Il Muschio. Cooperativa Sociale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Muschio. Cooperativa Sociale"

Transcript

1 Il Muschio Cooperativa Sociale TRASCRIZIONE DEL CORSO DI INTRODUZIONE ALL ERBORISTERIA ORGANIZZATO DALLA SEZIONE WWF DI MORBEGNO * (febbraio - marzo 1998) RELATORE: ERB. ANDREA AZZETTI ** 1

2 INTRODUZIONE Grazie all impegno della sezione del WWF è stato possibile organizzare questo corso di Erboristeria. Durante questo corso verrà aperta una parentesi sull argomento da me preferito: l uso delle piante per il recupero o il mantenimento della salute, sulla base di quanto ci viene tramandato dalla Tradizione Erboristica e dalle ultime ricerche nel campo delle piante medicinali. In questo non facile lavoro si cercherà, nei limiti del concesso, di dare maggiore risalto all uso comune delle piante che, per molte ragioni, deve essere necessariamente tenuto al di fuori da quella pratica terapeutica che va sotto il nome di Fitoterapia - clinico Farmaceutica chiamata anche erroneamente Medicina Erboristica o Naturale o Alternativa e, pertanto, per differenziarla la chiameremo Fitopratica. In altre parole la Fitopratica rifugge sia come teoria che come pratica dalla attività farmacodinamico di quel determinato principio attivo, dando viceversa importanza all attività biologica del fitocomplesso (totum della pianta). Questa chiarezza, a mio avviso, è necessaria perchè la tradizione Erboristica, se é ben presentata, può e deve offrire motivo di serio approfondimento, si all appassionato che al ricercatore, su quel meraviglioso fenomeno che é il rapporto uomo-pianta. L obiettivo che ci si prefigge, in queste serate, é quello di tentare di sensibilizzare verso quel più ampio campo che é il mantenimento della salute, o il suo recupero, attraverso un riequilibrio della omeostasi corporea che va intesa come: condizione di equilibrio interno in cui l organismo si trova, grazie ad un insieme di processi di regolazione e contro regolazione che agiscono ogni qual volta si verifica un allontanamento dell equilibrio. Vale a dire: abbiamo da una parte un quid umorale, dall altra dei meccanismi che ne controllano l uniformità e la stabilità. Ecco perché la fitopratica agisce, per mezzo delle piante medicinali, stimolando o controstimolando (modulando) i suddetti meccanismi. Seguendo questo concetto arriviamo alla conclusione che non ci sono tante preparazioni Erboristiche quante sono le malattie che affliggono l uomo, ma tante quante sono le funzioni fisiologiche dell organismo. In Fitopratica le piante medicinali vengono classificate esclusivamente in funzione delle loro capacità di stimolare determinate funzioni dell organismo. Con tale classificazione viene semplificato al massimo il repertorio in quanto viene escluso ogni riferimento sintomatico (cura dei sintomi di una determinata malattia) come esempio: antibiotico, antidiabetico, antispasmodico, ecc.. Perciò, in Erboristeria, in genere, abbiamo tanti erborati quante sono le funzioni fisiologiche, rispettando la regola Olista (olistica infatti deriva del greco olos che significa "globalità") In altre parole, l olismo sostiene che la materia vivente non é solo la somma di parti distinte, ma totalità integrata senza alcuna soluzione di continuità tra materia ed energia, non parti distinte che compongono l intero, ma l intero composto da parti distinte. PIANTE MEDICINALI E OFFICINALI Per l organizzazione mondiale della sanità (O.M.S.) la diversità fra piante medicinali e officinali, sta nel fatto che le erbe medicinali contengono delle sostanze che possono essere impiegate per usi terapeutici, mentre officinali sono già state riconosciute ufficialmente per preparare delle specialità medicinali. La pianta medicinale, considerata nel suo aspetto di organismo vegetale unitario, è costituita da un complesso di sostanze ciascuna delle quali ha un preciso significato ed una ben determinata funzione. Questi composti, che terapeuticamente possono essere catalogati come attivi e inerti, agiscono sul nostro organismo sempre in maniera blanda e graduale, poiché ad una azione principale operata dal 2

3 costituente attivo corrispondo altre moderatrici fornite dai principi inerti che agiscono graduando e attenuando l azione dei costituenti attivi in esse contenuti, o di farmaci chimici di sintesi con azione similare. ATTENZIONE AL NATURALE! Negli ultimi anni si é assistito ad un crescente interesse per tutto quello che si può definire Naturale, in tutti i settori come: la cosmesi, la salutistica e l alimentazione. Di pari passo gli studi e le ricerche hanno avuto una maggiore attenzione e, in special modo in campo farmacologico, delle piante ritenute medicinali. Sta di fatto che molte di esse, da sempre usate, sono risultate pericolose, possiamo citare, come esempio, la Farfara, pianta insospettabile fino a poco tempo fa invece contenente alcaloidi pirolizidinici ad effetto epatotossici e carcinogenetici. Di fronte a questo coro unanime, sempre positivo, esaltante dall opinione, io direi che dovrebbero sorgere spontanee delle domande: Ma crediamo a chiunque? Sarà proprio vero che tutto ciò che si compra in negozi del settore o la semplice pianta del vicino, faccia sempre bene alla salute?. La risposta a questi interrogativi si può riassumere nella classica frase: Al limite non mi fa male. Niente di più assurdo, basti pensare alla velenosità di certe piante. Mai come una rivista o un amico/a chiamato esperto o anche il professionista del campo dicono con obiettività che ci possono essere effetti negativi o, addirittura, dannosi oppure ammettono semplicemente l inefficacia di determinati rimedi. E mai possibile che qualsiasi quotidiano, programma televisivo o rivista rosa del settore salute abbiano un rimedio a tutto senza controindicazioni, senza pericoli, solo perché accompagnati dal nome naturale?!? Tutta questa assoluta certezza deve far riflettere ricordandosi, come dice un vecchio proverbio, che ogni rosa ha le sue spine. Questo non vuole essere un allarme eccessivo o un rifiuto ai rimedi che la natura offre in modo così prodigo, ma solo un avvertimento alla prudenza. La metafora deve insegnarci che la rosa si può cogliere, ma con le dovute cautele e attenzioni. Infatti solo con un esperienza pluriennale nel campo Erboristico e con studi e sperimentazioni, si può arrivare a scoprire gli aspetti insoliti e le loro reazioni indesiderate, che diventano, a volte, vere e proprie insidie anche in quelle piante da sempre considerate medicinali. Gli esempi possono essere tantissimi: - la semplice Camomilla che tutti conoscono e che la medicina popolare considera blando sedativo, é anche un ottimo rimedio per la gastrite, ma può essere responsabile di reazioni allergiche e a volte può avere l effetto contrario: invece di calmare eccita e, inoltre, in forte dosi é vomitiva. Quante volte si vedono madri premurose dare la camomilla serale al bambino e lamentarsi perché poi non dorme. Questo é un eclatante caso degli effetti opposti; - il Finocchio che é un carminativo, somministrato alla sera disturba il sonno proprio in virtù del suo effetto; - la bella Echinacea, pianta stimolante del sistema immunitario, somministrata in bimbi con età inferiore ai tre anni, produce degli effetti negativi in quanto il sistema immunitario non é ancora del tutto formato o maturo. Assistiamo anche a casi assurdi in cui pazienti in attesa di trapianto di midollo osseo o affetti da lupus (malattia che il sistema immunitario aggredisce), usano prodotti immunostimolanti in situazioni in cui invece deve essere ricercata una immunodepressione introgena; - l Iperico, pianta esaltata negli ultimi tempi, ha avuto una forte spinta pubblicitaria nelle riviste rosa, per l effetto antidepressivo della Tintura Madre in special modo. Mai che abbia letto delle controindicazioni di questa pianta; l iperico contiene infatti ipericina, sostanza fotosensibilizzante, per questo sono possibili eritremi solari e discrasie cutanee per esposizioni prolungate alla luce solare e a quella delle lampade UV; inoltre interferisce su cure con 3

4 psicofarmaci e alcool; Dunque é opportuno non ingerire sempre tutto pensando che faccia bene e mai male solo perché l abbiamo letto su un libro o ci é stato consigliato dall amico. In tutti i casi bisogna: o approfondire la materia e mantenersi entro i propri limiti di conoscenza, oppure rivolgersi a persone qualificate che sapranno fornire i giusti consigli. Per concludere, altri avvertimenti necessari sono: mai farsi autodiagnosi o diagnosi per altri; evitare di usare quelle miriadi di ricette che si trovano su riviste o libri medicinali, scritti nella maggior parte da incompetenti o da giornalisti alla ricerca di scoop. PIANTE DI USO COMUNE: LE GRANDI FAMIGLIE: le finalità di questo corso non sono addentrarsi in discorsi strettamente botanici o farmacognostici, ci si limiterà alla descrizione, limitata a poche specie, considerando solo l aspetto praticoapplicativo. Pertanto cominceremo la presentazione delle piante di uso comune dividendole in grandi famiglie. Una famiglia é considerata tale per una certa uniformità morfologica e un certo numero di principi attivi sensibilmente uguali, che ne caratterizzano l azione salutistica. LE COMPOSITAE: Achillea (sommità) Arnica (fiori - radice) Bardana (radice) Calendula (fiori) Camomilla (fiori) Tarassaco (radici, foglie) Le Composite sono una delle famiglie più numerose, tutte caratterizzate dalle sostanze amare, proprietà digestive, depurative, ecc.. Facili da riconoscere, quasi tutte, per i loro fiori gialli. LE LABIATE: Lavanda (fiori) Melissa (foglie) Menta (foglie) Salvia (foglie) Timo (foglie) Vengono, erroneamente, poco considerate, essendo usate in cucina, ma non dimentichiamo che hanno proprietà terapeutiche di tutto rispetto. LE MALVACEE: Altea (radice) Malva (foglie - fiori) Sono caratterizzate dalla mucillagini con un effetto emolliente. LE UMBRELLIFERAE: Anice (semi - frutti) Finocchio (semi - frutti) Carum carvi (semi - frutti), per il portamento dei fiori assomiglianti a delle ombrelle, molte sono quelle che si possono trovare in Valtellina, ad esempio il Carum carvi (chiamato in dialetto carè) o il Finocchio selvatico. Hanno proprietà carminative, digestive, aromatizzanti. LE ROSACEE: Biancospino (foglie - fiori) Ciliegio (peduncoli) E una grande e bellissima famiglia, hanno effetti sedativi e diuretici. PINACEE - conifere: Larice (resine) Pino Silvestre (gemme) Pino Mugo (gemme - pigne). Piante resinose, con effetto balsamico ed espettorante. ERICACEE: Erica (fiori) Uva Orsina (foglie). Famiglia con un principio attivo comune: l arbutina. Proprietà disinfettanti nelle malattie delle vie urinarie. GRAMINACEE: Gramigna (rizoma) Mais (stigmi) Hanno proprietà diuretiche, disinfettanti e spasmolitiche delle vie urinarie. ALTRE PIANTE: 4

5 Nome volgare Parti usate Famiglia Equiseto Sommità Equisetaceae Fucus Tallo Fugaceae Frangula Alpina Corteccia Rhamnaceae Genziana Radice Gentianaceae Genzianella Fiori Gentianaceae Iperico Sommità Guttiferae Lino Semi Linuceae Liquirizia Radice Fabaceae Rabarbaro Radice Poligonaceae Sambuco Fiori Caprifoliaceae Senna Foglie Caesalpinaceae Tiglio Fiori Tillaceae Rosolaccio Petali Papaveraceae Escolzia Sommità Papaveraceae PRINCIPI ATTIVI I principi attivi contenuti nelle piante medicinali non sono presente, generalmente, in uguale concentrazione in tutte le loro parti (radice, corteccia, legno, fiore, foglia, ecc.); alcune di queste ne sono più ricche, mentre altre più povere: é agli organismi che contengono la maggiore quantità di principi attivi che bisogna fare riferimento per poterli estrarre in quantità terapeuticamente utili. LE PARTI DELLA PIANTA - LE RADICI: l insieme delle parti sotterannee della piante (ad esempio la radice di bardana, la radice di genziana. - I TUBERI: tipo ravanello, la patata. - I BULBI: come la cipolla (pianta diuretica) - I RIZOMI: sono fusti sotterranei capaci di emettere delle radichette (tipo gramigna). - LA CORTECCIA: porzione esterna dei rami, del salice e della frangola. - I FRUTTI: ad esempio le prugne, il ginepro, rosa canina. - LE GEMME: tipo le gemme di pino, quelle di pino mugo. - I SEMI: contengono l embrione della pianta come finocchio e anice. - LA PARTE AEREA: tutta la parte esterna della pianta, ad esempio il timo serpillo. - LE FOGLIE: le espansioni laterali dei rami, come menta, betulla, salvia. - LE SOMMITA FIORITE: tipo achillea mille foglie, erba iva. - I PEDUNCOLI: ad esempio delle ciliege, essiccati hanno un effetto diuretico e sedativo delle vie urinarie. - IL TALLO: ad esempio i licheni come quello d Islanda. - I PETALI: ad esempio quelli del rosolaccio, della calendula, del girasole. - I GRANI: come mirra, pepe, incenso. - LE SCORZE: ad esempio quelle dell arancio dolce o dell arancio amaro. Conoscere le parti della pianta richiesta è importante per non creare errori nella composizione delle ricette, bisogna sapere quale parte della droga ci serve (ad esempio tiglio: ci sono i fiori e l'alburno) se si raccoglie l angelica silvestre, si possono usare i semi e le radici. 5

6 FASI ESSENZIALI DELLA RACCOLTA: Tutte le piante che andremo a studiare si possono trovare, al di fuori di alcune, allo stato spontaneo in Valtellina. Per condurre una raccolta corretta bisogna conoscere le fasi più importanti: - la raccolta deve essere effettuata in giornate asciutte evitando le prime ore del mattino: essendo bagnate da rugiada sono più suscettibili ai vari deterioramenti causati da cotture e fermentazioni; le ore migliori per la raccolta sono dalle 8 fino alle 11 della mattina, evitando le ore di pieno sole (dalle fino alle 15) e riprendere la raccolta dopo le 15 fino a quando si vuole; - le piante raccolte non devono essere ammassate (evitare sacchetti di plastica) quindi cestini o sacchetti di tela; - in caso di sosta lasciarle all ombra onde evitarne il deterioramento; - scegliere gli esemplari migliori e scartare quelli deboli, troppo vecchi o infestati da parassiti; - usare sempre forbici, non strappare o far uso delle unghie. Le piante vanno tagliate, non strappate. Un esempio classico si riscontra nella raccolta dell erba iva: se il fiore viene tirato, involontariamente si sradica la pianta rovinando il già piccolo apparato radicale collegato come una sottile rete che crea un microclima particolare nel terreno. La pianta, così semi estirpata, viene aggredita dalle forti variazioni meteorologiche e attaccata dagli insetti. L ideale é usare le forbici orizzontali, ricordandoci che raccogliere non significa distruggere. Altri consigli utili sono: - prelevare solo la quantità necessaria per il proprio fabbisogno, é inutile raccogliere di più per poi buttare. - rispettare i divieti. Per raccogliere determinate piante bisogna avere una autorizzazione, un cartellino che viene rilasciato dallo Spafa di Sondrio e va richiesto al Comune dove si intende effettuare la raccolta. Sul cartellino verranno riportate le specie protette e le quantità di raccolto. Per tutti coloro che vorranno agire e non solo parlare, trovando delle piante soffocate dalla vegetazione o in situazioni precarie, potranno occuparsi di ristabilire, se possibile, l habitat naturale così da poterne salvare la sopravvivenza. - tempo balsamico: tutte le piante officinali, o le singole parti di esse, hanno un tempo balsamico, ossia il momento in cui la pianta o la parte che interessa, risulta con la più alta quantità di principi attivi. Questo periodo può essere determinato dal punto in cui è giunto lo sviluppo della pianta: - la piena fioritura, - l inizio o la fine della stessa, - la stagione. Se si raccoglie nel tempo balsamico sbagliato si perderanno i principi che saranno, in quel momento, dislocati in altre parti della pianta. QUANDO RACCOGLIERE: - Le radici: si raccolgono in autunno (in alcuni casi in primavera). Alla fine dello stadio vegetativo si ha una corrente migratoria di sostanze dalle foglie agli organi sotterranei. In primavera risulta molto difficile trovare il periodo adatto: o si arriva presto e il terreno é ancora gelato e quindi non si riesce a estirpare la radice o si arriva troppo tardi quando nella pianta la linfa ha già incominciato a circolare lasciando le radici vuote. Ogni radice ha un suo tempo: ci sono quelle che necessitano di 5-6 anni per arrivare al loro massimo 6

7 tempo balsamico, una di queste é il rabarbaro. La bardana è consigliabile raccoglierla al primo anno onde evitare che si lignifichi. La genziana, pianta protetta, non va raccolta se non dopo il quarto anno. - Le foglie: si raccolgono prima della fioritura quando sono ben sviluppate. - Le sommità fiorite: si raccolgono quando i fiori hanno raggiunto il massimo sviluppo. - I fiori: alcuni si raccolgono quando il bocciolo è appena aperto (come il tiglio e il biancospino) mentre per altre, come la camomilla, quando si apre il fiore e i petali sono rivolti verso l alto. - I semi: poco prima della loro maturazione completa, prima che cadano per terra. - Le gemme: si raccolgono in primavera quando incominciano a gonfiarsi. Per il pino silvestre, ad esempio, quando le gemme sono lunghe uno o due cm. è il momento migliore. Mai staccare tutte le gemme di una pianta, in special modo quelle situate sulle punte dei rami, chiamate gemme apicali. - La corteccia: si raccoglie sempre sui rami di due, massimo tre anni. Esempio la corteccia della frangola alnus o del salice. Si raccoglie sia in primavera che in autunno. L ESSICAZIONE Dopo la raccolta le piante contengono in quantità variabile acqua, quindi si rende necessario disidratarle per rallentare i processi degradativi di origine enzimatica. Il modo più semplice e naturale, é stendere il raccolto all ombra, in locali ben areati su telai in strati molto sottili, rivoltando sempre con cura la massa verde facendo attenzione a non mischiare le diverse specie. Il grado di essicazione ottimale si ha quando la pianta si spezza facilmente con le dita. Infine vanno sempre conservate in ambienti asciutti e freschi in sacchetti di carta o cartone o in vetro ma sempre lontano dalla luce. COME FORMULARE UNA TISANA CORRETTAMENTE Tisana semplice: quando viene utilizzata una singola pianta. Tisana composta: quando vengono impiegate due o più piante. Per la tisana composta una volta scelte le piante é necessario combinarle insieme (miscelarle) seguendo uno schema ben preciso: 1) Pianta base: da una a tre piante con effetto fondamentale. 2) Coadiuvante: compensa e rinforza per sinergia l azione della pianta base. 3) Correttiva: migliora sapore, aspetto, tessitura e colore. A parte il loro specifico contributo come rimedio base diamo un piccolo elenco di piante aromatizzanti e coloranti. Aromatizzanti: Anice Finocchio Liquirizia Melissa Menta Coloranti: Rosolaccio (rosso) Carcadè (rosso) Camomilla Romana (giallo) Calendula (giallo) ecc. Per aromatizzare o colorare una tisana va sempre usata una pianta che abbia un effetto simile o sinergico all effetto base richiesto. Per poter somministrare le sostanze medicamentose, cioè per poterle far giungere in quella parte dell organismo dove si vuole che esercitino la loro azione, é necessario estrarle dalle droghe in cui sono accumulate, e ciò si può realizzare con diverse metodiche che consentono di pervenire a 7

8 molteplici forme di preparazione. Il modo più razionale per arrivare a una preparazione a base di droghe vegetali é quello di percorrere tre momenti fondamentali: a) la frantumazione in piccole parti. Questa operazione é necessaria per mettere a disposizione del solvente una maggiore superficie su cui agire; b) scelta del metodo di estrazione: dipende dalla natura del principio attivo e dalle caratteristiche della droga; c) la scelta del solvente più idoneo: quelli maggiormente usati sono: acqua, alcool etilico, olio, vino, aceto, ecc.. FORMULE GALENICHE Per droga vegetale si intende la parte della pianta utilizzata per l estrazione di principi attivi a scopo salutistico. Ad esempio: - le foglie della Malva; - Le radici della Genziana; - la corteccia della Frangula. INFUSO: si ottiene versando ca. 250 ml di acqua bollente, su un cucchiaino di droga, si mantiene coperto per quindici minuti, quindi si filtra e si beve con o senza aggiunta di miele. DECOTTO: si ottiene unendo la droga prescritta in 250 ml di acqua a temperatura ambiente. Si porta ad ebollizione, lasciando bollire per 5-10 minuti a fuoco lento. Si lascia riposare altri minuti, si filtra e si riporta alla dose liquida iniziale. MACERATO: disporre la droga in acqua, olio o alcool a temperatura ambiente per alcune ore (da 1 a 12) o giorni in caso di oleoliti o fitoestratti idroalcolici. Gli infusi, i decotti, le tisane, vanno preparati usando recipienti smaltati, di terracotta o acciaio inossidabile, evitare i recipienti in alluminio, ferro e rame non stagnato per la possibilità di cessione di ioni metallici dalle parti del contenitore alla soluzione in esso presente. POLVERI: le droghe polverizzate possono essere assunte disperse in acqua, vino, infuso ecc.. La dose media é di 0,5-2 gr. pro dose, 2/3 volte al giorno prima, durante o lontano dai pasti a seconda dei casi. TINTURE: soluzioni alcooliche in diversi gradi ottenute facendo macerare la droga per 5-10 giorni in relazione alla consistenza della droga. In genere il rapporto droga/alcool é di 20 grammi di droga per 100 ml di alcool, per droghe di normale attività (1:5 oppure 20%). Vanno assunte a gocce due o tre volte al giorno diluite in acqua. Gradazioni: - alcool a 90 per piante con oli essenziali (menta, anice, limone); - alcool a 60 in ogni altro caso; - alcool a 20 per principi amari per la loro azione eupeptica. Gradazioni superiori inibiscono l attività enzimatica della pepsina. Per ottenere le minori gradazioni, avendo disponibile il solo alcool a 95, si deve miscelare 385 ml di acqua a 615 ml di alcool 95 per ottenere la gradazione di 60 ; 890 ml di acqua a 210 ml di alcool 95 per ottenere la gradazione di 20. 8

9 TINTURE VINOSE: dette anche enoliti: macerare la droga in vino rosso o bianco di buona gradazione per 10 giorni. Rapporto di 5 gr. di droga in 100 ml di vino. La posologia é quella di un cucchiaino o un bicchierino (30 ml) per 3 volte al giorno. TINTURE OLEOSE: dette anche oleiti: macerare la droga in olio di oliva in rapporto di 10 gr. di pianta per 100 ml di olio. Vari sono i sistemi utilizzabili, ne prendiamo in considerazione i principali: - macerare per un mese (esempio olio di iperico); - bollire a fuoco lento da 1 a tre ore (esempio olio di camomilla); - dissolvere oli essenziali nella misura di ml in ml di olio di oliva. SCIROPPO: soluzioni concentrate di zucchero, si conservano in virtù della loro alta concentrazione di saccarosio. Sciroppo semplice: 665 gr di zucchero e 335 di acqua: - per diluizione di tinture, olii essenziali, estratti fluidi ecc. al 5 o 10%; - per dissoluzione di saccarosio in una soluzione acquosa di fitocomplessi (ad esempio infuso o decotto al 50%). Si assumono in dose di 10-30ml 2-3 volte al giorno. I MOMENTI IN CUI SI ASSUMONO LE TISANE - diuretiche: sempre fredde (temperatura ambiente) e fuori pasto; - calmanti o rilassanti: calde nell arco della giornata o una mezz'oretta prima di andare a letto; - digestiva: calde o tiepide, dopo i pasti ma, a volte anche 10 minuti prima di iniziare i pasti (stimola i succhi gastrici attraverso le papille gustative); - lassativa: calde, vanno assunte alla sera, hanno un tempo di latenza, che varia dalle dieci alle ventiquattro ore, a seconda della persona. DESCRIZIONE DELLE PIANTE: TIMO: tre sono le specie: - Vulgaris: quello che si coltiva - Serpillo: quello selvatico che si trova in montagna - Peppolino: si trova al piano sempre spontaneo Cresce ca. 10 cm., abbiamo una infiorescenza molto sviluppata e si raccoglie tutta la parte aerea. Il peppolino è molto più aromatico degli altri, ha un aroma più incisivo (viene utilizzato anche per i distillati) ANICE VERDE (pimpinella anisum) ci sono molte piante somiglianti in Valtellina ma l anice, non si trova spontaneo. ARNICA: si usano sia le radici che i fiori. BARDANA: è una pianta che si può trovare spontanea, si riconosce dai fiori che, una volta maturi, rimangono attaccati ai vestiti. Si raccoglie la radice non più vecchia di due o tre anni. Si può trovare in posti abbastanza umidi e ombrosi. BIANCOSPINO: bellissima pianta delle rosacee. Si consiglia di salvaguardare il più possibile gli esemplari che vengono trovati allo stato naturale. 9

10 CALENDULA: è una pianta che non si trova allo stato spontaneo, pertanto va coltivata. CAMOMILLA: si coltiva e si trova spontanea. CILIEGIO SELVATICO: si utilizzano i piccioli, i migliori sono quelli del ciliegio selvatico o dell amarena. CODA CAVALLINA (equisetum): si trova in tutti i posti umidi. Si riconosce facilmente: è una pianta perenne con un rizoma sottile, cauli eretti fertili e sterili. I cauli fertili muoiono dopo la maturazione delle spore, per dar vita in seguito a cauli sterili, cavi e fragili, color verde scuro. La specie usata in erboristeria è l equisetum arvense. BRUGO (carluna vulgaris): viene molto confusa con l erica carnea. Il brugo fiorisce in tarda estate mentre l erica in primavera. La droga migliore si ha nei fiori, più stelo c è e più scadente è la droga. FINOCCHIO SELVATICO: e una pianta che viene frequentemente confusa, si confonde facilmente con altre ombrellifere. FRANGULA: si può trovare in Valtellina, appartiene alla famiglia delle Rhamnaceae. Si trova ai margini del bosco in zone abbastanza umide. LA GENZIANA LUTEA: pianta ormai rara in Valtellina. Attenzione a non confonderla con il veratro le cui foglie sono disposte a spirale al contrario della genziana. GRAMIGNA: si trova dappertutto e se ne usa il rizoma. IPERICUM PERFORATUM: frequentemente ai margini dei sentieri, in cespugli, in prati spogli. LAVANDA OFFICINALE: altra pianta coltivata, si trova anche in formato di ibrido (lavandino). LARICE: pianta resinosa che si differenzia dall abete per le foglie caduche. LIQUIRIZIA: impossibile trovarla in Valtellina. GRANOTURCO - MAIS: si usa la barba facendola essiccare. Non utilizzare piante dove sono stati usati anti parassitari. MALVA: si trova dappertutto, si possono usare sia i fiori che le foglie. MELISSA: si può trovare anche allo stato spontaneo, difficilmente in Valtellina e in linea di massima scappata alla coltivazione. MENTA: ce ne sono diversi tipi, la menta Valtellinese profuma bene da fresca ma secca perde buona parte dell aroma. PINO SILVESTRE: si usa la gemma. PINO MUGO: si usano le gemme e le pigne. Si possono fare degli sciroppi. QUERCIA MARINA: può servire per effettuare un azione di controllo del peso. 10

11 GRANDI AZIONI Azione DIGESTIVA: Achillea Millefoglie, Camomilla, Genziana, Menta, Rabarbaro cinese Sono le piante che, in virtù del loro sapore amaro e dei loro componenti aromatici aumentano la secrezione del succo gastrico migliorando la digestione. Le piante amaro-toniche stimolano direttamente (la secrezione salivare, gastrica, intestinale) o in via riflessa (la motilità dello stomaco e dell intestino) agendo come tonici o come rilassanti. TISANA DIGESTIVA: - Achillea (sommità) 40 grammi - pianta base - Menta (foglie) 30 grammi - pianta base L achillea si sfrutta per il suo effetto amaro, digestivo e carminativo. Agisce sugli spasmi delle vie digestive con effetto spasmolitico. La menta è impiegata per l azione tonica ed eccitante dell apparato digerente (da non utilizzare la sera) aiuta lo svuotamento dello stomaco (è una proprietà che si sente maggiormente con l olio essenziale - ma gli oli essenziali sono molto forti e vanno usati con cautela). - Genziana (radici) 15 grammi - PIANTA coadiuvante Si sfrutta l azione amaro-tonica. Se usata prima dei pasti eccita l appetito, dopo favorisce la digestione. - Camomilla 15 grammi - PIANTA coadiuvante La sua azione è sedativa generale, spasmolitica (calma gli spasmi e i crampi dello stomaco). Si usa nelle digestioni difficili, negli spasmi con gas intestinali, nelle coliti. Ci si dovrà attenere alle seguenti dosi: 250 ml di acqua (scodella da colazione), un cucchiaio scarso di droga. In infuso per 15 minuti. C è una osservazione importante da fare: nelle ipocloridrie (diminuita concentrazione di acido cloridrico nel succo gastrico): digestione rallentata, deruttazione e peso allo stomaco, in questi casi la tisana va assunta prima del pasto tenendo il liquido in bocca per un attimo così da stimolare per via riflessa l acido cloridrico. Chi soffre di acidità gastrica è meglio astenersi dall assunzione di una tisana amaro-tonica, in questo caso si dovrà usare una tisana con piante con una attività secretiva-riducente (melissa e liquirizia). TISANA PER ACIDITA GASTRICA - Liquirizia 40 grammi La liquirizia è utile come emolliente con un azione tamponante sull acidità gastrica. - Melissa 30 grammi Effettua una azione spasmolitica e sedativa (viene usata anche per i crampi digestivi, di origine anche nervosa, è una regolatrice della secrezione gastrica, sia nei casi di eccessi sia nei casi di scarsa produzione di succhi gastrici). 11

12 - Achillea 15 grammi - Camomilla 15 grammi La tisana sarà quindi così composta: 250 ml di acqua -scodella da colazione - un cucchiaio scarso di droga. In infuso per 15 minuti. Azione CARMINATIVA: Anice, Finocchio (anche altri: cumino, aneto...) Diminuisce la quantità di gas intestinali (pancia gonfia, dolori al basso ventre) TISANA CARMINATIVA - Finocchio 40 grammi - pianta base La regina dell effetto carminativo, accelera lo svuotamento gastrico e il transito intestinale grazie ad un aumento delle contrazioni della muscolatura liscia viscerale. - Anice 40 grammi - pianta base Un altra ombrellifera, ha una azione carminativa spasmolitica e sedativa. Si usa per le contrazioni dolorose, gastriche. - Melissa 20 grammi - coadiuvante Ha un effetto sedativo, spasmolitico e correttivo per il sapore gradevole. La tisana sarà quindi così composta: 250 ml di acqua -scodella da colazione - un cucchiaio scarso di droga. In infuso per 15 minuti. Va assunta tiepida durante la giornata; la tisana di finocchio presa alla sera può disturbare il sonno per l effetto carminativo: Azione LASSATIVA: Frangula, Lino, Liquirizia, Malva, Rabarbaro cin., Senna. Sono piante catartiche che stimolano la funzione dell intestino in particolare la Senna, la Frangula e il Rabarbaro (sono lassativi peristaltici - contrazione che fa avanzare il bolo alimentare o fecale). Hanno una azione irritante a livello della mucosa specialmente del colon, anche se di modesta entità (contengono sostanze antrachinoniche) provocando diarrea e dolori addominali e possono causare ippotassemia (diminuzione della concentrazione di potassio nel sangue per diarrea o eccessiva orinazione). Vanno quindi usate solo nel momento del bisogno ed hanno solo effetto sintomatico. Un lassativo è anche la polvere composta di liquirizia (anche questa può dare degli effetti collaterali: la liquirizia porta ad una ritenzione idrica e può alzare la pressione). POLVERE COMPOSTA DI LIQUIRIZIA: - Senna 15 grammi - Finocchio 15 grammi - Liquirizia 15 grammi - Zucchero a velo 60 grammi Le droghe si polverizzano con un macinino. 12

13 Bisogna fare attenzione a non farne un abuso. Va assunta alla sera, un cucchiaino diluito in acqua. TISANA LASSATIVA: - Senna 25 grammi - pianta base - Frangula (corteccia) 25 grammi - pianta base (svolge attività intestinale) (Due piante molto attive) - Finocchio 20 grammi - coadiuvante - Liquirizia 20 grammi - coadiuvante - Anice 10 grammi - correttivo (corregge il sapore) La tisana sarà così composta: 250 ml di acqua -scodella da colazione - un cucchiaio scarso di droga. In infuso per 15 minuti. Mai farne un abuso, periodicamente cambiare le dosi per evitare l'assuefazione, non usare in caso di gravidanza, allattamento o vicinanza al ciclo. LASSATIVI MECCANICI (meccanici perchè svolgono un azione lubrificante facilitando la defecazione): - Lino semi: emolliente non irritante (per chi soffre di feci dure) - Malva: moderata azione lassativa - Liquirizia (da evitare nei casi di ipertensione, ritenzione idrica, in presenza di edemi e gonfiori alle caviglie) - Crusca: effetto meccanico La posologia è: 15 grammi di semi in acqua calda o 30 gr. di polvere in un litro di acqua: portare a ebollizione e lasciare macerare per 12 ore. Deve essere preparata al mattino per assumerla alla sera o viceversa. Le dosi possono variare a seconda delle esigenze. Meglio usare più spesso i semi che non le tisane. Azione DIURETICA: Ciliegio, Equiseto, Gramigna, Mais BEVANDA DI REGIME: - Ciliegio (piccioli) 30 grammi - pianta base (cistiti litiasi, sabbiolina nei reni ) - Gramigna 30 grammi - pianta base (batteriostatica, impedisce la crescita dei batteri senza ucciderli) - Mais 20 grammi - coadiuvante (si quintuplica la produzione di urina) - Equiseto 20 grammi - coadiuvante (per la ritenzione idrica) Si devono usare 3 cucchiai per 1 litro di acqua in infusione per 15 minuti. Si beve fredda a bicchierini durante il giorno. Per una tisana migliore si può aggiungere 5 grammi di thè verde togliendo però o il ciliegio o la gramigna o il mais o l equiseto. 13

14 Diuretici diretti (detti anche renali) sono Bardana, Uva Ursina.. Diuretici indiretti: the, caffè, noce di cola. TISANA DIURETICA UROLITICA (composta da piante che facilitano l'eliminazione degli acidi urici - azione osteoarticolare): - Ribes Nero (foglie) 50 grammi - pianta base - Betulla (foglie) 25 grammi - coadiuvante - Frassino (foglie) 25 grammi - coadiuvante Le foglie devono essere ben formate, raccolte quindi in tarda primavera. Un cucchiaio di droga in 250 ml di acqua in infusione per 15 minuti - bere al massimo 3 tazze al giorno. Azione URINARIA: Gramigna, Erica, Uva Ursina Piante con effetto diuretico (possono prevenire la formazione di calcoli causati da eccessiva escrezione, da super saturazione di componenti insolubili) riducono gli spasmi urinari, eliminano la renella (sabbiolina), hanno effetti disinfettanti per i reni e vescica. Per chi soffre cronicamente può usare una bevanda di regime Tutte le piante che hanno un effetto disinfettante (in particolare uva ursina ed erica) hanno un azione batteriostatica. In questo caso si usa, per un effetto immediato (se ad esempio la cistite c è già) una pianta unica con un maggiore dosaggio. BEVANDA DI REGIME CON AZIONE URINARIA Si può usare per lunghi periodi: - Gramigna 50 grammi - pianta base - Erica 25 grammi - coadiuvante Somiglia molto al bruc (più o meno hanno le stesse proprietà) - Uva Ursina (foglie) 25 grammi - coadiuvante Un cucchiaio colmo in un litro d acqua, si fa un infuso di 20 minuti e si beve a tazze nel corso della giornata, fredda o tiepida, lontana dai pasti. TISANA DI REGIME CON AZIONE URINARIA Si può assumere anche come preventiva per le cistiti. - Uva Ursina (foglie) 30 grammi - pianta base - o mirtillo rosso in sostituzione - Erica 30 grammi - pianta base - Mais (barba) 20 grammi - coadiuvante - Mirtillo (foglie) 20 grammi - coadiuvante Due cucchiai di droga in un litro di acqua, infuso di 20 minuti da bere lontano dai pasti nell arco della giornata, non calda. 14

15 TISANA PER CISTITI GIA IN ATTO - Uva Ursina 30 grammi - Acqua 1 litro L uva orsina, a forti dosi, può provocare disturbi gastro intestinali, allergici e vomiti. Infuso di 15 minuti da bere lontano dai pasti nelle 24 ore. tisana per cistiti gia in atto (2): - Erica (solo fiori) 10 grammi - Acqua 1 litro Ricordarsi di raccogliere solo i fiorellini. Ha meno effetti collaterali, è meno attiva. Azione OSTEOARTICOLARE: Arnica, Calendula Ecco alcuni esempi utili per distorsioni, contusioni, traumi, ecchimosi, strappi muscolari (non per ferite). TINTURA DI ARNICA - solo per uso esterno: - fiori freschi 30 grammi - grappa 500 grammi Utilizzare il classico fiasco : esporre al sole il fiasco con i fiori di arnica per dieci giorni. Lasciare macerare al sole per 10 giorni, filtrare e mettere in una bottiglia scura sigillata, per l uso diluire con dell acqua, rapporto 1 a 3 (es. in una scodella d acqua 2 o 3 cucchiai di tintura). UNZIONE ALL ARNICA: - Tintura di arnica 20 grammi - Glicerina 50 grammi - Acqua 60 grammi (non di rubinetto) Utile per contusioni non ulcerate (aperte). CREMA ALL ARNICA: - Tintura madre di arnica 2 parti - Tintura madre di calendula 2 parti - Crema vaselina base 50 grammi Azione SEDATIVA: Biancospino, Camomilla, Escolzia, Lavanda, Melissa, Tiglio, Rosolaccio. Le piante neuro sedative sono tutte quelle che esercitano un azione calmante e moderatrice del sistema nervoso. A secondo della loro azione specifica si suddividono in piante che combattono l eccitabilità nervosa, attenuano il dolore o facilitano il sonno. Abbiamo così 4 gruppi di sedativi: Depressori del sistema nervoso, Spasmolitici, Ipnotici, Analgesici. Depressori del sistema nervoso: lo calmano: Escolzia (Escolzia della California, una papaveracea, si 15

16 può coltivare), Passiflora, Valeriana, Luppolo, Lavanda, ecc.. Si somministrano quando è necessario combattere un eccesso di eccitabilità nervosa, possono far diminuire l attività intellettuale e aumentare il sonno. TISANA SEDATIVA: - Escolzia 30 grammi - pianta base E un ottimo sedativo del sistema nervoso - Passiflora 30 grammi - pianta base si usa tutta la parte aerea. E un depressore per calmare stati di eccitazioni (palpitazioni, isterismo, disturbi nervosi anche della menopausa) - Luppulo 20 grammi - coadiuvante si trova in Valtellina Sedativo leggero, si utilizza come neurosedativo - Lavanda 20 grammi - aromatizzante sedativo leggero Sono erbe che, al di fuori della passiflora, non hanno sapori particolarmente sgradevoli. Si utilizza 1 cucchiaio di droga in 250 ml. in infusione per 15 minuti. Si può assumere durante la giornata anche calda - 2 o 3 tazze al giorno. Si può usare anche la Valeriana (radice) in sostituzione di una delle piante base di cui sopra, ha un azione deprimente - sapore sgradevole. E utile in tutte le forme di nevrastenia, ipereccitabilità fisica e sensoriale (è più facile da usare in capsule secche) Azione SPASMOLITICA: azione sedativa (trovati anche nell azione digestiva) rientrano spesso anche nei sedativi. Hanno un azione depressiva che si esercita anche indirettamente nel sistema nervoso. I migliori spasmolitici sono le piante velenose. Un ottimo spasmolitico senza effetti collaterali è la melissa (tintura madre), leggermente sedativa: per sistema nervoso, crampi allo stomaco, alla pancia, colite. Si usa anche nell insonnia nervosa, specialmente nei bambini, funziona più che la camomilla. Se si usa la tintura madre (estrazione dalla pianta fresca) funziona benissimo per i bambini, a seconda dell età dalle dieci alle venti gocce diluite nell acqua. Se assunta in forti dosi, per soggetti particolarmente sensibili, può determinare sonnolenza e ridurre la vigilanza (caso comune per tutte le piante sedative). Bisogna evitare assunzione di alcolici e psicofarmaci. Ci sono sedativi che possono avere forti controindicazioni per chi soffre di ipotiroidismo (esempio Marrubio d acqua e Melissa a forti dosi). Azione IPNOTICA: sono piante che inducono e facilitano il sonno, oltre alla passiflora, l escolzia e la valeriana si può usare il biancospino, il rosolaccio (petali papavero selvatico), melissa. I semi del papavero sono usati anche per condire il pane. Azione ANALGESICA: esercitano una azione sedativa sull elemento dolore, prima dell evento della chimica veniva usato il decotto delle capsule del papavero sonnifero o il suo lattice essiccato. Per problemi di cefalee, mal di testa si può usare il chrisanthemun partenium miscelandolo (non si trova allo stato spontaneo) con una parte uguale di camomilla romana. Azione PETTORALE: Anice, Altea, Sambuco, Timo, Tiglio, Rosolaccio Agiscono sull apparato respiratorio, si può intervenire su alcune forme infiammatorie e catarrali: 16

17 tosse, tosse secca, tosse grassa, tosse spasmodica, raffreddore. L azione bechica si può dividere in tre categorie: bechici emollienti (ammorbidenti - antinfiammatorio - addolciscono l asprezza delle infiammazioni bronchiali e tracheali) - bechici balsamici (in virtù dei loro principi attivi resinosi modificano le secrezioni rendendole meno secche e più fluide) - bechici espettoranti (fluidifica e facilità l eliminazione). TISANA PETTORALE: - Timo 20 grammi - pianta base effetto espettorante batteriostatico - Altea 20 grammi - pianta base con le sue mucillagini svolge un effetto emolliente (ammorbidisce) - Sambuco (fiori) 20 grammi - pianta base Effetto diaforetico - causa la sudorazione - Tiglio (fiori) 20 grammi - coadiuvante Effetto calmante sedativo - Anice 20 grammi - aromatizzante Effetto calmante, espettorante aromatizzante e rinforzante delle altre piante per sinergia. Si utilizza un cucchiaio di droga su 250 ml di acqua in infusione per quindici minuti, si può addolcirlo preferibilmente con miele unifloreale - timo rododendro tiglio ) va bevuta ben calda - un paio di tazze al giorno - Le tisane vanno sorseggiate. Se si manifesta anche la febbre è meglio andare dal medico. Azione EMOLLIENTE: TISANA EMOLLIENTE: - Altea 40 grammi - pianta base - Malva (fiori e foglie)40 grammi - pianta base - Liquirizia 20 grammi - coadiuvante In caso di ipertensione si sostituisce con l anice. Va bene soprattutto quando si ha una tosse secca, si usano piante con mucillagini (Altea e Malva) oltre ad agire sull apparato bronchiale serve anche per infiammazioni interne (bocca, ecc.). Fare bollire per un minuto l altea e la liquirizia poi si mette la malva a fuoco spento e si lascia in infusione per quindici minuti. Se si usa anice invece che liquirizia questa non va fatta bollire. Si beve a tazze durante la giornata addolcite con miele. Azione BALSAMICA: balsamica - espettorante (quando la tosse secca comincia ad ammorbidirsi, diventa più grassa) i principi attivi vengono in gran parte eliminati attraverso i polmoni: TISANA BALSAMICA: - Gemme di pino (tiun) mugo o silvestre 30 grammi - pianta base Azione balsamica - Timo 30 grammi Azione espettorante - Altea 20 grammi Effetto emolliente - Rosolaccio 20 grammi Oltre ad avere un 17

18 effetto calmante ha un effetto espettorante Un cucchiaio di droga in 250 ml di acqua in infusione per 15 minuti, si beve ben calda addolcita con miele o zucchero di canna. In molte affezioni delle vie aere superiori (riniti, sinusiti, ecc.) o intermedie (trachee, bronchi, alveoli polmonari, ecc.) sono molto utili i suffumigi che hanno un vero effetto antisettico. Si consigliano gli oli essenziali ma solo per uso esterno. PREPARATO PER SUFFUMIGI: - Eucalipto 4 gocce di olio essenziale - Pino 2 gocce di olio essenziale - Timo 2 gocce di olio essenziale - Lavanda 1 goccia di olio essenziale - Alcool ml Per l utilizzo si deve versare un cucchiaino del preparato in una tazza di acqua bollente. Per affezioni alle vie aeree superiori o intermedie. Volendo si possono usare le classiche gemme di pino, oppure anche eucalipto 50 gr., pino 50 gr.: una manciata in mezzo litro di acqua, portare ad ebollizione ed aspirare i vapori. Si può trovare vantaggio anche nell applicazione locale di impiastri e cataplasmi emollienti: portano una fonte di calore costante, umido, attenuano gli spasmi, e rilassano gli organi sottostanti. Quelli più comunemente usati sono preparati con l amido di patate e i semi di lino polverizzati. Hanno un effetto sicuramente marcato. L amido ha un effetto emolliente eccezionale. CATAPLASMA EMOLLIENTE: - Amido di patate o semi di lino in polvere 50 grammi - Acqua 500 ml Stemperare a freddo la polvere di lino cuocere a bagnomaria o a fiamma molto bassa, si rimescola costantemente fino a una consistenza quasi collosa, si spalma su un panno di flanella facendo molta attenzione alla temperatura. Attenzione ai senapismi (utilizzo della senape): è meglio farli solo con il consiglio di esperti. TOSSE RESIDUA Se i bronchi sono rimasti sensibili, si irritano facilmente, con un pò di tosse, c è un sollievo eccezionale dato dalla lavanda. TISANA CALMANTE BALSAMICA - Lavanda (fiori) 3 cucchiai - Acqua 500 ml 18

19 Quindici minuti di infusione, tre tazze al giorno lontano dai pasti, da bere calda. Azione CIRCOLATORIA: Biancospino, Tiglio Il biancospino ha proprietà cardiotoniche, ipotensive (abbassa la pressione), spasmolitichetranquillanti, toniche, sedative (si può usare in una tisana calmante), leggermente ipnotiche, va bene anche nei disturbi della menopausa, distonie neurovegetative, vertigini e vene varicose. TISANA coadiuvante alla cura medica per la pressione alta (il medico dovrà essere informato dell assunzione di questa tisana) - Biancospino (boccioli) 30 grammi - pianta base - Olivo (foglie) 30 grammi - effetto ipotensivo - Equiseto 20 grammi - effetto diuretico che si riflette sulla pressione arteriosa - Tiglio 20 grammi - effetto calmante Si usa un cucchiaio di droga in una tazza d acqua, due o tre tazze al giorno lontano dai pasti, va bevuta calda. Se per alzare la pressione si usa la liquirizia questa può causare una forte ritenzione idrica. Ci sono piante ipertensive come ginestre e altre, ma sono troppo attive e pericolose. Il rosmarino non alza la pressione. La tintura madre della santoreggia montana è stata rilevata come ipertensiva. Azione DEPURATIVA: Bardana, Frangula, Gramigna, Malva, Salvia, Tarassaco Azione contestata da molti: alcuni negano la concretezza scientifica. Ogni volta che c è un cambio di stagione si cercano delle sostanze amare che purifichino il nostro corpo. Il concetto deve perseguire i seguenti scopi: lavaggio dei liquidi circolanti onde eliminare le scorie accumulate con una alimentazione pesante, vita sedentaria, malattie infettive; riattivante degli apparati renali, dermico, intestinale per ritornare una buona omeostasi corporea; effetto disintossicante del fegato. Questi effetti devono essere coadiuvati da una buona alimentazione controllandoci sui caffé, cibi troppo elaborati, aumentando le verdure, i cibi integrali, i piatti leggeri e consumando poco vino. L azione depurativa si ha unendo in sinergia diverse piante con azioni già presentate: ad esempio azione carminativa (anice, finocchio), azione colagoga - medicamento che attiva la secrezione e l espulsione biliare (frangola), azione depurativa (bardana e tarassaco), azione diaforetica - aumento della traspirazione cutanea (sambuco, tiglio), azione diuretica (gramigna, piccioli di ciliegio, equiseto), azione emolliente (altea, malva, lino), azione stomachica (genziana, menta). Si possono unire tutte queste piante e formulare la tisana depurativa (un cucchiaio ogni 250 ml. di acqua in infuso di 20 minuti), bere la tisana alla mattina a digiuno per ca. tre settimane, in primavera e in autunno (se si prepara la sera si intiepidisce l acqua si versa in una tisaniera, si aggiunge il preparato di erbe e si lascia riposare per tutta la notte, al mattino filtrare e bere fredda). TISANA DEPURATIVA: - Bardana 30 grammi effetto depurativo - Tarassaco (radice) 30 grammi effetto depurativo - Frangula 20 grammi azione colagoga - Finocchio 20 grammi azione carminativa e 19

20 aromatizzante Azione DIMAGRANTE: Fucus E fondamentale, sempre, una corretta dieta alimentare riducendo gli alimenti secondo un criterio qualitativo e non quantitativo eliminando i cibi spazzatura eccessivamente calorici e effettuando una adeguata attività fisica; le piante possono aiutare come coadiuvanti del programma; l obesità è di competenza del medico. Con una azione diuretica controllata si può avere un certo effetto. Nelle tisane diuretiche non c è l effetto di ricaduta nella ritenzione, le piante hanno un effetto drenante. TISANA DIMAGRANTE 1 - Mais 30 grammi - pianta base ha un azione diuretica - Gramigna 30 grammi - pianta base ha un azione diuretica e emolliente - Ciliegio (piccioli) - 30 grammi - coadiuvante - Liquirizia 10 grammi - coadiuvante In caso di ipertensione si toglie la liquirizia e si aumenta di un pò le altre. Si possono usare le alghe in special modo il fucus (stimolano la tiroide), attenzione agli abusi (soprattutto di tintura madre di fucus): ci sono stati dei casi di assunzione di tintura madre che hanno avuto seri problemi alla tiroide. Usare le tinture madri solo dietro prescrizione medica. Quattro cucchiai di droga in un litro di acqua in infusione per 15 minuti - da bere fredda durante la giornata fuori pasto. TISANA DIMAGRANTE 2 E una tisana che aiuta a controllare il peso agendo sulla tiroide. - Fucus 25 grammi - Thé 20 grammi aromatizzante e diuretico - Gramigna 25 grammi - Ciliegio 10 grammi (piccioli) - Senna 10 grammi - Salvia 10 grammi Un cucchiaio di droga ogni 250 ml. di acqua; assumerne due tazze al giorno lontano dai pasti per non più di tre settimane. TISANA DELLA PAZIENZA In molti casi, nei soggetti ansiosi, con fame nervosa viene suggerita la seguente tisana molto gradevole: - Maggiorana 30 grammi Pianta aromatica - Tiglio 30 grammi - Arancio Petali 20 grammi (meglio amare) - Lavanda Fiori 20 grammi Pianta calmante Un cucchiaio di droga in 250 ml di acqua in infuso per 15 minuti - due o tre tazze al giorno. 20

COD. DESCRIZIONE PRODOTTO

COD. DESCRIZIONE PRODOTTO COD. DESCRIZIONE PRODOTTO PREZZO PIANTE OFFICINALI A TAGLIO TISANA ACHILLEA SOMMITA' DEMETER 1 KG 15,75 AGLIO ORSINO FOGLIE 1 KG 23,60 AGRIMONIA SOMMITA' 1 KG 34,30 ALCHEMILLA SOMMITA' 1 KG 20,03 ALLORO

Dettagli

Come depurare il sangue in modo naturale

Come depurare il sangue in modo naturale Come depurare il sangue in modo naturale Le persone che costantemente soffrono di allergie, problemi di pelle o soffrono di infezioni respiratorie, dovrebbero aiutare il loro organismo purificando il sangue,

Dettagli

Sommario INFUSI E DECOTTI LE TISANE LE ERBE. Le erbe bruciagrassi. Il percorso dimagrante. Le proprietà. Bevande utili per una linea perfetta 7

Sommario INFUSI E DECOTTI LE TISANE LE ERBE. Le erbe bruciagrassi. Il percorso dimagrante. Le proprietà. Bevande utili per una linea perfetta 7 Sommario INFUSI E DECOTTI Le erbe bruciagrassi Bevande utili per una linea perfetta 7 LE TISANE Il percorso dimagrante Perdi una taglia con le tisane snellenti 17 I cinque passi da compiere 18 1. Il primo

Dettagli

Dellʼ UOMO. Az. Agr. PANGEA di M. Grazia Bonella Torcegno (TN) Italia www.pangeamadreterra.com +39 347 301 3209

Dellʼ UOMO. Az. Agr. PANGEA di M. Grazia Bonella Torcegno (TN) Italia www.pangeamadreterra.com +39 347 301 3209 Profumi, colori e sapori dalla madre terra, questa e le filosofia dell azienda agricola biologica Pangea e questo e veramente quello che esprime quel piccolo pezzetto di terra colorato e profumato che

Dettagli

fiori d arancio fiori d arnica betulla biancospino camomilla finocchio ginepro iperico lino

fiori d arancio fiori d arnica betulla biancospino camomilla finocchio ginepro iperico lino fiori d arancio fiori d arnica betulla biancospino camomilla finocchio ginepro iperico lino liquirizia malva melissa menta salvia senna timo uva orsina valeriana FIORI D ARANCIO (AURANTII FLOS) Arancio

Dettagli

Alla scoperta delle proprietà delle piante e dell uso delle tisane

Alla scoperta delle proprietà delle piante e dell uso delle tisane Alla scoperta delle proprietà delle piante e dell uso delle tisane Ripalta Guerina, 6 marzo 2015 Ieri e Oggi Sostanze vegetali: medicina del passato. hanno fornito le basi per la nascita della moderna

Dettagli

Farmacia Calabrese. La fitoterapia à una medicina naturale che utilizza le sostanze contenute nelle piante come rimedi di cura.

Farmacia Calabrese. La fitoterapia à una medicina naturale che utilizza le sostanze contenute nelle piante come rimedi di cura. Fitoterapia La fitoterapia à una medicina naturale che utilizza le sostanze contenute nelle piante come rimedi di cura. La fitoterapia à una delle piã¹ antiche pratiche usate dallâ uomo per curare i propri

Dettagli

ESTRAZIONI IDROALCOLICHE

ESTRAZIONI IDROALCOLICHE ESTRAZIONI IDROALCOLICHE Cosa sono: L'utilizzo di estratti di diversa natura ci permette di poter beneficiare nei nostri preparati fitoterapici delle numerose virtù terapeutiche delle piante officinali.

Dettagli

Medicina in cucina. insaporire per prevenire. Scuola elementare G.Pascoli I.P.S.S. L.Cossa

Medicina in cucina. insaporire per prevenire. Scuola elementare G.Pascoli I.P.S.S. L.Cossa Medicina in cucina insaporire per prevenire Scuola elementare G.Pascoli I.P.S.S. L.Cossa L'anno scorso la scuola elementare Pascoli e l' Istituto Professionale Cossa hanno sviluppato il progetto: La chimica

Dettagli

Scuola Media Cap. D. Marocco Supino Gruppo di progetto: gli alunni:, Angelica Torriero, Lavinia Ferragni e Federica Borgetti.

Scuola Media Cap. D. Marocco Supino Gruppo di progetto: gli alunni:, Angelica Torriero, Lavinia Ferragni e Federica Borgetti. Associazione Regione Lazio Istituto di Ricerca sulla Formazione-Intervento Progetto Uno PROGETTO per la creazione di un scheda di rappresentazione delle o Erbe Officinali presenti sui Monti Lepini con

Dettagli

erbario e cure Di Loicolìcuma

erbario e cure Di Loicolìcuma erbario e cure naturali Di Loicolìcuma Erbe contro lo stress Melissa Ha effetto calmante, rilassante, antispasmodico, analgesico; combatte batteri e virus. Bagno due sere settimana o Infuso INFUSO: Due

Dettagli

10 infusi da preparare a costo zero

10 infusi da preparare a costo zero 10 infusi da preparare a costo zero Creato Lunedì, 14 Maggio 2012 17:14 Scritto da Marta Albè Siamo talmente abituati ad acquistare infusi e tisane confezionate da non prendere in considerazione la possibilità

Dettagli

TOSSINE E SOSTANZE NOCIVE: nemici per la nostra salute.

TOSSINE E SOSTANZE NOCIVE: nemici per la nostra salute. TOSSINE E SOSTANZE NOCIVE: nemici per la nostra salute. Le nuove scoperte avvenute nel campo scientifico e medico hanno notevolmente aumentato la qualità della vita. Contemporaneamente, l inquinamento,

Dettagli

Tisane del Monte Baldo

Tisane del Monte Baldo Tisane del Monte Baldo IL, HORTUS EUROPAE Il Monte Baldo, conosciuto in tutto il mondo con il nome di Hortus Europae, Giardino d Europa, per la sua peculiare ricchezza floristica, è meta fin dall antichità

Dettagli

Don Luigi Stucchi. ERBE in ERBA. Breve prontuario sulle Proprietà benefiche delle erbe naturali e sulle loro gustose preparazioni

Don Luigi Stucchi. ERBE in ERBA. Breve prontuario sulle Proprietà benefiche delle erbe naturali e sulle loro gustose preparazioni Don Luigi Stucchi ERBE in ERBA Breve prontuario sulle Proprietà benefiche delle erbe naturali e sulle loro gustose preparazioni ERBA IVA Achillea Moschata Nei pascoli e sulle morene di alta montagna.

Dettagli

Decottopia e Tisanoreica by Gianluca Mech www.gianlucamechspa.com

Decottopia e Tisanoreica by Gianluca Mech www.gianlucamechspa.com Decottopia e Tisanoreica by Gianluca Mech www.gianlucamechspa.com Cocktail elegante, ideale per ridurre i liquidi in eccesso e ottimo da gustare dopo i pasti. Cosa serve (per 1 persona) coppa Martini shaker

Dettagli

Fondamenti introduttivi alla ERBORISTERIA DOMESTICA

Fondamenti introduttivi alla ERBORISTERIA DOMESTICA Fondamenti introduttivi alla ERBORISTERIA DOMESTICA (immagine di laboratorio erboristico) Illustrazione di alcune comuni PIANTE OFFICINALI di utilizzo semplice e sicuro Per studiare l utilizzo domestico

Dettagli

Erbe Pregiate da cucina

Erbe Pregiate da cucina I nostri Prodotti RBE PREGI Erbe Pregiate da cucina Agronatura mette a disposizione la sua trentennale esperienza offrendo una gamma di erbe aromatiche, singole e miscelate, che possono essere utilizzate

Dettagli

PRODOTTI BIOLOGICI CURATIVI. In una vita sempre più frenetica cosa c è di più prezioso del benessere del corpo e della mente?

PRODOTTI BIOLOGICI CURATIVI. In una vita sempre più frenetica cosa c è di più prezioso del benessere del corpo e della mente? PRODOTTI BIOLOGICI CURATIVI In una vita sempre più frenetica cosa c è di più prezioso del benessere del corpo e della mente? Cuscini, materassi, saponi e sali da bagno * Vengono impiegate solo sostanze

Dettagli

Permette una domanda? Maria Laura Cingolani

Permette una domanda? Maria Laura Cingolani Permette una domanda? Maria Laura Cingolani QUESTIONARIO INDAGINI ETNOBOTANICHE (specie) N. progressivo Intervistatore PIANTA Binomio latino Nome italiano Nome vernacolare Famiglia Riconoscimento tramite

Dettagli

I NOSTRI PRODOTTI PER IL TUO BENESSERE

I NOSTRI PRODOTTI PER IL TUO BENESSERE I NOSTRI PRODOTTI PER IL TUO BENESSERE NATURALI DIFESE DELL ORGANISMO 40 Compresse - 150 ml Sciroppo Rinforza le naturali difese dell organismo. La presenza di Echinacea supportata da estratti ricchi di

Dettagli

ATENA PLUS. ATENA PLUS E' nota la fitoterapia, che utilizza estratti vegetali per il trattamento di

ATENA PLUS. ATENA PLUS E' nota la fitoterapia, che utilizza estratti vegetali per il trattamento di Scheda Tecnica Titolo COMPOSIZIONE DI ESTRATTI VEGETALI ATENA PLUS A61K - PREPARAZIONI PER USO MEDICO, DENTARIO E PER TOELETTE, INTEGRATORE ALIMENTARE, FITTOTERAPICO Classe Il presente brevetto è attinente

Dettagli

Tisane Tisane: dolce delizia che aiuta il benessere del corpo e della mente Uomo e rimedi naturali: qualche cenno storico sulle tisane

Tisane Tisane: dolce delizia che aiuta il benessere del corpo e della mente Uomo e rimedi naturali: qualche cenno storico sulle tisane Prima di andare a dormire la tisana! La tisana è il classico esempio dei rimedi naturali che utilizzavano gli antichi, ma non solo! La tisana infatti è ampiamente utilizzata anche oggi per le sue qualità,

Dettagli

I GRANDI MIELI DI COCCINELLA

I GRANDI MIELI DI COCCINELLA I GRANDI MIELI DI COCCINELLA ACACIA Molto digeribile-antinfiammatorio-leggermente lassativo-disintossicante del fegato-ricco di levulosio (tollerato in piccole dosi anche dai diabetici) MILLEFIORI Energetico-Disintossicante

Dettagli

la base del benessere ph Basic AIUTA L EQUILIBRIO ACIDO-BASE

la base del benessere ph Basic AIUTA L EQUILIBRIO ACIDO-BASE la base del benessere ph Basic AIUTA L EQUILIBRIO ACIDO-BASE Il ph è l unità di misura dell acidità che va da 0 (acido) a 14 (basico o alcalino). 7 è il valore neutro. Il metodo più facile per avere un

Dettagli

metodi di estrazione e preparazione

metodi di estrazione e preparazione metodi di estrazione e preparazione distillazione a vapore Estrazione per pressione a freddo (spremitura) Estrazione per enfleurage Estrazione per solventi Estrazione delle resine Estrazione con anidride

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DELLA SPECIALITA MEDICINALE NEPITUSS 1% gocce NEPITUSS 0,1% sciroppo 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Gocce (flacone da 30 ml) 100

Dettagli

Master in fitoterapia per farmacisti 18/09/2014-18/12/2014 Ore 20,30 c/o Sale Convegno Assiprofar Via dei Luceri 3/C Programma

Master in fitoterapia per farmacisti 18/09/2014-18/12/2014 Ore 20,30 c/o Sale Convegno Assiprofar Via dei Luceri 3/C Programma Master in fitoterapia per farmacisti 18/09/2014-18/12/2014 Ore 20,30 c/o Sale Convegno Assiprofar Via dei Luceri 3/C Giovedì 18 settembre Prima lezione Programma 20.30 Introduzione al corso (Dr. T. Piccioni)

Dettagli

I nostri prodotti Linea cucina

I nostri prodotti Linea cucina Elenco/listino prezzi 2014/15 I prezzi indicati si intendono come offerta minima I nostri prodotti Linea cucina SALE MARINO INTEGRALE 100 cc 3,00 Sale marino integrale con erbe biologiche o da raccolta

Dettagli

Cosmesi naturale, casalinga e biologica

Cosmesi naturale, casalinga e biologica Cosmesi naturale, casalinga e biologica Aprile 2011 1 PRODOTTI PER IL VISO CREMA VISO 40 ml. 9,o Crema viso per pelli normali alla lavanda Crema viso per pelli miste al geranio Crema viso per pelli secche

Dettagli

Corso Tutela e valorizzazione delle piante officinali. Parco Adda Sud - Regione Lombardia Lodi 10/09/2005

Corso Tutela e valorizzazione delle piante officinali. Parco Adda Sud - Regione Lombardia Lodi 10/09/2005 Corso Tutela e valorizzazione delle piante officinali. Parco Adda Sud - Regione Lombardia Lodi 10/09/2005 2. Trasformazione e utilizzo delle piante officinali F. Bracco, E. Martino & L. Poggi Università

Dettagli

LA TUA MAPPA DEL TESORO IN 4 SEMPLICI PASSI PER RAGGIUNGERE LA TUA FORMA PERFETTA CON JUICE PLUS

LA TUA MAPPA DEL TESORO IN 4 SEMPLICI PASSI PER RAGGIUNGERE LA TUA FORMA PERFETTA CON JUICE PLUS LA TUA MAPPA DEL TESORO IN 4 SEMPLICI PASSI PER RAGGIUNGERE LA TUA FORMA PERFETTA CON JUICE PLUS 4 Semplici passi per creare il tuo stile di vita 1. Decidi cosa vuoi e cosa credi = cosa vuoi ottenere e

Dettagli

Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 1 FARMACI E INFANZIA. CURI IL TUO CUCCIOLO NEL MODO GIUSTO?

Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 1 FARMACI E INFANZIA. CURI IL TUO CUCCIOLO NEL MODO GIUSTO? Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 1 FARMACI E INFANZIA. CURI IL TUO CUCCIOLO NEL MODO GIUSTO? 3 Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 2 ALCUNI CONSIGLI PER UN USO SICURO DEI FARMACI PER

Dettagli

Tosse. Tosse secca. Rimedio: decotto di Tiglio. Rimedio: sciroppo di Viola Mammola

Tosse. Tosse secca. Rimedio: decotto di Tiglio. Rimedio: sciroppo di Viola Mammola Tosse secca Tosse Rimedio: decotto di Tiglio Preparazione: per calmare la tosse si mette un cucchiaio di fiori della pianta in un pentolino e si aggiunge una tazza di acqua fredda, quando l acqua giunge

Dettagli

Herba Sapiens di Scheila Lattaro

Herba Sapiens di Scheila Lattaro Herba Sapiens di Scheila Lattaro Via Arturo Donaggio 11, 00168 ROMA s.lattaro@alice.it P.I. 01461830539 C.F. LTTSHL74L47H501T L officina della Natura 2 Indice La storia pag. 5 La filosofia dell azienda

Dettagli

1 La Dieta del Minestrone www.dietadelminestrone.net Tutti i diritti ris.

1 La Dieta del Minestrone www.dietadelminestrone.net Tutti i diritti ris. 1 La Dieta del Minestrone www.dietadelminestrone.net Tutti i diritti ris. Report Bonus: Tisane Dimagranti Guida Pratica a cura di Clarissa Lupi Copyright di Dieta del Minestrone Tutti i diritti riservati

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

EXPECT MORE FROM OUR TRADITION

EXPECT MORE FROM OUR TRADITION TRADITION La Punico Liquori nasce a Marsala, città situata nell estrema punta occidentale della Sicilia, famosa in tutto il mondo grazie al suo omonimo vino liquoroso. Da questa tradizione nasce l esperienza

Dettagli

TINTURE e GEMMODERIVATI Verona, 26 maggio 2015

TINTURE e GEMMODERIVATI Verona, 26 maggio 2015 A cura del dott. Lorenzo Roccabruna per il Gruppo Micologico e Protezione Flora Spontanea del D.L.F. di Verona TINTURE e GEMMODERIVATI Verona, 26 maggio 2015 L'estratto idroalcolico o tintura madre è forse

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO. una corretta informazione per un benessere psicofisico

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO. una corretta informazione per un benessere psicofisico ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO una corretta informazione per un benessere psicofisico Mangiare o nutrirsi? Mangiare è un atto ricco di significati che va ben oltre il semplice soddisfacimento fisiologico Nutrirsi

Dettagli

LE BEVANDE NERVINE. Savorè Giulia & Alberto Peraudo

LE BEVANDE NERVINE. Savorè Giulia & Alberto Peraudo LE BEVANDE NERVINE Savorè Giulia & Alberto Peraudo Indice Aspetti generali Caffè Proprietà Caratteristiche nutrizionali Varietà La pianta Ciclo produttivo Tè Proprietà Caratteristiche nutrizionali Varietà

Dettagli

ERBORISTERIA MAGENTINA OLI VEGETALI

ERBORISTERIA MAGENTINA OLI VEGETALI ERBORISTERIA MAGENTINA OLI VEGETALI Gli Oli vegetali Erboristeria Magentina sono PURI e SPREMUTI A FREDDO, per mantenere inalterati i loro principi attivi. Ammorbidiscono, nutrono e proteggono la pelle.

Dettagli

miniguida alla GEMMOTERAPIA

miniguida alla GEMMOTERAPIA miniguida alla GEMMOTERAPIA LA GEMMOTERAPIA La gemmoterapia è una medicina naturale, una branca della fitoterapia che utilizza specifiche parti della pianta: le gemme. Nata negli anni 50 dal dottor Pol

Dettagli

organi deputati alla regolazione di volume, distribuzione e composizione dei liquidi corporei

organi deputati alla regolazione di volume, distribuzione e composizione dei liquidi corporei APPARATO URINARIO organi deputati alla regolazione di volume, distribuzione e composizione dei liquidi corporei PROBLEMI DELLE VIE URINARI 1. CISTITI 2. RITENZIONE 3. INCONTINENZA 4. CALCOLI RENALI Si

Dettagli

Medicina tradizionale

Medicina tradizionale Medicina tradizionale Ogni popolazione usa erbe tipiche, in relazione alle proprie abitudini Interpretazioni/usi correlati a filosofia, religione, cultura Spesso in miscela di numerose erbe, senza riferimento

Dettagli

PRIMA DELL USO LEGGERE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO

PRIMA DELL USO LEGGERE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO OK pratica VN2/2013/65 Foglio illustrativo PRIMA DELL USO LEGGERE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che potete usare per curare

Dettagli

20/11/2009 ALIMENTI ACIDIFICANTI

20/11/2009 ALIMENTI ACIDIFICANTI ficanti I grassi La digestione dei grassi mette a disposizione dell organismo acidi grassi, saturi o insaturi. Gli acidi grassi saturi sono di difficile utilizzazione da parte dell organismo e di conseguenza

Dettagli

204906CO_297x210_Folder_farmaci2.qxd 20-09-2006 18:56 Pagina 1 FARMACI E GRAVIDANZA: HAI NOVE MESI PER LEGGERE TUTTO QUELLO CHE C È DA SAPERE.

204906CO_297x210_Folder_farmaci2.qxd 20-09-2006 18:56 Pagina 1 FARMACI E GRAVIDANZA: HAI NOVE MESI PER LEGGERE TUTTO QUELLO CHE C È DA SAPERE. 204906CO_297x210_Folder_farmaci2.qxd 20-09-2006 18:56 Pagina 1 FARMACI E GRAVIDANZA: HAI NOVE MESI PER LEGGERE TUTTO QUELLO CHE C È DA SAPERE. 2 204906CO_297x210_Folder_farmaci2.qxd 20-09-2006 18:56 Pagina

Dettagli

Esempio di monografia:droga vegetale. FU XI ed.

Esempio di monografia:droga vegetale. FU XI ed. FU XI ed. Esempio di monografia:droga vegetale FU XI ed. Esempio di monografia FU XI ed. Esempio di monografia FU XI ed. Esempio di monografia FU XI ed. Preparazioni a base di droghe vegetali SOLIDE (polveri)

Dettagli

ALLERGIA RESPIRATORIA? Consigli utili.

ALLERGIA RESPIRATORIA? Consigli utili. ALLERGIA RESPIRATORIA? Consigli utili. MED Utile nella protezione delle mucose nasali in caso di congestioni rino-faringee. Think Green. Live Green. Cos è l allergia. L allergia è un disturbo del sistema

Dettagli

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Colora il quadratino posto accanto alle indicazioni corrette. Per mantenere il nostro sistema nervoso sano ed efficiente è opportuno... ALLA SALUTE respirare

Dettagli

Le buone erbe: dal prato alla scuola

Le buone erbe: dal prato alla scuola Corso di Aggiornamento CORSO DI AGGIORNAMENTO ANNO SCOLASTICO 2010/11 Le buone erbe: dal prato alla scuola Aggiornamento Docenti a cura di Dott.ssa Serena Dorigotti Museo Tridentino di Scienze Naturali

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Acne Affezione del volto, spalle, torace, che si presenta con macchie rosse, formanti anche dei piccoli noduli.

Acne Affezione del volto, spalle, torace, che si presenta con macchie rosse, formanti anche dei piccoli noduli. Acne Affezione del volto, spalle, torace, che si presenta con macchie rosse, formanti anche dei piccoli noduli. Decotto: in 1 litro d'acqua bollire per 20 minuti, 6 cucchiai della miscela composta da:

Dettagli

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA Questo opuscolo è stato creato per dare delle reali risposte ai tipici luoghi comuni riguardanti l' alimentazione e le possibili cause dell'

Dettagli

6. Il Sale? Meglio poco

6. Il Sale? Meglio poco 6. Il Sale? Meglio poco Di quanto sale abbiamo bisogno Sia il sapore che le proprietà biologiche del sale comune (cloruro di sodio) sono legate principalmente al sodio; ogni grammo di sale contiene circa

Dettagli

Le professoresse: Sabbatini Nacchia

Le professoresse: Sabbatini Nacchia Le professoresse: Sabbatini Nacchia La malva silvestre, pianta molto diffusa nel nostro paese, predilige i terreni erbosi; la si può trovare soprattutto nei campi abbandonati, lungo le strade di campagna

Dettagli

Roma, 14 ottobre 2008

Roma, 14 ottobre 2008 RISOLUZIONE N. 383/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso s Roma, 14 ottobre 2008 Oggetto: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 IVA - Aliquota applicabile alle cessioni

Dettagli

Molta ricerca, poca pubblicità e la TUA fiducia in noi farmacisti

Molta ricerca, poca pubblicità e la TUA fiducia in noi farmacisti Molta ricerca, poca pubblicità e la TUA fiducia in noi farmacisti I nostri prodotti sono il frutto di ricerche avanzate, di un accurata scelta di principi attivi. Sono formulati per ridurre il rischio

Dettagli

alcuni Rimedi per la pesantezza e il gonfiore alle gambe

alcuni Rimedi per la pesantezza e il gonfiore alle gambe Rimedi naturali posted by orodialoe. alcuni Rimedi per la pesantezza e il gonfiore alle gambe Il gonfiore alle gambe è un problema che interessa un grandissimo numero di donne. Le ragioni più consuete

Dettagli

IL METODO TERAPEUTICO. Per tutti coloro che sono in sovrappeso

IL METODO TERAPEUTICO. Per tutti coloro che sono in sovrappeso IL METODO TERAPEUTICO Per tutti coloro che sono in sovrappeso Il mattino a digiuno fare un enteroclisma (detto anche clistere). Prima pesarsi, segnare il peso in un quaderno. L enteroclisma si prepara

Dettagli

TIMO (Thymus) Nomi popolari: erba povera, serpolino

TIMO (Thymus) Nomi popolari: erba povera, serpolino TIMO (Thymus) Nomi popolari: erba povera, serpolino È una piccola pianta perenne alta ca. 20-30 cm, appartenente alla famiglia delle Labiatae. Il genere Thymus comprende un centinaio di specie ; le varietà

Dettagli

Gruppo Acquisto. Monastier di Treviso IL SUCCO VIVO. 06/02/2014 Il Succo Vivo 1

Gruppo Acquisto. Monastier di Treviso IL SUCCO VIVO. 06/02/2014 Il Succo Vivo 1 IL SUCCO VIVO 06/02/2014 Il Succo Vivo 1 Cos'è il succo vivo? Il concetto di succo vivo venne per la prima volta introdotto dal dottor Norman Walker (1886-1985). Walker è stato il pioniere del crudismo

Dettagli

L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN)

L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN) L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN) L intestino?il cervello della pancia. Come mantenere naturalmente

Dettagli

Consigli per vivere bene l'inverno con i rimedi naturali

Consigli per vivere bene l'inverno con i rimedi naturali Consigli per vivere bene l'inverno con i rimedi naturali (II^ parte: l apparato osteomuscolare) Inverno è per molti di noi sinonimo di freddo, buio, interiorità. Siamo nel tempo in cui la Terra è più lontana

Dettagli

Condividiamo il seguente studio:

Condividiamo il seguente studio: Condividiamo il seguente studio: "Consigli per diarrea, stitichezza e colon irritabile" del Dottor Donadel Campbel tratto dal sito : http://www.giorgiodonadelcampbell.it/ index.php?id=64 poichè lo riteniamo

Dettagli

Cosmetici fai da te. Come e perché autoprodursi in casa cosmetici sani per sé e per l ambiente. di Eccher Francesca

Cosmetici fai da te. Come e perché autoprodursi in casa cosmetici sani per sé e per l ambiente. di Eccher Francesca Cosmetici fai da te Come e perché autoprodursi in casa cosmetici sani per sé e per l ambiente di Eccher Francesca La scelta di produrli in casa Farsi i cosmetici in casa non significa solo risparmiare

Dettagli

I cinque elementi. Il Sud è lo Yang massimo, il mezzogiorno, all estate, al fuoco.

I cinque elementi. Il Sud è lo Yang massimo, il mezzogiorno, all estate, al fuoco. I cinque elementi La teoria dello Yin e dello Yang da sola non bastava a spiegare la complessità dell approccio teorico e pratico alla MTC. Occorreva, sempre da un punto di vista analogico, un sistema

Dettagli

www.regione.lombardia.it REGOLE D ORO Per affrontare il caldo estivo LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME.

www.regione.lombardia.it REGOLE D ORO Per affrontare il caldo estivo LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME. www.regione.lombardia.it 10 REGOLE D ORO Per affrontare il caldo estivo LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME. LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME. Ecco uno strumento utile per combattere il caldo estivo. Una serie

Dettagli

CHE COSA SARANNO MAI QUESTI OLI ESSENZIALI?

CHE COSA SARANNO MAI QUESTI OLI ESSENZIALI? CHE COSA SARANNO MAI QUESTI OLI ESSENZIALI? Con il termine di essenze o di oli essenziali noi definiamo i principi odoriferi contenuti in diversi vegetali. Gli oli essenziali sono costituiti da miscele

Dettagli

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE SOMMARIO 7 L IMPORTANZA DEL COLON 11 UN ORGANO CON FUNZIONI VITALI 12 La fisiologia 20 La visione psicosomatica 36 L alimentazione 40 I rimedi naturali 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È

Dettagli

La tutela della Salute nell appropriatezza della cura

La tutela della Salute nell appropriatezza della cura La tutela della Salute nell appropriatezza della cura Le preparazioni galeniche fitoterapiche Pesaro, 07 ottobre 2012 Dr.ssa Lucia Carletti Ordine dei Farmacisti di Pesaro & Urbino Fitoterapia Riferimenti

Dettagli

Introduzione... 11 L argilla nella storia... 13 Antiche abitudini e geofagia... 14

Introduzione... 11 L argilla nella storia... 13 Antiche abitudini e geofagia... 14 Sommario Introduzione... 11 L argilla nella storia... 13 Antiche abitudini e geofagia... 14 Capitolo 1 L argilla, elemento naturale...17 1.1 Cosa si trova nel terreno?... 17 1.2 Cos è l argilla?... 18

Dettagli

Bevande calde per l inverno marche-restaurants.com

Bevande calde per l inverno marche-restaurants.com HOT DRINKS Bevande calde per l inverno marche-restaurants.com Prendere & preparare a casa Tè aromatici Tè alle arance e menta Ingredienti per 1 tazza di tè: V arancia 1 rametto di menta fresca 2.5 dl di

Dettagli

Canale Monterano 20/11/2010

Canale Monterano 20/11/2010 Canale Monterano 20/11/2010 Introduzione di Paolo Segretario Ass. Vivere in salute - Canale Monterano vivereinsalute@gmail.com La Salute Definizione OMS: Mantenimento dello stato di benessere fisico, psichico

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti.

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. IL VIAGGIO DEL CIBO Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. Dalla bocca passano nello stomaco e da qui all intestino per poi venire

Dettagli

www.alberodeigelati.it

www.alberodeigelati.it www.alberodeigelati.it presenta La Dieta del Gelato a cura di Dott. Claudio Tomella, Medico - Chirurgo specialista in scienza dell alimentazione, nutrizione, medicina anti-aging Presidente Olosmedica COLAZIONE

Dettagli

La nuova generazione di cura della pelle con urea!

La nuova generazione di cura della pelle con urea! La nuova generazione di cura della pelle con urea! Solo con profumo senza allergeni. ZIWADERM... Balsamo per Per la il vostro vostra successo pelle. Per il vostro succe In questo catalogo Per i vostri

Dettagli

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH ...Sentiamo parlare sempre piú spesso di FIBRE: - Quale é il loro ruolo nell organismo? - Quale é la quantitá consigliata? - Quante bisogna mangiarne giornalmente? Vuoi aumentare energia e benessere? Prova

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO Operazioni PREPARAZIONE DEL TERRENO Il terreno ideale da giardino è quello con tessitura argillosa-sabbiosa, friabile. Se il terreno dovesse essere pesante e compatto bisognerà correggerlo incorporando

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

Prova Costume? Niente Paura!

Prova Costume? Niente Paura! Prova Costume? Niente Paura! Che Cos è la Nutraceutica? SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO L alimentazione occupa un ruolo decisivo per il nostro benessere. Spesso però non conosciamo quello che mangiamo e la qualità

Dettagli

ALOE LA PIANTA DELLA SALUTE

ALOE LA PIANTA DELLA SALUTE ALOE LA PIANTA DELLA SALUTE Aloe, la pianta della salute La pianta dell Aloe appartiene alla famiglia delle Liliaceae ed è originaria dell Africa. Fin dall antichità, l Aloe fu considerata un rimedio terapeutico

Dettagli

ALTRI USI 104 PER LA BELLEZZA 128 IN CUCINA

ALTRI USI 104 PER LA BELLEZZA 128 IN CUCINA SOMMARIO 6 INTRODUZIONE 10 NELLA STORIA 24 LA PIANTA 46 PROPRIETÀ E PRODOTTI 66 PER LA SALUTE 88 ALTRI USI 104 PER LA BELLEZZA 128 IN CUCINA LA LAVANDA INTRODUZIONE L aromaterapia è la disciplina che analizza

Dettagli

I nostri prodotti Linea cucina

I nostri prodotti Linea cucina I nostri prodotti Linea cucina SALE MARINO INTEGRALE 100 cc 3,00 Sale marino integrale con erbe biologiche o da raccolta spontanea: all origano, rosmarino, salvia, timo, alloro, singole o miste ERBE MISTE

Dettagli

Coccinella di Patti Maria

Coccinella di Patti Maria Coccinella di Patti Maria Coccinella è la prima ed unica Mieloteca D Autore in Italia. Nata nel 2007 dalla passione ed intraprendenza di Maria Patti, si è ben presto affermata, partecipando ai più importanti

Dettagli

Stanchezza autunnale...perchè?

Stanchezza autunnale...perchè? dal 1916 salute dalla natura Stanchezza autunnale...perchè? I Succhi di pianta fresca Salus-Schoenenberger STANCHEZZA AUTUNNALE PERCHÈ? L estate è finita, si torna dalle vacanze con la forza necessaria

Dettagli

pelle mista; drenante e schiarente pelle grassa; dermatosi pelle sensibile, congesta; prurito, ponfi pelle grassa; infiammazioni, atonia

pelle mista; drenante e schiarente pelle grassa; dermatosi pelle sensibile, congesta; prurito, ponfi pelle grassa; infiammazioni, atonia QUALITÀ COSMETICHE DEGLI OLI ESSENZIALI OLI ESSENZIALI ABETE SIBERIANO ACHILLEA ALLORO ANGELICA ANGELICA radici- distillato ANICE VERDE ARANCIO AMARO ARANCIO DOLCE BASILICO BASILICO a linalolo BENZOINO

Dettagli

IL LABORATORIO DEL GUSTO

IL LABORATORIO DEL GUSTO Nome... classe.... IL LABORATORIO DEL GUSTO Leggete i paragrafi, trovate la frase con lõidea principale e scrivetela nelle righe vuote GUSTO Il gusto uno dei cinque sensi, per mezzo del quale si percepiscono

Dettagli

Emergenza caldo. Conoscere e prevenire i rischi di un estate bollente.

Emergenza caldo. Conoscere e prevenire i rischi di un estate bollente. Emergenza caldo. Conoscere e prevenire i rischi di un estate bollente. Emergenza caldo. Ecco una serie di consigli pratici per prevenire e affrontare i pericoli del caldo estivo. Questi consigli, validi

Dettagli

MARTEDI DELLA SALUTE 2010 CALCOLOSI RENALE E MALATTIE UROLOGICHE: MEDICO E FARMACISTI ALLEATI

MARTEDI DELLA SALUTE 2010 CALCOLOSI RENALE E MALATTIE UROLOGICHE: MEDICO E FARMACISTI ALLEATI MARTEDI DELLA SALUTE 2010 CALCOLOSI RENALE E MALATTIE UROLOGICHE: MEDICO E FARMACISTI ALLEATI RUOLO DELLA FARMACIA Aiutare il paziente ad inquadrare il proprio disturbo Suggerire controlli medici dettagliati

Dettagli

Consiglio Nazionale delle Ricerche IMPIANTO SPERIMENTALE DI PIANTE OFFICINALI PRESSO L AZIENDA DI VEZZOLANO

Consiglio Nazionale delle Ricerche IMPIANTO SPERIMENTALE DI PIANTE OFFICINALI PRESSO L AZIENDA DI VEZZOLANO I.M.A. Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO PER LE MACCHINE AGRICOLE E MOVIMENTO TERRA Rapporto Interno 04-12 Renato DELMASTRO, Marta MARCHESE IMPIANTO SPERIMENTALE DI PIANTE OFFICINALI PRESSO L

Dettagli

Prima di tutto è consigliabile visitare questo sito, importantissimo e veramente completo: http://www.harrr.org/rrr/stitichezza - - - - -

Prima di tutto è consigliabile visitare questo sito, importantissimo e veramente completo: http://www.harrr.org/rrr/stitichezza - - - - - Stitichezza Sia per curare le emorroidi, che per disintossicare l'organismo, è bene evitare la stitichezza. Questo file raccoglie (abbastanza alla rinfusa) appunti, tabelle e consigli sull'argomento. Prima

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

L'importanza di un equilibrato tono intestinale

L'importanza di un equilibrato tono intestinale enterorelax intestino sereno L'importanza di un equilibrato tono intestinale FITOMEDICAL star bene è naturale L intestino lavora in silenzio In situazioni normali, l attività digestiva si compie in una

Dettagli

Integrazione di silice - Benefici riportati

Integrazione di silice - Benefici riportati Integrazione di silice - Benefici riportati Riduzione del dolore e dell infiammazione dei legamenti Migliorata elasticità della pelle Migliorata idratazione della pelle Stimolazione della formazione e

Dettagli