RELAZIONE DEL PRESIDENTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE DEL PRESIDENTE"

Transcript

1 DIREZIONE LEGACOOP EMILIA ROMAGNA Europa 2020 L orizzonte della Cooperazione Conferenza economica RELAZIONE DEL PRESIDENTE BOLOGNA 26 MARZO 2015

2 Signori invitati, care cooperatrici e cari cooperatori, con l iniziativa di oggi, che cade a soli quattro mesi dalla conclusione del nostro congresso, vogliamo dare un segnale deciso: un segnale che parla della necessità, che tutti noi abbiamo, a partire dai gruppi dirigenti delle cooperative, di fare il punto sulle iniziative contenute nel nostro programma di mandato. Sentiamo anche il bisogno di una forte iniziativa, che sia imperniata su una attenta riflessione rispetto alla situazione particolare e al momento che, oggi, le cooperative e il movimento nel suo insieme stanno attraversando: una riflessione seria e ponderata che possa, tra le altre cose, spingersi al di là della pur difficile (e necessaria, ovviamente) opera di gestione delle difficoltà contingenti e dei nodi che quotidianamente la crisi ci presenta. Al congresso, come ricorderete, abbiamo condiviso il lancio del cosiddetto Progetto cooperativo inteso quale "luogo economico sociale e valoriale", progettualità innovativa in cui poter inserire le azioni del complesso della cooperazione e tenere come orizzonte la visione di Europa Il progetto punta a creare le condizioni per realizzare una serie di significative innovazioni e integrazioni, sempre più intersettoriali, tra i progetti delle singole imprese cooperative. Si tratta in definitiva di un Progetto che cerca di dare unità all azione della Squadra Cooperativa, perché un concetto deve essere chiaro: nessuno può bastare a se stesso, né come singola cooperativa, né come singoli territori sia a livello regionale che nazionale. Abbiamo il dovere di tenere fortemente collegate le iniziative per contrastare la crisi con una valutazione strategica delle potenzialità e degli scenari nuovi che si stanno definendo. La crisi di questi anni rischia di generare una mentalità molto difensiva, creando fenomeni diffusi di ripiegamento e di chiusura, nuove insicurezze. Non deve naturalmente essere così: la cooperazione in Emilia Romagna ha contribuito, negli ultimi decenni, allo sviluppo economico e sociale della regione in modi diversi e complessi, ed è diventata, lo diciamo con orgoglio, una delle presenze sociali, oltreché economiche, che caratterizza in modo peculiare la vita delle nostre comunità. La cooperazione è davvero nel Dna di questi territori! Ogni progetto, si sa, cammina sulle gambe degli uomini. Oggi dobbiamo cercare di dare concretezza al nostro sistema di Valori, alla solidarietà, all equità, alla qualità, alla democrazia economica, alla coesione sociale e a quella economica: tutti aspetti essenziali di un pensiero moderno, di un approccio serio all economia e ai grandi nodi della nostra civiltà; valori che delineano una positiva identità e contribuiscono a definire una possibile (positiva!) risposta al grande cambiamento che abbiamo chiamato Crisi, nel segno di una società che rimette al centro la persona. E dalla crisi, sembra che si stia, contrariamente a quello che avvenne tra la primavera e l autunno del 2011, sia pur lentamente, uscendo. Tuttavia dobbiamo tener conto che oggi siamo già entrati in un nuovo mondo: un nuovo mondo nelle relazioni di mercato, tra le culture, nella società dei consumi e nel vivere civile, nel valore dato ai territori, nel rapporto tra locale e globale. La crisi ha colpito e sta ancora colpendo duramente la nostra società regionale e nazionale. Molte cose non saranno mai più come prima. L insediamento stesso della cooperazione sta cambiando profondamente. Gli interventi di Guido Caselli di Unioncamere e di Alfonso Rosolia di Banca d Italia, che ringraziamo davvero per aver accettato il nostro invito - loro e gli enti di appartenenza per aver consentito la loro presenza -, ci forniranno un quadro dettagliato delle condizioni nelle quali ci troviamo e spunti utili alla nostra riflessione. Siamo comunque convinti di un fatto: la nuova cooperazione che uscirà dalla crisi dovrà avere la capacità di rinnovarsi profondamente e rinnovare la sua modalità peculiare di essere democrazia economica, dato che rappresenta probabilmente il suo vero contributo allo sviluppo sociale del Paese, oppure, anche sopravvivendo, perderà un pezzo decisivo della sua distintività e della sua forza economica, sociale e culturale.

3 L ACI e le sue iniziative Consentitemi di partire sottolineando quello che rappresenta uno degli obiettivi più ambiziosi, del nostro mandato congressuale, anzi il principale obiettivo, la costituzione dell ACI. Progetto, quello della costituzione dell ACI che, pensiamo, vada sostenuto dal basso: da qui la necessità di approfondire l argomento nelle prossime assemblee di bilancio e nei Consigli di Amministrazione di tutte le cooperative. Percorso che ci consentirà di raccogliere spunti, suggerimenti, valutazioni anche critiche, percezioni e aspettative della nostra base sociale. L ACI è una grande opportunità e lo testimoniano anche due importanti appuntamenti che stiamo organizzando a livello nazionale. Il primo, riguarda, la raccolta firme per una Legge di iniziativa popolare contro le false cooperative che, ha lo scopo, di contrastare non solo lo sviluppo di un fenomeno di reale sfruttamento delle persone attraverso salari molto inferiori a quelli contrattuali, meno diritti, tutele normative scarse, tutte condizioni che permettono a queste cooperative una maggiore competitività sul mercato a scapito di chi opera correttamente ma, anche le ricadute dannosissime sulla reputazione delle cooperative buone. Non dobbiamo più dare spazio, a tali forme di cooperazione: la discriminante per aggiudicarsi le gare di appalto non può essere solo il prezzo più basso, perché questo significa tradire i nostri principi e i nostri valori.

4 Le prossime Assemblee di bilancio dovranno essere un occasione per lanciare la raccolta di firme, proposta che deve vedere impegnati i nostri soci, le nostre cooperative. L obiettivo è molto importante ed è necessario che tutti facciano la loro parte anche, organizzandosi, autonomamente. In alcuni territori ci sono pervenute richieste di collaborazioni per la raccolta firme da parte di altre associazioni, ad esempio la CGIL. In questi casi è necessario procedere con cautela e valutare attentamente i contenuti delle iniziative che altre organizzazioni ci presentano, e comunque tutte le iniziative dovranno essere condivise con l ACI nazionale e regionale. L altro appuntamento importante, al quale stiamo lavorando come ACI, riguarda la firma del Protocollo di legalità con il Ministero dell Interno. Le Linee Guida sono state già siglate ed è in corso di stesura un protocollo operativo per la realizzazione delle attività previste dalle Linee guida. Il significato politico di questa iniziativa è immediatamente evidente. Si tratta di una iniziativa di promozione presso le imprese di una cultura della trasparenza e del controllo. L iscrizione alle liste rappresenterà una sorta di titolo di merito di carattere politico, senza dirette conseguenze sulle pratiche amministrative e sulle possibili gare. Sulle questioni del contrasto alla corruzione è facile immaginare il nostro impegno e la nostra attenzione. Dobbiamo reagire con forza ad una campagna di denigrazione e di attacco alla nostra reputazione che pur avendo caratteri fortemente strumentali non deve avere, nei nostri comportamenti e nelle nostre attività, il benché minimo appiglio. Tutti noi dobbiamo fare la nostra parte, con responsabilità e attenzione. L iniziativa in collaborazione con Libera di qualche giorno fa a Bologna, ha rappresentato un momento di forte impegno e visibilità per tutto il movimento cooperativo da tempo impegnato a sostegno di iniziative di educazione alla illegalità, lotta alle mafie e di recupero in forma cooperativa della gestione dei beni sequestrati ai mafiosi. Insieme a queste iniziative abbiamo bisogno di sviluppare anche un lavoro di approfondimento su quelli che sono i reali strumenti di contrasto alla criminalità, alle caratteristiche che ha, nel sistema del diritto penale dell economia. Ci sono ancora ampi margini di miglioramento, soprattutto per quanto riguarda la consapevolezza da parte del legislatore e della stessa magistratura che il primo vero strumento di lotta alla criminalità è quello di un sistema di norme per gli appalti che sia chiaro e trasparente, univoco e il meno possibile discrezionale, tutte cose che sono ben lontano dalla realtà, purtroppo. Lo stesso troppo facile ricorso al massimo ribasso, senza vincoli di salvaguardia per i contratti previsti, favorisce la diffusione di iniziative concorrenziali che falsano completamente il mercato. E non è certamente con l inasprimento delle pene o altri recenti provvedimenti che si interverrà su questo difetto di fondo del nostro sistema dedicato al funzionamento di un pezzo decisivo del mercato. In tal senso oltre a ribadire la necessita di superare le gare al massimo ribasso ribadiamo la proposta, molto politica, di sperimentare la nomina delle commissioni di gara in base all estrazione dei commissari da una lista predisposta dalle prefetture e dalla magistratura, estrazione che deve essere fatta il giorno prima della gara. In un sistema come l attuale, gli operatori, i nostri cooperatori sono troppo spesso esposti a incertezze delle norme e a iniziative giudiziarie che nascono proprio a causa del caos normativo e del mancato coordinamento interpretativo. Il Riposizionamento e la promozione di cooperative e di nuove imprese: il valore dell intersettorialità Insieme al tema decisivo della costituzione dell ACI l altro tema centrale del mandato congressuale è rappresentato dal lavoro sui temi del Riposizionamento delle cooperative e del recupero della dimensione dell Intersettorialità, della capacità di tornare a muoversi come un sistema di imprese, recuperando quella cultura delle reti e della cooperazione tra cooperative che ha da sempre rappresentato uno dei nostri punti di forza, a volte in messo in ombra da una malintesa centralità

5 dell impresa, troppo frequentemente scivolata nell aziendalismo e nell omologazione ad altre forme d impresa. Ogni cooperativa deve avere il massimo di autonomia ma dobbiamo adottare una specie di regola : ogni cooperativa deve avere un suo progetto, redatto con lo spirito di trovare le convenienze in una sinergica integrazione con quello di altre cooperative, compresa la ricerca di vaste, se sono utili, intese con altre forme d impresa, senza limiti territoriali. Per affrontare queste problematiche abbiamo messo in piedi una strumentazione complessa ma non complicata: dalla slide potete vedere l articolazione delle nostre iniziative. Particolarmente importante sarà l azione di promozione cooperativa e di nuove imprese che stiamo cercando di favorire con i gruppi di lavoro presentati nell ultima direzione. La cooperazione emiliano-romagnola sta attraversando una fase di profonda trasformazione, dopo la quale non sarà davvero più la stessa. Siamo di fronte alla profonda ristrutturazione e riduzione drastica di uno dei settori portanti, che ha caratterizzato da decenni la nostra presenza, parlo del settore delle Costruzioni e della abitazione. La Legacoop regionale insieme alle Legacoop territoriali e attraverso il coinvolgimento dell ACI è impegnata ad arginare gli effetti sull occupazione dei soci attraverso il coordinamento di una serie di iniziative, in accordo con la Regione e con lo stesso ministero del lavoro. Tali interventi sono: 1) ricerca di potenziamento dei lavori di rigenerazione delle città, di governo del territorio dalle coste alle aree montane pianeggianti e fluviali, l infrastrutturazione di piccola e media dimensione.

6 2) attivazione di Ammortizzatori sociali adeguati coordinati con politiche attive del lavoro. 3) sbloccare i pagamenti delle opere già realizzate, attivazione di finanza bancaria adeguata, interventi della cassa depositi e prestiti per l acquisizione di parti immobiliare importanti da dedicare all Housing sociale Momenti di tensione e di difficoltà ci sono anche in altri settori anch essi sottoposti agli effetti diretti ed indiretti della crisi. Sto pensando alla situazione delle cooperative che gestiscono gli arenili in una fase di modifica del regime delle concessioni. Faccio riferimento anche alle modifiche profonde del modello dei consumi delle famiglie e non solo al loro calo quantitativo, che mette in difficoltà i nostri produttori agricoli e le nostre cooperative di consumo e distribuzione. Più in generale possiamo dire che le attività di tipo tradizionale, posizionate quasi esclusivamente sul mercato interno e senza sbocchi internazionali, si trovano sotto gli effetti della crisi e vengono sottoposte a drastiche riduzioni. Anche nel settore dei servizi ci troviamo in una situazione di sostanziale stallo anche a seguito di modifiche della Pubblica amministrazione. Basti pensare alla riduzione delle stazioni appaltanti e alla necessaria modifica delle politiche di acquisizione che ne derivano. Nel settore dei servizi sociali siamo di fronte ad una dipendenza delle nostre cooperative dagli appalti pubblici di oltre l 80%, in un segmento di mercato destinato a calare, in vista dei tagli previsti per queste attività di welfare. Ma accanto a questa situazione che ridimensiona o condiziona fortemente la nostra presenza nei settori che si erano consolidati prima della crisi, siamo di fronte anche ad alcune iniziative che danno il senso di come sia possibile pensare ad un forte Riposizionamento delle nostre cooperative. L annuncio delle tre cooperative di consumo con sede in Emilia Romagna di procedere ad una progressiva e speriamo rapida, integrazione, lancia una prospettiva di notevole interesse per tutta la cooperazione. La fusione è da considerarsi come un grande risultato di valore nazionale ed è indubbiamente un operazione che tenta di offrire risposte concrete in un momento storico delicato sia sul piano economico che sociale come quello attuale. Molti e diversi indicatori economici e statistici ci dicono che nel 2015 si vedranno i primi segnali di ripresa economica. In contrasto con queste luci, rimangono forti le ombre sull area dei consumi nazionali, ancora fermi anche per effetto di una nuova cultura sugli acquisti. Si compra spesso quello che serve e costa meno. L operazione deve essere vista non solo come una razionalizzazione dei costi e delle presenze delle varie cooperative di consumo, ma, anche come risposta ai nuovi bisogni, attraverso il potenziamento di tutte quelle attività che le cooperative stesse hanno prodotto nel corso degli anni, attraverso lo sviluppo di nuove idee e attività. Nei nostri gruppi di lavoro queste idee cominciano ad emergere: si tratta di un possibile accordo tra cooperative di consumo, il gruppo Conad e le cooperative di produzione agricola, dello sviluppo delle attività legate alla Nuova Mutua, in collaborazione con Unipol, della sperimentazione di una collaborazione possibile con le cooperative di Abitazione. In particolare occorre pensare ad un rapporto di sistema rispetto alla riorganizzazione della Logistica, che potrebbe essere un esempio a livello nazionale, aiutando anche le nostre cooperative del settore ad innovarsi profondamente. Questi progetti di integrazione come quello di Unipol-Fonsai, testimoniano, la capacità di innovazione profonda della cooperazione. Siamo insomma in presenza di una serie di operazioni che possono dare un impulso considerevole ad una attività intersettoriale che rimetta al centro dell iniziativa cooperativa l organizzazione delle persone e dei loro nuovi bisogni e al contempo elabori proposte che rinnovino il pensiero economico e culturale delle cooperative e dell intero paese.

7 Vi invito a scorrere con attenzione il saggio del prof. Longo del Cergas-Bocconi e del suo collaboratore sui mercati dei servizi socio-assistenziali. In questo studio si dimostra come le nostre cooperative occupano solo 1\3 del mercato potenziale dei servizi alle persone, occupando, la parte calante, quella dei servizi comunali. Non vi è dubbio che in esso vi sia comunque un elemento di innovazione come quello rappresentato dal superamento degli appalti per i servizi rivolti agli handicappati, il cosiddetto accreditamento, un elemento di grande civiltà e distintivo della nostra realtà. Tuttavia non possiamo non porci il problema di quali strumenti dobbiamo mettere in campo per cominciare ad essere protagonisti dell intervento in un mercato privato, fatto di risposte individuali, solitarie e in molti casi inadeguate. Come riusciamo a portare la nostra cultura di una risposta solidale, organizzata collettivamente ai bisogni che rischiano l atomizzazione? Come ci confrontiamo per esempio con le potenzialità di innovazione tecnologica che il welfare locale può generare, riprendendo un circolo virtuoso di investimenti anche privati? Le potenzialità e le iniziative in corso all interno del sistema cooperativo, di cui vi ho descritto le principali, devono sempre più inquadrarsi in una visione forte e rinnovata della INNOVAZIONE, anzi della innovazione NECESSARIA, come ben dice il dott. Bertini, dirigente della Regione, nel suo prezioso contributo che vi invito a leggere con attenzione e su cui riflettere attentamente. In esso troverete una discussione e una esplicitazione di una nuova forma di dinamismo innovativo che non deve essere visto solo dal punto di vista tecnologico, ma che deve coinvolgere e sviluppare una più complessiva capacità di progettazione e di ideazione, specialmente nel campo dei servizi. Questa nuova e corretta concezione dell innovazione apre degli spazi di enorme potenzialità per le forme di impresa cooperative, per quelle esistenti e per quelle che dovremo inventare. Infatti un elemento decisivo di questa capacità innovativa sta nella costruzione di reti, di relazioni dense, di scambi di esperienze, insomma una logica cooperativa che deve vedere nel territorio e nella sua progressiva riqualificazione un punto di partenza e un punto di arrivo, imprescindibile. Su questo insistono tutti gli interventi che troverete nel volume a vostra disposizione ed è per questo che diventano cruciali la qualità e la profondità, anche in questo caso innovativa delle politiche pubbliche, locali e regionali, a partire dalla occasione non eludibile dei Fondi Strutturali europei. Vorrei citarvi un brano dell intervento di Bertini che trovo particolarmente utile alla nostra discussione: E ampiamente noto che, in particolare il sistema agroalimentare e quello dell edilizia hanno visto un ruolo fondamentale delle imprese cooperative nella strutturazione industriale e nel promuovere quel processo graduale di accumulazione e specializzazione. Così come è noto che vi sono alcune importanti imprese cooperative nel settore della meccanica, casi quasi unici e comunque esemplari a livello nazionale, che hanno raggiunto dimensioni ragguardevoli ed elevata forza competitiva. Ognuno di questi tre grandi ambiti produttivi mettono assieme più di 300 mila occupati; insieme coinvolgono quindi, circa un milione di posti di lavoro. E chiaro che la Regione non può permettersi di perdere posizioni in nessuno di questi tre ambiti, anche laddove la crisi batte in maniera particolarmente forte come nel sistema dell edilizia e delle costruzioni. Non si possono disperdere le competenze altamente specialistiche accumulate in diversi decenni. Così Bertini. In particolare intendo sottolineare la nostra adesione a quelle che sono linee di fondo del piano per il lavoro che è stato presentato dalla amministrazione regionale. Riteniamo che esso rappresenti un importante contributo per la ripartenza dell economia e della occupazione nella nostra Regione. A questo sforzo noi intendiamo partecipare con le nostre proposte concrete e con un rilancio, anche ideale, del Progetto Cooperativo. L intervento dell assessore Bianchi, la cui sensibilità su questi temi è nota, sarà un contributo importante alla nostra discussione e per quella delle nostre cooperative. Dobbiamo tuttavia essere molto realistici. Non c è dubbio che siamo di fronte ad una fase di espansione delle disponibilità finanziarie grazie al Quantitative Easing, alla riduzione del costo dell energia, alla disponibilità degli stessi Fondi Strutturali. Ma la disponibilità di un potenziale di liquidità non è sufficiente: non dobbiamo andare alla ricerca di quella liquidità se prima non siamo stati in grado di intervenire su noi stessi, sulla modernizzazione delle nostre cooperative, sul loro possibile

8 accorpamento per raggiungere, quando necessario, adeguate dimensioni di scala per le attività che vogliamo perseguire. Dobbiamo seriamente fare i conti con un mancato aggancio alle nuove tecnologie dell informazione, quasi del tutto assenti nella riorganizzazione dei nostri business, compreso il consumo, dove pure esse hanno prodotto innovazioni epocali. Ecco perché abbiamo dato vita anche a gruppi di lavoro, che abbiamo chiamato di sistema. Dobbiamo essere consapevoli che la discussione sulla nostra identità, a partire da quella sulla nostra Governance è ormai all ordine del giorno e urgente. La vicenda del provvedimento sulle Banche Popolari e la discussione in atto sulle Banche di Credito Cooperativo, ci stanno parlando chiaro e forte. Già al congresso abbiamo avuto modo di approfondire i difetti e i buchi della Governance in particolare in alcuni settori e cooperative in crisi, dove una sua debolezza ha certamente aiutato ad amplificare gli effetti della crisi, impedendo un intervento tempestivo. Una confusione di ruoli tecnici e di rappresentanza, una passività (in alcuni casi uno scarso ricambio generazionale) delle basi sociali, una mancanza di trasparenza nelle informazioni e nelle procedure, sono tutti elementi che abbiamo già individuato da tempo come cause di indebolimento sia operativo che ideale delle cooperative. Molto importante e delicato è il tema relativo alla nuova regolamentazione del prestito sociale. Dopo le note vicende accadute in Emilia Romagna e in Friuli Venezia Giulia non è più rinviabile l attuazione del nuovo regolamento, approvato dalla recente direzione Nazionale di Legacoop. CONCLUSIONI Mi ha colpito una considerazione del Governatore della Banca d Italia, Ignazio Visco, contenuta nella prefazione alla recente traduzione di un importante manuale di Politica economica. Visco dice: Le questioni [trattate nel manuale] riguardano anzitutto come definire le regole del gioco economico e come suddividere le responsabilità per assicurarne il rispetto, non accettando l idea, respinta sul piano teorico oltre che su quello dell evidenza storica, che i mercati riescano a regolarsi autonomamente. Esse [sempre le questioni di politica economica] riguardano anche, tuttavia come porsi nei confronti di

9 regolamentazioni troppo stringenti, a volte conseguenti ad eccessi burocratici, altre volte all affermazione, poco trasparente, di interessi di parte. Visco spazza via, autorevolmente, una visione sbagliata del mercato, quella di una vulgata neoliberista che tanti danni ha prodotto in questi decenni. Per chi, come noi, milita da tempo nel mondo della cooperazione è una affermazione importante, politicamente e culturalmente, prima ancora che per le sue ricadute sulle politiche economiche. Ma altrettanto importante è l accentuazione sulla necessità di trovare nuove responsabilità per gli attori sociali ed economici, regole certe e non soffocanti per la realizzazione di politiche pubbliche che puntino a valorizzare con forza le potenzialità produttive e siano in grado di contenere, di ridurre, gli interessi di parte. Questa crisi ha fatto emergere in modo dirompente proprio gli effetti altamente negativi di questi interessi di parte lasciati senza controllo, basti pensare al modo devastante con il quale sono stati usati gli strumenti della finanza. Ma non si tratta solo della finanza. Il capitalismo possiede al suo interno grandi forze di sviluppo, di crescita e di innovazione, ma da sempre porta con sé anche delle forze parassitarie, predatrici che sottraggono il valore prodotto dalle persone senza dare nulla in cambio. La nuova regolazione pubblica deve essere in grado di battere queste rendite, questi parassitismi. Per chi, come noi, ha trascorso gran parte della sua vita dentro il movimento cooperativo, che ha nella valorizzazione delle persone, all interno di una impresa collettiva, il suo obiettivo principale, questa visione dei rapporti tra società, istituzioni ed economia rappresenta un punto di forte sintonia e condivisione. Noi, negli anni, abbiamo costruito imprese, lavoro e cultura e di questo siamo molto orgogliosi. Tuttavia, non siamo sempre stati in grado di difendere sino in fondo le caratteristiche peculiari della cooperazione e in diversi casi proprio il venir meno a quei principi e a quei valori ha generato situazioni di distorsione e di crisi, di chiusure corporative. Proprio per questo oggi, dobbiamo rinnovare quella visione della società e dei rapporti tra rappresentanza ed istituzioni anche rinnovando noi stessi, profondamente.

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI attore sociale del cambiamento Per fare buona politica non c è bisogno di grandi uomini,

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

Sostenibilità del Ssn: un problema culturale e non soltanto finanziario. Presentata l indagine al Senato. De Biasi: Governo ci ascolti

Sostenibilità del Ssn: un problema culturale e non soltanto finanziario. Presentata l indagine al Senato. De Biasi: Governo ci ascolti Sostenibilità del Ssn: un problema culturale e non soltanto finanziario. Presentata l indagine al Senato. De Biasi: Governo ci ascolti di L.Va. pdf L indagine conoscitiva sulla sostenibilità del Ssn Questa

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

IGI. Istituto Grandi Infrastrutture. Convegno. Roma, 18/03/2015. Le direttive 2014: contributo di approfondimento per il loro recepimento

IGI. Istituto Grandi Infrastrutture. Convegno. Roma, 18/03/2015. Le direttive 2014: contributo di approfondimento per il loro recepimento IGI Istituto Grandi Infrastrutture Convegno Roma, 18/03/2015 Le direttive 2014: contributo di approfondimento per il loro recepimento Le novità delle nuove direttive europee appalti e concessioni e il

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa di Paola Pittelli Sommario: 1. Premessa; 2. I considerando 89-99 della direttiva 2014/24/UE; 3. L

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Relazione del collegio

Relazione del collegio Relazione del collegio revisori i dei conti RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI SUL RENDICONTO DELL'ESERCIZIO 2013 DEL PARTITO "IL POPOLO DELLA L1BERTA'" Il Collegio dei revisori composto dai

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI SOMMARIO 1. COS E IL MONOPOLIO NATURALE 2. LE DIVERSE OPZIONI DI GESTIONE a) gestione diretta b) regolamentazione c) gara d appalto 3. I

Dettagli