IL CREDITO A REGGIO EMILIA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL CREDITO A REGGIO EMILIA"

Transcript

1 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità IL CREDITO A REGGIO EMILIA Seminario sul credito 7 dicembre ore 15,00 A cura Servizio Studi - Statistica Sala Grasselli - Camera di commercio

2 2 Servizio Studi

3 Indice Introduzione.pag. 5 Totale prestiti, prestiti vivi, sofferenze, depositi in provincia di Reggio Emilia dicembre 2007 agosto pag. 7 - totale clientela residente. pag. 8 - famiglie.. pag imprese.. pag. 12 Sofferenze e prestiti vivi per famiglie e imprese in provincia di Reggio Emilia (% sul totale prestiti) dicembre 2007 agosto 2011: pag. 15 Sofferenze in provincia di Reggio Emilia, in Emilia Romagna e in Italia (% sul totale prestiti) dicembre 2007 agosto 2011: pag totale clientela residente. pag famiglie.. pag imprese.. pag. 24 Prestiti vivi bancari alle imprese in provincia di Reggio Emilia dicembre 2008 agosto 2011:... pag per settore di attività economica...pag per dimensione dell impresa..pag. 30 Rapporto prestiti/depositi in provincia di Reggio Emilia, in Emilia Romagna e in Italia dicembre 2007 agosto 2011:.. pag totale clientela residente. pag famiglie.. pag imprese.. pag. 38 Ultimi aggiornamenti dalla Banca d Italia pag. 40 Servizio Studi 3

4 4 Servizio Studi

5 Introduzione Con l obiettivo di costruire un quadro di riferimento del credito a Reggio Emilia che consentisse di analizzarne l andamento nel tempo ed il posizionamento rispetto alle più ampie aree territoriali regionale e nazionale è stata elaborata una serie di dati tratti dalla Banca d Italia. Fra le numerose e puntuali informazioni disponibili si è optato di utilizzare le statistiche mensili in quanto più aggiornate rispetto alle trimestrali e con indicatori più idonei a tracciare una visione dell evoluzione del credito in provincia di Reggio Emilia. Visione di un evoluzione che purtroppo, per le modifiche che la banca dati subisce con una certa frequenza a seguito di circolari europee o nuove normative nazionali - che cambiano le basi di rilevazione dei dati - non è possibile tracciare in modo omogeneo da un momento pre crisi (la fine del 2007) al momento attuale (agosto 2011 ultimo dato disponibile). Con il giugno 2010, infatti, la base dei dati ha subito modifiche. Si è ritenuto comunque, per dare un idea dell andamento delle principali variabili, affiancare alla serie storica dicembre 2007/maggio 2010, la nuova serie storica giugno 2010/agosto I grafici che affiancano le due serie storiche ne evidenziano il momento dell interruzione, così come le tavole che riportano i dati puntuali mese per mese. Dai dati di base si sono poi ricavati elaborazioni e confronti. Per la corretta lettura dei dati contenuti nella brochure sono riportate specifiche note. Servizio Studi 5

6 6 Servizio Studi

7 Totale prestiti, prestiti vivi, sofferenze, depositi in provincia di Reggio Emilia dicembre 2007 agosto 2011 Servizio Studi 7

8 Totale prestiti, prestiti vivi, sofferenze e depositi totale clientela residente in provincia di Reggio Emilia dicembre agosto 2011 (2) Valori in milioni di euro Periodo Totale (1) (b) Prestiti Prestiti vivi ( c ) di cui Sofferenze (e) Depositi (m) Sofferenze su totale prestiti (%) Prestiti vivi su totale prestiti (%) dicembre , ,6 281, ,5 1,60 98,39 gennaio , ,5 284, ,8 1,60 98,39 febbraio , ,8 290, ,1 1,64 98,35 marzo , ,7 300, ,6 1,67 98,32 aprile , ,0 311, ,1 1,71 98,28 maggio , ,3 295, ,0 1,50 98,49 giugno , ,2 304, ,0 1,65 98,35 luglio , ,6 322, ,0 1,72 98,27 agosto , ,6 331, ,1 1,79 98,20 settembre , ,7 339, ,3 1,86 97,80 ottobre , ,7 353, ,7 1,87 97,81 novembre , ,7 304, ,9 1,62 98,38 dicembre , ,3 332, ,7 1,72 98,28 gennaio , ,1 343, ,0 1,79 98,20 febbraio , ,4 393, ,2 2,07 97,93 marzo , ,9 402, ,5 2,11 97,88 aprile , ,4 433, ,2 2,28 97,72 maggio , ,9 464, ,1 2,47 97,52 giugno , ,4 455, ,1 2,45 97,54 luglio , ,9 464, ,3 2,48 97,50 agosto , ,1 484, ,8 2,62 97,37 settembre , ,0 532, ,2 2,87 97,11 ottobre , ,4 563, ,4 3,07 96,92 novembre , ,0 597, ,4 3,23 96,75 dicembre , ,6 690, ,4 3,74 96,25 gennaio , ,6 715, ,0 3,89 96,10 febbraio , ,3 788, ,3 4,28 95,70 marzo , ,4 937, ,6 4,95 95,04 aprile , , , ,0 5,24 94,74 maggio , , , ,5 5,47 94,52 giugno 2010 (2) , , , ,2 5,15 94,85 luglio , , , ,9 5,05 94,94 agosto , , , ,9 5,11 94,88 settembre , , , ,9 5,16 94,83 ottobre , , , ,1 5,28 94,71 novembre , , , ,7 5,19 94,80 dicembre , , , ,5 5,15 94,84 gennaio , , , ,1 5,44 94,55 febbraio , , , ,2 5,52 94,19 marzo , , , ,2 5,59 94,12 aprile , , , ,2 5,72 94,27 maggio , , , ,5 5,66 94,06 giugno , , , ,1 5,58 94,14 luglio , , , ,7 5,66 94,07 agosto , , , ,1 5,82 93,91 Fonti: Banca d'italia ed elaborazioni Ufficio Studi CCIAA Reggio Emilia Note: (1) La statistica riporta il ricalcolo di tutte le serie storiche al fine di uniformare la controparte di riferimento: essa è ora riferita al totale clientela residente escluse le IMF (istituzioni monetarie e finanziarie). In precedenza, venivano escluse dalla clientela residente: il sistema bancario, la Banca centrale e la Cassa DD.PP. I dati si riferiscono alle operazioni effettuate dalle banche con soggetti non bancari residenti. Le variazioni delle consistenze desumibili dalla sezione dedicata ai "PRESTITI" non corrispondono alle variazioni percentuali riportate in altri documenti della Banca in quanto non tengono conto di rettifiche, riclassificazioni e cartolarizzazioni. Le informazioni sulle "sofferenze rettificate" sono tratte dalla rilevazione della Centrale dei Rischi, le altre dalle segnalazioni di Vigilanza. (2) Da giugno 2010, per effetto del Regolamento BCE/2008/32 e di alcune modifiche apportate alle Segnalazioni di vigilanza, le serie storiche dei depositi e dei prestiti registrano una discontinuità statistica. In particolare, la serie storica dei prestiti include tutti i prestiti cartolarizzati, o altrimenti ceduti, che non soddisfano i criteri di cancellazione previsti dai principi contabili internazionali (IAS), in analogia alla redazione dei bilanci. L applicazione ha comportato la re-iscrizione in bilancio di attività precedentemente cancellate e passività ad esse associate, con un conseguente incremento delle serie storiche dei prestiti e dei depositi. (b) Somma di prestiti "vivi", pronti contro termine e sofferenze. (c) Finanziamenti erogati al netto delle operazioni pronti contro termine e delle sofferenze. (e) Ammontare dell intera esposizione, escluso le sofferenze su titoli e assimilati, nei confronti di soggetti non bancari classificati in sofferenza. (m) Raccolta effettuata dalle banche sotto forma di: depositi (con durata prestabilita, a vista, overnight e rimborsabili con preavviso), buoni fruttiferi, certificati di deposito, conti correnti e pronti contro termine passivi. A partire da dicembre 2008 l'aggregato comprende anche gli assegni circolari. 8 Servizio Studi

9 Prestiti vivi, depositi e sofferenze totale clientela residente in provincia di Reggio Emilia milioni di euro dic-07 mar-08 giu-08 set-08 dic-08 mar-09 giu-09 set-09 dic-09 mar-10 ago-10 nov-10 feb-11 mag-11 ago-11 Prestiti vivi Sofferenze Depositi Servizio Studi 9

10 Totale prestiti, prestiti vivi, sofferenze e depositi delle famiglie (g) in provincia di Reggio Emilia dicembre agosto 2011 (2) Valori in milioni di euro Periodo Totale (1) (b) Prestiti di cui Prestiti vivi ( c ) Sofferenze (e) Depositi (m) Sofferenze su totale prestiti (%) Prestiti vivi su totale prestiti (%) dicembre , ,9 65, ,3 1,50 98,44 gennaio , ,6 66, ,5 1,55 98,40 febbraio , ,1 67, ,4 1,56 98,40 marzo , ,6 68, ,4 1,57 98,40 aprile , ,8 74, ,4 1,71 98,25 maggio , ,0 68, ,7 1,54 98,45 giugno , ,9 70, ,5 1,55 98,44 luglio , ,4 71, ,2 1,60 98,35 agosto , ,0 72, ,6 1,63 98,35 settembre , ,6 74, ,2 1,65 98,31 ottobre , ,2 75, ,4 1,69 98,30 novembre , ,9 59, ,2 1,35 98,64 dicembre , ,9 69, ,5 1,58 98,40 gennaio , ,2 72, ,0 1,64 98,33 febbraio , ,5 76, ,2 1,78 98,21 marzo , ,4 80, ,3 1,85 98,12 aprile , ,4 85, ,4 1,96 98,01 maggio , ,4 90, ,2 2,06 97,90 giugno , ,2 95, ,0 2,15 97,80 luglio , ,3 96, ,1 2,21 97,74 agosto , ,8 99, ,9 2,28 97,66 settembre , ,5 112, ,5 2,56 97,38 ottobre , ,1 117, ,9 2,67 97,26 novembre , ,4 123, ,3 2,78 97,16 dicembre , ,4 134, ,8 3,01 96,95 gennaio , ,6 138, ,6 3,05 96,91 febbraio , ,1 143, ,2 3,15 96,80 marzo , ,3 149, ,1 3,28 96,67 aprile , ,8 155, ,4 3,39 96,54 maggio , ,6 166, ,1 3,61 96,37 giugno 2010 (2) 5.237, ,4 180, ,3 3,44 96,53 luglio , ,5 188, ,7 3,58 96,39 agosto , ,5 194, ,7 3,70 96,25 settembre , ,9 200, ,3 3,81 96,14 ottobre , ,1 204, ,7 3,87 96,09 novembre , ,2 211, ,6 3,99 95,97 dicembre , ,2 219, ,1 4,13 95,83 gennaio , ,3 240, ,9 4,51 95,46 febbraio , ,7 247, ,5 4,65 95,31 marzo , ,7 252, ,7 4,72 95,24 aprile , ,9 256, ,6 4,79 95,17 maggio , ,6 258, ,4 4,80 95,15 giugno , ,7 270, ,5 5,02 94,96 luglio , ,0 274, ,9 5,07 94,91 agosto , ,2 279, ,7 5,17 94,82 Fonti: Banca d'italia ed elaborazioni Ufficio Studi CCIAA Reggio Emilia Note: (1) La statistica riporta il ricalcolo di tutte le serie storiche al fine di uniformare la controparte di riferimento: essa è ora riferita al totale clientela residente escluse le IMF (istituzioni monetarie e finanziarie). In precedenza, venivano escluse dalla clientela residente: il sistema bancario, la Banca centrale e la Cassa DD.PP. I dati si riferiscono alle operazioni effettuate dalle banche con soggetti non bancari residenti. Le variazioni delle consistenze desumibili dalla sezione dedicata ai "PRESTITI" non corrispondono alle variazioni percentuali riportate in altri documenti della Banca in quanto non tengono conto di rettifiche, riclassificazioni e cartolarizzazioni. Le informazioni sulle "sofferenze rettificate" sono tratte dalla rilevazione della Centrale dei Rischi, le altre dalle segnalazioni di Vigilanza. (2) Da giugno 2010, per effetto del Regolamento BCE/2008/32 e di alcune modifiche apportate alle Segnalazioni di vigilanza, le serie storiche dei depositi e dei prestiti registrano una discontinuità statistica. In particolare, la serie storica dei prestiti include tutti i prestiti cartolarizzati, o altrimenti ceduti, che non soddisfano i criteri di cancellazione previsti dai principi contabili internazionali (IAS), in analogia alla redazione dei bilanci. L applicazione ha comportato la re-iscrizione in bilancio di attività precedentemente cancellate e passività ad esse associate, con un conseguente incremento delle serie storiche dei prestiti e dei depositi. (b) Somma di prestiti "vivi", pronti contro termine e sofferenze. (c) Finanziamenti erogati al netto delle operazioni pronti contro termine e delle sofferenze. (e) Ammontare dell intera esposizione, escluso le sofferenze su titoli e assimilati, nei confronti di soggetti non bancari classificati in sofferenza. (g) L'aggregato fa riferimento alle famiglie consumatrici, alle istituzioni sociali private e ai soggetti non classificabili dagli enti segnalanti. (m) Raccolta effettuata dalle banche sotto forma di: depositi (con durata prestabilita, a vista, overnight e rimborsabili con preavviso), buoni fruttiferi, certificati di deposito, conti correnti e pronti contro termine passivi. A partire da dicembre 2008 l'aggregato comprende anche gli assegni circolari. 10 Servizio Studi

11 Prestiti vivi, depositi e sofferenze delle famiglie in provincia di Reggio Emilia milioni di euro dic-07 mar-08 giu-08 set-08 dic-08 mar-09 giu-09 set-09 dic-09 mar-10 ago-10 nov-10 feb-11 Prestiti vivi Sofferenze Depositi mag-11 ago-11 Servizio Studi 11

12 Totale prestiti, prestiti vivi, sofferenze e depositi in provincia di Reggio Emilia delle imprese (h) dicembre agosto 2011 (2) Valori in milioni di euro Periodo Totale (1) (b) Prestiti di cui Prestiti vivi ( c ) Sofferenze (e) Depositi (m) Sofferenze su totale prestiti (%) Prestiti vivi su totale prestiti (%) dicembre , ,2 216, ,1 1,88 98,12 gennaio , ,5 217, ,8 1,86 98,14 febbraio , ,7 223, ,3 1,90 98,10 marzo , ,1 231, ,1 1,96 98,04 aprile , ,6 237, ,3 1,99 98,01 maggio , ,0 226, ,5 1,90 98,10 giugno , ,4 234, ,8 1,93 98,07 luglio , ,3 250, ,0 2,02 97,98 agosto , ,5 258, ,5 2,10 97,90 settembre , ,1 265, ,7 2,11 97,89 ottobre , ,1 278, ,4 2,19 97,81 novembre , ,7 245, ,1 1,93 98,07 dicembre , ,9 262, ,6 2,02 97,98 gennaio , ,3 271, ,9 2,07 97,93 febbraio , ,0 316, ,6 2,44 97,56 marzo , ,6 321, ,8 2,48 97,52 aprile , ,7 348, ,4 2,69 97,31 maggio , ,4 373, ,5 2,93 97,07 giugno , ,3 360, ,1 2,84 97,16 luglio , ,2 367, ,1 2,90 97,10 agosto , ,3 382, ,6 3,05 96,95 settembre , ,9 418, ,0 3,35 96,65 ottobre , ,6 444, ,3 3,57 96,43 novembre , ,7 472, ,7 3,81 96,19 dicembre , ,9 554, ,0 4,53 95,47 gennaio , ,3 575, ,8 4,68 95,32 febbraio , ,6 643, ,1 5,27 94,73 marzo , ,2 786, ,8 6,37 93,63 aprile , ,3 846, ,8 6,85 93,15 maggio , ,4 875, ,3 7,10 92,90 giugno (2) , ,9 867, ,6 6,89 93,11 luglio , ,0 898, ,9 6,57 93,43 agosto , ,7 908, ,6 6,60 93,40 settembre , ,3 926, ,7 6,66 93,34 ottobre , ,1 941, ,5 6,78 93,22 novembre , ,3 945, ,8 6,62 93,38 dicembre , ,7 939, ,0 6,55 93,45 gennaio , , , ,2 6,83 93,17 febbraio , , , ,1 6,86 92,72 marzo , , , ,8 7,00 92,56 aprile , , , ,3 7,14 92,86 maggio , , , ,5 7,02 92,56 giugno , , , ,0 6,89 92,70 luglio , , , ,1 6,97 92,62 agosto , , , ,4 7,18 92,41 Fonti: Banca d'italia ed elaborazioni Ufficio Studi CCIAA Reggio Emilia Note: (1) La statistica riporta il ricalcolo di tutte le serie storiche al fine di uniformare la controparte di riferimento: essa è ora riferita al totale clientela residente escluse le IMF (istituzioni monetarie e finanziarie). In precedenza, venivano escluse dalla clientela residente: il sistema bancario, la Banca centrale e la Cassa DD.PP. I dati si riferiscono alle operazioni effettuate dalle banche con soggetti non bancari residenti. Le variazioni delle consistenze desumibili dalla sezione dedicata ai "PRESTITI" non corrispondono alle variazioni percentuali riportate in altri documenti della Banca in quanto non tengono conto di rettifiche, riclassificazioni e cartolarizzazioni. Le informazioni sulle "sofferenze rettificate" sono tratte dalla rilevazione della Centrale dei Rischi, le altre dalle segnalazioni di Vigilanza. (2) Da giugno 2010, per effetto del Regolamento BCE/2008/32 e di alcune modifiche apportate alle Segnalazioni di vigilanza, le serie storiche dei depositi e dei prestiti registrano una discontinuità statistica. In particolare, la serie storica dei prestiti include tutti i prestiti cartolarizzati, o altrimenti ceduti, che non soddisfano i criteri di cancellazione previsti dai principi contabili internazionali (IAS), in analogia alla redazione dei bilanci. L applicazione ha comportato la re-iscrizione in bilancio di attività precedentemente cancellate e passività ad esse associate, con un conseguente incremento delle serie storiche dei prestiti e dei depositi. (b) Somma di prestiti "vivi", pronti contro termine e sofferenze. (c) Finanziamenti erogati al netto delle operazioni pronti contro termine e delle sofferenze. (e) Ammontare dell intera esposizione, escluso le sofferenze su titoli e assimilati, nei confronti di soggetti non bancari classificati in sofferenza. (h) L'aggregato fa riferimento al settore "produttivo" rappresentato dalle società non finanziarie e dalle famiglie produttrici. (m) Raccolta effettuata dalle banche sotto forma di: depositi (con durata prestabilita, a vista, overnight e rimborsabili con preavviso), buoni fruttiferi, certificati di deposito, conti correnti e pronti contro termine passivi. A partire da dicembre 2008 l'aggregato comprende anche gli assegni circolari. 12 Servizio Studi

13 Prestiti vivi, depositi e sofferenze delle imprese in provincia di Reggio Emilia milioni di euro dic-07 mar-08 giu-08 set-08 dic-08 mar-09 giu-09 set-09 dic-09 mar-10 ago-10 nov-10 feb-11 Prestiti vivi Sofferenze Depositi mag-11 ago-11 Servizio Studi 13

14 14 Servizio Studi

15 Sofferenze e prestiti vivi per famiglie e imprese in provincia di Reggio Emilia (% sul totale prestiti) dicembre 2007 agosto 2011 Servizio Studi 15

16 Sofferenze e prestiti vivi per famiglie e imprese in provincia di Reggio Emilia dicembre agosto 2011 (2) % sul totale prestiti TOTALE FAMIGLIE (g) di cui: IMPRESE (h) Periodo Sofferenze su totale prestiti (1) (b) % Prestiti vivi su totale prestiti (1) (b) % Sofferenze su totale prestiti % Prestiti vivi su totale prestiti % Sofferenze su totale prestiti % Prestiti vivi su totale prestiti % dicembre ,60 98,39 1,50 98,44 1,88 98,12 gennaio ,60 98,39 1,55 98,40 1,86 98,14 febbraio ,64 98,35 1,56 98,40 1,90 98,10 marzo ,67 98,32 1,57 98,40 1,96 98,04 aprile ,71 98,28 1,71 98,25 1,99 98,01 maggio ,50 98,49 1,54 98,45 1,90 98,10 giugno ,65 98,35 1,55 98,44 1,93 98,07 luglio ,72 98,27 1,60 98,35 2,02 97,98 agosto ,79 98,20 1,63 98,35 2,10 97,90 settembre ,86 97,80 1,65 98,31 2,11 97,89 ottobre ,87 97,81 1,69 98,30 2,19 97,81 novembre ,62 98,38 1,35 98,64 1,93 98,07 dicembre ,72 98,28 1,58 98,40 2,02 97,98 gennaio ,79 98,20 1,64 98,33 2,07 97,93 febbraio ,07 97,93 1,78 98,21 2,44 97,56 marzo ,11 97,88 1,85 98,12 2,48 97,52 aprile ,28 97,72 1,96 98,01 2,69 97,31 maggio ,47 97,52 2,06 97,90 2,93 97,07 giugno ,45 97,54 2,15 97,80 2,84 97,16 luglio ,48 97,50 2,21 97,74 2,90 97,10 agosto ,62 97,37 2,28 97,66 3,05 96,95 settembre ,87 97,11 2,56 97,38 3,35 96,65 ottobre ,07 96,92 2,67 97,26 3,57 96,43 novembre ,23 96,75 2,78 97,16 3,81 96,19 dicembre ,74 96,25 3,01 96,95 4,53 95,47 gennaio ,89 96,10 3,05 96,91 4,68 95,32 febbraio ,28 95,70 3,15 96,80 5,27 94,73 marzo ,95 95,04 3,28 96,67 6,37 93,63 aprile ,24 94,74 3,39 96,54 6,85 93,15 maggio ,47 94,52 3,61 96,37 7,10 92,90 giugno 2010 (2) 5,15 94,85 3,44 96,53 6,89 93,11 luglio ,05 94,94 3,58 96,39 6,57 93,43 agosto ,11 94,88 3,70 96,25 6,60 93,40 settembre ,16 94,83 3,81 96,14 6,66 93,34 ottobre ,28 94,71 3,87 96,09 6,78 93,22 novembre ,19 94,80 3,99 95,97 6,62 93,38 dicembre ,15 94,84 4,13 95,83 6,55 93,45 gennaio ,44 94,55 4,51 95,46 6,83 93,17 febbraio ,52 94,19 4,65 95,31 6,86 92,72 marzo ,59 94,12 4,72 95,24 7,00 92,56 aprile ,72 94,27 4,79 95,17 7,14 92,86 maggio ,66 94,06 4,80 95,15 7,02 92,56 giugno ,58 94,14 5,02 94,96 6,89 92,70 luglio ,66 94,07 5,07 94,91 6,97 92,62 agosto ,82 93,91 5,17 94,82 7,18 92,41 Fonti Banca d'italia ed elaborazioni Ufficio Studi CCIAA Reggio Emilia Note: Cfr. note pagine precedenti 16 Servizio Studi

17 Sofferenze totali, delle famiglie e delle imprese in provincia di Reggio Emilia (% sul totale prestiti) 8,0 7,5 7,0 6,5 6,0 5,5 5,0 4,5 4,0 3,5 3,0 2,5 2,0 1,5 1,0 0,5 0,0 dic-07 mar-08 giu-08 set-08 dic-08 mar-09 giu-09 set-09 dic-09 mar-10 ago-10 nov-10 feb-11 mag-11 ago-11 Totale Famiglie Imprese Servizio Studi 17

18 18 Servizio Studi

19 Sofferenze in provincia di Reggio Emilia, in Emilia Romagna e in Italia (% sul totale prestiti) dicembre 2007 agosto 2011 Servizio Studi 19

20 Sofferenze totale clientela residente in provincia di Reggio Emilia, in Emilia Romagna e in Italia dicembre agosto 2011 (2) % sul totale prestiti Sofferenze su totale prestiti (%) Periodo REGGIO EMILIA EMILIA ROMAGNA ITALIA dicembre ,60 2,62 3,13 gennaio ,60 2,62 3,12 febbraio ,64 2,64 3,15 marzo ,67 2,67 3,17 aprile ,71 2,64 2,92 maggio ,50 2,57 2,92 giugno ,65 2,57 2,92 luglio ,72 2,56 2,92 agosto ,79 2,44 2,80 settembre ,86 2,47 2,81 ottobre ,87 2,49 2,76 novembre ,62 2,21 2,53 dicembre ,72 2,27 2,62 gennaio ,79 2,33 2,68 febbraio ,07 2,43 2,75 marzo ,11 2,49 2,86 aprile ,28 2,58 2,96 maggio ,47 2,67 3,04 giugno ,45 2,70 3,08 luglio ,48 2,75 3,19 agosto ,62 2,83 3,30 settembre ,87 2,96 3,48 ottobre ,07 3,07 3,60 novembre ,23 3,16 3,64 dicembre ,74 3,32 3,69 gennaio ,89 3,35 3,76 febbraio ,28 3,50 3,85 marzo ,95 3,67 3,96 aprile ,24 3,77 4,05 maggio ,47 3,83 4,15 giugno 2010 (2) 5,15 3,81 4,06 luglio ,05 3,85 4,15 agosto ,11 3,94 4,21 settembre ,16 4,01 4,25 ottobre ,28 4,08 4,37 novembre ,19 4,08 4,37 dicembre ,15 4,30 4,49 gennaio ,44 4,68 5,19 febbraio ,52 4,75 5,25 marzo ,59 4,88 5,35 aprile ,72 4,98 5,43 maggio ,66 4,98 5,46 giugno ,58 4,99 4,93 luglio ,66 5,10 5,02 agosto ,82 5,17 5,09 Fonti: Banca d'italia ed elaborazioni Ufficio Studi CCIAA Reggio Emilia Note: Cfr. note pagine precedenti 20 Servizio Studi

21 Sofferenze totale clientela residente in provincia di Reggio Emilia, Emilia Romagna, Italia (% sul totale prestiti) 6,0 5,5 5,0 4,5 4,0 3,5 3,0 2,5 2,0 1,5 1,0 0,5 0,0 dic-07 mar-08 giu-08 set-08 dic-08 mar-09 giu-09 set-09 dic-09 mar-10 ago-10 nov-10 feb-11 mag-11 ago-11 Reggio Emilia Emilia Romagna Italia Servizio Studi 21

22 Sofferenze delle famiglie in provincia di Reggio Emilia, in Emilia Romagna e in Italia dicembre agosto 2011 (2) % sul totale prestiti Sofferenze delle famiglie su totale prestiti (%) Periodo REGGIO EMILIA EMILIA ROMAGNA ITALIA dicembre ,50 2,16 2,88 gennaio ,55 2,21 2,91 febbraio ,56 2,24 2,91 marzo ,57 2,26 3,01 aprile ,71 2,28 2,86 maggio ,54 2,22 2,81 giugno ,55 2,20 2,83 luglio ,60 2,21 2,79 agosto ,63 2,21 2,67 settembre ,65 2,23 2,69 ottobre ,69 2,24 2,62 novembre ,35 1,88 2,32 dicembre ,58 2,01 2,44 gennaio ,64 2,05 2,48 febbraio ,78 2,13 2,57 marzo ,85 2,20 2,62 aprile ,96 2,32 2,68 maggio ,06 2,35 2,73 giugno ,15 2,39 2,77 luglio ,21 2,43 2,82 agosto ,28 2,48 2,88 settembre ,56 2,58 3,02 ottobre ,67 2,66 3,08 novembre ,78 2,71 3,12 dicembre ,01 2,83 3,24 gennaio ,05 2,86 3,25 febbraio ,15 2,92 3,32 marzo ,28 3,01 3,39 aprile ,39 3,05 3,44 maggio ,61 3,14 3,50 giugno 2010 (2) 3,44 2,96 3,25 luglio ,58 3,03 3,32 agosto ,70 3,10 3,39 settembre ,81 3,17 3,45 ottobre ,87 3,19 3,50 novembre ,99 3,25 3,57 dicembre ,13 3,31 3,63 gennaio ,51 3,71 4,38 febbraio ,65 3,78 4,43 marzo ,72 3,86 4,45 aprile ,79 3,92 4,48 maggio ,80 3,94 4,49 giugno ,02 4,05 4,56 luglio ,07 4,09 4,60 agosto ,17 4,13 4,65 Fonti: Banca d'italia ed elaborazioni Ufficio Studi CCIAA Reggio Emilia Note: 22 Servizio Studi

23 Sofferenze delle famiglie in provincia di Reggio Emilia, Emilia Romagna, Italia (% sul totale prestiti) 6,0 5,5 5,0 4,5 4,0 3,5 3,0 2,5 2,0 1,5 1,0 0,5 0,0 dic-07 mar-08 giu-08 set-08 dic-08 mar-09 giu-09 set-09 dic-09 mar-10 ago-10 nov-10 feb-11 mag-11 ago-11 Reggio Emilia Emilia Romagna Italia Servizio Studi 23

24 Sofferenze delle imprese in provincia di Reggio Emilia, in Emilia Romagna e in Italia dicembre agosto 2011 (2) % sul totale prestiti Periodo Sofferenze delle imprese su totale prestiti (%) REGGIO EMILIA EMILIA ROMAGNA ITALIA dicembre ,88 3,15 3,96 gennaio ,86 3,13 3,95 febbraio ,90 3,14 3,96 marzo ,96 3,18 4,01 aprile ,99 3,13 3,67 maggio ,90 3,09 3,69 giugno ,93 3,06 3,65 luglio ,02 3,04 3,67 agosto ,10 2,87 3,50 settembre ,11 2,90 3,52 ottobre ,19 2,94 3,48 novembre ,93 2,65 3,21 dicembre ,02 2,69 3,32 gennaio ,07 2,75 3,39 febbraio ,44 2,88 3,48 marzo ,48 2,95 3,61 aprile ,69 3,04 3,76 maggio ,93 3,16 3,89 giugno ,84 3,21 3,96 luglio ,90 3,30 4,13 agosto ,05 3,40 4,26 settembre ,35 3,56 4,53 ottobre ,57 3,70 4,71 novembre ,81 3,82 4,77 dicembre ,53 4,04 4,88 gennaio ,68 4,08 4,95 febbraio ,27 4,28 5,08 marzo ,37 4,52 5,25 aprile ,85 4,67 5,40 maggio ,10 4,73 5,50 giugno 2010 (2) 6,89 4,82 5,52 luglio ,57 4,88 5,63 agosto ,60 4,96 5,71 settembre ,66 5,04 5,80 ottobre ,78 5,16 5,96 novembre ,62 5,10 5,94 dicembre ,55 5,43 6,15 gennaio ,83 5,84 6,93 febbraio ,86 5,91 7,00 marzo ,00 6,09 7,14 aprile ,14 6,23 7,29 maggio ,02 6,21 7,31 giugno ,89 6,27 7,32 luglio ,97 6,43 7,45 agosto ,18 6,51 7,54 Fonti: Banca d'italia ed elaborazioni Ufficio Studi CCIAA Reggio Emilia Note: 24 Servizio Studi

25 Sofferenze delle imprese in provincia di Reggio Emilia, Emilia Romagna, Italia (% sul totale prestiti) 8,0 7,5 7,0 6,5 6,0 5,5 5,0 4,5 4,0 3,5 3,0 2,5 2,0 1,5 1,0 0,5 0,0 dic-07 mar-08 giu-08 set-08 dic-08 mar-09 giu-09 set-09 dic-09 mar-10 ago-10 nov-10 feb-11 mag-11 ago-11 Reggio Emilia Emilia Romagna Italia Servizio Studi 25

26 26 Servizio Studi

27 Prestiti vivi bancari alle imprese in provincia di Reggio Emilia dicembre 2008 agosto 2011 Servizio Studi 27

28 Prestiti vivi bancari alle imprese per settore di attività economica in provincia di Reggio Emilia (2) (3) dicembre agosto 2011 Valori in milioni di euro Periodo Industria manifatturiera Costruzioni Servizi Altri settori Totale settore produttivo dicembre , , ,97 834, ,90 gennaio , , ,52 833, ,33 febbraio , , ,94 809, ,00 marzo , , ,98 822, ,55 aprile , , ,25 800, ,70 maggio , , ,57 770, ,44 giugno , , ,47 807, ,25 luglio , , ,98 823, ,22 agosto , , ,67 825, ,31 settembre , , ,06 801, ,89 ottobre , , ,88 824, ,58 novembre , , ,54 681, ,69 dicembre , , ,07 666, ,90 gennaio , , ,73 706, ,26 febbraio , , ,22 678, ,63 marzo , , ,58 671, ,21 aprile , , ,37 666, ,33 maggio , , ,54 672, ,37 giugno 2010 (2) 3.931, , ,15 728, ,93 luglio , , ,36 763, ,95 agosto , , ,75 721, ,71 settembre , , ,58 783, ,34 ottobre , , ,37 813, ,10 novembre , , ,44 835, ,27 dicembre , , ,40 811, ,71 gennaio , , ,52 842, ,65 febbraio , , ,95 840, ,03 marzo , , ,99 848, ,60 aprile , , ,64 848, ,46 maggio , , ,01 835, ,91 giugno , , ,93 801, ,06 luglio , , ,79 844, ,67 agosto , , ,39 840, ,82 Fonti: Banca d'italia ed elaborazioni Ufficio Studi CCIAA Reggio Emilia Note: (2) Cfr. note pagine precedenti (3) Con le segnalazioni di giugno 2010, in sostituzione della precedente classificazione proprietaria di cui alla Circ. 140/1991, viene adottata la classificazione ATECO 2007 predisposta dall ISTAT. Pertanto, dalla stessa data, la ripartizione per "macro attività dei Prestiti al settore produttivo è composta come segue: Industria manifatturiera, Costruzioni, Servizi (commercio, trasporti, alberghi e ristoranti, servizi alle imprese e alle persone); Altri (agricoltura, estrazione e simili). Ogni confronto con i dati retrospettivi a giugno 2010 diventa di conseguenza di difficile lettura a causa dei sostanziali cambiamenti imposti dall'adozione della codifica Istat Ateco Servizio Studi

29 Prestiti vivi in provincia di Reggio Emilia per attività economica milioni di euro dic-08 feb-09 apr-09 giu-09 ago-09 ott-09 dic-09 feb-10 apr-10 lug-10 set-10 nov-10 gen-11 mar-11 mag-11 lug-11 Industria manifatturiera Costruzioni Servizi Altri settori Servizio Studi 29

30 Prestiti vivi bancari alle imprese per dimensione in provincia di Reggio Emilia (2) dicembre agosto 2011 Valori in milioni di euro Periodo Fonti: Banca d'italia ed elaborazioni Ufficio Studi CCIAA Reggio Emilia Note: Cfr. note pagine precedenti Imprese con meno di 20 addetti Imprese con almeno 20 addetti Totale dicembre , , ,90 gennaio , , ,33 febbraio , , ,00 marzo , , ,55 aprile , , ,70 maggio , , ,44 giugno , , ,25 luglio , , ,22 agosto , , ,31 settembre , , ,89 ottobre , , ,58 novembre , , ,69 dicembre , , ,90 gennaio , , ,26 febbraio , , ,63 marzo , , ,21 aprile , , ,33 maggio , , ,37 0,00 giugno 2010 (2) 2.009, , ,93 luglio , , ,95 agosto , , ,71 settembre , , ,34 ottobre , , ,10 novembre , , ,27 dicembre , , ,71 gennaio , , ,65 febbraio , , ,03 marzo , , ,60 aprile , , ,46 maggio , , ,91 giugno , , ,06 luglio , , ,67 agosto , , ,82 30 Servizio Studi

31 Prestiti vivi delle imprese con meno di 20 addetti in provincia di Reggio Emilia dic-08 m ar-09 g iu-09 set-09 dic-09 m ar-10 g iu-10 set-10 dic-10 m ar-11 g iu-11 Prestiti vivi delle imprese con almeno 20 addetti in provincia di Reggio Emilia dic-0 8 m a r-09 g iu-09 set-09 dic-0 9 m a r-10 g iu-10 set-10 dic-1 0 m a r-11 g iu-11 Servizio Studi 31

32 32 Servizio Studi

33 Rapporto prestiti/depositi in Provincia di Reggio Emilia, in Emilia Romagna e in Italia dicembre 2007 agosto 2011 Servizio Studi 33

34 Rapporto prestiti depositi totale clientela residente in provincia di Reggio Emilia, Emilia Romagna, Italia (2) dicembre agosto 2011 Periodo Rapporto prestiti depositi Reggio Emilia Emilia Romagna Italia dicembre ,4 193,9 176,6 gennaio ,2 196,4 178,4 febbraio ,5 196,2 180,3 marzo ,3 193,7 178,6 aprile ,0 193,1 174,9 maggio ,7 189,4 173,2 giugno ,4 191,3 177,2 luglio ,8 196,4 178,7 agosto ,7 194,6 177,7 settembre ,5 192,3 175,9 ottobre ,4 188,4 174,6 novembre ,3 187,7 173,8 dicembre ,3 188,0 168,4 gennaio ,4 189,7 170,1 febbraio ,1 192,2 172,4 marzo ,5 193,3 171,0 aprile ,9 190,4 167,9 maggio ,7 189,9 167,4 giugno ,1 189,9 167,6 luglio ,9 190,7 168,8 agosto ,7 189,6 168,4 settembre ,7 186,3 166,2 ottobre ,2 184,9 164,2 novembre ,1 185,7 166,1 dicembre ,7 178,0 161,3 gennaio ,6 183,4 160,3 febbraio ,0 185,6 162,1 marzo ,7 187,8 161,4 aprile ,6 187,8 158,9 maggio ,6 188,2 157,0 giugno 2010 (2) 221,7 193,3 157,6 luglio ,3 195,1 159,6 agosto ,9 199,3 163,0 settembre ,4 201,7 164,7 ottobre ,7 197,3 162,8 novembre ,9 208,3 167,0 dicembre ,7 200,0 161,5 gennaio ,1 208,6 167,1 febbraio ,2 208,3 167,8 marzo ,0 209,3 168,2 aprile ,4 205,3 166,3 maggio ,6 209,9 168,5 giugno ,6 187,8 155,9 luglio ,9 185,6 154,9 agosto ,8 187,1 155,2 Fonti: Banca d'italia ed elaborazioni Ufficio Studi CCIAA Reggio Emilia Note: Cfr. note pagine precedenti 34 Servizio Studi

35 Rapporto Prestiti-Depositi totale clientela residente in provincia di Reggio Emilia, Emilia Romagna e Italia dic-07 mar-08 giu-08 set-08 dic-08 mar-09 giu-09 set-09 dic-09 mar-10 ago-10 nov-10 feb-11 Reggio Emilia Emilia Romagna Italia mag-11 ago-11 Servizio Studi 35

36 Rapporto prestiti depositi famiglie in provincia di Reggio Emilia, Emilia Romagna, Italia (2) dicembre agosto 2011 Periodo Rapporto prestiti depositi famiglie Reggio Emilia Emilia Romagna Italia dicembre ,9 74,0 70,8 gennaio ,3 71,7 70,3 febbraio ,3 71,8 70,8 marzo ,7 71,6 69,1 aprile ,0 70,4 68,0 maggio ,5 68,8 67,2 giugno ,6 70,2 67,8 luglio ,7 69,5 68,2 agosto ,7 68,9 68,2 settembre ,8 67,6 68,1 ottobre ,7 65,9 67,7 novembre ,4 65,2 67,7 dicembre ,8 62,0 64,2 gennaio ,4 62,3 64,5 febbraio ,6 62,4 64,6 marzo ,0 63,0 65,0 aprile ,8 62,7 64,7 maggio ,5 63,9 65,5 giugno ,8 64,9 66,7 luglio ,2 64,3 66,6 agosto ,9 63,7 66,6 settembre ,9 63,6 67,0 ottobre ,0 63,8 67,1 novembre ,8 63,2 67,4 dicembre ,2 61,7 65,8 gennaio ,3 62,8 66,6 febbraio ,8 63,4 67,2 marzo ,7 65,8 68,8 aprile ,2 66,9 69,4 maggio ,9 67,4 70,3 giugno 2010 (2) 86,2 75,8 79,9 luglio ,0 76,0 80,6 agosto ,2 75,9 80,6 settembre ,9 76,7 81,1 ottobre ,0 77,2 81,7 novembre ,6 80,0 83,9 dicembre ,9 78,2 82,0 gennaio ,1 78,6 82,7 febbraio ,2 79,0 82,9 marzo ,5 81,2 84,7 aprile ,7 81,6 85,1 maggio ,2 82,0 86,0 giugno ,2 68,4 63,6 luglio ,9 68,6 64,2 agosto ,9 68,2 64,0 Fonti: Banca d'italia ed elaborazioni Ufficio Studi CCIAA Reggio Emilia Note: Cfr. note pagine precedenti 36 Servizio Studi

37 Rapporto Prestiti-Depositi famiglie in provincia di Reggio Emilia, Emilia Romagna e Italia dic-07 mar-08 giu-08 set-08 dic-08 mar-09 giu-09 set-09 dic-09 mar-10 ago-10 nov-10 feb-11 Reggio Emilia Emilia Romagna Italia mag-11 ago-11 Servizio Studi 37

38 Rapporto prestiti depositi imprese in provincia di Reggio Emilia, Emilia Romagna, Italia (2) dicembre agosto 2011 Periodo Rapporto prestiti depositi imprese Reggio Emilia Emilia Romagna Italia dicembre ,4 436,2 422,4 gennaio ,5 473,6 445,0 febbraio ,0 479,3 447,9 marzo ,8 469,7 438,6 aprile ,4 467,2 426,5 maggio ,5 449,2 414,8 giugno ,1 455,3 431,0 luglio ,5 470,9 434,2 agosto ,9 465,0 434,6 settembre ,1 466,7 435,7 ottobre ,4 464,1 433,1 novembre ,4 460,8 430,7 dicembre ,6 484,4 447,0 gennaio ,0 497,7 462,3 febbraio ,2 506,6 463,9 marzo ,6 503,7 455,0 aprile ,1 496,3 442,7 maggio ,8 476,7 429,8 giugno ,8 467,7 431,2 luglio ,7 470,7 432,0 agosto ,8 474,0 435,6 settembre ,2 451,2 425,9 ottobre ,3 445,3 411,8 novembre ,5 463,5 434,2 dicembre ,9 442,7 419,6 gennaio ,5 470,7 438,6 febbraio ,6 477,8 438,6 marzo ,7 462,3 422,8 aprile ,4 455,8 414,3 maggio ,4 444,8 415,6 giugno 2010 (2) 476,6 441,4 423,7 luglio ,6 442,5 416,3 agosto ,4 466,1 434,9 settembre ,9 467,2 440,0 ottobre ,5 434,9 412,4 novembre ,0 478,3 451,5 dicembre ,0 441,7 427,9 gennaio ,9 499,2 475,6 febbraio ,4 500,0 477,1 marzo ,1 480,3 460,8 aprile ,4 454,1 436,1 maggio ,1 472,0 452,3 giugno ,0 470,1 457,4 luglio ,3 456,0 438,4 agosto ,5 477,6 460,9 Fonti: Banca d'italia ed elaborazioni Ufficio Studi CCIAA Reggio Emilia Note: Cfr. note pagine precedenti 38 Servizio Studi

39 Rapporto Prestiti-Depositi imprese in provincia di Reggio Emilia, Emilia Romagna e Italia dic-07 mar-08 giu-08 set-08 dic-08 mar-09 giu-09 set-09 dic-09 mar-10 ago-10 nov-10 feb-11 Reggio Emilia Emilia Romagna Italia mag-11 ago-11 Servizio Studi 39

40 RECENTI AGGIORNAMENTI La crescita dei prestiti a partire da luglio 2011 è in moderata decelerazione (più moderata in Regione rispetto alla provincia di Reggio Emilia che nei trimestri precedenti da settembre aveva però registrato incrementi più elevati rispetto alla Regione). Fra le imprese, gli incrementi più significativi si osservano per le grandi. In crescita, pur con un tendenziale rallentamento anche i prestiti alle famiglie produttrici. Sembrano, invece, avviarsi verso un calo i prestiti alle piccole imprese. I criteri di offerta si sono irrigiditi soprattutto per le imprese più rischiose e per quelle del comparto delle costruzioni. Lo sostengono: 1) sul fronte della domanda: il 35% delle imprese ed il 47% delle sole costruttrici rilevando: - aumento dei tassi d interesse - aumento dei costi accessori; 2) sul fronte dell offerta: gli intermediari bancari (indagine settembre 2011), segnalando condizioni di offerta più selettive con richiesta di maggiori garanzie: - per la maggior rischiosità percepita; - per i maggiori costi di provvista. Rimane elevata la rischiosità dei crediti alle imprese non finanziarie. Prosegue, pur attenuandosi, soprattutto per le famiglie, la flessione della raccolta bancaria sotto forma di depositi. Da: Banca d Italia, Economie Regionali - novembre Servizio Studi

41 Servizio Studi 41

IX. Credito e giustizia. Protesti cambiari. Fallimenti. Prestiti e depositi bancari. Numero sportelli bancari. Per approfondimenti:

IX. Credito e giustizia. Protesti cambiari. Fallimenti. Prestiti e depositi bancari. Numero sportelli bancari. Per approfondimenti: IX. Credito e giustizia Protesti cambiari Fallimenti Prestiti e depositi bancari Numero sportelli bancari Per approfondimenti: www.bancaditalia.it 73 PROTESTI CAMBIARI anno ASSEGNI CAMBIALI TRATTE ACCETTATE

Dettagli

Al 30/06/2011 DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA. N. 10/2011 dicembre 2011 QUADERNI DI APPROFONDIMENTO. Fonte dati Banca d'italia

Al 30/06/2011 DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA. N. 10/2011 dicembre 2011 QUADERNI DI APPROFONDIMENTO. Fonte dati Banca d'italia DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA Al 30/06/2011 QUADERNI DI APPROFONDIMENTO N. 10/2011 dicembre 2011 Fonte dati Banca d'italia Elaborazioni Ufficio Studi e Statistica Premessa Le statistiche

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Giugno 2017 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Giugno 2017 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Giugno 2017 (principali evidenze) PRESTITI E RACCOLTA 1. A fine maggio 2017 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.800 miliardi di euro

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Aprile 2017 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Aprile 2017 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Aprile 2017 (principali evidenze) PRESTITI E RACCOLTA 1. A fine marzo 2017 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.804,3 miliardi di euro

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Maggio 2017 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Maggio 2017 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Maggio 2017 (principali evidenze) PRESTITI E RACCOLTA 1. A fine aprile 2017 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.799,6 miliardi di euro

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Febbraio 2017 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Febbraio 2017 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Febbraio 2017 (principali evidenze) PRESTITI E RACCOLTA 1. A fine gennaio 2017 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.805,7 miliardi di

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Luglio 2017 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Luglio 2017 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Luglio 2017 (principali evidenze) PRESTITI E RACCOLTA 1. A fine giugno 2017 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.805,5 miliardi di euro

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Aprile 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Aprile 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Aprile 2015 (principali evidenze) 1. A marzo 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.820 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Luglio 2016 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Luglio 2016 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Luglio 2016 (principali evidenze) 1. A giugno 2016 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825,9 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Giugno 2016 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Giugno 2016 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Giugno 2016 (principali evidenze) 1. A maggio 2016 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.817,6 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Marzo 2016 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Marzo 2016 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Marzo 2016 (principali evidenze) 1. A febbraio 2016 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.826,8 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Dicembre 2016 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Dicembre 2016 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Dicembre 2016 (principali evidenze) PRESTITI E RACCOLTA 1. A novembre 2016 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.814,5 miliardi di euro

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2014 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2014 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2014 (principali evidenze) 1. A novembre 2014 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.813,3 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2017 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2017 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2017 (principali evidenze) PRESTITI E RACCOLTA 1. A fine 2016 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.807,7 miliardi di euro (cfr.

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2015 (principali evidenze) 1. A febbraio 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.821 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Novembre 2016 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Novembre 2016 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Novembre 2016 (principali evidenze) PRESTITI E RACCOLTA 1. A ottobre 2016 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.804,3 miliardi di euro

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Novembre 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Novembre 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Novembre 2015 (principali evidenze) 1. Ad ottobre 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.814,5 miliardi di euro (cfr. Tabella 1)

Dettagli

Supplementi al Bollettino Statistico

Supplementi al Bollettino Statistico Supplementi al Bollettino Statistico Indicatori monetari e finanziari Moneta e banche Nuova serie 12 Anno XXI - 8 Marzo 2011 Avviso AVVISO A partire dal Supplemento n. 7 dell'8 febbraio 2011, vengono pubblicate

Dettagli

Supplementi al Bollettino Statistico

Supplementi al Bollettino Statistico Supplementi al Bollettino Statistico Indicatori monetari e finanziari Moneta e banche Nuova serie 7 Anno XXIII - 8 Febbraio 2013 Avviso AVVISO Il Supplemento è articolato in tre sezioni: 1. Statistiche

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 14 Gennaio 2013 Tenui segnali di ripresa TENUI SEGNALI DI RIPRESA Alla fine del 2012 sono emersi primi segnali di interruzione della fase di contrazione degli impieghi. Su base

Dettagli

IX. Credito e giustizia. Protesti cambiari. Fallimenti. Impieghi e depositi bancari. Numero sportelli bancari. Per approfondimenti:

IX. Credito e giustizia. Protesti cambiari. Fallimenti. Impieghi e depositi bancari. Numero sportelli bancari. Per approfondimenti: IX. Credito e giustizia Protesti cambiari Fallimenti Impieghi e depositi bancari Numero sportelli bancari Per approfondimenti: www.bancaditalia.it PROTESTI CAMBIARI anno ASSEGNI CAMBIALI TRATTE ACCETTATE

Dettagli

La congiuntura del credito in Italia e in Emilia-Romagna. Servizio Studi e Ricerche

La congiuntura del credito in Italia e in Emilia-Romagna. Servizio Studi e Ricerche La congiuntura del credito in Italia e in Emilia-Romagna Servizio Studi e Ricerche INTESA_SANPAOLO_COL 0 Bologna, 22 Marzo 2011 Ada Andamento del credito a livello nazionale Il credito in Emilia-Romagna

Dettagli

Congiuntura economica

Congiuntura economica Congiuntura economica Credito Dati regionali I Trimestre 2017 2 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA 2017 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Presidenza Servizio della Statistica regionale Viale Trento, 69-09123

Dettagli

Supplementi al Bollettino Statistico

Supplementi al Bollettino Statistico Supplementi al Bollettino Statistico Indicatori monetari e finanziari Istituzioni finanziarie monetarie: banche e fondi comuni monetari Nuova serie Anno XV Numero 18-1 Aprile 2005 BANCA D ITALIA - CENTRO

Dettagli

La congiuntura del credito in Emilia-Romagna. Direzione Centrale Studi e Ricerche

La congiuntura del credito in Emilia-Romagna. Direzione Centrale Studi e Ricerche La congiuntura del credito in Emilia-Romagna Direzione Centrale Studi e Ricerche 1 3 aprile 217 Resta negativo il trend dei prestiti alle imprese, accelerano quelli alle famiglie Continua a deludere l

Dettagli

Congiuntura economica

Congiuntura economica Congiuntura economica Credito Dati regionali III Trimestre 2016 2 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA 2016 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Presidenza Servizio della Statistica regionale Viale Trento, 69-09123

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 19 luglio 2017 Lievi miglioramenti I dati del sistema bancario italiano 1 relativi al mese di maggio hanno mostrato lievi miglioramenti nei principali indicatori. Per quel che

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 13 gennaio 2014 Credito senza ripresa Continua la flessione degli impieghi, in presenza di un forte deterioramento del credito. Il settore bancario sembra ancora lontano dall

Dettagli

La congiuntura del credito in Emilia-Romagna. Direzione Centrale Studi e Ricerche 12 ottobre 2017

La congiuntura del credito in Emilia-Romagna. Direzione Centrale Studi e Ricerche 12 ottobre 2017 La congiuntura del credito in Emilia-Romagna Direzione Centrale Studi e Ricerche 12 ottobre 17 Resta negativo l andamento dei prestiti alle imprese, crescita robusta per quelli alle famiglie 1 Continua

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 11 marzo 2016 A passo di gambero I dati di gennaio 2016 del sistema bancario italiano 1 mostrano ancora una volta una situazione incerta. È indubbio che lo scenario sia migliorato

Dettagli

Supplementi al Bollettino Statistico

Supplementi al Bollettino Statistico Supplementi al Bollettino Statistico Indicatori monetari e finanziari Aggregati monetari e creditizi dell area dell euro: le componenti italiane Nuova serie Anno XII Numero 29-3 Giugno 2002 BANCA D ITALIA

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 ottobre 2017 Tassi bassi, sofferenze in calo, poco credito I dati del sistema bancario italiano 1 relativi al mese di agosto mostrano una continuità con quanto analizzato

Dettagli

L economia della Valle d Aosta

L economia della Valle d Aosta L economia della Valle d Aosta L economia della Valle d Aosta è in graduale recupero L economia della Valle d Aosta è in graduale recupero Il miglioramento però ha interessato solo parte dell economia

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 11 febbraio 2016 Rischio sotto controllo I dati di dicembre 2015 del sistema bancario italiano 1 mostrano un rallentamento delle sofferenze. Questo dato è confortante visto che

Dettagli

Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia. Roma, 24 maggio 2010. Gianfranco Torriero

Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia. Roma, 24 maggio 2010. Gianfranco Torriero Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia Roma, 24 maggio 2010 Gianfranco Torriero Agenda 1 > Roe: determinanti della redditività 2 > La qualità del credito e l adeguatezza patrimoniale 3 > Attivi

Dettagli

Dipartimento di economia e statistica

Dipartimento di economia e statistica NUMERO 118 FEBBRAIO 217 Attività economica e occupazione Gli scambi con l'estero e la competitività L'inflazione Il credito La finanza pubblica Le previsioni macroeconomiche 1 7 8 11 12 Dipartimento di

Dettagli

L'inflazione. Il credito. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'inflazione. Il credito. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 12 SETTEMBRE 217 Attività economica e occupazione Gli scambi con l'estero e la competitività L'inflazione Il credito La finanza pubblica Le previsioni macroeconomiche 1 7 8 11 12 Dipartimento di

Dettagli

L'inflazione. Il credito. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'inflazione. Il credito. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 122 GIUGNO 217 Attività economica e occupazione Gli scambi con l'estero e la competitività L'inflazione Il credito La finanza pubblica Le previsioni macroeconomiche 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

L'inflazione. Il credito. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'inflazione. Il credito. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 119 MARZO 217 Attività economica e occupazione Gli scambi con l'estero e la competitività L'inflazione Il credito La finanza pubblica Le previsioni macroeconomiche 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

Il factoring nelle basi informative della Banca d Italia Giugno 2012

Il factoring nelle basi informative della Banca d Italia Giugno 2012 Il factoring nelle basi informative della Banca d Italia Giugno 2012 Il presente rapporto presenta le principali informazioni circa il credito bancario e il factoring presenti sul sito della Banca d Italia,

Dettagli

Indice. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

Indice. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) Numero 1 Agosto 21 Indice Attività economica e occupazione Gli scambi con l'estero e la competitività L'inflazione Il credito La finanza pubblica le previsioni macroeconomiche 1 7 8 11 12 Dipartimento

Dettagli

Attività economica e occupazione. L'inflazione. Il credito. Le previsioni macroeconomiche

Attività economica e occupazione. L'inflazione. Il credito. Le previsioni macroeconomiche NUMERO 18 APRILE 216 Attività economica e occupazione Gli scambi con l'estero e la competitività L'inflazione Il credito La finanza pubblica Le previsioni macroeconomiche 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia

Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Roma, 14 dicembre 2012 Alcuni fatti Le imprese in Italia - attive: 5.300.000 - con debiti bancari > 30.000 euro: 1.900.000

Dettagli

L'inflazione. Il credito. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'inflazione. Il credito. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 117 GENNAIO 217 Attività economica e occupazione Gli scambi con l'estero e la competitività L'inflazione Il credito La finanza pubblica Le previsioni macroeconomiche 1 7 8 11 12 Dipartimento di

Dettagli

Rapporto Trimestrale n 30 Andamenti congiunturali. Edizione Ottobre 2011

Rapporto Trimestrale n 30 Andamenti congiunturali. Edizione Ottobre 2011 Rapporto Trimestrale n 3 Andamenti congiunturali Edizione Ottobre 211 1 Premessa I report dell Osservatorio permanente sui rapporti banche e imprese - costituito da Abi, Asso Confidi Italia, Casartigiani,

Dettagli

L'inflazione. Il credito. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) Ita-coin

L'inflazione. Il credito. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) Ita-coin NUMERO 114 OTTOBRE 216 Attività economica e occupazione Gli scambi con l'estero e la competitività L'inflazione Il credito La finanza pubblica Le previsioni macroeconomiche 1 7 8 11 12 Dipartimento di

Dettagli

Il factoring nella Base Dati Statistica della Banca d Italia Dicembre 2015

Il factoring nella Base Dati Statistica della Banca d Italia Dicembre 2015 Il factoring nella Base Dati Statistica della Banca d Italia Dicembre 2015 Il rapporto presenta le principali informazioni circa il credito bancario e il factoring disponibili sul sito della Banca d Italia,

Dettagli

L'inflazione. Il credito. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'inflazione. Il credito. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 126 OTTOBRE 217 Attività economica e occupazione Gli scambi con l'estero e la competitività L'inflazione Il credito La finanza pubblica Le previsioni macroeconomiche 1 7 8 11 12 Dipartimento di

Dettagli

Attività economica e occupazione. L'inflazione. Il credito. Le previsioni macroeconomiche

Attività economica e occupazione. L'inflazione. Il credito. Le previsioni macroeconomiche NUMERO 16 FEBBRAIO 216 Attività economica e occupazione Gli scambi con l'estero e la competitività L'inflazione Il credito La finanza pubblica Le previsioni macroeconomiche 1 7 8 11 12 Dipartimento di

Dettagli

L'inflazione. Il credito. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'inflazione. Il credito. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 11 GIUGNO 216 Attività economica e occupazione Gli scambi con l'estero e la competitività L'inflazione Il credito La finanza pubblica Le previsioni macroeconomiche 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

GIUNTA REGIONALE P.F. Sistemi Informativi Statistici e di Controllo di Gestione. L A D I N A M I C A D E L C R nelle Marche

GIUNTA REGIONALE P.F. Sistemi Informativi Statistici e di Controllo di Gestione. L A D I N A M I C A D E L C R nelle Marche GIUNTA REGIONALE P.F. Sistemi Informativi Statistici e di Controllo di Gestione L A D I N A M I C A D E L C R nelle D I T O INDICE Introduzione p.2 1. IMPIEGHI p.3 PRESTITI ALLE FAMIGLIE E ALLE IMPRESE

Dettagli

6 GIORNATA DELL'ECONOMIA ITALO-TEDESCA

6 GIORNATA DELL'ECONOMIA ITALO-TEDESCA 6 GIORNATA DELL'ECONOMIA ITALO-TEDESCA Monica Cellerino, Responsabile Territorio Lombardia Giugno 2012 AGENDA LE BANCHE ITALIANE: ESPOSIZIONE VERSO I PAESI IN DIFFICOLTÀ, RAFFORZAMENTO PATRIMONIALE BASILEA

Dettagli

Depositi e impieghi bancari della Provincia di Monza e Brianza 2015

Depositi e impieghi bancari della Provincia di Monza e Brianza 2015 2016 5 Depositi e impieghi bancari della Provincia di Monza e Brianza 2015 L informazione statistica Deve essere considerata Dalla Pubblica Amministrazione Come una risorsa essenziale per operare meglio

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2016

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2016 CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 216 U.O. Statistica e studi III 216 La nota si basa su una fornitura di dati statistici

Dettagli

27 settembre 2016 CGIL FISAC TOSCANA

27 settembre 2016 CGIL FISAC TOSCANA 27 settembre 2016 CGIL FISAC TOSCANA Report Banche Credito: davvero in Italia più sportelli che all estero? In Toscana calo più accentuato anche degli addetti. Di seguito vengono presentate alcune analisi

Dettagli

Per approfondimenti: VIII. Credito e giustizia. Protesti cambiari. Fallimenti. Prestiti e depositi bancari. Numero sportelli bancari

Per approfondimenti: VIII. Credito e giustizia. Protesti cambiari. Fallimenti. Prestiti e depositi bancari. Numero sportelli bancari VIII. Credito e giustizia Protesti cambiari Fallimenti Prestiti e depositi bancari Numero sportelli bancari Per approfondimenti: www.bancaditalia.it PROTESTI CAMBIARI Anno ASSEGNI CAMBIALI TRATTE ACCETTATE

Dettagli

BANCA D ITALIA. Istruzioni di Vigilanza per le banche

BANCA D ITALIA. Istruzioni di Vigilanza per le banche BANCA D ITALIA Istruzioni di Vigilanza per le banche Circolare n. 229 del 21 aprile 1999-7 Aggiornamento del 5 settembre 2002 ISTRUZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE RIEPILOGO AGGIORNAMENTI Istruzioni di

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA DEL 64 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154

NOTA ESPLICATIVA DEL 64 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154 DIPARTIMENTO ECONOMIA E STATISTICA Servizio Rilevazioni ed Elaborazioni Statistiche NOTA ESPLICATIVA DEL 64 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154 Con la presente nota si forniscono alcune indicazioni di

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 10 settembre 2014 Situazione duale I dati presentati in questo aggiornamento mostrano una frattura tra la situazione delle famiglie e quella delle imprese. Mentre nel primo caso

Dettagli

Fatturato del commercio al dettaglio in provincia di Brescia

Fatturato del commercio al dettaglio in provincia di Brescia CONGIUNTURA DEL COMMERCIO AL 3 TRIMESTRE 2017 Fonte: indagine congiunturale Unioncamere Lombardia. Elaborazioni a cura del Servizio Studi della Camera di Commercio di Brescia. LA DINAMICA CONGIUNTURALE

Dettagli

Supplementi al Bollettino Statistico

Supplementi al Bollettino Statistico Supplementi al Bollettino Statistico Indicatori monetari e finanziari Finanza pubblica, fabbisogno e debito 47 Nuova serie Anno XXIII - 13 Settembre 2013 Indice Indice Figura 1 - Debito delle Amministrazioni

Dettagli

DINAMICA CONGIUNTURALE DEL COMMERCIO AL DETTAGLIO IN PROVINCIA DI BRESCIA

DINAMICA CONGIUNTURALE DEL COMMERCIO AL DETTAGLIO IN PROVINCIA DI BRESCIA CONGIUNTURA DEL COMMERCIO AL 2 TRIMESTRE 2017 Fonte: indagine congiunturale Unioncamere Lombardia. Elaborazioni a cura dell Ufficio Studi e Statistica della Camera di Commercio di Brescia. LA DINAMICA

Dettagli

11. Dati finanziari e bancari

11. Dati finanziari e bancari 11. Dati finanziari e bancari La capitale si offre all osservazione come un contesto territoriale nel quale per ogni euro risparmiato si registrano 2,23 euro di prestiti erogati dalle banche alle famiglie

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2014 SUL MERCATO DELLE CASE PER VACANZA

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2014 SUL MERCATO DELLE CASE PER VACANZA OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2014 SUL MERCATO DELLE CASE PER VACANZA Roma, 1 agosto 2014 Che differenza fa un trimestre, specialmente se è il primo: è sparita la ripresa 0,9 0,8 0,7 0,6

Dettagli

Circolare statistica trimestrale

Circolare statistica trimestrale Circolare statistica trimestrale Short version Settembre 2015 A cura del Servizio Studi, Ricerche e Statistiche Referente del prodotto: Carmen Mazzilis (CMazzilis@federcasse.bcc.it) Sommario 1. Gli assetti

Dettagli

Alcuni dati di contesto dal Rapporto Dentro la crisi

Alcuni dati di contesto dal Rapporto Dentro la crisi Le proposte di Confartigianato per aiutare le micro e piccole imprese a 'vincere' la crisi. Alcuni dati di contesto dal Rapporto Dentro la crisi Iniziativa di confronto con i Parlamentari Misure di sostegno

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 9 - Febbraio PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

Cassa Integrazione, licenziamenti e disoccupazione

Cassa Integrazione, licenziamenti e disoccupazione Rilasciato il 9 maggio 212 Studi e Analisi presenta elaborazioni e indagini prodotte dal Centro Studi nei suoi ambiti d interesse Cassa Integrazione, licenziamenti e disoccupazione aprile 212 a cura di

Dettagli

Previsioni (variazioni %)

Previsioni (variazioni %) Previsioni (variazioni %) 1 dollari per barile; 2 livelli; 3 valori percentuali Elaborazioni CSC su dati Eurostat, Fmi, Cpb, TR Elaborazioni CSC su dati Fmi Paesi Emergenti: Pil (variazione % e peso sul

Dettagli

Nota sul mercato del lavoro Ore autorizzate di CIG (Milano, Monza Brianza, Lodi), Cigo (aziende associate), disoccupazione (Italia, altri paesi).

Nota sul mercato del lavoro Ore autorizzate di CIG (Milano, Monza Brianza, Lodi), Cigo (aziende associate), disoccupazione (Italia, altri paesi). Nota sul mercato del lavoro Ore autorizzate di CIG (Milano, Monza Brianza, Lodi), Cigo (aziende associate), disoccupazione (Italia, altri paesi). In sintesi Le ore di Cassa Integrazione Guadagni autorizzate

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN PIEMONTE: ALCUNI DATI SULLA CRISI

IL MERCATO DEL LAVORO IN PIEMONTE: ALCUNI DATI SULLA CRISI IL MERCATO DEL LAVORO IN PIEMONTE: ALCUNI DATI SULLA CRISI Sommario 1. Gli avviamenti al lavoro...5 2. Le cessazioni dei rapporti di lavoro... 13 3. Le trasformazioni dei rapporti di lavoro... 19 4. La

Dettagli

Lavoro e retribuzioni nelle grandi imprese

Lavoro e retribuzioni nelle grandi imprese 30 Gennaio 2009 Lavoro e retribuzioni nelle grandi imprese Novembre 2008 L Istituto nazionale di statistica comunica i risultati della rilevazione sull occupazione, gli orari di lavoro e le retribuzioni

Dettagli

Cassa Integrazione, licenziamenti e disoccupazione

Cassa Integrazione, licenziamenti e disoccupazione Rilasciato il 16 luglio 212 Studi e Analisi presenta elaborazioni e indagini prodotte dal Centro Studi nei suoi ambiti d interesse Cassa Integrazione, licenziamenti e disoccupazione giugno 212 a cura di

Dettagli

IL 2016 SI CONFERMA NEL COMPLESSO UN ANNO POSITIVO PER IL TURISMO PIACENTINO.

IL 2016 SI CONFERMA NEL COMPLESSO UN ANNO POSITIVO PER IL TURISMO PIACENTINO. Piacenza, 21 Febbraio 2017 IL 2016 SI CONFERMA NEL COMPLESSO UN ANNO POSITIVO PER IL TURISMO PIACENTINO. Piacenzaeconomia presenta in anteprima i dati (provvisori) relativi ai flussi turistici in provincia

Dettagli

Supplementi al Bollettino Statistico

Supplementi al Bollettino Statistico Supplementi al Bollettino Statistico Indicatori monetari e finanziari Finanza pubblica, fabbisogno e debito 30 Nuova serie Anno XXIII - 14 Giugno 2013 Avviso AVVISO FINANZA PUBBLICA, FABBISOGNO E DEBITO

Dettagli

Indice dei prezzi per le rivalutazioni monetarie

Indice dei prezzi per le rivalutazioni monetarie Indice dei prezzi per le rivalutazioni monetarie L indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati (FOI) al netto dei tabacchi viene utilizzato per l adeguamento periodico dei valori

Dettagli

Il mercato del credito per le imprese e le famiglie del FVG

Il mercato del credito per le imprese e le famiglie del FVG centro stam Il mercato del credito per le imprese e le famiglie del FVG REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Assessore regionale alle finanze, patrimonio e programmazione, ambiente, energia e politiche

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 8 - Maggio PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

SERIE STORICA PRINCIPALI INDICI E PARAMETRI

SERIE STORICA PRINCIPALI INDICI E PARAMETRI TASSO LEGALE La determinazione del TASSO LEGALE è prevista dall'articolo 1284 C.C. Sino alla fine del 1997 la misura di detto tasso è stata fissata con provvedimento legislativo. A partire dalla fine del

Dettagli

03/05/2012. Economia biellese 2011: Numeri e tendenze. Roberto Strocco. Unioncamere Piemonte

03/05/2012. Economia biellese 2011: Numeri e tendenze. Roberto Strocco. Unioncamere Piemonte Economia biellese 2011: Numeri e tendenze Roberto Strocco Coordinatore Area Studi e Sviluppo del Territorio Unioncamere Piemonte 1 L epicentro della crisi 800.000 La dinamica del Pil italiano Andamento

Dettagli

Cassa Integrazione, licenziamenti e disoccupazione

Cassa Integrazione, licenziamenti e disoccupazione Rilasciato il 19 giugno 212 Studi e Analisi presenta elaborazioni e indagini prodotte dal Centro Studi nei suoi ambiti d interesse Cassa Integrazione, licenziamenti e disoccupazione maggio 212 a cura di

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 87 - Luglio PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

Il factoring nella Base Dati Statistica della Banca d Italia

Il factoring nella Base Dati Statistica della Banca d Italia Il factoring nella Base Dati Statistica della Banca d Italia Giugno 2017 Il rapporto presenta le principali informazioni sul credito bancario ed il factoring disponibili sul sito della Banca d Italia,

Dettagli

Tab. 13.1 - Sedi e sportelli bancari per gruppi istituzionali di banche: provincia di Cuneo, Piemonte, Italia. Anno 2014 (a)

Tab. 13.1 - Sedi e sportelli bancari per gruppi istituzionali di banche: provincia di Cuneo, Piemonte, Italia. Anno 2014 (a) Capitolo 13 Credito Tab. 13.1 - Sedi e sportelli bancari per gruppi istituzionali di banche: provincia di Cuneo, Piemonte, Italia. Anno 2014 (a) Cuneo Piemonte Italia Sedi Sportelli bancari Banche S.p.a.

Dettagli

Agosto 2015 OCCUPATI E DISOCCUPATI Dati provvisori

Agosto 2015 OCCUPATI E DISOCCUPATI Dati provvisori 30 settembre 2015 Agosto 2015 OCCUPATI E DISOCCUPATI Dati provvisori Per una maggiore integrazione delle informazioni statistiche sul mercato del lavoro, in questo comunicato stampa l'istat fornisce per

Dettagli

COSTRUZIONI: QUADRO ANCORA INCERTO NEI PRIMI SETTE MESI DELL ANNO

COSTRUZIONI: QUADRO ANCORA INCERTO NEI PRIMI SETTE MESI DELL ANNO DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI COSTRUZIONI: QUADRO ANCORA INCERTO NEI PRIMI SETTE MESI DELL ANNO Per l economia italiana si conferma la fase di rallentamento e si delinea in prospettiva una

Dettagli

GLI INDICATORI DI CRISI IN FRIULI VENEZIA GIULIA CIG: DATI INPS E ERGONET MARZO 2010

GLI INDICATORI DI CRISI IN FRIULI VENEZIA GIULIA CIG: DATI INPS E ERGONET MARZO 2010 GLI INDICATORI DI CRISI IN FRIULI VENEZIA GIULIA CIG: DATI INPS E ERGONET MARZO 2010 maggio 2010 La presente scheda è stata curata da Roberta Molaro, esperta dell Agenzia regionale del lavoro della Regione

Dettagli

BOLLETTINO MENSILE DELLE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO ITALIA MARCHE COMUNI CAPOLUOGO DI PROVINCIA. Novembre 2016

BOLLETTINO MENSILE DELLE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO ITALIA MARCHE COMUNI CAPOLUOGO DI PROVINCIA. Novembre 2016 BOLLETTINO MENSILE DELLE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO ITALIA MARCHE COMUNI CAPOLUOGO DI PROVINCIA Novembre 216 ITALIA Novembre 216 Nel mese di novembre 216 l'indice dei prezzi al consumo

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza l andamento dell economia reale e della finanza PL e Credito Bancario Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre 2014 SE Consulting ha avviato un analisi che mette a disposizione delle

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze) PRINCIPALI GRANDEZZE BANCARIE: CONFRONTO 2013 VS 2007 2007 2013 Prestiti all'economia (mld di euro) 1.673 1.851 Raccolta da clientela (mld di euro)

Dettagli

Pisa, 19 dicembre 2011

Pisa, 19 dicembre 2011 Osservatorio sull accesso al credito in provincia di Pisa 211 Pisa, 19 dicembre 211 Alberto Susini Resp. Ufficio Studi, Statistica e Relazioni esterne CCIAA di Pisa ISTITUTO GUGLIELMO TAGLIACARNE per la

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze) 1. A giugno 2013 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.893 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è sempre

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

INDICI ISTAT DEL COSTO DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE DICEMBRE 2014 E MEDIA 2014

INDICI ISTAT DEL COSTO DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE DICEMBRE 2014 E MEDIA 2014 Direzione Affari Economici e Centro Studi INDICI ISTAT DEL COSTO DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE DICEMBRE E MEDIA Dicembre L'indice Istat del costo di costruzione di un fabbricato residenziale

Dettagli

1.4 FAC-SIMILE DI LETTERA DI ATTESTAZIONE

1.4 FAC-SIMILE DI LETTERA DI ATTESTAZIONE 1.4 FAC-SIMILE DI LETTERA DI ATTESTAZIONE Alla Banca d Italia Servizio Rilevazioni Statistiche Divisione Segnalazioni creditizie e finanziarie Via Nazionale, 91 00184 ROMA (denominazione della società)

Dettagli

Depositi e impieghi bancari in provincia di Padova

Depositi e impieghi bancari in provincia di Padova Depositi e impieghi bancari in provincia di Padova al 30 settembre 2011 3 INDICE a pag. - Avvertenze e sintesi delle tendenze 4 Dati assoluti e variazioni % - 30.6-30.9.2011 - Depositi e Impieghi totali

Dettagli

La congiuntura. italiana. Previsione del Pil

La congiuntura. italiana. Previsione del Pil La congiuntura italiana N. 9 NOVEMBRE 2015 Il dato preliminare del Pil nel terzo trimestre conferma il consolidamento della ripresa e gli indicatori mensili segnalano una congiuntura favorevole per i mesi

Dettagli

CONTRATTI COLLETTIVI E RETRIBUZIONI CONTRATTUALI

CONTRATTI COLLETTIVI E RETRIBUZIONI CONTRATTUALI 24 aprile 2012 Marzo 2012 CONTRATTI COLLETTIVI E RETRIBUZIONI CONTRATTUALI Alla fine di marzo 2012 i contratti collettivi nazionali di lavoro in vigore per la parte economica corrispondono al 67,4% degli

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA DEL 58 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154

NOTA ESPLICATIVA DEL 58 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154 DIPARTIMENTO ECONOMIA E STATISTICA Servizio Rilevazioni ed Elaborazioni Statistiche NOTA ESPLICATIVA DEL 58 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154 Con la presente nota si forniscono alcune indicazioni di

Dettagli

Bollettino Economico AppEndicE statistica numero 51 Gennaio 2008

Bollettino Economico AppEndicE statistica numero 51 Gennaio 2008 Bollettino Economico Appendice statistica Numero 51 Gennaio 2008 AVVERTENZE Le elaborazioni, salvo diversa indicazione, sono eseguite dalla Banca d Italia. Segni convenzionali: il fenomeno non esiste;...

Dettagli