Storia contemporanea. Appunti di: Simone Del Conte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Storia contemporanea. Appunti di: Simone Del Conte"

Transcript

1 MATERIA Storia contemporanea PROFESSORE Colombo Paolo ANNO DI CORSO 2 NOTE Appunti presi con l Ipad, molto probabilmente contengono errori grammaticali dovuti alla battitura e alla tastiera dell Ipad QUESTI APPUNTI LI TROVI SU Appunti di: Simone Del Conte STORIA CONTEMPORANEA 9 OTTOBRE Storia contemporanea la contemporaneità è il momento istantaneo in cui si vive, la storia contemporanea è un ossimoro. Bedarida ha sostenuto che la parola contemporaneo deve essere riservata al tempo che si vive. Ciò che si vive è anche memoria del passato che portiamo con noi. Noi siamo noi adesso è ciò che siamo stati e con la previsione di ciò che saremo. Quando comincia la contemporaneità? Quando finisce la storia contemporanea? Fukujama scrisse nel 1989 un saggio dal titolo "la fine della storia", alla fine del rapporto tesi -antitesisintesi la storia finisce secondo lo scrittore, portando un nuovo modello atto a soddisfare i bisogni della società. Fukujama sbaglia tutto, perché nuova tesi nuova antitesi. Ma dove inizia la storia contemporanea? Serie di momenti considerati il punto di inizio della storia contemporanea: 1) rivoluzione francese ) restaurazione 800 3) rivoluzione industriale 4) avvento dei nuovi media 5) inizio 900 prima guerra mondiale 6) totalitarismi 7) seconda guerra mondiale Il SENSO DELLA STORIA La storia non serve a niente. Non esiste la storia migistra vitae Si fa storia perché è bello farlo. La storia si chiama storia perché si racconta, è bello ascoltare e farsi raccontare storie. Studiare storia ha senso solo se mi da ragione dei cambiamenti. L'oggetto tipico della storia deve essere il mutamento. La storia va alla ricerca del passato. Gli storici non sanno quale è il loro oggetto di indagine finché nn è accaduto. Non esiste mai una verità storica, Lanaro dichiara che la verità storica si declina sempre al plurale. 11 OTTOBRE

2 La storia serve a due cose: 1) a darci consapevolezza delle possibilità aperte dal pensiero. 2) la storia ci insegna che abbiamo un altissimo grado di responsabilità. L'obbiettivo basa per chi studia storia non è preparare modelli di azione e pensiero apparentemente infallibile, ma mostrare cosa è successo quando di è tentato di farlo. Se le verità storiche sono plurali, lo storico non può manipolare a piacere la materia con cui lavora. Ragioniamo sul passato che ci sta alle spalle. Iniziamo la storia contemporanea all'interno della metà dell'800. Concetti che strutturano l'800: 1) ROMANTICISMO reazione all'illuminismo. Ha un quadro estremamente variegato a seconda delle aree geografiche, ha a che fare con il NAZIONALISMO. Il romanticismo può essere al tempo stesso elemento di novità ed elemento si conservatorismo. Romanticismo=storia La storia cosa è nell'800? È un divenire tortuoso e complicato, avverso alla visione positivistica di uno sviluppo lineare. Recupero del valore del passato storico, confine ambiguo e confuso del rapporto tra storia e mito. L'ambiguità ideologia romantica funziona benissimo, perché va a legarsi alle idee di nazione e patria. tutto questo funziona a livello occidentale grazie all'idea che cercherà di comportare l'idea politologia dell'uomo attraverso il mutamento delle nazioni. 2) circolazione rapidissima di idee e di notizie Attività editoriale impressionante, allargamento della cultura stampa. Giornali e notizie riescono ad arrivare più facilmente a tutti. Comunicazioni molto più rapide, nuove fonti di energia, nuovi mezzi di comunicazione, nuove vie di comunicazione (ferrovie) Nuovo modo di raccontare tutto ciò che avviene. (Nasce il Romanzo) Movimenti nazionali fine di tutta una serie di modelli geopolitici che avevano retto l'universo fino a quel momento. Il nazionalismo è una rilettura delle idee della rivoluzione francese. (Seyes) reazione al modello napoleonico. Arriva il CAPITALISMO che ha una stretta connessione con il CAPITALISMO, i grandi capitali si accumulano solo dentro grandi stati, il nuovo sistema obbliga ad avere grandi mercati uniti, ecco gli STATI NAZIONALI. La rivoluzione industriale, inizialmente è una rivoluzione agraria, si comincia a usare le recinzioni, si comincia a vendere a privati terre che prima erano di demanio, nuove colture, rotazione delle colture, comparsa di nuove macchine e conoscenze scientifiche che permettono uno sfruttamento intensivo della terra. Io produco per vendere e non più per consumare. Inizierò a vendere perché ho sovrapproduzione. Produco di più con meno forza lavoro, ciò comporta esubero di forza lavoro, creando disoccupazione, ciò comporta lo spostamento dei disoccupati nelle città URBANESIMO. Città gonfie e strabordanti di persone. Gli imprenditori cominciano a sfruttare la forza lavoro per produrre, le innovazioni scientifiche e tecniche permettono di produrre sempre meglio a una velocità ed un prezzo minore. Nuove fonti di energia, carbon fossile. Settori metallurgici e tessili che tirano la volata. Nascita dell'economia di mercato, dovuta alla circolazione di informazioni, persone e cose. Concentrazione di determinate produzioni in determinate aree. Specializzazione del lavoro. Tutti questi elementi innovativi si basano sulla nuova legge tra domanda ed

3 offerta. Divisione tra capitale e lavoro, c'è chi ha i soldi per far funzionare il tutto e che mette la manodopera per permettere il lavoro. Nasce la figura dell'imprenditore e nascono i grandi capitali e le banche. Diffusione di rete di illuminazione e gas su rete nazionale è possibile solo per un imprenditore enorme come lo stato. Appaiono crisi violentissime mai viste in precedenza. Crisi di sovrapproduzione, inconcepibili fino ad allora. Rivoluzione demografica, dovuta a una diminuzione delle morti. Cambiano le condizioni di vita. Nasce la donna lavoratrice. La donna lavoratrice è percepita nel 19 secolo come un problema, e siste una versione implicita e causa che viene data per certa, che mette l'origine di questo problema nel trasferimento della produzione dal nucleo domestico alla fabbrica. Discussione sulla compatibilità tra femminilità e salario. La donna soprattutto nel l'800 poteva lavorare solamente per breve periodo, da quando superava la libertà al momento del matrimonio, fermandosi per fare ed accudire i figli, tornerà al lavoro quando i figli saranno grandi. Uno dei presupposti delle teoria dell'analisi sociale dei tempi vede nel genere l'unico motivo di differenza tra uomini e donne sul mercato. Il secondo presupposto della percezione di questa novità è l'ideologia della vita famigliare o dottrina delle sfere separare. Modo di reinterpretare la divisione del lavoro, dividendolo in due sfere separare: lavoro uomo, famiglia donna. In realtà la donna ha sempre lavorato fuori, ovviamente non con le modalità innovative dell'800 poiché non esistevano. Tutta una serie di lavori femminili precedenti portano la donna fuori di casa. Il lavoro industriale, paradossalmente, migliora la condizione di orario delle donne lavoratrici in quanto il loro orario è stabilito dai ritmi della fabbrica. Le donne che lavorano in casa lavorano a cottimo, quindi non hanno la possibilità di curare la casa e la famiglia durante il lavoro. L'inserimento delle donne nel mondo industriale significa una cosa che raramente viene messa in luce nell'800, significa che storicamente, siamo d fronte ad un momento in cui i datori di lavoro decidono di risparmiare sulla forza lavoro poiché le donne costano meno degli uomini. Spesso si modifica la produzione per permettere un aumento di impiego delle donne che comporta un profitto maggiore per l'imprenditore. Associazione delle donne con determinati tipi di lavoro, associazione formalizzata ed istituzionalizzata attraverso il discorso socio politico. Assiomatica. Compare la macchina da scrivere. Tendenzialmente chi batte a macchina è la donna perché le donne sono più portate al raggiungimento delle capacità necessarie. Il modello culturale dell 800 è orientato dell'aristocrazia alla borghesia. Forma di apprendimento socializzazione e cultura per le ragazze di buona cultura è la capacità di suonare il pianoforte, il che comporta una maggiore manualità che permetterà una maggiore velocità alla macchina da scrivere. Differenti scuole di economia politica, grandissimi pensatori, teorizzano il salario di famiglia, ovvero, il maschio che va a lavorare porta a casa un salario che nn è solo il corrispettivo del suo lavoro, ma è ciò più un pezzo che le consente la o le donne che avrà a carico e i figli. (Adam Smith) Il salario degli uomini serve al mantenimento della famiglia, se la donna guadagna, guadagna qualcosa in più di quello che serve alla famiglia.

4 L'uomo produce, fa l'attività che da valore alle cose, la donna riproduce mettendo a disposizione la "materia grezza". Anche i più avanzati pensatori lottano per il salario di famiglia. Spesso gli imprenditori più illuminati teorizzano il salario di famiglia, ma automaticamente mettono in funzione una serie di mutamenti anche psicologici. Gli uomini iniziano a capire che se non portano a casa il salario di famiglia sono dei falliti sociali perché tutta la famiglia dipende da ciò è se la donna va a lavorare fuori, vuol dire che il marito da solo nn c'è la fa e lei è costretta a lavorare perché l'uomo nn guadagna abbastanza per dare da lavorare ai figli, l'operaio perde la faccia davanti ai suoi pari. La donna che rimane a casa era modello di rispettabilità sociale. I salari più bassi che si danno alle donne generano un cortocircuito ideologico, ovvero presume la minor produttività delle donne. In realtà il tema argomentativo è uno solo e per creare veridicità ne servono due. Donne raggruppate solo in alcune mansioni, tendenzialmente al fondo della scala produttiva, con salari sotto al limite della sussistenza. La donna single nell'800 non esiste perché non potrebbe vivere in quanto non guadagna tanto quanto le basta per vivere. I datori di lavoro contribuiscono, anche in buona fede, alla divisione sessuale del lavoro. Anche i sindacati lavorano a favore di questi meccanismi. Il sindacato si basa sul principio di uguaglianza. La donna è percepita come una concorrente sleale e non come una compagna di lavoro. La donna è in questo quadro un lavoratore imperfetto, perché si presume che non lavora ai ritmi dell'uomo, non produce quanto l'uomo, perché il suo salario non è essenziale in quanto non le permetti di vivere basandosi solo sul suo salario. 16 OTTOBRE 800 processo di costruzione dello stato nazionale italiano. Pochi punti che ci aiutano a richiamare alla mente un piano problematico. Unificazione italiana estremamente rapida, simile a quella tedesca. Massimo di risalenza storica per lo stato italiano ma manca di continuità storia nel processo di riunificazione. Tutto questo processo avviene all'insegna della centralizzazione. Sostanzialmente autoritaria e con una forte connotazione militare. scarso dibattito sulle soluzioni istituzionali possibili. sostanziale assenza di dibattito nelle sedi politiche istituzionali. aiuto straniero aiuto francese e diplomazia inglese. si fonda sostanzialmente sull'ambiguità politica assenza di alternative credibili al Piemonte assenza di alternative al modello piemontese. Nuovo stato si modella sul modello sabaudo. Accenni alla questione meridionale: Funzionari locali che rispondono direttamente al governo centrale (prefetti piemontesi) Non ci sono possibilità di apertura alle autonomie locali, alti gradi della burocrazia monopoliz zati da funzionari di carriera nordici, tendenzialmente piemontesi. Il parlamento che si costituisce non si palesa pari al compito che potremmo immaginarci in una simile situazione. Gruppi regionali. La classe politica che ne viene è una classe politica molto priva di differenze al proprio interno, il 2% della popolazione vota sostanzialmente gli stessi notabili da per tutto. La famigerata distinzione tra destra e sinistra storica è una distinzione dei fatti molto labili. Risultato più eclatante è il brigantaggio. Il brigantaggio diventa la punta dell iceberg della differenza di

5 caratteristiche di socialità economia cultura e modalità di gestione dell'ordine tra aree vagamente settentrionali e aree vagamente meridionali. Il brigantaggio assume connotazioni di rifiuto dello stato piemontese e lo stato unitario di matrice piemontese lo vede come un affronto. La risposta a questo problema dello stato è la repressione. Realisticamente questo è ciò che il Piemonte è tenuto a fare di fronte alle politiche intern azionali. Usciamo a fatica dalla logica della santa alleanza. Impatto culturalmente devastante, i piemontesi nn capiscono nulla dei meridionali e i meridionali nn capiscono nulla dei piemontesi. Battuta di Domenico Farini. Quella meridionale viene vista da subito come una questione morale. Analfabetismo meridionale al 90%. 15 agosto 1863 legge Pica applicazione della legge marziale, stato d'assedio e ogni mezzo repressivo per mantenere l'ordine. Il brigantaggio è una reazione allo stato o allo stato piemontese? Il brigantaggio c'è prima dell'unificazione come risposta alla povertà e alla delinquenza. Le richieste dello stato unitario sono: tassazione e coscrizione obbligatoria. La Sicilia Regione essenzialmente agricola, vive su un agricoltura di stampo feudale medioevale.la leva obbligatoria porta via i maschi giovani in età di lavoro dai campi. Se ti chiedo tasse tu devi pagarle, anche se non hai la possibilità devi pagare le tasse. Si sviluppa un brigantaggio con connotati differenti e senza strumenti culturali per opporsi allo stato piemontese. Dentro al brigantaggio cominciano ad entrare le fila che da origine a qualcosa che inizia ad assomigliare alla mafia nell' OTTOBRE La storia della mafia Se proviamo a ricostruire etimologicamente la parola mafia ci troviamo di fronte ad una moltitudine di opzioni plausibili che variano dal dialetto, alle traduzione del volgare arcaico all'arabo, parole che stanno ad indicare spesso cave, grotte, parole che vanno ad indicare chi va a nascondersi in qu esti luoghi. Si trova anche un mafil che sta per adunanza. Malfood che sta per rifiutare. La parola mafia si trova in tutti i dialetti con significati differenti. L'origine più accreditata é araba, forse la più accettata è malfood. All'origine del senso della parola noi troviamo una doppia accezione della parola mafia nella seconda metà dell 800. Mafia e mafioso hanno una accezione positiva ed una negativa che convivono dal dizionario italiano: neologismo per indicare azioni parole o altro di chi vuole fare il bravo. Luigi capuana in una conferenza del 1894 dichiara che mafiosa è qualcosa di grazioso, gentile. Accezione negativa, forse viene da un dramma "i mafiosi della vicaria" Giuseppe rizzotto 1863 dove si descrive la società palermitana e i mafiosi sono i "bravi". Filippo gualterio nel 1865 è prefetto di Palermo e dice che in Sicilia la mafia è il complesso di piccole organizzazioni segrete che tendono a sostituirsi ai pubblici poteri per creare una sorta di giustizia primitiva sostitutiva a quella statale. Fattori storici: dal 1100 al 1860 in Sicilia, terra di continue conquiste, che si succedono a ritmo relativamente sostenute. Sentimento di sfiducia nei confronti del potere politico avvertito come imposto e risiedente lontano. Questa storia tendenzialmente produce o una entità governativa autonoma. Il governo italiano del dopo unità nn viene concepito molto differentemente rispetto al governo straniero.

6 Terra essenzialmente agricola. La terra é la principale risorsa economica e politica. Abolito nel da decreti dei governi autonomi siciliani che vietano feudalesimo e latifondo. Latifondo tradotto pochi proprietari di tante terre che se ne fotto delle proprie terre e vivono sostanzialmente nella grande città (Palermo). Tendenzialmente il contadino siciliano lavora una terra che non è la sua terra e tendenzialmente non ci abita sopra, ma abita in piccoli villaggi anche a grandi distanze dalla terra che coltiva. Desiderio di appropriarsi della terra e di sentire proprio il posto di lavoro. Il proprietario del fondo tendenzialmente è tendenzialmente un nobile che discende dai baroni. Gualterio intuisce confusamente l'esistenza di qualcuno che fa una forma di giustizia primitiva che non è lo stato. Il barone sulla sua proprietà ormai nn va più e delega terzi per ministrare la giustizia sulle sue terre. Il contadino inizia a vedere come potere colui che controllo al posto del reale padrone. Questi prendono il nome di gabellotti, che prendono il nome dal contratto di gabella. Ci sono anche tipologie di contratti diretti verso i contadini, contratto di mezzadria. A questo punto cominciamo a capire che la mafia nn è un problema morale, ma di formazione culturale e sociale, non è un movimento politico di base e non è una associazione a delinquere o a scopo di lucro come ai tempi più vicini a noi. Tre gruppi fondamentali sociali: nobiltà baronale classe contadina ceto medio composto in parte da civili professionisti, artigiani, massari un po più ricchi ed essenzialmente i gabellotti. Diritto di amministrare la giustizia sulle terre proprie dei baroni che dovrebbero garantire ordine e sicurezza sui propri territori, questo dovere viene delegato ai gabellotti. I contadini in questo periodo vivono regolarmente a livello di sussistenza quindi ogni crisi li fa piccate di sotto, questi momenti di crisi corrispondono ad altrettanti movimenti insurrezionali. La sostituzione ideale del gabellotto al baroni fa di lui un nascente borghese e al tempo stesso ne fa un nascente mafioso, borghesia e mafia siciliana sono collegati. Logica della fedeltà per la protezione. Due sono gli elementi principali nell'indagine dell'origine della mafia 1) ruolo mediatori 2) questione della suddetta doppia morale. Secondo molti studiosi del tema monopolio legittimo della forza e morale legata alla logica feudale. Il ruolo del mafioso è un istituzione di autosoccorso. Quando il sistema feudale nn riesce più a far funzionare la sua logica e lo stato moderno nn riesco ad applicare il suo sistema burocratico li nasce l'entità della mafia. L'istituto del patto di fedeltà è un istituto secolare, quindi intrinseco nella cultura meridionale, per secoli quel patto è l'elemento formativo. Tutta l'epica narrativa del sud Italia narra di questo, i pupi siciliani. Come reagisce lo stato unitario a questa situazione? Lo stato sabaudo nn ha nessuna intenzione di lasciare autonomie regionali, ciò comporta un aumento del brigantaggio, aumento di quella che sembra una ribellione allo stato costituito perché questo stato si basa sul monopolio legittimo della forza e dove c e monopolio legittimo della forza nn posso tollerare la presenza di altre forme di applicazione del potere coercitivo. Legge pica. Roberto martucci "la storia dell'italia unita".

7 Martucci non inventa nel suo scritto, ma dentro ci sono le fonti. Guerra civile Al termine del quinquenni di legge pica i dati ufficiali parlano di oltre 5000 morti, 5000 arrestati e 5000 presentati. Le istituzioni dichiarano il sud in uno stato di pace. Rimane forte il sistema di brigantaggio fondato su base di rapporto di fiducia e omertà. È un gioco di interconnessione continua tra brigantaggio stato e mafia. Ciò gioca a favore dei grandi proprietari che reprimono le riforme contadine e il brigantaggio. Ma quando c e da avere a che fare con lo stato centrale e lo stato centrale da fastidio il brigantaggio va benissimo. La mafia nn è una cosa, è tante cose ed ha tante forme continue. Lo stato comincia a capire la sua situazione mafia, nell'isola cambiano 5 questori in 6 anni perché nn si riesce a capire come risolvere questo problema processo ad Albanese, considerato uno dei più capaci a contrastare la malavita isolana. Albanese viene processato sulle basi di un magistrato che critica le prassi per mantenere l'ordine del questore. Albanese viene assolto e il magistrato viene costretto a dimettersi per il fallimento della sua azione. Il magistrato dichiarerà che la mafia siciliana è indistruttibile perché fortemente legata al potere locale si capisce che la questione meridionale è un problema discussione alla camera per decreto legge che tenta di combattere il brigantaggio nel meridione. Nel 1876 cambiano gli equilibri di maggioranza, nelle elezioni siciliane cambia incredibilmente l'orientamento. A Roma i parlamentari si aggregano su base regionale. Il parlamentare più di spicco siciliano era crispi che diventa il leader di questa nuova linea che va al potere prospettivamente all'inizio del secolo. In parlamento si realizzano 2 inchieste, sonnino e franchetti realizzano un inchiesta, "la Sicilia" mettendo li dei pezzi interessanti, sonnino si concentra sulla condizione contadina dicendo che bisogna intervenire li per abbassare la violenza tra le classi. Franchetti mette a fuoco l'idea di una classe dirigente che impone il potere. La Sicilia uscita dal feudalesimo non sembra in grado di far propria una idea di cosa pubblica dove l'esercizio del potere passa attraverso L'IMPERSONALITA della legge. Franchetti lavora ad un idea più intellettuale di mafia. 23 OTTOBRE Franchetti lavora un analisi in cui la mafia è rivelatore di un contesto sociale nn adatto ai principi su cui si fonda la convivenza. Strumentalizzazione della questione meridionale messa in atto dalla destra, ma questa analisi di sonnino e franchetti coincide con la svolta verso la sinistra storica. Il ministro degli interni decide di nominare alla prefettura di Palermo Malusardi, la sua politica ha subito efficacia con operazioni militari su larga scala minacce, con metodi repressivi violenti. Questa operazione è efficiente perché si usano primi barlumi di metodi molto moderni, aggiramento, colpire i mediatori, la rete di relazioni in cui questi operano. Come si fa a colpirli? Disponibilità di dati. Improvvisi arricchimenti di nuclei famigliari richiamavano un cambiamento di stato che meritava un indagine molti arresti nella famosa seconda fascia, quella dei mediatori. Il brigantaggio viene ancora visto come mafia, solito problema monopolio forza legittima. Si dichiara che si sta colpendo il brigantaggio. La mafia non sparisce, non a caso negli anni 90 la mafia alza il tiro. 1 gennaio 1893 in treno (termini-palermo) viene ucciso Emanuele notar Barolo con 27 pugnalate. Direttore banco di Sicilia, ex sindaco di Palermo e sostenitore della destra storica.

8 Molti circoli socialisti e radicali con alcuni giornali popolari attivano un contro movimento che nel dicembre 1899 un corteo in memoria dell'ex sindaco. Viene ritenuta una delle prime risposte civile al movimento mafioso si forma un movimento relativamente limitato temporalmente ma importante per la storia siciliana, i così detti Fasci siciliani. Crispi proclamerà lo stato di assedio contro i fasci siciliani. È impossibile aderire ai fasci ai mafiosi, vagabondi e uomini di mal'affare. Saranno repressi sia dalla mafia che dallo stato. La mafia inizialmente appoggerà la mafia poiché esso reprime i moti operai e contadini, ma il fascismo una volta arrivato al potere non può tollerare la mafia ed infatti il fascismo reagisce molto duramente una volta andato al potere. Cesare Mori prefetto mandato a Palermo da Mussolini. Colpisce in due direzioni: con i poteri speciali dati dal regime lotta serrata contro la mafia e confini ed espulsione dei mafiosi entrati a far parte della gerarchia fascista. Il 24 giugno 1929' telegramma comunica a mori il pensionamento pre temporale. La vulgata fascista dice che la mafia nel ventennio è sconfitta. 25 OTTOBRE Quali sono stati i simboli per sentirsi italiani nel momento in cui l'italia si costituisce? La bandiera con lo scudo sabaudo può essere uno dei simboli. Ma quali erano i sentimenti che veicolava un certo simbolo politico? Come si fa a capire come potevano funzionare i sentimenti politici nell'800? Come faccio ad usare un romanzo per fare storia? Un romanzo è un opera inventata, quindi nn posso prendere un romanzo leggerlo e dichiarare che il mondo sia così, ma devo cercare di studiare il romanzo per trarne delle caratteristiche reali della storia. Principalmente troverò delle caratteristiche sociali. Elaborato di sintesi che nessun documento potrebbe rendermi. Casa Savoia lavora fortemente sulla propria forza guerriera, basano il potere sull'italia poiché vincitori delle guerre di indipendenza. L'esercito è il filo di ferro che tiene unita l'italia. (Salvemini) L'esercito al tempo comunicava modelli di comportamento. L'altro strumento con cui i Savoia tentano di unificare l'italia è la creazione della scuola perché tutti potessero parlare la stessa lingua, dentro la scuola si reiterano i modelli dell'esercito, formando così dei futuri soldati in grado di comprendere gli ordini tutti con la stessa lingua. Distinzione tra credenda e Miranda. Le mie emozioni sono condivise da altri. Durkheim dirà che il mito è basilare per la composizione dell'ideologia dell'uomo politico. Perché potrei fidarmi di de amicis dal punto di vista storico? De amicis nasce in Liguria, studia alla scuola militare,diventa ufficiale a Modena entra nell'esercito, nel 1866 prende parte alla battaglia di custoza. Nel 1868 sarà in Sicilia durante l'epidemia di colera e nel 70 è alla breccia di porta pia dove fa una specie di cronista di guerra. Quando esce dall'esercito ha già una discreta fama come scrittore grazia a "bozzetti di vita militare". Prima di diventare famoso col cuore e dopo, va in giro per il mondo mandato reportage da dove va. Vede le cose e racconta quello che vede. Pubblicato a milano nel 1886 "cuore" è il libro dell'italia unità. Treves milano 1861

9 È un libro pieno di simboli. Trama cuore: Enrico ottini, bimbo appartenente della borghesia torinese scrive un diario durante l'anno in cui racconta ciò che succede a scuola. Si suppone che con atto pedagogico il padre di nascosto glielo legga e glielo annota. 17 giugno 1866 la Prussia dichiara guerra all'austria. 30 OTTOBRE Machiavelli ritiene sia determinante l'unità territoriale, linguistica e culturale. Nel caso italiano c'è qualcosa di particolare, l'elemento del sangue e della terra si sarebbe innestato precocemente altrove, perché in Italia c'è l'eredità politico giuridico di Roma, con i l problema che Roma antica è per vocazione universalista. All'origine Roma, la cultura classica, la magna Grecia italiaca, conferiscono una specifica peculiarità alla storia italiana. I secoli nei quali questa eredità avrebbe dovuto consolidarsi si incontra con una serie di problematiche politiche e sociali, invasioni, che la portano a svanire, in più frammentazione politica durata per secoli che comporta una particolare connotazione italiana. Frammentazione macro (stati regionali) e frammentazione interna (frammentazione campanilista). Tutto questo si traduce in un problema culturale, cioè la nostra lingua letteraria evolve, come lingua scritta e nn parlata, lingua d'élite perché le frammentazioni si traducono in culture dialettali. Frattura culturale fra lingua culturale e parlata. Per Foscolo la lingua italiana è sempre stata puramente letteraria. La cultura popolare dialettale rimane bassa. Il succedersi di incavassimo i comporta il succedersi di regimi politici che è un succedersi di élite politiche. Scetticismo politico di fondo presente in tutti gli italiani. Già Indrp Montanelli parlava dell'italia come un paese di contemporanei, ovvero contraddistinti a dimenticarsi le cose,quindi viviamo nell'oggi. Si alimenta nella cultura italiana uno spirito di privatizzazione del pubblico che si manifesta nel sovversivismo di Gramsci. Sovversivismo dal basso e dall'alto, dall'alto che strumentalizza la legge, dal basso che la legge la elude furbescamente. Mediocre interesse delle masse per i fatti politici. La riforma di Lutero innesca lo spirito del capitalismo. Vocazione ecumenica. Gli italiani si formano attraverso la fatica di uno stato unitario ad affermarsi ma anche attraverso al continuo lavorio di contrapposizione tra due forze interne anti sistema. Il primo è la chiesa cattolica (questione romana). Scomunica a tutti i cittadini che fanno parte della politica italiana che ha portato via il potere al papa. C'è una componente schizofrenica nella cultura italiana, ovvero io sono contemporaneamente una cosa ed il suo opposto. Alla fine dell'800 nascono le grandi forze della sinistra, socialismo e comunismo, questi sono il secondo elemento anti sistema. I partigiani sono la forza anti sistema per eccellenza negli anni della guerra freddo. LA SINISTRA NON DEVE ANDARE AL POTERE!!!!!!!!!!!!!!! fortissimo sforzo dello stato piemontese a creare uno stato di unità conigli strumenti di quei tempi. L'altro grande tentativo di costruzione di unità è l'esercito. Monumento ai caduti della prima guerra mondiale, perché gli italiani per la prima volta vivono la morte di massa come prima morte di italiani. Esperienza di fratellamento in trincea, cameratismo militare. Appena dopo la prima guerra mondiale il fascismo prova ad unificare l'italia facendo leva sull'ereditarietà romana e sulla vittoria della prima guerra mondiale. 6 NOVEMBRE

10 FORNIRE un parallelo di riflessione. Abbiamo parlato di un sistema italiano che all'apparenza fa acqua e proviamo a contrapporlo con la storia e la costruzione di un sistema apparentemente assai diverso. Stati Uniti come modello di comparazione perché c'è una singola coincidenza cronologica unità d'italia ed inizio guerra di secessione. Secondo motivo perché gli Stati Uniti sono tutto sommato il sistema dominante dai primi del 900 ad oggi. Chesterton nel 1922 diceva che l'america poteva essere considerata una nazione con l'anima della chiesa. Gli Stati Uniti si basano su un credo. Il mito americano, viene definito da qualche studioso come un racconto sacro in seno ad una religione civile. 3 elementi nel mito: Migrazione e colonizzazione Consapevolezza di una missione direttamente affidata agli americani La vita di frontiera Confronto dell'uomo con la natuara. L'immagine della frontiera per costruire il mito americano. La prima frontiera come immagine è quella delle miniere. Gli americani sono un popolo in movimento. La frontiera delle miniere. La corsa all'oro di migrazione maschile. Società giovane maschia e tendenzialmente anarchica. Si scappa negli stati uniti alla ricerca del successo, ma solitamente chi scappa è perché di bassa lega. Chi fa il minatore fa il minatore da solo. 1848/49 primi ritrovamenti casuali di oro fluviale. Tendenzialmente i minatori che si avventurano nella caccia all'oro non si arricchiscono, però colonizzano spostandosi all'interno. Questi rinvenimenti fluviali S fanno in California. Allora la California era abitata da circa nativi messicani 2000 europei, San Francisco aveva 600 abitanti. Lo spostamento dei coloni permette che la popolazione dei territori aumenti. Con il raggiungimento di una quantità di popolazione il territorio può richiedere di essere riconosciuto come stato. Nel 58 scoperta di importanti giacimenti in Colorado e in Nevada, cista minatori si dirigono verso i monti rocciosi. Nascono qui città che sono tipiche del mondo western e che sono concentrato di violenza apparente, di democrazia dal basso. Forma di democrazia dal basso magari violenta, basata sulla libertà di portare armi e il diritto di acquistare un arma come e quando vogliono e il diritto di giustizia privata. Nella zona bum di virginia city che in un anno arriva a abitanti. Nel Nevada, comstock Lode viene scoperto il più grande giacimento degli Stati Uniti in 20 anni. Ancora negli anni 70 circola notizia di ritrovamenti di giacimenti d'oro. 74 black hills territorio sacro degli indiani nativi d'america. L'esercito federale sono l'unica vera e propria forza di polizia presenti sul territorio, esso cerca di impedire l'ingresso dei cercatori d'oro in terra indiana. Ne entreranno in tre mesi, guerre indiane. Ciò dura quasi mezzo secolo. Nel 1896 c'è la penultima corsa all'oro 1898 ultima, klondike e le terre del nord tra klondike e Alaska. Nel 1906 all expo a milano all'arena arrivano ad esibirsi bufalo Bill e il suo circo, spettacolarizzazione americana. L'altro pezzo che tutti noi abbiamo nella testa pensando a quegli anni di fondazione culturale americana è il cowboy con le mandrie. FRONTIERA DELLE MANDRIE. Migrazione nelle praterie alla ricerca dei capi di bestiame, che non esistono in natura ma vengono

11 importati dai conquistatori spagnoli. Migrazione da sud a nord. I mandriani nordisti vanno a prendere i capi di bestia a sud e li portano a nord, perché comprati a sud li si comprano a basso costo è riportati al nord li rivendi ad alto costo. I cowboy disegnano delle piste che da sud permettono di muovere 100 di capi da sud a nord, portandoli dove sta arrivando progressivamente la linea ferroviaria. Tutta una serie degli stereotipi americani sono legati al mondo dei mandriani. Quando nel 43/44/45 in Italia arriveranno gli americani, gli italiani saranno allibiti davanti a questi "pezzi di tronco di pino". La frontiera delle mandrie si incontra e si scontra con la frontiera degli agricoltori. Movimento dei free solier. Questo genererà casini amministrativi ed organizzativi incredibili. Vere e proprie guerre tra agricoltori e mandriani. 15 NOVEMBRE Sarebbe erroneo pensare che il razzismo sia un fenomeno contemporaneo. Ma ciò che avviene nell' è molto particolare. Classificazione per razze e normotipi. Rilevazioni statistiche che alimentano la concezione della distinzione tra individui. Due fattori: 1) Incrocio con le teorie nazionalistiche (fichte) Imperialismo p, la nazione tende ad espandersi. Idea del passaggio da nazione a nazionalismo tedesca, contrapposizione alla francia napoleonica che rivendica il concetto di nazione. Fichte ha in mente un processo educativo nuovo nella tradizione germanica, immagina che solo la nazione germanica sia in grado di rispondere a questa sfida che recupera e da un senso di identità. Solo la razza pura e il territorio puro tedesco portano resistere e comandare. 2) Radicato mito sulle origini dell'europa. Idea arcaica di un invasione dal nord. Mito di una superiorità teutonica in termini etnici nordici. Popolazione ariana. L'800 è tempo di sviluppo scientifico notevole, nuove discipline, ma anche perfezionamento di antiche in chiave molto più tecniche e precise. La filologia: gli studi filologici dell'800 scoprono i rapporti delle principali lingue europee trovano le origini di molte lingue nel sanscrito, nasce l'idea scientifica di un antenato comune grazie alla radice comune delle principali lingue indoeuropee. Tentativo di separare le origini etnico culturali europee dalle radici cristiane. I romantici tedeschi vanno a nozze con questa teoria. Si guarda all'ebreo come un vero e proprio tipo rappresentativo spirituale legato al denaro ed alle regole, mentre l'aria no era innovativo, creativo. C'è un modo di comportarsi che non è razionale e legalista perché in germana c'è una cultura spirituale, fatta di volontà di mostrare il singolo. Tutti i popoli europei erano ariani, alcuni di più, altri di meno. Questo discorso è precedente ad hitler, è la cultura 800 europea. Impossibilità dispiegare in assenza di una teoria dell'evoluzione umana accettabile la distinzione delle

12 razze. Concezione secondo cui le razze dovevano essere specie diverse con origini diverse. Darwin mette fine a questo poligemismo. Non è più l'individuo che sopravvive sull'individuo ma la razza che se riesce a non farsi inquinare sopravvive alle altre. Purificazione della razza. Si prendono politiche molto all'avanguardia sulla base di tecniche scientifiche ritenute all'avanguardia per difendersi dall'incrocio con le altre razze, EUGENETICA. L'altra razza oltre a quella germanica rimasta pura è quella degli EBREI. Il pioniere della eugenetica è Fransis Gauton, l'unica forma di darwinismo sociale ammessa dallo stesso Darwin. Eugenetica vuol dire che in misura con forza variabile si decide chi si può riprodurre ed avere discendenza e chi no, aiutando anche le razze selezionate in questo intento. Selezione artificiale e non naturale secondo Darwin. È la società a costituire la parte più selettiva dell'ambiente. Teoria di Galton che dice che lo Stato deve intervenire, mappare le persone con gli strumenti della Biometica e favorire le unioni tra individui eccellenti. Due possibilità: 1) Concezioni eugenetiche interventiste, sterilizzazione, segregazione, obbligo di esami per matrimoniali. Affascinano gran Bretagna, America. Si preventivano misure di intervento forzato sulla popolazione a scopo eugenetico. 2) concezioni eugenetiche non interventiste, lo stato si limita a non fare cose. Si pensa che siano state sterilizzate persone negli USA in Svezia. Antropologia razziale ed eugemismo sono discipline presenti in tutte le università del nord europa ed inglesi. Nel 1898 lo stato del Michigan passa la legge per la castrazione di malati mentali, criminali recidivi ed epilettici. Nel 1907 in Indiana è approvata la prima legge che prevede la sterilizzazione delle categorie precedenti più gli sterilizzatori Nel stati utilizzeranno questa legge. I paesi nordici portano avanti campagne di sterilizzazione forzate dagli anni 20/30 agli anni 70 per persone ritenute disabili ma anche poveri vagabondi prostitute, madri con troppi figli, individui sui giudicati asociali o promiscui, transessuali. Le teorie razziste sono diffuse in tutta europa. Wagner è il centro del razzismo ottocentesco tedesco. Entusiasmo per il folklore teutonico. Wagner ha in mente la possibilità di dare nuovo vigore al mito attraverso l'opera d'arte. Tentativo di rendere il popolo tedesco degno di se stesso e di diff ondere la propria cultura. La rivelazione non è qualcosa di unico, contraddizione con il cristianesimo. Occorre che il popolo tedesco sia degno di quella occasione e pronto a cogliere quell'occasione. Wagner negli ultimi anni di vita stringe amicizia intellettuale con De Gobineau. Il circolo wagneriano diventa punto di riferimento per i sostenitori dell'antisemitismo, della concezione messianica del razzismo e mito dell'urfolk. Chamberlan sosterrà che Gesù non era ebreo. Chamberlan pensa che si possa riusci re a mantenere la

13 propria purezza razziale e gli ebrei sono il grande tipo contrapposto alla razza germanica, ha come definizione il modello di rimanere unici, non ha senso essere il popolo eletto e mischiarsi con gli altri. I latini erano ariani imbastarditi che erano finiti a seguire la chiesa cattolica, che con l'impero austroungarico è l'entità sovranazionale per definizione. Simpatie per la Germania luterana e protestate che crea la propria identità nazionale proprio su quello. Chamberlan non incoraggia la persecuzione sugli ebrei. Se le rivelazioni non producono effetti può essere perché qualche forza avversa traini nell'oscurità per impedirlo. Tutta la storia europea razzista vive in questi anni il mito della anti nazionalismo ebraico massonico. De Gubineau è il razzista pessimista francese, convinto che nn si possa fare nulla, che sia inevitabile il miscuglio tra razze. Il razzista ottimista per definizione è Hitler. Se il razzismo porto ad emarginazioni e persecuzioni solo col nazismo si arriva ad un ottica di soluzione finale, con lo sterminio estremo della razza ebraica e l'espansione tedesca in europa. Alfred Rosemberg mette nel nazismo la nuova chiesa del popolo. Hitler nel mine canf esalta l'importanza della somiglianza di sangue, ritiene solo la razza ariana depositaria dello sviluppo della civiltà. Il razzismo finirà per tradursi nello stato razziale. Il grande evento di toni razziali dell'800 è francese ed è l'affare dreyfus. Intorno al caso dreyfus monta un caso mediatico fino all'articolo di zola che fa questo articolo perché vuole che lo denuncino, perché lui è un comune cittadino e quindi sarà processato in sede civile. La stampa internazionale fa esplodere il caso, portando così il Francia l'umiliaio e per l'esercito. Grazie al connubio col nazionalismo l'antisemitismo diventa la base per ripristinare l'ideologia patriottica. Il nuovo nazionalismo propugna oltre alla teoria della superiorità di alcune razze e di alcune nazioni la superiorità di alcuni gruppi sociali privilegiati, l'elite., che emergono rispetto al popolo votato all'obbedienza. Esaltazione della guerra vista come mezzo per arrestare l'ascesa delle classi popolare e l'esaltazione della nazioni e delle élite. 20 NOVEMBRE PRIMA GUERRA MONDIALE Premesse: Tra fine 800 primi 900 fine dell'isolamento diplomatico francese. Consolidamento progressivo della triplice intesa vs triplice alleanza, scivolamento filo germanico abbastanza strano per la storia italiana. Alcune incrinature nell'isolamento politico francese si realizzano grazie al riavvicinamento tra Italia e Francia. Posizione internazionale dell'italia all'interno della triplice alleanza, atteggiamento neanche troppo nascosto di superiorità prussiano nei confronti dell'italia. Le due aree che generano complessità e tensioni sono quella africana e i Balcani. I giochi di pre potere nazionalisti sono fortissimi. Acutizzarsi dei conflitti economici, in particolare si riduce il distacco tra gran Bretagna e Germania. Crisi del sistema di alleanze bismarckiano. Moltiplicarsi dei punti di frizione. Progressivo disgregarsi della sfera di influenza dell'impero ottomano. Due fattori meno strettamente storico militari: Atteggiamento delle opinioni pubbliche. 3 ismi: nazionalismo, irredentismo, bellicismo. Ci si convince che la guerra sia una soluzione.

14 Sopravvalutazione delle forze militari ed errata concezione del conflitto. Ogni grande guerra parte dal presupposto che sia uguale a quella precedente. La prima guerra mondiale ha l'esempio della guerra franco prussiana. Caso italiano: Dibattito politico sull'entrata in guerra lungo e non irrilevante. 2 anni comune europei più uno solo italiano guerra per noi 15/18. Il dibattito politico italiano è in sede extraparlamentare e talvolta extrapolitico, versione interventista nazionalista più un interventismo democratico alimentato dai miti risorgimentale e patriottico. Posizioni neutraliste, soprattutto i socialisti. Sembrano non avere neanche tutti i torti. Neutralità condizionata. Ottenere dei vantaggi per non combattere. Neutralismo cattolico basato sul fatto che non si fa guerra, non si combatte, non si va ad uccidere tantomeno tra potenze cristiane e soprattutto cattoliche. L'emblema di questa faccenda sarà il patto di Londra in cui l'italia, con una scelta a tre teste, de cide a Londra con la triplice intesa l'ingresso in guerra al fianco della intesa. Tendenzialmente tutto segreto fino all'ultimo. Problema internazionale, l'italia si sta giocando grandi parti del suo internazionalismo. Segreta anche sul piano interno, decidono sonnino, il re e salandra. Il parlamento in quei mesi è prorogato, sospeso. Le vere condizioni del patto di Londra si sapranno solo anni dopo con la rivoluzione russa perché trapeleranno dagli archivi zaristi elementi sconosciuti del patto di Londra. Vicende della guerra: No guerra breve La guerra si stabilizza tra Francia e Germania (fronte occidentale) Guerra di logoramento Logoramento del sistema dietro alla guerra Guerra di logoramento psicologico su due livelli: collettivo ed individuale. Piano di intervento statale in economia e in ogni piano della vita sociale. Problema delle materie prime, problema della produzione, problema degli approvvigionamenti. Non saranno le grandi offensive a decidere chi vince ma il problema degli approvvigionamenti, la guerra sui mari ed il problema degli imperi centrali. L'identità politica tra russia e USA diventa sempre più importante. Fino al 14 l'europa è creditrice all'usa. Finita la prima guerra mondiale l'europa avrà un enorme debito con gli USA. Problema delle materie prime, gli imperi centrali devono fermare gli approvvigionamenti a Francia e Inghilterra. Guerra sottomarina. 17 rivoluzione russa chiama fuori la russia dal conflitto che firma una pace separata e blocca il fronte orientale permettendo agli stati centrali di spostare tutte le risorse sugli altri due fronti. Caporetto. 22 NOVEMBRE 1917 anno di svolta perché intervento statunitense di carattere ideologicamente democratico. Il fondamento dell'intervento bellico americano è dovuto agli attacchi sottomarini tedeschi. Idea che i responsabili delle malefatte politiche sono i governi e non i popoli. TEORIE DI WILSON RIVOLUZIONE RUSSA-> forti connotati militari! non a caso la rivoluzione del 17 comporta una conseguenza, l'impero zarista viene meno nel conflitto bellico. CRISI INTERNE

15 AUSTRIA: Vittorio Veneto, l'impero austro-ungarico è in crisi di suo Le forze prussiane tedesche perdono ma nn registrano la sconfitta clamorosa. Dentro alla Germania durante la guerra si manifestano toni rivoluzionari simili a quelli russi. Esperienze simili a quelle dei soviet si presentano anche in Germania. L'impero crolla prima ancora che la guerra finisca, un pezzo di opinione pubblica contraria alla guerra, imperatore costretto a fuggire, costruzione della repubblica di weimar si accavalla con la fine della guerra. In Germania si diffonde il convincimento che sia la socia democrazia si Weimar la causa delle condizioni di pace sfavorevoli tedesche. Alle trattative di Versailles non partecipano gli sconfitti e la russia. CONSEGUENZE DELLA GUERRA Guerra civile europea Le grandi masse 27 NOVEMBRE Iprite: gas più utilizzato durante la prima guerra mondiale. Dichiarazioni internazionali dell'800 iniziano a far intravedere gli accordi per la riduzione delle così dette armi chimiche. Nella prima guerra mondiale i gas vengono visti come le armi del futuro perché danno la possibilità di eliminare gli avversari senza utilizzo delle proprie forze. Secondo alcuni studiosi il 19 è il momento del massimo impiego di armi chimiche. La comparsa della guerra chimica il 15 nella battaglia di iprr dove i tedeschi usano per la prima volta l'iprite vittime solo in quella battaglia per colpa del gas. Progressivo disincanto degli alti stati maggiori nei confronti dell'utilizzo del gas, in particolare si studiamo diverse soluzioni tecniche per superare la difficoltà che quando utilizzi il gas non sai esattamente dove colpirà. Altissimo rischio di autolesionismo. La tecnologia non sarà in grado di superare per moltissimo tempo questi problemi. Nel clima del primo dopoguerra gli orrori del primo conflitto bellico 1925 Ginevra primo protocollo contro l'impiego dei gas tossici. I soldati non erano più vestiti come fino a poco tempo prima con sfarzosi abiti dai colori sgargianti con fasce stelle e cappelli, c'era l'idea di rendere la guerra bella, ma con la prima guerra mondiale arrivano uniformi pessime dai colori che permettevano una facile mimetizzazione. Gli aerei e la guerra aerea rappresentano una novità decisiva nella seconda guerra mondiale primo volo. L'interesse per gli aeromobili è molto bassa, Giulio douhte teorizza l'impiego bellico del mezzo aereo. Guerra libica primo impiego operativo degli aeroplani. Poche unità aeree a disposizione delle varie parti. 29 NOVEMBRE GUERRA TECNOLOGICA Inizialmente non esisteva il corpo dell'aeronautica ma gli aerei venivano affidati come strumenti ad altre parti dell'esercito. Solo nel 16 in Germania nascerà il corpo dell'aviazione. L'aereo è l'aviazione sono quei settori in cui sopravvive la così detta guerra di cavalleria che va via via sparendo durante la seconda guerra mondiale.

16 Il più famoso degli assi del volo fu il barone rosso, tanto da diventare un mito. Manfred fon richtofen. Quando viene abbattuto il suo funerale è organizzato dagli inglesi che lo abbattono. Con l'avvento dei bombardieri questo mondo "aereo cavalleresco" va sparendo. I dirigibili nella prima guerra mondiale sono un arma da guerra, molto più avanzata dal punto di vista della sperimentazione degli aerei. La Germania si sente avanzata su questo campo ed investe molto nell'uso dei dirigibili. Gli zeppelin vanno a scontrarsi proprio con il tema della guerra tecnologica,mi primi caccia hanno proiettili che nn perforano i teli dei dirigibili, con un cambiame nto dei proiettili vengo create modifiche sui dirigibili che comportano ulteriori modifiche ai caccia che porteranno ad una definitiva vittoria tecnologica dei caccia sui dirigibili che andranno a scomparire. L'uso degli aerei nella prima guerra mondiale distrugge molte cose come il fronte, cancella le linee di combattimento, ogni parte di una nazione può essere colpita in qualunque momento, le fabbriche diventano decisive in questa guerra e si storceranno alla fine della guerra con il problema della riconversione. L'industria produttiva meccanica italiana é la migliore. La guerra finisce con il mito della vittoria mutilata in Italia. Bollettino della vittoria letto da Armando Diaz. Ciò rivoluziona il modo di pensare e concepire il tempo e la storia. Alcune forze che sono state rilevanti nella prima guerra mondiale vivono il dopoguerra come estrema frustrazione. L'Italia non ha ottenuto ciò che avrebbe dovuto ottenere con la vittoria, vittoria mutilata. Vittoria denominata con un immagine appropriatissima, perché i mutilati sono un mondo nuovo dovuto al primo conflitto bellico. Questo nome alla guerra viene dato da Gabriele D'Annunzio che pubblica sul corriere della sera la "Preghiera di Serraglia" nella quale esprime le preoccupazioni per le insidie di una pace che sta per arrivare, che sarebbe inviata alla tristezza degli uomini non come colomba ma come serpe. Questo è un trasparente attacco a Wilson, un tentativo di rinvigorire l'odio verso i nemici perché non vuole che la grandezza d'animo del combattimento si muti in disputa lunga di vecchi in concilio senile. Queste sono le premesse per l'esplosione di un nazionalismo ancor più nevrotico. D'Annunzio alimenta una sindrome di patriottismo ferito che avvelena tutto il dopoguerra italiano. L'associazione nazionale mutilati ed invalidi di guerra nasce nella primavera del 17. Il termine mutilato entra nel linguaggio comune, dall'altro rinvia alla immagine della statuaria classica. La vittoria Italia nell'idea di vittoria mutilata era qualitativamente diversa e migliore rispetto alle altre in quanto dovuta esclusivamente al valore e al sacrificio degli uomini. Si attribuisce agli alleati la volontà di sfruttare questo eroismo italiano per giungere a loro scopi personali e a defraudare l'italia. Si identificano i frutti legittimi di questa vittoria nella più ampia espansione territoriale possibile, in particolare la costa adriatica e l'aspirazione italiana di arrivare ai Balcani attraverso l'adriatico. Questi assiomi vengono amplificati più che argomentati. Uno dei protagonisti è D'Annunzio in alcuni scritti del 19. Non era vero che gli alleati si prenderemmo il vantaggio dell'opera italiana. Non era vero che l'italia avesse combattuto da sola contro l'austria Ungheria, gli allenati avevano aiutato l'italia con uomini e materiali. L'Italia con la prima guerra mondiale risolve il problema della sicurezza verso l'europa centrale.

17 Era vero in parte che gli altri tre grandi si stavano mostrando tutt'altro che ben disposti verso le richieste italiane. Era vero che l'italia considerata una potenza di secondo piano e scarsamente affidabile, godeva di una disistima forse sproporzionata rispetto ai suoi limiti. L'atteggiamento della diplomazia internazionale verso le richieste italiane era in qualche modo giustificato dall'esosità delle richieste stesse e tutto questo si acuisce con una linea discutibilissima della delegazione italiana a Versailles definita furbastra ed incoerente. La delegazione italiana, nella persona di sonnino ed orlando si ostina nel reclamare il risp etto letterale del patto di Londra. La diffidenza degli alleati verso l'italia risale proprio ai tempi della negoziazione dei patti di Londra. Il predecessore di sonnino non era per niente d'accordo con i progetti di sonnino di arrivare al controllo dell'adriatico. C'è sicuramente una ostinazione di sonnino che non vuole mollare le sue idee perché ha concentrato tutta la sua politica sui risultati del patto di Londra, sonnino era un buon politico ma non un buon diplomatico. La guerra dopo la rivoluzione russa e l'ingresso americano ha cambiato i connotati rendendo impossibile il rispetto dei patti presi 4 anni prima. Quando la delegazione italiana torna in Italia viene accolta come degli eroi dentro al clima del mito di una vittoria che deve avere tutti i propri risultati. Il clima dell'opinione pubblica di quegli anni sicuramente non è favorevole ad una ridefinizione delle condizione, saranno etichettati rinunciatari chi accetterà le condizioni. I rinunciatari si trovano nella scomoda posizione di chi non condividendo la linea dei rappresentanti ufficiali si espongono come chi vuole rovinare la linea di unità nazionale e quindi l'accusa di indebolire l'unta del paese. Sarà D'Annunzio a tentare di trasformare tutta questa vicenda in un epopea di stile Garibaldina con il fatto di Fiume. Pochi seppero sottrarsi a quel tempo al ricatto politico descritto fino ad ora, mettere fuorigioco che nn condivide le posizioni del governo. I socialisti anzi che schierarsi su posizioni flessibili troveranno in questo clima argomentazioni da usare contro la guerra. In se è per se la vera e propria febbre della vittoria mutilata si esaurisce in pochi mesi. La soluzione che viene fuori per l'italia con il trattato di Rapallo dice: l'istria all'italia la Dalmazia alla jugoslavia e fiume città libera. Grazie alla sindrome da vittoria mutilata l'italia vive il dopoguerra più da paese vinto che da vincitore. La Germania vive un clima opposto a quello italiana in quanto sconfitta non si dichiara vinta. Weimar si costituisce già durante la guerra con le forza di centro e i cattolici con una maggioranza difficilissima e pluripartitica, difficoltà a tenere uniti i governi. Pace durissima a Versailles, diktat. La Germania vive una fase di crisi post bellica gravissima; crisi politica in quanto le forze extraparlamentari sono tendenzialmente rivoluzionarie sia a destra che a sinistra. Weimar si svena nel tentativo di reprime queste rivoluzioni e nei primi anni riesce, però crisi economica fatta di molti pezzi, inflazione del marco. Tutta la storia di weimar dal 20 in poi è segnata da una fortissima crisi, inflazione devastante, sistema andato in crisi a cosa della perdita delle colonie, di grande parte delle loro zone produttive, l'industria in crisi per 50 anni di produzione per l'esercito. Riduzione dell'esercito ai minimi storici, riconversione delle industrie ma la crisi interna non permette una ripresa. Nel decennio del 20 le condizioni socio economiche tedesche sono ulteriormente aggravate dall'arrivo

18 degli americani che investono in Germania per farla riprendere economicamente. Il gioco dei flussi finanziari con la prima guerra mondiale si invertono e non vanno più dall'europa all'america ma diventa il contrario. Le spese di guerra stabilite dal diktat sarebbero dovute essere saldate dalla Germania entro il Gli USA investono in Germania, rinviano il ciclo economico europeo vedendo che la Germania era un terreno fertilissimo pronto alla ripartenza. La Germania è la grandissima potenza dell'europa in quel momento. Hitler riesce a fare una cosa pazzesca economicamente parlando in Germania. Sono anni di boom per gli USA, isolazionismo, grandissimo sviluppo interno, forbice nella distribuzione del reddito, gli anni dei grandi mass media, sovrapproduzione pazzesca, bolla virtuale, investimenti altissimi, tutti comprano azioni e tutti si arricchiscono investimento di grandi capitali in Germania. Due piani che sono i "genitori" del piano Marshall, investimento in Germania per guadagnare credito politico e riceverei il saldo dei crediti economici. Nel 24 la Germania ha già avuto il potentissimo peso di una inflazione devastante. 4 DICEMBRE Il fatto più significati del dopoguerra mondiale è che questa nuova realtà statuale centrale (USA) rifiuta il ruolo di nazione guida planetario. Wilson perde la fiducia dell'elettorato americano deluso dalla guerra. Il partito repubblicano nelle presidenziali del 20 battono il partito di Wilson. Le condizioni sono teoricamente tutte favorevoli ma la scelta politica fatta da Wilson gli comporta sfavore interno. Rigetto della idea di società di nazioni, disinteresse per le conseguenze del trattato di Versailles e trionfo di una tendenza isolazionista. Mentre merci e capitali statunitensi invadono tutto il mondo, supremazia marittima americana sul pacifico, in europa interesse al mantenimento del periodo post bellico, dazi sempre più elevati imposti alle merci straniere, soprattutto per quelle agricole. Tutto questo sta dentro al nazionalismo, primo fra tutti la barriera all'immigrazione. Irrigidimento ideologico vuol dire anche intolleranza ideologica; caso della condanna a morte di Sacco - Manzetti condannati come italiani ed anarchici prima che come coinvolti nella vicenda che li riguarda. Aggravamenti della crisi economica dovuta dalla riduzione di flussi dall'europa all'usa. In America il definitivo successo della vita americana, trionfo del capitalismo, grandi concentrazioni industriali che proliferano ed aggirano le leggi antitrust. Proibizionismo, giro di affari in nero impressionante, tutta una immagine epica, esplosione di malavita e delinquenza organizzata alimentata dai flussi di capitale. I repubblicani prendono il potere in questa situazione con lo slogan del ritorno alla normalità. Eliminata la legge sui sovra profitti, arricchimento, grande industria favorita. Le grandi compagnie aumentano i profitti del 70/80%, i dividendi delle azioni salgono del 108%, i salari salgono del 33% Percezione psicologica che esistano settori nei quali ci si arricchisce molto poi che in altri casi. Tutto questo convince che la crescita sia facile, immediata e sostanzialmente senza limite. Molti americani investiranno i loro capitali in azioni di imprese nazionali. Molte azioni entreranno in borsa e i prezzi delle azioni continuano a salire grazie alla continua richiesta. Molti acquirenti comprano azioni senza versare l'intera somma dovuta o senza disporre della somma necessaria. Gli agenti presteranno soldi a chi vuole comprare azioni, perché essi possano comprare azioni e le banche.

19 Nel 27 il prezzo medio delle azioni sale del 20%, nel 28 tra il 20-25%, nei lei i mesi del 29 30% alla borsa di New York il numero di azioni comprate e vendute è in continuo aumento. Il totale complessivo dei prestiti degli agenti di borsa passa dai di dollari del 25 agli del 28. Il 24 ottobre moltissimi clienti si dimostrano molto restii a comprare e molti si dimostreranno molto desiderosi di vendere. Precipitosa caduta del valore dei titoli, capitali accumulati dai piccoli investitori spazzati via in pochissimi giorni, non pago i miei debiti o vado subito a prelevare ciò che mi serve per pagare i miei debiti, le banche cominciano a non dare più prestiti a che dovrebbe comprare azioni. Fallimento prima degli agenti di borsa poi delle banche. Tutto questo sta dentro al meccanismo della sovrapproduzione, cioè tutto il sistema sta producendo molto di più di quanto l'intero mercato sia in grado di assorbire. Questo ci spiega la logica di continuo reinvestimento interno che fa si che chi di sponde di re ddito continui ad immettere reddito sul mercato. Altro aspetto fondamentale della crisi è la parte agricola della stessa. Crollo degli investimenti in europa. Nel 32 uno speciale censimento de governo federale misura i disoccupati in 15 milioni, famiglie intere cominciano a spostarsi da uno stato all'altro riportando in ballo il mito americano del movimento. 5 DICEMBRE Dal dopoguerra ogni paese europeo aveva la propria compagnia di bandiera che risultava monopolista sulle tratte nazionali, nelle tratte europee vi era un duopolio. La stessa cosa avveniva nel campo delle comunicazioni, in particolare nel campo della telefonia fissa dove ogni paese aveva un monopolista pubblico. Nel caso delle banche vi era un pochino più di concorrenza, ma molte banche erano o direttamente controllate dallo stato o comunque lo stato aveva una quota azionaria importante. La liberazione del trasporto aereo statunitense fu un successo che comporto anche gli europei a liberalizzarlo. Dura circa 10 anni la liberalizzazione, per rompere gli accordi nazionali, rompere gli accordi di duopolio e togliere le barriere legali che regolavano questo monopolio. Possibilità di nuove compagnie private ad entrare nel mercato facendo così concorrenza alle ex compagnie di bandiera; low-cost companies (imprese private). Per poter offrire dei voli il problema di ingresso nel mercato è dato dalla possibilità di avere diritti di decolli ed atterraggio in orari ragionevoli, dagli aeroporti delle grandi città. Queste compagnie si sono alleate con aeroporti minori, non troppo lontani dai grandi centri urbani. In questo tipo di alleanza ci guadagnarono tutti perché gli aeroporti minori aumentava il traffico nelle loro piste e le compagnie private servivano un servizio molto apprezzato dai clienti. Lo stato spingeva le compagnie statali ad assumere molto, quindi era tipico del monopolio pubblico che la società venisse caricata di obbiettivi non solo economici ma anche di carattere sociale e quindi le compagnie di bandiera si trovano alla fine degli anni 80 con tantissimi occupati con contratti molto buoni nel quali si guadagnava tanto e si volava molto poco. La maggiore concorrenza porta un abbassamento delle tariffe, alcuni stati europei decidono di procedere alla privatizzazione delle ex compagnie di bandiera per permetterle più facilmente di competere con le nuove compagnie low-cost. Alitalia rimane in mano pubblica per motivi politici e sindacali, rimanendo indietro sulla privatizzazione della sua ex compagnia di bandiera. Una via di uscita delle compagnie statali è quella della via di

20 fusione, viene progettata alla fine degli anni 90 una fusione con la KLM anche in vista di uno sviluppo dell'aeroporto di Malpensa. I ritardi che si accumulano alla fine degli anni 90 sullo sviluppo della nuova Malpensa convincono la KLM di lasciare il progetto di fusione con Alitalia e di fondersi con airfrance lasciando isolata Alitalia, questo effetto risulta molto negativo perché Alitalia supplisce le all'assenza KLM sviluppando Malpensa andando fortemente in perdita, circa 1 milione di euro al giorno. La compagnia viene privatizzata solamente del 2008 quando ormai è sull'orlo del fallimento,con moltissimi aerei vecchi. La privatizzazione avviene in un modo un po' particolare; non c'è una grande aspettativa sul trasporto aereo dopo i difficili anni La privatizzazione avviene simultaneamente con la fusione con la airone dell'imprenditore abruzzese Carlo Toto. L'Alitalia viene divisa in due parti, la parte buona viene fusa con airone e la parte vecchia viene lasciata fallire, riducendo il personale, portando al prepensionamento dei dipendenti. Il principale azionista di Alitalia rimane ancora l'airfrance che investe attorno ai 30 milioni su Alitalia. Di ritiene che questo tipo di azione comporterà una futura fusione tra Alitalia e airfrance, ma ciò ancora non si è effettuato, anzi nel recente aumento di capitale della compagnia l'airfrance ha deciso di non mettere ulteriori soldi, portando così il suo capitale a diluirsi. Ancora oggi Alitalia continua a perdere circa un milione di euro al giorno. Ci sono state anche dei fallimenti di compagnie aeree europee, particolarmente quella belga e quella svizzera. Una delle prime compagnie low-cost che aveva funzionato in europa aveva posto proprio a Bruxelles la sua base di riferimento, portando i funzionari CEE a Bruxelles. Una cosa simile è accaduta anche per le telecomunicazioni, qui però nel corso del decennio fine anni 80 fine 90 sono intervenute importanti innovazioni elettroniche che hanno introdotto nuovo elementi di telecomunicazione; telefonia mobile, internet. Lo sviluppo tecnologico rende correlati il mercato della televisione con quello telefonico. Gli stati hanno cercato di guadagnare dalla liberalizzazione del settore, in particolare in questo caso attraverso la vendita delle licenze di telefonia mobile. La concorrenza che si instaura tra diversi soggetti porta il costo delle licenze molto in alto. La Wind per esempio nasce inizialmente come sviluppata dall'enel. Anche l'eni decide di entrare nel settore telefonico acquisendo una quota azionaria della blu. La vendita di licenze con prezzi molto alti avviene in tutta europa, gli stati riescono un po' a ripianare i loro debiti, ma per le compagnie si tratta a volte di un cattivo investimento. Anche il settore della telefonia mobile è di oligopolio naturale. Telecomitalia oggi ha un forte debito dovuto dalla acquisizione di imprenditori privati senza capitali. Inizialmente la Fiat si impegna su Telecom me con una quota molto piccola. Successivamente ci sarà la cordata di imprenditori mantovani e bresciani che poi venderanno a Tronchetti Provera/ Pirelli, il quale però perderà molti soldi e sarà obbligato a vendere alla telco. Il principale proprietario di telco è telefonica ovvero l'ex compagnia di bandiera spagnola. Le banche non avevano un monopolista pubblico, il settore bancario è un settore oligopolistico, segmentato in modo locale. Da un lato ci possono essere tantissime banche che non si fanno concorrenza tra di loro creando così un mercato oligopolistico locale. Anche qui l'intervento di liberalizzazione della comunità europea cambia molto il mercato. La comunità europea interviene aumentando il requisito di capitale minimo iniziale per la creazione di una nuova banca, attualmente intorno all'8% degli impieghi. Ciò ha influenzato il mercato europeo riducendo molto il numero delle piccole banche, aumentando la

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

La Prima guerra mondiale. Lezioni d'autore

La Prima guerra mondiale. Lezioni d'autore La Prima guerra mondiale Lezioni d'autore Carta dell Europa al 1914, da www.silab.it/storia L Europa del secondo Ottocento Periodo di pace, dalla guerra franco-tedesca del 1870 alla guerra 1914-1918. Modifiche

Dettagli

Cap. 1 - Il Risorgimento : creare l'italia (1815-1870)

Cap. 1 - Il Risorgimento : creare l'italia (1815-1870) Il Risorgimento : creare l'italia 1 Cap. 1 - Il Risorgimento : creare l'italia (1815-1870) Introduzione : Momento centrale della storia italiana perché è il momento della nascita ufficiale di un paese

Dettagli

Storia e civiltà d'italia. Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org. Opava

Storia e civiltà d'italia. Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org. Opava Storia e civiltà d'italia Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org Opava Ideologia fascista? Il fascismo nasce come movimento, non come pensiero politico. La parola

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE ALLA FINE DEL XIX SECOLO I RAPPORTI FRA GLI STATI DIVENTANO SEMPRE PIÙ TESI CAUSE COMPETIZIONE ECONOMICA RIVALITA COLONIALI POLITICHE NAZIONALISTICHE

Dettagli

STORIA. Il Fascismo. Perchè si ha il Fascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra. Chi è Benito Mussolini? il testo:

STORIA. Il Fascismo. Perchè si ha il Fascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra. Chi è Benito Mussolini? il testo: 01 Perchè si ha il ascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra Nel dopoguerra (alla fine della prima Guerra Mondiale, che si chiama anche Grande Guerra) l Italia si trova in una situazione difficile. In

Dettagli

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori FRATELLI D'ITALIA spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori Di seguito vi proponiamo una serie di tematiche, presenti nello spettacolo teatrale, che possono

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale La Germania Era l'ultima tra le potenze arrivate Per poter conquistare e mantenere le proprie colonie, potenzia l'esercito e la flotta più delle altre nazioni europee, che non

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore Il nazismo al potere La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo Lezioni d'autore Dal sito: www.biography.com La Repubblica di Weimar (1919-1933) 3 ottobre 1918: Il Reich tedesco-prussiano

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d Italia

Il Risorgimento e l Unità d Italia Il Risorgimento e l Unità d Italia IL CONGRESSO DI VIENNA Quando? dal 1 novembre 1814 al 9 giugno 1815 Chi lo ha voluto? Francia, Inghilterra, Austria, Prussia e Russia Perché? per ritornare al passato,

Dettagli

DA SUDDITI A CITTADINI

DA SUDDITI A CITTADINI DA SUDDITI A CITTADINI LO STATO ASSOLUTO 1) L'assolutismo. Lo Stato nasce in Europa a partire dal 15 secolo: i sovrani stabilirono il loro poteri su territori che avevano in comune razza, lingua, religione

Dettagli

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento?

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento? Il Risorgimento Risorgimento (una definizione semplice): Si chiama Risorgimento la serie di avvenimenti che portano l Italia, nel corso dell Ottocento, all unità e all indipendenza. L Italia diventa un

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE LA SECONDA GUERRA MONDIALE 1 SETTEMBRE 1939 - GERMANIA INVADE POLONIA Il 1 settembre 1939 l esercito tedesco invade la Polonia. La Gran Bretagna e la Francia dichiarano guerra alla Germania. I generali

Dettagli

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo.

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo. PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA CLASSE IV B geo A.S. 2010-2011 DOCENTE: CRISTINA FORNARO L antica aspirazione alla riforma della Chiesa. La riforma di Lutero. La diffusione della riforma in Germania e in Europa.

Dettagli

Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante: Guastella Egizia

Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante: Guastella Egizia Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA Classe IV F Insegnante: Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti proposti dall insegnante e del manuale

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Il 1848. Il II impero in Francia

Il 1848. Il II impero in Francia Il 1848. Il II impero in Francia Le rivoluzioni del 48 in Europa Dimensioni più ampie: eccetto Inghilterra e Russia, tutta l Europa è coinvolta, compresa l Austria di Metternich. Più ampio coinvolgimento

Dettagli

LA RIFORMA PROTESTANTE

LA RIFORMA PROTESTANTE LA RIFORMA PROTESTANTE LE CAUSE DELLA RIFORMA interessi temporali dei papi corruzione diffusa crisi della chiesa grande indulgenza 1517 pubblicazione tesi di Lutero 1. scontro tra principi e imperatore

Dettagli

Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi

Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi ISIS I. Calvino -Città della Pieve Liceo scientifico Programma di STORIA LIBRO DI TESTO: GIARDINA-SABBATUCCI-VIDOTTO, Storia, Nuovi programmi, vol.

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

L abolizione della pena di morte in Italia

L abolizione della pena di morte in Italia L abolizione della pena di morte in Italia 1. Dal Medioevo all Ottocento: il primato della Toscana. La pena capitale cominciò ad essere applicata in Italia dall Imperatore Enrico II, all inizio dell XI

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Prof.ssa Genoveffa Caliò Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Ascoltare in modo attivo e partecipe. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.)

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) OGGI Oggi gli Stati Uniti d America (U.S.A.) comprendono 50 stati. La capitale è Washington. Oggi la città di New York, negli Stati Uniti d America, è come la

Dettagli

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO 27 SOCIETÀ, STATO E DIRITTO Caratteri dello Stato Dal feudalesimo alla nascita dello Stato moderno Le idee del filosofo Immanuel Kant Le idee del filosofo greco Aristotele Il moderno Stato di diritto La

Dettagli

Il1968 è anno di rottura col passato

Il1968 è anno di rottura col passato Il1968 è anno di rottura col passato Evento chiave: la guerra in Vietnam perché non si riconosce all intervento di Usa quella valenza di tutela della libertà contro i rischi del comunismo Giovani di paesi

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

Le altre terre italofone.

Le altre terre italofone. Storia e civiltà d'italia Le altre terre italofone. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org Opava Terminologia Irredentismo le terre irredente sono quelle regioni che vogliono

Dettagli

Il Fascismo in Italia (1922-1936)

Il Fascismo in Italia (1922-1936) Il Fascismo in Italia (1922-1936) Le fasi del fascismo 1. Fase legalitaria (1922-1924) I Fascisti fanno parte di un governo di coalizione. Termina con le elezioni del 1924 e l uccisione di Matteotti. 2.

Dettagli

Liceo. T. L. Caro - Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante:Guastella Egizia

Liceo. T. L. Caro - Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante:Guastella Egizia Liceo. T. L. Caro - Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO anno scolastico 2008-2009 STORIA Classe V F Insegnante:Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Ricavare da fonti di tipo diverso informazioni e conoscenze su aspetti del passato. CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Individuazione delle parole del tempo (prima, dopo, poi, infine, mentre ). Individuazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

La rivoluzione francese

La rivoluzione francese La rivoluzione francese Comunque la si giudichi, qualunque interpretazione se ne dia, non si può negare che la rivoluzione francese rappresenti una svolta nella storia: il mondo dopo di essa sarà diverso.

Dettagli

L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI

L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI L a Storia perde i pezzi. Non capita sempre, soltanto qualche volta. Alcune cose vengono rimosse, dimenticate e spesso sono gli aspetti più

Dettagli

IL FASCISMO 1919-1943

IL FASCISMO 1919-1943 IL FASCISMO 1919-1943 Origini del fascismo 1919-1921 Il fascismo prende il potere 1922-1924 Diventa una regime totalitario di massa (dittatura) 1925-1943 Le origini del Fascismo 1919-1921 Dalla crisi economica

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

PRIMA GUERRA MONDIALE

PRIMA GUERRA MONDIALE Capitolo 4L A PRIMA GUERRA MONDIALE Il mondo durante la Prima Guerra Mondiale Alle origini del conflitto Nel 1914 l Europa era percorsa da molteplici tensioni e da rivalità profonde tra gli Stati, che

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d italia

Il Risorgimento e l Unità d italia Il Risorgimento e l Unità d italia Prima parte: L Italia dopo il «Congresso di Vienna» : un espressione geografica L Italia, dopo il congresso di Vienna (1814-1815), è divisa in più stati, la maggior parte

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione: Liceo T.L.Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA CLASSE IV BSO Insegnante:Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

Dettagli

Programmazione di Storia Scuola Secondaria di I grado. Classe prima

Programmazione di Storia Scuola Secondaria di I grado. Classe prima Programmazione di Storia Scuola Secondaria di I grado Classe prima Indicatori di COMPETENZA OBIETTIVI\ABILITÁ CONOSCENZE 1.1 superamento della conoscenza della storia legata al singolo evento e avvio alla

Dettagli

La Rivoluzione Inglese

La Rivoluzione Inglese Programma di storia A.S. 2014/2015 Classe IV F In corsivo letture, approfondimenti o fotocopie La Rivoluzione Inglese 1. L Inghilterra prima della Rivoluzione - Lo sviluppo di Londra e del commercio -

Dettagli

La Grande guerra. L Europa verso la guerra I principali fatti militari La rivoluzione in Russia e la nascita dell Urss

La Grande guerra. L Europa verso la guerra I principali fatti militari La rivoluzione in Russia e la nascita dell Urss La Grande guerra L Europa verso la guerra I principali fatti militari La rivoluzione in Russia e la nascita dell Urss Le cause della guerra Fattori internazionali: Conflitto economico e coloniale tra Germania

Dettagli

X edizione de I Colloqui Fiorentini Nihil Alienum Alessandro Manzoni Sentir, riprese, e meditar. Intervista Raffaele Cavalluzzi 1

X edizione de I Colloqui Fiorentini Nihil Alienum Alessandro Manzoni Sentir, riprese, e meditar. Intervista Raffaele Cavalluzzi 1 XedizionedeIColloquiFiorentini NihilAlienum AlessandroManzoni Sentir,riprese,emeditar IntervistaRaffaeleCavalluzzi 1 ValerioCapasa:«Sentiremeditar»puòsintetizzarel approcciodimanzoniallarealtàsottoilvigilesostegnodella

Dettagli

Storia, Educazione civica

Storia, Educazione civica Storia, Educazione civica del prof. Nappini Iacopo insegnante di Storia, Educazione Civica nella classe 5 sez. D Ore settimanali di lezione: 3 Totale annuale delle ore: 98 PROGRAMMA SVOLTO Programmazione

Dettagli

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA 1848-1849 La Prima Guerra d Indipendenza Nel 1848 un ondata rivoluzionaria investì quasi tutta l Europa. La ribellione scoppiò anche nel Veneto e nella Lombardia,

Dettagli

Senso della storia e azione politica

Senso della storia e azione politica Francesco Rossolillo Senso della storia e azione politica II. La battaglia per la Federazione europea a cura di Giovanni Vigo Società editrice il Mulino L Europa e la guerra nel Kosovo La guerra del Kosovo

Dettagli

Docente Rosanna Amadio

Docente Rosanna Amadio LICEO SCIENTIFICO STATALE NOMENTANO a.s. 2014-2015 Docente Rosanna Amadio PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA Classe 5 H UNIFICAZIONE DELLA GERMANIA E CROLLO DEL SECONDO IMPERO Declino del secondo Impero Verso

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

Il processo di unificazione (1849-1861)

Il processo di unificazione (1849-1861) Il processo di unificazione (1849-1861) Il Piemonte dopo il 48 Il Regno di Sardegna è l unico stato italiano che mantiene lo Statuto. Crisi tra il re Vittorio Emanuele II e il suo ministro D Azeglio e

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI FONDAZIONE MALAVASI Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: STORIA DOCENTE: Luna Martelli CLASSE IV SEZ. ITTL A.S.2015 /2016 1. OBIETTIVI E COMPETENZE

Dettagli

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO Mi sono spesso chiesto: come nasce, come si genera il fenomeno del razzismo? Quali sono le cause più profonde dell essere umano che ci fanno pensare

Dettagli

PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI

PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI MODULO 1 DALL ANTICO REGIME ALL ILLUMINISMO Unità 1 La Francia di Luigi XIV 1.1 Dal governo di Mazzarino al regno di Luigi XIV Mazzarino

Dettagli

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1. Sesso maschile femminile 2. Età anni 14-17 18-25 26-35 36-60 più di 60 3. In quale settore/i svolgi prioritariamente la tua attività? Ricerca Pubblica

Dettagli

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 Alla fine del 1940 l Italia invade la Grecia. L impresa è più difficile del previsto e deve chiedere aiuto ai tedeschi L esercito italiano e quello tedesco combattono

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA

CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA AREA COMPETENZE DISCIPLINARI ABILITÀ CONOSCENZE 1 METODO L alunno: L alunno: Imparare ad imparare Progettare A. applicando le indicazioni, cerca informazioni

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE Premessa: Le nazioni europee più forti Vogliono imporsi sulle altre Rafforzano il proprio esercito Conquistano le ultime zone rimaste libere in Africa e Asia (colonie) Si creano

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA. Il dopoguerra Crisi delle istituzioni liberali Tensioni sociali e malcontento Il mito della Rivoluzione russa

PROGRAMMA DI STORIA. Il dopoguerra Crisi delle istituzioni liberali Tensioni sociali e malcontento Il mito della Rivoluzione russa Anno Scolastico 2013/2014 5^A Liceo Scientifico Tecnologico PROGRAMMA DI STORIA L Europa e il mondo di inizio 900: Guerre prima della guerra (Inglesi, Boeri, Russi e Giapponesi) La crisi marocchina Il

Dettagli

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 Sintesi del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Facoltà di Scienze Politiche - per l'insegnamento di Geografia Economica. Milano, aprile

Dettagli

Nome... Cognome... Classe... Data... VERIFICA DI STORIA. 1) Indica se le seguenti affermazioni sono Vere o False

Nome... Cognome... Classe... Data... VERIFICA DI STORIA. 1) Indica se le seguenti affermazioni sono Vere o False Nome... Cognome... Classe... Data... VERIFICA DI STORIA 1) Indica se le seguenti affermazioni sono Vere o False Antichi imperi in crisi... All'inizio del Novecento: V F L'impero asburgico è governato da

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame di Stato ha

Dettagli

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato Data l indecisione sul metodo della votazione ( per stato o per testa) il terzo stato si riunì

Dettagli

Lo scoppio della guerra fredda

Lo scoppio della guerra fredda Lo scoppio della guerra fredda 1) 1945: muta la percezione americana dell URSS da alleato ad avversario e nemico 2) 1946: ambio dibattito interno all amministrazione Truman sulla svolta in politica estera

Dettagli

IL FASCISMO. La via italiana al totalitarismo

IL FASCISMO. La via italiana al totalitarismo IL FASCISMO La via italiana al totalitarismo LA MARCIA SU ROMA La Marcia su Roma (inizia il 27 ottobre) colpisce lo Stato nel pieno disfacimento dei suoi poteri. Facta si dimette il 28 ottobre. Il Re,

Dettagli

La prima Guerra Mondiale

La prima Guerra Mondiale La prima Guerra Mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile Lo stato e la censura La

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA Classe 3ªC Cucina a.s. 2014-2015 prof.ssa Simonetta Simone

PROGRAMMA DI STORIA Classe 3ªC Cucina a.s. 2014-2015 prof.ssa Simonetta Simone 1. MODULO 1: l Europa feudale PROGRAMMA DI STORIA Classe 3ªC Cucina a.s. 2014-2015 prof.ssa Simonetta Simone 1. Il sistema feudale 1.1 Vassallaggio e beneficio nell Europa carolingia 1.2 I feudi verso

Dettagli

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE ALDO SMOLIZZA* Qualche anno fa svolgevo un attività internazionale e a seguito di quell attività conoscevo molto bene le indicazioni del Fondo Monetario Internazionale.

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA Modulo n 1 : Il seicento tra rivolte, rivoluzioni e depressione

Dettagli

Educazione di genere: impossibile non farla

Educazione di genere: impossibile non farla Educazione di genere: impossibile non farla Inizia prima della nascita Riguarda loro, ma innanzitutto noi Riguarda la soggettività individuale ma anche la struttura sociale E la struttura sociale a sua

Dettagli

CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE

CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE 1 CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE La passione per la storia risale ai primi anni della mia vita e ora, che ho dieci anni, continuo ad avere interesse per tutto ciò

Dettagli

BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA

BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA Introduzione. Nei film del Neorealismo, spesso gli attori non parlano in italiano standard, ma parlano in dialetto. Cosa sono i dialetti? Come sono nati? 1. Dal latino

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale dura dal 1939 al 1945 ed è una guerra totale, cioè coinvolge tutto il mondo. da un lato i regimi nazifascisti, gli STATI DELL ASSE, cioè Germania,

Dettagli

VALENTINA GASPARIN, MARTINA BOSCO

VALENTINA GASPARIN, MARTINA BOSCO VALENTINA GASPARIN, MARTINA BOSCO Il 21 marzo si celebra la Giornata Internazionale per l Eliminazione della Discriminazione Razziale che rappresenta un occasione per chiunque di riprendere contatto con

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Laboratori sulla costituzione PERCHE' QUESTO PROGETTO

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Laboratori sulla costituzione PERCHE' QUESTO PROGETTO PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Laboratori sulla costituzione PERCHE' QUESTO PROGETTO La scuola contemporanea diventa sempre più un luogo di incontro di bambini e ragazzi che provengono da origini, storie di

Dettagli

La repubblica di Weimar

La repubblica di Weimar Hitler e il nazismo La repubblica di Weimar Mentre gli eserciti degli imperi centrali stavano perdendo la guerra, in Germania vi fu una rivoluzione che portò nel novembre 1918 al crollo dell impero (il

Dettagli

Protocollo dei saperi imprescindibili

Protocollo dei saperi imprescindibili CLASSE:PRIMA Le antiche civiltà (Civiltà idrauliche) La comune identità delle comunità greche (i miti, la religione...) L Atene del V secolo. Alessandro Magno La civiltà etrusca Roma: la fondazione, il

Dettagli

Risorgimento e Unità d'italia

Risorgimento e Unità d'italia Risorgimento e Unità d'italia Il Risorgimento è il periodo in cui i territori italiani ottengono nuovamente l'unità nazionale che l'italia aveva perso con la caduta dell'impero romano. Durante il Risorgimento

Dettagli

Programma d esame di storia, cittadinanza e costituzione, geografia

Programma d esame di storia, cittadinanza e costituzione, geografia ISTITUTO COMPRENSIVO M. BUONARROTI - Rubano - (Pd) Programma d esame di storia, cittadinanza e costituzione, geografia Docente: Prof.ssa Zanella Elena Classe: 3 A Anno scolastico 2012/2013 STORIA Libro

Dettagli

L aggressione nazifascista all Europa

L aggressione nazifascista all Europa L aggressione nazifascista all Europa Carta Il fascismo in Europa Germania e Italia non sono un eccezione: tra gli anni 20 e 30 molti paesi europei conoscono governi autoritari: Austria (Dolfuss), Ungheria

Dettagli

Il mondo diviso. Francesco Ciafaloni

Il mondo diviso. Francesco Ciafaloni Menu Il mondo diviso Francesco Ciafaloni 30 gennaio 2016 Sezione: Mondo, Società Oggi circa l 80% della popolazione del mondo possiede solo il 6% della ricchezza. Circa il 61% non ha un contrattto di lavoro

Dettagli

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Storia contemporanea n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Anno Accademico 2011/2012 1 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese Dal 500 fino alla pace di Westfalia che mette fine alla guerra dei Trent anni (1618-48), Francia e Impero si sono scontrati, in Italia e nell area tedesca, per la supremazia in Europa. Impedendo agli Asburgo

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo L Italia fascista Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo La nascita e l affermazione del Fascismo La prima riunione del movimento dei fasci di combattimento si tenne a Milano nel 1919.

Dettagli

IL NAZISMO LE PREMESSE:

IL NAZISMO LE PREMESSE: IL NAZISMO LE PREMESSE: Dopo la Guerra la Germania si trovò in una condizione peggiore dell'italia. Le condizioni di Pace avevano cercato di umiliare la Nazione che era ritenuta responsabile della guerra,

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA

PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA TESTO ADOTTATO: Il mosaico e gli specchi Vol.3 Dal Feudalesimo alla Guerra dei Trenta anni Casa Editrice: Laterza- Autori: A. Giardina, G. Sabbatucci, V. Vidotto PROGRAMMA ANALITICO

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO

LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO A partire dall XI secolo si introducono rilevanti novità nella SOCIETA MEDIEVALE Tali trasformazionie novità provocheranno, in un lungo periodo

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

Storia contemporanea

Storia contemporanea Storia contemporanea Prof. Roberto Chiarini http://rchiarinisc.ariel.ctu.unimi.it Anno Accademico 2008/2009 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Perché affidarsi a tecnico di proget

Perché affidarsi a tecnico di proget TEC. Baroni 45 imp 2-04-2004 10:54 Pagina 50 TECNICA Perché affidarsi a tecnico di proget d i S a r a B a r o n i Uno studio di ingegneria, maturando esperienza in realtà differenti, sviluppa una competenza

Dettagli

Nazismo Repubblica di Weimar Hindenburg 1929 Partito Nazionalsocialista 1923 Mein Kampf pangermanesimo Reich millenario

Nazismo Repubblica di Weimar Hindenburg 1929 Partito Nazionalsocialista 1923 Mein Kampf pangermanesimo Reich millenario Dopo la sconfitta della Prima guerra mondiale, nel 1918 in Germania viene proclamata la Repubblica di Weimar. La Germania è condannata a pagare ingenti danni di guerra ai vincitori e per questo la situazione

Dettagli