Report attività

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Report attività 2011-2014"

Transcript

1 Report attività

2 Report attività Green Building Council Italia Editor Green Building Council Italia Hanno collaborato Mario Zoccatelli, Presidente; Marco Mari, Vicepresidente; Francesco Bedeschi, Componente del CE; Gianluca Padula, Componente del CE; Mauro Roglieri, Componente del CE; Cinzia Basile, Serena Cappelletti, Sebastiano Cristoforetti, Silvia Dalrì, Veronica Dei Rossi, Maria Elena Ghelardi, Mattia Giovannini, Alessandro Speccher e Iris Visentin. Comunicazione e impaginazione Stampato a maggio 2014 da Cierre Grafica

3 Rinnovare per rilanciare

4 SOMMARIO POLICY...4 Relazione del Presidente... I Indirizzi strategici essenziali...xxi Position paper... XL 1. TRASPARENZA SvILuPPO ProdOTTI: i ComITATI Finalità dei comitati L organizzazione dei comitati L attività dei comitati Gruppo GBC Quartieri Gruppo GBC Historic Building Gruppo GBC Home LEED EBOM with regional alternative compliant path for EU I membri del Comitato Standard e del Comitato Tecnico Scientifico CERTIfICAZIONE Schemi di certificazione attivati da GBC Italia (Protocolli a marchio LEED) LEED 2009 Italia nuove costruzioni e ristrutturazioni Attività in corso Numeri di LEED in Italia e il trend di LEED 2009 Italia NC Schemi di certificazione attivati da GBC Italia (Protocolli a marchio GBC) Lo schema GBC Home La fase pilota di GBC Home: un aggiornamento sintetico Casi studio EDUCATION Formazione GBC Italia nel Formazione d aula Formazione aziendale Altre attività formative Formazione GBC Italia nel Formazione d aula Formazione aziendale Formazione GBC Italia nel 2014 (fino a fine aprile 2014) Formazione d aula Formazione aziendale L attività formativa di GBC Italia a livello universitario Altre attività formative CHAPTER Le attività dei Chapter Chapter Abruzzo Chapter Campania Chapter Emilia Romagna Chapter Lazio Chapter Liguria Chapter Lombardia

5 5.1.7 Chapter Piemonte Chapter Puglia Chapter Sicilia Chapter Toscana Chapter Trentino Alto - Adige Chapter Veneto - Friuli Venezia Giulia I professionisti iscritti al Chapter AdvOCACY (PROTOCOLLI d INTESA) Elenco degli accordi siglati Accordo GBC Italia-AUDIS PAES Policy task force RAPPORTI INTERNAZIONALI WorldGBC-Sezione Europa International Policy/Advocacy Laboratorio: per un piano nazionale per la riqualificazione edilizia, urbana e territoriale COMUNICAZIONE ed eventi Strumenti di comunicazione GBC Italia Sito Mailing Newsletter Social Media Media partner Stampa Manifestazioni ed eventi di GBC Italia Eventi Eventi Eventi Eventi GBC ITALIA I Soci Trend andamento Soci Soci per regione Soci per categoria Struttura interna dell associazione L assemblea Consiglio di Indirizzo e Comitato Esecutivo Consiglio di Indirizzo Comitato Esecutivo Lo staff Coordinamento e gestione Struttura e strumenti Organizzazione Personale di staff Sintesi dei dati di bilancio Allegato: Statuto dell associazione Green Building Council Italia...254

6 POLICY Relazione del Presidente I Indirizzi strategici essenziali XXI Position paper XL I

7 report POLICY Relazione del Presidente Modernizzare l edilizia Sei anni dalla fondazione; tre anni dal secondo mandato, secondo rinnovo delle cariche (per il periodo ), tempo di bilanci: dove siamo, dove andrà GBC Italia. La risposta all ultima domanda è facile: GBC Italia andrà dove decideranno i soci. Come invece andrà, è più complicato: dipende da tanti fattori, virtus et fortuna; e non si è sempre padroni del proprio destino. Per questo si propongono considerazioni su contesto prima e su associazione poi: A. La questione settore - Paese è quella cruciale. La modernizzazione della filiera edilizia- real estate è cruciale; ma forse non è ancora cominciata. GBC Italia nasce nel 2008, quando cioè scoppia la crisi internazionale che subito dopo arriverà in Italia. In questi anni la riflessione del settore su se stesso, anche a voler essere buoni, è stata per lo meno pigra. L orientamento alla qualità internazionalmente intesa non sembra ancora la scelta prevalente, come pure ci sono resistenze all abbandono di pratiche (come le gare al ribasso); per non parlare di fenomeni distorsivi o corruttivi nell ambito delle gare pubbliche: tutto questo rivela una tenace inerzia, che si evidenzia negli operatori privati e nell assenza di ruolo e iniziativa del pubblico. Non bastano i più di 250 cantieri LEED o BREEAM per cambiare il panorama. B. GBC Italia: da promuovere per capacità produttiva, che ha riconoscimenti ai massimi livelli internazionali (ma non in Italia ); quanto alla market transforma- I

8 tion, il bilancio è tutt altro che lusinghiero, sia nel privato che nel pubblico. Gare e appalti pubblici; progetti privati: se si esclude il territorio trentino, e i grandi operatori, esteri o italiani ma con respiro internazionale, le proposte di GBC Italia cominciano solo ora non tanto a essere recepite, ma almeno considerate. Molto da fare. C. In questi sei anni, e soprattutto nell ultimo mandato, GBC Italia ha esteso il suo intervento su territori ampi e ambiziosi, ben oltre l ambito che le risorse formali a disposizione farebbero ritenere possibile. Questo è stato possibile grazie a uno sforzo molto oltre la normalità di un nucleo ristretto di persone, e un contributo comunque significativo (e sempre volontario) di una cerchia più ampia. In questo modo è stata coperta l attività di produzione di protocolli (che ha nella presentazione di GBC Quartieri e GBC HB una sorta di conclusione di fase ), le attività di animazione, comunicazione, advocacy, nonché internazionali (Europa e USA). Non è stata una scelta obbligata, né lo è per il futuro, come dimostra la varietà dei GBC nel panorama internazionale e la pluralità di strategie pur nel quadro di una comune visione di fondo. GBC Italia deve ridecidere comunque e per forza di cose il proprio posizionamento per il prossimo triennio. Dinosauri ed edilizia al metanolo: la sfida della modernizzazione. La modernizzazione della filiera edilizia è una delle condizioni del rilancio del Paese; non dicono bene due ordini di notizie che hanno variamente occupato le cronache in II

9 report POLICY questo maggio che precede l assemblea sociale del 9 giugno 2014: quelle relative all Expo di Milano, e quelle sull ennesimo, non desiderato calo del PIL nazionale. Partiamo da questo secondo punto. Perché è calato ancora, nonostante i dati di ripresa dell export e di ordinativi per la nostra manifattura? Alcuni analisti hanno evidenziato il ruolo strutturale, (e negativo) dell edilizia in senso ristretto e allargato. Deaglio (La Stampa, 15 maggio 2014) evidenzia come le attività del settore a febbraio 2014 siano attestate a quota 62 fatto 100 il livello 2010; e il loro peso condiziona fortemente il PIL. Ovviamente molti parlano di necessità di rilancio: ma le idee non sono così chiare quando si tratta di passare al come; non includono la scelta della qualità. E qui entra in gioco la vicenda Expo. Che è ovviamente grave per le dinamiche di corruttela emerse. Ma molto di più perché evidenzia una cultura, che invece è ritenuta legittima, e che è ampiamente diffusa, che possiamo etichettare come cultura e pratica della gara al ribasso, magari condita con slogan sulla semplificazione. Questo approccio renderà impossibile per l edilizia essere protagonista di processi di rilancio. In estrema sintesi: in un mondo (nel senso letterale del pianeta, dei paesi del mondo) che vede l edilizia in profonda trasformazione, attraversata da significativi processi di innovazione, in Italia si continua a immaginare il settore come quel dinosauro che è stato per gran parte del dopoguerra, e che ha regalato le periferie e i territori capannonizzati che adesso ci ritroviamo: alla patria di Brunelleschi, Michelangelo, Palladio o Sammicheli o Bernini, o dei giardini rinascimentali. Le nostre periferie sono il lascito di pratiche che non hanno futuro, e ci ostiniamo a coccolare. Ne sono un buon esempio l estraneità ancora prevalente alle pratiche della qualità certificata; o all uso sistematico, negli appalti pubblici, delle gare al massimo ribasso. Rifiuto della qualità certificata e corruzione non sono sinonimi, né sono necessariamente collegati; ma è certo che la mancanza di III

10 procedure che sono minimali e obbligatorie in ambiti industriali costituisce un ottimo ambiente per la corruzione. Non si bonifica l edilizia se nello stesso tempo non si provvede a modernizzarla, non si modernizza l edilizia se non si combatte la corruzione. Negli anni 80 del secolo scorso nel settore del vino emersero alcuni scandali (tra cui il vino al metanolo). Il settore non tentò di scusare o legalizzare il metanolo; prese un altra strada, quella della modernizzazione qualitativa: qualificare tutto il processo, e piano piano conquistarsi stima, che poi vuol dire valore e prezzi. La sequenza di scandali mostra che il metanolo è invece nel cuore dell edilizia con finanza pubblica. Con gli effetti depressivi che ciò implica: perché il vino al metanolo scaccia dagli scaffali il doc buono, peggio ancora se a coltivazione bilanciata, biologica, ecosostenibile. L edilizia non ripartirà mai, e peserà su tutto il Paese, se tutti gli attori (privati e pubblici) non converranno che è finita un epoca, che i decenni passati non torneranno più, che i dinosauri (specie se a metanolo) non sono il futuro dell evoluzione della specie; che rinviare ancora come le mille scuse (in realtà un paio, sempre quelle, e false: tempi e costi) la qualificazione e la modernizzazione del Paese vuol dire lavorare contro il Paese e contro il futuro, i giovani, l occupazione, l equità, e via elencando. Per sostenere queste affermazioni, è opportuno riprendere alcune considerazioni sulle tendenze generali dell edilizia real estate, e ritornare poi sul tema della corruzione. Le grandi tendenze internazionali Le grandi tendenze in atto sono ben note. Partiamo dall Europa e la spinta alla moder- IV

11 report POLICY nizzazione. Nell ambito del quadro generale di far evolvere l Europa verso una carbon free economy, almeno tre filoni meritano di essere richiamati, in quanto convergenti: le politiche specifiche per il settore edile (Construction 2020), quelle sull efficienza energetica, e infine la direttiva sulle gare pubbliche (2014/24/EU). Nel quadro delle politiche centrate sulla green economy, l edilizia dovrebbe rappresentare uno degli assi portanti, anche a giudicare dalle risorse a ciò dedicate programmazione Nel 2012 una Comunicazione - COM(2012) 433 final Strategy for the sustainable competitiveness of the construction sector and its enterprises - affronta la questione della filiera costruzione. Sono significativi anche i soli titoli dei diversi filoni: -- Stimolare gli investimenti in particolare nella riqualificazione e nell innovazione; -- Politiche per la formazione e riqualificazione di tutto il personale della filiera; -- Uso sostenibile delle risorse naturali; -- Sviluppo dei mercati interni di prodotti e servizi; -- Competitività internazionale Come si potrebbe vedere andando più a fondo, l Europa propone alla filiera delle costruzioni un sentiero ben preciso, coerente con altri provvedimenti e indicazioni: abbiamo usato il termine modernizzazione ; se ne trovi un altro migliore: ma la sfida è chiara: anche l edilizia deve affrontare le sfide della competitività internazionale, della qualità, della sostenibilità: che sono tutti aspetti della stessa cultura. Un ulteriore tassello delle politiche europee, pienamente congruente con la citata Comunicazione 433 (2012) è rappresentato dalla Direttiva 27 dello stesso anno; nel V

12 mentre conferma le direttive precedenti in materia di efficienza energetica, introduce numerose innovazioni. All art. 4, si prevedeva che entro il 30 aprile 2014: Gli Stati membri stabiliscono una strategia a lungo termine per mobilitare investimenti nella ristrutturazione del parco nazionale di edifici residenziali e commerciali sia pubblici che privati. Questa strategia a lungo termine, che in queste pagine rinominiamo Piano nazionale, dovrebbe vedere la luce in ogni Paese entro il 30 aprile 2014, e poi rivista ogni tre anni. La direttiva elenca che cosa si debba intendere per strategia a lungo termine : -- Una mappatura del parco immobiliare; -- Definizione di approcci a ristrutturazioni efficaci e a costi certi; -- Politiche e misure volte a stimolare le ristrutturazioni degli edifici; -- Un quadro di riferimento che aiuti e guidi gli operatori individuali e degli operatori del settore; -- Misure rigorose del risparmio atteso e dei benefici complessivi delle ristrutturazioni. Negli articoli successivi si prevedono numerose altre misure, che sono riconducibili alla certificazione degli interventi, che devono essere cost effective e trasparenti nelle previsioni di risparmio; che devono essere monitorati, rendicontati, e trasparenti, cioè visibili e controllabili dai cittadini e dai diretti interessati. In altri termini, la strategia europea è molto precisa: modernizzare il settore, usare VI

13 report POLICY la componente pubblica come driver. A questo scenario si ricollega la Direttiva 2014/24/UE del 26 febbraio 2014, sugli appalti pubblici. La domanda sottostante è ben nota: come può il pubblico svolgere una funzione di leadership, di traino? Ovviamente scegliendo la qualità e l eccellenza ( cost effective ), e utilizzando strumenti coerenti con tutto ciò. La direttiva 24/2014 si propone di generalizzare fino a rendere unico il criterio di offerta economicamente vantaggiosa. Grazie a tale criterio di «offerta economicamente più vantaggiosa» (MEAT) nella procedura di aggiudicazione, le autorità pubbliche dovrebbero mettere sempre di più l accento su qualità, considerazioni ambientali, aspetti sociali o innovazione, pur tenendo conto del prezzo e dei costi del ciclo di vita dei prodotti o dei servizi. Inoltre, nelle forniture di beni o servizi e nei contratti di concessione. In tempi di polemiche antieuropee, vale la pena di spendere due parole sulle tendenze di mercato. Il mercato internazionale, prima ancora delle direttive europee, è in forte evoluzione lungo alcune direttrici: 1. Il settore si sta sempre più internazionalizzando; fondi e capitali di diversa natura operano sempre di più con ottiche sovranazionali; 2. La qualità intrinseca degli edifici, intesa sia come qualità del costruito che come qualità della gestione, è sempre più rilevante, perché ormai è chiaro che la qualità impatta fortemente (e positivamente) sia con il valore di mercato sia con i costi di funzionamento. E in tutto il mondo, Europa inclusa, la qualità è sempre di più misurata da quella strana cosa che sono i sistemi volontari di certificazione come BREEAM, antesignano in Europa e nel mondo, il nordamericano, ma ormai più VII

14 che globale (progetti in 130 paesi!), LEED (Leadership in Energy and Environmental Design), o il più recente ma robusto sistema di elaborazione tedesca (DGNB). Potrebbe sembrare uno scherzo del destino, da paroloni del tipo eterogenesi dei fini : ma il fatto è che questi strumenti di origine green sono oggi una componente essenziale dei più qualificati business model. 3. Il mercato internazionale ha anticipato in questo ambito le scelte politiche e ha sviluppato ormai robusti modelli di business, con tutta la strumentazione contrattualistica correlata, che inglobano i citati sistemi qualità certificazione di sostenibilità come componente essenziale. 4. In regioni come l Europa e, in misura diversa, il Nord America, il cuore del business sta passando dalle nuove costruzioni alla riqualificazione e gestione dell esistente; ricompattazione, rigenerazione dell esistente, consumo zero di nuovo spazio. In sintesi: le connessioni tra l evoluzione strategica europea e quelle del mercato sono molto più strette di quanto possa apparire a prima vista. Infatti, gli strumenti sistemici più innovativi (e cioè i vari BREEAM, LEED, DGNB, ecc.) rispondono da tempo a pressoché tutti i requisiti delle direttive: forniscono strumenti terzi, certificati, di definizione e misurazione della qualità e delle performance degli edifici. Consentono di misurare, monitorare, rendere trasaprente; supportano i calcoli sui costi e i tempi di ritorno. In relazione a direttive come quella sugli appalti pubblici, possono essere un valido strumento per la valutazione il più rigorosa possibile della qualità, che altrimenti, se non definita, rischia di essere una parola vuota. VIII

15 report POLICY Italia: innovare per rilanciare Allineare l Italia alle più qualificate dinamiche europee e internazionali del real estate, modernizzare la filiera costruzioni real estate: questo è l unico orizzonte che può contribuire al rilancio del Paese e del settore; si deve avere il coraggio di avere una visione orientata al futuro e all eccellenza internazionale; adottando e facendo proprio spirito, scienza, strumenti. Per decenni, tutta la filiera del real estate ha operato secondo logiche da mercato interno, chiuso alle dinamiche internazionali. In un Paese in crescita, arrivato in breve tempo, dopo la guerra, a un miracolo economiche, la casa di proprietà, o l appartamento, era un sogno diffuso. Costruire per vendere sul mercato locale è stato per decenni il modello prevalente; e le risorse provenivano prevalentemente dal circuito interno, si trattasse di famiglie che si comprano la casa o l appartamento, o piccole e medie imprese che si fanno il proprio capannone. Questo modello è in crisi da tempo. Lo dimostra lo stock di nuovo invenduto, ma soprattutto l evidente obsolescenza, e quindi di potenziale perdita di valore, di gran parte del costruito di quei decenni. Non è una situazione solo italiana; per questo l Europa sta incentivando la riqualificazione delle città e del territorio. Se non si rimette mano a questo immenso parco immobili milioni di unità immobiliari ci sarà una ulteriore fonte di impoverimento e decadenza del Paese. Con quali soldi? Il modello di business dei decenni scorsi come già detto non è più ripetibile. Si tratta di rigenerare città, riqualificare edifici: con quali risorse? Dove e come ricercarle? Quali nuovi sistemi di convenienze? Come fare business? Non c è una risposta semplice e univoca; bisognerà ripensare, inventare, sperimenta- IX

16 re nuove formule. Ma una cosa è certa: se l Italia non riuscirà anche ad attrarre risorse internazionali, ben difficilmente riuscirà a sollevarsi da sola, tirandosi su per chissà quali capelli. Come diventare attraenti per investimenti immobiliari internazionali? Occorrono più condizioni insieme. In primo luogo, si deve ricostruire una immagine e una visione del Paese. L Italia deve guardare alle direttive europee che richiedono piani nazionali di riqualificazione non come un ennesimo vincolo da cui svicolare (come è stato fatto in molti, troppi casi con la certificazione energetica); ma a una grande opportunità: ripensarsi per rigenerare un Paese la cui eccellenza non si fermi al Milleseicento. Rivitalizzare le periferie per vitalizzare i nostri centri storici. Una visione ambiziosa deve essere poi accompagnata da molte (per l Italia) innovazioni: non arriveranno investimenti in Italia se non si modernizzano i modelli di business, se non si garantisce la qualità, se le procedure amministrative non saranno rapide e certe. Expo 2015: una occasione (in parte) sicuramente perduta Cosa c entra tutto questo con la crisi dell edilizia e la corruzione? 1. Il futuro nell edilizia è soprattutto nella riqualificazione del patrimonio esistente; 2. Richiede innovazioni in ogni ambito della filiera; 3. Tra cui meccanismi che siano in grado di attrarre capitali internazionali; 4. Tutto questo richiede qualità, modernizzazione; X

17 report POLICY 5. È incompatibile con la corruzione, perché questa è incompatibile con qualità, trasparenza, culture e pratiche europee e internazionali. L Europa, tanto per tornare al tema, chiede al pubblico, con il 3%, di essere leader e traino nell innovazione: come può avvenire se proprio nel pubblico tutto viene attivato in base ad altre logiche? Expo 2015 poteva innescare un circolo virtuoso; avrebbe potuto essere, come vorrebbe l Europa, una occasione di politica industriale. Difficile? In teoria, no: gli esempi internazionali infatti abbondano. Perché le Olimpiadi di Pechino o l Expo di Shanghai 2010 hanno adottato, ormai molti anni fa, policies di sostenibilità, incentivando l uso di sistemi di certificazione come LEED? Perché lo stesso ha fatto Vancouver per le invernali, Londra per le sue olimpiadi, il Brasile per la coppa del mondo calcio di questo 2014, o per le olimpiadi del 2016? La questione è semplice e ovvia: usando come leva gli investimenti, e definendo obiettivi ambiziosi, sostenuti da una strumentazione adeguata, si favorisce un innalzamento di tutta la filiera: si incentiva la modernizzazione. L evento passa, l apprendimento e le buone pratiche restano. Perché non si è fatto con Expo 2015? Nel 2010, o nel 2011 (non adesso ) c era tutto il tempo di a. definire policies; b. elaborare gare e capitolati di appalto congruenti; c. attivare pratiche virtuose. Non si tirino fuori le scuse, vergognose oltre ogni dignità dopo quello che si è visto, di tempi e costi: dove si lavora bene (e certificato), i tempi sono certi e i costi sono non solo certi, ma più bassi (è dal secolo scorso che dovremmo sapere che non è la qualità a costare, ma la non qualità ). Quando Expo 2015 si stava programmando, si sapeva già tutto, su qualità e buone pratiche: perché c erano già gli esempi di altri paesi. Perché non è successo? Si può XI

18 auspicare, da cittadini disperati ma nonostante tutto volonterosi, che Expo in quanto evento vada bene: ma è certo che non svolgerà più una funzione di traino per la modernizzazione del settore delle costruzioni (non si citi la registrazione di un unico edificio per la certificazione LEED). Non aver scelto la qualità (internazionale, certificata) è stata una delle precondizioni tecniche che hanno poi agevolato pratiche di assegnazione per appartenenza (che erano palesi anche quando la corruzione non era stata scoperchiata dalla magistratura). Vincere le assegnazioni con certi ribassi è semplicemente fuori dalla realtà e dal buon senso: ma tutti sono stati zitti. Questo è il brodo di cultura delle pratiche corruttive. La corruzione è un fenomeno a più dimensioni, e combatterla richiede si agisca sulla cultura, sui meccanismi economici, sulle normative, sulla filiera di competenze. Le azioni positive e preventive sono la vera precondizione; poi sono necessarie anche attività di controllo e azioni repressive. Un contesto orientato alla qualità e al merito costituirà un ambiente meno propenso di un sistema dove la qualità è irrilevante e penalizzata e prevalgono logiche di appartenenza. Chi usa sistemi come i pluricitati BREEAM, LEED, DGNB non riceve in automatico il patentino di santità e di campione anticorruzione; ma di sicuro è più difficile sviluppare assegnazioni arbitrarie, clientelari o corruttive, laddove si usano questi sistemi, e se avviene troverà comunque dei vincoli tecnici di non poco conto all abbassamento della qualità e alle truffe su materiali e prodotto. Nel caso italiano, due sono quindi le precondizioni tecniche della corruzione come l abbiamo conosciuta: le gare al massimo ribasso, e l assenza di protocolli di qualità multidimensionali a verifica terza. Nessuna delle due condizioni è di per sé sinonimo di corruzione; di certo sono sinonimi di lesa qualità e violata trasparenza. Dato un certo livello qualitativo, sconti dell ordine di qualche punto sono comprensibili, di qualche XII

19 report POLICY decina no: è contro il buon senso, prima che contro la legge. Torniamo sui due fattori citati: A. Le gare al massimo ribasso. Sono una procedura legale (anche se l Europa non la vorrebbe più); semplicemente viola il principio di realtà. Non esiste possibilità di combinare il rispetto di standard minimi (di prodotto, processo, correttezza inclusi) e avere quei ribassi che si riscontrano in troppi casi. Ne seguono con certezza una delle due : o il fallimento di chi ha vinto, oppure la sequenza di varianti in corso d opera che riportano il costo reale ben oltre il 100% di partenza. La vituperata Europa cerca di contrastare questi fenomeni (già marginali nei paesi virtuosi) con provvedimenti come l ultima direttiva in materia (la 24/14 sulle gare di appalto) dove si promuovono bandi di gara basati sulla qualità. Perché in Italia si ama così tanto la procedura al ribasso, accettata e praticata anche da chi dice di voler combattere la corruzione? B. Protocolli terzi e verifiche. Le gare al ribasso sono possibili solo se si eliminano riferimenti tecnici rigorosi; per cui sono la premessa, il terreno di coltura dell assegnazione arbitraria e clientelare. Parlare di offerte vantaggiose introduce però tutto un filone: cosa è la qualità? Come e chi la misura? In assenza di riferimenti, l arbitrio che si vorrebbe estromettere o limitare può rientrare dalla porta centrale, non dalla finestra. In pressoché tutti i settori (tranne l edilizia) la risposta, da decenni, è venuta dal mercato e dalle imprese prima che da leggi e norme. I giapponesi, negli anni 70 e 80, hanno fatto della qualità la leva principale della loro competitività, e il mondo è stato costretto a inseguire. In tutti gli ambiti la qualità è collegata a un insieme di condi- XIII

20 zioni (le solite: modelli di business, sistemi organizzativi premianti, ricerca continua, formazione e competenze elevate, ecc.), ma anche a un apparato, privato e terzo rispetto alle imprese, che è rappresentato dal mondo della certificazione. Protocolli di qualità di prodotto e processo e procedure e strutture a ciò collegare fanno parte della normalità. A livello internazionale, da qualche anno questa modernizzazione legata alla qualità è in atto anche nella filiera dell edilizia e del real estate. I sistemi di rating della sostenibilità (LEED, BREEAM, DGNB, ecc.) sono ormai parte integrante di tutti i progetti di una certa rilevanza a livello internazionale. Sono usati in interventi pubblici e privati, opere singole e grandi eventi. Come ricordato, le olimpiadi di Vancouver, Pechino, Londra; la coppa del mondo di Brasile 2014, e le olimpiadi di Rio 2016: tutti questi eventi includono policies di sostenibilità certificate. Perché no in Italia? Perché L expo di Milano 2015, che riguarda un tema per sua natura legato alla sostenibilità, come il cibo e l agricoltura, non ha introdotto policies che legano le attività alla certificazione di qualità? Si è già detto che le risposte che citano tempi e costi rivelano o incompetenza o malafede (o tutte e due). La vera incompatibilità è tra certificazione e arbitrio, discrezionalità incontrollata, varianti a getto continuo. E anche tra certificazione e gare al massimo ribasso (con quel che ne segue). Tutti i sistemi internazionali citati sono ormai sistemi robusti collegati a conoscenze tecniche, gestione dei processi, sistemi contrattuali. Tramite impianti come BREEAM, LEED DGNB e altri si controllano decine di dimensioni (gestione del suolo, delle acque, materiali e rifiuti, energia, benessere, ecc.), secondo metriche ormai globalmente adottate e riconosciute Intervenire adesso (estate 2014) su una situazione come quella di Expo è arduo in maniera esponenziale; i sistemi citati, infatti, anche se sono correttamente inquadrati XIV

21 report POLICY nella famiglia certificazioni di qualità, non operano ex post, ma ex ante; dalle specifiche di committenza, alla progettazione, alla realizzazione. A opere avviate, soprattutto in base al chissà come di gare al ribasso, peggio ancora se anche inquinate da fenomeni corruttivi, si può solo cercare di evitare disastri. I sistemi citati possono essere ugualmente utili, ma difficile imporli se non già presenti nei capitolati. Si può lavorare su moral suasion e adesioni volontarie e buone pratiche ispirate alla qualità. Vicende come l Expo, che purtroppo e non a caso è l ennesima di lunghe serie, dovrebbero invece portare a rivedere cultura, pratiche e norme della filiera per il futuro. Come valutare l esperienza e la performance di GBC Italia Rari nantes in gurgite vasto Lo scenario (parziale) sopra delineato è indispensabile per tornare a GBC Italia: che rischia di apparire come predicatore di castità nel quartiere a luci rosse. La storia di GBC Italia può essere letta come il tentativo di innovare un settore dove abbondano le caratteristiche sopra richiamate. Da questo punto di vista, è stata cruciale (positivamente) la legittimazione offerta dalla Provincia Autonoma di Trento (che nelle proprie procedure di gara pubbliche ha progressivamente adottato il riferimento a LEED), nonché dal mercato e dagli operatori con respiro internazionale. Tuttavia queste condizioni, per quanto importanti, non sono sufficienti né a cambiare il Paese né a spiegare la gran mole di lavoro svolto. Il quale trova la sua spiegazione nelle persone: nuclei concentrici di volontari (gli autolesionisti, i moderati, i fornitori di consenso a distanza ) che hanno costituito una community tecnico-professionale, che, ignorando XV

Leadership in Energy and Environmental Design

Leadership in Energy and Environmental Design LEED Leadership in Energy and Environmental Design LEED è lo standard di certificazione energetica e di sostenibilità degli edifici più in uso al mondo: si tratta di una serie di criteri sviluppati negli

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura

Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura ABBONATI RIVISTE ONLINE! TROVA AZIENDE EDILBOX CONTATTI HOME NEWS! AZIENDE ECONOMIA EDILIZIA IMMOBILI APPUNTAMENTI! LEGGI & NORME Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura CERCA

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

IGI. Istituto Grandi Infrastrutture. Convegno. Roma, 18/03/2015. Le direttive 2014: contributo di approfondimento per il loro recepimento

IGI. Istituto Grandi Infrastrutture. Convegno. Roma, 18/03/2015. Le direttive 2014: contributo di approfondimento per il loro recepimento IGI Istituto Grandi Infrastrutture Convegno Roma, 18/03/2015 Le direttive 2014: contributo di approfondimento per il loro recepimento Le novità delle nuove direttive europee appalti e concessioni e il

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 A seguito delle riunioni con le strutture regionali, sono state approfondite le tematiche relative al rinnovo

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

PREMIO STOR-AGE. Concorso di idee innovative per lo storage energetico REGOLAMENTO

PREMIO STOR-AGE. Concorso di idee innovative per lo storage energetico REGOLAMENTO PREMIO STOR-AGE Concorso di idee innovative per lo storage energetico REGOLAMENTO Art. 1 Oggetto e finalità Il premio STOR-AGE è un iniziativa volta a supportare lo sviluppo di progetti imprenditoriali

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile

Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile Aprile 2015 Indice 1. Un nuovo approccio al tema della sostenibilità 1.1. Il Ruolo della manifattura per la crescita sostenibile 1.2. Politiche industriali

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito ALLEGATO 1 Via A. Picco Oggetto: istanza di ammissione alla gara relativa servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria delle macchine operatrici di ACAM Ambiente s.p.a.. Il sottoscritto...., nato

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO L ITALIA È PIENA DI ZINGARI FALSO. In Italia rom, sinti e camminanti sono circa 170mila cioè lo 0,25% della popolazione complessiva, UNA DELLE PERCENTUALI PIÙ

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39 Qualità dei servizi internet da postazione fissa - Delibere n. 131/06/CSP, 244/08/CSP e 400/10/CONS Anno riferimento: 2014 Periodo rilevazione dei dati: 2 SEM. X Per. Denominazione incatore Tempo attivazione

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DI UN PREMESSO CHE: nell ambito delle rispettive competenze, hanno promosso la costituzione

PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DI UN PREMESSO CHE: nell ambito delle rispettive competenze, hanno promosso la costituzione PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DI UN OSSERVATORIO REGIONALE DEI PREZZI DEL MERCATO IMMOBILIARE E DEI COSTI DI MANUTENZIONE RISTRUTTURAZIONE E RESTAURO DELLE OPERE EDILI PREMESSO CHE: - La Camera

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Prof. Luigi d Alonzo

Prof. Luigi d Alonzo La complessità in classe Prof. Luigi d Alonzo Università Cattolica Ordinario di Pedagogia Speciale Centro Studi e Ricerche sulla Disabilità e Marginalità Presidente della Società Italiana di Pedagogia

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network Di cosa parliamo? La Borsa delle Idee è la soluzione per consentire alle aziende di coinvolgere attivamente le persone (dipendenti, clienti,

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli