Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Francia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Francia 2007-2013"

Transcript

1 Direzione Opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e foreste Settore Politiche comunitarie Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Francia CCI 2007 CB163 PO 034 DESCRIZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE E DI CONTROLLO

2 Indice 1. DATI GENERALI Informazioni anagrafiche Attualità del sistema di gestione e controllo Struttura del sistema di gestione e controllo (informazioni generali e diagramma indicante i rapporti organizzativi tra gli organismi partecipanti al sistema di gestione e di controllo) Autorità di gestione, Segretariato Tecnico Congiunto, Controllori Organismi intermedi (Denominazione, indirizzo e referente degli organismi intermedi) Autorità di certificazione (Denominazione, indirizzo e referente dell'autorità di certificazione) Autorità di audit e organismi di controllo (Denominazione, indirizzo e referente dell'autorità di audit e degli altri organismi di controllo) Orientamenti forniti alle autorità di gestione e di certificazione nonché agli organismi intermedi per garantire la sana gestione finanziaria dei Fondi strutturali (data e riferimento) AUTORITÀ DI GESTIONE L'autorità di gestione e le sue funzioni principali Data e forma della designazione formale che autorizza l'autorità di gestione a svolgere le proprie funzioni Indicazione delle funzioni e dei compiti svolti direttamente dall'autorità di gestione Funzioni formalmente delegate dall'autorità di gestione (funzioni,organismi intermedi, tipo di delega) Organizzazione dell'autorità di gestione Organigramma e indicazione precisa delle funzioni delle unità (compreso il numero approssimativo dei posti assegnati) Procedure scritte elaborate per il personale dell'autorità di gestione/degli organismi intermedi (data e riferimento) Descrizione delle procedure di selezione e di approvazione delle operazioni nonché delle procedure destinate a garantirne la conformità alle norme comunitarie e nazionali applicabili per l'intero periodo di attuazione (articolo 60, lettera a) del regolamento (CE) n. 1083/2006) Verifica delle operazioni (Articolo 60, lettera b) del regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio) Trattamento delle domande di rimborso Descrizione del modo in cui l'autorità di gestione trasmetterà le informazioni all'autorità di certificazione Norme di ammissibilità stabilite dallo Stato membro e applicabili al programma operativo Nel caso in cui lo stesso organismo sia designato sia come autorità di gestione che come autorità di certificazione descrivere in che modo viene garantita la separazione delle funzioni Appalti pubblici, aiuti di Stato, pari opportunità, norme ambientali Istruzioni e orientamenti sulle norme applicabili (data e riferimento)

3 Provvedimenti previsti per assicurare il rispetto delle norme applicabili, per esempio, controlli relativi alla gestione, verifiche, audit Pista di controllo Descrizione del modo in cui le prescrizioni dell'articolo 15 saranno applicate al programma e/o a singole priorità Istruzioni date riguardo alla conservazione dei documenti giustificativi da parte dei beneficiari (data e riferimento) Irregolarità e recuperi Istruzioni relative alla segnalazione e alla rettifica delle irregolarità nonché alla registrazione del debito e ai recuperi dei pagamenti non dovuti (data e riferimento) Descrizione della procedura (compreso il diagramma) per conformarsi all'obbligo di segnalare le irregolarità alla Commissione a norma dell'articolo ORGANISMI INTERMEDI AUTORITÀ DI CERTIFICAZIONE L'autorità di certificazione e le sue funzioni principali Data e forma della designazione formale che autorizza l'autorità di certificazione a svolgere le proprie funzioni Indicazione delle funzioni svolte dall'autorità di certificazione Funzioni formalmente delegate dall'autorità di certificazione(funzioni,organismi intermedi, tipo di delega) Organizzazione dell'autorità di certificazione Certificazione delle dichiarazioni di spesa Descrizione delle procedure relative alla redazione, alla certificazione e alla presentazione delle dichiarazioni di spesa alla Commissione Descrizione dei provvedimenti presi dall'autorità di certificazione per assicurare il rispetto delle prescrizioni di cui all'articolo 61 del regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio Disposizioni riguardanti l'accesso dell'autorità di certificazione alle informazioni dettagliate sulle operazioni, sulle verifiche e sugli audit effettuati dall autorità di gestione, dagli organismi intermedi e dall'autorità di audit Sistema contabile Descrizione del sistema contabile che va istituito e utilizzato come base per la certificazione delle spese della Commissione Grado di dettaglio del sistema contabile: Importi recuperati Descrizione del modo per garantire un rapido recupero del sostegno comunitario Disposizioni prese per tenere il registro dei debitori e per detrarre gli importi recuperati dalla spesa da dichiarare AUTORITÀ DI AUDIT E ORGANISMI DI CONTROLLO SISTEMA INFORMATICO (ARTICOLO 60, LETTERA C) DEL REGOLAMENTO (CE) N. 1083/2006 DEL CONSIGLIO)

4 6.1. Descrizione del sistema informatico compreso il diagramma (sistema centrale o comune di reti o sistema decentrato con collegamenti tra i sistemi)... 4

5 DATI GENERALI 1.1. Informazioni anagrafiche Stato membro Titolo del programma e numero Denominazione del referente principale Italia Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Francia CCI 2007 CB163 PO 034 Dec. C (2007) 5716 del 29/11/2007 Silvia Riva, Autorità di Gestione Regione Piemonte Direzione Opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e foreste Settore Politiche comunitarie DB1415 C.so Stati Uniti, Torino Mail: Tel: Fax: Attualità del sistema di gestione e controllo Le informazioni fornite nella presente Relazione descrivono la situazione del sistema di gestione e controllo al 01/10/ Struttura del sistema di gestione e controllo (informazioni generali e diagramma indicante i rapporti organizzativi tra gli organismi partecipanti al sistema di gestione e di controllo) Le Amministrazioni responsabili individuate nel Programma operativo sono (cfr del PO): - per l Italia: la Regione Piemonte, la Regione Liguria e la Regione Autonoma Valle d Aosta; - per la Francia: il Prefetto della Regione Provence-Alpes-Côte d'azur, in base alla nota a firma del Ministro francese delegato alla gestione del territorio del 10 novembre 2006, relativa ai programmi di cooperazione territoriale europea Ai sensi dei Regolamenti del Consiglio (CE) n. 1083/2006 e n. 1080/2006, le strutture di cooperazione per l attuazione del Programma e gli altri organismi partecipanti al sistema di gestione e controllo, così come specificati nel Programma operativo per effetto delle scelte effettuate dalle predette amministrazioni responsabili, in ossequio al principio della separazione delle funzioni di cui all art. 58, lettera b), del Regolamento (CE) n. 1083/2006, sono: 5

6 - il Comitato di Sorveglianza, composto da un membro con potere deliberante per ciascuna delle seguenti amministrazioni: Amministrazioni centrali dello Stato italiano (un rappresentante del MISE e un rappresentate per l IGRUE) e dello Stato francese; Regioni Liguria, Piemonte e Valle d Aosta, Province di Torino, Cuneo e Imperia, Prefetture di regione e Consigli regionali di Rhône-Alpes e Provence Alpes-Côte d Azur; Prefetture di Dipartimento e Consigli generali di Haute-Savoie, Savoie, Hautes-Alpes, Alpes-de-Haute-Provence, Alpes-Maritimes; e dai seguenti membri con funzione consultiva: un rappresentante della Commissione europea, i rappresentanti delle autorità ambientali italiane e francesi, i rappresentanti delle amministrazioni competenti in materia di Pari Opportunità; i membri delle altre strutture di cooperazione (AdG, CT, AdC, AdA, STC); un rappresentante del Principato di Monaco. - l Autorità di Gestione, individuata nella Regione Piemonte (cfr. infra 2 della presente relazione); - il Segretariato tecnico congiunto, struttura di coordinamento a supporto dell Autorità di Gestione e dell Autorità di Audit nonché supporto operativo al Comitato di Sorveglianza e al Comitato tecnico. E unico e ha carattere binazionale paritetico (cfr. infra e 2 della presente relazione); - l Autorità di Certificazione, individuata nella Regione Piemonte (cfr. infra 4 della presente relazione); - l Autorità di Audit, individuata nella Regione Piemonte, assistita da un gruppo di controllori ai sensi dell'art. 14, comma 2, del Regolamento (CE) n. 1080/2006 (cfr. infra 5 della presente relazione); - il Comitato Tecnico, struttura tecnica di consultazione e concertazione partenariale a supporto dell Autorità di gestione, composta dall Autorità di Gestione e da un rappresentante per ognuna delle seguenti amministrazioni: Regioni Valle d Aosta, Piemonte e Liguria; Province di Torino, Cuneo e Imperia; Prefetture di regione Provence Alpes-Côte d Azur e Rhône-Alpes; Consigli regionali Provence Alpes-Côte d Azur e Rhône-Alpes; Prefetture di Dipartimento e Consigli Generali di Haute- Savoie, Savoie, Hautes-Alpes, Alpes-de-Haute-Provence, Alpes-Maritimes, i rappresentanti delle Autorità ambientali italiane e francesi. Alle riunioni del Comitato tecnico partecipano, inoltre, il Segretariato Tecnico Congiunto e l Autorità di Certificazione e sono invitati i rappresentanti del MISE e dell IGRUE. L Autorità di Gestione può inoltre invitare, in qualità di osservatori, i rappresentanti dei territori adiacenti e un rappresentante del Principato di Monaco. Il Principato di Monaco è comunque informato dell ordine del giorno di ciascuna riunione del Comitato. Il Comitato, sulle proposte dell AdG al Comitato di sorveglianza, esprime parere in merito ai documenti derivanti dal Programma operativo relativi alla realizzazione, alla gestione e al monitoraggio del Programma, nonché alle modalità di presentazione, alle fasi istruttorie, ai criteri di selezione e al monitoraggio dei progetti; sulla proposta relativa alla programmazione dei progetti; sul piano di comunicazione e sul piano di assistenza tecnica; il CT viene, inoltre, regolarmente informato sull avanzamento del Programma e sulle attività delle Autorità di Gestione, di Certificazione e di Audit; - il Gruppo Tecnico Ambiente, costituito dalle Autorità Ambientali delle amministrazioni partecipanti al Programma (Regioni Liguria, Piemonte e Valle d Aosta, Prefetture di Regione PACA e Rhône- Alpes). L Autorità Ambientale della Regione Piemonte svolge funzioni di coordinamento del Gruppo. - i Servizi preposti al controllo di primo livello (ex artt del Regolamento (CE) n. 1080/2006): per quanto riguarda l attività di controllo di primo livello, le Regioni italiane e i Prefetti di dipartimento sono responsabili dell espletamento di tali funzioni. La lista indicativa dei Servizi di controllo è fornita in allegato (all. 1) 6

7 La struttura organizzativa sinteticamente illustrata è rappresentata graficamente nella figura che segue, che evidenzia ulteriormente l attuazione della separazione funzionale di cui all art. 58 del Regolamento (CE) 1083/

8 Autorità di gestione, Segretariato Tecnico Congiunto, Controllori Autorità di Gestione L Autorità di Gestione del PO è collocata presso la Regione Piemonte e la funzione è attribuita al dirigente pro-tempore della struttura sottoindicata: Denominazione Indirizzo Referente Regione Piemonte Direzione Opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e foreste Settore Politiche comunitarie DB1415 Autorità di Gestione (AdG) C.so Stati Uniti, Torino Silvia Riva Tel: Fax: L Autorità di Gestione (AdG) ha la responsabilità della sorveglianza, la gestione e il controllo del Programma Operativo (cfr. infra 2 della presente relazione). Segretariato tecnico congiunto Il Segretariato tecnico congiunto è la cellula di coordinamento costituita per assistere l Autorità di Gestione e l Autorità di Audit nell esercizio delle loro funzioni e per fornire il necessario supporto operativo al Comitato di Sorveglianza e al Comitato tecnico. E unico e ha carattere binazionale pariteico. Il STC ha una sede comune in Francia a Mentone. I membri del Segretariato sono scelti dalle amministrazioni responsabili del programma, in accordo con l Autorità di gestione, sulla base di criteri di equilibrio transfrontaliero, di specifiche competenze e tenendo particolarmente conto delle esigenze proprie della cooperazione. Le amministrazioni responsabili designano, di comune accordo, il responsabile del Segretariato, i membri che operano nella sede comune e quelli che operano sul territorio in qualità di "antenne". L Autorità di gestione si assicura del reclutamento del personale per mezzo di contratti o convenzioni di "messa a disposizione", definiti dalle amministrazioni pubbliche rispettivamente competenti e nel rispetto dei propri ordinamenti. La Guida di attuazione, approvata dal Comitato di Sorveglianza in data a seguito dell insediamento dell organo di programmazione, precisa le funzioni del responsabile, la descrizione dell organizzazione e le modalità di funzionamento del Segretariato volti a garantire l efficace coordinamento tecnico affidato alla struttura. Il personale e il funzionamento del Segretariato sono interamente finanziati con i fondi del PO destinati all Assistenza tecnica. Il STC svolge, in particolare, le seguenti funzioni : 8

9 - assiste le Autorità di gestione e di Audit, il Comitato di sorveglianza e il Comitato tecnico (per l elaborazione dei documenti per le riunioni, per la programmazione, per la redazione dei rapporti annuali, ecc.); - svolge l istruttoria di ammissibilità e coerenza con il programma dei progetti presentati; - mette a punto per l AdG un sistema informatizzato per la registrazione, l elaborazione e la trasmissione dei dati relativi alle operazioni; - esegue il monitoraggio procedurale, finanziario e fisico; - coordina le attività di informazione e animazione territoriale; - assicura l assistenza tecnica necessaria per l attuazione del programma; - partecipa alle attività di comunicazione e pubblicità. Il Segretariato ha sede a Mentone (Francia). Denominazione Indirizzo Segretariato Tecnico Congiunto (STC) 11, rue de la Marne Mentone Referente Responsabile: Riccardo Ledda Tel Fax Controllori preposti al controllo di attuazione (controllo di primo livello) Le Regioni, per l'italia, e le Prefetture di dipartimento, per la Francia, individuano, sulla base della attribuzione delle competenze amministrative dei rispettivi ordinamenti, gli specifici servizi cui è affidata, in primo luogo, l istruttoria di merito tecnico, economico e ambientale di ogni singolo progetto, indicando, nel caso di più servizi, quello che assume il ruolo di capofila per ciascuna parte nazionale o regionale (cfr. infra 2 della presente relazione e allegato1). Successivamente all approvazione del progetto e alla definizione dell entità di contributo FESR da parte del Comitato di Sorveglianza, ciascuna Amministrazione affida, di norma, il controllo di attuazione (controllo di primo livello) al Servizio che lo ha istruito, garantendo la separazione funzionale di cui all'art. 58 del Reg. 1083/2006. I controllori sono responsabili della verifica della legittimità e regolarità delle spese dichiarate riguardo alla fornitura dei beni e servizi cofinanziati per le operazioni o parti di operazioni realizzate sul proprio territorio nonché della conformità di tali spese e delle relative operazioni con le norme comunitarie e nazionali. Il controllo si conclude con una convalida delle spese ammissibili a contributo, sulla cui base sono predisposte le dichiarazioni di spesa del Programma. Per poter garantire coerenza e uniformità nell esercizio delle proprie funzioni i controllori si attengono a quanto individuato nella Guida di attuazione del Programma. 9

10 Organismi intermedi (Denominazione, indirizzo e referente degli organismi intermedi) Non si prevede la delega di funzioni di gestione, certificazione o controllo ad organismi intermedi Autorità di certificazione (Denominazione, indirizzo e referente dell'autorità di certificazione) L Autorità di Certificazione del PO è collocata presso la Regione Piemonte e la funzione è attribuita al direttore pro-tempore della struttura sottoindicata: Denominazione Indirizzo Referenti Direzione Opere pubbliche, difesa del suolo, economia montane e foreste DB1400 C.so Stati Uniti, Torino Giovanni Ercole Direttore Autorità di Certificazione (AdC) Tel: Fax : Alfonso Lamberti POSIZIONE DI AP PROGRAMMAZIONE E GESTIONE FINANZIARIA DEI PROGRAMMI DI SVILUPPO PER LE ZONE RURALI MARGINALI Tel: Fax : L Autorità di Certificazione è responsabile della corretta certificazione delle dichiarazioni di spesa e delle domande di pagamento a valere sui Fondi comunitari e statali per l attuazione del Programma Operativo Autorità di Audit e organismi di controllo (Denominazione, indirizzo e referente dell'autorità di Audit e degli altri organismi di controllo) L Autorità di Audit del P.O. è collocata presso la Regione Piemonte e la funzione è attribuita al direttore pro-tempore della struttura sottoindicata: Regione Piemonte Dott. Rolando Sergio Corso Bolzano 44, Torino tel fax

11 Regione Liguria Regione Valle d Aosta Préfecture de la Région Rhône-Alpes Préfecture de la Région Provence- Alpes-Cote d'azur Dott.ssa Teresa ANFOSSO GENOVA Piazza De Ferrari, 1 tel fax (membro supplente dott. Giovanni GHIONE Dott. Peter BIELER AOSTA - Piazza Deffeyes, 1 Tel : / Fax : / (membro supplente Anna Maria MINELLI Madame Monique AUTIN 31 rue Mazenod LYON Cedex 03 tel fax (membro supplente Madame Bernadette SAIDOUNI e- mail: Madame Joséphine COBHAM Boulevard Paul Peytral Marseille tél fax (membro supplente Madame Brigitte MONDOLONI ) L Autorità di Audit è responsabile della verifica dell efficace funzionamento del sistema di gestione e di controllo e svolge le proprie funzioni in piena indipendenza dall Autorità di Gestione, dall Autorità di Certificazione e dagli altri organismi preposti all attuazione del programma. Ai sensi dell articolo 14, comma 2, del Regolamento (CE) n. 1080/2006, l Autorità di Audit è assistita dal gruppo di controllori composto da: un rappresentante dello Stato italiano, un rappresentante per ciascuna Regione italiana e un rappresentante per ogni Cellula di controllo delle Prefetture di regione francesi in concertazione con la CICC (Commissione Interministeriale di Coordinamento dei Controlli). Il gruppo di controllori è presieduto dall Autorità di Audit, che lo ha istituito entro tre mesi dalla decisione di approvazione del Programma operativo. Il gruppo ha altresì definito il proprio regolamento interno e le modalità di realizzazione degli audit previsti all art. 62 del Regolamento (CE) n. 1083/ Ulteriori Organismi Concorrono all attuazione del Programma Operativo una serie di organismi di seguito descritti. 11

12 - Organismo nazionale di coordinamento in materia di controllo (Organismo di valutazione della conformità) Conformemente a quanto previsto dal paragrafo VI.2.4 del QSN, tale organismo è il Ministero dell Economia e delle Finanze - Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato Ispettorato Generale per i Rapporti finanziari con l Unione Europea (IGRUE). L Organismo provvede, in particolare, ad esprimere il parere, ai sensi dell art del Regolamento (CE) n. 1083/2006, secondo le modalità attuative definite dal Regolamento (CE) n. 1828/2006, in merito alla conformità di detti sistemi con il disposto degli articoli da 58 a 62 di tale Regolamento. A tal fine, l Organismo nazionale di coordinamento ha accesso alle informazioni e ai dati che ritiene necessari per esprimere il sopraindicato parere. - Organismo responsabile per la ricezione dei pagamenti 1 L organismo abilitato a ricevere i pagamenti della Commissione per conto della Amministrazione regionale è il Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato - Ispettorato Generale per i Rapporti Finanziari con l Unione Europa (IGRUE). I contributi comunitari sono versati all IGRUE mediante accredito dei relativi fondi sul c/c n , aperto presso la Tesoreria centrale dello Stato, intestato a Ministero del tesoro Fondo di rotazione per l attuazione delle politiche comunitarie: Finanziamenti CEE. L IGRUE provvede ad erogare in favore della Regione Piemonte le quote comunitarie FESR acquisite e le corrispondenti quote del cofinanziamento nazionale, mediante versamento sull apposito c/c n /1002 Banca d Italia la Tesoreria centrale, intestato Regione Piemonte Risorse CEE Cofinanziamento nazionale. L Ufficio competente provvede alla gestione delle risorse finanziarie assegnate al PO sulla base della legislazione amministrativa e contabile comunitaria nazionale e regionale e dei criteri di buona gestione finanziaria. - Organismo di coordinamento per la trasmissione delle domande di pagamento L Autorità di Certificazione trasmette le dichiarazioni certificate delle spese e le domande di pagamento alla Commissione Europea per il tramite dell Autorità capofila di Fondo (Ministero dello Sviluppo Economico - DPS - Servizio per le Politiche dei Fondi Strutturali Comunitari), individuata quale organismo nazionale di coordinamento per la trasmissione delle domande di pagamento. L Autorità capofila di Fondo è responsabile della validazione delle dichiarazioni certificate delle spese e delle domande di pagamento e del successivo inoltro telematico alla Commissione Europea utilizzando i web services del sistema SFC Direzione regionale Programmazione strategica, politiche territoriali ed edilizia (DA0800) della Regione Piemonte Alla Direzione compete il supporto alla Giunta regionale l esercizio delle funzioni di definizione degli obiettivi e dei programmi da attuare in materia di elaborazione, monitoraggio e valutazione degli strumenti di programmazione strategica, operativa e negoziata, di pianificazione territoriale e paesaggistica; compete inoltre alla medesima struttura il coordinamento tecnico della Commissione 1 Artt g.iii e 76.2 del Reg. (CE) n. 1083/

13 Affari Comunitari e Internazionali della Conferenza delle Regioni e, per quanto riguarda la Regione Piemonte, l attuazione di obiettivi comunitari inerenti le materie di competenza e di programmi riguardanti la cooperazione territoriale transnazionale e interregionale Orientamenti forniti alle autorità di gestione e di certificazione nonché agli organismi intermedi per garantire la sana gestione finanziaria dei Fondi strutturali (data e riferimento) La presente relazione sul Sistema di Gestione e Controllo tiene conto degli orientamenti forniti a livello comunitario, nazionale e regionale per garantire la sana gestione finanziaria dei Fondi strutturali. Si riportano nel seguito i principali riferimenti. Orientamenti comunitari Regolamenti comunitari: Regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio dell 11 luglio 2006, recante disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione e che abroga il Regolamento (CE) n. 1260/1999; Regolamento (CE) n. 1828/2006 della Commissione, dell 8 dicembre 2006, che stabilisce modalità di applicazione del Regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione e del Regolamento (CE) n. 1080/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo al Fondo europeo di sviluppo regionale; Regolamento (CE) n. 1080/2006 relativo al Fondo europeo di sviluppo regionale e recante abrogazione del regolamento (CE) n. 1783/1999. Orientamenti nazionali L IGRUE ha presentato delle Linee Guida, a carattere orientativo e quindi non vincolante, frutto di uno studio sui modelli organizzativi e procedurali ipotizzabili per la gestione ed il controllo degli interventi socio-strutturali. In vista dell attività di valutazione della conformità all orientamento comunitario dei sistemi di gestione e controllo attivati dalle Amministrazioni titolari dei Programmi Operativi, l IGRUE ha inoltre predisposto un Manuale i cui contenuti ed impostazione sono stati condivisi a livello nazionale. Funzionale a garantire la sana gestione dei fondi strutturali, infine, è stata l elaborazione della norma generale sui Costi ammissibili ai fondi strutturali, approvata, ai sensi dell art. 56 c. 4 del Regolamento generale, in sede nazionale. (Cfr Schema di D.P.R. recante norme di esecuzione del Regolamento CE n. 1083/2006 con riferimento all ammissibilità delle spese, approvato dal Consiglio dei Ministri in data ). Di seguito si riportano i dati di identificazione della documentazione nazionale sopraindicata: Linee Guida sui Sistemi di gestione e controllo per la programmazione Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato IGRUE; Manuale di conformità dei sistemi di gestione e controllo dell Economia e delle Finanze Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato IGRUE; 13

14 Circolare n. 34 del 8 novembre 2007 del Ministero dell Economia e delle Finanze - Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato IGRUE; Norma nazionale sull ammissibilità della spesa: Schema di D.P.R. recante norme di esecuzione del Regolamento CE n. 1083/2006 con riferimento all ammissibilità delle spese, approvato dal Consiglio dei Ministri in data Circolare n. 23 del 31 luglio 2008 del Ministero dell Economia e delle Finanze - Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato IGRUE, recante le Procedure di gestione finanziaria degli interventi dell Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea per la programmazione 2007/2013; Le caratteristiche generali del sistema nazionale di controllo dei Programmi Operativi dell Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea definite dal Ministero dell Economia e delle Finanze - Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato IGRUE (cfr. nota IGRUE prot del 26 giugno 2008 ); Delibera CIPE n. 36 del 15 giugno

15 1. AUTORITÀ DI GESTIONE 2.1. L'autorità di gestione e le sue funzioni principali Data e forma della designazione formale che autorizza l'autorità di gestione a svolgere le proprie funzioni Il Programma operativo individua nella Regione Piemonte l Autorità unica di Gestione, l Autorità di Certificazione e l Autorità di Audit. La Regione Piemonte con D.G.R. n in data 8 ottobre 2007 ha proceduto all individuazione e attivazione delle proprie strutture organizzative preposte all Autorità di Gestione, di Certificazione e di Audit, definendone referenti responsabili e relativa articolazione nel rispetto dei principi dell indipendenza e della separazione funzionale tra i diversi organismi di gestione e di controllo. Con tale provvedimento, la Regione Piemonte ha altresì individuato i propri rappresentanti in seno al Comitato di Sorveglianza, al Comitato Tecnico e al Segretariato Tecnico Congiunto. In particolare, l AdG è stata individuata nel Settore Politiche Comunitarie (DB1415), articolazione strutturale della Direzione Opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e foreste (DB1400). Con D.G.R. n del 28 gennaio 2008, prendendo atto dell avvenuto collocamento a riposo del precedente responsabile, è stato individuato un nuovo referente per l AdG che, con D.G.R. n del 9 giugno 2008 è stato altresì nominato responsabile del Settore Politiche Comunitarie Indicazione delle funzioni e dei compiti svolti direttamente dall'autorità di gestione L Autorità di Gestione è responsabile, nei confronti della Commissione, dell espletamento dei compiti previsti dal combinato disposto degli articoli 60 del Regolamento (CE) 1083/06 e art. 15 del Regolamento (CE) 1080/06, nonché dalle ulteriori specificazioni di cui all art. 13 del Regolamento (CE) n. 1828/2006. Svolge in particolare le seguenti funzioni: a) tiene aggiornati il Comitato di sorveglianza e il Comitato tecnico sull attuazione del programma, prepara e mette in atto le decisioni prese da questi ultimi; b) elabora e applica i contenuti dei documenti derivanti dal Programma operativo riguardanti la realizzazione, la gestione e il monitoraggio del Programma, nonché le modalità di presentazione, di istruttoria, di monitoraggio e i criteri di selezione dei progetti; c) coordina la ricezione, l esame, il controllo preliminare e le istruttorie dei progetti presentati e ne propone la selezione al Comitato di sorveglianza, sentito il parere del Comitato tecnico; d) coordina il monitoraggio degli interventi finanziati; e) verifica la validità dei documenti certificati dai servizi incaricati di controllare le spese effettivamente sostenute dai beneficiari; f) crea un sistema informatizzato per la gestione dei dati finanziari e statistici relativi alla realizzazione del programma e dei progetti, verifica la raccolta delle informazioni e la loro trasmissione secondo le modalità stabilite dagli Stati membri in accordo con la Commissione europea; 15

16 g) utilizza un sistema contabile separato o una codificazione contabile adeguata da parte dei beneficiari e degli organismi coinvolti nell attuazione delle operazioni; h) organizza un sistema di valutazione per il monitoraggio del programma operativo; i) presenta alla Commissione europea i rapporti annuali e il rapporto finale di esecuzione del Programma, dopo la validazione del Comitato di sorveglianza; j) definisce e realizza il piano delle attività di assistenza tecnica e comunicazione; k) realizza le attività atte ad assicurare la regolarità dei progetti finanziati (in particolare la messa in opera delle misure di controllo), il rispetto delle politiche comunitarie e il rispetto degli obblighi in materia di informazione e di pubblicità. L Autorità di gestione, per svolgere la propria attività, si avvale del consenso sia delle amministrazioni responsabili dell attuazione del Programma - le Regioni Piemonte, Liguria e Valle d'aosta per l Italia e la Prefettura della regione PACA, in qualità di Autorità nazionale per la Francia, che assumono la responsabilità dell attuazione e della gestione del Programma secondo le rispettive legislazioni nazionali sia dei Consigli regionali Provence Alpes-Côte d Azur e Rhône-Alpes e dei Consigli Generali di Haute-Savoie, Savoie, Hautes-Alpes, Alpes-de-Haute-Provence, Alpes-Maritimes. Le decisioni relative alla gestione sono assunte in accordo con tali amministrazioni. In particolare, le Amministrazioni responsabili supportano l AdG: al fine di fornire all Autorità di Certificazione tutte le informazioni in merito ai controlli e alle verifiche sull ammissibilità delle spese e con particolare riguardo a quanto individuato alla lettera b) dell art. 60 del Reg. (CE) 1083/2006; nella gestione, redazione e attuazione del piano di comunicazione; nella realizzazione di misure di informazione e pubblicità; nell animazione del Programma a livello locale. L AdG si assicura, inoltre, che le spese di ciascun beneficiario che partecipa ad un'operazione siano state convalidate dal controllore di cui all'articolo 16, comma 1, del Reg. (CE) 1080/2006. I servizi di controllo sono per l Italia i Servizi delle Regioni e per la Francia le Prefetture di Dipartimento (cfr. 1.3). I controllori, con cadenza periodica, procedono alla verifica della legittimità e regolarità delle spese sostenute. Le modalità dei controlli di 1 livello sono riportate nel capitolo Conformemente all art. 15, comma 2, del Reg. (CE) 1080/2006, l'autorità di gestione stabilisce le modalità di esecuzione di ciascuna operazione, attraverso la stipula di una Convezione-tipo con il beneficiario capofila (cfr. all. 15 della Guida di attuazione). Per esercitare le proprie funzioni di gestione e attuazione del Programma Operativo, l AdG è supportata da un organo partenariale, il Comitato Tecnico. Il Comitato tecnico svolge le seguenti funzioni: - esamina ed esprime un parere sulla proposta dell AdG al Comitato di Sorveglianza dei documenti derivanti dal Programma operativo relativi alla realizzazione, alla gestione e al monitoraggio del Programma, nonché le modalità di presentazione, di istruttoria, di monitoraggio e i criteri di selezione dei progetti; - esamina ed esprime un parere sulla proposta relativa alla programmazione dei progetti; - esamina ed esprime parere sul piano di assistenza tecnica e di comunicazione; - è informato dall AdG sulle attività delle autorità di certificazione e di audit. 16

17 Il Segretariato tecnico congiunto è la cellula di coordinamento costituita per assistere l Autorità di Gestione e l Autorità di Audit nell esercizio delle loro funzioni e per fornire il necessario supporto operativo al Comitato di Sorveglianza e al Comitato tecnico. E unico e ha carattere binazionale. Il STC ha una sede comune in Francia a Mentone. Oltre a questa sede comune, a Chambery presso il Consiglio Generale è stata distaccata una antenna decentrata del STC. Il STC svolge le seguenti funzioni : - assiste le Autorità di gestione e di Audit, il Comitato di sorveglianza e il Comitato tecnico (elaborazione dei documenti per le riunioni, per la programmazione, rapporti annuali, ecc.); - svolge l istruttoria di ammissibilità e coerenza con il programma dei progetti presentati; - mette a punto per l AdG un sistema informatizzato per la registrazione, l elaborazione e la trasmissione dei dati relativi alle operazioni; - esegue il monitoraggio procedurale, finanziario e fisico; - coordina le attività di informazione e animazione territoriale; - assicura l assistenza tecnica necessaria per l attuazione del programma; - partecipa alle attività di comunicazione e pubblicità Funzioni formalmente delegate dall'autorità di gestione (funzioni,organismi intermedi, tipo di delega) Non si prevede la delega di funzioni di gestione ad organismi intermedi Organizzazione dell'autorità di gestione Organigramma e indicazione precisa delle funzioni delle unità (compreso il numero approssimativo dei posti assegnati) AdG 1 Dirigente 1 Funzionario con incarico di Alta Professionalità 1 Funzionario responsabile di Posizione Organizzativa 2 Funzionari referenti 1 Supporto amministrativooperativo STC L Autorità di gestione del PO è collocata all interno della Direzione Opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e foreste (DB1400) della Regione Piemonte, nel Settore Politiche comunitarie (DB1416). 17

18 Al Settore Politiche Comunitarie, per l espletamento delle funzioni di competenza dell Autorità di Gestione del Programma, è stata assegnata la Posizione Organizzativa Attività di assistenza specialistica nell ambito delle iniziative comunitarie di cooperazione transfrontaliera con la Francia, al cui responsabile compete in particolare, in stretto raccordo con il STC, la messa in opera e l implementazione dei meccanismi di attuazione del Programma (gestione, sorveglianza, monitoraggio, valutazione e controllo) nonché il coordinamento e il supporto alle attività delle altre Strutture di cooperazione. Alla citata P.O. compete altresì, sempre in collaborazione con il STC l attività di assistenza tecnica, animazione e supporto delle strutture regionali, delle altre amministrazioni e delle collettività locali dell area eligibile; l attuazione del piano di comunicazione; il coordinamento delle attività istruttorie condotte dalle strutture regionali competenti per materia; l attività di analisi e proposta per la selezione delle operazioni; le attività di monitoraggio; la messa in opera del sistema informativo per la gestione del Programma. Al Settore è assegnata, inoltre, l Alta Professionalità Esperto di Cooperazione territoriale europea. Il responsabile dell Alta Professionalità si occupa anche del Programma Operativo di cooperazione transfrontaliera Italia-Svizzera per quanto di competenza della Regione Piemonte (l AdG di tale Programma operativo è individuata nella Regione Lombardia). Con riferimento al Programma operativo Italia-Francia Alcotra, il titolare dell Alta Professionalità, oltre a collaborare con la Posizione Organizzativa già descritta, garantisce un supporto specialistico con riguardo ai progetti strategici e ai piani integrati transfrontalieri, nuove tipologie progettuali introdotte dal Programma Infine, la struttura dell AdG, attualmente in fase di riorganizzazione e implementazione, a regime si comporrà di 2 funzionari referenti (1 di recente acquisizione attraverso procedure di mobilità interna all Ente) e di 1 supporto amministrativo-operativo (anche questo recentemente reclutato attraverso procedure di mobilità interna) per le attività di supporto al responsabile dell AdG, in stretta collaborazione con i titolari della Posizione Organizzativa e dell Alta Professionalità. Riepilogando, la struttura dell AdG è così composta: - Dirigente: Silvia RIVA - Funzionario con incarico di Alta Professionalità: Laura PEDRIALI - Funzionario responsabile di Posizione Organizzativa: Simona PIUMATTI - Funzionari referenti: Caterina PUGLIESE e Luisella MELE - Supporto amministrativo-operativo: Maria Grazia TOMATIS Il Segretariato Tecnico Congiunto è costituito da un responsabile, da 1 referente per ciascuna Amministrazione responsabile e da 1 antenna decentrata a Chambery. Ricoprono i seguenti ruoli, a far data dal 1 giugno 2008: - Responsabile: Riccardo LEDDA - SGAR Rodano Alpi: Nazario BEVILACQUA - SGAR PACA: Cécile ALLEMAND 18

19 - Antenna decentrata Chambery: Isabelle BOTAN - Referente Regione Piemonte: Carla ZERBI - Referente Regione Autonoma Valle d Aosta: Paolo VASSONEY - Referente Regione Liguria: Elena COMELLO Procedure scritte elaborate per il personale dell'autorità di gestione/degli organismi intermedi (data e riferimento) L art. 58 del Regolamento (CE) n. 1083/2006 prevede che il sistema di gestione e controllo descriva le procedure atte a garantire la correttezza e la regolarità delle spese dichiarate nell ambito del programma operativo. Tali procedure descrivono le attività da porre in essere per attuare le varie tipologie di operazioni previste dal Programma Operativo, evidenziando i soggetti responsabili, le modalità e i tempi di esecuzione delle operazioni stesse. La descrizione delle procedure adottate dall Autorità di Gestione nelle fasi di attuazione delle operazioni è fornita nella Guida di attuazione (all. 2). L obiettivo della Guida è definire, nel rispetto di quanto previsto dalla pertinente normativa vigente, il quadro di riferimento unico e condiviso entro cui dare attuazione alla strategia di sviluppo delineata nel Programma. Vengono definite modalità e regole valide nel complesso dell area di cooperazione. Nella Guida vengono dettagliati il funzionamento e i compiti delle strutture di cooperazione, sono precisati i campi di intervento degli assi prioritari del Programma e i corrispondenti finanziamenti, sono definite le procedure per la presentazione dei progetti e le regole per la realizzazione delle operazioni programmate. In particolare: le modalità di funzionamento ed i compiti dei diversi organi preposti alla gestione, sorveglianza e controllo del Programma (Capitolo 2); le risorse finanziarie disponibili per l attuazione della strategia di sviluppo (Capitolo 3) e le modalità di gestione dei flussi finanziari che l attuazione del Programma comporta (Capitolo 4); i contenuti puntuali delle misure in cui il programma è articolato (Capitolo 5); le modalità di predisposizione e deposito dei progetti (Capitolo 6); i circuiti istruttori e criteri di selezione (capitolo 7); avvio, realizzazione monitoraggio e conclusione degli interventi (capitoli ) i sistemi di sorveglianza e valutazione (Capitolo 11) ; le principali regole che governano l informazione e la pubblicità del Programma (Capitolo 12). La Guida di attuazione è stata approvata dal Comitato di Sorveglianza tramite procedura scritta notificata il

20 Le modifiche alla Guida di attuazione che dovessero rendersi necessarie nel corso del programma saranno approvate dal Comitato di sorveglianza su proposta motivata dell Autorità di gestione o del Comitato tecnico. Tali modifiche verranno rese pubbliche. Revisioni potranno essere previste qualora: - intervengano modifiche alla normativa comunitaria e/o nazionale di riferimento; - si renda necessario allineare le procedure di attuazione del PO alle più generali procedure delle Amministrazioni interessate; - siano presentate esplicite richieste da parte dei soggetti facenti parte delle Strutture coinvolte nell attuazione del PO, o dai membri del CdS; - siano introdotte nuove modalità di attuazione del PO atte ad ottimizzare il raggiungimento degli obiettivi previsti. Con cadenza annuale l AdG procederà comunque ad un analisi della validità delle scelte procedurali adottate sulla base delle lezioni tratte dall esperienza maturata e della coerenza e funzionalità rispetto al contesto attuativo Descrizione delle procedure di selezione e di approvazione delle operazioni nonché delle procedure destinate a garantirne la conformità alle norme comunitarie e nazionali applicabili per l'intero periodo di attuazione (articolo 60, lettera a) del regolamento (CE) n. 1083/2006). Le modalità di presentazione e selezione dei dossier progettuali sono descritte dettagliatamente nella Guida di Attuazione del Programma. Il programma prevede tre procedure attuative: Progetti di cooperazione singoli: si tratta di proposte puntuali che si riferiscono a una sola misura, presentate da almeno due partner, uno italiano e uno francese. I partner si impegnano reciprocamente con una Convenzione di cooperazione, designando un capofila unico che coordinerà il partenariato e lo rappresenterà di fronte alle istanze del Programma. Progetti strategici: si tratta di progetti pubblici di notevole rilevanza, che richiedono competenze di tipo istituzionale e politico, e i cui impatti interessano l intera area transfrontaliera o gran parte di essa. Tali progetti sono finalizzati ad approfondire problematiche di interesse comune e a valorizzare, le potenzialità di sviluppo di particolari ambiti e settori economici. I promotori di tali progetti saranno le Regioni e le Province per l Italia, lo Stato, le Regioni e i Dipartimenti per la Francia. Piani integrati transfrontalieri (PIT): si tratta di piani costituiti da un insieme di progetti di cooperazione che riguardano settori e temi diversi ma che hanno un comune obiettivo di sviluppo economico e sociale di uno specifico territorio transfrontaliero. L obiettivo è quello di ottenere un maggior livello di efficacia degli interventi e di aumentare l intensità e la qualità della cooperazione attraverso l allargamento del dialogo e la creazione di reti stabili tra soggetti diversi. 20

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI FSE 2007-2013 A cura della Direzione Istruzione Formazione Professionale Lavoro Allegato a alla dd. n. 608 del

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO Direzione centrale lavoro, formazione, commercio e pari opportunità Servizio programmazione e gestione interventi formativi

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

LINEE GUIDA. per l'attuazione delle iniziative cofinanziate dai Fondi Strutturali Europei 2007-2013 da parte degli Enti in house del MIUR

LINEE GUIDA. per l'attuazione delle iniziative cofinanziate dai Fondi Strutturali Europei 2007-2013 da parte degli Enti in house del MIUR LINEE GUIDA per l'attuazione delle iniziative cofinanziate dai Fondi Strutturali Europei 2007-2013 da parte degli Enti in house del MIUR Versione 1 Marzo 2011 Prot. n. AOODGAI 4564 del 01.04.2011 v Sito

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

Corte dei conti. Sezione Centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo. formata dai magistrati Giovanni DATTOLA, Carlo CHIAPPINELLI,

Corte dei conti. Sezione Centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo. formata dai magistrati Giovanni DATTOLA, Carlo CHIAPPINELLI, Delibera n. SCCLEG/16/2012/PREV REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti Sezione Centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato presieduta dal Presidente

Dettagli

Schema di decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri recante: Attuazione del principio della valutazione tra pari per la selezione dei

Schema di decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri recante: Attuazione del principio della valutazione tra pari per la selezione dei Schema di decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri recante: Attuazione del principio della valutazione tra pari per la selezione dei progetti di ricerca ai sensi dell articolo 20, comma 1, della

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 23 aprile 2014, n. G06045 POR FESR LAZIO 2007-2013 ASSE I - Attività I.1 "Potenziamento e messa

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 17 febbraio 1982, n. 46 che, all articolo 14, ha istituito il Fondo speciale rotativo per l innovazione tecnologica; Visto il decreto-legge 22 giugno

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i.

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i. 28501 di dare atto che il presente provvedimento non comporta alcun mutamento qualitativo e quantitativo di entrata o di spesa né a carico del bilancio regionale né a carico degli enti per i cui debiti

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

Manuale per la rendicontazione ed i controlli in

Manuale per la rendicontazione ed i controlli in Manuale per la rendicontazione ed i controlli in O relazione alla spesa dei Programmi di Cooperazione Territoriale Europea Programma di Cooperazione Transnazionale MEDITERRANEO (MED) 2007-2013 Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 Legge regionale 12 febbraio 2010, n. 10 Norme in materia di valutazione ambientale strategica (VAS), di valutazione di impatto ambientale (VIA) e di valutazione

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Manuale per la rendicontazione ed i controlli in relazione alla spesa dei Programmi di Cooperazione Territoriale Europea-INTERREG IVC

Manuale per la rendicontazione ed i controlli in relazione alla spesa dei Programmi di Cooperazione Territoriale Europea-INTERREG IVC Manuale per la rendicontazione ed i controlli in relazione alla spesa dei Programmi di Cooperazione Territoriale Europea-INTERREG IVC Dicembre 2009 1 INDICE 1 Premessa... 3 2 Riferimenti normativi... 4

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO 20.1 PREMESSA... 255 20.2 COMITATO DI CONSULTAZIONE... 255 20.3 SOGGETTI TITOLATI A PRESENTARE RICHIESTE DI MODIFICA... 255 20.4 REQUISITI DI RICEVIBILITA

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

IlMinistro per i Beni e le Attività Culturali

IlMinistro per i Beni e le Attività Culturali VISTO l articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 26 novembre

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24;

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24; D.Lgs. 6-9-1989 n. 322 1 Norme sul Sistema statistico nazionale e sulla riorganizzazione dell'istituto nazionale di statistica, ai sensi dell'art. 24 della L. 23 agosto 1988, n. 400. Pubblicato nella Gazz.

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2006R1083 IT 25.12.2008 002.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 1083/2006 DEL CONSIGLIO dell'11 luglio

Dettagli

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 ASSESSORADU DE S AGRICULTURA E REFORMA AGROPASTORALE PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 REG. (CE) N. 1698/2005 MISURA 214 - PAGAMENTI AGROAMBIENTALI AZIONE 3 - TUTELA DEGLI HABITAT NATURALI E SEMINATURALI

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

La procedura della contrattazione decentrata integrativa. Comparto Regioni e Autonomie locali

La procedura della contrattazione decentrata integrativa. Comparto Regioni e Autonomie locali La procedura della contrattazione decentrata integrativa Comparto Regioni e Autonomie locali Marzo 2013 INDICE 1. Introduzione... 2 2. Le fasi della procedura... 3 3. Nomina delegazione di parte pubblica...

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XLI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 9 mercoledì, 17 febbraio 2010 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

ALLEGATO. della decisione della Commissione. che modifica la decisione C(2013)1573

ALLEGATO. della decisione della Commissione. che modifica la decisione C(2013)1573 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 30.4.2015 C(2015) 2771 final ANNEX 1 ALLEGATO della decisione della Commissione che modifica la decisione C(2013)1573 sull'approvazione degli orientamenti sulla chiusura

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

1 - AREA INTERDIPARTIMENTALE PER IL COORDINAMENTO E GESTIONE DEI FONDI COMUNITARI E NAZIONALI

1 - AREA INTERDIPARTIMENTALE PER IL COORDINAMENTO E GESTIONE DEI FONDI COMUNITARI E NAZIONALI 1 - AREA INTERDIPARTIMENTALE PER IL COORDINAMENTO E GESTIONE DEI FONDI COMUNITARI E NAZIONALI Responsabile: Dott.ssa Anna Greco Tel.: 0917076283 E-mail: agri1.areagestionefondi@regione.sicilia.it - Assegnazione

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli