POS. 1 - KIT ELISA PER LA DETERMINAZIONE DI GLUTINE NEGLI ALIMENTI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POS. 1 - KIT ELISA PER LA DETERMINAZIONE DI GLUTINE NEGLI ALIMENTI"

Transcript

1 POS. 1 - KIT ELISA PER LA DETERMINAZIONE DI GLUTINE NEGLI ALIMENTI - La curva standard deve avere un range che va da ad almeno (± ) ppb (gliadina) ed avere un minimo di punti. La curva standard deve possedere corrispondenza proporzionale fra i valori di concentrazione e Densità Ottiche (DO) riscontrabili in lettura, quantificabile in un valore di D.O maggiore del doppio di un determinato standard rispetto a quello precedente. Il limite minimo di quantificazione deve essere di 2. ppm (relativo alla gliadina; corrispondente a ppm di glutine) od inferiore. Dette caratteristiche deve essere documentata da certificati di qualità relativi alla curva standard - Ciascun kit fornito deve essere corredato da certificato di validazione - La documentazione fornita deve riportare il target specifico (proteina, gene) sul quale si basa l analisi - Il kit non deve presentare cross-reattività nei confronti di avena, mais, miglio, riso. Le caratteristiche di cross-reattività devono essere documentate. Il test deve poter essere applicato a tutti i tipi di matrice alimentare e quindi comprensivo di tutti i reagenti necessari per la preparazione del campione - La lettura deve poter essere effettuata a 4 nm oppure a 62 nm; in caso di lettura a lunghezze d onda differenti dimostrare l equivalenza di lettura rispetto alle lunghezze d onda richieste. Assenza di cross-reattività documentata Assenza di crossreattività nei confronti di altri cereali (oltre a quelli indicati nei REQUISITI MINIMI A PENA DI ESCLUSIONE) Il limite di sensibilità deve essere inferiore ai limiti di contaminazione previsti dalla legislazione (per gliadina ppm) Caratteristiche del Certificato di Validazione Assenza di cross reattività nei confronti dei soli cereali indicati nei requisiti minimi a pena di esclusione 2. ppm da 2. a 3. ppm 3. Certificato di validazione conferito da terzi in base a protocolli accettati a livello internazionale 1 22 Prove di validazione interna Tempo d esecuzione Minore di 1 h e 3 Tra 1 h e 3 e 3 h compresi Maggiore di tre ore 6 1/1

2 POS. 2 - KIT ELISA PER LA DETERMINAZIONE DI PROTEINE DELL UOVO NEGLI ALIMENTI - La curva standard deve avere un range che va da ad almeno 3 (± ) ppm ed avere un minimo di punti. La curva standard deve possedere corrispondenza proporzionale fra i valori di concentrazione e Densità Ottiche (DO) riscontrabili in lettura, quantificabile in un valore di D.O maggiore del doppio di un determinato standard rispetto a quello precedente. Il limite minimo di quantificazione deve essere di 1 ppm od inferiore. Dette caratteristiche deve essere documentata da certificati di qualità relativi alla curva standard - Ciascun kit fornito deve essere corredato da certificato di validazione - La documentazione fornita deve riportare il target specifico (proteina, gene) sul quale si basa l analisi - Il test deve poter essere applicato a tutti i tipi di matrice alimentare e quindi comprensivo di tutti i reagenti necessari per la preparazione del campione - La lettura deve poter essere effettuata a 4 nm oppure a 62 nm; in caso di lettura a lunghezze d onda differenti dimostrare l equivalenza di lettura rispetto alle lunghezze d onda richieste. 1 ppm 24 Caratteristiche del Certificato di Validazione da 1 a 2 ppm 2 Certificato di validazione conferito da terzi in base a protocolli accettati a livello internazionale 23 Prove di validazione interna Tempo d esecuzione Minore di 1 h e 3 Tra 1 h e 3 e 3 h compresi Maggiore di tre ore 13 POS. 3 - KIT ELISA PER LA DETERMINAZIONE DI CASEINA NEGLI ALIMENTI - La curva standard deve avere un range che va da ad almeno (± ) ppm ed avere un minimo di punti. La curva standard deve possedere corrispondenza proporzionale fra i valori di concentrazione e Densità Ottiche (DO) riscontrabili in lettura, quantificabile in un valore di D.O maggiore del doppio di un determinato standard rispetto a quello precedente. Il limite minimo di quantificazione deve essere di. ppm od inferiore. Dette caratteristiche deve essere documentata da certificati di qualità relativi alla curva standard 2/1

3 - Ciascun kit fornito deve essere corredato da certificato di validazione - La documentazione fornita deve riportare il target specifico (proteina, gene) sul quale si basa l analisi ; viene richiesta l assenza di crossreattività nei confronti di β lattoglobuline e caseine non bovine - IL test deve poter essere applicato a tutti i tipi di matrice alimentare e quindi comprensivo di tutti i reagenti necessari per la preparazione del campione - La lettura deve poter essere effettuata a 4 nm oppure a 62 nm; in caso di lettura a lunghezze d onda differenti dimostrare l equivalenza di lettura rispetto alle lunghezze d onda richieste..1 ppm 24 Caratteristiche del Certificato di Validazione da.1 a 1 ppm 1 Certificato di validazione conferito da terzi in base a protocolli accettati a livello internazionale 23 Prove di validazione interna Tempo d esecuzione Minore di 1 h e 3 Tra 1 h e 3 e 3 h compresi Maggiore di tre ore 13 POS. 4 - KIT ELISA PER LA DETERMINAZIONE DI β LATTOGLOBULINA NEGLI ALIMENTI - La curva standard deve avere un range che va da ad almeno (± ) ppb ed avere un minimo di punti. La curva standard deve possedere corrispondenza proporzionale fra i valori di concentrazione e Densità Ottiche (DO) riscontrabili in lettura, quantificabile in un valore di D.O maggiore del doppio di un determinato standard rispetto a quello precedente. Il limite minimo di quantificazione deve essere di ppm od inferiore. Dette caratteristiche deve essere documentata da certificati di qualità relativi alla curva standard - Ciascun kit fornito deve essere corredato da certificato di validazione - La documentazione fornita deve riportare il target specifico (proteina, gene) sul quale si basa l analisi - IL test deve poter essere applicato a tutti i tipi di matrice alimentare e quindi comprensivo di tutti i reagenti necessari per la preparazione del campione - La lettura deve poter essere effettuata a 4 nm oppure a 62 nm; in caso di lettura a lunghezze d onda differenti dimostrare l equivalenza di lettura rispetto alle lunghezze d onda richieste. 3/1

4 2 ppm 24 Caratteristiche del Certificato di Validazione da 2 a 3 ppm 3 Certificato di validazione conferito da terzi in base a protocolli accettati a livello internazionale 23 Prove di validazione interna Tempo d esecuzione Minore di 1 h e 3 Tra 1 h e 3 e 3 h compresi Maggiore di tre ore 13 POS. - KIT ELISA PER LA DETERMINAZIONE DI ARACHIDE NEGLI ALIMENTI - La curva standard deve avere un range che va da ad almeno 3 (± ) ppm ed avere un minimo di punti. La curva standard deve possedere corrispondenza proporzionale fra i valori di concentrazione e Densità Ottiche (DO) riscontrabili in lettura, quantificabile in un valore di D.O maggiore del doppio di un determinato standard rispetto a quello precedente. Il limite minimo di quantificazione deve essere di 2. ppm od inferiore. Dette caratteristiche deve essere documentata da certificati di qualità relativi alla curva standard - Ciascun kit fornito deve essere corredato da certificato di validazione - La documentazione fornita deve riportare il target specifico (proteina, gene) sul quale si basa l analisi. - IL test deve poter essere applicato a tutti i tipi di matrice alimentare e quindi comprensivo di tutti i reagenti necessari per la preparazione del campione - La lettura deve poter essere effettuata a 4 nm oppure a 62 nm; in caso di lettura a lunghezze d onda differenti dimostrare l equivalenza di lettura rispetto alle lunghezze d onda richieste. 2. ppm 24 Caratteristiche del Certificato di Validazione da 2. a 3. ppm 3. Certificato di validazione conferito da terzi in base a protocolli accettati a livello internazionale 23 Prove di validazione interna Tempo d esecuzione Minore di 1 h e /1

5 Tra 1 h e 3 e 3 h compresi Maggiore di tre ore POS. 6 - KIT ELISA PER LA DETERMINAZIONE DI NOCCIOLA NEGLI ALIMENTI - La curva standard deve avere un range che va da ad almeno 2 (± ) ppm ed avere un minimo di punti. La curva standard deve possedere corrispondenza proporzionale fra i valori di concentrazione e Densità Ottiche (DO) riscontrabili in lettura, quantificabile in un valore di D.O maggiore del doppio di un determinato standard rispetto a quello precedente. Il limite minimo di quantificazione deve essere di 2. ppm od inferiore. Dette caratteristiche deve essere documentata da certificati di qualità relativi alla curva standard - Ciascun kit fornito deve essere corredato da certificato di validazione - La documentazione fornita deve riportare il target specifico (proteina, gene) sul quale si basa l analisi - IL test deve poter essere applicato a tutti i tipi di matrice alimentare e quindi comprensivo di tutti i reagenti necessari per la preparazione del campione - La lettura deve poter essere effettuata a 4 nm oppure a 62 nm; in caso di lettura a lunghezze d onda differenti dimostrare l equivalenza di lettura rispetto alle lunghezze d onda richieste. 2. ppm 24 Caratteristiche del Certificato di Validazione da 2. a 3. ppm 3. Certificato di validazione conferito da terzi in base a protocolli accettati a livello internazionale 23 Prove di validazione interna Tempo d esecuzione Minore di 1 h e 3 Tra 1 h e 3 e 3 h compresi Maggiore di tre ore 13 POS. - KIT ELISA PER LA DETERMINAZIONE DI MANDORLA NEGLI ALIMENTI - La curva standard deve avere un range che va da ad almeno 2 (± ) ppm ed avere un minimo di punti. La curva standard deve possedere corrispondenza proporzionale fra i /1

6 valori di concentrazione e Densità Ottiche (DO) riscontrabili in lettura, quantificabile in un valore di D.O maggiore del doppio di un determinato standard rispetto a quello precedente. Il limite minimo di quantificazione deve essere di 2. ppm od inferiore. Dette caratteristiche deve essere documentata da certificati di qualità relativi alla curva standard - Ciascun kit fornito deve essere corredato da certificato di validazione - La documentazione fornita deve riportare il target specifico (proteina, gene) sul quale si basa l analisi - IL test deve poter essere applicato a tutti i tipi di matrice alimentare e quindi comprensivo di tutti i reagenti necessari per la preparazione del campione - La lettura deve poter essere effettuata a 4 nm oppure a 62 nm; in caso di lettura a lunghezze d onda differenti dimostrare l equivalenza di lettura rispetto alle lunghezze d onda richieste. 2. ppm 24 Caratteristiche del Certificato di Validazione da 2. a 3. ppm 3. Certificato di validazione conferito da terzi in base a protocolli accettati a livello internazionale 23 Prove di validazione interna Tempo d esecuzione Minore di 1 h e 3 Tra 1 h e 3 e 3 h compresi Maggiore di tre ore 13 POS. - KIT PCR PER LA DETERMINAZIONE DI ALBICOCCA fra e copie di DNA > copie di DNA /1

7 POS. 9 - KIT PCR PER LA DETERMINAZIONE DI SEDANO fra e copie di DNA > copie di DNA POS. - KIT PCR PER LA DETERMINAZIONE DI MAIS fra e copie di DNA > copie di DNA /1

8 POS KIT PCR PER LA DETERMINAZIONE DI CROSTACEI fra e copie di DNA > copie di DNA POS. - KIT PCR PER LA DETERMINAZIONE DI LUPINO fra e copie di DNA > copie di DNA POS KIT PCR PER LA DETERMINAZIONE DI MOLLUSCHI /1

9 fra e copie di DNA > copie di DNA POS KIT PCR PER LA DETERMINAZIONE DI PESCA fra e copie di DNA > copie di DNA POS. 1 - KIT PCR PER LA DETERMINAZIONE DI PISTACCHIO fra e copie di DNA > copie di DNA /1

10 POS KIT PCR PER LA DETERMINAZIONE DI SESAMO fra e copie di DNA > copie di DNA POS. 1 - KIT PCR PER LA DETERMINAZIONE DI SOIA fra e copie di DNA > copie di DNA /1

11 POS 1 - KIT PCR REAL-TIME PER LA DETERMINAZIONE DI SEDANO - I kit devono essere compatibili con una delle seguenti strumentazioni, senza dover rispettivi costruttori (es. omissione dell utilizzo del rox nel 3 PCR Real-Time): 3 fra e copie di DNA > copie di DNA 2 Determinazione qualitativa o Quantitativa Qualitativa 1 POS KIT PCR REAL-TIME PER LA DETERMINAZIONE DI CROSTACEI - I kit devono essere compatibili con una delle seguenti strumentazioni, senza dover rispettivi costruttori (es. omissione dell utilizzo del rox nel 3 PCR Real-Time): 3 11/1

12 fra e copie di DNA > copie di DNA 2 Determinazione qualitativa o Quantitativa Qualitativa 1 POS. 2 - KIT PCR REAL-TIME PER LA DETERMINAZIONE DI LUPINO - I kit devono essere compatibili con una delle seguenti strumentazioni, senza dover rispettivi costruttori (es. omissione dell utilizzo del rox nel 3 PCR Real-Time): 3 fra e copie di DNA > copie di DNA 2 Determinazione qualitativa o Quantitativa Qualitativa 1 /1

13 POS KIT PCR REAL-TIME PER LA DETERMINAZIONE DI MOLLUSCHI - I kit devono essere compatibili con una delle seguenti strumentazioni, senza dover rispettivi costruttori (es. omissione dell utilizzo del rox nel 3 PCR Real-Time): 3 fra e copie di DNA > copie di DNA 2 Determinazione qualitativa o Quantitativa Qualitativa 1 13/1

14 POS KIT PCR REAL-TIME PER LA DETERMINAZIONE DI PISTACCHIO - I kit devono essere compatibili con una delle seguenti strumentazioni, senza dover rispettivi costruttori (es. omissione dell utilizzo del rox nel 3 PCR Real-Time): 3 fra e copie di DNA > copie di DNA 2 Determinazione qualitativa o Quantitativa Qualitativa 1 POS. 23 KIT PCR REAL-TIME PER LA DETERMINAZIONE DI SESAMO 14/1

15 - I kit devono essere compatibili con una delle seguenti strumentazioni, senza dover rispettivi costruttori (es. omissione dell utilizzo del rox nel 3 PCR Real-Time): 3 fra e copie di DNA > copie di DNA 2 Determinazione qualitativa o Quantitativa Qualitativa 1 POS KIT PCR REAL-TIME PER LA DETERMINAZIONE DI SOIA - I kit devono essere compatibili con una delle seguenti strumentazioni, senza dover rispettivi costruttori (es. omissione dell utilizzo del rox nel 3 PCR Real-Time): 3 fra e copie di DNA > copie di DNA 2 Determinazione qualitativa o Quantitativa 1/1

16 Qualitativa 1 POS. 2 - KIT PCR REAL-TIME PER LA DETERMINAZIONE DI ARACHIDE - I kit devono essere compatibili con una delle seguenti strumentazioni, senza dover rispettivi costruttori (es. omissione dell utilizzo del rox nel 3 PCR Real-Time): 3 fra e copie di DNA > copie di DNA 2 Determinazione qualitativa o Quantitativa Qualitativa 1 16/1

17 POS KIT PCR REAL-TIME PER LA DETERMINAZIONE DI MANDORLA - I kit devono essere compatibili con almeno una delle seguenti strumentazioni, senza dover rispettivi costruttori (es. omissione dell utilizzo del rox nel 3 PCR Real-Time): 3 fra e copie di DNA > copie di DNA 2 Determinazione qualitativa o Quantitativa Qualitativa 1 1/1

18 POS. 2 - KIT PCR REAL-TIME PER LA DETERMINAZIONE DI NOCCIOLA - I kit devono essere compatibili con una delle seguenti strumentazioni, senza dover rispettivi costruttori (es. omissione dell utilizzo del rox nel 3 PCR Real-Time): 3 fra e copie di DNA > copie di DNA 2 Determinazione qualitativa o Quantitativa Qualitativa 1 1/1

ALLERGENI: Metodi & Analisi

ALLERGENI: Metodi & Analisi ALLERGENI: Metodi & Analisi 1 PARLEREMO DI Allergeni (definizioni e classificazioni) Normativa e limiti di legge R&C Lab e gli allergeni Metodi e tecniche analitiche applicate 2 Allergeni (definizioni

Dettagli

LA GESTIONE DEGLI ALLERGENI IN AUTOCONTROLLO

LA GESTIONE DEGLI ALLERGENI IN AUTOCONTROLLO LA GESTIONE DEGLI ALLERGENI IN AUTOCONTROLLO Enrico Pavoni Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna-Brescia Roma 25/09/2013 Ruolo degli IIZZSS Supporto agli organi di

Dettagli

e felice anno nuovo da R-Biopharm! In questo numero: Analisi di alimenti e mangimi Informazioni da R-Biopharm Rhône, Scozia Fiere e conferenze

e felice anno nuovo da R-Biopharm! In questo numero: Analisi di alimenti e mangimi Informazioni da R-Biopharm Rhône, Scozia Fiere e conferenze Analisi di alimenti e mangimi Juni/2007 IV/2011 e felice anno nuovo da R-Biopharm! In questo numero: p.2 I nostri prodotti p.4 Informazioni da R-Biopharm Rhône, Scozia p.6 Fiere e conferenze I nostri prodotti

Dettagli

ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI: POTENZIALITÀ ANALITICHE ED EVOLUZIONE NORMATIVA

ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI: POTENZIALITÀ ANALITICHE ED EVOLUZIONE NORMATIVA ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI: POTENZIALITÀ ANALITICHE ED EVOLUZIONE NORMATIVA Ermanno Errani Responsabile Area Analitica Alimenti ARPA Emilia-Romagna Sezione Provinciale di Bologna REAZIONI AVVERSE

Dettagli

CIOCCO ELITE Preparato per bevanda calda al gusto Cioccolata amaretto senza zuccheri aggiunti con edulcoranti

CIOCCO ELITE Preparato per bevanda calda al gusto Cioccolata amaretto senza zuccheri aggiunti con edulcoranti Mira (VE) CIOCCO ELITE Preparato per bevanda calda al gusto Cioccolata amaretto senza zuccheri aggiunti con edulcoranti Revisione n : 00 Art. CI43 Data: 01/08/2011 DESCRIZIONE GENERALE DEL PRODOTTO Preparato

Dettagli

SCHEDE TECNICHE SCIROPPO DI GLUCOSIO. Sciroppo di glucosio 44 D.E.

SCHEDE TECNICHE SCIROPPO DI GLUCOSIO. Sciroppo di glucosio 44 D.E. SCHEDE TECNICHE SCIROPPO DI GLUCOSIO Sciroppo di glucosio 44 D.E. Rev. 2 - Pag 1 di 4 Sciroppo di Glucosio Sciroppo di Glucosio a 44 D.E. purificato e concentrato ad alto contenuto di maltosio, con diversi

Dettagli

* Comoda Service Srl 25/01/12 * * *

* Comoda Service Srl 25/01/12 * * * * Comoda Service Srl 25/01/12 * * SCHEDA TECNICA - 22558 SUCCO 200 ML "ARCO" BRIK -PERA- PZ.24... 11:24:28 * * * Codice : 22558 Descriz. : SUCCO 200 ML "ARCO" BRIK -PERA- PZ.24... 014 Ingredienti Purea

Dettagli

ELENCO A : SOSTANZE O PRODOTTI CHE PROVOCANO ALLERGIE ED INTOLLERANZE (Reg. Ue 1169/2011)

ELENCO A : SOSTANZE O PRODOTTI CHE PROVOCANO ALLERGIE ED INTOLLERANZE (Reg. Ue 1169/2011) ELENCO A : SOSTANZE O PRODOTTI CHE PROVOCA ALLERGIE ED INTOLLERANZE (Reg. Ue 1169/2011) Glutine:!! Cereali contenenti glutine,, cioè: grano, segale, orzo, avena, farro, kamut o i loro ceppi!!!! ibridati

Dettagli

METODI ALTERNATIVI. PCR digitale per la rilevazione e quantificazione. assoluta del DNA

METODI ALTERNATIVI. PCR digitale per la rilevazione e quantificazione. assoluta del DNA METODI ALTERNATIVI PCR digitale per la rilevazione e quantificazione assoluta del DNA Roma, 25 settembre 2013 Giuseppina Buonincontro IZS PLV- S.S. Controllo Alimenti La prima generazione di PCR consente

Dettagli

EUROFINS CHEMICAL CONTROL S.r.l.

EUROFINS CHEMICAL CONTROL S.r.l. Laboratorio EUROFINS CHEMICAL CONTROL S.r.l. Sede A - Numero di accreditamento 49 Via Celdit 2, 121 Madonna dellolmo (CN) Prove accreditate con PROVE ACCREDITATE METODO DI ED Ricerca DNA pesce cereali

Dettagli

SCHEDA TECNICA Pagina 1 di 6

SCHEDA TECNICA Pagina 1 di 6 SCHEDA TECNICA Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI GENERALI Codice (cartone) 2304 Nome Prodotto CORNETTO VEGA VUOTO PALMA SEGREGATO Linea Prodotto Prontoforno Codice Ean14 Unità di Vendita (cartone) 08003269023041

Dettagli

Confronto di metodi di PCR Real Time per il rilevamento e la quantificazione di Zea Mays. Francesco Gatto

Confronto di metodi di PCR Real Time per il rilevamento e la quantificazione di Zea Mays. Francesco Gatto Confronto di metodi di PCR Real Time per il rilevamento e la quantificazione di Zea Mays Francesco Gatto Centro di Referenza Nazionale per la Ricerca di OGM IZS di Lazio e Toscana Roma 31 Ottobre 2007

Dettagli

SCHEDA TECNICA Pagina 1 di 6

SCHEDA TECNICA Pagina 1 di 6 SCHEDA TECNICA Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI GENERALI Codice (cartone) 4129 Nome Prodotto TORTINA CAPRESE LIMONE RSPO/MB Linea Prodotto Già cotti Codice Ean14 Unità di Vendita (cartone) 08003269041298 Codice

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO. Data Revisione 20/07/2015 Cod. ST/815118/008/R00 Pag. 1 di 8 Codice Articolo 815118/0008. BIO PR-PAR.REG.BOCC.

SCHEDA PRODOTTO. Data Revisione 20/07/2015 Cod. ST/815118/008/R00 Pag. 1 di 8 Codice Articolo 815118/0008. BIO PR-PAR.REG.BOCC. Data Revisione 20/07/2015 Cod. ST/815118/008/R00 Pag. 1 di 8 UNITA' CONSUMATORE Codice EAN Peso Netto (kg) 0,500 Tara (kg) 0,072 Peso Lordo (kg) 0,572 Dimensioni (alt x lun x lar) (cm) Confezioni per Cartone

Dettagli

La tecnica Real-Time PCR nelle analisi alimentari: Sicurezza e prevenzione delle frodi

La tecnica Real-Time PCR nelle analisi alimentari: Sicurezza e prevenzione delle frodi La tecnica Real-Time PCR nelle analisi alimentari: Sicurezza e prevenzione delle frodi -Dr. Matteo D Andrea- -Product Specialist PCR, R-Biopharm Italia- Scandali alimentari: Sempre maggiore attenzione

Dettagli

Pancetta arrotolata senza cotenna

Pancetta arrotolata senza cotenna Scheda tecnica Pancetta arrotolata senza cotenna Prodotto a marchio: Descrizione prodotto: Salumificio Bonalumi snc Prodotto ottenuto dal pannicolo adiposo della parte ventrale della mezzena suina (pancetta),

Dettagli

Debic Burro tradizionale 10Kg

Debic Burro tradizionale 10Kg Informazioni Generali Identificazione del Prodotto Descrizione Articolo Marchio Descrizione Articolo (come fornito) Descrizione Articolo (breve) Descrizione Burro tradizionale 10Kg DEBIC BURRO TRAD. 10KG

Dettagli

SCHEDA TECNICA PEPERONI GRIGLIATI

SCHEDA TECNICA PEPERONI GRIGLIATI SCHEDA TECNICA PEPERONI GRIGLIATI 1 SCHEDA DESCRITTIVA 1.1 DENOMINAZIONE DI VENDITA E una conserva alimentare costituita da peperoni grigliati, in vaschetta da 1900g con trattamento termico di pastorizzazione.

Dettagli

ICEWER s.r.l. Via L. Da Vinci 13 -Z.I.- 31010 Godega S. Urbano -TV- Tel.: 0438 38067 Fax: 0438 433938 www.icewer.com e-mail: info@icewer.

ICEWER s.r.l. Via L. Da Vinci 13 -Z.I.- 31010 Godega S. Urbano -TV- Tel.: 0438 38067 Fax: 0438 433938 www.icewer.com e-mail: info@icewer. ICEWER s.r.l. Via L. Da Vinci 13 -Z.I.- 31010 Godega S. Urbano -TV- Tel.: 0438 38067 Fax: 0438 433938 www.icewer.com e-mail: info@icewer.com SCHEDA TECNICA: A310305 BISCUIT ASSORTITO 8 pz Prodotto surgelato

Dettagli

* Comoda Service Srl 25/01/12 * * *

* Comoda Service Srl 25/01/12 * * * * Comoda Service Srl 25/01/12 * * SCHEDA TECNICA - 22998 SUCCO "ACE""STERILGARDA"BRIK 1 LT(SQUARE 11:24:28 * * * Codice : 22998 Descriz. : SUCCO "ACE""STERILGARDA"BRIK 1 LT(SQUARE 026 Ulteriore descrizione

Dettagli

INNOVHUB STAZIONI SPERIMENTALI PER L INDUSTRIA

INNOVHUB STAZIONI SPERIMENTALI PER L INDUSTRIA INNOVHUB STAZIONI SPERIMENTALI PER L INDUSTRIA Divisione SSOG Attività Laboratorio Oli e Grassi 3 Relatore Liliana Folegatti E-mail: liliana.folegatti@ssog.it Milano, 10 Febbraio 2012 LABORATORIO OLI GRASSI

Dettagli

Debic zuccherata 6x700ML

Debic zuccherata 6x700ML 7170600 Descrizione del prodotto Panna Spray n Informazioni Generali Identificazione del Prodotto Descrizione Articolo Marchio Descrizione Articolo (come fornito) Descrizione Articolo (breve) Descrizione

Dettagli

Vivere con le allergie e le intolleranze alimentari

Vivere con le allergie e le intolleranze alimentari A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO III DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E LA NUTRIZIONE

Dettagli

La gestione del pasto

La gestione del pasto La gestione del pasto La produzione, la composizione e lo smaltimento dell avanzo. Torino - 29 ottobre 2013 Gabriella Iacono Presidente Milano Ristorazione Chi è Milano Ristorazione Milano Ristorazione

Dettagli

Debic TIRAMISÙ 6x1L. Descrizione

Debic TIRAMISÙ 6x1L. Descrizione Informazioni Generali Identificazione del Prodotto Descrizione Articolo Marchio Descrizione Articolo (come fornito) Descrizione Articolo (breve) Descrizione Debic Debic TIRAMISÙ 6x1L DEBIC TIRAMISÙ 6X1L

Dettagli

ICEWER s.r.l. Via L. Da Vinci 13 -Z.I.- 31010 Godega S. Urbano -TV- Tel.: 0438 38067 Fax: 0438 433938 www.icewer.com e-mail: info@icewer.

ICEWER s.r.l. Via L. Da Vinci 13 -Z.I.- 31010 Godega S. Urbano -TV- Tel.: 0438 38067 Fax: 0438 433938 www.icewer.com e-mail: info@icewer. ICEWER s.r.l. Via L. Da Vinci 13 -Z.I.- 31010 Godega S. Urbano -TV- Tel.: 0438 38067 Fa: 0438 433938 www.icewer.com e-mail: info@icewer.com SCHEDA TECNICA: A310401 TARTOAST ASSORTITO 8 pz L articolo A310401

Dettagli

ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9

ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9 SOMMARIO ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9 ALLERGENI ED OVOPRODOTTI...12 2/12 ALIMENTI In un quadro di salvaguardia dei diritti dei consumatori, il piano della Regione Piemonte per il Controllo Ufficiale

Dettagli

Test Rapidi Envirologix per l analisi di Micotossine e OGM. nicola.bortoletto@generon.it Mobile 346 5995589

Test Rapidi Envirologix per l analisi di Micotossine e OGM. nicola.bortoletto@generon.it Mobile 346 5995589 Test Rapidi Envirologix per l analisi di Micotossine e OGM nicola.bortoletto@generon.it Mobile 346 5995589 Lateral Flow (LFD) I lateral flow sono dei test molto semplici, analoghi ai test di gravidanza,

Dettagli

N. identificativo progetto: IZS SA 08/09 RC. Sicurezza alimentare: garanzie e informazioni sulla presenza di sostanze allergeniche negli alimenti

N. identificativo progetto: IZS SA 08/09 RC. Sicurezza alimentare: garanzie e informazioni sulla presenza di sostanze allergeniche negli alimenti N. identificativo progetto: IZS SA 08/09 RC Sicurezza alimentare: garanzie e informazioni sulla presenza di sostanze allergeniche negli alimenti Relatori: Dr.ssa M.R. Mancuso Dr.ssa B. Soro Sviluppo di

Dettagli

BI-FOOD TEST. Test pratico ed economico basato su prelievo di sangue venoso o capillare da dito.

BI-FOOD TEST. Test pratico ed economico basato su prelievo di sangue venoso o capillare da dito. LABORATORIO DI PATOLOGIA CLINICA MURICCHIO di Dott.sa Daniela Fasce &C. s.a.s. via Rattazzi, 36-19121 La Spezia tel./fax 0187 22953 CF - P.IVA 00762660116 - e mail: lab.muricchiodifasce@libero.it BI-FOOD

Dettagli

Test Rapidi Envirologix per l analisi di Micotossine e OGM. nicola.bortoletto@generon.it Mobile 346 5995589

Test Rapidi Envirologix per l analisi di Micotossine e OGM. nicola.bortoletto@generon.it Mobile 346 5995589 Test Rapidi Envirologix per l analisi di Micotossine e OGM nicola.bortoletto@generon.it Mobile 346 5995589 Lateral Flow (LFD) I lateral flow sono dei test molto semplici, analoghi ai test di gravidanza,

Dettagli

Grosseto, 26 febbraio 2015 Allergie ed intolleranze alimentari 2 Le allergie alimentari interessano il 2 4% circa dell intera popolazione generale, con una incidenza maggiore nei bambini, dove raggiunge

Dettagli

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015 TORINO Un Associazione per Amica DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI Taira Monge e Laura Donatini Lunedì 26 gennaio 2015 COSA ABBIAMO IMPARATO NELLA

Dettagli

Reg. (UE) 1169/2011 Le nuove norme sull etichettatura. Roma 18 dicembre 2014

Reg. (UE) 1169/2011 Le nuove norme sull etichettatura. Roma 18 dicembre 2014 Reg. (UE) 1169/2011 Le nuove norme sull etichettatura Roma 18 dicembre 2014 Il Nuovo Regolamento Regolamento (UE) n. 1169/2011 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alla fornitura di informazioni

Dettagli

Grissini astuccio ORAZIO gr. 125x12

Grissini astuccio ORAZIO gr. 125x12 Pag. 1 di 5 Grissini astuccio ORAZIO gr. 125x12 CODIFICA PRODOTTO EAN interna Grissino Tradizionale 8004583711409 1N2601AHB Denominazione articolo Grissini tipo 00 agli oli vegetali Marchio: ORAZIO Ingredienti

Dettagli

GLI ALLERGENI ALIMENTARI E LA SICUREZZA ALIMENTARE

GLI ALLERGENI ALIMENTARI E LA SICUREZZA ALIMENTARE ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL PIEMONTE LIGURIA E VALLE D AOSTA GLI ALLERGENI ALIMENTARI E LA SICUREZZA ALIMENTARE S. FRAGASSI, L. DECASTELLI PARLEREMO DI Allergeni e allergie Normativa allergeni

Dettagli

Un codice genetico per i mangimi, a tutela della qualità e della sicurezza nella produzione di latte, formaggi e carni Diego Breviario

Un codice genetico per i mangimi, a tutela della qualità e della sicurezza nella produzione di latte, formaggi e carni Diego Breviario Un codice genetico per i mangimi, a tutela della qualità e della sicurezza nella produzione di latte, formaggi e carni Diego Breviario Istituto di Biologia e Biotecnologia Agraria (IBBA) Tuesday, October

Dettagli

STANDARDS INTERNI DI PRODOTTI FINITI STD/PF

STANDARDS INTERNI DI PRODOTTI FINITI STD/PF MOLINI PIVETTI STANDARDS INTERNI DI PRODOTTI FINITI STD/PF Rev. 08 10/12 Pag. 1 di 2 1. IDENTIFICAZIONE E PACKAGING TIPO FARINA: 0 Biologica MARCHIO: Amor di farina CONSEGNA: SFUSA IN SACCO TIPO DI SACCO:

Dettagli

Controllo ufficiale degli OGM nel settore agroalimentare

Controllo ufficiale degli OGM nel settore agroalimentare Controllo ufficiale degli OGM nel settore agroalimentare Ugo Marchesi Istituto Zooprofilattico Sperimentale Lazio e Toscana Centro di Referenza Nazionale per la ricerca di OGM ugo.marchesi@izslt.it ORGANISMI

Dettagli

SCHEDA TECNICA CIAMBELLONE AL COCCO E NOCCIOLATA

SCHEDA TECNICA CIAMBELLONE AL COCCO E NOCCIOLATA PANIFICIO E PASTICCERIA DeQuintili S.R.L SCHEDA TECNICA CIAMBELLONE AL COCCO E NOCCIOLATA Prodotto ciambellone ciambellone da 2kg con cocco e nocciolata Denominazione commerciale Descrizione dell unità

Dettagli

Biorisanamento di mais contaminato da aflatossine con utilizzo tecnologia EM

Biorisanamento di mais contaminato da aflatossine con utilizzo tecnologia EM Biorisanamento di mais contaminato da aflatossine con utilizzo tecnologia EM Alberton dr.antonio Medico Veterinario L.P. Seminario Fiera Millenaria Gonzaga (MN) 07 Settenbre 2013 Le Micotossine Sostanze

Dettagli

DICHIARAZIONE D OFFERTA TECNICA

DICHIARAZIONE D OFFERTA TECNICA ALLEGATO 2-A MODELLO DI DICHIARAZIONE D OFFERTA TECNICA IMPRESA SINGOLA All Agenzia delle Entrate Direzione Regionale dell Emilia Romagna Settore Gestione Risorse Ufficio Risorse Materiali Via Marco Polo,

Dettagli

M43 INFORMATIVA ALLERGENI REG. UE 1169/11

M43 INFORMATIVA ALLERGENI REG. UE 1169/11 RISTO... Eataly pone tutta la cura nella creazione dei piatti che vi propone, tuttavia poiché le preparazioni somministrate provengono dalla cucina centrale e sono manipolate dagli stessi operatori, a

Dettagli

NoProtein - Rm. Semplicità, personalizzazione e garanzia di un ottimo prodotto finito sono le sue caratteristiche salienti.

NoProtein - Rm. Semplicità, personalizzazione e garanzia di un ottimo prodotto finito sono le sue caratteristiche salienti. Pagina 1 di 5 CODICE PRODOTTO: 2009 CARATTERISTICHE: è un preparato per la produzione di prodotti da for in generale senza glutine. Semplicità, personalizzazione e garanzia di un ottimo prodotto finito

Dettagli

la casa ristorante - vivande -

la casa ristorante - vivande - la casa ristorante - vivande - dal 1 9 9 8 Sacrifici, errori, crescita e soddisfazioni. Un grazie di cuore a tutti i collaboratori, alle masserie, alle aziende agricole alle macellerie e pescherie di fiducia,

Dettagli

Metodi: CEN/TC275/WG6/TAG4

Metodi: CEN/TC275/WG6/TAG4 Determinazione di HAV e Norovirus in molluschi bivalvi mediante Real time PCR Elisabetta Suffredini Istituto Superiore di Sanità Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Ancona

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI DEL SISTEMA. Marcatura CE dell'intero sistema diagnostico. Scheda riepilogativa caratteristiche tecniche

CARATTERISTICHE GENERALI DEL SISTEMA. Marcatura CE dell'intero sistema diagnostico. Scheda riepilogativa caratteristiche tecniche Lista Caratteristiche Tecniche Istituto Nazionale per le Malattie Infettive "Lazzaro Spallanzani" I.R.C.C.S. Scheda riepilogativa caratteristiche tecniche Allegato B FORNITURA CHIAVI IN MANO DI UN SISTEMA

Dettagli

COMUNICAZIONE N 12/01/2015

COMUNICAZIONE N 12/01/2015 Da: Assicurazione Qualità A: Clienti EcorNaturasì COMUNICAZIONE N 12/01/2015 Oggetto: Aggiornamento Etichettatura alimenti Reg.CE 1169/2011 Con la presente Vi informiamo in merito alle principali novità

Dettagli

COOKIES CIOCCO LATTE GR 50

COOKIES CIOCCO LATTE GR 50 Pag.1/5 Ingredienti in ordine decrescente: Descrizione prodotto: Consistenza: Aspetto: Forma: Dimensioni Lunghezza: Dimensioni Altezza: Dimensioni Larghezza: Cioccolato al LATTE 31% (zucchero, LATTE intero

Dettagli

AOAC come Official First Action

AOAC come Official First Action Analisi di alimenti e mangimi Juni/2007 I/2012 RIDASCREEN Gliadin è stato riconosciuto dall AOAC come Official First Action Status Gliadin (Art. No. R7001) è stato riconosciuto dell istituto internazionale

Dettagli

pdfmachine trial version

pdfmachine trial version Corso di Dottorato di Ricerca in : INGEGNERIA CHIMICA,DEI MATERIALI E DI PROCESSO Ciclo XXI Scuola: SCIENZE E TECNOLOGIE INNOVATIVE PER L INGEGNERIA INDUSTRIALE Processo di produzione dei sottoprodotti

Dettagli

Metodi di conta microbica

Metodi di conta microbica Metodi di conta microbica esistono differenti metodiche per la determinazione quantitativa dei microrganismi tecniche colturali e non colturali conta diretta ed indiretta il tipo di microrganismo/i ed

Dettagli

Dott. Stefano De Martin ARPA Friuli Venezia Giulia RGQ Dipartimento di Pordenone L accreditamento dei laboratori per la sicurezza alimentare

Dott. Stefano De Martin ARPA Friuli Venezia Giulia RGQ Dipartimento di Pordenone L accreditamento dei laboratori per la sicurezza alimentare Valutazione dell incertezza di misura: esperienza di un laboratorio accreditato per gli OGM ARPA Friuli Venezia Giulia RGQ Dipartimento di Pordenone L accreditamento dei laboratori per la sicurezza alimentare

Dettagli

REGISTRO ALLERGENI. Reg. (UE) n. 1169/2011 (art.44 comma 1, lettera a)

REGISTRO ALLERGENI. Reg. (UE) n. 1169/2011 (art.44 comma 1, lettera a) REGISTRO ALLERGENI Reg. (UE) n. 1169/2011 (art.44 comma 1, lettera a) ALLERGENE CEREALI CONTENENTI GLUTINE: grano, segale, orzo, avena, farro Alimento pronto per la somministrazione (piatti in menù) e/o

Dettagli

SCHEDE TECNICHE SCIROPPO DI GLUCOSIO BIOGLUCC

SCHEDE TECNICHE SCIROPPO DI GLUCOSIO BIOGLUCC SCHEDE TECNICHE SCIROPPO DI GLUCOSIO BIOGLUCC Rev. 3 - Pag 1 di 6 Sciroppo di Glucosio BIOGLUCC BIOGLUCC è uno sciroppo di glucosio ad alto contenuto di maltosio, ottenuto da amido di frumento da agricltura

Dettagli

Referenza: 80 Farfalline pasta di semola di grano duro linea catering biologico.

Referenza: 80 Farfalline pasta di semola di grano duro linea catering biologico. PAG. 1 DI 5 Referenza: 80 Farfalline pasta di semola di grano duro linea catering biologico. CARATTERISTICHE CHIMICO-FISICHE U.M. VAL. RIF. INTERNO STANDARD DI LEGGE VALORE MEDIO RISCONTRATO METODI D ANALISI

Dettagli

SCHEDA TECNICA Pagina 1 di 6

SCHEDA TECNICA Pagina 1 di 6 SCHEDA TECNICA Paina 1 di 6 INFORMAZIONI GENERALI Codice (cartone) 61640 Nome Prodotto CIMABELLA / DONUT TRIS Linea Prodotto Già cotti Codice Ean14 Unità di Vendita (cartone) 08003269016401 Codice Ean

Dettagli

Melaminanei mangimi: passato, presente e futuro?

Melaminanei mangimi: passato, presente e futuro? Melaminanei mangimi: passato, presente e futuro? Giusi Amato N N N Melamina N N 1,3,5-Triazine-2,4,6-triamina formula bruta C 3 H 6 N 6 si presenta come polvere bianca N Resine plastiche termoindurenti:

Dettagli

3.17 RICERCA DI MICOTOSSINE IN: FRUTTA SECCA, CEREALI E LEGUMI - SEMI OLEAGINOSI - SPEZIE ED ERBE INFUSIONALI

3.17 RICERCA DI MICOTOSSINE IN: FRUTTA SECCA, CEREALI E LEGUMI - SEMI OLEAGINOSI - SPEZIE ED ERBE INFUSIONALI 3.17 RICERCA DI MICOTOSSINE IN: FRUTTA SECCA, CEREALI E LEGUMI - SEMI OLEAGINOSI - SPEZIE ED ERBE INFUSIONALI Esaminati 137 campioni di frutta secca, cereali e legumi; 430 campioni di semi oleaginosi;

Dettagli

NoProtein Frolla. Semplicità, personalizzazione e garanzia di un ottimo prodotto finito sono le sue caratteristiche salienti.

NoProtein Frolla. Semplicità, personalizzazione e garanzia di un ottimo prodotto finito sono le sue caratteristiche salienti. Pagina 1 di 5 NoProtein Frolla CODICE PRODOTTO: 2050 CARATTERISTICHE: NoProtein Frolla è un preparato per la produzione di Pasta Frolla senza glutine. Semplicità, personalizzazione e garanzia di un ottimo

Dettagli

Organismo accreditato da ACCREDIA DI VIA RINALDI, 95 REGGIO EMILIA SCHEDE TECNICHE. Preparati per il settore alimentare

Organismo accreditato da ACCREDIA DI VIA RINALDI, 95 REGGIO EMILIA SCHEDE TECNICHE. Preparati per il settore alimentare Organismo accreditato da ACCREDIA Reire SITO DI VIA RINALDI, 95 REGGIO EMILIA SCHEDE TECNICHE Preparati per il settore alimentare Gennaio 2015 PREPARATI PER IL SETTORE ALIMENTARE SOSTITUTIVI DEL LATTE

Dettagli

VADEMECUM MICOTOSSINE

VADEMECUM MICOTOSSINE VADEMECUM MICOTOSSINE PREMESSA Questo vademecum ha il solo scopo di aiutare nelle scelte imposte dall ennesima annata in cui una o l altra micotossina, diventano una variabile impazzita o importante del

Dettagli

Analisi dei marcatori molecolari della pluripotenza e del differenziamento delle cellule embrionali staminali (ES) murine

Analisi dei marcatori molecolari della pluripotenza e del differenziamento delle cellule embrionali staminali (ES) murine Training Course 2010 Stem Cell Differentiation Napoli, 9-12 Novembre Analisi dei marcatori molecolari della pluripotenza e del differenziamento delle cellule embrionali staminali (ES) murine Cristina D

Dettagli

Principali difformità riscontrate in alimenti di origine animale prodotti in RPC

Principali difformità riscontrate in alimenti di origine animale prodotti in RPC Principali difformità riscontrate in alimenti di origine animale prodotti in RPC Dr.ssa Paola Marconi Istituto Zooprofilattico Sperimentale Lazio e Toscana Il controllo sanitario nelle attività alimentari

Dettagli

Prof.ssa Paola Pittia Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agro-alimentari ed ambientali Università di Teramo ppittia@unite.it

Prof.ssa Paola Pittia Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agro-alimentari ed ambientali Università di Teramo ppittia@unite.it Questione di etichetta Teramo, 12 dicembre 2014 Etichettatura e nuove normative come strumento di comunicazione e informazione di qualità e sicurezza degli alimenti Prof.ssa Paola Pittia Facoltà di Bioscienze

Dettagli

I 100 cibi vegetariani più ricchi di proteine

I 100 cibi vegetariani più ricchi di proteine I 100 cibi veetariani più ricchi di proteine Usa questa lista per fare il pieno di proteine senza maniare carne Creato per te da: EssereVeetariani.it Formazione step by step per maniare senza carne http://essereveetariani.it/

Dettagli

PROGETTO INTERREGIONALE SEMENTIERO E MANGIME OGM- FREE. De Pauli Piera Servizio Fitosanitario,, Chimico Agrario, analisi e certificazione

PROGETTO INTERREGIONALE SEMENTIERO E MANGIME OGM- FREE. De Pauli Piera Servizio Fitosanitario,, Chimico Agrario, analisi e certificazione PROGETTO INTERREGIONALE SEMENTIERO E MANGIME OGM- FREE Villa Chiozza, Scodovacca di Cervignano,, 9 giugno 2008 De Pauli Piera Servizio Fitosanitario,, Chimico Agrario, analisi e certificazione Servizio

Dettagli

Prodotti alimentari «free from»

Prodotti alimentari «free from» Prodotti alimentari «free from» Stefania Pinton Progettazione e Innovazione Cremona, 22/10/2014 THIENE ROMA PARMA CUNEO BARI TRENTO SASSARI UK POLAND CROATIA TURKEY I NUOVI STILI DI CONSUMO Affermazione

Dettagli

Dott. Angelo Ferrari Direttore Sanitario - Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d'aosta

Dott. Angelo Ferrari Direttore Sanitario - Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d'aosta IZSTO Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d Aosta Dott. Angelo Ferrari Direttore Sanitario - Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d'aosta

Dettagli

Studio per il riutilizzo delle terre e rocce da scavo

Studio per il riutilizzo delle terre e rocce da scavo Studio per il riutilizzo delle terre e rocce da scavo Premesse Ai sensi dell art. 185 e 186 del decreto legislativo 152/2006 e successive modifiche ed integrazioni, le terre e rocce da scavo riutilizzate

Dettagli

Vierucci A, Pucci N, Massai C, Monaco MG, Rossi ME. RIP 2003

Vierucci A, Pucci N, Massai C, Monaco MG, Rossi ME. RIP 2003 !"#$%& ' (' ( )*' Vierucci A, Pucci N, Massai C, Monaco MG, Rossi ME. RIP 2003 ' +,+ - + *+ Vierucci A, Pucci N, Massai C, Monaco MG, Rossi ME. RIP 2003 Matteo P. mesi 6 Matteo P. mesi 6 -,./01## ###2##+,

Dettagli

A.1 - INGREDIENTI A.2 CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO FINITO A.3 MODALITA DI PREPARAZIONE AL CONSUMO B.1 TEMPERATURE DI CONSERVAZIONE

A.1 - INGREDIENTI A.2 CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO FINITO A.3 MODALITA DI PREPARAZIONE AL CONSUMO B.1 TEMPERATURE DI CONSERVAZIONE pag 1 di 6 A.1 - INGREDIENTI - SPINACI A.2 CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO FINITO aspetto: foglie di spinaci surgelate in blocco(block Frozen) o in cubetti pezzatura : per il prodotto in Block-frozen dimensioni

Dettagli

Criteri di igiene di processo e criteri di sicurezza alimentare: il quadro normativo

Criteri di igiene di processo e criteri di sicurezza alimentare: il quadro normativo Microbiologia predittiva Possibili utilizzi nell attività di controllo ufficiale degli Operatori del Settore Alimentare Criteri di igiene di processo e criteri di sicurezza alimentare: il quadro normativo

Dettagli

VALORI NUTRIZIONALI PROTIPLUS SNACK. Per 100 g. Per 1 barretta (27 g) %RDA* per 1 barretta. Per 1 barretta (27 g) %RDA* per 100 g.

VALORI NUTRIZIONALI PROTIPLUS SNACK. Per 100 g. Per 1 barretta (27 g) %RDA* per 1 barretta. Per 1 barretta (27 g) %RDA* per 100 g. Cioccolato fondente VALORI PROTIPLUS SNACK Cioccolato e cocco 1 barretta (27 g) per 1 barretta per 1 barretta (27 g) per 1 barretta Valore energetico 88 kcal - 325 kcal - 88 kcal - 324 kcal - 367 kj -

Dettagli

Abbreviazioni Denominazione Presidi: Ospedale SS. Trinità Ospedale Businco Ospedale Binaghi Ospedale Microcitemico

Abbreviazioni Denominazione Presidi: Ospedale SS. Trinità Ospedale Businco Ospedale Binaghi Ospedale Microcitemico ALLEGATO 1 DESCRIZIONE DELLA FORNITURA PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA IN PIU LOTTI, IN MODALITA SERVICE, DI SISTEMI ANALITICI DI BIOLOGIA MOLECOLARE PER I LABORATORI ANALISI DELL AZIENDA ASL N. 8 DI

Dettagli

Applicazione dei metodi rapidi alla microbiologia alimentare: Real Time PCR per la determinazione dei virus enterici

Applicazione dei metodi rapidi alla microbiologia alimentare: Real Time PCR per la determinazione dei virus enterici "Focus su sicurezza d'uso e nutrizionale degli alimenti" 21-22 Novembre 2005 Applicazione dei metodi rapidi alla microbiologia alimentare: Real Time PCR per la determinazione dei virus enterici Simona

Dettagli

Metodo per la determinazione di Ibuprofene in acque superficiali, sotterranee e di scarico.

Metodo per la determinazione di Ibuprofene in acque superficiali, sotterranee e di scarico. COPIA AD USO ESCLUSIVO DI. Progetto EMAS di Distretto finalizzato all Attestato APO (Ambiti Produttivi Omogenei) e al supporto delle singole organizzazioni dei comparti chimico farmaceutico operanti nel

Dettagli

Settimo Torinese, 14 dicembre 2010 Chivasso, 28 gennaio e 7 febbraio 2011

Settimo Torinese, 14 dicembre 2010 Chivasso, 28 gennaio e 7 febbraio 2011 Maria Franca Dupont SIAN con il contributo delle presentazioni di: Gruppo regionale 4 -Progetto prevenzione obesità Rete regionale di allergologia Settimo Torinese, 14 dicembre 2010 Chivasso, 28 gennaio

Dettagli

PISELLI A.1 - INGREDIENTI A.2 CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO FINITO

PISELLI A.1 - INGREDIENTI A.2 CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO FINITO pag 1 di 7 A.1 - INGREDIENTI - A.2 CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO FINITO aspetto: grani di piselli surgelati singolarmente, di calibro e colore uniforme (I.Q.F.) pezzatura : calibro < a 8,75 mm; calibro

Dettagli

Prodotti da forno salutistici senza glutine

Prodotti da forno salutistici senza glutine Prodotti da forno salutistici senza glutine Decreto di autorizzazione numero DGSAN/IV/I.5.H.3/OFF.815 Ministero della Salute Cos 'e la celiachia IL PIÙ FREQUENTE DISTURBO ALIMENTARE AL MONDO La celiachia

Dettagli

DEFINIZIONE GRADUALE INTRODUZIONE NELLA DIETA DEL BAMBINO DI ALIMENTI NON LATTEI SEMI-SOLIDI E POI SOLIDI

DEFINIZIONE GRADUALE INTRODUZIONE NELLA DIETA DEL BAMBINO DI ALIMENTI NON LATTEI SEMI-SOLIDI E POI SOLIDI DEFINIZIONE GRADUALE INTRODUZIONE NELLA DIETA DEL BAMBINO DI ALIMENTI NON LATTEI SEMI-SOLIDI E POI SOLIDI OBIETTIVI E FINALITA NUTRIZIONALI: Soddisfare i fabbisogni nutrizionali del lattante (densità calorica,fe

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA 00000379-SERV.VETERINARIO E IGIENE DEGLI ALIMENTI PG/2013/0156251 del 27/06/2013 Giunta

REGIONE EMILIA-ROMAGNA 00000379-SERV.VETERINARIO E IGIENE DEGLI ALIMENTI PG/2013/0156251 del 27/06/2013 Giunta REGIONE EMILIA-ROMAGNA 00000379-SERV.VETERINARIO E IGIENE DEGLI ALIMENTI PG/2013/0156251 del 27/06/2013 Giunta L 162/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 14.6.2013 DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA IN PIU LOTTI, IN MODALITA SERVICE, DI SISTEMI ANALITICI VARI PER VARIE UNITA OPERATIVE DELL AZIENDA ASL N

PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA IN PIU LOTTI, IN MODALITA SERVICE, DI SISTEMI ANALITICI VARI PER VARIE UNITA OPERATIVE DELL AZIENDA ASL N ALLEGATO 1 DESCRIZIONE DELLA FORNITURA PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA IN PIU LOTTI, IN MODALITA SERVICE, DI SISTEMI ANALITICI VARI PER VARIE UNITA OPERATIVE DELL AZIENDA ASL N. 8 DI CAGLIARI E DELL

Dettagli

L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI. TORINO 26 maggio 2009

L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI. TORINO 26 maggio 2009 L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI TORINO 26 maggio 2009 A cosa serve l etichettatura? l l insieme di tutte le indicazioni fornite all acquirente, necessarie al fine di consentire l acquisto con piena

Dettagli

ALLEGATO A. Cadenza consegna: da concordare con il capotecnico del Laboratorio

ALLEGATO A. Cadenza consegna: da concordare con il capotecnico del Laboratorio ALLEGATO A Durata della fornitura: un (1) anno. Quantità: kit necessari ad analizzare circa 300/350 campioni l anno Importo a base d asta: 20.000,00 s/iva Scadenza reattivi: almeno sei mesi Cadenza consegna:

Dettagli

Donatella Nava Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno

Donatella Nava Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno Donatella Nava Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno Definizione La citrometria a flusso è un metodo di conteggio, ed eventualmente di selezione e isolamento, di elementi corpuscolati (cellule)

Dettagli

LATTE IN POLVERE DI PROSEGUIMENTO MELLIN 2 POLVERE

LATTE IN POLVERE DI PROSEGUIMENTO MELLIN 2 POLVERE SCHEDA TECNICA LATTE IN POLVERE DI PROSEGUIMENTO MELLIN 2 POLVERE Codice SL62010024 DESCRIZIONE Il latte Mellin 2 latte in polvere di proseguimento da 1200 g è da utilizzare nei lattanti dopo il 6 mese

Dettagli

Il Riesame del contratto, la qualifica dei fornitori, il subappalto ed i servizi al cliente alla luce delle disposizioni cogenti

Il Riesame del contratto, la qualifica dei fornitori, il subappalto ed i servizi al cliente alla luce delle disposizioni cogenti ACCREDIA L ente italiano di accreditamento Il Riesame del contratto, la qualifica dei fornitori, il subappalto ed i servizi al cliente alla luce delle disposizioni cogenti Roma, Dott.ssa Silvia Tramontin

Dettagli

VERDURA FRUTTA FRUTTA SECCA E SEMI OLEAGINOSI

VERDURA FRUTTA FRUTTA SECCA E SEMI OLEAGINOSI DIETA VEGETARIANA Nella realizzazione di una dieta vegetariana frequentemente viene seguito un percorso che passa attraverso un procedimento di eliminazione di gruppi di cibi dall architettura tipica della

Dettagli

VESPASIA. Con la nostra Cucina, con la nostra Ospitalità vogliamo raccontare questa terra, i nostri valori e le nostre passioni. Buon Viaggio!

VESPASIA. Con la nostra Cucina, con la nostra Ospitalità vogliamo raccontare questa terra, i nostri valori e le nostre passioni. Buon Viaggio! VESPASIA E L Amore per il bello e per il buono che segna tutte le nostre scelte qui al Vespasia, che racconta la nostra storia e che ci aiuta a progettare il futuro. Cerchiamo le migliori materie prime

Dettagli

BIETOLINA BIOLOGICA A.1 - INGREDIENTI A.2 CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO FINITO A.3 MODALITA DI PREPARAZIONE AL CONSUMO B.1 TEMPERATURE DI CONSERVAZIONE

BIETOLINA BIOLOGICA A.1 - INGREDIENTI A.2 CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO FINITO A.3 MODALITA DI PREPARAZIONE AL CONSUMO B.1 TEMPERATURE DI CONSERVAZIONE pag1 di 6 A.1 - INGREDIENTI - FOGLIE DI BIETOLINA A.2 CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO FINITO aspetto: foglie di bietolina surgelate in blocco (BLOCK FROZEN) o in cubetti (I.Q.F.); pezzatura: lastre di dimensioni

Dettagli

R E G I O N E B A S I L I C A T A

R E G I O N E B A S I L I C A T A R E G I O N E B A S I L I C A T A ALLEGATO REQUISITI MINIMI E CRITERI GENERALI PER IL RICONOSCIMENTO DEI LABORATORI DI ANALISI NON ANNESSI ALLE INDUSTRIE ALIMENTARI E MODALITÀ PER L ISCRIZIONE NEL REGISTRO

Dettagli

L executive chef Matteo Riccitelli propone piatti di qualita. con una cucina giovane e passionale,

L executive chef Matteo Riccitelli propone piatti di qualita. con una cucina giovane e passionale, * PASTA FATTA IN CASA, PESCE E PRODOTTI LOCALI A KM ZERO * BUONA CUCINA + BUONI VINI = BUON UMORE L executive chef Matteo Riccitelli propone piatti di qualita con una cucina giovane e passionale, legata

Dettagli

Dietista Michela Novelli

Dietista Michela Novelli Dietista Michela Novelli qualunque marchio commerciale o di fabbrica, segno, immagine o altra rappresentazione grafica scritto, stampato, stampigliato, marchiato, impresso in rilievo o a impronta sull

Dettagli

25 Febbraio 2014. Dr.ssa Simona Corti. Tecnologo Alimentare

25 Febbraio 2014. Dr.ssa Simona Corti. Tecnologo Alimentare Etichettatura e presentazione dei prodotti alimentari: il Regolamento CEE 1169/2011. L etichetta delle carni macinate, gli allergeni e la tabella nutrizionale. 25 Febbraio 2014 Dr.ssa Simona Corti Tecnologo

Dettagli

CARATTERISTICHE NUTRIZIONALI (contenuto medio in 100 g di prodotto) Proteine g 10,8 Carboidrati g 54,7 Lipidi g 7,28 Valore Energetico kcal/100g 328

CARATTERISTICHE NUTRIZIONALI (contenuto medio in 100 g di prodotto) Proteine g 10,8 Carboidrati g 54,7 Lipidi g 7,28 Valore Energetico kcal/100g 328 ICEWER s.r.l. Via L. Da Vinci 13 -Z.I.- 31010 Godega S. Urbano -TV- Tel.: 0438 38067 Fa: 0438 433938 www.icewer.com e-mail: info@icewer.com SCHEDA TECNICA: G501135 NAVETTE ASSORTITE Prodotto surgelato

Dettagli

Tronco di pesce spada ST PV Mare Più

Tronco di pesce spada ST PV Mare Più SCHEDA TECNICA PRODOTTO FINITO Cod. Prod. FTROSPA007 C66 REV.1 del 23/12/2014 Tronco di pesce spada ST PV Mare Più Catering Via Arno 7, 63824 Altidona (AP) - Telefono 0734 931254 Fa 0734 935014 info@marepiusrl.com

Dettagli

CARTELLO UNICO INGREDIENTI AI SENSI del D.M. 20 dicembre 1994 e del D.LGS N. 109 del 1992 gruppo: PRODOTTI DOLCIARI SURGELATI

CARTELLO UNICO INGREDIENTI AI SENSI del D.M. 20 dicembre 1994 e del D.LGS N. 109 del 1992 gruppo: PRODOTTI DOLCIARI SURGELATI MINI PANINO BIANCO 8cm 30g 16650003 farina di frumento, acqua, lievito, sale iodizzato, glutine di frumento, farina di frumento trasformata in malto, agente di trattamento della farina (E300), olio di

Dettagli

Il controllo analitico degli OGM

Il controllo analitico degli OGM Il controllo analitico degli OGM Problematiche analitico metodologiche nella tracciabilità degli OGM INDIVIDUAZIONE: l obiettivo è di determinare se un prodotto contiene OGM o no (non da notizie sul tipo

Dettagli

Unione CNA Alimentare Modena, 6 novembre 2014 Prot. n. 38/2014 Raggruppamento di interesse CNA.COM Prot. n. 50/2014

Unione CNA Alimentare Modena, 6 novembre 2014 Prot. n. 38/2014 Raggruppamento di interesse CNA.COM Prot. n. 50/2014 Unione CNA Alimentare Modena, 6 novembre 2014 Prot. n. 38/2014 Raggruppamento di interesse CNA.COM Prot. n. 50/2014 - ALLE IMPRESE ALIMENTARI IN INDIRIZZO e p.c. - Ai Direttori di filiale - Agli Uffici

Dettagli