G L O S S A R I O GLOSSARIO DELLA FINANZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "G L O S S A R I O GLOSSARIO DELLA FINANZA"

Transcript

1 G L O S S A R I O GLOSSARIO DELLA FINANZA

2 A REVOCA O CANCELLAZIONE Tipo di contratto di compravendita di titoli, attraverso un intermediario, che perde validità al momento della sua esecuzione o dell'annullamento da parte del cliente. A RISCHIO Connessa all'esercizio di un'attività, ad un titolo o ad un credito, indica l'eventualità di un effetto contrario ad un certo andamento ipotizzato che si traduce in una perdita o in un mancato guadagno. A VISTA Un titolo è pagabile at sight se è sufficiente la sua presentazione al debitore per poter ricevere il denaro oggetto della prestazione. ABBANDONARE IL PREMIO Scioglimento di un contratto di acquisto o vendita di titoli a premio call o put da parte di un investitore. ACCELERAZIONE DEGLI UTILI Indica l'aumento di valore degli utili nel corso del tempo relativo ad ogni azione. Ha come conseguenza l'aumento di prezzo del titolo. ACCORDO DI COLLOCAMENTO In un'operazione di collocamento di titoli presso il pubblico, è l'accordo tra banche che stabilisce le condizioni dell'operazione e la spartizione delle quote. ACCORDO DI SOTTOSCRIZIONE Contratto che viene sottoscritto fra la società che emette nuovi titoli e la banca d'investimento che guida il consorzio di collocamento. In esso sono indicate le condizioni generali dell'emissione. ACCORDO FRA SOTTOSCRITTORI Accordo che stabilisce le condizioni di un'operazione di collocamento di titoli di nuova emissione tra la società di emissione e la banca d'investimento. ACCORDO GENERALE DI FINANZIAMENTO Intercorre tra i paesi del gruppo dei dieci e il Fondo Monetario Internazionale ed attiene ad un finanziamento nella valuta nazionale da parte dei paesi a favore del Fondo. ACQUISTI CON MARGINE (BUYING ON MARGIN) E' l'acquisto di titoli da parte di un soggetto, garantito da titoli di sua proprietà. Questi vengono depositati dal proprietario presso un intermediario, anche in quantità corrispondente soltanto ad una parte dell'ammontare dell'operazione e adeguati periodicamente alle condizioni di mercato. ACQUISTO A TERMINE (BUYING FORWARD) Contratto di acquisto di un bene, frequentemente valuta, in cui la firma viene rinviata a data futura, in modo che l'acquirente entri in possesso del suddetto bene solamente alla scadenza e alle condizioni stabilite alla stipula del contratto. ACQUISTO DI CHIUSURA (CLOSING PURCHASE) Acquisto di uno strumento derivato (future od option) avente le stesse caratteristiche di un altro venduto al fine di annullare gli impegni e gli obblighi in corso (relativi a quest'ultimo). ADR American depositary receipts. Ricevute di deposito di titoli azionari esteri quotati a Wall Street. Permettono ai loro possessori di avvalersi di tutti i diritti dell'azionista, pur non ricevendo materialmente il titolo, in particolare la riscossione di dividendi e l'ottenimento di eventuali capital gains. Glossario della Finanza 2

3 AEX E' l'indice della borsa di Amsterdam. AGGIOTAGGIO E' un'operazione proibita dalla legge n. 157/1992 con la quale si provoca artificiosamente un rialzo o un ribasso delle quotazioni con la divulgazione di notizie false e tendenziose. AGGIUDICAZIONE La quota di titoli, facenti parte di un'emissione, che viene attribuita a un soggetto che ha aderito alla sottoscrizione. AIBD Association of International Bond Dealers. Associazione composta da circa cinquecento dealers di trenta differenti nazioni, esperti in obbligazioni, il cui fine è quello di discutere le procedure di funzionamento del mercato secondario. ALFA Rendimento di un titolo espresso sotto forma di coefficiente. Non dipende dall'andamento del titolo sul mercato. ALLA PARI Relativo ad un'opzione, indica che il prezzo di mercato del bene oggetto del contratto o del valore mobiliare sottostante è uguale al prezzo di esercizio del diritto di compravendita (il premio è pagato in anticipo). Esercitando l'opzione (denominata at the money), teoricamente si ha la perdita del premio che equivale, in termini di risultato, all'abbandono a scadenza. ALLENTAMENTO MONETARIO Azione di politica economica che tende ad aumentare la liquidità del sistema economico. AL MEGLIO E' l'ordine di acquistare o di vendere un bene di investimento sul mercato alle migliori condizioni possibili nel momento in cui viene dato l'ordine. AL PORTATORE Dicesi di un titolo che garantisce la piena titolarità a chi lo possiede. AMEX - AMERICAN STOCK EXCHANGE E' la seconda borsa valori statunitense, in essa vengono scambiati principalmente titoli di piccole e medie società. ANALISI DI PORTAFOGLIO Valutazione del complesso di attività e passività finanziarie detenute da un operatore, allo scopo di ottimizzarne la configurazione rischio-rendimento in funzione delle preferenze del titolare. ANALISI DI SENSITIVITA' Studia il rapporto che intercorre tra le grandezze economiche e le variabili aziendali, individuando così la relazione tra le due variabili. ANALISI FONDAMENTALE Analisi dettagliata dei cespiti attivi e passivi e delle poste di bilancio di una società, finalizzata a stabilire il valore di mercato dei titoli che la rappresentano. ANALISI QUANTITATIVA Genere di analisi economica che si occupa dell'individuazione di relazioni matematiche o statistiche tra grandezze economiche. ANALISI TECNICA Studio che si avvale di un'analisi approfondita dei valori e della situazione passata di una società al fine di valutarne l'andamento futuro. Glossario della Finanza 3

4 ANALISTA Chi studia e prevede le migliori opportunità d'investimento in titoli. ANDARE CORTO Posizione al ribasso, in cui l'operatore vende un titolo allo scoperto, in previsione di riacquistarlo in un altro momento a un prezzo inferiore, guadagnando la differenza. ANDARE LUNGO Acquisto di un titolo effettuato nella previsione che lo stesso salga di prezzo ed è quindi una posizione rialzista. ANNUNCIO SU EMISSIONE DI PRESTITI Relativo ad un prestito consorziale, è un annuncio stampa che ne comunica le caratteristiche fondamentali e gli istituti partecipanti. ANTICIPI E RITARDI Relativo ad operazioni di carattere commerciale internazionale, indica la pratica speculativa consistente nell'effettuare pagamenti in maniera anticipata o rinviata, così da sfruttare le oscillazioni di valore nel rapporto tra la moneta nazionale e quella di regolamento della transazione. APERTURA E' la fase iniziale della seduta di negoziazione di borsa. Gli ordini di acquisto o di vendita pervenuti durante questa fase si concludono a un unico prezzo. APPREZZAMENTO Aumento del valore di un investimento. Nel mercato dei cambi, l'aumento del valore di una divisa nei confronti di un'altra. APPROCCIO DAL BASSO IN ALTO Metodo con il quale si selezionano i titoli azionari favorendo quelli più validi intrinsecamente, senza considerare le condizioni economiche generali. APPROCCIO DALL'ALTO IN BASSO Sistema di analisi finanziaria in cui le migliori opportunità d'investimento vengono individuate analizzando e valutando prima la situazione economica generale dei vari Paesi, poi per esempio, quella dei vari settori produttivi e infine quella delle singole società in un processo di selezione progressiva. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria che consiste nell'acquistare beni o titoli su una piazza e rivenderli immediatamente su un'altra dove il loro prezzo è più elevato. L'arbitraggio riduce le differenze tra i prezzi di uno stesso bene o titolo e quindi aumenta l'efficienza del mercato. ARBITRAGGIO COPERTO SU TASSI DI INTERESSE Operazione di arbitraggio per lucrare lo squilibrio fra il differenziale di tasso di interesse, avviene attraverso lo scambio tra due strumenti di mercato finanziario o monetario denominati in divise differenti e con un interesse differente, effettuato a una data futura. AREA DI ACCUMULAZIONE Intervallo di prezzo in cui gli operatori acquistano le azioni. E' anche quella fase di mercato in cui si alternano compratori e venditori con andamento costante. AREA EURO L'area definita dagli Stati membri partecipanti all'unione Economica e Monetaria. ARROTONDAMENTO Riferendosi all'euro ci si basa sulla regola, comune a tutti i paesi della Uem, che stabilisce che se nel passaggio dalla valuta nazionale all'euro appaiono più di due decimali dopo la virgola è necessario arrotondare al centesimo più vicino. L'arrotondamento avviene per difetto se la cifra è compresa da 0 a 4, o per eccesso, se la cifra è tra 5 e 9. Così lire corrispondono a 0,52 euro, perché il risultato esatto Glossario della Finanza 4

5 (1000: 1936,27= 0,516) viene arrotondato per eccesso lire, invece, corrispondono a 2,58 perché il risultato esatto (5000: 1936,27= 2,582) viene arrotondato per difetto. ASPETTATIVE Previsioni degli operatori del mercato circa l'andamento futuro di determinate variabili economiche. ASSET ALLOCATION Alla lettera "distribuzione dell'assetto". E' una delle tre fasi in cui si articola la gestione di un fondo (le altre sono il market timing e lo stock picking). Quando il gestore decide la Asset allocation, stabilisce quanta parte del fondo sarà investita in azioni e quanta in obbligazioni, quanta sarà investita in Italia e quanta all'estero ("Country allocation"), quali categorie di imprese saranno oggetto del suo interesse. E' la fase più strategica e importante della gestione, poiché è ormai dimostrato che da questa scelta iniziale dipende quasi tutto il destino del fondo. Nel caso dei fondi specializzati tale scelta è fatta a monte, sicché conosciamo l'asset allocation al momento della sottoscrizione. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEGLI OPERATORI DI BORSA Associazione statunitense che raggruppa coloro che svolgono un'attività di trattazione e quotazione continuativa di uno o più titoli, che non sono quotati nelle Borse organizzate ma nel mercato over the counter. ASSOGESTIONI E' l'associazione di categoria che raggruppa le società di gestione del risparmio, principalmente i fondi. Il suo statuto tutela e regolamenta l'attività di tali società. E' l'assogestioni, ad esempio, a fissare i limiti entro cui possono variare gli investimenti dei vari tipi di fondo comune. ASSUNZIONE A FERMO IN BLOCCO E' l'acquisizione preventiva da parte di un gruppo di intermediari finanziari di titoli di nuova emissione destinati al mercato. In una fase successiva, saranno gli stessi intermediari a provvedere al collocamento dei titoli stessi. ASTA Vendita pubblica di beni al migliore offerente. ASTA NON COMPETITIVA Asta tenuta dal ministero del Tesoro nella quale ad una prima assegnazione dei titoli secondo la prassi del miglior offerente, segue un'offerta che stabilisce come prezzo di riferimento la media ponderata dei prezzi ottenuti durante la competizione, così da soddisfare tutte le richieste. ASTA OLANDESE Tipo di asta competitiva dove il prezzo viene progressivamente abbassato fino alla comparsa di un compratore. Con questo sistema vengono venduti i Buoni del Tesoro americani (T-bonds) ATX E' l'indice della borsa di Vienna. ATTRIBUZIONE PRO QUOTA In un contratto di sottoscrizione sindacata di titoli di nuova emissione, è la clausola in base alla quale ognuno dei sottoscrittori è obbligato a collocare presso gli investitori la propria quota di titoli, senza per questo essere responsabile dell'eventuale collocamento di quote residue di altri componenti il consorzio. AVVERSIONE AL RISCHIO Atteggiamento da parte di un soggetto economico che, a parità di rendimento, sceglie l'opportunità di investimento che presenta il minore livello di rischiosità. AZIONI Le azioni sono le parti in cui è diviso il capitale di certe imprese (come le SPA). Possedere delle azioni vuol dire partecipare con i propri soldi all'attività dell'impresa: ciò dà diritto a partecipare all'amministrazione della società e a ricevere una parte dei suoi guadagni (se ci sono!). Due elementi determinano il "peso" di un socio all'interno dell'impresa: Glossario della Finanza 5

6 - Il numero di azioni possedute (poiché più soldi si impegnano, più ci si espone ai rischi dell'attività imprenditoriale). Molti diritti garantiti dalle azioni sono proporzionali al numero che si possiede, e alcuni sono esclusivamente riservati ai soci che ne hanno di più - Il tipo di azioni possedute. Esiste infatti una gerarchia tra le azioni che le distingue in "ordinarie" e "speciali". La distinzione sta nella diversa combinazione di diritti e privilegi che esse danno al possessore. Alcune azioni, ad esempio, fanno guadagnare di più, ma non permettono di votare nelle assemblee dei soci. AZIONI DI RISPARMIO Sono azioni che danno diritto a privilegi nella spartizione dei guadagni. Tali privilegi sono stabiliti a completa discrezione della società (dividendi più alti, rendita minima garantita etc..), e sono bilanciati dall'assenza del diritto di voto in assemblea. AZIONI ORDINARIE Sono le azioni che garantiscono tutti i diritti ma nessun privilegio particolare. I diritti sono di doppia natura: - Amministrativi. Essi consentono al socio di partecipare attivamente alla gestione dell'impresa, votando alle assemblee degli azionisti, visionando i libri sociali etc. - Patrimoniali. Essi garantiscono al socio una quota dei guadagni dell'impresa (qualora, ovviamente, ce ne siano!), o la sua parte in caso di liquidazione della società. Due azionisti in possesso dello stesso numero di azioni ordinarie hanno esattamente gli stessi diritti. Per diritti di particolare importanza (quale, ad esempio, il diritto di convocare l'assemblea degli azionisti) è necessario possedere una certa percentuale di azioni. AZIONE PRIVILEGIATA Sono azioni che garantiscono gli stessi diritti di quelle ordinarie, ma godono di privilegi esclusivi. Chi le possiede è il primo a cui vengono versati i guadagni, mentre chi ha azioni ordinarie riceverà degli utili solo se resterà qualcosa. E' l'ultimo a perderci se qualcosa va storto, e può godere anche di una rendita minima garantita (cioè riceve dei soldi anche se la società non guadagna niente). L'unica limitazione amministrativa è che queste azioni danno diritto al voto solo nelle assemblee straordinarie. AZIONE PRIVILEGIATA DI PRIMA CATEGORIA Azione del mercato statunitense che presenta un ulteriore privilegio nella ripartizione degli utili e in fase di rimborso del capitale. AZIONE CALDA E' un titolo azionario sul quale sussistono voci di eventuali scalate da parte di altre società e che dunque è trattato in un mercato alquanto irrequieto. AZIONE CON DIRITTO DI VOTO Titolo azionario che attribuisce al suo possessore il fondamentale diritto di voto nell'assemblea dei soci, partecipando così alla conduzione della società. AZIONE DI COMPENDIO E' il titolo azionario che viene assegnato all'investitore che decide di convertire un'obbligazione convertibile oppure un warrant. AZIONI CICLICHE Titoli azionari che presentano un andamento che si discosta notevolmente da quello medio del mercato, condizionandone così la regolare ciclicità. Glossario della Finanza 6

7 BACKTESTING Metodo per testare la validità dei modelli VAR. E' in genere effettuato comparando le stime ottenute con il VAR con i risultati effettivamente o teoricamente realizzati nelle giornate di trading. BANDIERA In analisi tecnica, è la configurazione grafica in cui il prezzo del bene oscilla diverse volte tra due livelli di supporto e resistenza oppure tra due linee di tendenza. BASE Nel mercato dei futures, indica la differenza tra il prezzo di un titolo a pronti e il prezzo del future sullo stesso titolo. BASE POST-TASSAZIONE Metodo che deve essere utilizzato per confrontare il rendimento ottenibile da investimenti sottoposti a discipline fiscali differenti. BEL 20 E' l'indice della borsa di Bruxelles per i 20 titoli più importanti. BENCHMARK Letteralmente "paletto", punto di riferimento tramite cui valutare il rendimento di un fondo. Il gestore è obbligato per legge a indicarci periodicamente il comportamento del fondo rispetto a quello di un altro investimento che rifletta l'andamento generale del mercato. Il benchmark è quindi l'"avversario" contro cui il fondo misura la sua forza. Un fondo obbligazionario italiano, ad esempio, potrà calcolare il suo rendimento confrontandolo con l'andamento dei titoli di stato nello stesso periodo. Il benchmark scelto da un fondo ci dice inoltre quale tipo di investimenti e di rischi prevede il gestore. Un'avvertenza: alcune società utilizzano anche altri benchmark per calcolare la commissione di prestazione e se esso è troppo facile da battere (come nel caso di quelli basati sull'inflazione) le prestazioni del fondo risulteranno falsamente positive. BIBOR E' il tasso d'interesse di riferimento dei depositi interbancari espressi in franchi belga, sigla di bruxelles inter bank offered rate. BID BOND (GARANZIA SULL'OFFERTA) E' richiesta alle imprese che prendono parte a gare di appalto o di forniture internazionali. Tutela il committente da eventuali rinunce ad eseguire i lavori. Prende la forma di una fideiussione bancaria. BLUE CHIPS Titoli azionari di una società caratterizzati da una lunga tradizione di gestione tanto corretta quanto redditizia, così come da dimensioni e struttura importanti e da un volume di contrattazioni piuttosto elevato e per questo inseriti in panieri di analisi come M.I.B. 30 o CAC 40. BOLLA SPECULATIVA Anomala situazione di un mercato che si verifica quando una forte crescita dei prezzi di alcuni beni o attività finanziarie provoca aspettative di ulteriore aumento, innescando così una spirale che continua ad autoalimentarsi. BONUS SHARE Azione assegnata gratuitamente in proporzione al numero di azioni detenute. BORSA SPA In passato la gestione della borsa spettava a organismi pubblici. Nel 1998 una normativa europea ha stabilito che tale attività debba avere carattere imprenditoriale, e debba essere effettuata da una società per azioni. Glossario della Finanza 7

8 Dal vecchio consiglio di Borsa è allora nata "Borsa Italiana SPA", la società privata che organizza e gestisce il mercato azionario. BORSA DI NEW YORK E' la maggiore Borsa americana. Si trova a Wall Street. BORSA FUTURE E' il mercato organizzato in cui sono contrattati i future. Tra le più importanti Borse future: Londra, Chicago e New York. BORSA MERCI Mercato organizzato per la negoziazione di prodotti primari destinati al consumo o alla trasformazione industriale. BORSA VALORI Luogo fisico in cui vengono svolte le attività di negoziazione dei titoli quotati. BORSINO Locale situato in quasi tutte le banche in cui vengono ricevuti i clienti intenzionati ad operare in Borsa. E' solitamente attrezzato in modo da poter fornire informazioni sull'andamento del mercato. BOT (Buoni Ordinari del Tesoro) Le "superstar" tra i titoli di Stato (che sono gli strumenti con cui lo Stato chiede i soldi in prestito ai cittadini). I BOT sono titoli senza cedola: chi li compra, allo scadere di una data prefissata, riceverà i suoi soldi indietro aumentati degli interessi, ma fino a quel momento non verrà distribuita alcuna somma parziale. La durata dei BOT può essere trimestrale, semestrale o annuale. Erano fino a pochi anni orsono l'investimento principe dei risparmiatori italiani: la scadenza breve, la sicurezza (prestare soldi allo Stato dà più garanzie che prestarli a chiunque altro) e soprattutto gli alti interessi li avevano resi un affare semplice e redditizio anche per l'investitore meno esperto. Chiaramente, a indebitarsi era lo Stato. Oggi la situazione è cambiata a causa del crollo dei tassi d'interesse, ma il BOT continua a rappresentare la pietra di paragone di ogni investimento, e periodicamente torna a far gola ai risparmiatori. BOTTOM-UP E' un metodo di selezione dei titoli intrinsecamente buoni, che non tiene conto dei dati macroeconomici. BROKER (BROKERAGGIO) Il broker è un intermediario finanziario. Il suo lavoro consiste nel agire in nome del suo cliente, eseguendo gli investimenti che questo gli ha ordinato. E' pagato solo se conclude l'affare, e di solito non ha un rapporto continuativo con le due parti interessate. BUND Sta per Bundes Obligationen e sono i titoli emessi dal governo tedesco. BUONI DI RISPARMIO E' un titolo obbligazionario emesso dal Tesoro degli Stati Uniti, di taglio medio-piccolo e con scadenza a medio termine. BUONO DEL TESORO Titolo a breve termine emesso dal Tesoro degli Stati Uniti per esaudire le esigenze di finanziamento nel breve periodo. BUY BACK Si tratta del riacquisto di un bene che precedentemente era stato venduto allo scoperto, per richiudere così la posizione e monetizzare il risultato dell'operazione. Con lo stesso termine si può anche indicare l'acquisto al prezzo corrente, operato da una società, di proprie azioni o obbligazioni presenti sul mercato per controbattere ad una scalata ostile oppure semplicemente per sostenere la domanda degli stessi. BVL E' l'indice della borsa di Lisbona, per i 30 titoli più importanti c'è il BVL30. Glossario della Finanza 8

9 CAC 40 E' l'indice della borsa di Parigi. CADUTA Caso in cui i prezzi di un titolo, per un breve intervallo di tempo, non proseguono l'andamento rialzista, ma scendono in misura più o meno evidente. CALENDAR SPREAD E' un'operazione di vendita e di acquisto contemporaneamente di differenti strumenti derivati, di carattere strettamente speculativo. CALL Viene definita opzione Call il tipo di contratto che dà al compratore il diritto, ma non l'obbligo, di acquistare a condizioni fissate precedentemente alla data di scadenza o entro tale data, una certa quantità di titoli. Viene chiamata Call anche l'opzione implicita, concessa all'emittente di un titolo a reddito fisso, di rimborsare lo stesso prima della scadenza, secondo le condizioni di mercato. Il termine Call viene anche utilizzato per identificare la richiesta di rimborso immediato avanzata dal finanziatore nei confronti del debitore, nel caso in cui quest'ultimo non abbia tenuto fede agli impegni contrattuali. Call si riferisce, infine, anche alla richiesta fatta dall'intermediario al cliente riguardante la necessità di integrare il capitale depositato come margine in virtù dei cambiamenti avvenuti nei prezzi di mercato. CAMBI SEMIFLESSIBILI Denominazione non tecnica per definire un regime di fluttuazione dei tassi di cambio delle divise in cui le autorità monetarie dei diversi Paesi intervengono per guidare l'andamento delle quotazioni. CAMBIO A TERMINE Rapporto di cambio di due divise per consegna differita. CAMBIO FISSO In un regime di cambi fissi, le banche centrali sono pronte ad acquistare e vendere le loro valute ad un prezzo fisso in termini di altre valute. I principali paesi hanno operato in un sistema di cambi fissi dalla fine della seconda guerra mondiale fino al CANCELLAZIONE DAL LISTINO Cancellazione dal listino di borsa di una società per evidente mancanza delle condizioni essenziali alla quotazione di una società in borsa. CAP Clausola di contratto riguardante i mercati finanziari e dei mutui. Sancisce che il tasso d'interesse variabile di cui sarà caricato il beneficiario di un finanziamento non potrà superare un valore massimo fissato (tetto) nel momento dell'accensione dello stesso. Per usufruire di questo beneficio, il debitore paga una commissione aggiuntiva. In un prestito obbligazionario a tasso variabile di tipo Cap e Floor, il Cap è la soglia massima che può raggiungere il tasso d'interesse e il Floor la soglia minima. CAPITALIZZAZIONE E' il "peso" economico di un'impresa quotata in Borsa. Si ottiene moltiplicando il valore delle sue azioni per il loro numero, e varia a seconda dell'andamento della quotazione. Se esistono di azioni di un'impresa e il valore di ciascuna è 25, la capitalizzazione dell'impresa sarà di *25= 25 milioni di Euro. Sommando le capitalizzazioni di tutte le imprese si ottiene la capitalizzazione dell'intera Borsa. Quando, per effetto di un crollo dei mercati, sentiamo dire che sono stati "bruciati" 5 miliardi di Euro, significa che le capitalizzazione di Borsa è diminuita di tale quantità. Glossario della Finanza 9

10 CAPITAL ADEQUACY RULES Dette anche Basle rules o Cooke's ratio, sono regole che impongono alle banche di disporre di capitali propri in ragione dell'8% dei crediti concessi a terzi. L'applicazione di queste regole, che nei prossimi anni diverranno più precise e onerose, ha spinto le banche a ridurre i crediti classici (fidi e crediti di firma) a favore di altre forme di finanziamento. CARTOLARIZZAZIONE Operazione mediante la quale un certo numero di crediti generalmente di piccolo o medio piccolo importo (crediti al consumo, leasing auto, bollette di utility) sono consolidati in pacchetti e rappresentano la garanzia reale a fronte della quale vengono emesse delle obbligazioni. CBOT E' la Borsa a termine di Chicago, letteralmente Chicago Board of Trade. CEDOLA Appendice cartacea annessa ad un titolo che consente la riscossione periodica degli interessi o dei dividendi della società di emissione. CEDOLA ALLA PARI Titolo obbligazionario avente una cedola percentuale molto prossima ai rendimenti di mercato, il cui prezzo è quindi vicino al valore nominale (at par). CERTIFICATO DI DEPOSITO Emesso da un istituto di credito, è un titolo di credito che viene scontato sulla base del tasso di rendimento. CERTIFICATO DI MERCATO MONETARIO Certificato di deposito non negoziabile, con taglio minimo $ e con interesse massimo non superiore a quello sui buoni del tesoro a sei mesi. Vengono emessi negli Stati Uniti da banche e casse di risparmio a fronte di depositi vincolati a sei mesi. CERTIFICATO DI TITOLI A CUSTODIA Titolo di credito negoziabile, rappresentativo di un dato numero di titoli azionari detenuti a custodia, è solitamente emesso da una banca CHARTISTA Esperto nell'interpretazione e nell'analisi dei grafici rappresentativi dell'andamento di grandezze economiche. CHIAMATA A MARGINE Relativo ad una transazione, è un versamento ulteriore richiesto ad un operatore di borsa a fronte di una maggiore esposizione. CHIEDERE QUOTAZIONI (GO AROUND) Il reparto operativo della Federal Reserve che si interessa delle operazioni di mercato aperto sui titoli di Stato esegue un go around nel momento in cui interpella i market makers per avere quotazioni operative di titoli, sulle quali può successivamente applicare e concludere le compravendite desiderate. CHIUSURA Nel gergo borsistico, riguarda le operazioni che si svolgono al termine della giornata di borsa, mentre il prezzo di chiusura di un titolo è l'ultimo registrato nella giornata di borsa. Ancora in riferimento ad un titolo, la chiusura è il momento conclusivo del suo pagamento in fase di nuova emissione. Nella gestione di un portafoglio titoli, è la cancellazione di una posizione attraverso un'operazione opposta di pari valore. CIRCOLAZIONE INTERBANCARIA E' la circolazione di denaro grazie alla quale possiamo fare dei pagamenti a nome di una banca presso gli sportelli di un'altra. In realtà il denaro, materialmente, non circola affatto. L'operazione è gestita da una rete di collegamento elettronica ed è tutta "virtuale": l'importante è che le due banche riconoscano che i soldi in questione sono passati da una all'altra. Glossario della Finanza 10

11 CLAUSOLA DI GRADIMENTO E' un limite alla libera trasferibilità dei titoli azionari, consistente nel subordinare il trasferimento dell'azione al preventivo consenso del consiglio di amministrazione della società emittente. Tale clausola non è ammessa per le società quotate in Borsa. CLIMA DEL MERCATO Congiuntura del mercato in un particolare momento, specie in riferimento alle aspettative degli operatori. COEFFICIENTE BETA Misura statistica del rapporto tra il rischio del primo portafoglio e il rischio del mercato nel suo complesso. Per esempio il beta di un titolo misura la volatilità del suo prezzo rispetto alla volatilità dell'intero mercato. COEFFICIENTE DI RISERVA E' la frazione dei depositi contratti da un ente creditizio che deve essere mantenuta presso la Banca centrale in un conto solitamente infruttifero o remunerato a tassi più bassi di quelli di mercato, allo scopo di soddisfare i requisiti di riserva obbligatoria. COEFFICIENTE DI SOLVIBILITA' Parametro di controllo prudenziale applicabile agli enti creditizi proposto in sede comunitaria; è dato dal rapporto fra la consistenza dei fondi propri e l'ammontare degli elementi dell'attivo e delle operazioni fuori bilancio. COEFFICIENTE GAMMA Rapporto fra variazione del delta e la variazione unitaria del prezzo dello strumento finanziario oggetto del contratto a premio. COEFFICIENTE VEGA Fattore che misura la sensibilità del valore di un'opzione al variare della volatilità di prezzo dello strumento sottostante. COLLAR Operazione che combina un cap con un floor. Si effettua al fine di ridurre il rischio di eccessive variazioni dei tassi d'interesse. COLLOCAMENTO Operazione necessaria per portare sul mercato titoli di nuova emissione. COLLOCAMENTO DIRETTO Vendita diretta di titoli a investitori istituzionali, generalmente compagnie di assicurazioni vita, interessati a effettuare investimenti a lunga scadenza. COMMISSIONE DI ENTRATA Addebitata al momento della sottoscrizione di un fondo di investimento, è sostenuta come rimborso di parte delle spese di gestione che si verificheranno durante il periodo di investimento. COMMISSIONE DI GESTIONE E' il prezzo che la società di gestione di un fondo comune ci chiede di pagare per amministrare i nostri soldi (ma non è l'unico costo del fondo). Essa è calcolata ed addebitata all'investitore in percentuale sul capitale del fondo. COMMISSIONE DI INCENTIVO O DI PERFORMANCE E' una "ricompensa" che alcuni gestori chiedono in caso di buon andamento del fondo, come un "premio alla bravura". Sulla legittimità di tale spesa aggiuntiva, non tutti sono concordi. Se è vero infatti che non c'è nulla di negativo nel ricompensare chi lavora bene, è altrettanto vero che il buon andamento del fondo è già di per sé fonte di guadagno extra per il gestore, poiché le sue commissioni di gestione aumentano con gli utili e sale il numero dei suoi sottoscrittori. Altro problema è la difficoltà di valutare la bravura del gestore. Se questo infatti si pone dei traguardi troppo facili da raggiungere, potrà illuderci di essere più bravo di quanto non sia. E' quindi opportuno Glossario della Finanza 11

12 leggere attentamente nel prospetto informativo quale sia il benchmark indicato per l'eventuale commissione di prestazione. COMMISSIONE DI SOTTOSCRIZIONE Commissione percepita dagli istituti partecipanti al gruppo di assunzione a fermo di un consorzio di emissione, di regola commisurata alla quota di partecipazione. COMMISSIONE DI SWITCH Una società di gestione ha sempre a disposizione diversi fondi comuni. A volte chi ha investito in un fondo preferisce spostare il suo investimento su un altro fondo della stessa società. Tale commissione è il costo da pagare per effettuare questa operazione detta "switch" (conversione).quando un gestore ci propone di cambiar fondo, bisogna quindi ricordare che non si tratta di solito di un'operazione gratuita. COMMISSIONE DI USCITA Commissione pagata dal titolare di un fondo comune di investimento aperto nel momento in cui avanza la richiesta di rimborso delle quote del fondo comune possedute. COMMISSIONE PER LA BORSA Autorità statunitense con poteri di controllo e di regolamentazione della borsa valori. COMPENSAZIONE Chiusura di posizioni opposte di titoli, valute e simili, dove ogni soggetto provvede a regolare la propria posizione, presso la Clearing House, per la scadenza in questione. COMPLETAMENTE DISTRIBUITA Riferito a una partita di titoli di nuova emissione, indica la vendita del totale dei titoli sottoscritti. COMPLETAMENTE INVESTITO Viene così definito un portafoglio in cui il controvalore dei titoli posseduti è quasi uguale alle somme dei fondi disponibili, perciò con contante residuo quasi nullo. CONSOB Commissione nazionale per le società e la Borsa (Istituita con la legge 216/1974). E' l'organo di controllo preposto alla vigilanza sul corretto funzionamento dei mercati, delle sollecitazioni del pubblico risparmio, delle offerte pubbliche di acquisto o vendita. Obbliga tutte le società che rivolgono la loro attività verso il pubblico a osservare una serie di regole di trasparenza. Ha un potere di vigilanza anche sugli intermediari finanziari. La sua azione è intesa a proteggere soprattutto i piccoli investitori. Ad essa spetta anche ammettere alla quotazione in Borsa le società che vogliono farlo. E' composta da un presidente e da quattro membri nominati ogni cinque anni dal Presidente della Repubblica. CONSEGNABILE Nel settore degli strumenti derivati, l'attività oggetto del contratto è trasferibile fisicamente a regolamento del contratto stesso. CONSEGNA CONTRO PAGAMENTO Principio in base al quale la consegna di titoli di credito o di altri documenti, avviene unicamente contro pagamento simultaneo. CONSIGLIO DELLA RISERVA FEDERALE Organo direttivo della Fed, composto da sette membri di nomina presidenziale. CONSORZIO DI COLLOCAMENTO Gruppo di intermediari finanziari, bancari e non bancari, incaricato da una società emittente di distribuire sul mercato titoli di nuova emissione, o detenuti in portafoglio, allo scopo di creare il flottante necessario alla quotazione, ovvero di assicurare la sottoscrizione dei titoli in emissione. CONTI VALUTARI Conti denominati in valuta straniera. Glossario della Finanza 12

13 CONTO GESTITO Tipo di conto gestito da un intermediario, per il quale l'investitore sostiene una commissione periodica in proporzione al capitale gestito. CONTRATTAZIONE ALLE GRIDA Tipo di contrattazione in cui compratori e venditori si incontrano in un recinto organizzato presso la borsa valori, dove verbalmente fissano il prezzo delle singole operazioni. Il metodo si distingue da quello delle contrattazioni telematiche, dove la fissazione del prezzo avviene attraverso un sistema elettronico di comunicazione degli ordini. CONTRATTAZIONE AUTOMATICA Sistema di gestione di portafoglio di tipo elettronico, che lascia all'elaboratore le decisioni di investimento. CONTRATTI IN ESSERE Nel mercato dei futures o delle opzioni è il numero o ammontare cumulativo dei contratti acquistati che non hanno trovato contropartita in transazioni di segno opposto, né sono stati estinti con la consegna dell'oggetto contrattuale. CONTRATTO A CONTANTE Contratto di Borsa la cui liquidazione deve avvenire entro il secondo giorno (per i Bot), il terzo giorno (per gli altri titoli di Stato e per le obbligazioni), il quinto giorno (per le azioni, le obbligazioni convertibili e i warrants) e il decimo giorno (per le azioni negoziate al mercato ristretto) di mercato aperto dal giorno della stipulazione. CONTRATTO A TERMINE Contratto di compravendita con consegna differita. CONTRO GLI STOP Prassi operativa che prevede d'acquistare un numero di titoli sufficiente a spingere il prezzo fino al punto dove sono presenti ordini di stop di vendita, e che perciò faranno scendere lo stesso fino ad un altro livello inferiore dove vi saranno altri stop, e così via. In questo modo si crea l'opportunità di approfittare di tutte le oscillazioni del titolo. CONVERGENZA Processo di avvicinamento progressivo del prezzo di un bene e di quello di un contratto future sul medesimo bene con l'approssimarsi della scadenza del contratto, momento in cui i due prezzi dovranno corrispondere. CONVERSIONE Con riferimento a un titolo, trasformazione del medesimo in un altro avente caratteristiche diverse, ad esempio un'azione con un'obbligazione, scambio tra un titolo a tasso fisso e uno a tasso variabile, o ancora, la sostituzione fra quote di fondi comuni di investimento aventi caratteristiche differenti. CONVERTIBILI Titoli appartenenti ad una società che hanno la caratteristica di poter essere convertiti in azioni della stessa società. Possono essere azioni di risparmio o privilegiate, ma anche titoli a reddito fisso, ovvero mutui ipotecari a tasso variabile convertibili in titoli a tasso fisso. CONVESSITA' Si riferisce alla variazione della duration (durata finanziaria) di un titolo a reddito fisso al variare del rendimento. E' la misura di quanto varia il prezzo di un titolo se i tassi d'interesse variano di un certo ammontare. COPERTURA Tecnica di rendere insensibile il valore di un investimento alla variazione dei prezzi di mercato. Generalmente si fa ricorso a strumenti derivati come i futures o le opzioni. Glossario della Finanza 13

14 COPERTURA IMMEDIATA Procedimento operativo mediante il quale si effettua sul mercato un'operazione opposta a quella che è stata appena compiuta. COPERTURA IN ACQUISTO Copertura del rischio connesso alla detenzione di un posizione passiva titoli o merci, mediante la costituzione di una posizione di segno opposto. COPERTURA INDIRETTA Copertura del rischio di cambio o di interesse eseguita ricorrendo a strumenti derivati su investimenti differenti da quello in oggetto, ma a esso correlati. Ad esempio la copertura su un portafoglio di titoli a reddito fisso eseguita per mezzo di futures su tassi d'interesse denominati in una valuta diversa, ma relativi a titoli dello stesso tipo, come la copertura di una posizione in titoli di Stato in marchi a lunga scadenza effettuata tramite la vendita di futures su titoli di Stato americani a lunga scadenza. CORREZIONE In analisi tecnica, è la temporanea inversione di tendenza del prezzo di un titolo che si allontana dalla tendenza dominante per un intervallo di tempo più o meno lungo. CORRISPONDENTE Istituzione finanziaria che opera per conto di un'altra banca effettuando servizi come i pagamenti presso determinati soggetti non collegati direttamente alla banca. COVERED WARRANT Il "covered warrant" è uno strumento finanziario simile al warrant, cioè un certificato che dà diritto (ma non obbliga) a acquistare o vendere in una data futura a un prezzo stabilito in anticipo. Così come i warrants, i c.w. si possono a loro volta comprare o vendere. Le differenze con i warrants sono tuttavia molteplici: - obbligano a comprare o vendere ENTRO una data, ma non necessariamente a quella data - non si riferiscono unicamente ad azioni, ma permettono di fare affari sulle cose più diverse (indici di borsa, tassi di interesse ecc..) - se riguardano la compravendita di azioni, non possono essere emessi dalla società interessata (stessa cosa per i titoli di stato) - come per i future, alla scadenza non sempre vengono scambiati materialmente i titoli, ma solo la differenza di prezzo tra la sottoscrizione e la scadenza. CUNEO In analisi tecnica è una formazione grafica data dall'intersezione di linee, in prossimità della quale si prevede un'impennata o un crollo delle quotazioni. CURVA DEI RENDIMENTI Rappresentazione grafica del rendimento dei titoli obbligazionari con scadenze variabili nel tempo. La curva viene tracciata collocando la durata residua del titolo nell'asse orizzontale e la percentuale di rendimento in quella verticale. Una curva che presenta i rendimenti a lungo termine maggiori rispetto a quelli a breve viene detta positiva, mentre quella in cui i rendimenti a breve sono superiori a quelli a lungo termine viene definita invertita o negativa. CURVA DEI RENDIMENTI INVERTITA Funzione rappresentativa di una situazione di mercato in cui i rendimenti sono elevati in relazione agli strumenti a breve termine e ridotti relativamente a quelli a lungo termine. CURVA DEI RENDIMENTI POSITIVA Funzione rappresentativa delle scadenze dei tassi di interesse in cui i rendimenti di mercato appaiono ridotti per gli strumenti a breve termine ed elevati per quelli a lungo termine. Glossario della Finanza 14

15 DATA DELL'OPERAZIONE Giorno di esecuzione di una data operazione. DATA DI CONSEGNA Il giorno nel quale un contratto future deve essere eseguito. E' il giorno in cui il venditore deve consegnare i beni sottostanti al contratto future. Nel mercato dei cambi, il giorno in cui deve avvenire la consegna di un ammontare prefissato in divisa estera a un cambio fissato precedentemente. DATA DI EMISSIONE E' la data in cui viene emesso un prestito obbligazionario, a partire dalla quale iniziano a decorrere gli interessi sul titolo. DATA DI INIZIO E' il giorno dal quale si inizia a calcolare il rateo d'interesse su obbligazioni di nuova emissione. DATA EX DIVIDENDO Giorno nel quale un titolo viene quotato ex dividendo, non contenendo più il diritto alla riscossione del dividendo. Negli Stati Uniti l'ex dividend date è generalmente fissato in un giorno che è circa tre settimane antecedente all'effettivo pagamento del dividendo. DATA SPEZZATA Nel mercato dei cambi, data di scadenza di un'operazione qualsiasi che non corrisponde a una delle scadenze comuni, trattate normalmente. Per esempio un periodo di 40 giorni, intermedio alle scadenze classiche di un mese e due mesi. DATA VALUTA Data di riferimento per il calcolo degli interessi. DAX E' l'indice delle blue chips della borsa di Francoforte. Si calcola su un paniere dei 30 titoli a maggiore capitalizzazione. DEALER Individuo o società che in nome e per conto proprio opera sul mercato finanziario fornendo quotazioni e impegnandosi a rispettare le applicazioni delle contropartite. DEBITO AD AUTORIMBORSO Titolo obbligazionario che assicura il pagamento delle cedole e il rimborso finale del capitale tramite i proventi dall'attività economica che ha finanziato. Un esempio è dato dal pagamento periodico delle cedole di un titolo con proventi dell'esercizio di un'opera pubblica costruita per mezzo dei fondi derivanti dall'emissione del titolo stesso. DEBITO NON GARANTITO Debito non assistito da alcuna garanzia specifica. DEBITO PRIVILEGIATO Debito che in caso di liquidazione della società concorre alla ripartizione dell'attivo netto in via prioritaria. Ad esempio prestiti assistiti da garanzia ipotecaria. DENARO E' il prezzo che un operatore di mercato è disponibile a pagare per comprare una divisa, un titolo, uno strumento finanziario. Glossario della Finanza 15

16 DENARO E LETTERA Quotazione completa di un operatore (market maker), composta da un prezzo di acquisto e un prezzo di vendita. La differenza tra i due prezzi è definita "spread". DEPOSITARIO Si intende un'istituzione finanziaria che, attraverso il pagamento di una commissione, esegue le operazioni di custodia di titoli appartenenti a un diverso soggetto. DEPOSITO Capitale che un ente creditizio mette a disposizione e per il quale viene corrisposto un interesse. Il deposito può essere anche rappresentato da un generico bene dato in consegna ad un soggetto o da titoli gestiti da un intermediario di Borsa. DEPOSITO A VISTA Deposito convertibile in danaro senza termine di preavviso e liberamente trasferibile mediante assegno, giroconto o analogo ordine di pagamento. DEPOSITO FIDUCIARIO Fondi collocati in gestione fiduciaria presso una banca, la quale provvede a investirli a sua discrezione, ma per conto e a rischio del depositante. DEPOSITO FORWARD FORWARD Contratto di deposito a termine negoziato per una data futura. E' un sistema per coprire un fabbisogno futuro alle condizioni attuali, permettendo quindi di ridurre il rischio di tasso di interesse. DEPOSITO INDICIZZATO Strumento di mercato monetario (certificato di deposito o deposito vincolato) il cui rendimento è legato all'andamento di un indice economico o finanziario predeterminato. DEPOSITO INTEBANCARIO Conto aperto da una banca a un altro istituto di credito. DEPOSITO OVERNIGHT Deposito interbancario con scadenza a ventiquattro ore e regolamentato nel giorno stesso. DEPOSITO TOM NEXT Deposito interbancario con scadenza a ventiquattro ore, ma con regolamento il giorno successivo. DEPOSITO VINCOLATO Deposito bancario in cui il cliente è obbligato a dare un preavviso alla banca per effettuare dei prelievi. DEPREZZAMENTO Con deprezzamento si intende la perdita di valore di una moneta nei confronti di un'altra alla quale è legata da un rapporto di cambio flessibile. DERIVATI LINEARI Strumenti derivati i cui valori cambiano proporzionalmente ai cambiamenti dell'attivvità sottostante. Esempi comuni sono i futures, i forwards e gli swaps. Tra i non lineari troviamo le opzioni, i cui prezzi cambiano in modo non lineare con quelli dell'attività sottostante. DESK Postazione operativa di una qualsiasi istituzione finanziaria, dalla quale vengono inviati gli ordini di compravendita su un determinato gruppo di beni di investimento (titoli, materie prime, valute, ecc.). DIFFERENZIALE A TERMINE Scarto positivo (premio) o negativo (sconto) tra quotazione a termine e quella a pronti, di uno strumento finanziario. Glossario della Finanza 16

17 DIFFERENZIALE DI EMISSIONE Margine di guadagno delle banche di investimento sull'operazione di collocamento di titoli di nuova emissione, rappresentato dalla differenza tra il prezzo garantito agli investitori e quello che la società emittente offre alle banche stesse. DIFFERENZIALE DI RENDIMENTO Scarto di regola espresso in termini percentuali o in punti base, fra i rendimenti di due strumenti finanziari comparabili. DIFFERENZIALE DI RENDIMENTO NON COPERTO Scarto fra il rendimento di differenti strumenti che non tiene dello sconto o premio della quotazione a pronti rispetto a quella a termine. DINGO Obbligazione governativa australiana, espressa in dollari americani di tipo zero coupon, ottenuta separando il titolo dalle sue cedole. DIRITTO DI OPZIONE Diritto spettante ai titolari di azioni o di obbligazioni convertibili di sottoscrivere azione o obbligazioni convertibili di nuova emissione, in proporzione ai titoli posseduti. DIRITTO DI PRELAZIONE Possibilità preferenziale di acquisto di un bene o di un diritto accordata a determinati soggetti grazie alla legge o ad una convenzione negoziale. Riguardo ai titoli azionari di una società, i possessori possono esercitare un diritto di prelazione sulle azioni di nuova emissione, in rapporto al numero di azioni già possedute. DIRITTO DI REINVESTIMENTO E' il diritto spettante all'azionista o al possessore di quote di un fondo comune, di reinvestire in azioni o in quote i dividendi ricevuti, senza nessun costo aggiuntivo. DISINTERMEDIAZIONE Processo attraverso il quale un quota crescente di risparmio viene collocata direttamente presso i prenditori finali. Ha come conseguenza il movimento di fondi in uscita dai depositi bancari verso strumenti di mercato finanziario o monetario. DISPONIBILITA' A VISTA Posta aggregata di un bilancio bancario, ammontare dei saldi esigibili immediatamente o con brevissimo preavviso. DIVARIO In analisi tecnica il divario si realizza nel grafico di un titolo nel momento in cui l'intervallo tra prezzo massimo e minimo di quotazione in una giornata è minore o superiore allo stesso intervallo di prezzo del giorno seguente, lasciando quindi un intervallo di prezzi dove non vi sono state quotazioni effettive. DIVERSIFICAZIONE Suddivisione del capitale disponibile in forme di investimento diversificate (obbligazioni, titoli azionari, valute pregiate o metalli preziosi), con l'intento di ridurre la rischiosità del portafoglio. DIVIDENDI Chi possiede azioni di una società possiede una parte del suo capitale. Se la società va bene e genera degli utili, ogni azionista riceve la sua parte, in rapporto al numero di azioni che possiede. I dividendi sono le somme che vengono distribuite agli azionisti alla fine di ogni esercizio (tipicamente ogni 12 mesi). L'ammontare è deciso dall'assemblea degli azionisti e va normalmente a valere sui profitti prodotti della gestione aziendale, oppure va a configurarsi come restituzione di capitale DIVIDEND YIELD Rapporto tra dividendo per azione e quotazione corrente del titolo. Indica la remuneratività del titolo. Glossario della Finanza 17

18 DIVISA CONVERTIBILE Divisa che può essere scambiata con un'altra in qualsiasi momento, senza che si verifichi qualsiasi impedimento legale. DIVISA ESOTICA Divisa che non fa parte del gruppo di quelle più comunemente trattate sui mercati internazionali e che per questo può essere negoziata con qualche difficoltà. Fanno parte di questo gruppo le divise di piccoli Paesi in via di sviluppo. DOPPIO MINIMO/MASSIMO In analisi tecnica, è la rappresentazione in cui il prezzo si avvicina per due volte a un minimo o a un massimo continuando a procedere successivamente in direzione inversa a quella di provenienza. DURATA Termine derivato dalla matematica finanziaria, serve a misurare la vita residua di un prestito obbligazionario. Si calcola con la media aritmetica ponderata delle scadenze future dei flussi di cassa generati dalla riscossione delle cedole e dal rimborso finale del titolo. E' utile per determinare, nell'ambito della gestione di un portafoglio, l'effetto di variazioni dei rendimenti di mercato sui prezzi dei titoli, ed è conosciuta anche come "Duration di Macaulay". DURATION MODIFICATA Indicatore di sensitività del prezzo. E' uguale alla duration di Macaulay divisa per la somma tra uno e lo yield. Glossario della Finanza 18

19 EASD - European Association of Securities Dealers. Ha il compito di creare un mercato azionario efficiente all'interno dell'unione Europea. EASDAQ Letteralmente "European Association of Securities Dealers Automated Quatations". Attiva dal 1999, e una borsa europea che riprende il modello del Nasdaq americano, distaccandosene tuttavia per la modalita di trasmissione degli ordini. ECN I nuovi mercati elettronici privati che si sono affiancati alla borsa "ufficiale". In essi è possibile trattare fino a tarda sera i titoli del mercato principale. EFFETTO ANNUNCIO Indica l'effetto prodotto sui mercati finanziari o su singoli titoli dalla comunicazione di notizie riguardanti la situazione economica di un paese, le strategie e gli obiettivi della politica economica, ma anche esiti e previsioni su singole società quotate in borsa. EMISSIONE Operazione finanziaria, da parte di una società o di un ente, che consiste nell'offerta di titoli azionari rappresentativi della società (in genere in concomitanza ad una delibera di aumento del capitale) o di titoli obbligazionari destinati al pubblico dei risparmiatori. EMISSIONE DI AZIONI GRATUITE Emissione di azioni assegnate gratuitamente ai soci, in proporzione al numero di azioni detenute, in seguito alla capitalizzazione di riserve, di altri accantonamenti o di plusvalenze. EMITTENTE Soggetto, società, governo o ente sovranazionale, il quale offre i propri titoli azionari o obbligazionari ai sottoscrittori, e che si rende garante degli obblighi relativi alla particolare categoria di titoli. EOE E' l'indice della borsa di Amsterdam. EQUALIZZATORE Meccanismo matematico che si applica alla tassazione di certe rendite finanziarie.il governo ha introdotto l'equalizzatore perché non tutti gli investimenti erano tassati nello stesso modo. In particolare erano trattati diversamente l'investitore in regime di dichiarazione o di risparmio amministrato e quello in regime di risparmio gestito. L'equalizzatore si usa quando investe per più di un anno in uno dei seguenti settori: - Partecipazioni azionarie - Titoli di credito e obbligazioni - Valute e metalli preziosi - Cessioni di rapporti che producono redditi di capitale - Fondi comuni esteri. L'effetto sostanziale è di correggere l'aliquota fissa del 12,5% introdotta nel 1998 sulle rendite finanziarie. EQUITY KICKER Nel settore delle operazioni di finanziamento immobiliare, è l'offerta di una partecipazione ai mezzi propri di un'operazione che prevede l'assunzione di debito, con il beneficio di un flusso di cassa positivo alla fine dell'investimento. EUR Abreviazione ufficiale dell'euro, utilizzata a fini economici, finanziari e commerciali. Glossario della Finanza 19

20 EURIBOR (Euro Interbank Offered Rate) Il tasso interbancario di riferimento utilizzato nei Paesi dell'unione Monetaria. Rilevato giornalmente attraverso le quotazioni di un panel di 64 banche di riferimento attive nell'area dell'euro. Ha sostituito il Ribor (tasso italiano) come parametro finanziario e serve come riferimento per fissare l'interesse nei mutui a tasso variabile (viene detto per questo "parametro di indicizzazione"). EURIRS E' un parametro di indicizzazione che si calcola facendo la media degli IRS delle principali banche dell'unione monetaria europea. ESEGUI O CANCELLA Ordine riferito ad un intermediario di acquistare o vendere, che perde di validità nel caso non venga eseguito in tempo reale. ESEGUIRE Nelle contrattazioni in titoli indica il momento nel quale l'ordine ricevuto dall'intermediario è stato in effetti interamente eseguito. ESPOSIZIONE GIORNALIERA Esposizione massima giornaliera al rischio di cambio di un'istituzione finanziaria. ESPOSIZIONE IN DIVISA Esecuzione di operazioni di finanziamento o di prestito denominate in una certa divisa, controbilanciate da operazioni di senso inverso ma in un'altra valuta. ESPOSIZIONE INFRAGIORNALIERA Esposizione creditoria con durata inferiore a un giorno. Misura il rischio cui si viene a trovare un operatore nel corso della giornata. EUROBBLIGAZIONI Sono obbligazioni a medio-lungo termine emesse in un Paese diverso da quello dell'emittente, in una valuta estera, collocate sul mercato finanziario europeo da consorzi di banche. Generalmente esenti da ritenute alla fonte. EUROCLEAR Sistema elettronico utilizzato per la custodia dei titoli ed il regolamento delle operazioni effettuate su di essi. EURONOTA Termine usato per una varietà di titoli a breve termine, emessi a sconto in serie continua sul mercato delle eurovalute. EUROVALUTE Valute che usufruiscono di una particolare libertà di contrattazione al di fuori del paese di origine. La maggior parte delle contrattazioni in eurovalute e svolta in eurodollari. EX CEDOLA Indica un titolo azionario privo di cedola che può essere quotato solo come titolo a sconto. EX DIRITTI E' un titolo azionario privato del diritto di opzione relativo all'emissione di azioni di nuova emissione, diritto che, passato il giorno ex rights viene contrattato a parte rispetto all'azione. EX DIVIDENDO Relativo ad un titolo azionario, indica che il dividendo è gia stato conferito al beneficiario di competenza. EX WARRANT Titolo privo del diritto al possesso del warrant connesso. Glossario della Finanza 20

Il dizionario dei termini finanziari

Il dizionario dei termini finanziari Il dizionario dei termini finanziari Tipi di ordine Ordine a mercato Ordine in stop (buystop-sellstop) Ordine a limite (buylimit-sellimit) Viene dato senza precisare alcun prezzo. Significa che lo si deve

Dettagli

Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007

Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007 Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007 1. Ai sensi del dell art. 98, comma 2, del regolamento Consob n. 11522/1998,

Dettagli

Azioni azioni ordinarie o privilegiate che rappresentano una quota di proprietà di una società.

Azioni azioni ordinarie o privilegiate che rappresentano una quota di proprietà di una società. Glossario Accettazioni bancarie strumenti a breve termine emessi dai debitori internazionali garantiti da banche di rilievo internazionale. Agency bonds Obbligazioni emesse (ma non garantite) da agenzie

Dettagli

Economia dei mercati mobiliari

Economia dei mercati mobiliari pag. 1 1 Cos'è un currency future? A) È un contratto che rappresenta l'impegno alla cessione o all'acquisto a termine di una quantità di valuta B) È un contratto in cui una parte acquisisce la facoltà

Dettagli

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007 INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007 14. Obbligazioni strutturate 14.1 Caratteristiche dei Titoli di debito (obbligazioni) Acquistando titoli

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività.

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività. Glossario finanziario Asset Allocation Consiste nell'individuare classi di attività da inserire in portafoglio al fine di allocare in maniera ottimale le risorse finanziarie, dati l'orizzonte temporale

Dettagli

Economia Intermediari Finanziari 1

Economia Intermediari Finanziari 1 Economia Intermediari Finanziari Il rischio, inteso come possibilità che il rendimento atteso da un investimento in strumenti finanziari, sia diverso da quello atteso è funzione dei seguenti elementi:

Dettagli

SOLUZIONI DELLA I SESSIONE: PROVA D'ESAME DEL 15 MARZO 2002

SOLUZIONI DELLA I SESSIONE: PROVA D'ESAME DEL 15 MARZO 2002 SOLUZIONI DELLA I SESSIONE: PROVA D'ESAME DEL 15 MARZO 2002 1) Quale dei seguenti non è definito nel Decreto Legislativo n.58/1998 "servizio accessorio"? A. La locazione di cassette di sicurezza; La consulenza

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Mediocredito Trentino Alto Adige S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "MEDIOCREDITO TRENTINO ALTO ADIGE S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE" Mediocredito Trentino Alto Adige

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

Foglio Informativo. Che cos è il Contratto Di Collocamento Titoli Nonché Di Ricezione E Trasmissione Ordini

Foglio Informativo. Che cos è il Contratto Di Collocamento Titoli Nonché Di Ricezione E Trasmissione Ordini Informazioni sulla banca Denominazione e forma giuridica: BANCA DEL SUD S.p.A. Sede legale e amministrativa: VIA CALABRITTO, 20 80121 NAPOLI Recapiti ( telefono e fax) 0817976411, 0817976402 Sito internet:

Dettagli

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA TASSO VARIABILE

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA TASSO VARIABILE MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA TASSO VARIABILE Cassa di Risparmio di Ravenna S.p.A. Sede Sociale e Direzione Generale: Ravenna

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE Sede sociale: Piazza Dalle Fratte, 1 - Lozzo Atestino 35034 - PADOVA Iscritta all Albo delle Banche al n. 905.0.0 Iscritta all'albo Società Cooperative n. A161280 Capitale sociale Euro 94.799,52 al 31.12.2010

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero dell Economia e delle Finanze Quale titolo di Stato per quale profilo di investitore? Forum della PA - 25 maggio 2007 Dott.ssa Maria Cannata Direttore Generale del Debito Pubblico -1- Introduzione

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero dell Economia e delle Finanze Quale titolo di Stato per quale profilo di investitore? Forum della PA - 25 maggio 2007 Dott.ssa Maria Cannata Direttore Generale del Debito Pubblico -1- Introduzione

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA MARCA - TASSO VARIABILE BANCA DELLA MARCA

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE Sede sociale: Piazza Dalle Fratte, 1 Lozzo Atestino 35034 PADOVA Iscritta all Albo delle Banche al n. 905.0.0 Iscritta all Albo Società Cooperative n. A161280 Capitale sociale Euro 91.022,40 al 31.12.2009

Dettagli

CREDITO COOPERATIVO REGGIANO - SOCIETA COOPERATIVA

CREDITO COOPERATIVO REGGIANO - SOCIETA COOPERATIVA CREDITO COOPERATIVO REGGIANO - SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE al Prospetto di Base relativo al Programma di emissioni obbligazionarie del Credito Cooperativo Reggiano Società Cooperativa Per

Dettagli

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 I titoli obbligazionari Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Titoli a reddito fisso Tutte le caratteristiche relative al profilo di rischio e rendimento (durata, diritto alla remunerazione e al rimborso del capitale)

Dettagli

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento Sezione Terza I Fondi comuni di investimento 369. Nella valutazione dei beni del fondo comune di investimento, il valore degli strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni su mercati regolamentati è

Dettagli

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI SOMMARIO i vantaggi offerti 4 l indice mib30 6 come funziona 7 quanto vale 8 la durata del contratto 9 cosa accade alla scadenza 10 il prezzo al quale si può negoziare

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA. "CASSA DI RISPARMIO DI SAN MINIATO S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE"

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA. CASSA DI RISPARMIO DI SAN MINIATO S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "CASSA DI RISPARMIO DI SAN MINIATO S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE" Prestito Obbligazionario Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.A. Tasso

Dettagli

BANCA DELLE MARCHE SPA TV EURIBOR 3 MESI CON OPZIONE PUT 2009/2014 ISIN IT0004495120

BANCA DELLE MARCHE SPA TV EURIBOR 3 MESI CON OPZIONE PUT 2009/2014 ISIN IT0004495120 CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA relativa al programma di prestiti obbligazionari denominato BANCA DELLE MARCHE S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE CON FACOLTÀ DI RIMBORSO

Dettagli

in qualità di Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento

in qualità di Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento Società Cooperativa con sede legale in Carate Brianza via Cusani, 6 iscritta all Albo delle Banche al n. 217, all Albo delle Società Cooperative al n. A172639 e al Registro delle Imprese di Milano al n.

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA sul Programma "CASSA di RISPARMIO di SAN MINIATO S.p.A. OBBLIGAZIONI a TASSO VARIABILE"

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA sul Programma CASSA di RISPARMIO di SAN MINIATO S.p.A. OBBLIGAZIONI a TASSO VARIABILE CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA sul Programma "CASSA di RISPARMIO di SAN MINIATO S.p.A. OBBLIGAZIONI a TASSO VARIABILE" Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.A. Tasso Variabile in Dollari USA

Dettagli

Banca Centropadana Zero Coupon 03.09.2012-16.12.2019 Serie 342 ISIN: IT0004846694

Banca Centropadana Zero Coupon 03.09.2012-16.12.2019 Serie 342 ISIN: IT0004846694 10. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A ZERO COUPON Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede sociale in Piazza IV Novembre 11 26862 Guardamiglio (LO) Iscritta all

Dettagli

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LESMO in qualità di Emittente

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LESMO in qualità di Emittente MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LESMO in qualità di Emittente Società Cooperativa con sede legale in Lesmo (MB), Piazza Dante 21/22 Iscritta: all Albo delle Banche al

Dettagli

987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 2011 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 2011 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 211 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato è uno strumento finanziario il cui rendimento

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA CASSA DI RISPARMIO DI BRA S.p.A. Sede sociale: Via Principi di Piemonte n. 12-12042 Bra CN Iscritta all'albo delle Banche al n. 5087 Capitale sociale Euro 20.800.000,00 interamente versato Iscritta al

Dettagli

CREDITO COOPERATIVO REGGIANO - SOCIETA COOPERATIVA

CREDITO COOPERATIVO REGGIANO - SOCIETA COOPERATIVA CREDITO COOPERATIVO REGGIANO - SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE al Prospetto di Base relativo al Programma di emissioni obbligazionarie del Credito Cooperativo Reggiano Società Cooperativa Per

Dettagli

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Un Fondo Comune può essere paragonato ad una cassa collettiva dove confluiscono i risparmi di una pluralità di risparmiatori. Il denaro che confluisce in questa

Dettagli

CAC40 16.12.2005 DOW JONES 16.12.2005 EUROSTOXX50 16.12.2005 MIB30 16.12.2005 NIKKEI225

CAC40 16.12.2005 DOW JONES 16.12.2005 EUROSTOXX50 16.12.2005 MIB30 16.12.2005 NIKKEI225 Avviso integrativo di emissione della Nota integrativa al documento informativo sull Emittente depositato presso la Consob in data 03.07.2002, a seguito di nullaosta n. 2045403 del 27.06.2002 relativa

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. PRODOTTI FINANZIARI A MEDIO-LUNGO TERMINE BTP: Buoni del Tesoro Poliennali

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. PRODOTTI FINANZIARI A MEDIO-LUNGO TERMINE BTP: Buoni del Tesoro Poliennali AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto PRODOTTI FINANZIARI A MEDIO-LUNGO TERMINE BTP: Buoni del Tesoro Poliennali ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

AZIONI E OBBLIGAZIONI: CARATTERISTICHE E STIME DEL VALORE. Docente: Prof. Massimo Mariani

AZIONI E OBBLIGAZIONI: CARATTERISTICHE E STIME DEL VALORE. Docente: Prof. Massimo Mariani AZIONI E OBBLIGAZIONI: CARATTERISTICHE E STIME DEL VALORE Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Le obbligazioni: definizioni e caratteristiche Particolari tipologie di obbligazioni La valutazione delle

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Sede Legale in Corso San Giorgio, 36 64100 Teramo Iscritta all Albo delle Banche al n. 5174 Capitale Sociale Euro 50.000.000,00 i.v. N.ro iscrizione nel Registro delle Imprese di Teramo 00075100677 CONDIZIONI

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per il Prestito Obbligazionario denominato BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA 03/04/2012-03/04/2015 A TASSO VARIABILE CON TASSO MINIMO 2,00% Codice ISIN IT0004805302

Dettagli

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE BANCA DELLA MARCA - STEP UP / STEP DOWN

Dettagli

BANCA PRIVATA INDIPENDENTE FONDATA NEL 1888 GENOVA. In qualità di Emittente, Offerente e Responsabile del collocamento

BANCA PRIVATA INDIPENDENTE FONDATA NEL 1888 GENOVA. In qualità di Emittente, Offerente e Responsabile del collocamento APPENDICE B - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA PRIVATA INDIPENDENTE FONDATA NEL 1888 GENOVA In qualità di Emittente, Offerente e Responsabile del collocamento Sede sociale: Via Ettore Vernazza

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE al PROSPETTO DI BASE SUL PROGRAMMA. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE BANCA CR FIRENZE S.p.A. PRESTITO OBBLIGAZIONARIO

CONDIZIONI DEFINITIVE al PROSPETTO DI BASE SUL PROGRAMMA. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE BANCA CR FIRENZE S.p.A. PRESTITO OBBLIGAZIONARIO Banca CR Firenze S.p.A. Sede legale e Direzione Generale: Via Bufalini 6-50122 Firenze Capitale Sociale euro 828.836.017,00 int. vers. Registro delle Imprese di Firenze, Cod. Fisc. e Part. IVA 04385190485

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR Bancasciano Credito Cooperativo - Società Cooperativa in qualità di Emittente

Dettagli

BANCA DEL FUCINO SOCIETÀ PER AZIONI CONDIZIONI DEFINITIVE

BANCA DEL FUCINO SOCIETÀ PER AZIONI CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DEL FUCINO SOCIETÀ PER AZIONI Sede sociale Via Tomacelli 139 00186 Roma Iscritta all Albo delle Banche al n. 37150 Iscritta al Registro delle Imprese di Roma al n. 1775 Codice Fiscale: 00694710583

Dettagli

ALLEGATO N. 1: DOCUMENTO SUI RISCHI GENERALI DEGLI INVESTIMENTI IN STRUMENTI FINANZIARI

ALLEGATO N. 1: DOCUMENTO SUI RISCHI GENERALI DEGLI INVESTIMENTI IN STRUMENTI FINANZIARI ALLEGATO N. 1: DOCUMENTO SUI RISCHI GENERALI DEGLI INVESTIMENTI IN STRUMENTI FINANZIARI QUESTO DOCUMENTO NON DESCRIVE TUTTI I RISCHI ED ALTRI ASPETTI SlGNIFICATIVI RIGUARDANTI GLI INVESTIMENTI IN STRUMENTI

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA relativa al programma di prestiti obbligazionari denominato BANCA DELLE MARCHE S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE SUBORDINATE LOWER TIER II BANCA delle MARCHE

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE AL PROGRAMMA DI OFFERTA DI OBBLIGAZIONI DENOMINATE: CASSA DI RISPARMIO DI FERRARA S.P.A. A TASSO VARIABILE PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CASSA DI RISPARMIO DI FERRARA S.P.A. A

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE f Credito Cooperativo ravennate e imolese Soc. Coop. Sede e Direzione Generale: Piazza della Libertà,14 48018 Faenza (RA) Iscritta all Albo delle Banche al n. 5387 Codice ABI: 8542-3 Capitale sociale Euro

Dettagli

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA A TASSO FISSO CALLABLE

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA A TASSO FISSO CALLABLE MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA A TASSO FISSO CALLABLE Cassa di Risparmio di Ravenna S.p.A. Sede Sociale e Direzione Generale:

Dettagli

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI BANCA DI IMOLA TASSO VARIABILE

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI BANCA DI IMOLA TASSO VARIABILE MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI BANCA DI IMOLA TASSO VARIABILE Sede sociale e Direzione Generale: Imola, Via Emilia n. 196 Capitale Sociale 7.668.082,80 Euro

Dettagli

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI Allegato A PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI A1. Schema di prospetto del valore della quota dei fondi aperti FONDO... PROSPETTO DEL VALORE DELLA QUOTA AL.../.../... A. Strumenti

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato. Codice ISIN IT0004888365

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato. Codice ISIN IT0004888365 CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per il Prestito Obbligazionario denominato BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA 01/02/2013-01/08/2015 TASSO FISSO 2,50% Codice ISIN IT0004888365 Le presenti Condizioni

Dettagli

Banca Di Credito Cooperativo Di Barlassina in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE

Banca Di Credito Cooperativo Di Barlassina in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE Banca Di Credito Cooperativo Di Barlassina in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BCC di BARLASSINA OBBLIGAZIONI a TASSO VARIABILE BCC di BARLASSINA TV% 29/12/2010-29/12/2014

Dettagli

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE - BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni - Sede legale e Direzione Generale: Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Tel +390647021 http://www.bnl.it - Codice ABI

Dettagli

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA TASSO VARIABILE 10/10/08 10/10/11 TV SEM

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA TASSO VARIABILE 10/10/08 10/10/11 TV SEM MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA TASSO VARIABILE 10/10/08 10/10/11 TV SEM. 155^ EMISSIONE Cassa di Risparmio di Ravenna S.p.A.

Dettagli

DOCUMENTO DI OFFERTA

DOCUMENTO DI OFFERTA DOCUMENTO DI OFFERTA OFFERTA PUBBLICA DI ACQUISTO E DI SCAMBIO VOLONTARIA TOTALITARIA ai sensi e per gli effetti degli articoli 102 e 106, comma 4, del D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 nonché dell articolo

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR Bancasciano Credito Cooperativo - Società Cooperativa in qualità di Emittente

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA PROGRAMMA DI EMISSIONE BANCA DI ROMANO E S. CATERINA SOC. COOP

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA PROGRAMMA DI EMISSIONE BANCA DI ROMANO E S. CATERINA SOC. COOP Società Cooperativa fondata nel 1994 Codice ABI 08309 Sede Legale: Via Gen. Giardino, 3-36060 Romano d Ezzelino (VI) Sede Amministrativa: Via Capitelvecchio,32 36061 Bassano del Grappa (VI) Capitale soc.

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO

PROSPETTO INFORMATIVO PROSPETTO INFORMATIVO Per le Emissioni di Obbligazioni Bancarie c.d. Plain Vanilla Banca Emittente ( L Emittente ) BANCA FARNESE S.p.A. Banca Offerente ( L Offerente ) BANCA FARNESE S.p.A. Responsabili

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA SANFELICE 1893 BANCA POPOLARE Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al Programma di Offerta di Prestiti Obbligazionari denominato SANFELICE 1893 BANCA POPOLARE

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa di Risparmio di Ravenna S.p.A. Sede Sociale e Direzione Generale: Ravenna Piazza Garibaldi, 6 Capitale Sociale 174.660.000,00 Euro interamente versato Banca iscritta nell Albo delle Banche al n.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI RISERVATO A PROMOTORI/AGENTI Cognome e nome Qualifica N. iscrizione albo.. FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI OBBLIGAZIONI

Dettagli

Banca Valsabbina Tasso Misto 01/07/2011-2016 ISIN IT0004739048

Banca Valsabbina Tasso Misto 01/07/2011-2016 ISIN IT0004739048 BANCA VALSABBINA S.C.p.A. Sede Legale: Vestone (Bs) via Molino, 4 Direzione Generale: Brescia via XXV Aprile, 8 Tel. 030 3723.1 Fax 030 3723.430 - Iscritta al Registro Imprese e CCIAA di Brescia REA n.9187

Dettagli

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1 ISSIS DON MILANI LICEO Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA 1 NEL MERCATO FINANZIARIO SI NEGOZIANO TITOLI CON SCADENZA SUPERIORE A 18 MESI AZIONI OBBLIGAZIONI TITOLI DI STATO 2 VALORE DEI TITOLI VALORE

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia Zero Coupon

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia Zero Coupon Banca di Anghiari e Stia Credito Cooperativo Società Cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia Zero Coupon Banca di Anghiari

Dettagli

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO EMITTENTE CREDITO SICILIANO S.P.A.

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO EMITTENTE CREDITO SICILIANO S.P.A. Credito Siciliano Società per Azioni Sede Legale: Via Siracusa, 1/E 90141 Palermo Codice Fiscale, Partita IVA e Registro delle Imprese di Palermo n. 04226470823 Albo delle Banche n. 522820 Società del

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato. Codice ISIN IT0004752199

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato. Codice ISIN IT0004752199 CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per il Prestito Obbligazionario denominato BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA 24/08/2011-24/08/2014 TASSO FISSO 3,25% Codice ISIN IT0004752199 Le presenti Condizioni

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

Il mercato mobiliare

Il mercato mobiliare Il mercato mobiliare E il luogo nel quale trovano esecuzione tutte le operazioni aventi per oggetto valori mobiliari, ossia strumenti finanziari così denominati per la loro attitudine a circolare facilmente

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

MINISTERO DEL TESORO. 17, comma 3, della citata legge n.400/1988, in data 19 novembre 1996;

MINISTERO DEL TESORO. 17, comma 3, della citata legge n.400/1988, in data 19 novembre 1996; MINISTERO DEL TESORO DECRETO 21 novembre 1996, n. 703 (G.U. 22 febbraio 1997, 44) Regolamento recante norme sui criteri e sui limiti di investimento delle risorse dei fondi di pensione e sulle regole in

Dettagli

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI Il presente documento contiene le informazioni chiave per gli investitori di questo Comparto. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni contenute

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI BENE VAGIENNA (CUNEO) s.c. TASSO VARIABILE

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI BENE VAGIENNA (CUNEO) s.c. TASSO VARIABILE 9 MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Banca di Credito Cooperativo di Bene Vagienna (Cuneo) Società Cooperativa in qualità di Emittente Società Cooperativa con sede legale in Bene Vagienna, Piazza Botero

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI BANCA CARIGE S.P.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia 16123 Genova Via Cassa di Risparmio 15 FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca della Bergamasca - Credito Cooperativo - S.c. Obbligazioni Step Up

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca della Bergamasca - Credito Cooperativo - S.c. Obbligazioni Step Up Sede legale in Zanica (Bergamo), via Aldo Moro, 2 Sito internet: www.bccbergamasca.it - Email banca@bergamasca.bcc.it Iscritta all Albo delle Banche tenuto dalla Banca d Italia al n. 803 Iscritta all Albo

Dettagli

1. Un promotore finanziario cancellato dall'albo in seguito ad un provvedimento di radiazione:

1. Un promotore finanziario cancellato dall'albo in seguito ad un provvedimento di radiazione: QUESITI E SOLUZIONI DELLA PROVA SCRITTA DELL'ESAME DI IDONEITA' PER L'ISCRIZIONE ALL'ALBO DEI PROMOTORI FINANZIARI DELLA III SESSIONE DEL 09 NOVEMBRE 2001 1. Un promotore finanziario cancellato dall'albo

Dettagli

FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A.

FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A. FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A. Sede sociale Piazza del Calendario n. 1 - Milano Iscritta all Albo delle Banche codice 3170 Appartenente al Gruppo Deutsche Bank Iscritto all Albo dei Gruppi Bancari codice

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO

PROSPETTO INFORMATIVO PROSPETTO INFORMATIVO Per le Emissioni di Obbligazioni Bancarie c.d. Plain Vanilla Banca Emittente ( L Emittente ) BANCA FARNESE S.p.A. Banca Offerente ( L Offerente ) BANCA FARNESE S.p.A. Responsabili

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Sede Legale in Corso San Giorgio, 36 64100 Teramo Iscritta all Albo delle Banche al n. 5174 Capitale Sociale Euro 50.000.000,00 i.v. N.ro iscrizione nel Registro delle Imprese di Teramo 00075100677 CONDIZIONI

Dettagli

"Covered Warrant PROTEGGI RATA 16.03.2007-16.09.2015 serie 101"

Covered Warrant PROTEGGI RATA 16.03.2007-16.09.2015 serie 101 BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di emittente e responsabile del collocamento del Prospetto di base di sollecitazione e quotazione dei "Covered Warrant EURIBOR CAP" CONDIZIONI DEFINITIVE D'OFFERTA alla

Dettagli

Iccrea Banca S.p.A. in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento

Iccrea Banca S.p.A. in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento Iccrea Banca S.p.A. in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n. di Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per il Prestito Obbligazionario denominato BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA 01/12/2010-01/12/2015 A TASSO VARIABILE SUBORDINATO LOWER TIER II Codice ISIN IT0004654866

Dettagli

DOMANDE PER LA PREPARAZIONE DELL ESAME DI STRUMENTI FINANZIARI

DOMANDE PER LA PREPARAZIONE DELL ESAME DI STRUMENTI FINANZIARI DOMANDE PER LA PREPARAZIONE DELL ESAME DI STRUMENTI FINANZIARI Cap. 1. La moneta e i bisogni di pagamento 1) Si illustrino i problemi che incontrano gli scambisti nel regolamento di uno scambio monetario.

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE relative al Prospetto di base sul Programma di emissione

CONDIZIONI DEFINITIVE relative al Prospetto di base sul Programma di emissione Società per Azioni Sede Legale in Aprilia (LT), Piazza Roma, snc Iscrizione al Registro delle Imprese di Latina e Codice Fiscale/Partita Iva n.00089400592 Capitale sociale al 31 dicembre 2007 Euro 6.671.440

Dettagli

BANCA DEL MUGELLO - CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE

BANCA DEL MUGELLO - CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DEL MUGELLO - CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "Banca del Mugello TASSO VARIABILE" Banca del Mugello - Credito Cooperativo Società

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA TITOLI A TASSO VARIABILE BANCA C.R.ASTI

INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA TITOLI A TASSO VARIABILE BANCA C.R.ASTI Sede Legale e Direzione Generale in Asti, Piazza Libertà n. 23 Iscritta all Albo delle Banche autorizzate al n. 5142 Capogruppo del Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Asti S.p.A. Iscritto all Albo dei

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1 Introduzione Capitolo 1 1 La Natura dei Derivati I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali variabili sottostanti 2 Esempi di Derivati Forwards Futures Swaps Opzioni

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. relative all emissione di BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA OBBLIGAZIONI ORDINARIE A TASSO FISSO

CONDIZIONI DEFINITIVE. relative all emissione di BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA OBBLIGAZIONI ORDINARIE A TASSO FISSO Società Cooperativa per Azioni Sede sociale: Matera (MT), Via Timmari 25 Direzione Generale: Altamura (BA), Via Ottavio Serena, 13 Capitale Sociale e Riserve al 31/12/2008: Euro 307.364.967 Registro delle

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA VALSABBINA S.C.p.A. Sede Legale: Vestone (Bs) via Molino, 4 Direzione Generale: Brescia via XXV Aprile, 8 Tel. 030 3723.1 Fax 030 3723.430 - Iscritta al Registro Imprese e CCIAA di Brescia REA n.9187

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO VARIABILE

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A.

CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A. CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A. TASSO VARIABILE CR Cento 12.08.2011 / 12.08.2014 ISIN IT0004753445 EMESSE

Dettagli