Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Francia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Francia 2007-2013"

Transcript

1 Direzione Opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e foreste Settore Politiche comunitarie Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Francia CCI 2007 CB163 PO 034 DESCRIZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE E DI CONTROLLO

2 Indice 1. DATI GENERALI Informazioni anagrafiche Attualità del sistema di gestione e controllo Struttura del sistema di gestione e controllo (informazioni generali e diagramma indicante i rapporti organizzativi tra gli organismi partecipanti al sistema di gestione e di controllo) Autorità di gestione, Segretariato Tecnico Congiunto, Controllori Organismi intermedi (Denominazione, indirizzo e referente degli organismi intermedi) Autorità di certificazione (Denominazione, indirizzo e referente dell'autorità di certificazione) Autorità di audit e organismi di controllo (Denominazione, indirizzo e referente dell'autorità di audit e degli altri organismi di controllo) Orientamenti forniti alle autorità di gestione e di certificazione nonché agli organismi intermedi per garantire la sana gestione finanziaria dei Fondi strutturali (data e riferimento) AUTORITÀ DI GESTIONE L'autorità di gestione e le sue funzioni principali Data e forma della designazione formale che autorizza l'autorità di gestione a svolgere le proprie funzioni Indicazione delle funzioni e dei compiti svolti direttamente dall'autorità di gestione Funzioni formalmente delegate dall'autorità di gestione (funzioni,organismi intermedi, tipo di delega) Organizzazione dell'autorità di gestione Organigramma e indicazione precisa delle funzioni delle unità (compreso il numero approssimativo dei posti assegnati) Procedure scritte elaborate per il personale dell'autorità di gestione/degli organismi intermedi (data e riferimento) Descrizione delle procedure di selezione e di approvazione delle operazioni nonché delle procedure destinate a garantirne la conformità alle norme comunitarie e nazionali applicabili per l'intero periodo di attuazione (articolo 60, lettera a) del regolamento (CE) n. 1083/2006) Verifica delle operazioni (Articolo 60, lettera b) del regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio) Trattamento delle domande di rimborso Descrizione del modo in cui l'autorità di gestione trasmetterà le informazioni all'autorità di certificazione Norme di ammissibilità stabilite dallo Stato membro e applicabili al programma operativo Nel caso in cui lo stesso organismo sia designato sia come autorità di gestione che come autorità di certificazione descrivere in che modo viene garantita la separazione delle funzioni Appalti pubblici, aiuti di Stato, pari opportunità, norme ambientali Istruzioni e orientamenti sulle norme applicabili (data e riferimento)

3 Provvedimenti previsti per assicurare il rispetto delle norme applicabili, per esempio, controlli relativi alla gestione, verifiche, audit Pista di controllo Descrizione del modo in cui le prescrizioni dell'articolo 15 saranno applicate al programma e/o a singole priorità Istruzioni date riguardo alla conservazione dei documenti giustificativi da parte dei beneficiari (data e riferimento) Irregolarità e recuperi Istruzioni relative alla segnalazione e alla rettifica delle irregolarità nonché alla registrazione del debito e ai recuperi dei pagamenti non dovuti (data e riferimento) Descrizione della procedura (compreso il diagramma) per conformarsi all'obbligo di segnalare le irregolarità alla Commissione a norma dell'articolo ORGANISMI INTERMEDI AUTORITÀ DI CERTIFICAZIONE L'autorità di certificazione e le sue funzioni principali Data e forma della designazione formale che autorizza l'autorità di certificazione a svolgere le proprie funzioni Indicazione delle funzioni svolte dall'autorità di certificazione Funzioni formalmente delegate dall'autorità di certificazione(funzioni,organismi intermedi, tipo di delega) Organizzazione dell'autorità di certificazione Certificazione delle dichiarazioni di spesa Descrizione delle procedure relative alla redazione, alla certificazione e alla presentazione delle dichiarazioni di spesa alla Commissione Descrizione dei provvedimenti presi dall'autorità di certificazione per assicurare il rispetto delle prescrizioni di cui all'articolo 61 del regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio Disposizioni riguardanti l'accesso dell'autorità di certificazione alle informazioni dettagliate sulle operazioni, sulle verifiche e sugli audit effettuati dall autorità di gestione, dagli organismi intermedi e dall'autorità di audit Sistema contabile Descrizione del sistema contabile che va istituito e utilizzato come base per la certificazione delle spese della Commissione Grado di dettaglio del sistema contabile: Importi recuperati Descrizione del modo per garantire un rapido recupero del sostegno comunitario Disposizioni prese per tenere il registro dei debitori e per detrarre gli importi recuperati dalla spesa da dichiarare AUTORITÀ DI AUDIT E ORGANISMI DI CONTROLLO SISTEMA INFORMATICO (ARTICOLO 60, LETTERA C) DEL REGOLAMENTO (CE) N. 1083/2006 DEL CONSIGLIO)

4 6.1. Descrizione del sistema informatico compreso il diagramma (sistema centrale o comune di reti o sistema decentrato con collegamenti tra i sistemi)... 4

5 DATI GENERALI 1.1. Informazioni anagrafiche Stato membro Titolo del programma e numero Denominazione del referente principale Italia Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Francia CCI 2007 CB163 PO 034 Dec. C (2007) 5716 del 29/11/2007 Silvia Riva, Autorità di Gestione Regione Piemonte Direzione Opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e foreste Settore Politiche comunitarie DB1415 C.so Stati Uniti, Torino Mail: Tel: Fax: Attualità del sistema di gestione e controllo Le informazioni fornite nella presente Relazione descrivono la situazione del sistema di gestione e controllo al 01/10/ Struttura del sistema di gestione e controllo (informazioni generali e diagramma indicante i rapporti organizzativi tra gli organismi partecipanti al sistema di gestione e di controllo) Le Amministrazioni responsabili individuate nel Programma operativo sono (cfr del PO): - per l Italia: la Regione Piemonte, la Regione Liguria e la Regione Autonoma Valle d Aosta; - per la Francia: il Prefetto della Regione Provence-Alpes-Côte d'azur, in base alla nota a firma del Ministro francese delegato alla gestione del territorio del 10 novembre 2006, relativa ai programmi di cooperazione territoriale europea Ai sensi dei Regolamenti del Consiglio (CE) n. 1083/2006 e n. 1080/2006, le strutture di cooperazione per l attuazione del Programma e gli altri organismi partecipanti al sistema di gestione e controllo, così come specificati nel Programma operativo per effetto delle scelte effettuate dalle predette amministrazioni responsabili, in ossequio al principio della separazione delle funzioni di cui all art. 58, lettera b), del Regolamento (CE) n. 1083/2006, sono: 5

6 - il Comitato di Sorveglianza, composto da un membro con potere deliberante per ciascuna delle seguenti amministrazioni: Amministrazioni centrali dello Stato italiano (un rappresentante del MISE e un rappresentate per l IGRUE) e dello Stato francese; Regioni Liguria, Piemonte e Valle d Aosta, Province di Torino, Cuneo e Imperia, Prefetture di regione e Consigli regionali di Rhône-Alpes e Provence Alpes-Côte d Azur; Prefetture di Dipartimento e Consigli generali di Haute-Savoie, Savoie, Hautes-Alpes, Alpes-de-Haute-Provence, Alpes-Maritimes; e dai seguenti membri con funzione consultiva: un rappresentante della Commissione europea, i rappresentanti delle autorità ambientali italiane e francesi, i rappresentanti delle amministrazioni competenti in materia di Pari Opportunità; i membri delle altre strutture di cooperazione (AdG, CT, AdC, AdA, STC); un rappresentante del Principato di Monaco. - l Autorità di Gestione, individuata nella Regione Piemonte (cfr. infra 2 della presente relazione); - il Segretariato tecnico congiunto, struttura di coordinamento a supporto dell Autorità di Gestione e dell Autorità di Audit nonché supporto operativo al Comitato di Sorveglianza e al Comitato tecnico. E unico e ha carattere binazionale paritetico (cfr. infra e 2 della presente relazione); - l Autorità di Certificazione, individuata nella Regione Piemonte (cfr. infra 4 della presente relazione); - l Autorità di Audit, individuata nella Regione Piemonte, assistita da un gruppo di controllori ai sensi dell'art. 14, comma 2, del Regolamento (CE) n. 1080/2006 (cfr. infra 5 della presente relazione); - il Comitato Tecnico, struttura tecnica di consultazione e concertazione partenariale a supporto dell Autorità di gestione, composta dall Autorità di Gestione e da un rappresentante per ognuna delle seguenti amministrazioni: Regioni Valle d Aosta, Piemonte e Liguria; Province di Torino, Cuneo e Imperia; Prefetture di regione Provence Alpes-Côte d Azur e Rhône-Alpes; Consigli regionali Provence Alpes-Côte d Azur e Rhône-Alpes; Prefetture di Dipartimento e Consigli Generali di Haute- Savoie, Savoie, Hautes-Alpes, Alpes-de-Haute-Provence, Alpes-Maritimes, i rappresentanti delle Autorità ambientali italiane e francesi. Alle riunioni del Comitato tecnico partecipano, inoltre, il Segretariato Tecnico Congiunto e l Autorità di Certificazione e sono invitati i rappresentanti del MISE e dell IGRUE. L Autorità di Gestione può inoltre invitare, in qualità di osservatori, i rappresentanti dei territori adiacenti e un rappresentante del Principato di Monaco. Il Principato di Monaco è comunque informato dell ordine del giorno di ciascuna riunione del Comitato. Il Comitato, sulle proposte dell AdG al Comitato di sorveglianza, esprime parere in merito ai documenti derivanti dal Programma operativo relativi alla realizzazione, alla gestione e al monitoraggio del Programma, nonché alle modalità di presentazione, alle fasi istruttorie, ai criteri di selezione e al monitoraggio dei progetti; sulla proposta relativa alla programmazione dei progetti; sul piano di comunicazione e sul piano di assistenza tecnica; il CT viene, inoltre, regolarmente informato sull avanzamento del Programma e sulle attività delle Autorità di Gestione, di Certificazione e di Audit; - il Gruppo Tecnico Ambiente, costituito dalle Autorità Ambientali delle amministrazioni partecipanti al Programma (Regioni Liguria, Piemonte e Valle d Aosta, Prefetture di Regione PACA e Rhône- Alpes). L Autorità Ambientale della Regione Piemonte svolge funzioni di coordinamento del Gruppo. - i Servizi preposti al controllo di primo livello (ex artt del Regolamento (CE) n. 1080/2006): per quanto riguarda l attività di controllo di primo livello, le Regioni italiane e i Prefetti di dipartimento sono responsabili dell espletamento di tali funzioni. La lista indicativa dei Servizi di controllo è fornita in allegato (all. 1) 6

7 La struttura organizzativa sinteticamente illustrata è rappresentata graficamente nella figura che segue, che evidenzia ulteriormente l attuazione della separazione funzionale di cui all art. 58 del Regolamento (CE) 1083/

8 Autorità di gestione, Segretariato Tecnico Congiunto, Controllori Autorità di Gestione L Autorità di Gestione del PO è collocata presso la Regione Piemonte e la funzione è attribuita al dirigente pro-tempore della struttura sottoindicata: Denominazione Indirizzo Referente Regione Piemonte Direzione Opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e foreste Settore Politiche comunitarie DB1415 Autorità di Gestione (AdG) C.so Stati Uniti, Torino Silvia Riva Tel: Fax: L Autorità di Gestione (AdG) ha la responsabilità della sorveglianza, la gestione e il controllo del Programma Operativo (cfr. infra 2 della presente relazione). Segretariato tecnico congiunto Il Segretariato tecnico congiunto è la cellula di coordinamento costituita per assistere l Autorità di Gestione e l Autorità di Audit nell esercizio delle loro funzioni e per fornire il necessario supporto operativo al Comitato di Sorveglianza e al Comitato tecnico. E unico e ha carattere binazionale pariteico. Il STC ha una sede comune in Francia a Mentone. I membri del Segretariato sono scelti dalle amministrazioni responsabili del programma, in accordo con l Autorità di gestione, sulla base di criteri di equilibrio transfrontaliero, di specifiche competenze e tenendo particolarmente conto delle esigenze proprie della cooperazione. Le amministrazioni responsabili designano, di comune accordo, il responsabile del Segretariato, i membri che operano nella sede comune e quelli che operano sul territorio in qualità di "antenne". L Autorità di gestione si assicura del reclutamento del personale per mezzo di contratti o convenzioni di "messa a disposizione", definiti dalle amministrazioni pubbliche rispettivamente competenti e nel rispetto dei propri ordinamenti. La Guida di attuazione, approvata dal Comitato di Sorveglianza in data a seguito dell insediamento dell organo di programmazione, precisa le funzioni del responsabile, la descrizione dell organizzazione e le modalità di funzionamento del Segretariato volti a garantire l efficace coordinamento tecnico affidato alla struttura. Il personale e il funzionamento del Segretariato sono interamente finanziati con i fondi del PO destinati all Assistenza tecnica. Il STC svolge, in particolare, le seguenti funzioni : 8

9 - assiste le Autorità di gestione e di Audit, il Comitato di sorveglianza e il Comitato tecnico (per l elaborazione dei documenti per le riunioni, per la programmazione, per la redazione dei rapporti annuali, ecc.); - svolge l istruttoria di ammissibilità e coerenza con il programma dei progetti presentati; - mette a punto per l AdG un sistema informatizzato per la registrazione, l elaborazione e la trasmissione dei dati relativi alle operazioni; - esegue il monitoraggio procedurale, finanziario e fisico; - coordina le attività di informazione e animazione territoriale; - assicura l assistenza tecnica necessaria per l attuazione del programma; - partecipa alle attività di comunicazione e pubblicità. Il Segretariato ha sede a Mentone (Francia). Denominazione Indirizzo Segretariato Tecnico Congiunto (STC) 11, rue de la Marne Mentone Referente Responsabile: Riccardo Ledda Tel Fax Controllori preposti al controllo di attuazione (controllo di primo livello) Le Regioni, per l'italia, e le Prefetture di dipartimento, per la Francia, individuano, sulla base della attribuzione delle competenze amministrative dei rispettivi ordinamenti, gli specifici servizi cui è affidata, in primo luogo, l istruttoria di merito tecnico, economico e ambientale di ogni singolo progetto, indicando, nel caso di più servizi, quello che assume il ruolo di capofila per ciascuna parte nazionale o regionale (cfr. infra 2 della presente relazione e allegato1). Successivamente all approvazione del progetto e alla definizione dell entità di contributo FESR da parte del Comitato di Sorveglianza, ciascuna Amministrazione affida, di norma, il controllo di attuazione (controllo di primo livello) al Servizio che lo ha istruito, garantendo la separazione funzionale di cui all'art. 58 del Reg. 1083/2006. I controllori sono responsabili della verifica della legittimità e regolarità delle spese dichiarate riguardo alla fornitura dei beni e servizi cofinanziati per le operazioni o parti di operazioni realizzate sul proprio territorio nonché della conformità di tali spese e delle relative operazioni con le norme comunitarie e nazionali. Il controllo si conclude con una convalida delle spese ammissibili a contributo, sulla cui base sono predisposte le dichiarazioni di spesa del Programma. Per poter garantire coerenza e uniformità nell esercizio delle proprie funzioni i controllori si attengono a quanto individuato nella Guida di attuazione del Programma. 9

10 Organismi intermedi (Denominazione, indirizzo e referente degli organismi intermedi) Non si prevede la delega di funzioni di gestione, certificazione o controllo ad organismi intermedi Autorità di certificazione (Denominazione, indirizzo e referente dell'autorità di certificazione) L Autorità di Certificazione del PO è collocata presso la Regione Piemonte e la funzione è attribuita al direttore pro-tempore della struttura sottoindicata: Denominazione Indirizzo Referenti Direzione Opere pubbliche, difesa del suolo, economia montane e foreste DB1400 C.so Stati Uniti, Torino Giovanni Ercole Direttore Autorità di Certificazione (AdC) Tel: Fax : Alfonso Lamberti POSIZIONE DI AP PROGRAMMAZIONE E GESTIONE FINANZIARIA DEI PROGRAMMI DI SVILUPPO PER LE ZONE RURALI MARGINALI Tel: Fax : L Autorità di Certificazione è responsabile della corretta certificazione delle dichiarazioni di spesa e delle domande di pagamento a valere sui Fondi comunitari e statali per l attuazione del Programma Operativo Autorità di Audit e organismi di controllo (Denominazione, indirizzo e referente dell'autorità di Audit e degli altri organismi di controllo) L Autorità di Audit del P.O. è collocata presso la Regione Piemonte e la funzione è attribuita al direttore pro-tempore della struttura sottoindicata: Regione Piemonte Dott. Rolando Sergio Corso Bolzano 44, Torino tel fax

11 Regione Liguria Regione Valle d Aosta Préfecture de la Région Rhône-Alpes Préfecture de la Région Provence- Alpes-Cote d'azur Dott.ssa Teresa ANFOSSO GENOVA Piazza De Ferrari, 1 tel fax (membro supplente dott. Giovanni GHIONE Dott. Peter BIELER AOSTA - Piazza Deffeyes, 1 Tel : / Fax : / (membro supplente Anna Maria MINELLI Madame Monique AUTIN 31 rue Mazenod LYON Cedex 03 tel fax (membro supplente Madame Bernadette SAIDOUNI e- mail: Madame Joséphine COBHAM Boulevard Paul Peytral Marseille tél fax (membro supplente Madame Brigitte MONDOLONI ) L Autorità di Audit è responsabile della verifica dell efficace funzionamento del sistema di gestione e di controllo e svolge le proprie funzioni in piena indipendenza dall Autorità di Gestione, dall Autorità di Certificazione e dagli altri organismi preposti all attuazione del programma. Ai sensi dell articolo 14, comma 2, del Regolamento (CE) n. 1080/2006, l Autorità di Audit è assistita dal gruppo di controllori composto da: un rappresentante dello Stato italiano, un rappresentante per ciascuna Regione italiana e un rappresentante per ogni Cellula di controllo delle Prefetture di regione francesi in concertazione con la CICC (Commissione Interministeriale di Coordinamento dei Controlli). Il gruppo di controllori è presieduto dall Autorità di Audit, che lo ha istituito entro tre mesi dalla decisione di approvazione del Programma operativo. Il gruppo ha altresì definito il proprio regolamento interno e le modalità di realizzazione degli audit previsti all art. 62 del Regolamento (CE) n. 1083/ Ulteriori Organismi Concorrono all attuazione del Programma Operativo una serie di organismi di seguito descritti. 11

12 - Organismo nazionale di coordinamento in materia di controllo (Organismo di valutazione della conformità) Conformemente a quanto previsto dal paragrafo VI.2.4 del QSN, tale organismo è il Ministero dell Economia e delle Finanze - Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato Ispettorato Generale per i Rapporti finanziari con l Unione Europea (IGRUE). L Organismo provvede, in particolare, ad esprimere il parere, ai sensi dell art del Regolamento (CE) n. 1083/2006, secondo le modalità attuative definite dal Regolamento (CE) n. 1828/2006, in merito alla conformità di detti sistemi con il disposto degli articoli da 58 a 62 di tale Regolamento. A tal fine, l Organismo nazionale di coordinamento ha accesso alle informazioni e ai dati che ritiene necessari per esprimere il sopraindicato parere. - Organismo responsabile per la ricezione dei pagamenti 1 L organismo abilitato a ricevere i pagamenti della Commissione per conto della Amministrazione regionale è il Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato - Ispettorato Generale per i Rapporti Finanziari con l Unione Europa (IGRUE). I contributi comunitari sono versati all IGRUE mediante accredito dei relativi fondi sul c/c n , aperto presso la Tesoreria centrale dello Stato, intestato a Ministero del tesoro Fondo di rotazione per l attuazione delle politiche comunitarie: Finanziamenti CEE. L IGRUE provvede ad erogare in favore della Regione Piemonte le quote comunitarie FESR acquisite e le corrispondenti quote del cofinanziamento nazionale, mediante versamento sull apposito c/c n /1002 Banca d Italia la Tesoreria centrale, intestato Regione Piemonte Risorse CEE Cofinanziamento nazionale. L Ufficio competente provvede alla gestione delle risorse finanziarie assegnate al PO sulla base della legislazione amministrativa e contabile comunitaria nazionale e regionale e dei criteri di buona gestione finanziaria. - Organismo di coordinamento per la trasmissione delle domande di pagamento L Autorità di Certificazione trasmette le dichiarazioni certificate delle spese e le domande di pagamento alla Commissione Europea per il tramite dell Autorità capofila di Fondo (Ministero dello Sviluppo Economico - DPS - Servizio per le Politiche dei Fondi Strutturali Comunitari), individuata quale organismo nazionale di coordinamento per la trasmissione delle domande di pagamento. L Autorità capofila di Fondo è responsabile della validazione delle dichiarazioni certificate delle spese e delle domande di pagamento e del successivo inoltro telematico alla Commissione Europea utilizzando i web services del sistema SFC Direzione regionale Programmazione strategica, politiche territoriali ed edilizia (DA0800) della Regione Piemonte Alla Direzione compete il supporto alla Giunta regionale l esercizio delle funzioni di definizione degli obiettivi e dei programmi da attuare in materia di elaborazione, monitoraggio e valutazione degli strumenti di programmazione strategica, operativa e negoziata, di pianificazione territoriale e paesaggistica; compete inoltre alla medesima struttura il coordinamento tecnico della Commissione 1 Artt g.iii e 76.2 del Reg. (CE) n. 1083/

13 Affari Comunitari e Internazionali della Conferenza delle Regioni e, per quanto riguarda la Regione Piemonte, l attuazione di obiettivi comunitari inerenti le materie di competenza e di programmi riguardanti la cooperazione territoriale transnazionale e interregionale Orientamenti forniti alle autorità di gestione e di certificazione nonché agli organismi intermedi per garantire la sana gestione finanziaria dei Fondi strutturali (data e riferimento) La presente relazione sul Sistema di Gestione e Controllo tiene conto degli orientamenti forniti a livello comunitario, nazionale e regionale per garantire la sana gestione finanziaria dei Fondi strutturali. Si riportano nel seguito i principali riferimenti. Orientamenti comunitari Regolamenti comunitari: Regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio dell 11 luglio 2006, recante disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione e che abroga il Regolamento (CE) n. 1260/1999; Regolamento (CE) n. 1828/2006 della Commissione, dell 8 dicembre 2006, che stabilisce modalità di applicazione del Regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione e del Regolamento (CE) n. 1080/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo al Fondo europeo di sviluppo regionale; Regolamento (CE) n. 1080/2006 relativo al Fondo europeo di sviluppo regionale e recante abrogazione del regolamento (CE) n. 1783/1999. Orientamenti nazionali L IGRUE ha presentato delle Linee Guida, a carattere orientativo e quindi non vincolante, frutto di uno studio sui modelli organizzativi e procedurali ipotizzabili per la gestione ed il controllo degli interventi socio-strutturali. In vista dell attività di valutazione della conformità all orientamento comunitario dei sistemi di gestione e controllo attivati dalle Amministrazioni titolari dei Programmi Operativi, l IGRUE ha inoltre predisposto un Manuale i cui contenuti ed impostazione sono stati condivisi a livello nazionale. Funzionale a garantire la sana gestione dei fondi strutturali, infine, è stata l elaborazione della norma generale sui Costi ammissibili ai fondi strutturali, approvata, ai sensi dell art. 56 c. 4 del Regolamento generale, in sede nazionale. (Cfr Schema di D.P.R. recante norme di esecuzione del Regolamento CE n. 1083/2006 con riferimento all ammissibilità delle spese, approvato dal Consiglio dei Ministri in data ). Di seguito si riportano i dati di identificazione della documentazione nazionale sopraindicata: Linee Guida sui Sistemi di gestione e controllo per la programmazione Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato IGRUE; Manuale di conformità dei sistemi di gestione e controllo dell Economia e delle Finanze Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato IGRUE; 13

14 Circolare n. 34 del 8 novembre 2007 del Ministero dell Economia e delle Finanze - Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato IGRUE; Norma nazionale sull ammissibilità della spesa: Schema di D.P.R. recante norme di esecuzione del Regolamento CE n. 1083/2006 con riferimento all ammissibilità delle spese, approvato dal Consiglio dei Ministri in data Circolare n. 23 del 31 luglio 2008 del Ministero dell Economia e delle Finanze - Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato IGRUE, recante le Procedure di gestione finanziaria degli interventi dell Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea per la programmazione 2007/2013; Le caratteristiche generali del sistema nazionale di controllo dei Programmi Operativi dell Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea definite dal Ministero dell Economia e delle Finanze - Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato IGRUE (cfr. nota IGRUE prot del 26 giugno 2008 ); Delibera CIPE n. 36 del 15 giugno

15 1. AUTORITÀ DI GESTIONE 2.1. L'autorità di gestione e le sue funzioni principali Data e forma della designazione formale che autorizza l'autorità di gestione a svolgere le proprie funzioni Il Programma operativo individua nella Regione Piemonte l Autorità unica di Gestione, l Autorità di Certificazione e l Autorità di Audit. La Regione Piemonte con D.G.R. n in data 8 ottobre 2007 ha proceduto all individuazione e attivazione delle proprie strutture organizzative preposte all Autorità di Gestione, di Certificazione e di Audit, definendone referenti responsabili e relativa articolazione nel rispetto dei principi dell indipendenza e della separazione funzionale tra i diversi organismi di gestione e di controllo. Con tale provvedimento, la Regione Piemonte ha altresì individuato i propri rappresentanti in seno al Comitato di Sorveglianza, al Comitato Tecnico e al Segretariato Tecnico Congiunto. In particolare, l AdG è stata individuata nel Settore Politiche Comunitarie (DB1415), articolazione strutturale della Direzione Opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e foreste (DB1400). Con D.G.R. n del 28 gennaio 2008, prendendo atto dell avvenuto collocamento a riposo del precedente responsabile, è stato individuato un nuovo referente per l AdG che, con D.G.R. n del 9 giugno 2008 è stato altresì nominato responsabile del Settore Politiche Comunitarie Indicazione delle funzioni e dei compiti svolti direttamente dall'autorità di gestione L Autorità di Gestione è responsabile, nei confronti della Commissione, dell espletamento dei compiti previsti dal combinato disposto degli articoli 60 del Regolamento (CE) 1083/06 e art. 15 del Regolamento (CE) 1080/06, nonché dalle ulteriori specificazioni di cui all art. 13 del Regolamento (CE) n. 1828/2006. Svolge in particolare le seguenti funzioni: a) tiene aggiornati il Comitato di sorveglianza e il Comitato tecnico sull attuazione del programma, prepara e mette in atto le decisioni prese da questi ultimi; b) elabora e applica i contenuti dei documenti derivanti dal Programma operativo riguardanti la realizzazione, la gestione e il monitoraggio del Programma, nonché le modalità di presentazione, di istruttoria, di monitoraggio e i criteri di selezione dei progetti; c) coordina la ricezione, l esame, il controllo preliminare e le istruttorie dei progetti presentati e ne propone la selezione al Comitato di sorveglianza, sentito il parere del Comitato tecnico; d) coordina il monitoraggio degli interventi finanziati; e) verifica la validità dei documenti certificati dai servizi incaricati di controllare le spese effettivamente sostenute dai beneficiari; f) crea un sistema informatizzato per la gestione dei dati finanziari e statistici relativi alla realizzazione del programma e dei progetti, verifica la raccolta delle informazioni e la loro trasmissione secondo le modalità stabilite dagli Stati membri in accordo con la Commissione europea; 15

16 g) utilizza un sistema contabile separato o una codificazione contabile adeguata da parte dei beneficiari e degli organismi coinvolti nell attuazione delle operazioni; h) organizza un sistema di valutazione per il monitoraggio del programma operativo; i) presenta alla Commissione europea i rapporti annuali e il rapporto finale di esecuzione del Programma, dopo la validazione del Comitato di sorveglianza; j) definisce e realizza il piano delle attività di assistenza tecnica e comunicazione; k) realizza le attività atte ad assicurare la regolarità dei progetti finanziati (in particolare la messa in opera delle misure di controllo), il rispetto delle politiche comunitarie e il rispetto degli obblighi in materia di informazione e di pubblicità. L Autorità di gestione, per svolgere la propria attività, si avvale del consenso sia delle amministrazioni responsabili dell attuazione del Programma - le Regioni Piemonte, Liguria e Valle d'aosta per l Italia e la Prefettura della regione PACA, in qualità di Autorità nazionale per la Francia, che assumono la responsabilità dell attuazione e della gestione del Programma secondo le rispettive legislazioni nazionali sia dei Consigli regionali Provence Alpes-Côte d Azur e Rhône-Alpes e dei Consigli Generali di Haute-Savoie, Savoie, Hautes-Alpes, Alpes-de-Haute-Provence, Alpes-Maritimes. Le decisioni relative alla gestione sono assunte in accordo con tali amministrazioni. In particolare, le Amministrazioni responsabili supportano l AdG: al fine di fornire all Autorità di Certificazione tutte le informazioni in merito ai controlli e alle verifiche sull ammissibilità delle spese e con particolare riguardo a quanto individuato alla lettera b) dell art. 60 del Reg. (CE) 1083/2006; nella gestione, redazione e attuazione del piano di comunicazione; nella realizzazione di misure di informazione e pubblicità; nell animazione del Programma a livello locale. L AdG si assicura, inoltre, che le spese di ciascun beneficiario che partecipa ad un'operazione siano state convalidate dal controllore di cui all'articolo 16, comma 1, del Reg. (CE) 1080/2006. I servizi di controllo sono per l Italia i Servizi delle Regioni e per la Francia le Prefetture di Dipartimento (cfr. 1.3). I controllori, con cadenza periodica, procedono alla verifica della legittimità e regolarità delle spese sostenute. Le modalità dei controlli di 1 livello sono riportate nel capitolo Conformemente all art. 15, comma 2, del Reg. (CE) 1080/2006, l'autorità di gestione stabilisce le modalità di esecuzione di ciascuna operazione, attraverso la stipula di una Convezione-tipo con il beneficiario capofila (cfr. all. 15 della Guida di attuazione). Per esercitare le proprie funzioni di gestione e attuazione del Programma Operativo, l AdG è supportata da un organo partenariale, il Comitato Tecnico. Il Comitato tecnico svolge le seguenti funzioni: - esamina ed esprime un parere sulla proposta dell AdG al Comitato di Sorveglianza dei documenti derivanti dal Programma operativo relativi alla realizzazione, alla gestione e al monitoraggio del Programma, nonché le modalità di presentazione, di istruttoria, di monitoraggio e i criteri di selezione dei progetti; - esamina ed esprime un parere sulla proposta relativa alla programmazione dei progetti; - esamina ed esprime parere sul piano di assistenza tecnica e di comunicazione; - è informato dall AdG sulle attività delle autorità di certificazione e di audit. 16

17 Il Segretariato tecnico congiunto è la cellula di coordinamento costituita per assistere l Autorità di Gestione e l Autorità di Audit nell esercizio delle loro funzioni e per fornire il necessario supporto operativo al Comitato di Sorveglianza e al Comitato tecnico. E unico e ha carattere binazionale. Il STC ha una sede comune in Francia a Mentone. Oltre a questa sede comune, a Chambery presso il Consiglio Generale è stata distaccata una antenna decentrata del STC. Il STC svolge le seguenti funzioni : - assiste le Autorità di gestione e di Audit, il Comitato di sorveglianza e il Comitato tecnico (elaborazione dei documenti per le riunioni, per la programmazione, rapporti annuali, ecc.); - svolge l istruttoria di ammissibilità e coerenza con il programma dei progetti presentati; - mette a punto per l AdG un sistema informatizzato per la registrazione, l elaborazione e la trasmissione dei dati relativi alle operazioni; - esegue il monitoraggio procedurale, finanziario e fisico; - coordina le attività di informazione e animazione territoriale; - assicura l assistenza tecnica necessaria per l attuazione del programma; - partecipa alle attività di comunicazione e pubblicità Funzioni formalmente delegate dall'autorità di gestione (funzioni,organismi intermedi, tipo di delega) Non si prevede la delega di funzioni di gestione ad organismi intermedi Organizzazione dell'autorità di gestione Organigramma e indicazione precisa delle funzioni delle unità (compreso il numero approssimativo dei posti assegnati) AdG 1 Dirigente 1 Funzionario con incarico di Alta Professionalità 1 Funzionario responsabile di Posizione Organizzativa 2 Funzionari referenti 1 Supporto amministrativooperativo STC L Autorità di gestione del PO è collocata all interno della Direzione Opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e foreste (DB1400) della Regione Piemonte, nel Settore Politiche comunitarie (DB1416). 17

18 Al Settore Politiche Comunitarie, per l espletamento delle funzioni di competenza dell Autorità di Gestione del Programma, è stata assegnata la Posizione Organizzativa Attività di assistenza specialistica nell ambito delle iniziative comunitarie di cooperazione transfrontaliera con la Francia, al cui responsabile compete in particolare, in stretto raccordo con il STC, la messa in opera e l implementazione dei meccanismi di attuazione del Programma (gestione, sorveglianza, monitoraggio, valutazione e controllo) nonché il coordinamento e il supporto alle attività delle altre Strutture di cooperazione. Alla citata P.O. compete altresì, sempre in collaborazione con il STC l attività di assistenza tecnica, animazione e supporto delle strutture regionali, delle altre amministrazioni e delle collettività locali dell area eligibile; l attuazione del piano di comunicazione; il coordinamento delle attività istruttorie condotte dalle strutture regionali competenti per materia; l attività di analisi e proposta per la selezione delle operazioni; le attività di monitoraggio; la messa in opera del sistema informativo per la gestione del Programma. Al Settore è assegnata, inoltre, l Alta Professionalità Esperto di Cooperazione territoriale europea. Il responsabile dell Alta Professionalità si occupa anche del Programma Operativo di cooperazione transfrontaliera Italia-Svizzera per quanto di competenza della Regione Piemonte (l AdG di tale Programma operativo è individuata nella Regione Lombardia). Con riferimento al Programma operativo Italia-Francia Alcotra, il titolare dell Alta Professionalità, oltre a collaborare con la Posizione Organizzativa già descritta, garantisce un supporto specialistico con riguardo ai progetti strategici e ai piani integrati transfrontalieri, nuove tipologie progettuali introdotte dal Programma Infine, la struttura dell AdG, attualmente in fase di riorganizzazione e implementazione, a regime si comporrà di 2 funzionari referenti (1 di recente acquisizione attraverso procedure di mobilità interna all Ente) e di 1 supporto amministrativo-operativo (anche questo recentemente reclutato attraverso procedure di mobilità interna) per le attività di supporto al responsabile dell AdG, in stretta collaborazione con i titolari della Posizione Organizzativa e dell Alta Professionalità. Riepilogando, la struttura dell AdG è così composta: - Dirigente: Silvia RIVA - Funzionario con incarico di Alta Professionalità: Laura PEDRIALI - Funzionario responsabile di Posizione Organizzativa: Simona PIUMATTI - Funzionari referenti: Caterina PUGLIESE e Luisella MELE - Supporto amministrativo-operativo: Maria Grazia TOMATIS Il Segretariato Tecnico Congiunto è costituito da un responsabile, da 1 referente per ciascuna Amministrazione responsabile e da 1 antenna decentrata a Chambery. Ricoprono i seguenti ruoli, a far data dal 1 giugno 2008: - Responsabile: Riccardo LEDDA - SGAR Rodano Alpi: Nazario BEVILACQUA - SGAR PACA: Cécile ALLEMAND 18

19 - Antenna decentrata Chambery: Isabelle BOTAN - Referente Regione Piemonte: Carla ZERBI - Referente Regione Autonoma Valle d Aosta: Paolo VASSONEY - Referente Regione Liguria: Elena COMELLO Procedure scritte elaborate per il personale dell'autorità di gestione/degli organismi intermedi (data e riferimento) L art. 58 del Regolamento (CE) n. 1083/2006 prevede che il sistema di gestione e controllo descriva le procedure atte a garantire la correttezza e la regolarità delle spese dichiarate nell ambito del programma operativo. Tali procedure descrivono le attività da porre in essere per attuare le varie tipologie di operazioni previste dal Programma Operativo, evidenziando i soggetti responsabili, le modalità e i tempi di esecuzione delle operazioni stesse. La descrizione delle procedure adottate dall Autorità di Gestione nelle fasi di attuazione delle operazioni è fornita nella Guida di attuazione (all. 2). L obiettivo della Guida è definire, nel rispetto di quanto previsto dalla pertinente normativa vigente, il quadro di riferimento unico e condiviso entro cui dare attuazione alla strategia di sviluppo delineata nel Programma. Vengono definite modalità e regole valide nel complesso dell area di cooperazione. Nella Guida vengono dettagliati il funzionamento e i compiti delle strutture di cooperazione, sono precisati i campi di intervento degli assi prioritari del Programma e i corrispondenti finanziamenti, sono definite le procedure per la presentazione dei progetti e le regole per la realizzazione delle operazioni programmate. In particolare: le modalità di funzionamento ed i compiti dei diversi organi preposti alla gestione, sorveglianza e controllo del Programma (Capitolo 2); le risorse finanziarie disponibili per l attuazione della strategia di sviluppo (Capitolo 3) e le modalità di gestione dei flussi finanziari che l attuazione del Programma comporta (Capitolo 4); i contenuti puntuali delle misure in cui il programma è articolato (Capitolo 5); le modalità di predisposizione e deposito dei progetti (Capitolo 6); i circuiti istruttori e criteri di selezione (capitolo 7); avvio, realizzazione monitoraggio e conclusione degli interventi (capitoli ) i sistemi di sorveglianza e valutazione (Capitolo 11) ; le principali regole che governano l informazione e la pubblicità del Programma (Capitolo 12). La Guida di attuazione è stata approvata dal Comitato di Sorveglianza tramite procedura scritta notificata il

20 Le modifiche alla Guida di attuazione che dovessero rendersi necessarie nel corso del programma saranno approvate dal Comitato di sorveglianza su proposta motivata dell Autorità di gestione o del Comitato tecnico. Tali modifiche verranno rese pubbliche. Revisioni potranno essere previste qualora: - intervengano modifiche alla normativa comunitaria e/o nazionale di riferimento; - si renda necessario allineare le procedure di attuazione del PO alle più generali procedure delle Amministrazioni interessate; - siano presentate esplicite richieste da parte dei soggetti facenti parte delle Strutture coinvolte nell attuazione del PO, o dai membri del CdS; - siano introdotte nuove modalità di attuazione del PO atte ad ottimizzare il raggiungimento degli obiettivi previsti. Con cadenza annuale l AdG procederà comunque ad un analisi della validità delle scelte procedurali adottate sulla base delle lezioni tratte dall esperienza maturata e della coerenza e funzionalità rispetto al contesto attuativo Descrizione delle procedure di selezione e di approvazione delle operazioni nonché delle procedure destinate a garantirne la conformità alle norme comunitarie e nazionali applicabili per l'intero periodo di attuazione (articolo 60, lettera a) del regolamento (CE) n. 1083/2006). Le modalità di presentazione e selezione dei dossier progettuali sono descritte dettagliatamente nella Guida di Attuazione del Programma. Il programma prevede tre procedure attuative: Progetti di cooperazione singoli: si tratta di proposte puntuali che si riferiscono a una sola misura, presentate da almeno due partner, uno italiano e uno francese. I partner si impegnano reciprocamente con una Convenzione di cooperazione, designando un capofila unico che coordinerà il partenariato e lo rappresenterà di fronte alle istanze del Programma. Progetti strategici: si tratta di progetti pubblici di notevole rilevanza, che richiedono competenze di tipo istituzionale e politico, e i cui impatti interessano l intera area transfrontaliera o gran parte di essa. Tali progetti sono finalizzati ad approfondire problematiche di interesse comune e a valorizzare, le potenzialità di sviluppo di particolari ambiti e settori economici. I promotori di tali progetti saranno le Regioni e le Province per l Italia, lo Stato, le Regioni e i Dipartimenti per la Francia. Piani integrati transfrontalieri (PIT): si tratta di piani costituiti da un insieme di progetti di cooperazione che riguardano settori e temi diversi ma che hanno un comune obiettivo di sviluppo economico e sociale di uno specifico territorio transfrontaliero. L obiettivo è quello di ottenere un maggior livello di efficacia degli interventi e di aumentare l intensità e la qualità della cooperazione attraverso l allargamento del dialogo e la creazione di reti stabili tra soggetti diversi. 20

REGIONE PIEMONTE BU52 29/12/2011

REGIONE PIEMONTE BU52 29/12/2011 REGIONE PIEMONTE BU52 29/12/2011 Codice DB1601 D.D. 5 dicembre 2011, n. 618 Programma Operativo Regionale (POR) della Regione Piemonte, a titolo dell'obiettivo "Competitivita' regionale e Occupazione",

Dettagli

PRINCIPALI ATTORI COINVOLTI NEI PROGRAMMI OPERATIVI IN CUI L UVER È AUTORITÀ DI AUDIT E RELATIVI COMPITI

PRINCIPALI ATTORI COINVOLTI NEI PROGRAMMI OPERATIVI IN CUI L UVER È AUTORITÀ DI AUDIT E RELATIVI COMPITI Normativa di riferimento per il nuovo periodo di programmazione 2007-2013 PRINCIPALI ATTORI COINVOLTI NEI PROGRAMMI OPERATIVI IN CUI L UVER È AUTORITÀ DI AUDIT E RELATIVI COMPITI Il sistema dei Controlli

Dettagli

Modello di convenzione tra Capofila e Partner Parte italiana

Modello di convenzione tra Capofila e Partner Parte italiana OBIETTIVO COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 Modello di convenzione tra Capofila e Partner Parte italiana Versione gennaio

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli

VISTO il Regolamento (CE) n. 546/2009 del Parlamento e del Consiglio del 18/06/2009, che modifica il Regolamento (CE) n.

VISTO il Regolamento (CE) n. 546/2009 del Parlamento e del Consiglio del 18/06/2009, che modifica il Regolamento (CE) n. ACCORDO TRA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E LA REGIONE LAZIO PER L ATTUAZIONE COORDINATA DELLE AZIONI RIFERIBILI AL PROGRAMMA DI INTERVENTI A COFINANZIAMENTO FEG EGF/2012/007 IT/VDC

Dettagli

Struttura del sistema di gestione e controllo nella nuova programmazione 2007-2013 STATO MEMBRO

Struttura del sistema di gestione e controllo nella nuova programmazione 2007-2013 STATO MEMBRO Bozza di linee guida sulle funzioni dell Autorità di Certificazione Struttura del sistema di gestione e controllo nella nuova programmazione 2007-2013 COMMISSIONE EUROPEA STATO MEMBRO Responsabili d Asse

Dettagli

GIORNATA INFORMATIVA I NUOVI BANDI DEI PROGRAMMI ENPI e Italia-Francia ALCOTRA

GIORNATA INFORMATIVA I NUOVI BANDI DEI PROGRAMMI ENPI e Italia-Francia ALCOTRA GIORNATA INFORMATIVA I NUOVI BANDI DEI PROGRAMMI ENPI e Italia-Francia ALCOTRA GENOVA, 23 GENNAIO 2012 Facoltà di Ingegneria, Villa Cambiaso - Salone della Rappresentanza Via Montallegro, 1 Genova Albaro

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO DEL LAVORO

ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO DEL LAVORO ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO DEL LAVORO PISTA DI CONTROLLO INDICE 1. SCHEDA ANAGRAFICA...3 2. ORGANIZZAZIONE STRUTTURALE...4 3. MACRO PROCESSO GESTIONALE...5

Dettagli

A.5 Quali sono i territori non direttamente transfrontalieri che possono partecipare ai progetti?

A.5 Quali sono i territori non direttamente transfrontalieri che possono partecipare ai progetti? A. PRIMA DI DEPOSITARE IL DOSSIER A.1 Come trovare un partner? Per trovare un partner si può: - Rivolgersi ad un'amministrazione italiana o francese che si occupi di progetti europei (vedi lista sul vademecum

Dettagli

Linee guida per la Compilazione delle Piste di controllo da parte dei beneficiari del Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia-Slovenia

Linee guida per la Compilazione delle Piste di controllo da parte dei beneficiari del Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia-Slovenia Linee guida per la delle Piste di controllo da parte dei beneficiari del Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia-Slovenia 2007-2013 Revisione 0/2010 Sommario 1. Introduzione... 2 2. Riferimenti

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013 ******************** Il Comitato di Sorveglianza del Programma Operativo Regionale FESR Sicilia

Dettagli

Programma operativo di cooperazione tra Italia e Francia ALCOTRA 2007-2013 Circolare esplicativa dei controlli di primo livello

Programma operativo di cooperazione tra Italia e Francia ALCOTRA 2007-2013 Circolare esplicativa dei controlli di primo livello Programma operativo di cooperazione tra Italia e Francia ALCOTRA 2007-2013 Circolare esplicativa dei controlli di primo livello Documenti di riferimento Regolamenti comunitari Reg. (CE) 1080/2006, Reg.

Dettagli

REGIONE PUGLIA COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL POR PUGLIA FESR 2007-2013. Q.S.N. obiettivo Convergenza 2007-2013 CCI 2007IT161PO010 REGOLAMENTO INTERNO

REGIONE PUGLIA COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL POR PUGLIA FESR 2007-2013. Q.S.N. obiettivo Convergenza 2007-2013 CCI 2007IT161PO010 REGOLAMENTO INTERNO REGIONE PUGLIA COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL POR PUGLIA FESR 2007-2013 Q.S.N. obiettivo Convergenza 2007-2013 CCI 2007IT161PO010 REGOLAMENTO INTERNO Art.1 (Composizione) In conformità alle disposizioni

Dettagli

Delibera. A1705A - Programmazione e coordinamento sviluppo rurale e agricoltura sostenibile. DE PAOLI Gaudenzio. FREIBURGER Gualtiero.

Delibera. A1705A - Programmazione e coordinamento sviluppo rurale e agricoltura sostenibile. DE PAOLI Gaudenzio. FREIBURGER Gualtiero. Delibera Assessorato ACP - AGRICOLTURA, CACCIA E PESCA Direzione Settore A17000 - AGRICOLTURA A1705A - Programmazione e coordinamento sviluppo rurale e agricoltura sostenibile Num. Definitivo 29-2396 Num.

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 Stralcio di pari opportunità: L AUTORITA PER L UGUAGLIANZA ( ) ( ) 5.2.7

Dettagli

P.O.R. CALABRIA FESR 2007/2013

P.O.R. CALABRIA FESR 2007/2013 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA P.O.R. CALABRIA FESR 2007/2013 SISTEMI DI GESTIONE E CONTROLLO MANUALE DELLE PROCEDURE DELL AUTORITA DI CERTIFICAZIONE Agosto 2009 1 INDICE 1. PREMESSA...4

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO 1 REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Partenariato del Programma Operativo FESR Basilicata 2014-2020 (art. 5 Regolamento UE n. 1303/2/13; Regolamento Delegato (UE) n. 240/2014; D.G.R. n. 906 del 21 luglio 2014)

Dettagli

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 DESCRIZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE E CONTROLLO ORGANISMO INTERMEDIO MATTM

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 DESCRIZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE E CONTROLLO ORGANISMO INTERMEDIO MATTM BOZZA POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 Dec. C(2007) 6820 del 20/12/2007 DESCRIZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE E CONTROLLO ORGANISMO INTERMEDIO MATTM Aprile 2009 Il MATTM in qualità

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza SICUREZZA PER LO SVILUPPO OBIETTIVO CONVERGENZA 2007-2013 LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Versione 02 del 14 gennaio 2009 INDICE

Dettagli

IL SISTEMA NAZIONALE DI CONTROLLO E IL RIMBORSO DEL CO-FINANZIAMENTO NAZIONALE

IL SISTEMA NAZIONALE DI CONTROLLO E IL RIMBORSO DEL CO-FINANZIAMENTO NAZIONALE IL SISTEMA NAZIONALE DI CONTROLLO E IL RIMBORSO DEL CO-FINANZIAMENTO NAZIONALE Seminario Controlli di primo livello e certificazione delle spese Programma Sud Est Europa Bologna 5 Febbraio 2013 Antonella

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Programma Operativo Regionale 2007-2013 Fondo Sociale Europeo. Comitato di sorveglianza del 8 luglio 2008

REGIONE PUGLIA. Programma Operativo Regionale 2007-2013 Fondo Sociale Europeo. Comitato di sorveglianza del 8 luglio 2008 REGIONE PUGLIA Programma Operativo Regionale 2007-2013 Fondo Sociale Europeo Comitato di sorveglianza del 8 luglio 2008 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO FSE Obiettivo

Dettagli

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013)

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA POR OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) Comitato di Sorveglianza 13 maggio 2011 REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO

Dettagli

ALLEGATO 3 MODALITÀ DI SELEZIONE

ALLEGATO 3 MODALITÀ DI SELEZIONE ALLEGATO 3 MODALITÀ DI SELEZIONE POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e Occupazione ASSE II - Ambiente e prevenzione dei rischi Attività 4 Valorizzazione delle strutture di fruizione

Dettagli

PRESIDENZA AUTORITÀ DI GESTIONE COMUNE DEL PROGRAMMA OPERATIVO ENPI CBC BACINO DEL MEDITERRANEO SERVIZIO PER LA GESTIONE OPERATIVA

PRESIDENZA AUTORITÀ DI GESTIONE COMUNE DEL PROGRAMMA OPERATIVO ENPI CBC BACINO DEL MEDITERRANEO SERVIZIO PER LA GESTIONE OPERATIVA PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI AUDIT ESTERNO NEL QUADRO DELL ASSISTENZA TECNICA E DELLA GESTIONE DEI PROGETTI (PAGAMENTI) FINANZIATI DAL PROGRAMMA OPERATIVO ENPI CBC BACINO DEL MEDITERRANEO

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 1 Il Comitato di Sorveglianza dei Programmi Operativi Regionali (POR)

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE E CONOMICA UNITÀ DI VERIFICA DEGLI INVESTIMENTI PUBBLICI Informativa sul Rapporto Annuale di Controllo e sul Parere Annuale

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il Reg. CE n. 834/2007 del Consiglio del 28 giugno 2007, pubblicato nella GUCE 20 luglio 2007, che detta gli obiettivi ed i principi della produzione biologica nonché le norme di produzione, di etichettatura

Dettagli

20/10/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 84. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori

20/10/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 84. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 13 ottobre 2015, n. 540 OGGETTO: POR FESR Lazio 2014-2020. Approvazione della Scheda Modalità Attuative (MAPO) relativa all'azione

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE GENERALE. Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria OGGETTO:

DECRETO DEL DIRIGENTE GENERALE. Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria OGGETTO: REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO 7 SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI SETTORE 2 Procedure FESR, attività economiche: programmazione ed attuazione DECRETO DEL DIRIGENTE

Dettagli

Assessorato Regionale della Famiglia DIPARTIMENTO DEL LAVORO, DELL'IMPIEGO, DELL'ORIENTAMENTO, DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Assessorato Regionale della Famiglia DIPARTIMENTO DEL LAVORO, DELL'IMPIEGO, DELL'ORIENTAMENTO, DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE REPUBBLICA ITALIANA Assessorato Regionale della Famiglia DIPARTIMENTO DEL LAVORO, DELL'IMPIEGO, DELL'ORIENTAMENTO, DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE P.O. F.S.E. Regione Siciliana 2007-2013 PISTA DI

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA IL MINISTERO

Dettagli

Punto 12 all ordine del giorno dell VIII Comitato di Sorveglianza

Punto 12 all ordine del giorno dell VIII Comitato di Sorveglianza UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA DELL AUTORITA DI GESTIONE SULLE ATTIVITA DI CONTROLLO DI PRIMO LIVELLO Punto 12 all ordine del giorno dell VIII

Dettagli

Burc n. 80 del 23 Novembre 2015

Burc n. 80 del 23 Novembre 2015 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI Settore n. 2 Procedure FESR, Attività Economiche programmazione ed attuazione DECRETO (ASSUNTO

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; ASSESSORATO DEL TURISMO, ARTIGIANATO E COMMERCIO Direzione Generale Servizio Programmazione, monitoraggio, valutazione PROT. N. 188 DETERMINAZIONE N. 9 DEL 11/01/2011 Oggetto: L. 135/2001, art. 5, comma

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487 50601 Atti regionali DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487 FSC APQ Sviluppo Locale 207 2013 Titolo II Capo III Aiuti agli investimenti delle

Dettagli

PARTECIPAZIONE AL BANDO PUBBLICO DELLA REGIONE VENETO

PARTECIPAZIONE AL BANDO PUBBLICO DELLA REGIONE VENETO PARTECIPAZIONE AL BANDO PUBBLICO DELLA REGIONE VENETO FONDO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE 2007-2013 ASSE 4 MOBILITA SOSTENIBILE LINEA DI INTERVENTO 4.4 PISTE CICLABILI DGRV 1724 DEL 29 SETTEMBRE 2014 PROGETTO:

Dettagli

ORGANISMO INTERMEDIO - PROVINCIA DI MATERA. Area Politiche Attive del Lavoro e Formazione

ORGANISMO INTERMEDIO - PROVINCIA DI MATERA. Area Politiche Attive del Lavoro e Formazione ORGANISMO INTERMEDIO - PROVINCIA DI MATERA Area Politiche Attive del Lavoro e Formazione Allegato B CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEI FATTORI DI RISCHIO E LA DEFINIZIONE DEL CAMPIONE DELLE OPERAZIONI DA

Dettagli

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 OGGETTO: POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e Occupazione Attuazione dell Attività II.4 Valorizzazione delle strutture di fruizione delle aree protette.

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE CALABRIA FEASR 2007-2013 Decisione della Commissione Europea C (2007) 6007 del 29 novembre 2007 Proposta di

Dettagli

vista la Misura 322 del citato PSR, dal titolo Sviluppo e rinnovamento dei villaggi ;

vista la Misura 322 del citato PSR, dal titolo Sviluppo e rinnovamento dei villaggi ; REGIONE PIEMONTE BU19 14/05/2015 Codice A18200 D.D. 27 marzo 2015, n. 756 Reg. (CE) n. 1698/05 - PSR 2007-2013 della Regione Piemonte - Misura 322, Azione B (realizzazione di organici "programmi integrati

Dettagli

I Fondi strutturali e i fondi a finalità strutturali europei in Basilicata

I Fondi strutturali e i fondi a finalità strutturali europei in Basilicata I Fondi strutturali e i fondi a finalità strutturali europei in Basilicata La Regione Basilicata ha attivi sul proprio territorio 3 Programmi di investimento delle risorse comunitarie per un ammontare

Dettagli

Ragioneria Generale dello Stato IGRUE LINEE GUIDA SUI SISTEMI DI GESTIONE E CONTROLLO PER LA PROGRAMMAZIONE 2007-2013

Ragioneria Generale dello Stato IGRUE LINEE GUIDA SUI SISTEMI DI GESTIONE E CONTROLLO PER LA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 LINEE GUIDA SUI SISTEMI DI GESTIONE E CONTROLLO PER LA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 Roma, 19 aprile 2007 1 Indice PARTE I IL QUADRO ISTITUZIONALE E NORMATIVO 2007 2013... 4 1. Sintesi delle principali innovazioni

Dettagli

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI FSE 2007-2013 A cura della Direzione Istruzione Formazione Professionale Lavoro Allegato a alla dd. n. 608 del

Dettagli

ANNO 2011. Legge regionale n. 12 del 23 maggio 2008 Art. 20 Cooperazione sanitaria internazionale

ANNO 2011. Legge regionale n. 12 del 23 maggio 2008 Art. 20 Cooperazione sanitaria internazionale Gabinetto della Presidenza della Giunta regionale Settore Affari Internazionali e Comunitari Direzione Sanità Settore Programmazione Sanitaria BANDO Per il personale sanitario dipendente delle strutture

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Linee guida alla compilazione del Modello on line C Unione Europea Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Fondo Europeo per i Rifugiati Fondo Europeo per i Rimpatri

Dettagli

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE POR SARDEGNA 2000 2006 VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011

REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011 REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011 Codice DB1107 D.D. 19 novembre 2010, n. 1316 Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-2013 - Ricorso alla procedura negoziata, ai sensi dell'art. 57, comma 2, lettera b)

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Prot. n 5442 Decreto Ministeriale recante la procedura a livello nazionale per la registrazione delle DOP e IGP ai sensi del Regolamento (CE) n. 510/2006. Visto il regolamento (CE) n. 510/2006 del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE.

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 62-7503 DEL 19.11.2007 OGGETTO: MODIFICA ED INTEGRAZIONE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA SELEZIONE DI 2 ESPERTI P.I.C. Interreg III B Medocc progetto Medins - Identità è futuro

AVVISO PUBBLICO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA SELEZIONE DI 2 ESPERTI P.I.C. Interreg III B Medocc progetto Medins - Identità è futuro REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato dei Beni Culturali ed Ambientali e della Pubblica Istruzione Dipartimento Beni Culturali ed Ambientali Ed Educazione Permanente AVVISO PUBBLICO DI MANIFESTAZIONE

Dettagli

Presentazione del Programma e del nuovo bando. BENEDETTA SEVI Autorità di Gestione del Programma

Presentazione del Programma e del nuovo bando. BENEDETTA SEVI Autorità di Gestione del Programma Presentazione del Programma e del nuovo bando BENEDETTA SEVI Autorità di Gestione del Programma Presentazione Programma: zone ammissibili e zone adiacenti Presentazione Programma: Assi e risorse ASSE 1

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che:

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che: LA GIUNTA COMUNALE Premesso che: il D.M. n.13294 del 18 novembre 2009, registrato dall Ufficio Centrale di Bilancio Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in data 21 dicembre 2009 n. 2945, nonché

Dettagli

Atto di indirizzo. Sostegno alla realizzazione di centri di custodia oraria e di nidi in famiglia

Atto di indirizzo. Sostegno alla realizzazione di centri di custodia oraria e di nidi in famiglia ALLEGATO A CONVENZIONE DEL 23/12/2010 TRA IL DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA E LA REGIONE PIEMONTE IN ATTUAZIONE DELL INTESA DEL 29 APRILE 2010 RELATIVA AI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE

Dettagli

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 22 dicembre 2014. Cofinanziamento nazionale a carico del Fondo di rotazione di cui alla legge n. 183/1987 per

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE FORMAT ACCORDO MINISTERO DELLO REGIONE SVILUPPO ECONOMICO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E REGIONE VISTO l articolo

Dettagli

Quadro normativo delle Regioni e Province Autonome sulla VAS LIGURIA. Disciplina della valutazione di impatto ambientale.

Quadro normativo delle Regioni e Province Autonome sulla VAS LIGURIA. Disciplina della valutazione di impatto ambientale. L.R. 4/09/1997, n. 36. Pubblicata nel B.U. Liguria 17 settembre 1997, n. 16, L.R. 30/12/1998, n. 38. Pubblicata nel B.U. Liguria 20 gennaio 1999, n. 1. L.R. 4/08/2006, n. 20. Pubblicata nel B.U. Liguria

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 437 del 20/06/2014

Decreto Dirigenziale n. 437 del 20/06/2014 Decreto Dirigenziale n. 437 del 20/06/2014 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

Delibera n. 49/2015. VISTO il decreto legislativo 19 novembre 1997, n. 422 e s.m.i. ;

Delibera n. 49/2015. VISTO il decreto legislativo 19 novembre 1997, n. 422 e s.m.i. ; Delibera n. 49/2015 Misure regolatorie per la redazione dei bandi e delle convenzioni relativi alle gare per l assegnazione in esclusiva dei servizi di trasporto pubblico locale passeggeri e definizione

Dettagli

d) i criteri di valutazione dei progetti da parte del Comitato, tra i quali: 1) la riduzione di fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale;

d) i criteri di valutazione dei progetti da parte del Comitato, tra i quali: 1) la riduzione di fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale; IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI SULLA PROPOSTA DEL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE E CON IL MINISTRO DEI BENI E DELLE ATTIVITA

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DI CANDIDATURE DI PROGETTI STRATEGICI

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DI CANDIDATURE DI PROGETTI STRATEGICI Allegato 1 AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DI CANDIDATURE DI PROGETTI STRATEGICI I. Contenuto generale dell Avviso Il Programma europeo di Cooperazione Transfrontaliera Italia-Francia Marittimo (di seguito

Dettagli

Allegato 11 Modello di Rapporto annuale di controllo

Allegato 11 Modello di Rapporto annuale di controllo Allegato 11 Modello di Rapporto annuale di controllo Modello di Rapporto annuale di controllo a norma dell articolo 62 par. 1, lettera d) punto i) del Regolamento (CE) n. 1083/2006 e dell articolo 18 paragrafo

Dettagli

triennale di c 337.500,00 ; triennale di c 337.500,00; (N. 329 gratuito)

triennale di c 337.500,00 ; triennale di c 337.500,00; (N. 329 gratuito) 1936 Catanzaro e codice 33 TARGET di Crotone occorre assegnare nell immediato l attività formativa, per non far disperdere gli allievi che parteciperanno a tali attività e creare un ulteriore danno ai

Dettagli

3. ORGANISMI INTERMEDI

3. ORGANISMI INTERMEDI PON Governance e Azioni di Sistema FSE 2007-2013 Descrizione dei Sistemi di gestione e controllo ex art. 21, Reg. (CE) n.1828/2006 Allegato XII 3. ORGANISMI INTERMEDI 3.1 Dipartimento Funzione Pubblica

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO

MINISTERO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Fondo Europeo per l Integrazione 2007 2013 MANUALE OPERATIVO REVISORI Versione Agosto 2013 INDICE 1. Premessa 3 2. Il Revisore

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA e ULTRA LARGA NEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA e ULTRA LARGA NEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA Regione Campania ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA e ULTRA LARGA NEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA TRA LA REGIONE CAMPANIA E IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO VISTO l art.

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

IN ITINER@ BANDO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO MONUMENTALE DEDICATO A VISITE ED ITINERARI

IN ITINER@ BANDO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO MONUMENTALE DEDICATO A VISITE ED ITINERARI IN ITINER@ BANDO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO MONUMENTALE DEDICATO A VISITE ED ITINERARI Criteri generali Obiettivi del bando Il bando intende promuovere la vocazione turistico-culturale dei Comuni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento ha ad oggetto il sistema dei controlli interni come previsti dagli articoli 147 e seguenti del decreto legislativo

Dettagli

Tra PREMESSO CHE. Pag. 1 di 8. fonte: http://burc.regione.campania.it

Tra PREMESSO CHE. Pag. 1 di 8. fonte: http://burc.regione.campania.it Accordo tra Agenzia delle Entrate e Regioni per la gestione delle compensazioni, eseguite tramite modello F24, in relazione al credito d imposta per la creazione di nuovo lavoro stabile nel Mezzogiorno,

Dettagli

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO Fondo Crescita: bandi per progetti di R&S nei settori ICT e Industria Sostenibile Il Ministero dello Sviluppo Economico, con decreto del 15 ottobre 2014, pubblicato nella

Dettagli

Cantieri d Arte 2006 Restauro e tutela del patrimonio monumentale religioso in Piemonte e in Liguria

Cantieri d Arte 2006 Restauro e tutela del patrimonio monumentale religioso in Piemonte e in Liguria La Compagnia di San Paolo è una Fondazione italiana di diritto privato con sede a Torino. Essa persegue finalità di utilità sociale, allo scopo di favorire lo sviluppo civile, culturale ed economico. Informazioni

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97 che ha

Dettagli

A relazione del Vicepresidente Pichetto Fratin: Visto:

A relazione del Vicepresidente Pichetto Fratin: Visto: REGIONE PIEMONTE BU11 13/03/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 17 febbraio 2014, n. 11-7110 Programma Operativo di cooperazione transfrontaliera Italia-Svizzera 2007-2013. Approvazione della scheda

Dettagli

Programma Integrato Urbano PIU Europa CITTA di AVELLINO

Programma Integrato Urbano PIU Europa CITTA di AVELLINO Programma Integrato Urbano PIU Europa CITTA di AVELLINO Cabina di Regia del 26 gennaio 2009 Regolamento per l organizzazione ed il funzionamento della Cabina di Regia Città di Avellino Programma Integrato

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA PROGRAMMA REGIONALE DI SVILUPPO 2014-2019 STRATEGIA 5.8 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE AVVISO PUBBLICO MANIFESTAZIONE DI INTERESSE FINALIZZATA ALL'ACQUISIZIONE DI PROPOSTE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 1850 del 14/10/2015 Oggetto: Reg. (CE) 1698/2005

Dettagli

2. SOGGETTI BENEFICIARI

2. SOGGETTI BENEFICIARI ALLEGATO A CRITERI E MODALITÀ PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, PER PROGETTI INERENTI LE TEMATICHE DEFINITE DAL PIANO REGIONALE ANNUALE DEL DIRITTO ALLO STUDIO 1. CRITERI

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE EUROPEE E INTERNAZIONALI E DELLO SVILUPPO RURALE DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE INTERNAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA

Dettagli

Tutto ciò premesso IL DIRETTORE

Tutto ciò premesso IL DIRETTORE REGIONE PIEMONTE BU44S1 30/10/2014 Codice DB1503 D.D. 24 ottobre 2014, n. 660 Avviso pubblico per la presentazione delle domande relative all'inserimento nell'elenco di esperti del mondo del lavoro disponibili

Dettagli

L anno duemilaquindici, il giorno 7 del mese di maggio, in Roma TRA

L anno duemilaquindici, il giorno 7 del mese di maggio, in Roma TRA CONVENZIONE REGOLANTE I RAPPORTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI A VALERE SULLA LINEA DI INTERVENTO II.2.1 DEL PROGRAMMA OPERATIVO INTERREGIONALE ATTRATTORI CULTURALI, NATURALI E TURISMO L anno duemilaquindici,

Dettagli

AVVISO. REGIONE CAMPANIA ART. 6 LEGGE REGIONALE n. 12/2007 INCENTIVI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE

AVVISO. REGIONE CAMPANIA ART. 6 LEGGE REGIONALE n. 12/2007 INCENTIVI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE Decreto Dirigenziale n. 181 del 14 aprile 2008 Area Generale di Coordinamento: Sviluppo Economico n. 12 - L.R. n. 12 del 28.11.2007 - Art. 6 - Incentivi per il Consolidamento delle Passivita' a Breve -

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra L AUTORITÀ DI GESTIONE DEL PROGRAMMA OPERATIVO INTERREGIONALE ATTRATTORI CULTURALI, NATURALI E TURISMO (POIN) e LE PARTI ECONOMICHE E SOCIALI ED IL PARTENARIATO ISTITUZIONALE 1

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ASSOCIATA TRA I COMUNI DELL UNIONE DEI NEBRODI DELLE FUNZIONI RELATIVE AL NUCLEO DI VALUTAZIONE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ASSOCIATA TRA I COMUNI DELL UNIONE DEI NEBRODI DELLE FUNZIONI RELATIVE AL NUCLEO DI VALUTAZIONE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ASSOCIATA TRA I COMUNI DELL UNIONE DEI NEBRODI DELLE FUNZIONI RELATIVE AL NUCLEO DI VALUTAZIONE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento ha per oggetto la gestione

Dettagli

Assistenza tecnica - Azioni per l avanzamento e verifica delle operazioni collegate alla qualità e quantità dei dati presenti nei

Assistenza tecnica - Azioni per l avanzamento e verifica delle operazioni collegate alla qualità e quantità dei dati presenti nei Assistenza tecnica - Azioni per l avanzamento e verifica delle operazioni collegate alla qualità e quantità dei dati presenti nei sistemi informativi di monitoraggio della Regione Azioni di miglioramento:

Dettagli

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE Le linee guida di seguito illustrate rappresentano un primo risultato dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI MACCHINE E COMPONENTI DI SICUREZZA. Direttiva 2006/42/CE Allegato IX Esame CE del Tipo

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI MACCHINE E COMPONENTI DI SICUREZZA. Direttiva 2006/42/CE Allegato IX Esame CE del Tipo Pagina 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E PREMESSA... 2 2 TERMINI E DEFINIZIONI... 2 2.1 Definizioni di tipo generale... 2 2.2 Definizioni relative alle Macchine e Componenti di Sicurezza... 2 3 ITER DI CERTIFICAZIONE...

Dettagli

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO N. 10 LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO.

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO N. 10 LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO. 4778 3-6-2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA - Parte III - n. 22 REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO N. 10 LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO.

Dettagli

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI UNIONE MONTANA ALTA VAL DI CECINA PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio n. 1 del 07.01.2013 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI INDICE Art. 1 Oggetto

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 18 del 07/02/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 18 del 07/02/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 18 del 07/02/2014 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 3 - Direzione Generale Internazz.ne e rapporti con

Dettagli

DECRETO COMMISSARIALE n. 110 del 16 aprile 2013

DECRETO COMMISSARIALE n. 110 del 16 aprile 2013 (D.P.C.M. 21 gennaio 2011) DECRETO COMMISSARIALE n. 110 del 16 aprile 2013 OGGETTO: Accordo di Programma sottoscritto il 14 dicembre 2010 tra il MATTM e la Regione Basilicata. - Intervento di Consolidamento

Dettagli

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27)

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27) CONVENZIONE TRA LA REGIONE DELL UMBRIA, LE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI DI PERUGIA E TERNI, I COMUNI DELL UMBRIA LE COMUNITÀ MONTANE DELL UMBRIA PREMESSO CHE: - La legge regionale 31 luglio 1998, n. 27

Dettagli

PARTE SECONDA. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 27 luglio 2015, n.1515. di un programma di recupero e razionalizzazione

PARTE SECONDA. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 27 luglio 2015, n.1515. di un programma di recupero e razionalizzazione 32941 PARTE SECONDA Deliberazioni del Consiglio e della Giunta DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 27 luglio 2015, n.1515 Programma di recupero e razionalizzazione degli immobili e degli alloggi di edilizia

Dettagli

MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA CERTIFICAZIONE DELLA SPESA DEL P.O. FSE 2007-2013

MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA CERTIFICAZIONE DELLA SPESA DEL P.O. FSE 2007-2013 Unione Europea Fondo Sociale Europeo Repubblica Italiana MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA CERTIFICAZIONE DELLA SPESA DEL P.O. FSE 2007-2013 Versione 4.0 Aggiornata al 19 settembre 2014 COORDINAMENTO E REDAZIONE

Dettagli

Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea Italia-Svizzera 2007-2013

Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea Italia-Svizzera 2007-2013 Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea Italia-Svizzera 2007-2013 CONVENZIONE DI ATTRIBUZIONE DEL CONTRIBUTO PUBBLICO PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO DESTINATION ID: 10013262 VISTI i Regolamenti (CE)

Dettagli

Bando per la erogazione di contributi

Bando per la erogazione di contributi Fondazione Wanda Di Ferdinando Bando per la erogazione di contributi Anno 2015 La Fondazione Wanda Di Ferdinando è un Ente Privato che si propone l attuazione di iniziative del più alto interesse sociale

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SARDEGNA FSE 2007-2013 CCI N 2007IT052PO016

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SARDEGNA FSE 2007-2013 CCI N 2007IT052PO016 ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE D i r e z i o n e G e n e

Dettagli

ASSESSORADU DE S IGIENE E SANIDADE E DE S ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITÀ E DELL ASSISTENZA SOCIALE

ASSESSORADU DE S IGIENE E SANIDADE E DE S ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITÀ E DELL ASSISTENZA SOCIALE Allegato alla Determinazione n. 538/18555 del 17.12.2013 Piano straordinario per lo sviluppo dei servizi socio-educativi per la prima infanzia Finanziamenti ai nidi e micronidi privati, già esistenti e

Dettagli