IL ROMPIGHIACCIO. N. 10 del 25 febbraio 2014 a cura di Enrico Ascari. Roberto Russo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL ROMPIGHIACCIO. N. 10 del 25 febbraio 2014 a cura di Enrico Ascari. Roberto Russo"

Transcript

1 IL ROMPIGHIACCIO N. 10 del 25 febbraio 2014 a cura di Enrico Ascari Roberto Russo

2 E M E R G E N T I D I V A G A Z I O N I Bell affare i cosiddetti emergenti. Oggi ci dicono che chi avesse investito in un paniere di azioni dell area, ai tempi della crisi del Messico - la tequila crisis del avrebbe guadagnato molto meno rispetto all alternativa dei paesi sviluppati. (cfr. figura 1, fonte The EM s fragile 8 must save themselves Gavyn Davies). Il risultato però si ribalta se tracciamo la linea di partenza all inizio del millennio, l era della massima euforia per la New Economy a Wall Street e dintorni. Tipici giochetti numerici che stimolano divagazioni non troppo convenzionali sul rapporto tra gestori professionali di portafogli e risparmiatori. Tutti soggetti a deviazioni comportamentali ben note, ma con diversi livelli di consapevolezza. I primi, che operano sulla base di un mandato fiduciario, dovrebbero agire nel migliore interesse dei clienti. Diciamo, minimizzando, che non sempre è così. Clienti che, tra l altro, sono troppo spesso vittime di una narrativa, spesso scarnificata in scolastico ritornello, inadatta a rappresentare le complessità delle decisioni d investimento. Ciò premesso, la recente debacle dei mercati emergenti diventa l occasione adatta per una rilettura critica di alcuni sacri principi d investimento. Figura 1 AVVISO N. 1: NON USATE (SOLO) LO SPECCHIETTO RETROVISORE Non è certo guardando a rendimenti storici, come quelli evidenziati dal grafico, che si possono trarre indicazioni utili per il futuro. I mercati finanziari sono complessi meccanismi di sconto dell incerto, guardano avanti. Che siano o meno efficienti è da decenni oggetto di irrisolti dibattiti accademici i. L evidenza empirica sembrerebbe indicare che, per periodi di tempo non brevi, i prezzi possono divergere in larga misura da stime ragionevoli del valore intrinseco. Il motivo è noto ed è qui che serve lo specchietto retrovisore: per non dimenticare le lezioni del passato. La finanza comportamentale insegna che individui e istituzioni non sempre si comportano in modo razionale. Manie, illusioni ottiche, euforia e panico sono fenomeni ciclici. Ben sfruttati dalle 2

3 istituzioni finanziarie che, consapevolmente o meno, guidano o partecipano al banchetto, spinte dagli incentivi distorti che sono la regola quasi ineludibile della moderna industria del denaro. È nel corso di questi periodi dominati dall eccesso che gli investitori di lungo termine fanno i migliori affari: Paghi un prezzo ma alla fine ottieni un valore è una delle più citate massime di Warren Buffett, forse l investitore di maggior successo degli ultimi decenni. Mark Mobius, famoso gestore di Franklin Templeton, riferendosi alla recente caduta dei mercati emergenti ha affermato La nostra risposta è di gioia e felicità perché così possiamo comprare azioni a prezzi molto migliori siamo al massimo della felicità quando i mercati scendono. AVVISO N. 2: DIFFIDATE DELL ORIZZONTE TEMPORALE Pianificare gli investimenti in relazione alle future necessità, anche le più lontane nel tempo. Un ottimo punto di partenza. La definizione dell orizzonte temporale è l ineliminabile paletto di riferimento di tutti i manuali del buon risparmiatore. Condito da un corollario: il rischio azionario si riduce con il passare del tempo, pietra miliare ii della moderna teoria dell investimento. Peccato che i risparmiatori siano soggetti a miopia: ci vedono solo da vicino e sono avversi alle perdite iii ; anche la moltitudine degli investitori istituzionali ha orizzonti temporali sostanzialmente più brevi di quelli richiesti perché una strategia d investimento sia remunerativa. I periodi di valutazione per gestori e imprese, sono dettati da scelte opportunistiche o dal mero istinto di sopravvivenza. In breve l ecosistema finanziario è sempre più dominato dalla mania del breve termine. Che si tratti delle operazioni in proprio delle banche d investimento, piuttosto che delle complesse strategie dei fondi hedge, del comportamento opportunistico di migliaia di gestori di fondi comuni o del trading algoritmico ad alta frequenza che lavora sui nanosecondi, il sistema, con l eccezione, non sempre, delle compagnie di assicurazione e dei fondi pensione, ha come punto di riferimento le settimane, i giorni, le ore, i secondi iv. Con le note ricadute sui comportamenti dei manager, condizionati e valutati con lo stesso metro di misura. Chi investe, a maggior ragione se per conto terzi, dovrebbe pazientemente guardare lontano. Ma non c è orizzonte che tenga, neppure per l investimento azionario, se si acquistano e vendono titoli a prezzi macroscopicamente lontani dal verosimile ambito all interno del quale può ricadere il valore intrinseco. Ed è molto più probabile farlo seguendo le mode, dettate dal potere di condizionamento dell industria finanziaria. Che predica i lunghi orizzonti ma poi ci convince a ruotare i portafogli a ritmi sempre più ravvicinati, magari con la scusa della diversificazione. AVVISO N. 3: INNOCENTI DIVERSFICAZIONI O SUBDOLE ROTAZIONI? La tanto mitizzata diversificazione non è il Sacro Graal dell investimento di successo. Riduce il rischio complessivo di portafoglio, ma vanno valutati modi e tempi di esecuzione. In periodi di crisi, quando il gioco sui mercati si fa duro, la diversificazione serve a poco, perché la correlazione tra i rendimenti degli strumenti finanziari rischiosi si avvicina all unità. Tradotto: si perde su quasi tutto, tranne che sulle attività apparentemente sicure, che oggi rendono zero. Inoltre, diversificare con equilibrio ha un senso logico; continuare a ruotare i portafogli sotto la spinta di emozioni nostre o interessi altrui, no. E tutti, ma proprio tutti, gli studi statistici e comportamentali ci dicono che proprio questo accade v. La storia finanziaria è piena zeppa di esempi in merito. E gli ultimi tormentati anni non fanno eccezione, anzi. Gli imponenti flussi di risorse in fuga dai periferici 3

4 europei nel biennio hanno avuto, tra le mete preferite, valute e obbligazioni dei paesi emergenti. Le prime spesso sopravvalutate in termini di parità dei poteri d acquisto; le seconde con rendimenti che avevano raggiunto livelli ridicoli. vi Tutta roba che dallo scorso mese di maggio è in caduta libera. Morale: chi è rimasto troppo a lungo inebetito dalla narrativa prevalente dei gran cerimonieri del marketing finanziario è rimasto, ancora una volta, con il cerino acceso in mano. E ora scappa di nuovo. Si tratta di un fenomeno comune a tutte le latitudini. Secondo la società di analisi TrimTabs, negli ultimi tre mesi i fondi indicizzati specializzati sui mercati emergenti hanno subito riscatti pari al 15.8% degli attivi. Nel mese di gennaio, solo negli Stati Uniti, i deflussi complessivi hanno superato i 20 miliardi di dollari. In otto mesi, dai fondi obbligazionari emergenti sono usciti più di 24 miliardi di dollari, più che nel La storia ci insegna che la maggior parte degli investitori ricomprerà a prezzi superiori quello che ha venduto. AVVISO N. 4: SI COMPRANO GLI STRUMENTI FINANZIARI, NON LE ECONOMIE Periodicamente, le sirene della finanza riscoprono i paesi in via di sviluppo, cantandone le magnifiche e progressive sorti. Se c è un fatto certo è che negli ultimi trent anni, grazie anche alla poderosa spinta della Cina, i tassi di crescita di quei paesi hanno surclassato quelli del vecchio occidente. Probabile anche che il processo di convergenza economica possa proseguire. Possibile che rallenti, ma nulla di più. E allora come mai, come abbiamo visto, la dinamica relativa dei prezzi azionari tra le due aree, sviluppata ed emergente, anche su periodi molto lunghi, è così controversa? I motivi non mancano. Il primo: non si comprano le economie, ma strumenti finanziari rappresentativi di debito o capitale di rischio di singoli o gruppi di emittenti. L idea di investire guardando il mappamondo è velleitaria a maggior ragione in un sistema economico nel quale le corporations multinazionali sovrastano le singole giurisdizioni statali. Questo è anche il motivo per cui i mercati azionari, ovunque, sembrano sempre più slegati dall'economia reale. Il punto è che la crescita degli utili e dei margini dell universo delle società quotate è stato negli ultimi decenni di gran lunga superiore a quello medio del prodotto globale. E di ciò ha beneficiato in larga misura le multinazionali del mondo sviluppato, che hanno conquistato nuove quote di mercato nelle economie in sviluppo, oltre ai produttori imprese e lavoratori locali. C è poi un fattore legato al diverso livello di trasparenza, liquidità, accessibilità e complessità che differenzia i mercati azionari delle aree a diverso livello di sviluppo, anche istituzionale. Malgrado i progressi, la governance societaria è ancora a livelli ridicoli in molti paesi emergenti; spesso le strutture di controllo sono piramidali e poco trasparenti; di frequente gli interessi degli azionisti di minoranza sono trascurati; a volte le maggiori società sono ancora a proprietà pubblica o condizionate da regimi regolatori predatori; talvolta l acquisto diretto di azioni è complicato perfino per gli investitori istituzionali. Tutti fattori che scoraggiano l investimento diretto. Ma gli strateghi del marketing finanziario non si sono persi d animo e, malgrado le difficoltà, sono riusciti a canalizzare enormi flussi di investimenti di portafoglio verso il sud est del mondo. Vediamo come. AVVISO N. 5: ATTENTI ALLE NARRAZIONI È l offerta finanziaria che si inventa la domanda, soddisfatta secondo modalità spesso discutibili e opache. Il processo creativo passa per la costruzione di una sofisticata narrazione, che può avere più o meno solide radici nel reale, declinata in slogan a effetto, distillata in idee bomba. 4

5 Famosissima la felice intuizione di Jim O Neill, l inventore dell acronimo BRIC (Brasile, Russia, India, Cina), poi diventato BRICS, con l aggiunta del Sud Africa. L idea viene sfruttata a livello commerciale con la costruzione di nuovi indici ai quali ben presto si associano gli ETF (Exchange Traded Funds) vii che li replicano. Il giochino ha successo perché si rivela un pozzo di San Patrizio. Da sfruttare anche nelle fasi di sboom. Se sotto tiro sono le periferie europee ecco l invenzione dei PIIGS; se qualche gruppo di paesi emergenti entra nel mirino della speculazione si serve in tavola la novità dei Fragile five o Big five o BIITS ( Brasile, India, Indonesia, Turchia e Sud Africa) subito allargata ai Fragile eight, con l aggiunta di qualche ulteriore potenziale vittima. Ma si parla anche di CIVET e MINT, G11, Nuova Frontiera e così via. La necessità di inventarsi sempre più fantasiose segmentazioni riflette l imperativo categorico di un industria sempre più lontana dalla gestione professionale del risparmio e dominata dalla necessità di impacchettare e vendere sogni. Remunerativi per chi? AVVISO N. 6: SEMPLICE È BELLO, O NO? La recente fuga dai mercati emergenti ha numerosi precedenti. L ultimo più clamoroso episodio è quello della caduta delle Tigri asiatiche del È la prima volta però che il fenomeno si manifesta prevalentemente attraverso l utilizzo diretto o derivato degli ETF, che oggi cubano circa 300 miliardi di dollari su una capitalizzazione complessiva delle azioni dell area di circa 1300 miliardi. Una dimensione fuori misura. E pensare che il maggiore ETF della categoria è stato lanciato solo nel 2003 (Emerging markets are badly served by ETFs - FT.com). Gli ETF sono, tra le innumerevoli innovazioni finanziarie, una delle meno discutibili degli ultimi decenni. Ma quelli che replicano gli indici dei mercati emergenti, se offrono il vantaggio della semplicità operativa, amplificano alcuni dei difetti tipici dello strumento viii. Inoltre questi veicoli possono diventare autoreferenziali : scollegati dalle specifiche dinamiche che influenzano economie e mercati dei singoli paesi. Attirando gli enormi flussi di liquidità canalizzati dal consenso, si trasformano velocemente da oggetti di culto in canali di scolo del panico, prodotti spazzatura scaduti, ennesimo strumento di distruzione di massa e di amplificazione dei cicli finanziari. Facendo riferimento agli indici dei mercati emergenti e agli ETF che li replicano, si costruisce e impacchetta un numero enorme di prodotti strutturati, richiesti e disseminati nell ecosistema finanziario e il cui impatto esplosivo è moltiplicato dall utilizzo della leva finanziaria. Inoltre sono nati come funghi centinaia se non migliaia di fondi comuni, a gestione più o meno attiva, sui quali i principali asset managers fanno confluire ingenti capitali ix. La conseguenza di tutto ciò è che, al di la delle statistiche ufficiali che misurano i flussi in entrata e in uscita dai fondi, indicizzati o meno, le reali dimensioni del fenomeno sfuggono completamente all analisi. E la grandezza dei potenziali riflussi diventa imprevedibile. EMERGENTI DIVAGAZIONI L ecosistema della finanza negli ultimi decenni ha subito una mutazione genetica. Da canale, prevalentemente locale, di trasferimento delle risorse dal risparmio all investimento produttivo, a riciclatore internazionale di flussi monetari, alimentati dalla creazione di debito e dalla parallela accumulazione di ricchezza finanziaria. Troppe passività diffuse e troppa ricchezza concentrata in poche mani. Con un economia globale piagata da eccesso strutturale di offerta di beni, forza lavoro e moneta le risorse sembrano intrappolate all interno dell enorme vasca del sistema 5

6 finanziario, non trovando adeguati sbocchi nell economia reale. Progressivamente l ecosistema si è adattato ed è diventato sempre più autoreferenziale, rischiando, nel 2008, l implosione. Salvato dall intervento pubblico, apparentemente monitorato da occhiuti vigilanti, consapevoli portatori di eclatanti conflitti d interesse, ha ripreso vita mantenendo inalterate modalità di proliferazione. Le conseguenze e i rischi, per il sistema nel suo complesso e, in particolare per i paesi in via di sviluppo, non sono di poco conto. Sono due le più evidenti dimensioni critiche. Da una parte il modello di business dell industria della finanza è sempre più centrato sulla produzione e commercializzazione globale di prodotti di massa e di nicchia destinati all investimento, diretto o gestito, di natura puramente finanziaria. Sotto la guida dei santoni del marketing finanziario si inventano di continuo nuove tecniche, strumenti, classi di attività finanziarie, stili e modalità di investimento. Dall altra l azione della Federal Reserve, in presenza di un sistema finanziario sempre più integrato, determina volente o nolente, il ciclo del credito globale, anche in presenza di tassi di cambio fluttuanti. Senza controllo dei capitali le periferie non dispongono più una politica monetaria indipendente, anche perché le singole economie nazionali hanno dimensioni non comparabili rispetto alla scala globale del leviatano finanziario. Inoltre i flussi di portafoglio sono diventati molto più volatili, i travasi tra gruppi diversi di asset class più frequenti e violenti; nelle fasi di stress finanziario la fragilità anche di economie relativamente forti può essere ampliata a dismisura. Purtroppo le informazioni sui flussi finanziari globali sono poco conosciute, difficilmente misurabili, impossibili da aggregare. Sono numeri molto costosi da reperire, spesso riservati e non divulgati, perché chi li conosce ha un ovvio vantaggio competitivo e li usa a proprio vantaggio. CONCLUSIONI I paesi emergenti sono di nuovo al centro del mirino. Disturbano il manovratore. Sono fuori moda. Rischiano, con un ulteriore possibile rovinosa caduta di cambi e borse, di far deragliare il treno dei mercati occidentali che viaggia a tutta velocità. Situazioni già viste in passato. Gli ottimisti guardano lontano e hanno validi motivi per sostenere che la crescita complessiva dell area proseguirà a ritmi maggiori rispetto ai quella dei paesi avanzati. Malgrado l incognita del modello di sviluppo cinese, che non è più sostenibile; malgrado le difficoltà economiche, politiche o sociali di alcuni paesi, dall Argentina al Venezuela, dall Ucraina alla Turchia. D altra parte la dimensione degli squilibri (debito estero, credito interno, riserve in valuta ecc.) sembra minore di quanto non fosse quindici anni fa, quando sono cadute le tigri asiatiche. Negli ultimi venti anni la quota del GDP mondiale di pertinenza delle economie in via di sviluppo è raddoppiata, sfiorando il 50 per cento. Ci sta un rallentamento, ma niente di più. I pessimisti guardano alle dimensioni dei capitali in fuga e ai complessi effetti di contagio e corruzione della dinamica economica che possono esercitare; alle incognite derivanti dall opacità di un sistema finanziario dominato dai flussi di portafoglio; alle ricadute, largamente ignote, derivanti dalla prossima fine del periodo di denaro facile, garantito per anni dalle banche centrali. E, come spesso è successo in passato ipotizzano che i conseguenti aggiustamenti strutturali comporteranno un declino dei prezzi delle attività finanziarie che andrà ben oltre il giustificabile dai fondamentali. Siamo nel regno del qui e ora, alla scommessa sull imponderabile, al vaticinio sull ignoto. Entrambe le posizioni hanno valide giustificazioni, ma sono di relativo interesse per i risparmiatori. I quali si devono ricordare tre cose. La prima: non lo ordina il medico di diversificare il portafoglio usando i mercati emergenti. Se ne può fare a meno, a maggior ragione considerando che numerose società quotate in occidente hanno una forte esposizione all area. La 6

7 seconda: contano le valutazioni assolute, non quelle relative. Gli ottimisti sostengono che guardando al valore intrinseco rispetto ai mercati occidentali, quelli emergenti azionari e obbligazionari, dopo le recenti delusioni, sarebbero relativamente sottovalutati. Dimenticano però che i multipli dei primi sono sicuramente elevati, sostenibili solo se la crescita globale, che molto dipende dalla Cina e non poco dalle dinamiche strutturali dell occidente, sorprenderà in positivo. La terza: per chi fosse comunque convinto, come è molto probabile, che gli emergenti prima o poi torneranno di moda, la scelta quasi obbligata è quella dei fondi comuni a gestione attiva, non gli ETF. Dalle statistiche infatti risulta che l unica area dove molti gestori, negli ultimi anni, sono riusciti a battere i replicanti degli indici, è proprio quella degli emergenti. Attenzione però: vanno selezionati quelli di società specializzate nell investimento nell area, che hanno investito cospicue risorse nell attività di analisi e ricerca. Non certo quelli degli asset managers generalisti per i quali i mercati emergenti non sono altro che l ennesimo prodotto da mettere in vetrina. NOTE i L'ipotesi di efficienza dei mercati (EMH -Efficient Market hypothesis), semplificando all estremo, postula che i prezzi di mercato, sotto determinate condizioni, siano la migliore stima disponibile del valore attuale dei flussi di cassa attesi. In mercati efficienti i prezzi già incorporano l'informazione disponibile e quindi non si può sperare di ottenere sistematicamente rendimenti più elevati senza sopportare dosi maggiori di rischio. ii Più lungo è il periodo di detenzione di uno strumento finanziario più alta è la probabilità di un rendimento positivo (per attrarre capitali gli strumenti finanziari devono avere un rendimento atteso positivo perché la scelta comporta rinuncia al consumo corrente). Inoltre, maggiore è il rischio (volatilità dei rendimenti attesi) di uno strumento finanziario, maggiore sarà il suo rendimento atteso. Punto di riferimento ineludibile della tesi è il libro Stocks for the long run, scritto nel 1994 da Jeremy Siegel, professore di Finanza della Wharton School. Siegel, in estrema sintesi, sostiene che, dato un sufficientemente lungo periodo di detenzione, di venti-trent anni, le azioni sono meno rischiose delle obbligazioni. L analisi è di tipo empirico e si basa su dati relativi al mercato americano raccolti dall inizio dell 800. iii È dimostrato che il rammarico per le perdite è di oltre il doppio rispetto all attrazione che esercita un guadagno di analoghe dimensioni. Quanto più frequentemente valutiamo il nostro portafoglio più è probabile rilevare delle perdite e soffrire a causa dell avversione alle stesse. Viceversa, meno è frequente la valutazione del portafoglio, tanto più è probabile rilevare dei guadagni. iv L'aumento del peso del trading ad alta frequenza (HFT) ha cambiato volto ai mercati azionari. L'HFT costituisce fino al 70% del volume di scambio in alcuni mercati. Nell HFT il periodo medio di detenzione di una posizione è di circa 10 secondi. Anche per gli investitori con un orizzonte a medio termine il periodo di detenzione si è drasticamente accorciato: nel 1940 era di sette anni, nel 1960 di cinque, nel 1980 di due e oggi di soli sette mesi. v Secondo Dalbar, società di ricerca americana, l investitore tipo in fondi azionari USA ha ottenuto un rendimento medio inferiore del 4 per cento per anno, rispetto all indice S&P 500, nel periodo compreso tra il 1993 e il Tra il 1984 e il 2002, a fronte di un rendimento medio annuo dello S&P 500 di circa il 12,2%, la media dei fondi azionari che investono sullo stesso mercato ha reso il 9,6%, mentre l investitore medio ha guadagnato solo il 2,6%. D altra parte anche i veri rendimenti medi ottenuti dai risparmiatori sul mercato dei bonds, non avrebbero superato il 4,2% annuale, contro una performance del comparabile indice obbligazionario di circa l 11,7% all anno. 7

8 Conclusione: i risultati dell investimento dipendono maggiormente dal comportamento dei risparmiatori che dalla performance dei fondi e del mercato di riferimento e ciò dipende dalla presunzione di battere il mercato, ruotando i portafogli tra le diverse classi di attivo, seguendo le sirene dell industria finanziaria (cfr. Quantitative Analysis of Investor Behavior study by Dalbar Inc.). vi Perfino il Ruanda si era permesso di affacciarsi sui mercati tra l entusiasmo degli investitori (istituzionali, va detto), emettendo debito con rendimento non di molto superiore a quello del trentennale italiano di allora. vii L idea originaria, basata sulla EMH (Efficient Market hypothesis), aveva la finalità di offrire ai risparmiatori prodotti competitivi, in termini di rapporto costo/rendimento, rispetto a quelli offerti dai tradizionali gestori di fondi comuni, che operano sulla presunzione di potere battere il mercato. viii Per quelli di natura azionaria, l indicizzazione basata sulla capitalizzazione di borsa impone una concentrazione dei flussi finanziari verso emittenti che nelle giurisdizioni meno avanzate sono spesso società controllate dallo stato, conglomerate oligopolistiche poco trasparenti e dalla governance opinabile. Peggio ancora per i replicanti dei mercati obbligazionari, per i quali l indicizzazione inevitabilmente comporta una concentrazione degli investimenti su un aggregato indistinto e totalmente disomogeneo di emittenti sparsi in giro per il mondo. Siano essi sovrani o privati hanno un requisito comune: sono quelli con le emissioni più frequenti e di maggiore dimensione; spesso, quindi, anche i più deboli come struttura finanziaria. ix Pochi sono gestiti da team di professionisti dotati di adeguata preparazione, esperienza e competenza. Qualità che, per essere con qualche probabilità efficaci, non possono che essere dedicate con estrema specializzazione a sottoinsiemi limitati di strumenti finanziari dell universo magmatico degli emergenti. Assembrare team che coprano tutta l area non è compito da poco. 8

9 IL ROMPIGHIACCIO Il Rompighiaccio è una rubrica di macroeconomia redatta da Assiteca S.I.M. S.p.A., a cura di Enrico Ascari, che analizza le principali tematiche di attualità economico-finanziaria al fine di valutare le relazioni tra le variabili del sistema economico e gli effetti delle stesse sulle decisioni di investimento. Tale approfondimento rientra nell obiettivo di Assiteca S.I.M. S.p.A. di fornire ai propri Clienti e ai risparmiatori in generale gli strumenti necessari a elaborare un giudizio sulle dinamiche economiche indipendente, ponderato e libero da qualsiasi condizionamento esterno al fine di evitare di assumere decisioni di investimento affrettate e dettate dall emotività. Assiteca S.I.M. S.p.A. nasce nel mese di settembre 2012 in seguito all acquisizione del 100% del capitale di Cofin S.I.M. S.p.A. dal sodalizio tra Alessandro Falciai, Roberto Russo e Assiteca S.p.A., la più grande società di brokeraggio assicurativo italiano indipendente da gruppi assicurativi e industriali che ha deciso di investire per la prima volta nella sua storia nel settore finanziario per proporre un servizio d investimento professionale, trasparente e indipendente. L indipendenza e la totale assenza di conflitti di interesse sono gli elementi che contraddistinguono l intera attività di Assiteca S.I.M. S.p.A. e rappresentano un fondamentale punto di partenza per mettere al servizio della Clientela l esperienza professionale maturata in anni di attività così da poter soddisfare ogni esigenza. 9

10 10

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO La finanziarizzazione dell economia Di Osvaldo Lamperti Per valutare meglio l attuale fase di crisi del capitalismo globalizzato è necessario fare alcune considerazioni sui

Dettagli

Consulenza Finanziaria Indipendente

Consulenza Finanziaria Indipendente Consulenza Finanziaria Indipendente Investire per il lungo periodo GROUP Via Traversa Pistoiese 83-59100 Prato Tel: +39 0574 613447 email: info@kcapitalgroup.com www.kcapitalgroup.com L industria del risparmio

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Il nostro processo d investimento

Il nostro processo d investimento Il nostro processo d investimento www.moneyfarm.com Sommario Le convinzioni alla base della nostra strategia d investimento 2 Asset Allocation 3 La scelta di strumenti a basso costo gestionale 3 L approccio

Dettagli

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

COSA COMPRA LA PUBBLICITÀ. Riccardo Puglisi

COSA COMPRA LA PUBBLICITÀ. Riccardo Puglisi COSA COMPRA LA PUBBLICITÀ Riccardo Puglisi Le questioni in ballo Che cosa compra la pubblicità? L attenzione di lettori ed ascoltatori per i prodotti pubblicizzati. I mass mediacome "GianoBifronte (mercatoaduelati)

Dettagli

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente OECD Insights Sustainable Development: Linking Economy, Society, environment Summary in Italian Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente Sintesi in italiano L espressione

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009 1 Trend e Strategie di Investimento http://www.educazionefinanziaria.com/ TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Mercato Azionario Semaforo Verde Situazione Fondamentale: Neutrale (basata sul differenziale

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Patto per una Svizzera produttiva

Patto per una Svizzera produttiva Unia Segretariato centrale Weltpoststrasse 20 CH-3000 Berna 15 T +41 31 350 21 11 F +41 31 350 22 11 www.unia.ch Patto per una Svizzera produttiva La Svizzera ha bisogno di un fondo per la produzione basato

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli