuato il secondo closing a 295 mln di cui 250 investiti da CDP; Sono stati pre-selezionati 11 fondi, per 7 dei quali è stata già effettuata la delibera definitiva di investimento. F-o-F Venture Capital (target 150 Mln) Sottoscrizione di commitment, nell ambito dell attività di fondo di fondi, in quote ed azioni di altri fondi e veicoli di investimento dedicati al venture capital (start-up) Nel mese di aprile 2015 è stata effettuato il secondo closing a 60 mln di cui 50 investiti da CDP; Sono stati pre-selezionati 4 fondi, per 2 dei quali è stata già effettuata la delibera definitiva di investimento. 5

7 AGENDA FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO SGR, LA SOCIETÀ DI GESTIONE IL MERCATO DEL PRIVATE DEBT IN ITALIA F-o-F PRIVATE DEBT: CARATTERISTICHE PRINCIPALI 6

8 IL MERCATO DEL PRIVATE DEBT IN ITALIA (1/4) Una attenta analisi dei fattori di sviluppo dal 1970 al 2013 mostra che strutturalmente lo sviluppo si associa sempre più all implementazione di Immobilizzazioni Finanziarie e Immateriali (brevetti, marchi, avviamenti a fronte di acquisizioni di aziende, costi capitalizzati, ecc..). 42,2% Composizione Attivo-Passivo ,3% 49,4% 45,1% 40,5% 36,8% Di fatto, tra il 1970 e il 2013, a fronte di una diminuzione dal 46,0% al 25,1% del peso percentuale delle Immobilizzazioni Materiali, si è assistito infatti ad una crescita dal 11,7% al 34,3% delle Immobilizzazioni Finanziarie e Immateriali. Anche se tale sviluppo sembra essere stato sufficientemente coperto da capitale proprio, (i dati mostrano una crescente capitalizzazione, passata dal 24,7% al 37%), in effetti, si nota come il rapporto tra Patrimonio Netto e le suddette immobilizzazioni si è al contrario progressivamente ridotto, passando da 2,1x a 1,1x. Cioè, la capitalizzazione delle aziende è stata del tutto insufficiente a coprire le nuove esigenze di capitale di funzionamento. 25,1% 26,2% 38,0% 23,0% 46,0% 28,7% 31,9% 34,3% 37,0% 24,7% 21,9% 11,7% Attivo Passivo Attivo Passivo Attivo Passivo IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE E IMMATERIALI IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI NETTE PATRIMONIO NETTO PASSIVO A M/L TERMINE PASSIVO CORRENTE ATTIVO CORRENTE Fonte: Elaborazione FII su dati Mediobanca ReS Evoluzione Patrimonio Netto / Imm. Finanziarie e Immateriali La tendenza, in presenza di ulteriori fasi più o meno accelerate di sviluppo (tecnologia, globalizzazione, ) porterà ad una ulteriore riduzione di tale rapporto, rendendo quindi la capitalizzazione aziendale non più in grado di supportare autonomamente tali modifiche strutturali. In parallelo il ruolo delle banche, già oggi sottocapitalizzate, non potrà, purtroppo, che essere sempre più marginale nel finanziare tale tipologia (asset) di sviluppo. 2,5 2,0 1,5 1,0 0,5 0,0 2,1x 1,5x 1,1x Patrimonio Netto/Immobilizzazioni Finanziarie e Immateriali Fonte: Elaborazione FII su dati Mediobanca ReS 7

9 IL MERCATO DEL PRIVATE DEBT IN ITALIA (2/4) Dagli inizi del 2000, secondo i dati forniti dal MISE, il credito bancario in Italia è cresciuto in misura superiore alla dinamica dei fondamentali economici (investimenti e produzione). Dopo il picco di novembre 2011, si è però registrata una contrazione delle erogazioni per un ammontare complessivo stimato a fine 2013 in circa 85 mld, di cui 45 mld nell ultimo anno. Italia - Prestiti alle imprese e principali driver della domanda di credito La crisi economico-finanziaria che ha colpito l Europa negli ultimi anni è infatti stata caratterizzata da un forte rallentamento del credito bancario, con fasi di contrazione (credit crunch) che si sono manifestate in misura più accentuata in Italia rispetto al resto del continente, con conseguenze rilevanti sul sistema delle imprese. Dal punto di vista delle banche, la capacità di erogare credito è condizionata sia dall attuale scenario regolamentare (Basilea) sia da quello macroeconomico nel quale esse operano. È dunque ragionevole attendersi che nei prossimi anni la finanza bancaria non sarà più in grado di soddisfare, da sola, i fabbisogni finanziari dei piani di crescita e/o di investimento delle imprese italiane, le quali, a differenza delle concorrenti europee, presentano mediamente una struttura del debito maggiormente sbilanciata verso il canale bancario e, in particolare, nel breve termine. Fonte: MISE Fonti di finanziamento PMI A partire dal 2012, il peggioramento delle condizioni di accesso al credito ha generato in Italia una forte ripresa delle emissioni obbligazionarie come fonte di finanziamento alternativa al capitale bancario. Tuttavia, le emissioni obbligazionarie in Italia hanno rappresentato finora uno strumento utilizzato da poche grandi imprese che hanno avuto accesso diretto al mercato dei capitali. Fonte: Banca d Italia 8

10 IL MERCATO DEL PRIVATE DEBT IN ITALIA (3/4) Al fine di favorire l accesso diretto al mercato dei capitali da parte delle PMI, i Decreti c.d. «Crescita» (2012) e «Destinazione Italia» (2013) hanno introdotto alcune norme di natura civilistica e fiscale che agevolano l emissione di strumenti di debito da parte di società non quotate. Ad esempio (i) sono stati rimossi molti ostacoli all accesso e alla sollecitazione al mercato dei capitali da parte di emittenti finora esclusi, come le imprese non quotate di media e piccola dimensione, con lo scopo di indirizzare stabilmente parte delle risorse a lungo termine disponibili nel sistema finanziario verso una nuova assetclass: le obbligazioni emesse da medio/piccole imprese non quotate e dalle PMI nazionali e (ii) sono state introdotte delle agevolazioni fiscali per gli emittenti e per gli investitori. Fonte: Banca d Italia Distribuzione aziende italiane con fatturato tra mln % 33% % % 5-10 mln mln mln mln Gli strumenti di private debt rappresentano una forma di finanziamento per le PMI alternativa rispetto al credito bancario, ma non per questo ad esso concorrenziale. Nell attuale contesto macroeconomico, un maggior ricorso al mercato dei capitali è infatti un opportunità da cogliere in quanto rappresenta un beneficio sia per le aziende che per il sistema bancario, rendendo più flessibile il sistema finanziario-industriale. Rating per aziende italiane con fatturato tra mln In Italia, secondo i dati Cerved, ci sono oltre aziende con un fatturato compreso tra 5 e 100 milioni di Euro; di queste è stato calcolato che circa l 80% ha un MOL positivo e oltre il 70% ha un elevata capacità di assolvere alle proprie obbligazioni di pagamento verso terze parti. Fonte: Cerved Group 9

11 IL MERCATO DEL PRIVATE DEBT IN ITALIA (4/4) Tipologia di Gestore N Fondi di private debt N fondi che hanno raccolto Ammontare raccolto ( mln) Dimensione Dimensione teorica totale al teorica totale al target closing minimo ( mln) ( mln)* Gestore fondi private equity-private debt Assetmanager indipendenti Asset manager di natura bancaria/ sourcing di natura bancaria Gestori internazionali n.d. n.d. Totale * Incluso l'ammontare del first closing(o closing successivi) per gli 8 fondi che hanno già raccolto 10

12 AGENDA FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO SGR, LA SOCIETÀ DI GESTIONE IL MERCATO DEL PRIVATE DEBT IN ITALIA F-o-F PRIVATE DEBT: CARATTERISTICHE PRINCIPALI 11

13 F-o-F PRIVATE DEBT: CARATTERISTICHE PRINCIPALI Strategia di investimento Il fondo investe in OICR con politiche di investimento focalizzate su strumenti finanziari di debito emessi da medie e piccole imprese italiane. Il ticket di investimento è compreso tra 15 milioni ed 50 milioni. Tale ticket in ogni caso non potrà eccedere il 50% degli importi complessivamente sottoscritti nell ambito di ciascun fondo target. I singoli investimenti non potranno eccedere il 20% del commitment totale del fondo. Strategia dei fondi target I fondi target investiranno in minibond quotati e non, obbligazioni ed altri titoli rappresentativi del capitale di debito(anche di natura partecipativa o con warrant, di nuova emissione o già in circolazione, emessi anche da società non quotate) e altre tipologie di strumenti finanziari di debito, nonché finanziamenti a medio-lungo termine e anticipazioni a fronte di cessione di crediti. Sarà possibile inoltre investire, in misura non eccedente il 20% degli importi sottoscritti, in equity di minoranza(sempre comunque collegata a strumenti di debito). I fondi target non potranno a loro volta investire in OICR o schemi di investimento collettivo(in qualunque forma costituiti). Dimensione del fondo Adapriole2015 èstatoeffettuatoilsecondoclosinga 295,dopoilprimoclosing,effettuato asettembre 2014,di 250 milioni. È prevista la possibilità di effettuare ulteriori closing entro 24 mesi dall approvazione del regolamento del fondo. Ilfondoavràuna dimensionetarget di 500 milioni. Investitori Il primo closing è stato sottoscritto interamente da Cassa Depositi e Prestiti per 250 milioni. Successivamente hanno sottoscritto quote del fondo Intesa Sanpaolo, Istituto Centrale Banche Popolari, Credito Valtellinese. Periodo di investimento e durata del fondo Ilfondoavràuna durata di 12 anni apartire dalprimoclosing,eventualmenteproprogabile perunmassimodi12 mesipernon piùdidue volte. Il periodo di investimento sarà di 6 anni, calcolati a decorrere dal primo closing, eventualmente prorogabili per un massimo di 12 mesi. 12

14 UN PROCESSO DI SELEZIONE RIGOROSO E IMPARZIALE Fase 1 Approvazione lista priorità di investimento: Comitato Tecnico CdA Fase 2 Approvazione finale dei commitment: Comitato Tecnico CdA Fase 1 Fase 2 Il processo di selezione di FII sarà rigoroso e imparziale, soprattutto al fine di garantire la nascita di un mercato di operatori professionali che è ancora in fase embrionale. Attività Analisi preliminare Verifica coerenza strategia di investimento con gli obiettivi di FII Verifica preliminare adeguatezza team di gestione Verifica dei requisiti minimi di corporate governance (indipendenza, dedicazione del team) 2.a. Avvio fase negoziale Comunicazione ai gestori selezionati Invio TermSheetstandard condiviso con CdA di FII 2.b. Due Diligence confirmatoria Signing e Closing Due diligencecommerciale confirmatoria (referencecall, verifica track record) Finalizzazione documentazione del fondo Definizione policy di conflitto Firma del contratto di Due diligenceconfirmatoria sottoscrizione legale e fiscale sulla struttura Closingal raggiungimento Negoziazione di regolamenti, dimensione minima e side lettere contratto di congrua, comunque sottoscrizione entro 4 mesi dalla firma N Fondi Tempistica Ott 14 / Gen 15 Gen 15 2Q Q

15 METODOLOGIA PER LA SELEZIONE DI FONDI MONITORAGGIO ATTIVO INVESTIMENTI TARGET TEAM E TRACK RECORD BASE DEGLI INVESTITORI CORPORATE GOVERNANCE PROCESSO DI SELEZIONE RIGOROSO E IMPARZIALE ACCORDO DI CO- OPERAZIONE CON FEI 14

16 MONITORAGGIO ATTIVO Formale Reportistica mensile e semestrale. Partecipazione ad assemblea degli investitori e advisory board. Partecipazione nei comitati di investimento di discussione. Monitoraggio pro-attivo facendo leva su interazioni formali e informali Informale Continui incontri informali con i gestori dei fondi (membri senior e anche junior) per approfondimento su: (i) sviluppi società in portafoglio, (ii) nuovi investimenti, (iii) pipeline opportunità in esame, (iv) aggiornamento sul team di investimento. Monitoraggio interno a livello di singola società in trasparenza. Proiezione delle aspettative di ritorno a livello di singola società e a livello di singolo fondo(netto di carried interest e commissione). Valutazione del portafoglio a fair market value, secondo principi EVCA, come base di valutazione del rischio. Scambio di informazioni con altri investitori. 15

17 ACCORDO QUADRO DI CO-OPERAZIONE CON FEI Accordo di collaborazione con l European Investment Fund ( FEI ) basato sui seguenti cardini: Condivisione del deal flow e coordinamento della due diligence per le opportunità di interesse comune Piena ed esclusiva indipendenza decisionale da parte dei team di investimento e degli organi decisionali delle due parti Ammontare dedicato al coinvestimento Fondi target e governance 600 milioni in un periodo di 3-4 anni per co-investire in fondi di private equity (con focus su medie e piccole imprese), private debt e venture capital. Congiuntamente investiti ca. 500 milioni investiti in 10 fondi (di private equity con focus su piccole medie imprese e di venture capital) nel periodo Filosofia e principi di investimento e selezione simili 16

RELAZIONE SEMESTRALE del FOF PRIVATE DEBT al 30 GIUGNO 2015

RELAZIONE SEMESTRALE del FOF PRIVATE DEBT al 30 GIUGNO 2015 FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO SGR S.p.A. RELAZIONE SEMESTRALE del FOF PRIVATE DEBT al 30 GIUGNO 2015 SEDE LEGALE IN MILANO VIA TURATI 16/18 CAPITALE SOCIALE EURO 4.000.000 i.v. Iscritta al Registro delle

Dettagli

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO Roma, 28 giugno 2013 Luigi Tommasini Senior Partner Funds-of-Funds CONTENUTO Il Fondo Italiano di Investimento: fatti e

Dettagli

AIFI. Il mercato dei fondi di private debt. Confindustria Genova Club Finanza 2015. Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI

AIFI. Il mercato dei fondi di private debt. Confindustria Genova Club Finanza 2015. Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI AIFI Imprese e finanza: idee per la ripresa a confronto Confindustria Genova Club Finanza 2015 Il mercato dei fondi di private debt Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI Genova,

Dettagli

La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO

La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO TopLegal Roma, 23 settembre 2010 Il progetto Nel mese di dicembre 2009, su iniziativa

Dettagli

La selezione degli investimenti in fondi di Private Equity: criteri e parametri significativi

La selezione degli investimenti in fondi di Private Equity: criteri e parametri significativi CONFIDENZIALE SOLO PER DISCUSSIONE La selezione degli investimenti in fondi di Private Equity: criteri e parametri significativi Il Private Equity incontra i Family Office: Focus su aspetti strategici

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Verona 25 Novembre 2010 Le principali tappe del progetto Il Progetto del Fondo Italiano di Investimento (FII) è nato nel mese di dicembre 2009, su iniziativa del Ministero

Dettagli

FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO

FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Documento di sintesi del progetto Roma, 16 dicembre 2009 Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Indice L obiettivo

Dettagli

Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB

Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB Chi siamo Consulenza di Investimento ADB Analisi Dati Borsa mette a disposizione dei suoi Clienti il know-how

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Milano 15 Novembre 2010 Le principali p tappe del progetto Il Progetto del Fondo Italiano di Investimento (FII) è nato nel mese di dicembre 2009, su iniziativa del Ministero

Dettagli

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Il capitale di rischio come strumento di sviluppo per le PMI. Lecco, 23 marzo 2011

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Il capitale di rischio come strumento di sviluppo per le PMI. Lecco, 23 marzo 2011 AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital Il capitale di rischio come strumento di sviluppo per le PMI Lecco, 23 marzo 2011 Anna Gervasoni Direttore Generale AIFI Agenda Il mercato

Dettagli

LA SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO

LA SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO LA SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO Oggetto sociale, capitale e soci La SGR esercita, nell interesse dei sottoscrittori del Fondo (partecipanti) e nel rispetto delle vigenti disposizioni normative e regolamentari

Dettagli

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI Indice Premessa situazione del mercato creditizio Contesto Normativo Minibond Cosa sono Vantaggi svantaggi Il mercato dei minibond Processo

Dettagli

LE POLICY SUI MINIBOND:

LE POLICY SUI MINIBOND: I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 LE POLICY SUI MINIBOND: ESPERIENZE E TENDENZE DISVILUPPO Dr. Antonio Bartoloni Direzione

Dettagli

SELEZIONE FIA PRIVATE DEBT OTTOBRE 2015. QUESTIONARIO - RfP

SELEZIONE FIA PRIVATE DEBT OTTOBRE 2015. QUESTIONARIO - RfP Requisiti di partecipazione Per FIA si intende lo OICR in fase raccolta che viene proposto. Per GEFIA (di seguito per brevità SOCIETA o GEFIA) si intende il soggetto che ha costituito e gestirà il FIA.

Dettagli

MUZINICH ITALIAN PRIVATE DEBT

MUZINICH ITALIAN PRIVATE DEBT Workshop Gli investitori incontrano le imprese --- Valeria Lattuada MUZINICH ITALIAN PRIVATE DEBT Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 Chi siamo Muzinich & Co. è una società di asset management istituzionale

Dettagli

Strumenti finanziari per lo sviluppo delle imprese: i MINIBOND Chiara Venezia

Strumenti finanziari per lo sviluppo delle imprese: i MINIBOND Chiara Venezia Strumenti finanziari per lo sviluppo delle imprese: i MINIBOND Chiara Venezia Prato, 14 maggio 2015 Lo scenario Il contesto italiano si caratterizza per una diffusa sottocapitalizzazione delle imprese,

Dettagli

Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese

Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese Il Contributo della Previdenza alla Crescita Economica del Paese Michele Boccia Responsabile Istituzionali Italia Eurizon Capital Sgr Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Roberto Del Giudice Firenze, 10 febbraio 2014 Il progetto Si tratta del più grande fondo italiano di capitale per lo sviluppo, costituito per dare impulso alla crescita

Dettagli

Workshop Gli investitori incontrano le imprese. --- Gabriele Casati ANTARES AZ I. Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 ANTARES AZ I

Workshop Gli investitori incontrano le imprese. --- Gabriele Casati ANTARES AZ I. Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 ANTARES AZ I Workshop Gli investitori incontrano le imprese --- Gabriele Casati Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 Chi siamo Antares AZ I è un fondo d investimento mobiliare chiuso riservato a Investitori Qualificati

Dettagli

Il Gruppo Consultinvest

Il Gruppo Consultinvest Il Gruppo Consultinvest viene fondato nel 1988 per iniziativa di operatori qualificati del settore finanziario e di imprenditori modenesi attualmente presenti attivamente nella compagine sociale. Nel 2001

Dettagli

Fondo Italiano d'investimento - Criteri e modalità operative

Fondo Italiano d'investimento - Criteri e modalità operative Fondo Italiano d'investimento - Criteri e modalità operative Roma, 9 Novembre 2010 Circolare N.19354 Confindustria Fisco, Finanza e Welfare Il Direttore Elio Schettino Con l obiettivo di sostenere le piccole

Dettagli

Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria. Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A.

Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria. Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A. Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A. Disclaimer Il presente documento è stato elaborato unicamente al fine di fornire generiche

Dettagli

Fondo Progetto MiniBond Italia

Fondo Progetto MiniBond Italia Workshop Gli investitori incontrano le imprese --- Giovanni Scrofani Responsabile Fondo Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 Chi siamo Zenit SGR - Promotore e gestore Zenit SGR è una Società di Gestione

Dettagli

Società di servizio per la patrimonializzazione e la ristrutturazione delle imprese italiane

Società di servizio per la patrimonializzazione e la ristrutturazione delle imprese italiane Società di servizio per la patrimonializzazione e la ristrutturazione delle imprese italiane -Breve profilo - Maggio 2015 Introduzione Il Governo Italiano ha emanato il Decreto Legge n. 3 del 24.01.15

Dettagli

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale IFFI 10 edizione VALORIZZARE L IMPRESA E ATTRARRE GLI INVESTITORI La liquidità dei mercati finanziari per lo sviluppo delle imprese Le scelte per la media impresa tra debito e capitale MILANO, 11 Novembre

Dettagli

FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO LORENZO BARALDI Senior Partner. Genova, 7 aprile 2016

FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO LORENZO BARALDI Senior Partner. Genova, 7 aprile 2016 FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO LORENZO BARALDI Senior Partner Genova, 7 aprile 2016 Fondo Italiano di Investimento Costituita su iniziativa del Ministero dell Economia e delle Finanze nel 2010, Fondo Italiano

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Gabriele Cappellini Milano, 18 ottobre 2011 Il progetto Si tratta del più grande fondo italiano di capitale per lo sviluppo, costituito per dare impulso alla crescita patrimoniale

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO. 4 aprile 2011

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO. 4 aprile 2011 IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO 4 aprile 2011 Il progetto È un fondo mobiliare chiuso riservato a investitori qualificati che prevede le seguenti tipologie di investimenti: assunzione di partecipazioni

Dettagli

Funding & Capital Markets Forum 2016 Sessione Parallela C1 - Le emissioni obbligazionarie da parte delle PMI

Funding & Capital Markets Forum 2016 Sessione Parallela C1 - Le emissioni obbligazionarie da parte delle PMI Funding & Capital Markets Forum 2016 Sessione Parallela C1 - Le emissioni obbligazionarie da parte delle PMI Cristiano Galli Milano, 12 maggio 2016 Agenda I II III IV Il contesto di riferimento: ipotesi

Dettagli

Il Fondo Italiano d Investimento per le PMI e le ipotesi di agevolazioni del mercato

Il Fondo Italiano d Investimento per le PMI e le ipotesi di agevolazioni del mercato Il Fondo Italiano d Investimento per le PMI e le ipotesi di agevolazioni del mercato Andrea Montanino Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Indice L obiettivo Lo strumento: creazione

Dettagli

TAVOLA ROTONDA C2 Il mercato dei Corporate Bond. Relatore Ermanno Mantova Segretario Generale OIMB

TAVOLA ROTONDA C2 Il mercato dei Corporate Bond. Relatore Ermanno Mantova Segretario Generale OIMB TAVOLA ROTONDA C2 Il mercato dei Corporate Bond Relatore Ermanno Mantova Segretario Generale 1.A Il mercato italiano dei Mini-Bond CONTESTO Contesto di mercato: Bancocentricità Le PMI italiane ricorrono

Dettagli

AIFI Investitori istituzionali e capitali privati: nuovi incontri per un nuovo Paese Anna Gervasoni

AIFI Investitori istituzionali e capitali privati: nuovi incontri per un nuovo Paese Anna Gervasoni Imprese e finanza: idee per la ripresa a confronto AIFI Investitori istituzionali e capitali privati: nuovi incontri per un nuovo Paese Anna Gervasoni Direttore Generale AIFI Roma, 11 luglio 2014 Il contesto

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013 Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI Giovanni Guazzarotti Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario

Dettagli

Banca europea per gli investimenti

Banca europea per gli investimenti Banca europea per gli investimenti La banca dell UE La BEI per le Piccole e Medie Imprese Anna Fusari 25 novembre 2013 La Banca europea per gli investimenti La Banca per i finanziamenti a lungo termine

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA.

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. MC2 Impresa è un Fondo Comune d Investimento Mobiliare chiuso e riservato (ex testo unico D.Lgs 58/98) costituito per iniziativa di

Dettagli

dall idea alla startup

dall idea alla startup dall idea alla startup Vademecum sul mondo del Venture Capital IL VENTURE CAPITAL Il venture capital è l attività di investimento in capitale di rischio effettuata da operatori professionali e finalizzata

Dettagli

Private equity tra investitori istituzionali e capitali privati

Private equity tra investitori istituzionali e capitali privati FINANZA PER LA CRESCITA GLI STRUMENTI A SOSTEGNO DELLE IMPRESE Private equity tra investitori istituzionali e capitali privati Alessandra Bechi Direttore Ufficio Tax & Legal e Affari Istituzionali Perugia,

Dettagli

Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance

Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance Mario Gabbrielli Paolo Chiappa Davide D Affronto Lucia Fracassi Mini Bond Principali obiettivi La svolta dei mini bond facilitare e rendere più conveniente

Dettagli

Il private equity al servizio delle imprese che vogliono crescere

Il private equity al servizio delle imprese che vogliono crescere Il private equity al servizio delle imprese che vogliono crescere AMEDEO GIURAZZA Amministratore Delegato - Vertis SGR SpA Napoli, 25 febbraio 2015 1 INTERESSE PER IL PRIVATE EQUITY Nell ultimo ventennio

Dettagli

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana Fondo Minibond Fondo Zenit Minibond Fondo obbligazionario per investire nello sviluppo delle PMI italiane La finanza italiana al servizio dell economia italiana -Zenit SGR, i nostri valori INDIPENDENTI

Dettagli

Il mondo del Private Equity

Il mondo del Private Equity Pietro Busnardo Il mondo del Private Equity Obiettivi e modalità di intervento Reggio Emilia, 11 marzo 2014 Cosa si intende per Private Equity Finanza Debito Equity Mercati Corporate Il Private Equity

Dettagli

CORPORATE FINANCE. Consulenza di Investimento dal 1985

CORPORATE FINANCE. Consulenza di Investimento dal 1985 CORPORATE FINANCE Consulenza di Investimento dal 1985 ADB Analisi Dati Borsa SpA ADB - Analisi Dati Borsa SpA è una società di Consulenza in materia di Investimenti, fondata nel 1985 a Torino. Offre servizi

Dettagli

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Il Fondo di garanzia per le PMI, gestito dal Medio Credito Centrale-Unicredit e istituito con la L. 662/96 ha conosciuto

Dettagli

Agenda. "MINI GREEN BOND" in Italia, un nuovo canale di finanziamento. 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap

Agenda. MINI GREEN BOND in Italia, un nuovo canale di finanziamento. 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap "MINI GREEN BOND" in Italia, un nuovo canale di finanziamento Eugenio de Blasio Milano, 9 maggio 2014 Agenda 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap 2. I Mini Bond ed il segmento ExtraMOT PRO: un

Dettagli

Piano di Investimenti per l Europa. Partenariato tra CE e Bei per stabilire un Fondo Europeo per gli Investimenti Strategici (EFSI)

Piano di Investimenti per l Europa. Partenariato tra CE e Bei per stabilire un Fondo Europeo per gli Investimenti Strategici (EFSI) Piano di Investimenti per l Europa Partenariato tra CE e Bei per stabilire un Fondo Europeo per gli Investimenti Strategici (EFSI) Dario Scannapieco Vicepresidente Banca europea per gli investimenti Presidente

Dettagli

Sistema bancario. Angelo Baglioni. Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 15/4/2014 1

Sistema bancario. Angelo Baglioni. Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 15/4/2014 1 Sistema bancario Angelo Baglioni Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 1 Schema della presentazione Credit crunch Rischio di credito - sovrano Patrimonio Funding, liquidità Prospettive: vie d uscita?

Dettagli

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso EurizonVita, EurizonLife, SudPoloVita e CentroVita)

Dettagli

L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio

L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio 1 L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio L esperienza del Gruppo Cariparma FriulAdria Roma, 5 Maggio 2010 Carlo PIANA Responsabile Direzione Centrale

Dettagli

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE CHIUSO RISERVATO AD INVESTITORI QUALIFICATI PROGETTO MINIBOND ITALIA

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE CHIUSO RISERVATO AD INVESTITORI QUALIFICATI PROGETTO MINIBOND ITALIA FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE CHIUSO RISERVATO AD INVESTITORI QUALIFICATI PROGETTO MINIBOND ITALIA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 ZENIT SGR S.p.A. Società sottoposta all attività di direzione

Dettagli

Il ruolo del credito per favorire l integrazione

Il ruolo del credito per favorire l integrazione Il ruolo del credito per favorire l integrazione Corrado Piazzalunga Direttore Regione Commerciale Ovest Forte di Bard, 26 settembre 2008 AGENDA Le caratteristiche delle imprese italiane: struttura finanziaria

Dettagli

INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO

INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO Finanza agevolata, bandi, credito d'imposta INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO Castellanza, LIUC - Università Cattaneo 2 ottobre 2014 INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO PRINCIPI:

Dettagli

PROBLEMATICHE GIURIDICHE DEI MINIBOND E DEI FONDI IN MINIBOND

PROBLEMATICHE GIURIDICHE DEI MINIBOND E DEI FONDI IN MINIBOND PROBLEMATICHE GIURIDICHE DEI MINIBOND E DEI FONDI IN MINIBOND 17 marzo 2016 Domande.. Cosa si intende per minibond? Sono obbligazioni corporate o strumenti di debito a medio-lungo termine; consentono alle

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

Il presente comunicato è reso anche ai sensi dell art. 71 bis del Regolamento di attuazione del Decreto Legislativo n. 58 del 1998.

Il presente comunicato è reso anche ai sensi dell art. 71 bis del Regolamento di attuazione del Decreto Legislativo n. 58 del 1998. COMUNICATO STAMPA DEA CAPITAL ENTRA NEL SETTORE DELL ALTERNATIVE ASSET MANAGEMENT ATTRAVERSO L ACQUISIZIONE DI UNA PARTECIPAZIONE DEL 44,4% IN IDEA ALTERNATIVE INVESTMENTS SOTTOSCRITTO UN COMMITMENT FINO

Dettagli

I numeri del 2014. Investimenti. Raccolta

I numeri del 2014. Investimenti. Raccolta I numeri del 2014 Raccolta Totale: 1.477 mln Euro (-64% rispetto al 2013) Indipendente: 1.348 mln Euro (+116% rispetto al 2013) 15 operatori Investimenti 3.528 mln Euro (+3% rispetto al 2013) 311 operazioni

Dettagli

AIFI. Il mercato del private equity e venture capital. Alessandra Bechi Direttore Ufficio Tax & Legal e Affari Istituzionali, AIFI

AIFI. Il mercato del private equity e venture capital. Alessandra Bechi Direttore Ufficio Tax & Legal e Affari Istituzionali, AIFI AIFI Il mercato del private equity e venture capital Alessandra Bechi Direttore Ufficio Tax & Legal e Affari Istituzionali, AIFI Milano, 18 novembre 2015 Il ruolo di AIFI AIFI, Associazione Italiana del

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso EurizonVita, EurizonLife,

Dettagli

L investimento immobiliare indiretto di fondi pensione e casse di previdenza. Situazione attuale e prospettive di crescita

L investimento immobiliare indiretto di fondi pensione e casse di previdenza. Situazione attuale e prospettive di crescita L investimento immobiliare indiretto di fondi pensione e casse di previdenza Situazione attuale e prospettive di crescita Giornata nazionale della previdenza, 11 Maggio 2012 Agenda Scenario macroeconomico

Dettagli

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE MINI BOND ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE CONTESTO DI RIFERIMENTO Nelle imprese italiane sono sovente riscontrabili bassi livelli di patrimonializzazione. Questo fenomeno porta quasi sempre a una

Dettagli

Le azioni per favorire l accesso l al credito e la patrimonializzazione

Le azioni per favorire l accesso l al credito e la patrimonializzazione Le azioni per favorire l accesso l al credito e la patrimonializzazione Milano, 14 aprile 2010 Valentina Carlini Fisco, Finanza e Welfare Confindustria L andamento del credito Il credito resta molto selettivo

Dettagli

IL RATING COME PASSAPORTO

IL RATING COME PASSAPORTO I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL RATING COME PASSAPORTO PER IL MERCATO DEI CAPITALI Dr. Mauro Alfonso Amministratore Delegato

Dettagli

Indice. Una considerazione conclusiva. Universo investibile Rappresentazione sintetica del processo Livelli valutativi. Solidità Rischio insolvenza

Indice. Una considerazione conclusiva. Universo investibile Rappresentazione sintetica del processo Livelli valutativi. Solidità Rischio insolvenza EUREGIO MINIBOND Indice PensPlan Invest SGR Key terms del Fondo Attuali investitori Portafoglio del Fondo Breakdown del portafoglio Indici economico finanziari degli emittenti in portafoglio Processo di

Dettagli

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso

Dettagli

Debito PMI: la nascita di una nuova assetclasse il ruolo degli investitori istituzionali italiani

Debito PMI: la nascita di una nuova assetclasse il ruolo degli investitori istituzionali italiani Roma 22 ottobre 2013 Debito PMI: la nascita di una nuova assetclasse il ruolo degli investitori istituzionali italiani Davide Squarzoni Direttore Generale riservatezza Questo documento è la base per una

Dettagli

La destinazione del patrimonio dei prodotti del Risparmio Gestito al finanziamento delle PMI

La destinazione del patrimonio dei prodotti del Risparmio Gestito al finanziamento delle PMI dei prodotti del Risparmio Gestito 5 dicembre 2013 Alessandro Rota 1. I nodi della struttura finanziaria delle imprese italiane 2. Le iniziative per incrementare il ricorso al mercato... del capitale di

Dettagli

ELITE Thinking Long Term

ELITE Thinking Long Term ELITE Thinking Long Term ELITE ELITE è una piattaforma di servizi integrati creata per supportare le Imprese nella realizzazione dei loro progetti di CRESCITA Supporto/stimolo ai cambiamenti culturali,

Dettagli

Linee Guida del Piano Strategico 2016-2019 Conferenza Stampa

Linee Guida del Piano Strategico 2016-2019 Conferenza Stampa Linee Guida del Piano Strategico 2016-2019 Conferenza Stampa Milano, 30 marzo 2016 ore 11,30 Mittel oggi IL GRUPPO MITTEL CONFERMA UNA FORTE SOLIDITÀ PATRIMONIALE REGISTRANDO UN PATRIMONIO NETTO DI CA.

Dettagli

Prof. Marco Giorgino Ordinario di Finanza, Politecnico di Milano e MIP

Prof. Marco Giorgino Ordinario di Finanza, Politecnico di Milano e MIP Interventi nel capitale di rischio e di debito delle PMI: le iniziative di banche ed operatori specializzati Ordinario di Finanza, Politecnico di Milano e MIP Indice 2 Il fabbisogno finanziario delle PMI

Dettagli

FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO SGR CAPITALI PER LA CRESCITA DELLE MEDIE E PICCOLE IMPRESE ITALIANE

FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO SGR CAPITALI PER LA CRESCITA DELLE MEDIE E PICCOLE IMPRESE ITALIANE FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO SGR CAPITALI PER LA CRESCITA DELLE MEDIE E PICCOLE IMPRESE ITALIANE Luglio 2014 Tipologia di Fondo Fondo Mobiliare Chiuso Riservato agli Investitori Professionali Dimensione

Dettagli

Ripresa debole ed incerta > Domanda interna depressa

Ripresa debole ed incerta > Domanda interna depressa Finanziare l economia in tempo di crisi: il ruolo degli investitori di lungo periodo Giovanni Gorno Tempini Amministratore delegato, Cassa depositi e prestiti Convegno AIAF - L'Italia fuori dalla crisi

Dettagli

Agganciare la ripresa, ma con quali capitali? 10 Annual Economia & Finanza Il Sole 24 Ore

Agganciare la ripresa, ma con quali capitali? 10 Annual Economia & Finanza Il Sole 24 Ore Agganciare la ripresa, ma con quali capitali? 10 Annual Economia & Finanza Il Sole 24 Ore Milano, 28 novembre 2013 Euro mld Il fardello dell economia italiana Debito pubblico dello Stato italiano 2.068.564.740.090

Dettagli

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Prospettive di sviluppo per il private equity in Italia

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Prospettive di sviluppo per il private equity in Italia AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital Prospettive di sviluppo per il private equity in Italia Il ruolo degli investitori istituzionali Anna Gervasoni Direttore Generale AIFI Roma,

Dettagli

Banca europea per gli investimenti

Banca europea per gli investimenti Banca europea per gli investimenti La banca dell UE Gli strumenti BEI per sostenere la crescita delle imprese innovative Marguerite Mc Mahon Roma, 27.11.2014 La banca dell UE Partner finanziario naturale

Dettagli

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni Agenda Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria Consulenza globale Ambiti d intervento Conferma e arricchimento soluzioni 1 Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria Un impegno

Dettagli

I trend e l evoluzione del mercato del Venture Capital in Italia e il Fondo Italiano di Investimento

I trend e l evoluzione del mercato del Venture Capital in Italia e il Fondo Italiano di Investimento AIFI I trend e l evoluzione del mercato del Venture Capital in Italia e il Fondo Italiano di Investimento Alessandra Bechi Direttore Ufficio Tax & Legal e Affari Istituzionali, AIFI Canazei, 27 marzo 2015

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 VALORIZZATO IL RUOLO DI BANCA COMMERCIALE RADICATA SUL TERRITORIO, PUNTO DI

Dettagli

La BEI in Italia nel 2014

La BEI in Italia nel 2014 La BEI in Italia nel 2014 E stato l anno record per l Italia. Dal gruppo BEI sono arrivati nel 2014 nuovi finanziamenti per 11,4 miliardi di euro (+4% sul 2013), che hanno sostenuto investimenti per 27

Dettagli

un possibile modello per finanziare le imprese con il risparmio privato

un possibile modello per finanziare le imprese con il risparmio privato un possibile modello per finanziare le imprese con il risparmio privato Andrea Crovetto Luglio 2013 1. Andrea CROVETTO Direttore Generale di Banca Finnat. 8 anni di esperienza di capital markets in Citibank

Dettagli

MINIBOND Il mercato dei capitali si apre alle PMI

MINIBOND Il mercato dei capitali si apre alle PMI MINIBOND Il mercato dei capitali si apre alle PMI Catania - 30 Maggio 2014 ADB Analisi Dati Borsa Consulenza di Investimento Attiva a Torino dal 1985, ADB offre alla propria selezionata Clientela servizi

Dettagli

PROFILO SOCIETARIO - Giugno 2014

PROFILO SOCIETARIO - Giugno 2014 PROFILO SOCIETARIO - Giugno 2014 ADVISORY Pafinberg Srl predispone e fornisce soluzioni finanziarie personalizzate su specifiche esigenze del cliente, che richiedono il concorso di molteplici competenze

Dettagli

Innovation Broker Network (IBN) è una rete di Broker professionisti specializzati nel campo dell innovazione.

Innovation Broker Network (IBN) è una rete di Broker professionisti specializzati nel campo dell innovazione. E vietata ogni forma di riproduzione totale e/o parziale del seguente materiale. Copyright e diritti di autore: Link S.r.l. I nostri servizi Innovation Broker Network (IBN) è una rete di Broker professionisti

Dettagli

Dai rating pubblici ai minibond Mauro Alfonso

Dai rating pubblici ai minibond Mauro Alfonso Dai rating pubblici ai minibond Mauro Alfonso Cerved Rating Agency Mini-bond, mercato dei capitali e le PMI italiane Il ruolo del rating pubblico Esistono le condizioni legislative e di mercato per un

Dettagli

Piano Industriale Gruppo CDP 2020

Piano Industriale Gruppo CDP 2020 RISERVATO E CONFIDENZIALE Piano Industriale Gruppo CDP 2020 Linee guida strategiche Conferenza stampa Roma, 17 Dicembre 2015 CDP: 165 anni di storia 18 Novembre 1850: nasce la Cassa Depositi e Prestiti

Dettagli

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND Introduzione ai MINI BOND AGENDA Mini bond: una nuova opportunità per le imprese Mini bond: inquadramento normativo, definizione, caratteristiche e beneficiari Motivazioni all emissione Vantaggi e svantaggi

Dettagli

Advam 1 Corporate Bonds Italy

Advam 1 Corporate Bonds Italy LOGO FONDO Workshop Gli investitori incontrano le imprese --- Emanuele Facile Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 Chi siamo Siamo un gruppo di professionisti con esperienza più che ventennale nella finanza

Dettagli

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 COMUNICATO STAMPA BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 Il documento declina le linee strategiche e operative del Piano di Ristrutturazione presentato il 7 ottobre 2013

Dettagli

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento Alberto Balestreri 1. Il tema dovrebbe essere declinato sia in funzione dei settori di attività delle PMI che, più in generale, in funzione di

Dettagli

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Camera dei Deputati VI Commissione Finanze Audizione del Direttore Generale Pianificazione, Immobiliare e Diversificate Gruppo Unipol

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

HI USA Real Estate Fund: a che punto siamo Paolo Massi, Vice Presidente, Hedge Invest Sgr

HI USA Real Estate Fund: a che punto siamo Paolo Massi, Vice Presidente, Hedge Invest Sgr HI USA Real Estate Fund: a che punto siamo Paolo Massi, Vice Presidente, Hedge Invest Sgr Milano, 13 ottobre 2010 Agenda 1 2 3 Il mercato immobiliare USA HI USA Real Estate Fund Il portafoglio preliminare

Dettagli

Private Equity e Venture Capital: tendenze e modalità di intervento

Private Equity e Venture Capital: tendenze e modalità di intervento Private Equity e Venture Capital: tendenze e modalità di intervento Il Finanziamento delle PMI alternativo al Credito Bancario Università degli studi di Macerata Laboratorio Fausto Vicarelli Agostino Baiocco

Dettagli

Banca europea per gli investimenti

Banca europea per gli investimenti Banca europea per gli investimenti La banca dell UE Andrea Clerici Napoli, 18.06.2014 La Banca europea per gli investimenti La Banca per i finanziamenti a lungo termine a sostegno dei progetti europei

Dettagli

MiFID, un anno dopo... Focus sui prodotti di risparmio gestito: i rapporti tra società prodotto e distributori e tra distributori e clienti

MiFID, un anno dopo... Focus sui prodotti di risparmio gestito: i rapporti tra società prodotto e distributori e tra distributori e clienti MiFID, un anno dopo... Focus sui prodotti di risparmio gestito: i rapporti tra società prodotto e distributori e tra distributori e clienti Alessandro Pagani Head of Compliance & Operational Risks Milano,

Dettagli

Senato della Repubblica Commissione XIV (Politiche dell'unione europea )

Senato della Repubblica Commissione XIV (Politiche dell'unione europea ) Attuazione delle iniziative della Commissione europea connesse ad un nuovo impulso all'occupazione, alla crescita e all'investimento (n. 439) CASSA DEPOSITI E PRESTITI Presidente, Prof. Franco Bassanini

Dettagli

Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena

Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena Le imprese europee risulteranno più colpite delle imprese statunitensi? Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena Da Basilea II a Basilea III Basilea II

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 GIUGNO 2006: + 17% UTILE NETTO CONSOLIDATO

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 GIUGNO 2006: + 17% UTILE NETTO CONSOLIDATO COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 GIUGNO 2006: + 17% UTILE NETTO CONSOLIDATO RICAVI AGGREGATI: 1.706,2 MLN DI EURO, SOSTANZIALMENTE IN LINEA CON L ANNO PRECEDENTE RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO

Dettagli