Interventi di miglioramento delle prestazioni energetiche degli involucri edilizi. MWh risparmiati MWh prodotti t CO2 rimosse Costi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Interventi di miglioramento delle prestazioni energetiche degli involucri edilizi. MWh risparmiati MWh prodotti t CO2 rimosse Costi"

Transcript

1 URB 1.1 Interventi di miglioramento delle prestazioni energetiche degli involucri edilizi URB Le emissioni di CO2 prodotte dagli edifici rappresentano circa il 40% dello stock complessivo di emissioni nel territorio di Bauladu. Partendo da questi dati l'amministrazione ha scelto di incidere in maniera decisa in questo settore attraverso interventi che possano portare al miglioramento delle prestazioni degli involucri edilizi. In particolare, per ottenere questi risultati, l'azione si propone di redarre l'allegato Energetico Ambientale del Regolamento Edilizio, che possa da un lato adeguarsi alle nuove disposizioni statali e regionali in materia energetica e dall'altro sostenere il superamento di tali standard e incrementare la sensibilità dei cittadini alle tematiche energetiche e guidare le loro scelte verso la finalità ultima di ridurre i fattori legati al consumo di energia in edilizia. Attraverso i nuovi requisiti che andranno a delinearsi, sostenuti dalle campagne di sensibilizzazione, si prevede di incrementare il numero di interventi sulle pareti perimetrali, le coperture ed i serramenti degli edifici residenziali di circa il 5% all anno, rispetto allo scenario business as usual. Secondo le considerazioni sin qui fatte, supportate dalle linee guida del PAES e dalle analisi annuali dell ENEA, si può ritenere che, nel tempo di attuazione del Piano d'azione, circa il 18-20% del patrimonio edilizio sarà oggetto di interventi di riqualificazione energetica, tali da portare l'edificio nel suo complesso dalla Classe Energetica G a quella E. I risultati dell azione sono computati nelle schede azione correlate. 1 di 36

2 URB 1.2 Interventi per favorire l'utilizzo delle fonti energetiche rinnovabili URB Come è emerso nell'analisi di contesto il territorio di Bauladu gode di una spiccata vocazione all'utilizzo dell energia solare e di quella eolica, pertanto nell'allegato Energetico Ambientale si intende prevedere l'introduzione di parametri minimi di copertura dei consumi di energia attraverso fonti rinnovabili per tutti gli interventi edilizi finalizzati alla realizzazione di nuove costruzioni, riqualificazioni o ampliamenti. Nell'inserire questi obblighi l'amministrazione intende superare quelli già in vigore previsti con il Decreto rinnovabili n. 28/2011. All'interno delle politiche di incentivazione alle FER, sostenute con l'allegato Energetico Ambientale, si avvierà un meccanismo di incentivazione al superamento degli standard minimi di legge per la realizzazione di impianti FER per uso domestico (fotovoltaico, solare termico, microeolico, riconversione di impianti termici per riscaldamento e ACS alimentati da biomasse) attraverso la possibilità di accesso ad un contributo monetario ad impianto, ottenibile tramite la detrazione dall'imposta Unica Comunale (IUC). Con l'insieme delle azioni descritte si è stimato un incremento di circa il 30% annuo delle installazioni di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili rispetto allo scenario business as usual. I risultati dell azione sono computati nelle schede azione correlate. 2 di 36

3 URB 1.3 Interventi di miglioramento dell'efficienza energetica degli impianti termici URB Nell ottica del miglioramento dell efficienza energetica degli impianti termici, l Amministrazione Comunale, in coerenza con il D.Lgs. 192/2005 ed il DPR n. 74/2013, intende attivare le seguenti azioni: Istituzione del catasto impianti termici cittadini; Rilascio di attestati di conformità ai parametri di efficienza (bollino verde). Tutte le procedure di controllo e di applicazione dei bollini verdi saranno seguite attraverso un percorso informatizzato che permetterà di tracciare: - Quanti bollini vengono venduti; - Dove vengono applicati; - Tipologie di caldaie installate. In funzione di ciò si potranno applicare sanzionamenti e premialità ma, soprattutto, il Comune avrà un quadro costantemente aggiornato sulla vetustà degli impianti termici installati nel proprio territorio. I risultati dell azione sono computati nelle schede azione correlate. 3 di 36

4 MOB 1.1 Realizzazione di un sistema informativo per i passeggeri del trasporto pubblico MOB L'Amministrazione comunale, in collaborazione con l'arst, intende realizzare una pensilina per l'attesa dei mezzi di trasporto pubblico presso una delle due fermate del servizio presente sul territorio comunale, nello specifico in quella sita presso viale della Libertà n. 55, così da rendere più confortevole la permanenza riparando i passeggeri dalle intemperie invernali e dalla calura estiva. La pensilina sarà integrata con i seguenti elementi: panca; cestini per la raccolta differenziata; display a LED riportante gli orari dei mezzi in arrivo/partenza alla fermata e dotato di sistema di alimentazione con pannello fotovoltaico. Si è scelto di ricorrere alla tecnologia LED per il pannello informativo, in quanto permetterà di variare il messaggio in funzione delle necessità. I benefici in termini di abbattimento delle emissioni di CO2 derivanti dalla presente azione, in quanto non si è ritenuto sufficiente il grado di attendibilità della stima elaborata in tale fase, in via cautelativa non sono stati computati. Tuttavia, poiché ci si attende un apporto positivo, il contributo sarà quantificato in fase di monitoraggio. 4 di 36

5 MOB 1.2 Incentivazione dell uso dei sistemi di trasporto pubblico MOB L'Amministrazione comunale, attraverso le risorse messe a disposizione dalla Regione Sardegna per incentivare la popolazione scolastica all uso del trasporto pubblico, assegna annualmente un contributo a sostegno delle spese sostenute per l'acquisto degli abbonamenti ai mezzi ARST da parte degli studenti della scuola secondaria. I contributi sono erogati in funzione della graduatoria stilata sulla base della situazione economica familiare calcolata attraverso l Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE). I benefici in termini di abbattimento delle emissioni di CO2 derivanti dalla presente azione, in quanto non si è ritenuto sufficiente il grado di attendibilità della stima elaborata in tale fase, in via cautelativa non sono stati computati. Tuttavia, poiché ci si attende un apporto positivo, il contributo sarà quantificato in fase di monitoraggio. 5 di 36

6 MOB 1.3 Attivazione di servizi di mobilità pubblica a chiamata o collettivi MOB Dall'analisi dell'offerta di trasporto pubblico a disposizione dei residenti di Bauladu è emersa una evidente sottodotazione del servizio, che non risulta quindi capace di soddisfare le esigenze di mobilità della popolazione. Per tale motivo e per contrastare la rapidissima crescita del parco auto verificatasi nel decennio 2002/2012, l'amministrazione comunale, in un'ottica di aggregazione con i Comuni dell'unione dei Comuni del Montiferru - Sinis, intende promuovere l'attivazione di un servizio taxi collettivo, attraverso il ricorso a vetture aventi una capienza massima di passeggeri e un costo per l'utenza inferiore a quello del taxi tradizionale. Questa misura non si sovrapporrà all'offerta attualmente disponibile nel territorio, ma si integrerà con quest'ultima nelle fasce orarie scarsamente servite e con particolare attenzione alle esigenze delle utenze deboli quali, ad esempio, gli anziani. Costituisce parte integrante della presente azione, oltre l'attivazione del servizio, lo studio di fattibilità e la progettazione propedeutici. La fase conoscitiva si svilupperà in parallelo con la costituzione di un tavolo di concertazione che vedrà coinvolti tutti i principali stakeholder della filiera del trasporto pubblico locale (Comuni, Arst, associazioni di categoria, cittadini, ecc.). Non computabile al momento. 6 di 36

7 MOB 2.1 Abbattimento delle barriere architettoniche MOB L Amministrazione Comunale intende realizzare un progetto pilota di progettazione condivisa per il censimento delle barriere architettoniche all'interno dell'area urbana del Paese. Tale azione rientra all'interno del campo d'azione del PAES in quanto un agevole fruizione pedonale, oltre ad avere un'irrinunciabile valenza sociale, è capace di influire positivamente sulla riduzione del ricorso all automobile. Il progetto prenderà avvio dalla fase di individuazione degli ostacoli durante un sopralluogo condotto congiuntamente da un tecnico comunale e un pedone appartenente ad una categoria sensibile (utente con disabilità fisica, sensoriale o cognitiva, un genitore con passeggino, ecc.), proseguirà con la catalogazione da parte degli uffici dell'amministrazione (tipo di ostacolo, localizzazione, documentazione fotografica) e si concluderà con l'eliminazione dell'elemento di disturbo attraverso le opere necessarie. Successivamente i tecnici comunali provvederanno ad inserire ciascun ostacolo all interno di una mappa. Le barriere saranno catalogate per categorie omogenee: pavimentazione sconnessa, scivolo assente e non a norma, tombino, area inaccessibile, altri ostacoli come pali, fioriere, cassette postali. Qualora la rimozione dell'ostacolo individuato non dovesse essere di diretta competenza dell'amministrazione comunale, si provvederà a darne comunicazione ai soggetti competenti per promuovere il loro interessamento. I benefici in termini di abbattimento delle emissioni di CO2 derivanti dalla presente azione, in quanto non si è ritenuto sufficiente il grado di attendibilità della stima elaborata in tale fase, in via cautelativa non sono stati computati. Tuttavia, poiché ci si attende un apporto positivo, il contributo sarà quantificato in fase di monitoraggio. 7 di 36

8 MOB 2.2 Attivazione di un servizio bus navetta per gli alunni della scuola primaria MOB Nell'anno 2011 è stato soppresso l'unico istituto scolastico primario presente sul territorio comunale. Per questo motivo la popolazione scolastica, che conta attualmente circa 35 studenti della scuola elementare, è costretta a recarsi giornalmente presso il comune di San Vero Milis per frequentare le lezioni. Allo scopo di minimizzare i disagi per alunni e genitori derivanti dalla riorganizzazione logistica del servizio scolastico, l'unione dei Comuni Montiferru Sinis ha attivato un servizio bus navetta intercomunale (comuni di Bauladu, Tramatza, Zeddiani e San Vero Milis). La situazione di pendolarismo verso la scuola secondaria di primo grado è invece storicizzata, considerato che a Bauladu non è mai stato presente un istituto scolastico per la scuola secondaria di primo grado. Attualmente la popolazione scolastica di tale grado conta circa 25 studenti. Di questi, circa 20 si recano giornalmente presso il comune di Milis per frequentare le lezioni e circa 5 presso il comune di Oristano. Il Comune di Bauladu, anche in questo caso attraverso l Unione dei Comuni Montiferru Sinis, garantisce il servizio di trasporto scolastico per gli alunni che si recano a Milis. Gli alunni che frequentano a Oristano si organizzano autonomamente e con il servizio di trasporto pubblico (ARST). Il servizio bus navetta, per gli alunni delle scuola primaria e secondaria di primo livello, viene erogato attraverso due bus dedicati, uno per scuola di destinazione, che nei giorni scolastici effettuano ciascuno una corsa di andata e una di ritorno. L appalto per l anno 2014 è stato aggiudicato alla ditta Fara Viaggi. I pullman utilizzati sono di tipologia Euro 3. Non produce una riduzione di CO2, in quanto nell'anno base era presente un istituto scolastico a distanza pedonale. L'introduzione del servizio bus navetta è la strategia che permette di raggiungere le scuole nei comuni vicini con la minore emissioni di CO2 fra le alternative percorribili. 8 di 36

9 MOB 2.3 Attivazione di misure di sostegno per la mobilità ciclabile MOB L'Amministrazione comunale, allo scopo di promuovere la mobilità ciclabile all'interno del proprio territorio, intende attivare una serie di misure di sostegno quali: Individuazione di percorsi di interesse sia residenziale sia turistico ed elaborazione di una mappa di riferimento da rendere disponibile sul sito istituzionale del Comune; Posizionamento di rastrelliere per la sosta delle bici nei principali punti di interesse; Attivazione di sistemi per la riduzione della velocità degli autoveicoli e messa in sicurezza ove necessario del percorso; Sostegno alla creazione di gruppi di acquisto per biciclette tradizionali e a pedalata assistita. I benefici in termini di abbattimento delle emissioni di CO2 derivanti dalla presente azione, in quanto non si è ritenuto sufficiente il grado di attendibilità della stima elaborata in tale fase, in via cautelativa non sono stati computati. Tuttavia, poiché ci si attende un apporto positivo, il contributo sarà quantificato in fase di monitoraggio. 9 di 36

10 MOB 3.1 Promozione del Car pooling MOB La strategia più diretta per l abbattimento delle emissioni derivanti dal settore della mobilità privata è la promozione e il potenziamento del trasporto pubblico, che tuttavia necessita di essere sostenuto da soluzioni ausiliare innovative per quanto attiene alla domanda che si pone in posizione intermedia fra il trasporto collettivo e l utilizzo dell auto privata. Per questi motivi l Amministrazione Comunale intende promuovere il sistema di mobilità alternativa denominato car-pooling. Per car-pooling si intende la condivisione di un mezzo di trasporto privato fra più persone che compiono assieme lo stesso tragitto. Obiettivo del car-pooling è la riduzione del numero di auto circolanti con significative ricadute positive sia ambientali (minore occupazione di spazio pubblico, minori emissioni) sia economiche per i passeggeri che condivideranno anche i costi del viaggio. Per favorire la diffusione di tale sistema di mobilità alternativo, l'amministrazione intende avviare un progetto sperimentale che vedrà l'intera comunità bauladese divenire un laboratorio per la mobilità sostenibile. Le attività, oltre all'organizzazione di giornate di sensibilizzazione e informazione, prevedono lo studio delle abitudini di spostamento, attraverso l'elaborazione della matrice Origine/Destinazione dell'intera popolazione, in funzione del mezzo utilizzato e della fascia oraria, così da facilitare la formazione degli equipaggi. L Amministrazione Comunale, inoltre, attraverso una procedura di evidenza pubblica, intende individuare, fra gli attuali operatori del settore, una piattaforma di servizi per il car pooling da promuovere attraverso i propri canali istituzionali, così da integrare la domanda evidenziatasi a Bauladu con quella eventualmente coerente anche su un territorio di riferimento più ampio. MWh risparmiati 4,83 MWh prodotti t CO2 rimosse 1,23 Costi Si è stimato il numero di coloro che potenzialmente potrebbero praticare il car-pooling in funzione del numero degli spostamenti in auto come conducente generati giornalmente da Bauladu (Istat 2001) e fra questi si è ipotizzata una percentuale di penetrazione del 5%. La riduzione di emissione di CO2 è stata quindi determinata in funzione del coefficiente medio delle auto car-pooling (3 persone per auto) e della percorrenza media dello spostamento andata/ritorno su Bauladu (4 km). 10 di 36

11 MOB 3.2 Realizzazione di una colonnina di ricarica elettrica MOB Allo stato attuale sul territorio comunale di Bauladu non è stata realizzata alcuna opera infrastrutturale idonea ad accogliere sistemi di mobilità alternativa a quella a combustione, quale quella elettrica. Per tale motivo l Amministrazione comunale intende installare una colonnina di ricarica elettrica, del tipo integrato con pannello fotovoltaico, per l'alimentazione di autovetture e biciclette elettriche. I risultati dell azione sono computati nelle schede azione correlate. 11 di 36

12 MOB 3.3 Azioni a sostegno della diffusione di veicoli elettrici e a basse emissioni MOB ll trasporto privato incide per il 46,7% all'interno dell'inventario di Base delle Emissioni. Per tale motivo si ritiene importante favorire il rinnovo del parco auto dei residenti del Comune che, grazie al miglioramento tecnologico dei nuovi veicoli immessi sul mercato nei prossimi anni e alle azioni di informazione e sensibilizzazione, potrà garantire un'importante riduzioni nelle emissioni di CO2. Infatti, secondo quanto evidenziato dagli studi condotti da alcune società di consulenza del settore in merito alle prospettive di diffusione attese per i veicoli elettrici, è ipotizzabile una quota di mercato per tale tipologia di veicoli che si aggira attorno al 3% delle nuove immatricolazioni nell'anno Per quanto attiene invece le autovetture tradizionali, quindi con motore termico a gasolio o benzina, il Parlamente Europeo ha approvato il pacchetto clima-energia che fissa il livello medio di emissioni di CO2 delle auto nuove a 95 g CO2/km entro il L Amministrazione comunale quindi, con l obiettivo di favorire e sostenere la diffusione di veicoli con migliori prestazioni, relativamente alle emissioni di CO2, attiverà campagne di sensibilizzazione che saranno orientate ad evidenziare i vantaggi ambientali ed economici derivanti da un utilizzo più sostenibile dei mezzi di trasporto privato. MWh risparmiati 510,49 MWh prodotti t CO2 rimosse 133,09 Costi Il calcolo, che prevede una parziale conversione del parco veicoli privato di Bauladu verso auto elettriche e con elevate prestazioni ambientali, è stato valutato sulla base del trend storico di rinnovo del parco auto. A tale trend, calmierato del 30% a causa del crollo strutturale della domanda che ha interessato il mercato italiano, si è aggiunto un 5% per l influenza sinergica e reciproca di tutte le azioni del PAES. Il rinnovo globale del parco auto al 2020 si è quindi stimato essere del 37%. 12 di 36

13 MOB 4.1 Dotazione di veicoli ecologici per la flotta comunale MOB L Amministrazione Comunale, con orizzonte temporale 2020, ha previsto di sostituire l'automobile di servizio con un nuovo autoveicolo più ecologico. Si intende inoltre acquistare una bicicletta a pedalata assistita da destinare agli uffici comunali cosicché, utilizzata quando possibile in sostituzione dell'autovettura, si riducano i chilometri percorsi con il mezzo a combustione e possa essere di buon esempio per il resto della cittadinanza. MWh risparmiati 1,33 MWh prodotti t CO2 rimosse 0,02 Costi Il calcolo della riduzione delle emissioni di CO2 si è ottenuto in funzione del consumo medio del nuovo mezzo comunale in rapporto a quello del mezzo attualmente a disposizione dell'amministrazione. 13 di 36

14 FER 1.1 Installazione impianti fotovoltaici su strutture private FER Il territorio comunale di Bauladu gode di ottime condizioni di irraggiamento solare. Tale peculiarità permette di comprendere ancora meglio le potenzialità dell utilizzo della risorsa solare per ridurre le emissioni climalteranti. L industria fotovoltaica ha permesso negli ultimi anni di incrementare notevolmente l efficienza e l affidabilità dei pannelli, inoltre con la creazione a livello globale di grandi filiere si sono ridotti fortemente i costi di produzione e quindi anche l accessibilità a questa tecnologia. L azione si propone di attivare un processo di sensibilizzazione che aiuti a comprendere i benefici economici e ambientali dati dall installazione di questa tipologia di impianti. Inoltre attraverso gli interventi introdotti dal Nuovo Regolamento Edilizio, che prevede una forte semplificazione nell'iter burocratico per l'installazione di impianti domestici alimentati a FER (descritti nella Scheda Azione URB 01.2), si stima che il trend di installazione ipotizzato dalla RAS (+17,8% ) sia ulteriormente sostenuto da una maggiorazione del 5% totale atteso. In sintesi la scheda vuole fotografare il contributo alla riduzione delle emissioni di CO2 apportato dall installazione di impianti fotovoltaici nelle strutture private sia da parte dei cittadini che da parte delle imprese. Cittadini, Imprese MWh risparmiati MWh prodotti t CO2 rimosse Costi 603,43 291,46 Il calcolo parte dai dati del Gestore dei Servizi Elettrici riguardanti le installazioni di impianti fotovoltaici a partire dal fino al Non risultando attivi impianti di proprietà comunale, tali valori sono stati computati integralmente tra i benefici prodotti da installazioni di soggetti privati. Per i dati di installazione fino al 2020, anche alla luce della riduzione dei benefici economici statali bilanciati solo in parte dalla riduzione del prezzo dei pannelli, le stime dei diversi scenari del PEARS hanno ipotizzato una progressione nelle installazioni del 17,8 % dal 2013 al Quest'ultimo valore è stato incrementato del 5% (raggiungendo il 18,7%) in conseguenza delle attività di stimolo prodotto dal PAES. La produzione di energia è stata calcolata andando a moltiplicare la potenza installata attesa per la producibilità media annua attesa nel Comune di Bauladu al netto delle perdite di sistema e dalle installazioni di impianti non perfettamente esposti (1.400 kwh/kwp). 14 di 36

15 FER 1.2 Installazione impianti fotovoltaici su strutture pubbliche FER L'utilizzo degli spazi disponibili nelle coperture degli immobili comunali per la realizzazione di generatori fotovoltaici è da ritenersi una scelta strategica fondamentale per la riduzione delle emissioni di CO2 e dei costi per le forniture elettriche. L azione nello specifico è volta all installazione di impianti fotovoltaici a copertura parziale dei fabbisogni delle seguenti strutture comunali: Nuovo Municipio Casa delle Associazioni (Vecchio Municipio) ex Scuole Elementari Deposito idrico Palestra Centro Servizi San Lorenzo Centro Sociale Capannone area PIP Spogliatoi impianti sportivi Non essendo disponibile al momento un progetto preliminare specifico sulle diverse strutture è possibile stimare, in funzione delle superfici a disposizione e della differente esposizione dei vari edifici, un dimensionamento complessivo di circa 100 kwp MWh risparmiati MWh prodotti 127,81 t CO2 rimosse 61,73 Costi La produzione di energia è stata calcolata andando a moltiplicare la potenza installata attesa per la producibilità media annua attesa nel Comune di Bauladu, al netto delle perdite di sistema e delle installazioni di impianti non perfettamente esposti e della differente tecnologia impiegata. In particolare si è impiegata una producibilità di kwh/kwp per il silicio amorfo (Palestra e Centro sociale) e kwh/kwp per il silicio cristallino (per le restanti installazioni). 15 di 36

16 FER 1.3 Installazione impianti solari termici su strutture private FER La domanda di energia termica per la produzione di ACS ed il riscaldamento degli ambienti possono trovare una valida risposta nella fonte solare attraverso l impiego di collettori solari. Le tipologie più impiegate sono quelle a piano vetrato oppure sottovuoto. A Bauladu, queste tecnologie trovano terreno favorevole dato l ottimo irraggiamento solare, pertanto, l Amministrazione comunale, attraverso campagne di sensibilizzazione, lo snellimento dei processi autorizzativi e l attivazione di sistemi premiali intende incrementare l attenzione, e quindi le installazioni, dei privati verso questa tipologia di impianti. L Italia attualmente è uno dei più importanti mercati europei per installazioni con una potenza totale in esercizio di MWth nel Il trend di crescita tra il 2003 ed il 2012 ha fatto registrare incrementi annuali medi del +25%, passando da meno di 300 MWth a più di MWth. Pur avendo registrato un rallentamento nelle installazioni negli ultimi anni per via della crisi economica, utilizzando il trend dell ultimo decennio è ragionevole attendersi ulteriori e significativi incrementi annui. Tale valutazione è corroborata anche dall incidenza delle differenti tipologie di incentivazione attualmente operanti (Detrazione 65% e Conto Termico ). Cittadini, Imprese MWh risparmiati MWh prodotti 101,31 t CO2 rimosse 46,06 Costi La crescita annua registrata in Italia dall ESTIF, nella pubblicazione Solar Thermal Markets in Europe - Trends and Market Statistics 2012, ha rilevato una crescita in 10 anni del 685% con picchi annuali del 45%. I dati di installazione nazionale sono stati trasposti a livello comunale attraverso il parametro kw/1.000 abitanti riferito al 2008 (20 kw/1000). A titolo cautelativo si è ipotizzata la crescita annuale del 10% delle installazioni, per arrivare al 2020 con circa 52 kw di potenza complessiva. Per il calcolo finale del risparmio energetico, non essendo disponibili i dati puntuali sulla ripartizione per vettore energetico utilizzato per la produzione di ACS nel Comune di Bauladu, sono stati ipotizzati in 80% Energia Elettrica, 20% GPL. Tale ripartizione ha permesso di calcolare i benefici energetici dovuti alla sostituzione attraverso il Risparmio Specifico Lordo (kwh/mq/anno) nella fascia solare 3, che è pari a per il boiler elettrico e per le caldaie a gas. 16 di 36

17 FER 1.4 Installazione impianti FER in ambito rurale non servito dalla rete FER Il territorio bauladese è caratterizzato dalla presenza di numerose aziende agricole attualmente non servite dalla rete elettrica. Tali operatori sono costretti ad impiegare quotidianamente gruppi elettrogeni alimentati a benzina che oltre ad essere piuttosto emissivi creano anche notevoli inefficienze dal punto di vista economico/produttivo. Pertanto il Comune, per ridurre le emissioni in ambito agricolo ed incentivare il ripopolamento delle campagne, ha messo in agenda il sostegno alle imprese per la riconversione dei sistemi di produzione elettrica a combustione con sistemi fotovoltaici ad isola (off-grid) dotati di accumuli dimensionati alle esigenze dell'operatività aziendale. L'azione nello specifico prevede i seguenti interventi da parte dell'amministrazione Comunale: Formazione di un gruppo di acquisto per la fornitura di impianti solari fotovoltaici stand alone (comprensivi di pannelli, inverter, batterie, cavi, connettori e strutture di fissaggio, ecc.) Erogazione di un contributo pari al 60% dell'investimento complessivo alle: aziende attualmente non servite da rete elettrica, che intenderanno sostituire i gruppi elettrogeni alimentati da fonte fossile con impianti solari fotovoltaici con sistemi di accumulo dimensionati in base alle proprie esigenze operative; aziende che si insedieranno in agro di Bauladu in aree non servite da rete elettrica. MWh risparmiati 123,87 MWh prodotti t CO2 rimosse Costi 30,84 Si è stimata la sostituzione di 8 gruppi elettrogeni a servizio di altrettante aziende agricole non servite dalla rete elettrica, con l'installazione di 8 impianti fotovoltaici stand-alone. Questa conversione provocherà l'annullamento dei consumi di benzina per l'alimentazione dei gruppi elettrogeni pari a circa 10 tonnellate/anno complessive. 17 di 36

18 EE 1.1 Riqualificazione dell'illuminazione pubblica EE L Amministrazione Comunale ha in programma un importante percorso per la riduzione dei consumi elettrici attraverso numerosi interventi puntuali e generali sul parco lampade relativo all illuminazione pubblica. Uno dei più rilevanti consiste nella riqualificazione a led di n. 255 corpi illuminanti installate. Nel dettaglio l azione prevede la sostituzione delle seguenti apparecchi: n. 37 lampade a vapori di mercurio da 150 W; n. 29 lampade a vapori di mercurio da 125 W; n. 36 lampade a vapori di mercurio da 100 W; n. 153 lampade a vapori di sodio da 70 W; con armature a LED comprese tra 45 e da 85 W con un risparmio medio di circa il 50% totale. Tale risparmio sarà ulteriormente incrementato con l'implementazione di un sistema di riduzione del flusso luminoso che modulerà l'erogazione dell'energia nelle ore notturne, portando il risparmio complessivo a circa il 63% del totale dei consumi pre intervento Tale installazione di sistemi di telecontrollo permetterà anche di monitorare lo stato di funzionamento di ciascun impianto da remoto e consentendo azioni di regolazione, riarmo dell'alimentazione in caso di stacco, ecc. L intervento è ritenuto prioritario ed urgente per l'amministrazione che intende effettuare direttamente l'investimento complessivo di riqualificazione. MWh risparmiati 78,13 MWh prodotti t CO2 rimosse Costi Riduzione dei consumi elettrici di circa il 63%. Di questa scheda azione verranno conteggiati solo i MWh risparmiati e non la CO2 poiché tale computo è stato attribuito alla scheda azione EE di 36

19 EE 1.2 Politiche GPP EE Il Green Public Procurement (acquisti pubblici ecologici) è l approccio in base al quale l Amministrazione Pubblica integra i criteri ambientali in tutte le fasi del processo di acquisto dei beni e servizi, scegliendo soluzioni che hanno il minore impatto possibile sull ambiente lungo l intero ciclo di vita. La fonte normativa nazionale principale è costituita dal Decreto Interministeriale n. 135/2008, che approva il Piano d'azione Nazionale (PAN) sul GPP (aggiornato con Decreto del 10 aprile 2013) e con cui si invitano tutte le Pubbliche Amministrazioni ad introdurre una politica di acquisti verdi, nonché dai successivi decreti ministeriali che fissano i Criteri Ambientali Minimi (CAM) per le categorie di beni, servizi e lavori ambito d'intervento del Piano d'azione. Il GPP nasce come strumento volontario basato sull'iniziativa del singolo ente che decide di attuare politiche di acquisto ambientalmente preferibili. Il Comune di Bauladu, da diverso tempo, adotta criteri orientati alla sostenibilità nell acquisto dei prodotti per il soddisfacimento delle esigenze dell Amministrazione in alcuni settori: noleggio fotocopiatori, acquisto arredi, servizi di pulizia, servizio mense scolastiche. Il PAES prevede di dare ulteriore stimolo a queste pratiche mettendo a sistema il processo di acquisto attraverso una serie di azioni: Intervento 1 Formalizzazione dell adozione della politica GPP con atto deliberativo Intervento 2 - Redazione di un Piano di Azione Comunale per il GPP Redazione di un Piano di Azione comunale (PA) che definisce le priorità di intervento, gli obiettivi di miglioramento ambientale e i target e, infine, introduce i criteri di sostenibilità ambientale nelle procedure di acquisto, includendo una valutazione costi/benefici delle scelte di piano. Intervento 3 Elaborazione bandi di gara e realizzazione acquisti con criteri GPP Pubblicazione dei bandi di gara e realizzazione acquisti nei settori e categorie evidenziati dal PA con criteri ambientali Intervento 4 Ottenimento Marchio La Sardegna Compra Verde Ottenimento del marchio La Sardegna Compra Verde istituito dal Servizio SAVI (Sostenibilità Ambientale, Valutazione Impatti e Sistemi Informativi Ambientali) dell Assessorato della Difesa dell Ambiente della Regione Sardegna (A nel breve periodo e AA nel medio periodo) da parte della Regione Sardegna. Dipendenti comunali, Imprese MWh risparmiati 1,99 MWh prodotti t CO2 rimosse Costi L introduzione di criteri ambientalmente sostenibili all interno dei bandi Comunali si stima possa portare dei benefici pari alla riduzione del -5% dei consumi elettrici totali dell Amministrazione. A titolo prudenziale si è preferito impiegare una stima più conservativa rispetto ai valori consigliati dalle linee guida che prevedono una riduzione compresa tra il -20 ed il -30%. Di questa scheda azione verranno conteggiati solo i MWh risparmiati e non la CO2 poiché tale computo è stato attribuito alla scheda azione EE di 36

20 EE 1.3 Acquisto di energia verde certificata per i fabbisogni dei fabbricati comunali e dell'illuminazione pubblica EE L'Amministrazione Comunale ha in programma di aderire al contratto di fornitura di energia elettrica gestito da CONSIP, attivando la cosiddetta "opzione verde". Tale scelta consente che l'energia elettrica fornita ai diversi punti di presa di competenza comunale, puntualmente individuati, siano dotati di un certificato che ne attesta l'equivalente produzione da fonti rinnovabili nella disponibilità del fornitore (centrali idroelettriche eoliche, solari). Pertanto per tali consumi si considera una totale assenza di emissioni di CO2. E' volontà dell'amministrazione attivare tale opzione per tutte le utenze comunali comprese quelle dell'illuminazione Pubblica. All'iniziativa saranno affiancate campagne di informazione/formazione sui tempi della salvaguardia ambientale e del uso di risorse energetiche rinnovabili, presso gli utenti e i fruitori in genere delle strutture coinvolte. L'iniziativa verrà attivatà a partire dal 2015 e confermata nei successivi affidamenti di fornitura di energia elettrica. Dipendenti comunali, Cittadini MWh risparmiati MWh prodotti t CO2 rimosse 18,86 Costi Il calcolo deriva dalla conversione dell'energia mediamente consumata dal Comune in CO2, al netto di azioni di produzione di energia da fonte rinnovabile che ne riducano i consumi attuali. 20 di 36

1 PREMESSA. 1.2 La definizione delle Azioni. 1.1 Obiettivo minimo del PAES

1 PREMESSA. 1.2 La definizione delle Azioni. 1.1 Obiettivo minimo del PAES ALLEGATO - Piano d per l Energia Sostenibile LE AZIONI COMUNE DI GUASTALLA Detto ciò, a partire dal suddetto valore emissivo al 2007 verranno valutate nella presente Fase 2 le azioni già messe in atto

Dettagli

1 RAPPORTO DI MONITORAGGIO. Piano d Azione Energia Sostenibile Comune di Teolo. -Marzo 2014-

1 RAPPORTO DI MONITORAGGIO. Piano d Azione Energia Sostenibile Comune di Teolo. -Marzo 2014- 1 RAPPORTO DI MONITORAGGIO Piano d Azione Energia Sostenibile Comune di Teolo -Marzo 2014- COMUNE DI TEOLO SUPPORTO TECNICO: CONSORZIO UNIVERSITARIO DI RICERCA APPLICATA C/O UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

Dettagli

Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato

Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato Scheda R Azione R.1 Fabbisogni energetici dell edilizia residenziale esistente Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato Obiettivi

Dettagli

PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile

PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile RAGGRUPPAMENTO DEI COMUNI DI OSNAGO E LOMAGNA Comune di Osnago PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEI COMUNI PICCOLI E MEDI Fondazione Cariplo area ambiente bando 2011 PAES Piano d Azione per l Energia

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE 2014 MALCESINE ORIZZONTE 2020 LE SCHEDE AZIONE

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE 2014 MALCESINE ORIZZONTE 2020 LE SCHEDE AZIONE PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE MALCESINE ORIZZONTE LE SCHEDE AZIONE PAES 2 3 4 INDICE SETTORE RESIDENZIALE... 6 CLASSIFICAZIONE TERMICA... 6 CALDAIE AD ALTA EFFICIENZA... 8 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA

Dettagli

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Introduzione Nome dell ente Comune di Padova, Italia Logo del

Dettagli

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili ALBA AUDITORIUM FONDAZIONE FERRERO IL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI NEL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DEL PIANO 20/20/20 Agostino Ghiglia Assessore all energia La nuova pianificazione regionale Nel dicembre

Dettagli

PIANO DI EFFICIENZA ENERGETICA DEL COMUNE DI PADOVA

PIANO DI EFFICIENZA ENERGETICA DEL COMUNE DI PADOVA PIANO DI EFFICIENZA ENERGETICA DEL COMUNE DI PADOVA Ente Locale Promotore Comune di Padova - Settore Ambiente Ufficio Agenda 21 c/o Informambiente via vlacovich 4-35126 Padova Tel. 049 8022488 Fax. 049

Dettagli

Vo l p a g o d e l M o n t e l l o, 07 m a r zo 2016. PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE del COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO

Vo l p a g o d e l M o n t e l l o, 07 m a r zo 2016. PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE del COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO Vo l p a g o d e l M o n t e l l o, 07 m a r zo 2016 PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE del COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO IL PAES e GLI OBIETTIVI Ricognizione su tutto il territorio comunale degli

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Gli Acquisti Verdi di Intercent-ER: Risultati raggiunti e prossime iniziative. Bologna, 5 maggio 2009

Gli Acquisti Verdi di Intercent-ER: Risultati raggiunti e prossime iniziative. Bologna, 5 maggio 2009 Gli Acquisti Verdi di Intercent-ER: Risultati raggiunti e prossime iniziative Bologna, 5 maggio 2009 SOMMARIO L impegno di Intercent-ER per il GPP Alcuni risultati: meno CO2, più alberi Iniziative in corso

Dettagli

PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile

PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Nave San Rocco Provincia autonoma di Trento Via 4 vembre, 44 38010 NAVE SAN ROCCO 0461/870641 0461/870588 www.comune.navesanrocco.tn.it sindaco@comune.navesanrocco.tn.it F853-4139 - 24/08/2015-6.9

Dettagli

Comune di Vallarsa frazione Raossi, 13 38060 Vallarsa (TN) tel. 0464 860860 fax. 0464 869147 comune@comune.vallarsa.tn.it

Comune di Vallarsa frazione Raossi, 13 38060 Vallarsa (TN) tel. 0464 860860 fax. 0464 869147 comune@comune.vallarsa.tn.it Comune di Vallarsa frazione Raossi, 13 38060 Vallarsa (TN) tel. 0464 860860 fax. 0464 869147 comune@comune.vallarsa.tn.it Vallarsa, lì 10 dicembre 2013 Oggetto: questionario relativo ai consumi energetici

Dettagli

Energia e costruzioni

Energia e costruzioni Walter Sant Elia Energia e costruzioni Un binomio sempre più inscindibile. Che nasconde un potenziale non solo tecnologico ma anche commerciale di dimensioni davvero enormi. Fotografato dal primo Rapporto

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

L analisi del sistema energetico comunale e Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Paolo Fabbri Alberto Rossini

L analisi del sistema energetico comunale e Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Paolo Fabbri Alberto Rossini L analisi del sistema energetico comunale e Piano d Azione per l Energia Sostenibile Paolo Fabbri Alberto Rossini Il Patto dei Sindaci L Unione Europea guida la lotta contro il cambiamento climatico e

Dettagli

Conferenza Internazionale Riuso Sostenibile del Patrimonio Edilizio Torino, 5 giugno 2007 L ENERGIA: CHIAVE DI VOLTA DEL RIUSO EDILIZIO SOSTENIBILE Marco Filippi Dipartimento di Energetica, Politecnico

Dettagli

SETTORE INFORMAZIONE/FORMAZIONE

SETTORE INFORMAZIONE/FORMAZIONE N AZIONE DESCRIZIONE INDICATORE 1 SITO WEB, NEWSLETTER 2 VOLANTINI, BROCHURES,.. SETTORE INFORMAZIONE/FORMAZIONE Vantaggio rispetto agli altri mezzi di comunicazione: - notevole facilità di penetrazione

Dettagli

Audizione del. Direttore del Consorzio CEV. Gaetano Zoccatelli

Audizione del. Direttore del Consorzio CEV. Gaetano Zoccatelli Disegno di Legge n. 1541 conversione in legge del Decreto Legge 24 giugno 2014, n.91 Disposizioni urgenti per il settore agricolo, la tutela ambientale e l efficientamento energetico dell edilizia scolastica

Dettagli

L AGENDA 21 LOCALE del Comune di Pianezza: uno strumento per la sostenibilità del territorio comunale Secondo Incontro tematico ENERGIA

L AGENDA 21 LOCALE del Comune di Pianezza: uno strumento per la sostenibilità del territorio comunale Secondo Incontro tematico ENERGIA L AGENDA 21 LOCALE del Comune di Pianezza: uno strumento per la sostenibilità del territorio comunale Secondo Incontro tematico ENERGIA Pianezza, 7 maggio 2009 Andrea Camarlinghi, Corintea soc. coop. Sommario

Dettagli

La pianificazione energetica Regioni e comunità a confronto L ESPERIENZA DEL COMUNE DI TAVAGNACCO(UD)

La pianificazione energetica Regioni e comunità a confronto L ESPERIENZA DEL COMUNE DI TAVAGNACCO(UD) La pianificazione energetica Regioni e comunità a confronto L ESPERIENZA DEL COMUNE DI TAVAGNACCO(UD) Udine, Palazzo della Regione 27 giugno 2014 La pianificazione energetica Regioni e comunità a confronto

Dettagli

La prima ragione è che Firenze rappresenta un campo di analisi e sperimentazione ideale

La prima ragione è che Firenze rappresenta un campo di analisi e sperimentazione ideale La riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente rappresenta una sfida fondamentale per diverse ragioni e con benefici molteplici che possono innescarsi. Per il settore delle costruzioni,

Dettagli

Il Patto dei Sindaci

Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci è la principale iniziativa europea che unisce le autorità locali e regionali in un impegno comune per contribuire (raggiungendoli e superandoli)

Dettagli

Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico

Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico In questa sezione si analizzano gli aspetti economici, ambientali ed occupazionali collegati alla sviluppo del fotovoltaico. Aspetti economici Per quanto

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA. Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE

GUIDA ALLA LETTURA. Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE GUIDA ALLA LETTURA Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE 1) Indicazioni generali 2) Spiegazione singole schede dalla n. 15 a seguire INDICAZIONI GENERALI

Dettagli

Strategie, programmazione e strumenti finanziari per la spesa pubblica in energia. Simona Murroni - Assessorato Industria

Strategie, programmazione e strumenti finanziari per la spesa pubblica in energia. Simona Murroni - Assessorato Industria Strategie, programmazione e strumenti finanziari per la spesa pubblica in energia Simona Murroni - Assessorato Industria Documento di indirizzo per migliorare l efficienza energetica in Sardegna 2013-2020

Dettagli

Formazione tecnici di settore EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO

Formazione tecnici di settore EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO Formazione tecnici di settore EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO Particolare attenzione alla mobilità ciclabile QUESTIONI Difficoltà di realizzazione di piste ciclabili Ci sono i percorsi che servono? L

Dettagli

Bari, an European SMART CITY. Avv. Marco Lacarra, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bari

Bari, an European SMART CITY. Avv. Marco Lacarra, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bari Bari, an European SMART CITY Avv. Marco Lacarra, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bari I cambiamenti climatici sono un fenomeno di portata globale, tuttavia le città possono contribuire in maniera

Dettagli

Il PAES di Castellana Sicula (Pa) Giuseppe Riotto

Il PAES di Castellana Sicula (Pa) Giuseppe Riotto Moduli di sviluppo delle competenze CAMBIAMENTI CLIMATICI E SVILUPPO SOSTENIBILE IL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI 14 15 16 17 ottobre 2013 Messina Il PAES di Castellana Sicula (Pa) Giuseppe Riotto Castellana

Dettagli

2) nella seconda parte viene fornita una breve descrizione dell azione e i relativi gli obiettivi

2) nella seconda parte viene fornita una breve descrizione dell azione e i relativi gli obiettivi PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE raggruppamento Arcu e Cielu SCHEDE D AZIONE Le Azioni SINTESI DELLE AZIONI DI INTERVENTO E DESCRIZIONE Le modalità per raggiungere gli obiettivi di riduzione di

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 140

LEGGE REGIONALE N. 140 VII LEGISLATURA ATTI: 011117 LEGGE REGIONALE N. 140 NORME PER IL RISPARMIO ENERGETICO NEGLI EDIFICI E PER LA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI INQUINANTI E CLIMALTERANTI Approvata nella seduta del 15 dicembre

Dettagli

Efficienza energetica, online il Piano d'azione 2014 (PAEE). IL TESTO

Efficienza energetica, online il Piano d'azione 2014 (PAEE). IL TESTO casaeclima.com http://www.casaeclima.com/ar_18985 ITALIA-Ultime-notizie-paee-efficienza-energetica-Efficienza-energetica-online-il-Pianodazione-2014-PAEE.-IL-TESTO-.html Efficienza energetica, online il

Dettagli

Incentivi fiscali ed efficienza energetica: dalle politiche comunitarie alla regolazione regionale. di Gabriella De Maio

Incentivi fiscali ed efficienza energetica: dalle politiche comunitarie alla regolazione regionale. di Gabriella De Maio Incentivi fiscali ed efficienza energetica: dalle politiche comunitarie alla regolazione regionale di Gabriella De Maio La strategia energetica europea L UE considera l energia come un fattore essenziale

Dettagli

PERCORSO PARTECIPATIVO di SUPPORTO ALLA REALIZZAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI MEDICINA

PERCORSO PARTECIPATIVO di SUPPORTO ALLA REALIZZAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI MEDICINA PERCORSO PARTECIPATIVO di SUPPORTO ALLA REALIZZAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI MEDICINA -- RELAZIONE FINALE -- A cura di Leonardo Dovigo Marzo 2014 0 PERCORSO PARTECIPATIVO

Dettagli

GPP (Green Public Procurement)

GPP (Green Public Procurement) GPP (Green Public Procurement) INDICE DEFINIZIONE OBIETTIVI CRONOLOGIA EUROPA CRONOLOGIA ITALIA NORMATIVA EUROPEA NORMATIVA NAZIONALE CRITERI AMBIENTALI MINIMI CARTA ARREDI PER UFFICIO, ARREDO URBANO,

Dettagli

Il Piano di Azione per l Energia Sostenibile per il Comune di Caserta

Il Piano di Azione per l Energia Sostenibile per il Comune di Caserta Seconda Università di Napoli - DiSTABiF Dipartimento di Scienze e Tecnologie Ambientali Il Piano di Azione per l Energia Sostenibile per il Comune di Caserta Carmine Lubritto Convegno Comuni Rinnovabili:

Dettagli

IL PATTO DEI SINDACI: IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SCIACCA Sciacca Maggio 2015

IL PATTO DEI SINDACI: IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SCIACCA Sciacca Maggio 2015 IL PATTO DEI SINDACI: IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SCIACCA Sciacca Maggio 2015 SPES Consulting srl Ing. Adriano PESSINA LITOS Progetti srl Ing. Piero Lo Duca SPES Consulting

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica [14/03/2013 Prot. 647] Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica Programmazione 2014-2020 Tavolo tecnico B Valorizzazione, gestione e tutela dell ambiente

Dettagli

Sfide energetico-ambientali ed opportunità di business. Strumenti di gestione e bilanci integrati. Le iniziative del PAES

Sfide energetico-ambientali ed opportunità di business. Strumenti di gestione e bilanci integrati. Le iniziative del PAES Sfide energetico-ambientali ed opportunità di business. Strumenti di gestione e bilanci integrati Le iniziative del PAES Francesco Tutino - Comune di Bologna Settore Ambiente ed Energia -Ufficio Energia

Dettagli

Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013. Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO

Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013. Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013 Gentile famiglia Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO Il Comune di Brivio ha sottoscritto il Patto dei Sindaci, iniziativa Europea nata

Dettagli

Bando. Audit energetico degli edifici di proprietà dei piccoli Comuni

Bando. Audit energetico degli edifici di proprietà dei piccoli Comuni La ESCo del Sole srl via Zuretti 47/A 20125 Milano tel. 02 67101317 fax 02 66716680 www.laescodelsole.com Bando Audit energetico degli edifici di proprietà dei piccoli Comuni Relazione sui risultati conseguiti

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

REDAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) Aprile 2011

REDAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) Aprile 2011 REDAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) ATTIVITÀ PREVISTE Aprile 2011 MILANO, VIA CARLO POERIO 39, 20129 MILANO -TEL. (+39) 02 27744 1 - FAX (+39) 02 27744 222 ROMA, VIA VICENZA 5/A,

Dettagli

INTERVENTI SU EDIFICI ESISTENTI. Contenuto della disposizione

INTERVENTI SU EDIFICI ESISTENTI. Contenuto della disposizione Oggetto Interventi su edifici esistenti finalizzati al conseguimento di un predefinito valore limite del fabbisogno di energia primaria annuo Interventi su edifici esistenti, parti di edifici esistenti

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2013. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2013. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2013 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VAUDAGNA Marco Amministrazione

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES -

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Smart City Comuni in classe A 1 Indice 1. Il Patto dei Sindaci 2. Il Piano di Azione per l Energia Sostenibile PAES 3. Il progetto

Dettagli

La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future

La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future Roma - 25 novembre 2014 ing. Gianluca Cocco Direttore Servizio Sostenibilità Ambientale, Valutazione Impatti

Dettagli

Iniziative energetiche intraprese dall Amministrazione comunale di Lodi. Simone Uggetti Assessore all Ambiente Comune di Lodi

Iniziative energetiche intraprese dall Amministrazione comunale di Lodi. Simone Uggetti Assessore all Ambiente Comune di Lodi CITTA DI LODI Iniziative energetiche intraprese dall Amministrazione comunale di Lodi I comuni, l'energia, l ambiente e la tutela del cittadino: esperienze, innovazioni e finanziamenti Simone Uggetti Assessore

Dettagli

Efficientamento Energetico

Efficientamento Energetico Efficientamento Energetico L efficientamento energetico consiste nell insieme delle azioni volte a consumare meno, in modo migliore, ottenendo gli stessi risultati avuti con i normali comportamenti abituali.

Dettagli

Progetto Green Communities e i sistemi di rating dei territori montani. Salvatore Leto

Progetto Green Communities e i sistemi di rating dei territori montani. Salvatore Leto Progetto Green Communities e i sistemi di rating dei territori montani Salvatore Leto Consorzio Natura Energia Territorio Polo di Innovazione Regione Calabria per l Energia e l Ambiente TERRITORI OGGETTO

Dettagli

Sviluppo dell efficienza e del risparmio energetico

Sviluppo dell efficienza e del risparmio energetico Gruppo di Lavoro 3 Sviluppo dell efficienza e del risparmio energetico Bozza di indice Quadro internazionale e nazionale L efficienza energetica rappresenta il principale strumento per ridurre le emissioni

Dettagli

Piani d'azione Locali in Europa e in Italia. Esempi.

Piani d'azione Locali in Europa e in Italia. Esempi. Piani d'azione Locali in Europa e in Italia. Esempi. Città in movimento Oltre 3.200 governi locali che negli ultimi 15 anni hanno aderito alla Campagna Europea a alla Carta di Aalborg. A Maggio la 6 Conferenza

Dettagli

ENERGIA SOLARE IN UMBRIA

ENERGIA SOLARE IN UMBRIA ENERGIA SOLARE IN UMBRIA L'irraggiamento solare della regione Umbria, misurato mediando i valori ottenuti dalle quattro stazioni di Perugia, Città di Castello, Todi e Terni, è pari a circa 12573 Gcal/ha.

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA

EFFICIENZA ENERGETICA EFFICIENZA ENERGETICA Profilo aziendale Nata nel 1986 come azienda artigiana per lo sviluppo di impianti tecnologici industriali, NUOVA ELETTRICA garantisce affidabilità e professionalità, unitamente all

Dettagli

Politiche regionali per l efficienza energetica

Politiche regionali per l efficienza energetica Politiche regionali per l efficienza energetica Giuliano Vendrame Sez Energia Regione del Veneto Venezia, 15 dicembre 2015 Piano Energetico Regionale Fonti Rinnovabili - Risparmio Energetico - Efficienza

Dettagli

Politiche locali per l energia: il Patto dei Sindaci e i Piani di Azione per l Energia Sostenibile Ing. Irene De Piccoli Infoenergia

Politiche locali per l energia: il Patto dei Sindaci e i Piani di Azione per l Energia Sostenibile Ing. Irene De Piccoli Infoenergia GUIDARE LE AMMINISTRAZIONI LOCALI OLTRE GLI OBIETTIVI DELL UE AL 2020 Politiche locali per l energia: il Patto dei Sindaci e i Piani di Azione per l Energia Sostenibile Ing. Irene De Piccoli Infoenergia

Dettagli

COMUNI SPRECONI? SERVONO CIRCA 120 MILIONI DI EURO PER IL RISPARMIO ENERGETICO

COMUNI SPRECONI? SERVONO CIRCA 120 MILIONI DI EURO PER IL RISPARMIO ENERGETICO Comunicato stampa COMUNI SPRECONI? SERVONO CIRCA 120 MILIONI DI EURO PER IL RISPARMIO ENERGETICO Servono tra i 110 e i 120 milioni di euro per ridurre gli sprechi in campo energetico dei Comuni con meno

Dettagli

LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA IN ITALIA Introduzione

LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA IN ITALIA Introduzione LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA IN ITALIA Introduzione INTRODUZIONE SITUAZIONE PARCO IMMOBILIARE IN ITALIA Edifici residenziali STATISTICHE 2013 11,7 milioni di EDIFICI RESIDENZIALI 29 milioni di ABITAZIONI

Dettagli

Dimezzare i consumi negli edifici condominiali

Dimezzare i consumi negli edifici condominiali Dimezzare i consumi negli edifici condominiali Un incentivo per muovere interventi di riqualificazione edilizia e energetica nei complessi edilizi attraverso lo strumento delle Esco. PREMESSA Circa 24

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA (1)

EFFICIENZA ENERGETICA (1) Tutti gli incentivi per i cittadini: - La detrazione fiscale del 55% per rinnovabili e risparmio energetico nelle abitazioni - Il Conto Energia per il Fotovoltaico - La tariffa omnicomprensiva e i certificati

Dettagli

Verso edifici a consumo quasi zero

Verso edifici a consumo quasi zero Slide 1 Verso edifici a consumo quasi zero Paolo degli Espinosa - Fondazione Sviluppo Sostenibile con Giulia Agrelli e Bruno Salsedo Per conseguire l obiettivo edifici a consumo quasi zero, richiesti dalla

Dettagli

e supportato dall amministrazione comunale

e supportato dall amministrazione comunale di Padova Settore Ambiente Piano di azione: proposto dal Forum locale e supportato dall amministrazione comunale Parte Prima : Obiettivi a tre anni OBIETTIVI GENERALI Riduzione, in riferimento al valore

Dettagli

Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune

Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune I consumi energetici e le emissioni a Settala A CHE PUNTO SIAMO? Irene de Piccoli - Infoenergia 2 ottobre 211 SINTESI EMISSIONI AL FASE A EMISSIONI CO

Dettagli

Agenda Locale COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE

Agenda Locale COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE Agenda Locale 21 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE INDICE PREMESSA 3 ENERGIA 4 IL PIANO D AZIONE: L ENERGIA 5 1. COMUNICAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE...

Dettagli

Efficienza energetica nel patrimonio pubblico

Efficienza energetica nel patrimonio pubblico Scheda P Azione P.1 Efficienza energetica nel patrimonio pubblico Ristrutturazione del parco edilizio pubblico Obiettivi Quelli che sono stati gli Obiettivi prefissati quali : riduzione dei consumi di

Dettagli

IL PROGETTO EDIFICI VIRTUOSI PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO PUBBLICO

IL PROGETTO EDIFICI VIRTUOSI PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO PUBBLICO IL PROGETTO EDIFICI VIRTUOSI PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO PUBBLICO GLOBAL POWER SERVICE Il Consorzio Cev per l attuazione del Progetto EDIFICI VIRTUOSI si avvale del supporto

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio

INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio In collaborazione con Comune di Villa di Serio Comune di Nembro Comune di Pradalunga INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio 2011-2020: Prospettive di sostenibilità per la nostra città

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA (1)

EFFICIENZA ENERGETICA (1) Tutti gli incentivi per i cittadini come da: - Finanziaria 2008 (e modifiche del Gennaio 2009) - Nuovo Conto Energia per il Fotovoltaico (Febbraio 07) Indice: pagina 3: le diverse possibilità di intervento

Dettagli

Allegato alla D.C. n. 78/08 Piano triennale 2008-2010 di razionalizzazione e contenimento delle spese di funzionamento

Allegato alla D.C. n. 78/08 Piano triennale 2008-2010 di razionalizzazione e contenimento delle spese di funzionamento Allegato alla D.C. n. 78/08 Piano triennale 2008-2010 di razionalizzazione e contenimento delle spese di funzionamento Nel rispetto della normativa statale in oggetto e di quanto previsto dal Patto Interistituzionale

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 52/40 DEL 23.12.2014

DELIBERAZIONE N. 52/40 DEL 23.12.2014 Oggetto: POR FESR Sardegna 2007-2013. Progetto sperimentale Reti di distribuzione e mobilità elettrica. Programmazione azioni di promozione del risparmio e dell efficienza energetica a valere sulla linea

Dettagli

Azioni e Monitoraggio. Francesca Inverardi Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali Responsabile U.O.

Azioni e Monitoraggio. Francesca Inverardi Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali Responsabile U.O. Azioni e Monitoraggio Francesca Inverardi Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali Responsabile U.O. Qualità dell Aria 2 Le azioni Le azioni discendono dalle strategie di Mitigazione

Dettagli

CONVEGNO L ATTUAZIONE DEI PAES Adempimenti a carico dell Energy Manager Napoli 10 aprile 2015

CONVEGNO L ATTUAZIONE DEI PAES Adempimenti a carico dell Energy Manager Napoli 10 aprile 2015 DIPARTIMENTO DIPARTIMENTO DI DI SCIENZE SCIENZE E E TECNOLOGIE TECNOLOGIE AMBIENTALI AMBIENTALI DELLA DELLA SECONDA SECONDA UNIVERSITA UNIVERSITA DI DI NAPOLI NAPOLI ORDINE ORDINE DEGLI DEGLI INGEGNERI

Dettagli

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE 1. PREMESSA Le trasformazioni economiche, politiche, sociali e ambientali che in questi ultimi decenni hanno investito, in modo

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE:

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE: IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE: Un modello di sviluppo per i territori 08/05/2014 ORE 17.00 SAN ZENONE DEGLI EZZELINI Centro polivalente La Roggia - via Caozocco, 10 IL PATTO DEI SINDACI:

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2015

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2015 Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2015 RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio Gestione retribuzioni e rapporto di lavoro VENTURA Lorella

Dettagli

Domanda di partecipazione sezione Azioni di eccellenza dei PAES

Domanda di partecipazione sezione Azioni di eccellenza dei PAES Quarta edizione - 2015 Segreteria organizzativa: Tel. 075.8554321 / Fa 075.8520429 Alleanza per il Clima Italia onlus coordinamento@climatealliance.it / mail@pec.climatealliance.it Via G. Marconi, 8 06012

Dettagli

COMUNE DI. (Provincia di.)

COMUNE DI. (Provincia di.) COMUNE DI (Provincia di.) Deliberazione della Giunta Comunale N... del Oggetto : Adozione della politica di Green Public Procurement (Acquisti Verdi GPP) L' anno duemilaedodici, il giorno del mese, nella

Dettagli

Pianificazione comunale PSC / POC / PUA in applicazione dei piani sovraordinati

Pianificazione comunale PSC / POC / PUA in applicazione dei piani sovraordinati Comune di Bologna Pianificazione comunale PSC / POC / PUA in applicazione dei piani sovraordinati Giovanni Fini Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città Settore Ambiente UI Valutazioni e Controllo

Dettagli

Incontro con le aziende del settore industriale e terziario

Incontro con le aziende del settore industriale e terziario Comuni di Airuno, Brivio Incontro con le aziende del settore industriale e terziario Brivio, 25 giugno 2015 Sportello Energia Dal mese di maggio 2015 è aperto lo sportello energia : lo Sportello Energia

Dettagli

Protocollo di valutazione a scala urbana

Protocollo di valutazione a scala urbana Protocollo di valutazione a scala urbana Andrea Moro CONTESTO DI RIFERIMENTO Enti pubblici attori fondamentali nella promozione dell edilizia sostenibile Necessità di strumenti di valutazione/rating a

Dettagli

EMAS NEWS. CERTIFICAZIONE energetica NAZIONALE PER GLI gli edifici. Sommario: N. 3 LUGLIO 2008

EMAS NEWS. CERTIFICAZIONE energetica NAZIONALE PER GLI gli edifici. Sommario: N. 3 LUGLIO 2008 CERTIFICAZIONE NAZIONALE PER GLI gli edifici Il d.lgs. 192/2005, successivamente integrato dal d.lgs. 311/06, ha introdotto la certificazione degli edifici. Fino a quando non saranno emanate le linee guida

Dettagli

Avv. CUOMO Nicola. Arch. QUINTAVALLE Lea. Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo

Avv. CUOMO Nicola. Arch. QUINTAVALLE Lea. Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo Sindaco Assessore all Urbanistica R.U.P. Energy Manager Coordinamento Avv. CUOMO Nicola Arch. D AURIA Alessio Arch. QUINTAVALLE Lea Arch. SCOGNAMIGLIO Antonella Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo Gruppo di

Dettagli

La Strategia Energetica Nazionale

La Strategia Energetica Nazionale La Strategia Energetica Nazionale La nuova Strategia Energetica Nazionale, diffusa a fini di consultazione pubblica, individua quattro obiettivi principali per il sistema energetico italiano: 1) Ridurre

Dettagli

Milano, 22 maggio 2008

Milano, 22 maggio 2008 CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Incentivazioni e agevolazioni fiscali che richiedono la certificazione energetica e l Audit energetico Milano, 22 maggio 2008 Daniela Colalillo Assoutility Srl-

Dettagli

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico 4 febbraio 2009 Contabilità delle emissioni comunali Il progetto è nato dalla collaborazione di CISA con ENEA. Enea ha messo a

Dettagli

Presentazione della BASELINE

Presentazione della BASELINE capofila: CADREZZATE ANGERA, BREBBIA, BREGANO, COMABBIO, ISPRA, LAVENO MOMBELLO, LEGGIUNO, MERCALLO, MONVALLE, OSMATE, RANCO, TAINO, VARANO BORGHI con il contributo per il bando 2011 _ Promuovere la sostenibilità

Dettagli

Vidor (TV), 12-10 2011 TAVOLO DI CONCERTAZIONE: PATTO DEI SINDACI PER LO SVILUPPO DI PIANO D AREA SULLE ENERGIE RINNOVANILI: AVVIO DELL INIZIATIVA

Vidor (TV), 12-10 2011 TAVOLO DI CONCERTAZIONE: PATTO DEI SINDACI PER LO SVILUPPO DI PIANO D AREA SULLE ENERGIE RINNOVANILI: AVVIO DELL INIZIATIVA Vidor (TV), 12-10 2011 TAVOLO DI CONCERTAZIONE: PATTO DEI SINDACI PER LO SVILUPPO DI PIANO D AREA SULLE ENERGIE RINNOVANILI: AVVIO DELL INIZIATIVA LA COSTRUZIONE DEI PIANI D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE:

Dettagli

Il decreto in sintesi

Il decreto in sintesi Sulla G.U. serie generale 165 del 18-07-2014, è stato pubblicato il decreto legislativo nr. 102 del 4 luglio 2014, attuativo della direttiva 2012/27/UE sull efficienza energetica. Il decreto è in vigore

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT. Piacenza, 7 luglio 2008. Servizio Trasporti e Attività Produttive

MOBILITY MANAGEMENT. Piacenza, 7 luglio 2008. Servizio Trasporti e Attività Produttive MOBILITY MANAGEMENT Piacenza, 7 luglio 2008 Decreto Ronchi Decreto Ronchi del 27 marzo 1998 sulla "Mobilità sostenibile nelle aree urbane" Tutte le Aziende e gli Enti Pubblici con più di 300 dipendenti

Dettagli

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione. ESAME DELLA RELAZIONE n. 19 del 2014

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione. ESAME DELLA RELAZIONE n. 19 del 2014 Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione ESAME DELLA RELAZIONE n. 19 del 2014 "Relazione sullo stato di attuazione della Legge Regionale 11 dicembre 2006, n. 24 Norme per la prevenzione e la riduzione

Dettagli

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT 1 Piano d Azione per l Energia Sostenibile Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT Mobility Managment La Commissione mondiale sull ambiente e lo sviluppo (Rapporto Brundtland, 1987), ha definito lo sviluppo

Dettagli

Stato e prospettive dell efficienza energetica in Italia Alessandro Costa Fondazione Centro Studi Enel

Stato e prospettive dell efficienza energetica in Italia Alessandro Costa Fondazione Centro Studi Enel Stato e prospettive dell efficienza energetica in Italia Alessandro Costa Fondazione Centro Studi Enel «La ripresa vuole efficienza» Roma, 27 novembre 2013 Fondazione Centro Studi Enel Istituzione, senza

Dettagli

Sfida del clima e crisi energetica Il ruolo degli Enti Locali. Giuseppe Gamba - Presidente AzzeroCO2

Sfida del clima e crisi energetica Il ruolo degli Enti Locali. Giuseppe Gamba - Presidente AzzeroCO2 Sfida del clima e crisi energetica Il ruolo degli Enti Locali Giuseppe Gamba - Presidente AzzeroCO2 Il livello locale Dimensione su cui incide l azione del Governo Locale e dei cittadini La dimensione

Dettagli