Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani"

Transcript

1 Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani 1

2 Sommario Premessa... 3 Beneficiari: i giovani NEET... 4 Dall adesione alla fine del percorso... 6 Regole di gestione della tracciatura delle politiche attive nella sezione 6 della SAP, ai fini della trasmissione al Ministero da parte della Regione Il Diagramma degli stati dell adesione del giovane a Garanzia Giovani Adesione e Multiadesione Presa in carico e annullamento delle altre adesioni Mancata presentazione ai servizi competenti Mancanza di requisiti Mancata sottoscrizione del patto di servizio Rifiuto di un offerta Interruzione di una politica Fine del percorso Re - adesione dopo la fuoriuscita dal Programma Gestione del bonus occupazionale Definizioni Riferimenti bibliografici

3 Premessa Il presente vademecum è stato redatto allo scopo di fornire supporto all operatore del Servizio Competente, in merito alle nuove funzionalità introdotte nell ambito della Garanzia Giovani. Nello specifico si affronterà il tema: - dei beneficiari del Programma; - della gestione dello status del giovane all interno del percorso definito da Garanzia Giovani; - dei cambiamenti di status dall attivazione alla conclusione del percorso, con particolare riguardo alle conseguenze su Garanzia Giovani in caso di interruzione; - delle attività dell operatore connesse alla gestione del bonus occupazionale. Il vademecum è completato con una serie di definizioni per la condivisione omogenea dei termini su tutto il territorio nazionale. 3

4 Beneficiari: i giovani NEET I beneficiari del Programma Operativo Nazionale Occupazione Giovani (di seguito Garanzia Giovani ) sono i giovani non occupati, al difuori di percorsi di istruzione e formazione, nella fascia di età compresa tra 15 e 29 anni (29 anni e 364 giorni all atto dell adesione) Nell individuare il target, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha specificato quanto segue: Con riferimento al requisito dell Occupazione: sono considerati non occupati i giovani disoccupati o inoccupati, ai sensi del decreto legislativo 21 aprile 2000, n. 181 e successive modifiche e integrazioni. Con riferimento al requisito dell Istruzione e formazione: sono considerati non inseriti in un percorso di istruzione o formazione i giovani non iscritti ad un regolare corso di studi (secondari superiori o universitari) o di formazione, inclusi i tirocini. Ai fini quindi della verifica della condizione di NEET è necessario, per essere ammessi al programma, che al momento della registrazione, al momento della presa in carico (e per tutto il percorso del giovane nel Programma) il giovane dichiari: - di non essere in alcun percorso di istruzione, anche universitaria e formazione, inclusi i tirocini; - di essere privo di occupazione, ai sensi del Decreto Legislativo 181/2000; - di essere immediatamente disponibile al lavoro. I giovani che, pur avendo i requisiti di età, stiano svolgendo percorsi di tirocinio, formazione, siano occupati secondo quanto previsto ai sensi del D.Lgs.181/2000 e s.m.i., devono quindi attendere la conclusione di tali attività per accedere al Programma. Rispetto ai potenziali beneficiari per fasce di età e la necessità di fare la Dichiarazione di Immediata Disponibilità (di seguito DID) presso i servizi competenti, si è quindi definito che: - per i minori in obbligo scolastico (ragazzi che hanno terminato la frequenza dei primi due anni del secondo ciclo di istruzione o che non abbiano compiuto i 17 anni di età) le azioni previste devono tendere esclusivamente al conseguimento di un titolo di studio di scuola secondaria superiore o di una qualifica professionale di durata almeno triennale entro il diciottesimo anno d eta; quindi non deve essere richiesta la DID; - per i minori in obbligo formativo (ragazzi fino a 18 anni che abbiano assolto l obbligo scolastico), trattandosi di soggetti in diritto-dovere all'istruzione e alla formazione sino al conseguimento di una qualifica di durata almeno triennale entro il diciottesimo anno di età, devono essere reinseriti in percorsi di istruzione e formazione o devono rilasciare la DID ai servizi competenti ai fini dell accesso all apprendistato di I livello; 4

5 - per la fascia di età dai 19 ai 29 anni (29 anni e 364 giorni all atto dell adesione), i giovani devono essere trattati dai servizi competenti come soggetti privi di lavoro e immediatamente disponibili al lavoro come previsto dal D.Lgs.181/2000; è necessario il rilascio di una DID prima o contestualmente alla sottoscrizione del patto di servizio. Ai fini del corretto instradamento del giovane verso il percorso idoneo, la verifica di quanto sopra descritto (e di tutti i requisiti previsti) deve essere effettuata dall operatore del Servizio Competente nell ambito della presa in carico, prima della sottoscrizione del patto di servizio. 5

6 Dall adesione alla fine del percorso Il giovane che aderisce a Garanzia Giovani passa attraverso varie fasi che devono essere tracciate, per: - comprendere a che punto si trovi il giovane nell attivazione e coinvolgimento nelle misure previste; - registrare l eventuale non ammissibilità del giovane ai percorsi di garanzia giovani, per mancanza dei requisiti; - registrare le decisioni del giovane in merito a eventuali interruzioni anticipate o rifiuti o mancata presentazione davanti ai servizi competenti; - tracciare le conseguenze che derivano dal rifiuto del giovane rispetto alla Garanzia Giovani; - rilevare la conclusione naturale della partecipazione del giovane a Garanzia Giovani. E possibile quindi tracciare un percorso dall adesione alla fine del coinvolgimento del giovane in Garanzia Giovani, evidenziando tutti i possibili esiti, che scaturiscono da decisioni del giovane o da azioni messe in campo dai Servizi competenti. La partecipazione al percorso di Garanzia Giovane, di norma inizia con l adesione del giovane e termina dopo che il giovane ha partecipato all insieme di politiche attive proposte o ha ricevuto la proposta di lavoro. Tabella A Percorso Lineare Fase del percorso Stato Significato dello Note Stato Il giovane aderisce a Garanzia Giovani A Adesione Attiva Il giovane può scegliere una o più Regioni. Alla conclusione della fase di adesione ad una Regione, lo stato diventa A. L adesione può essere attivata sia sul Portale Nazionale sia sui Portali Regionali: in fase iniziale, se il giovane sceglie più di una Regione, tutte queste adesioni sono nello stato A (attiva). Il giovane viene preso in carico P Presa in carico Il giovane va ai servizi competenti per svolgere l attività patto di attivazione e la presa in carico si concretizza con la firma del patto di servizio e il profiling. Il giovane sottoscrive la DID nei casi in cui sia prevista e se non l abbia ancora fatta. L operatore cambia lo stato in P. Allo stato P, l operatore deve far corrispondere un attività A02 (Scheda 1-B) inserita nella sezione 6 della SAP. 6

7 Fase del percorso Stato Significato dello Note Stato Il giovane inizia le politiche attive T Trattato Il giovane accetta la prima politica successivamente alla presa in carico. All inizio dell erogazione delle politiche, l operatore cambia lo stato in T. All inserimento dello stato T, l operatore deve far corrispondere almeno una politica attiva inserita nella sezione 6 della SAP, a partire dall orientamento specialistico o di II livello (Scheda 1-C). Lo stato T permane immutato in tutto il percorso fino alla fine della partecipazione, ovvero fino al manifestarsi di interruzioni anticipate che dovranno comunque essere tracciate sempre nella sezione 6 della Il giovane finisce positivamente la partecipazione a Garanzia Giovani SAP. F Fine Partecipazione Il giovane, impegnato nel percorso, porta a compimento quanto stabilito con il servizio competente. Questa fase coincide con il termine dell erogazione delle politiche attive previste nel percorso del giovane nell ambito della Garanzia Giovani. L operatore cambia lo stato in F al completamento delle attività previste dall ultima politica attiva erogata. 7

8 L adesione, spontaneamente data dal giovane, può subire alcune variazioni dipendenti da comportamenti del giovane o dalle attività di verifica degli operatori dei servizi competenti. Tabella B Eccezioni prima della presa in carico Evento riscontrabile subito dopo l adesione Il giovane ci ripensa e annulla l adesione Il servizio competente annulla d ufficio l adesione per mancata presentazione all appuntamento per la presa in carico Il servizio competente cancella l adesione per mancanza di requisiti del giovane, riscontrata al momento della presa in carico Il giovane non firma il patto di servizio Stato Significato dello Stato Note D Adesione annullata Il giovane può decidere di cancellare l adesione di una o più Regioni. L annullamento riguarda solo la Regione per la quale il giovane effettua il ripensamento. Quando il giovane completa la procedura di annullamento, lo stato diventa D. U Cancellazione d ufficio dell adesione da parte del Servizio Competente per la presa in carico C Cancellazione per mancanza di requisiti X Cancellazione d ufficio dell adesione per rifiuto presa in carico e mancata firma del patto Il giovane non si presenta ai Servizi Competenti, nonostante la convocazione e gli eventuali ripetuti solleciti. L annullamento di norma avviene trascorsi 30 giorni dalla mancata presentazione, anche a seguito di una seconda mail di sollecito. L adesione annullata riguarda la Regione presso la quale il giovane non si è presentato. L operatore cambia lo stato in U. Il giovane si presenta ma l operatore accerta la mancanza dei requisiti. Questa cancellazione avviene al momento della presa in carico, in seguito all attività di verifica da parte dell operatore dei requisiti per essere ammessi a beneficiare della Garanzia Giovani. La cancellazione riguarda, in questo caso, solo la Regione nella quale si è svolto l incontro di presa in carico e nell ambito del quale è stata riscontrata la mancanza di requisiti. L operatore, verificata tale circostanza, cambia lo stato in C. Il giovane si presenta al Servizio Competente ma non sottoscrive il patto di servizio. In questo modo si registra la conclusione negativa della presa in carico. L annullamento riguarda la Regione nella quale il giovane non firma il patto di servizio. In questo caso, l operatore cambia lo stato in X. 8

9 Evento riscontrabile subito dopo l adesione Il giovane che ha aderito a più Regioni, viene preso in carico in una Regione Stato N Significato dello Stato Chiusura d ufficio dell adesione per avvenuta presa in carico in altra Regione Note Il giovane è stato preso in carico da un altra Regione e ha sottoscritto un patto di servizio in quella Regione. Questa chiusura d ufficio serve ad impedire la sottoscrizione di un altro patto di servizio, una volta che lo stato del giovane, in una Regione, è passato da A a P, chiudendo positivamente la presa in carico. L annullamento riguarda tutte le Regioni, scelte dal giovane, ad esclusione della Regione che l ha preso in carico. Le Regioni scelte ma senza presa in carico provvedono con proprie modalità a cambiare lo stato in N. 9

10 In generale il percorso lineare del giovane dentro Garanzia Giovani può subire alcune variazioni dipendenti da comportamenti del giovane, o da decisioni degli operatori dei servizi competenti, subito dopo la presa in carico. Tabella C Eccezioni dopo la presa in carico Evento riscontrabile dal momento della presa in carico in poi Il servizio competente cancella l adesione per perdita di requisiti del giovane, riscontrata dopo la presa in carico o durante il percorso. Il giovane rifiuta una politica prevista dal Programma Garanzia Giovani o, dopo averla accettata, la interrompe Stato Significato dello Stato Note C R Cancellazione d ufficio per perdita di requisiti Annullamento d ufficio per rifiuto o abbandono di politica attiva Il giovane perde la condizione di Neet e l operatore lo verifica dopo la presa in carico. (Esempio: il giovane ha trovato un lavoro, che vanifica il requisito della non occupazione, nel periodo tra la presa in carico e l inizio della politica attiva). L operatore cambia lo stato in C. Caso 1: Il giovane, dopo aver firmato il patto di servizio, rifiuta una politica proposta. L operatore registra il rifiuto. Questo vale anche nel caso in cui il giovane rifiuti anche una politica attiva successiva alla prima. Caso 2: Il giovane dopo aver iniziato una politica l abbandona. L operatore registra l interruzione anticipata. La data di interruzione della politica deve essere inserita nella sezione 6 della SAP. In entrambi i casi l operatore cambia lo stato in R. 10

11 Regole di gestione della tracciatura delle politiche attive nella sezione 6 della SAP, ai fini della trasmissione al Ministero da parte della Regione L operatore del Servizio Competente, nell inserire e gestire, dal punto di vista informatico, la politica attiva nell ambito di Garanzia Giovani, alimentando la sezione 6 della SAP e nel renderla idonea alla trasmissione da parte della Regione al Ministero, deve fare attenzione ad alcune regole basilari: - la politica non va trasmessa al Ministero se non si conosce (e si inserisce quindi) il soggetto che la eroga; - se si conosce il soggetto che la eroga, può essere trasmessa anche senza sapere la data di inizio effettiva ma indicando la data previsionale (cioè ipotizzata); - nel caso di inserimento di una data previsionale, è sempre possibile allineare successivamente questa data a quella effettiva, intervenendo in aggiornamento alla sezione 6 della SAP, modificando quindi l informazione inserita per quella determinata politica; - vanno tracciate nella sezione 6 della SAP sia il rifiuto sia l abbandono della politica attiva da parte del giovane; - per la politica rifiutata dal giovane, va valorizzata solo la data di proposta della politica stessa; - per la politica abbandonata dal giovane, va valorizzata la data di abbandono. Nel caso in cui questa politica fosse stata trasmessa al Ministero con una data fine prevista, va valorizzato il relativo campo con il giorno di abbandono effettivo di quella politica. Si ribadisce che l attività di trasmissione della sezione 6 della SAP non ha impatto di tipo rendicontativo: le informazioni utili alla verifica della spesa sono desumibili dal sistema informativo Sigma. 11

12 Il Diagramma degli stati dell adesione del giovane a Garanzia Giovani Si evidenziano tutti i possibili stati del Giovane all interno del percorso previsto dalla Garanzia. 12

13 Di seguito vengono descritte in maniera più approfondita le casistiche per le quali si deve registrare il cambio di stato dell adesione del giovane ad ogni fase della Garanzia Giovani. 2.1 Adesione e Multiadesione Il giovane, all atto dell adesione, può scegliere di essere attivato in Garanzia Giovani a una o più Regioni. Per le Regioni scelte, lo stato dell adesione del giovane sarà A. 2.2 Presa in carico e annullamento delle altre adesioni Prima della presa in carico, il giovane avrà lo stato dell adesione A in tutte le Regioni scelte. Nel momento in cui il giovane sottoscrive il patto di servizio in una Regione, questa Regione comunica al Ministero l avvenuto passaggio dello stato dell adesione da A a P: il Ministero automaticamente notifica l avvenuta presa in carico a tutte le altre Regioni con adesioni nello stato A. Queste Regioni faranno transitare l adesione di quel giovane allo stato N, impedendo la possibilità di sottoscrivere un altro patto di servizio. Per la Regione di presa in carico lo stato dell adesione del giovane passerà da A a P; per le altre Regioni passerà da A a N. 2.3 Mancata presentazione ai servizi competenti Il giovane che ha aderito a Garanzia Giovani è convocato dai Servizi Competenti per la presa in carico. Lo stato della sua adesione è quindi A. Non si presenta. Viene sollecitato, di norma, una seconda volta. Non si presenta. Ministero e Regioni hanno stabilito che, trascorsi 30 giorni dalla mancata presentazione del giovane, salvo giustificato motivo o causa di forza maggiore, si procede alla chiusura d ufficio. Tale annullamento vale solo per la Regione presso la quale il giovane non si è presentato. Per la Regione in cui non si presenta il giovane lo stato dell adesione passa da A a U. 2.4 Mancanza di requisiti Verifica dei requisiti Il requisito dell età verrà verificato a livello di funzionalità dal portale Garanzia Giovani. Il requisito della non occupazione e del non inserimento in un percorso di studio o formazione, incluso il tirocinio, dovranno essere dichiarati dal giovane con autodichiarazione resa sensi del DPR 445/2000 al momento della presa in carico. La dichiarazione dovrà attestare che il giovane era in possesso dei requisiti al momento della adesione al Programma. Possesso dei requisiti Il requisito dell età deve essere posseduto al momento dell adesione al Programma tramite iscrizione al portale Garanzia Giovani. La perdita del requisito dell età dopo l adesione al Programma non comporta l esclusione dallo stesso. Il requisito della non occupazione e del non inserimento in un percorso di studio o formazione, incluso il tirocinio, devono essere verificati al momento della presa in carico al Programma e devono essere mantenuti durante tutto il percorso del giovane. La cancellazione per mancanza di requisiti avviene, di norma, alla presa in carico, quando l operatore verifica la non occupazione e la non partecipazione a un percorso di studio o formazione, anche attraverso tirocini. 13

14 Per la Regione presso cui si presenta il giovane, lo stato passa da A a C La cancellazione potrebbe intervenire anche dopo la presa in carico, per avvenuta mancanza di uno dei requisiti. A titolo esemplificativo, il giovane risulta avere un occupazione o partecipa a un corso formativo e il servizio competente lo verifica dopo la presa in carico. Per la Regione presso cui il giovane è stato preso in carico, lo stato passa da P a C Per la Regione presso cui il giovane ha aderito a politica attiva e quindi ha iniziato il trattamento lo stato passa da T a C 2.5 Mancata sottoscrizione del patto di servizio Il giovane che ha aderito alla Garanzia Giovani, si presenta al colloquio presso il servizio competente, per la presa in carico ma decide di non sottoscrivere il patto di servizio. Questo equivale a non chiudere la presa in carico. Per la Regione presso cui il giovane ha partecipato al colloquio, lo stato passa da A a X 2.6 Rifiuto di un offerta Il giovane che ha aderito alla Garanzia, viene preso in carico, firma il patto di servizio ma rifiuta la misura di politica attiva offerta dal servizio competente. Per la Regione presso cui il giovane era stato preso in carico, lo stato passa da P a R 2.7 Interruzione di una politica Il giovane che ha aderito alla Garanzia, viene preso in carico, firma il patto di servizio, inizia il percorso all interno del Programma, ma decide di interrompere la politica, abbandonandone la partecipazione o comunicandolo al servizio competente. Questo caso può accadere sia con l abbandono della prima politica offerta, sia con quelle successive. Per la Regione presso cui il giovane era stato preso in carico ed era iniziato il percorso, lo stato passa da T a R 2.8 Fine del percorso Il giovane completa l ultima misura di politica attiva nel percorso di Garanzia Giovani. L operatore del servizio competente deve tracciare la conclusione. Per la Regione presso cui il giovane ha concluso il percorso, lo stato passa da T a F. 14

15 2.9 Re - adesione dopo la fuoriuscita dal Programma A seguito degli eventi che non fanno concludere positivamente il percorso del giovane nella Garanzia Giovani è possibile che il giovane voglia reiscriversi. Tabella D Conseguenze dell esito di un precedente percorso rispetto alla re-adesione Evento di rottura del percorso in Garanzia Giovani Il giovane, aderisce, ci ripensa e annulla l adesione Il servizio competente annulla d ufficio l adesione per mancata presentazione all appuntamento per la presa in carico Il giovane non firma il patto di servizio Il giovane viene preso in carico ma rifiuta una politica prevista dal Programma Garanzia Giovani Il giovane viene preso in carico, accetta la politica attiva ma in corso di effettuazione ne interrompe il percorso Il giovane ha dichiarato il falso nelle autocertificazioni in merito al possesso dei requisiti Evento post percorso in Garanzia Giovani Il giovane sceglie di re aderire dopo aver concluso il percorso Stato finale di uscita da GGI D U X R R C Stato finale di uscita da GGI F Impatto sulla reiscrivibilità successiva del giovane a GGI Il giovane può reiscriversi. Il giovane può reiscriversi Il giovane può reiscriversi Il giovane può reiscriversi. Il giovane può reiscriversi Il giovane può reiscriversi. Impatto sulla reiscrivibilità successiva del giovane a GGI Il giovane può reiscriversi. Cosa comporta la nuova iscrizione nell ambito della Garanzia Giovani Reiscrizione ma perdita delle priorità sull ordine di chiamata, collegate alla precedente iscrizione Reiscrizione ma perdita delle priorità sull ordine di chiamata, collegate alla precedente iscrizione Reiscrizione ma perdita delle priorità sull ordine di chiamata, collegate alla precedente iscrizione Reiscrizione ma perdita delle priorità sull ordine di chiamata, collegate alla precedente iscrizione. Cancellazione dal Programma Nazionale. Reiscrizione ma perdita delle priorità sull ordine di chiamata, collegate alla precedente iscrizione. Cancellazione dal Programma Nazionale. Reiscrizione ma perdita delle priorità sull ordine di chiamata, collegate alla precedente iscrizione. Cancellazione dal Programma Nazionale. Cosa comporta la nuova iscrizione nell ambito della Garanzia Giovani Reiscrizione con nuova partenza rispetto a ordine di chiamata e offerta di misure e servizi 15

16 Gestione del bonus occupazionale L INPS gestisce, nell ambito della Garanzia Giovani, la misura del Bonus Occupazionale ed è pertanto individuato come Organismo intermedio per la sua attuazione. Il Bonus è erogabile per le assunzioni successive alla data del 03 Ottobre Destinatari del bonus sono i giovani NEET di età compresa tra i 16 e i 29 anni (che abbiano assolto al diritto dovere all istruzione e formazione, se minorenni. Sono considerati non occupati i giovani disoccupati o inoccupati, ai sensi del decreto legislativo 21 aprile 2000, n.181 e successive modifiche o integrazioni. Dopo che la registrazione è stata effettuata nei limiti di età sopra indicati, ai fini dell applicazione dell incentivo è necessario che il giovane abbia compiuto almeno 16 anni al momento dell assunzione; l incentivo spetta anche se, nel momento dell assunzione, il trentesimo anno di età sia stato già compiuto. (Esempi: a) Tizio si registra all età di 15 anni appena compiuti e viene assunto a 15 anni e mezzo; non spetta l incentivo; b) Tizio si registra all età di 15 anni appena compiuti e viene assunto a 16 anni compiuti; spetta l incentivo). NOTA BENE: Dopo che la registrazione è stata effettuata, ai fini dell applicazione dell incentivo è necessario che il giovane si trovi nella condizione di NEET - sopra descritta - anche nel momento dell assunzione. Ai fini del riconoscimento del bonus è necessario, di norma, che sia stato calcolato il profiling e che quindi il giovane sia stato preso in carico in almeno una Regione. Il Procedimento per il riconoscimento del bonus è presso l Inps ma coinvolge il Ministero e le Regioni con i servizi competenti nella presa in carico e nella profilazione del giovane. Il datore di lavoro fa presso l Inps una istanza preliminare di ammissione all incentivo 1. L Inps interroga il Ministero del Lavoro per verificare l esistenza di un adesione e l avvenuta profilazione per la Regione della sede di lavoro, nella quale si trova l unità organizzativa presso cui avviene l assunzione. 1 Il datore di lavoro, nel chiedere l erogazione del Bonus all Inps deve: - fare istanza preliminare di ammissione all incentivo, una sorta di prenotazione online; - attendere che l Inps, generalmente entro la giornata successiva l arrivo dell istanza, consulti gli archivi elettronici del Ministero del lavoro e delle politiche sociali, al fine di conoscere se il giovane per cui si chiede l incentivo sia registrato al Programma Garanzia Giovani e quale sia la sua classe di profilazione; determini l importo dell incentivo spettante in relazione al tipo di assunzione e alla classe di profilazione attribuita; verifichi la disponibilità residua della risorsa, in relazione alla regione o provincia autonoma di pertinenza; in caso di disponibilità delle risorse, comunichi esclusivamente in modalità telematica - che è stato prenotato in favore del datore di lavoro l importo dell incentivo, calcolato per il lavoratore indicato nell istanza preliminare (comunicazione di prenotazione positiva). - entro sette giorni lavorativi dalla ricezione della comunicazione di prenotazione positiva dell Inps, per accedere all incentivo, deve, se ancora non lo ha fatto, effettuare l assunzione; - a pena di decadenza, entro quattordici giorni lavorativi dalla ricezione della comunicazione di prenotazione dell Inps, ha l onere di comunicare l avvenuta assunzione, chiedendo la conferma della prenotazione effettuata in suo favore. L eventuale mancanza del Profiling fa allungare i tempi, per il riconoscimento dell incentivo, tra l istanza preliminare del datore di lavoro e la comunicazione di prenotazione positiva. 16

17 Caso 1: Il giovane non ha aderito a Garanzia Giovani. Il Ministero comunica all Inps la non partecipazione del giovane e, allo stato attuale la non accessibilità al Bonus Occupazionale (comunicazione di non erogabilità). Caso 2: il giovane ha aderito a Garanzia Giovani ed è già stato preso in carico e profilato da una Regione. Il Ministero verifica l esistenza o meno del Profiling. Il Ministero comunica all Inps il valore dell indice che serve a determinare l importo da riconoscere come Bonus (comunicazione di erogabilità). Ciò avviene indipendemente dal fatto che il Profiling sia stato calcolato dalla Regione sede di lavoro. Caso 3: il giovane ha aderito a Garanzia Giovani ma non è stato preso in carico da nessuna delle Regioni. Solo in questo caso è richiesta la pro attività da parte della Regione della sede di lavoro e si verificano due sottocasi. sottocaso 3.1: la Regione sede di lavoro è stata scelta dal giovane (anche insieme ad altre Regioni). Il Ministero chiede all Inps di sospendere la richiesta per 15 giorni e invita la Regione della sede di lavoro di procedere con la profilazione (comunicazione di avvio di verifica periodica dell esecuzione della profilazione). Passati 15 giorni si avranno due scenari: 1) la profilazione è stata eseguita dalla Regione nei 15 giorni. Il Ministero comunica il valore dell indice e la richiesta sarà chiusa (comunicazione di erogabilità). 2) non è stata eseguita ancora la profilazione. Il Ministero invia una mail al giovane chiedendo di procedere con autodichiarazione alla profilazione, nelle modalità previste dal Ministero stesso. Passati ulteriori 15 giorni, si avranno due sbocchi finali. Sottoscenario 2.1: Si ha il profiling da parte del giovane. Il Ministero acquisisce l informazione tramite autodichiarazione del giovane e comunica il valore all Inps (comunicazione di erogabilità). Sottoscenario 2.2: non è disponibile l indice di Profiling. Il Ministero comunica all Inps l indisponibilità del valore dell indice. Non potendo quantificare l importo, si chiuderà di fatto la richiesta dell Inps (comunicazione di non erogabilità). Sarà cancellata l adesione del giovane. Il Ministero invierà una alla Regione coinvolta nell adesione, per informarla sull evento di cancellazione. sottocaso 3.2: la Regione sede di lavoro non è stata scelta dal giovane (anche in caso di multiadesione). Il Ministero comunica a Inps l esito di questa verifica. Ciò non si connota come comunicazione di non erogabilità : sarà possibile la reiterazione della domanda da parte del datore di lavoro all Inps, una volta che il giovane abbia perfezionato l adesione alla Regione della sede di lavoro e questa Regione lo abbia profilato. 17

18 Quanto alle tipologie contrattuali incentivate si ricorda che Garanzia Giovani prevede bonus per i seguenti contratti: Tempo determinato o somministrazione tra i 6 e i 12 mesi; Tempo determinato o Somministrazione 12 mesi; Tempo indeterminato. Gli importi degli incentivi sono i seguenti: Rapporto di lavoro rapporto a tempo determinato la cui durata è pari o superiore a sei mesi e inferiore a dodici mesi rapporto a tempo determinato la cui durata è pari o superiore a dodici mesi Classe di profilazione 1 BASSA 2 MEDIA 3 ALTA 4 MOLTO ALTA rapporto a tempo indeterminato Solo tre Regioni hanno limitato i contratti incentivati ai soli Tempi Indeterminati, anche a scopo di somministrazione: Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Puglia. La concessione effettiva dell incentivo 2 è condizionata dalla trasmissione di una Comunicazione Obbligatoria. Il bonus occupazionale è concedibile una sola volta per il singolo giovane aderente a Garanzia Giovane e profilato ai sensi del Programma 3. 2 L incentivo è riconosciuto anche per: Lavoro a tempo parziale con orario > al 60% dell orario normale di lavoro Il socio di cooperativa se assunto con contratto di lavoro subordinato L incentivo è escluso per: apprendistato lavoro domestico, intermittente, ripartito e accessorio somministrazione qualora per la medesima assunzione, l agenzia somministrante riceva un contributo a risultato per l intermediazione ed accompagnamento al lavoro. 3 in realtà esistono casi limite quale ad esempio il fallimento della ditta, che comportano la possibilità di riconoscere il bonus ad un secondo datore di lavoro per quello stesso giovane. 18

19 Definizioni Adesione E il procedimento telematico con il quale il giovane registrato completa l immissione delle informazioni richieste dall apposito modulo online e esplicita da quale Regione desidera ricevere i servizi previsti da Garanzia Giovani. L adesione è, quindi, l atto con cui il Giovane esplicita la volontà di partecipare al Programma. Questa fase si connota come vero inserimento del giovane dentro il Programma Garanzia Giovani. Bruciatura della Scheda Anagrafico-Professionale (SAP) Processo informatico attivato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per risolvere la problematica relativa alla presenza di più schede anagrafico-professionali sullo stesso lavoratore (duplicazioni). Misure e attività previste da Garanzia Giovani Garanzia Giovani è un Piano Operativo Nazionale (ufficialmente detto PON YEI) che prevede l offerta e l erogazione di una serie di misure e servizi volte ad aumentare l occupabilità del giovane, a facilitarne l inserimento nel mondo del lavoro e/o a fargli completare il ciclo di istruzione/formazione. Ogni misura e attività deve essere tracciata nella Scheda Anagrafico Professionale, alimentando la Sezione 6 (a partire dalla scheda YEI 1-B): di seguito si riporta la corrispondenza tra misure e attività della Garanzia Giovani e le attività monitorabili nell ambito della Scheda Anagrafico Professionale. Si ricorda che la Scheda Anagrafico Professionale ha uno standard descrittivo delle attività più tarato sui livelli essenziali delle prestazioni e meno sul Programma Garanzia Giovani. N. SCHEDA YEI DESCRIZIONE ATTIVITA' MISURE GARANZIA GIOVANI (PON YEI) COD ATTIVITA DESCRIZIONE ATTIVITA 1-B ACCOGLIENZA PRESA IN CARICO ORIENTAMENTO A01 COLLOQUI DI ORIENTAMENTO 1-B ACCOGLIENZA PRESA IN CARICO ORIENTAMENTO A02 PATTO DI ATTIVAZIONE 1-C ORIENTAMENTO SPECIALISTICO O DI II LIVELLO A03 BILANCIO DI COMPETENZE 2-B REINSERIMENTO DI GIOVANI 15-18ENNI IN PERCORSI FORMATIVI A04 OBBLIGO FORMATIVO 8 MOBILITA' PROFESSIONALE TRANSANZIONALE E TERRITORIALE B01 CONSULENZA EURES 7 SOSTEGNO ALL'AUTOIMPIEGO E CONSULENZA PER CREAZIONE B02 ALL'AUTORIMPRENDITORIALITA' D'IMPRESA/AUTOIMPRENDITORIA 3 ACCOMPAGNAMENTO AL LAVORO B03 CONSULENZA RICERCA IMPIEGO 1-C ORIENTAMENTO SPECIALISTICO O DI II LIVELLO B04 TUTORAGGIO TIROCINIO/STAGE 19

20 N. SCHEDA YEI DESCRIZIONE ATTIVITA' MISURE GARANZIA GIOVANI (PON YEI) COD ATTIVITA DESCRIZIONE ATTIVITA 1-C ORIENTAMENTO SPECIALISTICO O DI II LIVELLO B05 TUTORAGGIO ATTIVITA' FORMATIVA 6 INSERIMENTO IN SERVIZIO CIVILE B06 INSERIMENTO IN SERVIZIO CIVILE 2-B REINSERIMENTO DI GIOVANI 15-18ENNI IN REINSERIMENTO IN PERCORSO DI B07 PERCORSI FORMATIVI ISTRUZIONE 1-C ORIENTAMENTO SPECIALISTICO O DI II FORMAZIONE RICERCA ATTIVA DI C01 LIVELLO LAVORO 2-A FORMAZIONE MIRATA ALL'INSERIMENTO LAVORATIVO C02 FORMAZIONE DI BASE 2-A FORMAZIONE MIRATA ALL'INSERIMENTO FORMAZIONE COMPETENZE C03 LAVORATIVO TRASVERSALI 2-B REINSERIMENTO DI GIOVANI 15-18ENNI IN FORMAZIONE PER ACQUISIZIONE C04 PERCORSI FORMATIVI DIPLOMA 2-A FORMAZIONE MIRATA ALL'INSERIMENTO FORMAZIONE PER ACQUISIZIONE C05 LAVORATIVO QUALIFICA 5 TIROCINIO EXTRACURRICULARE, ANCHE IN MOBILITA' GEOGRAFICA C06 TIROCINIO FORMATIVO /LSU 5 TIROCINIO EXTRACURRICULARE, ANCHE IN MOBILITA' GEOGRAFICA D01 STAGE/BORSA LAVORO 4-A APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E E01 DIPLOMA PROFESSIONALE PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE 4-B APPRENDISTATO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE O E02 PROFESSIONALIZZANTE O CONTRATTO CONTRATTO DI MESTIERE DI MESTIERE 4-C APPRENDISTATO PER L'ALTA FORMAZIONE E LA RICERCA Multiadesione E03 APPRENDISTATO PER L'ALTA FORMAZIONE E LA RICERCA Garanzia Giovani permette al giovane di esplicitare la richiesta di servizi a più di una Regione. In questo caso, ciascuna Regione scelta sarà in grado di convocare il giovane per la presa in carico e la profilazione. La possibilità di essere chiamato da più Regioni contemporaneamente sussiste fino a quando il giovane non venga preso in carico da un servizio competente di una Regione: nel momento in cui quel servizio competente registra la sottoscrizione del patto di servizio, l evento viene notificato alle altre Regioni con adesioni attive, le quali provvedono a porre la propria adesione nello stato di cancellato d ufficio. NEET Giovani che non sono impegnati in un attività lavorativa, né inseriti in un percorso scolastico universitario o formativo, inclusi i tirocini. Per aderire alla Garanzia Giovani devono rientrare nella fascia anni (intendendo 29 anni e 364 giorni, all atto della adesione). 20

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 COME ACQUISIRE LO STATO DI DISOCCUPAZIONE Lo stato di disoccupazione si compone di un elemento oggettivo (lo stato di privo di lavoro),

Dettagli

Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani

Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani 1 Il contesto 1.1 Il contesto europeo La Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013 sull istituzione di una Garanzia

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

per aumentare l occupazione

per aumentare l occupazione newsletter a cura di Giugno 2014 La garanzia giovani parte. Con le imprese editoriale del Ministro Aiutiamo in concreto i giovani e le imprese di Giuliano Poletti Il 1 maggio ha preso avvio, in tutta Italia,

Dettagli

Garanzia Giovani: il coraggio che manca

Garanzia Giovani: il coraggio che manca @bollettinoadapt, 30 aprile 2014 Garanzia Giovani: il coraggio che manca di Giulia Rosolen, Lilli Casano, Lidia Petruzzo, Carmen Di Stani Tag: #lavoro #1maggio #riformedellavoro #garanziagiovani Poteva

Dettagli

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Provincia Autonoma di Trento Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Testo adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione n. xxxx del xx/xx/xxxx ART. 1. ELENCO ANAGRAFICO DEI LAVORATORI

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

GARANZIA PER I GIOVANI PROPOSTA DI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELL ISFOL 24 GIUGNO 2013

GARANZIA PER I GIOVANI PROPOSTA DI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELL ISFOL 24 GIUGNO 2013 GARANZIA PER I GIOVANI PROPOSTA DI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELL ISFOL 24 GIUGNO 2013 Premessa La Garanzia per i Giovani, presentata nel paper Isfol del 14 giugno scorso (cfr. http://www.isfol.it/primo-piano/una-garanzia-per-i-giovani),

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola Il punto di pratica professionale Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola a cura di Eufranio Massi Direttore della Direzione provinciale del Lavoro di Modena Per una disamina, sia pur breve,

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

TITOLOPROGETTO SEDE DI ATTUAZIONE N. VOL... ED IO AVRÒ CURA DI TE A CASTELLAMMARE - Viale Europa -

TITOLOPROGETTO SEDE DI ATTUAZIONE N. VOL... ED IO AVRÒ CURA DI TE A CASTELLAMMARE - Viale Europa - BANDO PER LA SELEZIONE DI 2.005 VOLONTARI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA EUROPEO GARANZIA GIOVANI NELLA REGIONE CAMPANIA Art. 1 Progetti e sedi di

Dettagli

Programma Operativo Regionale della Lombardia. Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013

Programma Operativo Regionale della Lombardia. Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013 Allegato A al decreto n. 9254 del 14/10/2013 Programma Operativo Regionale della Lombardia Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013 cofinanziato con il contributo del Fondo Sociale Europeo

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Al servizio del lavoro

Al servizio del lavoro www.lavoro.regione.lombardia.it Al servizio del lavoro Guida alle politiche di Regione Lombardia a sostegno dell occupazione. Opportunità e iniziative: per chi è disoccupato per i lavoratori colpiti dalla

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

l attuazione della YEI, devono impegnare le risorse per i giovani nel primo biennio di programmazione (2014-2015), in coerenza con le disposizioni di

l attuazione della YEI, devono impegnare le risorse per i giovani nel primo biennio di programmazione (2014-2015), in coerenza con le disposizioni di AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI SOGGETTI ATTUATORI DI TIROCINI EXTRACURRICULARI, ANCHE IN MOBILITÀ INTERREGIONALE ATTRAVERSO L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI NELLA REGIONE SICILIANA

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE 1. L istanza di riconoscimento dei CFP, deve essere presentata esclusivamente al CNI mediante una compilazione online di apposito modulo disponibile sulla piattaforma della formazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

ISCRIZIONI ON LINE Registrazione delle famiglie. Direzione Generale per i contratti, gli acquisti e per i sistemi informativi e la statistica

ISCRIZIONI ON LINE Registrazione delle famiglie. Direzione Generale per i contratti, gli acquisti e per i sistemi informativi e la statistica Registrazione delle famiglie Come avviene la registrazione da parte delle famiglie La registrazione alle Iscrizioni on-line è necessaria per ottenere le credenziali di accesso al servizio. La registrazione

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Guida pratica ai Servizi per l Impiego

Guida pratica ai Servizi per l Impiego Provincia di Padova Provincia di Padova Settore Lavoro e Formazione M INISTERO DEL E DELLE POLITICHE L AV O R O S OCIALI INVESTIAMO PER IL VOSTRO FUTURO ai Servizi per l Impiego Iniziativa cofinanziata

Dettagli

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S.

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Roma, 4 novembre 2013 Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Attori della governance del sistema ECM Commissione Nazionale per la Formazione Continua Supporto amministrativo regionale Osservatorio Consulta

Dettagli

DD I/3 2804 del 06/02/10

DD I/3 2804 del 06/02/10 AREA RECLUTAMENTO E AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Dirigente Ascenzo FARENTI Coordinatore Dott. Luca BUSICO Unità Amministrazione personale tecnico amministrativo Responsabile Dott. Massimiliano GALLI DD

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi A tutti i Colleghi Assistenti Amministrativi delle Segreterie Scolastiche Italiane RIVENDICHIAMO LA QUALIFICA DI VIDEOTERMINALISTA CON UNA PETIZIONE ON LINE AL MINISTERO. Lavoriamo con il computer ma non

Dettagli

Programma Erasmus+/Erasmus - Adempimenti per la mobilità studenti per studio e traineeship Bando A.A. 2015/2016

Programma Erasmus+/Erasmus - Adempimenti per la mobilità studenti per studio e traineeship Bando A.A. 2015/2016 Programma Erasmus+/Erasmus - Adempimenti per la mobilità studenti per studio e traineeship Bando A.A. 2015/2016 1. Presentazione della domanda La domanda deve essere compilata e presentata esclusivamente

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

RICHIESTA ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI CONCILIATORI

RICHIESTA ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI CONCILIATORI Spett/le ITALCONCILIA - Associazione Mediatori Professionisti Segreteria Generale Corso Europa, 43-83031 Ariano Irpino (Av) RICHIESTA ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI CONCILIATORI Il/La sottoscritto/a, nato/a

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI PER LE ASSUNZIONI DI PERSONALE

LE AGEVOLAZIONI PER LE ASSUNZIONI DI PERSONALE LE AGEVOLAZIONI PER LE ASSUNZIONI DI PERSONALE Le normative finalizzate alle agevolazioni in materia di assunzione di personale sono state, nel corso degli anni, oggetto di continue innovazioni, cambiamenti,

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO)

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) Al Comune di BRUINO SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) OGGETTO: SCIA di subingresso nell'esercizio dell'attività di commercio su aree pubbliche ai sensi dell art. 28, comma 12, del D.Lgs. n. 114/1998

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

L'apprendistato di I e III livello e le istituzioni formative

L'apprendistato di I e III livello e le istituzioni formative L'apprendistato di I e III livello e le istituzioni formative di Umberto Buratti Biella, 27 gennaio 2012 APPRENDISTATO DI PRIMO LIVELLO PRIMA D. lgs. n. 276/2003, art. 48 DOPO D. lgs. n. 167/2011, art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI GUIDA all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI Aggiornata al 28 febbraio 2015 PROGRAMMA POT Pianificazione Territoriale Operativa 2 Sommario

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Guida alla compilazione

Guida alla compilazione Guida alla compilazione 1 Guida alla compilazione... 1 PARTE I REGISTRAZIONE ORGANIZZAZIONE... 5 LA PRIMA REGISTRAZIONE... 5 ACCESSO AREA RISERVATA (LOGIN)...11 ANAGRAFICA ORGANIZZAZIONE...12 ANAGRAFICA

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO 1 Esistono difficoltà di accesso degli studenti all Università rilevate dagli esiti dei test di ingresso. 2 A ciò si aggiunge il ritardo negli studi universitari

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

VISTI gli articoli 4 e 5 della L.R. n. 7/97; VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98 e s.m.i.; VISTI gli artt. 4 e 16 del D.Lgs.

VISTI gli articoli 4 e 5 della L.R. n. 7/97; VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98 e s.m.i.; VISTI gli artt. 4 e 16 del D.Lgs. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 19 del 05 02 2015 4275 Di notificare il presente provvedimento: Sindaco del Comune di Mola di Bari (BA); Al Sindaco del Comune di Rutigliano (BA); Al Sindaco

Dettagli

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI FSE 2007-2013 A cura della Direzione Istruzione Formazione Professionale Lavoro Allegato a alla dd. n. 608 del

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli