Progetto Mappa CET Versione 1.0 del

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010"

Transcript

1 Progetto Mappa CET Versione 1.0 del La capacità di godere richiede cultura, e la cultura equivale poi sempre alla capacità di godere. Thomas Mann 1 Oggetto Il progetto consiste nella creazione di una mappa multidimensionale che evidenzia i rapporti tra cultura, economia e territorio. Il progetto prevede lo sviluppo di un modello teorico e la sua realizzazione, tramite un sistema informatico capace di fornire la conoscenza dell'insieme dei rapporti tra gli attori culturali, attori economici ed elementi fisici del territorio di riferimento. 2 Motivazioni Le persone non fanno i viaggi, sono i viaggi che fanno le persone. John Steinbeck Quando viaggiamo in zone a noi sconosciute, una carta geografica è sempre utile. La carta geografica ci dà una panoramica della zona in cui ci troviamo, indica dove si trovano i punti chiave del percorso e ci aiuta a trovare la strada giusta. Quando ci muoviamo in società, tra le relazioni culturali ed economiche, abbiamo una mappa per guidare le nostre azioni? Se cerchiamo un teatro, possiamo usare un elenco telefonico o un motore di ricerca di Internet. Infatti, ad oggi, le banche dati sono quasi tutte lunghi elenchi di notizie (risultati) filtrate secondo qualche criterio di ricerca; il concetto di relazione tra le notizie è assente. Le informazioni fornite sono piatte o seriali : non mostrano le interazioni tra i soggetti elencati. A domande del tipo: Chi sono gli allievi di Giotto? possiamo trovare una risposta solo perché Giotto è un celebre personaggio e perché ci sono siti web appositamente costruiti che ne forniscono tante informazioni. Per domande come: Quali gruppi teatrali si sono esibiti in provincia di Lucca l'anno scorso? o Quali sono i gruppi musicali jazz di Firenze? anche i potenti motori di ricerca non riescono a dare una risposta soddisfacente. Forse i dati sono disponibili, ma in una forma non reperibili. Inoltre, la tecnica del filtraggio seriale dei dati esclude informazioni che così diventano invisibili e rende tutti i risultati delle ricerche simili tra loro. Come possiamo migliorare la qualità delle informazioni ricavate dalle ricerche? I migliori rapporti sono quelli di cui si conoscono gli ostacoli, e che tuttavia si vogliono conservare. Francis Scott Fitzgerald La risposta tecnica alla domanda di cui sopra è che oltre a memorizzare i semplici dati, dobbiamo anche memorizzare le relazioni o rapporti esistenti tra di essi. Il progetto si basa sulla premessa che quando si parla di cultura, si parla di comunicazione e di relazione tra i soggetti e gli elementi fisici del territorio. La tecnologia usata per la sua realizzazione è quella del web di nuova generazione basato su applicazioni fruibili tramite browser Openlinea informatica S.r.l. Pagina 1 di 8

2 di navigazione. La tecnologia non è e non deve essere contrapposta alla cultura, l'uso di tecniche di comunicazione come i social network ci permettono di unire le persone a livello mentale e culturale tramite lo scambio di informazioni. Allo stesso tempo, le tecniche informatiche di social networking permettono di creare una identità individuale dentro il sistema proposto. Gli attori formano cerchie sociali che riflettono le loro attività nel piano culturale ed economico. Come in una carta geografica, i dati con significato culturale devono essere messi in rapporto tra loro. A cosa servirebbe una carta geografica senza le indicazioni di distanza, senza i punti cardinali o senza le vie di collegamento? Vogliamo creare una mappa (modello) della cultura di un territorio, evidenziando le relazioni (beni invisibili) tra cultura, economia locale e territorio. L'uso del sistema informatico risultante è la procedura di conoscenza che porta a individuare mezzi materiali e immateriali per valorizzare il territorio dal punto di vista culturale ed economico. Il punto di partenza del progetto è la cultura e i suoi attori. Questi attori sono persone e associazioni di persone del mondo della cultura che certamente hanno dei rapporti con in mondo economico in quanto membri della società. Inoltre, hanno anche rapporto con un territorio ben definito. L'utilità di questa mappa, una volta costruita e mantenuta, si trova nel poter ricercare i percorsi che legano le persone all'economia e al territorio dal punto di vista culturale. Tra le possibilità di utilizzo del sistema proposto abbiamo: Valutare l'impatto di decisioni che riguardano il territorio sull'economia e sulla cultura. Dall'altra parte, si possono valutare le conseguenze sul territorio di azioni da compiere a livello culturale o economico. In ogni caso, la cultura è il punto di fuga che utilizziamo per mettere in prospettiva sia l'economia che il territorio. Ricerca diretta di nominativi (attori) collegati tra di loro da una organizzazione sul piano culturale e/o economico. Individuare attori isolati per metterli in contatto con altri attori del piano culturale e/o economico favorendone lo sviluppo e la collaborazione. Pianificare iniziative culturali secondo le risorse disponibili sul territorio. Eseguire studi teorici e pratici sui canali di scambio culturale. Le persone e organizzazioni possono formare reti collaborative (collaborative networks) utilizzando il sistema informatico proposto per eseguire progetti o risolvere problemi di carattere culturale. Individuare esperti nella cultura ed economia con determinati legami sul territorio. Dare agli studenti, specialmente i giovani ed aperti a nuovi tecnologie, la possibilità di interagire tramite canali specificamente culturali. Openlinea informatica S.r.l. Pagina 2 di 8

3 3 Il modello, linee guide La struttura teorica per l'organizzazione della conoscenza è data da un modello di società composto da tre piani: culturale, economico e fisico (o territoriale). Figura 1 Nei piani culturale ed economico abbiamo degli attori. Nel piano territoriale abbiamo degli elementi fisici. Nella figura 1 vediamo rappresentati i tre piani con attori ed elementi in relazione (linee) tra di loro. I rapporti tra piani diversi (rapporti verticali) possono essere tra due attori o tra attore ed elemento fisico: cultura-economia, economia-territorio o cultura-territorio. Nel piano culturale abbiamo attori quale, per esempio : insegnanti, studenti, artisti, scrittori, ricercatori, attori teatrali, ballerini. Anche forme giuridiche come le scuole, associazioni culturali e artistiche sono possibili attori in quanto capace di una azione culturale collettiva. Le azioni culturali sono espressioni della cultura della società. Per esempio: un insegnate di musica agisce quando trasmette conoscenza musicale ai suoi allievi. Lo stesso per l'artista che agisce quando dipinge e dà continuità alla tradizione pittorica. Nel piano economico abbiamo attori capace di azioni economiche (prestazione di servizi, compra, vendita, investimento, produzione) quale: scuole pubbliche e private, botteghe d'arte, centri studi, negozi in generale, librerie, case editrici, etc. Per esempio: se un libro di poesia viene venduto, l'atto Openlinea informatica S.r.l. Pagina 3 di 8

4 della vendita è una azione economica e l'atto della sua scrittura una azione culturale. Come si può notare, le due azioni non sono necessariamente in rapporto verticale, la scrittura non implica la vendita del libro. Nel piano fisico territoriale abbiamo elementi quali: edifici, strade, negozi, piazze, monumenti, musei, teatri, cinema e parchi. Le azioni attuate negli altri livelli possono avere una relazione con elementi fisici: la vendita dei libri si attua in un edificio (libreria) o in altro luogo fisico. In questo caso abbiamo un rapporto tra il piano economico e il piano fisico. L'esibizione di un artista musicale avviene in un teatro o altro locale pubblico ed è un esempio di rapporto tra il piano culturale e quello fisico. La vendita dei biglietti per la stessa esibizione instaura un rapporto tra il piano culturale e quello economico. In questo modello viene usata una definizione ampia di cultura che comprende sia l'aspetto umanistico che l'aspetto antropologico. Qui, il tipo di cultura non è di per sè importante, ma sì la sua manifestazione nella società e i rapporti che genera. I componenti di base del modello che abbiamo visto sono: piani, attori, elementi e relazioni (orizzontali e verticali). In seguito, vediamo quali sono i principali attributi di questi componenti: Piani I piani sono domini, possono essere visti come generali contenitori a cui associare attori o elementi. Un piano può essere suddiviso in strati per una maggiore precisione del modello. Per esempio: il piano culturale può essere stratificato in cultura giovanile, cultura classica o cultura popolare. Il posizionamento di un attore nel piano culturale guadagna maggiore precisione e migliora la qualità del modello. Lo stesso per il piano economico: possiamo avere strati per economia artigiana, economia industriale e così via. Il piano fisico è un dominio con attributi tale come: coordinate geografiche, toponimi e altitudini. Il piano fisico è il piano del territorio nel quale si svolge la vita culturale ed economica. Attori la società esiste dove un certo numero di individui interagiscono tra di loro George Simmel ( ) Gli attori sono tutti la rappresentazione degli individui umani che formano la società. Un attore è, in ultima analisi, un essere umano capace di espressione sociale. Gli attori hanno una identità unica nel contesto sociale e nel modello presentato. In questo modello si attribuisce una generalità per identificare ogni attore. Analogamente a ciò che avviene nei social network, ogni attore può aggiornare i suoi dati e pubblicare ciò che ritiene opportuno sul suo conto. Esistono però dei dati fondamentali obbligatori che servono ad una identificazione e classificazione dell'attore. Il sistema rispetta le leggi sulla riservatezza (privacy). Elementi Sul piano fisico troviamo le risorse territoriali (scuole, teatri, musei, siti archeologici etc.) che hanno un rapporto con gli attori culturali e economici del modello. Ogni elemento è geo-localizzato e può essere mostrato in una carta geografica (vedi Google Maps). Openlinea informatica S.r.l. Pagina 4 di 8

5 Relazioni Una proprietà della cultura è la comunicazione: lo scambio costante di informazione tra i diversi attori. In questo modello la comunicazione viene rappresenta in modo generico da relazioni tra attori. Una relazione definisce un legame e di conseguenza uno scambio di informazione tra due attori. Per esempio: Marco è l'insegnante di Piero. La relazione dal punto di vista di Marco è essere insegnante di. Questa relazione indica un contatto culturale e pertanto, uno scambio di informazione tra i due attori. Nella economia le relazioni sono date dalle possibili azioni economiche. Per esempio: Roberto lavora per la ditta X. La relazione lavora per mostra che esiste una comunicazione tra la ditta X e Roberto. Le relazioni possono essere arricchite da molti dati o essere semplici e generiche. L'insieme delle relazioni tra attori definisce una rete sociale, culturale o economica secondo il piano dove si trovano gli attori. Nel caso in cui un attore si trovi nel piano economico e l'altro nel piano culturale, abbiamo una relazione verticale. Le relazioni verticali sono i punti di contatto tra piani diversi. Sono grazie alle relazioni verticali che mondi diversi vengono a contatto creando valore. La creazione di valore avviene verticalmente in due sensi: cultura-economia-territorio o territorio-economia-cultura. Se la cultura contribuisce all'azione economica e l'azione economica contribuisce all'azione sul territorio, abbiamo una valorizzazione generata dalla cultura. Al contrario, se il territorio contribuisce all'azione economica che contribuisce all'azione culturale, abbiamo il territorio a indurre valore alla cultura. In questo modello l'economia è il mezzo di comunicazione tra cultura e territorio. Per esempio: il lavoro culturale-letterario di Giovanni Pascoli contribuisce all'edizione e alla commercializzazione di numerosi volumi, ma anche valorizza il territorio in quanto la sua casa (elemento del piano fisico) della Garfagnana è meta turistica e motivo di cura da parte del comune. La bellezza delle colline Toscane contribuisce al movimento turistico che genera diretto profitto economico, ma allo stesso tempo è oggetto di molte opere in fotografia, pittura e poesia. Non bisogna scomodare grandi personaggi, un semplice teatro dilettante in un piccolo comune, una sagra o altri eventi socio-culturali inducono valore sia all'economia che al territorio. Viceversa, un territorio ricco e curato è potenzialmente induttore di ricchezza e cultura. Openlinea informatica S.r.l. Pagina 5 di 8

6 Relazioni - le cerchie Anche nel caso della conoscenza, quindi, non si può cominciare, poniamo, con il concetto di società, dalla cui determinatezza deriverebbero le relazioni e le interazioni delle componenti: sono invece queste che devono essere accertate, e la società è solo il nome con cui si designa la somma di queste interazioni, un nome che è utilizzabile solo nella misura in cui siano state accertate e stabilite Georg Simmel ( ) Tramite il sistema un attore può invitare altri attori a fare parte della sua cerchia, allo stesso modo in cui avviene nei social network di oggi. Quando un altro attore accetta l'invito, diventa membro ( amico ) della cerchia di relazioni dell'attore che ha fatto l'invito. Nella cerchia possiamo anche trovare elementi fisici (luoghi fisici del territorio) che vengono inclusi, ovviamente, senza la necessità di un invito. Relazioni i percorsi Tramite le relazioni è possibile definire dei percorsi relazionali che portano da un attore ad altro. Nella figura 2 vediamo rappresentate diverse cerchie di relazioni e due percorsi particolari: uno in verde che unisce attori A e B e uno in rosso che unici attori A e C. Figura 2 I percorsi permettono di stabilire relazioni che non sono esplicite, ma sono dedotte dalle informazioni inserite nel sistema. Le cerchie degli attori sono prevalentemente composte da altri attori (persone), ma anche da luoghi fisici: in questo modo i percorsi possono portare da persone a luoghi o da luoghi a persone. Come si può vedere, la relazione tra B e C può essere stabilita teoricamente unendo i due percorsi precedenti. Dal punto di vista matematico abbiamo dei grafi (vedi la teoria dei grafi). 4 Iniziative sociali e collaborazione Un'applicazione di rilievo della mappa consiste nel potere individuare in modo molto selettivo dei soggetti per avviare progetti o iniziative sociali. Si sa (vedi studi reti collaborative) che attori abituati a collaborare formano degli aggregati (clusters) nella rete sociale e dimostrano una Openlinea informatica S.r.l. Pagina 6 di 8

7 vicinanza culturale capace di produrre più facilmente risultati. Tale caratteristica può essere esplorata per lanciare iniziative socio-culturali con maggior possibilità di successo sul territorio. In modello evidenzia anche i legami della cultura con il piano economico: necessario per dare il supporto materiale a idee che altrimenti rimarrebbero irrealizzate. Molti progetti di interesse economico per la comunità spesso non possono essere finanziati per mancanza di adeguato supporto da parte di organizzazioni culturali quali scuole, università, associazioni. In questi casi l'individuazione degli esperti in stretto contatto culturale (cluster) e relazionati con enti locali rappresenta l'unica via di uscita. La mappa, utilizzata da attori economici, può condurre al piano culturale e alle sue organizzazioni. Le iniziative sociali possono avere vita dentro il sistema grazie agli stessi canali di comunicazione del usati nel social network. Nel caso specifico di studenti, lo scambio di idee può concretizzarsi in veri progetti grazie al ritrovamento di luoghi fisici o il supporto di persone di cultura. Lo stesso può avvenire in senso contrario: attori istituzionali possono ritrovarsi con studenti che condividono determinati interessi e siano disposti a partecipare a progetti sponsorizzati da scuole o altre organizzazioni. 5 Aspetti realizzativi Il modello sopra accennato serve come base per la creazione di un sistema informatico che acquisisca i dati necessari, li organizzi in un database e li presenti in modo utile alle persone interessate. Una domanda da farsi è: come possono essere acquisiti i dati che alimentano il sistema? La risposta può essere articolata in: Inserimento diretto fatto da soggetti abilitati che detengono i dati necessari. Uffici pubblici, scuole, circoli, associazioni. Inserimento dagli attori stessi in partecipazione al social network del sistema. Acquisizione automatica da procedure informatiche. I dati utilizzati dal sistema sono in maggioranza strutturati (moduli), ma ci possono essere dati non strutturati come testi e file multimediali. Lo studio e la definizione dei dettagli della base di dati è parte fondamentale del lavoro di progettazione e realizzazione di questo progetto. Le fasi di realizzazione (non necessariamente in ordine e da completare) Studio dettagliato del modello teorico: questa fase può avere la partecipazione di una Università o centri studi. Studio dettagliato del database: realizzato da informatici in seguito alla definizione del modello. Definizione della strategia divulgativa. Il progetto prevede una interazione con entità locali quali comuni, scuole, associazioni e aziende culturali: eseguito da esperti di comunicazione. Creazione di un materiale divulgativo: eseguito da esperti di comunicazione e grafici. Sviluppo dell'interfaccia utente (usabilità, funzionalità, robustezza): un lavoro eseguito da Openlinea informatica S.r.l. Pagina 7 di 8

8 informatici con l'aiuto di tecnici della comunicazione. Sviluppo delle procedure software che implementano il progetto: eseguito da informatici. Realizzazione della documentazione utente e materiale di formazione: eseguito da tecnici della comunicazione con la partecipazione di informatici. Installazione del sistema: eseguito da informatici. Operazione e monitoraggio del sistema: eseguito dagli enti che supportano il progetto assistiti da informatici per il monitoraggio. Assistenza e manutenzione del sistema: tecnici di supporto informatico. L'interfaccia utente L'interazione con il sistema avviene in modi diversi secondo la tipologia dell'utente. La funzionalità disponibile varia secondo il ruolo assunto da ciascun utente che sia attore culturale, attore economico, amministratore organizzazione, amministratore di sistema, pubblico web. L'accesso al sistema è fatto tramite nome utente e parola chiave di accesso. Si prevede una zona di accesso pubblica dove non è necessaria una credenziale per realizzare delle ricerche o entrare in contatto con gli attori che lo permettono. L'interfaccia grafica è semplice e leggera di modo da permettere l'accesso anche da dispositivi senza collegamento ad alta velocità (ADSL, 3G). 6 Riferimenti teorici Teoria dei grafi Teoria delle reti sociali (Social network theory) Teoria del mondo piccolo (Small world experiment) Analisi delle reti sociali (Social network analysis) Reti collaborative (Collaborative networks) 7 Conclusione Dal momento che sappiamo che una società è definita dalle relazioni tra i suoi membri, non possiamo costruirne un modello che non prenda in considerazione i rapporti interpersonali. Secondo la nostra visione, il bene culturale più diffuso ed importante, sebbene invisibile, è proprio l'insieme delle relazioni tra gli attori in una società culturale. I beni fisici sul territorio sono valorizzati tramite relazioni con livelli culturali ed economici. Una mappa di queste relazioni ci mostra, in modo preciso, l'uso ed il significato culturale di edifici e luoghi che si trovano sul territorio in cui la società si sviluppa. Questo progetto è un prototipo di modello da costruirsi con l'aiuto di studiosi di sociologia, antropologia, matematica e informatica. Paulo Paganelli Openlinea informatica S.r.l. Pagina 8 di 8

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE IL PATRIMONIO CULTURALE di solito indica quell insieme di cose, mobili ed immobili, dette più precisamente beni, che per il loro interesse pubblico e il valore storico,

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Don Lorenzo Milani Ferrara Curricolo 2014/2015 Infanzia-Primaria-Secondaria di I grado COMPETENZE DIGITALI

Istituto Comprensivo Statale Don Lorenzo Milani Ferrara Curricolo 2014/2015 Infanzia-Primaria-Secondaria di I grado COMPETENZE DIGITALI Dal Curricolo Scuola Primaria e Secondaria di I grado di Franca Da Re Indicazioni Nazionali 2012 La competenza digitale è ritenuta dall Unione Europea competenza chiave, per la sua importanza e pervasività

Dettagli

Guida per il partecipante

Guida per il partecipante CORSO DI ALFABETIZZAZIONE DIGITALE PER CITTADINI Primo Livello COMPUTER/TABLET Guida per il partecipante Indice dei contenuti Introduzione al corso... 2 Destinatari dei Corsi... 2 Obiettivi del corso...

Dettagli

Lezione 8. Motori di Ricerca

Lezione 8. Motori di Ricerca Lezione 8 Motori di Ricerca Basi di dati Un campo prevalente dell applicazione informatica è quello costituito dall archiviazione e dalla gestione dei dati (basi di dati). Sistema Informativo. Un sistema

Dettagli

LA MUSICA IN UN CURRICOLO PER COMPETENZE

LA MUSICA IN UN CURRICOLO PER COMPETENZE LA MUSICA IN UN CURRICOLO PER COMPETENZE Il ruolo della musica nella costruzione di competenze Franca Da Re La definizione di COMPETENZA nel quadro europeo «combinazione di conoscenze, abilità e atteggiamenti

Dettagli

Rischi e pericoli del mondo virtuale: accorgimenti per navigare sicuri

Rischi e pericoli del mondo virtuale: accorgimenti per navigare sicuri Incontro 3: Corso di aggiornamento sull uso di internet Rischi e pericoli del mondo virtuale: accorgimenti per navigare sicuri Istituto Alberghiero De Filippi Via Brambilla 15, 21100 Varese www.istitutodefilippi.it

Dettagli

3 CIRCOLO DIDATTICO DI CARPI ANNO SCOLASTICO 2005/2006

3 CIRCOLO DIDATTICO DI CARPI ANNO SCOLASTICO 2005/2006 Scheda allegato A) 3 CIRCOLO DIDATTICO DI CARPI PROGETTO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI STRANIERI NELLA SCUOLA ELEMENTARE ANNO SCOLASTICO 2005/2006 Premessa La scuola si fa portavoce dei valori fondamentali

Dettagli

Il modello di competenza SPACIT

Il modello di competenza SPACIT Il modello di competenza SPACIT Al fine di documentare i saperi, le abilità ed i comportamenti che si prevede che gli apprendisti acquisiscano nel campo dell istruzione sulla cittadinanza spaziale, è stato

Dettagli

SMART CITIES PER SMART COMMUNITIES Tecnologie e strumenti per comunicare al servizio dei territori

SMART CITIES PER SMART COMMUNITIES Tecnologie e strumenti per comunicare al servizio dei territori SMART CITIES PER SMART COMMUNITIES Tecnologie e strumenti per comunicare al servizio dei territori Emiliano Negrini Titolare di Kubasta laboratorio di comunicazione multimediale, progetto e sviluppo contenuti

Dettagli

Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie?

Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie? Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie? A cura dell I.I.S.S. di LERCARA FRIDDI A.S.2013-2014 Progetto P.O.F. UNA BUSSOLA PER ORIENTARSI! DOCENTE: Terrasi Francesca Nuovo impianto organizzativo

Dettagli

N.ARTIC. TITOLO ARGOMENTO ORDINE DI NOTE SCUOLA 001 * Ascolto è crescere Per alunni stranieri,

N.ARTIC. TITOLO ARGOMENTO ORDINE DI NOTE SCUOLA 001 * Ascolto è crescere Per alunni stranieri, N.ARTIC. TITOLO ARGOMENTO ORDINE DI NOTE SCUOLA 001 * Ascolto è crescere Per alunni stranieri, con sostegno e casi di bullismo 002 Insieme per crescere Troppo teorico 003 Costruire una comunità accogliente

Dettagli

Strumenti di modellazione. Gabriella Trucco

Strumenti di modellazione. Gabriella Trucco Strumenti di modellazione Gabriella Trucco Linguaggio di modellazione Linguaggio formale che può essere utilizzato per descrivere (modellare) un sistema Il concetto trova applicazione soprattutto nell

Dettagli

Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale

Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale SCUOLA PRIMARIA GIOTTO CARPI Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale Anno Scolastico 2011-2012 Insegnanti

Dettagli

Politica sui cookie. Introduzione Informazioni sui cookie

Politica sui cookie. Introduzione Informazioni sui cookie Introduzione Informazioni sui cookie Politica sui cookie La maggior parte dei siti web che visitate utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente, consentendo al sito di 'ricordarsi' di voi,

Dettagli

ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale

ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale A conclusione dei percorsi degli istituti professionali,

Dettagli

-Possibilità di svolgere le attività commerciali per via elettronica, in particolare tramite Internet.

-Possibilità di svolgere le attività commerciali per via elettronica, in particolare tramite Internet. COMMERCIO ELETTRONICO -Possibilità di svolgere le attività commerciali per via elettronica, in particolare tramite Internet. -Un qualsiasi tipo di transazione tendente a vendere o acquistare un prodotto

Dettagli

Quindi, sulla pagina in cui si dovrebbero fornire le credenziali di accesso (nome utente e password), si clicca sul pulsante Crea un account.

Quindi, sulla pagina in cui si dovrebbero fornire le credenziali di accesso (nome utente e password), si clicca sul pulsante Crea un account. GMAIL L'apertura di una casella di posta elettronica fornita da Google (Gmail) è estremamente semplice. Tutta la procedura è in lingua italiana e parte dalla home page del celebre motore di ricerca. Bisogna

Dettagli

- 7-64100 - 0861. 248584 31 66013 0871.3556544 E-

- 7-64100 - 0861. 248584 31 66013 0871.3556544 E- Sede Operativa: Università degli studi G. d Annunzio E- mail: segreteria@smartsociety.it - Web Site: www.smartsociety.it Info Tile QR code E- mail: segreteria@smartsociety.it - Web Site: www.smartsociety.it

Dettagli

COME INDIVIDUARE LE PROPRIE CAPACITA' E COMPETENZE ANALISI DELLE COMPETENZE. www.cgilpesaro.it

COME INDIVIDUARE LE PROPRIE CAPACITA' E COMPETENZE ANALISI DELLE COMPETENZE. www.cgilpesaro.it COME INDIVIDUARE LE PROPRIE CAPACITA' E COMPETENZE Nel momento in cui si ricerca un impiego, al di là dell'osservazione del mercato del lavoro, é importante avere acquisito una prima consapevolezza di

Dettagli

Le nuove tecnologie nelle attività di insegnamento-apprendimento della matematica 1. Quale uso delle nuove tecnologie?

Le nuove tecnologie nelle attività di insegnamento-apprendimento della matematica 1. Quale uso delle nuove tecnologie? Le nuove tecnologie nelle attività di insegnamento-apprendimento della matematica 1. Quale uso delle nuove tecnologie? Vi sono due aspetti legati all'uso delle nuove tecnologie che sono importanti per

Dettagli

La Top Ten dei suggerimenti per la progettazione Web

La Top Ten dei suggerimenti per la progettazione Web In questo capitolo Impostare l obiettivo Mantenere le pagine libere e pulite Non travolgere i visitatori con i colori Usare meno di quattro tipi di carattere Essere coerenti Semplificare Essere rapidi

Dettagli

TEORIA sulle BASI DI DATI

TEORIA sulle BASI DI DATI TEORIA sulle BASI DI DATI A cura del Prof. Enea Ferri Cos è un DATA BASE E un insieme di archivi legati tra loro da relazioni. Vengono memorizzati su memorie di massa come un unico insieme, e possono essere

Dettagli

FASE di PREVISIONE definire per sé obiettivi prossimali specifici, pianificare strategicamente il percorso

FASE di PREVISIONE definire per sé obiettivi prossimali specifici, pianificare strategicamente il percorso FORMAT PROFILO DI COMPETENZA competenza chiave IMPARARE A IMPARARE Specifico formativo della competenza chiave Imparare a imparare designa la capacità di organizzare il proprio apprendimento mediante una

Dettagli

Il nuovo Sistema Informativo Territoriale del Comune di Castelfiorentino

Il nuovo Sistema Informativo Territoriale del Comune di Castelfiorentino Il nuovo Sistema Informativo Territoriale del Comune di Castelfiorentino Il Sistema Informativo Territoriale (SIT) del Comune di Castelfiorentino è il punto d'accesso per i servizi e alle informazioni

Dettagli

G. - 7-64100 - 0861. 248584 31 66013 0871.3556544 E-

G. - 7-64100 - 0861. 248584 31 66013 0871.3556544 E- E- mail: segreteria@smartsociety.it - Web Site: www.smartsociety.it Info Tile QR code E- mail: segreteria@smartsociety.it - Web Site: www.smartsociety.it Nell ambito della comunicazione internet, le imprese,

Dettagli

Gruppo di ricerca Ippolita. Il lato oscuro di Google

Gruppo di ricerca Ippolita. Il lato oscuro di Google Gruppo di ricerca Ippolita Il lato oscuro di Google ...prima di cominciare GRAZIE A tutti coloro che difendono l istruzione pubblica Gruppo Ippolita Copyleft Scrittura Collettiva http://ippolita.net Il

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

PALAZZO STROZZI E LA CITTà

PALAZZO STROZZI E LA CITTà PALAZZO STROZZI E LA CITTà Creare valore per Firenze PALAZZO STROZZI E LA CITTà Creare valore per Firenze Fin dal suo avvio, la Fondazione Palazzo Strozzi ha dichiarato in modo chiaro che la sua missione

Dettagli

disponibili nel pacchetto software.

disponibili nel pacchetto software. Modulo syllabus 4 00 000 00 0 000 000 0 Modulo syllabus 4 DATABASE 00 000 00 0 000 000 0 Richiede che il candidato dimostri di possedere la conoscenza relativa ad alcuni concetti fondamentali sui database

Dettagli

PRIVACY POLICY Semplificata

PRIVACY POLICY Semplificata PRIVACY POLICY Semplificata Privacy Policy di www.sipeoutdoor.it Questa Applicazione raccoglie alcuni Dati Personali dei propri Utenti. Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i

Dettagli

Il Cineforum. Cineforum: 25/12/2011. 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce

Il Cineforum. Cineforum: 25/12/2011. 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce Il Cineforum prof. Fabio Sandroni - prof.ssa Nadia Ciambrignoni Cineforum: 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce Progetto: Sentieri di Cinema CGS ACEC Marche Circuito di cinema di qualità

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCENTE PROF. LUCCHI ENEA MATERIA DI INSEGNAMENTO TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE CLASSE 1 A - 1 B - 1 C Competenze di base

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

Qualità dei siti Web Culturali

Qualità dei siti Web Culturali Qualità dei siti Web Culturali Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Soggetto culturale pubblico (SCP) Un istituzione, organismo o progetto di interesse pubblico che abbia quale finalità statuita quella di

Dettagli

INFORMATICA. Corso di Laurea in Scienze dell'educazione

INFORMATICA. Corso di Laurea in Scienze dell'educazione INFORMATICA Corso di Laurea in Scienze dell'educazione Introduzione all Informatica Docente: Mario Alviano Studio: Dipartimento di Matematica Cubo 30B 2 Piano Ricevimento: giovedì 18:30 19:30 (avvisare

Dettagli

Ebook 2. Il Web in mano. Scopri la rivoluzione del web mobile SUBITO IL MONDO IN MANO WWW.LINKEB.IT

Ebook 2. Il Web in mano. Scopri la rivoluzione del web mobile SUBITO IL MONDO IN MANO WWW.LINKEB.IT Ebook 2 Il Web in mano Scopri la rivoluzione del web mobile SUBITO IL MONDO IN MANO Cosa trovi in questo ebook? 1. Il web in mano 2. Come si vede il tuo sito sul telefono 3. Breve storia del mobile web

Dettagli

Servizi informativi per la fruizione del territorio

Servizi informativi per la fruizione del territorio Walking About Servizi informativi per la fruizione del territorio Walking About... 1 Cos è Walking About 3 Cosa posso fare con Walking About? 3 Posso organizzare Canali Tematici informativi e di assistenza...

Dettagli

Sceneggiare un unità di lavoro LIM centrata sullo studente

Sceneggiare un unità di lavoro LIM centrata sullo studente Sceneggiare un unità di lavoro LIM centrata sullo studente Titolo UN VIAGGIO DI..ISTRUZIONE Argomento Attività didattica interdisciplinare preliminare al Viaggio d Istruzione a Roma: posizione geografica,

Dettagli

Basi di dati. (Sistemi Informativi) teoria e pratica con Microsoft Access. Basi di dati. Basi di dati. Basi di dati e DBMS DBMS DBMS

Basi di dati. (Sistemi Informativi) teoria e pratica con Microsoft Access. Basi di dati. Basi di dati. Basi di dati e DBMS DBMS DBMS Basi di Basi di (Sistemi Informativi) Sono una delle applicazioni informatiche che hanno avuto il maggiore utilizzo in uffici, aziende, servizi (e oggi anche sul web) Avete già interagito (magari inconsapevolmente)

Dettagli

- 7-64100 - 0861. 248584 31 66013 0871.3556544 E-

- 7-64100 - 0861. 248584 31 66013 0871.3556544 E- Sede Operativa: Università degli studi G. d Annunzio E- mail: segreteria@smartsociety.it - Web Site: www.smartsociety.it Info Tile QR code E- mail: segreteria@smartsociety.it - Web Site: www.smartsociety.it

Dettagli

ISTITUTO PERTICARI SENIGALLIA Via Rossini, 30 60019 Senigallia Tel.071/7931614 - fax 071/659063 www.perticari.it

ISTITUTO PERTICARI SENIGALLIA Via Rossini, 30 60019 Senigallia Tel.071/7931614 - fax 071/659063 www.perticari.it ISTITUTO PERTICARI SENIGALLIA Via Rossini, 30 60019 Senigallia Tel.071/7931614 - fax 071/659063 www.perticari.it Liceo Classico Il Liceo Classico offre ai giovani una preparazione culturale ampia e versatile,

Dettagli

Open Government nell industria del Turismo

Open Government nell industria del Turismo Open Government nell industria del Turismo Martedì 18 ottobre, Palazzo Vidoni Roma i-mibac TOP 40 i-mibac TOP 40 imibac TOP 40 presenta i 40 musei e aree archeologiche più visitati d Italia. Ogni luogo

Dettagli

I CORSI DI STUDIO I PROFILI PROFESSIONALI SERVIZI DI SALA E DI VENDITA

I CORSI DI STUDIO I PROFILI PROFESSIONALI SERVIZI DI SALA E DI VENDITA I CORSI DI STUDIO I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto offre tre diversi profili professionali: ENOGASTRONOMIA SERVIZI DI SALA E DI VENDITA ACCOGLIENZA TURISTICA Nell articolazione dell ENOGASTRONOMIA, il

Dettagli

GRUPPO DIAMANTE NETWORK MARKETING MLM

GRUPPO DIAMANTE NETWORK MARKETING MLM GRUPPO DIAMANTE NETWORK MARKETING MLM 12 SUGGERIMENTI PER AVERE SUCCESSO COL MARKETING MULTI LIVELLO 1 PARTE I IL NETWORK MARKETING MLM Una domanda che ci viene rivolta spesso è: Come si possono creare

Dettagli

L ipertesto multimediale o ipermedia

L ipertesto multimediale o ipermedia Informatica 2 livello/2ªb 21-02-2006 10:45 Pagina 19 multimediale o ipermedia Il programma di scrittura Word, che già conosci, ti permette anche di creare ipertesti multimediali o ipermedia. R Cerchiamo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO. Promuovere la pace per evitare la guerra

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO. Promuovere la pace per evitare la guerra ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO PERCORSO VERTICALE Promuovere la pace per evitare la guerra SCUOLA DELL INFANZIA Terzo anno Competenza e abilità al termine

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER L INSEGNAMENTO DELLA LINGUA E CIVILTA INGLESE - I BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER L INSEGNAMENTO DELLA LINGUA E CIVILTA INGLESE - I BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER L INSEGNAMENTO DELLA LINGUA E CIVILTA INGLESE - I BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 L insegnamento di lingue straniere nel biennio si propone di promuovere lo sviluppo graduale

Dettagli

1 Circolo Didattico Mercato S. Severino

1 Circolo Didattico Mercato S. Severino 1 Circolo Didattico Mercato S. Severino Compito di realtà concretizzato nell ambito della formazione Senza Rete Classe terza B Plesso E. Pesce Insegnante Battista Anna Quintieri a.s. 2014/2015 Compito

Dettagli

Progetto. a cura di. Massimo Merulla I

Progetto. a cura di. Massimo Merulla I Progetto Poesia Educativa Apprendimento scolastico e Relazione umana attraverso l espressione di sé Laboratorio Intensivo di Scrittura Poetica Creativa a cura di Massimo Merulla I Introduzione Questo laboratorio

Dettagli

tp 1 tourist portal 1 Introduzione... 2 2 Finalità e obiettivi del progetto... 2 3 I vantaggi offerti dal sistema... 4

tp 1 tourist portal 1 Introduzione... 2 2 Finalità e obiettivi del progetto... 2 3 I vantaggi offerti dal sistema... 4 Il distretto Turistico: un opportunità per turisti ed imprenditori. Destinazioni ed itinerari per l allungamento della stagione e un maggior utilizzo delle strutture ricettive. Jesolo, 13 febbraio 2006

Dettagli

IO SONO CULTURA. L Italia della qualità e della bellezza sfida la crisi Claudio Gagliardi, Segretario Generale Unioncamere

IO SONO CULTURA. L Italia della qualità e della bellezza sfida la crisi Claudio Gagliardi, Segretario Generale Unioncamere IO SONO CULTURA L Italia della qualità e della bellezza sfida la crisi Claudio Gagliardi, Segretario Generale Unioncamere Macerata, 26 giugno 2014 IO SONO CULTURA Rapporto 2014 IO SONO CULTURA scoprire

Dettagli

Motori di Ricerca. Vale a dire: ci sono troppe informazioni, il problema è trovarle!

Motori di Ricerca. Vale a dire: ci sono troppe informazioni, il problema è trovarle! Motori di Ricerca "La Rete Internet equivale all unificazione di tutte le biblioteche del mondo, dove però qualcuno si è divertito a togliere tutti i libri dagli scaffali". Vale a dire: ci sono troppe

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 3 1 Dalla funzione al contenuto dell attività direzionale Dopo la II WW (anni 50), molti autori cercano di approfondire in

Dettagli

Un applicazione client per la localizzazione via Bluetooth e Wi-Fi di dispositivi Smartphone Anno Accademico 2005/2006

Un applicazione client per la localizzazione via Bluetooth e Wi-Fi di dispositivi Smartphone Anno Accademico 2005/2006 tesi di laurea Un applicazione client per la localizzazione via Bluetooth e Wi-Fi di dispositivi Anno Accademico 2005/2006 relatore Ch.mo prof. Stefano Russo correlatore Ing. Massimo Ficco candidato Giorgio

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato. Descrizione tecnico economica del sistema

COMUNE DI ROVIGO Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato. Descrizione tecnico economica del sistema Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato Descrizione tecnico economica del sistema Indice INDICE... 2 1. OBIETTIVI... 3 2. DESCRIZIONE GENERALE DEL SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI... 5 2.1.

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

LICEO TECNOLOGICO INFORMATICO E COMUNICAZIONE

LICEO TECNOLOGICO INFORMATICO E COMUNICAZIONE LICEO TECNOLOGICO INFORMATICO E COMUNICAZIONE Liceo Tecnologico - Quadro orario (Secondo lo schema del 4 maggio 2005) Primo biennio Discipline 1 Anno 2 Anno 3 Anno 4 Anno 5 Anno Religione/ Attività Alternative

Dettagli

Il turismo e la rivoluzione mobile

Il turismo e la rivoluzione mobile 15 Forum di Agenda 21 Laghi Turismo sostenibile in Agenda 21 Laghi Brebbia, 9 maggio 2014 Il turismo e la rivoluzione mobile Prepared by: Posteri Piero Delta Marketing srl Indice pagina pagina pagina pagina

Dettagli

DESCRIZIONE PERCORSO FORMATIVO. UdC 2 Progettazione 2.1 2.2 2.3 3.1 3.2 4.1. UdC 5 Verifica Efficacia 5.1

DESCRIZIONE PERCORSO FORMATIVO. UdC 2 Progettazione 2.1 2.2 2.3 3.1 3.2 4.1. UdC 5 Verifica Efficacia 5.1 DESCRIZIONE PERCORSO FORMATIVO UdC 1 UdC 2 Progettazione 1.1 Sociologia 2.1 Analisi Bisogni 24 ore 1.2 1.3 Psicologia Pedagogia 2.2 2.3 Progettazione Interventi Collettivi Progettazione Interventi Individuali

Dettagli

L Hotspot che Parla Ai Tuoi Clienti. FacileWifi.it

L Hotspot che Parla Ai Tuoi Clienti. FacileWifi.it L Hotspot che Parla Ai Tuoi Clienti FacileWifi.it IL PRODOTTO Il Facile Wifi è un sistema di autenticazione ad internet per reti wireless (HotSpot) e cablate ideato per unire la massima praticità di utilizzo

Dettagli

Istituto Comprensivo Masaccio Firenze

Istituto Comprensivo Masaccio Firenze Istituto Comprensivo Masaccio Firenze Guida all utilizzo del sito internet dell istituto comprensivo 1 Sommario Home Page 3 1. Menù Principale 3 1.1 Home 3 1.2 Istituto 3 1.2.1 Albo pretorio. 4 1.2.2 News

Dettagli

MEDIATECA PROVINCIALE DI MATERA. La mediateca incontra le scuole Matera, 21 febbraio 2006 LINGUAGGI E CREATIVITA :

MEDIATECA PROVINCIALE DI MATERA. La mediateca incontra le scuole Matera, 21 febbraio 2006 LINGUAGGI E CREATIVITA : MEDIATECA PROVINCIALE DI MATERA La mediateca incontra le scuole Matera, 21 febbraio 2006 LINGUAGGI E CREATIVITA : Il giornalino on line Il vero viaggio di ricerca non consiste nel cercare nuove terre,

Dettagli

Portale Iniziative Culturali e di Solidarietà (ICS) della Associazione Nazionale Alpini (ANA) - Sezione di Milano

Portale Iniziative Culturali e di Solidarietà (ICS) della Associazione Nazionale Alpini (ANA) - Sezione di Milano Portale Iniziative Culturali e di Solidarietà (ICS) della Associazione Nazionale Alpini (ANA) - Sezione di Milano 1. Scopo del documento. 2. Il Portale ICS: utenti, caratteristiche e obiettivi. 3. Il progetto.

Dettagli

PRIVACY POLICY E COOKIE POLICY

PRIVACY POLICY E COOKIE POLICY Pagine 1 di 5 PRIVACY POLICY E COOKIE POLICY PERCHE QUESTO AVVISO La presente Policy ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti/visitatori

Dettagli

RETE DIDATTICA MULTIMEDIALE EDU NET

RETE DIDATTICA MULTIMEDIALE EDU NET RETE DIDATTICA MULTIMEDIALE EDU NET La Rete Didattica Multimediale EDU NET raggruppa diverse tipologie di reti didattiche che possono essere hardware, software o un insieme di hardware e software per meglio

Dettagli

INTERNET E LA BANCA REGIONALE EUROPEA

INTERNET E LA BANCA REGIONALE EUROPEA INTERNET E LA BANCA REGIONALE EUROPEA LA BANCA SULLE AUTOSTRADE DELL INFORMAZIONE DI STEFANO DIONI, FABIO BERTOLI Che cosa offre e come utilizzare nel modo più efficace il sito della banca. Un canale complementare,

Dettagli

Perchè il disegno è importante?

Perchè il disegno è importante? I disegni dei bambini. Nella nostra scuola il disegno è l attività prevalente dei bambini; ed è anche un attività di fondamentale importanza per molti motivi. Per aiutare anche i genitori a comprendere

Dettagli

Identità e videogiochi: essere qualcuno nei mondi virtuali

Identità e videogiochi: essere qualcuno nei mondi virtuali Identità e videogiochi: essere qualcuno nei mondi virtuali Prof. Michela De Luca Corso di Cyberpsicologia- Lumsa Dott.Massimiliano Marzocca Psicologo Psicoterapeuta massimilianomarzocca.blogspot.it www.massimilianomarzocca.it

Dettagli

www.cristinaclub.com Privacy Policy Informazioni societarie Indirizzo sede legale Via Salice 3 Montegiardino Repubblica San Marino Recapiti

www.cristinaclub.com Privacy Policy Informazioni societarie Indirizzo sede legale Via Salice 3 Montegiardino Repubblica San Marino Recapiti www.cristinaclub.com Informazioni societarie Ragione Sociale Cristina Club s.r.l. Indirizzo sede legale Via Salice 3 Montegiardino Repubblica San Marino Recapiti Tel. 0549 996019 Email: info@cristinaclub.com

Dettagli

Misurare il benessere: La cultura, elemento fondamentale Annalisa Cicerchia. 29 Gennaio 2014

Misurare il benessere: La cultura, elemento fondamentale Annalisa Cicerchia. 29 Gennaio 2014 Misurare il benessere: La cultura, elemento fondamentale Annalisa Cicerchia 29 Gennaio 2014 Il Benessere Equo e Sostenibile Il progetto Istat-Cnel BES - Benessere equo e sostenibile» è un contributo al

Dettagli

SPORTLANDIA TRADATE Cookie Policy

SPORTLANDIA TRADATE Cookie Policy SPORTLANDIA TRADATE Cookie Policy Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all atto della loro iscrizione sono limitati all indirizzo e-mail e sono obbligatori

Dettagli

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Ringraziando le persone e le istituzioni che, durante tre anni, hanno partecipato alla preparazione della Conferenza

Dettagli

MINI GUIDA PER NAVIGARE SICURI NEL WEB CLASSI 5 A 5 B SCUOLA PRIMARIA DI LIBANO ANNO SCOLASTICO 2012-2013

MINI GUIDA PER NAVIGARE SICURI NEL WEB CLASSI 5 A 5 B SCUOLA PRIMARIA DI LIBANO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 MINI GUIDA PER NAVIGARE SICURI NEL WEB CLASSI 5 A 5 B SCUOLA PRIMARIA DI LIBANO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 1 CHE COS È INTERNET? INTERNET (connessione di rete) E' la "rete delle reti" perché collega fra

Dettagli

Università della Svizzera italiana

Università della Svizzera italiana Università della Svizzera italiana Il sito dell Università della Svizzera italiana e l accessibilità Vs.1.0 11 / 12 / 2007 TEC-LAB WEB-SERVICE 1. INTRODUZIONE Avere accesso al web, per un utente disabile,

Dettagli

I CORSI DI STUDIO I PROFILI PROFESSIONALI

I CORSI DI STUDIO I PROFILI PROFESSIONALI I CORSI DI STUDIO I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto offre quattro diversi profili professionali: ENOGASTRONOMIA CUCINA SERVIZI DI SALA E DI VENDITA ENOGASTRONOMIA PROD. DOLCIARI ARTIGIANALI E INDUSTRIALI

Dettagli

Progetto Turismo Pisa. Sommario dei risultati

Progetto Turismo Pisa. Sommario dei risultati 2012 Progetto Turismo Pisa Sommario dei risultati 0 Studio realizzato per il Comune di Pisa da KddLab ISTI-CNR Pisa Sommario 1 Progetto Turismo Pisa: Sintesi dei risultati... 1 1.1 L Osservatorio Turistico

Dettagli

DIPARTIMENTO D INFORMATICA PERCORSO ABILITANTE PAS 21-06 - 2014 RELAZIONE PROVA UNIFICATA D ESAME PER I CORSI:

DIPARTIMENTO D INFORMATICA PERCORSO ABILITANTE PAS 21-06 - 2014 RELAZIONE PROVA UNIFICATA D ESAME PER I CORSI: DIPARTIMENTO D INFORMATICA PERCORSO ABILITANTE PAS 21-06 - 2014 RELAZIONE PROVA UNIFICATA D ESAME PER I CORSI: APS - LP LABORATORIO DIDATTICO PEDAGOGICO INTEGRATO PER L INSEGNAMENTO DELL INFORMATICA 1

Dettagli

5. Fondamenti di navigazione e ricerca di informazioni sul Web

5. Fondamenti di navigazione e ricerca di informazioni sul Web 5. Fondamenti di navigazione e ricerca di informazioni sul Web EIPASS Junior SCUOLA PRIMARIA Pagina 43 di 47 In questo modulo sono trattati gli argomenti principali dell universo di Internet, con particolare

Dettagli

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Assessorato Beni Culturali e Identità Siciliana Dipartimento Beni Culturali

Dettagli

11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo)

11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) 11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) a cura di Enrico Giliberti, Università di Bologna Quando si parla di software didattico (cioè programmi che servono per facilitare il processo di insegnamento/apprendimento)

Dettagli

Il territorio multimediale: una storia tutta da raccontare

Il territorio multimediale: una storia tutta da raccontare Il territorio multimediale: una storia tutta da raccontare Progetto di formazione e laboratorio documentale destinato agli insegnanti e alle classi elementari, medie e superiori della Provincia di Como.

Dettagli

ITALIA SITO UFFICIALE DEL TURISMO IN ITALIA

ITALIA SITO UFFICIALE DEL TURISMO IN ITALIA CULTURA E TURISMO Navigando s impara 17 www.italia.it ITALIA SITO UFFICIALE DEL TURISMO IN ITALIA 39 Questo portale è il punto di riferimento ufficiale di chi vuole scoprire le bellezze naturali e storiche

Dettagli

MASTER DI PRIMO LIVELLO IN

MASTER DI PRIMO LIVELLO IN Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca AFAM - Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica ACCADEMIA NAZIONALE d ARTE DRAMMATICA SILVIO d AMICO Via Bellini, n. 16-00198 Roma MASTER

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA Quale è la competenze dell Unione europea nell ambito della cultura? Il trattato di Maastricht (1993) ha consentito all'unione europea, storicamente orientata

Dettagli

MONTAGNAVDA APP Come funziona

MONTAGNAVDA APP Come funziona MONTAGNAVDA APP Come funziona APP Montagna.VDA Le nuove potenzialità degli smartphone sono estremamente utili per chi percorre la montagna. In particolare l utilizzo del GPS con la possibilità di connessione

Dettagli

I Database con ACCESS. Prof. Michele SIMONE

I Database con ACCESS. Prof. Michele SIMONE I Database con ACCESS Archivi tradizionali Database Definizione di ARCHIVIO Un archivio è un insieme organizzato di informazioni tra cui esiste un nesso logico, cioè una raccolta di dati correlati tra

Dettagli

Privacy e cookie policy. Trattamento dei Dati Personali degli Utenti

Privacy e cookie policy. Trattamento dei Dati Personali degli Utenti Privacy e cookie policy Trattamento dei Dati Personali degli Utenti I Dati Personali (che includono i dati identificativi, di recapito, di navigazione e di eventuale scelte effettuate tramite il sito)

Dettagli

NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY

NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY WWW.CELLASHIRLEY.COM NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY Vers.1.0 INTRODUZIONE Lo scopo delle Note Legali e della Privacy Policy è quello di garantire all Utente di poter verificare in piena trasparenza le attività

Dettagli

Con il presente documento, desideriamo informare gli utenti sulla Privacy Policy del sito web www.fiorentinaschool.it.

Con il presente documento, desideriamo informare gli utenti sulla Privacy Policy del sito web www.fiorentinaschool.it. Privacy Policy Informativa ai sensi art. 13 decreto legislativo n. 196/03. Con il presente documento, desideriamo informare gli utenti sulla Privacy Policy del sito web www.fiorentinaschool.it. TITOLARE

Dettagli

Soluzioni Globali per le Aziende. O U T S T A N D I N G T E C H WWW. I N T E R - W A R E. IT

Soluzioni Globali per le Aziende. O U T S T A N D I N G T E C H WWW. I N T E R - W A R E. IT O U T S T A N D I N G T E C H Soluzioni Globali per le Aziende. WWW. I N T E R - W A R E. IT Tutti i prezzi riportati in questo documento sono da intendersi IVA esclusa Servizi globali La è leader nella

Dettagli

I.C. CLEMENTE REBORA STRESA CURRICOLO VERTICALE DI INGLESE

I.C. CLEMENTE REBORA STRESA CURRICOLO VERTICALE DI INGLESE I.C. CLEMENTE REBORA STRESA CURRICOLO VERTICALE DI INGLESE INGLESE Scuola primaria di Gignese Classi I, II, II, IV, V COMPETENZE CHIAVE EUROPEE PL. 1 / 2 Comunicazione nelle lingue straniere Imparare ad

Dettagli

info Via Anzio N 4 Tel. 0971.444014 - Fax 0971.444158 www.liceoartisticoemusicale.gov.it - e.mail: isapotenza@virgilio.it liceo artistico potenza

info Via Anzio N 4 Tel. 0971.444014 - Fax 0971.444158 www.liceoartisticoemusicale.gov.it - e.mail: isapotenza@virgilio.it liceo artistico potenza info Via Anzio N 4 Tel. 0971.444014 - Fax 0971.444158 www.liceoartisticoemusicale.gov.it - e.mail: isapotenza@virgilio.it liceo artistico potenza La scelta della scuola? Una decisione importante Ecco Il

Dettagli

febbraio 2007 progetto. installazione postazione mediasender e diffusione video promozionale cliente. ISUZU Italia

febbraio 2007 progetto. installazione postazione mediasender e diffusione video promozionale cliente. ISUZU Italia febbraio 2007 febbraio 2007 progetto. installazione postazione mediasender e diffusione video promozionale cliente. ISUZU Italia bluemarketing.presentazione Bluemarketing è il nome che noi di Nikitadesign

Dettagli

Internet Information Literacy: tecnologie collaborative per le competenze informative. Cinzia Ferranti - Dipartimento FISPPA cinzia.ferranti@unipd.

Internet Information Literacy: tecnologie collaborative per le competenze informative. Cinzia Ferranti - Dipartimento FISPPA cinzia.ferranti@unipd. Internet Information Literacy: tecnologie collaborative per le competenze informative Cinzia Ferranti - Dipartimento FISPPA cinzia.ferranti@unipd.it 10 settembre 2015 Information Literacy L'economia basata

Dettagli

ADA. E learning e open source

ADA. E learning e open source 1 ADA. E learning e open source ADA 1.7.1 Come cresce un Ambiente Digitale per l'apprendimento open source Maurizio Graffio Mazzoneschi 2 Cos'è il software libero Libertà 0, o libertà fondamentale: la

Dettagli