CAPITOLO 9 COGENERAZIONE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLO 9 COGENERAZIONE"

Transcript

1 CAITOLO 9 COGENERAZIONE 9.1. Introduzione er cogenerazione si intende la produzione combinata di elettricità e di calore, entrambi intesi come effetti utili. Essa trova ampio spazio sia in ambito civile che industriale. Quando l utenza termica è rappresentata da edifici come ospedali, piscine, abitazioni si parla di teleriscaldamento: una rete di distribuzione di acqua calda sostituisce le caldaie domestiche, con benefici non trascurabili sia in termini di efficienza termodinamica che di riduzione delle emissioni. Ai tanti punti di emissione coincidenti con le singole caldaie si sostituisce infatti un unico punto di emissione, generalmente decentralizzato rispetto ai centri urbani, a tutto vantaggio della qualità dell aria. Decisamente più diffusa è la cogenerazione di tipo industriale. In questo caso il calore generato nell impianto viene inviato ad un industria che ne richiede l utilizzo nel proprio processo produttivo. Un esempio classico è quello delle cartiere e del comparto tessile, dove a grandi quantitativi di energia elettrica si affiancano elevati consumi di calore di processo. Nel caso delle cartiere, ma lo stesso può dirsi per moltissime altre applicazioni industriali (comparto tessile, chimico, agro-alimentare per citarne alcuni), il mezzo vettore di calore è il vapore. Nell impianto di cogenerazione quindi, oltre alla produzione di energia elettrica, verrà prodotto vapore nelle condizioni di pressione richieste dall utilizzatore. Tale vapore viene inviato all impianto utilizzatore (ad esempio la cartiera) dove cede il proprio calore di condensazione nel processo industriale; dal ciclo produttivo la condensa torna quindi all impianto cogenerativo, tipicamente in fase liquida a bassa temperatura e pressione atmosferica; a volte si verificano perdite di portata. Va sottolineato come, in un applicazione industriale, ciò che conta, dal punto di vista dell utilizzatore, non è la temperatura a cui viene fornito il vapore, quanto la sua pressione. E infatti il calore di condensazione del vapore ciò che viene utilizzato nel processo produttivo, non certo il calore che sarebbe possibile scambiare in fase di vapore surriscaldato Indici di valutazione A differenza di un impianto convenzionale per la sola produzione di energia elettrica, in un impianto cogenerativo i beni prodotti sono due: all energia elettrica si aggiunge la potenza termica che, a seconda dell applicazione, andrà ad essere convertita in riscaldamento o in calore di processo. Nasce quindi l esigenza di andare a definire degli opportuni indici di valutazione, essendo i due beni prodotti, energia elettrica e calore di processo, ben diversi. In un impianto di cogenerazione sono tre i flussi energetici più importanti: - la potenza termica sviluppata dal combustibile ch - la potenza elettrica netta generata el - la potenza termica utile Con le grandezze indicate si definiscono dei rendimenti, indicati come rendimento elettrico el e rendimento termico : el (9.1) ch 9.1

2 (9.2) Si ricorda che, a rigori, la definizione di rendimento è applicabile solo ed esclusivamente ad un ciclo chiuso, in cui l effetto utile è univocamente determinato. La definizione di rendimento di un sistema cogenerativo non è univoca dato che i due effetti utili, calore ed elettricità, hanno un valore termodinamico ben diverso e possono essere pesati in modo diverso; è allora opportuno introdurre opportuni parametri che consentano una valutazione corretta della bontà dell impianto. Una prima possibilità consiste nel definire un rendimento di primo principio I, che attribuisce la stessa importanza (e cioè lo stesso peso) alla potenza termica ed elettrica: + I el + (9.3) Tale rendimento è da intendersi più propriamente come un indice di utilizzo del combustibile e può assumere valori molto alti, anche dell ordine di E ovvio infatti che potenza termica ed elettrica non hanno lo stesso valore: mentre infatti la definizione del valore della potenza elettrica è chiara e assoluta, quella della potenza termica dipende dal livello termico a cui questa è resa disponibile. Un conto infatti è avere 10 MW di potenza termica a 1500 C, un altro è avere gli stessi 10 MW a 80 C. Nel tentativo di superare questo inconveniente, è stato introdotto il rendimento di secondo principio II, in cui la potenza termica viene trasformata nel suo equivalente meccanico: T II el + Carnot (9.4) T L espressione contenuta fra le parentesi tonde esprime il rendimento di Carnot di un ciclo operante fra T, temperatura media a cui è reso disponibile il calore, e T 0, temperatura di riferimento, generalmente assunta pari a 25 C. Tale rendimento viene scelto come peso per la potenza termica. Il prodotto tra rendimento di Carnot e potenza termica non è altro che il lavoro massimo che può essere ottenuto da un ciclo termodinamico ideale che evolvesse tra T e T 0. Questa formulazione del rendimento, seppur corretta dal punto di vista termodinamico, sottovaluta il valore del calore prodotto dal ciclo, confrontandolo con qualcosa di irrealizzabile, il ciclo di Carnot. Uno svantaggio di entrambe queste definizioni di rendimento stà poi nel fatto che non forniscono indicazioni in merito alla convenienza della cogenerazione al confronto con i processi tradizionali di produzione separata di calore e di elettricità. A tal proposito, è indispensabile confrontare i consumi energetici dell impianto cogenerativo con quelli che si avrebbero producendo separatamente i due beni. Sia ch,ce la potenza chimica del combustibile necessaria a produrre la potenza elettrica el in una centrale convenzionale caratterizzata da un rendimento CE : CE (9.5) ch, CE e ch,c la potenza chimica del combustibile necessaria a produrre la potenza termica in una caldaia convenzionale caratterizzata da un rendimento C : C (9.6) ch, C E possibile individuare un indice di risparmio energetico (IRE) pari a: IRE 1 1 (9.7) ch CE C el, +, + CE C L indice di risparmio energetico è il parametro di più larga diffusione per la valutazione della convenienza energetica della cogenerazione. er un suo pratico utilizzo, è necessario stabilire i 9.2

3 valori di riferimento dei rendimenti di centrale CE e di caldaia C. E possibile utilizzare due approcci: il primo si basa sull utilizzo dei rendimenti medi di esercizio relativi ad un parco di centrali e di caldaie assunte come riferimento, mentre il secondo usa i valori massimi conseguibili con la migliore tecnologia ad oggi disponibile. Quest ultima è la soluzione seguita nel decreto ministeriale CI6/92, decreto che regolava la cessione dei permessi per la realizzazione di impianti cogenerativi sul territorio nazionale e i prezzi di vendita dell energia elettrica auto-prodotta negli impianti cogenerativi ed immessa sulla rete elettrica nazionale. Un altro indice abbastanza diffuso è il consumo specifico addebitabile all energia elettrica prodotta C sp :, C C Csp (9.8) La definizione del consumo specifico parte dall assunto che la potenza termica debba comunque essere prodotta, per garantire la produzione industriale (o il teleriscaldamento). Esso non è altro che l inverso di un rendimento elettrico, in cui la quota di combustibile addebitata alla produzione di energia elettrica (che compare al numeratore del consumo specifico) viene calcolata andando a sottrarre dal consumo complessivo di combustibile la quota parte che comunque sarebbe stato necessario consumare per produrre la potenza termica. E pratica comune fornire i valori del consumo specifico utilizzando unità di misura differenti per la potenza chimica e per quella elettrica. Se infatti si esprime la potenza chimica in termini di kcal/h e quella elettrica di kw, la relazione (9.8) diventa: C kcal Csp 860 (9.9) el kwh Questo parametro nella sostanza dice quante kcal di combustibile è necessario bruciare per produrre 1 kwh. Tale consumo specifico è utilizzato nella pratica per calcolare il costo del kwh autoprodotto. Se si pensa infatti che, al di là dei costi di investimento, la voce dominante dei costi di esercizio di un impianto è la voce relativa al consumo di combustibile, il costo del kwh potrà essere stimato come il prodotto tra il consumo specifico così come calcolato dalla (9.9) e il costo del combustibile, diviso il suo potere calorifico inferiore: C Costo Costo sp combustibile KWh CI (9.10) Sarà allora conveniente produrre energia elettrica e potenza termica in modo combinato se il costo del kwh auto-prodotto sarà inferiore al costo di mercato. Tale confronto sarà inoltre fondamentale nella gestione dell impianto, in quanto permetterà di massimizzarne la resa economica. Infatti, il produttore potrà decidere se utilizzare internamente all industria l energia elettrica auto-prodotta o, se il prezzo sarà conveniente, immetterla in rete al prezzo di mercato. Un ultimo parametro utile nella classificazione delle diverse tipologie di impianti cogenerativi è l indice elettrico I el : I el (9.11) Esso non è altro che il rapporto tra potenza elettrica e potenza termica Configurazioni impiantistiche er produrre in maniera combinata energia elettrica a calore di processo, esistono tante possibili soluzioni, che vanno dal ciclo Rankine, all uso di turbine a gas e di impianti in ciclo combinato, fino all applicazione di motori a combustione interna alimentati a gas. La scelta di una soluzione 9.3

4 piuttosto di un altra dipende da diversi fattori, tra cui fondamentale è la taglia dell impianto e il regime dei consumi, vale a dire l andamento nel tempo dei consumi elettrici e termici dell impianto industriale utilizzatore, così come il rapporto tra i due beni. Il confronto tra le diverse soluzioni possibili viene poi condotto effettuando un analisi tecnico-economica delle diverse configurazioni impiantistiche prospettate, in cui il valore assunto dal consumo specifico addebitabile all energia elettrica risulta il parametro di confronto; sulla base della differenza dei costi annuali e del costo di investimento si valuterà il tempo di pay-back dell investimento. Analizziamo più nel dettaglio le diverse tipologie di impianti cogenerativi di maggior diffusione. La soluzione più semplice consiste nel realizzare un ciclo Rankine in cui l espansione del vapore in turbina venga arrestata e/o interrotta alle condizioni imposte dall utenza termica. Due sono le configurazioni impiantistiche compatibili con questa necessità: l impianto a contropressione e l impianto a contropressione con coda a condensazione. Figura 9.1: ciclo a vapore a contropressione Impianti a vapore a contropressione Nella configurazione in contropressione, il vapore viene prodotto ad alta pressione (40 90 bar) e ad alta temperatura ( C) in un generatore di vapore convenzionale e fatto espandere in turbina prima di essere inviato all utenza termica a pressioni di 3 10 bar. Una piccola frazione del vapore in uscita dalla turbina viene convogliata al degasatore per preriscaldare l acqua di alimento (figura 9.1). Le condense rientrano quindi nell impianto a vapore, vengono opportunamente integrate per compensare eventuali perdite di portata subite presso l utenza termica, e quindi rientrano in circolo a livello del degasatore. Si vede immediatamente come l utenza termica assolva, dal punto di vista dell impianto di potenza, la funzione di condensatore, condensatore che quindi non è più presente, eliminando tutta la parte di bassa pressione tipica degli impianti a vapore per la sola produzione di energia elettrica. Questo vantaggio viene in parte pagato dal fatto che la turbina si vede ridurre il salto di pressione a propria disposizione, risultandone un calo di potenza erogata all alternatore. Il principale difetto dello schema a contropressione è però quello di vincolare rigidamente la produzione di elettricità a quella di calore (l indice elettrico I el è costante e tipicamente inferiore a 0.18): ciò significa che, se si verifica un aumento della richiesta di energia elettrica non seguita da un analoga crescita della portata di vapore necessaria all utenza, si è obbligati a sfiatare in atmosfera il vapore prodotto in più. Trattandosi di un operazione poco attraente dal punto di vista 9.4

5 energetico, non viene praticamente mai attuata. L impiego dell impianto a vapore a contropressione è consigliato in applicazioni in cui la domanda di potenza elettrica è limitata ed è in rapporto costante rispetto a quella termica. Questa soluzione impiantistica è quella che fornisce i consumi specifici minori in assoluto. Figura 9.2: ciclo a condensazione e spillamento Impianti a vapore a contropressione con coda a condensazione Al fine di svincolare la produzione di vapore dalle esigenze dell utenza termica, e quindi realizzare un impianto in cui sia possibile variare in modo indipendente potenza elettrica e potenza termica, si può modificare lo schema precedente aggiungendo una turbina di bassa pressione con relativo condensatore (figura 9.2). La domanda dell utenza viene soddisfatta spillando vapore in uscita dalla prima turbina, alla pressione alla quale il calore è richiesto. Eventuali variazioni della domanda comportano la variazione della portata di vapore spillato mediante valvola regolatrice: la restante portata di vapore espande fino al condensatore. In questo modo il vapore che eccede la richiesta termica viene comunque utilizzato per produrre elettricità. Nel caso in cui la richiesta termica sia nulla, tutta la portata di vapore entra nella sezione di bassa pressione, come in un ciclo convenzionale a condensazione, mentre, nel caso in cui la richiesta termica sia massima, tutto il vapore viene convogliato all utenza, come in un ciclo a contropressione. In realtà, una piccola frazione di vapore (10%) deve comunque attraversare la sezione di bassa pressione per garantire il corretto funzionamento della turbina. Una configurazione di questo tipo è sicuramente più complessa rispetto al caso precedente, il che si riflette su valori del consumo specifico decisamente maggiori. Va inoltre notato come la sezione di bassa pressione dell impianto debba comunque essere dimensionata sull intera portata, anche se per gran parte del tempo lavorerà in regime parziale. 9.5

6 Cicli combinati Chiarita la logica di funzionamento di un ciclo a vapore per applicazioni cogenerative, è facile comprendere come questa possa essere sfruttata per realizzare cicli combinati in cui la sezione di recupero termico, alimentata dai gas di scarico della turbina a gas, produca non soltanto elettricità ma anche calore. Il ciclo combinato può essere esercito come impianto cogenerativo qualora sia presente un prelievo regolato di vapore, laddove esso sia disponibile alla pressione richiesta dall utenza. E poi possibile combinare il ciclo a gas con entrambe le configurazioni di ciclo a vapore viste in precedenza, realizzando, a seconda dei casi cicli combinati con turbina a contropressione, o cicli combinati con turbina a vapore a condensazione e spillamento (figura 9.3). La seconda soluzione, molto più diffusa in virtù della sua flessibilità, consente di produrre elettricità con alti rendimenti (>50%), anche nei periodi in cui la richiesta termica è scarsa o nulla. Tali impianti sono in generale di taglia medio-grande e possono produrre più di 100 MW di potenza elettrica. Figura 9.3: impianto di cogenerazione a ciclo combinato Turbine a gas con recupero semplice Nel caso in cui le potenze in gioco non giustifichino l adozione di impianti costosi e complessi come quelli sopra descritti, si può realizzare la cogenerazione in una turbina a gas con recupero semplice (figura 9.4). La taglia della turbina a gas è fissata in base alla domanda di energia elettrica mentre la richiesta termica influenza la temperatura dei fumi al camino. Il recupero termico è indipendente dalla generazione di potenza, infatti non altera le prestazioni elettriche della turbina a gas, se non per le modeste perdite di carico dei gas nella caldaia a recupero. La caratteristica più importante di questo tipo di impianto è proprio la capacità di disaccoppiare la produzione elettrica da quella termica, dato che il funzionamento della turbina a gas non risente minimamente della pressione alla quale viene prodotto il vapore. er seguire le variazioni della richiesta dell utente sono previsti due dispositivi dalle opposte finalità: 9.6

7 - il sistema di by-pass, per dissipare calore; - il sistema di post-combustione, per aumentare il calore disponibile. Il primo sistema interviene qualora non sia richiesta potenza termica, mandando direttamente i fumi al camino. Il secondo sistema interviene invece tutte le volte che la richiesta di potenza termica supera la massima produzione consentita dalla caldaia a recupero. Figura 9.4: impianto di cogenerazione con turbina a gas a recupero semplice Motori a gas Anche i motori a combustione interna sono adatti alla cogenerazione. In queste applicazioni i motori vengono alimentati a gas naturale. E possibile recuperare calore sia dai gas di scarico, a temperature comprese fra 400 e 420 C, che dall acqua del circuito di raffreddamento che raggiunge i 90 C. Si tratta di una soluzione confacente alle taglie piccole e media ( el 3000 kw) Conclusioni Al termine della rassegna delle configurazioni impiantistiche con cui si realizza la cogenerazione, è utile presentare un criterio che consenta di scegliere la soluzione migliore per soddisfare la richiesta di calore ed elettricità. Tale criterio si fonda sull indice elettrico, ossia sul rapporto fra la potenza elettrica e quella termica. La Tabella 9.1 riassume i range tipici dell indice elettrico per le diverse configurazioni d impianto analizzate. I el < 0,15-0,20 Impianto a vapore a contropressione I el < 0,5-0,7 Turbina a gas con recupero semplice e post-combustione I el < 0,6-0,9 Turbina a gas con recupero semplice senza post-combustione 0,6 < I el < 1,4 Ciclo combinato con turbina a contropressione I el > 1,2-1,4 Ciclo combinato con turbina a vapore a condensazione I el > 0,8 e ridotta potenza Motori a gas elettrica Tabella 9.1: Valori tipici dell Indice elettrico per i diversi tipi di impianto cogenerativo. 9.7

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi:

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi: LA COGENERAZIONE TERMICA ED ELETTRICA 1. Introduzione 2. Turbine a Gas 3. Turbine a vapore a ciclo combinato 4. Motori alternativi 5. Confronto tra le diverse soluzioni 6. Benefici ambientali 7. Vantaggi

Dettagli

CAPITOLO 1 CICLO RANKINE (CICLO A FLUIDO BIFASE) TURBINE A VAPORE

CAPITOLO 1 CICLO RANKINE (CICLO A FLUIDO BIFASE) TURBINE A VAPORE CAPITOLO 1 CICLO RANKINE (CICLO A FLUIDO BIFASE) TURBINE A VAPORE 1 CICLO RANKINE IL CICLO TERM ODINAM ICO RANKINE E COMPO STO DA Q UATTRO TRASFO RM AZIO NI PRINCIPALI (COMPRESSIO NE, RISCALDAM ENTO, ESPANSIO

Dettagli

COGENERAZIONE E TRIGENERAZIONE A GAS

COGENERAZIONE E TRIGENERAZIONE A GAS COGENERAZIONE E TRIGENERAZIONE A GAS Risparmio energetico attraverso la realizzazione di impianti per la produzione di energia termica/frigorifera ed elettrica 1 Cogenerazione e Trigenerazione La cogenerazione

Dettagli

Indice Errore. Il segnalibro non è definito.

Indice Errore. Il segnalibro non è definito. COGENERAZIONE Indice 1. Definizione e normativa di riferimento... 3 1.1. Indice di risparmio di energia (IRE):... 4 1.2. Limite termico (LT):... 4 2. Descrizione generale degli impianti di cogenerazione...

Dettagli

2 Base tecnica definizioni, concetti, teoria. Gianluca Fossati EDISON ENERGIA S.p.A.

2 Base tecnica definizioni, concetti, teoria. Gianluca Fossati EDISON ENERGIA S.p.A. 2 Base tecnica definizioni, concetti, teoria Gianluca Fossati EDISON ENERGIA S.p.A. Definizioni Il Decreto Legislativo 8/02/2007, n 20 sulla promozione della cogenerazione, prevede un determinato obiettivo:

Dettagli

menoenergia PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.)

menoenergia PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.) PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.) 2 LA MISSION DI MENOENERGIA ORIGINE DI MENOENERGIA Menoenergia è una società controllata dal Gruppo

Dettagli

Il soddisfacimento dei fabbisogni energetici con la cogenerazione

Il soddisfacimento dei fabbisogni energetici con la cogenerazione COGENERAZIONE & TRIGENERAZIONE RISPARMIO ENERGETICO = RISPARMIO ECONOMICO Il soddisfacimento dei fabbisogni energetici con la cogenerazione Domenico Laforgia Magnifico Rettore Professore ordinario di Sistemi

Dettagli

Energia e Fonti Rinnovabili. Un esempio di risparmio energetico: la produzione distribuita di energia elettrica

Energia e Fonti Rinnovabili. Un esempio di risparmio energetico: la produzione distribuita di energia elettrica Energia e Fonti Rinnovabili Almo Collegio Borromeo, Pavia, a.a. 2009-2010 corso riconosciuto dall Università degli Studi di Pavia Un esempio di risparmio energetico: la produzione distribuita di energia

Dettagli

3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali. Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano

3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali. Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano 3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano PERCHE LA COGENERAZIONE? È la produzione combinata di calore e di

Dettagli

Impianti di COGENERAZIONE

Impianti di COGENERAZIONE Impianti di COGENERAZIONE Definizione: produrre energia insieme Produzione combinata di : 1. energia elettrica/meccanica 2. energia termica (calore) ottenute in appositi impianti utilizzanti la stessa

Dettagli

v. il dimensionamento d impianto vi. l integrazione con la realtà produttiva 3. Le opportunità ambientale ed economica

v. il dimensionamento d impianto vi. l integrazione con la realtà produttiva 3. Le opportunità ambientale ed economica Workshop Rafforzare la competitività delle PMI: opportunità in Europa Investire nello sviluppo sostenibile: la cogenerazione ing. Giuseppe Starace Università del Salento LECCE (I) Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Come funziona una centrale a ciclo combinato? Aggiungere l immagine sotto e fare un mix dei due testi di spiegazione del funzionamento

Come funziona una centrale a ciclo combinato? Aggiungere l immagine sotto e fare un mix dei due testi di spiegazione del funzionamento LA TECNOLOGIA DEL CICLO COMBINATO A GAS NATURALE La maggiore quantità di energia elettrica generata da Edison è prodotta da 28 centrali termoelettriche. Edison sviluppa, progetta e costruisce interamente,

Dettagli

REGOLAZIONE DELLA POTENZA IN UNA RETE ELETTRICA IN PRESENZA DI GENERAZIONE DISTRIBUITA: LA COGENERAZIONE. Giuseppe Dell Olio GRTN SpA, Direzione Rete

REGOLAZIONE DELLA POTENZA IN UNA RETE ELETTRICA IN PRESENZA DI GENERAZIONE DISTRIBUITA: LA COGENERAZIONE. Giuseppe Dell Olio GRTN SpA, Direzione Rete Torna al programma REGOLAZIONE DELLA POTENZA IN UNA RETE ELETTRICA IN PRESENZA DI GENERAZIONE DISTRIBUITA: LA COGENERAZIONE Giuseppe Dell Olio GRTN SpA, Direzione Rete Pagina 1 Cogenerazione: principali

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA PER L'AMBIENTE E IL TERRITORIO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE TESI DI LAUREA ANALISI

Dettagli

Impianto di termovalorizzazione I cipressi (FI) Fasi di funzionamento dell'impianto: Prima fase. Schema. Sezione

Impianto di termovalorizzazione I cipressi (FI) Fasi di funzionamento dell'impianto: Prima fase. Schema. Sezione Impianto di termovalorizzazione I cipressi (FI) Fasi di funzionamento dell'impianto: Prima fase Schema Sezione 1 La seconda fase, quella più "calda", dove i rifiuti vengono bruciati e, col calore ottenuto,

Dettagli

ALLEGATO II. Calcolo della produzione da cogenerazione

ALLEGATO II. Calcolo della produzione da cogenerazione ALLEGATO II Calcolo della produzione da cogenerazione I - Calcolo dell energia elettrica da cogenerazione 1. Per calcolare il risparmio di energia primaria di una unità di cogenerazione, occorre anzitutto

Dettagli

Quale futuro per la cogenerazione industriale in Italia? Ennio Macchi

Quale futuro per la cogenerazione industriale in Italia? Ennio Macchi Quale futuro per la cogenerazione industriale in Italia? Dipartimento di Energia - Politecnico di Milano Quarta giornata sull efficienza energetica nelle industrie Fast, Piazzale R. Morandi 2, 20121 Milano

Dettagli

C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO

C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Allegato C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto legislativo approvato il 7 febbraio 2007 in via definitiva dal Consiglio dei ministri in attuazione della

Dettagli

Modulo 10 Impianti per la cogenerazione di energia

Modulo 10 Impianti per la cogenerazione di energia Corso di Impianti Meccanici Laurea Triennale Modulo 10 Impianti per la cogenerazione di energia Prof. Ing. Cesare Saccani Prof. Ing. Augusto Bianchini Dott. Ing. Marco Pellegrini Dott. Ing. Michele Gambuti

Dettagli

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO. Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO. Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it IMPIANTI DI RISCALDAMENTO Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it SISTEMI DI GENERAZIONE Tipologie più diffuse o in sviluppo Generatori a combustione Caldaie

Dettagli

WORKSHOP. I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI.

WORKSHOP. I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI. WORKSHOP I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI 31 Maggio 2005 Centro Congressi SGR Via Chiabrera 34/B Produzione e recupero

Dettagli

COGENERAZIONE. Tipologie di impianti di cogenerazione

COGENERAZIONE. Tipologie di impianti di cogenerazione COGENERAZIONE La cogenerazione, o produzione combinata di energia elettrica e calore, consente di ottenere da una singola unità produttiva energia elettrica e termica, o in alcuni casi, lavoro ed energia

Dettagli

LA GENERAZIONE COMBINATA DI ENERGIA ELETTRICA E CALORE

LA GENERAZIONE COMBINATA DI ENERGIA ELETTRICA E CALORE LA GENERAZIONE COMBINATA DI ENERGIA ELETTRICA E CALORE Per soddisfare i fabbisogni di energia elettrica e termica si può pensare ad una fornitura che prevede il ricorso a due servizi distinti oppure attraverso

Dettagli

La tecnologia della cogenerazione - aspetti tecnici ed ambientali -

La tecnologia della cogenerazione - aspetti tecnici ed ambientali - La tecnologia della cogenerazione - aspetti tecnici ed ambientali - C. M. Invernizzi Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale - Università degli Studi di Brescia - via Branze, 38 Centrale a biomassa

Dettagli

Impianti motori termici

Impianti motori termici Impianti motori termici Classificazione: impianto motore termico con turbina a vapore il fluido evolvente nell impianto è acqua in diversi stati di aggregazione impianto motore termico con turbina a gas

Dettagli

Titoli di efficienza energetica: opportunità per le imprese. TEE per CAR (Cogenerazione Alto Rendimento)

Titoli di efficienza energetica: opportunità per le imprese. TEE per CAR (Cogenerazione Alto Rendimento) Mod. E03 Certificati bianchi TEE Titoli di efficienza energetica: opportunità per le imprese. TEE per CAR (Cogenerazione Alto Rendimento) ing. Fabio Minchio, Ph.D. 4 giugno 2013 Richiami fondamentali sulla

Dettagli

STRUMENTI DI INCENTIVAZIONE PER L EFFICIENZA ENERGETICA: CONTO TERMICO, CERTIFICATI BIANCHI, CAR

STRUMENTI DI INCENTIVAZIONE PER L EFFICIENZA ENERGETICA: CONTO TERMICO, CERTIFICATI BIANCHI, CAR STRUMENTI DI INCENTIVAZIONE PER L EFFICIENZA ENERGETICA: CONTO TERMICO, CERTIFICATI BIANCHI, CAR Fiera Milano 9 maggio 2014 Il ruolo della Cogenerazione ad Alto Rendimento Gabriele Susanna - Direzione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Sintesi del decreto legislativo sulla promozione della cogenerazione ad alto rendimento PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

MESSA A PUNTO DI UN PROGRAMMA DI ANALISI DEI DATI STORICI DI FUNZIONAMENTO DI UNA CENTRALE TERMOELETTRICA DI COGENERAZIONE. (riassunto) Luca Bianchini

MESSA A PUNTO DI UN PROGRAMMA DI ANALISI DEI DATI STORICI DI FUNZIONAMENTO DI UNA CENTRALE TERMOELETTRICA DI COGENERAZIONE. (riassunto) Luca Bianchini MESSA A PUNTO DI UN PROGRAMMA DI ANALISI DEI DATI STORICI DI FUNZIONAMENTO DI UNA CENTRALE TERMOELETTRICA DI COGENERAZIONE (riassunto) Luca Bianchini SOMMARIO In questo lavoro di tesi presento un applicazione

Dettagli

Il prodotto. Taglia la bolletta. Rispetta l ambiente. Partecipa alla rivoluzione energetica. Chi siamo

Il prodotto. Taglia la bolletta. Rispetta l ambiente. Partecipa alla rivoluzione energetica. Chi siamo IL TandEM PERCHE New! Taglia la bolletta Installando il TandEM di asjagen puoi generare contemporaneamente energia elettrica e calore (cogenerazione ad alto rendimento) utilizzando un unico combustibile.

Dettagli

Cogenerazione. UNIVERSITA DI FIRENZE Facoltà di Ingegneria. Dipartimento di Energetica S.Stecco Sezione di Macchine

Cogenerazione. UNIVERSITA DI FIRENZE Facoltà di Ingegneria. Dipartimento di Energetica S.Stecco Sezione di Macchine Cogenerazione La cogenerazione di energia elettrica e calore è considerata come una delle forme più efficaci di risparmio energetico Gran parte dell'energia termica viene utilizzata a temperature relativamente

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA COGENERAZIONE. Generalità, aspetti tecnici e normativi, case history

EFFICIENZA ENERGETICA COGENERAZIONE. Generalità, aspetti tecnici e normativi, case history EFFICIENZA ENERGETICA COGENERAZIONE Generalità, aspetti tecnici e normativi, case history COGENERAZIONE (CHP Combined Heat Power) COGENERAZIONE DEFINIZIONI COGENERAZIONE: produzione contemporanea di più

Dettagli

Impianto di cogenerazione realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia)

Impianto di cogenerazione realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia) OPET SEED (Italia) Impianto di realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia) ENERGIE Introduzione L impianto di in esame è installato presso un azienda

Dettagli

Per cogenerazione di energia si intende la generazione di energia elettrica ed energia termica nella stesso processo di

Per cogenerazione di energia si intende la generazione di energia elettrica ed energia termica nella stesso processo di COGENERAZIONE (Ing. Pietro Innocenzi 1 ) Per cogenerazione di energia si intende la generazione di energia elettrica ed energia termica nella stesso processo di generazione: si recupera il calore a valle

Dettagli

tecnologia che migliora il mondo

tecnologia che migliora il mondo tecnologia che migliora il mondo Company profile AURORA energy solution è l unione di due società la AURORA INVEST Srl e ICMEA Srl società di ingegneria dedicata alla progettazione e realizzazione di impianti

Dettagli

CONVEGNO :COGENERAZIONE processi, applicazioni, agevolazioni e risparmi comonext 27/03/2014

CONVEGNO :COGENERAZIONE processi, applicazioni, agevolazioni e risparmi comonext 27/03/2014 CONVEGNO :COGENERAZIONE processi, applicazioni, agevolazioni e risparmi comonext 27/03/2014 ENERGY 4 YOU SRL La Storia Energy 4 You è una società fondata nel 2005 e attiva nella vendita di energia elettrica

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI TELERISCALDAMENTO Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA IL PROJECT LEASING per IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA NUOVE opportunità di sviluppo PER LA TUA IMPRESA nel settore dell Energia 1 GLI IMPIANTI DI COGENERAZIONE La cogenerazione, CHP (Combined

Dettagli

La cogenerazione industriale in Italia Tecnologie presenti e potenzialità future Ennio Macchi. Dipartimento di Energia - Politecnico di Milano

La cogenerazione industriale in Italia Tecnologie presenti e potenzialità future Ennio Macchi. Dipartimento di Energia - Politecnico di Milano La cogenerazione industriale in Italia Tecnologie presenti e potenzialità future Dipartimento di Energia - Politecnico di Milano Assolombarda - 12 dicembre 2011 CONTENUTI DELLA PRESENTAZIONE 2 Premesse

Dettagli

Il contributo del teleriscaldamento al miglioramento energetico ed ambientale

Il contributo del teleriscaldamento al miglioramento energetico ed ambientale Il contributo del teleriscaldamento al miglioramento energetico ed ambientale Studio del caso nella provincia di Forlì Luca Golfera, Marco Pellegrini, Augusto Bianchini, Cesare Saccani DIEM, Facoltà di

Dettagli

Capitolo I. La cogenerazione. 1.1 Introduzione

Capitolo I. La cogenerazione. 1.1 Introduzione Capitolo I La cogenerazione 1.1 Introduzione L idea alla base della cogenerazione è nota: in ogni ciclo termodinamico che genera energia elettrica utilizzando come fonte energetica calore ad alta temperatura

Dettagli

CORSO DI SISTEMI ENERGETICI II - A.A. 2014-2015 Prof. Ing. Giorgio Cau

CORSO DI SISTEMI ENERGETICI II - A.A. 2014-2015 Prof. Ing. Giorgio Cau CORSO DI SISTEMI ENERGETICI II A.A. 20142015 Prof. Ing. Giorgio Cau VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DI UN IMPIANTO DI COGENERAZIONE E VERIFICA DEGLI INDICI ENERGETICI AI SENSI DELLA DELIBERA AEEG 42/02 Caratteristiche

Dettagli

Capitolo III. La normativa comunitaria. 3.1 Introduzione. Capitolo III

Capitolo III. La normativa comunitaria. 3.1 Introduzione. Capitolo III Capitolo III La normativa comunitaria 3.1 Introduzione La promozione della cogenerazione a livello comunitario è stata oggetto di provvedimenti fin dalla metà degli anni 90; tuttavia l armonizzazione della

Dettagli

Caratterizzazione di un cogeneratore a combustione esterna: la macchina di Striling nel laboratorio mobile del progetto Sinergreen

Caratterizzazione di un cogeneratore a combustione esterna: la macchina di Striling nel laboratorio mobile del progetto Sinergreen Caratterizzazione di un cogeneratore a combustione esterna: la macchina di Striling nel laboratorio mobile del progetto Sinergreen 1 SCHEMA DI PRINCIPIO PERDITE 10 ENERGIA PRIMARIA 100 ENERGIA TERMICA

Dettagli

Cogenerazione e teleriscaldamento urbano a Mirandola

Cogenerazione e teleriscaldamento urbano a Mirandola Cogenerazione e teleriscaldamento urbano a Mirandola IL TELERISCALDAMENTO Il teleriscaldamento è una soluzione del servizio di riscaldamento per edifici residenziali ed industriali basata su un fluido

Dettagli

Recupero del calore dell impianto di produzione del vapore

Recupero del calore dell impianto di produzione del vapore 173 Intervento dal titolo Recupero del calore dell impianto di produzione del vapore A cura di Dott. Stefano Bonotto F2 S.r.l. 175 Recupero del calore dell impianto di produzione del vapore 1) IL RELATORE

Dettagli

POMPE DI CALORE. Introduzione

POMPE DI CALORE. Introduzione POMPE DI CALORE Introduzione In impianto tradizionale di riscaldamento si utilizza il potere calorifico di un combustibile (gasolio, metano, legno, carbone, ecc.) per riscaldare a bassa temperatura dei

Dettagli

CORSO DI GESTIONE DELL ENERGIA E DEI SISTEMI ENERGETICI PROFESSORE DAVIDE ALBERTI ING. ADRIANO CARRARA

CORSO DI GESTIONE DELL ENERGIA E DEI SISTEMI ENERGETICI PROFESSORE DAVIDE ALBERTI ING. ADRIANO CARRARA CORSO DI GESTIONE DELL ENERGIA E DEI SISTEMI ENERGETICI PROFESSORE DAVIDE ALBERTI ING. ADRIANO CARRARA 1 DEF. TECNICA: COGENERARE SIGNIFICA PRODURRE CONTEMPORANEAMENTE PIÙ FORME DI ENERGIA, SOLITAMENTE

Dettagli

Il ruolo delle pompe di calore nel futuro contesto energetico. Ennio Macchi Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano

Il ruolo delle pompe di calore nel futuro contesto energetico. Ennio Macchi Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano Il ruolo delle pompe di calore nel futuro contesto energetico Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano Il quesito cui cercherò di rispondere 2 La pompa di calore utilizza energia elettrica per

Dettagli

MICRO-COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO

MICRO-COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO MICRO-COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO La Micro-Cogenerazione ad Alto Rendimento I sistemi di generazione elettrica tradizionali sono caratterizzati da una bassa efficienza energetica: soltanto dal 35

Dettagli

Energia da Biomassa e tecnologie per l Efficienza Energetica

Energia da Biomassa e tecnologie per l Efficienza Energetica Ingeco S.r.l. via Alzaia sul Sile, 26/D I-31057 Silea TV T. +39 0422 363292 F. +39 0422 363294 E. ingeco@ingeco-enr.it W. www.ingeco-enr.it Energia da Biomassa e tecnologie per l Efficienza Energetica

Dettagli

GENERAZIONE DISTRIBUITA COGENERAZIONE NEL SETTORE INDUSTRIALE

GENERAZIONE DISTRIBUITA COGENERAZIONE NEL SETTORE INDUSTRIALE GENERAZIONE DISTRIBUITA COGENERAZIONE NEL SETTORE INDUSTRIALE LA COGENERAZIONE FINO A 10 MW Microturbine Piccoli cogeneratori (< 100 kw) Applicazioni nel settore civile e terziario Motori endotermici 1500

Dettagli

LA CENTRALE TORINO NORD

LA CENTRALE TORINO NORD LA CENTRALE TORINO NORD Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia elettrica, nella produzione e distribuzione di energia termica per teleriscaldamento

Dettagli

http://www.cabdileoncini.it/blog/caldaie-a-condensazione/ 17 aprile 2013

http://www.cabdileoncini.it/blog/caldaie-a-condensazione/ 17 aprile 2013 Le caldaie a condensazione sono caldaie in grado di ottenere rendimento termodinamico superiore al 100% del potere calorifico inferiore del combustibile utilizzato anziché sul potere calorifico superiore

Dettagli

MICRO-COGENERAZIONE tecnologie e vantaggi delle fuel cell

MICRO-COGENERAZIONE tecnologie e vantaggi delle fuel cell MICRO-COGENERAZIONE tecnologie e vantaggi delle fuel cell Paolo Baggio - UNITN P. Baggio - Borgo - nov. 2013 1 Perché la Cogenerazione Co-generazione = produzione combinata di calore ed energia elettrica

Dettagli

Cogenerazione ad alto rendimento: prospettive, applicazioni e vantaggi per le imprese. La cogenerazione industriale in Italia.

Cogenerazione ad alto rendimento: prospettive, applicazioni e vantaggi per le imprese. La cogenerazione industriale in Italia. Cogenerazione ad alto rendimento: prospettive, applicazioni e vantaggi per le imprese La cogenerazione industriale in Italia Dipartimento di Energia - Politecnico di Milano Mantova - 29 ottobre 2014 CONTENUTI

Dettagli

La cogenerazione. Il ruolo dell Autorità per l energia elettrica e il gas a seguito del d. lgs. n. 20/07

La cogenerazione. Il ruolo dell Autorità per l energia elettrica e il gas a seguito del d. lgs. n. 20/07 La cogenerazione. Il ruolo dell Autorità per l energia elettrica e il gas a seguito del d. lgs. n. 20/07 Andrea Galliani Convegno nazionale Microcogenerazione e trigenerazione Verona, 20 aprile 2007 Alcuni

Dettagli

L EFFICIENZA ENERGETICA IN AMBITO INDUSTRIALE: UNA SCELTA IMPRENDITORIALE

L EFFICIENZA ENERGETICA IN AMBITO INDUSTRIALE: UNA SCELTA IMPRENDITORIALE UN AZIENDA CON MENO INFORTUNI, MENO INQUINAMENTO, PIU RISPARMIO ENERGETICO SOSTENIBILITA' E BUSINESS L EFFICIENZA ENERGETICA IN AMBITO INDUSTRIALE: UNA SCELTA IMPRENDITORIALE Prof. Ing. Cesare Saccani

Dettagli

CENTRALE DI COGENERAZIONE DI RAVENNA

CENTRALE DI COGENERAZIONE DI RAVENNA CENTRALE DI IN SOSTITUZIONE DELL ESISTENTE B 400 SEZIONE A PREMESSA REV.0 SETTEMBRE 2013 Pagina 1 di 13 REV.0 INDICE A.1 PREMESSA... 3 1 Stato di fatto... 3 1.1 Generalità... 3 2 Motivazioni dell intervento...

Dettagli

Vitomax - Tecnologia moderna per la generazione di calore nei grandi impianti

Vitomax - Tecnologia moderna per la generazione di calore nei grandi impianti TopTechnology Vitomax - Tecnologia moderna per la generazione di calore nei grandi impianti Top Technology Vitomax 100, 200, 300: produzione di acqua calda fino a 20 MW La produzione di calore a basso

Dettagli

GAS NATURALE O METANO

GAS NATURALE O METANO Composto prevalentemente da un idrocarburo: metano da da cui prende il nome. GAS NATURALE O METANO Alto potere calorifico. Mancanza di tossicità e impurità. È un'ottima risorsa energetica. È l'energia

Dettagli

Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti

Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti Indice 1. Introduzione... 2 2. L'impianto proposto... 3 3. Schema a blocchi dell'impianto... 4 4. Descrizione dell'impianto... 5 4.1 Trattamenti meccanici...

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA. 4. Sistemi Termici Motori. 4.3. Sistemi Combinati. Roberto Lensi

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA. 4. Sistemi Termici Motori. 4.3. Sistemi Combinati. Roberto Lensi Roberto Lensi 4. Sistemi Termici Motori 4.3. Sistemi Combinati Pag. 1 di 30 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA 4. Sistemi Termici Motori 4.3. Sistemi Combinati Roberto Lensi DIPARTIMENTO

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO TORINESE CON IL PROGETTO TORINO NORD EST

L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO TORINESE CON IL PROGETTO TORINO NORD EST 1 Convegno TELERISCALDAMENTO: verso la SMART GRID L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO TORINESE CON IL PROGETTO TORINO NORD EST Torino Lingotto Fiere, 25 maggio 2012 Ing. Carmelo TRIPODI Direttore

Dettagli

Ciclo Rankine. Macchina tipica di un ciclo a vapore

Ciclo Rankine. Macchina tipica di un ciclo a vapore di Piraccini Davide OBBIETTIVI : Inserire un impianto ORC (Organic Rankine Cycle) nel ciclo di bassa pressione della centrale Enel di Porto Corsini e studiare la convenienza tramite il confronto dei rendimenti

Dettagli

Energy Saving Solutions

Energy Saving Solutions Energy Saving Solutions Energy Saving Solutions IBT È PARTNER ESCLUSIVO PER L ITALIA DELLA SOCIETÀ CALIFORNIANA CAPSTONE TURBINE CORPORATION, LEADER MONDIALE NELLA TECNOLOGIA DEI SISTEMI ENERGETICI CON

Dettagli

19 giugno 2013. Vittorio Chiesa Politecnico di Milano, Energy & Strategy Group www.energystrategy.it

19 giugno 2013. Vittorio Chiesa Politecnico di Milano, Energy & Strategy Group www.energystrategy.it 19 giugno 2013 Vittorio Chiesa Politecnico di Milano, Energy & Strategy Group Il trend dei consumi Gli obiettivi stabiliti dalla SEN per l efficienza energetica: - 24% sui consumi primari (-20 Mtep); -

Dettagli

CC C T U Gruppo turbogas 3

CC C T U Gruppo turbogas 3 Corso di IMPIANI di CONVERSIONE dell ENERGIA L energia, fonti, trasformazioni i ed usi finali Impianti a vapore I generatori di vapore Impianti turbogas Cicli combinati e cogenerazione Il mercato dell

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

INTEGRAZIONE DI MOTORI TERMICI

INTEGRAZIONE DI MOTORI TERMICI INTEGRAZIONE DI MOTORI TERMICI Motore termico Converte calore in lavoro meccanico Produzione di energia elettrica Es. turbina Sottrae calore in alla sorgente a temperatura T H Restituisce calore out alla

Dettagli

Studio di fattibilità per la climatizzazione di una struttura alberghiera mediante sistema di trigenerazione

Studio di fattibilità per la climatizzazione di una struttura alberghiera mediante sistema di trigenerazione Studio di fattibilità per la climatizzazione di una struttura alberghiera mediante sistema di trigenerazione Il presente studio si propone di analizzare i vantaggi derivanti dall'utilizzo di un sistema

Dettagli

2) Quale unità di misura si utilizza per misurare il consumo di fonti primarie di energia?

2) Quale unità di misura si utilizza per misurare il consumo di fonti primarie di energia? 28 QM 4 1) Non è una tecnologia di cogenerazione: Turbina a vapore con spillamento di vapore Turbina a vapore in contropressione Ciclo combinato gas-vapore Motore alternativo con recupero sui gas di scarico

Dettagli

Workshop Industria. Maurizio Russo ANIE Energia e ANIE Assoautomazione

Workshop Industria. Maurizio Russo ANIE Energia e ANIE Assoautomazione Workshop Industria Motori ad alta efficienza ed azionamenti a velocità variabile nell'industria e nel terziario. Analisi di casi reali e benefici energetici Maurizio Russo ANIE Energia e ANIE Assoautomazione

Dettagli

Impianti di cogenerazione

Impianti di cogenerazione Impianti di cogenerazione DI P. MAGLIOLO MODENA PROJECT & ENGINEERING, MODENA Negli ultimi anni, l evoluzione delle condizioni normative e di mercato, congiuntamente alla disponibilità di tecnologie adatte,

Dettagli

Fino a qualche MW elettrico. Grande terziario e industriale piccolo-medio. 30% - 40% energia elettrica 40% - 50% calore recuperato 10% - 30% perdite

Fino a qualche MW elettrico. Grande terziario e industriale piccolo-medio. 30% - 40% energia elettrica 40% - 50% calore recuperato 10% - 30% perdite ,PSLDQWLGLPLFURFRJHQHUD]LRQH 'HVFUL]LRQHGHOODWHFQRORJLD Si tratta di impianti che utilizzano un combustibile per la produzione combinata di elettricità e calore (detta cogenerazione), di piccola taglia

Dettagli

speciale energie rinnovabili

speciale energie rinnovabili AMICO SOLE DA ALCUNI DECENNI TECNOLOGIE AD HOC CONSENTONO IL PIENO SFRUTTAMENTO DELL ENERGIA DA IRRAGGIAMENTO SOLARE. UN IMPIANTISTICA OPPORTUNA E INTEGRATA RENDE POSSIBILE LA COMPLETA AUTONOMIA ENERGETICA

Dettagli

Taglia i costi Dimezza le emissioni

Taglia i costi Dimezza le emissioni Taglia i costi Dimezza le emissioni Il micro-cogeneratore più efficiente a livello mondiale Cos è BlueGEN? Il più efficiente generatore di elettricità e calore di piccola taglia BlueGEN funziona a gas

Dettagli

Indice. Obiettivi dello studio. Premesse generali. Il metodo. Analisi delle utenze. Analisi dei sistemi produttivi

Indice. Obiettivi dello studio. Premesse generali. Il metodo. Analisi delle utenze. Analisi dei sistemi produttivi Workshop AEEG Sviluppo della generazione diffusa in Italia Analisi tecnico-economica delle modalità di gestione dell'energia nei contesti urbani ed industriali Milano 30-04-2009 Indice 2 2 Obiettivi dello

Dettagli

GLI EFFETTI DELLE GARE D AMBITO SULLA DISTRIBUZIONE DEL GAS IN ITALIA

GLI EFFETTI DELLE GARE D AMBITO SULLA DISTRIBUZIONE DEL GAS IN ITALIA GLI EFFETTI DELLE GARE D AMBITO SULLA DISTRIBUZIONE DEL GAS IN ITALIA Inserimento nelle cabine di riduzione di turboespansore e centrale di cogenerazione Ing. Raffaella Mandarano Proxima S.r.l. AccaDueO

Dettagli

Sistemi VRF/VRV L evoluzione più recente

Sistemi VRF/VRV L evoluzione più recente FEBBRAIO 2012 IMPIANTI CLIMA Il media digitale per l HVAC Numero 02 Microcogenerazione domestica UTA o autonomi Roof Top Sistemi VRF/VRV L evoluzione più recente Compressori a confronto Microcogenerazione

Dettagli

AE BIO SOLAR AE BIO SOLAR IMPIANTO IBRIDO SOLARE/BIOMASSA ADESSO ENERGIA SRL IMPIANTO IBRIDO SOLARE/BIOMASSA L INIZIO DI UNA NUOVA ENERGIA

AE BIO SOLAR AE BIO SOLAR IMPIANTO IBRIDO SOLARE/BIOMASSA ADESSO ENERGIA SRL IMPIANTO IBRIDO SOLARE/BIOMASSA L INIZIO DI UNA NUOVA ENERGIA ADESSO ENERGIA SRL AE BIO SOLAR L INIZIO DI UNA NUOVA ENERGIA Via Notarbartolo n 49 14.05.2014-90141 Palermo Pagina 1 INTRODUZIONE Il Sistema ibrido ingegnerizzato da Adesso Energia srl, denominato AE

Dettagli

INIZIATIVE ENIA NEL CAMPO DELL ENERGIA: IL TELERISCALDAMENTO

INIZIATIVE ENIA NEL CAMPO DELL ENERGIA: IL TELERISCALDAMENTO Convegno Risparmio Energetico e Uso di Fonti Rinnovabili in Edilizia Parma, 2 febbraio 2006 INIZIATIVE ENIA NEL CAMPO DELL ENERGIA: IL TELERISCALDAMENTO Sara Moretti IL TELERISCALDAMENTO: COS E Per teleriscaldamento

Dettagli

Il Decreto legislativo 8/02/2007, n 20 sulla promozione della cogenerazione. Il ruolo del GSE. www.gsel.it

Il Decreto legislativo 8/02/2007, n 20 sulla promozione della cogenerazione. Il ruolo del GSE. www.gsel.it Il Decreto legislativo 8/02/2007, n 20 sulla promozione della cogenerazione Il ruolo del GSE www.gsel.it 2 Indice La cogenerazione: informazioni generali Il D.lgs. 8/02/07, n 20 sulla promozione della

Dettagli

COS E LA COGENERAZIONE

COS E LA COGENERAZIONE La cogenerazione COS E LA COGENERAZIONE Tutti gli impianti motori termici scaricano calore sotto forma di gas caldi o fluidi tecnologici di raffreddamento. Tale aecalore può essere e impiegato per esigenze

Dettagli

Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica.

Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica. 1 Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica. A2A Calore & Servizi, società del gruppo A2A attiva nella gestione del teleriscaldamento nelle città di Milano, Brescia

Dettagli

Gruppi termici a condensazione con integrazione solare PRIME SOLAR

Gruppi termici a condensazione con integrazione solare PRIME SOLAR Gruppi termici a condensazione con integrazione solare PRIME SOLAR PR Imperativo Risparmio Energetico La principale voce di spesa di un abitazione è relativa alla climatizzazione invernale. I consumi energetici

Dettagli

Sistemi per l'energia in edilizia. LM Ingegneria Edile. A. Perdichizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale Università degli Studi di Bergamo

Sistemi per l'energia in edilizia. LM Ingegneria Edile. A. Perdichizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale Università degli Studi di Bergamo Sistemi per l'energia in edilizia Microcogenerazione A. Perdichizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale Università degli Studi di Bergamo Microcogenerazione: Sistemi per l'energia in edilizia I vantaggi

Dettagli

I VANTAGGI. La caldaia elettrica! RISCALDAMENTO BASSA E ALTA TEMPERATURA ACQUA CALDA SANITARIA CLIMATIZZAZIONE PISCINE

I VANTAGGI. La caldaia elettrica! RISCALDAMENTO BASSA E ALTA TEMPERATURA ACQUA CALDA SANITARIA CLIMATIZZAZIONE PISCINE La caldaia elettrica! COME FUNZIONA Il funzionamento del sistema di riscaldamento elettrico, della caldaia M03-1 è una soluzione pulita, efficiente e flessibile nell ambiente urbano. Il sistema di riscaldamento

Dettagli

AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO. Motori elettrici più efficienti: un opportunità di risparmio

AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO. Motori elettrici più efficienti: un opportunità di risparmio Questa guida è stata realizzata in collaborazione con AIMB - Associazione Industriali Monza e Brianza e ABB Sace. Suggerimenti per migliorare l utilità di queste guide e per indicare altri argomenti da

Dettagli

RECUPERATORE DI CALORE AD ALTISSIMA EFFICIENZA ENERGETICA

RECUPERATORE DI CALORE AD ALTISSIMA EFFICIENZA ENERGETICA RECUPERATORE DI CALORE AD ALTISSIMA EFFICIENZA ENERGETICA BEAM POWER ENERGY SRL SVILUPPA UNA PARTICOLARE ATTIVITÀ DI SERVIZIO DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO PER LE INDUSTRIE O GRANDI STRUTTURE INCENTRATA

Dettagli

Soluzioni impiantistiche per una riqualificazione energetica degli edifici esistenti. Dott. Ing. Pietro Marforio

Soluzioni impiantistiche per una riqualificazione energetica degli edifici esistenti. Dott. Ing. Pietro Marforio Soluzioni impiantistiche per una riqualificazione energetica degli edifici esistenti Dott. Ing. Pietro Marforio Sistema edificio/impianto Per soddisfare il fabbisogno di energia termica di un edificio,

Dettagli

Bruno Jannamorelli, traduzione ed edizione critica La potenza motrice del fuoco di Sadi Carnot, Cuen 1996, pp. 19 e 20. 2

Bruno Jannamorelli, traduzione ed edizione critica La potenza motrice del fuoco di Sadi Carnot, Cuen 1996, pp. 19 e 20. 2 LA LEZIONE Lo studio di una macchina termica ideale [ ] Si può paragonare molto bene la potenza motrice del calore a quella di una cascata d acqua: entrambe hanno un massimo che non si può superare, qualunque

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Introduzione I procedimenti tradizionali di conversione dell energia, messi a punto dall uomo per rendere disponibili, a partire da fonti di energia naturali, energia in forma

Dettagli

Cogenerazione: tecnologie a confronto

Cogenerazione: tecnologie a confronto CESI RICERCA Cogenerazione: tecnologie a confronto MILANO 8 ottobre 2008 Fabio Armanasco fabio.armanasco@cesiricerca.it 1. Definizione di CHP 2. Motori primi convenzionali Turbine a vapore Turbine a gas

Dettagli

9. PARCO AUTOSUFFICIENTE E FONTE ENERGETICA

9. PARCO AUTOSUFFICIENTE E FONTE ENERGETICA 9. PARCO AUTOSUFFICIENTE E FONTE ENERGETICA Dal punto di vista energetico si prevede che il Centroparco oltre ad essere autosufficiente, sia anche fonte di energia per i nuovi insediamenti residenziali

Dettagli

Gli aspetti positivi del solare termico

Gli aspetti positivi del solare termico Provincia di Firenze P.E.A.P. Piano Energetico Ambientale Provinciale Allegato B 3.3.2. Gli aspetti positivi del solare termico Università degli Studi di Siena INDICE 1. Premessa...3 2. Analisi della domanda...4

Dettagli

Cogenerazione da biomassa agroforestale mediante sistemi ORC: studio di un applicazione in un comune dell'alta Valtellina

Cogenerazione da biomassa agroforestale mediante sistemi ORC: studio di un applicazione in un comune dell'alta Valtellina 13 Dicembre 2011 Workshop: Biomasse, tra valorizzazione della risorsa, innovazione tecnologica e tutela ambientale Cogenerazione da biomassa agroforestale mediante sistemi ORC: studio di un applicazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA. 3. Impianti per la cogenerazione. Roberto Lensi

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA. 3. Impianti per la cogenerazione. Roberto Lensi Roberto Lensi 3. Impianti per la cogenerazione Pag. 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA 3. Impianti per la cogenerazione Roberto Lensi DIPARTIMENTO DI ENERGETICA Anno Accademico 2003-04

Dettagli

Lo Stabilimento di Ravenna

Lo Stabilimento di Ravenna Lo Stabilimento di Ravenna LE NOSTRE RISORSE Sin dalla costituzione EniPower ha adottato strutture organizzative snelle nell ottica di semplificare i processi operativi. Tutto il personale è stato coinvolto

Dettagli