Questa ricerca è stata condotta nell ambito del progetto PRIN 2005 CompoNet. 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Questa ricerca è stata condotta nell ambito del progetto PRIN 2005 CompoNet. 1"

Transcript

1 Anna M. Thornton Il tipo fuggifuggi In italiano esistono alcuni nomi di azione, quali parapiglia e fuggifuggi, formati da una sequenza di due verbi, che compaiono in forma omofona all imperativo singolare. I nomi di azione o più generalmente di evento formati da una sequenza di due verbi diversi sono pochi, creati sporadicamente tra il XIV e il XVIII secolo: giravolta (1310, OVI), battisoffia (av. 1400), parapiglia (av. 1601), stacciaburatta (av. 1665), andirivieni (av. 1742), dormiveglia (av. 1745), vinciperdi (av. 1800). A partire dal XIX secolo, nomi d azione basati su due diversi verbi compaiono solo con le forme verbali unite dalla congiunzione e: tira e molla (1889, Diacoris), va e vieni (1891). 1 La formazione di nomi d azione per reduplicazione di uno stesso verbo, le cui prime attestazioni risalgono al XVI secolo (bolli bolli av. 1565, corri corri av. 1587), diviene invece produttiva nel corso del XIX secolo, e lo è tuttora, come mostrano i dati in (1), dove ogni tipo è seguito dalla sua data di prima attestazione: (1) tira tira 1827, serra serra av. 1828, pigia pigia 1865, fuggifuggi 1880, piglia piglia 1881, mangia mangia 1935, ruba ruba, scappa scappa (Tollemache 1945: 211), arraffa arraffa 1951, battibatti 1955, copia copia 1994 (Thornton 1996: 100), ciappa ciappa, compra compra, firmafirma, parla-parla, piangi piangi, sgozza-sgozza, spara spara, spendi spendi, spingi spingi, stringi stringi, vendi vendi (corpus la Repubblica ) Questo tipo di nomi d azione sembra essere caratteristico dell italiano: in altre lingue romanze, i composti ottenuti per reduplicazione di uno stesso elemento verbale hanno semantica varia e un sottogruppo di nomi d azione non è segnalato come produttivo nella letteratura specialistica (Guilbert 1971: LVIIIb; Rainer 1993: 263). L origine del tipo in italiano è a mio avviso delocutiva. I sostantivi si sono formati per lessicalizzazione di citazioni di discorso diretto, usate in origine nella funzione che è stata denominata da Spitzer (1918; ) «imperativo descrittivo». Si è avuta cioè sostantivazione di enunciati comunemente pronunciati o pronunciabili nelle circostanze cui si riferisce il nome poi lessicalizzato. Folena (1958) ha individuato «la preistoria formale e semantica» di alcuni «composti derivati dalla giustapposizione di imperativi come parapiglia» in alcuni loci di prosatori Questa ricerca è stata condotta nell ambito del progetto PRIN 2005 CompoNet. 1 Le datazioni sono quelle ricavabili dai dizionari, a meno che non sia indicato un corpus che ha permesso una retrodatazione. Sul tipo tira e molla cf. Masini / Thornton (2007).

2 528 Anna M. Thornton napoletani di metà Quattrocento, quali Loise de Rosa e Masuccio Salernitano. I brani sui quali ha attirato l attenzione Folena sono riportati in (2) e (3): (2) Loise de Rosa: Ricordi (si cita dall edizione a cura di Vittorio Formentin, Roma, Salerno editrice, 1998): a. Como lo re fo a lo Capo, esseno ly catalane colle valestre / parate, cala cala, et foro pigliate tutty (66v.2) b. Co//mo foro passate le bandere, et passavano ly fante, isso esse, dà sop/re ly fante et amaccza amaccza (70v.19-21) c. le gente che erano trasute e / ly napoletane stavano alle Co(r)ree: piglia piglia, para para, tutty foro prise (70v.23-24) (3) Masuccio Guardati (Masuccio Salernitano): Il novellino (si cita dall edizione a cura di Giorgio Petrocchi, Firenze, Sansoni, 1957): La calca grande andava di continuo costoro seguendo con gridi, cifolare e urlare; e in ogne luoco gridandosi: «Para! Piglia!», e cui loro sassi traendo, e quali con bastoni lo stallone percoteano, e ciascuno da la impresa separarli se ingegnava (I.47) I passi di Loise mostrano le sequenze di due imperativi (sempre ripetizione di uno stesso verbo) in contesti che possiamo classificare come «discorso diretto libero»: si tratta della citazione di parole riportate come pronunciate nella situazione che si sta descrivendo, senza che nel co-testo vi siano segnalatori espliciti del cambio di locutore (dall autore della narrazione a un personaggio). In Masuccio invece si ha discorso diretto vero e proprio, citazione di parole testuali, introdotta da verbum dicendi (gridandose) e segnalata dall editore con virgolette. Queste due citazioni «preistoriche» contengono già tutti gli elementi necessari a comprendere l origine dei nomi d azione costituiti da una sequenza di due verbi in forma imperativa. Spitzer, nel caratterizzare il tipo sintattico che egli denomina «imperativo descrittivo», richiama l attenzione sul fatto che si tratta spesso di comandi militari o marinareschi (Spitzer 1952: 19, 41). E i brani di Loise ci testimoniano proprio queste circostanze: è un comando marinaresco, e enunciato in situazione di battaglia, il cala cala (cioè ammaina le vele ) di (2a); le altre sequenze di due imperativi ripetuti non costituiscono invece enunciati cristallizzati, corrispondenti a comandi riferiti a manovre militari o marinaresche specifiche, ma senz altro corrispondono a enunciati di carattere esortativo detti o dicibili in situazioni di battaglia come quelle descritte. Nel testo di Masuccio, la situazione non è invece di carattere militare o marinaresco, ma presenta un altro carattere peculiare a mio parere molto significativo, e finora trascurato dagli studiosi che si sono occupati del tipo: il fatto che gli enunciati siano pronunciati in situazioni di affollamento e di confusione, più volte e da più persone. In Masuccio chi pronuncia «Para! Piglia!» è «la calca», e lo fa «in ogne luoco». I dizionari datano il sostantivo parapiglia all inizio del XVII secolo, mentre la sequenza dei due imperativi «Para! Piglia!» in contesti di discorso riportato, come si è visto, è

3 Il tipo fuggifuggi 529 attestata almeno un secolo e mezzo prima (altre attestazioni se ne hanno nell Orlando innamorato, II ). Anche per altri casi (corri corri, fuggi fuggi, piglia piglia, scappa scappa, serra serra, tira tira) si hanno attestazioni degli imperativi ripetuti come citazioni di discorso diretto antecedenti l attestazione del nome d azione. Tuttavia, non tutti i nomi d azione in (1) sono preceduti da attestazioni dei corrispondenti imperativi ripetuti in contesti di discorso diretto. A partire dai primi casi di lessicalizzazione, si è stabilito un modello in base al quale sono stati formati altri sostantivi, anche a partire da verbi dei quali non è attestato un uso come imperativi descrittivi ripetuti. Nel seguito descriveremo le principali caratteristiche della regola di formazione dei lessemi che permette di produrre questi sostantivi. Caratteristiche dell input Restrizioni fonologiche: disillabismo della base I verbi selezionabili come basi per la formazione di nomi d azione reduplicativi hanno praticamente tutti base bisillabica. 2 La tendenza al bisillabismo delle basi verbali utilizzate in composizione è stata osservata anche per altri tipi di composti italiani, quali i composti verbo-nome (cf. Dardano 1978: 149; Thornton 2007: ) e il tipo tira e molla (Masini / Thornton 2007), ma nel tipo qui in esame è più forte: si ha base bisillabica nell 82,3% dei primi membri verbali di composti lemmatizzati nel GRADIT (elaborazione sui dati di Ricca 2005), nell 84% delle basi «più comuni» di composti verbo-nome elencate da Dardano (1978: 149, elaborazione mia), nell 84,8% dei secondi membri e nel 90,9% dei primi membri delle formazioni del tipo tira e molla (Masini / Thornton 2007), e ben nel 95,7% dei casi del nostro tipo. Naturalmente, per poter affermare che si tratti di un autentica restrizione prosodica sull input (come ipotizzato già in Thornton 1996: 100), è necessario verificare la distribuzione delle basi bisillabiche nell insieme dei verbi italiani. Nel GRADIT i verbi con base bisillabica sono solo il 15,3% del totale, e anche nel Vocabolario di base dell italiano giungono solo al 30% del totale (elaborazione basata su Thornton / Iacobini / Burani 1997): dunque nel tipo in esame l incidenza di basi bisillabiche appare frutto di una restrizione, dato che si discosta molto significativamente dalla distribuzione delle basi bisillabiche tra i verbi italiani considerati nel loro insieme. Restrizioni morfologiche Tra le basi non si hanno verbi suffissati, ma è probabile che si tratti di una conseguenza della restrizione fonologica che limita l input a verbi con base bisillabica, più che di una 2 La sola eccezione è data da arraffa arraffa, che può essere spiegato ricorrendo al principio dell «extramétricité des voyelles initiales» illustrato da Plénat (1994); per un applicazione all italiano di questo principio cf. anche Thornton (2007).

4 530 Anna M. Thornton restrizione morfologica indipendente. Questa ipotesi è avvalorata dall osservazione che verbi prefissati, se compatibili con la restrizione sul bisillabismo, sono utilizzabili come basi del tipo (cf. sgozza-sgozza, arraffa arraffa). Restrizioni sintattico-semantiche La maggior parte delle basi è costituita da verbi transitivi (che costituiscono la maggioranza dei verbi anche nell insieme del lessico italiano), ma si hanno anche tre basi di tipo inergativo (parlare, sparare, piangere) e tre di tipo inaccusativo (fuggire, scappare, correre), tra le quali la base del tipo di gran lunga più frequente, fuggifuggi. Non si hanno tra le basi verbi stativi. Tutte le basi selezionano soggetti che si collocano molto in alto su una scala di agentività: sono esclusi verbi con soggetto Esperiente, e anche i tre verbi inaccusativi hanno soggetti con alto grado di controllo sull azione. 3 Caratteristiche dell output Fonologia e grafia I due membri costituiscono due parole fonologiche distinte, in base ai test proposti da Nespor (1993: ): occorrenza nel primo membro di /E/ e /ɔ/ in serra serra, spendi spendi, copia copia, allungamento della vocale tonica in penultima sillaba aperta in copia copia, pigia pigia, ruba ruba e tira tira, mancata sonorizzazione di /s/ intervocalica in serra[s]erra. L analisi dei dati tratti dal corpus di Repubblica permette qualche osservazione anche sul piano della grafia. Un indicazione normativa era stata proposta da Salvioni (1899: 234): Imperativi reduplicati sono fuggi fuggi, serra serra, bolli bolli, che scrivonsi di solito staccati (un fuggi fuggi generale, un gran serra serra), ma che realmente andrebbero scritti uniti, non avendosi fuggi e serra come sostantivi isolati. Alle due possibilità esaminate da Salvioni ne va aggiunta una terza, quella della grafia che separa / unisce le due basi con un trattino. L auspicio di Salvioni si è realizzato in infima parte, e solo per il lessema fuggifuggi, che nel corpus di Repubblica occorre 6 volte scritto unito, ma ben 200 volte scritto staccato e 75 volte con trattino. Nessun altro tipo è attestato scritto unito nel corpus di Repubblica, dove si alternano la grafia con trattino e 3 Un eccezione solo apparente è rappresentata da bolli bolli. Va osservato che in questo sostantivo, attestato con il significato di tumulto, il verbo bollire ha significato metaforico: il soggetto del bollire è una folla di esseri umani, non una massa liquida. Inoltre, bolli bolli sembra uscito d uso nell italiano contemporaneo: non è attestato nel corpus di Repubblica, ed è stato oggetto di intervento da parte di Manzoni, che ha sostituito un bolli bolli della ventisettana con tumulto nella quarantana.

5 Il tipo fuggifuggi 531 quella staccata: escludendo le occorrenze di fuggifuggi già illustrate, si hanno 62 occorrenze scritte separate e 64 scritte con trattino. 4 Morfologia Accenniamo solo brevemente alla forma dell elemento verbale. Si tratta di una forma omofona dell imperativo singolare, uguale anche alla forma che compare nei ben più numerosi composti verbo-nome dell italiano. La forma dell elemento verbale nei composti verbo-nome è stata oggetto di un ampio dibattito, che ha visto confrontarsi tre posizioni: fautori dell imperativo, fautori della terza persona singolare del presente indicativo (Merlo, Tollemache) e fautori di un puro tema verbale (innanzitutto Pagliaro). Anche i fautori dell imperativo, però, hanno riconosciuto che se «Formalmente, si tratta d imperativi; concettualmente, oggi questo carattere è molto meno avvertito» (Migliorini 1935: 42 = 1957: 82), e che «la valutazione sincronico-semantica va [ ] distinta da quella diacronicoetimologica» (Folena 1958: 104). In un quadro teorico più recente, si può sostenere che la forma verbale che appare nei nomi d azione reduplicativi, così come nei composti verbonome dell italiano, è un morfoma usato in composizione (cf. Rainer 2001; Thornton 2005: ), omofono dell imperativo ma che non si identifica con esso, in quanto si tratta di una pura «sound form» (Aronoff 1994) e non di una forma verbale dotata di specifici tratti flessivi. Sintassi e semantica Dal punto di vista semantico, i nomi d azione reduplicativi si raggruppano in parte in due frames specifici, quello dell accalcarsi disordinato e confuso di una folla in movimento (bolli bolli, pigia pigia, serra serra, spingi spingi, stringi stringi, fuggifuggi, scappa scappa) e quello dell appropriazione, per lo più indebita (ruba ruba, mangia mangia, arraffa arraffa, copia copia, piglia piglia, ciappa ciappa, compra compra, tira tira); non mancano però nomi semanticamente isolati, quali batti batti, corri corri, firma firma, parla parla, piangi piangi, sgozza sgozza, spara spara, spendi spendi, vendi vendi. L esame dei contesti sintattici e testuali nei quali occorrono i nomi d azione reduplicativi permette di concludere che una loro peculiarità semantica è quella di richiedere un soggetto plurale. Che le azioni indicate da questi nomi siano svolte da una molteplicità di agenti traspare già bene dalle definizioni lessicografiche dei (pochi) sostantivi di questo tipo elencati nei dizionari. Ad esempio, il GRADIT definisce arraffa arraffa come «l arraffare, l impadronirsi in modo violento di qcs., gener. da parte di più persone; estens., ruberia generalizzata»; corri corri come «un correre rapido e disordinato di persone», fuggi fuggi come «fuga disordinata e precipitosa di più persone». 4 Qualche occorrenza di scrittura unita si ha anche per leccalecca, attestato in italiano dal 1959, che nel corpus di Repubblica compare 11 volte scritto unito, 30 staccato e 37 con trattino. Escludiamo questa voce dal nostro esame perché non è un nome d azione (la voce ha un parallelo nello spagnolo chupa-chupa, attestato dal 1891 (CORDE)).

6 532 Anna M. Thornton Anche nei contesti di occorrenza nel corpus di Repubblica, quando il soggetto è sintatticamente espresso, si tratta sempre di un plurale: (4) una privatizzazione che [ ] i russi chiamano «l arraffa arraffa» dei più forti (5) un problema che riguarda i partiti romani e il loro «mangia mangia» (6) Si vuole evitare che il 97, anno di elezioni amministrative, si trasformi in una corsa allo spendi-spendi di sindaci e giunte regionali (7) C è il corri corri di tutti gli opportunisti (8) in un pigia pigia di sedicenni, trentenni, quarantenni, cinquantenni / tra il pigia pigia dei banchieri in uscita / nel pigia-pigia dei giornalisti / un pigia pigia di armati / c era un gran pigia pigia di ragazzi / nel pigia-pigia ronzante di fotografi e curiosi / un pigia-pigia indescrivibile, di centinaia di persone / Natta è sorpreso del pigia pigia di folla / il pigia pigia della gente per arrivare nell arena ha provocato la disgrazia / il nuovo sistema diventerà un pigia-pigia di progettoni e progettini in coda davanti a uno sportello (9) un fuggi fuggi di personaggi, da Carraro a Nebiolo, da Pescante a Sordillo, da Gattai a Vinci / il sorridente e silenzioso fuggi fuggi dei commissari / tra il fuggi fuggi dei medici e degli infermieri / il terremoto ha suscitato un fuggi fuggi di giudici, giurati, avvocati / [...] Spessissimo il soggetto plurale è espresso tramite l aggettivo generale (e più raramente generalizzato). Nel corpus di Repubblica, ben il 46,6% delle occorrenze di fuggifuggi (131/281) è seguito immediatamente dall aggettivo generale, come in (10), e in altri casi l aggettivo occorre in funzione predicativa, come in (11): (10) C è stato un fuggifuggi generale per evitare i resti dell aereo, proiettili infuocati che arrivavano dal cielo. (11) la grande volta ha fatto da moltiplicatore dell effetto terremoto e il fuggi fuggi è stato generale. (12) Ma la trama si presta a una presa in giro del mondo letterario, quello degli scrittori (un «copia copia generale»), degli editori («prima di tutto vendere, non importa che cosa») e dei critici [ ]. (13) Sono tornato a Pompei con grandi speranze, anzi con la certezza, indotta da un parla-parla generale che molto per quelle rovine nel frattempo era stato fatto. (14) il pogo, danza grunge, nata come un salto a destra ed uno a sinistra per urtare il vicino, diventa ben presto uno spingi-spingi generale, che impone indumenti e scarpe comode. (15) Penso che stiamo dando l impressione di raschiare il fondo del barile. Sembra un arraffa, arraffa generale. Che ne dice, verrebbe quasi voglia di votare per le Leghe. (16) È un vendi-vendi generalizzato. Nelle sale cambi delle banche milanesi, che hanno vissuto giornate febbrili [ ] si inizia a tirare il fiato.

7 Il tipo fuggifuggi 533 In molti casi, il soggetto non è espresso nel contesto sintattico immediato, ma è ricavabile dall esame del contesto testuale, e anche in questi casi il riferimento è sempre a una pluralità di agenti. Basti solo il seguente esempio: (17) Oltre cinquecento persone, le autorità, prefetto e sindaco in testa accompagnati dalla giunta, fotoreporters nella solita sgomitante ressa, giornalisti cineoperatori, familiari, amici, semplici curiosi hanno atteso tra spingi-spingi [ ] l uscita dal cunicolo dello speleologo La caratteristica di richiedere un soggetto che si riferisca a una pluralità di individui accomuna i nomi d azione reduplicativi al fenomeno noto come «numero verbale». Il numero verbale è una categoria presente nella morfologia derivazionale di diverse lingue, localizzate soprattutto in Africa e Nord-America (Corbett 2000: 245; Mithun 1988): in queste lingue, alcuni verbi presentano due temi diversi, l uno derivato dall altro o in relazione suppletiva tra loro, a seconda che l azione cui il verbo si riferisce sia compiuta da una o più persone, o abbia uno o più oggetti. Corbett osserva che valori semantici paragonabili, nelle lingue indoeuropee, sono normalmente espressi con mezzi lessicali: ad esempio, la differenza tra due verbi inglesi come run e stampede, o come kill e massacre, sta nel numero di agenti o di pazienti implicati: il secondo verbo di ciascuna coppia implica necessariamente rispettivamente agenti e pazienti molteplici (Corbett 2000: 253). Corbett osserva anche che «Verbal number operates on an ergative basis: if the number of participants is relevant it will be that of the most directly affected argument of the verb (the absolutive)» (Corbett 2000: 253). A prima vista, i dati italiani che abbiamo appena esaminato risultano anomali rispetto a questa generalizzazione: infatti nei nostri dati anche nel caso di nomi formati a partire da verbi transitivi l argomento plurale è il soggetto, che ha il ruolo semantico di Agente (cioè l argomento che andrebbe all ergativo, non quello che andrebbe all assolutivo). Nei dati ricavabili dal corpus di Repubblica, l oggetto è molto raramente espresso come argomento del nome d azione: la sua espressione si limita ai due esempi seguenti 5, dove comunque è plurale in entrambi i casi: (18) l arraffa arraffa dei miliardi stanziati per i restauri (19) Alla fine è tutto un firma-firma di dediche Un altro caso pertinente è rappresentato da pigia pigia: a causa del significato del nome sia il soggetto che l oggetto si riferiscono agli stessi individui, come si vede bene in (20): (20) Il pigia pigia di persone con i vestiti e i capelli in fiamme che uscivano dal treno e cercavano di precipitarsi fuori, calpestandosi, camminandosi addosso Tra i nostri dati, una base verbale che si presterebbe molto bene a discriminare se il requisito di pluralità vale per il soggetto o per l oggetto è sgozzare, dove decisamente «the most directly affected argument» è l oggetto e non il soggetto. Il nome sgozza-sgozza è un 5 La rarità dell espressione sintattica dell oggetto con i nomi d azione reduplicativi contrasta con quanto osservato da Fiorentino (2008) per infiniti nominali e nomi d azione suffissati derivati da verbi transitivi, con i quali, nel suo corpus, se un solo argomento è espresso nel contesto sintattico si tratta sempre dell oggetto.

8 534 Anna M. Thornton hapax nel corpus di Repubblica, e nessuno dei suoi argomenti occorre nel contesto sintattico immediato (21): (21) Qualcuno con una buona dose di fatalismo racconta che lui, «in mezzo a tutto questo sgozza-sgozza» dice proprio così, non si è mai perso una partita della squadra della capitale algerina per la quale tifa. Il contesto testuale permette però di verificare che sia gli agenti che i pazienti dello sgozzare sono concepiti come molteplici: si riferiscono agli agenti i due sintagmi «gruppi islamici armati» e «le bande che fanno del Corano un pretesto di morte», e ai pazienti il sintagma «la popolazione civile algerina». Nell insieme, i nostri dati sembrano mostrare che i nomi d azione reduplicativi richiedono un soggetto che si riferisca a una pluralità di individui; l esistenza di un analoga restrizione sull oggetto è possibile, ma meno certa, dato che la maggior parte delle occorrenze dei nomi deriva da verbi intransitivi, e che anche nei derivati da verbi transitivi l oggetto è rarissimamente espresso nel contesto sintattico immediato; tuttavia, quando l oggetto è espresso o ricavabile dal contesto, è anch esso rappresentato da un sintagma che si riferisce a un gruppo di individui. La generalizzazione più forte rimane comunque quella relativa al soggetto. La sua anomalia tipologica è forse solo apparente, se si considera quanto osservato da Durie (1986) sul numero verbale: Verb stem suppletion appears to invariably select for the number of the absolutive argument. However more productive morphologies show considerable variation in their semantic linking. [ ] Many imply group activity, and select the number of the Agent or Actor [ ]. (Durie 1986: 363) Secondo l analisi di Durie, l osservazione che l argomento plurale è quello che andrebbe all assolutivo vale solo per un certo tipo di espressione del numero verbale, quello che formalmente si presenta con un alternanza suppletiva di temi verbali. Nel nostro caso, il numero verbale sembra esprimersi in modo diverso (l italiano rientra forse tra i casi di «more productive morphologies» ricordati da Durie): la categoria del numero verbale in italiano si esprime in un processo di formazione di lessemi che cambia la categoria della base, creando nomi deverbali, con un procedimento spesso classificato come iconico rispetto alla categoria di pluralità, quello della reduplicazione. Riferimenti bibliografici Aronoff, Mark (1994): Morphology by itself. Stems and inflectional classes. Cambridge MA: MIT Press. Corbett, Greville G. (2000): Number. Cambridge: Cambridge University Press. CORDE = Real Academia Española: Banco de datos (CORDE) [en línea]. Corpus diacrónico del español. Corpus la Repubblica = =&name=repubblica.

9 Il tipo fuggifuggi 535 Dardano, Maurizio (1978): La formazione delle parole nell italiano di oggi (primi materiali e proposte). Roma: Bulzoni. DiaCORIS = Durie, Mark (1986): The grammaticization of number as a verbal category. In: Nikiforidou, Vassiliki et alii (edd.): Proceedings of the twelfth annual meeting of the Berkeley Linguistics Society. Berkeley, CA: Berkeley Linguistics Society, Fiorentino, Giuliana (2008): Action nouns and the nominal infinitive in Italian. In: RF 120, Folena, Gianfranco (1958): Recensione a Prati In: LN XIX, 3, 104. GRADIT = Grande dizionario italiano dell uso. Ideato e diretto da Tullio De Mauro. Torino: UTET, Guilbert, Louis (1971): Fondements lexicologiques du dictionnaire. In: Grand Larousse de la langue française en six volumes. Paris: Larousse, IX-LXXXI. Masini, Francesca / Thornton, Anna M. (2007): Italian VeV lexical constructions. Relazione presentata al 6th Mediterranean Morphology Meeting (MMM6). Itaca. Migliorini, Bruno ( ): I nomi maschili in -a. In: Migliorini, Bruno: Saggi linguistici. Firenze: Le Monnier, [( ): I nomi maschili in -a. (Appunti di morfologia italiana). In: SR 25, 5-76]. Mithun, Marianne (1988): Lexical Categories and the Evolution of Number Marking. In: Hammond, Michael / Noonan, Michael (edd.): Theoretical Morphology. Approaches in Modern Linguistics. San Diego et alibi: Academic Press, Nespor, Marina (1993): Fonologia. Bologna: Il Mulino. OVI = Plénat, Marc (1994): L extramétricité des voyelles initiales. In: Lyche, Chantal (ed.): French Generative Phonology: Retrospective and Perspectives. Salford: ESRI, Rainer, Franz (1993): Spanische Wortbildungslehre. Tübingen: Niemeyer. (2001): Compositionality and paradigmatically determined allomorphy in Italian word-formation. In: Schaner-Wolles, Chris / Rennison, John / Neubarth, Friedrich (edd.): Naturally! Linguistic studies in honour of Wolfgang Ulrich Dressler presented on the occasion of his 60th birthday. Torino: Rosenberg & Sellier, Ricca, Davide (2005): Al limite tra sintassi e morfologia: i composti aggettivali V-N nell italiano contemporaneo. In: Grossmann, Maria / Thornton, Anna M. (edd.): La formazione delle parole. Atti del XXXVII Congresso internazionale della SLI, L Aquila, 25-27/9/03. Roma: Bulzoni, Salvioni, Carlo (1899): Giunte italiane alla Romanische Formenlehre di W. Meyer-Lübke. In: Studi di Filologia Romanza pubblicati da Ernesto Monaci VII. Torino: Loescher, Spitzer, Leo (1918): Über den Imperativ im Romanischen. In: Spitzer, Leo: Aufsätze zur romanischen Syntax und Stilistik. Halle: Niemeyer, ( ): Sur quelques emplois métaphoriques de l impératif. Un chapitre de syntaxe comparative. In: R LXXII, LXXIII, Thornton, Anna M. (1996): On some phenomena of prosodic morphology in Italian: accorciamenti, hypocoristics and prosodic delimitation. In: Probus 8, 1, (2005): Morfologia. Roma: Carocci. (2007): Phenomènes de réduction en italien. In: Delais-Roussarie, Elisabeth / Labrune, Laurence (edd.): Des sons et des sens. Données et modèles en phonologie et en morphologie. Paris: Hermès Science / Lavoisier, / Iacobini, Claudio / Burani, Cristina (1997): BDVDB. Una base di dati per il vocabolario di base della lingua italiana. Seconda edizione riveduta e ampliata. Roma: Bulzoni. Tollemache, Federico (1945): Le parole composte nella lingua italiana. Roma: Rores.

10

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

- transitivi Gianni ha colpito Pietro Ha mangiato (la pasta)

- transitivi Gianni ha colpito Pietro Ha mangiato (la pasta) Teoria tematica Ogni predicato ha una sua struttura argomentale, richiede cioè un certo numero di argomenti che indicano i partecipanti minimalmente coinvolti nell attività/stato espressi dal verbo stesso.

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO LAVORO DELLA PERCEZIONE UDITIVA NEL LINGUAGGIO Identificazione e rafforzamento delle caratteristiche fonemiche della lingua e, contemporaneamente, inibizione delle caratteristiche che le sono estranee

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni : criteri e indicazioni di Ilaria Moroni Ultimo aggiornamento: giugno 2010 A) Sistema classico (autore-titolo) nel corpo del testo: es. frase citata da un libro ¹ [N nota in apice] in nota a piè di pag.:

Dettagli

Analisi del testo letterario 1

Analisi del testo letterario 1 Analisi del testo letterario 1 discipline Analisi del testo letterario 1 - Isabella Chiari 2 esempio 1 Promessi sposi (A. Manzoni) Quel ramo del lago di Como, che volge a mezzogiorno, tra due catene non

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante COME SI FA UN EDIZIONE CRITICA Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante varie serie di correzioni. Prendiamo come esempio un testo leopardiano molto noto, e particolarmente

Dettagli

L uso del «di» e del «che» nei comparativi di diseguaglianza

L uso del «di» e del «che» nei comparativi di diseguaglianza Quaderns d Italià 3, 1998 91-96 L uso del «di» e del «che» nei comparativi di diseguaglianza Ursula Bedogni Abstract The great variety in the usage of the comparatives in Italian often causes problems

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

La teoria dei vantaggi comparati. La teoria dei vantaggi comparati

La teoria dei vantaggi comparati. La teoria dei vantaggi comparati La teoria dei vantaggi comparati La teoria dei vantaggi comparati fu elaborata dall economista inglese David Ricardo (1772-1823) nella sua opera principale: On the Principles of Political Economy and Taxation

Dettagli

MODI, TONALITA E SCALE

MODI, TONALITA E SCALE Teoria musicale - 2 MODI, TONALITA E SCALE MODO MAGGIORE E MODO MINORE Parafrasando il titolo di un celebre libro di Thomas Merton, No man is an island - Nessun uomo è un isola, mi piace affermare subito

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA RELIGIONE 9788839302229 MARINONI GIANMARIO / CASSINOTTI DOMANDA DELL'UOMO (LA) - VOLUME UNICO - EDIZIONE AZZURRA / CORSO DI RELIGIONE

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana Dante Alighieri Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana 1 Biografia di: Dante Alighieri Nacque a Firenze nel 1265 da una famiglia della piccola nobiltà fiorentina e la sua vita fu profondamente

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEL LINGUAGGIO

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEL LINGUAGGIO INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEL LINGUAGGIO ANALISI GRAMMATICALE E ANALISI LOGICA Analisi grammaticale: procedimento che ha la funzione di associare ad ogni parola presente all'interno di una frase la propria

Dettagli

Linee guida per l autor*

Linee guida per l autor* Linee guida per l autor* Margini: superiore 3,5 cm; inferiore 3,5 cm; destro 3 cm; sinistro 3 cm. Carattere: Times New Roman Dimensione del carattere: 12 per il testo, i titoli come nell esempio che segue:

Dettagli

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale Analisi esplorative di dati testualilezione 2 Le principali tecniche di analisi testuale Facendo riferimento alle tecniche di data mining,

Dettagli

Algebra Relazionale. algebra relazionale

Algebra Relazionale. algebra relazionale Algebra Relazionale algebra relazionale Linguaggi di Interrogazione linguaggi formali Algebra relazionale Calcolo relazionale Programmazione logica linguaggi programmativi SQL: Structured Query Language

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Indessicalità / Indexicality William F. Hanks

Indessicalità / Indexicality William F. Hanks Indessicalità / Indexicality William F. Hanks Il termine indessicalità indica l onnipresente dipendenza dal contesto degli enunciati di qualunque lingua naturale, e comprende fenomeni diversissimi come

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale)

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale) NORME ESSENZIALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1 (per i corsi di laurea in Lingue e culture moderne e Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) STRUTTURA DELL ELABORATO

Dettagli

LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE

LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE Rapporti tra DVE e CAS Valutazione e trattamento Irina Podda A.F.A. Centro REUL Genova UNIVERSITA DEGLI STUDI Genova Roma, 29-30 gennaio 2012 III Convegno Nazionale AIDEE

Dettagli

TEST D INGRESSO DI ITALIANO. Cognome...Nome...Classe IV...

TEST D INGRESSO DI ITALIANO. Cognome...Nome...Classe IV... TEST D INGRESSO DI ITALIANO Cognome...Nome...Classe IV... PUNTEGGIO FINALE.../50 VOTO ORTOGRAFIA Scegli l'alternativa corretta tra quelle proposte, barrando la lettera corrispondente. (1 punto in meno

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica?

1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica? RISPOSTE ALLE DOMANDE DEL CAPITOLO 3 1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica? I modi di analisi del suono sono tre: il percettivo, l'acustico e l'articolatorio. Possiamo ricondurre

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

L ANALISI DEL TESTO IN RELAZIONE AI DESTINATARI. DALLA SELEZIONE ALLA DIDATTIZZAZIONE DEI TESTI. ESEMPI DI DOMANDE DALLA PROVA B.

L ANALISI DEL TESTO IN RELAZIONE AI DESTINATARI. DALLA SELEZIONE ALLA DIDATTIZZAZIONE DEI TESTI. ESEMPI DI DOMANDE DALLA PROVA B. Servizio Linguistico di Ateneo SeLdA L ANALISI DEL TESTO IN RELAZIONE AI DESTINATARI. DALLA SELEZIONE ALLA DIDATTIZZAZIONE DEI TESTI. ESEMPI DI DOMANDE DALLA PROVA B. Silvia Gilardoni Università Cattolica

Dettagli

Si può salvare l analisi logica? di M. G. Lo Duca

Si può salvare l analisi logica? di M. G. Lo Duca Si può salvare l analisi logica? di M. G. Lo Duca [contributo già pubblicato in La crusca per voi, n. 33, Ottobre 2006, pp. 4-8] Si è tenuto nei mesi di marzo/aprile del 2006 un corso di aggiornamento

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello "La scuola fa bene a tutti" 1 La trasparenza di una lingua L U P O /l/ /u/ /p/ /o/ C H I E S

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

I CHE COS È L ESEGESI?

I CHE COS È L ESEGESI? I CHE COS È L ESEGESI? Esegesi è una parola di origine greca (greco: exégesis) usata da Tucidide nel senso di «racconto, esposizione», da Polibio nel senso di «spiegazione, commento», da Platone nel senso

Dettagli

FAQ. 4) Si può partecipare ai concorsi avendo delle imperfezioni fisiche? Risposta

FAQ. 4) Si può partecipare ai concorsi avendo delle imperfezioni fisiche? Risposta FAQ 1) Come si entra in Guardia di Finanza? Risposta 2) Quali sono i limiti di età per partecipare ai concorsi? Risposta 3) Quali titoli di studio occorrono per partecipare ai concorsi? Risposta 4) Si

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Studio Oblique Studio

Studio Oblique Studio Concordanze nel numero e nel genere La grammatica è certo un complesso di regole, ma non è neppure la matematica dove due più due fanno sempre quattro. La lingua nasce anche da un sentimento, da un gusto

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia ANNIVERSARI STORICI Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia Di Andrea Tognina Altre lingue: 5 15 MARZO 2015-11:00 Un memoriale di Marignano: l'ossario dei caduti della battaglia conservato a Santa

Dettagli

Linguistica generale. Lessico-Grammatica dell italiano: le costruzioni intransitive

Linguistica generale. Lessico-Grammatica dell italiano: le costruzioni intransitive 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Dottorato di Ricerca in Scienze della Comunicazione TESI DI DOTTORATO IN Linguistica generale Lessico-Grammatica dell italiano: le costruzioni

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

La Treebank sintattico-semantica dell italiano di SI-TAL: architettura, specifiche, risultati

La Treebank sintattico-semantica dell italiano di SI-TAL: architettura, specifiche, risultati La Treebank sintattico-semantica dell italiano di SI-TAL: architettura, specifiche, risultati Simonetta Montemagni 1 1 Istituto di Linguistica Computazionale - CNR / Consorzio Pisa Ricerche, Pisa, Italy

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse)

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) I PRONOMI PERSONALI PRONOMI PERSONALI SOGGETTO Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) Ella, esso, essa sono forme antiquate. Esso,

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Alimentatore tuttofare da 10 A

Alimentatore tuttofare da 10 A IK0RKS - Francesco Silvi, v. Col di Lana, 88 00043 - Ciampino (RM) E_Mail : francescosilvi@libero.it Alimentatore tuttofare da 10 A E questa la costruzione di un alimentatore portatile che accompagna i

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale Elementi di semantica denotazionale ed operazionale 1 Contenuti! sintassi astratta e domini sintattici " un frammento di linguaggio imperativo! semantica denotazionale " domini semantici: valori e stato

Dettagli

LINGUISTICA FEMMINISTA E SEGNI LINGUISTICI AL FEMMINILE. Elisabeth Burr

LINGUISTICA FEMMINISTA E SEGNI LINGUISTICI AL FEMMINILE. Elisabeth Burr Burr, Elisabeth (1998): "Linguistica femminista e segni linguistici al femminile", in: Marcato, Gianna (ed.): Lingua, dialetto, processi culturali. Atti del Convegno di studi Sedico (BL), Villa Patt -

Dettagli

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO Laboratorio Fotografico Omegna.doc missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL a cura di FRANCESCO LILLO Associazione Culturale Mastronauta progetto PER FARE UN ALBERO Laboratorio Fotografico Omegna.doc

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA ILTESTO NARRATIVO Testi narrativi sono definiti tutti quelli che hanno per oggetto la narrazione di una storia: racconti, romanzi, fiabe ecc. Gli elementi fondamentali del testo narrativo sono: storia,

Dettagli