di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management"

Transcript

1 GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

2 OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio? La soluzione ad un problema? A volte le soluzioni assumono l aspetto di un prodotto, a volte quello di un servizio. Nei panni del cliente sareste più interessati al prodotto, al servizio o al fatto che vi venga risolto un problema? E se foste ora nei panni di chi vende, che cosa cerchereste di vendere? Un prodotto, un servizio, la soluzione ad un problema? La differenza concettuale è fondamentale. Se accettiamo il fatto che l oggetto di scambio non è semplicemente un prodotto, bensì la soluzione ad un problema, allora le logiche di vendita saranno completamente diverse. Vendere una soluzione significa riuscire a sensibilizzare il cliente su un suo reale problema e condurlo in un percorso di identificazione della soluzione. In altre parole si tratta di guidare il cliente in un percorso di focalizzazione e di cambiamento della propria realtà. Ecco che in questa situazione, al di là delle attitudini del buon venditore, il metodo ci fornisce un supporto fondamentale. Quando parliamo di cambiamento sappiamo di dover affrontare una serie di resistenze che sono tipiche del comportamento di ognuno di noi. Eli Goldratt nella Teoria dei Vincoli (Teoria di management fortemente basata sulla gestione con successo del cambiamento) ha identificato sei livelli di resistenza tipici di tutte le persone. Ecco che in una trattativa vincente la presentazione dell offerta deve superare i livelli di resistenza, razionali ed emotivi, associati al cambiamento che stiamo proponendo all interlocutore. Goldratt propone i seguenti passi: 1. l accordo sul problema dell acquirente, che deve riconoscersi nel conflitto in cui è intrappolato (ricordiamo che secondo la Teoria dei Vincoli ogni problema può essere verbalizzato come un conflitto, si vedano articoli precedenti); 2. una dichiarazione, più o meno esplicita, da parte di chi «vende» della condivisione del problema dell acquirente - chi vende mostra a chi compra che è consapevole di avergli creato in qualche modo i problemi che ha; 3. l intenzione di proporsi come parte della soluzione al problema dell acquirente - se sono parte del problema posso anche essere parte della soluzione: «questa è la mia nuova politica verso i clienti»;. 4. la verbalizzazione delle implicazioni, soprattutto quelle non immediatamente evidenti, per chi accetta l offerta; 5. un tempo di sedimentazione ogni novità, anche la migliore va metabolizzata. Come detto il successo della fase finale di vendita dipende dalla capacità di superare le naturali resistenze al cambiamento dell interlocutore. Tali resistenze aumentano drasticamente dalla prima all ultima fase del progetto di cambiamento. Se infatti, risulta abbastanza semplice rispondere alle prime due domande del cambiamento, che cosa cambiare e in che cosa cambiare, le resistenze si alzano rapidamente quando si passa all azione, cercando di rispondere alla terza domanda: come attuare il cambiamento. Le resistenze Chi sta proponendo la soluzione si trova ad affrontare un dilemma: concentrarsi sulla definizione dei dettagli della soluzione o sulla politica da adottare perché venga realizzata con successo? L attenzione di Goldratt è stata posta sulla comprensione di queste resistenze delle fasi in cui si presentano. Egli ha identificato sei livelli in cui esse possono essere classificate, e ad ognuno di essi è stato associato uno strumento logico. Vediamoli in dettaglio: 1) Disaccordo sul problema (non è un mio problema) - Questo è il primo livello, se non c è accordo sul problema da affrontare difficilmente possiamo contare sulla partecipazione dei nostri collaboratori. Un problema si manifesta sempre come una serie di effetti indesiderati che toccano diversi punti del sistema in questione. Tutti all interno di un organizzazione avvertono degli effetti indesiderati che vorrebbero eliminare. Questo è il punto di partenza. Il primo strumento, nonché il più rappresentativo della TOC, è la «nuvola di conflitto», che guida le persone in un percorso logico verso l individuazione della causa di fondo di tutti i sintomi negativi che esse avvertono quotidianamente. Pagina 2 di 5

3 Il motivo che spinge le persone ad essere in disaccordo con il problema centrale è spesso la scarsa conoscenza che esse hanno della realtà in cui operano. L «Albero della Realtà Corrente», costruito a partire dalla «nuvola del problema centrale» permette a chiunque di testare la logica di causalità seguita per individuare la causa di fondo di tutti i problemi, ovvero il «problema centrale» (core problem). A questo punto si è raggiunto il consenso collettivo delle persone coinvolte nel progetto, dovrebbe essere chiaro a tutti qual è il problema su cui concentrarsi per migliorare. 2) Disaccordo sulla direzione della soluzione - Una volta raggiunto l accordo sul problema da affrontare, potrebbero esserci opinioni diverse circa la strada da intraprendere per risolverlo. La visualizzazione del problema sotto forma di conflitto guida l identificazione dei modelli mentali sottostanti le due posizioni conflittuali. In altre parole noi siamo nel conflitto perché facciamo degli assunti sulla situazione in oggetto. Questi assunti sono il vincolo mentale al cambiamento, se riuscissimo a superarli crollerebbe il conflitto e di conseguenza il problema che esso rappresenta. Chiamiamo injection quell idea che ancora non esiste, ma che se ci fosse porterebbe alla soluzione. L injection elimina il problema centrale invalidando gli assunti a supporto della logica seguita, fornendo una direzione da seguire per giungere alla soluzione. 3) Disaccordo sul fatto che la soluzione risolva il problema - Dopo aver identificato ed essere tutti concordi sulla direzione da seguire, è necessaria una fase di verifica per assicurarsi che effettivamente la strada scelta sia quella giusta. Eravamo partiti dagli effetti indesiderati, ora dovremmo dimostrare che l injection è in grado di eliminarli tutti. Lo strumento che utilizziamo è «albero della Realtà Futura», che mostra con passaggi logici dettagliati come l injection, se perseguita, porti alla soluzione del problema, ed aiuta a trasformare l idea in una soluzione semplice, pratica, e comprensibile. Se l Albero della Realtà Corrente era la fotografia del presente, questo diventa la fotografia del futuro. 4) Convinzione che la soluzione porterà effetti negativi - Una soluzione implica una transizione in uno stato di realtà differente in cui, sperabilmente, il problema iniziale sarà risolto, ma la soluzione avrà portato anche qualche implicazione negativa. Se pensassimo ad una soluzione perfetta non saremmo realisti e finiremmo per subire le implicazioni negative. Il «Ramo delle Implicazioni Negative» ci aiuta a comprendere il processo per cui si potrebbero verificare e a prevenirle, completando la soluzione. 5) Sollevare gli ostacoli che bloccano l implementazione della soluzione - A questo punto si tratta di implementare la soluzione ormai chiara e condivisa da tutti. Le resistenze sono ora legate a problemi pratici quali mancanza di denaro, di risorse, di tempo, ecc. E dimostrato che la tendenza delle persone è di concentrarsi sull aspetto negativo delle cose, su ciò che le ostacola in un percorso. Per questo la TOC propone di elencare gli ostacoli e di individuare una soluzione per ognuno di essi, l «obiettivo intermedio». La mappa degli obiettivi intermedi prende il nome di «Albero dei Prerequisiti» e mostra le connessioni logiche di tutti i prerequisiti necessari per l implementazione: avere denaro, tempo, risorse Di fatto è il piano di implementazione della soluzione. 6) Paura non verbalizzata - Dopo avere superato il livello di resistenza precedente, non esistono ragioni valide per abbandonare l idea del cambiamento. Si tratta soltanto di decidere come agire a partire dal giorno dopo: è necessario un piano d azione che fornisca istruzioni chiare a tutte le persone coinvolte nel progetto. Lo strumento a supporto di questa fase è l «Albero della Transizione». Gli strumenti a supporto del pensiero sistemico rappresentano un valido strumento per il superamento dei diversi livelli di resistenza delle persone coinvolte in un processo di miglioramento. Il continuo superamento di questi sei livelli permette di rendere operativo il ciclo di miglioramento continuo, riassunto da Deming come PDCA (Plan Do Check Act ). Pagina 3 di 5

4 PRESENTARE UN OFFERTA IRRIFIUTABILE Un offerta irrifiutabile per il cliente elimina tutti quegli effetti indesiderati presenti nella realtà quotidiana dell acquirente. Il processo di costruzione dell offerta è stato lungo ed impegnativo, passando dall analisi della realtà del cliente, all identificazione della causa di fondo di tutti i suoi problemi, alla formulazione di una soluzione brillante e alla redazione di un offerta win win. L obiettivo è di far percepire l offerta all acquirente come generatrice di valore. Aumentando la percezione di valore, la nostra offerta ci darà la possibilità di non trattare esclusivamente sul prezzo. Ricordiamo l analogia delle anatre, secondo cui il marketing è l azione di spargere miglio a terra per far posare le anatre e le vendite soltanto l azione finale di caccia. Eccoci giunti all azione finale di caccia. L ultimo passo è presentare la nostra offerta guidando l interlocutore nel processo che noi stessi abbiamo seguito per arrivare alla formulazione dell offerta. Naturalmente cercando di superare rigorosamente le sue resistenze al cambiamento. L Albero della Transizione è lo strumento logico con cui la Teoria dei Vincoli costruisce piani operativi e procedure di azioni. In questo caso definisce le linee guida della fase finale di vendita. Lo strumento si legge dal basso verso l alto seguendo la logica causa effetto: se valgono le condizioni sottostanti, allora ci portiamo al livello superiore. Leggiamo la prima parte: «Se è vero che i compratori, in genere, non hanno fiducia totale nelle lodi che un venditore fa del suo prodotto ed è probabile che un compratore reagirà ad una presentazione convenzionale dell offerta win-win con scetticismo, allora il venditore deve conquistare il consenso del compratore. Se il venditore si accinge a presentare l offerta win-win utilizzando gli strumenti della TOC per superare uno ad uno i livelli di resistenza del compratore ed è possibile individuare sei livelli di resistenza ad un iniziativa proposta e ciascuno di essi è superabile utilizzando uno strumento della TOC allora il compratore è a livello 1: non c è consenso sul (o c è ignoranza del) problema che l offerta win-win risolve». L Albero della Transizione presenta le azioni da svolgere sulla colonna a sinistra. Gli altri elementi costruiscono la logica del ragionamento, garantendo la necessità delle azioni e della loro sequenza. Per la gestione con successo della trattativa si identificano sette azioni fondamentali per il superamento rigoroso delle resistenze dell interlocutore: 1. il venditore si accinge a presentare l offerta win-win utilizzando gli strumenti della TOC per superare uno ad uno i livelli di resistenza del compratore; 2. il venditore presenta l albero della realtà corrente del compratore, mostrando come le politiche del fornitore sono la causa dei suoi problemi; 3. il venditore spiega al compratore di aver capito che, finché le politiche creeranno problemi al fornitore, questo bloccherà le loro vendite; 4. il venditore mostra al compratore le soluzioni che il fornitore ha elaborato (nuove politiche, nuovo sistema di pricing ) e come queste siano rispecchiate nell offerta; 5. il venditore mostra al compratore come l offerta rimuova i suoi problemi alla radice, evaporando il conflitto alla base dell albero della realtà corrente del compratore (e eventualmente mostra l albero della realtà futura del fornitore verso il mercato); 6. il venditore mostra le riserve negative (nuvola delle implicazioni negative) che sia il fornitore che il compratore potrebbero avere sull offerta, invita il compratore a sollevarne altre e a «tagliarle» insieme a lui; 7. il venditore presenta al compratore una lista di ostacoli che solitamente vengono sollevati al momento di firmare il contratto, invita il compratore a trovarne altri e superarli insieme. Pagina 4 di 5

5 GLOSSARIO Un offerta Win Win In modo del tutto generale possiamo dire che l'acquisto di un bene o di un servizio dovrebbe eliminare uno o più «effetti indesiderati» - situazioni, cioè, di cui si farebbe volentieri a meno - presenti nella realtà dell'acquirente. Invariabilmente, tali effetti indesiderati non sono scollegati tra di loro; al contrario sono il risultato di un numero limitato di cause, molto spesso una soltanto. Se si riuscisse a capire quale è la causa che li genera tutti (o almeno la grande parte), si avrebbe la possibilità di costruire una offerta win win che, rimuovendo la causa che li genera, eliminerebbe tutti gli effetti indesiderati. In questo modo l'offerta verrebbe percepita dall'acquirente come generatrice di valore. Il percorso attraverso il quale dev'essere guidato il cliente diviene fondamentale per la segmentazione del mercato e l'elaborazione di offerte winwin, ovvero, vincenti per entrambe le parti.. Documento reperibile, assieme ad altre monografie, nella sezione Dossier del sito Documento pubblicato su licenza di WKI - Ipsoa Editore Fonte: PMI Il mensile della piccola e media impresa Copyright: WKI - Ipsoa Editore Pagina 5 di 5

Perché affidarsi a tecnico di proget

Perché affidarsi a tecnico di proget TEC. Baroni 45 imp 2-04-2004 10:54 Pagina 50 TECNICA Perché affidarsi a tecnico di proget d i S a r a B a r o n i Uno studio di ingegneria, maturando esperienza in realtà differenti, sviluppa una competenza

Dettagli

GESTIRE CON SUCCESSO LE PMI

GESTIRE CON SUCCESSO LE PMI UN TAMBURO IN PRODUZIONE GESTIRE CON SUCCESSO LE PMI di Sara Baroni Produzione e logistica >> Organizzazione della produzione L approccio alla gestione della produzione della TOC (Theory of Constraints)

Dettagli

di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management

di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management MISURE DI COMMESSA E MISURE DI SISTEMA COSTRUIRE UN PONTE TRA IL SINGOLO PROGETTO E GLI OBIETTIVI AZIENDALI di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management IL RUOLO DEL SISTEMA DI MISURA

Dettagli

di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management

di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management ASCOLTARE LA VOCE DEL PROCESSO di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management LA VARIABILITÀ ESISTE La comprensione della variabilità da cui sono affetti i processi costitutivi di un sistema

Dettagli

di Teresa Tardia Marketing e vendite >> Marketing e management

di Teresa Tardia Marketing e vendite >> Marketing e management IL BILANCIO COME STRUMENTO DI MARKETING di Teresa Tardia Marketing e vendite >> Marketing e management Con le nuove metodologie e analisi che tendono a rilevare la relazione dell impresa con il suo ambiente

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

Difficoltà scolastiche

Difficoltà scolastiche Difficoltà scolastiche DSA Difficoltà Scolastiche Così come ogni individuo è diverso da un altro, differente per ciascuno sarà lo stile di apprendimento delle conoscenze. Per questo motivo quando si parla

Dettagli

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Obiettivo del questionario è rendere consapevole una persona della propria tendenza ad assumere in una conversazione uno o più

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e vendite >> Marketing e management

di Sara Baroni Marketing e vendite >> Marketing e management STRATEGIA OCEANO BLU: VENDERE VALORE NON HA CONCORRENZA di Sara Baroni Marketing e vendite >> Marketing e management La Teoria dei Vincoli fornisce un punto di vista diverso per formulare offerte così

Dettagli

TECNICHE DI VENDITA. ESIGENZE GENERALI: diminuire lo sforzo impiegato nella vendita interpersonale e aumentare la propria capacità di persuasione.

TECNICHE DI VENDITA. ESIGENZE GENERALI: diminuire lo sforzo impiegato nella vendita interpersonale e aumentare la propria capacità di persuasione. TECNICHE DI VENDITA Essere in grado di affrontare con successo le diverse tipologie di clienti realizzando proficue vendite dipende, soprattutto, da come viene affrontato il colloquio interpersonale con

Dettagli

Il miglioramento, il problem solving e gli strumenti per il lavoro di gruppo

Il miglioramento, il problem solving e gli strumenti per il lavoro di gruppo Il miglioramento, il problem solving e gli strumenti per il lavoro di gruppo UNIVERSITA DI PISA Università di Pisa Miglioramento continuo e Problem Solving 1 Indice Il miglioramento: i diversi approcci

Dettagli

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM RICONOSCERE I CLIENTI PROFITTEVOLI : GLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM DEFINIRE IL GRADO DI PROFITTABILITA DEL CLIENTE Avere un'organizzazione orientata al cliente

Dettagli

di Alberto Bubbio Amministrazione e finanza >> Pianificazione e controllo

di Alberto Bubbio Amministrazione e finanza >> Pianificazione e controllo GLI INVESTIMENTI COLONNE PORTANTI DELLA CREAZIONE DI VALORE di Alberto Bubbio Amministrazione e finanza >> Pianificazione e controllo La redditività degli investimenti è sì un obiettivo, ma anche e soprattutto

Dettagli

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite >> Marketing e Management CONCESSIONARIE DI PUBBLICITA di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite >> Marketing e Management DEFINIZIONI DEL SETTORE Il settore delle «concessionarie di pubblicità» si occupa della vendita di spazi

Dettagli

Verifica dei Risultati Analisi e Miglioramento della Qualità

Verifica dei Risultati Analisi e Miglioramento della Qualità Supporto ad azioni di miglioramento del sistema di gestione qualità di SerT e strutture accreditate per soggetti dipendenti da sostanze d abuso Verifica dei Risultati Analisi e Miglioramento della Qualità

Dettagli

Guida per gli acquirenti

Guida per gli acquirenti Guida per gli acquirenti Abbiamo creato una breve guida per i privati al fine di fornire le informazioni più importanti per l acquisto di un azienda. Desiderate avere una vostra azienda? L acquisto di

Dettagli

La scelta di AMD e della sua Scuola di Formazione: un sistema certificato

La scelta di AMD e della sua Scuola di Formazione: un sistema certificato La scelta di AMD e della sua Scuola di Formazione: un sistema certificato Maria Rita Cavallo AMD FORMAZIONE Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO9001/2008 1 Le parole chiave Sistema di gestione per la

Dettagli

di Antonella Salvatore Produzione e logistica >> Sistemi di management

di Antonella Salvatore Produzione e logistica >> Sistemi di management CREAZIONE E GESTIONE DELLA CONOSCENZA NELLE AZIENDE di Antonella Salvatore Produzione e logistica >> Sistemi di management CONOSCENZA ESPLICITA ED IMPLICITA La conoscenza rappresenta quello che in management

Dettagli

la crescita è la chiave

la crescita è la chiave AREA LEADERSHIP PROFESSIONALE IL COACHING Lo strumento di manutenzione dell uomo LeadershipLab Training Gubbio (Perugia) N.Verde 800.960.318 la crescita è la chiave MARCO MERANGOLA Tel 366 37.72.330 Fax

Dettagli

I Sistemi di Gestione per la Sicurezza

I Sistemi di Gestione per la Sicurezza I Sistemi di Gestione per la Sicurezza OHSAS 18001, Rischi Rilevanti, Antincendio, Sistemi di Gestione Integrati Luca Fiorentini TECSA Sommario Presentazione... 9 1. INTRODUZIONE 15 2. SCOPO E CAMPO DI

Dettagli

di Antonio Farchione Marketing e vendite >> Marketing e management

di Antonio Farchione Marketing e vendite >> Marketing e management IL BENCHMARKING PUÒ RENDERE PIÙ COMPETITIVA L AZIENDA di Antonio Farchione Marketing e vendite >> Marketing e management Un aspetto che sicuramente non può essere sottovalutato, è la tendenza ad arricchire

Dettagli

1. Leadership emozionale 2. Gestire i conflitti e creare

1. Leadership emozionale 2. Gestire i conflitti e creare AREA LEADERSHIP 1. Leadership emozionale 2. Gestire i conflitti e creare condivisione 3. Gestire i gruppi di lavoro Leadership emozionale 2 giorni Perché la propria leadership funziona meglio con alcune

Dettagli

LE VENDITE COMPLESSE

LE VENDITE COMPLESSE LE VENDITE COMPLESSE 1 LE VENDITE COMPLESSE - PRINCIPI GENERALI Le vendite complesse differiscono da quelle semplici per molti importanti aspetti. Per avere successo è essenziale comprendere la psicologia

Dettagli

Il Modello europeo CAF

Il Modello europeo CAF Roma, 11 novembre 2011 Il Modello europeo CAF (Common Assessment Framework) Benedini Italo La visione dell Unione Europea sulla Qualità: un urgente bisogno di rinnovamento Tutte le organizzazioni, private

Dettagli

COME OTTIMIZZARE I COSTI DI GESTIONE

COME OTTIMIZZARE I COSTI DI GESTIONE FLOTTE AZIENDALI COME OTTIMIZZARE I COSTI DI GESTIONE di Cristiano Benazzi Produzione e logistica >> Sistemi di management La formula del noleggio per la disponibilità di beni e servizi non di proprietà,

Dettagli

La PNL nel settore assicurativo

La PNL nel settore assicurativo La PNL nel settore assicurativo I Principi della Programmazione Neuro Linguistica pagina 1 Cosa è la Programmazione Neuro Linguistica (PNL) La programmazione neuro linguistica è una metodologia formativa

Dettagli

Operazione W.O.M.E.N. Rif. PA 2011-1326/RE

Operazione W.O.M.E.N. Rif. PA 2011-1326/RE Progetto 1: Gestire il tempo Durata complessiva: 28 di cui 16 di aula (4 incontri da 4 ore), 6 di e-learning e 6 di project work Numero partecipanti previsto: 14 Quota iscrizione 30 Modulo 1 La gestione

Dettagli

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management EDILIZIA di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management DEFINIZIONE DEL SETTORE Nel settore edilizio possono essere individuati 2 micro-settori: edilizia residenziale in conto proprio:

Dettagli

QUALITA E PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO

QUALITA E PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO QUALITA E PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO Marco Malagoli, Chiara Capelli AICQ Comitato Ambiente ABSTRACT Nel presente lavoro viene esaminato il collegamento logico tra qualità e sviluppo sostenibile, in

Dettagli

Organizzazione e sistemi di gestione

Organizzazione e sistemi di gestione Organizzazione e sistemi di gestione Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute del Lavoro: Elementi fondamentali ed integrazione con i sistemi di gestione per la Qualità e l Ambientel 1 Termini e definizioni

Dettagli

PERCORSO CAF EDUCATION

PERCORSO CAF EDUCATION PERCORSO CAF EDUCATION FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV-PDM CODICE MECCANOGRAFICO MEIC851001 SCUOLA IC SALVO D ACQUISTO MESSINA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* (X ) COMPLETO - ( ) PARZIALE GENNAIO 2014 1 PARTE

Dettagli

INTRODUZIONE. abilità specifiche, Per imparare ad affrontare le situazioni di conflitto nell attività lavorativa.

INTRODUZIONE. abilità specifiche, Per imparare ad affrontare le situazioni di conflitto nell attività lavorativa. Sessione Gestione dei Conflitti Introduzione INTRODUZIONE Il presente modulo formativo ha lo scopo di aiutare il manager a saper identificare le cause che sono alla base dei conflitti in ambito lavorativo

Dettagli

LA FILOSOFIA DI DEMING E IL CICLO PDCA 1. Paolo Senni

LA FILOSOFIA DI DEMING E IL CICLO PDCA 1. Paolo Senni LA FILOSOFIA DI DEMING E IL CICLO PDCA 1 Paolo Senni La teoria e la prassi della Qualità (Total Quality Management, TQM) sebbene frutto del lavoro di più studiosi, hanno la radice più profonda ed il modello

Dettagli

Progettare e scrivere una relazione sociale: Assistente sociale nella P.A. e libera professione. Relazione di Ombretta Okely

Progettare e scrivere una relazione sociale: Assistente sociale nella P.A. e libera professione. Relazione di Ombretta Okely La documentazione: funzioni e strumenti del servizio sociale integrato Progettare e scrivere una relazione sociale: Assistente sociale nella P.A. e libera professione. Relazione di Ombretta Okely NAPOLI

Dettagli

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone)

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) Dopo una prima descrizione dei sei stili di leadership, si espongono di seguito ulteriori evidenze emerse dalla

Dettagli

Guida per i venditori

Guida per i venditori Guida per i venditori Vendere un azienda può essere complicato e impegnativo ed è generalmente un evento che si presenta una volta nella vita. Vi preghiamo di leggere con attenzione i seguenti paragrafi.

Dettagli

I PRIMI PASSI PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI MARKETING

I PRIMI PASSI PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI MARKETING COME SI SCRIVE IL MARKETING PLAN I PRIMI PASSI PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI MARKETING di Antonio Ferrandina Marketing e vendite >> marketing e management INDICE DEL PIANO La determinazione dell oggetto

Dettagli

IL PROGETTO QUALITA TOTALE 2007-2013

IL PROGETTO QUALITA TOTALE 2007-2013 UNIONE EUROPEA IL PROGETTO QUALITA TOTALE 2007-2013 Sentirsi protagonisti per il successo del progetto MODULO II Strumenti e iniziative per lo sviluppo del progetto 16 luglio 2009 Indice Il percorso nell

Dettagli

COME INDIVIDUARLI E RAZIONALIZZARLI

COME INDIVIDUARLI E RAZIONALIZZARLI I COSTI LOGISTICI COME INDIVIDUARLI E RAZIONALIZZARLI di Andrea Moneta Produzione e logistica >> Logistica DEFINIZIONE E AREE DI COMPETENZA Quando si parla di costi logistici generalmente si tende ad associare

Dettagli

Sincronizzare il sistema

Sincronizzare il sistema Sincronizzare il sistema 1 Competitività = Redditività + Produttività = ROCE 2 Il valore si genera attraverso un flusso di materiali e informazioni. Quanto più il flusso è interrotto tanto più valore si

Dettagli

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento LEADERSHIP E TEAM BUILDING La soddisfazione del lavoratore A livello individuale, la gestione

Dettagli

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di Sessione La negoziazione Introduzione INTRODUZIONE Il presente modulo formativo ha lo scopo di aiutare il manager a riesaminare le dinamiche interpersonali e le tecniche che caratterizzano una negoziazione

Dettagli

L unico portale che è nel tuo gestionale I. P.

L unico portale che è nel tuo gestionale I. P. Impresa Web L unico portale che è nel tuo gestionale I. P. I contenuti editoriali più autorevoli e sempre aggiornati e comodamente completi, consultabili con un click. Con Impresa Web, è più facile fare

Dettagli

Grafico del livello di attività per 90 giorni

Grafico del livello di attività per 90 giorni Grafico del livello di attività per giorni "Gli agenti immobiliari di Successo fanno quello che gli agenti immobiliari normali non amano fare." Salvatore Coddetta. Il lavoro di agente immobiliare è quello

Dettagli

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE : L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE Definizioni Per lo sviluppo di un impresa sono necessarie sia le abilità dell imprenditore che quelle dei manager * Le abilità imprenditoriali sono

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Il piano di miglioramento: agire sui processi per migliorare i risultati. Contesto Risorse Processi Risultati

Il piano di miglioramento: agire sui processi per migliorare i risultati. Contesto Risorse Processi Risultati Il piano di miglioramento: agire sui processi per migliorare i risultati Dal RAV: Contesto Risorse Processi Risultati caratteristiche del territorio aspetti sociali materiali organizzativi apprendimenti

Dettagli

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT Maturità di molte applicazioni su cliente, interlocutori sempre più tecnicamente preparati e esigenti, banalizzazione di know how e di processo nelle diverse offerte spingono

Dettagli

La semplicità di formare i lavoratori in somministrazione

La semplicità di formare i lavoratori in somministrazione La semplicità di formare i lavoratori in somministrazione un catalogo di offerta formativa multimediale MiFORMOeLAVORO è il progetto, lanciato da Adversus in collaborazione con Skilla, che ha l obiettivo

Dettagli

Geprim per il Settore Immobiliare

Geprim per il Settore Immobiliare Geprim per il Settore Immobiliare Strumenti, tecniche, competenze, per superare le criticità e raggiungere i propri obiettivi Geprim per il Settore Immobiliare Il settore immobiliare è caratterizzato da

Dettagli

La produzione e l impresa. La funzione di produzione. O INPUT (lavoro) D E

La produzione e l impresa. La funzione di produzione. O INPUT (lavoro) D E Il Nuovo le basi dell economia politica Percorso D La produzione e l impresa La funzione di produzione OUTPUT B C PT A O INPUT (lavoro) OUTPUT D E PM O F PMa INPUT (lavoro) Nella figura è descritto l andamento

Dettagli

Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006

Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006 Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006 La Rete di Andrea Morniroli Premessa In questi ultimi anni è cresciuta

Dettagli

O P E N S O U R C E M A N A G E M E N T PILLOLE DI TEST COMPRENSIONE. w w w. o s m v a l u e. c o m

O P E N S O U R C E M A N A G E M E N T PILLOLE DI TEST COMPRENSIONE. w w w. o s m v a l u e. c o m O P E N S O U R C E M A N A G E M E N T PILLOLE DI TEST COMPRENSIONE w w w. o s m v a l u e. c o m COMPRENSIONE (RELAZIONI) Qualità generale delle relazioni. Capacità della persona di costruirsi relazioni

Dettagli

MARKETING LOW COST di Cristina Mariani

MARKETING LOW COST di Cristina Mariani Indice Introduzione Ringraziamenti 1. Come effettuare un analisi di mercato low cost 1. Ricerca di mercato low cost 1.1. Ricerca formale 1.2. Ricerca informale 2. Segmentare un mercato in evoluzione 2.1.

Dettagli

di Guido Prato Previde

di Guido Prato Previde DALLA FORMAZIONE ALLE SIMULAZIONI di Guido Prato Previde Risorse umane >> Gestione ed organizzazione del personale Sommario «Business giocando»...3 la «nuova formazione»...3 Il punto di partenza: chi si

Dettagli

LE RELAZIONI TRA RLS E RSPP: QUALI LE CRITICITA. Modalità corrette di approccio e di intervento da parte del RLS

LE RELAZIONI TRA RLS E RSPP: QUALI LE CRITICITA. Modalità corrette di approccio e di intervento da parte del RLS LE RELAZIONI TRA RLS E RSPP: QUALI LE CRITICITA Modalità corrette di approccio e di intervento da parte del RLS La mia relazione riprende il filo del discorso tracciato con la prima relazione che si soffermava

Dettagli

Progetto di laboratorio di Didattica della Geografia ELEMENTI FISICI ED ANTROPICI NEL PAESAGGIO DELLA VALBRENTA

Progetto di laboratorio di Didattica della Geografia ELEMENTI FISICI ED ANTROPICI NEL PAESAGGIO DELLA VALBRENTA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Progetto di laboratorio di Didattica della Geografia ELEMENTI FISICI ED ANTROPICI

Dettagli

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI La progettazione formativa e didattica GLI STILI E LE MODALITA DI DI APPRENDIMENTO: dalle dalle conoscenze alla alla interiorizzazione dei dei comportamenti organizzativi 1 IL IL PERCORSO DELL APPRENDIMENTO

Dettagli

PERCORSO CAF EDUCATION AULA VIRTUALE 2 INCONTRO TERRITORIALE 1 AULA VIRTUALE 2. Suggerimenti per la stesura del RAV.

PERCORSO CAF EDUCATION AULA VIRTUALE 2 INCONTRO TERRITORIALE 1 AULA VIRTUALE 2. Suggerimenti per la stesura del RAV. Suggerimenti per la stesura del RAV Teresa Ascione OBIETTIVO DELLA PRESENTAZIONE: Ricapitolare con le scuole partecipanti: La struttura del RAV Come si compila sintesi dei fattori abilitanti e dei risultati

Dettagli

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE SCUOLA DI ECONOMIA E STATISTICA CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE LAUREA TRIENNALE - LAUREA SPECIALISTICA - LAUREA MAGISTRALE La Scuola di Economia

Dettagli

Le componenti dell'assertività

Le componenti dell'assertività ASSERTIVITA Il comportamento assertivo è quel comportamento attraverso il quale si affermano i propri punti di vista, senza prevaricare né essere prevaricati. Si esprime attraverso la capacità di utilizzare

Dettagli

di Patrizia Della Serra

di Patrizia Della Serra TFR E FONDI PENSIONE COSA CAMBIA PER LE AZIENDE di Patrizia Della Serra Risorse Umane >> Fondi pensione Sommario Premessa...3 Il Tfr fino al 31 dicembre 2006...4 Il Tfr dall'1 gennaio 2007...4 Agevolazioni

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

Acquisire una metodologia strutturata ed efficace nello sviluppo della capacità comunicativa e commerciale nel ruolo di consulente commerciale

Acquisire una metodologia strutturata ed efficace nello sviluppo della capacità comunicativa e commerciale nel ruolo di consulente commerciale La gestione creativa dei conflitti L ARTE STRATEGICA DI GESTIRE I CONFLITTI (L autodifesa conversazionale) Potenziare la capacità di gestione delle dinamiche conflittuali e di trarre occasioni di crescita

Dettagli

Comportamento del cliente

Comportamento del cliente Comportamento del cliente Obiettivi conoscitivi Inquadrare l analisi del comportamento del cliente nelle diverse prospettive disciplinari che hanno affrontato l argomento Comprendere la sequenza delle

Dettagli

Learning News Dicembre 2010, anno IV - N.12

Learning News Dicembre 2010, anno IV - N.12 Learning News Dicembre 2010, anno IV - N.12 Quattro passi tra Partita Doppia e Bilancio di Roberta Di Pinto Non si può insegnare niente ad un uomo. Si può solo aiutarlo a scoprire ciò che ha già dentro

Dettagli

IL CERVELLO CREATIVO. Il cervello creativo. I due emisferi cerebrali

IL CERVELLO CREATIVO. Il cervello creativo. I due emisferi cerebrali IL CERVELLO CREATIVO Conoscere come funziona la nostra mente significa farne un uso migliore, sviluppare attività metacognitive Il nostro cervello è: visivo concreto legato alla motricità L intelligenza

Dettagli

NEGOZIAZIONE. Antonella Scalognini Urbino 29-03-2012

NEGOZIAZIONE. Antonella Scalognini Urbino 29-03-2012 NEGOZIAZIONE Antonella Scalognini Urbino 29-03-2012 La negoziazione È una modalità per risolvere divergenze di interessi, attuabile quando ciascuna delle parti possiede, ed è disposta a cedere qualche

Dettagli

La gestione del cliente in un ottica di marketing

La gestione del cliente in un ottica di marketing La gestione del cliente in un ottica di marketing La soddisfazione del cliente Intuitivamente semplice, ma implica un esatta definizione dei parametri misurabili, in base ai quali un cliente si può definire

Dettagli

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Le Domande in materia di gestione sostituiscono le Direttive sulla gestione nell amministrazione federale (DGA) del 1974. Si fondano sulla

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

LA RELAZIONE l area della relazionalità

LA RELAZIONE l area della relazionalità PROGETTO MENTOR LA RELAZIONE Una serie di funzioni e di figure professionali occupano l area della relazionalità tra persone diretta a diversi scopi: facilitativi, orientativi, formativi, di soluzione

Dettagli

Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi.

Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi. PROGETTO SeT Il ciclo dell informazione Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi. Scuola media Istituto comprensivo di Fagagna (Udine) Insegnanti referenti: Guerra Annalja, Gianquinto

Dettagli

Programmazione neurolinguistica. La PNL non è un insieme di tecniche. È, piuttosto, lo studio e il modellamento delle strategie di successo.

Programmazione neurolinguistica. La PNL non è un insieme di tecniche. È, piuttosto, lo studio e il modellamento delle strategie di successo. Programmazione neurolinguistica La PNL non è un insieme di tecniche. È, piuttosto, lo studio e il modellamento delle strategie di successo. OBIETTIVI della PNL Obiettivi: - individuare nella struttura

Dettagli

Judgment. Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement.

Judgment. Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement. Judgment Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement.com 2014 Hogan Assessment Systems PERSONALITÀ E DECISIONI I problemi

Dettagli

Tre prerequisiti per essere stimolati a imparare qualcosa di nuovo

Tre prerequisiti per essere stimolati a imparare qualcosa di nuovo Tre prerequisiti per essere stimolati a imparare qualcosa di nuovo 1. Ritrattazione o mancanza di conferma Una persona non va alla ricerca di aiuto se non si trova di fronte a un problema come, ad esempio,

Dettagli

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE GUIDA PRATICA IN 5 PASSI Sabrina Quattrini www.seichicrei.it Attenzione! Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale.

Dettagli

La sicurezza comportamentale

La sicurezza comportamentale La sicurezza comportamentale Ravenna 12 ottobre 2011 Aude Cucurachi 1 SICUREZZA COMPORTAMENTALE Cosa ci dicono i dati infortunistici? Cosa ci dicono le leggi sul comportamento? Cos è il protocollo BBS?

Dettagli

LA FILOSOFIA GESTIONALE DEL MARKETING

LA FILOSOFIA GESTIONALE DEL MARKETING COMMENTO FRASI LA FILOSOFIA GESTIONALE DEL MARKETING Il management deve convincersi non di fabbricare prodotti, ma di fornire soddisfazioni che creano valore per i clienti (Levitt) - mission del mkt è

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

La metodologia delle Costellazioni Sistemiche nel coaching, nella consulenza aziendale e nel management

La metodologia delle Costellazioni Sistemiche nel coaching, nella consulenza aziendale e nel management Percorso formativo La metodologia delle Costellazioni Sistemiche nel coaching, nella consulenza aziendale e nel management edizione 2014-1 Percorso formativo Strutture del Successo La metodologia delle

Dettagli

A.G.E.S.C.I. FOLLONICA 2 PROGETTO EDUCATIVO DI GRUPPO. Il vento non è mai favorevole per chi non sa dove andare

A.G.E.S.C.I. FOLLONICA 2 PROGETTO EDUCATIVO DI GRUPPO. Il vento non è mai favorevole per chi non sa dove andare A.G.E.S.C.I. FOLLONICA 2 PROGETTO EDUCATIVO DI GRUPPO Il vento non è mai favorevole per chi non sa dove andare Il perché di un Progetto educativo? Lo scoutismo è certamente un avventura affascinante per

Dettagli

2 Strategia di promozione, il marketing di se stessi

2 Strategia di promozione, il marketing di se stessi 2 Strategia di promozione, il marketing di se stessi Un equivoco di fondo a volte rende difficile l incontro con il mercato del lavoro: quando cerchiamo un occupazione, la nostra professionalità (conoscenze

Dettagli

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI comunicazionetrasparenteprogettoinf ormareinformarsivalorizzazioneco struireteamworkeleaderschipproporrecolla boraredeisostenereprofessionisti stimolareintegrazionerelazionialleanzesoluzi

Dettagli

PROGETTO Interventi a supporto delle Riforme della PA. LA GESTIONE DEL RISCHIO DI CORRUZIONE: Principi e Linee Guida UNI ISO 31000:2010

PROGETTO Interventi a supporto delle Riforme della PA. LA GESTIONE DEL RISCHIO DI CORRUZIONE: Principi e Linee Guida UNI ISO 31000:2010 PROGETTO Interventi a supporto delle Riforme della PA LINEA ATTIVITA 3 - ULTERIORI INTERVENTI PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI E LOCALI DEL MEZZOGIORNO LA GESTIONE DEL

Dettagli

Piano di formazione. Parte: per la professione di Nr. 78403

Piano di formazione. Parte: per la professione di Nr. 78403 Piano di formazione per la professione di Nr. 78403 Impiegata d albergo / Impiegato d albergo Hotelfachfrau / Hotelfachmann Spécialiste en hôtellerie Parte: A 1 specifica 2 metodica 3 sociale e personale

Dettagli

Efficienza, equità e politica economica

Efficienza, equità e politica economica Efficienza, equità e politica economica Abbiamo ora alcuni strumenti (metodologici) che l economia ci offre per analizzare in modo consapevole alcuni effetti che possono derivare da certe misure di POLITICA

Dettagli

Due scommesse per il decollo della previdenza integrativa

Due scommesse per il decollo della previdenza integrativa SILENZIO/ASSENSO E TFR ALL INPS Due scommesse per il decollo della previdenza integrativa di Giovanni Maggiorano Risorse Umane >> Fondi pensione Sommario Introduzione...3 Tre le ipotesi percorribili...4

Dettagli

Ogni piccolo miglioramento è un grande miglioramento

Ogni piccolo miglioramento è un grande miglioramento Nei rapporti con le persone che ami, nell essere genitore, nella comunicazione, nel lavoro, nel business e nella vendita devi avere comportamenti eccezionali, saperti distinguere e usare una comunicazione

Dettagli

ICT: le leve nella creazione del valore

ICT: le leve nella creazione del valore ICT: le leve nella creazione del valore di Alessio Piccioni Consulente Mondaini Partners Srl Le soluzioni ICT rappresentano un investimento sempre più di rilevanza strategica, che incide profondamente

Dettagli

www.learningschool.it

www.learningschool.it Piano di Formazione Scuola Vendite Progetto Finanziato dal Fondo Coordinato da e Informazioni: Gli ultimi 2 anni, causati dalla profonda crisi economica internazionale, hanno visto un rallentamento del

Dettagli

Dopo la formazione i mentori saranno consapevoli che

Dopo la formazione i mentori saranno consapevoli che Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor 2.5. Perché e in che modo le competenze pedagogiche sono importanti per i mentori che lavorano nella formazione professionale (VET) Tempistica Tempo totale 2 ore:

Dettagli

di Giorgia Facchini Marketing e vendite >> CRM

di Giorgia Facchini Marketing e vendite >> CRM STRATEGIE DI CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT di Giorgia Facchini Marketing e vendite >> CRM INTRODUZIONE L acronimo CRM sta per Customer Relationship Management, ossia gestione delle relazioni con i clienti,

Dettagli

Editoriale di Marina Fabiano

Editoriale di Marina Fabiano Editoriale di Li avete visti i Quaderni del Coaching? Dove? Ma sul sito www.coachmag.it! Aggiornato per accogliere le due grandi novità: i Quaderni e i CoachMag acquistabili separatamente. Il primo Quaderno

Dettagli

di Antonio Ferrandina

di Antonio Ferrandina COME SI SCRIVE IL MARKETING PLAN PARTE III di Antonio Ferrandina CONCORRENZA Questa sezione è dedicata ad un'analisi approfondita della Concorrenza. In genere, i dati che si possono includere, se conosciuti,

Dettagli

CATALOGO CORSI ECOLE OTTOBRE 2010

CATALOGO CORSI ECOLE OTTOBRE 2010 CATALOGO CORSI ECOLE OTTOBRE 2010 Corsi a Milano Contatto: Manuela Meletti Tel. 02-58370605 e-mail: formazione@assolombarda.it Percorso base in materia di sicurezza per dirigenti Fornire una panoramica

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti?

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti? - Fermati un Momento a Riflettere sulla Direzione in cui stai Procedendo e Chiediti se proprio in quella Vuoi Andare. Se la tua Risposta è Negativa, Ti Propongo di Cambiare. - Se Fossi Sicuro di non poter

Dettagli

Gestire l impresa per progetti: istruzioni per l uso. Carlo Notari, PMP. Assolombarda - Percorso per l innovazione innovativa. Martedì 24 Ottobre 2006

Gestire l impresa per progetti: istruzioni per l uso. Carlo Notari, PMP. Assolombarda - Percorso per l innovazione innovativa. Martedì 24 Ottobre 2006 Gestire l impresa per progetti: istruzioni per l uso Carlo Notari, PMP Martedì 24 Ottobre 2006 Assolombarda - Percorso per l innovazione innovativa L innovazione E la trasformazione di una nuova idea e

Dettagli