Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia"

Transcript

1 Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia Il disciplinare della rete Enogastronomia marzo 2004

2 A. Le premesse L Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Palermo ha avviato nel dicembre 2003 un percorso di valorizzazione di un nuovo prodotto turistico: l enogastronomia. L obiettivo che l AAPIT si è posta è quello di definire, insieme alle imprese, proposte operative legate all enogastronomia, sotto forma di club di prodotto, in grado di generare una nuova domanda turistica, diversificando e destagionalizzando i flussi attuali. L enogastronomia, oltre ad essere un business in sé, si presta particolarmente ad essere un elemento che qualifica l immagine del territorio e delle imprese che ne fanno parte, ed è un prodotto turistico che si sta fortemente imponendo sul mercato delle vacanze. A tal fine l AAPIT ha realizzato: un percorso di condivisione con le imprese attraverso apposti seminari incontri e convegni 1 ; un percorso di condivisione con gli assessorati al turismo e all agricoltura, con le altre istituzioni locali (PIT), con le associazioni di categoria; un analisi delle tendenze dell offerta, un analisi della domanda turistica 2 ed una pubblicazione sui club di prodotto 3. L analisi dell offerta, ha messo in evidenza la ricchezza della provincia in fatto di prodotti, ristoranti, cantine, oltre alla nota consistenza ricettiva (agriturismi, alberghi, bed and breakfast) mentre il percorso di condivisione con soggetti pubblici e privati che hanno una attinenza con i temi dell enogastronomia ha confermato il loro desiderio di lavorare alla costruzione di nuovi prodotti e di collaborare con l AAPIT e tra imprese in modo tale da arrivare alla costruzione di veri e propri club di prodotto. Associazioni di categoria come Fiavet e Agriturist, Assessorati all agricoltura e al turismo regionali e provinciali, ma anche istituti come quello Vite e Vino, nonché singole imprese hanno dato la loro massima disponibilità. Dal canto suo l AAPIT mette in campo tutti i suoi uffici e settori in modo da poter chiudere il cerchio attraverso azioni di sostegno alle future proposte turistiche legate all enogastronomia, da un punto di vista della promozione, della comunicazione e dell assistenza tecnica. Sul fronte della domanda si vuole invece mettere in evidenza come la vacanza enogastronomica rappresenti ancora una nicchia, un privilegio di pochi, mentre l enogastronomia in vacanza costituisca un arricchimento per tutti i prodotti turistici, apprezzato e voluto dalla quasi totalità dei turisti 4. B. Enogastronomia e marca Sicilia: un binomio che favorisce la valorizzazione delle identità della provincia di Palermo L enogastronomia in Sicilia e in provincia di Palermo ha una connotazione assai particolare, più che un unico prodotto turistico, un itinerario, o un singolo pacchetto turistico, è la riproposizione di un modello culturale originale e unico fortemente radicato e rappresentativo del territorio. Il territorio della provincia di Palermo come quintessenza simbolica della Sicilia e vessillo della sicilianità. L enogastronomia è uno dei pilastri dell identità della provincia di Palermo poiché in essa si trasferiscono modi di essere, caratteristiche del territorio, tecniche produttive, espressioni della vita economica e sociale. Sarebbe perciò riduttivo pensare che l enogastronomia, come prodotto turistico, possa fare perno solo sull albergo, sulla ricettività, e si capisce invece come sia necessario che essa ricomprenda e colleghi tutte le risorse che in via diretta o indiretta, intervengono a definire l identità della provincia, attraverso l utilizzo di tutti gli elementi che compongono il sistema ospitale locale. 1 Ciclo di Incontri tecnici nell ambito del progetto Costruire il sistema ospitale, e per ultimo un convegno Vincere la sfida del nuovo turismo con i club di prodotto, AAPIT Palermo e SL&A, Progettazione e realizzazione di una indagine statistica sulla domanda turistica in provincia di Palermo, AAPIT Palermo e SL&A, Costruire il sistema ospitale, I Club di Prodotto: una modalità vincente, AAPIT Palermo SL&A, Si veda anche l Osservatorio Turistico Regionale dell Umbria, Sviluppumbria-SL&A, 2003

3 Il concetto di identità e delle sue relazioni con il territorio e con le imprese che ne fanno parte, trova un eco anche nella nuova programmazione strategica che la Provincia di Palermo sta adottando in materia urbanistica. Il nuovo Piano Territoriale Provinciale ha infatti messo al centro delle sue strategie la valorizzazione delle identità locali come matrice del governo delle trasformazioni del territorio, attraverso la comunicazione del significato del patrimonio territoriale e di tutte le sue peculiarità, in vista di una partecipazione della popolazione e delle imprese allo sviluppo del territorio 5. La provincia di Palermo tra l altro può vantare una vera e propria leadership in termini di notorietà di marca, legata all immaginario che i turisti hanno della sicilianità : la storia, i paesaggi, le tradizioni, qui molto più che altrove in Italia, rappresentano un vero e proprio fattore di attrazione turistica. L importanza che il turista dà al territorio come portavoce delle tradizioni locali, la voglia di vacanze autentiche in luoghi unici, la ricerca di sapori particolari, fa da perfetta cornice a questo scenario. Probabilmente mai come ora le esigenze della domanda turistica (e non solo turistica), sono tanto vicine all offerta enogastronomica fatta di tipicità, di autenticità e di tutto ciò che sfugge alla omologazione 6. Per cogliere in maniera proficua questa concentrazione di interessi in fatto di valorizzazione dell identità, e questo favorevole momento di reciprocità tra ciò che il turista richiede e ciò che il territorio offre, si devono definire proposte operative, pacchetti turistici basati su elementi prevalentemente emozionali, che sono più forti se chi vi lavora li saprà riconoscere, fare propri e raccontare. Si dovranno perciò rendere visibili quella serie di fattori che non sono tangibili ma che il turista ritiene indispensabili in una vacanza legata all enogastronomia, una vacanza in cui il consumatore acquista il prodotto o il servizio non solo per le caratteristiche materiali ma per le esperienze emozionali legate all atto di acquisto e di fruizione 7. E da questo punto di vista la provincia di Palermo si trova in una posizione certamente molto favorita, rispetto ai tanti concorrenti. C. Quattro vie per la specializzazione di prodotti turistici di successo Per capire questa nuova tendenza turistica, per capire il turista enogastronomico, è necessario riagganciarsi ai mutamenti che sono avvenuti negli stili di consumo anche a casa riassumibili in un attenzione sempre maggiore verso la genuinità. Un attenzione che trova nei prodotti tipici, locali, biologici, certificati, un appagamento totale, esclusivo e privilegiato. Ma è anche necessario introdurre il concetto secondo il quale, agli occhi dei consumatori-turisti il prodotto è davvero tipico, cioè legato ad un particolare territorio, quando è possibile dedurre in modo chiaro ed inequivocabile il luogo da cui proviene, (indipendentemente dalla sua certificazione che spesso non è nota ai turisti): il culatello di Zibello, i pomodori di Pachino, il lardo di Colonnata. Il tipico entra così nella descrizione che i turisti fanno di un luogo, ricordando prodotti ma anche trattorie e ristoranti, tradizioni, modi di fare e di parlare, paesaggi. Il legame tra prodotto e territorio diventa così indissolubile, e da un punto di vista turistico può essere esplicato attraverso quattro chiavi di lettura: 1 il prodotto tipico, il ristorante, il vino, i personaggi, se già fanno parte dell immaginario dei turisti, diventano una sorta di ambasciatore della bontà del territorio e della sua marca, amplificandone l immagine e la notorietà. E il caso del vini, il Brunello ad esempio, per la Toscana o dello chef Nino Graziano per la Sicilia. 2 I territori fanno perno sui prodotti tipici (nel caso in cui vi sia una certa massa critica) e più in generale sull enogastronomia, come un arricchimento dei prodotti turistici tradizionali, una sorta di valore 5 Ptp di Palermo: dall interpretazione delle identità alle strategie, in Rivista di Urbanistica, Maurizio Carta, Professore associato di Urbanistica, Facoltà di architettura di Palermo,, Convegno dal titolo Il territorio rurale: un valore per lo sviluppo locale, Provincia di Rimini, La Marca Italia, Stefano Landi, 2003, edizioni Touring University Press

4 aggiunto legato più alle emozioni che alle prestazioni che un luogo può offrire. Si viaggia per lavoro e si porta a casa un certo vino, si pratica uno sport e si compra un certo formaggio, si visita la città d arte e si sceglie la trattoria tipica, il luogo inconsueto (la Vucciria), si va in campagna e si fa un corso di cucina, si partecipa ad un evento e si acquista quel tipo di cannolo siciliano che solo lì si può trovare. 3 I territori che possono vantare una immagine di naturalità e genuinità, di verde e di natura, possono ben trasferire questi valori anche nei loro prodotti esaltando quel concetto di genuinità tanto ricercato dai consumatori/turisti. Si tratta quindi di quei territori che più contrastano con l idea di città/inquinamento, in cui è evidente l accerchiamento delle campagne nei confronti delle città e non l espansione delle città nelle campagne. E il caso dell Alto Adige con lo slogan buoni per natura. 4 Infine, ed estremizzando, l enogastronomia che caratterizza un luogo, una provincia, può diventare un traino dell economia turistica se tra i vari elementi che la contraddistinguono ve ne sono alcuni di così rari (il ristorante d eccellenza) e/o non riproducibili che obbligano chiunque a recarsi in quel luogo e solo lì. Si tratta di prodotti molto di nicchia a produzione e distribuzione necessariamente molto limitata. D. Enogastronomia in provincia di Palermo Enogastronomia è quindi un insieme di elementi che rappresentano l identità della Sicilia e della Provincia di Palermo così come risulta dall immaginario dei turisti, più che un insieme di servizi che rispondono alle esigenze di un turista specifico. L attrazione dell enogastronomia è nell insieme di questi elementi che se messi insieme possono diventare singole proposte di vacanza, assumendo la forma di club di prodotto. Serve quindi creare una rete in cui le imprese e i territori si riconoscano, che sia in grado di rappresentare verso l esterno la soddisfazione della domanda di vacanza che si rivolge alla provincia, attraverso una serie di parametri della qualità, in modo da garantire alle imprese il vantaggio competitivo di essere in provincia di Palermo, e specificare il corretto e coerente utilizzo delle risorse. Parametri di qualità che vanno al di là del sistema tradizionale di vincoli (fatto di norme e certificazione), ma investono un insieme di valori (dalla autenticità, alla integrazione tra settori) che riguardano l intero sistema ospitale, e che dovranno diventare il principio ispiratore di tutti coloro (territori e imprese) che vorranno partecipare alla rete dell enogastronomia in provincia di Palermo. E. Dalla rete ai prodotti turistici: le condizioni per creare club di prodotto di successo Il successo della rete dell enogastronomia e dei prodotti turistici che ne derivano dipende da alcuni fattori : - la capacità di distinguersi dagli altri soggetti e dai territori che offrono prodotti turistici enogastronomici, attraverso il rafforzamento dell identità provinciale e la valorizzazione di tutti gli elementi che la compongono; - la capacità di fare fruttare la rete. Fare rete permette ai singoli aderenti di elevare in modo continuo gli standard qualitativi, di fare economie di scala, di incrementare i rapporti di collaborazione utili per tutte le imprese, specie nel campo del marketing, della formazione specialistica, dell'accesso ai finanziamenti, oltre che di rafforzare e qualificare l immagine del territorio; - la capacità di creare condivisione, ai diversi livelli dell agire turistico dalla programmazione agli operatori vecchi e nuovi del territorio, e mantenerla nel tempo attraverso la coerenza e la continuità nei comportamenti, nella ricerca continua del miglioramento del sistema. - la capacità di utilizzare gli aderenti alla rete in maniera sempre nuova, anticipando le tendenze del mercato. La rete si presenta come un insieme di punti, un contenitore di singoli, che a seconda delle sollecitazioni del mercato si uniscono per presentare proposte turistiche con temi sempre diversi, a seconda del target che si vuole colpire: week-end all insegna della degustazione, corsi di cucina, agriturismi di qualità, agriturismo biologici, il rito del raccolto, feste ed eventi, le stagioni, il mare in tavola, itinerari tra bed and breakfast e pasticcerie, sport e alimentazione e moltissimo altro ancora.

5 Ognuna di queste sollecitazioni può diventare un occasione per aggregare intorno ad un tema, operatori turistici che condividono lo stesso target e gli stessi mercati. La rete dell enogastronomia sarà così composta da una serie di club di prodotto che si autoregoleranno attraverso disciplinari specifici, decisi e condivisi dalle stesse imprese che compongono il club di prodotto prescelto. In questo modo una singola impresa (turistica e/o dei servizi) dovrà in primo luogo essere coerente con i principi che definiscono la rete dell enogastronomia, acquisendo il diritto di partecipare alle azioni di promozione che la sosterranno. Su questa base potrà poi decidere in maniera autonoma, coerentemente ai propri obiettivi e peculiarità, di appartenere a uno o più club di prodotto, seguendone le regole, copartecipando così a più azioni di promozione e commercializzazione. F. Come nasce il disciplinare della rete dell enogastronomia I meccanismi di funzionamento di una rete tra imprese turistiche sono in genere definiti attraverso un disciplinare. Questo rappresenta una sorta di patto tra i produttori, che sono vincolati dalle stesse responsabilità, e tra questi e il consumatore, che si sente garantito sulla qualità dell offerta. In questo caso non si tratta di un rigido sistema di regole, ma al contrario di una declinazione di princìpi, a cui dovranno attenersi tutti i soggetti che vorranno far parte della rete dell enogastronomia. Questi principi hanno l obiettivo di ricercare, descrivere e valorizzare proprio gli elementi che possano dare un valore aggiunto in termini competitivi. La caratteristica principale del disciplinare è quella di essere fortemente declinato sugli elementi di identità locale, in maniera tale che gustare la provincia di Palermo sia una proposta unica e non riproducibile in altri contesti, in grado quindi di garantire un effettivo vantaggio competitivo rispetto alla moltitudine di proposte già presenti sul mercato. La rete dell enogastronomia palermitana si presenta non tanto come una somma di eccellenze (il prodotto tipico doc, il ristorante quotato, l agriturismo di lusso), quanto come un insieme di soggetti uniti da uno stesso scopo, quello di soddisfare, attraverso una gamma di offerte specializzate, le esigenze di una domanda di enogastronomia in provincia di Palermo. E anche per questo che la rete dell enogastronomia è una rete aperta, che pur partendo da un numero limitato di soggetti è disponibile ad accoglierne sempre di nuovi, se risultano coerenti con i principi che la regolano. Altra caratteristica del disciplinare sarà quella di una visione integrata, che coinvolge i soggetti che operano sia nell ambito dell offerta turistica di base che in quello dei servizi secondari, che rappresentano un sostegno importante nell esperienza vissuta dai turisti: - aziende agricole, agrituristiche e vitivinicole singole o associate; - aziende di produzione, trasformazione di prodotti tipici del territorio; - imprese turistiche ricettive alberghiere ed extra-alberghiere, in particolare agriturismi e ricettività diffusa; - agenzie incoming e tour operator; - imprese artigiane e commerciali direttamente o indirettamente collegate ai prodotti tipici del territorio, inclusi ristoranti, bar, i venditori di strada, pasticcerie; - enti locali, loro consorzi, associazioni di promozione territoriale (pro loco, legambiente, comunità montane, PIT, ecc.); - associazioni, cooperative, scuole alberghiere, aventi per finalità la promozione e la valorizzazione dell enogastronomia (accademia del Gusto, club dei buongustai); - consorzi di tutela dei prodotti tipici; - guide territoriali e loro associazioni; - aziende di servizi complementari a quello turistico (trasporti in primis); - editoria specializzata, giornalisti di settore; - grande distribuzione, reti di vendita specializzate (enoteche, negozi biologici, tipici, ecc); - altre aziende aventi interesse alla realizzazione del club di prodotto.

6 I PRINCIPI Il presente Disciplinare riporta quei principi che dovranno caratterizzare e permeare la rete enogastronomia della Provincia di Palermo, introducendo anche alcune esemplificazioni (riportate in corsivo) relativamente alle azioni che le imprese aderenti potranno intraprendere per l applicazione dei principi stessi. 1. Autenticità: pilastro di tutti i principi Il territorio della Provincia di Palermo nel corso degli anni è riuscito a conservare, in chiave moderna, le proprie tradizioni, e a valorizzare molti di quegli elementi di identità siciliana che sono riconosciuti ed apprezzati oggi in tutto il mondo. Un territorio per molti versi ancora autentico, di cui oggi l enogastronomia rappresenta, meglio di altri settori, uno dei mezzi di comunicazione più efficaci. Autenticità, che nell ampiezza del suo significato, si posiziona come elemento centrale della nuova offerta enogastronomica, rivolta ad un domanda che richiede valori sempre più veri e spontanei ed è alla ricerca di territori ancora sconosciuti. L enogastronomia palermitana, insieme ad una tradizione culinaria famosa per ricchezza, varietà e qualità, rappresenta un patrimonio culturale ed economico che concorre significativamente al successo della marca Sicilia nel mondo. La rete dell enogastronomia si propone di valorizzare non solo l autenticità dei prodotti e della cucina, ma anche delle atmosfere, dei modi di vivere e dei territori che possano ben rappresentare e definire uno stile, siciliano e palermitano insieme. Non esiste un concetto assoluto di autenticità o una descrizione dell autenticità a priori. Essa dovrà essere declinata a seconda delle proposte turistiche che scaturiranno dalla rete. L autenticità assumerà espressioni e significati diversi in base al fatto che si parli di vino o di sagre, di biologico o di cucina. 2. Creare emozioni: il valore del racconto L autenticità non è però un valore che si auto-comunica. I prodotti e le produzioni devono essere rappresentate, raccontate, devono essere in grado di dare emozioni, di suscitare al turista sensazioni ed esperienze uniche. Quando un turista compra un prodotto, entra in un ristorante, visita un azienda di produzione o una cantina, non sta solo acquistando ma vivendo una esperienza, riempie di senso la sua vacanza. Il valore aggiunto del club di prodotto risiede nella capacità di esaltare l aspetto emozionale. In ogni momento il turista deve poter sentisi coinvolto in un microclima di familiarità, deve poter respirare la sicilianità della provincia. Le risorse umane in questo contesto, assumono un ruolo di rilievo, dal cameriere, alla guida, a chi lavora nelle aziende agricole, tutti devono essere in grado di rispondere alle domande del turista, devono essere disponibili a raccontare, a spiegare, a creare un rapporto emozionale con l ospite. L accurata descrizione dei processi di produzione non serve solo come arricchimento dell offerta, ma per far vivere all ospite tradizioni ed usi. Un racconto fatto non solo di parole, ma anche di gesti e partecipazione, con la possibilità di coinvolgere l ospite anche in prima persona. Da questo punto di vista la formazione degli addetti e la presa di coscienza del proprio patrimonio culturale è di fondamentale importanza, nessuno può spiegare valori identitari, se lui stesso non li ritiene tali, nessuno può parlare di prodotti se non conosce chi li produce, il territorio che li esprime. La conoscenza degli operatori della ricettività, dei ristoratori dovrebbe essere incentivata ad esempio attraverso visite alle aziende di produzione. Il coinvolgimento dell ospite invece potrebbe avvenire attraverso corsi di cucina, oppure organizzando un esperienza di vita in azienda. Inoltre le strutture ricettive dovrebbero avere la possibilità di mettere a disposizione dell ospite materiali informativi dei prodotti e dei loro luoghi di provenienza, in modo accattivante, attraverso storie, fotografie, testimonial, leggende, narrazioni, performances.

7 3. Unicità e tipicità: elementi indispensabili per la competitività del prodotto enogastronomico Le proposte enogastronomiche sono strutturate in maniera tale da offrire ai clienti siciliani, italiani e non, il piacere della scoperta del loro patrimonio, della loro ospitalità e della loro arte di vivere. La valorizzazione piena e continua dell identità culturale, applicata al prodotto turistico, costituisce uno dei vantaggi competitivi maggiori nel mercato, nella clientela si rafforza sempre più l esigenza di proposte personalizzate, vicine ai propri valori, connotate da elementi di rarità se non di unicità. Tutto il territorio attraverso le sue numerose aziende diviene portatore primario di questa principi nei confronti dell ospite, attraverso la professionalità delle risorse umane, la fruibilità dei beni e la loro integrazione. Il consumatore/turista deve venire a conoscenza della tipicità e dell unicità di ciò che si appresta a consumare o ad acquistare, per cui diventa necessaria la tracciabilità dei prodotti anche attraverso l'etichettatura o il packaging La tipicità dovrebbe essere esaltata, oltre che nei prodotti, anche nei servizi. Gli elementi architettonici e di arredo delle strutture ricettive, dei ristoranti e delle trattorie, delle aziende agricole. Menù a tema, visite guidate in ambienti ad alto valore di tipicità, uso del dialetto, valorizzazioni di feste e sagre contribuiscono ad esaltare il valore della tipicità. 4. Identità, appartenenza e integrazione al sistema territoriale dell enogastronomia L identità del territorio provinciale, e quella di tutta la Sicilia, è molto marcata. Quest aspetto della cultura è quello che, insieme ad altri, contribuisce al concetto della sicilianità, che è una della motivazioni che spingono il turista alla scoperta dell isola. L ospite che è attratto dagli elementi dell enogastronomia, vuole penetrare questa cultura, vuole, per il breve periodo di una vacanza, sentirsi palermitano. Il club servirà a consentire all ospite di sentirsi integrato e appartenente a una cultura ricca di storia e tradizioni. Ma integrazione ed appartenenza sono due principi che gli operatori devono condividere oltre che con il turista anche tra di loro stessi. Unire le forze delle imprese che appartengono a settori diversi, nella rete dell enogastronomia, dovrà essere una costante del comportamento aziendale, in modo da far fruire all ospite non un solo pezzo ma l intero sistema ospitale. L integrazione può avvenire inoltre anche tra territori diversi. Gli attori della rete pongono in primo piano il territorio e le sue caratteristiche come elementi di distinzione e riconoscibilità. La Provincia di Palermo gode di un territorio vario, mare, valli, montagne, Integrazione significa allora anche possibilità di unire in una proposta turistica aspetti territoriali, aree geografiche che, se anche sono diverse per caratteristiche turistiche, mettono in primo piano uno stesso concetto di enogastronomia Le azioni che meglio supportano l integrazione, sono rappresentate dalla possibilità di utilizzare la rete come un momento di confronto e di scambio continuo tra operatori, un luogo anche fisico in cui si condivide la necessità di raggiungere obiettivi comuni, e di creare proposte turistiche sempre nuove. 5. Territorio ed ambiente come risposta alle aspettative del cliente e come garanzia di riproducibilità delle risorse La rete dell enogastronomia è figlia dell ambiente e del territorio che la ospita: un legame quindi stretto, indissolubile, basato sulla reciprocità. Una scarsa attenzione alla tutela dell ambiente, azioni di deturpamento e/ snaturamento delle vocazioni di un territorio, disattenzioni e incuria, ma anche tecniche agricole inquinanti, potrebbero avere una ricaduta diretta anche sui prodotti turistici legati all enogastronomia. Se è noto quanto i turisti stranieri diano importanza all ambiente, è opportuno ricordare che i turisti italiani, intervistati sugli elementi che definiscono la vacanza ideale, indicano la qualità ambientale come primo irrinunciabile ingrediente. Le aspettative della società residente sulla qualità della vita si saldano quindi sempre più a quelle della domanda turistica sulla qualità della vacanza, la componente ambientale, intesa come insieme di problematiche connesse alla gestione ed al consumo delle risorse (acqua, aria, suolo), è divenuta

8 componente primaria dei prodotti turistici, in alcuni casi andando a costituire il fondamento del prodotto stesso (tematiche verdi, mare), in altri casi diventa un fattore condizionante nelle scelte (qualità del territorio, qualità urbana, qualità delle materie prime alimentari), spesso diviene elemento efficace di comunicazione e si connota anche come strumento di valorizzazione dell identità. L uso, e la comunicazione sull uso, di materie prime alimentari di qualità (ortaggi, olio, formaggi, pesci) tecniche agricole non invasive, come ad esempio quelle biologiche, adozione di tecniche di riciclo dei rifiuti, recupero delle vocazioni territoriali, esaltazione delle attività all aria aperta in ambiente incontaminato, e la collaborazione con associazioni che si occupano di ambiente non solo arricchiscono le proposte turistiche legate all enogastronomia, ma ne costituiscono un vero e proprio vantaggio competitivo. 6. Eticità e trasparenza: la chiave della qualità dei prodotti turistici legati all enogastronomia Il nuovo corso della domanda turistica enogastronomica assumerà un profilo economico inedito per i territori coinvolti, che beneficeranno dei vantaggi non solo economici ma anche di notorietà. Per cui bisogna che gli operatori coinvolti garantiscano una qualità costante delle prestazioni e dei contributi che sono chiamati a dare. La rete richiede un eticità dei comportamenti, perché l aggregazione si basa sulla fiducia reciproca, e la mancanza di uno può ledere l intero sistema territoriale. Non esiste un solo target di turisti enogastronomici ma tanti stili diversi di fare una vacanza all insegna dell enogastronomia, per questo non è possibile definire a priori come sia una vacanza enogastronomica di qualità. Ma è certo che maggiori sono le informazioni che si danno sul tipo di vacanza, e meno saranno le sorprese a cui il turista va incontro. La trasparenza delle informazioni è quindi un modo per definire la qualità del prodotto turistico. Nei confronti dei turisti deve essere assunto un comportamento corretto e la massima trasparenza attraverso standard comuni espliciti, che identifichino il valore del rapporto qualità prezzo dei prodotti, definiscano in modo chiaro ciò che si offre specificandone i prezzi dei menù, delle camere, per i servizi aggiuntivi, per i trasporti. Dal momento che non esiste una qualità assoluta dei prodotti turistici legati all enogastronomia ma è di qualità quell offerta che risponde alle aspettative dell ospite e sa offrire quanto promesso, l etica dei comportamenti si traduce quindi in una trasparenza in fase di erogazione dei servizi e coerenza rispetto alle di attenersi a quanto è stato offerto/promesso. 7. Sicurezza: ulteriore garanzia per la soddisfazione del turista enogastronomico La sicurezza nelle strutture, in tutte le fasi del prodotto dalla produzione alla erogazione, rappresenta una condizione preliminare di efficienza nella prestazione di qualunque servizio. Un buon livello di integrazione nel territorio e con gli altri operatori, un efficiente circuito di servizi e di professionalità, l arricchimento ed il miglioramento della qualità complessiva del prodotto turistico, costituiscono anche le condizioni preliminari per garantire sicurezza per gli ospiti nel territorio e soluzione alle difficoltà contingenti. In questo modo è anche possibile rispondere in modo corretto alle richieste del mercato in fatto di tutela del consumatore-turista. La sicurezza è un principio che deve appartenere a tutti gli anelli della filiera enogastronomica, a tutte le imprese che formano il pacchetto turistico, a partire dal vettore aereo per arrivare al ristorante. Il principio della sicurezza nel settore enogastronomico si traduce anche nella capacità di far toccare con mano al turista quanto proposto. La fruibilità e l accessibilità (anche a chi esprime bisogni speciali) delle aziende produttrici, delle cantine, la flessibilità degli orari diventeranno un elemento che amplifica il valore anche dell accoglienza. Procedere con azioni che stabiliscono per ogni proposta turistica il rispetto di alcune regole attraverso l istituzione di comitati di controllo, l occasione di realizzare accordi con le associazioni di consumatori locali e condurre insieme campagne di comunicazione che aumentano la visibilità del prodotto stesso, la selezione dei partner esterni che potranno entrare nei club di prodotto (vettori aerei, associazioni, ecc.) sono tutte azioni che danno peso e concretezza al principio della sicurezza.

9 8. Efficacia ed efficienza al servizio dell enogastronomia La rete dell enogastronomia per poter affermarsi ha bisgno di portare a casa risultati concreti: nuovi turisti, nuove imprese, maggiore notorietà. La rete deve perciò essere attenta al mercato, al suo evolversi, deve poter riuscire ad anticipare le tendenze in modo da offrire proposte turistiche in grado di attirare l attenzione dei turisti. Il principio dell efficacia porta a valutare con attenzione i target ed i mercati a cui ci si rivolge in modo da far fruttare gli investimenti realizzati. Creare prodotti solo perché si hanno le risorse se queste non sono anche una specifica richiesta del turista porta a mettere sul mercato prodotti turistici che nessuno acquisterà. Ciò potrebbe anche diminuire l entusiasmo di alcuni aderenti alla rete, perdendo soci e credibilità. La messa sul mercato delle proposte turistiche va quindi attentamente misurata in base alla loro misurabile efficacia. Le azioni a sostegno di questo principio di natura economica risiedono nella costruzione di opportuni strumenti di verifica di tutte le azioni di marketing attivate a sostegno delle proposte turistiche. Oltre alla conta degli arrivi e delle presenze che la rete dell enogastronomia ha generato, sarà anche necessario valutare il livello di soddisfazione attraverso opportune azioni di Customer Satisfaction. Il grado di soddisfazione del cliente è anche un modo per ottenere informazioni dettagliate sulla migliorabilità delle proposte future. Il documento è curato da SL&A e coordinato da Michela Valentini Il gruppo di lavoro è composto da: Diego Albanese Maria Grazia Andali e Roberto Mazzà

STRADA DEL GUSTO NORD SARDEGNA

STRADA DEL GUSTO NORD SARDEGNA DISCIPLINARE DI QUALITÀ DELLA STRADA DEL GUSTO NORD SARDEGNA INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1. TIPOLOGIE DI AZIENDE AMMESSE NELL ITINERARIO...5 2. REQUISITI DI QUALITÀ... 6 2.1. AZIENDE, CONSORZI E COOPERATIVE

Dettagli

La filiera prodotti-turismo. Evoluzione di un sistema 2001-2012

La filiera prodotti-turismo. Evoluzione di un sistema 2001-2012 La filiera prodotti-turismo Evoluzione di un sistema 2001-2012 Premessa La partecipazione attiva di tutti gli attori è il presupposto fondamentale per l avvio di un progetto di marketing territoriale..

Dettagli

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 Sommario Presentazione generale...3 1. LA QUALITA e IL MARCHIO OSPITALITA ITALIANA...4 1.1 Elementi base della qualità totale nelle

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

Terre di Siena Ospiti di valore Un patto tra residenti e ospiti. Fiorenza Guerranti Direttore APT Siena

Terre di Siena Ospiti di valore Un patto tra residenti e ospiti. Fiorenza Guerranti Direttore APT Siena Terre di Siena Ospiti di valore Un patto tra residenti e ospiti Fiorenza Guerranti Direttore APT Siena - SEMINARIO 13 SETTEMBRE 2007 - SEMINARIO 13 SETTEMBRE 2007 Per la promozione turistica di una destinazione

Dettagli

LE STRADE DEL VINO. Corso di Marketing delle imprese agroalimentari. La Strada dei Sapori del Medio Tirreno Cosentino. Prof. Gervasio Antonelli

LE STRADE DEL VINO. Corso di Marketing delle imprese agroalimentari. La Strada dei Sapori del Medio Tirreno Cosentino. Prof. Gervasio Antonelli Corso di Marketing delle imprese agroalimentari Prof. Gervasio Antonelli LE STRADE DEL VINO La Strada dei Sapori del Medio Tirreno Cosentino A cura di: Mario Motolese Erika Venturini Indice Cos è una strada

Dettagli

Manifesto di Agrigento PRINCIPI PER LA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA TURISTICO PER TUTTI

Manifesto di Agrigento PRINCIPI PER LA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA TURISTICO PER TUTTI Manifesto di Agrigento PRINCIPI PER LA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA TURISTICO PER TUTTI 1 Il presente documento è il frutto delle giornate di lavoro del convegno " Per Tutti Una Valle Incantata...- Prospettive

Dettagli

PROVINCIA DI TERNI LA VAL TIBERINA PRODOTTO TIPICO A KM 0

PROVINCIA DI TERNI LA VAL TIBERINA PRODOTTO TIPICO A KM 0 1 COMUNE DI OTRICOLI LA VAL TIBERINA PRODOTTO TIPICO A KM 0 Presso il centro storico di Otricoli dal 07 al 09 settembre 2012 si terrà OTRICOLI MUSIC FESTIVAL Eventi e Antiche Tradizioni, in Terra di Otricoli,

Dettagli

APPENDICE B RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI. Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO

APPENDICE B RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI. Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO APPENDICE B I MATERIALI DI INDIRIZZO PER GLI APPROFONDIMENTI DEI TAVOLI DI CONCERTAZIONE CON RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO Premessa Il

Dettagli

Circuito turistico integrato

Circuito turistico integrato ospiti di valore Circuito turistico integrato Terre di Siena Ospiti di Valore Codice di comportamento Art. 1 - Valori delle Terre di Siena Lo sviluppo economico delle Terre di Siena dipende dalla capacità

Dettagli

Costruendo valore per il turismo in Lombardia

Costruendo valore per il turismo in Lombardia Costruendo valore per il turismo in Lombardia Chi siamo Explora S.C.p.A. ha il compito di promuovere la Lombardia e Milano sul mercato turistico nazionale ed internazionale. La società opera esattamente

Dettagli

8 aprile 2013 Palazzo del Turismo Jesolo (Ve) Seminario TURISMO RURALE e TURISMO BALNEARE: SINERGIE PER LO SVILUPPO LOCALE

8 aprile 2013 Palazzo del Turismo Jesolo (Ve) Seminario TURISMO RURALE e TURISMO BALNEARE: SINERGIE PER LO SVILUPPO LOCALE www.earthacademy.eu Fausto Faggioli Territorial Marketing Manager Cell. +39 335 6110252 ff@fattoriefaggioli.it 8 aprile 2013 Palazzo del Turismo Jesolo (Ve) Seminario TURISMO RURALE e TURISMO BALNEARE:

Dettagli

CAPIRE MEGLIO LE POSTE IN GIOCO DELLA CARTA EUROPEA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITA DELLA MONTAGNA

CAPIRE MEGLIO LE POSTE IN GIOCO DELLA CARTA EUROPEA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITA DELLA MONTAGNA SEPTEMBRE 2005 CAPIRE MEGLIO LE POSTE IN GIOCO DELLA CARTA EUROPEA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITA DELLA MONTAGNA Troverete delle risposte alle seguenti domande : Perché una Carta europea sui prodotti

Dettagli

Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione

Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione Supplemento 1.2007 7 Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione Venerio Brenaggi* Sommario 1. Il sistema turistico regionale nella l.r.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI. Disciplina degli itinerari turistici denominati «percorsi delle castagne»

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI. Disciplina degli itinerari turistici denominati «percorsi delle castagne» Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4645 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NASTRI Disciplina degli itinerari turistici denominati «percorsi delle castagne» Presentata

Dettagli

Programma di eventi culturali finalizzato alla promozione turistica del territorio ed alla valorizzazione del Carignano del Sulcis.

Programma di eventi culturali finalizzato alla promozione turistica del territorio ed alla valorizzazione del Carignano del Sulcis. ALLEGATO 1 Programma di eventi culturali finalizzato alla promozione turistica del territorio ed alla valorizzazione del Carignano del Sulcis Relazione 1 PREMESSA Il settore turistico rappresenta per il

Dettagli

INSEGNA ITALIA THE BEST OF ITALY ITALIAN STYLE. Identità e cultura del mangiare italiano un modello di Ristorante e Concept Store

INSEGNA ITALIA THE BEST OF ITALY ITALIAN STYLE. Identità e cultura del mangiare italiano un modello di Ristorante e Concept Store INSEGNA ITALIA THE BEST OF ITALY ITALIAN STYLE Identità e cultura del mangiare italiano un modello di Ristorante e Concept Store tipicamente che nasce dall esperienza made in Italy dei Wigwam per il Club

Dettagli

PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani.

PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani. ALLEGATO A REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani. 1 PREMESSA Molti avvenimenti in questi

Dettagli

Stefania Cerutti. Università degli Studi del Piemonte Orientale

Stefania Cerutti. Università degli Studi del Piemonte Orientale Marketing territoriale, l approccio integrato delle filiere Stefania Cerutti Università degli Studi del Piemonte Orientale Agenda il territorio come sistema il marketing del territorio i prodotti turistici

Dettagli

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare Comunità Ospitali gente che ama ospitare Cos'è una Comunità Ospitale? La Comunità Ospitale è un luogo e una destinazione in cui gli ospiti/turisti si sentono Cittadini seppure temporanei identificandosi

Dettagli

Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi

Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi ALESSANDRO TORTELLI Direttore Centro Studi Turistici Firenze Via Piemonte 7

Dettagli

DI CONSUMO DEL TURISTA IN PUGLIA.

DI CONSUMO DEL TURISTA IN PUGLIA. FOODING ACTION 5.5.1 Development of a CRM (Customer relationship management P5 Chamber of commerce of Bari: ESPERIENZA DI CONSUMO DEL TURISTA IN PUGLIA. La Camera di Commercio di Bari, nell ambito del

Dettagli

Testata: GUIDA VIAGGI Link: http://www.guidaviaggi.it/detail.lasso?id=125416&-session=givi:5fe36f1d18af61d5a6yqff4024c3

Testata: GUIDA VIAGGI Link: http://www.guidaviaggi.it/detail.lasso?id=125416&-session=givi:5fe36f1d18af61d5a6yqff4024c3 Testata: GUIDA VIAGGI Link: http://www.guidaviaggi.it/detail.lasso?id=125416&-session=givi:5fe36f1d18af61d5a6yqff4024c3 08/10/2010-15:36 Al via il portale Talenti Italiani Il t.o. Un Altracosatravel apre

Dettagli

Cibo, libri e... FIERA DI GENOVA

Cibo, libri e... FIERA DI GENOVA Cibo, libri e... FIERA DI GENOVA 21, 22, 23 Giugno 2013 FIERA DEL LIBRO E DEL TURISMO ENOGASTRONOMICO L editoria enogastronomica da alcuni anni registra una crescita notevole. I media hanno dato e continuano

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO 2016/2017

CATALOGO FORMATIVO 2016/2017 CATALOGO FORMATIVO 2016/2017 Scuola post universitaria di Studi Europei POLO DIDATTICO DI SALERNO ISTITUTO DI STUDI EUROPEI ALCIDE DE GASPERI INSTITUTE OF EUROPEAN STUDIES ALCIDE DE GASPERI Post graduate

Dettagli

Turismo di Comunità in Val di Rabbi

Turismo di Comunità in Val di Rabbi Turismo di Comunità in Val di Rabbi Sintesi del progetto Il Turismo di Comunità : definizione Il turismo responsabile di comunità è una nuova forma di accoglienza turistica, recentemente sviluppatasi in

Dettagli

OBIETTIVI DEL MASTER

OBIETTIVI DEL MASTER L Italia è una delle 5 maggiori destinazioni al mondo per turismo culturale e ambientale. 2 turisti stranieri su 3 considerano la cultura e il cibo come principale motivazione di un viaggio in Italia e

Dettagli

Studio di marketing per la valorizzazione turistica e commerciale dell alimentazione tradizionale

Studio di marketing per la valorizzazione turistica e commerciale dell alimentazione tradizionale Studio di marketing per la valorizzazione turistica e commerciale dell alimentazione tradizionale P.I.T. «Notre patrimoine, l eau, le pain, le village» Leader Plus 2000/2006 COMUNITA MONTANA GRAND COMBIN

Dettagli

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I Progetti interregionali dell Assessorato al Turismo Nell ottica di valorizzazione e di una maggiore fruibilità di siti e beni a carattere storicoartistico,

Dettagli

COME FARE SISTEMA. Casi di successo, benchmark e best practices nel fare sistema e realizzare pacchetti turistici integrati

COME FARE SISTEMA. Casi di successo, benchmark e best practices nel fare sistema e realizzare pacchetti turistici integrati COME FARE SISTEMA Casi di successo, benchmark e best practices nel fare sistema e realizzare pacchetti turistici integrati IL TURISMO ALCUNI DATI I viaggi contribuiscono per il 10% al prodotto interno

Dettagli

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE Relazione del Presidente Regionale CNA Pensionati- Giovanni Giungi A noi viene voglia, nonostante questa valle

Dettagli

CARTA EUROPEA DELL ENOTURISMO

CARTA EUROPEA DELL ENOTURISMO CARTA EUROPEA DELL ENOTURISMO 1 I. LE BASI DELL ENOTURISMO 1. Per enoturismo si intende designare lo sviluppo di ogni attività turistica e del «tempo libero», dedicate alla scoperta ed al godimento culturale

Dettagli

CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE

CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE Noi cittadini, Associazioni, Operatori economici ed Istituzioni delle comunità ricadenti sul territorio del GAL CONCA BARESE, sottoscriviamo questo

Dettagli

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Assessorato Beni Culturali e Identità Siciliana Dipartimento Beni Culturali

Dettagli

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Salvio Capasso Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e Mediterraneo - SRM Paestum, 30 Ottobre 2014 Agenda Il turista

Dettagli

Provincia di Pordenone

Provincia di Pordenone Provincia di Pordenone Iniziativa di promozione turistica del territorio provinciale SERVIZIO TURISMO E POLITICHE EUROPEE 11/06/2013 Il progetto Pordenone Wine & Food Love nasce nel 2011 con l intento

Dettagli

Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010

Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010 Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010 Progetto LA SOSTENIBILITÀ COME PERCORSO DI QUALITÀ PER LE AZIENDE TURISTICHE DEL PARCO DEL TICINO www.networksvilupposostenibile.it

Dettagli

LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA

LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA 15 marzo 2008 1. ANALISI DELLE DESTINAZIONI TURISTICHE 2. TIPOLOGIE DI DESTINAZIONI TURISTICHE 3. IL CICLO DI VITA DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA 4. LO SVILUPPO

Dettagli

SALONE EUROMEDITERRANEO DEL BUON CIBO E DEL BUON VINO

SALONE EUROMEDITERRANEO DEL BUON CIBO E DEL BUON VINO SALONE EUROMEDITERRANEO DEL BUON CIBO E DEL BUON VINO 29-30 NOVEMBRE - 1 DICEMBRE 2014 CENTRO LE CIMINIERE - CATANIA www.expofoodandwine.com LE STRADE LA STRADA DEL VINO Area dedicata alle aziende vitivinicole,

Dettagli

STUDIO PRELIMINARE DEL PROGETTO DI SVILUPPO TURISTICO E TERRITORIALE FIEMME ACCESSIBILE

STUDIO PRELIMINARE DEL PROGETTO DI SVILUPPO TURISTICO E TERRITORIALE FIEMME ACCESSIBILE STUDIOPRELIMINAREDELPROGETTO DISVILUPPOTURISTICOETERRITORIALE FIEMMEACCESSIBILE FiemmeAccessibile 1 documentorealizzatodaprogettoturismos.r.l.dibonazzamatteo INDICE pag. 1.PREMESSA 3 2.ILTURISMOACCESSIBILE

Dettagli

Percorsi fra vino e grandi architetture Un progetto unico in Italia

Percorsi fra vino e grandi architetture Un progetto unico in Italia TOSCANA WINE ARCHITECTURE TOSCANA WINE ARCHITECTURE Percorsi fra vino e grandi architetture Un progetto unico in Italia Un circuito di 25 cantine d autore e di design, contemporanee per le loro lo spirito

Dettagli

I SERVIZI DELL OSPITALITA DIFFUSA: LA BUONA ACCOGLIENZA NEI TERRITORI RURALI

I SERVIZI DELL OSPITALITA DIFFUSA: LA BUONA ACCOGLIENZA NEI TERRITORI RURALI www.earthacademy.eu Fausto Faggioli Territorial Marketing Manager Cell. +39 335 6110252 ff@fattoriefaggioli.it I SERVIZI DELL OSPITALITA DIFFUSA: LA BUONA ACCOGLIENZA NEI TERRITORI RURALI 15 MARZO 2012

Dettagli

APQ AZIONI DI SISTEMA TURISMO

APQ AZIONI DI SISTEMA TURISMO APQ AZIONI DI SISTEMA TURISMO ATTIVITÀ DI SUPPORTO AL PERCORSO PER L ADOZIONE DEL PIANO STRATEGICO E DEL PROGRAMMA TRIENNALE CONFRONTO CON LE PARTI SOCIALI OTTOBRE, 2014 COSA E SENSI CONTEMPORANEI? FRONTE

Dettagli

Il piacere di vivere e viaggiare la campagna

Il piacere di vivere e viaggiare la campagna Il piacere di vivere e viaggiare la campagna LA TESTATA Ogni mese le dimore più belle in Italia e nel mondo con suggestivi servizi fotografici che, alla bellezza delle immagini, uniscono la possibilità

Dettagli

IL DECALOGO DELL OSPITALITÀ ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO

IL DECALOGO DELL OSPITALITÀ ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO IL DECALOGO DELL OSPITALITÀ ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO Revisione n. 2 25 novembre 2010 PREMESSA La cucina italiana è il frutto di un secolare processo storico della nostra società, da sempre

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4342 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NASTRI Norme per la promozione delle attività turistiche legate al vino piemontese e istituzione

Dettagli

2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO

2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO CARTELLA STAMPA di 1. INDICE 2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 3. PERCHÉ NASCE EXPLORA pag. 3 4. LA SUA IDENTITÀ pag. 3 5. MISSION pag. 4 6. APPROCCIO pag. 4 7. ELEMENTI DISTINTIVI

Dettagli

LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI

LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE DEL VENETO - 15-5-2001 - N. 44 3 PARTE PRIMA LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI REGOLAMENTO REGIONALE 10 maggio 2001, n. 2 Istituzione delle Strade del vino e di altri prodotti

Dettagli

Progetto Spoleto, Città dei Tempi

Progetto Spoleto, Città dei Tempi Progetto Spoleto, Città dei Tempi Programma amministrativo di Lista Due Mondi Punto 4 Premessa Cosa e' il Turismo? Un fenomeno economico Coinvolge tante aziende Operano in tanti settori. settore commerciale,

Dettagli

IL PROGETTO PArC. Premessa I principi ispiratori: campagna-città andata e ritorno L idea Il modello Target Comunicazione Soggetti coinvolti

IL PROGETTO PArC. Premessa I principi ispiratori: campagna-città andata e ritorno L idea Il modello Target Comunicazione Soggetti coinvolti IL PROGETTO PArC Premessa I principi ispiratori: campagna-città andata e ritorno L idea Il modello Target Comunicazione Soggetti coinvolti PREMESSA L incontro tra produttori e consumatori sta acquisendo

Dettagli

Progetto. promo-commercializzazione. TurismoFVG 2010

Progetto. promo-commercializzazione. TurismoFVG 2010 Progetto promo-commercializzazione TurismoFVG 2010 Obiettivi generali del progetto Progetto per la realizzazione di un programma di commercializzazione del prodotto turistico della Regione Friuli Venezia

Dettagli

Descrizione del progetto imprenditoriale

Descrizione del progetto imprenditoriale Descrizione del progetto imprenditoriale L idea imprenditoriale riguarda un albergo diffuso, che valorizzi un antico patrimonio storico, attualmente inutilizzato, costituito dagli antiche pajari, situati

Dettagli

È possibile scoprire il Mediterraneo, il Nord Europa, Dubai, gli Emirati Arabi e l Oman, l Africa e l Oceano Indiano in modo inedito, esclusivo

È possibile scoprire il Mediterraneo, il Nord Europa, Dubai, gli Emirati Arabi e l Oman, l Africa e l Oceano Indiano in modo inedito, esclusivo È possibile scoprire il Mediterraneo, il Nord Europa, Dubai, gli Emirati Arabi e l Oman, l Africa e l Oceano Indiano in modo inedito, esclusivo lontano dai classici cliché turistici? SIAMO QUI PER RACCONTARVI

Dettagli

ALLEGATO A. Progetto di filiera corilicola relativo a: Sviluppo della qualità e dell innovazione di processo, ivi compresa la ricerca

ALLEGATO A. Progetto di filiera corilicola relativo a: Sviluppo della qualità e dell innovazione di processo, ivi compresa la ricerca ALLEGATO A Progetto di filiera corilicola relativo a: Sviluppo della qualità e dell innovazione di processo, ivi compresa la ricerca SPAZIO RISERVATO Identificazione richiedente/capofila Denominazione/Ragione

Dettagli

Vacanze motivazionali: ecco la prima mappa dei turisti

Vacanze motivazionali: ecco la prima mappa dei turisti 1 di 5 23/12/2012 22.10 prima pagina chi siamo Vacanze motivazionali: ecco la prima mappa dei turisti specializzati Il consolidarsi delle nicchie è una delle tendenze più significative che hanno permeato

Dettagli

LA MONTAGNA COME LUOGO DELL ACCESSIBILITA PER PERSONE CON DIVERSE ABILITA

LA MONTAGNA COME LUOGO DELL ACCESSIBILITA PER PERSONE CON DIVERSE ABILITA LA MONTAGNA COME LUOGO DELL ACCESSIBILITA PER PERSONE CON DIVERSE ABILITA L ACCADEMIA DELLA MONTAGNA, CON IL COMITATO MONDIALI DELLA VALLE DI FIEMME E L APT LOCALE, PROMUOVE IL PROGETTO PILOTA FIEMME ACCESSIBILE

Dettagli

Professionalità, consapevolezza e accoglienza: fattori strategici per lo sviluppo del turismo nel Lazio

Professionalità, consapevolezza e accoglienza: fattori strategici per lo sviluppo del turismo nel Lazio Professionalità, consapevolezza e accoglienza: fattori strategici per lo sviluppo del turismo nel Lazio Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con ATLAZIO Agenzia Regionale

Dettagli

SOGGETTO ATTUATORE CORSO DI FORMAZIONE

SOGGETTO ATTUATORE CORSO DI FORMAZIONE REGIONE PUGLIA Area politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione Servizio Formazione Professionale SOGGETTO ATTUATORE CORSO DI FORMAZIONE Tecnico delle attività ricettive ed assimilati (operanti

Dettagli

Guido Baragli, Piatto di merluzzi nervosi. Cultura e Comunicazione del Gusto BUONO DA PENSARE

Guido Baragli, Piatto di merluzzi nervosi. Cultura e Comunicazione del Gusto BUONO DA PENSARE Guido Baragli, Piatto di merluzzi nervosi Cultura e Comunicazione del Gusto BUONO DA PENSARE Le specie naturali non vengono scelte perché buone da mangiare ma perché buone da pensare. (Claude Lévi-Strauss)

Dettagli

FIGURA PROFESSIONALE SBOCCHI OCCUPAZIONALI

FIGURA PROFESSIONALE SBOCCHI OCCUPAZIONALI L Italia è una delle 5 maggiori destinazioni al mondo per turismo culturale e ambientale. Vanta, inoltre, una varietà e una ricchezza di produzioni e tipicità enogastronomiche difficilmente riscontrabile

Dettagli

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA Introduzione: le strategie di marketing territoriale L Agenzia di Sviluppo Economico della Regione Sumadija-Pomoravlja, nell ambito

Dettagli

Progetto di promozione turistica territoriale 2012

Progetto di promozione turistica territoriale 2012 Progetto di promozione turistica territoriale 2012 Disciplina delle Strade del Vino l obiettivo principale consiste nella valorizzazione dei territori a vocazione agricola e vinicola, con particolare riferimento

Dettagli

I DISTRETTI CULTURALI

I DISTRETTI CULTURALI I DISTRETTI CULTURALI Prima parte della ricerca I musei italiani e i distretti culturali: punti di forza e di debolezza Interesse nazionale Ottobre 2011 A cura di Fondazione Cariplo per Aspen Institute

Dettagli

Sviluppo dell agricoltura multifunzionale nell area del Parco Agricolo Sud Milano. I casi dei circuiti ciclo turistici LET e dei servizi

Sviluppo dell agricoltura multifunzionale nell area del Parco Agricolo Sud Milano. I casi dei circuiti ciclo turistici LET e dei servizi Sviluppo dell agricoltura multifunzionale nell area del Parco Agricolo Sud Milano. I casi dei circuiti ciclo turistici LET e dei servizi di catering PARC Maria Pia Sparla Responsabile Servizio Valorizzazione

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

MODULI ACQUISTABILI SINGOLARMENTE

MODULI ACQUISTABILI SINGOLARMENTE 735 736 738Università degli Studi di Torino MASTER IN ECONOMIA, MANAGEMENT, PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DEL TURISMO MASTER MINT www.mastermint.unito.it MODULI ACQUISTABILI SINGOLARMENTE Comportamento del

Dettagli

Progetto CameraCantina

Progetto CameraCantina Progetto CameraCantina Marketing Comunicazione COMMERCIALIZZAZIONE 1 PROGETTO 9 CANALI COMMERCIALI info@cameracantina.it www.cameracantina.it CAMERACANTINA IL PROGETTO PROMOSSO DA Apice srl, che opera

Dettagli

Il turismo e l immagine della Brianza

Il turismo e l immagine della Brianza Il turismo e l immagine della Brianza Sistema delle imprese, flussi turistici e percezione del territorio A cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Monza e Brianza Luglio 2011 I numeri del

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE STRADA DEL VINO CERASUOLO DI VITTORIA: DAL BAROCCO AL LIBERTY DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE STRADA DEL VINO CERASUOLO DI VITTORIA: DAL BAROCCO AL LIBERTY DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE STRADA DEL VINO CERASUOLO DI VITTORIA: DAL BAROCCO AL LIBERTY DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento stabilisce le norme generali

Dettagli

TEMATICA : IL BIOLOGICO

TEMATICA : IL BIOLOGICO TEMATICA : IL BIOLOGICO Titolo del pacchetto : WEEKEND DEL BIO - TREKKING Ricettività : Agriturismo, B&B, Casa vacanze, Albergo Servizio principale : Trekking (con o senza accompagnatore/guida) sosta e

Dettagli

LINEE GUIDA ADOZIONE LOGO ADRION

LINEE GUIDA ADOZIONE LOGO ADRION LINEE GUIDA ADOZIONE LOGO ADRION 1 Cos è AdrIon : identità e mission del logo 1.1 Identità AdrIon è un marchio ombrello simbolo dell unione della macro-area adriatico-ionica (Adr+Ion). AdrIon è, in primis,

Dettagli

Proposta per una strategia di promozione dei prodotti agricoli lucani

Proposta per una strategia di promozione dei prodotti agricoli lucani DIPARTIMENTO POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Viale Vincenzo Verrastro, 10-85100 Potenza ass_agricoltura@regione.basilicata.it tel. 0971668710 fax 0971668731 L ASSESSORE Potenza lì 05/05/2014 MATERA 2019

Dettagli

Turismo Veneto: il lago di Garda. Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012

Turismo Veneto: il lago di Garda. Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012 Turismo Veneto: il lago di Garda Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012 Il turismo in Italia Il turismo in Italia rappresenta il 9,5% del PIL, oltre 130 miliardi di

Dettagli

DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE

DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE 1 marzo 2008 IL CONTESTO STORICO Negli ultimi 20 anni l industria turistica ha aumentato la sua complessità. Dagli anni 90 fenomeni innovativi hanno modificato la natura

Dettagli

Progetto interregionale cicloturismo

Progetto interregionale cicloturismo Progetto interregionale cicloturismo 1 Indice 1 Premessa...2 2 Titolo del progetto...3 3 Obiettivi...3 4 Descrizione generale...3 5 Azioni previste...4 6 Dettaglio fasi...5 Fase preliminare...5 Fase di

Dettagli

Le politiche regionali per la disciplina e lo sviluppo dell agriturismo in Toscana

Le politiche regionali per la disciplina e lo sviluppo dell agriturismo in Toscana Consiglio Regionale della Toscana Valutazione delle politiche regionali Progetto di ricerca n. 2 Aprile 2008 a cura del Settore Analisi della Normazione. Biblioteca del Consiglio regionale Le politiche

Dettagli

Borghi Autentici d Italia Progetto Comunita Ospitale

Borghi Autentici d Italia Progetto Comunita Ospitale Borghi Autentici d Italia Progetto Comunita Ospitale RETE BAI Sardegna Progetto finanziato dalla Regione Autonoma della Sardegna ai sensi dell'art.4 della Legge Regionale n 6 del 15 marzo 2012 (Legge Finanziaria)

Dettagli

Il Progetto Parella di Manital

Il Progetto Parella di Manital Il Progetto Parella di Manital Dalla capacità imprenditoriale di Manital, dal proprio spirito innovativo e dal profondo legame con il territorio, nasce un progetto che affonda le proprie radici nella

Dettagli

Documento di Proposta Partecipata (DocPP)

Documento di Proposta Partecipata (DocPP) Documento di Proposta Partecipata (DocPP) Titolo del processo Superare le barriere mentali: l'accessibilità come chiave della qualità del turismo sulle colline piacentine Responsabile del processo e curatore

Dettagli

Presentazione del Portale dei Prodotti Italiani Tipici di Qualità

Presentazione del Portale dei Prodotti Italiani Tipici di Qualità Presentazione del Portale dei Prodotti Italiani Tipici di Qualità www.azzurro-prodottitipici.it Le informazioni contenute nel presente documento costituiscono materiale riservato e confidenziale; ne è

Dettagli

SCHEDA PROGETTUALE. Le terroir rural pour un tourisme durable. Asse 3: misura 313 Asse 4:

SCHEDA PROGETTUALE. Le terroir rural pour un tourisme durable. Asse 3: misura 313 Asse 4: SCHEDA PROGETTUALE Titolo del progetto Le terroir rural pour un tourisme durable Tipologia progettuale Modalità di attuazione Misure di riferimento Beneficia ri Descrizione qualitativa del progetto Aziende

Dettagli

Eccellenze alimentari, territori, turismo per Expo2015. Milano, 5 marzo 2015

Eccellenze alimentari, territori, turismo per Expo2015. Milano, 5 marzo 2015 Eccellenze alimentari, territori, turismo per Expo2015 Milano, 5 marzo 2015 1 EXPO 2015: VISITATORI POTENZIALI GfKEurisko EXPO 2015 Italia 2013 ITALIA ESTERO EUROPA 3.3-4.4mln 12-14 mln 6-8 mln + 20% REPEATERS

Dettagli

Roma 17 giugno 2014 INNOVAZIONE: CHE COSA CHIEDONO I TURISTI STRANIERI?

Roma 17 giugno 2014 INNOVAZIONE: CHE COSA CHIEDONO I TURISTI STRANIERI? Roma 17 giugno 2014 INNOVAZIONE: CHE COSA CHIEDONO I TURISTI STRANIERI? PRODOTTO ITALIA: I TREND DELLA DOMANDA ESTERA DATI DELL OSSERVATORIO MERCATI ESTERI TTG ITALIA A cura di Paola Tournour-Viron per

Dettagli

Indice ON YOUR WAY ON YOUR WAY TRAVELLING ON YOUR WAY BUSINESS ON YOUR WAY EMPORIUM ON YOUR WAY HONEY MOON 6-7 8-11 12-13 14-15

Indice ON YOUR WAY ON YOUR WAY TRAVELLING ON YOUR WAY BUSINESS ON YOUR WAY EMPORIUM ON YOUR WAY HONEY MOON 6-7 8-11 12-13 14-15 Indice 5 6-7 8-11 12-13 14-15 ON YOUR WAY ON YOUR WAY TRAVELLING ON YOUR WAY BUSINESS ON YOUR WAY EMPORIUM ON YOUR WAY HONEY MOON 2 3 TRAVELLING Il portale delle esperienze. Vivi momenti indimenticabili

Dettagli

Guida MICHELIN Italia 2014

Guida MICHELIN Italia 2014 COMUNICATO STAMPA Milano, 5 novembre 2013 Guida MICHELIN Italia 2014 Contatto stampa 02 3395 3609 Guida MICHELIN Italia 2014: boom di novità e di stelle La nuova edizione della guida MICHELIN Italia raccoglie

Dettagli

linee guida per lo sviluppo del progetto strategico: "BRISIGHELLA NUOVA 2.0 - COMUNITÀ OSPITALE" Sabato 1 Dicembre 2012

linee guida per lo sviluppo del progetto strategico: BRISIGHELLA NUOVA 2.0 - COMUNITÀ OSPITALE Sabato 1 Dicembre 2012 linee guida per lo sviluppo del progetto strategico: "BRISIGHELLA NUOVA 2.0 - COMUNITÀ OSPITALE" Sabato 1 Dicembre 2012 VERSO LA COMUNITÀ OSPITALE DI BRISIGHELLA concept La Comunità Ospitale è un luogo

Dettagli

CODICE ETICO E DI RESPONSABILITÀ SOCIALE DEL SISTEMA NAZIONALE BORGHI AUTENTICI D ITALIA

CODICE ETICO E DI RESPONSABILITÀ SOCIALE DEL SISTEMA NAZIONALE BORGHI AUTENTICI D ITALIA CODICE ETICO E DI RESPONSABILITÀ SOCIALE DEL SISTEMA NAZIONALE BORGHI AUTENTICI D ITALIA PREAMBOLO In sede di dichiarazione preliminare si esplicitano quelli che costituiscono i precisi riferimenti cui

Dettagli

IMPRENDITORIALITÀ & INNOVAZIONE DI MARKETING: IL CASO D ARAPRÌ

IMPRENDITORIALITÀ & INNOVAZIONE DI MARKETING: IL CASO D ARAPRÌ IMPRENDITORIALITÀ & INNOVAZIONE DI MARKETING: IL CASO D ARAPRÌ San Severo, 30 Settembre 2006 Convegno Vino & Marketing: proposte per un distretto spumantistico della Capitanata D Araprì case history 1

Dettagli

Albergo diffuso. Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel -

Albergo diffuso. Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel - Albergo diffuso Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel - Francesco Testa, Antonio Minguzzi Università degli Studi Del Molise Angelo Presenza Università G. D Annunzio di Chieti-Pescara

Dettagli

DISTRETTO RURALE DI QUALITÀ SICANI

DISTRETTO RURALE DI QUALITÀ SICANI Mod.6_E CHEK LIST AZIENDA AGRICOLA MULTIFUNZIONALE N. ordine dell Elenco richiedenti marchio collettivo DRQ Sicani Protocollo n. del / / Struttura ricettiva denominata: Sita in: Via Comune n. Iscr. C.C.IA.A.

Dettagli

SCUOLA DI COMUNICAZIONE. Proposta di MASTER di Primo livello in. MANAGEMENT e COMUNICAZIONE DEL MADE IN ITALY:

SCUOLA DI COMUNICAZIONE. Proposta di MASTER di Primo livello in. MANAGEMENT e COMUNICAZIONE DEL MADE IN ITALY: SCUOLA DI COMUNICAZIONE Proposta di MASTER di Primo livello in MANAGEMENT e COMUNICAZIONE DEL MADE IN ITALY: Promozione enogastronomica e valorizzazione delle eccellenze del territorio A.A.2014-15 Premessa

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL ASSOCIAZIONE STRADA DEL VERMENTINO DI GALLURA D.O.C.G.

REGOLAMENTO INTERNO DELL ASSOCIAZIONE STRADA DEL VERMENTINO DI GALLURA D.O.C.G. REGOLAMENTO INTERNO DELL ASSOCIAZIONE STRADA DEL VERMENTINO DI GALLURA D.O.C.G. DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Ambito di applicazione a) Il presente Regolamento stabilisce le norme generali di funzionamento

Dettagli

WEB MARKETING STRATEGIES. www.salento-italia.it INCOMING LUXURY TOURISM

WEB MARKETING STRATEGIES. www.salento-italia.it INCOMING LUXURY TOURISM WEB MARKETING STRATEGIES www.salento-italia.it INCOMING LUXURY TOURISM PRESENTAZIONE Wonderful Salento è molto di più di un semplice sito: è il portale web di una prestigiosa vetrina emozionale sulle eccellenze

Dettagli

I prodotti biologici e la filiera corta

I prodotti biologici e la filiera corta Regione Siciliana Assessorato regionale delle risorse agricole e alimentari Dipartimento regionale degli interventi infrastrutturali per l agricoltura Istituto Nazionale di Economia Agraria I prodotti

Dettagli

PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione

PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione INTRODUZIONE Pace e Sviluppo dopo 20 anni di attività come Cooperativa si trova ad essere tra

Dettagli

L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali

L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali Il rapporto tra attività produttive e territorio negli ultimi due decenni è andato in contro a profondi cambiamenti a causa di tre fenomeni interdipendenti:

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri Il Ministro per il Turismo ACCORDO QUADRO TRA il Ministro per il Turismo, On. Michela Vittoria Brambilla E il Presidente dell Associazione Nazionale Comuni Italiani,

Dettagli