lucia starola - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. Gli obblighi antiriciclaggio per i revisori legali di Lucia Starola

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "lucia starola - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. Gli obblighi antiriciclaggio per i revisori legali di Lucia Starola"

Transcript

1 Gli obblighi antiriciclaggio per i revisori legali di Lucia Starola L Associazione Italiana Revisori Contabili, Assirevi, ha pubblicato a fine maggio 2014 sul proprio sito il Documento di ricerca n. 181, rubricato Normativa antiriciclaggio: applicazione alle società di revisione, circa le modalità di adempimento degli obblighi di adeguata verifica, organizzazione, registrazione, procedure e controlli interni. I contenuti di tale Documento, degno di rilievo, sono per molti aspetti validi anche per i revisori persone fisiche e per i sindaci revisori, nonché per i professionisti in genere. La normativa di prevenzione del riciclaggio contiene una articolata previsione di normative secondarie di attuazione, la cui emanazione è affidata alle Autorità di Vigilanza di settore (art. 7 D.Lgs. n. 231/2001). In particolare è previsto che la Consob, autorità di vigilanza dei revisori legali e delle società di revisione con incarichi di revisione su enti di interesse pubblico, emani diposizioni circa le modalità di adempimento degli obblighi di adeguata verifica (1), di organizzazione, registrazione, procedure e controlli interni (2). L Associazione Italiana Revisori Contabili, Assirevi, ha pubblicato a fine maggio sul proprio sito il Documento di ricerca n. 181, rubricato Normativa antiriciclaggio: applicazione alle società di revisione. Il Documento analizza diverse problematiche sottese agli adempimenti richiesti dal D.Lgs. n. 231/2007 alla luce delle disposizioni di Consob e di Banca d Italia (3) ed appare utile analizzare alcune interpretazioni fatte proprie da Assirevi. I contenuti di tale Documento, degno di rilievo, sono per molti aspetti validi anche per i revisori persone fisiche e per i sindaci revisori, nonché per i professionisti in genere. Principi generali In premessa, il Documento richiama i principi generali enunciati nell art. 3 del Decreto all interno dei quali deve essere ricondotto e deve essere interpretato il contenuto precettivo di ogni singola norma. Tali principi sono essenzialmente due: i destinatari adempiono agli obblighi avendo riguardo alle informazioni possedute o acquisite nell ambito della propria attività istituzionale o professionale; l applicazione delle misure deve essere proporzionata alla peculiarità delle varie professioni. Rapportando tali principi alle società di revisione, Assirevi richiama la necessità che siano po- Lucia Starola - Starola - Cantino Battaglia - Sandri - Dottori Commercialisti Associati (1) Provvedimento recante disposizioni attuative in materia di adeguata verifica della clientela da parte dei revisori legali e delle società di revisione con incarichi di revisione su enti di interesse pubblico, ai sensi dell art. 7, comma 2, del D.Lgs. 21 novembre 2007, n. 231, adottato con Delibera del 18 febbraio (2) Provvedimento recante disposizioni attuative in materia di organizzazione, procedure e controlli interni volti a prevenire l utilizzo a fini di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo delle società di revisione iscritte nell Albo speciale previsto dall articolo 161 del D.Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e contemporaneamente iscritte nel Registro dei revisori contabili, ai sensi dell art. 7, comma 2, del D.Lgs. n. 231/2007, adottato con Delibera n del 28 giugno (3) Provvedimento recante gli indicatori di anomalia per le società di revisione e revisori legali con incarichi di revisione su enti di interesse pubblico, emanato con Delibera della Banca d Italia n. 61 del 31 gennaio Provvedimento recante disposizioni attuative per la tenuta dell archivio unico informatico e per le modalità semplificate di registrazione di cui all art. 37, commi 7 e 8, del D.Lgs. n. 231/2007, emanato con Delibera della Banca d Italia del 3 aprile

2 ste in essere le misure e le attività coerenti con la natura e l oggetto dell incarico, quindi le metodologie di lavoro, gli strumenti ed i processi organizzativi tipici dell attività di revisione, senza che debbano essere utilizzati strumenti differenti da quelli adottati nel processo di lavoro per lo svolgimento dell attività ordinaria (principi di revisione). In effetti l art. 3 contiene i precetti relativi al tipo di condotta e la diligenza richiesta al professionista, che deve operare consapevolmente per preservare la sua attività dal rischio di coinvolgimento in attività criminose. La diligenza attiene alla capacità di adottare misure (4) idonee ad un funzionale adempimento degli obblighi, ed occorre sottolineare che il richiamo alle informazioni possedute o acquisite nell ambito della propria attività professionale esclude attività legate a compiti parainvestigativi. Al professionista non potrà essere imputata l eventuale carenza nella ricerca di prove o indizi, se non con esclusivo riferimento alle informazioni oggettivamente e direttamente connesse allo svolgimento dell operazione ed, inoltre, l applicazione delle misure previste deve essere proporzionata alla peculiarità delle professioni ed alle dimensioni dei destinatari. Assirevi ricorda che la valutazione del rischio costituisce il parametro di riferimento per la commisurazione degli obblighi di adeguata verifica della clientela e, pertanto, è necessario avvalersi di una procedura di valutazione dell entità del rischio da assegnare ad ogni incarico professionale al momento del conferimento del medesimo. La codifica delle procedure interne non è Individuazione del soggetto cliente Nelle attività di adeguata verifica della clientela, correttamente Assirevi evidenzia come si renda necessario, in primo luogo, individuare quale sia il soggetto cliente, ovvero il soggetto cui la società di revisione rende una prestazione professionale, in seguito al conferimento di un incarico. In tale ambito, Assirevi afferma che, qualora non vi sia coincidenza tra soggetto conferente l incarico e società oggetto delle verifiche, cliente è il soggetto nel cui interesse è resa la prestazione professionale. In proposito vengono esemplificate talune tipologie di incarico: revisione bilancio consolidato. Se l incarico viene conferito dalla sola capogruppo deve essere identificato come cliente la sola capogruppo; acquisition due diligence / vendor due diligence. È cliente il soggetto conferente l incarico; incarichi conferiti dal Collegio sindacale, da altri organi/strutture sociali e dall attestatore: cliente è la società presso la quale viene svolta l attività di ispezione e controllo. espressamente prevista dal D.Lgs. n. 231/2007, tuttavia, per i professionisti, è stata suggerita dal Ministero della Giustizia nel Provvedimento (D.M. 16 aprile 2010) che ha indicato gli indici di anomalia per i professionisti ed i revisori, al fine di garantire omogeneità di comportamenti ed assicurare la pronta ricostruibilità a posteriori delle decisioni assunte. Individuazione del soggetto cliente Considerando che la prima delle attività di adeguata verifica è costituita dall identificazione del cliente e del titolare effettivo, correttamente Assirevi evidenzia come si renda necessario, in primo luogo, individuare quale sia il soggetto cliente, ovvero il soggetto cui la società di revisione rende una prestazione professionale, in seguito al conferimento di un incarico. In tale ambito, Assirevi afferma che qualora non vi sia coincidenza tra soggetto conferente l incarico e società oggetto delle verifiche, cliente è il soggetto nel cui interesse è resa la prestazione professionale. In proposito vengono esemplificate talune tipologie di incarico: revisione bilancio consolidato. Se l incarico viene conferito dalla sola capogruppo deve essere identificato come cliente la sola capogruppo; acquisition due diligence/vendor due diligence. È cliente il soggetto conferente l incarico; Nota: (4) G. Caputi, Gli adempimenti per i professionisti, in AA.VV., Gli adempimenti dei professionisti dopo il D.Lgs. 231/2007 di recepimento della III direttiva 2005/60/CE, Milano, 2008, pag

3 incarichi conferiti dal Collegio sindacale, da altri organi/strutture sociali e dall attestatore: cliente è la società presso la quale viene svolta l attività di ispezione e controllo. L interpretazione appare corretta, stante la precisazione che, a prescindere dall individuazione del soggetto cliente ai fini dell adeguata verifica, permangono, comunque, gli autonomi obblighi di segnalazione delle operazioni sospette in relazione a fatti di cui la società di revisione dovesse venire a conoscenza nello svolgimento delle proprie attività presso la società target. L interpretazione richiamata induce ad un pensiero critico nei confronti di talune risposte a quesiti, risalenti nel tempo, da parte dell allora Ufficio Italiano dei Cambi (5) che forse dovrebbero essere ripensate, risultando inutile e ridondante l identificazione di due diversi soggetti quali clienti, pur essendo dovuto l obbligo di eventuale segnalazione di operazione sospetta su entrambi. Allo stesso modo, Assirevi ritiene che, qualora una società estera o italiana conferisca un incarico per verifiche da svolgere nei confronti di una entità italiana, quest ultima sia da considerare cliente, ad eccezione dei casi di incarichi cosiddetti di assistenza contabile staff nel qual caso cliente dovrà essere considerata solo l entità conferente l incarico. In una visione che guardi all aspetto sostanziale della normativa, l interpretazione può essere condivisibile, sempre nel presupposto che in ogni caso permangano gli obblighi di segnalazione di operazione sospetta, attività che costituisce il fine ultimo della disciplina di prevenzione. Tuttavia, se si considera che l emergere di un sospetto deriva molte volte da una incongruenza tra un fatto e la conoscenza del cliente, acquisita anche per mezzo dell adeguata verifica dello stesso, potrebbero risultare Identificazione del cliente persona giuridica Assirevi afferma che il Provvedimento Consob in tema di adeguata verifica della clientela chiarisce» che non è richiesta l identificazione della persona fisica conferente l incarico in nome e per conto dell entità cliente o del suo legale rappresentante. Alla base dell assunto Assirevi riporta alcune considerazioni: che nell attività di revisione non esiste un soggetto esecutore di operazioni per conto del cliente, compiute mediante/presso il soggetto destinatario; che l identificazione dell esecutore/legale rappresentante è richiesta solo quando ricorra un operazione. L interpretazione di Assirevi dovrebbe estendersi a tutte le prestazioni professionali che non si concretizzano in una operazione. eccessivamente scarne le conoscenze del soggetto e quindi non rilevabile l anomalia, qualora non sia stata effettuata l adeguata verifica sull entità italiana. Identificazione del cliente persona giuridica Richiamata la peculiarità dell attività professionale della società di revisione, che si sostanzia in un rapporto di durata con l entità cliente, avente ad oggetto verifiche contabili ex post, con assenza di interazione con il legale rappresentante del cliente, Assirevi afferma che il Provvedimento Consob in tema di adeguata verifica della clientela chiarisce che non è richiesta l identificazione della persona fisica conferente l incarico in nome e per conto dell entità cliente o del suo legale rappresentante. L affermazione non è priva di interesse e merita un approfondimento. Alla base dell assunto Assirevi riporta alcune considerazioni: che nell attività di revisione non esiste un Nota: (5) - Incarichi ricevuti da altro professionista (del 21 giugno 2006). Nel caso in cui un professionista A conferisca incarico ad altro professionista B in relazione a clientela propria di A (il cliente di A non conferisce un incarico congiunto ai due professionisti) il professionista B dovrà considerare, ai fini dell espletamento degli obblighi di identificazione e registrazione, quale cliente sia il professionista A sia il cliente di A. Nell ipotesi in cui la prestazione professionale resa dal professionista B si sostanzi unicamente in una collaborazione puramente intellettuale senza che ciò importi un esame della posizione giuridica del cliente di A, il professionista B sarà tenuto unicamente agli obblighi di identificazione e registrazione nei confronti del professionista A. Ced a servizio di più professionisti (del marzo 2007). Analoga considerazione vale per l UIC nel caso di incarico conferito ad un professionista che si avvale di un Ced in forma societaria, a cui partecipa lo stesso professionista. Il cliente deve essere identificato sia dal professionista che dal Ced ed il Ced deve identificare sia il professionista che il cliente. 2497

4 soggetto esecutore di operazioni per conto del cliente, compiute mediante/presso il soggetto destinatario (6); che l art. 19, comma 1, lettera a), del Decreto, richiede l identificazione dell esecutore/legale rappresentante solo quando ricorra un operazione. In effetti, l art. 19, lettera a), primo periodo, si riferisce sia alle operazioni che all instaurazione del rapporto continuativo o della prestazione professionale, mentre il secondo periodo recita: qualora il cliente sia una società o un ente è verificata l effettiva esistenza del potere di rappresentanza e sono acquisite le informazioni necessarie per individuare e verificare l identità dei relativi rappresentanti delegati alla firma per l operazione da svolgere. L interpretazione di Assirevi, se valida a livello sostanziale, dovrebbe estendersi a tutte le prestazioni professionali che non si concretizzano in una operazione. che la posizione è stata chiarita da Consob nelle risposte alle osservazioni formulate da Assirevi in sede di consultazione del Provvedimento. In effetti, nelle osservazioni di Assirevi al documento Consob in consultazione si chiedeva di confermare che, con riferimento ai legali rappresentanti, le informazioni richieste siano unicamente quelle desumibili dai certificati camerali ed albi, e che pertanto non si deve procedere all acquisizione né di un documento in corso di validità né dei dati identificativi relativi allo stesso. Inoltre, sempre in presenza di cliente non persona fisica, si richiede di confermare che non è necessario procedere all identificazione del firmatario dell incarico, atteso che è sufficiente accertarne i soli poteri di rappresentanza. Nelle sue Valutazioni Consob ha risposto: si sottolinea che dall art. 19, comma 1, lett. a), del Individuazione del titolare effettivo Assirevi concorda con l interpretazione della nozione di titolare effettivo che assume il parametro quantitativo del 25% più uno quale criterio residuale, applicabile solo nell ipotesi in cui non si giunga alla identificazione di un soggetto controllante ai sensi dell art c.c. Assirevi sottolinea anche che la sovrapposizione fra il concetto di controllo ed un parametro quantitativo fisso che prescinde dal controllo può generare incertezza. Sul tema dell individuazione del titolare effettivo, la Proposta di IV direttiva non fornisce chiarimenti univoci, in quanto da un lato prevede che una percentuale del 25% più uno posseduto da una persona fisica costituisce prova di proprietà diretta, dall altro, prevede che la nozione di controllo sia determinata con riferimento ai criteri previsti per i bilanci consolidati. decreto antiriciclaggio si evince il principio che: deve essere verificata l effettiva esistenza del potere di rappresentanza di chi conferisce l incarico in nome e per conto di una società/ente; nel caso in cui il firmatario dell incarico sia persona diversa (es. procuratore) dal legale rappresentante vanno verificati sia a) il (particolare) potere di firma del primo; sia b) i (generali) poteri di rappresentanza del secondo. Nel silenzio di Consob sulla necessità o meno di acquisire il documento ed i dati identificativi del legale rappresentante, Assirevi legge un assenso alle proprie osservazioni. Se così è, l interpretazione è valida per qualsiasi fattispecie di cliente persona giuridica, per il quale viene svolta una prestazione professionale che non si concretizza in una operazione finalizzata ad un obiettivo di natura finanziaria o patrimoniale modificativo della situazione giuridica preesistente (art. 1, lettera l) (7). Pur considerando corretta l interpretazione di Assirevi, che non risulta essere stata percorsa in precedenza, si pongono alcune domande: se non viene identificata la persona fisica, come può esservi certezza della coincidenza con il legale (6) L affermazione è indubbiamente vera e sarebbe altrettanto vera, ad es., per la tenuta della contabilità da parte di un professionista. (7) Per analogia di argomento, si ricorda l opinione da sempre espressa dalla Commissione antiriciclaggio del CNDCEC: a sensi dell art. 16, comma 1, le prestazioni professionali che non hanno per oggetto mezzi di pagamento, né la trasmissione o movimentazione di mezzi di pagamento, non possono ritenersi operazioni a sensi del Decreto, in quanto non finalizzate ad obiettivi di natura finanziaria o patrimoniale e quindi, di per sé, gli obblighi di adeguata verifica e registrazione non sussistono, salvo il caso di sospetto di riciclaggio. 2498

5 rappresentante? Conservano valore le dichiarazioni (identità del titolare effettivo, scopo e natura della prestazione ) rese da una persona non identificata? Individuazione del titolare effettivo Assirevi concorda con l interpretazione della nozione di titolare effettivo che assume il parametro quantitativo del 25% più uno quale criterio residuale, applicabile solo nell ipotesi in cui non si giunga alla identificazione di un soggetto controllante ai sensi dell art (8). Ancora il Documento recita: la sovrapposizione fra il concetto di controllo ed un parametro quantitativo fisso che prescinde dal controllo possono generare incertezza ed in proposito viene riportato il caso in cui figurino più soci che detengano una percentuale superiore al 25%+1, ma dove il controllo sia esercitato, per effetto di un patto parasociale, soltanto da alcuni di essi; oppure l ipotesi che nessuno detenga il 25%+1, ma uno o più soci, attraverso patti di sindacato, possano esercitare, magari in relazione solo ad alcune deliberazioni, il controllo dell entità cliente. Sul tema dell individuazione del titolare effettivo, allo stato attuale degli emendamenti approvati dal Parlamento europeo, la Proposta di IV direttiva non fornisce chiarimenti univoci, in quanto da un lato prevede che una percentuale del 25% più uno posseduto da una persona fisica costituisce prova di proprietà diretta, mentre, per contro, prevede che la nozione di controllo sia determinata con riferimento ai criteri di cui all art. 22, par. da 1 a 5, della direttiva 2013/34 relativa ai bilanci consolidati. Il tema non è sicuramente ancora definito in modo univoco. Persone politicamente esposte Il Decreto non prende in considerazione la fattispecie in cui il titolare effettivo sia Persona politicamente esposta. Tuttavia si sta ormai diffondendo la convinzione sull opportunità di applicare, in tal caso, gli obblighi di adeguata verifica rafforzata (9). Inoltre, in base alla definizione normativa, non sono qualificabili Persone politicamente esposte i residenti in Italia. Tuttavia Banca d Italia (10) nelle disposizioni attuative in materia di adeguata verifica, anticipando il contenuto della Proposta di IV direttiva, prevede l applicazione degli obblighi rafforzati anche nei confronti delle persone residenti sul territorio nazionale che occupano o hanno occupato importanti cariche pubbliche. Nella stessa direzione, sia per il titolare effettivo PEP che per la PEP nazionale, vanno le indicazioni di Consob, con la precisazione, ripresa nel Documento Assirevi, che qualora ci si trovi in presenza di una PEP estera l obbligo di adeguata verifica in forma rafforzata scatta automaticamente, mentre in presenza di una PEP italiana, l adeguata verifica sarà svolta in forma rafforzata solo in presenza di un elevato rischio di riciclaggio. Obbligo di conservazione e di registrazione Assirevi precisa nel Documento che il termine decennale di conservazione dei documenti e delle informazioni, previsto dall art. 36, comma 2, decorre dalla conclusione dell attività di revisione relativa a ciascun esercizio, avendo tali incarichi ad oggetto prestazioni scindibili e nettamente individuabili. Mutuando da tale condivisibile interpretazione, i professionisti, con riferimento alle singole prestazioni professionali rientranti in un incarico continuativo, possono delineare il periodo decennale con riferimento alla singola prestazione (es. adempimenti in merito al bilancio d esercizio, assistenza per operazioni straordinarie, ecc.). Modalità di registrazione L assolvimento degli obblighi di registrazione per le società di revisione può essere attuato mediante un Archivio Unico Informatico (AUI), strutturato secondo gli standard tecnici di cui al Provvedimento Banca d Italia d intesa con Consob e Ivass del 3 aprile 2013, in vigore dal 1 gennaio (8) In tal senso le Linee guida per l adeguata verifica della clientela CNDCEC luglio Difforme è invece l interpretazione di Banca d Italia. (9) In tal senso le Linee guida per l adeguata verifica della clientela CNDCEC luglio 2011 e il Provvedimento Banca d Italia del 3 aprile (10) Provvedimento 3 aprile

6 In alternativa, i dati identificativi e le altre informazioni, qualora i soggetti siano tenuti a registrare unicamente rapporti continuativi ovvero prestazioni professionali, possono essere contenute in archivi informatici diversi dall archivio unico, a condizione che: siano previste modalità tecniche che garantiscano l ordine cronologico, l inalterabilità e la conservazione dei dati registrati; l interrogazione di tali archivi garantisca la possibilità di ottenere informazioni ed evidenze integrate; eventuali rettifiche siano registrate in modo da consentire la tracciabilità delle registrazioni anteriori alla modifica. Per le società di revisione è quindi configurabile l adozione di un registro informatico (Registro elettronico ) che può essere strutturato secondo modalità differenti rispetto all AUI, nel rispetto delle suddette condizioni. Purtroppo, per i professionisti, la possibilità di istituire un archivio formato e gestito a mezzo di strumenti informatici non è ancora stata regolamentata dal Ministero della giustizia, sentiti gli ordini professionali, come previsto dall art. 38, comma 7, e pertanto sinora le uniche alternative sono l utilizzo dell Archivio Unico Informatico ovvero di un registro cartaceo (11). Divieto di comunicazione L art. 46 del Decreto fa divieto di dare comunicazione dell avvenuta segnalazione al soggetto interessato o a terzi, con espresso esonero per gli intermediari finanziari appartenenti al medesimo gruppo e per i professionisti che svolgono l attività in forma associata. A tal proposito, Assirevi afferma che il divieto di rivelazione della segnalazione di operazione sospetta non impedisce, tuttavia, l adempimento di una comunicazione obbligatoria, ove questa Divieto di comunicazione Assirevi afferma che il divieto, che la legge impone, di rivelazione della segnalazione di operazione sospetta, al soggetto interessato o a terzi, non impedisce l adempimento di una comunicazione obbligatoria, ove questa sia prevista da una norma di legge. In particolare, per le società di revisione rilevano, a tale fine, lo scambio di informazioni con il Collegio Sindacale, nonché le comunicazioni sui fatti censurabili rese al medesimo Collegio Sindacale e alla Consob. In tali casi, fermo restando che non si dovrà fare menzione con il cliente dell avvenuta segnalazione di operazione sospetta, sarà possibile portare a conoscenza dei destinatari previsti dalla legge i fatti e gli elementi posti alla base della stessa. sia prevista da una norma di legge. In particolare, per le società di revisione rilevano, a tale fine, lo scambio di informazioni con il Collegio Sindacale ai sensi dell art septies c.c., nonché le comunicazioni sui fatti censurabili rese al medesimo Collegio Sindacale e alla Consob ai sensi dell art. 155, comma 2, del D.Lgs. n. 58/1998. In tali casi, fermo restando che non si dovrà fare menzione con il cliente dell avvenuta segnalazione di operazione sospetta, sarà possibile tuttavia portare a conoscenza dei destinatari previsti dalla legge (Collegio Sindacale e, ove previsto, la Consob), nel contesto dei menzionati obblighi di comunicazione, i fatti e gli elementi posti alla base della stessa. L affermazione appare condivisibile ed induce a ripensare alla convinzione, da più parti espressa, dell obbligo di segretezza nell ambito dei componenti del Collegio Sindacale. Tale problema è recentemente emerso a seguito delle risposte fornite dall UIF nel novembre 2013, con le quali è stato precisato che alla segnalazione di operazione sospetta è tenuto il singolo sindaco revisore legale. È stato giustamente osservato (12) che, l eventuale impossibilità di condividere il sospetto nell ambito del Collegio Sindacale, potrebbe rendere sanzionabile il sindaco-revisore non segnalante: si creerebbe in tal modo una situazione davvero paradossale alla luce della previsione dell art septies c.c. (11) Così è previsto dal D.M. n. 141/2006 e dal provvedimento UIC del 24 febbraio 2006, emanati in attuazione del D.Lgs. n. 56/2004 e tuttora in vigore. (12) L. De Angelis, Sindaci revisori alla prova antiriciclaggio, in Eutekneinfo, 26 marzo

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi. Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n.

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi. Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n. MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi Prot. n. 00062 Roma, 4 gennaio 2008 Com. n. 3 OGGETTO: Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n. 125367/07 Il Ministero

Dettagli

Dott.ssa Maria Cristina Bruno. Alessandria, 16 maggio 2012 Associazione Cultura e Sviluppo, piazza Fabrizio De Andrè 76

Dott.ssa Maria Cristina Bruno. Alessandria, 16 maggio 2012 Associazione Cultura e Sviluppo, piazza Fabrizio De Andrè 76 ANTIRICICLAGGIO: NUOVI OBBLIGHI PER GLI STUDI PROFESSIONALI, RESPONSABILITA, SEGNALAZIONI, OPERAZIONI OLTRE SOGLIA, ISPEZIONI E CONTROLLI ALLA LUCE DELLA RECENTE CIRCOLARE G.d.F.. n. 83607/2012 Dott.ssa

Dettagli

ICT SECURITY N. 47 SETTEMBRE 2006 LA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO E IL BINOMIO PRIVACY/SICUREZZA. Autore: Daniela Rocca

ICT SECURITY N. 47 SETTEMBRE 2006 LA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO E IL BINOMIO PRIVACY/SICUREZZA. Autore: Daniela Rocca SOMMARIO La nuova normativa antiriciclaggio I presupposti dell identificazione Il contenuto e le modalità dell identificazione Il contenuto dell obbligo di registrazione e conservazione dei dati La segnalazione

Dettagli

L Antiriciclaggio. 231 : IL NUMERO DEI RISCHI normativa antiriciclaggio. Convegno fiduciarie piemontesi Torino 31 maggio 2013

L Antiriciclaggio. 231 : IL NUMERO DEI RISCHI normativa antiriciclaggio. Convegno fiduciarie piemontesi Torino 31 maggio 2013 231 : IL NUMERO DEI RISCHI normativa antiriciclaggio Convegno fiduciarie piemontesi Torino 31 maggio 2013 L Antiriciclaggio a cura di Salvatore Ruotolo 1 provvedimenti di Banca Italia 10 marzo 2011 in

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it ANTIRICICLAGGIO avv.pierluigioliva@hotmail.it Il quadro normativo!! Direttive CEE!! D. lgs. 21.11.2007 n.231!! D. lgs. 25.9.2009 n.152!! Il fine è quello di prevenire l utilizzo del sistema finanziario

Dettagli

Quadro normativo di riferimento

Quadro normativo di riferimento TESTO DELLA BOZZA DI PROVVEDIMENTO Disposizioni attuative in materia di adeguata verifica della clientela da parte dei revisori legali e delle società di revisione con incarichi di revisione su enti di

Dettagli

Glossario Antiriciclaggio

Glossario Antiriciclaggio Pagina 1 di 7 Glossario Antiriciclaggio Adeguata Verifica Amministrazioni interessate Archivio Unico Informatico Autorità di Vigilanza di Settore Banca di Comodo CAP Cliente Conti di passaggio Dati identificativi

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Prot. 116098 Roma, 17 dicembre 2008 OGGETTO: Decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili Vicenza. I Professionisti e l Antiriciclaggio norme, adempimenti e casi pratici

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili Vicenza. I Professionisti e l Antiriciclaggio norme, adempimenti e casi pratici Commissione di Studio per l Antiriciclaggio Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili Vicenza I Professionisti e l Antiriciclaggio norme, adempimenti e casi pratici 04-05.11.2011 Relatore:

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia sfef7_volait@0091-0096#3b_layout 1 13/03/12 09.04 Pagina 91 91 Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia di FABRIZIO VEDANA Il provvedimento con il quale la Banca d Italia,

Dettagli

IL REGISTRO DEI REVISORI: ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ. Annalisa DE VIVO

IL REGISTRO DEI REVISORI: ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ. Annalisa DE VIVO : ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ Annalisa DE VIVO Diretta 19 aprile 2010 ISTITUZIONE DEL REGISTRO Con il d.lgs. n. 39/2010 è istituito un UNICO REGISTRO DEI REVISORI LEGALI. L autorità pubblica

Dettagli

Legenda. AIRA- Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio

Legenda. AIRA- Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Legenda Documento di consultazione n. 5/2013 Regolamento su Obblighi di adeguata verifica della clientela e di registrazione Attuativo dell art. 7, comma 2, del decreto legislativo 21 novembre 2007 n.

Dettagli

La normativa antiriciclaggio per gli avvocati. di Maurizio Arena

La normativa antiriciclaggio per gli avvocati. di Maurizio Arena La normativa antiriciclaggio per gli avvocati di Maurizio Arena Parte Prima Con la pubblicazione del Decreto n. 141 del 3 febbraio 2006 del Ministero dell Economia e delle Finanze e del Provvedimento 24

Dettagli

ISTITUZIONE DEL FASCICOLO DEL CLIENTE

ISTITUZIONE DEL FASCICOLO DEL CLIENTE SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI MODULISTICA ISTITUZIONE DEL FASCICOLO DEL CLIENTE D. Lgs. 21.11.2007, n. 231 - D.M. 12.08.2008 - Chiarim. Mef 12.06.2008 al CNDCEC - Linee guida CNDCEC 8.09.2008 Sussiste in

Dettagli

Il nuovo provvedimento di Banca d Italia in tema di antiriciclaggio. www.iusletter.com

Il nuovo provvedimento di Banca d Italia in tema di antiriciclaggio. www.iusletter.com LaScala studio legale e tributario in association with Field Fisher Waterhouse Focus on Il nuovo provvedimento di Banca d Italia in tema di antiriciclaggio Giugno 2011 www.iusletter.com Milano Roma Torino

Dettagli

REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012 REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, PROCEDURE E CONTROLLI INTERNI VOLTI A PREVENIRE L UTILIZZO DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE

Dettagli

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti:

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti: Normativa Antiricilaggio: guida pratica UMCI Esaminiamo i vari adempimenti a seconda degli obblighi: a) Identificazione del cliente L identificazione consiste nella verifica dell identità del cliente e

Dettagli

L OBBLIGO DI ASTENSIONE. Il D.Lgs. n. 231/2007 pone ai professionisti stringenti obblighi di

L OBBLIGO DI ASTENSIONE. Il D.Lgs. n. 231/2007 pone ai professionisti stringenti obblighi di L OBBLIGO DI ASTENSIONE Il D.Lgs. n. 231/2007 pone ai professionisti stringenti obblighi di adeguata verifica della clientela, da svolgere alternativamente in modalità ordinaria, semplificata o rafforzata

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri L estensione dell obbligo della formazione continua agli iscritti all Ordine degli Ingegneri (art. 3, comma 5, lettera b) del decreto-legge 13 agosto 2011, n.

Dettagli

CORSO ANTIRICICLAGGIO 2013

CORSO ANTIRICICLAGGIO 2013 CORSO ANTIRICICLAGGIO 2013 Normativa, adempimenti, sanzioni, verifiche, flusso operativo procedura Antonello Valentini TeamUfficio S.r.l. 1 Cos è l Antiriciclaggio? Con Antiriciclaggio si intende l azione

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI. A cura di Davide Giampietri

ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI. A cura di Davide Giampietri ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI A cura di Davide Giampietri a cura di Davide Giampietri 2 Le fonti normative: un cantiere senza fine Norme Comunitarie Norme Nazionali I - Direttiva n. 91/308/CEE

Dettagli

Normativa Antiriciclaggio. Dott.ssa Antonella Masala, Responsabile Antiriciclaggio Eos Servizi Fiduciari Spa

Normativa Antiriciclaggio. Dott.ssa Antonella Masala, Responsabile Antiriciclaggio Eos Servizi Fiduciari Spa Normativa Antiriciclaggio Dott.ssa Antonella Masala, Responsabile Antiriciclaggio Eos Servizi Fiduciari Spa Premessa Legge 15 dicembre 2014, n. 186 «Collaborazione volontaria per l emersione e il rientro

Dettagli

N. 55 / 2015 1 ANALISI COMPARATA PER LA VIGILANZA SUI METODI INTERNI PER IL CALCOLO DEI

N. 55 / 2015 1 ANALISI COMPARATA PER LA VIGILANZA SUI METODI INTERNI PER IL CALCOLO DEI 1 ANALISI COMPARATA PER LA VIGILANZA SUI METODI INTERNI PER IL CALCOLO DEI REQUISITI IN MATERIA DI FONDI PROPRI: L EBA PUBBLICA LA BOZZA FINALE DI RTS, ITS ED UN OPINION 2 POLITICHE DI REMUNERAZIONE: L

Dettagli

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili di Giorgio Gentili 1.1 Novità introdotte dal d.lgs. n. 39/2010 Il d.lgs. 27 gennaio 2010, n. 39, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 23 marzo 2010, n. 68, recepisce la direttiva n. 2006/43/Ce, relativa

Dettagli

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA REGOLAMENTO DEL 18 LUGLIO 2014 Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007,

Dettagli

ESITI DELLA CONSULTAZIONE 21 febbraio 2014

ESITI DELLA CONSULTAZIONE 21 febbraio 2014 Provvedimento recante Disposizioni attuative in materia di adeguata verifica della clientela da parte dei revisori legali e delle società di revisione con incarichi di revisione su enti di interesse pubblico,

Dettagli

Obblighi di adeguata verifica della

Obblighi di adeguata verifica della Obblighi di adeguata verifica della clientela per la normativa antiriciclaggio Di Antonio Minervini L identificazione del cliente e del titolare effettivo LE NOVITA INTRODOTTE DAL DECRETO LEGISLATIVO 231/2007

Dettagli

Fiscal News N. 324. Normativa antiriciclaggio per il collegio sindacale. La circolare di aggiornamento professionale 26.11.2013

Fiscal News N. 324. Normativa antiriciclaggio per il collegio sindacale. La circolare di aggiornamento professionale 26.11.2013 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 324 26.11.2013 Normativa antiriciclaggio per il collegio sindacale Gli adempimenti previsti per gli organi di controllo Categoria: Antiriciclaggio

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

Organismo per la gestione degli Elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi

Organismo per la gestione degli Elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Organismo per la gestione degli Elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi LINEE GUIDA CONCERNENTI IL CONTENUTO DEI REQUISITI ORGANIZZATIVI PER L ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI

Dettagli

26 settembre 2013. Le osservazioni al presente documento di consultazione dovranno pervenire entro il 10 novembre 2013 al seguente indirizzo:

26 settembre 2013. Le osservazioni al presente documento di consultazione dovranno pervenire entro il 10 novembre 2013 al seguente indirizzo: Disposizioni attuative in materia di adeguata verifica della clientela da parte dei revisori legali e delle società di revisione con incarichi di revisione su enti di interesse pubblico, ai sensi dell

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

Obblighi di registrazione e conservazione

Obblighi di registrazione e conservazione CONVEGNO Il Notariato parte attiva del sistema antiriciclaggio Incontro con le altre Istituzioni impegnate nella difesa della legalità: esperienze, problematiche, contributi, istruzioni operative Roma,

Dettagli

Problematiche connesse alla normativa e alle procedure antiriciclaggio per i professionisti

Problematiche connesse alla normativa e alle procedure antiriciclaggio per i professionisti Problematiche connesse alla normativa e alle procedure antiriciclaggio per i professionisti Vantaggi dell utilizzo di un software standardizzato Fabio Roncarati Problematiche connesse alla normativa e

Dettagli

Commissione Antiriciclaggio

Commissione Antiriciclaggio ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI CASERTA ENTE PUBBLICO NON ECONOMICO CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE Commissione Antiriciclaggio Presidente Componenti

Dettagli

Regolamento per la formazione professionale continua del Consiglio Nazionale

Regolamento per la formazione professionale continua del Consiglio Nazionale Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA degli iscritti negli Albi tenuti dagli Ordini dei dottori commercialisti e degli esperti contabili

Dettagli

OGGETTO: Articolo 23 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come modificato dal decreto legislativo 19 settembre 2012, n. 169.

OGGETTO: Articolo 23 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come modificato dal decreto legislativo 19 settembre 2012, n. 169. Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione OGGETTO: Articolo 23 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come modificato dal decreto legislativo

Dettagli

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE 24 Luglio 2015 1 ARTICOLO 1 PREMESSA 1.1. Conto tenuto delle raccomandazioni contenute nel Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana S.p.A.,

Dettagli

Fatturazione IVA: chiarimenti dall Agenzia. Circolare n.18/e del 24 giugno 2014

Fatturazione IVA: chiarimenti dall Agenzia. Circolare n.18/e del 24 giugno 2014 Fiscal Flash La notizia in breve N. 119 25.06.2014 Fatturazione IVA: chiarimenti dall Agenzia Circolare n.18/e del 24 giugno 2014 Categoria: IVA Sottocategoria: Fattura L Agenzia delle Entrate, dopo aver

Dettagli

uadro Quadro Antiriciclaggio Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda

uadro Quadro Antiriciclaggio Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda Fa quadrato attorno alla tua azienda Quadro Antiriciclaggio Perché scegliere Quadro Gestione Antiriciclaggio? Quadro Antiriciclaggio aiuta a comprendere tutta la normativa e guida nella organizzazione

Dettagli

IN QUESTA NEWSLETTER:

IN QUESTA NEWSLETTER: Newsletter a cura della Commissione Controllo Societario dell'odcec di Milano n. 6 novembre dicembre 2014 Coordinata e redatta da: Giorgio Morettini - Massimiliano Pergami (hanno partecipato alla redazione

Dettagli

Direttiva sul concetto di informazione e formazione continua

Direttiva sul concetto di informazione e formazione continua Direttiva sul concetto di informazione e formazione continua In applicazione dell art 41 cpv. 2 del ROAD, il Comitato Direttivo dell OAD FCT emana la seguente direttiva. 1. OsservazionI generali Nell esposizione

Dettagli

RELAZIONE TRASPARENZA. Pubblicata ai sensi dell art. 18 del D.Lgs. 27 gennaio 2010 n. 39

RELAZIONE TRASPARENZA. Pubblicata ai sensi dell art. 18 del D.Lgs. 27 gennaio 2010 n. 39 RELAZIONE DI TRASPARENZA Per l esercizio al 31 dicembre 2014 Pubblicata ai sensi dell art. 18 del D.Lgs. 27 gennaio 2010 n. 39 INDICE 1. Forma giuridica, struttura proprietaria e di governo 2. Rete di

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO 1 01.00 PREMESSA Recordati è un gruppo farmaceutico europeo fondato nel 1926, quotato alla Borsa Italiana, che si dedica alla ricerca, allo sviluppo, alla produzione

Dettagli

ISTRUZIONE N.2 PER LA VALUTAZIONE DEL FATTORE DI RISCHIO E DEGLI OBBLIGHI DI ADEGUATA VERIFICA

ISTRUZIONE N.2 PER LA VALUTAZIONE DEL FATTORE DI RISCHIO E DEGLI OBBLIGHI DI ADEGUATA VERIFICA ISTRUZIONE N.2 PER LA VALUTAZIONE DEL FATTORE DI RISCHIO E DEGLI OBBLIGHI DI ADEGUATA VERIFICA Il Presidente dell Autorità di Informazione Finanziaria Vista la Legge vaticana 30 dicembre 2010 n. CXXVII

Dettagli

Nota Circolare UPPA n. 41/08. Alla Presidenza del Consiglio dei ministri Segretariato generale

Nota Circolare UPPA n. 41/08. Alla Presidenza del Consiglio dei ministri Segretariato generale UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SERVIZIO TRATTAMENTO DEL PERSONALE DFP-0027366-12/06/2008-1.2.3.3 Roma, 12 giugno 2008 Nota Circolare UPPA n. 41/08 Alla Presidenza del Consiglio dei ministri

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI PUBBLICAZIONE ALL ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI PUBBLICAZIONE ALL ALBO PRETORIO ON LINE AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZI A RESIDENZI ALE DI POTENZA Via Manhes, 33 85100 POTENZA tel. 0971413111 fax. 0971410493 www.aterpotenza.it U.R.P. - Numero Verde 800291622 fax 0971 413227 REGOLAMENTO

Dettagli

Audizione Confindustria. Disegno di legge n. 1051

Audizione Confindustria. Disegno di legge n. 1051 Audizione Confindustria Disegno di legge n. 1051 Delega al Governo su Informazione e Consultazione lavoratori e definizione misure su Democrazia economica XI Commissione Lavoro Senato della Repubblica

Dettagli

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0;

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0; Comunicazione n. 0080574 del 15-10-2015 inviata alla società ( ) e allo studio legale ( ) OGGETTO: ( società ) - Quesito in merito all applicazione della disciplina dell offerta pubblica di acquisto obbligatoria

Dettagli

DICHIARAZIONE REDDITI 2000 LE SCADENZE

DICHIARAZIONE REDDITI 2000 LE SCADENZE DICHIARAZIONE REDDITI 2000 LE SCADENZE Anche quest anno è stata prevista una proroga generalizzata per la presentazione, ed i relativi versamenti, delle dichiarazioni dei redditi. Come annunciato, ormai,

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 42/2011

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 42/2011 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 42/2011 SCHEMA DI REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI ATTUATIVE CIRCA L ORGANIZZAZIONE, LE PROCEDURE ED I CONTROLLI INTERNI VOLTI A PREVENIRE L UTILIZZO DELLE IMPRESE DI

Dettagli

Il decreto Antiriciclaggio

Il decreto Antiriciclaggio Il decreto Antiriciclaggio Gli aspetti principali per le banche della normativa antiriciclaggio 1 Sommario Struttura fondamentale della normativa antiriciclaggio Limite al trasferimento di contanti e titoli

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente DELIBERA N. 146 DEL 2014 IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL POTERE DI ORDINE NEL CASO DI MANCATA ADOZIONE DI ATTI O PROVVEDIMENTI RICHIESTI DAL PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE E DAL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE

Dettagli

FISCAL NEWS. La circolare di aggiornamento professionale. Antiriciclaggio

FISCAL NEWS. La circolare di aggiornamento professionale. Antiriciclaggio a cura di Antonio Gigliotti FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 17 DICEMBRE 2013 Categoria Sottocategoria Antiriciclaggio: tenuta contabilità e segnalazione Antiriciclaggio Varie La

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 IL CONTRATTO DI INVESTIMENTO: principi e regole di comportamento nelle trattative La disciplina

Dettagli

Articolo Comma Osservazioni e proposte

Articolo Comma Osservazioni e proposte Documento di consultazione n. 5/2013 Regolamento su Obblighi di adeguata verifica della clientela e di registrazione Attuativo dell art. 7, comma 2, del decreto legislativo 21 novembre 2007 n. 231 Legenda

Dettagli

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N.

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. 231 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE Con la disciplina dettata dal

Dettagli

1. FINALITA 2. AMBITO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA E DIFFUSIONE 4. OGGETTO DELLA SEGNALAZIONE 5. PRINCIPI DI RIFERIMENTO 6.

1. FINALITA 2. AMBITO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA E DIFFUSIONE 4. OGGETTO DELLA SEGNALAZIONE 5. PRINCIPI DI RIFERIMENTO 6. 1 1. FINALITA 2. AMBITO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA E DIFFUSIONE 4. OGGETTO DELLA SEGNALAZIONE 5. PRINCIPI DI RIFERIMENTO 6. MODALITA DI SEGNALAZIONE 7. INFORMATIVA AI SENSI DELL ART. 13 D,LGS. 196/2003

Dettagli

Direttive di Wolfsberg per Servizi Bancari Privati contro il Riciclaggio

Direttive di Wolfsberg per Servizi Bancari Privati contro il Riciclaggio Direttive di Wolfsberg per Servizi Bancari Privati contro il Riciclaggio Preambolo Le linee guida che seguono sono intese come applicabili alle relazioni di private banking. Altri settori del mercato possono

Dettagli

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti. Adempimenti in materia di antiriciclaggio

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti. Adempimenti in materia di antiriciclaggio Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 44 25.11.2013 Adempimenti in materia di antiriciclaggio Adeguata verifica, registrazione e conservazione, formazione

Dettagli

Relazione illustrativa. Proposta di modifica del:

Relazione illustrativa. Proposta di modifica del: Relazione illustrativa Proposta di modifica del: Decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, recante Attuazione della direttiva 2005/60/CE concernente la prevenzione dell utilizzo del sistema finanziario

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE COMUNE DI GALLICANO (Provincia di Lucca) REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE 1 INDICE 1. Oggetto.3 2. Accesso al servizio...3 3. Finalità della pubblicazione...3 4. Atti da pubblicare....3

Dettagli

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO Relatore Magg. GdF dott. Armando Tadini - Ufficiale Addetto Centro Operativo DIA Milano - SANZIONI amministrative penali CAPO II DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE L art. 49 del DLGS n. 231/07 vieta il trasferimento di denaro contante, libretti e/o titoli al portatore fra soggetti

Dettagli

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE D.Lvo 39/2010 - Artt. 5 Parere: CONSOB Concerto NO Regolamento sulla formazione continua dei revisori BOZZA Regolamento del Ministro dell economia e delle finanze concernente le modalità del perfezionamento

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture

Ministero delle Infrastrutture Ministero delle Infrastrutture DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE STATALI, L EDILIZIA E LA REGOLAZIONE DEI LAVORI PUBBLICI Direzione generale per la regolazione dei lavori pubblici CIRCOLARE N. 24734 Del

Dettagli

C O M U N E D I S A R E Z Z O PROVINCIA DI BRESCIA

C O M U N E D I S A R E Z Z O PROVINCIA DI BRESCIA Allegato A C O M U N E D I S A R E Z Z O PROVINCIA DI BRESCIA P.ZZA CESARE BATTISTI, N. 4 25068 SAREZZO WWW.COMUNE.SAREZZO.BS.IT REGOLAMENTO PER L INTERPELLO DEL CONTRIBUENTE Approvata con deliberazione

Dettagli

POSITION PAPER. aprile 2010

POSITION PAPER. aprile 2010 Risposta alla consultazione COVIP Schema di regolamento sulle procedure relative all autorizzazione all esercizio dell attività delle forme pensionistiche complementari, alle modifiche degli statuti e

Dettagli

SCHEDA DI LETTURA Regolamento per lo svolgimento del tirocinio mediante frequenza di corsi di formazione professionale Roma, aprile 2016 Indice Aspetti generali Descrizione del contenuto 3 5 2 Aspetti

Dettagli

Circolare n. 10. del 20 giugno 2014. Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE

Circolare n. 10. del 20 giugno 2014. Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE Circolare n. 10 del 20 giugno 2014 Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE 1 Premessa...2 2 Ambito applicativo...2 2.1 Decreto attuativo...2 2.2 Proroga al 30.6.2014...3 2.3 Intervento del

Dettagli

Come cambia l antiriciclaggio

Come cambia l antiriciclaggio Come cambia l antiriciclaggio Chi sono i titolari effettivi? Chi è l esecutore e cosa deve essere inserito nell AUI Iside Srl Milano 20 settembre 2013 Avv. Sabrina Galmarini - Partner Il titolare effettivo

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

VIANINI LAVORI S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO

VIANINI LAVORI S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO VIANINI LAVORI S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO 2 1. Finalita Il presente Codice di Comportamento viene emanato, ai sensi dell art. 114 comma 7 - del Testo Unico Finanziario e degli articoli 152-sexies,

Dettagli

Modello Antiriciclaggio (D. Lgs. 21 novembre 2007, n. 231)

Modello Antiriciclaggio (D. Lgs. 21 novembre 2007, n. 231) Gentile Cliente, al fine del corretto assolvimento degli obblighi antiriciclaggio previsti dal D. Lgs. 231/2007, relativo alla prevenzione dell uso del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi

Dettagli

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore Roma, ottobre 2013 Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore OGGETTO: NOMINA DEI RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI L AGESCI Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani,

Dettagli

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno SPP, si ritorna al principio sancito dal 626 28 agosto 2013 di Renzo Rivalta E giunto alla conclusione l iter di conversione

Dettagli

I nuovi requisiti per lo svolgimento dell'attività del revisore legale dei conti. di Luca Ferrari

I nuovi requisiti per lo svolgimento dell'attività del revisore legale dei conti. di Luca Ferrari I nuovi requisiti per lo svolgimento dell'attività del revisore legale dei conti di Luca Ferrari ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA REVISIONE LEGALE L esercizio della revisione legale é riservato ai soggetti

Dettagli

Oggetto: Normativa Antiriciclaggio D.L. 231/2007: aspetti pratici

Oggetto: Normativa Antiriciclaggio D.L. 231/2007: aspetti pratici ANNO 2014 NOTA OPERATIVA N. 6/2014 Oggetto: Normativa Antiriciclaggio D.L. 231/2007: aspetti pratici INTRODUZIONE Per arginare il fenomeno dell antiriciclaggio è stato emesso il decreto legislativo del

Dettagli

QUESTIONARIO. A) Dichiarazione Titolare del Rapporto

QUESTIONARIO. A) Dichiarazione Titolare del Rapporto QUESTIONARIO Adeguata verifica del cliente ai fini della valutazione del livello di rischio di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo (ai sensi dell art. 21 Decreto Legislativo n. 231/2007) Gentile

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO. Il 4 Novembre 2009 è entrato in vigore il decreto legislativo 151/2009

ANTIRICICLAGGIO. Il 4 Novembre 2009 è entrato in vigore il decreto legislativo 151/2009 ANTIRICICLAGGIO Il 4 Novembre 2009 è entrato in vigore il decreto legislativo 151/2009 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 256 del 3 novembre 2009 come Disposizioni integrative e correttive del decreto

Dettagli

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL'ALBO PRETORIO INFORMATICO Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale n. 3 del 20/01/2011 Pagina 1 di 1 Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. In ossequio ai principi

Dettagli

checkonly4you - Progetto D.Lgs. 231/2007 per SIM di Consulenza

checkonly4you - Progetto D.Lgs. 231/2007 per SIM di Consulenza L imminente applicazione del provvedimento definitivo recante disposizioni attuative per la tenuta dell Archivio Unico Informatico, conseguente all adozione del Decreto Legislativo n. 231 del 21 novembre

Dettagli

PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA

PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA PAG. 1 PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Edizione n 0 1 rev. 0 approvata dall Amministratore Unico con delibera del Questo manuale è di proprietà

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

CIRCOLARE N. 54/E. Roma, 23 dicembre 2004. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 54/E. Roma, 23 dicembre 2004. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 54/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 dicembre 2004 Oggetto: IVA. Territorialità delle cessioni di gas e di energia elettrica. Direttiva 2003/92/CE del Consiglio del 7 ottobre

Dettagli

Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di Approvato da: Funzione Cognome e Nome Data Firma per approvazione Presidente del CdA RSPP Soc. di consulenza Verificato da:: Funzione

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che:

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU44 31/10/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 7 ottobre 2013, n. 10-6456 Art.6 comma 8 L.184/83: approvazione criteri in materia di interventi a sostegno delle adozioni di minori

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

Legenda. Commentatore

Legenda. Commentatore Legenda Documento di consultazione n. 5/2013 Regolamento su Obblighi di adeguata verifica della clientela e di registrazione Attuativo dell art. 7, comma 2, del decreto legislativo 21 novembre 2007 n.

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B. Indice. Oggetto del presente principio di revisione (SA Italia).1-3

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B. Indice. Oggetto del presente principio di revisione (SA Italia).1-3 PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B LE RESPONSABILITA DEL SOGGETTO INCARICATO DELLA REVISIONE LEGALE RELATIVAMENTE ALL ESPRESSIONE DEL GIUDIZIO SULLA COERENZA (In vigore per le revisioni contabili

Dettagli

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N.

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; Visto il decreto

Dettagli

AML CERTIFICATE. Progetto Certificazione AIRA AML Certificate AIRA - ASSOCIAZIONE ITALIANA RESPONSABILI ANTIRICICLAGGIO. www.amlcertificate.

AML CERTIFICATE. Progetto Certificazione AIRA AML Certificate AIRA - ASSOCIAZIONE ITALIANA RESPONSABILI ANTIRICICLAGGIO. www.amlcertificate. AIRA - ASSOCIAZIONE ITALIANA RESPONSABILI ANTIRICICLAGGIO AML CERTIFICATE INDICE 1. PREMESSA.2 2. AIRA E UNIVERSITÀ DI PISA.2 3. CHE COSA E AML CERTIFICATE.3 I. AML Certificate1 Responsabili Funzione Antiriciclaggio

Dettagli

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas Deliberazione 30 ottobre 2009 - GOP 46/09 Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

OGGETTO: obblighi contabili Iva relativi ai diritti di segreteria dovuti alle Camere di Commercio Consulenza giuridica

OGGETTO: obblighi contabili Iva relativi ai diritti di segreteria dovuti alle Camere di Commercio Consulenza giuridica RISOLUZIONE N. 203/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 5 agosto 2009 OGGETTO: obblighi contabili Iva relativi ai diritti di segreteria dovuti alle Camere di Commercio Consulenza giuridica

Dettagli

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI Approvato con deliberazione n. 463 del 10.08.2015

Dettagli

Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014

Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014 Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014 Oggetto: Raccomandazioni in materia di informazioni da fornire al pubblico su indennità e/o altri benefici riconosciuti ad amministratori esecutivi e direttori

Dettagli

REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA di AiFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro) Art. 1 Oggetto

REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA di AiFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA di AiFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro) Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina composizione, funzionamento e procedure dell

Dettagli

1. PREMESSE 2. OGGETTO DEL CODICE

1. PREMESSE 2. OGGETTO DEL CODICE CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI OPERAZIONI EFFETTUATE SU AZIONI DADA E STRUMENTI FINANZIARI AD ESSE COLLEGATI 1 1. PREMESSE Il presente Codice di Comportamento di DADA S.p.A. è adottato anche ai

Dettagli