UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!"

Transcript

1 UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE Progetto di educazione alimentare e movimento Scuola dell infanzia statale J.da Gorzano Anno scolastico

2 Progettazione Premessa Utilizzare un libro, zuppa di sasso,come sfondo sul quale costruire un percorso di educazione alimentare è una scelta che muove dalla considerazione che l esperienza della narrazione e la dimensione fantastica sono aspetti importanti che veicolano saperi e consentono di acquisire abilità in quanto attività con valenza sul piano: Relazionale: leggere e raccontare ai bambini è un modo per stabilire una sintonia reciproca che si traduce nella condivisione delle storie che prendono vita dalle pagine narrate e in una comunicazione basata su amicizia e complicità che rafforza i legami interpersonali Emotivo : attraverso l esplorazione di paure,desideri,aspettative, in una situazione controllata dove l adulto e i compagni possono intervenire con rassicurazioni e spiegazioni Cognitivo: offrendo ai bambini la possibilità di andare oltre l esperienza diretta per conoscere, scoprire,.esplorare,immaginare, supportando così la comprensione di sé stessi,degli altri e del mondo,lo sviluppo di fantasia,creatività,curiosità e memoria,il potenziamento di capacità logiche e di astrazione.. Linguistico:come arricchimento lessicale e organizzazione dei propri pensieri e delle proprie idee interagendo con le storie e con gli altri Culturale: quale modalità di passaggio per messaggi,valori e tradizioni. il laboratorio di teatro è stato poi individuato come possibilità di operare sul far finta di per rafforzare atteggiamenti di collaborazione e confronto,supportare la capacità di tradurre indicazioni teoriche in azioni (da trasferire poi a tavola),indagare ulteriormente contenuti riferiti all alimentazione e consentire a tutti di esprimersi attraverso diversi linguaggi con particolare riferimento a bambine e bambini stranieri in difficoltà con la nostra lingua e a quanti per diversi motivi sono in situazione di svantaggio. Il gioco infine,come principale modalità di lavoro nella scuola dell infanzia, rappresenta la parte motoria attraverso la quale approfondire ulteriormente i contenuti legati alla salute. FINALITA Attivazione di esperienze attraverso diversi linguaggi, giocate sul piano fantastico e su quello reale per : conoscere frutta e verdura e promuoverne il consumo al fine di salvaguardare la propria salute conoscere sé stessi, le proprie necessità e le proprie potenzialità motorie adottare corretti stili di vita

3 OBIETTIVI seguire la crescita e la maturazione di frutta e verdura formulare ipotesi circa la propria salute in rapporto al cibo esprimere preferenze e condividere gusti e abitudini alimentari attraverso il confronto verbale,rilevando e rispettando le diversità individuali rispettare l'adesione ad un patto alimentare attraverso la disponibilità ad assaggiare i cibi prima di rifiutarli modificare comportamenti alimentari a seguito delle esperienze compiute, supportati dal gruppo amicale acquisire e utilizzare termini specifici per verbalizzare quanto rilevato attraverso la lettura percettiva dei diversi alimenti partecipare attivamente ad esperienze di movimento gestire correttamente il proprio corpo padroneggiare il proprio corpo in interazione motoria partecipare attivamente ad attività proposte con modalità diverse (gioco,drammatizzazione, danza..) trasferire conoscenze dal piano teorico a quello pratico collaborazione scuola -famiglia per promuovere sane abitudini alimentari FASI DI LAVORO IL LIBROIl libro zuppa di sasso è stato oggetto di una lettura animata da parte di una esperta che ha lavorato con piccoli gruppi di bambini di età miste. Successivamente le insegnanti hanno ripreso i contenuti della trama per consentire la discussione e il confronto verbale in sezione evidenziando l uso delle diverse verdure al fine di dare sapore alla zuppa Sono stati anche analizzati i diversi personaggi e le loro paure per consentire poi l assegnazione delle parti nella recita. IL TEATROL esperta esterna ha proposto giochi di imitazione dei vari animali e attraverso il confronto e la discussione, ha assegnato le parti a ciascun bambino iniziando il percorso di costruzione della rappresentazione attraverso drammatizzazioni/prove,uso di musiche e di oggetti simbolici introdotti progressivamente nei diversi incontri. Sono stati poi preparati con la collaborazione delle famiglie,i vari travestimenti, le scene per allestire il teatro e gli oggetti della storia (sasso,coltello, ) Infine il all auditorium E.Ferrari di Maranello, alla presenza di genitori, nonni,zii è andato in scena lo spettacolo con grande successo e grande divertimento dei bambini IL PATTO la necessità di tradurre la conoscenza di verdure in pratica, ha motivato la sottoscrizione,da parte dei bambini,di un patto per assaggiare,non solo lo verdure ma tutti i cibi prima di rifiutarli a priori.in questa fase sono state coinvolte le famiglie che,in sinergia con la scuola devono promuovere l approccio a cibi sani

4 IL GIOCO dopo aver finito il lavoro di teatro e aver sottoscritto il patto è stato possibile proporre ai bambini una attività di movimento con il famoso sasso e le verdure, adattando lo schema del gioco tradizionale e antico: la settimana e cogliere l occasione di confrontarsi sui corretti stili di vita ANCORA LIBRI sono stati proposti ai bambini altri testi per conoscere verdure e frutta con l ausilio della narrazione, della musica e della danza ORTO E FRUTTETO i bambini, a piccoli gruppi,hanno iniziato a costruire l orto per far crescere le verdure conosciute e altri ortaggi da assaggiare. Contestualmente hanno seguito e osservato la trasformazione del fiore nelle piante da frutto del giardino fino alla maturazione e l assaggio di albicocche,ciliegie e prugne. TEMPI DI REALIZZAZIONE Il progetto è stato realizzato in quattro mesi: febbraio,marzo,aprile e maggio 2012 MODALITA DI VERIFICA Osservazione dei bambini nelle diverse situazioni Registrazione di conversazioni e confronti verbali Comparazione dei prodotti dei bambini Discussione e confronto collegiale

5 DOCUMENTAZIONE DELLE ESPERIENZE LA NARRAZIONE È NOTTE. È INVERNO. UN VECCHIO LUPO CERCA OSPITALITÀ NEL VILLAGGIO DEGLI ANIMALI PER CUCINARE UNA ZUPPA DI SASSO. FINIRÀ CON UNA GRANDE CENA CON TUTTI GLI ANIMALI, CURIOSI DI CONOSCERE UN LUPO DAL VERO...

6 IL TEATRO LE PROVE A SCUOLA PROVIAMO A FARE I LUPI E GLI ALTRI ANIMALI

7 LO SPETTACOLO il all auditorium E.Ferrari di Maranello, alla presenza di genitori, nonni,zii è andato in scena lo spettacolo con grande successo e grande divertimento dei bambini LA SCENOGRAFIA LE VERDURE PER LA ZUPPA POMODORI E PEPERONI CHE PIZZICANO FANNO FARE LA PIPI CHE PUZZA GLI ASPARAGI CHE SE LI MANGI

8 ANCHE IL CAVOLO PUZZA IL LUPO CHE HA PORTATO IL SASSO PENTOLONE DELLA GALLINA DA METTERE NEL E C E ANCHE UN GATTO TRA GLI ANIMALI SUL PALCO

9 SI ACCENDE LA MUSICA E SI COMINCIA CON LA NOTTE D INVERNO NEL VILLAGGIO DEGLI ANIMALI

10 IL PATTO LA GALLINA DICE: SI PUO AGGIUNGERE IL CAVOLO ALLA ZUPPA DI SASSO? E IL LUPO: SI DA SAPORE E IL PORCELLINO DICE SI PUO AGGIUNGERE IL PEPERONE ALLA ZUPPA DI SASSO? E IL LUPO: SI DA SAPORE GLI ANIMALI ASSAGGIANO E SENTONO IL SAPORE DI TUTTE LE VERDURE COSI ANCHE NOI FACCIAMO UN PATTO PER ASSAGGIARE E LO FIRMIAMO (in collaborazione con AUSL di Modena il patto è stato presentato durante le assemblee di sezione con richiesta di collaborazione per raggiungere una coerenza educativa riferita al cibo.successivamente è stato presentato ai bambini delle tre sezioni per condividerlo, accettarlo e sottoscriverlo mettendo la propria firma infine, i bambini stessi lo hanno illustrato alle famiglie con l impegno di individuare un luogo visibile dove conservarlo in casa.sono state inoltre Consegnate ai bambini,di tre cartoline a cadenza settimanale per supportare il consumo di frutta e verdura,il consumo di cereali e l abitudine ad una buona colazione)

11 IL GIOCO E ADESSO SI GIOCA ALLA SETTIMANA UNA SETTIMANA DI VERDURE PER ARRIVARE ALLA ZUPPA USANDO UN SASSO

12

13 ANCORA LIBRI altri libri per parlare, cantare, giocare,saltare, scherzare imparando a mangiar sano Lola dice, "Io non mangio piselli, né carote, né patate, né funghi, né spaghetti, né uova, né salsicce. Io non mangio cavolfiori, né cavoli, né fagioli, né banane, né arance. E assolutamente mai e poi mai mangerò i pomodori.

14 ORTO E FRUTTETO PREPARIAMO L ORTO PER AVERE ALTRE VERDURE DA ASSAGGIARE LA PREPARAZIONE DEL TERRENO DA PARTE DEI GENITORI

15 LA SEMINA

16 LA RACCOLTA E L ASSAGGIO

17 ORA ASPETTIAMO DI POTER ASSAGGIARE LA FRUTTA DEL NOSTRO PICCOLO FRUTTETO E DI COSTRUIRE UN ALTRO GIOCO DELLA SETTIMANA CON LA FRUTTA PER LA MACEDONIA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Istituto Comprensivo Ferentino 1 SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE : il ruolo della Scuola dell Infanzia Nelle recenti Bozze delle Indicazioni Nazionali

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA

ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA PROGETTAZIONE ANNUALE UNITARIA TUTTI A BORDO per FARE giocando,

Dettagli

FINALITA FINALITA SPECIFICHE CHE COS E LA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA FINALITA SPECIFICHE CHE COS E LA SCUOLA DELL INFANZIA FINALITA Offrire un ambiente educativo e di apprendimento accogliente che riesca a favorire: 1. la crescita dell individuo come persona attraverso i valori culturali e spirituali, cristiani e non; 2. la

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

SO DIRE DI SÌ, SO DIRE DI NO

SO DIRE DI SÌ, SO DIRE DI NO SO DIRE DI SÌ, SO DIRE DI NO Modulo di promozione alla salute promosso dal Dipartimento Dipendenze nell ambito della Scuola Primaria ATTIVITÀ RIVOLTE AGLI ALUNNI PER STIMOLARE LO SVILUPPO DELLE LIFE SKILLS

Dettagli

Curricolo verticale per competenze

Curricolo verticale per competenze CIRCOLO DIDATTICO di CORCIANO Curricolo verticale per competenze Gatto Alice cominciò mi diresti, per favore, che strada dovrei fare? Dipende da dove vuoi arrivare disse il Gatto. (L. Carrol) - Traguardi

Dettagli

nelle scuole dell infanzia comunali

nelle scuole dell infanzia comunali Le relazioni tra insegnanti e genitori nelle scuole dell infanzia comunali Ci vuole un villaggio per educare un bambino Barbara Benedetti, Donella Fammoni, Tosca Bassi, Catello Marciano del Coordinamento

Dettagli

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO SCUOLA INFANZIA ARCOBALENO PROGETTO DIDATTICO PREMESSA L azione del documentare necessita sempre di una fase

Dettagli

Carta del servizio Centro per l'infanzia la casa sull'albero

Carta del servizio Centro per l'infanzia la casa sull'albero Carta del servizio Centro per l'infanzia la casa sull'albero INTRODUZIONE E PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO La scelta di redigere una Carta del Servizio significa far conoscere il servizio, garantire trasparenza

Dettagli

GLI ARISTOGIOCHI: UNA STORIA UN MUSICAL, UN GIOCO UN ARTE

GLI ARISTOGIOCHI: UNA STORIA UN MUSICAL, UN GIOCO UN ARTE GLI ARISTOGIOCHI: UNA STORIA UN MUSICAL, UN GIOCO UN ARTE Autore: Liliana Minutoli PROGETTO DIDATTICO PER APPRENDERE DA SUONI, PAROLE, IMMAGINI, MOVIMENTI CORPOREI A BAMBINI E MAESTRI! Eccoci qui insieme

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Orientamenti per famiglie e operatori di bambini con sindrome di Down da 0 a 6 anni LA RIABILITAZIONE

Orientamenti per famiglie e operatori di bambini con sindrome di Down da 0 a 6 anni LA RIABILITAZIONE Orientamenti per famiglie e operatori di bambini con sindrome di Down da 0 a 6 anni 2 LA RIABILITAZIONE I momenti successivi alla prima comunicazione che i genitori ricevono sulla condizione genetica del

Dettagli

Indice. 7 Indicazioni per l insegnante 9 Contenuti dell Unità didattica

Indice. 7 Indicazioni per l insegnante 9 Contenuti dell Unità didattica Indice 7 Indicazioni per l insegnante 9 Contenuti dell Unità didattica 11 Gli uomini costruiscono la propria casa 23 I locali della casa 36 «Farsi» una casa 42 La casa e l organizzazione sociale Biblioteca

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

La scuola. che verrà. Idee per una riforma tra continuità e innovazione

La scuola. che verrà. Idee per una riforma tra continuità e innovazione La scuola che verrà Idee per una riforma tra continuità e innovazione Indice Prefazione 3 Introduzione 4 1. Gestire l eterogeneità 10 Personalizzazione 13 Le forme didattiche 13 La griglia oraria 17 Le

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Settembre 2012 RESPONSABILITÀ, CONTRIBUTI E RINGRAZIAMENTI

Dettagli

IL SUPERAMENTO DELLA LEZIONE FRONTALE: APPRENDIMENTO COOPERATIVO E LE RISORSE DEL GRUP- PO CLASSE.

IL SUPERAMENTO DELLA LEZIONE FRONTALE: APPRENDIMENTO COOPERATIVO E LE RISORSE DEL GRUP- PO CLASSE. IL SUPERAMENTO DELLA LEZIONE FRONTALE: APPRENDIMENTO COOPERATIVO E LE RISORSE DEL GRUP- PO CLASSE. Desideriamo riflettere sulle modalità di attuazione dell apprendimento cooperativo. Sappiamo che si tratta

Dettagli

Il gioco nel. ROMA CAPITALE Municipio Roma IX U.O.S.E.C.S. Centro Famiglie Villa Lais

Il gioco nel. ROMA CAPITALE Municipio Roma IX U.O.S.E.C.S. Centro Famiglie Villa Lais ROMA CAPITALE Municipio Roma IX U.O.S.E.C.S. Centro Famiglie Villa Lais Il gioco nel Scelte educative per le nuove generazioni. Un racconto delle esperienze ludiche nei Servizi del Municipio Roma IX impaginato

Dettagli

Piano annuale per la Classe 4^ A

Piano annuale per la Classe 4^ A Istituto Comprensivo N.2 - Arzachena Scuola Primaria di Abbiadori Piano annuale per la Classe 4^ A ANCORA IN VIAGGIO a.s. 204/2015 Insegnanti: Depperu Anna Maria, Melino Vittorina, Peddis Giuliana, Angius

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

I n ambito pedagogico si parla molto di attività.

I n ambito pedagogico si parla molto di attività. A CURA DI STEFANO VITALE ORGANIZZARE UNA GIORNATA NEI CENTRI DI VACANZA PER RAGAZZI Idee e strumenti per la formazione di animatori/2 Come organizzare una giornata di vacanza in un centro estivo per ragazzi?

Dettagli

LA SFIDA DELLE COMPETENZE

LA SFIDA DELLE COMPETENZE Circolo Didattico di Viadana LA SFIDA DELLE COMPETENZE Mario Castoldi settembre 2007 LA SFIDA DELLE COMPETENZE LA COMPETENZA COME PAROLA CHIAVE APPRENDERE PER COMPETENZE INSEGNARE PER COMPETENZE COMPETENZE

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Valutare le competenze Certificare le competenze

Valutare le competenze Certificare le competenze Valutare le competenze Certificare le competenze Il dossier è stato elaborato da: Mario Castoldi, Piero Cattaneo, Franco Peroni. Cremona, 15 Giugno 2006 Prefazione Perché un Dossier su Valutare e Certificare

Dettagli

KIT DI ISTRUZIONI PER L USO e ATTIVITÀ PRATICHE PER INSEGNANTI, GENITORI ED EDUCATORI

KIT DI ISTRUZIONI PER L USO e ATTIVITÀ PRATICHE PER INSEGNANTI, GENITORI ED EDUCATORI KIT DI ISTRUZIONI PER L USO e ATTIVITÀ PRATICHE PER INSEGNANTI, GENITORI ED EDUCATORI Manuale a cura di Annalisa Strada INDICE SCHEDA DEL LIBRO 3 PREMESSA e INTRODUZIONE ALLE TRE IPOTESI DI LETTURA 4 Percorsi

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

In ce. pagina 89. Istruzioni delle attività di classe. Soluzioni - Esercizi, Fonetica, Test

In ce. pagina 89. Istruzioni delle attività di classe. Soluzioni - Esercizi, Fonetica, Test In ce di Introduzione Cos è Parla con me? pagina 4 Parla con me 2 pagina 4 Il libro di classe pagina 5. Le unità didattiche pagina 5. Le schede culturali pagina 6. La storia a fumetti pagina 6. Le appendici

Dettagli

Luciano Mariani. Sapersi autovalutare: una competenza da costruire

Luciano Mariani. Sapersi autovalutare: una competenza da costruire Luciano Mariani Sapersi autovalutare: una competenza da costruire www.learningpaths.org Estratto da: Luciano Mariani, Stefania Madella, Rosa D'Emidio Bianchi, Istituto Comprensivo "Borsi" di Milano - Il

Dettagli

Lo sviluppo cognitivo e le teorie di riferimento di Jean Piaget Lev Semenovic Vygotskij Jerome Seymour Bruner

Lo sviluppo cognitivo e le teorie di riferimento di Jean Piaget Lev Semenovic Vygotskij Jerome Seymour Bruner Lo sviluppo cognitivo e le teorie di riferimento di Jean Piaget Lev Semenovic Vygotskij Jerome Seymour Bruner 1. Il concetto di sviluppo cognitivo. In Psicologia, per sviluppo cognitivo si intende lo sviluppo

Dettagli