PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO"

Transcript

1 REGIONE UMBRIA PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI: PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO 1

2 INDICE 1. Introduzione: importanza del Programma di Prevenzione dei Rifiuti come strumento attuativo del PRGR dell Umbria 2. Il quadro normativo di riferimento per la prevenzione e riduzione dei rifiuti 3. La produzione dei rifiuti urbani in Italia e nello specifico in Umbria 4. Rassegna delle esperienze più significative realizzate in Italia 5. Le azioni attivate, risultati ottenuti e quelli attesi in un ottica di sviluppo ulteriore 6. Individuazione delle categorie di rifiuti verso cui attivare le azioni di riduzione e prevenzione 7. Le azioni di riduzione e prevenzione dei rifiuti attuabili in 8. Individuazione dei soggetti da coinvolgere 9. Prime misure per la preparazione al riutilizzo 10. Strumenti per attivare le azioni individuate; Allegato A Prime linee guida degli eventi sostenibili 2

3 1. Introduzione: importanza del Programma di Prevenzione dei Rifiuti come strumento attuativo del PRGR dell Umbria Il Piano Regionale per la Gestione dei Rifiuti ha fatto proprie le politiche ambientali definite in ambito comunitario, in particolare dal VI Programma d azione per l ambiente dell Unione Europea ( ) e dalla direttiva 98/2008 che affermano la priorità di interventi mirati alla prevenzione della produzione di rifiuti sia in termini quantitativi sia qualitativi. Questo programma di prevenzione della produzione dei rifiuti, partendo dalle analisi condotte in fase di redazione del PRGR e dalle iniziative già attuate negli ultimi anni sul territorio regionale, vuole essere uno strumento, per la e per tutti gli enti locali del territorio, indispensabile per l attuazione delle misure necessarie alla riduzione delle produzione dei rifiuti e della loro pericolosità. L analisi svolta in fase di redazione del PRGR sulle migliori pratiche già sviluppate in ambito nazionale ha permesso di identificare quali linee di intervento è meglio intraprendere in ambito regionale. Gli obiettivi di prevenzione e riduzione della produzione di rifiuti dipendono dalla diffusione di prodotti e pratiche che minimizzino la generazione di rifiuti durante tutto il loro ciclo di vita, questo implica una diversa organizzazione della distribuzione delle merci e la riduzione del consumo di prodotti a perdere a favore di articoli utilizzabili più volte, oltre all introduzione di tecnologie pulite nei cicli produttivi al fine di ridurne la pericolosità. Le linee di intervento prevedono che vengano coinvolti diversi attori che a vari livelli possono mettere in atto azioni di prevenzione e riduzione di produzione di rifiuti. Gli enti pubblici promuovendo l implementazione del GPP (Green Public Procurement) possono indirizzare gli acquisti verso prodotti a ridotto impatto ambientale, a basso contenuto di sostanze pericolose e ad alta efficienza energetica. La grande e media distribuzione può agire sulla riduzione degli imballaggi e il loro riutilizzo. Di rilevante importanza sono le azioni che possono essere messe in atto dalle attività produttive sia introducendo sistemi di gestione ambientale sia intervenendo sui sistemi di produzione, contenendo la produzione di scarti e favorendo l innovazione tecnologica. Infine, fondamentale è il ruolo dei cittadini in quanto fruitori di beni e servizi possono indirizzare il mercato verso prodotti a ridotto impatto ambientale. 3

4 2. Il quadro normativo di riferimento per la prevenzione e riduzione dei rifiuti Normativa europea La prevenzione, intesa come riduzione della produzione dei rifiuti e della loro pericolosità, è un elemento caratterizzante le politiche europee in tema di rifiuti degli ultimi venti anni. La crescita continua della popolazione del nostro pianeta determina inevitabilmente l incremento dei consumi con ripercussioni negative sull ambiente e la salute dell uomo. Tale consapevolezza ha spinto e, tuttora, spinge l Unione europea a programmare politiche, strategie ed interventi con un approccio integrato della dimensione ambientale, così da far coesistere obiettivi di crescita economica, occupazionale e di protezione dell ambiente. E necessario puntare su modelli di sviluppo più sostenibili in grado cioè di assicurare, accanto a trend di produzione e consumo in aumento, elevati livelli di efficienza nella gestione delle risorse e dei rifiuti; solo così si può interrompere la relazione direttamente proporzionale fra crescita economica e impiego di risorse/produzione di rifiuti, salvaguardando la capacità di carico dell ambiente. Ne deriva che la politica europea di gestione dei rifiuti si fonda sul principio di gerarchia dei rifiuti secondo il quale dapprima è data priorità assoluta alla prevenzione e riduzione della produzione dei rifiuti e solo dopo al riutilizzo, al riciclo e al recupero, lasciando per ultimo, come opzione residuale, lo smaltimento. Il concetto dell importanza di agire alla fonte per evitare, o perlomeno, ridurre l inevitabile aumento dei volumi di rifiuti prodotti e i rischi ad essi associati, compare nelle politiche comunitarie fin dal primo Programma d Azione ( ) e poi viene più volte ribadito in altri successivi atti che si citano di seguito: Direttiva n 156/91 del Consiglio Europeo che ha modificato la precedente direttiva 75/442 sui rifiuti; Comunicazione della Commissione delle Comunità Europee COM(2001)264 Sviluppo sostenibile in Europa per un mondo migliore: strategia per dell Unione Europea per lo sviluppo sostenibile ; Decisione n. 1600/2002/CE che istituisce il VI Programma Comunitario d Azione in Materia di Ambiente; Comunicazione della Commissione al Consiglio, al Parlamento Europeo, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle Regioni Portare avanti l utilizzo sostenibile delle risorse: una strategia tematica sulla prevenzione e il riciclaggio dei rifiuti. Bruxelles, COM (2005)666 del 21/12/2005 ; Risoluzione del Parlamento europeo su una strategia tematica per il riciclaggio dei rifiuti (2006/2175(INI)); Direttiva 2006/12/CE relativa ai rifiuti; Direttiva 2008/98/CE relativa ai rifiuti che abroga alcune direttive. 4

5 In particolare con la Comunicazione COM (2001)264 si introduce la politica integrata dei prodotti come strumento per contenere l utilizzo delle risorse naturali e ridurre i volumi di rifiuti che, spesso in Europa, registrano un tasso di crescita maggiore rispetto a quello del Prodotto interno lordo. Con il VI Programma Comunitario d Azione in materia d Ambiente viene sviluppata la linea di azione relativa all uso sostenibile delle risorse naturali e alla gestione dei rifiuti, allo scopo di garantire che il consumo delle risorse rinnovabili e non rinnovabili non superi la soglia di saturazione dell ambiente e che questi consumi, insieme alla produzione di rifiuti, siano disaccoppiati dalla crescita economica. Per quanto concerne i rifiuti, in particolare, si afferma la necessità di puntare sul principio di prevenzione declinato sia in termini di riduzione del volume dei rifiuti prodotti (prevenzione quantitativa) sia come eliminazione graduale della loro pericolosità (prevenzione qualitativa). Con la Comunicazione 666 del 2005 viene adottata una strategia tematica sulla prevenzione e il riciclaggio dei rifiuti con la quale si definisce un obiettivo di lungo termine ovvero promuovere le misure necessarie per incrementare la prevenzione e incentivare il riutilizzo, il riciclaggio e il recupero dei rifiuti. La strategia individua sette interventi fondamentali finalizzati a conseguire gli obiettivi fissati: l attuazione e l applicazione della normativa comunitaria vigente in materia di rifiuti; l aggiornamento, la semplificazione e la razionalizzazione della legislazione UE; l introduzione dell analisi del ciclo di vita (LCA) nell elaborazione delle politiche in materia di rifiuti; la promozione di politiche più ambiziose per la prevenzione dei rifiuti; il miglioramento delle conoscenze di base e dell informazione; la formulazione di norme comuni di riferimento per il riciclaggio; l elaborazione ulteriore della politica UE in materia di riciclaggio. Il Parlamento Europeo con la Risoluzione 2175 del 2006 risponde alla COM (2005)666 e sottolinea alcuni interventi e azioni per la riduzione dei rifiuti come, ad esempio, la definizione di obiettivi quali e quantitativi a livello europeo, l introduzione del concetto di prevenzione rifiuti nelle politiche sui prodotti e sulle sostanze chimiche e nella progettazione ecologica, la promozione delle tecnologie più rispettose dell ambiente piuttosto che dei prodotti che siano più facilmente riutilizzabili e riciclabili e infine, il ruolo delle campagne informative e di sensibilizzazione della cittadinanza circa i vantaggi di una gestione sostenibile dei rifiuti. La direttiva quadro sui rifiuti 2006/12/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio prende in considerazione il ciclo di vita delle risorse e concentra l attenzione sugli impatti ambientali 5

6 derivanti dalla produzione e dalla gestione dei rifiuti, oltre a stabilire un forte collegamento con la gerarchia dei rifiuti". Secondo la direttiva la prevenzione e la riduzione dei rifiuti, sia quantitativa sia qualitativa (riduzione della pericolosità), può essere attuata attraverso: sviluppo di tecnologie pulite che consentono un risparmio di risorse naturali progettazione e successiva immissione sul mercato di beni che, in ciascuna fase della loro vita (produzione, uso e smaltimento), contribuiscono in misura ridotta ad aumentare la quantità e/o la pericolosità dei rifiuti prodotti sviluppo di tecniche appropriate per l eliminazione di sostanze pericolose presenti nei rifiuti da avviare a recupero. Infine nel 2008 il Parlamento e il Consiglio Europeo adottano la direttiva 2008/98/CE che abroga a partire dal 12 dicembre 2010 le precedenti direttive vale a dire la 75/439/CEE, la 91/689/CEE e la 2006/12/CE. La direttiva introduce la definizione di prevenzione ricomprendendo in questo termine tutte le misure che possono essere prese prima che una sostanza, un materiale o un prodotto diventi rifiuto, per ridurre: la quantità dei rifiuti prodotti, anche attraverso il riutilizzo dei prodotti o l estensione del loro ciclo di vita; gli impatti negativi dei rifiuti prodotti sull ambiente e la salute umana; il contenuto di sostanze pericolose in materiali e prodotti. La direttiva, oltre a prevedere che gli Stati membri adottino programmi di prevenzione dei rifiuti integrati all interno dei piani di gestione rifiuti, suggerisce, come misure adottabili, sia la promozione della progettazione ecologica (cioè l integrazione sistematica degli aspetti ambientali nella progettazione del prodotto al fine di migliorarne le prestazioni ambientali nel corso dell intero ciclo di vita) sia la diffusione di informazioni sulle tecniche di prevenzione dei rifiuti così da favorire la diffusione, a livello industriale, delle migliori tecniche disponibili. Ad ottobre 2012 l'unione Europea ha pubblicato le Linee guida per la predisposizione dei Programmi nazionali di prevenzione dei rifiuti che gli Stati membri, secondo quanto previsto dall articolo 29 della direttiva europea in materia di rifiuti, debbono adottare entro il 12 dicembre La direttiva chiede agli Stati Membri di predisporre tali Programmi di prevenzione dei rifiuti con l'obiettivo di fornire un approccio coordinato alla riduzione dei rifiuti, indicando targets e politiche precise, così da dissociare la crescita economica dagli impatti ambientali connessi alla produzione dei rifiuti. Il manuale dell Unione Europea contenente le linee guida per la predisposizione dei programmi di prevenzione dei rifiuti, dopo una parte introduttiva di inquadramento generale, di collegamento alla direttiva 2008/98 e di integrazione della politica della prevenzione con altre tematiche, presenta alcuni esempi di Piani nazionali e regionali di 6

7 prevenzione dei rifiuti (Austria, California, Giappone, ecc) e si concentra poi sulla progettazione di un piano. Successivamente esamina nel dettaglio le fasi individuate come necessarie per la stesura del programma: accertamento della situazione di partenza definizione delle priorità elaborazione della strategia pianificazione e sviluppo della strategia monitoraggio E infine presenta approfondimenti su: strategie di prevenzione fondamentali portatori di interessi fondamentali frazioni merceologiche di rifiuto strategie di prevenzione dei rifiuti a livello amministrativo. In Italia la legge di conversione del decreto legge sulle Misure straordinarie e urgenti in materia ambientale (L. n. 28 del 24/03/2012) avrebbe, di fatto, anticipato al 31 dicembre 2012 l'adozione da parte del Ministro dell'ambiente del Programma nazionale di prevenzione dei rifiuti come anche l'elaborazione delle indicazioni necessarie per l'integrazione di tale programma all interno dei piani regionali di gestione dei rifiuti. Nel momento della sua pubblicazione si avrà a disposizione uno strumento certo e univoco a cui far riferimento. 7

8 Normativa nazionale Il D. Lgs. n 22 del 5 febbraio 1997 ha recepito in Italia i principi fondamentali della normativa europea anche in tema di prevenzione e riduzione dei rifiuti e ha ribadito l importanza di tali politiche che devono trovare applicazione nell ambito della gestione dei rifiuti. Tali indicazioni sono state poi riprese dal D. Lgs n 152 del 3 aprile 2006 successivamente più volte modificato da vari decreti; l ultimo in ordine di tempo, il D. Lgs. n 205 del 3 dicembre 2010 (che recepisce la Dir. 2008/98/CE) cita esplicitamente, all articolo 179, la gerarchia nelle gestione dei rifiuti di derivazione comunitaria, assegnando alle politiche di prevenzione un ruolo prioritario nelle politiche di gestione dei rifiuti e si spinge ad elencare alcune possibili misure di prevenzione nell allegato L (si veda alla fine del capitolo). Le politiche di prevenzione possono essere attuate dalle Pubbliche amministrazioni mediante: lo sviluppo di tecnologie la messa a punto tecnica e l immissione sul mercato di prodotti concepiti in modo tale da non contribuire o da contribuire il meno possibile, per la loro fabbricazione, il loro uso e il loro smaltimento, ad incrementare la quantità o la nocività dei rifiuti e i rischi di inquinamento; lo sviluppo di tecniche appropriate per l eliminazione di sostanze pericolose nei rifiuti al fine di favorirne il recupero; la determinazione di condizioni di appalto che prevedano l impiego dei materiali recuperati dai rifiuti e di sostanze e oggetti prodotti anche solo in parte, con materiali recuperati dai rifiuti al fine di favorire il mercato dei materiali medesimi; l impiego dei rifiuti come altro mezzo per produrre energia. L articolo 180 stabilisce inoltre che, per promuovere la prevenzione e la riduzione della produzione e della nocività dei rifiuti, le Pubbliche amministrazioni possono; promuovere strumenti economici, eco-bilanci, sistemi di certificazione ambientale, l utilizzo delle migliori tecnologie disponibili, analisi del ciclo di vita dei prodotti, azioni di informazione e sensibilizzazione dei consumatori, l uso di sistemi di qualità nonché lo sviluppo del sistema di marchio ecologico ai fini della corretta valutazione dell impatto di uno specifico prodotto sull ambiente durante l intero ciclo di vita del medesimo; prevedere clausole di bandi di gara o lettere d invito che valorizzino la capacità e le competenze tecniche in materia di prevenzione della produzione di rifiuti; promuovere accordi e contratti di programma o protocolli d intesa anche sperimentali finalizzati alla prevenzione ed alla riduzione della quantità e della pericolosità dei rifiuti. Sempre lo stesso articolo stabilisce che il Ministero dell Ambiente adotti un programma nazionale di prevenzione dei rifiuti ed elabori indicazioni affinché tale programma sia integrato nei piani di gestione rifiuti. 8

9 Nel programma di prevenzione il Ministero, oltre a fissare gli obiettivi, dovrà descrivere le misure esistenti e valutare l utilità degli esempi di misure di prevenzione descritte nell allegato L o di altre misure adeguate. Per completezza si riporta di seguito il testo dell Allegato L ALL. L - Esempi di misure di prevenzione dei rifiuti Misure che possono incidere sulle condizioni generali relative alla produzione di rifiuti 1. Ricorso a misure di pianificazione o ad altri strumenti economici che promuovono l'uso efficiente delle risorse. 2. Promozione di attività di ricerca e sviluppo finalizzate a realizzare prodotti e tecnologie più puliti e capaci di generare meno rifiuti; diffusione e utilizzo dei risultati di tali attività. 3. Elaborazione di indicatori efficaci e significativi delle pressioni ambientali associate alla produzione di rifiuti volti a contribuire alla prevenzione della produzione di rifiuti a tutti i livelli, dalla comparazione di prodotti a livello comunitario attraverso interventi delle autorità locali fino a misure nazionali. Misure che possono incidere sulla fase di progettazione e produzione e di distribuzione 1. Promozione della progettazione ecologica (cioè l'integrazione sistematica degli aspetti ambientali nella progettazione del prodotto al fine di migliorarne le prestazioni ambientali nel corso dell'intero ciclo di vita). 2. Diffusione di informazioni sulle tecniche di prevenzione dei rifiuti al fine di agevolare l'applicazione delle migliori tecniche disponibili da parte dell'industria. 3. Organizzazione di attività di formazione delle autorità competenti per quanto riguarda l'integrazione delle prescrizioni in materia di prevenzione dei rifiuti nelle autorizzazioni rilasciate a norma della presente direttiva e della direttiva 96/61/CE. 4. Introduzione di misure per prevenire la produzione di rifiuti negli impianti non soggetti alla direttiva 96/61/CE. Tali misure potrebbero eventualmente comprendere valutazioni o piani di prevenzione dei rifiuti. 5. Campagne di sensibilizzazione o interventi per sostenere le imprese a livello finanziario, decisionale o in altro modo. Tali misure possono essere particolarmente efficaci se sono destinate specificamente (e adattate) alle piccole e medie imprese e se operano attraverso reti di imprese già costituite. 6. Ricorso ad accordi volontari, a panel di consumatori e produttori o a negoziati settoriali per incoraggiare le imprese o i settori industriali interessati a predisporre i propri piani o obiettivi di prevenzione dei rifiuti o a modificare prodotti o imballaggi che generano troppi rifiuti. 7. Promozione di sistemi di gestione ambientale affidabili, come l'emas e la norma ISO Misure che possono incidere sulla fase del consumo e dell'utilizzo 1. Ricorso a strumenti economici, ad esempio incentivi per l'acquisto di beni e servizi meno inquinanti o imposizione ai consumatori di un pagamento obbligatorio per un determinato articolo o elemento dell'imballaggio che altrimenti sarebbe fornito gratuitamente. 2. Campagne di sensibilizzazione e diffusione di informazioni destinate al pubblico in generale o a specifiche categorie di consumatori. 3. Promozione di marchi di qualità ecologica affidabili. 4. Accordi con l'industria, ricorrendo ad esempio a gruppi di studio sui prodotti come quelli costituiti nell'ambito delle politiche integrate di prodotto, o accordi con i rivenditori per garantire la disponibilità di informazioni sulla prevenzione dei rifiuti e di prodotti a minor impatto ambientale. 5. Nell'ambito degli appalti pubblici e privati, integrazione dei criteri ambientali e di prevenzione dei rifiuti nei bandi di gara e nei contratti, coerentemente con quanto indicato nel manuale sugli appalti pubblici ecocompatibili pubblicato dalla Commissione il 29 ottobre Promozione del riutilizzo e/o della riparazione di determinati prodotti scartati, o loro componenti in particolare attraverso misure educative, economiche, logistiche o altro, ad esempio il sostegno o la creazione di centri e reti accreditati di riparazione/riutilizzo, specialmente in regioni densamente popolate. 9

10 3. La produzione dei rifiuti urbani in Italia e nello specifico in Umbria Per poter valutare la reale riduzione della produzione di rifiuti è necessario analizzare brevemente i dati relativi alla produzione nazionale e regionale di rifiuti urbani, sia in termini di produzione totale sia pro-capite ed anche la percentuale di raccolta differenziata raggiunta. Nell anno 2010 la produzione nazionale di rifiuti urbani si è attestata a 32,5 milioni di tonnellate facendo rilevare un aumento percentuale dell 1,1% rispetto all anno precedente nel quale però si era avuto un calo dell 1,1 % rispetto al In pratica la produzione di rifiuti nazionale è ritornata ad attestarsi ai valori del La diminuzione della produzione di rifiuti rilevata tra il 2008 e il 2009 poteva essere legata a diversi fattori quali la flessione del prodotto interno lordo e la riduzione delle spese delle famiglie. Il nuovo aumento riscontrato su scala nazionale tra il 2009 e il 2010 è probabilmente dovuto ad un nuovo aumento del PIL e delle spese delle famiglie. Si rileva comunque dal 2002 ad oggi una costante correlazione tra l andamento della produzione dei rifiuti urbani e l andamento degli indicatori socio-economici (Pil e spese famiglie). L analisi dei dati, anche a livello di macroaree geografiche, mostra un incremento percentuale della produzione di RU pari all 1,9% al centro, all 1,3% al nord e allo 0,4% al sud. Nel 2010 la raccolta differenziata ha raggiunto, a livello nazionale, una percentuale del 35,3%, registrando un incremento rispetto all anno precedente ma non raggiungendo gli obiettivi fissati dalla normativa nazionale (D.Lgs 152/2006) che fissava per il 31 dicembre del 2009 almeno il 50% di raccolta differenziata. In pratica sono stati raggiunti nel 2010 gli obiettivi del Lo scenario non cambia molto anche con il recepimento della direttiva 2008/98/CE, avvenuto con il D. Lgs. 205/2010 che, pur non prevedendo target di raccolta differenziata, richiede che si proceda all attivazione della stessa e che siano conseguiti obiettivi di preparazione per il riutilizzo e riciclaggio almeno per le quattro frazioni carta, metalli, plastica e vetro. La situazione appare comunque diversificata nelle tre macroaree geografiche del territorio nazionale, evidenziando come il nord pur non raggiungendo gli obiettivi della normativa per l anno 2010 ci si è notevolmente avvicinato con una percentuale di RD pari al 49,1%, il centro invece si è attestato al 27,1% mentre il sud si è fermato al 21,2%. Per quanto riguarda la produzione di rifiuti urbani della nel 2010 si è registrato un valore di tonnellate pari a 572 kg di produzione di rifiuti pro-capite. La produzione pro-capite in Umbria risulta essere inferiore alla media del centro Italia come rappresentato nella tabella e nel grafico sottostante: Area Geografica Produzione 2010 pro-capite kg Nord Italia 533 Centro Italia 613 Sud Italia

11 700 Produzione pro-capite - anno Nord Italia Centro Italia Sud Italia Produzione pro-capite kg Per quanto riguarda la raccolta differenziata il valore del 2010 si attesta al 32,90 % in linea con i valori nazionali. C è da considerare che il valore di RD relativo al 2011 è ulteriormente aumentato arrivando al 38,02 % in considerazione del fatto che il nuovo Piano regionale per la gestione dei rifiuti, approvato nel 2009, prevede la riorganizzazione del servizio di raccolta favorendo il sistema porta a porta. I Comuni hanno potuto attivare e potenziare il servizio di raccolta domiciliare anche usufruendo di contributi stanziati dalla Giunta Regionale; ciò ha permesso loro non solo di raggiungere valori di RD simili alle medie nazionali ma, addirittura, di superarli avvicinandosi ai valori stabiliti dalla normativa nazionale. Nel 2011 la produzione annuale regionale di rifiuti urbani e assimilati è stata pari a tonnellate, in calo rispetto all anno precedente di tonnellate (-6,30%). La produzione pro-capite di rifiuti, calcolata sulla base della stima degli abitanti equivalenti (pari a abitanti) scende da 572 kg/abitante a circa 533 kg/abitante, con un calo su base annuale del 6,82%. Il dato, fortemente positivo, segnala un forte calo della produzione, generalizzato su tutto il territorio regionale. Ciò, con ogni evidenza, è in parte frutto della rilevante contrazione dei consumi determinato dall attuale crisi economica. Tuttavia è da sottolineare che il calo della quantità di rifiuti urbani è più consistente ove si registra anche un maggiore incremento 11

12 della raccolta differenziata. A tale proposito è significativo il dato dell ATI 2 nel cui territorio si registra un calo della produzione di -8,20% a fronte di un aumento della raccolta differenziata pari a +8,28%. Ciò a conferma che il sistema di raccolta domiciliare contribuisce a tale riduzione in quanto implica una raccolta più selettiva e attenta dei rifiuti e con la progressiva eliminazione dei cassonetti stradali, si riducono anche le quantità di rifiuti conferite impropriamente, nel circuito di raccolta dei rifiuti urbani, da utenze non domestiche. Il dato è ancora più significativo se si considera che per l effetto combinato dei suddetti fattori si registra anche un calo del rifiuto indifferenziato destinato allo smaltimento (nell ATI 2-20%). La contrazione della produzione di rifiuti è senz altro da imputare alla crisi economica ma va rilevato il fatto che alcune Amministrazioni locali (regionali, provinciali e comunali) hanno attivato in questi ultimi anni misure di prevenzione della produzione di rifiuti. E da evidenziare che una pratica in ampia diffusione, che ha sottratto rifiuti difficili da gestire dal circuito di raccolta, è il compostaggio domestico che si è esteso molto soprattutto in alcuni ambiti territoriali. 12

13 4. Rassegna delle esperienze più significative realizzate in Italia La prevenzione e la riduzione della produzione dei rifiuti, come esplicitato nei precedenti capitoli, è un tema fondamentale per la Comunità Europea e anche in Italia oltre all adeguamento della normativa, da qualche anno alcune Amministrazioni pubbliche e alcune Associazioni hanno intrapreso percorsi volti al contenimento della produzione di rifiuti. Settimana Europea per la riduzione della produzione dei rifiuti L iniziativa fa parte del progetto europeo Life+ ed è nata nel su proposta di alcuni tra i maggiori organismi europei attenti alle tematiche ambientali e alle problematiche connesse alla raccolta e al riciclo dei rifiuti. I primi promotori sono stati l agenzia ministeriale francese ADEME, il network europeo ACR+, l Agenzia Rifiuti Catalogna per la Spagna, la pubblica amministrazione belga IBGE e la società pubblica portoghese LIPOR, alla quale è affidata la gestione dei rifiuti nell area metropolitana di Porto. Gli obiettivi erano, e tuttora sono, quelli di svolgere un ruolo di sensibilizzazione sulle strategie e sulle politiche di prevenzione dei rifiuti dell Unione Europea e degli Stati membri e di riuscire a mobilitare il maggior numero possibile di soggetti. In Italia, dopo una prima edizione pilota del 2008, dal 2009 la SERR (Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti) viene organizzata da un comitato che fa capo al Ministero dell Ambiente. Del comitato fanno parte l UNESCO, Federambiente, Legambiente, Rifiuti 21 Network, la Provincia di Torino e AICA, quest ultima incaricata di gestire la segreteria organizzativa. A questi si aggiungono due partner tecnici, la ERICA soc. coop., che si occupa dei rapporti con la stampa, ed Eco dalle Città, che gestisce la diffusione via web. All iniziativa può partecipare chiunque (cittadini, istituzioni, pubbliche amministrazioni, scuole, supermercati) abbia voglia di ideare e organizzare un attività, un evento da svolgere solitamente in una settimana verso la fine di novembre, avente come tema la riduzione rifiuti o la produzione eco-compatibile o la durata dei prodotti in modo che abbiano una vita più lunga o semplicemente i modi più adatti e rispettosi di gettarli via. Per partecipare è necessario collegarsi al sito ufficiale ed inviare il proprio progetto diventando project developer. Ogni azione proposta verrà analizzata e, se risulterà rispondente ai criteri europei, verrà validata dal Comitato promotore. A questo punto, riceverà la denominazione ufficiale di Azione per la Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti. PARR di Regione Lombardia La Regione Lombardia nel 2009 si è dotata di un Piano d Azione per la Riduzione dei Rifiuti urbani anticipando, di fatto, il recepimento della Dir. 2008/98/CE avvenuto in Italia nel che stabilisce per gli Stati membri l adozione, entro dicembre 2013, di specifici programmi di prevenzione dei rifiuti. 13

14 Il PARR è uno strumento attuativo dei contenuti rappresentati nel Piano Regionale per la Gestione dei Rifiuti e intersettoriale fra i diversi piani di settori (pianificazione ambientale, agricola, economica, ecc) e fra le istituzioni e fra queste e le organizzazioni della società civile. Obiettivo del PARR è contrastare il trend di crescita dei rifiuti urbani e quindi proporre azioni da realizzarsi a monte, prima cioè che un prodotto o un materiale diventi un rifiuto. Nella costruzione del PARR si sono dapprima individuati i settori strategici (MISURE) nei quali poter agire per attuare, nel territorio lombardo, la prevenzione e la riduzione dei rifiuti; tra le tante riportate da esperienze e casi di studio nazionali ed esteri sono state scelte le seguenti misure in quanto più adatte alla situazione lombarda: imballaggi e Gdo, compostaggio domestico, gestione dei RAEE (rifiuti elettrici ed elettronici), implementazione di pratiche di GPP (Green Public Procurement), Metodi di Tariffazione puntuale. Poi per ogni Misura sono state definite le Azioni, ossia gli interventi più efficaci da intraprendere e gli strumenti per realizzarle. L efficacia delle azioni scelte e il raggiungimento degli obiettivi ad esse associati sono stati misurati con idonei indicatori. Mentre, in generale, gli strumenti utilizzabili per favorire la riduzione dei rifiuti possono essere: nuovi vincoli normativi, sgravi fiscali, incentivi per lo sviluppo di politiche di ecodisegn, campagne di informazione e sensibilizzazione, promozione di marchi di qualità regionale. Fra le molteplici azioni riportate nel Piano ne sono state scelte undici per una prima applicazione: 1. Vendita di prodotti poco imballati o alla spina nei supermercati 2. Promozione dell'acquisto di prodotti poco imballati nei supermercati 3. Distribuzione degli alimentari invenduti a mense sociali 4. Vendita di acqua alla spina in mense, bar e ristoranti 5. Riduzione della carta negli uffici 6. Riduzione della carta nelle cassette della posta 7. Promozione della Farm delivery 8. Promozione della filiera corta 9. Promozione del compostaggio domestico 10. Adozione di pannolini lavabili 11. Promozione delle Giornate del riuso. 14

15 Puntando sulle collaborazioni avviate con il Comune di Brescia, A2A ed Aprica, Regione Lombardia ha deciso di sperimentare l attuazione delle prime azioni del PARR sul territorio bresciano con la finalità di giungere poi alla definizione di best practice e linee guida utili per replicare le azioni in altri contesti territoriali. La valutazione del PARR, in termini di benefici ambientali, è stata svolta utilizzando l analisi LCA (Life Cicle Analisys) e immaginando l applicabilità delle 11 azioni sull intero territorio regionale. E stato calcolato che se le 11 azioni del PARR venissero adottate sull intero territorio regionale si ridurrebbe la produzione dei rifiuti urbani di circa tonnellate annue. Questo rappresenta circa il 2% della produzione annuale di rifiuti urbani in Regione Lombardia e coincide esattamente con il trend di crescita dei rifiuti urbani degli ultimi anni. A fine 2011 sono stati diffusi i risultati delle prime 6 azioni intraprese e sono stati presentati i nuovi 5 progetti pilota che nel corso del 2012 saranno attuati a Brescia. Piano prevenzione e riduzione rifiuti della Provincia di Genova A seguito di un ampio lavoro della Commissione rifiuti partecipato da Agenda 21, il Consiglio provinciale di Genova ha approvato, sul finire del 2009, il Piano per la prevenzione e riduzione dei rifiuti. Le linee d azione di questo Piano prevedono incentivi per: il compostaggio domestico l uso dell acqua del rubinetto in luogo dell acqua minerale imbottigliata la vendita di prodotti sfusi o alla spina (detersivi e saponi ma non solo anche legumi piuttosto che cibi per animali) l uso di pannolini in tessuti naturali e riutilizzabili il recupero solidale e senza sprechi dei prodotti freschi invenduti il coinvolgimento della grande distribuzione e degli esercizi commerciali più piccoli nella riduzione degli imballaggi e nell'uso di packaging ecologici e riutilizzabili per i prodotti la riduzione al minimo degli imballaggi di plastica non biodegradabile i mercatini per l'ecoscambio dell'usato, in modo da allungare la vita di oggetti e materiali che diventano rifiuto più tardi le ecofeste ossia le sagre ambientalmente sostenibili i vuoti a rendere un maggiore uso delle tecnologie elettroniche per risparmiare carta ed energia 15

16 una maggiore diffusione degli acquisti verdi. Per ciascuna delle 22 strategie proposte vengono descritte le motivazioni dell azione, gli obiettivi, le eventuali esperienze già attivate, le azioni da attuare e i soggetti coinvolti. Linee guida sulla prevenzione dei rifiuti urbani - Federambiente Dal 2002 Federambiente si occupa di politiche e di prassi di gestione integrata dei rifiuti urbani con particolare attenzione alle strategie di riduzione dei rifiuti. Dal sito è possibile accedere ad una sezione dedicata proprio alla prevenzione dei rifiuti dove è possibile trovare tutte le ultime novità in materia, gli eventi in programma sull argomento e una banca dati sulle attività di riduzione messe in atto da diversi soggetti sia pubblici che privati in tutta Italia. Inoltre c è la possibilità di scaricare le linee guida sulla prevenzione dei rifiuti urbani, aggiornate al 2010, dove si trovano spunti per impostare un primo approccio alle attività di riduzione della produzione di rifiuti. 16

17 5. Le azioni attivate, risultati ottenuti e quelli attesi in un ottica di sviluppo ulteriore La, con questo Programma di Prevenzione e Riduzione della Produzione dei Rifiuti, intende compiere un analisi delle iniziative già avviate negli ultimi anni, valutarne l efficacia, incrementare le azioni che hanno dato risultati interessanti e soprattutto proporre nuove linee di intervento progettate sulla base delle esperienze pregresse. Di seguito si analizzano nel dettaglio le singole azioni: Riduzione carta negli uffici Premesso che la ha stipulato un protocollo con l ente gestore della raccolta dei rifiuti per attivare la raccolta differenziata della carta in tutti gli uffici regionali, nel novembre 2011 ha deliberato un Piano di semplificazione amministrativa con cadenza triennale, in attuazione della L.R. n. 8 del 16 settembre 2011, che oltre a prevedere uno snellimento dal punto di vista normativo, stabilisce anche una revisione, nel periodo di attuazione , delle pratiche amministrative lavorando sulla riduzione dei tempi burocratici, sull innovazione tecnologica e sulla diffusione di strumenti telematici nei rapporti tra pubbliche amministrazioni, cittadini e imprese. In particolare la strategia complessiva è quella di puntare a passare da uno scambio di documenti ad uno scambio di dati. Pannolini lavabili La Provincia di Perugia nel 2009 ha attivato, nell ambito del progetto Percorsi innovativi di riduzione di rifiuti alla fonte, l iniziativa Bambini leggeri indirizzata ai nuovi nati e volta a ridurre la quantità di rifiuti prodotti dall'utilizzo dei pannolini usa e getta. L'iniziativa aveva il duplice obiettivo di ridurre i rifiuti alla fonte e di intervenire sul carovita attraverso la proposta di utilizzo di pannolini ecologici. E noto, infatti, che nei primi tre anni di vita, un bambino produce un quantitativo pari a qualche centinaia di kg di pannolini usati destinati allo smaltimento, per una spesa media di acquisto di circa 2 mila euro, contro i 500 euro di quelli lavabili. Nel progetto sono state coinvolte le famiglie dei neonati, che hanno ricevuto in omaggio un kit di pannolini lavabili, ma anche i pediatri, le aziende ospedaliere, le farmacie e gli asili nido, oltre ai supermercati Coop, allo scopo di diffondere il progetto in modo omogeneo su tutto il territorio. Non abbiamo a disposizione dati aggiornati sui risultati ottenuti né tanto meno sul livello di gradimento riscontrato tra i neogenitori, comunque i pannolini lavabili sono ancora acquistabili nei supermercati della catena Coop. Vendita prodotti alla spina La in collaborazione con le Province di Perugia e di Terni dal 2008 ha attivato il progetto Percorsi innovativi di riduzione di rifiuti alla fonte che prevede la 17

18 vendita alla spina di diverse tipologie di prodotti come detersivi, latte crudo e acqua naturale e frizzante. Il progetto complessivo aveva come obiettivi: realizzare azioni concrete di riduzione dei rifiuti diffondere una best practice sensibilizzare e responsabilizzare i cittadini alla gestione virtuosa dei rifiuti indirizzare i consumatori verso scelte d acquisto a ridotto impatto ambientale. Nei tre anni di attivazione del progetto in cui, oltre alla Regione e alle due Province, sono stati coinvolti Amministrazioni comunali, Ambiti Territoriali Integrati, Gestori del servizio idrico, GDO, Produttori di detersivi, Produttori di latte, Associazioni di categoria, si sono ottenuti buoni risultati. Di seguito si analizzano le singole iniziative e si presentano i relativi dati. Per quanto riguarda i distributori di latte crudo ne sono stati installati 3, purtroppo la difficoltà di reperire produttori locali e il limitato consumo di latte, hanno determinato un ridotto interesse a investire in questa azione. Pertanto i dati disponibili in relazione ai litri di latte erogati e di conseguenza agli imballaggi risparmiati non sono sufficientemente rappresentativi. Per i distributori di detersivi self service, all avvio del progetto ne sono stati installati 13 in diversi punti vendita della GdO che ha partecipato attivamente alla diffusione dell iniziativa. Ciò ha fatto registrare all inizio dati di vendita di detersivo sfuso incoraggianti, successivamente però sia per lo scarso numero sul territorio di grandi catene di distribuzione sia per la peculiarità del prodotto, che riscontra un elevato grado di fidelizzazione a marchi commerciali, l iniziale impennata non si è confermata. Se ne deduce che la vendita di detersivo alla spina si rivolge principalmente a consumatori di nicchia sensibili a rinunciare al marchio commerciale in favore di un acquisto più sostenibile. Inoltre, soprattutto in un periodo di crisi, non è da sottovalutare il richiamo di offerte a prezzi più bassi proposte, ad esempio, dagli hard discount, in questi casi il risparmio risulta prioritario rispetto a qualsiasi discorso di riduzione dei rifiuti. Va tuttavia segnalato che la catena dei supermercati Coop ha proseguito ad installare distributori di detersivi alla spina in diversi punti vendita siti in Umbria dandone notizia sul loro sito. Le fontanelle sono degli impianti, collegati direttamente all acquedotto pubblico, che attraverso un distributore erogano acqua naturale o frizzante mediante l aggiunta di anidride carbonica. In tutta la, dal 2008 ad oggi, sono state installate n. 27 fontanelle in n. 24 diversi Comuni ed è in programmazione l installazione di altre 10. Al mese di aprile 2012 non sono state utilizzate bottiglie di plastica per un totale di kg di plastica che non sono diventati rifiuti 18

19 L acqua pubblica non viene erogata gratuitamente ma il cittadino la acquista al prezzo di 5 centesimi per ogni 1,5 litri sia naturale che frizzante. Facendo un rapido calcolo è evidente come questo tipo di azione ha buoni effetti non solo dal punto di vista ambientale, favorendo la riduzione della produzione di rifiuti, ma anche economico generando un beneficio per il cittadino che acquista acqua ad un prezzo competitivo. Riepilogo litri acqua pubblica erogati senza imballaggio e relativi benefici ambientali Dati Aprile 2012 Fontanella Litri erogati Bottiglie riutilizzate Kg Plastica Litri Acqua KWHElettricità KG Emissioni CO2 FONTANELLA AMELIA FONTANELLA BORGO TREVI FONTANELLA CANNARA FONTANELLA CASTEL GIORGIO FONTANELLA CASTEL RITALDI FONTANELLA CASTIGLIONE DEL LAGO FONTANELLA CITTA' DI CASTELLO FONTANELLA FOLIGNO FONTANELLA MAGIONE FONTANELLA MARSCIANO FONTANELLA NARNI FONTANELLA NARNI SCALO FONTANELLA NORCIA FONTANELLA ORVIETO FONTANELLA PERUGIA PIAN DI MASSIANO FONTANELLA PIETRALUNGA FONTANELLA SPOLETO FONTANELLA TERNI TOTALE

20 Compostaggio domestico I rifiuti organici vengono prodotti quotidianamente in qualsiasi abitazione, nelle mense, nei ristoranti, nei bar, negli orti e nei giardini. Rappresentano oltre il 35% del totale dei rifiuti che si producono annualmente. La natura è in grado di riciclare completamente questi rifiuti producendo un fertilizzante naturale da utilizzare nell orto, in giardino o per le piante in vaso. Recuperare questi rifiuti con la pratica del compostaggio domestico permette di diminuire i costi di smaltimento, di rallentare l esaurimento delle discariche e ridurne i problemi di odore e di percolato, di diminuire i problemi di abbassamento del potere calorifico dei rifiuti avviati all incenerimento. Le materie prime per la produzione del terriccio compostato sono tutti gli scarti di tipo organico, biodegradabili: avanzi di cucina come residui di pulizia delle verdure, bucce, pelli, fondi di caffè, ecc... scarti del giardino e dell orto come legno di potatura, sfalcio dei prati, foglie secche, fiori appassiti, gambi, avanzi dell orto, ecc.. altri materiali biodegradabili come la carta non patinata, cartone, segatura e trucioli di legno non trattati. In pratica tutto quello che viene raccolto come frazione umida, la differenza sostanziale è la possibilità di compostare nel proprio giardino i rifiuti organici e produrre un ammendante ottimo per la successiva concimazione del giardino stesso. 20

La prevenzione della produzione dei rifiuti nella Provincia di Roma

La prevenzione della produzione dei rifiuti nella Provincia di Roma La prevenzione della produzione dei rifiuti nella Provincia di Roma Impostazione,nuova Direttiva e misure prioritarie di Edo Ronchi Roma,10 giugno 2010 Un modello insostenibile di crescita Un economia

Dettagli

Coordinamento dei Comitati per la Difesa del Territorio. MI RIFIUTO alternative per non buttare via la salute

Coordinamento dei Comitati per la Difesa del Territorio. MI RIFIUTO alternative per non buttare via la salute Coordinamento dei Comitati per la Difesa del Territorio Coordinamento dei Comitati per la Difesa del Territorio Dopo un attività di DISCUSSIONE e CONFRONTO il Coordinamento ha prodotto (estate 2005) il:

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Sperimentazione azioni di prevenzione dei rifiuti a Brescia

Sperimentazione azioni di prevenzione dei rifiuti a Brescia Sperimentazione azioni di prevenzione dei rifiuti a Brescia Compostaggio domestico Pannolini riutilizzabili per bambini Spesa in cassetta Criteri costi - benefici Paola Amadei consulente Aprica/a2a 25

Dettagli

LA PREVENZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI NELLA PIANIFICAZIONE REGIONALE

LA PREVENZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI NELLA PIANIFICAZIONE REGIONALE LA PREVENZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI NELLA PIANIFICAZIONE REGIONALE PIANO d AZIONE per la RIDUZIONE dei RIFIUTI urbani (P.A.R.R.) L.R. 26/03 stabilisce che: art. 14 il sistema regionale di gestione

Dettagli

CAPANNORI: IL PRIMO COMUNE IN ITALIA VERSO RIFIUTI ZERO I

CAPANNORI: IL PRIMO COMUNE IN ITALIA VERSO RIFIUTI ZERO I CAPANNORI: IL PRIMO COMUNE IN ITALIA VERSO RIFIUTI ZERO I parte Introduzione Generale Acqua, rifiuti ed energia rappresentano tre questioni fondamentali per il futuro del nostro pianeta. Emergenze ambientali

Dettagli

2 LE STRATEGIE PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI A LIVELLO PROVINCIALE

2 LE STRATEGIE PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI A LIVELLO PROVINCIALE torna all Indice Capitolo 2 2 LE STRATEGIE PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI A LIVELLO PROVINCIALE Ai sensi della normativa europea e nazionale la priorità da perseguire nella gestione dei rifiuti è la prevenzione,

Dettagli

Rapporto di sostenibilità Conai 2013 12,5 12,2 11,4 10,9

Rapporto di sostenibilità Conai 2013 12,5 12,2 11,4 10,9 14 Rapporto di sostenibilità Conai 2013 La prevenzione Nella lista di priorità per la gestione dei rifiuti definita dall Unione europea al primo posto c è la prevenzione. Per il rifiuto di imballaggio

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: WASTELESS IN CHIANTI Promotore/i: Provincia di Firenze Soggetti partner: Ente Ente pubblico/gdo

Dettagli

PIANO STRATEGICO PER LA RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI INDIFFERENZIATI E PER L INCREMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA

PIANO STRATEGICO PER LA RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI INDIFFERENZIATI E PER L INCREMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA PIANO STRATEGICO PER LA RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI INDIFFERENZIATI E PER L INCREMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA 1. Introduzione Nel corso degli ultimi decenni, l aumento generalizzato della

Dettagli

Provincia di Perugia Assessorato all Ambiente. Roberta Burzigotti. Dirigente di Staff Certificazione Ambientale Provincia verde

Provincia di Perugia Assessorato all Ambiente. Roberta Burzigotti. Dirigente di Staff Certificazione Ambientale Provincia verde Provincia di Perugia Assessorato all Ambiente Roberta Dirigente di Staff Certificazione Ambientale Provincia verde PROGETTO GREEN PUBLIC PROCUREMENT E CONSUMO RESPONSABILE DELLA PROVINCIA DI PERUGIA WORKSHOP

Dettagli

Quali modelli organizzativi efficaci

Quali modelli organizzativi efficaci Quali modelli organizzativi efficaci Il sistema CONAI Piero Perron Vicepresidente CONAI Intervento al VIII Forum G.I. Federalimentare 17 Settembre 2011 La gestione degli imballaggi Il sistema CONAI e i

Dettagli

Inquadramento normativo

Inquadramento normativo Provincia di Vercelli Programma Provinciale per la Gestione dei Rifiuti Urbani Inquadramento normativo Con il recepimento della Direttiva 98/2008 sui rifiuti, è stata introdotta nell ordimento interno

Dettagli

Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. «No Waste» Gestione integrata dei rifiuti Azione 4 - Comune di Trento

Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. «No Waste» Gestione integrata dei rifiuti Azione 4 - Comune di Trento Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA «No Waste» Gestione integrata dei rifiuti Azione 4 - Comune di Trento Gestione integrata dei rifiuti nel Comune di Trento Introduzione nuove modalità di raccolta: sistema

Dettagli

L ECONOMIA CIRCOLARE NELLA PIANIFICAZIONE REGIONALE

L ECONOMIA CIRCOLARE NELLA PIANIFICAZIONE REGIONALE L ECONOMIA CIRCOLARE NELLA PIANIFICAZIONE REGIONALE Renata Caselli, Regione Toscana in collaborazione con ARRR - Agenzia Regionale Recupero Risorse spa L economia circolare in pillole La transizione verso

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati Contesto europeo Secondo i dati resi disponibili da Eurostat, integrati con i dati ISPRA per quanto riguarda l Italia, nel 2011 i 27 Stati membri dell

Dettagli

Programma Provinciale per la Gestione dei Rifiuti Urbani

Programma Provinciale per la Gestione dei Rifiuti Urbani Provincia di Vercelli Programma Provinciale per la Gestione dei Rifiuti Urbani Inquadramento normativo Con il recepimento della Direttiva 98/2008 sui rifiuti, è stata introdotta nell ordimento interno

Dettagli

LA SETTIMANA EUROPEA PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI PRESENTAZIONE DEL PROGETTO

LA SETTIMANA EUROPEA PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI PRESENTAZIONE DEL PROGETTO LA SETTIMANA EUROPEA PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Introduzione al progetto e coerenza con la legislazione ambientale vigente La Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti

Dettagli

Il Piano Regionale di Gestione Integrata dei Rifiuti. Deliberazione del Consiglio Regionale n. 301 del 5 Maggio 2009

Il Piano Regionale di Gestione Integrata dei Rifiuti. Deliberazione del Consiglio Regionale n. 301 del 5 Maggio 2009 Il Piano Regionale di Gestione Integrata dei Rifiuti Deliberazione del Consiglio Regionale n. 301 del 5 Maggio 2009 1 ANALISI DEI DATI PREGRESSI Serie storica delle produzioni del periodo 2002-2008 (t/anno)

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: Sai che c è Promotore/i: Comune di Venezia, Veritas S.p.A. Soggetti partner: Ente Ente pubblico/gdo

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: Sconsigli per gli acquisiti Promotore/i: Provincia/Ato Provincia di Ferrara Soggetti partner:

Dettagli

SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO

SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO COMUNE DI DERUTA SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO ANALISI ECONOMICHE DEI SERVIZI REPORT PARZIALE ANNO 2013 CONFRONTO CON ANNI 2010-2011-2012 Servizi monitorati: Igiene urbana Asilo nido 1 COMUNE

Dettagli

SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA. Corso di Laurea in Ingegneria per la Sicurezza dell'ambiente e del Lavoro

SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA. Corso di Laurea in Ingegneria per la Sicurezza dell'ambiente e del Lavoro SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA 1 Normativa di riferimento Legge nazionale di riferimento: Testo Unico in materia ambientale D.Lgs. 152/06 In Lombardia vige la L.R. 26/03 Disciplina dei servizi locali

Dettagli

LIFE+ WASTE-LESS IN CHIANTI: ATTUAZIONE E MONITORAGGIO DI UN PROGRAMMA INTEGRATO DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI

LIFE+ WASTE-LESS IN CHIANTI: ATTUAZIONE E MONITORAGGIO DI UN PROGRAMMA INTEGRATO DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI MENO RIFIUTI: ESPERIENZE A CONFRONTO LIFE+ WASTE-LESS IN CHIANTI: ATTUAZIONE E MONITORAGGIO DI UN PROGRAMMA INTEGRATO DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI Terra Futura, 21 maggio 2011 Firenze, Fortezza da Basso Sala

Dettagli

Il Progetto LIFE+ del mese

Il Progetto LIFE+ del mese Il Progetto LIFE+ del mese LIFE10 ENV/IT/000307 Beneficiario coordinatore: Comune di Reggio Emilia Via Emilia San Pietro, 12 42121 Reggio Emilia Referente progetto: Laura Montanari Tel. 0522-456251 Email

Dettagli

PROVINCIA DI FROSINONE

PROVINCIA DI FROSINONE PROVINCIA DI FROSINONE ccp n. 13197033 P.zza Gramsci,13-03100 Frosinone cod. fisc. 01 633 570 609 tel.07752191 Web: www.provincia.fr.it BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI PER IL POTENZIAMENTO DEI

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: CPR System Promotore/i: Privati - CPR System Scarl Soggetti partner: Ente Ente pubblico/gdo

Dettagli

Dal porta a porta alla tariffa puntuale nel Comune di Trento. Michelangelo Marchesi Assessore ad ambiente, mobilità e smart city del Comune di Trento

Dal porta a porta alla tariffa puntuale nel Comune di Trento. Michelangelo Marchesi Assessore ad ambiente, mobilità e smart city del Comune di Trento Dal porta a porta alla tariffa puntuale nel Comune di Trento Michelangelo Marchesi Assessore ad ambiente, mobilità e smart city del Comune di Trento Brescia, 30 aprile 2015 Legislazione italiana ed europea

Dettagli

Programma regionale di prevenzione dei rifiuti

Programma regionale di prevenzione dei rifiuti Piano regionale di gestione dei rifiuti della Regione Valle d Aosta Programma regionale di prevenzione dei rifiuti Giugno 2015 SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 2 INQUADRAMENTO NORMATIVO... 5 2.1 IL PROGRAMMA NAZIONALE

Dettagli

Le azioni e gli strumenti per la riduzione della produzione di rifiuti finanziate dalla Regione Toscana

Le azioni e gli strumenti per la riduzione della produzione di rifiuti finanziate dalla Regione Toscana La riduzione dei rifiuti:buone pratiche a confronto - ARPAT - FIRENZE - 23 novembre 2009 Le azioni e gli strumenti per la riduzione della produzione di rifiuti finanziate dalla Regione Toscana Arch. Marisa

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA.

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA SITUAZIONE IN PROVINCIA DI PARMA L autosufficienza nello smaltimento della quota residua di rifiuti

Dettagli

Marchio regionale Ecofesta Criteri per l attribuzione

Marchio regionale Ecofesta Criteri per l attribuzione ALLEGATO 1 Marchio regionale Ecofesta Criteri per l attribuzione In ogni anno si svolgono centinaia di iniziative come sagre, feste patronali, manifestazioni culturali e di valorizzazione del territorio,

Dettagli

Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia

Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia 1. Premessa Al fine di consentire una contabilizzazione uniforme della

Dettagli

dove finiscono i 42 % in discarica 20 % negli inceneritori utile suggerimento per la riduzione dei rifiuti

dove finiscono i 42 % in discarica 20 % negli inceneritori utile suggerimento per la riduzione dei rifiuti 60x90_IT 20/11/09 15:33 Pagina 1 1 Troppi rifiuti La produzione di rifiuti urbani è quasi raddoppiata in 30 anni ed è pari ad una media di 522 kg per abitante all anno che significa 10 kg alla settimana.

Dettagli

COMPOSOLE - DIFFUSIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMPOSOLE - DIFFUSIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ALLEGATO/PROGETTI Le azioni previste dal Programma di prevenzione e riduzione della produzione dei rifiuti sono realizzate prioritariamente attraverso i seguenti PROGETTI dai soggetti indicati. PROGETTO/1

Dettagli

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 La gestione degli imballaggi è impostata su due cardini legislativi

Dettagli

OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI - ABRUZZO / NEWSLETTER SITO WEB - SEZIONE GESTIONE RIFIUTI E BONIFICHE

OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI - ABRUZZO / NEWSLETTER SITO WEB - SEZIONE GESTIONE RIFIUTI E BONIFICHE OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI - ABRUZZO / NEWSLETTER SITO WEB - SEZIONE GESTIONE RIFIUTI E BONIFICHE A cura di: ORR - Segreteria tecnico-ammistrativa Informazioni su news, eventi, corsi di formazione,

Dettagli

Ritardi cronici nella gestione integrata dei rifiuti e maggiori costi che ricadono sui cittadini

Ritardi cronici nella gestione integrata dei rifiuti e maggiori costi che ricadono sui cittadini Ambiente. Ritardi cronici nella gestione integrata dei rifiuti e maggiori costi che ricadono sui cittadini Raccolta differenziata: il ministro vuole stangare i Comuni non virtuosi Qualsiasi sostanza od

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU26 27/06/2013

REGIONE PIEMONTE BU26 27/06/2013 REGIONE PIEMONTE BU26 27/06/2013 Codice DB1014 D.D. 8 maggio 2013, n. 264 Approvazione dello schema di accordo relativo alla condivisione di informazioni ambientali in materia rifiuti tra Regione Piemonte

Dettagli

PROGETTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE ECOCOMPATIBILE DI SAGRE, FESTE ED EVENTI

PROGETTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE ECOCOMPATIBILE DI SAGRE, FESTE ED EVENTI PROGETTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE ECOCOMPATIBILE DI SAGRE, FESTE ED EVENTI Promosso da Con il Contributo di Con il Patrocinio della L Ente di Bacino VR4 L Ente di Bacino VR4 intende incentivare

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI. Nozioni

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI. Nozioni EcoCentro Lombardia Scheda Tecnica di Approfondimento Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI Nozioni Il Decreto legislativo n. 152/2006, Norme in materia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE AMBIENTALE DELLE INIZIATIVE DI SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA E DELLE SAGRE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE AMBIENTALE DELLE INIZIATIVE DI SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA E DELLE SAGRE 0 SETTORE PROMOZIONE DEL TERRITORIO E DELL IMPRESA U.O. S.U.A.P. REGOLAMENTO PER LA GESTIONE AMBIENTALE DELLE INIZIATIVE DI SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA E DELLE SAGRE Approvato con delibera Consiglio Comunale

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2012 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Giugno 2013 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI -

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: DETERSIVI SELF SERVICE Promotore/i: REGIONE PIEMONTE, Direzione Ambiente, Settore Programmazione

Dettagli

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Azione 4 Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Protocollo d intesa (Memorandum of Understanding) Comune di Reggio Emilia LIFE10 ENV/IT/307 NO.WA No Waste PROTOCOLLO

Dettagli

Il riciclo e il recupero

Il riciclo e il recupero 22 Rapporto di sostenibilità Conai 213 Il riciclo e il recupero Conai si fa carico del conseguimento degli obiettivi fissati dalla normativa europea e nazionale in materia di gestione ambientale dei rifiuti

Dettagli

QUALITA AMBIENTALE DI ORGANIZZAZIONI, IMPRESE E PRODOTTI

QUALITA AMBIENTALE DI ORGANIZZAZIONI, IMPRESE E PRODOTTI QUALITA DI ORGANIZZAZIONI, IMPRESE E PRODOTTI OBIETTIVI INDICATORI Descrivere l evoluzione della sensibilità ambientale delle organizzazioni e delle imprese e la trasparenza nella comunicazione con il

Dettagli

CONCORSO A PREMI PER I MIGLIORI PROGETTI DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI E DI RACCOLTA DIFFERENZIATA VENERDI 22 GIUGNO 2012

CONCORSO A PREMI PER I MIGLIORI PROGETTI DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI E DI RACCOLTA DIFFERENZIATA VENERDI 22 GIUGNO 2012 CONCORSO A PREMI PER I MIGLIORI PROGETTI DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI E DI RACCOLTA DIFFERENZIATA VENERDI 22 GIUGNO 2012 La gerarchia europea per la gestione dei rifiuti: 1. prevenzione 2. preparazione per

Dettagli

ECO-CONCORSO QUESTIONE DI STILE Relazione conclusiva

ECO-CONCORSO QUESTIONE DI STILE Relazione conclusiva ECO-CONCORSO QUESTIONE DI STILE Relazione conclusiva La campagna, la mostra, la festa, l eco questionario Lo scorso marzo Comune AcegasAps e Legambiente hanno lanciato una nuova campagna di sensibilizzazione

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2012 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Giugno 2013 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI -

Dettagli

Progetto di regolamento comunale. Ecofeste

Progetto di regolamento comunale. Ecofeste Progetto di regolamento comunale Ecofeste Comune di Mezzago per una gestione eco-compatibile delle feste e sagre Feste e sagre sono diventate nel tempo una tradizione consolidata del nostro comune, che

Dettagli

GREEN PUBLIC PROCUREMENT QUALE STRUMENTO DI PROMOZIONE DEL MERCATO DEI PRODOTTI DA RECUPERO E RICICLO Silvano Falocco

GREEN PUBLIC PROCUREMENT QUALE STRUMENTO DI PROMOZIONE DEL MERCATO DEI PRODOTTI DA RECUPERO E RICICLO Silvano Falocco GREEN PUBLIC PROCUREMENT QUALE STRUMENTO DI PROMOZIONE DEL MERCATO DEI PRODOTTI DA RECUPERO E RICICLO Silvano Falocco Il GPP (Green Public Procurement o Acquisti verdi della Pubblica Amministrazione),

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: MERCATINO FRANCHISING S.r.l. Verona Promotore/i: Ente gestore/società Mercatino Franchising

Dettagli

L ATTUALE CONTESTO NORMATIVO REGIONALE - B.U.R. Calabria n. 20 del 31 ottobre 2007

L ATTUALE CONTESTO NORMATIVO REGIONALE - B.U.R. Calabria n. 20 del 31 ottobre 2007 L ATTUALE CONTESTO NORMATIVO REGIONALE - B.U.R. Calabria n. 20 del 31 ottobre 2007 Ai sensi dell art. 196 del D.lgs.152, sono di competenza della Regione: la predisposizione, l adozione e l aggiornamento

Dettagli

Smaltimento e riciclaggio dei rifiuti

Smaltimento e riciclaggio dei rifiuti Smaltimento e riciclaggio dei rifiuti "Dove portino ogni giorno il loro carico gli spazzaturai nessuno se lo chiede: fuori della città, certo; ma ogni anno la città s espande, e gli immondezzai devono

Dettagli

Differenziata e per l introduzione l raccolta dell organico per le utenze condominiali AMSA. MSA S.p.A FEBBRAIO 2012

Differenziata e per l introduzione l raccolta dell organico per le utenze condominiali AMSA. MSA S.p.A FEBBRAIO 2012 Piano per l incremento l della Raccolta Differenziata e per l introduzione l della raccolta dell organico per le utenze condominiali AMSA MSA S.p.A FEBBRAIO 2012 1 Raccolta differenziata dell organico

Dettagli

CAMPAGNA PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI E LA PROMOZIONE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA

CAMPAGNA PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI E LA PROMOZIONE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA CAMPAGNA PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI E LA PROMOZIONE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI FINANZIARI A FAVORE DI ASSOCIAZIONI PER L ORGANIZZAZIONE DI ECOFESTE OVVERO SAGRE

Dettagli

Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI

Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI Roberto Magnaghi Responsabile Area Tecnica Treviso, 25 novembre 2010 1 Chi siamo L attività di prevenzione e CONAI Il Dossier

Dettagli

AUDIZIONE VIII COMMISSIONE della Camera dei Deputati del 3 giugno 2014 POSITION PAPER ASSOBIOPLASTICHE SULL ART. 15

AUDIZIONE VIII COMMISSIONE della Camera dei Deputati del 3 giugno 2014 POSITION PAPER ASSOBIOPLASTICHE SULL ART. 15 Disegno di legge C. 2093 "Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell'uso eccessivo di risorse naturali (collegato alla legge di stabilità 2014)"

Dettagli

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Edo Ronchi Fondazione per lo sviluppo sostenibile Sponsor Le modifiche alle Direttive sui rifiuti del pacchetto sull economia circolare La Direttiva

Dettagli

RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008

RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008 RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008 Quadro economico Ricavi e costi del Sistema Attività industriale Risultati di riciclo e recupero degli imballaggi Attività sul territorio Accordo

Dettagli

Le tre R in Coop: strategia ed esempi per la sostenibilità

Le tre R in Coop: strategia ed esempi per la sostenibilità Le tre R in Coop: strategia ed esempi per la sostenibilità Workshop MILANO 15 NOVEMBRE 2011 Valter Molinaro Coop Lombardia per l ambiente e la sostenibilità Il cittadino può determinare le dinamiche che

Dettagli

Servizi Comunali S.p.A.

Servizi Comunali S.p.A. Servizi Comunali S.p.A. In collaborazione con l Amministrazione l Comunale di Cavernago I rifiuti, una risorsa? Cavernago, 14 gennaio 2014 Raccolta differenziata perché farla? Valenza ecologica (rispetto

Dettagli

LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NEL CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA

LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NEL CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA CONSORZIO INTERCOMUNALE AUTORITA DI BACINO TV 2 LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NEL CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA Giugno 2008 Il Consorzio Intercomunale Priula nasce nel 1987 per volontà di 5 Comuni

Dettagli

Progetto di legge n. 83/9^

Progetto di legge n. 83/9^ Consiglio regionale della Calabria Seconda Commissione Progetto di legge n. 83/9^ Norme per il sostegno dei gruppi di acquisto solidale (GAS), dei gruppi organizzati per la domanda offerta, e la promozione

Dettagli

Il destino dei RIFIUTI

Il destino dei RIFIUTI Comune di Padova Settore Ambiente Il destino dei RIFIUTI Osservatorio Ambientale sull inceneritore DEFINIZIONI RIFIUTO: Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SAGRE FESTE ED ECOFESTE

REGOLAMENTO COMUNALE SAGRE FESTE ED ECOFESTE REGOLAMENTO COMUNALE SAGRE FESTE ED ECOFESTE INDICE 1. PRINCIPI E FINALITA GENERALI a. Principi fondativi e valori etici e culturali 2. OGGETTO DEL REGOLAMENTO ED AMBITO D APPLICAZIONE 3. DISPOSIZIONI

Dettagli

Torino, 11 marzo 2015. Andrea Camarlinghi, Veronica Bazzano Corintea soc. coop.

Torino, 11 marzo 2015. Andrea Camarlinghi, Veronica Bazzano Corintea soc. coop. Il coinvolgimento delle organizzazioni (amministrazioni e imprese) nelle politiche di prevenzione: la promozione del Green Public Procurement e la creazione di una rete di imprese amiche della riduzione

Dettagli

Art. 1 Premessa. Art. 2 Finalità

Art. 1 Premessa. Art. 2 Finalità BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE DI ASSOCIAZIONI PER L ORGANIZZAZIONE DI ECOFESTE: RIDUZIONE, RIUSO, RICICLO OVVERO SAGRE, FESTE PAESANE E MANIFESTAZIONI SPORTIVE CARATTERIZZATE DA AZIONI

Dettagli

Milano, 14 settembre 2011

Milano, 14 settembre 2011 1 LA NUOVA DISCIPLINA IN MATERIA DI RIFIUTI ALLA LUCE DEL D. LGS. 3 DICEMBRE 2010, N. 205 Milano, 14 settembre 2011 2 1. I principi della gestione dei rifiuti Precauzione e quindi tutela dell ambiente

Dettagli

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani.

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani. Stabilimenti balneari Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani. lo sapevate che: Per fare una tonnellata di carta ci vogliono 15 alberi, mentre per fare una tonnellata di carta riciclata neanche

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILITA Incremento Raccolta Differenziata ed introduzione raccolta organico per le utenze condominiali AMSA. MSA S.p.

STUDIO DI FATTIBILITA Incremento Raccolta Differenziata ed introduzione raccolta organico per le utenze condominiali AMSA. MSA S.p. STUDIO DI FATTIBILITA Incremento Raccolta Differenziata ed introduzione raccolta organico per le utenze condominiali AMSA MSA S.p.A 11 GENNAIO 2012 1 Premesse e obiettivi Il piano prevede la revisione

Dettagli

Giugno 2013 June 2013

Giugno 2013 June 2013 Azione 2 Monitoraggio dell efficacia del progetto Protocollo di monitoraggio del progetto e delle azioni e identificazione delle performance obiettivo Project s and Action s Monitoring Protocol and identification

Dettagli

LE NUOVE MODALITÀ DI GESTIONE DEI RIFIUTI IN VALLE D AOSTA

LE NUOVE MODALITÀ DI GESTIONE DEI RIFIUTI IN VALLE D AOSTA XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX LE NUOVE MODALITÀ DI GESTIONE DEI RIFIUTI IN VALLE D AOSTA Assessorat du Territoire et de l Environnement Assessorato Territorio e ambiente I NUOVI

Dettagli

L ORO DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO! Dr. Danilo Pulvirenti Chimico Consulente Ambientale Gruppo FB: Compostiamoci bene - Sicilia

L ORO DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO! Dr. Danilo Pulvirenti Chimico Consulente Ambientale Gruppo FB: Compostiamoci bene - Sicilia L ORO DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO! Dr. Danilo Pulvirenti Chimico Consulente Ambientale Gruppo FB: Compostiamoci bene - Sicilia EVOLUZIONE DELL UOMO UOMO TECNOLOGICUS! una civiltà lineare ENERGIA ENERGIA

Dettagli

Mario Santi (ass. PAYT Italia)

Mario Santi (ass. PAYT Italia) T Fare i conti con l'ambiente - Ravenna 2014 - Workshop Il PNPR a sette mesi dalla pubblicazione: che percorso verso l operatività Mario Santi (ass. PAYT Italia) Tariffa e prevenzione dei rifiuti 1. la

Dettagli

Ecoacquisti Trentino. Accordo fra la Provincia autonoma di Trento e la Distribuzione Organizzata per la riduzione dei rifiuti

Ecoacquisti Trentino. Accordo fra la Provincia autonoma di Trento e la Distribuzione Organizzata per la riduzione dei rifiuti Ecoacquisti Trentino Accordo fra la Provincia autonoma di Trento e la Distribuzione Organizzata per la riduzione dei rifiuti Sommario 1. Premesse 2. l Accordo Ecoacquisti 2003 3. l Accordo Ecoacquisti

Dettagli

TRA VISTI. - il D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale ;

TRA VISTI. - il D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale ; Accordo tra Regione Emilia-Romagna, ATERSIR e Centro di Coordinamento RAEE, per favorire il recupero e l incremento dei tassi di raccolta differenziata dei RAEE di origine domestica attraverso la sperimentazione

Dettagli

BUON FINE. Le buone pratiche COOP per il recupero delle eccedenze e contro lo spreco alimentare

BUON FINE. Le buone pratiche COOP per il recupero delle eccedenze e contro lo spreco alimentare BUON FINE Le buone pratiche COOP per il recupero delle eccedenze e contro lo spreco alimentare Valter Molinaro Responsabile Innovazione e gestione servizi ECCEDENZE/SPRECO DI CIBO Ogni anno la quantità

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006 7. RIFIUTI 7.1. Inquadramento Il rapido sviluppo industriale ed il miglioramento delle condizioni economiche hanno comportato negli ultimi decenni un aumento sempre maggiore dei consumi e della conseguente

Dettagli

11/11/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 90. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori

11/11/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 90. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 28 ottobre 2014, n. 720 D.Lgs. 152/2006 e s.m.i L.R. 27/98 e s.m.i. Approvazione delle "Linee guida per la redazione del Programma

Dettagli

COMUNE DI PALENA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ANNO 2014.

COMUNE DI PALENA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ANNO 2014. COMUNE DI PALENA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ANNO 2014. Gentili cittadini, come evidenziato lo scorso anno con nota informativa di pari oggetto, il 2013 è stato il primo anno in cui

Dettagli

Gestione degli imballaggi

Gestione degli imballaggi Gestione degli imballaggi Attività di gestione dei rifiuti di imballaggio; obiettivi; obblighi dei produttori e degli importatori; raccolta differenziata e obblighi della pubblica amministrazione; organizzazione

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Progetto per l organizzazione e la gestione ecocompatibile di sagre, feste ed eventi

Progetto per l organizzazione e la gestione ecocompatibile di sagre, feste ed eventi Progetto per l organizzazione e la gestione ecocompatibile di sagre, feste ed eventi REGOLAMENTO PER I COMUNI/ORGANIZZATORI ADERENTI ALL INIZIATIVA 1. Principi e Finalità generali Il Consorzio per lo Sviluppo

Dettagli

Dal Porta a Porta alla Tariffa Puntuale

Dal Porta a Porta alla Tariffa Puntuale Dal Porta a Porta alla Tariffa Puntuale L'esperienza di ASCIT SpA a cura di Alessandro Bianchi ASCIT SpA ASCIT Servizi Ambientali SpA azienda pubblica il cui capitale sociale é interamente detenuto dai

Dettagli

PROGETTO NOW NO MORE ORGANIC WASTE

PROGETTO NOW NO MORE ORGANIC WASTE Con il contributo dello strumento finanziario LIFE dell Unione Europea PROGETTO NOW NO MORE ORGANIC WASTE LAYMAN S REPORT Capofila Project Coordinator Anna Brescianini Tel. 030 3690311 brescianini.anna@cauto.it

Dettagli

LE NUOVE MODALITà DI GESTIONE DEI RIFIUTI IN VALLE D AOSTA

LE NUOVE MODALITà DI GESTIONE DEI RIFIUTI IN VALLE D AOSTA XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX LE NUOVE MODALITà DI GESTIONE DEI RIFIUTI IN VALLE D AOSTA Assessorat du Territoire et de l Environnement Assessorato Territorio e ambiente i nuovi

Dettagli

Provincia di Cremona

Provincia di Cremona Settore Ambiente ed Ecologia Rapporto annuale sulla produzione di rifiuti urbani e raccolta differenziata in provincia di Cremona - Anno 2003 - A cura dell Cremona Giugno 2004 PREMESSA Giunta al decimo

Dettagli

TAVOLA ROTONDA. Prevenzione dei rifiuti con la GDO. Dott.ssa Francesca DAMIANI. Regione Marche Progetto Zerowaste Pro. Siracusa, 18 Settembre 2014

TAVOLA ROTONDA. Prevenzione dei rifiuti con la GDO. Dott.ssa Francesca DAMIANI. Regione Marche Progetto Zerowaste Pro. Siracusa, 18 Settembre 2014 TAVOLA ROTONDA Prevenzione dei rifiuti con la GDO Dott.ssa Francesca DAMIANI Regione Marche Progetto Zerowaste Pro Siracusa, 18 Settembre 2014 1- LA NORMATIVA DELLA REGIONE MARCHE ; La L.R. 24/2009 e s.s.

Dettagli

Attività di prevenzione della produzione rifiuti: l esperienza dell ex ATO 2 Lucca

Attività di prevenzione della produzione rifiuti: l esperienza dell ex ATO 2 Lucca Attività di prevenzione della produzione rifiuti: l esperienza dell ex ATO 2 Lucca Arpat - Regione Toscana Consumo sostenibile? Facciamolo Terra Futura - sabato 30 maggio 2009 Dr. Roberto Nieri - Contenuti

Dettagli

Il rifiuto a valle delle raccolte differenziate: questo sconosciuto. Lo smaltimento del RUR e le alternative possibili

Il rifiuto a valle delle raccolte differenziate: questo sconosciuto. Lo smaltimento del RUR e le alternative possibili Il rifiuto a valle delle raccolte differenziate: questo sconosciuto Lo smaltimento del RUR e le alternative possibili R Come si arriva a chiudere il ciclo minimizzando incenerimento e discarica: raccolte

Dettagli

Il giorno 26 Gennaio dell'anno 2010, presso la Regione Toscana sono presenti,

Il giorno 26 Gennaio dell'anno 2010, presso la Regione Toscana sono presenti, PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, REVET S.p.A E COREPLA PER IL MIGLIORAMENTO E L INCREMENTO DEL RICICLAGGIO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGI MISTI IN PLASTICA Il giorno 26 Gennaio dell'anno 2010, presso

Dettagli

Il ruolo di A2A nella prevenzione dei rifiuti

Il ruolo di A2A nella prevenzione dei rifiuti Il ruolo di A2A nella prevenzione dei rifiuti Fulvio Roncari, Aprica Milano Piazza Città di Lombardia, 1 Giovedì 15 novembre 2011 Corretta strategia di sostenibilità nella gestione dei rifiuti SCHEMA A

Dettagli

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA MONITORAGGIO SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI E SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DESTINATA AL RICICLAGGIO Per poter premiare le situazioni più virtuose nella gestione

Dettagli

Piano d Ambito. Lo sviluppo del sistema impiantistico di gestione dei rifiuti urbani nella provincia di Reggio Emilia

Piano d Ambito. Lo sviluppo del sistema impiantistico di gestione dei rifiuti urbani nella provincia di Reggio Emilia Piano d Ambito nuove strategie per la riduzione ed il recupero dei rifiuti Lo sviluppo del sistema impiantistico di gestione dei rifiuti urbani nella provincia di Reggio Emilia Febbraio 2013 1 - Prevenire

Dettagli

Regolamento Comunale per la gestione ecosostenibile di eventi gastronomici e di intrattenimento

Regolamento Comunale per la gestione ecosostenibile di eventi gastronomici e di intrattenimento Regolamento Comunale per la gestione ecosostenibile di eventi gastronomici e di intrattenimento Approvato con atto del Consiglio Comunale n. 13 del 21 febbraio 2013 I N D I C E Art. 1 - Finalità Art. 2

Dettagli

CONTARINA SPA Il modello virtuoso di raccolta porta a porta a tariffa puntuale

CONTARINA SPA Il modello virtuoso di raccolta porta a porta a tariffa puntuale CONTARINA SPA Il modello virtuoso di raccolta porta a porta a tariffa puntuale Pietro Piva, Responsabile Divisione Commerciale Perugia, 5 Febbraio 2016 1. Chi siamo 2. Le caratteristiche del modello Contarina

Dettagli

produzione raccolta differenziata dei rifiuti urbani 317

produzione raccolta differenziata dei rifiuti urbani 317 4. RIFIUTI 315 316 I dati relativi alla produzione ed alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani vengono rilevati da ISPRA mediante la predisposizione e l invio di appositi questionari alle Sezioni

Dettagli

Gli imballaggi e i rifiuti di imballaggio

Gli imballaggi e i rifiuti di imballaggio Gli imballaggi e i rifiuti di imballaggio Gli imballaggi hanno molteplici funzioni quali quelle di contenere, proteggere, trasportare, garantire sicurezza igienica e informazione al consumatore e pertanto

Dettagli