DALLA PARTE DEGLI UTENTI Indagine rivolta agli STP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DALLA PARTE DEGLI UTENTI Indagine rivolta agli STP"

Transcript

1 DALLA PARTE DEGLI UTENTI Indagine rivolta agli STP Maria Ferraro - Sociologa PREMESSA Maria Ferraro è una sociologa che, in qualità di volontaria, ha frequentato nel 2012 l U.O. Attività Sociosanitarie Cittadini Immigrati e SFD e il Centro per la Tutela della Salute degli Immigrati- CTSI che opera presso l ospedale Ascalesi. Nel corso del periodo di volontariato ha svolto un indagine rivolta a 100 utenti stranieri che si sono rivolti al CTSI e si sono dichiarati disponibili a rispondere a un questionario/intervista semistrutturato. Maria voleva fortemente fare un esperienza che le permettesse di avvicinare le persone immigrate ed era molto interessata a svolgere un lavoro di indagine e di approfondimento sulla condizione degli Stranieri Temporaneamente Presenti che, tra l utenza immigrata assistita dalla ASL Napoli 1 Centro, costituiscono un contingente particolarmente fragile ed esposto a rischi di salute e di emarginazione. Maria era mossa, anche, da una particolare sensibilità ai problemi degli stranieri e, più in generale, delle persone in difficoltà e, nelle pagine che seguono, riporta l esperienza da lei condotta, unitamente a qualche dato riferito al contingente di STP che è stato coinvolto nell indagine. Va precisato che le persone immigrate che hanno partecipato non costituiscono un campione significativo dell utenza STP che si rivolge ai nostri servizi in quanto trattasi di 100 utenti, tutti afferenti al CTSI dove ed è questa una peculiarità - si concentra la domanda sanitaria di un utenza straniera proveniente, in massima parte, dal Africa settentrionale. Inoltre, gli intervistati che si era predefinito dovessero essere almeno 100 sono stati arruolati, nell arco del secondo semestre dell anno 2012, secondo la spontanea affluenza e la disponibilità a partecipare all indagine, escludendo coloro che, per scarsa conoscenza della lingua italiana, non avrebbero compreso le domande o fornito risposte poco attendibili. Maria - con i succitati limiti che rendono le risultanze dell indagine riferibili solo all utenza del CTSI con una discreta conoscenza della lingua italiana e con una personale disponibilità a essere coinvolti in un intervista - ha svolto il lavoro con costanza e precisione ed ha, con il nostro supporto, elaborato i dati raccolti. Ha cercato inoltre, a mio avviso con grande sensibilità, di riportatore alcuni aspetti riguardanti i percorsi singolari di alcuni e di sintetizzare gli aspetti e le problematiche emerse nel dialogo scaturito nelle domande aperte. Ritengo, dunque, utile rendere disponibile le risultanze del lavoro svolto da questa nostra volontaria rilevando che, talvolta, solo uno sguardo di prossimità consente di intercettare bisogni e problematiche che, altrimenti, non trovano spazio e parola per dirsi. Rossella Buondonno Responsabile U.O. Attività Sociosanitarie Cittadini Immigrati e SFD ASL Napoli 1 Centro Molto spesso si ha la convinzione, certa e assoluta, che l STP - ovvero lo straniero temporaneamente presente (sprovvisto di titolo di soggiorno perché irregolare o clandestino) che vive in Italia - venga qui per scelta e per toglierci il lavoro. In molte occasioni ho sentito espressioni del tipo: Stanno meglio di noi!, Ci rubano il lavoro! e frasi simili. Ho dunque pensato: posso io contribuire a sapere di più, a raccogliere notizie su queste persone che, di fatto, ci sono accanto. Chi sono questi stranieri? Sono felici e sereni 1

2 nel nostro paese? Quanto sono integrati? Lavorano? Quali sono i loro sogni e i loro desideri? Che difficoltà hanno incontrato in Italia? Da questa personale curiosità e interesse è nato un piccolo percorso conoscitivo che vado a raccontare. Si è trattato di un lavoro di indagine statistica che mi ha consentito, anche, di fare un esperienza umana di grande interesse. In collaborazione e con il supporto dell Unità Operativa Attività Sociosanitarie Cittadini Immigrati e Senza Fissa Dimora della ASL Napoli 1 Centro e in qualità di Sociologa Volontaria ho somministrato agli utenti STP del Centro per la Tutela della Salute degli Immigrati - che opera presso l ospedale Ascalesi di Napoli - un questionario semistrutturato finalizzato a raccogliere alcuni dati anagrafici ed informazioni sul loro percorso migratorio e sullo loro stato di salute/benessere (pag. 9-10). Nonostante le iniziali titubanze, nel corso del colloquio-intervista gli intervistati si sono mostrati, praticamente tutti, molto disponibili e partecipi. Ho avuto la sensazione che essere ascoltati sia stato una forma di riconoscimento del loro esistere secondo il paradigma: se qualcuno mi ascolta, è interessato a me allora io esisto. Credo sia stata questa forma di restituzione che ha trasformato una semplice intervista in un vero e proprio dialogo: la maggior parte di loro si è trattenuta più a lungo del previsto, a conversare e a raccontare.. Ho intervistato nell anno 2012 e nell arco di 3 mesi pazienti STP che si sono rivolti CTSI e che avevano una minima conoscenza della lingua italiana. L elaborazione dei dati raccolti è riportata nella pagine che seguono. Come evidenziato nel grafico seguente, dei 100 utenti coinvolti nell indagine, 53 sono donne. Il CTSI, infatti, è uno dei pochi presidi sanitari della ASL Napoli 1 Centro dove non si registra una significativa prevalenza di donne e, per alcune nazionalità, l utenza maschile prevale su quella femminile (es. nei senegalesi). STP COINVOLTI NELL'INDAGINE PER GENERE F 52% M 48% Come si evince dai grafici che seguono: circa la metà degli intervistati proviene dall Africa. trattasi di un contingente composto, in assoluta prevalenza, da persone giovani (solo 7 avevano più di 55 anni) il 70% riferisce una scolarità superiore a 8 anni 2

3 PROVENIENZA DEGLI INTERVISTATI RUSSIA 7 AMERICA CENTRALE 4 ISRAELE 1 UCRAINA 12 AFRICA 54 ASIA 22 FASCIA D'ETA' DEGLI INTERVISTATI > 55 7 < ANNI DI SCOLARITA' più di 15 anni 15% fino a 7 anni 30% da 8 a 15 anni 55% 3

4 Per quanto attiene l attività lavorativa, il 18% riferisce che nel suo paese non svolgeva alcuna attività mentre, in Italia, è il 33% dichiara di non avere un lavoro. Nel complesso, le tabelle e i grafici che seguono evidenziano che le attività svolte nel nostro paese, a fronte di quelle svolte nel paese di provenienza, sono meno qualificate (ambulante, lavoro domestico, badante). LAVORO NEL PAESE DI ORIGINE LAVORO A NAPOLI M F TOT M F TOT Nessuno Impiegato Commerciante Operaio Bracc.te agricolo Ambulante Lav. domestico Altro In cerca di lavoro Badante LAVORO NEL PAESE DI ORIGINE Nessuno 18% Badante 0% In cerca di lavoro 0% Altro 47% Impiegato 6% Commerciante 8% Lav. domestico 1% Ambulante 1% Bracc.te agricolo 5% Operaio 14% LAVORO IN ITALIA In cerca di lavoro 1% Badante 12% Impiegato 0% Bracc.te agricolo 0% Nessuno 33% Altro 23% Lav. domestico 6% Ambulante 16% Operaio 6% Commerciante 3% 4

5 Sulla questione lavoro visto il complessivo peggioramento in termini di rapporto qualificazione/tipologia di attività - è utile qualche considerazione. Chi in Ucraina faceva l infermiera, qui si ritrova a fare la badante e anche coloro in possesso diploma o laurea svolgono in Italia lavori poco qualificati. Allora, perché restano nel nostro paese? Perché non ritornano a casa, considerato che la loro situazione lavorativa a Napoli è più precaria e talvolta peggiore? Vanno, in proposito, viste le loro altre risposte. Alla domanda: La tua vita in Italia, com è rispetto al tuo paese di origine? sorprendentemente il 14% ha risposto che è Molto Migliore, il 41% ha risposto che è Migliore, Il 25 % che è Uguale, IL 13% che è Peggiore e solo il 6% che è Molto peggiore. Quindi, nonostante 33 persone riferiscano di non avere, a Napoli, alcuna occupazione, 55 sostengono che la loro situazione, qui da noi, sia molto migliore/migliore. Com è possibile? La spiegazione si trova analizzando le altre risposte attraverso le quali si riesce a capire meglio i loro percorsi e le loro ragioni. Alla domanda: Perché hai lasciato il tuo paese? Il 4% ha risposto per Motivi di guerra, il 72% per Motivi economici, l 8% per Motivi politici, 8% per curiosità e fare esperienza, 1% per studio e il restante 7% per ricongiungimento familiare. Quindi la maggior parte di STP intervistati ha lasciato il proprio paese per motivi economici in quanto, seppure l 82% lavorava, percepiva uno stipendio molto basso, per nulla comparabile a quello che riesce a guadagnare da noi, pur svolgendo attività più umili e spesso saltuarie. Basti pensare, ad esempio, che una donna del Kirghizistan, che lì lavorava come manager nella Telecom, guadagnava 180 euro al mese e a Napoli guadagna il triplo facendo un lavoro domestico. Una donna russa, che lavorava come maestra percependo 80 euro al mese, ha riferito che qui, facendo la badante riceve uno stipendio di circa 800 euro al mese. C è, inoltre chi, anche se è attualmente disoccupato, preferisce l Italia perché dal punto di vista politico il nostro è un paese libero (o quantomeno più tollerante). Un uomo ha raccontato che ha dovuto lasciare la sua Terra perché si è rifiutato di combattere ed è scappato prima in Libia e poi è venuto in Italia. Molti altri arrivano a seguito della leggenda che in Italia ci sia tutto e si stia bene e, inevitabilmente, quando arrivano, restano delusi. Un esempio, tra le tante storie difficili che ho avuto occasione di ascoltare e che mi ha colpito molto, è quella di un ragazzo tossicodipendente di anni 36 che in Marocco faceva Il meccanico; è stato tre anni in Libia, ha pagato 2500 euro in oro a dei signori della Libia per venire qua come clandestino (per mare facendo tappa a Lampedusa) perché gli avevano raccontato che in Italia c era tutto e che avrebbe fatto la bella vita e, invece, sono nove anni che è a Napoli e la sua situazione è addirittura peggiorata: è finito in strada, dorme in un centro di accoglienza notturno e se in Marocco usava droghe leggere qua ha finito per fare uso di droghe più pesanti e di alcool. Mi ha detto che nei momenti di sconforto chiama la madre al telefono e piange ma sua madre gli ripete, sempre, che non deve piangere perché lui è grande. Il suo sogno? Trovare una compagna che cammina con lui e avere dei figli. Riguardo alle prospettive future il 39% degli intervistati ha riferito di avere Il desiderio di tornare nel paese di origine e il 36% di voler rimanere in Italia; il rimanente 25 % Non lo sa e ha grande indecisione sul futuro. Sono, nel complesso, persone che hanno nel cuore la loro terra di origine e i loro figli (che hanno lasciato là), la consapevolezza di una lunga lontananza e il rischio di non riuscire più a tornare indietro. Più che altro il loro desiderio di ritornare resta un sogno. Infatti, la maggior parte di loro arriva da noi in condizioni difficili, prostrati sia fisicamente sia emotivamente. Arrivano da soli, senza amici o parenti su cui fare affidamento, potendo contare solo su se stessi, con l illusione di cambiare vita e trovare delle condizioni lavorative migliori per sé stessi e per i loro figli. Si lasciano tutto alle spalle, nutrendo l illusione di potere tornare, un giorno, nel loro paese e chissà, magari arricchiti. In questo percorso l 82% è emigrato da solo da solo ed è rimasto da solo (38 maschi e 44 donne), il 15 % è partito con la famiglia (9 sono maschi e 6 donne) e un 3% che è 5

6 arrivato qui in gruppo o accompagnato con qualche amico. Il 47% ha riferito di avere figli ma di averli lasciati nel paese di provenienza. Molti mi hanno raccontato della loro malinconia e nostalgia, mostrandomi le foto dei figli, di solito piccoli, che hanno portato con se o mostrandomele sul cellulare. Il 50 % mi ha riferito di essere completamente solo. Alla domanda Hai amici che ti possono aiutare? 48 hanno risposto No e 52 Si ma hanno tenuto a precisare che l aiuto dell amico non è economico (un prestito? No, mai) ma solo di conforto e di ascolto. Come si evince dalla tabella che segue, il 45% di loro è presente in Italia da più di 5 anni. Anni di permanenza in Italia ANNI % % % % >15 5% Il 52 % del contingente mi ha riferito di essere di religione musulmana (36 maschi e 16 femmine), Il 27 % di religione cattolica (8 maschi e 19 sono femmine); il 7 % di religione buddista e il rimanente 1% di altra religione. Lo stato civile del contingente degli intervistati è evidenziato nel grafico che segue. STATO CIVILE vedovo/a 6% convive 6% Altro 5% divorziato/a 10% coniugato/a 46% celibe/nubile 27% Quello che mi hanno raccontato conferma che la condizione di immigrato, soprattutto all inizio, è molto dura. Arrivano senza documenti, senza conoscere la nostra lingua, senza lavoro e quindi, almeno all inizio, si sentono spaesati. Questo è quello che mi hanno riferito in merito ai primi 3 problemi incontrati in Italia: Il 48% ha avuto problemi con la lingua; Il 35% ha avuto problemi a trovare lavoro; Il 25% non ha avuto nessun tipo di problema; Il 13% ha avuto problemi con gli italiani; Il 3% ha avuto problemi di integrazione; Il 3% ha avuto problemi con i documenti, permesso di soggiorno, di residenza; Il 2% ha avuto problemi di salute; L 1% ha avuto problemi con la polizia e per trovare un posto dove dormire. E dunque perfettamente comprensibile il loro disagio iniziale che, per molti, diventa una condizione stabile nel tempo in quanto le difficoltà nel trovare lavoro e la fatica per essere accettati persistono. Non avendo alcun tipo di relazione e non parlando bene la lingua rimangono, almeno all inizio, all oscuro anche dei diritti sanitari - che in Italia 6

7 sono comunque riconosciuti anche agli irregolari e ai clandestini - ma presto e solo lentamente finiscono per orientarsi. Alla domanda: Come sei arrivato (attraverso chi) a questo ambulatorio? il 56% riferisce di esserci arrivato attraverso gli amici, il 10% attraverso i parenti e il 18% attraverso il passaparola e Il rimanente 27% per altre vie (associazioni, pronto soccorso dell ospedale ecc). Le ultime domande del questionario miravano a ottenere informazioni sulle condizioni di salute percepita e su alcuni comportamenti/abitudini. Alla domanda Come è di solito il tuo umore, stato d animo il 34 % (13 maschi e 21 donne) ha riferito di sentirsi calmo e sereno, il 30% (19 maschi e 11 donne) normale, il 32 % scoraggiato e triste (15 maschi e 17 donne) e 4 hanno voluto precisare di sentirsi nervosi (3 maschi e 1 donna). La cosa rilevante da notare è che alla domanda cosa fai per superare ansiadepressione-insonnia-scoraggiamento solo 4 hanno riferito di ricorrere a farmaci; tutti gli altri cercano di distrarsi facendo le cose più disparate. Le loro risposte di un certo interesse - sono state queste: Il 40 % non fa nulla e aspetta che la tristezza, l ansia, lo scoraggiamento passino da soli il 7% esce con gli amici il 6% che si distrae su internet, facebook, parla con i figli su skype o semplicemente pensa ai figli il 5% prende un caffè con gli amici e fuma qualche sigaretta il 4% va al mare; il 4 % piange in solitudine o a telefono parlando con i parenti il 4% prega, legge la Bibbia o recita il Corano (a seconda della propria religione) il 4% ascolta musica il 2% gioca con il figlio, Il rimanente 20% ha fornito risposte molto diversificate: va al cinema, si fa una doccia calda, compra il biglietto e ritorna per un po a casa, va all ambulatorio e parla con il dottore, lavora e cerca di non pensare, fa sport, parla con gli amici, gioca al computer, picchia qualcuno, Il 60% sostiene che l assunzione di farmaci è utile ma li prende solo quando è malato o non riesce a sopportare dolori fisici (mal di testa, di denti, etc); il 40 % si dice convinto che i farmaci non servono a nulla. Alla domanda In generale come è la tua salute? il 39% risponde molto buona/buona, il 29% normale, Il 17 % non buona, l 11% cattiva/molto cattiva e il 4% così e così. Per quanto attiene alle domande sulla frequenza e la tipologia di alimentazione il 6 % ha riferito di mangiare una sola volta al giorno, Il 36 % due volte, il 44 % tre volte al giorno, il 10% più di tre volte al giorno e il 4% quando capita 70 su 100 hanno riferito di cucinare il cibo che consumano ma come si evidenziato nella tabella che segue il comportamento differisce molto in base al genere TIPO DI ALIMENTAZIONE Maschi Femmine Cibi cotti 3% Cibi cotti 0 Cucinati da lui 26% Cucinati da lei 44% Amici-parenti 12% Amici-parenti 5% Mensa 1% Mensa 2% Altro 2% Altro 0 Dipende 4% Dipende 1% 7

8 Le risposte alla domanda Bevi vino,birra,alcolici in genere? sono riassunte nella tabella che segue dalla quale si evince che 78 persone (di cui 52 di religione musulmana) riferiscono di non bere alcol; quelli che ne riferiscono il consumo sostengono di aver cominciato quando sono arrivati in Italia. CONSUMO DI ALCOL Maschi Femmine No 38% No 40% Tutti i giorni 2% Tutti i giorni 0 2/3 settimana 3% 2/3 settimana 1% Saltuariamente 5% Saltuariamente 11% Alla delicata domanda prendi droghe? 91 hanno risposto no, 8 non hanno voluto rispondere e 1 solo si è dichiarato tossicodipendente. Dei 4 che hanno voluto rispondere (di cui 3 maschi) alla domanda Cosa pensi ti sarebbe utile per smettere di prendere alcol e droghe? 2 hanno detto lavorare e 2 sposarsi/avere un compagno/a. La domanda aperta che li ha più disorientati e sollecitati ad aprirsi è stata l ultima: Cosa vorresti più di tutto? Esprimi un desiderio. Seppure per alcuni sia stato difficile comprendere bene il senso di questa domanda, per la maggior parte di loro è stata un modo per dare spazio e parola ai loro desideri. Si tratta di desideri che, seppure riguardano beni materiali, hanno sempre presenti gli affetti. Sono i desideri di chi ha la lontananza nel cuore, di chi anche se ha un cellulare o un cappotto, desidera rivedere i propri figli, i propri genitori, il proprio paese e, anche quando desidera soldi, è sempre per un sogno che coinvolge gli affetti (es. comprare una casa per i figli). Come è facile intuire, le risposte sono state molto diversificate e i dialoghi, talvolta, ricchi e intensi; ho cercato, di seguito, di riassumere quanto di più interessante e significativo è emerso in questo spazio di parola e di ascolto. 22 mi hanno detto che desiderano e sognano fortemente di rivedere o portare qui in Italia la famiglia ma mentre le donne vorrebbero portare qua solo i figli, gli uomini l intero nucleo familiare; 20 hanno come principale desiderio avere un lavoro ; 14 desiderano e sognano una vita diversa (viaggiare, diventare un insegnante, vivere in un altra città, aiutare gli altri,..); 12 aspirano alla serenità, vorrebbero star bene e vivere in pace; 8 vorrebbero ardentemente una famiglia, un compagno/a che si prenda cura di loro essi, perché, dicono, di sentirsi soli; 7 vorrebbero tornare nel loro paese, a casa; 5 mi dicono di non desiderare nulla; 3 vorrebbero dei soldi per comprare una casa ai figli o per vivere più serenamente; 4 vorrebbero possedere una macchina o una casa; 4 vorrebbero il permesso di soggiorno; 4 non mi hanno risposto perché, forse, non sono riusciti a capire la domanda; 1 desidera rimanere a Napoli 1 che la dittatura nel proprio paese finisca. Mi hanno parlato dei loro desideri sempre con il sorriso e una vena di malinconia, come se fossero davvero dei grandi sogni o dei grandi desideri. Molti di questi desideri sono anche i nostri, con la sola differenza che per noi la speranza che si realizzino è più concreta mentre per loro restano sogni impossibili. L avere il permesso di soggiorno, ritornare in Patria, rivedere i figli sono vissuti come desideri irrealizzabili. Tutti sono stati incuriositi dalle mie domande e volevano capire perché fossi tanto interessata ai loro sogni, alla loro vita. Superata la diffidenza iniziale, non si sono mai mostrati duri o maleducati ma, al contrario, mi hanno dispensato sorrisi e, volentieri, raccontato di sé. 8

9 Alcuni, che si sono aperti con fiducia, mi hanno toccato l anima e, quantunque abbia cercato di non coinvolgermi troppo, l impatto emotivo è stato per me molto forte. Come nel caso di una ragazza nigeriana di soli 24 anni, molto bella e ben curata, che durante tutta la somministrazione del questionario ha avuto uno sguardo malinconico e assente. Non ho mai visto degli occhi così vuoti e addolorati. Parlava a voce molto bassa, metà in inglese e metà in italiano, come se temesse qualcosa e non ha mai accennato a un sorriso. In Nigeria, ha frequentato la scuola per 10 anni e faceva la parrucchiera. E di religione cattolica e ha lasciato il suo paese per motivi economici. E qui a Napoli da tre anni, ed è emigrata da sola come clandestina. Le ho chiesto che lavoro facesse e lei mi ha risposto, sempre a bassa voce come se temesse qualcosa, In the street, nella strada (ovvero, fa la prostituta). Il suo problema in Italia è stato quello di non riuscire a trovare un vero lavoro. Quando le ho chiesto se la sua vita in Italia era migliore mi ha risposto uguale, che non era cambiato nulla e alla mia domanda vorresti tornare in Nigeria ha risposto No. All apparenza era molto tranquilla e serena ma è difficile capire se si trattasse di calma o di rassegnazione. Mi dice che quando è triste non fa nulla, non prende medicine, non beve, non fuma e non si droga. Mangia due volte al giorno. Alla domanda finale: Cosa vorresti più di tutto? Hai un sogno? Un desiderio?. Mi ha guardata con quei suoi occhi, vuoti, come se fosse altrove, e mi ha risposto, in maniera secca e decisa: Non ho desideri : ha 24 anni e ha già smesso di sognare. Oppure come un uomo di 32anni, senegalese che ha frequentato la scuola per 13 anni e in Senegal faceva l operaio e aveva un contratto di lavoro (con la CO.GE che è una ditta che costruisce strade). Non appena il padre è andato in pensione le cose hanno incominciato ad andar male e lui è stato costretto a lasciare gli studi. Poi, nonostante il padre non fosse d accordo, ha deciso di venire in Italia per cercar fortuna ed è a Napoli da 12 anni. Si è pentito di essere emigrato e vorrebbe ritornare nel suo paese, ma con qualche soldo messo da parte. Qui fa l ambulante. Mi dice che quando ha momenti di sconforto prega ma ribadisce di essere un uomo forte che difficilmente si scoraggia. E rimasto tanto a parlare con me. L unico vizio che ha è il fumo di tabacco. Il suo desiderio è quello di vivere in pace e aiutare la sua famiglia. E, ancora, tante di storie tristi e di coraggio. Una donna, durante la somministrazione del questionario, ha cominciato a piangere e mi ha detto che sono 13 anni che non torna al suo paese e non vede la sua famiglia. Un altra donna mi ha raccontato che era stata due anni e mezzo in carcere perché la famiglia dove viveva e presso la quale faceva la domestica spacciava droga e lei ne è rimasta coinvolta. C è chi è stata licenziata e non ha ricevuto i soldi che le spettavano ma c è anche chi, sposando un italiano, si è integrata completamente. Da questa ricerca è emerso che accanto al disagio sopravvive, in molti e molte, tanta speranza e la convinzione di poter migliorare. Paradossalmente, coesistono lo scoraggiamento e la speranza, il bisogno di raccontare il disagio e una grande dignità. Non sono mancate, infine, parole di gratitudine verso il C.T.S.I. dove tutti, dicono, di essere curati e di ricevere attenzioni. In una grande città come Napoli, che tanto poco offre, le persone immigrate non hanno altra scelta se non quella di continuare a sperare perché, spesso, scegliere un futuro migliore significa semplicemente riuscire a sognarlo. 9

10 N. Questionario sullo stato di salute/benessere degli STP e percorso migratorio. Con queste domande cerchiamo di capire perché hai scelto di emigrare in Italia e come questa scelta ha influito sul tuo stato di salute fisica e mentale. Io sono volontaria in questo ospedale e ti chiedo di dedicarmi po del tuo tempo per aiutarci a capire IL QUESTIONARIO E ASSOLUTAMENTE ANONIMO A=ANAGRAFICA A1 M=1 F=2 A2 Da quale paesi vieni? Lista 1 A3 Quanti anni hai? N. A4 Quanti anni hai studiato (scuola,università, ecc)? 0=Non ha studiato N. A5 Che lavoro facevi nel tuo paese? Lista 2 A6 Sei sposato? Solo? Convivi con qualcuno? Stato civile Lista 3 A7 Hai figli? Quanti? 0=NO N. INCINTA A8 Dove vivi a Napoli? S.F.D.=1 Con dimora=2 Lista 4 (DSB) quart. A9 Di che religione sei? Musulmano=1 Cattolico=2 Buddista=3 Ortodosso=4 Altro =5 P=PERCORSO MIGRATORIO Perché hai lasciato il tuo paese? Motivi politici=1 Motivi economici=2 Guerra=3 P1 Altro =4 P2 Da quanti anni hai lasciato il tuo paese di origine? 0=meno di 1 anno N. P3 Hai deciso tu da solo di emigrare? E con chi lo hai deciso? 1.Da solo; 2.Con la famiglia; 3.Gruppo Allargato; 4.Altro: P4 Dove hai trovato i soldi per partire? 1. Colletta familiare; 2.Colletta del villaggio; 3.Propri fondi; 4.Altro: P5 Da quanti anni sei in Italia? 0= meno di 1 anno N. P6 Lavori? Che tipo di lavoro fai per mantenerti? Lista 2 P7 Hai parenti con te? SI=1 NO=2 P8 Hai amici che possono aiutarti? SI=1 NO=2 P9 Quali sono i primi (max 3) problemi che hai/o hai avuto in Italia? Testo libero P10 La tua vita in Italia com'è rispetto al tuo paese di origine? 1.Molto peggiore; 2.Peggiore; 3.Uguale; 4.Migliore; 5.Molto migliore P11 Vorresti tornare nel tuo paese? SI=1 NO=2 FORSE=3 NON SA=4 B=BENESSERE SALUTE 10

11 B1 Come sei arrivato(attraverso chi) a questo ambulatorio? 1.Parenti; 2.Amici; 3.Organizzazioni; 4.Passaparola. 5 Altro B2 In generale, com'è la tua salute? 1.Molto buona; 2.Buona; 3.Normale; 4.Non buona; 5.Cattiva; 6.Molto cattiva. B3 Di solito il tuo umore, stato d animo è? 1.Calmo e sereno; 2.Normale; 3.Scoraggiato e triste B4 Cosa fai/prendi per superare ansia/depressione/insonnia/scoraggiamento Testo Libero: B5 Prendi normalmente le medicine per superare le tue difficoltà di ansia,depressione o insonnia? SI=1 NO=2 B6 Pensi che le medicine ti facciano stare meglio? SI=1 NO=2 B7 In genere, quante volte mangi al giorno? 1.una volta; 2 due volte; 3 tre volte; 4.più di 3 volte. B8 Normalmente 1.Cibi cotti comprati 2.Cucinati da te? 3. Da parenti/amici? 4. Mensa 5.Altro B9 Bevi birra, vino, alcolici in genere? NO=1 Se si: 2=Normalmente/tutti i giorni; 3=Due-tre volte a settimana; 4=Saltuariamente. B10 Hai cominciato a usare alcol e droghe in Italia? SI=1 NO=2 B11 Fumi tabacco? SI=1 NO=2 B12 Prendi droghe? Se sì, per quale via?: 1=NON RISP. 2=NO 3=Per bocca 4=Spinello 5=Per fumo; 6=Per naso/sniffando; 7=Endovena B13 Con che frequenza 1.Normalmente(tutti i giorni); 2.Due-tre volte a settimana; 3.Saltuariamente. B14 Vorresti smettere? SI=1 NO=2 Che cosa PENSI ti sarebbe utile per smettere di prendere alcol e droghe? Testo libero Cosa vorresti più di tutto? Esprimi un desiderio. DATA / / / / / / Anno Sezione libera per note.. 11

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

IN CITTÀ UNITÁ 6. Paula non è molto contenta perché ha poche amiche e questa città le piace poco; invece le altre città italiane le piacciono molto.

IN CITTÀ UNITÁ 6. Paula non è molto contenta perché ha poche amiche e questa città le piace poco; invece le altre città italiane le piacciono molto. IN CITTÀ Paula è brasiliana ed è in Italia da poco tempo. Vive in una città del Nord. La città non è molto grande ma è molto tranquilla, perché ci sono pochi abitanti. In centro ci sono molti negozi, molti

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI 11 luglio 2012 Anno 2011 I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI Il 59,5% dei cittadini afferma che nel nostro Paese gli immigrati sono trattati meno bene degli italiani. In particolare, la maggior parte degli

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano?

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? 1. Sofia ha appena ricevuto un e-mail con questo titolo: Se mi dai una mano, arrivo! Secondo te, di che cosa parla il messaggio? Discutine con un compagno.

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

L ufficio dell Anagrafe è aperto: lunedì-venerdì dalle 8.30 alle 15.30, sabato dalle 8.30 alle 12.

L ufficio dell Anagrafe è aperto: lunedì-venerdì dalle 8.30 alle 15.30, sabato dalle 8.30 alle 12. Compila oralmente la carta d identità con i tuoi dati: nome..., cognome..., nato il..., a..., cittadinanza..., residenza..., via..., stato civile..., professione..., statura..., capelli..., occhi... Qual

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora

La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora Gli anziani in realtà vengono considerati i soggetti più esposti al rischio della solitudine; sia perché

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Presentazione Si presenta l indagine qualitativa, effettuata con interviste, nel mese di luglio

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma)

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Un amore che desidera (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Lei: A che cosa stai pensando? Io: Lei: Oh, dico a te Io: Eh? Lei: A che cosa stai pensando? Io: Mmmh a niente Lei: Ah a niente Io: Sì, a niente

Dettagli

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri In caso di rapina in un pubblico esercizio Mantieni la massima calma ed esegui prontamente ciò che viene chiesto dai rapinatori. Non prendere

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse)

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) I PRONOMI PERSONALI PRONOMI PERSONALI SOGGETTO Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) Ella, esso, essa sono forme antiquate. Esso,

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

AS-SALÂMU ALAYKUM CHE LA PACE SIA CON VOI!

AS-SALÂMU ALAYKUM CHE LA PACE SIA CON VOI! بسم الله الرحمان الرحيم Nel Nome di Allah, il sommamente Misericordioso, il Clementissimo AS-SALÂMU ALAYKUM CHE LA PACE SIA CON VOI! (per piccoli Musulmani dai 5 agli 8 anni) بسم الله الرحمان الرحيم Nel

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze:

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: che fare? Alcol, droghe illegali, medicinali, gioco d azzardo Una persona a voi cara soffre di dipendenze. Vi sentite sopraffatti? Impotenti? Avete

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Opuscolo per i bambini

Opuscolo per i bambini I bambini hanno dei diritti. E tu, conosci i tuoi diritti? Opuscolo per i bambini Ref. N. Just/2010/DAP3/AG/1059-30-CE-0396518/00-42. Con approvazione e supporto finanziario del Programma della Unione

Dettagli

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 La sicurezza nelle stazioni. L impegno di RFI nel consolidamento della rete territoriale. Roma 27 giugno 2006 Disagio sociale 1. L altro ed il diverso 2. Aree di disagio sociale

Dettagli

CHE LAVORO FAI? UNITÁ 2. Ciao, Pablo. dove vai? Io vado a lavorare. Pablo: Pablo:

CHE LAVORO FAI? UNITÁ 2. Ciao, Pablo. dove vai? Io vado a lavorare. Pablo: Pablo: CHE LAVORO FAI? Rachid: Rachid: Rachid: Rachid: Ciao, Pablo. dove vai? Io vado a lavorare. Che lavoro fai? Io lavoro in fabbrica. E tu? Io faccio il muratore. Anche lui è muratore. Si chiama Rachid. Lui

Dettagli