Genie II Manuale d istruzioni. Vi preghiamo di leggere questo manuale prima di volare con il Genie II per la prima volta.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Genie II Manuale d istruzioni. Vi preghiamo di leggere questo manuale prima di volare con il Genie II per la prima volta."

Transcript

1 Genie II Manuale d istruzioni Vi preghiamo di leggere questo manuale prima di volare con il Genie II per la prima volta.

2 Grazie Grazie per aver scelto il Genie II. Confidiamo che quest imbrago sarà in grado di fornirti un maggiore comfort, controllo, prestazioni e divertimento in volo. Questo manuale contiene tutte le informazioni necessarie ad assemblare, regolare, volare e conservare il tuo imbrago. Un accurata conoscenza del tuo equipaggiamento migliorerà la tua personale sicurezza e ti consentirà di accrescere il tuo potenziale. Nel caso in cui in futuro dovessi rivendere l imbrago, ti preghiamo gentilmente di consegnare questo manuale al nuovo proprietario. Buoni voli e morbidi atterraggi, Il GIN Team Nota di Sicurezza Acquistando il nostro equipaggiamento, sei consapevole di essere un pilota di parapendio con regolare attestato ed accetti tutti i rischi inerenti l attività del volo incluse lesioni e morte. L improprio o scorretto uso dell equipaggiamento GIN aumenta considerevolmente questo rischio. In nessun caso, Gin Gliders Inc. e il rivenditore d equipaggiamento GIN, potranno essere responsabili per lesioni personali recate a te stesso, a terzi o danni di qualsiasi tipo. Se un qualsiasi aspetto sull uso della nostra attrezzatura non fosse sufficientemente chiaro, ti preghiamo di contattare il tuo rivenditore locale GIN o l importatore del tuo paese. 2

3 Indice Grazie Gin Gliders Introduzione al Genie II...5 Genie II Front... 6 Genie II Bottom... 6 Protezione dorsale... 6 Poggia piedi... 7 Optional Extra... 7 Paracadute d emergenza... 7 Speed bar... 7 Flight Deck... 7 Altri accessori Prima di andare in volo...8 Assemblaggio... 8 Speed system... 8 Protezione dorsale e laterali... 8 Installazione paracadute d emergenza... 8 Poggia piedi Regolazioni Spallacci Cinghie laterali Cosciali Pettorale Speed bar Poggia piedi Volare con il Genie II...14 Controlli pre volo Apertura del paracadute d emergenza Tasca contenitiva/tasche varie Atterraggio Varie...16 Traino Volo tandem Volare su superfici acquee Cura, Manutenzione e Riparazione...17 Cura e Manutenzione Lista di controllo Riparazioni Dati tecnici...18 Descrizione dei materiali Certificazione Imbrago Genie II Protezione dorsale GINSOFT

4 1. Gin Gliders La Gin Gliders è stata formata nel 1998 dal progettista e competition pilot Gin Seok Song ed il suo team d ingegneri e test pilots. La filosofia di Gin è semplice: progettare attrezzatura da parapendio che lui stesso, e qualsiasi altro pilota, ami volare. La stessa filosofia è stata applicata sia per le imbragature come il Genie II, sia per il Boomerang, la vela da competizione vincente al livello mondiale. Nessun prodotto viene realizzato e immesso sul mercato senza che Gin ne sia pienamente soddisfatto. Gin ha al suo attivo un bagaglio di 15 anni d esperienza nella progettazione e produzione di parapendii, ed è supportato da un team di collaboratori di pari esperienza, che costituiscono l anima dell azienda in Korea, ed un estesa e capillare rete di distributori e rivenditori a livello mondiale. Il GIN Team ha vinto la Coppa del Mondo ogni anno dal 1998 al 2002 ed ha ottenuto innumerevoli vittorie in gare di Coppa del Mondo, Campionati Mondiali e Campionati Nazionali. Quest elevato grado di competenza è ottenuto grazie ad una grande dedizione professionale, così da fornirti il miglior prodotto possibile ed un appoggio qualificato dopo l acquisto. 4

5 2. Introduzione al Genie II Il Genie II è stato sviluppato dal R&D team Gin Gliders per soddisfare le massime esigenze e richieste della maggior parte dei piloti - il Genie II è l imbrago usato dai test pilots GIN durante l arco di sviluppo delle vele nuove. Il Genie II è adatto ad un ampia gamma di piloti, dal pilota occasionale all esperto pilota di cross country. Il Genie II è un imbrago lineare ed aerodinamico, progettato per massimo comfort e facilità d uso. Il design elegante punta sulla semplicità, eliminando la necessità di sovra complicate regolazioni. La complessiva geometria dell imbrago permette al pilota di sentire con maggiore sensibilità ciò che trasmette la vela, conservando sempre la sensazione di massima sicurezza in volo. Ciò incrementa la precisione delle virate in termica e aiuta il pilotaggio attivo. Nei voli di distanza, il comfort del Genie II non ha rivali. Cinghie cosciali e pettorale sono integrati nel T-bar system per prevenire che il pilota possa andare in volo, dimenticandosi di allacciare i cosciali. La sicurezza è stata inoltre incrementata con il posizionamento della protezione dorsale; la tasca posteriore è stata spostata verso l alto, offrendo protezione nel caso il pilota cadesse accidentalmente all indietro. Ci sono 2 differenti modelli di Genie II: FRONT - con contenitore emergenza frontale o BOTTOM - con contenitore emergenza sotto la seduta. Il modello con contenitore emergenza frontale è ideale per i piloti che amano la sensazione di grande sicurezza avendo l emergenza a vista, e desiderano posizionare gli strumenti di volo sopra la stessa. Il modello con contenitore sotto la seduta (maniglia dell emergenza sul lato destro) offre un addizionale protezione nel caso di un atterraggio ruvido. 5

6 Genie II Front Il Genie II Front include: Protezioni laterali e dorsale, moschettoni e poggia piedi Contenitore per emergenza frontale Spaziosa tasca dorsale porta sacca e varie tasche piccole per i voli di lunga durata Il Genie II è certificato DHV e disponibile nelle taglie: M, L e XL. Peso: 4.8 Kg (senza le protezioni inserite). Genie II Bottom Stesse specifiche del Genie II Front, ad eccezione del contenitore dell emergenza che è posizionato sotto la seduta. Protezione dorsale The Genie II è equipaggiato con una protezione GINSOFT da 21 cm o GINSOFT II 17cm, e una lastra in poli carbonato a protezione contro urto con oggetti appuntiti. La protezione dorsale è suddivisa in compartimenti separati, per prevenire che l aria possa dissiparsi troppo rapidamente in caso d impatto violento. La protezione dorsale è certificata DHV e testata per resistere ad una forza fino a 19G GINSOFT 21cm, e 17.5G GINSOFT II 17cm. Peso della protezione dorsale: GINSOFT 21cm: 1.8 Kg. Peso della protezione dorsale: GINSOFT II 17cm: 0.9 Kg. 6

7 Poggia piedi Il poggia piedi offre un incremento del comfort e del controllo. Facendo pressione su un lato della barra, il pilota è in grado di spostare il peso sul lato opposto più efficacemente. In una lunga planata, il pilota, può fare piccole ed efficienti correzioni senza toccare i freni, e le termiche forti possono essere centrate più facilmente. La pedalina poggia piedi può inoltre aiutare il pilota a sistemarsi più comodamente nell imbrago appena dopo il decollo, e a mantenere in volo una posizione aerodinamica. Il poggia piedi può essere smontato nel caso il pilota preferisca volere senza. Optional Extra I seguenti accessori sono disponibili come optional. Paracadute d emergenza Il Genie II è progettato per l utilizzo con il paracadute d emergenza GIN. Altri sistemi d emergenza in commercio possono essere usati, ma l integrità del sistema combinato non è garantita; la combinazione imbrago/emergenza dovrà essere opportunamente controllata da un qualificato operatore professionale del parapendio. Speed bar Il Genie II è compatibile con tutti i comuni tipi d acceleratore. Noi vi raccomandiamo la GIN metal speed bar in alluminio. Flight Deck Il Genie II può essere equipaggiato con il flight deck, consentendo una facile lettura della strumentazione di volo e/o di caricare una zavorra. Altri accessori Per aggiornate informazioni su addizionali accessori, visitate il sito internet oppure contattate il vostro centro autorizzato GIN o l importatore del vostro paese. 7

8 3. Prima di andare in volo Il Genie II deve essere assemblato da un qualificato operatore professionale di parapendio. In particolare, massima cura ed attenzione deve essere posta nel sistemare l emergenza in maniera appropriata nell imbrago. L imbrago dovrà essere successivamente regolato in base alle personali esigenze di comfort dal pilota. Assemblaggio Gin Gliders raccomanda che l assemblaggio sia eseguito nell ordine sotto specificato. In caso di dubbio o quant altro riguardo questo procedimento, vi preghiamo di chiedere consiglio al vostro istruttore, rivenditore GIN o direttamente all importatore. Speed system Lo speed bar si monta dall alto verso il basso. Passate il cordino della speed attraverso l occhiello vicino alla tasca laterale, fatelo passare poi dentro la carrucola e nuovamente fuori attraverso l anello vicino all angolo frontale; ripetete l operazione sull altro lato. Protezione dorsale e laterali Sistemate la piastra di poli carbonato anti-perforazione, quindi fate scivolare mano mano all interno dell imbrago, nel vano predisposto la GINSOFT. Inserite le protezioni laterali nelle apposite tasche ai lati della seduta. Installazione paracadute d emergenza Il Genie II è compatibile con il paracadute d emergenza GIN. Può in ogni modo essere compatibile con la maggior parte dei paracaduti d emergenza in commercio, ma non vi è garanzia a riguardo e di ciò dovrete farne un controllo con il vostro istruttore o rivenditore. Dovrete assicurarvi inoltre di avere il materiale necessario per installare il paracadute, ad esempio, maillons e cordino. Il paracadute d emergenza dovrà essere ripiegato almeno ogni 6 mesi, perciò installare l emergenza in un imbrago nuovo può fornire anche un ottima occasione per ripiegare l emergenza stessa. Consultate il manuale della vostra emergenza per ulteriori dettagli. 8

9 Montaggio della fune di vincolo alle cinghie dell imbrago Un Maillon Rapide tipo moschettone è raccomandato, ad esempio un 6mm in acciaio certificato CEN 2785 KG, o min. 9 volte il peso totale Il maillon dovrà essere ulteriormente bloccato con cinghie di gomma, nastro o tubo di plastica sagomato. E vivamente sconsigliato l aggancio cinghia su cinghia, dovuto alla pericolosità di avere il nodo a strozzo in posizione non corretta, che comporta un significativo indebolimento dell aggancio stesso. Montaggio della sacca di lancio alla maniglia di lancio Il contenitore dell emergenza del Genie II è consegnato assieme alla propria specifica maniglia di lancio. Questa maniglia e relativa cinghia devono essere collegate con la sacca di lancio dell emergenza. Se la sacca di lancio del vostro paracadute non dispone dell occhiello opportuno, vi preghiamo di contattare il vostro rivenditore dell emergenza. 9

10 Emergenza frontale 10

11 Emergenza montata sotto la seduta Fate particolare attenzione alle possibilità di montaggio dell emergenza sotto la seduta il punto d aggancio della sacca di lancio dovrà essere a lato, e non al centro dell emergenza. 11

12 Poggia piedi Utilizzate il poggia piedi solo se vi risulta comodo e ben integrato con il resto dell imbrago. Il montaggio si effettua collegando il poggia piedi con le apposite fibie poste frontalmente agli angoli della seduta su ambo i lati. Regolazioni Il Genie II dovrà essere regolato per adattarsi al vostro fisico e al vostro stile di volo. E ideale provare le regolazioni preventivamente appesi ad un trespolo prima di effettuare il primo volo. Ulteriori ritocchi possono essere effettuati durante i vostri primi voli. Assicuratevi che l emergenza e la protezione dorsale siano state installate, prima di effettuare le regolazioni. Spallacci La regolazione ottimale degli spallacci dipende dalla statura del pilota. Mettetevi in posizione eretta con i cosciali allacciati, e simmetricamente regolate gli spallacci fin tanto che questi non siano appena stretti. Durante il volo gli spallacci dovranno risultare un po laschi. Cinghie laterali Le cinghie laterali regolano l angolo tra le cosce e la schiena. Quest angolo può essere regolato tra 80 e 100. Allungando le cinghie si aumenta l angolo e vice-versa. Cosciali La corretta regolazione dei cosciali consente al pilota di raggiungere facilmente la posizione seduta dopo il decollo senza l uso delle mani. In posizione eretta, utilizzate le fibie sotto l asse di seduta per regolare le cinghie cosciali, in maniera che calzino comodamente, senza essere troppo strette; assicuratevi di farlo simmetricamente. Se dovesse risultare necessario allentare le cinghie cosciali, prima di farlo controllate che gli spallacci non siano regolati troppo stretti. Non è normalmente necessario fare grosse regolazioni rispetto alla posizione standard. Pettorale La regolazione del pettorale controlla la distanza tra i moschettoni ed influisce sulla manovrabilità e stabilità della vela. Ampliare la distanza tra i moschettoni aumenta i segnali che trasmette la vela. Noi consigliamo a tutti i piloti GIN di volare con una distanza approssimativa tra i moschettoni di 44cm. Il pettorale può anche essere regolato in volo in base alle condizioni; ad esempio, potrebbe essere più tirato in turbolenza e allentato in condizioni deboli. 12

13 Speed bar Agganciati al trespolo, regolate la distanza del cordino in modo tale che la barra sia appesa ad una distanza non superiore ai 15cm sotto la parte frontale dell imbrago. Un cordino troppo corto potrebbe portare ad avere l acceleratore costantemente trazionato e non innestato intenzionalmente durante il volo. E più sicuro decollare con la speed bar un po lunga, ed accorciarla via via negli immediati voli successivi. Provate la speed bar in volo solo dopo aver raggiunto un ideale e confortevole regolazione del vostro nuovo imbrago, e fatelo sempre in aria calma con ampio margine sul terreno. Poggia piedi Una volta che avete trovato la vostra posizione ideale di seduta regolate il poggia piedi. Il poggia piedi dovrà essere regolato in modo che le gambe, completamente distese, rimangano sulla pedalina mentre siete comodamente seduti nell imbrago. Come per l acceleratore, il poggia piedi va adattato al Genie II prima di provare ad utilizzarlo. 13

14 4. Volare con il Genie II Controlli pre volo Per la massima sicurezza, utilizzate un valido e completo metodo di controlli pre volo e ripetete le stesse sequenze mentali ad ogni volo. Controllate che: Non vi siano danneggiamenti visibili sull imbrago o sui moschettoni che possano influire sul volo. Il contenitore dell emergenza sia chiuso correttamente. La maniglia di lancio sia perfettamente inserita nelle tasche elastiche ed assicurata con il velcro. Tutte le fibie, cinghie, cerniere siano saldamente fissate. Le fibie dovranno chiudersi a scatto quando le agganciate, ed una puleggia di cortesia a fibia chiusa verifica ciò. Allacciate la zip dopo aver agganciato le fibie. Fate particolare attenzione in presenza di neve o sabbia. Il parapendio sia correttamente agganciato all imbrago ed entrambi i moschettoni perfettamente serrati a mezzo del relativo meccanismo di chiusura. La speed bar sia montata correttamente alla vela. Tutte le tasche siano accuratamente chiuse e che ogni oggetto passibile di perdita in volo sia accuratamente ben legato. Apertura del paracadute d emergenza E vitale periodicamente ricercare la posizione della maniglia di lancio durante il volo normale, di modo che il movimento di reazione per il lancio del paracadute di soccorso sia istintivo in caso d emergenza. Nel caso di situazione d emergenza, il pilota deve velocemente valutare la propria quota e la gravosità dell incidente. Lanciando il paracadute di soccorso quando la vela è recuperabile potrebbe incrementare il pericolo di farsi male. Nell altro caso, anche un secondo d esitazione potrebbe dimostrarsi costoso. 14

15 Se il paracadute d emergenza deve essere lanciato, la procedura è come segue: Ricercate la maniglia di lancio ed afferratela saldamente con una mano Tirate verso l alto sulla maniglia per farlo uscire dal contenitore dell imbrago. Cercate uno spazio libero, ed in un'unica sequenza di movimento, lanciate (e rilasciate!) l emergenza lontano da voi e dalla vela, preferibilmente nel flusso d aria ed in direzione contraria alla rotazione. Dopo l apertura, evitate intrecci e pendolamenti trazionando simmetricamente, per quanto possibile, il fascio B, C, D o i freni del parapendio stesso. Nell atterrare, assicuratevi di usare una TCP (Tecnica di caduta paracadutistica) per ridurre il rischio di lesioni. Tasca contenitiva/tasche varie Il Genie II dispone di una spaziosa tasca contenitiva dorsale e piccole tasche laterali, per tutte le cose voi portiate nei voli lunghi. Sono disposte in maniera tale da che il contenuto non possa fuoriuscire durante il volo anche se le tasche sono aperte. Atterraggio Prima di atterrare, fate scivolare le gambe fuori dal piano di seduta in maniera da adottare una posizione eretta. MAI atterrare in posizione seduta; è molto pericoloso per la tua schiena anche se disponi della protezione dorsale, la quale è esclusivamente un sistema si sicurezza passiva. Porsi in posizione eretta prima di atterrare è un sistema di sicurezza attiva, ed è molto più efficacie. 15

16 5. Varie Traino Il Genie II è anche ottimo per il traino. Il sistema di rilascio è collegato all anello di traino come sotto riportato. Per ulteriori dettagli, fate riferimento alle istruzioni del vostro sistema di rilascio al traino, o rivolgetevi ad un qualificato istruttore di traino presso il vostro centro di traino. Volo tandem Il Genie II non è consigliato per il volo tandem. Volare su superfici acquee La protezione dorsale dovrà essere rimossa durante le prove di manovre estreme, corsi S.I.V. o qualsiasi altro tipo di volo sopra l acqua, ciò dovuto alle aumentate possibilità di annegamento a seguito di un atterraggio in acqua. 16

17 6. Cura, Manutenzione e Riparazione I materiali usati nel Genie II sono stati accuratamente scelti per la massima durata. Tuttavia, conservare il vostro imbrago pulito e intatto ne assicura un suo lungo periodo di efficiente operatività. Cura e Manutenzione Evitate di strisciare il vostro imbrago su superfici ruvide o rocciose. Inutili esposizioni ai raggi UV, calore e umidità dovrebbero essere sempre evitate. Conservate l imbrago nella vostra sacca quando non utilizzato. Riponete tutto il vostro equipaggiamento di volo luogo asciutto e fresco, mai riporlo quando è ancora umido o bagnato. Conservate il vostro imbrago il più pulito possibile effettuando una regolare pulizia dello sporco con una spazzola con setole in plastica e/o un panno umido. Se l imbrago si è sporcato particolarmente, lavatelo con acqua e sapone delicato. Assicuratevi prima di rimuovere tutti i componenti: asse della seduta, lastra posteriore, protezione dorsale, paracadute d emergenza etc. Permettete all imbrago d asciugarsi in maniera naturale, in luogo ben ventilato e lontano dalla luce diretta del sole. Se anche il vostro paracadute d emergenza risulta bagnato (es. Atterraggio in acqua) dovete staccarlo dall imbrago, farlo asciugare e ripiegarlo prima di riporlo nella proprio contenitore. Le cerniere e le fibie possono essere occasionalmente lubrificati con spray al silicone, non più d una volta all anno. Lista di controllo In aggiunta ai regolari controlli pre-volo, il Genie II dovrà essere controllato completamente ad ogni ripiegamento dell emergenza, normalmente ogni 6 mesi. Addizionali controlli dovranno essere intrapresi dopo ogni impatto, brutto atterraggio o decollo, o nel caso ci sia qualsiasi segno di danno o eccessivo logoramento. Chiedete sempre un consiglio professionale in caso di dubbio. Sarà necessario eseguire quanto segue: Controllare tutto il tessuto, cinghie e fibie riguardo usura e danneggiamenti; in particolare tutte le parti non facili da vedere, come l interno dei punti d aggancio dei moschettoni. Tutte le cuciture devono essere intatte, è necessari intervenire ad ogni anomalia immediatamente per evitare l espandersi del problema. Speciale attenzione dovrà essere tenuta nell installazione del paracadute di soccorso, particolarmente per le parti elastiche ed in velcro. Sull asse della seduta e la lastra posteriore non vi devono essere rotture. I moschettoni principali in alluminio devono essere sostituiti al più tardi ogni due anni. Gli impatti possono creare invisibili rotture che possono portare, sotto un continuo carico, ad un indebolimento strutturale. Riparazioni Ogni riparazione che riguarda parti critiche dell imbrago dovrà essere eseguita dal produttore o da un centro autorizzato. Questo assicurerà che vengano utilizzati appropriati materiali e adottate corrette tecniche di riparazione. 17

18 7. Dati tecnici Descrizione dei materiali Descrizione Massimo carico Altezza del centro di gravità Distanza tra i moschettoni Peso (senza paracadute) Imbrago da parapendio 100 kg 38 cm cm 4.8 Kg Protezione dorsale GINSOFT DHV-Gütesiegel Nr. GSP Certified 19G 1.8kg GINSOFT II DHV-Gütesiegel Nr. GSP Certified 17.5G 0.9kg Contenitore del paracadute Front container OR integrated under the seat plate Certificazione Imbrago Genie II Il Genie II è omologato DHV - Gütesiegel Nr. GS 03-bbb-03 Protezione dorsale GINSOFT DHV-Gütesiegel Nr. GSP certified 19G Protezione dorsale GINSOFT II DHV-Gütesiegel Nr. GSP certified 17.5G E stato fatto ogni sforzo per assicurare che le informazioni presenti in questo manuale siano corrette, ma ad ogni modo tenete in considerazione che è stato prodotto solamente per essere una guida. Questo manuale d uso è soggetto a cambiamenti senza alcun preavviso. Controllate per le più aggiornate informazioni riguardanti il Genie II, le istruzioni di manutenzione e tutti gli altri prodotti GIN. 18

LINEA GUIDA. Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA

LINEA GUIDA. Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA LINEA GUIDA Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA LINEA GUIDA Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi

Dettagli

Manuale di installazione, manutenzione ed assistenza dei freni a disco idraulici

Manuale di installazione, manutenzione ed assistenza dei freni a disco idraulici Manuale di installazione, manutenzione ed assistenza dei freni a disco idraulici HFX-Mag HFX-Mag Plus HFX-9 HFX-9 HD Informazioni sulla sicurezza Questo tipo di freno è stato progettato per l uso su mountain

Dettagli

ADDESTRAMENTO AL LANCIO CON PARACADUTE AD APERTURA AUTOMATICA E CALOTTA EMISFERICA

ADDESTRAMENTO AL LANCIO CON PARACADUTE AD APERTURA AUTOMATICA E CALOTTA EMISFERICA ASSOCIAZIONE NAZIONALE PARACADUTISTI D ITALIA ADDESTRAMENTO AL LANCIO CON PARACADUTE AD APERTURA AUTOMATICA E CALOTTA EMISFERICA Manuale per l acquisizione dell abilitazione al lancio di interesse militare

Dettagli

MANUALE DI USO ED INSTALLAZIONE

MANUALE DI USO ED INSTALLAZIONE I MANUALE DI USO ED INSTALLAZIONE 8901166100 STUFE A PELLET Capitolo 1 MANUALE DI INSTALLAZIONE E UTILIZZO pag. 2 INTRODUZIONE... 4 1. AVVERTENZE E CONDIZIONI DI GARANZIA... 5 1.1. AVVERTENZE PER LA SICUREZZA...

Dettagli

Il rischio di caduta dall alto: dalla prevenzione/protezione all edilizia acrobatica

Il rischio di caduta dall alto: dalla prevenzione/protezione all edilizia acrobatica Laboratorio di sicurezza degli impianti industriali Docente: Prof. Ing. Lorenzo Fedele Il rischio di caduta dall alto: dalla prevenzione/protezione all edilizia acrobatica Andrea Spaziani 1318099 A. A.

Dettagli

Regolatore della soglia (RLC, RLT & X)

Regolatore della soglia (RLC, RLT & X) Cannotto Tappo dell aria (forcelle ad aria) Regolatore dell escursione (TALAS) Manopola del precarico (forcelle a molla) Manopola del ritorno (tutte le forcelle) Levetta di bloccaggio (RL, RLC & RLT) Regolatore

Dettagli

LINEA GUIDA PER L ESECUZIONE DI LAVORI TEMPORANEI IN QUOTA CON L IMPIEGO DI SISTEMI DI ACCESSO E POSIZIONAMENTO MEDIANTE FUNI

LINEA GUIDA PER L ESECUZIONE DI LAVORI TEMPORANEI IN QUOTA CON L IMPIEGO DI SISTEMI DI ACCESSO E POSIZIONAMENTO MEDIANTE FUNI MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Dipartimento per le Politiche del Lavoro e dell Occupazione e Tutela dei Lavoratori DIREZIONE GENERALE DELLA TUTELA DELLE CONDIZIONI DI LAVORO DIV. VII -

Dettagli

OWNER S MANUAL WHEELS PART 1

OWNER S MANUAL WHEELS PART 1 OWNER S MANUAL WHEELS PART 1 Leggete attentamente le istruzioni riportate nel presente manuale. Questo manuale è parte integrante del prodotto e deve essere conservato in un luogo sicuro per future consultazioni.

Dettagli

-105- 1 http://www.edilio.it; Dossier Ponteggi in sicurezza: tipologie e normativa

-105- 1 http://www.edilio.it; Dossier Ponteggi in sicurezza: tipologie e normativa I ponteggi sono definiti "opere provvisionali", cioè strutture di servizio di tipo temporaneo non facenti parte integrante della costruzione, ma allestiti o impiegati per la realizzazione, la manutenzione

Dettagli

IL LAVORO CON I CARRELLI ELEVATORI

IL LAVORO CON I CARRELLI ELEVATORI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Servizio Prevenzione e Protezione IL LAVORO CON I CARRELLI ELEVATORI CORSO DI FORMAZIONE PER GLI UTILIZZATORI ED I GESTORI DEI CARRELLI ELEVATORI DELL UNIVERSITÀ DEGLI

Dettagli

SPECIALE TECNICO. Riscaldarsi con il pellet e con la legna. Autori vari

SPECIALE TECNICO. Riscaldarsi con il pellet e con la legna. Autori vari SPECIALE TECNICO Riscaldarsi con il pellet e con la legna Autori vari OTTOBRE 2014 Questo Speciale è stato realizzato grazie al contributo di: QUALENERGIA.IT SPECIALE TECNICO / OTT 2014 ABSTRACT Riscaldarsi

Dettagli

Motori elettricos ad induzione trifasi a bassa ed alta tensione Linea M - Collettore rotante - Orizzontale

Motori elettricos ad induzione trifasi a bassa ed alta tensione Linea M - Collettore rotante - Orizzontale Motori Automazione Energia Trasmissione & Distribuzione Vernici Motori elettricos ad induzione trifasi a bassa ed alta tensione Linea M - Collettore rotante - Orizzontale Manuale di Installazione, Operazione

Dettagli

CARICARE NEL MODO GIUSTO ANCORARE CORRETTAMENTE

CARICARE NEL MODO GIUSTO ANCORARE CORRETTAMENTE CARICARE NEL MODO GIUSTO ANCORARE CORRETTAMENTE Qualsiasi cosa transportate: la responsabilità vi accompagna! PREFAZIONE Egregi trasportatori, stimati conducenti di veicoli commerciali Caricare correttamente

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

Programma portatutto e ganci traino

Programma portatutto e ganci traino Programma portatutto e ganci traino indice Ganci di traino Ganci di traino... 3 Gancio di traino a larghezza variabile... 4 Know- How per tutti... 6 Portatutto per motocaravan AL-KO BACKPACK 150... 7 VELO

Dettagli

Cadute dall alto nei lavori in quota

Cadute dall alto nei lavori in quota COLLANA SICUREZZA n. 3 Cadute dall alto nei lavori in quota Cadute dall alto nei lavori in quota Testi a cura di EBAT Ente Bilaterale Artigianato Trentino, OSA Organismo Sicurezza Artigianato Coordinamento

Dettagli

SCUOLA INTERREGIONALE DI ALPINISMO L.P.V. DISPENSA DI ARRAMPICATA SU: GHIACCIO VERTICALE CASCATE DI GHIACCIO

SCUOLA INTERREGIONALE DI ALPINISMO L.P.V. DISPENSA DI ARRAMPICATA SU: GHIACCIO VERTICALE CASCATE DI GHIACCIO COMMISSIONE INTERREGIONALE SCUOLE DI ALPINISMO E SCIALPINISMO LIGURE-PIEMONTESE-VALDOSTANA SCUOLA INTERREGIONALE DI ALPINISMO L.P.V. DISPENSA DI ARRAMPICATA SU: GHIACCIO VERTICALE CASCATE DI GHIACCIO Premessa:

Dettagli

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso V-ZUG SA Cappa aspirante DW-SE/DI-SE Istruzioni per l uso Grazie per aver scelto uno dei nostri prodotti. Il vostro apparecchio soddisfa elevate esigenze, e il suo uso è molto semplice. E tuttavia necessario

Dettagli

PART 1 PART 1. Manuale Uso e Manutenzione Ownerʼs Manual Bedienungs-Anleitung RUOTE - WHEELS - LAUFRÄDER ROUES - RUEDAS - WIELEN

PART 1 PART 1. Manuale Uso e Manutenzione Ownerʼs Manual Bedienungs-Anleitung RUOTE - WHEELS - LAUFRÄDER ROUES - RUEDAS - WIELEN RUOTE - WHEELS - LAUFRÄDER ROUES - RUEDAS - WIELEN Manuale Uso e Manutenzione Ownerʼs Manual Bedienungs-Anleitung PART 1 PART 1 Manuel dʼinstructions et dʼentretien Manuel de Uso y Manutención Handleiding

Dettagli

Pump Division. Tipo: CPX, CPXR e CPXN POMPE PER PRODOTTI CHIMICI CON INTELAIATURA PORTANTE MANUALE D'USO: INSTALLAZIONE, FUNZIONAMENTO E MANUTENZIONE

Pump Division. Tipo: CPX, CPXR e CPXN POMPE PER PRODOTTI CHIMICI CON INTELAIATURA PORTANTE MANUALE D'USO: INSTALLAZIONE, FUNZIONAMENTO E MANUTENZIONE Pump Division Tipo: CPX, CPXR e CPXN POMPE PER PRODOTTI CHIMICI CON INTELAIATURA PORTANTE MANUALE D'USO: INSTALLAZIONE, FUNZIONAMENTO E MANUTENZIONE PCN=71569124 02-05 (I) (ingloba C937KH019 e C937KH060)

Dettagli

Lavorare in sicurezza con la motosega

Lavorare in sicurezza con la motosega { Indice Originale Istruzioni d'uso Stampato su carta candeggiata senza cloro. I colori di stampa contengono oli vegetali; la carta è riciclabile. Avvertenze di sicurezza e tecnica operativa 2 Istruzioni

Dettagli

Manuale dell utente completo

Manuale dell utente completo Manuale dell utente completo SOMMARIO Benvenuti 03 Considerazioni iniziali 04 Il vostro MIO Alpha 04 Icone 04 Attivazione di MIO Alpha Utilizzo di MIO Alpha 05 Indossare MIO Alpha 05 Misurazione della

Dettagli

Opuscolo per i lavoratori. Il lavoro al videoterminale

Opuscolo per i lavoratori. Il lavoro al videoterminale Opuscolo per i lavoratori Il lavoro al videoterminale Edizione 2002 Collana per la Prevenzione sicurezza sul lavoro Questa pubblicazione è stata realizzata dall INAIL attraverso la rielaborazione, autorizzata,

Dettagli

Guida per Guantoni da Baseball barnett

Guida per Guantoni da Baseball barnett Guida per Guantoni da Baseball barnett Rete Bridge Area triangolare Tasca Rinforzo mignolo Rinforzo polso Allacciatura Lanciatore destro = il lanciatore porta il guantone nella mano sinistra Lanciatore

Dettagli

Il lavoro al videoterminale

Il lavoro al videoterminale Il lavoro al videoterminale Edizione 2010 Realizzato dall INAIL. Rielaborazione editoriale autorizzata di una pubblicazione di SUVA, l Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni

Dettagli

Manuale dell utente. Serie FINEPIX S8500 Serie FINEPIX S8400 Serie FINEPIX S8300 Serie FINEPIX S8200 DIGITAL CAMERA. Prima di iniziare.

Manuale dell utente. Serie FINEPIX S8500 Serie FINEPIX S8400 Serie FINEPIX S8300 Serie FINEPIX S8200 DIGITAL CAMERA. Prima di iniziare. BL02209-03 IT DIGITAL CAMERA Serie FINEPIX S8500 Serie FINEPIX S8400 Serie FINEPIX S8300 Serie FINEPIX S8200 Manuale dell utente Grazie per avere acquistato questo prodotto. Nel presente manuale sono descritte

Dettagli

SULLE COPERTURE DEGLI EDIFICI

SULLE COPERTURE DEGLI EDIFICI Comitato regionale di coordinamento art. 27 D.Lgs. 626/94 05/09/2006 A.S.S. N 1 Triestina Dipartimento di Prevenzione U.O.P.S.A.L. Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia A.S.S. n. 2 Isontina Dipartimento

Dettagli

Il lavoro al videoterminale

Il lavoro al videoterminale Il lavoro al videoterminale RISCHI E PREVENZIONE Edizione 2010 Il lavoro al videoterminale Edizione 2010 Realizzato dall INAIL. Rielaborazione editoriale autorizzata di una pubblicazione di SUVA, l Istituto

Dettagli

Incubatrice da trasporto

Incubatrice da trasporto Incubatrice da trasporto AVVERTENZA: Suggeriamo all'utente di leggere attentamente questo manuale prima di utilizzare il dispositivo, per comprendere a fondo le caratteristiche delle sue prestazioni. Modelli

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli