Introduzione alla finanza etica e agli investimenti responsabili

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione alla finanza etica e agli investimenti responsabili"

Transcript

1 Guida Tematica 1 Introduzione alla finanza etica e agli investimenti responsabili La gestione responsabile del risparmio (e degli investimenti), in modo simile al consumo critico, è uno strumento per cambiare il sistema ECONOMICO - per attivare MECCANISMI ALTERNATIVI PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE e la GIUSTIZIA SOCIALE

2 A cura di: Crediti: Fondazione Culturale Responsabilità Etica Autore: Irene Palmisano Supervisione editoriale: Jason Nardi Contributo Editing: Francisco Fuentes, Silvia Prince, Natalia Leal, Katie Ramsbottom, Oliver Cupit Diseño: Tomás Sánchez Questa guida è stata realizzata all interno del progetto PRICE. Per ulteriori informazioni rinviamo al retro di questa pubblicazione o al sito del progetto (cc) Creative Commons Attribution - Non Commercial - No Derivatives 4.0 International Proyecto liderado por: Disclaimer I contenuti e le opinioni contenute in questo rapporto sono quelle degli autori e non rappresentano necessariamente quelle della Commissione Europea. Con il sostegno dell Unione Europea Promuovere investimenti e commercio responsabile in Europa PRICE Promuovere investimenti e commercio responsabili in Europa è un progetto internazionale che mira a sensibilizzare l opinione pubblica e a promuovere l educazione sul tema del consumo e dell investimento responsabile con particolare riferimento al Commercio Equo e Solidale e alla Finanza Etica. A sua volta, il progetto mira a mobilitare un maggiore sostegno finanziario per le azioni di contrasto alla povertà attraverso la diffusione di relazioni commerciali più eque tra paesi sviluppati e in via di sviluppo. PRICE è un progetto internazionale, cofinanziato dall Unione Europea, che coinvolge 9 paesi europei si concentra sulla ricerca e verifica dei fattori che possono portare una maggiore collaborazione tra il commercio equo e solidale e finanza etica e ampliare il loro raggio d azione. Il progetto è gestito in tre fasi: 1 - Ricerca e realizzazione di materiali formativi: ricerche e altri materiali didattici. In particolare le ricerche intendono mettere in luce il rapporto tra finanza etica e commercio equo, livello di interazione (richiesta/offerta servizi per il prefinanziamento o per l import), leve e strumenti per una maggiore collaborazione. I risultati di queste ricerche permetteranno lo sviluppo di un kit di strumenti di formazione che verrà utilizzato durante la II Fase. 2 - Formazione e Sensibilizzazione: iniziative diversificate di formazione per raccogliere le principali esperienze a livello nazionale e divulgarne le buone prassi e soluzioni innovative. 3 - Campaigning su commercio equo e finanza etica per mobilitare l opinione pubblica attraverso eventi di sensibilizzazione. PRICE è coordinato dalla ong spagnola COPADE, con la partecipazione di partner provenienti da 8 Paesi dell Unione Europea: AGICES (Assemblea Generale Italiana del Commercio Equo e Solidale), FCRE (Fondazione culturale responsabilità etica), la WFTO (World Fair Trade Organization (con sede in Olanda), Equação (Portogallo), Hellas commercio equo e solidale (Grecia), Ass. Fabbrica delle IDEE (Bulgaria), Koperattiva Kummerc Just (Malta), e l Associazione per il Commercio Equo (Polonia).

3 Indice dei contenuti Introduzione 1. Cos è la Finanza Etica Cosa si intende con il termine Finanza Etica? Che tipo di istituzioni mettono in pratica la Finanza Etica? Quali sono valori che la Finanza Etica promuove? La Finanza Etica è sostenibile? Confronto tra Banche Sostenibili e Banche Commerciali in Europa nel periodo Come posso diventare un risparmiatore responsabile? A quali istituti e/o organizzazioni rivolgersi? Quali sono gli strumenti finanziari disponibili? a. Prodotti di risparmio etico Cosa posso fare se non vi è alcuna istituzione di finanza etica nel mio paese? b. Capitale sociale Affidare i tuoi risparmi ad una cooperativa delle Botteghe del Mondo c. Microfinanza e prestito sociale online Conclusioni Appendici Appendice 1 Istituzioni di Finanza Etica e Responsabile in Europa Appendice 2 Le Reti della Finanza Etica in Europa Appendice 3 Le Campagne Bibliografia Siti web

4 2 Introduzione alla finanza etica e agli investimenti responsabili

5 Introduzione: Viviamo in un mondo interconnesso e globalizzato. Per dirla con un immagine nota: il battito di una farfalla con una serie di concatenazioni può generare un uragano dall altra parte del mondo. Nel mondo di oggi, le farfalle possono essere semplici operazioni finanziarie che hanno ripercussioni in altre parti del pianeta, come è avvenuto nella recente crisi finanziaria globale. Immaginiamo un signor Smith, impiegato della fascia media della società americana che si appresta ad apporre una serie di firme per sottoscrivere un mutuo ipotecario sub prime per acquistare la casa dei sogni ma non sa che la sua firma, assieme alle firme di migliaia di altri signor Smith, contribuirà ad innescare la catastrofe. Una serie di reazioni a catena a livello globale, dagli Stati Uniti d America all Europa che metterà in crisi banche, istituti finanziari, le cosiddette società too big to fail. Governi e società intere: una catastrofe economico finanziaria di cui si fa fatica a calcolare gli impatti, le conseguenze e i tempi di soluzione. La finanziarizzazione dell economia ha generato un sistema altamente complesso, con troppe variabili e troppe poche regole. Questo è l esempio più evidente della teoria del caos. Questo ipotetico esempio dimostra quali possano essere le conseguenze più drastiche di una politica che incentiva il credito al consumo. Abbiamo immaginato un cittadino/ risparmiatore/consumatore, ma cosa succede a segmenti economici più complessi come le piccole e medie imprese coinvolte nella fase successiva della crisi, nella fase di credit crunch? Quali possono essere le vie di fuga per uscire dal tunnel della crisi? In questi anni si parla di ricette e medicine anti crisi, dall iniezione di capitali nelle vene di quei stessi corpi che ne sono stati gli artefici, alle politiche europee di austerity che si sono dimostrate tutte fallimentari e peggiorative. Tuttavia numerose idee e proposte di cambiamento animano, sotto sotto il cielo della volatilità della finanza, il dibattito per la ricostruire dell economia reale attraverso un sistema di produzione e consumo etico, sostenibile e responsabile. La storia recente ha dimostrato quanto sia pericoloso agire senza principi etici; di ciò gran parte dell opinione pubblica ne è consapevole e chiede nuove regole e criteri di valutazione che tengano conto degli impatti sull ambiente e sull uomo. L intento di questa guida è di contribuire ad ampliare quella parte di opinione pubblica attiva, consapevole e responsabile, che non intende rinunciare ai vantaggi della crescita economica e della prosperità. Si tratta di uno strumento funzionale, che può essere utilizzato da una vasta gamma di attori della società civile nel processo di cambiamento verso un economia dinamica ed eticamente più forte. Questo processo di cambiamento è ormai innescato, lo vediamo dai dati sull aumento di capitale delle banche etiche e degli investimenti responsabili, un processo di sviluppo responsabile, sostenibile ed etico che passa attraverso la scelta dei singoli. I risparmiatori e gli investitori sono sempre più alla ricerca di un processo di sviluppo sostenibile ed etico, tuttavia è necessario migliorare l informazione per facilitare l accesso alla proposta della finanza etica e dell investimento responsabile. La Finanza Etica e gli investimenti responsabili sono i temi trattati in questa guida che contiene valori, numeri, nomi e proposte valide a suggerire un cambio di comportamento e a gestire il proprio risparmio e i propri investimenti in modo più responsabile e a trovare spunti per un ulteriore approfondimento. 3

6 1. Cos è la Finanza Etica: Definizione, valori e pratiche per una nuova economia solidale Le Banche sono il simbolo della crisi, della speculazione, dell ingiustizia e della causa primaria della povertà. Certo questa è una visione estremamente semplificata di tutto quello che non ha funzionato, e continua a non funzionare, tutto sommato molto condivisa, ma bisogna stare attenti a non generalizzare e a non abbandonarsi ad un fatalistico non cambierà niente. Bisogna sempre dirimere i mezzi dai fini. La finanza* non è ne buona ne cattiva. E uno strumento per raggiungere un fine, che può essere speculativo (esternalità negative) o di benessere collettivo (esternalità positive). Il problema è che oggi la Finanza ha perso il suo ruolo centrale come mezzo per sostenere e promuovere le attività economiche e ha invaso le sfere sociali e democratiche. FINANZA: Sono le attività legate allo scambio di capitali tra diversi individui, aziende e Stati Una risposta all attuale crisi è la Finanza Etica. Ma per parlare di questo argomento, prima dobbiamo porci alcune domande fondamentali, come ad esempio: 1.1 Cosa si intende con il termine Finanza Etica? 1.2 Che tipo di istituzioni mettono in pratica la Finanza Etica? 1.3 Quali sono i valori che promuove la Finanza Etica? 1.4 La Finanza Etica è sostenibile? Iniziamo dando risposte a queste domande Cosa si intende con il termine Finanza Etica? La Finanza Etica è un attività che... investe a beneficio degli uomini e dell ambiente, per il miglioramento sociale e ambientale e per lo sviluppo delle zone depresse ad alto rischio di povertà ed esclusione sociale fornisce credito senza discriminare in base al censo, al genere, all etnia e alla nazionalità Utilizza il denaro come un mezzo e non come un fine La Finanza Etica NON: Usa il denaro per fini puramente speculativi Usa il denaro esclusivamente come azione caritatevole Punta unicamente alla massimizzazione del profitto (se questo comporta conseguenze negative sulle persone e sull ambiente). Finanzia attività o organizzazioni insostenibili in termini sociali e ambientali Possiamo infine descrivere la Finanza Etica come alternativa concreta alla Finanza Speculativa e di Mercato e quindi uno strumento per produrre esternalità positive. La Finanza Etica mira a sviluppare un interazione più giusta e più equa tra l umanità e l ambiente nell economia reale Proviamo adesso a risponder alla seconda domanda. 4 Introduzione alla finanza etica e agli investimenti responsabili

7 1.2 Che tipo di istituzioni mettono in pratica la Finanza Etica? Per rispondere a questa domanda, possiamo distinguere tra 3 differenti tipi di istituzioni: Banche Etiche Cooperative e consorzi di Finanza Etica Cooperative di Microcredito Queste istituzioni offrono differenti servizi finanziari ai propri clienti. Le caratteristiche di ciascuna sono descritte qui di seguito: Banche Etiche: Una Banca Etica è una banca che tiene in conto gli impatti sociali e ambientali dei propri investimenti e prestiti. I clienti possono avere la maggior parte degli stessi servizi offerti dalle banca commerciale (risparmio e conti correnti, carte di credito e di debito, accredito di stipendio, ecc.). È importante NON confondere le Banche Etiche con le banche commerciali che offrono prodotti etici o sostenibili. In questi casi, l intera banca commerciale non è considerata etico di per sé ma solo il singolo prodotto. Cooperative e consorzi di Finanza Etica: La cooperativa di Finanza Etica è un organizzazione che fornisce servizi di microfinanza per le persone/famiglie a basso reddito e le piccole imprese. Questi servizi includono varie tipologie di prestito, servizi di credito, conto corrente, assicurazioni e servizi di rimessa. Tali istituzioni possono anche essere strutturate sotto forma di consorzio o di organizzazione di Microfinanza. Le Cooperative e i consorzi di Finanza Etica forniscono un ventaglio di servizi più limitato rispetto a quello offerto dalle Banche. Cooperative di microcredito: Una cooperativa di Microcredito offre piccoli prestiti a clienti poveri o a basso reddito. I prestiti possono essere concessi, spesso senza garanzie, direttamente al richiedente o attraverso un meccanismo di garanzie di gruppo. Questo sistema si basa su l impegno collettivo di un gruppo di individui a rimborsare il prestito in caso di insolvenza. L incentivo a rimborsare si basa sul rapporto di fiducia tra i membri del gruppo. Gran parte delle istituti di Finanza Etica rientrano in una di queste tre macro categorie, tuttavia non lavorano tutte allo stesso modo. Essi sono il risultato del sistema economico in cui si sono sviluppati e variano in tutto il mondo a seconda delle prevalenti caratteristiche culturali, sociali e normative. Nel seguente riquadro riportiamo alcune informazioni sui diversi approcci di investimento utilizzati dagli istituti di Finanza Etica. 4 Differenti approcci Finanza alternativa e critica: promuove l uso del denaro per processi di sviluppo locale ed endogeni ponendo le relazioni sociali al centro delle attività economiche. Attribuisce al denaro un uso sociale come mezzo per creare reti dirette - tra risparmiatori e beneficiari dei prestiti- e capitale sociale. Questo tipo di finanza non agisce attraverso strutture formali (le banche) ma predilige forme associative e consortili. Accanto al denaro, molta importanza riveste anche la formazione e l assistenza tecnica verso il beneficiario del prestito. Finanza solidale: utilizzo del denaro per il sostentamento di attività di promozione socio/ambientale e per lo sviluppo di zone depresse e a forte rischio sociale di esclusione sociale. Questo approccio è orientato allo sviluppo territoriale. Finanza socialmente responsabile: utilizzo del denaro che tiene in considerazione l impatto che tali investimenti possono avere sulla società e sull ambiente. In altre parole, l applicazione di criteri di responsabilità sociale per gli investimenti, valutate e/o certificate negli aspetti di sostenibilità ed eticità da enti terzi. Finanza mutualistica: le attività finanziarie conformi ai seguenti principi, l accesso al credito, senza discriminazioni basate sulla ricchezza, sesso o origine etnica; la preferenza per le forme personali di garanzie, la trasparenza e la partecipazione. Questo approccio può assumere forme diverse, ma in genere c è un forte senso di comunità e di condivisione dei rischi e garanzie. Il comune denominatore è l esperienza umana della condivisione di determinati valori incentrati sul sociale e l ambiente. 5

8 Paradigmi culturali alla base della Finanza Etica La Finanza Etica non ha una sola storia, ma tante storie a seconda dell area geografica e del background culturale in cui è praticata. In Europa ad esempio è possibile distinguere 6 aree geografiche e di influenza 2 : Área 1: Mediterranea, influenzata dalla cultura cattolica; Área 2: Europa Centrale, di influenza steineriana 3 ; Área 3: Area Francofona, in cui più forte è la matrice cooperativa e il mutualismo; Área 4: Nord Europa, con una chiara propensione alla responsabilità e alle esternalità dell economia sull ambiente; Área 5: Paesi Anglosassoni, caratterizzati dallo sviluppo dei fondi di gestione per investimenti responsabili. Área 6: I paesi dell area di Varsavia dove le necessità economiche e sociali dopo il crollo dell URSS hanno favorito la diffusione della microfinanza. Como puedes ver, el movimiento de Finanzas Éticas incluye tantas prácticas como diferentes tipos de organizaciones. Fonte: La finanza etica in Europa. Attori, strumenti e pratiche per lo sviluppo del Nord e Sud del mondo. (Ucodep 2005) 1 Il movimento Europeo della Finanza Etica riflette quindi nelle differenti pratiche e tipologie di organizzazioni i fattori che lo hanno ispirato. La Finanza Etica introduce nuovi parametri di riferimento, ponendo i fattori di rischio e il profitto sullo stesso piano della valutazione delle esternalità dell investimento. Ad esempio, la valutazione di un attività economica include non solo gli aspetti economici, ma anche l impatto sociale ed ambientale. Questi parametri rafforzano la valutazione delle operazioni finanziarie, per lo sviluppo di un modello più umano ed ecologicamente sostenibile, dove la finanza è al servizio di quelle attività che producono un beneficio sociale e ambientale, come ad esempio la cooperazione sociale, la cooperazione internazionale, il commercio equo e solidale, l agricoltura biologica, le energie rinnovabili e altre attività ambientalmente sostenibili (V. esempi in Appendice 2). Possiamo affermare infine che la Finanza Etica è quel pensiero economico contemporaneo che ha come fine l uso del denaro come mezzo e non come scopo, avendo a riferimento la persona umana e il perseguimento del bene comune. O come dice lo slogan di Banca Popolare Etica l interesse più alto è l interesse di tutti. 1 La finanza etica in Europa. Attori, strumenti e pratiche per lo sviluppo del Nord e Sud del mondo. AAVV, pubblicazione curata da Ucodep all interno del progetto Financing for development:raising awareness on alternative resourses to promote Microfinance in the South finanziato dalla Comunità Europea (ONG-ED/2002/ ). 2 Atlante ragionato della finanza etica europea, 2012, è una ricerca Progetto di ricerca commissionato da Banca Popolare Etica al Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali MARCO FANNO, Credito e Finanza, Università di Padova. Autore: Marco Gallicani. Responsabile scientifico: prof. Alberto Lanzavecchia I dati si riferiscono al bilancio di esercizio di un certo numero di istituti di Finanza Etica Europa, chiusi al 31/12/2012. I dati sono parziali, si riferiscono alla rielaborazione della documentazione raccolta e pervenuta nei tempi della ricerca. Contattare l autore per ulteriori informazioni: 3 Rudolf Steiner ( ) è stato un filosofo austriaco, riformatore sociale, architetto ed esoterista. All inizio del XX secolo, ha fondato il movimento spirituale di antroposofia: una filosofia esoterica con le radici nella filosofia e teosofia idealistica tedesca. Steiner ha lavorato per stabilire i criteri e la prassi della sua dottrina, compresa l educazione Waldorf, l agricoltura biodinamica e la medicina antroposofica. 6 Introduzione alla finanza etica e agli investimenti responsabili

9 1.3 Quali sono valori che la Finanza Etica promuove? Ora, parliamo dei valori della Finanza Etica. Esiste un manifesto europeo per identificare le istituzioni Finanza Etica, scritto da FEBEA, la Federazione Europea delle Banche Etiche e Alternative - l organismo che raggruppa le banche etiche europee che finanziano il non profit, favoriscono l accesso al credito dei non bancabili*, la green economy e la cultura che raggruppa i criteri che caratterizzano e distinguono gli istituti di finanza etica da altri istituti tradizionali. NON BANCABILI: Coloro che, persone fisiche o giuridiche, sono escluse dalle possibilità di avere rapporti bancari o perché non shanno un reddito adeguato o perché non possono offrire garanzie Nel 2012 la Federazione Europea delle Banche Etiche e Alternative (FEBEA) 4 ha redatto un elenco dei criteri da utilizzare per l individuazione delle istituzioni finanza etica in Europa. FEBEA è un organismo europeo che raggruppa le banche etiche europee che finanziano il non profit, favoriscono l accesso al credito dei non bancabili, la green economy e la cultura. Secondo Febea l attività bancaria è uno strumento che ha come fine il bene comune del territorio, la sensibilizzazione e l educazione finanziaria 5. Questi criteri sono: 1. La provenienza del denaro: un Istituto di Finanza Etica non accetta denaro sporco, proveniente da attività illecite, speculative o altamente inquinanti. 2. La destinazione del denaro: l attività creditizia di una banca etica ricerca come risultato un impatto sociale, ambientale ed economico positivo. Per questo sostiene attività di promozione umana, sociale ed economica delle fasce più deboli della popolazione e alle aree più svantaggiate, favorendo l integrazione sociale e l occupazione. 3. I criteri e i valori per l utilizzo del denaro: gestione trasparente degli impieghi, simmetria informative tra banca e clienti. Il modello di business è quello tradizionale in cui la maggior parte del risparmio raccolto è utilizzato per l attività del credito. Per la concessione del finanziamento le garanzie personali (o sociali fornite dalle reti territoriali di appartenenza) concorrono con le garanzie economiche alla valutazione. Una banca etica non specula e privilegia investimenti a medio lungo termine e l economia reale. 4. La modalità di gestione della banca: un istituto di Finanza Etica non ricerca il profitto fine a se stesso. Un giusto profitto è necessario per assicurare affidabilità e sostenibilità economica alla banca e i profitti sono per la maggior parte reinvestiti negli obiettivi sociali dell istituto. Come riportato nella sezione 1.2, quando parliamo di Finanza Etica, possiamo fare riferimento alle tre tipologie legate a questo ambito. Vediamo qui di seguito alcune differenze tra una Banca Etica e una banca commerciale tradizionale: Confronto tra Banche Etiche e Banche Tradizionali Banche Etiche Banche Tradizionali Valori Operano con un chiaro quadro di valori etici riconosciuti, accettati e rispettati a tutti i livelli Profitto Si concentrano su obiettivi quantitativi per rafforzare la presenza sul mercato e la capacità di fare profitti Sociale e Ambientale Indirizzano la propria operatività verso obiettivi positivi finanziari, sociali ed ambientali Finanziario Si orientano verso la massimizzazione dei risultati finanziari 4 Federazione Europea delle Banche Etiche e Alternative (FEBEA) (ultima visualizzazione il 23 gennaio 2014). 5 Febea What really differentiates ethical banks from traditional banks Definition%20Ethical%20Bank.pdf (ultima visualizzazione il 23 gennaio 2014). 7

10 Confronto tra Banche Etiche e Banche Tradizionali Partecipazione dei portatori di interesse Clienti e soci hanno facoltà di scelta sui progetti etici da finanziare Decisioni Accentrate la strategia di investimento e il profilo di rischio sono stabiliti dagli organi dirigenti Trasparenza Pubblicano regolarmente le liste di tutti gli investimenti e I progetti finanziati Segretezza Non forniscono informazioni sulla destinazione dei finanziamenti e degli investimenti Valutazione di impatto Finanziano le imprese I cui progetti hanno un ritorno positivo su società e ambiente Valutazione di Concedono finanziamenti senza tener conto del comportamento etico del richiedente o del suo impatto sociale e ambientale Fonte: adattamento da THE FINANCIAL CRISIS IMPACT ON ETHICAL FINANCIAL INSTITUTIONS, di Barbu Teodora Cristina e Boitan Iustina Alina, ASE Bucarest 2009 Questi criteri possono, naturalmente, essere estesi ad altri tipi di istituzioni (cooperative etiche / consorzi e cooperative di microcredito). Tutto è molto affascinante, ma... davvero la Finanza Etica può funzionare nel mondo reale? È quello che vedremo nel prossimo paragrafo. 1.4 La Finanza Etica è sostenibile? Nei paragrafi precedenti abbiamo presentato alcuni degli obiettivi ammirevoli della Finanza Etica. Ma la domanda fondamentale è: sono questi obiettivi raggiungibili e sostenibili? In breve, la Finanza Etica ha un ruolo da svolgere nel mondo reale? La risposta è SI! Sin dall inizio della crisi finanziaria globale, l efficienza e la solidità degli istituti di Finanza Etica hanno costituito un elemento di forte attenzione da parte degli investitori. Il rapporto annuale elaborato dalla Global Alliance for Banking on Values 6 (GABV), lo dimostra. I dati, raccolti e suddivisi in tre fasi temporali (dopo l esplosione della crisi /2012, prima della crisi /2007, e ciclo completo -2003/2012), delineano buone performance per le Banche Sostenibili 7, che hanno continuato ad aumentare il volume e la stabilità delle loro attività. In particolare, se prendiamo i dati relativi al periodo successivo all esplosione della crisi (2008/2012) le banche sostenibili a livello globale: Erogano quasi il doppio del credito in proporzione agli attivi di bilancio rispetto alla banche sistemiche 8. I bilanci degli istituti eticamente orientati si sostengono grazie alla raccolta di risparmio della clientela. Mantengono un miglior livello di capitalizzazione, nel rapporto tra capitale e attivi totali. Offrono una redditività sul capitale investito più elevata e con minori livelli di volatilità. Anche per quanto riguarda l area Europea, sempre nel periodo , le banche sostenibili confermano una continua crescita nella raccolta e negli impieghi, 6 Report Real Banking for the real economy: Comparing Sustainable Bank Performance with the Largest Banks in the World, Global Alliance for Banking on Values (NL), Ottobre 2013, (ultima visualizzazione il 23 gennaio 2014). La ricerca GABV mette a confronto il rendimento delle grandi banche commerciali, definite sistemiche, con le prestazioni delle banche sostenibili (un termine che comprende tutte le istituzioni finanziarie che operano con i valori etici e ambientali sopra descritte). 7 Nella categoria delle banche sostenibili sono state comprese le banche che al 31 Marzo 2012 avevano status di membro della GABV. Nella categoria delle banche sostenibili europee sono comprese: Alternative Bank Schweiz, Banca Popolare Etica, Group Crédit Coopératif, Cultura Bank, Ecological Building Society, GLS Bank, Merkur Cooperative Bank, Triodos Bank. La categoria delle banche commerciali europee comprende: Banque Populaire CdE, Barclays, BBVA, BNP Paribas, Credit Suisse, Deutsche Bank, Group Crédit Agricole, ING Bank, Nordea, Royal Bank of Scotland, Santander, Société Générale, UBS, Unicredit Group. 8 Real Banking for the real economy.... Op. cit. Le banche commerciali sono definite too big to fail, ossia troppo grandi per fallire perché di importanza sistemica (Global Systemically Important Financial Institution GSIFIs). 8 Introduzione alla finanza etica e agli investimenti responsabili

11 nonché stabilità e redditività negli investimenti. Vediamo meglio nel box questi dati: Finora abbiamo parlato della teoria della Finanza Etica. Ora è il momento di parlare di Finanza Etica nella pratica! Nel prossimo capitolo vedremo come entrare a far parte di questo modello economico e finanziario sostenibile e responsabile, come scegliere le istituzioni etiche e come accedere alle giuste informazioni. 9 Indica la % media dei prestiti in proporzione al totale delle attività 10 Indica la media% tra la capitale e il totale delle attività 11 Indica la% media degli utili sul capitale investito 9

12 2. Come posso diventare un risparmiatore responsabile? Stai pensando di fare il grande salto e di utilizzare bene il tuo denaro? di investire in progetti che possano portare benefici sia a te che agli altri? Ci sono tante cose che puoi fare per andare in questa direzione. Puoi gestire i tuoi risparmi dividendoli tra banche etiche, cooperative di finanza etica e organizzazioni di microcredito. O puoi orientarti verso un solo tipo di istituto. I consumatori e gli investitori sono sempre più consapevoli del potere delle proprie scelte. Decidere come gestire il denaro, valutando le implicazioni sociali e ambientali degli investimenti, influisce sul modo di operare delle istituzioni finanziarie. La gestione responsabile del risparmio (e degli investimenti), in modo simile al consumo critico, è uno strumento per cambiare il sistema ECONOMICO - per attivare MECCANISMI ALTERNATIVI PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE e la GIUSTIZIA SOCIALE.... E come tale, è anche una responsabilità scegliere l intermediario finanziario adeguato e coerente con i valori di cui sopra. L investitore responsabile ha davanti a sé numerose opzioni, a seconda che voglia depositare il risparmio o investirlo in attività finanziarie: dai libretti di risparmio al conto corrente, dai depositi vincolati alle obbligazioni, ed è possibile inoltre scegliere il settore di impiego (ambiente, commercio equo e solidale*, cultura...). Ora è il tuo turno: come puoi diventare un investitore etico e responsabile? Per diventare un investitore responsabile, è necessario conoscere: 2.1 A quali istituti e/o organizzazioni rivolgersi 2.2 Quali sono gli strumenti finanziari disponibili Esploriamo questi punti. COMMERCIO EQUO E SOLIDALE: Commercio equo e solidale è un partenariato commerciale, basato sul dialogo, la trasparenza e il rispetto, che persegue una maggiore equità nel commercio internazionale. Contribuisce allo sviluppo sostenibile offrendo migliori condizioni commerciali e garantisce i diritti dei produttori e dei lavoratori marginalizzati, soprattutto nel Sud del Mondo. 2.1 A quali istituti e/o organizzazioni rivolgersi? Dove metti il tuo denaro fa la differenza. Stiamo per mostrarti alcune azioni che si possono fare per decidere quale opzione sia meglio per te. Consigliamo di iniziare dal principio: Da casa Fase 1: Raccogliere informazioni Prenditi il tempo per pensare e raccogliere informazioni, prima di scegliere l istituzione finanziaria a cui affidare i tuoi risparmi. In appendice a questa guida puoi trovare molti esempi e spunti di partenza. Chiediti quali aspetti etici sono più importanti per te (diritti umani, ambiente, pressioni politiche, paradisi fiscali, questioni di genere, equità, differenza di retribuzione tra manager e lavoratori... la lista è infinita!). In seguito cerca le organizzazioni che promuovono i tuoi interessi etici. Cerca più fonti di informazione. Oltre a notizie e ad analisi economiche, una buona fonte di informazione sono le relazioni annuali pubblicate dalle aziende. Alcune riportano anche gli aspetti sociali e/o ambientali. Navigando sul web puoi trovare diversi siti che danno una valutazione sulle principali banche e istituzioni finanziarie, come ad esempio quelli della campagna Move Your Money ( moveyourmoney.org.uk ) nel Regno Unito. Esistono campagne nazionali 10 Introduzione alla finanza etica e agli investimenti responsabili

13 simili in Olanda ( banksecrets.eu ), Belgio (fairfin.be) e Italia (nonconimieisoldi.org). Per ulteriori informazioni sulle campagne, vedi Appendice 3. Altre pubblicazioni, materiale pubblicitario, siti web di istituzioni finanziarie possono essere utilizzate per valutare la disponibilità a dare informazioni e le attività di investimento. Controlla nella tua città Fase 2: Chiedi direttamente in Banca (o presso altre organizzazioni finanziarie) La campagna italiana Non con i miei soldi, suggerisce cinque domande da porsi per trovare la strada giusta attraverso la giungla delle istituzioni finanziarie: SISTEMA BANCARIO OMBRA: E l insieme di entità e di pratiche finanziarie che svolgono funzioni simili alle attività delle banche tradizionali ma al di fuori, o in modi solo vagamente legate ai regolamenti degli organismi di controllo. 1. come sono impiegati i miei risparmi? 2. cosa fa la mia banca con i miei soldi? 3. quanto partecipa al grande giro della speculazione? 4. ha filiali in qualche paradiso fiscale? 5. in che misura i suoi profitti provengono dalla tradizionale attività creditizia che sostiene l economia reale e la creazione di posti di lavoro, e quanto invece dal giocare con prodotti derivati e strutturati e dal sistema bancario ombra*? Se trovi operatori ben informati e disposti a darti queste informazione, allora probabilmente sei sulla strada giusta Fase 3 Scegli una banca / cooperativa finanziaria Scegli un istituto finanziario che fornisce garanzie in materia di trasparenza, forti legami con il territorio nazionale e che rivela i suoi settori di investimento. Sii sicuro di ottenere tutte le risposte e le informazioni necessarie. A tempo debito, potrai prendere in considerazione l idea di diventare anche un membro dell istituzione finanziaria che hai scelto (se questa è una possibilità). Se ciascuno di noi inizia a gestire con responsabilità i propri risparmi e gli investimenti secondo i criteri che conducono ad un impatto positivo, insieme faremo la differenza! Cosa posso fare se non vi è nessuna istituzione finanza etica nel paese in cui vivo? Se questa è la situazione in cui ti trovi, non sei solo! In alcuni paesi le Istituzioni di finanza etica sono molto recenti mentre in altri, purtroppo, non si sono ancora verificate le condizioni perché queste realtà si creino (e in altri ancora esistono, ma sono poco conosciuti). Ti consigliamo allora di: informarti sulla normativa fiscale del tuo paese rispetto alle attività bancarie e se ci sono banche che offrono servizi e prodotti finanziari collegati a Banche Etiche di altri paesi consultare le reti di Finanza Etica di riferimento: non in tutti i paesi europei sono presenti istituti bancari di finanza etica, tuttavia lo spirito collaborativo di rete fa si che alcune grandi organizzazioni di secondo livello, come ad esempio Febea, monitorino alcuni paesi e tengano contatti con realtà sociali locali impegnate nell ambito della finanza etica e con realtà che stanno facendo un percorso per la creazione di strumenti di finanza etica (non necessariamente banche, ma anche fondi, società finanziarie, fondazioni, ecc., a seconda del contesto e delle esigenze). Nel caso di Febea, questa mantiene dei riferimenti in Austria, Slovenia, Croazia, Portogallo, Grecia e Finlandia. Per l elenco delle Banche aderenti a Febea consultare il sito cercare degli strumenti di investimento per sostenere l economia sociale e solidale. Puoi anche cercare su internet informazioni su microfinanza e sul social lending. Per maggiori informazioni, vedi il punto c del paragrafo 2.2. Ora sei a metà del cammino... sai come scegliere un buon istituto... ma ora hai bisogno di conoscere alcuni degli strumenti più comuni della Finanza Etica. 11

Offriamo i nostri servizi bancari a una clientela sensibile allo sviluppo ecologico e sociale.

Offriamo i nostri servizi bancari a una clientela sensibile allo sviluppo ecologico e sociale. LINEE DIRETTRICI La nostra missione Noi della Banca Alternativa Svizzera ci impegniamo al massimo per il bene comune, per l uomo e la natura e per una qualità di vita sostenibile per le generazioni presenti

Dettagli

Banca Popolare Etica. L interesse più alto è quello di tutti. Roberto Marino Area Territoriale Centro Banca popolare Etica

Banca Popolare Etica. L interesse più alto è quello di tutti. Roberto Marino Area Territoriale Centro Banca popolare Etica Banca Popolare Etica L interesse più alto è quello di tutti Roberto Marino Area Territoriale Centro Banca popolare Etica Banca popolare Etica È punto di incontro tra: risparmiatori che condividono l esigenza

Dettagli

MAIN SPONSOR SPONSORS MEDIA PARTNER

MAIN SPONSOR SPONSORS MEDIA PARTNER MAIN SPONSOR SPONSORS MEDIA PARTNER Milano, 7 ottobre 2015 Nuove opportunità per il mondo dei fondi d investimento: l Impact Investing FABIO SALVIATO DIRETTORE GENERALE, SEFEA S.C. 2 FEBEA Milano, 7 ottobre

Dettagli

C ambieresti il modo di investire i tuoi L INVESTIMENTO ETICO

C ambieresti il modo di investire i tuoi L INVESTIMENTO ETICO FINANZA L INVESTIMENTO ETICO C ambieresti il modo di investire i tuoi soldi? Tra i vari aspetti su cui bisogna cominciare a riflettere troviamo la, che ha un ruolo preponderante nei destini del mondo,

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

Banca Popolare Etica. Roberto Guerra direttore filiale di Bari Banca popolare Etica. L interesse più alto è quello di tutti. Venerdì 1 giugno 2012

Banca Popolare Etica. Roberto Guerra direttore filiale di Bari Banca popolare Etica. L interesse più alto è quello di tutti. Venerdì 1 giugno 2012 Banca Popolare Etica L interesse più alto è quello di tutti Roberto Guerra direttore filiale di Bari Banca popolare Etica Venerdì 1 giugno 2012 Banca popolare Etica È punto di incontro tra: risparmiatori

Dettagli

A cura Francesca Filippi Finanza Solidale Altromercato ELENCO DOMANDE FREQUENTI

A cura Francesca Filippi Finanza Solidale Altromercato ELENCO DOMANDE FREQUENTI A cura Francesca Filippi Finanza Solidale Altromercato Contatti: e-mail: francesca.filippi@altromercato.it tel: 045 8222621 ELENCO DOMANDE FREQUENTI 1. Cos è il prestito sociale? 2. Cos è il capitale sociale?

Dettagli

PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione

PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione INTRODUZIONE Pace e Sviluppo dopo 20 anni di attività come Cooperativa si trova ad essere tra

Dettagli

ECONOMIA DEL FAIR TRADE DEFINIZIONI DI RIFERIMENTO

ECONOMIA DEL FAIR TRADE DEFINIZIONI DI RIFERIMENTO ECONOMIA DEL FAIR TRADE DEFINIZIONI DI RIFERIMENTO 1 COSA S INTENDE CON FAIR TRADE Cos è FT per la gente della strada 20 Un movimento di cooperative, associazioni, organizzazioni non profit che commercializza

Dettagli

Progetto Venezia per l altraeconomia

Progetto Venezia per l altraeconomia Progetto Venezia per l altraeconomia Obiettivo del progetto è la costruzione e promozione di una Rete di Economia Solidale (RES) veneziana, che raduni intorno ad un Tavolo permanente per l altraeconomia,

Dettagli

GIUSEPPE TARDIVO IL MICROCREDITO. Relazione in occasione dell inaugurazione della Mostra fotografica Ndithini, sguardi da una missione

GIUSEPPE TARDIVO IL MICROCREDITO. Relazione in occasione dell inaugurazione della Mostra fotografica Ndithini, sguardi da una missione GIUSEPPE TARDIVO IL MICROCREDITO Relazione in occasione dell inaugurazione della Mostra fotografica Ndithini, sguardi da una missione 28 febbraio 2013 Salone d Onore del Comune di Cuneo 1.CHE COS È IL

Dettagli

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 Raccomandazione 193 RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

Convenzione commerciale tra BANCA POPOLARE ETICA e LEGACOOP UMBRIA. Premessa

Convenzione commerciale tra BANCA POPOLARE ETICA e LEGACOOP UMBRIA. Premessa Convenzione commerciale tra BANCA POPOLARE ETICA e LEGACOOP UMBRIA Premessa BANCA POPOLARE ETICA si propone di gestire le risorse finanziarie di famiglie, donne, uomini, organizzazioni, società di ogni

Dettagli

4. LA MICROFINANZA IN EUROPA

4. LA MICROFINANZA IN EUROPA 45 4. LA MICROFINANZA IN EUROPA 4.1 La situazione attuale La microfinanza in Europa si sta progressivamente dimostrando uno strumento essenziale delle politiche sociali; un importante mezzo di promozione

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan * Abstract Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan, propose per primo il Global Compact in un discorso al World Economic

Dettagli

Il quinto e ultimo capitolo quinto è dedicato al caso italiano. Nel nostro paese, la domanda di

Il quinto e ultimo capitolo quinto è dedicato al caso italiano. Nel nostro paese, la domanda di I SINTESI Questo numero di Osservatorio monetario viene interamente dedicato all analisi delle implicazioni derivanti dallo sviluppo della microfinanza. Il primo capitolo descrive le ragioni del successo

Dettagli

DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI

DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI MODENA, GIUGNO 2006 Pagina 1 di 6 Premessa Questo documento nasce dalla volontà di formalizzare l avvio di una rete di soggetti operanti, a vario titolo,

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan Scegliamo di unire il potere dei mercati con l autorevolezza degli ideali universalmente riconosciuti. 1. Le opportunità del Patto

Dettagli

Finanza Etica e microcredito

Finanza Etica e microcredito Finanza Etica e microcredito! Il movimento della finanza etica in Italia nasce alla fine degli anni settanta con la costituzione delle MAG (mutue di autogestione) e si sviluppa fino ai giorni nostri con

Dettagli

Microcredito e Microfinanza: dai paesi in via di sviluppo ai paesi industrializzati. Giuseppe Garofalo

Microcredito e Microfinanza: dai paesi in via di sviluppo ai paesi industrializzati. Giuseppe Garofalo Microcredito e Microfinanza: dai paesi in via di sviluppo ai paesi industrializzati Giuseppe Garofalo Nord e Sud del mondo Secondo i dati dell UNDP (United Nations Development Program), il 20% più ricco

Dettagli

Azioni di Economia Solidale verso il Distretto maceratese

Azioni di Economia Solidale verso il Distretto maceratese Azioni di Economia Solidale verso il Distretto maceratese I prezzi non dovrebbero essere fissati al livello più basso possibile, ma a quello sufficiente per fornire ai produttori degli standard adeguati

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2474 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PREZIOSI, VILLECCO CALIPARI, ALBANELLA, ARLOTTI, BASSO, BRAGA, CAPOZZOLO, CARRESCIA, CASATI,

Dettagli

PROGRAMMA. Docente: Prof. Mario Pianta (Università Urbino Economia) Periodo: 06 Novembre 2008 Orario: 10:00-13:00; 14:00-17:00 Durata: 6 ore

PROGRAMMA. Docente: Prof. Mario Pianta (Università Urbino Economia) Periodo: 06 Novembre 2008 Orario: 10:00-13:00; 14:00-17:00 Durata: 6 ore PROGRAMMA Modulo 1) Economia dello sviluppo: teorie economiche prevalenti, istituzioni e ruolo del commercio internazionale nello sviluppo economico a livello locale. Docente: Prof. Mario Pianta (Università

Dettagli

Ricostruiamo il futuro: convegno di Banca Etica a cura di Loredana Aldegheri di Mag Verona

Ricostruiamo il futuro: convegno di Banca Etica a cura di Loredana Aldegheri di Mag Verona Ricostruiamo il futuro: convegno di Banca Etica a cura di Loredana Aldegheri di Mag Verona Salerno 10/12/2013: dal pensiero di Antonio Genovesi pratiche d impresa oltre la crisi La Mag di Verona nasce

Dettagli

PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA

PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA L accesso all informazione è un diritto fondamentale di ogni studente, con o senza disabilità e/o specifiche

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

Banca Popolare Etica. Distretto di Economia Solidale Altro Tirreno

Banca Popolare Etica. Distretto di Economia Solidale Altro Tirreno Convenzione commerciale tra BANCA POPOLARE ETICA e DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE ALTRO TIRRENO Premessa BANCA POPOLARE ETICA si propone di gestire le risorse finanziarie di famiglie, donne, uomini, organizzazioni,

Dettagli

Le Organizzazioni Non Profit

Le Organizzazioni Non Profit Organizzazione dei Servizi Sociali Le Organizzazioni Non Profit Scienze filosofiche e dell educazione Prof. Mauro Serio 2 Il programma Scopo del corso Le finalità del Welfare State e la sua evoluzione.

Dettagli

Ruolo del commercio equo e solidale nel sistema economico e nel rapporto tra etica ed economia

Ruolo del commercio equo e solidale nel sistema economico e nel rapporto tra etica ed economia COMMERCIO EQUO E SOLIDALE Definizione Con il termine Commercio Equo e Solidale (CEES) si definisce una modalità di relazione commerciale tra i produttori del Sud del mondo e i consumatori finali del Nord

Dettagli

Va ricordato a questo proposito che le grandi banche americane, cartolarizzando i propri portafogli crediti, hanno trasferito, attraverso l'emissione

Va ricordato a questo proposito che le grandi banche americane, cartolarizzando i propri portafogli crediti, hanno trasferito, attraverso l'emissione Michele Bagella: Cercherò di fare alcuni commenti riferendomi a ciò che ho ascoltato partecipando a questa tavola rotonda. Sono tra coloro che sono convinti che il microcredito e la microfinanza possano

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Gli strumenti finanziari co-finanziati dal Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale permettono di investire,

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Mani Tese 2013. www.manitese.it u n i m p e g n o d i g i u s t i z i a

Mani Tese 2013. www.manitese.it u n i m p e g n o d i g i u s t i z i a u n i m p e g n o d i g i u s t i z i a MANI TESE ONG/ONLUS Da 49 anni verso un mondo più giusto Mani Tese è un Organizzazione Non Governativa nata in Italia nel 1964 per combattere la fame e gli squilibri

Dettagli

Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010 2011

Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010 2011 Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010 2011 Questionario per l indagine sulle istituzioni di microfinanza Sommario: I. Caratteristiche istituzionali chiave

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA ALLEGATO D DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA Commercio equo e solidale 1. Il commercio equo e solidale è l attività di cooperazione economica e sociale finalizzata a consentire o migliorare

Dettagli

Il Terzo Settore X l Economia Sociale. Paolo Venturi

Il Terzo Settore X l Economia Sociale. Paolo Venturi Il Terzo Settore X l Economia Sociale Paolo Venturi Bologna, 24 gennaio 2014 Punto di partenza (discriminante) «l incapacità ad innovare deriva dall incapacità ad adottare una diversa prospettiva dei problemi»

Dettagli

REG.N.4142 - A 9001:2001. Cooperativa sociale Actl onlus. Carta etica. Codice deontologico e responsabilità sociale

REG.N.4142 - A 9001:2001. Cooperativa sociale Actl onlus. Carta etica. Codice deontologico e responsabilità sociale REG.N.4142 - A 9001:2001 Cooperativa sociale Actl onlus Carta etica Codice deontologico e responsabilità sociale Principi, valori, diritti e doveri in coop sociale Actl PREMESSA Sin dalla sua costituzione,

Dettagli

SOCIALDI 19 aprile 2013 Il Terzo Settore protagonista del cambiamento sociale

SOCIALDI 19 aprile 2013 Il Terzo Settore protagonista del cambiamento sociale SOCIALDI 19 aprile 2013 Il Terzo Settore protagonista del cambiamento sociale Relazione di apertura della Portavoce Forum Terzo Settore Piemonte Anna Di Mascio Buongiorno a tutte e tutti, un saluto caloroso

Dettagli

d) una politica di comunicazione originale per incrementare la visibilità dei Distretti di Economia Solidale (DES);

d) una politica di comunicazione originale per incrementare la visibilità dei Distretti di Economia Solidale (DES); Obiettivi del progetto e raggiungimento di tali obiettivi Il progetto mirava al raggiungimento di tre obiettivi specifici ma legati da un comune denominatore: 1. La lettura del territorio lombardo facendo

Dettagli

IL CREDITO COOPERATIVO

IL CREDITO COOPERATIVO IL CREDITO COOPERATIVO 1 Il Credito Cooperativo 400 Banche cooperative 4.450 Sportelli 37 mila Collaboratori dipendenti 1,1 milioni Soci 7 milioni Clienti 2 Il Credito Cooperativo Localizzazione Geografica

Dettagli

Programmare la cooperazione del sistema sardo Documento di lavoro

Programmare la cooperazione del sistema sardo Documento di lavoro Programmare la cooperazione del sistema sardo Documento di lavoro a cura di Andrea Stocchiero Indice 1 Introduzione... 2 2 La cooperazione decentrata dai progetti ai programmi... 3 3 Elementi per la programmazione

Dettagli

FINALITÀ E STRATEGIE 1

FINALITÀ E STRATEGIE 1 Associazione europea per la solidarietà e la cooperazione internazionale con il Sud del mondo FINALITÀ E STRATEGIE 1 PREMESSA L'approccio di Fratelli dell'uomo e delle organizzazioni sociali con cui l'associazione

Dettagli

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile ANA-ANAP, Associazione Nazionale Audioprotesisti e Associazione Nazionale Audioprotesisti Professionali Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile Milano, 21/10/2014

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito Onorevoli Colleghi! - Negli ultimi anni il settore della microfinanza

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Le economie evolute, la micro-finanza e l accesso al credito Spunti di riflessione fra modelli metodologici e opportunità di applicazione

Le economie evolute, la micro-finanza e l accesso al credito Spunti di riflessione fra modelli metodologici e opportunità di applicazione Le economie evolute, la micro-finanza e l accesso al credito Spunti di riflessione fra modelli metodologici e opportunità di applicazione Massimo Carrozzo Roma, 4 maggio 2010 1 Agenda Contesto economico

Dettagli

L alternativa del Commercio Equo e Solidale

L alternativa del Commercio Equo e Solidale L alternativa del Commercio Equo e Solidale Non si vede bene che col cuore. l essenziale è invisibile agli occhi. (Antoine de Saint-Exupery) Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al

Dettagli

A regola d ARTE. Manuale di lavoro RENA

A regola d ARTE. Manuale di lavoro RENA A regola d ARTE Manuale di lavoro RENA Che cos è RENA? Intelligenza collettiva al servizio dell Italia La Rete per l eccellenza nazionale (RENA) è un associazione indipendente e plurale, animata da giovani

Dettagli

TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi

TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi Gentili ospiti e convenuti, dopo un incontro così denso di interventi e ricco di stimoli cercare di tirare

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA FINANZA SOCIALE

INTRODUZIONE ALLA FINANZA SOCIALE INTRODUZIONE ALLA FINANZA SOCIALE INTRODUZIONE ALLA FINANZA SOCIALE 3 INDICE 1. INTRODUZIONE... 6 2. SINTESI... 8 3. QUADRO DI RIFERIMENTO... 10 3.1 Influenzatori del contesto... 11 3.2 Attori sociali...

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

La storia del commercio equo e solidale

La storia del commercio equo e solidale Pagina 1 di 5 La storia del commercio equo e solidale 60 anni di fair trade: breve storia del movimento del commercio equo e solidale (versione ufficiale di IFAT scritta nel Gennaio 2004 ed aggiornata

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO della Coop. ACANTA MAG (Mutua di Auto Gestione) - Scarl

REGOLAMENTO INTERNO della Coop. ACANTA MAG (Mutua di Auto Gestione) - Scarl REGOLAMENTO INTERNO della Coop. ACANTA MAG (Mutua di Auto Gestione) - Scarl Premessa - Riferimenti La Coop. Acanta MAG (nel proseguo del documento chiamata semplicemente Acanta) è uno strumento al servizio

Dettagli

l imprenditoria sociale

l imprenditoria sociale L iniziativa per l imprenditoria sociale della Commissione europea Mercato interno e servizi Per la versione elettronica di questo opuscolo, consultare: http://ec.europa.eu/internal_market/publications/docs/sbi-brochure/sbi-brochure-web_it.pdf

Dettagli

PATTICHIARI: LE BANCHE CAMBIANO LA NUOVA STRATEGIA NEL CAMPO DEL RISPARMIO, PER DARE AI CLIENTI MAGGIORE INFORMAZIONE E CAPACITÀ DI SCELTA

PATTICHIARI: LE BANCHE CAMBIANO LA NUOVA STRATEGIA NEL CAMPO DEL RISPARMIO, PER DARE AI CLIENTI MAGGIORE INFORMAZIONE E CAPACITÀ DI SCELTA PATTICHIARI: LE BANCHE CAMBIANO LA NUOVA STRATEGIA NEL CAMPO DEL RISPARMIO, PER DARE AI CLIENTI MAGGIORE INFORMAZIONE E CAPACITÀ DI SCELTA Il sistema bancario italiano ha deciso di accettare la sfida della

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE A SOCIO

DOMANDA DI AMMISSIONE A SOCIO 1.. MORTIS CAUSA 2.. INTER VIVOS NOMINATIVO: NDG RICHIEDENTE: C/C N AGENZIA DI APPARTENENZA: DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE PER IL COMPLETAMENTO DELLA PRATICA MORTIS CAUSA: 1) CERTIFICATO DI MORTE; 2) CERTIFICATO

Dettagli

Cos è Etico nella Finanza Etica?

Cos è Etico nella Finanza Etica? Università degli Studi di Trento Educazione alla Finanza Etica, Responsabile e Felice Trento 28 novembre 2009 Struttura dell Intervento Cosa vuol dire finanza etica? Il ruolo del sistema finanziario Finanza

Dettagli

EaSI: il programma dell Unione europea per l occupazione e l innovazione sociale*

EaSI: il programma dell Unione europea per l occupazione e l innovazione sociale* EaSI: il programma dell Unione europea per l occupazione e l innovazione sociale* Il programma Occupazione e innovazione sociale (EaSI- Employment and Social Innovation) è il nuovo strumento finanziario

Dettagli

Banca Popolare Etica L interesse più alto è quello di tutti

Banca Popolare Etica L interesse più alto è quello di tutti Banca Popolare Etica L interesse più alto è quello di tutti Adriano Pallaro Area Innovazione Banca popolare Etica mercoledì 21 novembre 2012 Banca popolare Etica È punto di incontro tra: risparmiatori

Dettagli

BONIFICO E RID LASCIANO IL POSTO AI NUOVI STRUMENTI DI PAGAMENTO SEPA. Sai cosa cambia? Informati, ti riguarda! Bancaria Editrice 2013 - Bozza.

BONIFICO E RID LASCIANO IL POSTO AI NUOVI STRUMENTI DI PAGAMENTO SEPA. Sai cosa cambia? Informati, ti riguarda! Bancaria Editrice 2013 - Bozza. BONIFICO E RID LASCIANO IL POSTO AI NUOVI STRUMENTI DI PAGAMENTO SEPA Sai cosa cambia? Informati, ti riguarda! logo 2 QUALI PAESI FANNO PARTE DELLA SEPA 3 La SEPA include 33 Paesi: 17 Paesi della UE che

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Giulio Tagliavini - Massimo Regalli Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Il microcredito Ma i poveri risparmiano? Si osservi la seguente tabella (ripresa dal sito www.manitese.it) Popolazione

Dettagli

La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009

La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009 La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009 Nei mesi successivi al terremoto il Dipartimento di Protezione Civile, per gestire al meglio le offerte ricevute vis sms per il terremoto

Dettagli

ABSTRACT DELLA TESI. La responsabilità sociale d'impresa nella banca. Il caso della finanza socialmente responsabile.

ABSTRACT DELLA TESI. La responsabilità sociale d'impresa nella banca. Il caso della finanza socialmente responsabile. ABSTRACT DELLA TESI La responsabilità sociale d'impresa nella banca. Il caso della finanza socialmente responsabile di Daniele Perri Quello della responsabilità sociale d impresa è un concetto multisfaccettato,

Dettagli

Il nostro compito principale

Il nostro compito principale Il nostro compito principale Costruire la finanza etica per soddisfare i bisogni responsabili della nostra societá in un contesto solidale, sociale ed ecologico. Responsabilità sociale Il nodo centrale

Dettagli

L evoluzione negli obiettivi della cooperativa l identità

L evoluzione negli obiettivi della cooperativa l identità Carissimi/e soci/e, avete già ricevuto la lettera che vi preavvisava del Forum soci del prossimo 1 Febbraio 2004. Vi possiamo oggi confermare che il luogo dell incontro sarà il Santuario N.S. del Monte

Dettagli

Associazione micro.bo Il microcredito a Bologna

Associazione micro.bo Il microcredito a Bologna Forlì, 2 dicembre 2005 Associazione micro.bo Il microcredito a Bologna Chiara Valentini operatore micro.bo Cos è il MICROCREDITO Il microcredito è un sistema di credito basato su programmi che concedono

Dettagli

Documento di Sintesi della Politica di Gestione delle situazioni in Conflitto di Interessi

Documento di Sintesi della Politica di Gestione delle situazioni in Conflitto di Interessi Documento di Sintesi della Politica di Gestione delle situazioni in Conflitto di Interessi In conformità delle disposizioni normative comunitarie e nazionali attualmente in vigore, Pioneer Investment Management

Dettagli

CAMPAGNA ZEROZEROCINQUE

CAMPAGNA ZEROZEROCINQUE CAMPAGNA ZEROZEROCINQUE PER UNA TASSA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE Una piccola Tassa contro la speculazione, una grande risorsa per tutti! PERCHÉ UNA TASSA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (TTF)? La finanza

Dettagli

La nuova iniziativa sarà denominata Sostegno prima Impresa mentre l iniziativa in essere sarà denominata Sostegno Sociale

La nuova iniziativa sarà denominata Sostegno prima Impresa mentre l iniziativa in essere sarà denominata Sostegno Sociale Allegato alla convenzione del 4/11/2011, modificato in data 25 settembre 2014 e in data 19 marzo 2015 FONDO DI GARANZIA FINALIZZATO A SOSTENERE LA NASCITA DI NUOVE IMPRESE E DI NUOVE ATTIVITÀ DI LAVORO

Dettagli

PROGETTO DI LEGGE N. 0242

PROGETTO DI LEGGE N. 0242 REGIONE LOMBARDIA X LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 8485 PROGETTO DI LEGGE N. 0242 di iniziativa dei Consiglieri regionali: Ciocca, Alloni, Baldini, Barboni, Brambilla, Buffagni, Busi, Del Gobbo,

Dettagli

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO 1 1. PREMESSA 3 2. MISSIONE E VISIONE ETICA 3 3. AMBITO DI APPLICAZIONE DEL CODICE 3 4. PRINCIPI E NORME DI RIFERIMENTO 5 4.1 Rispetto della Legge 5 4.2 Onestà e correttezza

Dettagli

A. PRINCIPI GENERALI B. ADESIONE ALLA CARTA DEI VALORI DELLA LEGA NAZIONALE COOPERATIVE E MUTUE CODICE ETICO

A. PRINCIPI GENERALI B. ADESIONE ALLA CARTA DEI VALORI DELLA LEGA NAZIONALE COOPERATIVE E MUTUE CODICE ETICO Pagina 1 di 6 CODICE ETICO 1. INTRODUZIONE La Cooperativa CFP Soc. Coop. è consapevole che comportamenti non etici nella condotta degli affari compromettono la reputazione della stessa Società ed ostacolano

Dettagli

Cittadini stranieri consumatori

Cittadini stranieri consumatori Cittadini stranieri consumatori Grazie ai dati raccolti dalla Fondazione Leone Moressa è possibile comprendere la struttura dei redditi delle famiglie immigrate e comprenderne gli effettivi livelli.

Dettagli

L Ente Nazionale per il Microcredito. 1.1 Le attività e la mission etica dell Ente. 1.1.1 Le attività creditizie

L Ente Nazionale per il Microcredito. 1.1 Le attività e la mission etica dell Ente. 1.1.1 Le attività creditizie L Ente Nazionale per il Microcredito L Ente nazionale per il Microcredito è un soggetto di diritto pubblico che persegue l obiettivo dello sradicamento della povertà e della lotta all esclusione sociale

Dettagli

BANCA POPOLARE ETICA

BANCA POPOLARE ETICA BANCA POPOLARE ETICA La finanza per nutrire l economia Padova 20/06/2015 Marco Gallicani IERI E OGGI BANCA ETICA IERI E OGGI UNA BANCA DIVERSA UNA BANCA DIVERSA UNA BANCA DIVERSA LA TRASPARENZA È

Dettagli

Ente Nazionale per il Microcredito. Presentazione Istituzionale

Ente Nazionale per il Microcredito. Presentazione Istituzionale Ente Nazionale per il Microcredito Presentazione Istituzionale L ENTE NAZIONALE PER IL MICROCREDITO è un soggetto di diritto pubblico che persegue l obiettivo dello sradicamento della povertà e della lotta

Dettagli

Le nuove strade della cooperazione per costruire i processi di cosviluppo nella lotta alla povertà e il ruolo dell immigrazione

Le nuove strade della cooperazione per costruire i processi di cosviluppo nella lotta alla povertà e il ruolo dell immigrazione Le nuove strade della cooperazione per costruire i processi di cosviluppo nella lotta alla povertà e il ruolo dell immigrazione di Michele Candotti e Laura Ciacci 1 Negli ultimi anni, la cooperazione ha

Dettagli

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI 1 MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI Quest iniziativa è lanciata, in occasione di Expo 2015, dalle reti internazionali degli attori pubblici, associativi e

Dettagli

L ACQUA FONTE DI VITA È UN BENE COMUNE CHE APPARTIENE A TUTTI GLI ABITANTI DELLA TERRA

L ACQUA FONTE DI VITA È UN BENE COMUNE CHE APPARTIENE A TUTTI GLI ABITANTI DELLA TERRA Il Manifesto dell acqua IL DIRITTO ALLA VITA Veniamo dall Africa, dall America Latina, dal Nord America, dall Asia e dall Europa. Ci siamo riuniti nel 1998 con nessun altra legittimità o rappresentatività

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto CREDITO AL FUTURO Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona 1 Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto Andria, 26 e 27 Aprile, 3 Maggio 2012 Clara Marrone clara.marrone@gmail.com

Dettagli

MICROCREDITO E SUO SVILUPPO NEL CAMPO AMBIENTALE 1. La microfinanza ed il microcredito

MICROCREDITO E SUO SVILUPPO NEL CAMPO AMBIENTALE 1. La microfinanza ed il microcredito MICROCREDITO E SUO SVILUPPO NEL CAMPO AMBIENTALE 1. La microfinanza ed il microcredito Durante questo ultimo decennio si è molto discusso di microfinanza e di microcredito, spesso confondendo i due termini.

Dettagli

Global economy. La percezione dei social sui temi economici e finanziari

Global economy. La percezione dei social sui temi economici e finanziari Global economy La percezione dei social sui temi economici e finanziari Salone del Risparmio 2014 Organizzazione dell analisi Canale: Twitter Periodo di analisi: 15 gennaio 2014 20 marzo 2014 Lingue: italiano;

Dettagli

IL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE e CONSUMO CRITICO I valori nello scambio Lo scambio di valori

IL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE e CONSUMO CRITICO I valori nello scambio Lo scambio di valori IL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE e CONSUMO CRITICO I valori nello scambio Lo scambio di valori SOMMARIO PERCHE CHE COSA E LE ORIGINI GLI OBIETTIVI I CRITERI I PRINCIPALI PRODOTTI IL PREZZO TRASPARENTE LA RETE

Dettagli

I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività

I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività I principi fondamentali sono quelli che definiscono il senso

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore UN VERO E PROPRIO CIVIL ACT: GLI OBIETTIVI Per realizzare il cambiamento economico, sociale, culturale, istituzionale di cui il Paese ha bisogno, è necessario

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Gli strumenti finanziari co-finanziati dal Fondo Sociale Europeo permettono di investire, in modo sostenibile ed efficiente, per rafforzare

Dettagli

Il rinnovato impegno della comunità internazionale

Il rinnovato impegno della comunità internazionale Il rinnovato impegno della comunità internazionale La situazione dei Paesi poveri Sei anni fa le Nazioni Unite hanno lanciato il programma Millennium Development Goals (MDGs, ossia «Obiettivi per lo sviluppo

Dettagli

dello specifico ciclo produttivo ed una maggiore sensibilizzazione sulla rilevanza delle attività agricole nell ecosistema naturale ed ambientale e

dello specifico ciclo produttivo ed una maggiore sensibilizzazione sulla rilevanza delle attività agricole nell ecosistema naturale ed ambientale e Nel periodo 2000-2010 1 in Italia è stata registrata una riduzione dell 8% della Superficie Agricola Totale (che include i terreni produttivi e quelli non produttivi di un azienda agricola), una riduzione

Dettagli

Il Benessere aziendale

Il Benessere aziendale Il Benessere aziendale Oggi vogliamo parlare di Benessere aziendale, e cioè di tutti quelle pratiche, approcci e buone pratiche per vivere bene in un organizzazione. La cosa più importante che voglio capire

Dettagli

DONNE E UOMINI PER UNA ECONOMIA DI CONDIVISIONE

DONNE E UOMINI PER UNA ECONOMIA DI CONDIVISIONE DONNE E UOMINI PER UNA ECONOMIA DI CONDIVISIONE Anche il più piccolo atto nelle circostanze più limitate ha in sé il germe della stessa illimitatezza, perché un solo atto, e qualche volta una sola parola,

Dettagli

CODICE ETICO (ANCPL)

CODICE ETICO (ANCPL) Aggiornamento al 02.07.2012 CODICE ETICO (ANCPL) APPROVATE LE MODIFICHE CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 04/09/2012 Firma autografa sostituita a mezzo stampa, ai sensi e per gli effetti

Dettagli

Analisi di CSR per Banca Etica

Analisi di CSR per Banca Etica Analisi di CSR per Banca Etica Marzo 2006 L analisi della responsabilità sociale il nostro modello...1 Le fasi del processo di analisi...2 Analisi della responsabilità sociale per Banca Etica...3 Banca

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori AMATI, Disposizioni per la promozione del commercio equo e solidale Relazione Onorevoli Senatori. Il commercio equo e

Dettagli

MASTER FINANZA PER LO SVILUPPO

MASTER FINANZA PER LO SVILUPPO MASTER FINANZA PER LO SVILUPPO Per diventare professionisti del microcredito Perché un Master in Finanza per lo Sviluppo? Per offrire un percorso di specializzazione che mette insieme due mondi apparentemente

Dettagli

Capire di più per scegliere meglio, in banca. Conti Correnti a Confronto. Guida pratica

Capire di più per scegliere meglio, in banca. Conti Correnti a Confronto. Guida pratica Capire di più per scegliere meglio, in banca. Conti Correnti a Confronto Guida pratica Conti Correnti a Confronto Guida pratica Caro cliente 3 Le informazioni di base sul conto corrente bancario 4 1. Che

Dettagli

CARTA ETICA DEL TURISMO SCOLASTICO

CARTA ETICA DEL TURISMO SCOLASTICO Hanno promosso la redazione della carta i seguenti soggetti: CARTA ETICA DEL TURISMO SCOLASTICO La gita, uno dei rituali scolastici più amati dagli studenti, si rivela spesso come momento di discrepanza

Dettagli