Componente Descrizione Numero pezzo. all'angolo rotativo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Componente Descrizione Numero pezzo. all'angolo rotativo"

Transcript

1 Descrizione del funzionamento Trailer EBS E1 6 Per il Trailer EBS E si raccomanda di utilizzare esclusivamente sensori angoli di rotazione della WABCO. Un montaggio di sensori angolari errato può avere la conseguenza di disfunzioni. Componente Descrizione Numero pezzo Sensore di posizione Principio all'angolo rotativo Cavo di collegamento Leva Articolazione Per il collegamento all'assed Come regolazione del livello ad 1 punto sono disponibili le seguenti 2 valvole: Componente Descrizione Numero pezzo Elettrovalvola ECAS Valvola per lo regolazione del livello (per il sollevamento/ab bassamento) Cavo di collegamento Elettrovalvola ECAS Blocco valvole per il comando del livello e dell'asse sollevabile, la valvola per l'asse sollevabile viene comandata ad impulsi x

2 6 Trailer EBS E1 Descrizione del funzionamento Autoveicoli con sospensione pneumatica elettronica (solo con TEBS E Premium): Il comando della funzione di sollevamento e abbassamento della sospensione pneumatica elettronica è realizzabile attraverso due tasti: Un tasto serve per il sollevamento. Un secondo tasto è stabilito per la funzione di abbassamento. La sospensione pneumatica elettronica è comandabile in maniera molto semplice ed economica utilizzando due tasti (ECAS). Regolazione a 2 punti con TECAS collegabile esternamente Nella sospensione pneumatica elettronica ECAS si utilizzano diverse modalità di regolazione: Regolazione con sensore ad 1 punto: Qui per la regolazione viene utilizzato il cambiamento d'altezza registrato da un sensore di posizione. Caso d'impiego: In normali semirimorchi o con rimorchi ad asse centrale con sospensione pneumatica. Il controllo della funzionalità ECAS è integrato nel modulatore Premium. I componenti vengono allacciati direttamente al modulatore. Regolazione con sensore ad 2 punto: Qui per la regolazione viene utilizzato il cambiamento d'altezza registrato da due sensori di posizione. Caso d'impiego: Nel rimorchio a timone è rispettivamente disponibile un sensore di posizione sull'asse anteriore e uno sull'asse posteriore. Nel semirimorchio è installato rispettivamente un sensore di posizione nel lato destro e sinistro del veicolo direttamente al di sopra del gruppo assale centrale. Il controllo della funzionalità ECAS non viene realizzato attraverso modulatore TEBS E, bensì attraverso una centralina ECU supplementare. Per semplificare il collegamento al modulatore TEBS E, è stato sviluppato un apposito kit ECAS ( ). Questo kit comprende due cavi per i sensori di posizione, 2 cavi di collegamento e la centralina ECU per la regolazione a 2 punti Regolazione del livello nominale Il livello nominale è il valore nominale per la distanza tra la carrozzeria dell'automezzo e l'asse dell'automezzo. Questo livello nominale può essere preimpostato tramite la calibrazione, parametrizzazione o mediante un comando (ad esempio attraverso il telecomando o la SmartBoard). Qui viene pilotata un'elettrovalvola fungente come modulatore, che adatta quindi il livello effettivo al livello nominale, alimentando ossia scaricando aria dal soffietto portante. Ciò avviene nei casi seguenti: deviazioni di regolazione oltre un determinato campo di tolleranza, modifica del valore di riferimento. Diversamente rispetto alla convenzionale sospensione pneumatica, qui non viene regolato soltanto il livello di guida, bensì anche il livello preselezionato. In questo caso come livello nominale viene anche accettato e quindi regolato un livello regolato per i procedimenti di carico e scarico. In altre parole: in un cambiamento del carico l'automezzo rimane al livello impostato, mentre in una sospensione pneumatica convenzionale deve essere riaggiustato manualmente. Utilizzando il segnale di velocità, il sistema di regolazione elettronico del livello, contrariamente ai convenzionali sistemi a sospensione pneumatica, distingue il 52

3 Descrizione del funzionamento Trailer EBS E1 6 cambio del carico statico / dinamico sulle ruote. Grazie a questa distinzione è possibile reagire in maniera ottimale in corrispondenza della condizione d'esercizio (marcia, ovvero carico e scarico). Cambio statico del carico sulle ruote Il cambio di carico statico sull'asse si verifica in un cambiamento del carico sull'automezzo parcheggiato oppure a bassa velocità di marcia. Ciò richiede una verifica del valore reale e all'occorrenza una correzione tramite alimentazione o scarico di aria nel rispettivo soffietto a sospensione pneumatica entro brevi periodi. La regolazione elettronica del livello esegue ogni secondo questa verifica. Questo intervallo di verifica può anche essere parametrizzato. Cambio dinamico del carico sulle ruote Il cambio di carico dinamico sull'asse è prevalentemente dovuto a dislivelli sul manto stradale e si verifica in modo intensificato ad alta velocità. I cambi di carico dinamici sull'asse devono essere compensati attraverso il comportamento d'ammortizzazione dei soffietti portanti. In questo caso non è auspicabile alimentare o scaricare aria dai soffietti, poiché soltanto il soffietto a sospensione pneumatica chiuso mostra proprietà ammortizzanti quasi costanti. Quando l'aria in eccesso nell'asse alla fase ammortizzante viene scaricata dal soffietto, dovrà essere di nuovo rimpiazzata alla successiva fase ammortizzante nel senso opposto, un fenomeno che infine si manifesta con un maggiore carico del compressore e nel consumo del carburante. Per questo motivo, ad alte velocità, la regolazione viene eseguita a distanze di tempo notevolmente maggiori, di regola ogni 60 secondi. Il confronto tra valore nominale e effettivo viene ulteriormente eseguito in permanenza. Il consumo d'aria della sospensione elettronica è inferiore rispetto alla convenzionale regolazione del livello con una valvola livellatrice per il fatto che non viene compensato ogni dislivello della carreggiata, ad esempio in manti stradali disagiati. 53

4 6 Trailer EBS E1 Descrizione del funzionamento Livelli di marcia Attivazione / attraverso : Livelli di marcia In dipendenza della velocità (impostazione nella diagnosi) Interruttori SmartBoard Unità di comando Trailer Scatola di comando Unità di comando controllo autotreno Commutazione tra il livello di marcia I e II attraverso lo SmartBoard Commutazione tra il livello di marcia I e II attraverso l'unità di comando Livello di marcia I (livello normale) Regolabile, al superamento della soglia di velocità (RTR) Livello di marcia II Regolabile, al superamento della soglia di velocità (RTR) Livello di marcia III Regolabile solo attraverso le soglie di velocità Livello di scaricamento Regolabile (fino a 100km/h), utilizzabile anche come livello di marcia IV, a tal fine è necessario regolare la velocità per RTR anche a 100 km/h, in caso contrario il livello di marcia sarà regolato negativamente Possibilità di disattivazione e attivazione Livello di memoria Livello di memoria 1 e 2 Livello di memoria 1 e 2 Livello di memoria 1 e 2 1 Livello di marcia I (livello normale) 2 Livello di marcia II 3 Livello di marcia III 4 Livello di scaricamento Livello di marcia I (livello normale)) Il livello di marcia I (livello normale) rappresenta il livello nominale, stabilito dal costruttore del veicolo per un comportamento di marcia ottimale (altezza ottimale della carrozzeria). Questo livello di guida ha un particolare significato rispetto tutti gli altri livelli. Il livello di marcia I definisce l'altezza totale del veicolo, stabilita secondo le prescrizioni di legge vigenti e l'altezza del baricentro dell'automezzo, essenzialmente determinante per il comportamento dinamico di marcia. Il livello normale viene denominato valore concezionale per l'automezzo. 54

5 Descrizione del funzionamento Trailer EBS E1 6 Livello di marcia II Il livello di marcia II viene parametrizzato come differenza dal livello di marcia I (livello normale). Se il livello di marcia II è più basso del livello di marcia I, sarà necessario specificare questo valore negativamente nella diagnosi. Il livello di marcia II viene utilizzato: Nell'esercizio di semirimorchi trainati da trattori stradali (con ralle di diversa altezza è possibile portare rispettivamente la carrozzeria in orizzontale) per risparmiare carburante o per abbassare il baricentro dell'automezzo, per ottenere così una migliore stabilità trasversale. Nel sistema d'abbassamento della carrozzeria dipendente dalla velocità si suppone che le velocità maggiori siano possibili su manti stradali talmente buoni da non richiedere lo sfruttamento di tutta la compressione del soffietto a sospensione pneumatica. Adattamento all'altezza della carrozzeria per diverse motrici. Ridotta resistenza all'aria. Livello di marcia III Il livello di marcia III è un livello di marcia come LM II, ma corrisponde alla massima altezza della carrozzeria e pertanto è il livello di marcia più alto. Esempio per il livello di marcia III: utilizzo per adattare l'altezza della ralla alle diverse combinazioni di treni Livello di scaricamento Il livello di marcia viene attivato solo a veicolo fermo o a velocità ridotta, per facilitarne l'operazione di scaricamento. Al raggiungimento della velocità limite viene regolato automaticamente l'ultimo livello memorizzato. Esempi per il comando della valvola di scaricamento: Abbassamento dell'automezzo ribaltabile, per una ammortizzazione troppo dura in caso di un improvviso scaricamento (gettata del carico). Per portare automaticamente autocisterne nella migliore posizione di scaricamento. Miglioramento della sicurezza di posizionamento Il livello di scaricamento è utilizzabile anche come livello di marcia IV. Livello di memoria Il livello di memoria è l'altezza dell'automezzo memorizzata, ad esempio, per avvicinare direttamente il veicolo ad una determinata rampa. Il livello di memoria offre la possibilità di regolare l'automezzo ad un'altezza favorevole per le operazioni di carico e scarico. Il livello di memoria vale per tutto il veicolo. Per ogni sistema si possono utilizzare due differenti livelli di memoria. Per richiamare la funzione di memoria è richiesto un telecomando ECAS o lo SmartBoard. Possibilità di regolazione del livello di memoria: durante le operazioni di carico e scarico con l'automezzo parcheggiato, oppure a basse velocità. 55

6 6 Trailer EBS E1 Descrizione del funzionamento Contrariamente al livello di scarico, predefinito nella ECU, è possibile preimpostare il livello di memoria, che può essere modificato in qualsiasi momento da parte dell'utente. Un livello di memoria preimpostato rimane depositato nel sistema, cioè anche dopo lo spegnimento dell'accensione, finché viene variato dall'utente Calibrazione dei sensori di posizione Sono disponibili tre diverse possibilità. Calibrazione a 3 punti Calibrazione Inserimento delle dimensioni meccaniche Calibrazione Caricamento dei dati di calibrazione dal file Calibrazione a 3 punti Con la diagnosi PC Questo tipo di calibrazione è identico a quella conosciuta nei sistemi ECAS. Selezionare l'asse da dover calibrare. Premere il pulsante Avviare calibrazione. Portare l'automezzo al livello normale tramite il pulsante Sollevamento/abbassamento. Premere il pulsante Salva livello normale. Viene visualizzato un campo di immissione, in cui poter inserire l'altezza del pianale di carico oppure il bordo superiore del telaio dell'automezzo nel livello normale rispetto alla strada (in mm). Portare l'automezzo al livello superiore tramite il pulsante Sollevamento/abbassamento. Premere il pulsante Salva livello superiore. Viene visualizzato un campo di immissione, in cui poter inserire l'altezza del pianale di carico oppure il bordo superiore del telaio dell'automezzo nel livello superiore rispetto alla strada (in mm). Portare l'automezzo al livello inferiore tramite il pulsante Sollevamento/abbassamento. Premere il pulsante Salva livello inferiore. Viene visualizzato un campo di immissione, in cui poter inserire l'altezza del pianale di carico oppure il bordo superiore del telaio dell'automezzo nel livello inferiore rispetto alla strada (in mm). Una volta conclusa con successo la calibrazione, viene visualizzata una rispettiva finestra Pop-up. Tolleranze di calibrazione Il livello di marcia I deve corrispondere a Timer Ticks (TT), il campo caratteristico corrisponde a TT. In una calibrazione non plausibile viene indicato l'errore della caratteristica nella memoria di diagnosi. Livello di battuta superiore: Il livello di battuta superiore deve essere maggiore della somma risultante dal livello di marcia (livello normale) e la tolleranza del livello nominale triplo (regolabile nella diagnosi) + 5 mm. Formula: livello di battuta superiore > livello di marcia + 3 x tolleranza livello nominale + 5 mm Livello di battute anteriore: Il livello di battuta inferiore deve essere inferiore alla differenza risultante dal livello di marcia meno il doppio della tolleranza nominale del livello. Formula: livello di battuta inferiore < livello di marcia 2 x tolleranza livello nominale 56

7 Descrizione del funzionamento Trailer EBS E1 6 Calibrazione Inserimento delle dimensioni meccaniche In questo tipo di calibrazione viene inserita soltanto la lunghezza del braccio di leva del sensore di posizione della centralina ECAS (tra il punto di rotazione del sensore di posizione e il punto d'appoggio della tiranteria) e indicato il percorso verso il livello superiore e inferiore in mm dal livello normale. Da qui viene calcolata automaticamente la risoluzione dell' angolo di rotazione/compressione della molla. Successivamente basta calibrare ancora il livello normale. Selezionare l'asse da dover calibrare. Premere il pulsante Avviare calibrazione. Inserire la lunghezza di leva tra il punto di rotazione del sensore di posizione e il punto d'appoggio dell'asta. Inserire la deviazione verso il livello superiore e inferiore. Confermare con OK. Portare l'automezzo al livello normale tramite il pulsante Sollevamento/abbassamento. Premere il pulsante: Salvare livello normale. Una volta conclusa con successo la calibrazione, viene visualizzata una rispettiva finestra Pop-up. Calibrazione Caricamento dei dati di calibrazione dal file Questo tipo di calibrazione è raccomandabile per grandi serie. I dati di calibrazione vengono rilevati in un veicolo campione e quindi salvati sotto Scrivi in file. I dati devono essere salvati direttamente in un file parametri *.ECU. Successivamente la calibrazione verrà eseguita automaticamente al momento della parametrizzazione della centralina ECU. Non è richiesta una calibrazione separata. Il presupposto è che la posizione del sensore di posizione, della lunghezza di leva, nonché lunghezza dell'asta di deviazione verso l'asse sia identica in tutti gli automezzi. Selezionare l'asse da dover calibrare. Premere il pulsante Avviare calibrazione. Selezionare nella finestra fine Scegliere il file dei dati di calibrazione. Una volta conclusa con successo la calibrazione, viene visualizzata una rispettiva finestra Pop-up Interruttore del livello di scaricamento Negli automezzi muniti di regolazione elettronica del livello è possibile collegare l'interruttore del livello di scaricamento. Se questo interruttore viene, per esempio, applicato ad un cassone ribaltabile, l'automezzo verrà automaticamente abbassato ad un determinato livello differenziale (parametrizzato) in dipendenza del livello normale, non appena viene ribaltato il cassone. Questo valore corrisponde idealmente al livello tampone ovvero al livello di calibrazione inferiore. In tal modo si evita un sovraccarico del gruppo in caso di uno scaricamento improvviso. La funzione viene automaticamente attivata ad una velocità di V > 10 km/h. Se il livello di scaricamento parametrizzato dovesse trovarsi al di fuori del livello inferiore o superiore parametrizzato, allora la corsa verrà delimitata a questo livello. Un livello di scaricamento viene regolato solo tra il livello di calibrazione superiore e inferiore, anche se la parametrizzazione prevede un valore al di fuori di questo campo. È possibile disattivare in permanenza il livello di scaricamento attraverso lo SmartBoard, ad esempio, per l'esercizio di finitrici stradali. 57

8 6 Trailer EBS E1 Descrizione del funzionamento Nel programma di diagnosi sono stati integrati 2 nuovi parametri per il livello di scaricamento: abbassamento della carrozzeria sino al respingente oppure abbassamento della carrozzeria fino al livello inferiore calibrato Questi parametri valgono anche per il pilotaggio di questa funzione attraverso gli elementi di comando SmartBoard oppure il telecomando. Diagnosi: Nella diagnosi è stato creato un nuovo parametro dipendente dalla velocità per il livello di scaricamento. In questo modo è possibile utilizzare il livello di scaricamento oltre al livello di marcia IV (livello normale 4). Esiste inoltre la possibilità di attivare indipendentemente tra di loro gli ingressi di comando per il livello di marcia I, il livello di marcia II o il livello di marcia (livello normale) e l'interruttore del livello di scaricamento. SmartBoard: lo SmartBoard (versione E1) offre la possibilità di disattivare il livello di scaricamento. In seguito alla disattivazione del livello scaricamento si evita un abbassamento dell'autoveicolo ribaltabile fino al respingente durante il caricamento, evitando quindi eventuali danneggiamenti della finitrice stradale o del ribaltabile stesso. Componente Descrizione Numero pezzo Cavo di collegamento Interruttore livello di scarico Interruttore livello di scarico Cavo: 4 poli, con estremità aperta rosso = finale GIO Pin 1 marrone = massa Cavo Y, purché realizzato in combinazione con un'ausilio di avviamento su una spina GIO, occorre utilizzare il campo per l' abbassamento forzato (Force Lowering). Interruttore del livello di scaricamento non compreso nella dotazione WABCO Interruttore del livello di scaricamento non compreso nella dotazione WABCO Controllo asse sollevabile Controllo asse sollevabile 1 Se l'automezzo è equipaggiato con assi sollevabili, il Trailer EBS potrà controllare automaticamente gli assi sollevabili in dipendenza dell'attuale carico sugli assi. A tal fine è necessario collegare alle rispettive prese GIO del modulatore TEBS E una valvola di controllo per l'asse sollevabile con ritorno a molla e / o un blocco di elettrovalvole ECAS controllate ad impulsi con controllo dell'asse sollevabile Controllata ad impulsi: La valvola è dotata di due magneti e una posizione d'arresto, in cui poter scaricare solo parzialmente l'asse sollevabile. 58

9 Descrizione del funzionamento Trailer EBS E1 6 Ricondotta a molla: L'asse sollevabile viene abbassato o sollevato, senza posizioni intermedie. L'asse sollevabile si abbassa in caso di un disinserimento della tensione. La velocità per il sollevamento degli assi sollevabili può essere scelta in un campo tra 0 e 30 km/h. Nella parametrizzazione è impostabile la successione di sollevamento degli assi. Viene parametrizzata la pressione per il sollevamento e l'abbassamento dell'asse. Viene sollevato sempre prima il 1 asse e poi il 2 asse. Il programma di diagnosi PC calcola eventuali valori di pressione nei soffietti per il controllo degli assi sollevabili. Queste proposte possono essere modificate da parte dell'utente nell'impiego di veicoli speciali (per esempio in rimorchi a timone a tre assi che nella coda trasportano anche un carrello elevatore). La posizione degli assi sollevabili viene trasmessa all'interfaccia della motrice/rimorchio secondo ISO ( ) verso la motrice, dove può essere poi visualizzata sul cruscotto, purché sia installato un dispositivo di visualizzazione. Componente Descrizione Numero pezzo Cavo di collegamento Valvola asse sollevabile ad 1 circuito con ritorno a molla diametro nominale Elettrovalvola ECAS ad 2 circuito controllata ad impulsi solo nel blocco valvole ECAS Elettrovalvola ECAS (LACV-IC) Valvola controllata ad impulsi per il controllo dell'asse sollevabile o (per il distributore GIO) Valvola asse sollevabile ad 2 circuito

10 6 Trailer EBS E1 Descrizione del funzionamento Raccomandazione WABCO per la scelta delle valvole per gli assi sollevabili TEBS E ECU Valvole per assi sollevabili Valvola ECAS con regolazione ad un punto e funzione asse sollevabile Standard Premium Valvole ricondotte a molla Valvole controllate ad impulsi VCAS a 2 circuiti VCAS a 1 circuito VCAS-IC a 2 circuiti Blocco valvole asse sollevabile ad 1 circuito per ECAS + sospensione pneumatica Comportamento dell'asse sollevabile con il quadro SPENTO L'asse sollevabile rimane nella posizione desiderata e parametrizzata (sollevato o abbassato) L'asse sollevabile viene sempre solo abbassato X X X X X X Funzione Controllo dell'asse sollevabile, ausilio d'avviamento, abbassamento forzato e ausilio di manovra Asse sollevabile senza regolazione dinamica del passo Due assi sollevabile di senza regolazione dinamica del passo Raccomandazione del costruttore dell'asse: In due assi sollevabili un asse sollevabile dovrebbe essere realizzato con 2 circuiti. X X X X X X X X X X X X Regolazione dinamica del passo Un asse sollevabile con regolazione dinamica del passo sull'asse 3 per la trasposizione del carico sull'asse a veicolo carico o sollevamento automatico durante il percorso in curva X X (con mantenimento di pressione residua) X X Controllo dell'asse sollevabile in rimorchi a timone Nel rimorchio a timone con 3 assi esiste la possibilità di realizzare l'asse 2 o l'asse 3 come asse sollevabile. Nel caso in cui il modulatore TEBS fosse montato all'asse anteriore dell'automezzo, in linea di massima è necessario che l'asse rimasto al suolo (asse 2 o 3) sia sensorizzato e collegato in via supplementare con un sensore di pressione esterno ( ) e il cavo ( ) con il modulatore TEBS E ECU, affinché il carico sull'asse possa essere misurato attraverso il sensore di pressione. 60

11 Descrizione del funzionamento Trailer EBS E1 6 Controllo asse sollevabile 2 Per il collegamento di un 2 asse sollevabile, il programma di diagnosi è in grado di calcolare pressioni di comando sensate. Esistono le seguenti possibilità di collegamento: 2 valvole per l'asse sollevabile risp o 1 valvola per l'asse sollevabile elettrovalvola ECAS Valvola per il controllo dell'asse sollevabile Nell'aggiornamento TEBS E1 avviene una verifica della pressione dei soffietti e di alimentazione. L'asse sollevabile non viene più sollevato, quando l'automezzo è stato abbassato sul respingente o in caso di una pressione d'alimentazione troppo bassa (< 6,5 bar). Inoltre, durante la fase di sollevamento ossia abbassamento degli assi sollevabili adesso è integrato un controllo di plausibilità, per evitare in questo modo un cosiddetto effetto yo-yo. Questo effetto yo-yo si verifica sempre quando la differenza di pressione tra la pressione di sollevamento barretta abbassamento corrisponde a < 1,0 bar. Nella diagnosi E1 questa differenza di pressione viene verificata all'inserimento nel programma di diagnosi, inoltre, viene fornita anche una rispettiva informazione all'inserimento dei parametri. Nel caso in cui la tensione di alimentazione ISO 7638 non dovesse essere disponibile dalla motrice durante la marcia, potendo alimentare di conseguenza la centralina ECU solo attraverso l'alimentazione delle luci d'arresto 24N, non avrà luogo nessun controllo dell'asse sollevabile. Solo se è garantita una tensione di alimentazione ISO 7638 e ad una velocità di V = 0 Km/h potrà di nuovo funzionare correttamente il controllo dell'asse sollevabile. Diagnosi: Il comportamento dell'asse sollevabile (sollevato o abbassato) a veicolo spento (vale a dire con il quadro SPENTO) è regolabile nella diagnosi e dipende sostanzialmente dalla tipologia costruttiva della valvola dell'asse sollevabile. La valvola dell'asse sollevabile controllata ad impulsi dopo che il quadro è stato ACCESO potrà di nuovo comandare l'asse sollevabile nella posizione di sollevamento/abbassamento. La valvola dell'asse sollevabile ricondotta a molla dopo che il quadro è stato SPENTO potrà comandare l'asse sollevabile sempre solo nella posizione di abbassamento Interruttore di velocità (ISS 1 und ISS 2) Mediante i due interruttori di velocità integrati ISS 1 e ISS 2 si possono realizzare indipendentemente tra di loro due funzioni nel rimorchio, vale a dire indipendentemente dalla velocità. Se l'automezzo supera o sottopassa una velocità parametrizzata, viene modificata la condizione di comando di questa uscita. In tal modo è, per esempio, possibile inserire o disinserire delle elettrovalvole in dipendenza del carico. Un tipico esempio d'applicazione è il pilotaggio di assi sterzanti o di valvole RTR (valvole di sollevamento/abbassamento con rimessa automatica durante la marcia). Le due soglie di velocità, in cui cambia la condizione di comando dell'uscita, sono parametrizzabili in un campo compreso tra 0 e 120 km/h. 61

12 6 Trailer EBS E1 Descrizione del funzionamento È comunque da rispettare una isteresi di comando minima di 2 km/h. Al di sotto della soglia di velocità parametrizzata, l'uscita di comando come standard rimane disattivata. L'uscita viene attivata al raggiungimento della soglia. In questa condizione viene alimentata una tensione di +24 V. Il decorso del segnale può essere invertito tramite la parametrizzazione. Per elettrovalvole non permanenti, in caso di un superamento della soglia di velocità parametrizzata, può essere trasmesso un impulso di 30 secondi. In caso d'errore è necessario accertarsi che i dispositivi pilotati dall'uscita di comando vengano commutati in una condizione sicura. In caso di una mancante tensione di alimentazione si dovrebbe per esempio bloccare un asse sterzante, poiché questo rappresenta una condizione di sicurezza. Il costruttore dell'automezzo deve comunque concepire i dispositivi da controllare in maniera tale che sia garantita una condizione sicura. Componente Descrizione Numero pezzo Cavo di collegamento Collegamento della valvola RTR Cavo di collegamento universale 2 poli, con DINbaionetta 4 poli, con estremità aperte rosso = finale GIO Pin 1 marrone = massa Valvola RTR non compresa nella dotazione WABCO Non compreso nella dotazione WABCO Sensore del carico sull'asse esterno Per l'asse c, d Per l'asse e, f Al posto del sensore di carico sull'asse interno è anche possibile utilizzare un sensore di carico sull'asse esterno. Ciò può essere, per esempio, necessario in automezzi con sospensione idraulica, poiché qui le pressioni ammortizzanti possono corrispondere fino a 200 bar. È possibile installare successivamente il il sensore di carico esterno sull'asse principale, in caso di una avaria del sensore interno. In tal modo si può evitare una sostituzione del modulatore ed effettuare una riparazione economica. Per i rimorchi a timone è possibile collegare un sensore esterno del carico sull'asse, per poter definire più esattamente i carichi sugli assi in automezzi dotati di RSS. Se viene montato questo sensore di carico sull'asse, anche la massa totale dell'automezzo verrà trasmessa attraverso la connessione ad innesto ISO 7638 verso la motrice, dove potrà essere visualizzata sul display. Nell'installazione della SmartBoard sono visibili gli assi singoli (asse anteriore / posteriore) del rimorchio a timone. 62

13 Descrizione del funzionamento Trailer EBS E1 6 Componente Descrizione Numero pezzo Cavo di collegamento Sensore di pressione fino a 10 bar (vecchio) (vecchio) Sensore di pressione per la misurazione delle pressioni assolute (utilizzare solo per la valvola relè EBS) Regolazione di passo dinamica La regolazione di passo dinamica include tutte le funzioni che favoriscono un cambiamento del passo delle ruote di un semirimorchio durante le fasi di sollevamento e abbassamento ossia caricamento degli assi sollevabili. Questi sono, per esempio: ausilio d'avviamento, ausilio di manovra, riduzione automatica del carico d'appoggio. 1. Ausilio d'avviamento 2. Ausiliario di manovra Nell'ausilio d'avviamento (consentito nella EU fino ad una velocità di 30 km/h) il 1 asse di un semirimorchio viene sollevato ossia depressurizzato, in seguito a questa trasposizione di peso sul gancio d'accoppiamento del trattore viene aumentata la trazione dell'asse motore della motrice. A velocità inferiori a 30 km/h il passo viene accorciato in seguito al sollevamento del terzo asse per facilitare in tal modo le operazioni di manovra. 3. Riduzione automatica del carico d'appoggio Nell'ausilio di manovra il 3 asse nel semirimorchio viene sollevato ovvero viene scaricata la pressione, per scaricare il peso dalla ralla del trattore per prevenire così un sovraccarico dell' asse posteriore della motrice in un veicolo parzialmente carico Ausilio d'avviamento e manovra / configurazioni delle valvole Nel collegamento dell'interruttore sullo slot GIO e in una rispettiva parametrizzazione in semirimorchi equipaggiati con un 1 asse sollevabile (nell'ausilio di manovra l'ultimo asse), è possibile realizzare un ausilio d'avviamento secondo 98/12/CE risp. un ausilio di manovra. Il valore corrispondente al 30 % di sovraccarico deve essere definito da parte del costruttore dell'automezzo. Sono da osservare le specifiche fornite dal costruttore dell'asse per l'ausilio d'avviamento. Le indicazioni possono costituire una restrizione dei limiti max. della direttiva CE. Al raggiungimento di una velocità di 30 km/h viene nuovamente abbassato l'asse ovvero ricommutato al modo automatico. 63

14 6 Trailer EBS E1 Descrizione del funzionamento Si possono selezionare le seguenti tre varianti: Esecuzione A: una valvola per l'asse sollevabile L'asse sollevabile può essere sollevato per la funzione dell'ausilio d'avviamento o dell'ausilio di manovra quando non si verifica nessun superamento della pressione ammissibile e parametrizzata nel soffietto dopo il sollevamento. Se durante l'ausilio d'avviamento (ausilio di manovra) viene superata la pressione ammissibile, l'ausilio d'avviamento (ausilio di manovra) viene interrotto e il rispettivo asse sollevabile abbassato. (Al 130 % del carico sull'asse viene immediatamente abbassato l'asse.) Nei paesi in cui si ammettono carichi sugli assi di 3 x 9 t l'ausilio d'avviamento viene interrotto non appena si verifica un superamento del carico degli assi rimasti al suolo con un peso di 23,4 t. Pertanto, l'azione dell'ausilio d'avviamento è direttamente legata alla condizione di carico. Parametrizzazione nella diagnosi: Il valore di pressione per la riduzione del carico d'appoggio può corrispondere al massimo alla pressione di sollevamento del soffietto, poiché altrimenti verrebbe di nuovo abbassato l'asse sollevabile. Esecuzione B: una valvola dell'asse sollevabile e una elettrovalvola per la limitazione della pressione (mantenimento pressione residua) L'asse sollevabile viene scaricato per l'ausilio d'avviamento (ausilio di manovra), fino al raggiungimento della pressione ammissibile e parametrizzata per il soffietto. Successivamente il soffietto portante dell'asse sollevabile viene chiuso attraverso l'elettrovalvola. In questo modo l'asse sollevabile viene scaricato in modo ottimale per il processo d'avviamento, senza superare il 30 % del sovraccarico degli altri assi. (L'asse sollevabile rimane sollevato al 130 % del carico sull'asse e viene riabbassato solo ad una velocità di 30 km/h.) Questa configurazione consente la realizzazione di un ausilio d'avviamento anche con un automezzo sovraccarico. Esecuzione C: una valvola per l'asse sollevabile controllata ad impulsi (nel blocco elettrovalvole ECAS) L'asse sollevabile viene scaricato per l'ausilio d'avviamento (ausilio di manovra), fino al raggiungimento della pressione ammissibile e parametrizzata per il soffietto. Successivamente il soffietto dell'asse portante e quello dell'asse sollevabile vengono chiusi. In questo modo è possibile realizzare anche uno scaricamento dell'asse sollevabile, per evitare di superare il 30 % del sovraccarico ammissibile. (L'asse sollevabile rimane sollevato al 130 % del carico sull'asse e viene riabbassato solo ad una velocità di 30 km/h.) Questa configurazione è sensata nei paesi in cui è consentito un carico sull'asse di 9 t. 64

15 Descrizione del funzionamento Trailer EBS E1 6 Attivazione dell'ausilio d'avviamento Rimorchio / segnale dalla motrice + 24 V Rimorchio / segnale dalla motrice - (ground) Interruttore nel rimorchio A Pin 3 B Diodo C Pin 2 Impostazioni nella diagnosi: Nella diagnosi TEBS E si possono selezionare i livelli d'ingresso provenienti dalla motrice (positivo o massa). Alla scelta di positivo e massa e necessario il diodo e la presente spia d'avvertimento nella motrice. Ausilio di avviamento Esistono le seguenti possibilità per attivare l'ausilio d'avviamento (ovvero la funzione di sollevamento/abbassamento forzato): Tasto Ausilio d'avviamento/abbassamento forzato Ausiliario di avviamento: Premere brevemente il tasto (< 5 secondi). Abbassamento forzato dell'asse sollevabile: Premere brevemente il tasto (> 5 secondi). 65

16 6 Trailer EBS E1 Descrizione del funzionamento Nel programma di diagnosi sono state integrate 2 nuove possibilità di parametrizzazione per la funzione di abbassamento forzato: l'abbassamento forzato agisce su tutti gli assi sollevabili o solo sul 2 asse sollevabile. L'abbassamento è realizzabile attraverso il tasto o l'interruttore. ISO 7638: Pilotaggio attraverso l'interfaccia della motrice/rimorchio secondo ISO ( ) dalla motrice. SmartBoard: Avvio dell'ausilio d'avviamento attraverso il menu di comando dello SmartBoard. Attivazione del freno: Mediante l'attivazione di un parametro è possibile avviare ovvero terminare l'ausilio d'avviamento premendo tre volte il pedale del freno a veicolo fermo. Qui vale la condizione seguente: Il veicolo è fermo. Dopo 2 secondi senza pressione di servizio è necessario confermare entro i prossimi 10 secondi 3 volte il freno ad una pressione da 3 fino a 8 bar. L'ausilio d'avviamento viene nuovamente disattivato premendo nuovamente 3 volte il tasto. Non è possibile un abbassamento forzato degli assi attivando il freno. Tra le tre attivazioni del freno la pressione deve mostrare un calo sotto 0,4 bar. fig. 6-4: Esempio di un'attivazione del freno per avviare l'ausilio d'avviamento 66

17 Descrizione del funzionamento Trailer EBS E1 6 Ausilio di avviamento A questo punto anche la funzione dell'ausilio d'avviamento degli assi sollevabili viene commutata alla funzione di sollevamento abbassamento su richiesta con funzione di supporto per l'ultimo asse in semirimorchi o in rimorchi ad asse centrale. Ausilio d'avviamento tipo Nordland : è anche possibile il controllo dipendente dal tempo dell'ausilio d'avviamento (in passi di 1 secondo, max secondi). Nella valvola dell'asse sollevabile in seguito ad un superamento del 130 % del carico sull'asse, dopo 5 secondi viene automaticamente abbassato l'asse sollevabile. In seguito all'attivazione di un tasto è sempre visibile una reazione dell'asse. Attivazione del tasto: 1x < 5 secondi, dopodiché è attivo l'ausilio d'avviamento. 1x > 5 secondi, dopodiché è attivo l'abbassamento forzato. Passo 1-2: ON/ Passo 1-2: OFF Tempo pedale pressione freno Passo 1 > 2 s no no Passo 2 < 10 s 3 volte > 3 bar Ausilio d'avviamento fuoristrada Questa funzione è stabilita per consentire brevemente pressioni maggiori (soglie) per la funzione dell'ausilio d'avviamento al di fuori del traffico stradale pubblico. Attivazione: premendo brevemente due volte il tasto dell'ausilio d'avviamento. Osservare i carichi consentiti sugli assi secondo le specifiche fornite dal rispettivo costruttore dell'asse. Ausilio di manovra automatico / Regolazione del passo Problema: Rotatorie o località di transito piuttosto strette richiedono notevoli interventi sullo sterzo e hanno la conseguenza di una elevata usura dei pneumatici del terzo asse in un semirimorchio a 3 assi, nel caso in cui non fosse montato un asse sterzante aggiunto. Funzionamento: In seguito al sollevamento ovvero lo scarico del terzo asse in un semirimorchio a tre assi, il punto di rotazione si sposta verso la motrice e di conseguenza accorcia il passo nel campo di velocità parametrizzato. In questo modo il rimorchio percorre un raggio più piccolo in curva rispetto al modello del legislatore (si veda al circuito di forza BO) con 10,6 m. L'ausilio di manovra automatico solleva ovvero scarica l'ultimo asse sollevabile del semirimorchio ad una velocità compresa in campo di 1,8 fino 30 km/h. 67

18 6 Trailer EBS E1 Descrizione del funzionamento Inserimento/disinserimento: L'ausilio di manovra automatico può essere disinserito attraverso il tasto Ausilio di manovra. Dopo lo spegnimento e la riaccensione del quadro è nuovamente attivo l'ausilio di manovra automatico. Circuito di forza BO Il BO circuito di forza BO stabilisce il massimo raggio ammissibile ai sensi di legge per rimorchi. Il diametro esterno del cerchio corrisponde a 25,0 m, mentre il diametro interno del cerchio a 10,6 m. fig. 6-5: Circuito di forza BO Soluzione WABCO Mediante la regolazione automatica del passo l'usura dei pneumatici del terzo asse viene ottimizzata e l'avvio notevolmente migliorato in curva. Realizzazione con asse sollevabile sull'asse 3: Sensorizzazione ABS 2S/2M, asse sollevabile non sensorizzato 1 o 2 valvole per l'asse sollevabile 1 o 2 valvole per l'asse sollevabile + elettrovalvola per chiudere lo sfiato (TH+ = Traction Help plus) Valvola ECAS con funzione asse sollevabile Realizzazione con ausilio di manovra (asse aggiunto) sull'asse 3: Sensorizzazione ABS 4S/2M+1M o 4S/3M, solo nella ECU Premium 1 o 2 valvole per l'asse sollevabile 1 o 2 valvole per l'asse sollevabile + elettrovalvola per chiudere lo sfiato Valvola ECAS con funzione asse sollevabile Poiché in questa variante l'asse scarico non è quasi in contatto con il suolo, è necessario che il sistema ABS sia realizzato almeno come 4S/2M+1M, per evitare un bloccaggio delle ruote Riduzione dinamica del carico d'appoggio In caso di un caricamento sfavorevole di un semirimorchio (tutto il carico nella parte anteriore del pianale), può capitare che l'asse posteriore della motrice sia sovraccarico, e presenti dunque oltre il 100 % del carico massimo ammissibile sull'asse. Ma il veicolo trainato non ha ancora sfruttato il carico ammissibile sull'asse. Nei semirimorchi con l'ultimo asse sollevabile, mediante un sollevamento di quest'ultimo è possibile apportare un contrappeso rispetto al carico sulla ralla del trattore e accorciare allo stesso tempo il passo. In questo modo viene scaricata la ralla e maggiormente caricata la parte del semirimorchio. La riduzione dinamica del carico d'appoggio a questo punto regola il carico dei rimanenti assi del semirimorchio al carico ammissibile su ciascun asse. 68

19 Descrizione del funzionamento Trailer EBS E1 6 Ma è anche possibile influenzare la posizione degli assi tramite il tasto dell'ausilio di manovra, ad esempio per ottenere uno scaricamento finalizzato al controllo dei pesi col veicolo a motore fermo. L'ausilio di manovra è attivo ad una velocità inferiore a 30 km/h. La riduzione del carico d'appoggio agisce a partire da 30 km/h (la velocità è parametrizzabile). Naturalmente si può dare anche importanza ad una limitazione di pressione dell'ausilio di manovra al 100 % del carico ammissibile sull'asse. Dopodiché a partire da 0 km/h Viene regolato sempre il 100 % del carico sull'asse. La funzione dovrebbe essere possibilmente controllabile attraverso un interruttore, poiché in un automezzo vuoto e durante l'inverno non è sensato scaricare l'asse posteriore di una motrice. La disattivazione è possibile anche attraverso SmartBoard. Dovrebbero preferibilmente trovare applicazione le esecuzioni B (con valvola per l'asse sollevabile e limitazione di pressione) oppure C (solo elettrovalvola ECAS) del controllo dell'asse sollevabile, poiché in questo caso è possibile regolare sempre il 100 % del carico sull'asse. Nell'esecuzione A (solo sollevamento e abbassamento) l'asse dell'ausilio di manovra viene automaticamente abbassato al suolo ad un superamento di una velocità di 30 km/h e un carico sull'asse in comune 18 t (16 t). Esempio: L'autista parte e l'ausilio di manovra si avvia (130 %). La velocità supera 30 km/h e la riduzione del carico d'appoggio è attiva (100 %). La velocità è inferiore a 30 km/h e l'ausilio di manovra è nuovamente attivo (100 %). L'autista si ferma (ad esempio per una misurazione dei carichi sugli assi su una pesa). Il tasto viene di nuovo premuto e quindi avviene di nuovo una regolazione al 100 %. La regolazione rimane attiva finché non viene terminata manualmente o non appena la velocità supera di nuovo i 30 km/h. Mantenendo premuto il tasto per oltre 5 secondi viene abbassato l'asse Interruttore abbassamento forzato Nel rimorchio può essere installato un interruttore di massa per l'abbassamento forzato dell'asse sollevabile: L'interruttore di massa viene attivato per oltre 5 secondi: Tutti gli assi vengono abbassati, per esempio per un controllo su un banco di prova a rulli. L'interruttore di massa viene attivato per meno di 5 secondi: Il pilotaggio automatico dell'asse sollevabile viene attivato. Esiste la possibilità di attivare questa funzione con un tasto o interruttore. Componente Descrizione Numero pezzo Cavo di collegamento Interruttore "abbassamento forzato" Colori dei cavi: rosso = Pin 1 (finale GIO) marrone = Pin 2 (massa) giallo/verde = Pin 3 blu = Pin 4 Interruttore non compreso nella dotazione WABCO

20 6 Trailer EBS E1 Descrizione del funzionamento Indicazione d'usura delle pastiglie dei freni (BVA) Pubblicazioni per BVA Richiamate su Internet il sito Cliccare su Catalogo dei prodotti INFORM => Indice. Digitare la parola BVA nella casella di ricerca. Cliccare sul pulsante Avvio. Nella ECU è possibile combinare fino a sei indicatori d'usura per il monitoraggio delle condizioni di usura delle pastiglie dei freni a disco. Gli indicatori d'usura (fil di ferro integrato nella pastiglia del freno) vengono misurate le condizioni di usura di ambedue le pastiglie di un freno. Tutti gli indicatori d'usura sono collegati in serie e connessi con l'ingresso di usura. La tensione d'alimentazione corrisponde a 24 V. Se in un indicatore d'usura è bypassato il filo per un periodo di almeno 4 secondi, nell'ingresso di usura viene misurata una tensione di 24 V e attivata la segnalazione d'allarme. Il conducente viene comunque avvisato al raggiungimento dell'usura massima attraverso la rispettiva spia d'avvertimento. In Power On (accensione quadro), lampeggia la spia d'avvertimento gialla in un ritmo di 4 cicli = 16 volte. L'allarme viene interrotto non appena l'automezzo supera una velocità di 7 km/h. Il sistema riconosce automaticamente una sostituzione con nuovi indicatori di usura in seguito ad un cambio delle pastiglie. Tutti i livelli d'allarme vengono disattivati dopo un periodo di 8 secondi. Gli ultimi cinque cambi delle pastiglie (con indicazione del chilometraggio e delle ore di esercizio dal momento della comparsa del secondo livello d'allarme) vengono memorizzati nella centralina ECU dove possono essere letti con la diagnosi PC. Nei sistemi dotati di TCE le informazioni di usura vengono rilevate dall'unità TCE stessa.tce La segnalazione del conducente, ossia il pilotaggio della spia d'avvertimento avviene dal TEBS E. Ciò è necessario, poiché solo una ECU è in grado di provvedere al pilotaggio della spia d'avvertimento in caso di una scadenza delle informazioni di servizio. Qualora fosse montato un modulo SmartBoard, l'allarme viene trasmesso sullo stesso SmartBoard. Componente Numero pezzo Cavo di collegamento Indicatore di usura si veda su Internet Codici identificativi dei prodotti indicatori di usura Richiamate su Internet il sito Cliccare su Catalogo dei prodotti INFORM => Indice. Digitare la parola Indicatore di usura nella casella di ricerca. Cliccare sul pulsante Avvio. 70

21 Descrizione del funzionamento Trailer EBS E Alimentazione di tensione diagnosi / telematica in GIO 5 Nel caso in cui si debba collegare a GIO 5 una presa di diagnosi esterna (con la cappa gialla), sarà innanzitutto necessario attivare questa uscita. Per casi di servizio si dovrebbe collegare sempre solo la diagnosi CAN attraverso l'alimentazione di tensione ISO L'allacciamento di un cavo di diagnosi è possibile soltanto nella variante Premium. La diagnosi può essere effettuata attraverso la presa di diagnosi solo attraverso il cavo di diagnosi CAN Componente Descrizione Numero pezzo Cavo di collegamento Cavo di diagnosi con cappa gialla Solo nella variante Premium Collegare il cavo in GIO Cavo verso l'interfaccia Collegare il cavo tra la presa di diagnosi (Diagnosi CAN 5 V) e l'interfaccia diagnostica Telematica L'unità telematica può essere collegata allo slot SUBSYSTEMS o in GIO 5 (solo nella variante Premium). La WABCO consiglia il collegamento GIO 5, per poter utilizzare la spina SUBSYSTEMS p. es. nello SmartBoard oppure il IVTM. Nella diagnosi TEBS E esiste la possibilità di preimpostare un periodo stand-by per il caricamento della batteria dell'unità telematica (collegamento all'unità telematica in GIO 5) dopo lo spegnimento del quadro. In questo caso viene disattivato il CAN- Bus e caricata solo la batteria. Il tempo di carica corrisponde a quello dell'esercizio stand-by dell'ecas. 71

22 6 Trailer EBS E1 Descrizione del funzionamento Freno della finitrice stradale con interruttore meccanico oppure interruttore di prossimità bipolare Con il lancio di serie del TEBS E1 si possono collegare anche interruttori di prossimità di polari per il freno della finitrice stradale. Questo interruttore di prossimità può essere utilizzato allo stesso tempo anche come interruttore del livello di scaricamento. Il freno della finitrice stradale serve per la frenatura mirata di rimorchi con conche ribaltabili durante l'esercizio di finitrici. Il veicolo ribaltabile utilizzabile per asfaltare e il rimorchio vengono spinti in avanti dalla finitrice stradale. Per evitare uno spostamento in discesa, il TEBS frena automaticamente il ribaltabile in dipendenza del carico (TEBS E1). Per l'attivazione si possono utilizzare interruttori meccanici per l'esercizio (esercizio finitrice ON/OFF) e un interruttore di finecorsa per la posizione del ribaltabile (tasto a rullino o interruttore di prossimità). Il disinserimento automatico di questa funzione avviene alla velocità V > 10 km/h. Nell'utilizzo di valvole ECAS è possibile riconoscere la fase di ribaltamento della conca attraverso l'interruttore del livello di scaricamento. A seconda delle richieste del cliente, l'interruttore del livello di scaricamento può essere attivato ossia disattivato. A questo proposito esiste la possibilità di un disinserimento attraverso un'interruttore opzionale, un parametro nella diagnosi oppure attraverso lo SmartBoard (versione E1). La pressione di frenatura può essere regolata manualmente attraverso lo SmartBoard. La pressione massima corrisponde a 6,5 bar. Interruttore di prossimità L'interruttore di prossimità funziona come un sensore ossia interruttore senza contatto. Gli interruttori di prossimità vengono utilizzati nei processi tecnici per il riconoscimento della posizione dei pezzi lavorazione nonché per l'attivazione dei dispositivi di sicurezza. Riconoscimento oggetti: Questa opzione viene utilizzata come interrogazione, per accertarsi se in una determinata posizione è presente eventualmente un oggetto, ad esempio all'attivazione dei cilindri pneumatici, dei motori elettrici, delle pinze, delle grate di protezione, degli impianti sollevatori, delle porte fig. 6-6: Interruttore di prossimità - attivazione priva di contatto Per l'utilizzo in veicoli ribaltabili per la finitrice stradale si possono utilizzare anche questi interruttori di prossimità induttivi. Questi reagiscono sia ad oggetti ferromagnetici che non magnetici. 72

23 Descrizione del funzionamento Trailer EBS E1 6 Come interruttori di prossimità sono stati testati i seguenti sensori induttivi della WABCO: Telemecanique XS7C1A1DAM8 Schönbuch Electronic IO25CT Balluff BES M30MF-USC15B-BP03 Vogliate osservare assolutamente le specifiche fornite dal rispettivo produttore dell'interruttore di prossimità. L'interruttore di prossimità può essere collegato solamente al GIO 4 (Pin 1+3). Ogni interruttore di prossimità possiede un'altra soglia di comando relativa alla distanza dall'oggetto riconoscibile nella conca ribaltabile. Una misurazione di corrente della centralina ECU verso l'interruttore di prossimità garantisce un affidabile riconoscimento della posizione della conca ribaltabile. Vogliate osservare sempre le informazioni di sicurezza valide per quel che concerne il comando e la successione di comando di queste macchine operatrici. Collegamento al GIO fig. 6-7: Interruttori meccanici I per finitrici stradali A Pin 1 B Pin 2 C Interruttore finitrice stradale ON/OFF Collegamento al GIO fig. 6-8: Interruttori meccanici II per finitrici stradali A Pin 1 B Pin 2 C Interruttore finitrice stradale ON/OFF D Interruttore livello di scarico E Sollevamento e abbassamento del ribaltabile 73

24 6 Trailer EBS E1 Descrizione del funzionamento Collegamento al GIO fig. 6-9: Possibilità di comando con interruttori di prossimità per finitrici stradali Parametri nella diagnosi: freno finitrice stradale = Interruttore meccanico, interruttore del livello di scaricamento = interruttore di prossimità Parametri per la disattivazione del livello di scaricamento impostabili. Espediente mnemonico: disattivazione del livello di scaricamento, qualora nell'esercizio della finitrice non fosse richiesto un livello di scaricamento Condizioni necessarie: L'interruttore di prossimità comanda il livello di scaricamento. In questo caso si può fare a meno del interruttore del livello di scaricamento. È possibile collegare un interruttore di prossimità (collegamento al GIO 4, Pin 1 e 3, cavo ). Questo interruttore di prossimità può essere utilizzato per le funzioni Livello di scaricamento e Freno finitrice stradale. Qualora dovessero essere attive ambedue le funzioni, saranno necessari anche due ingressi di comando supplementari, per poter attivare e disattivare separatamente entrambe le funzioni. Diagnosi: La pressione di frenatura erogata dipende sostanzialmente dal carico, vale a dire, nell'esercizio della finitrice stradale viene adattata la pressione frenante (ALB dinamico). La pressione modello per la frenatura è regolabile nella diagnosi da 1 a 6,5 bar. SmartBoard: La funzione della finitrice stradale è attivabile attraverso lo SmartBoard. La pressione modello per la frenatura della finitrice stradale può essere variata direttamente nello SmartBoard. Componente Descrizione Numero pezzo Cavo di collegamento Cavi per l'interruttore del Freno della finitrice stradale Colori dei cavi: rosso = Pin 1 (finale GIO) marrone = Pin 2 (massa) giallo/verde = Pin 3 blu = Pin 4 Interruttore non compreso nella dotazione WABCO

25 Descrizione del funzionamento Trailer EBS E Sensore esterno per la pressione nominale Per migliorare il comportamento di tempo pneumatico dei veicoli più lunghi, è possibile installare un sensore esterno per la pressione nominale nella condotta di servizio sulla parte frontale dell'automezzo. È possibile utilizzare un sensore esterno per la pressione nominale anche in caso di una avaria del sensore interno. In tal modo si può evitare una sostituzione del modulatore ed effettuare una riparazione economica Sospensione pneumatica I veicoli dotati di ammortizzatori a balestra (sospensione meccanica) possono essere semplicemente riequipaggiati con un Trailer EBS. Le informazioni relative ai carichi sugli assi per la funzione ALB possono essere acquisite dalla compressione delle molle dei rispettivi assi. A tal fine si utilizza un sensore di posizione ECAS, che in questo caso d'applicazione fornisce un segnale proporzionale rispetto alla comprensione della molla e con ciò relativa al carico attuale sull'asse. Per ottenere la migliore risoluzione, occorre scegliere un percorso corto della leva. La lunghezza di leva del sensore di posizione dovrebbe corrispondere a 100 mm. Nei veicoli con una compressione lunga delle molle è necessario accertarsi che la leva non venga rivoltata nell'altra direzione e utilizzare necessariamente una leva più lunga. Nei veicoli con una compressione particolarmente corta delle molle si raccomanda di utilizzare una leva più corta, per ottenere risultati di misura più esatti. Lunghezze di leva diverse da 100 mm devono essere specificate alla parametrizzazione (nella seconda finestra). fig. 6-10: Sensore di posizione con leva (100 mm) Nella prima finestra del programma di diagnosi alla voce Sospensione si può selezionare il sottomenu sospensione meccanica. Per ogni veicolo vuoto non è possibile inserire la compressione delle molle (il valore corrisponde sempre a 0 mm). In questo caso alla messa in servizio occorre calibrare il punto d'origine del sensore di posizione (veicolo vuoto). Come anche negli automezzi a sospensione pneumatica, qui avviene una trasmissione del carico attuale sugli assi attraverso la connessione CAN verso la motrice e la SmartBoard. Tuttavia, la precisione è sostanzialmente peggiore. 75

26 6 Trailer EBS E1 Descrizione del funzionamento Componente Descrizione Numero pezzo Cavo di collegamento Sensore di posizione Principio all'angolo rotativo Leva di connessione per il sensore di posizione Disponibile in diverse lunghezze Disegno tabellare Lunghezza: 300 mm Calibrazione del sensore di posizione Per la sospensione meccanica è necessario calibrare il sensore di posizione. Dopo la scelta del tipo di sospensione, alla pagina 2 TEBS ALB, nel programma di diagnosi occorre specificare la compressione della molla a veicolo carico e la lunghezza di leva (100 mm) del sensore di posizione. Al punto Calibrazione del sensore di posizione per il carico sull'asse viene eseguita la calibrazione a veicolo scarico. È necessario inserire l'attuale carico sull'asse vuoto, non è ammissibile una calibrazione con un carico intermedio Segnale ABS attivo La WABCO in un sistema di regolazione ABS attivo mette a disposizione un'uscita che consente il pilotaggio (disattivazione) di un Retarder. Componente Descrizione Numero pezzo Cavo di collegamento Retarder Colori dei cavi: rosso = Pin 1 (finale GIO) marrone = Pin 2 (massa) giallo/verde = Pin 3 blu = Pin 4 non nella dotazione WABCO Segnale RSS attivo Il modulatore TEBS E è dotato della funzione RSS. Con la funzione RSS attivata e durante un intervento RSS non vengono attivate le luci d'arresto dell'automezzo. Con questa funzione esiste la possibilità di attivare anche le luci d'arresto durante l'attività della funzione RSS. A tal fine è necessario che sia parametrizzata questa uscita attraverso la funzione GIO, poiché il conducente non attiva il pedale del freno. 76

27 Descrizione del funzionamento Trailer EBS E1 6 Il pilotaggio può avvenire attraverso un relè. Ma l'alimentazione di tensione delle luci d'arresto deve essere realizzata attraverso un connettore ad innesto a 15 poli (prescrizione ECE). Componente Descrizione Numero pezzo Cavo di collegamento --- Colori dei cavi: rosso = Pin 1 (finale GIO) marrone = Pin 2 (massa) giallo/verde = Pin 3 blu = Pin 4 non nella dotazione WABCO Segnale di velocità Il modulatore Trailer TEBS E mette a disposizione un segnale di velocità in forma di un segnale rettangolare ad impulsi modulati. Questo segnale può essere trasmesso attraverso un finale GIO. Questo viene utilizzato, ad esempio, per mettere a disposizione di altre centraline elettroniche (controllo di assi sterzanti ) un segnale di velocità. Componente Descrizione Numero pezzo Cavo di collegamento --- Colori dei cavi: roso = Pin 1 (segnale v) marrone = Pin 2 (massa) giallo/verde = Pin 3 blu = Pin 4 non nella dotazione WABCO Impulso continuo 1 e 2 Al modulatore Trailer EBS E si possono collegare due uscite da 24 V con un carico continuo di max. 1,5 A. Attraverso una rispettiva parametrizzazione è possibile trasmettere un impulso continuo (morsetto 15), ad esempio, per l'alimentazione di centraline elettroniche oppure elettrovalvole. Un monitoraggio dell'uscita avviene solo all'inserimento del TEBS E. Il monitoraggio può essere disinserito a piacere, ad esempio, quando si collegano dei componenti attraverso un interruttore. Componente Descrizione Numero pezzo Cavo di collegamento Applicazioni specifiche al cliente Colori dei cavi: rosso = Pin 1 (impulso continuo) marrone = Pin 2 (massa) giallo/verde = Pin 3 blu = Pin 4 (impulso continuo opzionale) Non compreso nella dotazione WABCO

28 6 Trailer EBS E1 Descrizione del funzionamento ECAS Esterno (possibile solo nella versione Premium) In caso di una sostituzione di un modulatore TEBS D con un modulatore TEBS E, è anche possibile collegare una centralina ECAS-ECU già esistente nel veicolo (alloggiamento simile alla Vario C). Lo scambio dei dati d'esercizio di ambedue i sistemi avviene attraverso la linea K. Questa configurazione consente di ripristinare al 100 % la funzionalità ECAS. Le funzioni di regolazione interne della centralina TEBS E sono disattivate, in questo caso ha precedenza la centralina ECAS-ECU. Se viene utilizzato il modulatore TEBS E esterno, non sarà consentito pilotare gli assi sollevabili attraverso la centralina Trailer EBS E, poiché in questo caso la posizione dell'asse sollevabile verrebbe trasmessa erroneamente all'interfaccia ISO della motrice Funzioni liberamente configurabili Funzione di dialogo liberamente configurabile Questa funzione consente una libera programmazione di un ingresso risp. uscita digitale GIO, in dipendenza delle velocità e tempi del costruttore dell'automezzo. Funzione analogica liberamente configurabile Questa funzione consente una libera programmazione di un ingresso risp. uscita analogica GIO, in dipendenza delle velocità e tempi del costruttore dell'automezzo. Per esempio, in dipendenza di un segnale di comando e della velocità dell'automezzo è possibile memorizzare un evento oppure commutare un'uscita GIO si veda capitolo 6.7 Memoria dei dati di esercizio (ODR), pagina 87. La funzionalità delle funzioni liberamente configurabili è stata ampliata. Possono essere utilizzate anche grandezze interne (ad esempio del CAN-Bus) come grandezze d'ingresso e concatenare tra di loro le rispettive funzioni. Questo vale anche per i segnali analogici, che sono disponibili sul bus telematico. SmartBoard: Lo SmartBoard in tal modo è in grado di realizzare il pilotaggio, ad esempio, di piani scorrevoli. È possibile scegliere a piacere il tipo di comando nello SmartBoard, ad esempio tasto, interruttore o levetta. Interpellate il vostro partner WABCO Per la parametrizzazione delle funzioni liberamente configurabili. Nella ECU si possono caricare solamente file creati dalla WABCO Alimentazione a batteria Il modulatore TEBS E può essere alimentato attraverso una batteria esterna (per esempio autoveicoli con piattaforma elevatrice). A tal fine è necessario allacciare la batteria alla presa IN/OUT del modulatore, anziché all'alimentazione delle luci d'arresto (24N) o al TCE. La carica della batteria non è ancora possibile attraverso il TEBS E. 78

29 Descrizione del funzionamento Trailer EBS E Funzione di rilascio freni Il freno di servizio nel rimorchio può essere rilasciato all'attivazione di un tasto e a veicolo fermo. Un'applicazione tipica per questa funzione è stata creata per le bisarche. Per semplificare l'operazione di caricamento dell'automezzo complessivo il rimorchio viene modificato in lunghezza attraverso un puntone idraulico. Attivando questa funzione per mezzo di un interruttore o tasto e contemporaneamente il puntone idraulico (attraverso il cilindro idraulico) viene rilasciato il freno del rimorchio che può essere quindi spostato, ad esempio, idraulicamente in lunghezza. Il freno viene subito rialimentato con aria non appena viene rilasciato il tasto, per frenare l'autotreno. Per questa funzione è disponibile una perizia dell'istituto di vigilanza tecnica TÜV. Condizione: Il freno di stazionamento nell'autotreno è attivato, la pressione nella testa l'accoppiamento gialla deve superare 6,5 bar a veicolo fermo. Questa funzione viene immediatamente annullata a partire da una velocità di v > 1,8 km o in seguito ad una riduzione della pressione nella testa d'accoppiamento gialla. L'attivazione è possibile attraverso il tasto oppure lo SmartBoard. AVVERTENZA Funzione di rilascio del freno Osservare le informazioni di sicurezza, si veda capitolo 2 Informazioni di sicurezza, pagina

30 6 Trailer EBS E1 Descrizione del funzionamento Funzione di rilascio Durante le operazioni di caricamento e scaricamento di semirimorchi il gruppo assale si contrae mentre tutto l'autotreno è frenato. Staccando, ad esempio, il freno di stazionamento dopo l'operazione di scaricamento, la carrozzeria può improvvisamente saltar su, dato che le sospensioni pneumatiche sollevano l'autotelaio attraverso i soffietti della sospensione pneumatica ancora gonfi in seguito al mancante carico sull'automezzo. La nuova funzione di rilascio previene questo improvviso saltar su della carrozzeria. Funzionamento: Premendo un tasto viene attivata la funzione di rilascio nel modulatore TEBS E1. Mediante un rispettivo comando del Brake Chamber attraverso il modulatore viene rilasciata la contrazione dei freni attivati. A tal fine vengono rilasciati i freni lato per lato (semirimorchi/rimorchi ad asse centrale) o asse dopo asse (rimorchi a timone). La frenatura dell'automezzo qui corrisponde sempre al 18 %, poiché per rilasciare automezzo vengono utilizzati i Brake Chamber. Attivazione della funzione: L'attivazione è possibile attraverso il tasto oppure lo SmartBoard. Inoltre, per l'attivazione è possibile un supporto attraverso un'interruttore Ubat (si veda il cavo speciale Ubat). AVVERTENZA Funzione di rilascio Osservare le informazioni di sicurezza, si veda capitolo 2 Informazioni di sicurezza, pagina

31 Descrizione del funzionamento Trailer EBS E Blocco dell'asse sterzante Con il TEBS E1 la WABCO offre la possibilità di controllare l'asse sterzante in dipendenza della velocità o anche attraverso un riconoscimento di retromarcia per mezzo di un cilindro. Attivazione del blocco dell'asse sterzante attraverso ISS: Qui il comando del cilindro viene realizzato attraverso una elettrovalvola. L'elettrovalvola viene automaticamente commutata per mezzo del modulatore TEBS E1, manualmente tramite interruttore oppure attraverso lo SmartBoard. Il comando manuale può essere realizzato anche attraverso il segnale ISS. A tale scopo non è necessario selezionare il menu asse sterzante nella diagnosi, bensì, è sufficiente il modello del segnale ISS (blocco dell'asse sterzante ad elevata velocità attraverso il segnale ISS). Attivazione del blocco dell'asse sterzante attraverso la velocità: In dipendenza del rapporto di retromarcia avviene una lettura del segnale durante l'accensione delle luci di retromarcia nel modulatore TEBS E1 e l'asse sterzante bloccato ad una rispettiva velocità parametrizzata. In una successiva marcia in avanti per raddrizzare l'autotreno, l'asse sterzante rimane nuovamente bloccato fino ad una velocità parametrizzabile, affinché possa scattare in posizione il dispositivo di bloccaggio. PRUDENZA Sono comunque da rispettare le direttive per un esercizio sicuro degli assi sterzanti. Il cilindro di lavoro per il blocco dell'asse sterzante deve essere senza corrente. Blocco dell'asse sterzante - attivazione tramite la funzione ISS A Pin 1 + B Pin 2-81

32 6 Trailer EBS E1 Descrizione del funzionamento Blocco dell'asse sterzante - attivazione automatica attraverso il riconoscimento della velocità del TEBS E ECU (impostazione nel programma di diagnosi) A Pin 1 + B Pin 2 - C Pin 3 D Interruttore opzionale E + segnale dall'illuminazione dell'automezzo. Il blocco dell'asse sterzante viene attivato non appena si mette la retromarcia. In retromarcia è necessaria il settaggio di una velocità di riferimento Segnale di ribaltamento In ogni modulatore TEBS E1 è integrato un sensore di accelerazione laterale per la funzione RSS. Questo sensore fornisce allo stesso tempo anche informazioni sull'inclinazione dell'automezzo rispetto al livello orizzontale. È possibile monitorizzare l'inclinazione dell'automezzo nella centralina TEBS E1 ECU. Nel caso venisse superata una inclinazione del telaio parametrizzata nella diagnosi, potrà essere trasmesso un allarme al conducente attraverso una centralina ECU. A tale scopo viene attivata una uscita elettrica della centralina ECU verso un clacson o un lampeggiatore rotante. Questo allarme viene allo stesso tempo segnalato anche nello SmartBoard (E1). Questa funzione è stabilita per automezzi ribaltabili SmartBoard Lo SmartBoard è un sistema di visualizzazione e controllo per rimorchi, stabilito per l'indicazione dei dati dei sistemi allacciati, quali ad esempio il sistema frenante o il sistema di monitoraggio della pressione dei pneumatici. Nel caso in cui sia presente una segnalazione della centralina EBS o IVTM, lampeggia un diodo luminoso integrato. 82

33 Descrizione del funzionamento Trailer EBS E1 6 Indicazione/funzioni dello SmartBoard Indicazione del chilometraggio in corrispondenza dei dati del modulatore TEBS nonché del contachilometri autarchico nello SmartBoard. Il chilometraggi interno (autarchico) registra i chilometri percorsi, anche quando il rimorchio non viene alimentato con corrente dalla motrice. Indicazione di usura delle pastiglie dei freni Indicazione dello stato delle pastiglie, se sono montati gli indicatori di usura. Indicazione del carico sull'asse e del carico sull'aggregato. In via opzionale è possibile impostare una funzione lampeggiante nella spia d'avvertimento rossa in caso di un superamento del valore di carico sull'asse al 90 % e al 100 % del carico sull'asse, per essere avvisati contro un sovraccarico, per esempio durante il trasporto di materiali alla rinfusa. Indicazione della pressione attuale di pneumatici nonché del valore di pressione nominale (in combinazione con la centralina IVTM), LED rosso lampeggiante, in caso di una pressione dei pneumatici troppo bassa. Messaggi di diagnosi e di sistema come funzione di supporto in caso di una visita fuori programma in officina con lettura della memoria di diagnosi. Comando della sospensione pneumatica elettronica, per esempio sollevamento, abbassamento, cambiamento della posizione dell'asse sollevabile senza centralina di comando ECAS supplementare. Facile commutazione tra 14 lingue (due record disponibili in diverse lingue). Molteplici funzioni, quali l'esempio dati del sistema, indicazione dei valori misurati, p. es. pressioni e le tensioni. Lettura dei dati cronologici della memoria dei dati d'esercizio (ODR), quali ad esempio la quantità di interventi RSS. Trasduttore in tempo reale, grazie al modulo orologio e batteria integrati integrata per i dati d'esercizio del modulatore TEBS E e di diagnosi. Indicazione/funzioni dello SmartBoard nell'aggiornamento E1 Estensione del menu principale Integrazione di uno screensaver nel display Trailer Info Display Funzione di monitoraggio pneumatici ampliata Importazioni IVTM Ampliamento del menu per la sospensione pneumatica e gli assi sollevabili Indicazione dell'inclinazione dell'automezzo Attivazione e regolazione della pressione frenante per il freno della finitrice stradale Controllo delle funzioni GIO liberamente configurabili Attivazione della funzione di rilascio Attivazione della funzione di rilascio freni Calibrazione dell'uscita del carico sull'asse Disattivazione permanente dell'ausilio di manovra automatico Disattivazione permanente della funzione del livello di scaricamento. Applicare lo SmartBoard al telaio in un punto protetto contro spruzzi d'acqua. 83

34 6 Trailer EBS E1 Descrizione del funzionamento La batteria integrata è stabilita per una lunga durata. All'occorrenza è tuttavia possibile cambiare la batteria. Il coperchio è disponibile come pezzo di ricambio. Componente Descrizione Numero pezzo Cavo di collegamento SmartBoard SmartBoard senza batterie per automezzi di sostanze pericolose (ADR) Batteria di ricambio (sostituzione sono presso il centro di servizio) Indicazione Contachilometri Segnalazioni di diagnosi Usura pastiglie freni Pressioni dei pneumatici Carico sull'asse Valori misurati ODR Comando ECAS Attenzione: L'orologio interno non è attivo. Nessuna registrazione di voci dell'orologio nella memoria dei dati d'esercizio ODR e nella memoria di diagnosi Informazioni / Documenti stampati per lo SmartBoard Richiamate su Internet il sito Cliccare su Catalogo dei prodotti INFORM => Indice. Digitare nella casella di ricerca la voce SmartBoard. Cliccare sul pulsante Avvio IVTM Pubblicazioni IVTM Richiamate su Internet il sito Cliccare su Catalogo dei prodotti INFORM => Indice. Digitare la parola IVTM nella casella di ricerca. Cliccare sul pulsante Avvio. IVTM significa Integrated Vehicle Tire Monitoring system for commercial vehicles. IVTM non è integrato in TEBS E. 84

35 Descrizione del funzionamento Trailer EBS E1 6 Il sistema controlla costantemente tutte le pressioni dei pneumatici di tutte le ruote attraverso i sensori di pressione. I valori misurati vengono trasmessi alla motrice attraverso il CAN-Bus dove possono essere quindi visualizzati sul display del cruscotto (purché installato nella motrice). Alternativamente i valori misurati possono essere trasmessi anche via radio alla motrice. Il display/visualizzatore allacciato posto all'interno della cabina di guida del bus/motrice/trattore avvisa l'autista tempestivamente in caso di una perdita critica di pressione. Circa l'85 % di tutti i veicoli rimane in panne con pneumatici danneggiati durante la marcia a causa di pressioni errate o lente perdite di pressione. Con IVTM è possibile ridurre il rischio di uno scoppio del pneumatico fino al 15%. Se nel rimorchio è installata una SmartBoard, è possibile leggere semplicemente le pressioni dei pneumatici. In questo caso non è più necessario un controllo attraverso il manometro. Se attraverso l'ivtm viene registrata una pressione troppo bassa in un pneumatico, lampeggia la spia d'avvertimento rossa. Componente Descrizione Numero pezzo Cavo di collegamento Centralina elettronica IVTM Sistema di monitoraggio della pressione dei pneumatici si veda su Internet IVTM plus SmartBoard Sistema di monitoraggio della pressione dei pneumatici più indicazione nel rimorchio SmartBoard Altre funzioni (interne ECU) Contachilometri Il Trailer EBS E è dotato di un contachilometri integrato, che rileva la distanza percorsa durante la marcia. A tal fine nel modulo EEPROM (solo memoria di lettura programmabile e cancellabile elettricamente) viene salvato il chilometraggio in dipendenza della ruota fonica e del numero di denti. Qui sono possibili le funzioni singole seguenti: Contachilometri totali Il contachilometri totale rileva la distanza percorsa sin dalla prima installazione del sistema. Questo valore viene salvato periodicamente e può essere quindi letto attraverso diverse unità diagnostiche (PC, SmartBoardPCSmartBoard Contachilometri giornaliero Il contachilometri giornaliero è in grado di determinare la distanza percorsa tra due intervalli di manutenzione o entro un determinato lasso di tempo. La lettura e la cancellazione del contachilometri giornaliero possono essere effettuate attraverso le unità diagnostiche. Non è necessaria una speciale calibrazione del contachilometri giornaliero. Dalle circonferenze di rotolamento e dai numeri di denti delle ruote foniche 85

36 6 Trailer EBS E1 Descrizione del funzionamento viene calcolato un fattore di calibrazione dai parametri EBS. Si possono raggiungere precisioni tra 1 fino 3 %. Il contachilometri deve essere alimentato con tensione di servizio. Se il TEBS E non viene alimentato con tensione, allora non funzionerà nemmeno il contachilometri. Pertanto, non è neanche sicuro contro manipolazioni. Se è installata una SmartBoard, qui verrà conteggiata la distanza percorsa indipendentemente dalla centralina Trailer EBS. Questo contachilometri funziona anche, quando la centralina TEBS non viene alimentata con tensione. Nonostante una permanente alimentazione di tensione, non sono da escludere delle differenze tra i due contachilometri, poiché il contachilometri nella centralina TEBS rileva il valore medio di tutte le ruote, mentre il contachilometri nella SmartBoard registra la distanza percorsa sulla ruota c, di conseguenza possono risultare delle differenze tra i contatori a causa di differenti circonferenze dei pneumatici (usura dei pneumatici) Segnale di servizio Il segnale di servizio è previsto per ricordare l'autista affinché vengano eseguiti i necessari lavori di manutenzione. Allo stato di consegna del Trailer EBS E il segnale di servizio non è attivo. La funzione deve essere attivata tramite la selezione nel programma di diagnosi. Quando l'automezzo ha percorso un determinato chilometraggio, alla prossima accensione del quadro e a veicolo fermo viene attivata la spia d'avvertimento, che lampeggia poi 8 volte consecutivamente. Questo ciclo lampeggiante si ripete dopo ogni accensione del quadro. Avviene inoltre il salvataggio della segnalazione di servizio nella memoria dei dati d'esercizio integrata nella centralina ECU. Una volta completati con successo i lavori di servizio, il segnale di servizio dovrebbe essere ripristinato attraverso la diagnosi. Il segnale viene creato nuovamente non appena l'automezzo ha di nuovo raggiunto un multiplo intero dell'intervallo di servizio Contatore ore di funzionamento Il periodo di servizio scaduto è depositato nella memoria non volatile e può essere letto attraverso l'interfaccia diagnostica. Il contatore delle ore di servizio deve essere alimentato con tensione di servizio. Se il Trailer EBS non viene alimentato con tensione, allora non funzionerà nemmeno il contatore delle ore di servizio. Pertanto, non è neanche sicuro contro manipolazioni Trasmissione del carico sull'asse Tutte le informazioni relative al carico sull'asse vengono trasmesse all'interfaccia ISO e quindi inoltrate alla motrice. Il carico sull'asse viene trasmesso nei veicoli con sospensione pneumatica e sospensione meccanica. Tuttavia, la precisione veicoli con sospensione meccanica è alquanto ristretta per motivi di costruzione. Nelle condizioni seguenti non viene trasmesso nessun carico sull'asse e neanche memorizzato in ODR: Nei rimorchi a timone con un solo sensore di carico sull'asse c, d. 86

37 Descrizione del funzionamento Trailer EBS E1 6 Per trasmettere il carico sull'asse è necessario che sia montato il sensore supplementare per il rilevamento del carico sull'asse e, f. Gli automezzi equipaggiati con assi sollevabili, che non vengono pilotati dalla centralina TEBS (sistema meccanico, TCE o ECAS esterno). Semirimorchi con asse aggiunto L'uscita del carico sull'asse, nell'utilizzo dello SmartBoard, può essere calibrata in tre punti (vuoto, parzialmente carico, carico). Tipo veicolo Rimorchio con timone Rimorchio con timone Sistema ABS Sensore di carico sull'asse supplementare 4S/3M --- (1) 4S/3M Semirimorchio 2S/2M --- Indicatore di carico sull'asse Solo indicazione totale del carico sull'asse Semirimorchio 4S/2M --- Semirimorchio 2S/2M --- (2) Semirimorchio 4S/3M --- (2) Semirimorchio 4S/3M --- Semirimorchio 4S/3M --- (2) --- (2) (1) (1) Se viene parametrizzato un asse sollevabile nella prima parte della diagnosi, ma non controllato attraverso il controllore per assi sollevabili EBS, non verranno indicate alcune informazioni sul carico dell'asse. (1) L'asse, in cui è montato il 3 modulatore, non deve essere un asse aggiunto. (2) Il componente del sistema può essere configurato al massimo per 4S/2M. Sistema non configurabile. 6.7 Memoria dei dati di esercizio (ODR) Istruzioni per l'uso ODR-Tracker Richiamate su Internet il sito Cliccare su Catalogo dei prodotti INFORM => Indice. Digitare la parola ODR nella casella di ricerca. Cliccare sul pulsante Avvio. Nella memoria dei dati dell'esercizio vengono salvati diversi dati che documentano l'esercizio dell'automezzo. Questi i dati d'esercizio possono essere direttamente valutati nell'automezzo per mezzo dello strumento di analisi PC ODR-Tracker. Il programma ODR-Tracker attualmente è disponibile su un USB-Stick indicando il seguente codice identificativo: Italiano: Inglese:

38 6 Trailer EBS E1 Descrizione del funzionamento La memoria dei dati d'esercizio è suddivisa in dati cronologici (memoria viaggi, istogrammi) e registratore eventi, e viene descritta dettagliatamente in seguito Dati cronologici I dati cronologici vengono memorizzati come somme o valori medi relativi alla durata delle apparecchiature ovvero a partire dall'ultima cancellazione della memoria dei dati d'esercizio (ODR). I dati cronologici sono: Ore di esercizio Numero di viaggi (trip) Carico medio Contatore sovraccarichi (viaggi) Pressione di frenatura media Quantità di frenate Quantità di frenate con pressione nella testa l'accoppiamento gialla Quantità di frenate nell'esercizio 24 N Quantità di frenate col freno di linea Quantità di attivazioni del freno a mano Contachilometri e ore di esercizio dall'ultimo cambio delle pastiglie dei freni Dati della sospensione pneumatica e attivazione dell'asse sollevabile Memoria viaggi Un viaggio ha una distanza di almeno 5 km e una velocità minima di 30 km/h. Nella memoria viaggi vengono salvati i dati degli ultimi 200 viaggi. Per ogni viaggio vengono memorizzati i dati seguenti: Chilometri all'inizio del viaggio Chilometri percorsi Ore di esercizio all'inizio del viaggio Tempo di marcia Velocità massima Velocità media Pressione di comando media Attivazioni del freno Frequenza di frenatura Carico sul gruppo all'inizio del trip Frenate ABS Interventi RSS livello 1 Interventi RSS livello 2 Se è collegato uno SmartBoard, i trip saranno provvisti di un timbro orario Istogramma Un istogramma rappresenta la distribuzione degli eventi verificatisi attraverso il periodo d'esercizio di un automezzo. 88

39 Descrizione del funzionamento Trailer EBS E1 6 Power unit load (carico sull'aggregato) In questo istogramma viene memorizzato quanti chilometri sono stati percorsi per ogni categoria di carico sul gruppo. Istogrammi Carico sull'asse In questo istogramma viene memorizzato quanti chilometri sono stati percorsi per ogni categoria di carico sull'asse. Control pressure (pressione di comando) In questo istogramma viene memorizzato quante frenature sono state eseguite per ogni categoria. Viene memorizzata anche la massima pressione verificatasi. Tutti gli istogrammi consistono di 8 categorie. Ciò significa che la suddivisione dei valori viene eseguita gradualmente (p. es. 0 fino 15 %; 16 fino 30 %) Registratore eventi Nel registratore degli eventi viene registrato il numero di eventi (al massimo 200), cioè eventi verificatisi nel sistema frenante. Questi eventi possono essere, per esempio: interventi ABS, interventi RSS, spia d'avvertimento accesa, messaggi, Eventi definibili tramite la parametrizzazione GIO (p. es. quando l'interruttore di contatto porta allacciato segnala un'apertura della porta). Ogni evento viene memorizzato insieme all'ora (con lo SmartBoard collegato) ovvero alle ore d'esercizio e al chilometraggio dal momento in cui si è verificato. L'informazione attuale relativa alla condizione d'esercizio può essere trasmessa solo attraverso lo SmartBoard. 89

40 7 Trailer EBS E1 Istruzioni per l'uso 7 Istruzioni per l'uso 7.1 Impiego della sospensione pneumatica (ECAS) Possibilità di comando con la centralina ECAS - regolazione ad 1 punto con la variante TEBS E Premium (esempio per semirimorchi) Telecomando: (Sollevamento/ abbassamento) (Sollevamento/ abbassamento + asse sollevabile) Cavo richiesto: Box di comando: (Sollevamento/ abbassamento) (Sollevamento/ abbassamento + asse sollevabile) Cavo richiesto: SmartBoard: Cavo richiesto: Telecomando (nella motrice per il controllo di motrice e rimorchio) Tasto Sollevamento carrozzeria Funzione di sicurezza: con comando di uomo morto Abbassamento carrozzeria Funzione di sicurezza: con comando di uomo morto Termine sollevamento/ abbassamento manuale Sollevamento carrozzeria Funzione di sicurezza: senza comando di uomo morto Abbassamento carrozzeria Funzione di sicurezza: senza comando di uomo morto Termine sollevamento/abbassamento manuale Avviare l'ausilio d'avviamento (agisce in semirimorchi sull'asse 1) Avviare l'ausilio di manovra (agisce in semirimorchi sull'asse 3) Livello normale (livello di marcia)

41 Istruzioni per l'uso Trailer EBS E1 7 Possibilità di comando con la centralina ECAS - regolazione ad 1 punto con la variante TEBS E Premium (esempio per semirimorchi) Telecomando: (Sollevamento/ abbassamento) (Sollevamento/ abbassamento + asse sollevabile) Cavo richiesto: Box di comando: (Sollevamento/ abbassamento) (Sollevamento/ abbassamento + asse sollevabile) Cavo richiesto: SmartBoard: Cavo richiesto: Telecomando (nella motrice per il controllo di motrice e rimorchio) Tasto Livello normale II Cambiare il livello di marcia Ausilio di manovra manuale ON/OFF Ausilio di manovra automatico Disattivazione del livello di scaricamento Livello di memoria (M1) = altezze regolabili della carrozzeria dell'automezzo Livello di memoria (M2) = altezze regolabili della carrozzeria dell'automezzo Salva M1: + Salva M2: Salva M1 o M2: premere per 5 secondi Salvare il messaggio? => Sì!, e confermare con OK Salva M1: + Salva M2: + Terminare le funzioni livello normale / livello di memoria Attivare il modo stand-by: Motrice agganciata, quadro OFF. Regolazione livello rimorchio a attiva, p. es. nell'esercizio a rampa Dopo lo spegnimento del quadro premere STOP entro 30 secondi: Dopo lo spegnimento del quadro premere STOP entro 30 secondi: 1. Dopo lo spegnimento del quadro entro 30 secondi, selezionare il menu Sospensione pneumatica Oppure: Terminare la regolazione stand-by > premere 5 sec. su STOP. > premere 5 sec. su STOP. Uscire dal menu Sospensione pneumatica : --- Sveglia dell'ecas dopo che è stato ACCESO il quadro no no no no 91

42 7 Trailer EBS E1 Istruzioni per l'uso Possibilità di comando con la centralina ECAS - regolazione ad 1 punto con la variante TEBS E Premium (esempio per semirimorchi) Telecomando: (Sollevamento/ abbassamento) (Sollevamento/ abbassamento + asse sollevabile) Cavo richiesto: Box di comando: (Sollevamento/ abbassamento) (Sollevamento/ abbassamento + asse sollevabile) Cavo richiesto: SmartBoard: Cavo richiesto: Telecomando (nella motrice per il controllo di motrice e rimorchio) Tasto Sollevamento asse sec. su OK per l'abbassam ento forzato Abbassare l'asse sollevabile dell'asse sollevabile:

43 Informazioni per l'officina Trailer EBS E1 8 8 Informazioni per l'officina 8.1 Diagnosi CAN In questo capitolo viene descritta la modalità di comunicazione con la centralina elettronica e quali componenti sono richiesti. Nel capitolo creazione di un set parametri si possono apprendere maggiori informazioni. si veda capitolo Schematica GIO / impostazione di un set di parametri, pagina 94. Il TEBS E adesso consente soltanto la diagnosi attraverso una delle interfacce CAN, attraverso la connessione CAN a 7 poli dell'iso 7638 o attraverso una presa di diagnosi esterna Diagnosi attraverso l'interfaccia della motrice/rimorchio ISO 7638 Per la diagnosi si collega un sezionatore ISO 7638 tra il tubo spiralato della motrice e la presa ISO Possibilità Collegamento di un adattatore di separazione ISO nonché di un convertitore CAN alla presa ISO 7638 L'interfaccia diagnostica con porta seriale può essere ulteriormente utilizzata. Interfaccia diagnostica con interfaccia seriale Interfaccia seriale Convertitore CAN Adattatore di collegamento ISO 7638 con presa CAN Possibilità Impiego di un'adattatore di separazione ISO nonché di una nuova interfaccia diagnostica con porta USB nonché del cavo di diagnosi CAN Interfaccia diagnostica USB (per il collegamento al PC) Interfaccia con connessione USB Cavo di diagnosi o Adattatore di collegamento ISO 7638 con presa CAN

44 8 Trailer EBS E1 Informazioni per l'officina Diagnosi attraverso una presa di diagnosi esterna La diagnosi attraverso una presa di diagnosi esterna è possibile solo nei modulatori Premium. Contrariamente alla diagnosi attraverso la linea K del TEBS D nel TEBS E la diagnosi avviene attraverso il CAN-Bus a 5 V nella presa GIO 5. Come distinzione la presa di diagnosi in presenza del cavo per la diagnosi CAN è dotata di una cappa di chiusura gialla, si veda alla seguente illustrazione. Nella diagnosi attraverso la presa di diagnosi non si potrà più utilizzare il cavo di diagnosi , poiché la comunicazione con la centralina ECU adesso avviene solo attraverso il CAN e non più attraverso la linea K. Pertanto, si raccomanda di utilizzare solo cavi di diagnosi CAN Cavo di diagnosi CAN Schematica GIO / impostazione di un set di parametri La funzionalità GIO descrivono gli ingressi e le uscite che possono essere parametrizzati (dall'inglese Generic Input/Output). Nel modulatore TEBS E della ECU si trovano al max. 7 collegamenti elettrici con la denominazione GIO 1-7. Con questa disposizione guidata dalla funzionalità è possibile collegare direttamente le funzioni desiderate e assegnarle liberamente nel modo dovuto. Questa libera assegnazione consente l'uso di numerose possibilità di funzione e combinazione disponibili in un rimorchio. Al fine di semplificare la parametrizzazione e l'occupazione delle connessioni GIO per le applicazioni standard, sono state definite 15 configurazioni standard si veda capitolo 10.5 Schematica GIO, pagina 137 (si veda l'appendice al capitolo Schematica GIO ). Queste configurazioni standard mostrano la massima connessione possibile del modulatore TEBS E dal semplice semirimorchio con funzione RTR fino alla funzione ECAS con interruttore del livello di scaricamento, freno per finitrice stradale, ecc. Se si deve creare un nuovo set di parametri per un automezzo, occorre selezionare innanzitutto uno schema GIO adatto. Corrispondentemente a ciò, nella diagnosi è depositato un rispettivo set di parametri (sotto il numero dello schema). Negli schemi GIO è predefinita l'occupazione delle spine del modulatore TEBS E in dipendenza della variante Standard ossia Premium. I sistemi massimi sono rispettivamente descritti negli schemi e nei set di parametri Nel caso in cui non siano delle funzioni, queste potranno essere semplicemente deselezionate nel livello di selezione. Aprire il software diagnostico TEBS E. 94

45 Informazioni per l'officina Trailer EBS E1 8 Si apre la finestra seguente: fig. 8-1: Software diagnostico TEBS E Finestra di partenza Cliccare su Sistema. Selezionare la voce Parametri. A questo punto si apre la finestra Sistema TEBS. fig. 8-2: Software diagnostico Sistema TEBS Cliccare sul pulsante Leggi dal file, per leggere un set parametri. 95

46 8 Trailer EBS E1 Informazioni per l'officina Il set di parametri predisposti assegnano le funzioni alle spine secondo la tabella. Qui per le funzioni vengono preconfigurati dei parametri standard (ad esempio pressioni per il sollevamento e l'abbassamento degli assi sollevabili, pressione massima e velocità per il dispositivo d'avviamento, ecc.). Come configurazione ABS per semirimorchi e rimorchi ad asse centrale viene scelta la 2S/2M, mentre per i rimorchi a timone la 4S/3M. Per completare il set di parametri sono richiesti ancora alcuni inserimenti: fig. 8-3: Software diagnostico Sistema TEBS Se il veicolo è dotato di un asse sollevabile, spuntare il rispettivo asse sollevabile 1. Se il veicolo è dotato di due assi sollevabili paralleli, occorre spuntare sia l'asse sollevabile 1 che l'asse sollevabile 2. Una volta completati e verificati tutti gli inserimenti, cliccare su Continuare. 96

47 Informazioni per l'officina Trailer EBS E1 8 fig. 8-4: Software diagnostico TEBS - ALB Inserire i dati del veicolo e le pressioni di frenatura. Cliccare necessariamente su Inserire i dati dei freni e inserire quindi i dati richiesti. Una volta completati e verificati tutti gli inserimenti, cliccare su Continuare. fig. 8-5: Software diagnostico TEBS - ABS/RSS Cliccare il tipo di pneumatico alla voce Roll Stability Support (RSS). 97

48 8 Trailer EBS E1 Informazioni per l'officina Spuntare l'opzione Automezzo soggetto a rischio di rovesciamento, se il veicolo è soggetto al pericolo di rovesciamento, ad esempio Meat Hang (trasporto carni) o caricatore interno. Una volta completati e verificati tutti gli inserimenti, cliccare su Continuare. fig. 8-6: Software diagnostico Selezione della funzione TEBS Deselezionare le funzioni standard che non sono attualmente richieste. Cliccare a tal fine sul rispettivo segno di spunto per eliminarlo. Selezionare necessariamente Sub-sistema. Cliccare a tal fine sul campo bianco davanti al subsistema desiderato per spuntarlo. Una volta completati e verificati tutti gli inserimenti, cliccare su Continuare. Qui si possono salvare i dati nella ECU, attraverso il pulsante Modifica parametro si possono apportare eventuali modifiche. Cliccando sul pulsante Etichetta adesiva del sistema, si può stampare una targhetta adesiva del sistema (si veda in allegato al capitolo Service ) si veda capitolo 8.2 Assistenza, pagina 102. Qualora fossero richieste delle funzioni speciali, cliccare sul pulsante Indicare le funzioni speciali. In questo menu si possono assegnare singolarmente le funzioni alle spine e ai pin. Cliccando sul pulsante Scrittura in ECU (sotto a sinistra), si trasmettono i dati parametrizzati alla centralina elettronica. 98

49 Informazioni per l'officina Trailer EBS E1 8 fig. 8-7: Software diagnostico Selezione della funzione TEBS E - funzioni speciali Una volta completati e verificati tutti gli inserimenti, cliccare su Continuare. Su questa pagina si possono modificare i parametri, nel caso non siano adatti alle configurazioni standard: fig. 8-8: Software diagnostico TEBS - GIO paramtro 1 Effettuare a questo punto le modifiche. Una volta completati e verificati tutti i cambiamenti, cliccare su Continuare. 99

Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa. Corso base

Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa. Corso base Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa Alle seguenti pagine trovate una descrizione del principio di funzionamento generale dei sistemi frenanti ad aria compressa installati in

Dettagli

Valvole di comando per rimorchi Corso base

Valvole di comando per rimorchi Corso base Valvole di comando per rimorchi Corso base Funzione Nelle motrici e trattori stradali le valvole di comando per rimorchi hanno la funzione di controllare i freni del rimorchio sensibilmente e in maniera

Dettagli

Yes, you can. Invacare REM 550. Comando Manuale d uso

Yes, you can. Invacare REM 550. Comando Manuale d uso Yes, you can. Invacare REM 550 Comando Manuale d uso Indice Capitolo Pagina 1 La consolle di guida REM 550 4 2 1.1 Struttura della consolle di guida...4 1.2 Display di stato...7 1.2.1 Indicatore livello

Dettagli

TECH NEWS 024-IT 24-04-06

TECH NEWS 024-IT 24-04-06 Caro cliente, a fronte di alcune richieste che ci sono pervenute, riteniamo utile riassumere brevemente il funzionamento del controllo della pressione dei pneumatici sulle vetture Renault che ne sono equipaggiate.

Dettagli

ROW-GUARD Guida rapida

ROW-GUARD Guida rapida ROW-GUARD Guida rapida La presente è una guida rapida per il sistema di controllo di direzione Einböck, ROW-GUARD. Si assume che il montaggio e le impostazioni di base del Sistema siano già state effettuate.

Dettagli

Simboli di disegni e di funzione Corso base

Simboli di disegni e di funzione Corso base Simboli di disegni e di funzione Introduzione Simboli di disegni Simboli di funzione Nota Nota: nella rappresentazione della schematica freni e delle funzioni negli apparecchi molto spesso si utilizzano

Dettagli

RIF FI 005 ABS + - 15/54 (!) K 11 15/54. Stop - 1 RR LR RF LF

RIF FI 005 ABS + - 15/54 (!) K 11 15/54. Stop - 1 RR LR RF LF FI 00 B 0 30 / 0 0 F E B (!) 0 K / top LR 3 3 3 LF RR 0 RF B M C RR LR RF LF D FI 00 B ) Gruppo elettroidraulico con centralina B ( pin ) ( vano motore lato sinistro ) ) ensore giri ruota anteriore destra

Dettagli

Autocarri con allestimento intercambiabile. Informazioni generali sugli autocarri con allestimento intercambiabile PGRT

Autocarri con allestimento intercambiabile. Informazioni generali sugli autocarri con allestimento intercambiabile PGRT Informazioni generali sugli autocarri con allestimento intercambiabile Informazioni generali sugli autocarri con allestimento intercambiabile I veicoli con allestimento intercambiabile sono considerati

Dettagli

Fondamenti fisici Corso base

Fondamenti fisici Corso base Fondamenti fisici Corso base Funzione dei sistemi frenanti Potenza frenante Oggigiorno ogni autoveicolo deve essere equipaggiato con un sistema frenante, per la cui efficacia e sicurezza sono vigenti rispettive

Dettagli

Indice. 3. Sicurezza...3 3.1 Utilizzo conforme alle prescrizioni...3 3.2 Prescrizioni di sicurezza...3

Indice. 3. Sicurezza...3 3.1 Utilizzo conforme alle prescrizioni...3 3.2 Prescrizioni di sicurezza...3 Indice 1. Descrizione del sistema...1 1.1 Descrizione del sistema...1 1.2 Utilizzo del Monitoring System 1502...1 1.2.1 Modalità seminatrice a grano singolo con trasduttore ottico (conteggio dei grani)...1

Dettagli

Sistema di frenatura elettronica (EBS) Corso base

Sistema di frenatura elettronica (EBS) Corso base Sistema di frenatura elettronica (EBS) Introduzione La crescente concorrenza nel settore dei trasporti fa sì che anche i requisiti posti a un sistema di frenatura siano sempre più elevati. L'introduzione

Dettagli

MINI CHALLENGE AGGIORNAMENTO ART.3 DELLA CIRCOLARE INFORMATIVA N 2 DEL 06.05.2013

MINI CHALLENGE AGGIORNAMENTO ART.3 DELLA CIRCOLARE INFORMATIVA N 2 DEL 06.05.2013 MINI CHALLENGE CIRCOLARE INFORMATIVA N 4 DEL 31.05.2013 AGGIORNAMENTO ART.3 DELLA CIRCOLARE INFORMATIVA N 2 DEL 06.05.2013 3 DISTANZIALI TAMPONI SOSPENSIONI Si autorizza il montaggio di distanziali sugli

Dettagli

Unità di frenatura per rimorchi

Unità di frenatura per rimorchi 2. Unità di frenatura per rimorchi 63 2. Sistemi frenanti ad aria compressa a due condotte per rimorchi Rimorchio secondo RREG Esecuzioni del correttore di frenata utilizzabili dai soffietti a sospensione

Dettagli

AUTOMOBILI NON TRASFORMABILI

AUTOMOBILI NON TRASFORMABILI LINEE GUIDA PER IL MONTAGGIO GPL INIEZIONE SEQUENZIALE IN FASE GASSOSA AUTOMOBILI TRASFORMABILI AUTOMOBILI AD INIEZIONE CON MOTORE ASPIRATO AUTOMOBILI AD INIEZIONE CON MOTORE TURBO AUTOMOBILI NON TRASFORMABILI

Dettagli

Scrambler Manuale d'uso e manutenzione

Scrambler Manuale d'uso e manutenzione Scrambler Manuale d'uso e manutenzione Indice 1 ruote 2 freni 3 cambio 4 forcella 5 Pedalata assistita 1 ruote Montaggio ruote posteriori. Per montare le ruote posteriori sfilare il perno a vite fino a

Dettagli

Carrelli elevatori termici, con pneumatici 4.0-5.0 tonnellate

Carrelli elevatori termici, con pneumatici 4.0-5.0 tonnellate Carrelli elevatori termici, con pneumatici 4.0-5.0 tonnellate FD/FG40K FD/FG40KL FD/FG45K FD/FG50K 1.1 1.2 1.3 1.4 1.5 1.6 1.8 1.9 2.1 2.2 2.3 3.1 3.2 3.3 3.5 3.6 3.7 4.1 4.2 4.3 4.4 4.5 4.7 4.8 4.12 4.19

Dettagli

La sospensione pneumatica Corso base

La sospensione pneumatica Corso base La sospensione pneumatica 5 Introduzione Vantaggi della sospensione pneumatica Considerando i tipi di sospensione oggigiorno installati negli autoveicoli, si contrappongono prevalentemente elementi ammortizzanti

Dettagli

Corso TEORICO di Guida in Sicurezza dei Mezzi Fuoristrada destinato ai Volontari

Corso TEORICO di Guida in Sicurezza dei Mezzi Fuoristrada destinato ai Volontari Questionario Note Le domande dei questionari sono di tipo differente. Nello specifico, questi sono i tipi di domande: SCELTA MULTIPLA (1 opzione): sono elencate alcune risposte possibili e va scelta quella

Dettagli

BDE 2307 G / brekon 171-4 BT 2304

BDE 2307 G / brekon 171-4 BT 2304 BDE 2307 G / brekon 171-4 BT 2304 Istruzioni di calibrazione per il trasduttore di forza frenante Banco prova freni per autovetture N. articolo T2000619870 Versione 2.0 Indice Pagina 1. Misure precauzionali

Dettagli

Compressori Corso base

Compressori Corso base Compressori Funzione I compressori hanno la funzione di produrre la necessaria portata di aria compressa in un automezzo per alimentare tutti gli utilizzatori d'aria compressa. I compressori WABCO sono

Dettagli

Multipurpose All Terrain Vehicle

Multipurpose All Terrain Vehicle FRESIA F18 4X4 Multipurpose All Terrain Vehicle Mezzo Speciale per Trasporto Materiale Logistico in condizioni estreme su ogni tipo di terreno 4 Ruote Motrici 4 Ruote Sterzanti L F18 4x4 è un veicolo leggero

Dettagli

BOX A3 TEST 3 20-07-2012. REV. DATA Verifica ed Approvazione R.T.

BOX A3 TEST 3 20-07-2012. REV. DATA Verifica ed Approvazione R.T. BOX A3 TEST 3 20-07-2012 REV. DATA Verifica ed Approvazione R.T. INDICE 1 - PREMESSA...Pag. 3 2 - BOX A3 TEST PER ASCENSORI IDRAULICI...Pag. 3 2.1 FUNZIONAMENTO GENERALE...Pag. 3 2.2 MODALITA DI ESECUZIONE

Dettagli

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO LOR-THERM 105. Cod. 523.0000.102

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO LOR-THERM 105. Cod. 523.0000.102 ISTRUZIONI DI MONTAGGIO LOR-THERM 105 Cod. 523.0000.102 Perché la garanzia sia valida, installare e utilizzare il prodotto secondo le istruzioni contenute nel presente manuale. È perciò di fondamentale

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE E MESSA IN SERVIZIO INDICE. Funzione. Dati tecnici Dimensioni Collegamenti elettrici. Caratteristiche funzionali

MANUALE DI INSTALLAZIONE E MESSA IN SERVIZIO INDICE. Funzione. Dati tecnici Dimensioni Collegamenti elettrici. Caratteristiche funzionali 28111.03 www.caleffi.com Regolatore digitale SOLCAL 1 Copyright 2012 Caleffi Serie 257 MANUALE DI INSTALLAZIONE E MESSA IN SERVIZIO INDICE Funzione 1 Dati tecnici Dimensioni Collegamenti elettrici 3 Caratteristiche

Dettagli

CONFERENZA STAMPA. Sicurezza e rispetto ambientale. Vallelunga, 6 luglio 2010. Franco Villa Comitato tecnico ANFIA - Gruppo Autobus

CONFERENZA STAMPA. Sicurezza e rispetto ambientale. Vallelunga, 6 luglio 2010. Franco Villa Comitato tecnico ANFIA - Gruppo Autobus CONFERENZA STAMPA E PROVE DINAMICHE SU PISTA Sicurezza e rispetto ambientale I nuovi standard per il trasporto pubblico su gomma Franco Villa Comitato tecnico ANFIA - Gruppo Autobus 1 1 Vallelunga, 6 luglio

Dettagli

EKS 210/EKS 312. Commissionatore verticale (1000 kg/1200 kg) Sistema di navigazione in magazzino (opzionale) per un ottimizzazione dei tempi di arrivo

EKS 210/EKS 312. Commissionatore verticale (1000 kg/1200 kg) Sistema di navigazione in magazzino (opzionale) per un ottimizzazione dei tempi di arrivo Sistema di navigazione in magazzino (opzionale) per un ottimizzazione dei tempi di arrivo Duplice recupero di energia e gestione energetica efficiente Elevata flessibilità grazie alla struttura modulare

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

BICI 2000 - Versione 1.9

BICI 2000 - Versione 1.9 Pagina 1/8 BICI 2000 - Versione 1.9 Il controllo BICI 2000 nasce per il pilotaggio di piccoli motori a magnete permanente in alta frequenza per veicoli unidirezionali alimentati da batteria. La sua applicazione

Dettagli

Sensori di posizione lineari Magnetostrittivi Guida Utente

Sensori di posizione lineari Magnetostrittivi Guida Utente Sensori di posizione lineari Magnetostrittivi Guida Utente INDICE: 1 DESCRIZIONE... 1 1.1 Relazione segnale-posizione... 1 1.2 Area utile (attiva) del sensore magnetostrittivo da 75mm... 2 1.3 Area utile

Dettagli

RC 40 Dati tecnici. Carrello elevatore Diesel e GPL. RC 40-16 RC 40-18 RC 40-20 RC 40-25 RC 40-30

RC 40 Dati tecnici. Carrello elevatore Diesel e GPL. RC 40-16 RC 40-18 RC 40-20 RC 40-25 RC 40-30 @ RC 40 Dati tecnici. Carrello elevatore Diesel e GPL. RC 40-16 RC 40-18 RC 40-20 RC 40-25 RC 40-30 2 RC 40 Dati tecnici. 3 Questa scheda tecnica indica soltanto i valori tecnici del carrello elevatore

Dettagli

Asia Brio. Samba. - manuale per l installatore - M.T.M. s.r.l. Via La Morra, 1 12062 - Cherasco (Cn) - Italy Tel. ++39 0172 48681 Fax ++39 0172 488237

Asia Brio. Samba. - manuale per l installatore - M.T.M. s.r.l. Via La Morra, 1 12062 - Cherasco (Cn) - Italy Tel. ++39 0172 48681 Fax ++39 0172 488237 M.T.M. s.r.l. Via La Morra, 1 12062 - Cherasco (Cn) - Italy Tel. ++39 0172 48681 Fax ++39 0172 488237 - manuale per l installatore - 09.2003 TA01Z005 2 INDICE 2. FUNZIONI DELLA CENTRALINA 2.1. FUNZIONI

Dettagli

Rilevatore di biossido di carbonio

Rilevatore di biossido di carbonio MANUALE UTENTE Rilevatore di biossido di carbonio Modello CO240 Introduzione Congratulazioni per aver scelto il modello CO240 di Extech Instruments. Il CO240 misura biossido di carbonio (CO 2 ), temperatura

Dettagli

REGOLAZIONE ELETTRONICA DI LIVELLO PER AUTOBUS A SOSPENSIONE PNEUMATICA (ECAS) ECAS per autobus

REGOLAZIONE ELETTRONICA DI LIVELLO PER AUTOBUS A SOSPENSIONE PNEUMATICA (ECAS) ECAS per autobus REGOLAZIONE ELETTRONICA DI LIVELLO PER AUTOBUS A SOSPENSIONE PNEUMATICA (ECAS) ECAS per autobus Funzioni del sistema Configurazioni del sistema Componenti Concezione di sicurezza Diagnosi Codice lampeggiante

Dettagli

Scheda prodotto. Caratteristiche del prodotto. IBS control : Controlla il rendimento e l autonomia di energia.

Scheda prodotto. Caratteristiche del prodotto. IBS control : Controlla il rendimento e l autonomia di energia. IBS control : Controlla il rendimento e l autonomia di energia. Scheda prodotto Elettronica IBS : Sensore Intelligente per Batteria con display a colori per reti di bordo a 12 V Monitoraggio preciso e

Dettagli

sedia a rotelle elettrica

sedia a rotelle elettrica sedia a rotelle elettrica Manuale d uso attenzione: Gli operatori devono leggere e capire completamente questo manuale prima di utilizzare il prodotto. M27729-I-Rev.0-07.11 1 I. PRESENTAZIONE DEL PRODOTTO

Dettagli

29 Circuiti oleodinamici fondamentali

29 Circuiti oleodinamici fondamentali 29 Circuiti oleodinamici fondamentali Fig. 1. Circuito oleodinamico: (1) motore elettrico; (2) pompa; (3) serbatoio; (4) filtro; (5) tubazione di mandata; (6) distributore; (7) cilindro; (8) tubazione

Dettagli

Carrelli Elevatori Elettrici 1.0-1.5 t

Carrelli Elevatori Elettrici 1.0-1.5 t Carrelli Elevatori Elettrici 1.0-1.5 t www.toyota-forklifts.it Carrelli Elevatori Elettrici 1.0 t Caratteristiche tecniche principali 7FBEST10 1.1 Costruttore TOYOTA 1.2 Modello 7FBEST10 1.3 Alimentazione

Dettagli

Banco prova freni Banco prova giochi Banco prova potenza autocarri Linea revisione auto Linea revisione moto - velocità Linea potenza auto Prodotti

Banco prova freni Banco prova giochi Banco prova potenza autocarri Linea revisione auto Linea revisione moto - velocità Linea potenza auto Prodotti Banco prova freni Banco prova giochi Banco prova potenza autocarri Linea revisione auto Linea revisione moto - velocità Linea potenza auto Prodotti ed accessori L applicazione della direttiva per prove

Dettagli

Correttore di frenata a controllo pneumatico Corso base

Correttore di frenata a controllo pneumatico Corso base Correttore di frenata a controllo pneumatico Funzione I correttori di frenatura automatici hanno la funzione di adattare la pressione di frenatura di un asse (nel rimorchio e necessariamente anche in parecchi

Dettagli

Motore per tende da sole SunTop-868

Motore per tende da sole SunTop-868 Motore per tende da sole SunTop-868 Conservare queste istruzioni! Dopo il montaggio del motore, fissare al cavo le presenti istruzioni di montaggio per l elettricista. Montaggio in tubi profilati A Spingere

Dettagli

REACH STACKER IRS 50 MANUALE USO E MANUTENZIONE CAPITOLO 6. DESCRIZIONE DELLA MACCHINA

REACH STACKER IRS 50 MANUALE USO E MANUTENZIONE CAPITOLO 6. DESCRIZIONE DELLA MACCHINA REACH STACKER IRS MANUALE USO E MANUTENZIONE 6.1.2 DATI TECNICI SPECIFICHE Capacità di sollevamento (1. / 2. Row)...000 / 000 kg Load Center...2000 / 00 mm Motore...Diesel Sterzo...idrostatico, volante

Dettagli

Impianto Frenante. Dispensa didattica. Zanutto Daniele

Impianto Frenante. Dispensa didattica. Zanutto Daniele Impianto Frenante Dispensa didattica Zanutto Daniele I Freni pag. 4782 Compito I freni hanno il compito di rallentare, frenare e fermare un veicolo e di impedire un suo movimento da fermo. Durante la decelerazione,

Dettagli

MANUALE D'USO VB-FULLAIR. Increased comfort Better driveability More safety. Making everyday smoother VEICOLI COMMERCIALI CAMPER

MANUALE D'USO VB-FULLAIR. Increased comfort Better driveability More safety. Making everyday smoother VEICOLI COMMERCIALI CAMPER MANUALE D'USO Making everyday smoother Increased comfort Better driveability More safety VB-FULLAIR VEICOLI COMMERCIALI CAMPER INFORMAZIONI - MANUALE - ASSISTENZA Maggiore sicurezza e comfort su strada

Dettagli

Manuale tecnico generale CRPRO2

Manuale tecnico generale CRPRO2 Manuale tecnico generale CRPRO2 Il CRPRO2 è una centralina aggiuntiva professionale gestita da microprocessore, in grado di fornire elevate prestazioni su motori diesel con impianto di iniezione Common-Rail

Dettagli

Istruzioni per l'uso originali 3.2. Leggere attentamente prima della messa in funzione! Revisione: 09/2011, v.1.4. Ordine n.

Istruzioni per l'uso originali 3.2. Leggere attentamente prima della messa in funzione! Revisione: 09/2011, v.1.4. Ordine n. Istruzioni per l'uso originali 3.2 Leggere attentamente prima della messa in funzione! Revisione: 09/2011, v.1.4 Ordine n.: 00605-3-620 2 QUALITÀ PER PROFESSIONISTI NON deve apparire fastidioso e superfluo

Dettagli

COMBITEC Centro di deformazione

COMBITEC Centro di deformazione Centro di deformazione Più potenza e spazio per una nuova prospettiva produttiva L efficiente centro di deformazione COMBITEC apre nuove prospettive per la produzione. In virtù dell elevatissima potenza

Dettagli

LA SCHEDA DEL MODULO BLUETOOTH

LA SCHEDA DEL MODULO BLUETOOTH F42-LAB-pag 11-13-ok 27-04-2006 16:15 Pagina 11 LA SCHEDA DEL MODULO BLUETOOTH COMPONENTI 1. Il componente allegato a questo fascicolo è il più sofisticato di tutta la fase di assemblaggio: con esso il

Dettagli

Vox. Manuale di Installazione ed Uso. - Versione 1.0 - www.amcelettronica.com. Vox

Vox. Manuale di Installazione ed Uso. - Versione 1.0 - www.amcelettronica.com. Vox Manuale di Installazione ed Uso - Versione 1.0 - Indice INTRODUZIONE 3 SCHEDA E COLLEGAMENTI 3 LED DI SEGNALAZIONE DELLO STATO OPERATIVO 4 DEFAULT RESET 4 PROGRAMMAZIONE 4 wizard tecnico 5 FUNZIONE INGRESSI

Dettagli

APPENDICE 1 DISPOSITIVI OBBLIGATORI DISPOSITIVI FACOLTATIVI

APPENDICE 1 DISPOSITIVI OBBLIGATORI DISPOSITIVI FACOLTATIVI APPENDICE 1 M O T O C I C L I A - Luce posizione anteriore; B - Luce posizione posteriore; D - Luce targa; E - Proiettore; G - Luce di arresto; O - Catadiottro rosso. I - Proiettore fendinebbia Tutti i

Dettagli

Elevatore elettrico trilaterale / con sedile trasversale (1000 1500 kg)

Elevatore elettrico trilaterale / con sedile trasversale (1000 1500 kg) Elevata flessibilità: costruzione modulare e gestione intelligente del carrello Tecnologia trifase da 80 Volt: elevata coppia e comportamento dinamico Sistemi di comando e CAN-Bus certificati TÜV Elevata

Dettagli

UNITA DI RINNOVO ARIA E RECUPERO TERMICO CON CIRCUITO FRIGORIFERO INTEGRATO A POMPA DI CALORE SERIE RFM

UNITA DI RINNOVO ARIA E RECUPERO TERMICO CON CIRCUITO FRIGORIFERO INTEGRATO A POMPA DI CALORE SERIE RFM MANUALE DEL CONTROLLO ELETTRONICO UNITA DI RINNOVO ARIA E RECUPERO TERMICO CON CIRCUITO FRIGORIFERO INTEGRATO A POMPA DI CALORE SERIE RFM Il sistema di controllo elettronico presente a bordo delle unità

Dettagli

Manuale di istruzioni del regolatore di carica per modulo fotovoltaico. Serie EPRC10-EC/PWM ITA

Manuale di istruzioni del regolatore di carica per modulo fotovoltaico. Serie EPRC10-EC/PWM ITA Manuale di istruzioni del regolatore di carica per modulo fotovoltaico Serie EPRC10-EC/PWM ITA Serie EPRC10-EC/PWM 12V O 24V (RICONOSCIMENTO AUTOMATICO) EPRC10-EC è un regolatore di carica PWM che accetta

Dettagli

TEBS E VERSIONI TEBS DA E0 A E4 DESCRIZIONE DEL SISTEMA

TEBS E VERSIONI TEBS DA E0 A E4 DESCRIZIONE DEL SISTEMA TEBS E VERSIONI TEBS DA E0 A E4 DESCRIZIONE DEL SISTEMA TEBS E Sistema di frenata elettronico per rimorchi (Versioni TEBS da E0 a E4) Descrizione del sistema Edizione 7 La presente pubblicazione non è

Dettagli

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici.

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. GLI ATTUATORI Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. La casistica è assai vasta ; sono comuni i semplici azionamenti magnetici (elettromagneti

Dettagli

Convertitore con regolatore di carica integrato

Convertitore con regolatore di carica integrato Convertitore con regolatore di carica integrato Modelli ESC 300 3000 12-24VDC/220VAC Via al Ticino 10 CH - 6514 Sementina Tel. +41 (0) 91 857 20 66 Fax. +41 (0) 91 857 55 44 Homepage: www.eselectronic.ch

Dettagli

Attivazione presa di forza ED. Funzione

Attivazione presa di forza ED. Funzione Funzione Attivazione presa di forza ED La funzione consente di attivare la presa di forza dal posto guida e dall esterno dalla cabina. La presa di forza è controllata dalla centralina BCI. Una presa di

Dettagli

ARH-2 GUIDA D'INSTALLAZIONE RAPIDA Versione 1.4, 21 febbraio 2001

ARH-2 GUIDA D'INSTALLAZIONE RAPIDA Versione 1.4, 21 febbraio 2001 ARH-2 GUIDA D'INSTALLAZIONE RAPIDA Versione 1.4, 21 febbraio 2001 AVVERTENZA: QUESTA GUIDA SINTETICA D'INSTALLAZIONE È DESTINATA AI TECNICI ESPERTI. A COLORO CHE NON HANNO ESPERIENZA A RIGUARDO, SI RACCOMANDA

Dettagli

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de Centralina Compatta 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che info@psg-online.de www.psg-online.de Manuale d istruzioni Messa in funzione Il regolatore viene fornito con le impostazioni standard pronto

Dettagli

Alimentazione V CC 12 30 ripple incluso - fusibile esterno 1,0 A. Assorbimento di corrente : ma 100 + potenza consumata dal sensore. V ma. V ma.

Alimentazione V CC 12 30 ripple incluso - fusibile esterno 1,0 A. Assorbimento di corrente : ma 100 + potenza consumata dal sensore. V ma. V ma. 89 550/110 ID EWM-PQ-AA SCHEDA DIGITALE PER IL CONTROLLO DELLA PRESSIONE / PORTATA IN SISTEMI AD ANELLO CHIUSO MONTAGGIO SU GUIDA TIPO: DIN EN 50022 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO La scheda EWM-PQ-AA è stata

Dettagli

EasyStart T Istruzioni per l uso. Timer digitale comfort con possibilità di preselezione per 7 giorni.

EasyStart T Istruzioni per l uso. Timer digitale comfort con possibilità di preselezione per 7 giorni. EasyStart T Istruzioni per l uso. Timer digitale comfort con possibilità di preselezione per 7 giorni. 22 1000 32 88 05 03.2009 Indice generale Introduzione Leggere prima qui... 3 Istruzioni per la sicurezza...

Dettagli

Carrelli per il trasporto e il

Carrelli per il trasporto e il Trasporti interni Carrelli per il trasporto e il sollevamento Classificazione dei carrelli Tipologie esistenti Caratteristiche e prestazioni Predisposizioni antinfortunistiche 2 2005 Politecnico di Torino

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICHE GENERALI

CARATTERISTICHE TECNICHE GENERALI Dati e dimensioni Pagina: 1 CARATTERISTICHE TECNICHE GENERALI Dimensioni esterne Lunghezza, mm Larghezza, mm Altezza, mm Dimensioni cerchi - pneumatici: V6 TDI V6 TSI Hybrid V8 TDI Dimensioni vano bagagli

Dettagli

Attuatore tre punti flottante K274J

Attuatore tre punti flottante K274J 0556IT febbraio 2013 Attuatore tre punti flottante K274J 0032A/2 0064L/0 Installazione L attuatore a tre punti flottante va montato sulle valvole serie K297 in posizione orizzontale o verticale con coperchio

Dettagli

10/9/2015 *** NORMATTIVA Stampa ***

10/9/2015 *** NORMATTIVA Stampa *** APPENDICE X Art. 241 (Attrezzature delle imprese e dei consorzi abilitati alla revisione dei veicoli) 1. Le attrezzature e le strumentazioni di cui devono essere dotati le imprese ed i consorzi abilitati

Dettagli

Carrelli Elevatori Elettrici 1.5-2.0 t

Carrelli Elevatori Elettrici 1.5-2.0 t Carrelli Elevatori Elettrici 1.5-2.0 t 3 ruote www.toyota-forklifts.it Carrelli Elevatori Elettrici 1.5-1.6 t Caratteristiche tecniche principali 8FBE15T 8FBEK16T 8FBE16T 1.1 Costruttore TOYOTA TOYOTA

Dettagli

MANUALE D ISTRUZIONI. Bilancia elettronica. Modello SC600

MANUALE D ISTRUZIONI. Bilancia elettronica. Modello SC600 MANUALE D ISTRUZIONI Bilancia elettronica Modello SC600 Introduzione Congratulazioni per aver scelto la Bilancia elettronica modello SC600 di Extech Instruments. L SC600 è controllato da un microprocessore

Dettagli

TYRECONTROL «P» A-187

TYRECONTROL «P» A-187 TYRECONTROL «P» A-187 Manuale (IT) 2 Presentazione TYRECONTROL «P» caratteristiche : - Misura e regola la pressione dei pneumatici - Memorizza i dati fino a 99 set ( 1 set = memorizza fino a 4 valori di

Dettagli

JCB MINI ESCAVATORI 8040 & 8045 ZTS

JCB MINI ESCAVATORI 8040 & 8045 ZTS PESO OPERATIVO: POTENZA MASSIMA: 4300 4750 kg 34,1 kw H E I F K C J A B D G L JCB MINI ESCAVATORI 8040 & 8045 ZTS A Interasse ruote 1845 1990 B Lunghezza totale carro 2385 2530 C Luce libera supporto escavatore

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO DEI TRASPORTI TERRESTRI E PER I SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE DELLA MOTORIZZAZIONE E DELLA SICUREZZA DEL TRASPORTO TERRESTRE

Dettagli

Costruzione e funzionamento

Costruzione e funzionamento 4.4 Dispositivi di sicurezza I seguenti dispositivi di sicurezza sono installati e non possono essere modificati: PulsanteARRESTOdiEMERGENZA Premendo il pulsante ARRESTO di EMERGENZA si disattiva immediatamente

Dettagli

FRENI-ARGANI IDRAULICI PER TESATURA DI CONDUTTORI AEREI

FRENI-ARGANI IDRAULICI PER TESATURA DI CONDUTTORI AEREI 5 FRENI-ARGANI IDRAULICI PER TESATURA DI CONDUTTORI AEREI Mod. F 104.AF.35 A x B x C = 2,95 x 1,80 x 1,80 m Peso = 1900 kg Macchina a funzionamento idraulico in grado di operare sia come freno sia come

Dettagli

Carrelli Elevatori Elettrici 2.0-5.0 ton

Carrelli Elevatori Elettrici 2.0-5.0 ton Carrelli Elevatori Elettrici 2.0-5.0 ton www.toyota-forklifts.it Carrelli Elevatori Elettrici 2.0-2.5 ton Caratteristiche tecniche principali 8FBMKT20 8FBMKT25 8FBMT25 Caratteristiche Pesi Ruote Dimensioni

Dettagli

Quality Trailers. 2012 serie big trailers dumper

Quality Trailers. 2012 serie big trailers dumper Quality Trailers 2012 serie big trailers dumper Quality trailers SISTEMA ELETTRO-IDRAULICO DI STERZATURA DEGLI ASSI POSTERIORI SEGNALAZIONE EIMA 2004 RIMORCHIO PREDISPOSTO PER IMPIANTO FOTOVOLTAICO TELO

Dettagli

@ KANVAN Dati Tecnici Trattore multifunzione KANVAN 05 KANVAN 10

@ KANVAN Dati Tecnici Trattore multifunzione KANVAN 05 KANVAN 10 @ KANVAN Dati Tecnici Trattore multifunzione KANVAN 05 KANVAN 10 2 KANVAN DATI TECNICI Questa scheda tecnica indica solo i valori tecnici del carrello standard secondo la Direttiva VDI 2198. Gommature

Dettagli

Norme di legge secondo la normativa ECE 48

Norme di legge secondo la normativa ECE 48 Norme di legge secondo la normativa ECE 48 Per veicoli a motore e rimorchi 2 3 Panoramica generale delle norme sull'illuminazione Per dotare un veicolo di un equipaggiamento o di un montaggio aftermarket

Dettagli

Dynamic 121-128. Istruzioni per il montaggio e l uso

Dynamic 121-128. Istruzioni per il montaggio e l uso Dynamic 121-128 Istruzioni per il montaggio e l uso 1 Installazione a presa diretta 1.1 Installazione diretta sull albero a molle. Innestare la motorizzazione, da destra o da sinistra a seconda del lato

Dettagli

Il dumper articolato Volvo A30E STRADA

Il dumper articolato Volvo A30E STRADA FOCUS MACCHINA Il dumper articolato Volvo A30E STRADA di Roberto Negri A P R I L E 2 0 0 9 M T 65 Come rendere ancor più funzionale e produttivo un mezzo d opera già al top? È questa la domanda che si

Dettagli

IDENTIFICAZIONE PRODOTTO

IDENTIFICAZIONE PRODOTTO FS 08 1S E un sollevatore manuale uso gancio per operatori professionali del settore ferroviario. Consente il sollevamento di attrezzature ferroviarie dopo essere stato assemblato nei 3 moduli che lo compongono

Dettagli

COMUNITA MONTANA ALBURNI AREA TECNICA - Ufficio Gare e Contratti -

COMUNITA MONTANA ALBURNI AREA TECNICA - Ufficio Gare e Contratti - COMUNITA MONTANA ALBURNI AREA TECNICA - Ufficio Gare e Contratti - P.S.R. 2007/2013 Misura 226 Azione d) (Acquisto di attrezzature e mezzi innovativi per il potenziamento degli interventi di prevenzione

Dettagli

CLT1 User Manual. Bedienungsanleitung/ Mode d emploi/ Manual de Instrucciones/ Manuale utente/ Bruksanvisning

CLT1 User Manual. Bedienungsanleitung/ Mode d emploi/ Manual de Instrucciones/ Manuale utente/ Bruksanvisning CLT1 User Manual Bedienungsanleitung/ Mode d emploi/ Manual de Instrucciones/ Manuale utente/ Bruksanvisning 1 Indice Manuale utente 43 Kit CLT1 4 44 Informazioni generali e dati tecnici 45 Descrizione

Dettagli

Carrelli Elevatori Termici 5.0-8.0 t

Carrelli Elevatori Termici 5.0-8.0 t Carrelli Elevatori Termici 5.0-8.0 t 5FG/5FD www.toyota-forklifts.it Carrelli Elevatori Termici 5.0-6.0 t Caratteristiche tecniche principali 5FG50 5FG60 50-5FD60 1.1 Costruttore Toyota Toyota Toyota 1.2

Dettagli

DOC. Manuale utente di configurazione quadri

DOC. Manuale utente di configurazione quadri DOC Manuale utente di configurazione quadri 1. CONFIGURATORE QUADRI 3 1.1. Indicazione generali sul configuratore quadri... 4 1.2. Disegno Fronte quadro con procedura automatica Wizard... 4 1.3. Comandi

Dettagli

LE VALVOLE PNEUMATICHE

LE VALVOLE PNEUMATICHE LE VALVOLE PNEUMATICHE Generalità Le valvole sono apparecchi per il comando, per la regolazione della partenza, arresto e direzione, nonché della pressione e passaggio di un fluido proveniente da una pompa

Dettagli

Elevatore elettrico a timone 1.25-2.0 t

Elevatore elettrico a timone 1.25-2.0 t Elevatore elettrico a timone 1.25-2.0 t 7SLL www.toyota-forklifts.it Elevatore elettrico a timone Caratteristiche elevatori elettrici 7SLL12.5 7SLL16 7SLL20 1.1 Costruttore Toyota Toyota Toyota 1.2 Modello

Dettagli

S S. Motore per tapparelle RolSmart

S S. Motore per tapparelle RolSmart IT Motore per tapparelle RolSmart Conservare le presenti istruzioni! Dopo aver montato il motore, fissare le presenti istruzioni al cavo per il tecnico elettricista. Funzioni del dispositivo: Protezione

Dettagli

Modelli. Defender Freelander 2 Discovery 3/4 Range Rover Sport Range Rover Range Rover Evoque

Modelli. Defender Freelander 2 Discovery 3/4 Range Rover Sport Range Rover Range Rover Evoque Modelli Defender Freelander 2 Discovery 3/4 Range Rover Sport Range Rover Range Rover Evoque Range Rover Sport Range Rover Sport - dimensioni Range Rover Sport - pesi Range Rover Sport occhioni di traino

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE E USO

MANUALE DI INSTALLAZIONE E USO MANUALE DI INSTALLAZIONE E USO DESCRIZIONE Il GSM-CB33 è un combinatore telefonico GSM a 3 ingressi di allarme per la trasmissione di 3 messaggi vocali + 3 messaggi SMS (prioritari) relativi agli ingressi

Dettagli

Procedura di test Software IW7 Eurosystem

Procedura di test Software IW7 Eurosystem Procedura di test Software IW7 Eurosystem Nel seguente documento viene descritto come utilizzare il software IW7 Eurosystem, per effettuare il test dei freni. In particolare verranno descritte due tipi

Dettagli

ATTENZIONE Con trazione integrale inserita la velocità massima consigliata è di 60 km/h.

ATTENZIONE Con trazione integrale inserita la velocità massima consigliata è di 60 km/h. DUCATO 4x4 In questo supplemento sono illustrate le principali caratteristiche del DUCATO 4x4 unitamente ad alcuni consigli d uso. Per quanto non riportato, fare riferimento al libretto di Uso e Manutenzione

Dettagli

Transpallet/ Elevatore elettrico 1.0-1.3 t

Transpallet/ Elevatore elettrico 1.0-1.3 t Transpallet/ Elevatore elettrico 1.0-1.3 t Easymover www.toyota-forklifts.it Transpallet elettrico Caratteristiche tecniche del transpallet elettrico PP13 1.1 Costruttore Toyota Identificazione Peso Ruote

Dettagli

www.toyota-forklifts.it Carrelli Elevatori Termici 3.5-8.0 t

www.toyota-forklifts.it Carrelli Elevatori Termici 3.5-8.0 t www.toyota-forklifts.it Carrelli Elevatori Termici 3.5-8.0 t Carrelli Elevatori Termici 3.5-4.0 t Caratteristiche tecniche principali 40-8FD35N 8FG35N 40-8FD40N 8FG40N 1.1 Costruttore TOYOTA TOYOTA TOYOTA

Dettagli

Sistema di collegamento per elettrovalvole e distributori, compatibile con i bus di campo PROFIBUS-DP, INTERBUS-S, DEVICE-NET

Sistema di collegamento per elettrovalvole e distributori, compatibile con i bus di campo PROFIBUS-DP, INTERBUS-S, DEVICE-NET ValveConnectionSystem Sistema di collegamento per elettrovalvole e distributori, compatibile con i bus di campo PROFIBUS-DP, INTERBUS-S, DEVICE-NET P20.IT.R0a IL SISTEMA V.C.S Il VCS è un sistema che assicura

Dettagli

Sensori del numero di giri delle ruote ATE

Sensori del numero di giri delle ruote ATE Sensori del numero di giri delle ruote ATE Perché scegliere i sensori del numero di giri delle ruote ATE? Per soddisfare la sempre crescente esigenza di comfort e di sicurezza: oggi l ABS è standard su

Dettagli

Disposizione posti relè e fusibili

Disposizione posti relè e fusibili 1/1 Disposizione posti relè e fusibili Disposizione fusibili (SC) nel portafusibili cruscotto sinistro 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 31 Colori dei fusibili

Dettagli

04J-2 SK04J-2 SK04J-2. POTENZA NETTA SAE J1349 15,5 kw - 20,8 HP P ALA COMPATTA. PESO OPERATIVO 1.550 kg. CARICO OPERATIVO 390 kg

04J-2 SK04J-2 SK04J-2. POTENZA NETTA SAE J1349 15,5 kw - 20,8 HP P ALA COMPATTA. PESO OPERATIVO 1.550 kg. CARICO OPERATIVO 390 kg SK 04J-2 P ALA COMPATTA POTENZA NETTA SAE J1349 15,5 kw - 20,8 HP PESO OPERATIVO 1.550 kg CARICO OPERATIVO 390 kg P ALA C O M PAT TA PRESTAZIONI IN SICUREZZA Manutenzione La manutenzione ed i controlli

Dettagli

Introduzione all uso della LIM

Introduzione all uso della LIM Introduzione all uso della LIM ACCENDERE CORRETTAMENTE LA LIM 1. Accendi il video proiettore con il telecomando (tasto rosso); 2. Accendi il computer; 3. Accendi lateralmente l interruttore delle casse

Dettagli

MANUALE D INSTALLAZIONE

MANUALE D INSTALLAZIONE SJ604AX SH602AX SH602AX: tele 2 pulsanti con ritorno informaz. SJ604AX: tele 4 pulsanti con ritorno informaz. MANUALE D INSTALLAZIONE Indice 1. Presentazione... 1 2. Preparazione... 2 3. Apprendimento...

Dettagli

Istruzioni di servizio per gruppi costruttivi SMX Istruzioni di servizio (versione 1-20.12.2007)

Istruzioni di servizio per gruppi costruttivi SMX Istruzioni di servizio (versione 1-20.12.2007) Istruzioni di servizio per gruppi costruttivi SMX Istruzioni di servizio (versione 1-20.12.2007) TD-37350-810-02-01F- Istruzioni di servizio 04.01.2008 Pag. 1 von 6 Avvertenze importanti Gruppi target

Dettagli

SISTEMA SEQUENZIALE FASATO SEQUENTIAL FUEL SYSTEM

SISTEMA SEQUENZIALE FASATO SEQUENTIAL FUEL SYSTEM SISTEMA SEQUENZIALE FASATO SEQUENTIAL FUEL SYSTEM INTEGRAZIONE AL MANUALE DEL S.W 2.9 Tartarini Auto S.p.a Via Bonazzi 43 40013 Castel Maggiore (Bo) Italy Tel.:+39 051 632 24 11 Fax: 051 632 24 00 E-mail:

Dettagli

Min. 20 Nm @ tensione nominale Min. 20 Nm Comando Segnale Y DC 0 10 V, impedenza 100 k On-Off, 3-punti (solo AC), modulante (DC 0...

Min. 20 Nm @ tensione nominale Min. 20 Nm Comando Segnale Y DC 0 10 V, impedenza 100 k On-Off, 3-punti (solo AC), modulante (DC 0... Scheda ecnica SF24A-MF Attuatore di sicurezza con ritorno a molla multifunzioni per serrande di regolazione dell' aria in impianti di ventilazione e condizionamento negli edifici. Per serrande di regolazione

Dettagli