2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)"

Transcript

1 AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e la classificazione. Questa mossa non è coerente, l agenda europea ha già definito 96 azioni strategiche, talune di queste sono coerenti anche con le politiche nazionali, pertanto la prima proposta è quella di riclassificare l ADI secondo lo standard Europeo e adottare tutte le misure europee utilizzabili nell ambito nazionale. Click on the image for further details Questo non significa che l Agenda Europea sia perfetta, ma mantenere una uniformità strategica, di analisi e di monitoraggio, renderà più semplice l integrazione del Piano con le azioni europee e il suo sviluppo. 2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) Per comodità di analisi, suddividiamo in 3 punti 2.1. Infrastruttura Gli obbiettivi definiti sono assolutamente condivisibili e giusti, il problema sta in quali azioni intraprendere affinché questi vengano raggiunti. nell agenda Europea troviamo alcuni suggerimenti utili: azione 47 facilitare gli investimenti in banda larga. Bene la proposta AGCOM azione 48 Usare i fondi strutturali per finanziare lo sviluppo di reti veloci

2 2.2. Sicurezza Certificati digitali, cns e firme digitali. I cittadini Italiani, a differenza di altri paesi, hanno la fortuna di avere a disposizione MILIONI di certificati digitali qualificati memorizzati su supporti sicuri (smart card e token) Questi strumenti offrono un livello di sicurezza MOLTO ELEVATO e possono facilmente essere utilizzati per l identificazione degli utenti che accedono a servizi che richiedono l autenticazione. Alcune strutture pubbliche (Inps, Agenzia delle Entrate) offrono già un servizio di autenticazione con certificato CNS ma esistono limitazioni e sono poche (agenzia delle entrate accetta solo i certificati CNS e non quelli di crittografia emessi da altri certificatori) Obbligare TUTTI gli enti pubblici, GLI Ordini, Le associazioni di categoria, Le aziende pubbliche, ad accettare nei loro siti web e nei servizi on line i certificati di crittografia rilasciati da Certificatori iscritti al registro tenuto da DIGITPA, sarebbe una buona cosa Posta elettronica certificata. La legislazione attuale non pone rimedio al problema dello SPAM neppure quando si utilizza la PEC. Questo è un grave problema che potrebbe minare l operatività pec e determinare gravi malfunzionamenti. Un modo per limitare lo spam è quello di modificare la norma e far si che la PEC sia indirizzabile SOLO DA INDIRIZZI PEC. In questo contesto gli autori di SPAM sarebbero facilmente identificabili e perseguibili. Gli spammer internazionali sarebbero esclusi. Va precisato che l invio di da indirizzi NON PEC non genera alcuna ricevuta per cui risulta assolutamente inutile ed equiparabile all invio ad una casella di posta normale Piano nazionale antipishing Gli utenti italiani (probabilmente anche gli altri) sono affetti da un cospicuo attacco di pishing è necessaria un azione decisa e determinata per individuare le fonti e mettere a disposizione degli utenti speciali elenchi che consentano ai client di posta di individuare e rimuovere immediatamente questi attacchi Valutare altri sistemi di autenticazione Valutare e adottare altri sistemi di autenticazione sicura come gli Otp, e altre forme Standard e interoperabilità Attivare la dove possibile e da subito gli Open Data Accettare gli standard internazionali e adottarli pienamente anche nel mercato nazionale, questo ad esempio è da subito applicabile ai processi di fatturazione elettronica.

3 Evitare di creare standard nazionali (vedi ad esempio allegato 4 delle norme tecniche del documento informatico e lo standard SiNCRO, di fatto identici ma totalmente diversi. 3. E_Goverment (Equivalente al Pillar 7 della Ade) La strana strutturazione del progetto fa si che all interno del capitolo e-government finiscano argomenti che (come dice il titolo stesso) riguardano la INFRASTRUTTURA. PEC, Firma digitale, Identità online sono già stati trattati nell ambito del capitolo Sicurezza e NON RIGUARDANO SOLO LA P.A. ma anche ed in maniera pesante i rapporti tra privati cittadini e tra imprese.. Sulla regolazione ( o regolamentazione) val la pena di ricordare che, ad oggi, alcune materie sono ampiamente regolamentate, forse troppo. Tanto per fare un esempio la conservazione digitale dei documenti fa riferimento a questa serie di norme Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 marzo 2009 Decreto del Presidente della Repubblica 11 Febbraio 2005, n. 68 Decreto Ministeriale 2 novembre 2005 Articoli 16 e 16 bis della Legge 28 gennaio 2009, n. 2 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 6 maggio 2009 Decreto Legge 10 giugno 1994, n.357 Decreto 23 gennaio 2004 del Ministero dell Economia e delle Finanze Decreto Legislativo. 20 febbraio 2004, n. 52 Circolare 6 dicembre 2006, n. 36 dell Agenzia delle Entrate Circolare 19 ottobre 2005, n. 45 dell Agenzia delle Entrate Articoli 39 e 40 della Legge 6 agosto 2008, n. 133 Decreto Ministero Lavoro 9 luglio 2008 Circolare n. 20/2008 del 21 agosto 2008 Ministero Lavoro e altre che non ho citato perché abolite, o interpelli, o sostituite Il piano di E-goverment deve concentrarsi su: Modernizzazione, semplificazione e standardizzazione delle procedure amministrative gestite dagli enti e dalle aziende della P.A. sostituzione delle procedure cartacee con quelle elettroniche. Formazione del personale della p.a. Diffusione nella PA di firma elettronica e Pec come prassi standard. Formazione e distribuzione di best practice e di strumenti già pronti per la gestione di problematiche specifiche Standardizzazione o degli applicativi, o delle base dati, o delle modalità di trasferimento, o dei backup, o della sicurezza, o del disaster recovery Definizione di open data per lo scambio delle informazioni tra p.a. e tra p.a. e cittadini/imprese

4 Switch off dei procedimenti cartacei (come è stato fatto con le dichiarazioni dei redditi) Eliminare dai procedimenti le richieste di dati non indispensabili o ridondanti o già posseduti dalla p.a.. (vedi come esempio la semplificazione della comunicazione relativa agli archivi informatici relativi a documenti fiscali, contrassegnati con X rossa i dati inutili o ridondanti ) Questo avvantaggia il cittadino e la p.a. stessa. Utilizzare le tecnologie ICT nella p.a. per ridurre da subito : o Costi di trasferta (tramite le video conferenze) o Costi di conservazione (tramite l uso dei documenti informatici e la conservazione digitale) o Costi di acquisto (tramite l e-procurement) o Costi di comunicazione (tramite telefonia VOIP )

5 o Costi di licenza (tramite l associazione, lo spostamento su data center convenzionati, i contratti quadro ) Definire un canale unico di pagamento elettronico a cui far accedere tutti i soggetti della P.A. Estendere l uso del canale F24 al pagamento di tutte le tipologie di tributi a carico delle imprese (eliminazione dell F23 che è ancora cartaceo) 3.2. Per quanto concerne la implementazione delle norme consiglierei: Revisione e semplificazione delle norme esistenti Completamento del CAD con regole tecniche semplici e facilmente adottabili, da subito e da tutti o Proporzionalità della norma (non si compra una cassaforte per conservare 10 centesimi, cosi come non basta una cassaforte per contenere il tesoro di una banca) Esempio di semplificazione delle nuove regole tecniche Articolo 3. Formazione del documento informatico Proposta attuale 1. Il documento informatico è formato mediante una delle seguenti principali modalità: redazione tramite l utilizzo di appositi strumenti software; a) acquisizione di un documento informatico per via telematica o su supporto informatico, acquisizione della copia per immagine su supporto informatico di un documento analogico, acquisizione della copia informatica di un documento analogico; b) registrazione informatica delle informazioni risultanti da transazioni o processi informatici o dalla presentazione telematica di dati attraverso moduli o formulari resi disponibili all utente; c) generazione o raggruppamento anche in via automatica di un insieme di dati o registrazioni, provenienti da una o più basi dati, anche appartenenti a più soggetti interoperanti, secondo una struttura logica predeterminata e memorizzata in forma statica. Articolo 3. Formazione del documento informatico alternativa Il documento informatico si forma con la memorizzazione di un file in uno dei formati ammessi dall allegato su un supporto digitale di conservazione

6 3.3. Piano speciale per la sanità Considerata l incidenza del costo sanitario nel bilancio nazionale, si ritiene che esistano le condizioni per un piano digitale speciale per la sanità che punti a: eliminare quanto prima i costi derivanti da una gestione troppo manuale dei dati e dei documenti sanitari rendere disponibili on line i dati dei pazienti. Interrompere l alimentazione degli archivi cartacei delle cartelle cliniche. Fornire dati statistici immediati sullo stato di salute della nazione. 4. Ricerca e innovazione 5. Smart city 6. Competenze digitali 7. E commerce Inseriamo nel piano Ecommerce le attività INDISPENSABILI per la semplificazione degli obblighi amministrativi delle imprese e per l uso delle tecnologie digitali da parte dei privati Semplificazione della conservazione digitale delle fatture emesse Allineamento del termine di completamento del processo di conservazione con la scadenza relativa al pagamento dell iva Semplificazione della conservazione digitale delle fatture ricevute Recepire la direttiva cee 2010/45 e in particolare per la conservazione dei documenti ricevuti Autorizzare la conservazione digitale di tutti i documenti digitali ricevuti anche di quelli privi di firma digitale. o Semmai obbligare il ricevente ad applicare la propria firma digitale a garanzia di originalità Autorizzare los cambio di fatture elettroniche in qualsiasi formato di cui sia garantita la leggibilità nel tempo o I proponenti del formato dovranno presentare proposte e modalità di verifica, scambio, visualizzazione, stampa. Rimane a loro carico l onere di mantenere nel tempo tale modalità Autorizzare il pagamento in modalità elettronica dei bolli e degli altri tributi relativi alla emissione di taluni documenti. (già in parte previsto con l ampliamento dellf24 ma non ancora operativo) Rivedere l articolo 2215 bis o E stato rivisto e semplificato così tanto che sono pochi coloro che si fidano a seguirne le indicazioni.

Agenda digitale italiana Sanità digitale

Agenda digitale italiana Sanità digitale Agenda digitale italiana Sanità digitale Paolo Donzelli Ufficio Progetti strategici per l innovazione digitale Dipartimento per la Digitalizzazione della P.A. e l innovazione tecnologica Presidenza del

Dettagli

Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa?

Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa? Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa? Paolo Donzelli DG Progetti strategici per l innovazione digitale Dipartimento per la Digitalizzazione della P.A. e l innovazione

Dettagli

Il nuovo CAD in pillole

Il nuovo CAD in pillole Di 14 gennaio 2001 Il 10 gennaio 2011 è stato pubblicato il G.U. il d.lsg. 235/2010 Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Ecco cosa cambia 2 Il Nuovo CAD: Sancisce nuovi diritti 1. Diritto all uso

Dettagli

Vent anni di corsi a Bressanone. Il Protocollo Informatico e la Sicurezza Informatica. Dott. ssa Floretta Rolleri

Vent anni di corsi a Bressanone. Il Protocollo Informatico e la Sicurezza Informatica. Dott. ssa Floretta Rolleri Vent anni di corsi a Bressanone Il Protocollo Informatico e la Sicurezza Informatica XX Corso Dott. ssa Floretta Rolleri CNIPA Bressanone (Bz), 19-22 maggio 2009 Il Protocollo Informatico e la Sicurezza

Dettagli

Agenda Digitale. Le azioni messe in campo dalla Regione Basilicata per lo sviluppo delle Infrastrutture telematiche e l erogazione dei servizi on-line

Agenda Digitale. Le azioni messe in campo dalla Regione Basilicata per lo sviluppo delle Infrastrutture telematiche e l erogazione dei servizi on-line Agenda Digitale Le azioni messe in campo dalla Regione Basilicata per lo sviluppo delle Infrastrutture telematiche e l erogazione dei servizi on-line Dott. Nicola A. Coluzzi Ufficio Società dell'informazione

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 177 del 31 12 2014

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 177 del 31 12 2014 50888 50889 50890 Sezione 1 - Offerta Formativa Trasversale e di Base Sezione Percorso Il sistema e le procedure degli Uffici Giudiziari Formativo Obiettivi del modulo Livello Durata (in ore) Prerequisiti

Dettagli

Pedranzini Fabrizio Gruppo di Lavoro ICT - CODAU. Gruppo di Lavoro ICT - 10 febbraio 2012 Art. 50 bis, continuità operativa, disaster recovery

Pedranzini Fabrizio Gruppo di Lavoro ICT - CODAU. Gruppo di Lavoro ICT - 10 febbraio 2012 Art. 50 bis, continuità operativa, disaster recovery Gruppo di Lavoro ICT - 10 febbraio 2012 Art. 50 bis, continuità operativa, disaster recovery Agenda dell incontro 2 A. Premesse: 1. Introduzione e sintesi del quadro normativo 2. Stato di avanzamento dei

Dettagli

1. I principi guida del nuovo CAD

1. I principi guida del nuovo CAD 1. I principi guida del nuovo CAD Sancire nuovi diritti, nuove opportunità, nuovi doveri: Diritto all uso delle tecnologie verso amministrazioni e gestori di servizi pubblici (art.3) I cittadini e le imprese

Dettagli

La strategia AgID per la realizzazione dell Agenda. Agostino Ragosa

La strategia AgID per la realizzazione dell Agenda. Agostino Ragosa La strategia AgID per la realizzazione dell Agenda Digitale Italiana Agostino Ragosa Forum PA 2013 Palazzo dei Congressi - Roma, 28 Maggio 2013 Il contesto L economia digitale italiana Ha registrato un

Dettagli

Pina Civitella pina.civitella@comune.bologna.it

Pina Civitella pina.civitella@comune.bologna.it Pina Civitella pina.civitella@comune.bologna.it La timeline del quadro normativo (1) 1998 2000 2004 2005 Protocollo informatico Regole tecniche per il protocollo informatico di cui al decreto del Presidente

Dettagli

Dematerializzazione dei documenti amministrativi, utilizzo della PEC e delle firme digitali nell'informatizzazione e automazione dei procedimenti

Dematerializzazione dei documenti amministrativi, utilizzo della PEC e delle firme digitali nell'informatizzazione e automazione dei procedimenti Dematerializzazione dei documenti amministrativi, utilizzo della PEC e delle firme digitali nell'informatizzazione e automazione dei procedimenti Il ciclo di vita del documento informatico e le comunicazioni

Dettagli

11 Azioni previste nel Programma di semplificazione 2011 1 Approvazione Agenda Normativa 2011 che prevede: Report di attuazione

11 Azioni previste nel Programma di semplificazione 2011 1 Approvazione Agenda Normativa 2011 che prevede: Report di attuazione 11 Azioni previste nel Programma di semplificazione 2011 1 Approvazione Agenda Normativa 2011 che prevede: Report di attuazione Approvata con delibera di Giunta regionale n. 744 del 28 Giugno 2011 Semplificazione

Dettagli

PROTOCOLLO INFORMATIZZATO, PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE DOCUMENTALE. Maggio 2006

PROTOCOLLO INFORMATIZZATO, PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE DOCUMENTALE. Maggio 2006 PROTOCOLLO INFORMATIZZATO, PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE DOCUMENTALE Maggio 2006 1 Evoluzione tecnologica 1 Negli ultimi anni le P.A. si sono fortemente impegnate nello sviluppo di reti di computer

Dettagli

Dal 1 gennaio 2006 è in vigore il Codice dell amministrazione

Dal 1 gennaio 2006 è in vigore il Codice dell amministrazione ICT E DIRITTO Rubrica a cura di Antonio Piva, David D Agostini Scopo di questa rubrica è di illustrare al lettore, in brevi articoli, le tematiche giuridiche più significative del settore ICT: dalla tutela

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATICI E ARCHIVI DIGITALI

DOCUMENTI INFORMATICI E ARCHIVI DIGITALI Prof. Stefano Pigliapoco DOCUMENTI INFORMATICI E ARCHIVI DIGITALI s.pigliapoco@unimc.it Il nuovo codice dell amministrazione digitale (CAD) Il decreto legislativo 30 dicembre 2010, n. 235, adottato a norma

Dettagli

IL NUOVO CODICE DELLA

IL NUOVO CODICE DELLA IL NUOVO CODICE DELLA AMMINISTRAZIONE DIGITALE Il nuovo CAD in pillole Collana di Minigrafie Tecnologia dei Processi Documentali fondazione siav academy Il Nuovo Codice dell amministrazione digitale in

Dettagli

Corso di formazione sulle novità in tema di digitalizzazione amministrativa, innovazione dei processi e dematerializzazione dei documenti introdotte

Corso di formazione sulle novità in tema di digitalizzazione amministrativa, innovazione dei processi e dematerializzazione dei documenti introdotte Corso di formazione sulle novità in tema di digitalizzazione Corso di formazione sulle novità in tema di digitalizzazione amministrativa, innovazione dei processi e dematerializzazione dei documenti introdotte

Dettagli

COMUNE DI CARPEGNA. Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino. Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c.

COMUNE DI CARPEGNA. Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino. Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. COMUNE DI CARPEGNA Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. 3bis Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 13 del 16/02/2015 Pag. 2 2.

Dettagli

1. Premessa. 2. Valore probatorio

1. Premessa. 2. Valore probatorio Dalla firma digitale alla firma biometrica: quadro giuridico di riferimento per l applicazione dei nuovi dispositivi di firma di Benedetto Santacroce 1 1. Premessa Le modifiche apportate dal D.Lgs. 235/2010

Dettagli

White Paper. Per informazioni puoi rivolgerti presso l Agenzia:

White Paper. Per informazioni puoi rivolgerti presso l Agenzia: White Paper Per informazioni puoi rivolgerti presso l Agenzia: Pagina 2 di 12 Versione 2.0 Sommario Per informazioni puoi rivolgerti presso l Agenzia:... 1... 1 White Paper... 1 1. Introduzione... 3 2.

Dettagli

Firma digitale INTRODUZIONE

Firma digitale INTRODUZIONE Firma digitale INTRODUZIONE La firma digitale costituisce uno dei dieci obiettivi del Piano per l e-government. Per quanto riguarda la PA, l obiettivo, abilitante allo sviluppo dei servizi on line, si

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA

COMUNE DI TERNO D ISOLA COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di BERGAMO Piano triennale di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni (Art 24 comma 3bis D.L. 90/2014) INDICE 1)

Dettagli

Direzione generale per gli studi la statistica e i sistemi informativi

Direzione generale per gli studi la statistica e i sistemi informativi MIUR AOODGSSSI REGISTRO UFFICIALE Prot. 2172 del 19.04.2011 - USCITA Alle Istituzioni Scolastiche Statali LORO SEDI OGGETTO PROGETTI DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE. Come è noto

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

L ufficio senza carta: ora si può

L ufficio senza carta: ora si può Organizzazione L ufficio senza carta: ora si può Renata Bortolin Negli ultimi anni, abbiamo assistito al susseguirsi di annunci di leggi che semplificano i procedimenti amministrativi, fiscali e tributari

Dettagli

I Villaggi Digitali per i cittadini e per le imprese

I Villaggi Digitali per i cittadini e per le imprese Agenda Digitale Toscana I Villaggi Digitali per i cittadini e per le imprese Laura Castellani ICT e crescita Nell Agenda Digitale Europea la Commissione ha indicato ai Paesi membri obiettivi per il 2020

Dettagli

Gli strumenti del Codice dell Amministrazione Digitale. Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.it

Gli strumenti del Codice dell Amministrazione Digitale. Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.it Gli strumenti del Codice dell Amministrazione Digitale Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.it Programma Il Codice dell Amministrazione Digitale Il Documento Informatico

Dettagli

I Modulo: Generale 11 12 13 giugno 2013 orario: 9.00 13.00 e 14.00 17.30

I Modulo: Generale 11 12 13 giugno 2013 orario: 9.00 13.00 e 14.00 17.30 I Modulo: Generale 11 12 13 giugno 2013 orario: 9.00 13.00 e 14.00 17.30 Martedì, 11 giugno Avv. Luigi Foglia Ing. Andrea Caccia Il documento informatico e la sua conservazione Il Documento informatico:

Dettagli

Le comunicazioni telematiche in Toscana

Le comunicazioni telematiche in Toscana Le comunicazioni telematiche in Toscana Stampa Centro stampa Giunta Regione Toscana I N D I C E Le comunicazioni telematiche I canali di comunicazioni InterPRO e le Amministrazioni Pubbliche Come attivare

Dettagli

FATTURA ELETTRONICA. non solo verso la pubblica amministrazione

FATTURA ELETTRONICA. non solo verso la pubblica amministrazione FATTURA ELETTRONICA non solo verso la pubblica amministrazione Fattura Emissione documento IVA cartaceo prestampato personalizzato da tipografia Registrazione documento IVA registri IVA manuali registri

Dettagli

Indice. 2. Conservazione digitale a Norma: requisiti e tempistiche ------------------------------------------------------------- 11

Indice. 2. Conservazione digitale a Norma: requisiti e tempistiche ------------------------------------------------------------- 11 1 2 Indice 1.1 Cos è la Conservazione digitale a Norma? --------------------------------------------------------------------------------------------- 6 1.2 Quali sono le condizioni da rispettare, indipendentemente

Dettagli

Il valore del Trusted Cloud in ambito sanitario

Il valore del Trusted Cloud in ambito sanitario Forum PA 1 Il valore del Trusted Cloud in ambito sanitario Danilo Cattaneo Direttore Generale InfoCert 16 maggio 2012 Agenda Forum PA 2 Chi è InfoCert Un esperienza nell E-Health: l Azienda ULSS 8 Dal

Dettagli

L OBBLIGO DI FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

L OBBLIGO DI FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE SI surl L OBBLIGO DI FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Adempimenti per le imprese pzanatta@uive.it Dott. Paolo Zanatta 1 Normativa e Prassi Legge n. 244 del 24.12.2007, articolo

Dettagli

/13. Il Cloud Computing e i progetti strategici dell Agenda Digitale Italiana Cloud Computing summit 2015

/13. Il Cloud Computing e i progetti strategici dell Agenda Digitale Italiana Cloud Computing summit 2015 1 Il Cloud Computing e i progetti strategici dell Agenda Digitale Italiana Cloud Computing summit 2015 Presidenza del Francesco Consiglio Tortorelli dei Ministri 2 Piani di digitalizzazione e progetti

Dettagli

La Firma Grafometrica

La Firma Grafometrica La Firma Grafometrica...un processo di firma elettronica avanzata Ing. Andrea Sassetti Direttore Servizi di Certificazione Gruppo Aruba Roma, 26 Maggio 2015 Contenuti della Presentazione Il Gruppo Aruba

Dettagli

SOMMARIO. Capitolo I DAL DOCUMENTO CARTACEO AL DOCUMENTO ELETTRONICO. Capitolo II DISCIPLINA GENERALE: LA FATTURA COMUNITARIA

SOMMARIO. Capitolo I DAL DOCUMENTO CARTACEO AL DOCUMENTO ELETTRONICO. Capitolo II DISCIPLINA GENERALE: LA FATTURA COMUNITARIA SOMMARIO Capitolo I DAL DOCUMENTO CARTACEO AL DOCUMENTO ELETTRONICO 1. Evoluzione del quadro normativo e situazione attuale... 3 1.1. Premessa... 3 1.2. Un po di storia: primi tentativi di abbandono della

Dettagli

Obiettivi e potenzialità del nuovo impegno verso la standardizzazione

Obiettivi e potenzialità del nuovo impegno verso la standardizzazione Obiettivi e potenzialità del nuovo impegno verso la standardizzazione Dott.ssa Maria Pia Giovannini Agenzia per l Italia Digitale Componente della Commissione permanente per il coordinamento della modulistica

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU5 30/01/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 23 dicembre 2013, n. 28-6947 D.G.R. n. 37-6240 del 2.8.2013. Servizi "on-line" assicurati dal Servizio Sanitario Regionale a favore

Dettagli

LA SMATERIALIZZAZIONE DEI DOCUMENTI FISCALI

LA SMATERIALIZZAZIONE DEI DOCUMENTI FISCALI PRESENTA LA SMATERIALIZZAZIONE DEI DOCUMENTI FISCALI CONSERVAZIONE ELETTRONICA: LA NORMATIVA Ai fini tributari, l emissione, la conservazione e l esibizione di documenti sotto forma di documenti informatici,

Dettagli

Gestione Elettronica Documentale

Gestione Elettronica Documentale Gestione Elettronica Documentale PER LE AZIENDE E I PROFESSIONISTI Servizi - Consulenza - Soluzioni Software Premessa Il Gruppo Maggioli propone soluzioni e servizi per la conversione di documenti analogici

Dettagli

FORMAZIONE AVANZATA IL CONSERVATORE DEI DOCUMENTI DIGITALI

FORMAZIONE AVANZATA IL CONSERVATORE DEI DOCUMENTI DIGITALI FORMAZIONE AVANZATA IL CONSERVATORE DEI DOCUMENTI DIGITALI 1. Premessa Con raccomandazione del 27/10/2011 - digitalizzazione e accessibilità dei contenuti culturali e sulla conservazione digitale - la

Dettagli

La Conservazione Sostitutiva dei Libri Contabili alla luce delle novità normative. Relatore Avv. Valentina Frediani

La Conservazione Sostitutiva dei Libri Contabili alla luce delle novità normative. Relatore Avv. Valentina Frediani La Conservazione Sostitutiva dei Libri Contabili alla luce delle novità normative Relatore Avv. Valentina Frediani 2 La conservazione elettronica dei documenti e le formalità da rispettare L argomento

Dettagli

Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Decreto legislativo n. 235/2010. Roma, 25 gennaio 2011

Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Decreto legislativo n. 235/2010. Roma, 25 gennaio 2011 Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Decreto legislativo n. 235/2010 Roma, 25 gennaio 2011 Indice 1. Il nuovo CAD da oggi in vigore 2. Principi ispiratori 3. L e Gov diventa un diritto 4. Nuovi

Dettagli

CREDEMTEL. Credemtel S.p.A. Telese, 03/2015 CREDEMTEL

CREDEMTEL. Credemtel S.p.A. Telese, 03/2015 CREDEMTEL Credemtel S.p.A. Telese, 03/2015 Chi siamo è una società del Gruppo Bancario CREDEM, attiva dal 1989 nell offerta di servizi telematici a Banche, Aziende e Pubblica Amministrazione. 2 2 Presentazione Credemtel

Dettagli

Postedoc. PPT-Postedoc-CSN-05/2011. Conservazione sostitutiva a norma

Postedoc. PPT-Postedoc-CSN-05/2011. Conservazione sostitutiva a norma Postedoc PPT-Postedoc-CSN-05/2011 Conservazione sostitutiva a norma Tradizione e innovazione si crea si firma si spedisce si archivia si conserva Ieri Oggi Documenti elettronici Firma digitale Posta Elettronica

Dettagli

Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici. Decreto 23 gennaio 2004. art.. 1) Definizioni (art(

Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici. Decreto 23 gennaio 2004. art.. 1) Definizioni (art( Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici Decreto 23 gennaio 2004 Ministero dell economia e delle finanze Dipartimento politiche fiscali Ufficio tecnologie informatiche

Dettagli

CBI 2011 Corporate Banking and Electronic Invoice

CBI 2011 Corporate Banking and Electronic Invoice CBI 2011 Corporate Banking and Electronic Invoice Dematerializzazione e Transazioni elettroniche: una necessità per lo sviluppo 0 Paolo Angelucci Presidente Assinform Milano, 1 dicembre 2011 Il profilo

Dettagli

SISTEMA ISTEMA INFORMATIVO PRATICHE EDILIZIEDILIZIE E MONITORAGGIO

SISTEMA ISTEMA INFORMATIVO PRATICHE EDILIZIEDILIZIE E MONITORAGGIO SISTEMA ISTEMA INFORMATIVO PRATICHE EDILIZIEDILIZIE E MONITORAGGIO SIPEM è il servizio telematico promosso da ANCI, CNGeGL e CIPAG, frutto della stretta collaborazione in sede progettuale tra ANCITEL S.p.A.

Dettagli

Relazione accompagnamento Studio di Fattibilità Tecnica COMUNE DI TURRI. Provincia Medio Campidano

Relazione accompagnamento Studio di Fattibilità Tecnica COMUNE DI TURRI. Provincia Medio Campidano COMUNE DI TURRI Provincia Medio Campidano Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery ai sensi della Circolare n.58 di DigitPA del

Dettagli

SIGeVI Caratteristiche e vantaggi Verifiche impiantistiche: basta un click! Un servizio online per le imprese

SIGeVI Caratteristiche e vantaggi Verifiche impiantistiche: basta un click! Un servizio online per le imprese SIGeVI Caratteristiche e vantaggi Verifiche impiantistiche: basta un click! Un servizio online per le imprese Enrica Bongio Genova, Villa Bombrini 24/01/2013 S. I. Ge. V. I. Sistema Informativo Gestione

Dettagli

Capitolato speciale per la fornitura di

Capitolato speciale per la fornitura di ALLEGATO A Capitolato speciale per la fornitura di Servizi di verifica procedurale e funzionale delle componenti di servizio della Community Network dell'umbria nell'ambito del piano di Semplificazione

Dettagli

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery COMUNE DI PALOMONTE Provincia di Salerno Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery ai sensi della Circolare n.58 di DigitPA del

Dettagli

Archiviazione e Conservazione Sostitutiva

Archiviazione e Conservazione Sostitutiva Archiviazione e Conservazione Sostitutiva AGENDA 1. L archiviazione elettronica semplice 2. La Conservazione Sostitutiva 3. La firma grafometrica Acquisizione: scansione Il documento scansito viene trasformato

Dettagli

Progetto Timbro digitale

Progetto Timbro digitale L E-GOVERNMENT PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: L e-government è il processo di informatizzazione della PA. Consente il trattamento dei documenti e la gestione dei procedimenti con sistemi digitali. Grazie

Dettagli

La tenuta e la conservazione delle scritture contabili con modalità informatiche: regole e novità

La tenuta e la conservazione delle scritture contabili con modalità informatiche: regole e novità Focus di pratica professionale di Luca Signorini La tenuta e la conservazione delle scritture contabili con modalità informatiche: regole e novità Introduzione Da tempo l informatica costituisce parte

Dettagli

Clapps Invoice PA. scheda informativa

Clapps Invoice PA. scheda informativa Clapps Invoice PA scheda informativa 3 CLAPPS INVOICE PA La Finanziaria 2008 ha introdotto l obbligo della fattura elettronica nei rapporti con la PA. Dal 6 giugno 2014, Ministeri, Agenzie fiscali ed Enti

Dettagli

La conservazione dei documenti in ambiente digitale: opportunità e criticità

La conservazione dei documenti in ambiente digitale: opportunità e criticità La conservazione dei documenti in ambiente digitale: opportunità e criticità di Guglielmo Longobardi Premessa Dopo un lungo periodo di immobilismo legislativo, che vedeva ancora in vigore il regio decreto

Dettagli

La dematerializzazione dei processi per la semplificazione amministrativa e l Albo Pretorio on-line. L esperienza della Provincia di Modena

La dematerializzazione dei processi per la semplificazione amministrativa e l Albo Pretorio on-line. L esperienza della Provincia di Modena La dematerializzazione dei processi per la semplificazione amministrativa e l Albo Pretorio on-line L esperienza della Provincia di Modena Il Nuovo Codice dell amministrazione digitale traccia il quadro

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E. Con l'interpello specificato in oggetto, concernente l'interpretazione del DM 23/01/2004, è stato esposto il seguente QUESITO

RISOLUZIONE N. 195/E. Con l'interpello specificato in oggetto, concernente l'interpretazione del DM 23/01/2004, è stato esposto il seguente QUESITO RISOLUZIONE N. 195/E Roma, 30 luglio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 D.M. 23 gennaio 2004 conservazione sostitutiva

Dettagli

Deliberazione della Giunta Regionale 2 agosto 2013, n. 37-6240 Servizi on-line: modalita' di autenticazione dei cittadini.

Deliberazione della Giunta Regionale 2 agosto 2013, n. 37-6240 Servizi on-line: modalita' di autenticazione dei cittadini. REGIONE PIEMONTE BU32 08/08/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 2 agosto 2013, n. 37-6240 Servizi on-line: modalita' di autenticazione dei cittadini. A relazione degli Assessori Vignale, Ghiglia,

Dettagli

COMUNE DI CASTELCUCCO

COMUNE DI CASTELCUCCO COMUNE DI CASTELCUCCO Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni ai sensi art. 24, comma 3 bis D.L. n. 90/2014 e s.m.i. SOMMARIO 1 CONTESTO

Dettagli

Il Codice dell Amministrazione Digitale

Il Codice dell Amministrazione Digitale Il Codice dell Amministrazione Digitale Elena Tabet DigitPA Torino, 23 novembre 2011 Riforma del CAD - Impostazione Rinnovamento del quadro normativo del D.lgs 82/2005 Adeguamento dello scenario tecnologico

Dettagli

PA online evoluzione normativa

PA online evoluzione normativa PA online evoluzione normativa WEB PA Evoluzione normativa della PA nel web Albo online (legge 69/2009, art. 32) Dal 1 gennaio 2011 è entrato in vigore, dopo un anno di proroga, l art. 32 della L. 69/2009

Dettagli

Quali servizi per un Agenda digitale alpina

Quali servizi per un Agenda digitale alpina Quali servizi per un Agenda digitale alpina Marcello Petitta, responsabile ENEA per la Convenzione delle Alpi Con contributi di Roberto Pizzicannella e Sergio Bettotti, Provincia Autonoma di Trento Agenda

Dettagli

Caso di studio nazionale sul Taccuino e PHR : Toscana

Caso di studio nazionale sul Taccuino e PHR : Toscana Caso di studio nazionale sul Taccuino e PHR : Toscana Alessandra Morelli Regione Toscana Trento, 21 marzo 2014 AGENDA Il Sistema Sanitario della Toscana (SST) Obiettivi e strumenti Sistema ICT Il progetto

Dettagli

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Dipartimento Programmazione e Finanze SALVATORE PANZANARO DOMENICA NARDELLI GIUSEPPE BERNARDO FFAELE PACIELLO ENRICO D ALESSIO

Dettagli

Roma, 22 dicembre 2010

Roma, 22 dicembre 2010 Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Roma, 22 dicembre 2010 Executive Summary Il Nuovo Codice dell amministrazione digitale traccia il quadro legislativo entro cui deve attuarsi la digitalizzazioneit

Dettagli

Seminario Processi Innovativi

Seminario Processi Innovativi Seminario Processi Innovativi Agenda Semplificazione Agenda Digitale Fatturazione Elettronica e Split Payment Agenda Semplificazione Settori Strategici Individuati Cittadinanza Digitale Welfare e Salute

Dettagli

L OBBLIGO DI FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA

L OBBLIGO DI FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA L OBBLIGO DI FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Adempimenti per le imprese 1 Normativa e Prassi Legge n. 244 del 24.12.2007, articolo 1 commi 209-214 Direttiva UE 45/2010 L. 24.12.2012

Dettagli

S o c i e t à s p e c i a l i z z a t a i n s e r v i z i d i c o n s u l e n z a e d i S y s t e m I n t e g r a t o r p e r P. A e P. M.

S o c i e t à s p e c i a l i z z a t a i n s e r v i z i d i c o n s u l e n z a e d i S y s t e m I n t e g r a t o r p e r P. A e P. M. S o c i e t à s p e c i a l i z z a t a i n s e r v i z i d i c o n s u l e n z a e d i S y s t e m I n t e g r a t o r p e r P. A e P. M. I L a C o n s e r v a z i o n e S o s t i t u t i v a p e r l

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei ministri. Agenda digitale italiana egovernment innovazione digitale nella PA

Presidenza del Consiglio dei ministri. Agenda digitale italiana egovernment innovazione digitale nella PA Presidenza del Consiglio dei ministri Agenda digitale italiana egovernment innovazione digitale nella PA 1 Agenda digitale italiana - Innovazione digitale nella PA - Infrastrutture abilitanti per la digitalizzazione

Dettagli

Manuale per la compilazione del modulo di rendicontazione delle Spese Elettorali 2014

Manuale per la compilazione del modulo di rendicontazione delle Spese Elettorali 2014 Manuale per la compilazione del modulo di rendicontazione delle Spese Elettorali 2014 Premessa...2 Rendiconto dei comuni...2 Informazioni utili preliminari...2 Modalità di utilizzo e presentazione del

Dettagli

PROFILI OPERATIVI PER I PROFESSIONISTI CHE ACCEDONO AI SERVIZI ON LINE DEL COMUNE DI FIRENZE

PROFILI OPERATIVI PER I PROFESSIONISTI CHE ACCEDONO AI SERVIZI ON LINE DEL COMUNE DI FIRENZE PROFILI OPERATIVI PER I PROFESSIONISTI CHE ACCEDONO AI SERVIZI ON LINE DEL COMUNE DI FIRENZE Comune di Pag. 1 di 8 INDICE 1. AGGIORNAMENTI. 2 2. PROFILI OPERATIVI...3 1. AGGIORNAMENTI DATA EDIZIONE MODIFICA

Dettagli

In vigore anche per i professionisti l obbligo di emissione di sole fatture elettroniche per servizi resi verso le pubbliche amministrazioni

In vigore anche per i professionisti l obbligo di emissione di sole fatture elettroniche per servizi resi verso le pubbliche amministrazioni In vigore anche per i professionisti l obbligo di emissione di sole fatture elettroniche per servizi resi verso le pubbliche amministrazioni La Legge Finanziaria 2008 (Legge 244/2007, articolo 1, commi

Dettagli

La Dematerializzazione dei documenti. Fabio Visentin Marketing Document Management

La Dematerializzazione dei documenti. Fabio Visentin Marketing Document Management La Dematerializzazione dei documenti Fabio Visentin Marketing Document Management Il nuovo CAD in estrema sintesi Principi guida del nuovo CAD Diritto all uso delle tecnologie verso amministrazioni e gestori

Dettagli

CREDITO E FINANZA Circolare Febbraio 2013

CREDITO E FINANZA Circolare Febbraio 2013 CREDITO E FINANZA Circolare Febbraio 2013 CREDITO 1. Misure per il credito alle PMI Confronto con ABI pag. 1 2. Fondo di Garanzia per le PMI pag. 1 FINANZA 3. Crowdfunding Raccolta di capitali di rischio

Dettagli

Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale

Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Un nuovo Codice dell amministrazione digitale per una nuova PA Il nuovo Codice dell amministrazione digitale (CAD) stabilisce le regole per la digitalizzazione

Dettagli

Servizi di staff Personale Uffici Personale Competenze esemplificative di procedimento

Servizi di staff Personale Uffici Personale Competenze esemplificative di procedimento Amministrazione trasparente art. 13, comma 1, lett. b) D.Lgs. n. 33/2013 Articolazione degli uffici, competenze e risorse a disposizione di ciascun ufficio La struttura organizzativa degli Uffici dell

Dettagli

Knowledge Box Spring 2011. Il nuovo CAD Per valorizzare il patrimonio informativo e conoscitivo delle PA

Knowledge Box Spring 2011. Il nuovo CAD Per valorizzare il patrimonio informativo e conoscitivo delle PA Knowledge Box Spring 2011 Il nuovo CAD Per valorizzare il patrimonio informativo e conoscitivo delle PA Maria Pia Giovannini DigitPA Responsabile Ufficio Sistemi per l efficienza della gestione delle risorse

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: IL NUOVO OBBLIGO CON DECORRENZA DAL 31 MARZO 2015

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: IL NUOVO OBBLIGO CON DECORRENZA DAL 31 MARZO 2015 Segnalazioni Novità Prassi Interpretative LA FATTURAZIONE ELETTRONICA NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: IL NUOVO OBBLIGO CON DECORRENZA DAL 31 MARZO 2015 A partire dal 31 marzo 2015 scatterà

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 agosto 2013

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 agosto 2013 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 agosto 2013 Modalita' di consegna, da parte delle Aziende sanitarie, dei referti medici tramite web, posta elettronica certificata e altre modalita'

Dettagli

Audizione. Assinform

Audizione. Assinform Audizione di Assinform Associazione italiana dell Information Technology presso la 10 a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo) del Senato della Repubblica nell ambito dell esame del disegno

Dettagli

Direttiva del 4 gennaio 2005 LINEE GUIDA IN MATERIA DI DIGITALIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE. (Gazzetta Ufficiale n. 35 del 12 febbraio 2005)

Direttiva del 4 gennaio 2005 LINEE GUIDA IN MATERIA DI DIGITALIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE. (Gazzetta Ufficiale n. 35 del 12 febbraio 2005) Direttiva del 4 gennaio 2005 LINEE GUIDA IN MATERIA DI DIGITALIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE (Gazzetta Ufficiale n. 35 del 12 febbraio 2005) ----------------------------------------------------- IL MINISTRO

Dettagli

1997-2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009

1997-2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 Cronologia della normativa di riferimento DPR 513-97 Regolamento per la modalità di formazione, archiviazione e trasmissione di documenti DPCM 8/2/99 Regole tecniche sulla materia Circolare AIPA n24, 19/06/2000

Dettagli

La nuova disciplina in materia di fatturazione elettronica.

La nuova disciplina in materia di fatturazione elettronica. La nuova disciplina in materia di fatturazione elettronica. di Leda Rita Corrado (*) Riferimenti: Direttiva 2010/45/UE del Consiglio del 13 luglio 2010, recante modifica della direttiva 2006/112/CE relativa

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI FORNITORI

DOMANDE FREQUENTI FORNITORI DOMANDE FREQUENTI FORNITORI Data pubblicazione: 20/03/2015 Pagina 1 di 5 INDICE 1. Registrazione ai servizi di ARCA... 3 1.1. L iscrizione a Sintel è obbligatoria?... 3 1.2. Come posso registrarmi ai servizi

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni Ai sensi del comma 3 bis dell art. 24 del D.L. 90/2014 convertito nella legge 11/08/2014 n. 114

Dettagli

INFORMATIVA DI GIUNTA

INFORMATIVA DI GIUNTA COPIA ATTI: 1787/3.6/2014/1 N. REP. GEN. 5/2014 INFORMATIVA DI GIUNTA Oggetto: Informativa in merito alla realizzazione del Piano di Continuità Operativa del Sistema Informativo della Provincia di Milano.

Dettagli

STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE. Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014

STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE. Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014 Al servizio di gente unica STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014 Trieste 11 febbraio 2015 La crescita digitale in

Dettagli

COMUNE di PORTOGRUARO - PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011

COMUNE di PORTOGRUARO - PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011 SEZIONE A Sistema informativo comunale, rete e sicurezza Nell ambito del sistema informativo, degli applicativi in uso, della rete e del sistema di sicurezza va mantenuta e migliorata l efficienza intervenendo

Dettagli

Lombardia Informatica. Maggio 2015

Lombardia Informatica. Maggio 2015 Lombardia Informatica Maggio 2015 Mission Lombardia Informatica svolge un ruolo di cerniera tra la domanda della Pubblica Amministrazione e l offerta del mercato dell Information & Communication Technology

Dettagli

Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale: opportunità per i cittadini, adempimenti per le amministrazioni Napoli, 28 aprile 2011

Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale: opportunità per i cittadini, adempimenti per le amministrazioni Napoli, 28 aprile 2011 Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale: opportunità per i cittadini, adempimenti per le amministrazioni Napoli, 28 aprile 2011 IL DOCUMENTO INFORMATICO E LA SUA GESTIONE Enrica Massella Ducci Teri

Dettagli

Il nuovo codice della PA digitale

Il nuovo codice della PA digitale Il nuovo codice della PA digitale 1. Cosa è e a cosa serve Le pubbliche amministrazioni sono molto cambiate in questi ultimi anni: secondo i sondaggi i cittadini stessi le vedono mediamente più veloci

Dettagli

COME PROTOCOLLARE MESSAGGI DI PEC

COME PROTOCOLLARE MESSAGGI DI PEC Servizi per l e-government nell Università Federico II COME PROTOCOLLARE MESSAGGI DI PEC Data ultima revisione: 16 novembre 2010 Versione: 3.0 A cura del CSI - Area tecnica E-government e-mail: egov@unina.it

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA ALLEGATO A PROTOCOLLO DI INTESA TRA Regione Toscana e Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani UNCEM Toscana Associazione Regionale dei Comuni della Toscana ANCI Toscana Unione Province Toscane UPI

Dettagli

AWN ArchiWorld Network * * * * * FD Firma Digitale PEC Posta Elettronica Certificata CARATTERISTICHE E FUNZIONALITÀ

AWN ArchiWorld Network * * * * * FD Firma Digitale PEC Posta Elettronica Certificata CARATTERISTICHE E FUNZIONALITÀ Pag. 1 / 9 * * * * * FD Firma Digitale PEC Posta Elettronica Certificata Roma, rev. 1 13 marzo 2008 INDICE 1. FD > Caratteristiche...2 1.1 Note generali...2 1.2 La normativa di riferimento...2 2. FD >

Dettagli

SMART CARD-APPLICAZIONI

SMART CARD-APPLICAZIONI SMART CARD-APPLICAZIONI Le applicazioni pratiche delle Smart Card possono essere suddivise in 3 categorie principali: 1- Trasporto Dati: la Smart Card e usata come mezzo per memorizzare informazioni; 2-

Dettagli