La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione"

Transcript

1 Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Erika Becchi Il cibo è un diritto universale dell uomo sul quale non è possibile speculare, perché vorrebbe dire speculare sulla vita delle persone. Parte da questo assunto la campagna Sulla fame non si specula, che da alcuni giorni ha dato avvio a un blog, sullafamenonsispecula.org, per informare i cittadini sull attuale drammatica situazione e sulle piccole e grandi azioni da mettere in campo per garantire a tutti i cittadini del mondo il cibo che meritano. La campagna è nata dall idea di alcuni giornalisti, prima tra tutti Emanuela Citterio, ed è stata accolta con favore e promossa da diverse Ong come ActionAid, Vita, PIME, Unimondo, Acli, con il sostegno, tra le altre, di Banca Etica, Altromercato, Slow Food, Coldiretti, Acra e Intervita. La campagna nasce dalla presa di coscienza di una situazione drammatica per quanto riguarda la speculazione sul cibo nel mondo e delle pesanti conseguenze che questa ha sulle popolazioni più deboli. Dal 2002 ad oggi, nel mondo della finanza, il volume di scambi di titoli derivati legati ai beni alimentari si è moltiplicato per nove e nel 2008 le speculazioni finanziarie sul grano, sul mais e sul riso hanno provocato improvvise impennate dei prezzi di questi beni. Nell ultima metà del 2010 i prezzi dei beni alimentari hanno ricominciato a crescere e a essere soggetti a una volatilità estrema e, ciclicamente, questo fenomeno si ripropone. Dal 2005 alcuni operatori finanziari hanno cominciato a Page 1/5

2 investire grosse somme di denaro nei cosiddetti titoli derivati legati ai beni alimentari, che derivano cioè il loro rendimento dall andamento dei prezzi dei prodotti agricoli sui mercati internazionali. Si tratta di titoli che costituiscono delle vere e proprie scommesse sull aumento dei prezzi del cibo e si guadagna se la previsione si avvera. In pratica, nella finanza di oggi, anche un alluvione o una siccità prolungata in una regione del mondo possono trasformarsi in opportunità per guadagnare sul mercato finanziario, con rendimenti che possono essere anche del 50 o del 100 per cento. In questi anni e in questo contesto speculativo, i prezzi delle materie prime hanno teso ad aumentare. Secondo Fao e Ocse, nel decennio i prezzi dei cereali aumenteranno del 20% e quelli della carne addirittura del 30%. Così, nel 2015 sarà necessario produrre 1 tonnellata in più di cereali per sfamare la popolazione mondiale. Dal giugno 2010 i prezzi del grano e del mais hanno ricominciato ad aumentare e sono raddoppiati nel 2011 superando i massimi storici. La principale Borsa di riferimento per i cereali è quella di Chicago, che è ormai diventata un punto di riferimento per i prezzi in tutto il mondo. Molte delle operazioni finanziarie sono delle vere e proprie scommesse giocate sulle materie prime, dal cibo al petrolio, che permettono notevoli profitti. Chi paga questo gioco virtuale, nella realtà sono i 3 miliardi di persone che vivono con meno di due dollari al giorno e i 925 milioni che sono malnutriti, in un mondo dove potrebbero mangiare 11 miliardi di persone. La contrattazione e la speculazione sul cibo non è una pratica di recente creazione. Dal 1895 nella Borsa di Chicago si comprano e si vendono contratti futures, all epoca legati alla sola raccolta di fumento. La volatilità del commercio sul cibo ha reso opportuna la diffusione di contratti che stabilissero un determinato prezzo futuro sugli alimenti, a prescindere da qualsiasi imprevisto o evento negativo, da qualsiasi aumento o crollo del prezzo o della quantità di prodotti alimentari. Si tratta, quindi, di una pratica che è nata per tutelare i produttori. Come spiega l economista Riccardo Moro, membro del team della campagna «alla loro nascita hanno anche svolto una funzione positiva nel mercato alimentare, rendendo più chiari i rapporti del libero mercato, ma la speculazione, consentita dalla deregulation finanziaria degli ultimi 15 anni, li ha resi armi finanziarie». «In sostanza» chiarisce Moro «non si specula sul cibo, non si trattengono gli alimenti nei magazzini in attesa che salga il prezzo, per poi rivenderli, ma sui titoli finanziari. La deregulation ha consentito che i titoli finanziari legati all'agricoltura venissero acquistati da chiunque. La fortissima domanda di questi titoli ne ha fatto aumentare i prezzi, la speculazione, giocando su vendite e riacquisti rapidi in borsa, li ha fatti andare in tilt, e i prezzi dei prodotti alimentari reali sono stati costretti a seguirli. Tra l'altro, la dimensione del mercato dei titoli finanziari legati al cibo è enormemente più grande di quella del mercato reale. Altra cosa importante, i titoli che rappresentano acquisti, come i future, si stracciano prima della consegna, e questo è un ulteriore problema, che evidenzia il disinteresse verso i prodotti alimentari in sé. I movimenti nel mercato maggiore influenzano quelli nel mercato più piccolo. E cosi, è la finanza che decide il prezzo del pane, o di qualunque alimento, ormai». L impatto dei derivati sull economia mondiale è enorme. La loro diffusione si è avuta attraverso i grandi soggetti della finanza internazionale, i quali, per mezzo dei derivati, hanno scaricato le conseguenze della grave crisi globale in atto sui settori produttivi dell economia reale e sugli enti pubblici. Un derivato ha come oggetto una previsione, o meglio una scommessa, su indici di prezzo di determinate attività finanziarie e dall andamento di tali indici esso trae il proprio valore. Questa forma di speculazione vede un aggravamento nello swap, quando cioè si basa su contratti stipulati non direttamente tra un venditore e un compratore, ma attraverso la mediazione finanziaria. A differenza dei futures e delle opzioni, gli swap non sono standardizzati, si può decidere di volta in volta il taglio e la durata. Gli swap Page 2/5

3 non sono trattati all interno di una Borsa, ma nel cosiddetto Over the counter, cioè in un sistema di compravendita di titoli meno trasparente e meno vincolato, quindi meno controllabile. Questa breve analisi del panorama della speculazione finanziaria sul cibo ha portato un gruppo di giornalisti e di economisti a ideare la campagna Sulla fame non si specula, per chiedere di porre delle regole a un mercato finanziario che sta mettendo avanti il profitto al diritto universale al cibo. La giornalista Emanuela Citterio, ideatrice della campagna, racconta alcuni aspetti di questo percorso. Emanuela, come funziona il blog sullafamenonsispecula.org? Tramite il blog si può aderire alla campagna e mandare anche un proprio messaggio. Abbiamo raccolto più di 5000 adesioni alla campagna, sia da parte di cittadini che da parte di gruppi e associazioni. È fondamentale tenersi informati su questo tema ed è possibile chiedere anche al proprio Comune di non investire in derivati sui beni alimentari. Ci sono poi altre campagne in Europa con le quali ci siamo collegati e con le quali portiamo avanti un impegno a livello europeo, che ha già prodotto un risultato per noi significativo: il Parlamento europeo ha infatti approvato una direttiva che dovrebbe mettere delle regole alla speculazione finanziaria sul cibo, direttiva che dovrà essere applicata nei prossimi mesi dai singoli Paesi. Il nostro blog è tenuto da giornalisti ed economisti, e chi ha conoscenze può anche proporsi come autore del blog o inviare segnalazioni e messaggi. Come è nata questa campagna? La campagna è nata nel 2011 da una mia idea, all epoca lavoravo per Vita, insieme al collega Giorgio Bernardelli. In quel periodo mi occupavo di Africa e lui di speculazione finanziaria e nel nostro lavoro ci eravamo accorti di questo fenomeno. Nel 2008 e nel 2010 si sono verificati dei picchi di beni alimentari che secondo gli economisti non potevano essere giustificati soltanto dal movimento di domanda e offerta, ma doveva esserci sotto una speculazione finanziaria legata alle commodities dei beni alimentari di base per i Paesi più poveri. La speculazione finanziaria con i futures che ha avuto un picco nel 2008 e nel Da 2007 al 2008 prezzi dei cereali raddoppiati, portando alla luce aumenti non giustificati dalla sola carenza dei beni alimentari. Dal 2005 la parola d ordine era investire nelle commodities, nei derivati, in uno scambio virtuale di contratti indirizzato sul cibo. Consapevoli di questa situazione abbiamo creato campagna per dire che la speculazione finanziaria deve avere dei limiti. Non è una demonizzazione dei mercati finanziari, ma un voler richiedere delle regole. Abbiamo nel team un economista che ci segue e che ci dice che, chi investe nei futures e nei derivati non ha interessi nei prodotti alimentari, ma vuole solo speculare. Come gruppo di giornalisti all interno del team abbiamo approfittato delle elezioni amministrative a Milano nel 2011 per chiedere ai candidati sindaco l impegno a non investire nei derivati e nei futures sui prodotti alimentari. Vorremmo che da Milano, in vista anche dell Expo 2015, partisse un segnale forte per fermare una situazione finanziaria senza regole che ha conseguenze devastanti sull economia reale dei Paesi più poveri. Quale è stato il contributo degli enti locali nella fase iniziale della campagna e come è riuscita ad assumere dimensioni nazionali? Il primo passaggio è stato l appello ai candidati sindaco di Milano e Pisapia è stato il primo a rispondere. Una volta diventato sindaco Pisapia ha dato patrocinio ufficiale alla campagna e un piccolo finanziamento iniziale con il quale abbiamo realizzato il kit informativo scaricabile dal sito. Poi è arrivata l adesione Page 3/5

4 dalla Regione Lombardia, attraverso il consigliere Carlo Borghetti, che ha portato in consiglio regionale la nostra campagna. Entrambi gli enti che ospiteranno l Expo 2015, quindi, hanno aderito alla campagna, e ci auguriamo che questo tema venga preso a cuore durante i lavori della manifestazione. La campagna è stata poi abbracciata da associazioni del non profit in tutta Italia, di diversa provenienza e orientamento. Una di questa è il portale Unimondo.org, che ha chiesto il patrocinio della Provincia di Trento, in cui ha sede l associazione, ma ci sono anche altri enti locali che si sono dimostrati sensibili a questo tema. Che rilevanza ha questa campagna in vista dell Expo 2015? Ci auguriamo che in vista dell Expo 2015 si parli più dei contenuti che non delle problematiche legate alla sua realizzazione. Crediamo che l abbinamento tra cibo e finanza sia particolarmente forte in questo momento a Milano, una città che potrebbe diventare leader di questa campagna. Non condanniamo la finanza ma sosteniamo che il diritto al cibo venga prima del profitto. L adesione del Comune e della Regione ci fa ben sperare che questo tema potrà essere affrontato durante i lavori dell Expo Quale è l attuale situazione della speculazione sul cibo in Italia e nel mondo? Sul nostro Paese è difficile dare dei dati, perché la Borsa di riferimento dei cereali è quella di Chicago. La Borsa di Milano ha strumenti finanziari con cui si possono fare scambi di derivati, per questo abbiamo preso Milano come riferimento. Come dato macroscopico basta considerare che le operazioni sui futures sono aumentati da 1 milione di operazioni nel 2002 a 9 milioni nel Un altro dato che fa impressione è che l economia virtuale, ovvero lo scambio di derivati, è 12,5 volte maggiore del Pil del mondo. Si tratta di una bolla della finanza speculativa enorme che può avere effetti devastanti sull economia reale del mondo. Quali sono i rischi maggiori per l Italia e per l intero pianeta? Secondo un calcolo fatto dalla Banca Mondiale, 44 milioni di persone sono finite in povertà come conseguenza dell aumento dei costi dei beni alimentari. Quando prezzo del pane diventa proibitivo per le famiglie, specie dove sono beni primari, le famiglie danno priorità a sfamare i figli prima di tutto, mettendo in secondo piano l istruzione, la sicurezza ecc. Questo ricade nel circolo vizioso della povertà. L aumento dei beni alimentari ha un fortissimo impatto nei Paesi che sono dipendenti dalle importazioni del cibo. Nel nostro Paese non c è un impatto così rilevante, perche non sono così tante le persone che hanno difficoltà a comprare il pane. Dove il reddito è veramente minimo, invece, questo comporta un impatto maggiore. Cosa possono e devono fare le istituzioni? Ci auguriamo che il nostro Governo decida di applicare la direttiva dell Ue cercando di non annacquarla. I singoli Paesi, infatti, possono mettere limiti di posizione agli investitori, in modo da tutelare il settore alimentare. Già molti parlamentari sono stati sensibilizzati su questo tema. Per quanto riguarda gli enti locali, come ha fatto inizialmente il Comune di Milano, possono aderire all appello della campagna e mandare messaggio sul fatto che sostengono il diritto al cibo contro una speculazione finanziaria senza regole. Quali regole dovrebbero essere adottate per garantire cibo a tutti? Page 4/5

5 Powered by TCPDF (www.tcpdf.org) Occorre non lasciare che la finanza vada avanti senza alcun tipo di regola. Abbiamo visto gli effetti delle bolle finanziarie sull economia reale. La finanza non viaggia sopra nostre teste e il cibo e il diritto della persona devono essere messi avanti a qualsiasi forma di profitto. Cosa possono fare i cittadini per sostenere la campagna? I cittadini possono aderire, ma soprattutto informarsi, perché non è elementare avere accesso a questi temi. Abbiamo messo online un kit per rendere accessibili le informazioni in modo corretto. Informarsi è sicuramente il primo passo per diventare consapevoli. Informandosi si possono conoscere le varie campagne che sostengono queste tematiche, ma anche capire che il primo passo può consistere semplicemente nell evitare lo spreco di cibo, un azione quotidiana che possiamo fare tutti. Page 5/5

Pane e Derivati: di cosa si nutrono le banche e che cosa le intossica. Il caso MPS LeggiOggi.it

Pane e Derivati: di cosa si nutrono le banche e che cosa le intossica. Il caso MPS LeggiOggi.it Pane e Derivati: di cosa si nutrono le banche e che cosa le intossica. Il caso MPS LeggiOggi.it Analisi sui contratti di finanza derivata e sulla crisi finanziaria di MPS In questi giorni non si parla

Dettagli

Speculazioni sul cibo e volatilità dei prezzi delle commodity agricole. Le richieste della società civile 1

Speculazioni sul cibo e volatilità dei prezzi delle commodity agricole. Le richieste della società civile 1 Speculazioni sul cibo e volatilità dei prezzi delle commodity agricole. Le richieste della società civile 1 1.Introduzione La liberalizzazione dei mercati avvenuta negli ultimi 15 anni si è basata sostanzialmente

Dettagli

Economia, ricchezza e povertà: alcuni processi globali in atto. Lorenzo Giovanni Bellù Economista, FAO UN - Roma 6 Novembre 2010

Economia, ricchezza e povertà: alcuni processi globali in atto. Lorenzo Giovanni Bellù Economista, FAO UN - Roma 6 Novembre 2010 Economia, ricchezza e povertà: alcuni processi globali in atto. Lorenzo Giovanni Bellù Economista, FAO UN - Roma 6 Novembre 2010 Alcune domande Quanti siamo? Quanti poveri ci sono? Tra questi ultimi, quanti

Dettagli

Crac delle borse: "Qua viene giù tutto!". Antonio Maria Rinaldi sulla crisi cinese

Crac delle borse: Qua viene giù tutto!. Antonio Maria Rinaldi sulla crisi cinese Crac delle borse: "Qua viene giù tutto!". Antonio Maria Rinaldi sulla crisi cinese Crac delle borse: Qua viene giù tutto!. Antonio Maria Rinaldi sulla crisi cinese Fonte e Link: byoblu Pubblicato il 24

Dettagli

La volatilità come causa di instabilità

La volatilità come causa di instabilità sicurezza internazionale La volatilità come causa di instabilità LUISA FRANCHINA ALESSANDRO PASTORE L ESIGENZA DI UNA FOOD INTELLIGENCE PER LA DIFESA E LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE. MA NON SOLO. LA

Dettagli

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ Secondo le Nazioni Unite, circa 25 mila persone muoiono di fame tutti i giorni, soprattutto bambini e anziani. Per ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ, è prioritario affrontare la questione della terra, del

Dettagli

Campagna 1 Milione di Pasti le uova di Pasqua diventano solidali. Press Kit 21/03/2013

Campagna 1 Milione di Pasti le uova di Pasqua diventano solidali. Press Kit 21/03/2013 Campagna 1 Milione di Pasti le uova di Pasqua diventano solidali Press Kit 21/03/2013 COMUNICATO STAMPA 328.200 pasti distribuiti nelle nostre scuole durante il 2012 e 100.000 solo in Italia negli ultimi

Dettagli

Incontro pubblico su Spreco alimentare e fame nel mondo Martedì 15 dicembre 2009, Aula magna ITC Molari Santarcangelo di Romagna (RN)

Incontro pubblico su Spreco alimentare e fame nel mondo Martedì 15 dicembre 2009, Aula magna ITC Molari Santarcangelo di Romagna (RN) onlus Rimini Incontro pubblico su Spreco alimentare e fame nel mondo Martedì 15 dicembre 2009, Aula magna ITC Molari Santarcangelo di Romagna (RN) I problemi agricoli e alimentari del Terzo Mondo come

Dettagli

SPRECO ALIMENTARE e CONSERVAZIONE degli ALIMENTI. Buone pratiche per ridurre lo spreco alimentare a casa

SPRECO ALIMENTARE e CONSERVAZIONE degli ALIMENTI. Buone pratiche per ridurre lo spreco alimentare a casa SPRECO ALIMENTARE e CONSERVAZIONE degli ALIMENTI 24 aprile 15 Buone pratiche per ridurre lo spreco alimentare a casa Ci siamo incontrati con Matteo che collabora con LAST MINUTE MARKET. LAST MINUT MARKET

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

Il ruolo delle mense scolastiche per la costruzione di una nuova democrazia del cibo giusto, buono e sostenibile

Il ruolo delle mense scolastiche per la costruzione di una nuova democrazia del cibo giusto, buono e sostenibile Il ruolo delle mense scolastiche per la costruzione di una nuova democrazia del cibo giusto, buono e sostenibile LE CIFRE DELLO SPRECO ALIMENTARE 1/3 della produzione mondiale non raggiunge i nostri stomaci.

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

6-25062 CONCESIO (BS)

6-25062 CONCESIO (BS) PRESENTAZIONE Premessa Concorso nazionale per scuole primarie e secondarie di I e II grado d Italia Seconda edizione A.S. 2014/2015 Insieme per cambiare il mondo La prima edizione del concorso Cibo sano,

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

Insieme per sconfiggere la fame

Insieme per sconfiggere la fame WFP: Combatte la fame nel mondo Insieme per sconfiggere la fame Un miliardo di affamati Circa 1 miliardo di persone al mondo deve lottare per trovare il cibo necessario a condurre una vita sana e produttiva.

Dettagli

FLAI-CGIL 06-10 luglio 2015

FLAI-CGIL 06-10 luglio 2015 FLAI-CGIL 06-10 luglio 2015 INDICE SCENARIO AGROALIMENTARE 10/07/2015 Avvenire - Nazionale Frodi alimentari, il giro di vite Usa spiazza l'europa 08/07/2015 Il Foglio Tutte le contraddizioni del pauperismo

Dettagli

con il patrocinio di CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI TRENTO Servizio Cultura e Turismo

con il patrocinio di CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI TRENTO Servizio Cultura e Turismo da sotto il mango con il patrocinio e il contributo di con il patrocinio di CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI TRENTO Servizio Cultura e Turismo da sotto il mango... mostra video-fotografica

Dettagli

LAST MINUTE MARKET. guida. n 1

LAST MINUTE MARKET. guida. n 1 LAST MINUTE MARKET guida n 1 indice Che cos è Last Minute Market Un modello che funziona Il progetto Last Minute Market Emilia-Romagna Waste Watcher, l osservatorio nazionale contro gli sprechi Ancora

Dettagli

ETICA E SPRECO ALIMENTARE I GRANDI PARADOSSI DEL SISTEMA ALIMENTARE MONDIALE

ETICA E SPRECO ALIMENTARE I GRANDI PARADOSSI DEL SISTEMA ALIMENTARE MONDIALE ETICA E SPRECO ALIMENTARE I GRANDI PARADOSSI DEL SISTEMA ALIMENTARE MONDIALE 2 ETICA E SPRECO ALIMENTARE - indice Etica e sostenibilità 3 grandi paradossi del sistema alimentare mondiale Spreco alimentare,

Dettagli

APERTURA DEI LAVORI DI VALERIO DE MOLLI

APERTURA DEI LAVORI DI VALERIO DE MOLLI APERTURA DEI LAVORI DI VALERIO DE MOLLI Trentottesima edizione del Forum Lo scenario di oggi e di domani per le strategie competitive Villa d Este di Cernobbio 7, 8 e 9 settembre 2012 7 Settembre 2012

Dettagli

SEMPLICE STRATEGIA SULLE OPZIONI BINARIE

SEMPLICE STRATEGIA SULLE OPZIONI BINARIE Titolo SEMPLICE STRATEGIA SULLE OPZIONI BINARIE Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.24option.com/it ATTENZIONE: tutti i diritti sono riservati

Dettagli

Forecasting e analisi del rischio nei mercati delle commodities alimentari Gruppo di ricerca «Filiera carne bovina» Regione Lombardia 06/11/2013

Forecasting e analisi del rischio nei mercati delle commodities alimentari Gruppo di ricerca «Filiera carne bovina» Regione Lombardia 06/11/2013 Forecasting e analisi del rischio nei mercati delle commodities alimentari Gruppo di ricerca «Filiera carne bovina» Regione Lombardia 06/11/2013 V. Dell Orto, C. A. Sgoifo Rossi, R. Compiani, G. Baldi

Dettagli

COMUNE DI BRUSAPORTO. Assessorato all Istruzione Assessorato ai Servizi Sociali SAMARITANO

COMUNE DI BRUSAPORTO. Assessorato all Istruzione Assessorato ai Servizi Sociali SAMARITANO COMUNE DI BRUSAPORTO Assessorato all Istruzione Assessorato ai Servizi Sociali BUON SAMARITANO IL CONTESTO EXPO 2015 Nutrire il Pianeta. Energia per la vita rappresenta l occasione per riflettere e confrontarsi

Dettagli

Report delle attività.

Report delle attività. La Colletta Alimentare in Oratorio. Report delle attività. OraDona Chi recupera più cibo. La Colletta Alimentare in Oratorio è una iniziativa costituita da una serie di attività svolte all interno del

Dettagli

Banco Alimentare Campania ONLUS

Banco Alimentare Campania ONLUS La Rete Banco Alimentare opera da 21 anni sul territorio nazionale e provvede, in particolare, alla raccolta delle eccedenze di produzione agricole, dell industria, specialmente alimentare, della Grande

Dettagli

Diritto al cibo. La fame non è nella natura

Diritto al cibo. La fame non è nella natura Diritto al cibo La fame non è nella natura Risaia di Navdanya,India Navdanya conta circa 30.000 soci impegnati nell affermazione di un agricoltura sostenibile,nella difesa dell identità dei contadini e

Dettagli

SPRECO ALIMENTARE. Link utili - Esempi di campagne e iniziative

SPRECO ALIMENTARE. Link utili - Esempi di campagne e iniziative SPRECO ALIMENTARE Nel mondo si sprecano 1,3 miliardi di tonnellate di cibo all anno, equivalenti a circa un terzo della produzione totale di cibo destinato al consumo umano. Un quantitativo che, se recuperato,

Dettagli

Il futuro del pianeta rinasce dalla terra

Il futuro del pianeta rinasce dalla terra Il futuro del pianeta rinasce dalla terra Piccoli agricoltori, filiera corta, sostenibilità: manifesto per un'agricoltura che coltiva i diritti Food We Want è la campagna internazionale a favore di un'agricoltura

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

Web News 9 - Unione Seminativi

Web News 9 - Unione Seminativi Web News 9 - Unione Seminativi 1. Varie Internazionali 2. Clima/Effetto serra: i contadini americani ci guadagnerebbero al gioco del "chi inquina paga". (USDA) 3. Il governo argentino tenta di smorzare

Dettagli

Forum parallelo al Vertice mondiale sulla Sicurezza Alimentare Chiediamo: Sovranità alimentare subito! Roma 13-17 novembre 2009

Forum parallelo al Vertice mondiale sulla Sicurezza Alimentare Chiediamo: Sovranità alimentare subito! Roma 13-17 novembre 2009 Appello ad unirsi ai Movimenti sociali, alle Organizzazioni non governative (ONG) e alle Organizzazioni della società civile (OSC) Forum parallelo al Vertice mondiale sulla Sicurezza Alimentare Chiediamo:

Dettagli

UNISG Università degli Studi di Scienze Gastronomiche

UNISG Università degli Studi di Scienze Gastronomiche UNISG Università degli Studi di Scienze Gastronomiche Lectio Magistralis del Direttore Generale FAO, José Graziano da Silva 25 Marzo 2013 Rettore, Petrini, prof e studenti è un piacere trovarmi fra voi.

Dettagli

PIU AGRICOLTURA PER NUTRIRE IL MONDO. Fame, povertà e land grabbing

PIU AGRICOLTURA PER NUTRIRE IL MONDO. Fame, povertà e land grabbing PIU AGRICOLTURA PER NUTRIRE IL MONDO Fame, povertà e land grabbing Una crisi alimentare permanente e un instabilità globale: sono questi i rischi cui è esposto il mondo se non si interverrà quanto prima

Dettagli

Indice. Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia. Premessa 14/10/2010

Indice. Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia. Premessa 14/10/2010 Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia Grano Italia, Bologna 30 settembre - 1 ottobre 2010 Aula Magna della Facoltà di Agraria Prof. Gabriele Canali SMEA, Alta Scuola

Dettagli

Sfamare il pianeta in un era di cambiamenti climatici

Sfamare il pianeta in un era di cambiamenti climatici Sfamare il pianeta in un era di cambiamenti climatici * La fame in un mondo ricco di cibo *Per Pinstrup Andersen è Professore presso la Cornell University, Ithaca, New York. Già Direttore dell International

Dettagli

ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale!

ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale! ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale! Indice dei contenuti ActionAid Italia Giornata Mondiale per la Giustizia Sociale ActionAid e la Giustizia Sociale Progetto Etiopia Aziende in azione per

Dettagli

Simposio Internazionale Economia Solidale e Sviluppo Sostenibile per l Africa

Simposio Internazionale Economia Solidale e Sviluppo Sostenibile per l Africa Simposio Internazionale Economia Solidale e Sviluppo Sostenibile per l Africa Pontificia Accademia delle Scienze Città del Vaticano 29 Novembre 2013 Simposio Internazionale ECONOMIA SOLIDALE E SVILUPPO

Dettagli

Gruppo: Martina, Gaia, Andreea, Andrea, Antonio. PROGETTO GEOGRAFIA SLOW FOOD

Gruppo: Martina, Gaia, Andreea, Andrea, Antonio. PROGETTO GEOGRAFIA SLOW FOOD Gruppo: Martina, Gaia, Andreea, Andrea, Antonio. PROGETTO GEOGRAFIA SLOW FOOD PERDITA VARIETÀ COLTURE AGRARIE La FAO stima che a oggi il 75% delle varietà per colture agrarie siano andate perdute e che

Dettagli

José Graziano da Silva. della

José Graziano da Silva. della 1 9 4 5 Se tutti facciamo la nostra parte, insieme possiamo realizzare l obiettivo fame zero nell arco della nostra vita José Graziano da Silva Direttore Generale della FAO A N N I della 2 0 1 5 i Nostri

Dettagli

Progetto DAL PIATTO ALLA CIOTOLA, QUI NON SI BUTTA NULLA

Progetto DAL PIATTO ALLA CIOTOLA, QUI NON SI BUTTA NULLA Educazione alla Sostenibilità a Tavola nella Scuola Progetto DAL PIATTO ALLA CIOTOLA, QUI NON SI BUTTA NULLA PREMESSA Le società moderne vivono in una situazione di sazietà e i dati relativi allo spreco

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

L'acqua: un grave problema da risolvere

L'acqua: un grave problema da risolvere L'acqua: un grave problema da risolvere Questa volta Impresa Oggi mi ha chiesto di parlare di acqua. Inizialmente l'argomento non é sembrato risvegliare in me un grande interesse. E questo per quale motivo?

Dettagli

CON-DIVIDERE PER MOLTIPLICARE FAMIGLIE E STILI DI VITA. Forum Regionale delle Associazioni Familiari della Lombardia

CON-DIVIDERE PER MOLTIPLICARE FAMIGLIE E STILI DI VITA. Forum Regionale delle Associazioni Familiari della Lombardia CON-DIVIDERE PER MOLTIPLICARE FAMIGLIE E STILI DI VITA Forum Regionale delle Associazioni Familiari della Lombardia Obiettivi della serata Presentazione del contesto in cui si inserisce il percorso «Famiglie

Dettagli

LA TRUFFA FINANZIARIA DEI FONDI PENSIONE COMPLEMENTARI

LA TRUFFA FINANZIARIA DEI FONDI PENSIONE COMPLEMENTARI LA TRUFFA FINANZIARIA DEI FONDI PENSIONE COMPLEMENTARI La nazionalizzazione dei fondi pensione complementari sarebbe una proposta rivoluzionaria che, in Italia, troverebbe il favore di 5,5 milioni di iscritti.

Dettagli

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (Testo Unico della Finanza) Il valore dello strumento deriva (dipende)

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

Risorse per pochi e briciole per troppi Obiettivo Fame Zero

Risorse per pochi e briciole per troppi Obiettivo Fame Zero Risorse per pochi e briciole per troppi Obiettivo Fame Zero di Maris Davis 2 Indice La Giornata Mondiale dell'alimentazione 5 Risorse per pochi, briciole per troppi 5 Il mercato mondiale del cibo nelle

Dettagli

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!!

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! A comprare il nostro Paese sono pronte le maggiori istituzioni finanziarie internazionali che,

Dettagli

Fonti: stampa nazionale PROGETTI DELL' ASSOCIAZIONE E VIAGGI PROGETTI IN CORSO

Fonti: stampa nazionale PROGETTI DELL' ASSOCIAZIONE E VIAGGI PROGETTI IN CORSO Cari lettori, questo mese dedichiamo la newsletter al tema della speculazione finanziaria sui beni alimentari di prima necessità, un argomento che sta coinvolgendo l opinione pubblica negli ultimi tempi

Dettagli

Il ruolo della Sicurezza negli scenari a rischio

Il ruolo della Sicurezza negli scenari a rischio Dipartimento di Economia, Management e Metodi Quantitativi Giovanni Ferrazzi Il ruolo della Sicurezza negli scenari a rischio Monza, 11 maggio 2014 Il problema della sicurezza alimentare La crisi mondiale

Dettagli

Protezione sociale e agricoltura

Protezione sociale e agricoltura 16 ottobre 2015 Giornata mondiale dell alimentazione Protezione sociale e agricoltura Sasint/Dollar Photo Club Sasint/Dollar Photo Club per spezzare il ciclo della povertà rurale 16 ottobre 2015 Giornata

Dettagli

d iniziativa dei senatori AMATI, CONTINI, RAMPONI, DI GIOVAN PAOLO, DEL VECCHIO, CARLONI, FERRANTE, DONAGGIO, BASSOLI, DELLA SETA, BAIO e SCANU

d iniziativa dei senatori AMATI, CONTINI, RAMPONI, DI GIOVAN PAOLO, DEL VECCHIO, CARLONI, FERRANTE, DONAGGIO, BASSOLI, DELLA SETA, BAIO e SCANU Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2189 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori AMATI, CONTINI, RAMPONI, DI GIOVAN PAOLO, DEL VECCHIO, CARLONI, FERRANTE, DONAGGIO, BASSOLI, DELLA SETA, BAIO

Dettagli

Situazione e prospettive per il mercato avicolo 1

Situazione e prospettive per il mercato avicolo 1 Situazione e prospettive per il mercato avicolo 1 Gian Luca Bagnara consulente Mercato Avicolo di Forlì Gli ultimi anni sono stati segnati da frequenti problemi nella produzione zootecnica europea, i quali

Dettagli

Desenzano del Garda, 17 dicembre 2012. Introduzione del redattore

Desenzano del Garda, 17 dicembre 2012. Introduzione del redattore 1 Desenzano del Garda, 17 dicembre 2012 Introduzione del redattore Borsaritrade non vuole proporsi come un servizio di analisi finanziaria e di segnali operativi (chi cerca questo dovrebbe rivolgersi alle

Dettagli

Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea

Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE DELLA RICERCA Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea Quesiti più frequenti Cos è il programma quadro (PQ) di ricerca dell Unione europea? Il PQ

Dettagli

HIV-AIDS, NUOVO RAPPORTO OMS- UNICEF-UNAIDS

HIV-AIDS, NUOVO RAPPORTO OMS- UNICEF-UNAIDS HIV-AIDS, NUOVO RAPPORTO OMS- UNICEF-UNAIDS I progressi globali ottenuti sia sul fronte della prevenzione che della cura dell HIV evidenziano come gli investimenti per l HIV/AIDS facciano la differenza

Dettagli

Società agraria di Lombardia. Contributo al tema dell Expo. Contributo n 116

Società agraria di Lombardia. Contributo al tema dell Expo. Contributo n 116 Società agraria di Lombardia Contributo al tema dell Expo Contributo n 116 COMUNICATO Contributo al tema dell EXPO Il Consiglio Direttivo della Società Agraria di Lombardia, congiuntamente ad un gruppo

Dettagli

Discorso del Direttore-Generale. in occasione della cerimonia per la Giornata mondiale dell'alimentazione. Roma, 16 ottobre 2009

Discorso del Direttore-Generale. in occasione della cerimonia per la Giornata mondiale dell'alimentazione. Roma, 16 ottobre 2009 Discorso del Direttore-Generale in occasione della cerimonia per la Giornata mondiale dell'alimentazione Roma, 16 ottobre 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi Sala Plenaria, Sede della

Dettagli

I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra

I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra Progetto rivolto alle classi della scuola primaria dell Emilia Romagna per l anno scolastico 2010-2011 COLDIRETTI Coldiretti, con un milione

Dettagli

Prospettive in breve

Prospettive in breve OECD-FAO Agricultural Outlook 2009 Summary in Italian Prospettive OCSE-FAO sull agricoltura 2009 Sintesi in italiano Prospettive in breve Il contesto macroeconomico che fa da sfondo alle presenti prospettive

Dettagli

Il riscaldamento del pianeta influirà sull economia globale Giovanna Dall Ongaro

Il riscaldamento del pianeta influirà sull economia globale Giovanna Dall Ongaro Il riscaldamento del pianeta influirà sull economia globale Giovanna Dall Ongaro L aumento della temperatura metterà in crisi l economia globale, non solo quella dei Paesi poveri. Per la prima volta, un

Dettagli

Simulazione contratto future

Simulazione contratto future CORSO DI FORMAZIONE Simulazione contratto future Treviso, 5 dicembre 2007 A cura di Dr. Riccardo Cuomo - Vice Direttore BMTI S.c.p.a. CASO PRODUTTORE: POSIZIONE LUNGA POSIZIONE LUNGA Si definisce una posizione

Dettagli

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere.

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. 30 Novembre 2015 Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. Tutto è iniziato lo scorso novembre con la riunione dell OPEC (Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio), durante la quale è

Dettagli

L Associazione Scuola per Scuola uguale Solidarietà indice la 8^ edizione mostra - concorso 2015. Colora il Pianeta. Cibo e acqua per tutti

L Associazione Scuola per Scuola uguale Solidarietà indice la 8^ edizione mostra - concorso 2015. Colora il Pianeta. Cibo e acqua per tutti SCUOLA PER SCUOLA UGUALE SOLIDARIETÀ Associazione di promozione sociale sulla pace, solidarietà e diritti umani Sede sociale c/o Casa delle Associazioni, Via Canova, 45 20024 Garbagnate Milanese Codice

Dettagli

Contributo per la Carta di Milano

Contributo per la Carta di Milano Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Direzione Generale della Cooperazione allo Sviluppo (MAECI-DGCS) Contributo per la Carta di Milano Contributo n 72 Sezione tematica di

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 1 Il quarto Quadro strategico del Fondo regioni, di insicurezza alimentare

Dettagli

I PROGETTI ADOTTATI DA 4CITIES4DEV cibo buono, pulito e giusto: l esperienza delle comunità del cibo

I PROGETTI ADOTTATI DA 4CITIES4DEV cibo buono, pulito e giusto: l esperienza delle comunità del cibo I PROGETTI ADOTTATI DA 4CITIES4DEV cibo buono, pulito e giusto: l esperienza delle comunità del cibo Orti comunitari di N Ganon e Nangounkaha, Costa d Avorio Foto Archivio Slow Food Progetto Slow Food

Dettagli

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità.

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità. Anzitutto volevo ringraziare per l opportunità che mi è stata data di presentare qui oggi la mia azienda. Noi imprenditori di solito siamo orgogliosi delle nostre creature, e quindi siamo contenti quando

Dettagli

rassegna stampa quotidiani

rassegna stampa quotidiani 20 febbraio 2015 rassegna stampa quotidiani coldiretti news coldiretti piemonte Crisi: Coldiretti, 4,1 mln di affamati punta iceberg povertà in Italia provincia e regione rassegna stampa coldiretti nazionale

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

PRESENTACION CONFERENCIA DEL CONSORZIO COOU

PRESENTACION CONFERENCIA DEL CONSORZIO COOU 1 PRESENTACION CONFERENCIA DEL CONSORZIO COOU Buongiorno, oggi siamo qui riuniti in questo Centro Congressi appartenente al Vaticano per discutere la tutela dell'ambiente, in uno dei suoi molti rami, l

Dettagli

Analisi fondamentale dei mercati. Lezione 1

Analisi fondamentale dei mercati. Lezione 1 Analisi fondamentale dei mercati Lezione 1 Definizione di commodity Il termine commodity indica ogni materiale di base (prodotti agricoli, minerari, energetici, ecc.) con caratteristiche di elevata standardizzazione

Dettagli

PER SOSTENERE IL FUTURO, COME RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI

PER SOSTENERE IL FUTURO, COME RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI OTALL Il salone della Ricerca, Innovazione e Sicurezza alimentare Cosa abbiamo nel piatto: Tecnologie, Ambiente, Educazione, Sicurezza PER SOSTENERE IL FUTURO, COME RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI Claudia

Dettagli

Regolamento COOPERAZIONE E SVILUPPO: LA COOPERAZIONE INTERNAZIO- NALE PER RIDURRE LA FAME NEL MONDO, LA MALNUTRIZIONE E GLI SQUILIBRI SOCIALI.

Regolamento COOPERAZIONE E SVILUPPO: LA COOPERAZIONE INTERNAZIO- NALE PER RIDURRE LA FAME NEL MONDO, LA MALNUTRIZIONE E GLI SQUILIBRI SOCIALI. Regolamento COOPERAZIONE E SVILUPPO: LA COOPERAZIONE INTERNAZIO- NALE PER RIDURRE LA FAME NEL MONDO, LA MALNUTRIZIONE E GLI SQUILIBRI SOCIALI. COOPERAZIONE COME PUNTO DI ARRIVO: DALLA RESPONSABILITÀ PERSONALE

Dettagli

STRATEGIA DI COMUNICAZIONE DELLA DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO

STRATEGIA DI COMUNICAZIONE DELLA DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE DELLA DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Premesse La Cooperazione allo Sviluppo è parte integrante della politica estera italiana e strumento che può influire

Dettagli

CREPAPANZA ERA. 1.buono e generoso 2.avido ed ingordo 3.cattivo e pericoloso CREPAPANZA ERA. 1.buono e generoso 2.avido ed ingordo 3.cattivo e pericoloso IL NUTRIMENTO E UNA NECESSITA VITALE PER L UOMO,

Dettagli

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 GLI STRUMENTI DERIVATI Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Gli strumenti derivati Sono strumenti finanziari la cui esistenza e valutazione dipendono dal valore di un'altra attività chiamata sottostante che può

Dettagli

Economia dei mercati mobiliari

Economia dei mercati mobiliari pag. 1 1 Cos'è un currency future? A) È un contratto che rappresenta l'impegno alla cessione o all'acquisto a termine di una quantità di valuta B) È un contratto in cui una parte acquisisce la facoltà

Dettagli

Contratti per differenza (CFD)

Contratti per differenza (CFD) Avvertenza per gli investitori 28/02/2013 Contratti per differenza (CFD) Messaggi chiave I CFD ( contracts for difference ) sono prodotti complessi e non sono adatti a tutti gli investitori. Non investite

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Alcuni strumenti finanziari particolari Alcuni strumenti proposti nel panorama internazionale Gli strumenti ai quali faremo riferimento sono: i financial

Dettagli

SICUREZZA ALIMENTARE MONDIALE

SICUREZZA ALIMENTARE MONDIALE Verso la costruzione della SICUREZZA ALIMENTARE MONDIALE Insieme possiamo porre fine alla fame e alla malnutrizione José Graziano da Silva, Direttore Generale della FAO UNA VISIONE COMUNE L Organizzazione

Dettagli

Chi sono Cosa faccio

Chi sono Cosa faccio Chi sono Cosa faccio Dr. Mario Boggini Consorzio Agrario di Milano 1 Cereali, ma non solo Un improvviso ritorno di interesse verso i prodotti agricoli in questi mesi sembra riportare l agricoltura al centro

Dettagli

Internet può aprire nuove strade di

Internet può aprire nuove strade di LA PARTECIPAZIONE VA ON LINE Internet può moltiplicare le possibilità di coinvolgersi nelle cause e di prendere iniziative, ma va usato con intelligenza di Paola Springhetti Internet può aprire nuove strade

Dettagli

10 DOMANDE per iniziare a fare trading con gli Spread sulle Commodities

10 DOMANDE per iniziare a fare trading con gli Spread sulle Commodities 10 DOMANDE per iniziare a fare trading con gli Spread sulle Commodities 1. E difficile per un principiante fare trading con gli spread? A differenza di quanto potrebbe pensare un neofita, fare trading

Dettagli

Ripensare la sicurezza alimentare

Ripensare la sicurezza alimentare Romano Prodi Ripensare la sicurezza alimentare 28 Aspenia 69 2015 Il tema del cibo è il problema di maggiore rilevanza per il mondo. Il quesito di fondo è: Vi è cibo per tutti?. La risposta è: No. Su oltre

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

News > Italia > Economia - Venerdì 24 Gennaio 2014, 16:30

News > Italia > Economia - Venerdì 24 Gennaio 2014, 16:30 Non investire fa male alla salute Erika Becchi Il settore sanitario italiano si avvia verso il pareggio di bilancio, ma con un prezzo molto caro per la comunità, che può contare sempre meno su servizi

Dettagli

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Gli strumenti derivati Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 I FRA (Forward Rate Agreement) Sono contratti con i quali due parti si mettono d accordo sul tasso di interesse da applicare ad un certo

Dettagli

DOCUMENTO DI POSIZIONE

DOCUMENTO DI POSIZIONE Campagna internazionale sugli obiettivi di sviluppo del millennio I POVERI NON POSSONO ASPETTARE DOCUMENTO DI POSIZIONE Se lo Tsunami del 26 dicembre 2004 si fosse abbattuto sulle coste di un paese ricco,

Dettagli

UniCredit Green. La giusta composizione di elementi chiave.

UniCredit Green. La giusta composizione di elementi chiave. UniCredit Green. La giusta composizione di elementi chiave. UniCredit Green è la nuova gestione di portafogli dedicata ai Clienti del Private Banking di UniCredit. Noi crediamo che Green sia una gestione

Dettagli

1. LA COOPERAZIONE ITALIANA ALLO SVILUPPO

1. LA COOPERAZIONE ITALIANA ALLO SVILUPPO 1. LA COOPERAZIONE ITALIANA ALLO SVILUPPO La Cooperazione allo sviluppo nasce dall'esigenza di garantire il rispetto della dignità umana e assicurare la crescita economica di tutti i popoli. Componente

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BRAMBILLA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BRAMBILLA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 324 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato BRAMBILLA Norme per garantire l opzione per la dieta vegetariana e la dieta vegana nelle mense

Dettagli

A CHI SI RIVOLGE Agli studenti delle classi III-IV-V delle Scuole Primarie.

A CHI SI RIVOLGE Agli studenti delle classi III-IV-V delle Scuole Primarie. Kids è il programma didattico dedicato alla scuola primaria con l obiettivo di stimolare nei bambini una prima riflessione sul valore del denaro e sulla necessità di gestirlo responsabilmente, per se stessi

Dettagli

Mais (fonte WASDE) Soia (fonte WASDE)

Mais (fonte WASDE) Soia (fonte WASDE) Mais & Soia Mais (fonte WASDE) Dati previsionali per 2015-16 Panorama mondiale e USA Produzioni, consumi e stock Soia (fonte WASDE) Dati previsionali per 2015-16 Panorama mondiale e USA Produzioni, consumi

Dettagli

LA LIBERTÀ DAL GIOGO DELLA FAME PRIMA E CONCRETA MANIFESTAZIONE DEL DIRITTO ALLA VITA

LA LIBERTÀ DAL GIOGO DELLA FAME PRIMA E CONCRETA MANIFESTAZIONE DEL DIRITTO ALLA VITA SPECIALE SULLA FAME NON SI SPECULA LA LIBERTÀ DAL GIOGO DELLA FAME PRIMA E CONCRETA MANIFESTAZIONE DEL DIRITTO ALLA VITA Dal Messaggio del Papa per la Giornata Mondiale dell Alimentazione In occasione

Dettagli

Capitolo 26. Gestione dei rischi. Principi di finanza aziendale. Richard A. Brealey Stewart C. Myers Sandro Sandri. IV Edizione

Capitolo 26. Gestione dei rischi. Principi di finanza aziendale. Richard A. Brealey Stewart C. Myers Sandro Sandri. IV Edizione Principi di finanza aziendale Capitolo 26 IV Edizione Richard A. Brealey Stewart C. Myers Sandro Sandri Gestione dei rischi Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 26-2 Argomenti trattati Assicurazione

Dettagli

Ridurre, recuperare, ridistribuire. Linee per un percorso educativo

Ridurre, recuperare, ridistribuire. Linee per un percorso educativo Verso Expo 2015 Ridurre, recuperare, ridistribuire. Linee per un percorso educativo Dott. Giorgio Donegani Direttore Scientifico Food Education Italy - www.foodedu.it Comitato Tecnico Scientifico «Cibo

Dettagli

SCHEDA SINTETICA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA SINTETICA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA SINTETICA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO BANCO ALIMENTARE DELLA CALABRIA ONLUS L Associazione

Dettagli