Metodo del laboratorio e costruzione della motivazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Metodo del laboratorio e costruzione della motivazione"

Transcript

1 QUESTIONI DI METODO Metodo del laboratorio e costruzione della motivazione Intervento di: Domenico Canciani Formatore, insegnante, operatore psicopedagogico Movimento Cooperazione Educativa Laboratorio è una parola-totem, che spesso viene usata con significati diversi, come un grande ombrello sotto il quale ci possono stare più persone, anche diverse fra loro. Ho cercato di stabilire che cosa sia essenzialmente un laboratorio pensando alle procedure e agli ingredienti che lo determinano, e ho preparato una sorta di dizionario, maturato mescolando l'esperienza di formazione degli insegnanti nel Movimento di cooperazione educativa, le riflessioni che mi vengono dall esperienza educativa con i ragazzi a scuola, e l'esperienza maturata nei Centri età evolutiva di Venezia. 1. Per provare a dire che cos'è un laboratorio incomincio col dire che cosa non è. Non è solo un luogo. Quando sentiamo parlare del laboratorio di informatica di solito si pensa alle macchine. Secondo me una sala informatica (blindata) non è un laboratorio: è un luogo dove ci sono degli strumenti preziosi, certo, ma questa non è condizione sufficiente a farne un laboratorio. Se invece pensiamo alla radice labor, essa ci rimanda al senso produttivo dell officina, un luogo dove ci si addestra per apprendere un mestiere. Il laboratorio è certamente un luogo formativo, ma non serve solamente per imparare un mestiere, per avviarsi a un lavoro. Nella nostra concezione un laboratorio è un luogo in cui è vivo, attivo, un gruppo condotto da un adulto, (animatore, educatore, insegnante, coordinatore) nel quale, lavorando su delle tecniche, si apprendono relazioni, si impara a vivere con gli altri. Se proprio dovessi tradurre la parola in un altra lingua non userei l'inglese workshop perché mi sembra che la radice work, lavoro, insieme a shop, negozio, rimandi al mondo economico, in cui si vende e si compra ciò che è stato prodotto. Il mondo educativo oggi è letteralmente assediato dall idea della mercificazione, per cui sceglierei per laboratorio la parola atelier. Nel termine francese ci leggo di più l'idea di essere, di stare, di lavorare insieme. Mi riferisco anche ad un immagine personale che mi è cara, l atelier di sartoria nel quale io sono cresciuto, dove lavoravano mio padre e mia madre. Mio padre era il tagliatore, quello che con le forbici dava forma e misura alle stoffe; mia madre era la cucitrice, colei che con l ago e la pazienza le univa insieme a formare il vestito. L'idea di laboratorio come atelier ci è utile perché ci rimanda alla necessità di un dare forma - mettendo insieme. Nel linguaggio psico-pedagogico potrebbe significare dare senso a quello che stiamo facendo. 1

2 C è anche chi intende il laboratorio come luogo di sperimentazione e ricerca scientifica (chimicafisica-medica) ma per noi il laboratorio è simile a una bottega artigiana: vi partecipano in modo attivo un gruppo di ragazzi e un animatore adulto che li accompagna, li coordina, li sostiene. Lo scopo delle azioni che si svolgono nel laboratorio formativo non è unicamente produrre:esso ha uno scopo manifesto, ma il suo produrre consiste nel creare, nel fare un gioco. 2. Che cosa dobbiamo intendere per gioco? Ci troviamo di nuovo nella necessità di risignificare una parola abusata, perchè ripetutamente usata in molti contesti diversi. Nel gioco ci sono molte radici semantiche. Sicuramente c è il gioco inteso come scherzo; c è la radice ludus, che rimanda al confronto, alla sfida; e c'è una radice, alea, che ha a che fare con il rischio, la possibilità, come nel gioco dei dadi. Tuttavia ciò che vorremmo si svolgesse nel laboratorio è un gioco creativo. Creativo, ovvero che permette a ciascuno di esprimersi,; che dà e mette a disposizione dei ragazzi strumenti espressivi: da quelli classici (la parola, la scrittura, il teatro), ai linguaggi non verbali (pittura, musica, modellazione); fino ai linguaggi del corpo (il gesto, la danza, le mani, il movimento) in modo che ciascuno possa ricrearsi. Ri-crearsi nel senso ricreativo del termine (stare in relax), ma anche, da creta, prendere forma, nel senso di cercare di rappresentare se stessi in modo nuovo e inatteso, giocandosi nuove e possibili identità. Per comprendere meglio di quale gioco stiamo parlando ci può aiutare la definizione inglese to play che è un po più ricca del nostro giocare. La nostra tradizione pedagogica penalizza l azione del giocare: lo considera il contrario di lavorare, il contrario di produrre; il gioco è trattato come cosa da bambini, come perdita di tempo. Credo che questi luoghi comuni ci siano ancora negli strati profondi di molte figure educative, a scuola e nell extrascuola. Tuttavia attraverso la definizione inglese possiamo riscoprire alcuni significati creativi del giocare, che può diventare di volta in volta: agire, recitare, suonare, fare un gioco, attivare un ruolo. Ci ricorda che giocare è parola bifronte, significa al fondo mettersi in gioco, assumere una posizione attiva, a volte anche passiva, ovvero accettare di essere giocato. C è infatti un altro senso che voglio sottolineare: attraverso l azione del giocare entriamo in contatto con altri, e possiamo creare nuovi legami, scoprire o ri-scoprire nuove relazioni all'interno di un gruppo. Nessuno di noi si conosce fino in fondo, ognuno di noi affina la conoscenza di sè mettendosi alla prova, incontrando ostacoli, specchi che riflettono la propria immagine, persone con le quali entrare in relazione. Solo in questa maniera riusciamo a creare un circuito tra ciò che pensiamo di essere, e ciò che ci viene restituito dalla realtà; tra ciò che siamo capaci di fare, e il modo in cui ci vedono gli altri. Ed è in questo intreccio che ciascuno di noi si conosce. Nell età adolescenziale e preadolescenziale questo gioco è particolarmente proficuo perché l'adolescenza è una nuova nascita, non biologica ma sociale, extra familiare, non determinata esclusivamente dal patrimonio genetico, e nemmeno dalla cultura familiare che durante l'età infantile ci ha costruito e delineato. L'adolescenza è un luogo della scelta, è un tempo in cui si vuole, si pensa d essere, ci si propone di diventare. E uno spazio-tempo importante in cui poter mettere in gioco le identità possibili. Per questo motivo un laboratorio è sempre un evento che avviene in gruppo. 3. Gruppo è un'altra delle parole chiave del nostro dizionario. Stare in un gruppo non vuol dire stare uno appresso all'altro. Il modello di gruppo non è un condominio. Come ci ha insegnato la psicologia (Kurt Lewin), è un sistema, qualcosa di più, e qualcosa di altro dalla somma delle parti. 2

3 Nel laboratorio, mentre si gioca ci si mette in gioco, costruendo legami, cioè si costruisce un senso di appartenenza, un identità sociale, in cui, come diceva Franco Floris, c'è un noi nel quale un io si vede inserito. Il laboratorio è il risultato di una relazione continua tra sé e l'altro, una costruzione individuale che avviene in un gioco di attese reciproche. Un laboratorio è come una palestra relazionale nella quale i ragazzi possono mettere alla prova quello che loro sanno della vita relazionale. C'è molta curiosità nell età preadolescenziale e adolescenziale attorno alla figura dell'altro. Esso è inteso innanzi tutto come l'altro sesso, cioè l altro maschile e/o femminile. Tecnicamente i ragazzi di oggi sembrano molto preparati, sanno tutto dell anatomia, ma la domanda che sta al fondo della loro ricerca è: che cosa succede quando si è vicini? Per crescere devono conoscere l'emozione, il sentimento, l'imbarazzo dell'incontrare l altro da sé e parafrasando per un momento la nota canzone di E. Jannacci potremo dire che quello che i ragazzi e le ragazze non conoscono è l'effetto che fa. - L'altro può essere inteso come lo straniero, colui che viene da fuori, da un paese lontano. - L altro può essere anche- e ce lo diceva molto bene Laura Formenti - come l'altra famiglia, vicina, ma con una diversa cultura alimentare, e relazionale; con un'altra religione, un altro orario per andare a dormire, un diverso uso del tempo libero; che ha modi discutibili di trattare grandi e piccoli, mariti e mogli. - Ma l altro è soprattutto un alterità che ci abita. E allora scoprendo l'altro che è fuori di me io scopro quella parte di me che non conosco. Riuscire a metterle insieme è un grande contributo all'integrazione, alla pace e al futuro. Infatti in ogni famiglia, in ogni gruppo, anche in un gruppo-laboratorio si creano delle forme di etnocentrismo: ovvero quando un gruppo si è formato tende ad allontanare tutti quelli che si vogliono avvicinare ad esso; quando un gruppo si sente solido tende ad escludere coloro che non si adeguano. Tenere aperta la dimensione della diversità, tenere aperta la dimensione della conoscenza dell'altro, dare voce e forma ad un gioco di reciprocità è una delle cose più difficili. 4. Il laboratorio è un set Riecheggiava stamattina nella relazione di Mori la denuncia di un idea culturale diffusa dell educazione come supermarket. Sottoscriviamo aggiungendo che un laboratorio non è un selfservice. Il laboratorio non è neanche un luogo sempre aperto, nel quale si entra a qualsiasi ora e si va via a qualsiasi ora. Un laboratorio formativo è un luogo istituito da uno spazio e da un tempo. Esso è definito da un set: uno spazio fisico nel quale possiamo riconoscerci (stanza, parco, muretto, panchina, aula); è un luogo che segna la nostra presenza e le nostre identità, ed è a sua volta segnato dal nostro gioco di relazioni reciproche. È un luogo definito e riconoscibile, e non solo uno spazio fisico. - Il laboratorio è un tempo definito, non è sempre disponibile: non è un frigorifero che ogni volta che viene aperto dona sempre qualche cosa. Il laboratorio formativo è un momento definito, cioè funziona il martedì e il giovedì, e non il sabato e la domenica supponiamo. E se chi vi partecipa non assume quel ritmo non ha la possibilità di incontrare gli altri. Istituire il laboratorio come se fosse un set è importante per diversi motivi. Uno di essi è che produce un apprendimento della regola. I ragazzi davanti al frigorifero apprendono che c'è sempre qualcuno a loro disposizione, apprendono la dipendenza. Un luogo istituito rappresenta la cura reciproca del luogo e del tempo che passiamo insieme. È come un appuntamento, cioè un movimento reciproco, di più soggetti, verso un determinato luogo, ma nello stesso giorno e alla stessa ora, perché altrimenti non ci si può incontrare. Istituire un laboratorio come luogo educativo significa porre cura, creando di fatto scelta, autonomia, crescita. 3

4 - Tuttavia il laboratorio è soprattutto uno spazio affettivo e mentale: creare una cornice spaziotemporale ricca di relazioni significa che ciascun soggetto si dà una mappa mentale. E la mappa del gruppo che ognuno costruisce dentro di sé; è uno spazio di accoglienza che si crea nella mente e nel cuore; è una mappa che ciascuno può usare nel pensare i propri compagni anche quando essi sono assenti. Quando ciò accade si può dire di avere raggiunto il livello di integrazione ovvero che si è realizzata l'interiorizzazione di un gruppo. 5. Per primo è l'animatore a creare uno spazio affettivo e mentale per poter accogliere i ragazzi. Infatti l istituzione maggiore del laboratorio è la presenza dell animatore adulto, che riassume in sé la tutela dello spazio e del tempo (fisico e relazionale), e la realizzazione del compito. Egli invita i ragazzi ad entrare, ad accettare il gioco proposto, a smettere di sostare sulla soglia in attesa di una realizzazione magica dei propri desideri. Con la sua adultità capace di giocare e contemporaneamente di assumersi delle responsabilità, l animatore esercita una funzione di modeling nei confronti della quale i ragazzi agiscono numerose emozioni: il rifiuto, la rabbia, ma anche la stima e l ammirazione. Attraverso la disponibilità di un adulto, ovvero di qualcuno che è già passato per la strada della crescita, a stare insieme ai ragazzi mettendosi in gioco, nel laboratorio si apre una via di comunicazione, fatta di azioni proiettive e introiettive. I ragazzi fanno così sentire all animatore ciò che essi sentono, ed egli prova a rielaborare insieme a loro quei sentimenti mettendoli in gioco. Egli così testimonia ai ragazzi la possibilità di diventare grandi costruendo se stessi creativamente insieme agli altri, ma solo a patto di entrare, di stare dentro la cornice. Sostare fuori dall esperienza fa perdere la possibilità di vivere con gli altri l azione creativa quanto entrarci permette di aprirsi nuovi orizzonti da esplorare. L adolescente che sta sulla soglia è impegnato a chiedersi se starci o non starci, se mettersi alla prova oppure no. Ed è l animatore che, lanciando la sua proposta, lo aiuta ad entrare e a rinunciare al desiderio distruttivo di starsene fuori per accettare la sfida di mettersi in gioco. Ci sono molte domande dei ragazzi intorno ai loro insegnanti e alle loro insegnanti che non attengono al fatto delle materie di studio e che non attengono alle competenze che hanno o ai giochi che sanno fare, ma attengono principalmente a questa domanda: ma che razza di uomo è? Ma che tipo di donna è? Ma come fa a fare la mamma? Come farà ad essere un marito? Le domande degli adolescenti, anche se non dette, riguardano spesso il modello adulto che gli viene proposto: come tratta i ragazzi? Come si comporta quando riceve un'offesa? E se gli si dice una parolaccia come reagirà? Queste sono le domande più interessanti per un gruppo adolescenziale, ed è su questo terreno che l'adulto educatore risponde perché non ha solo attraversato la vita, ma ha anche riflettuto sulla sua esperienza, l ha rielaborata e rimessa a disposizione degli altri proprio perché ha scelto di fare quel mestiere. L'adulto animatore ha soprattutto il compito di cucire, di tenere insieme, di fare convivere gli opposti che si respingono, i sottogruppi che si mandano via, le soggettività che rivendicano originalità ed estraneità. Il laboratorio quindi non può essere un supermarket nel senso che non è la ricchezza delle esperienze che manca ai nostri ragazzi: oggi ciò che fa crescere è riuscire a portare a termine un'esperienza, orientarsi, scegliere e condurre a buon fine un'esperienza. È una specie di nevrosi che colpisce le famiglie di oggi: un mese al calcio, poi il nuoto, e appena la fatica si fa sentire si passa alla chitarra Questo passare da un'esperienza all'altra senza attraversarla e concluderla è una delle malattie sociali del nostro tempo. E allora è bene che il laboratorio non sia basato sulla stessa modalità, non proponga ogni volta e ogni giorno un gioco nuovo, ma si snodi in una continuità. 4

5 6. Il laboratorio è un gioco-storia Se il laboratorio creativo proponesse una situazione ludica ogni giorno nuova e piacevole, avrebbe finito per mostrare nel tempo la propria frammentarietà e ripetitività, costituendo per i ragazzi un cibo gradevole, ma poco nutriente per la crescita. L'animatore invece svolge una importante funzione narrativa nei confronti del gruppo: egli propone ai ragazzi di fare storie giocando a dare vita ai loro oggetti interni mettendoli fuori: sono indizi, impronte; poi oggetti; infine veri e complessi personaggi. La sua proposta di gioco aiuta i ragazzi a progredire, facendoli divenire attori protagonisti di un gioco-storia pensato come costruzione che si innalza nel tempo. Un giocostoria capace di separare e collegare le tappe precedenti con le successive, realizzando un percorso che non ricomincia ogni volta da zero, ma che conserva le tracce della propria evoluzione. Lo chiamiamo gioco-storia, intendendo un gioco che, attraverso l allestimento di uno sfondo narrativo va a collocare i vari eventi quotidiani (i bisogni e i desideri, le paure e i vissuti) in una griglia narrativa. Nel gioco-storia il compito del gruppo infatti, non è solo di giocare insieme, ma tende a far procedere i ragazzi ad un livello di integrazione superiore proponendo loro di realizzare qualcosa che parli di loro stessi, che racconti la loro storia. Viene proposta un ambientazione, cioè uno sfondo narrativo, uno spazio fisico e simbolico, all attività del laboratorio: in questo modo si vuole fornire al gruppo una rete di comunicazione e comprensione reciproca, una possibilità di connettere i frammenti dell identità integrando i vissuti dei ragazzi. Il laboratorio diventa così un atelier di storie in cui i frammenti di gioco e di vita vengono cuciti insieme per realizzare una storia di tutti capace di comprendere la storia di ciascuno. Una storia che aiuta a separare e integrare passato, presente e futuro, rinforzando il sentimento di identità sotto il profilo dell integrazione temporale. Ma il laboratorio non è saturo, nel senso che non è un gioco strutturato che prevede delle tappe da percorrere. Più che essere un puzzle che ha già un disegno precostituito, si tratta di mettere le tessere del mosaico al posto giusto un laboratorio assomiglia più a un tangram: ci sono sette o otto pezzetti coi quali però si possono comporre diverse figure, a seconda di chi fa il gioco. La proposta dell'animatore è in parte da costruire. È gioco-storia, inteso come un gioco che costruisce se stesso. La proposta dell animatore agisce come un incipit narrativo, rendendo il laboratorio un libro da scrivere insieme, e il romanzo che ne viene fuori alla fine parlerà della storia collettiva, parlerà dei pezzi che ognuno dei ragazzi ci ha messo. 7. Il laboratorio è come una tribù Per comprendere come si sviluppa l integrazione sociale nell arco di tempo in cui si articola il laboratorio, seguendo alcune riflessioni di Donald Meltzer, possiamo dire che il gruppo tende a mettere in atto dei comportamenti simili a quelli di una piccola tribù, cioè crea la propria avventura attraversando tappe simili a quelle che l umanità ha attraversato nel percorso dalla preistoria alla storia. Inizialmente i ragazzi sono sconosciuti, nemici l uno all altro in quanto in preda alla paura di essere aggrediti. Nei primi tempi essi sviluppano forme di difesa del territorio dalle invasioni altrui, costruendo tane, case,segnando confini, innalzando steccati, postazioni di vedetta e simili. A poco a poco, e grazie alla presenza di un mediatore, essi iniziano a dialogare e a costruire un proprio linguaggio, fatto di oggetti, comportamenti, parole che stabiliscono un maggiore livello di scambio: passata la ricerca delle condizioni di convivenza, ora si cercano le regole della comunicazione. Nascono linguaggi segreti come esordio di una cultura del gruppo, fioriscono miti e ritualità d ingresso e d uscita dalla storia come segni di una appartenenza. Nei laboratori si realizzano quiz, prove, giochi, inviti, destinati a chi arriva tardi: prove d ingresso per conquistare il diritto a partecipare, a far parte. L esigenza di uno scambio umano è rappresentata in forma figurata attraverso la realizzazione di mercatini, fiere in cui ciascuno mette in mostra quello che realizza, ciò che ha da mettere in 5

6 comune. Dal baratto presto si passa al conio di monete valide dentro al gruppo, capaci di regolare lo scambio. In questa fase ogni membro inizia a pensare il gruppo come un insieme di ruoli e aspettative, ovvero sente di partecipare, di esser parte di un insieme di relazioni. Alla fine del laboratorio ogni gruppo porta a termine la propria storia creando un oggetto collettivo e ognuno realizza un oggetto individuale. A volte si tratta di una rappresentazione, di una canzone, di un murales, di una festa L oggetto condiviso sintetizza in sé il senso di appartenenza raggiunto, che permette al ragazzo di sentire un gruppo interno, ovvero di pensare il gruppo anche quando i suoi amici non ci sono, di sentire i compagni e l animatore come personaggi testimoni della propria vita, amici invisibili che egli può consultare in ogni momento giacchè sono diventati parte del sè. Al termine dell esperienza egli se ne torna a casa, portando dentro di sé questo oggetto interno e in mano un oggetto concreto: nel loro insieme essi simboleggiano la costruzione di un Io intrecciato ad un Noi, ovvero la possibilità di continuare ad andare per altri mondi (in famiglia, a scuola) più ricco e forte di un senso nuovo di identità, capace di continuare a crescere. 8. La motivazione Si può arrivare in alcuni mesi di lavoro anche a costruire degli oggetti comuni, a cooperare alla costruzione di qualcosa che rappresenta la relazione che abbiamo costruito tra di noi. Come tutti i processi di crescita - diceva il fondatore del Movimento di cooperazione educativa Celestin Freinet - non è una scala a pioli nella quale ogni gradino corrisponde ad una fase. È un cammino nel quale a volte si saltano due gradini, a volte si cade, a volte se ne fanno due o tre di seguito e poi ci si sofferma. L'andamento dei gruppi dentro ai laboratori vive questi intrecci di assenza e presenza, di ricatto reciproco, momenti di grande slancio e momenti di calma piatta. La motivazione non può essere una trappola per topi. Chi lavora con i ragazzi sa che prima o poi trova nella sua strada qualche cosa che si chiama conquistare i ragazzi oppure sedurre i ragazzi. Conquistare e sedurre sono due confini dell'agire educativo che hanno a che fare con territori agli antipodi del campo educativo come il dominio e la sottomissione Il compito dell'educatore adulto è di proporre, di chiamare e di attrarre, però la motivazione è qualcosa che si costruisce insieme: la motivazione è un movimento reciproco, ha a che fare con la proposta di qualcosa che meriti di essere giocato, un gioco che valga la candela, un rischio che valga la pena di essere colto. La parola che riecheggia è impresa. Una impresa da compiere è sufficientemente motivante se non è un gioco fine a se stesso, se non si consuma totalmente al proprio interno, ma può essere comunicato all esterno. Per i ragazzi è molto importante. Per esempio costruire una stazione radio, fare un disco, scrivere un libro, stampare un giornale, mettere in scena una rappresentazione teatrale si rivela assai affascinante. Non sembrino proposte desuete, esse hanno rilevanza perché la domanda di riconoscimento che ha dentro di sé l'adolescente nei confronti dell'adulto e della società è molto alta. Una seconda cosa che va definita è che una buona motivazione è capace di insegnare al ragazzo di sostenere un tempo di attesa. Su questo punto mi soffermerei perché è un'altra delle malattie sociali di oggi: per esemplificare possiamo dire che prima ancora che il bambino abbia detto "ho fame" c è un adulto che gli offre delle patatine, così non si riesce nemmeno a mettere a fuoco la domanda che è sottesa alla domanda inespressa. È una situazione che non aiuta a crescere e rafforza la dipendenza. Invece, le grandi imprese come quella di crescere, hanno bisogno di un tempo di attesa. Tra l'idea e la sua realizzazione c'è un tempo fatto di corteggiamento dell'idea, di tempi vuoti, difficoltà, risorse, fatica, studio. Ognuno lo riempia come vuole, però quel tempo di attesa è fondamentale per crescere. Senza la sopportazione, l'allenamento alla frustrazione, non c'è possibilità di grandi imprese, rimane scarsa la possibilità di pensare il futuro; c'è solo la possibilità di riempire il presente. Quindi se vogliamo aiutare i ragazzi a crescere, dobbiamo aiutarli a mentalizzare la frustrazione del tempo di attesa. 6

7 È come il tempo dell innamoramento alla fin fine. Una volta era codificato, c'era un tempo di fidanzamento tra il conoscersi di un uomo e di una donna e il consumare. E sul tempo del corteggiamento si è creata una grande letteratura, si è inventata l'arte dei fiori, le poesie, le canzoni, le liriche, i sotterfugi, gli scherzi: cioè un monte di cose sono state inventate proprio per impegnare quel tempo di attesa. 9. Pensare sul fare Non basta per fare un laboratorio, attivare un laboratorio, ci vuole un tempo per la riflessione sul laboratorio. Conoscere vuol dire non solo fare, ma sapere quello che si sa fare. Allora l'animatore e l'educatore che si accingono a lavorare in un laboratorio che si propone di aiutare a crescere, hanno bisogno di documentare la propria esperienza: dal tenere un proprio diario, fino alle mostre fotografiche; dal parlarne con altri colleghi, al riflettere su quello che va accadendo. Non sono solo questioni di tipo tecnico - come risolvo, cosa faccio domani - ma è un Che cosa mi è successo oggi che è andata a finire in questo modo?, Perché questa situazione va sempre ogni giorno a finire così e poi si litiga, poi io alzo la voce, poi Pierino se ne va?. Allora domandarsi che cosa avviene mentre si fa il laboratorio è indispensabile; aiuta a trovare una via di uscita, ma soprattutto aiuta a non replicare il gioco all'infinito. Si è parlato stamattina delle altri due grandi istituzioni educative: la famiglia e la scuola. La famiglia e la scuola sono professioniste della replica del gioco. I rapporti sono così decisi o fissati che va sempre a finire nello stesso modo, perché ognuno dei personaggi - il professore e l'alunno, la mamma e la figlia - replicano se stessi nel gioco. Chi si pone in posizione educativa deve provare a interrogarsi perché il gioco vada a finire sempre nello stesso modo. Interrogarsi insieme, lavorare insieme, riflettere insieme, può aiutare a trovare altre strade, a non replicare il gioco e quindi farlo diventare un gioco evolutivo. Riferimenti Bibliografici - D. Canciani, P. Sartori. Dire, fare, giocare. Armando D. Canciani. Appunti per un modello di laboratorio evolutivo, in Animazione Sociale, n. 4/93 - D. Canciani. Un laboratorio per imparare a giocare, in Cooperazione educativa, n. 4/95 - D. Canciani. Il laboratorio creativo ripercorre la storia della civiltà umana. Atti interni Cee Venezia 98 - D. Canciani. Il gruppo è vita, tutto il resto è noia. L esperienza grippale in una classe di adolescenti, in Animazione Sociale n. 2/ M. Delpiano. Una relazione che riconosca il cambiamento. In Animazione Sociale n.6-7/99 - D. Demetrio, D. Fabbri, S. Gherardi. Apprendere nelle organizzazioni. La N. Italia scientifica - L. e R. Grinberg. Identità e cambiamento. Armando - G.P. Quaglino, S. Casagrande, A. Castellano. Gruppo di lavoro, lavoro di gruppo. R. Cortina - P. Sartori e P. Scalari (cura). Il bambino trasparente,. Franco Angeli - Sartori e Scalari (cura) Adulto e Bambino. Una relazione per crescere. Marsilio ed., Venezia 91 - P. Sartori. Storie di ragazzi e ragazze. In Animazione Sociale n. 5/ P. Sartori. Un laboratorio per diventare gruppo. Preadolescenti alla ricerca del proprio essere sociale, in Animazione Sociale n.3/ D. Winnicott. Gioco e Realtà. Armando - P. Zanelli. Uno sfondo per integrare. Cappelli 7

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI)

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) STORIE PICCINE PICCIO' (dai 2 ai 5 anni) Una selezione di storie adatte ai piu' piccoli. Libri per giocare, libri da guardare da gustare e ascoltare. Un momento di condivisione

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

Dov è finita la voglia di studiare?

Dov è finita la voglia di studiare? Dov è finita la voglia di studiare? Demo5vazione, insicurezza, paura di me:ersi alla prova, difficoltà a ges5re gli insuccessi: vissu5 frequen5 del percorso scolas5co di oggi CERCASI VOGLIA DI STUDIARE!!!

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Tatsiana: possiamo finalmente superare molti pregiudizi nei confronti degli altri, che sono diversi solo apparentemente

Tatsiana: possiamo finalmente superare molti pregiudizi nei confronti degli altri, che sono diversi solo apparentemente Buongiorno, mi chiamo Tatsiana Shkurynava. Sono di nazionalità bielorussa, vivo in Italia a Reggio Calabria. In questo breve articolo vorrei raccontare della mia esperienza in Italia. Tutto è cominciato

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

www.maestramary.altervista.org

www.maestramary.altervista.org Premessa ed obiettivi Il progetto "dietro le quinte" La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine drammatizzazione si intendono

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

DI GESTIONE DEL FONDO REGIONALE PER IL VOLONTARIATO E CENTRO SERVIZI VOLONTARIATO

DI GESTIONE DEL FONDO REGIONALE PER IL VOLONTARIATO E CENTRO SERVIZI VOLONTARIATO Pubblicazione inserita nel Progetto GLI ALTRI SIAMO NOI realizzato con il contributo del COMITATO DI GESTIONE DEL FONDO REGIONALE PER IL VOLONTARIATO E CENTRO SERVIZI VOLONTARIATO della PROVINCIA di PADOVA

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli