LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua"

Transcript

1 1 UNIVERSITÀ DIGENOVA FACOLTÀDISCIENZEM.F.N. LABORATORIO IA Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua Anno Accademico

2 2

3 Capitolo 1 Richiami sui fenomeni elettrici Esperienze elementari mostrano come oggetti materiali possano essere caratterizzati da una proprietà, detta carica elettrica, in grado di sviluppare una forza tra i corpi stessi. Si osserva in particolare che esistono due forme di questa proprietà, dette rispettivamente carica positiva e carica negativa, tali che corpi dotati di carica dello stesso tipo si respingono mentre corpi dotati di carica differente si attraggono. Oggi sappiamo che questa proprietà è posseduta dalle particelle elementari che compongono la materia: gli atomi infatti sono costituiti da un nucleo massivo carico positivamente circondato da una nuvola di elettroni, dotati di massa molto minore e carichi negativamente. In condizioni normali la carica positiva e quella negativa degli oggetti microscopici si bilanciano esattamente o quasi ed essi ci appaiono elettricamente neutri. Nei solidi cristallini gli elettroni non sono vincolati ai singoli atomi ma al reticolo cristallino stesso e si dispongono in una struttura detta di bande energetiche. Quando gli elettroni occupano completamente i livelli (per così dire tutti i posti liberi ) di una banda i loro movimenti sono in un certo senso bloccati e la carica, associata al loro movimento, che fluisce in un verso è bilanciata esattamente dalla carica che fluisce in verso opposto. Esistono comunque materiali, detti conduttori (tipicamente metalli), in cui una banda non è completamente occupata e in cui gli elettroni sono liberi di muoversi in ogni direzione, un po come le molecole di un gas, e come tali, in condizioni normali, si muovono disordinatamente per agitazione termica senza dar luogo ad un flusso di carica. Se invece sugli elettroni liberi sono presenti forze elettriche (analoghe alle forze che a livello macroscopico sappiamo essere esercitate reciprocamente tra oggetti carichi) questi si possono muovere collettivamente in modo ordinato dando luogo a quello che si chiama una corrente elettrica. Esiste anche la possibilità di passaggio di corrente elettrica con modalità differenti in altri tipi di conduttori (per esempio conduttori elettrolitici) ma per semplicità nonsaranno considerati in questo corso. Torniamo al concetto di corrente in termini più precisi: possiamo dire che, se una sezione di un conduttore è attraversata nel tempo t da una quantità di carica elettrica Q, ilconduttore è percorso da una corrente elettrica di intensità i = Q/ t. L intensità può variare nel tempo: in questo caso possiamo definire una intensità istantanea i(t) = dq/dt. Sperimentalmente si osserva che l intensità di corrente, in un dato conduttore mantenuto in condizioni ambientali costanti (in particolare a temperatura costante), è proporzionale al valore di una quantità, detta differenza di potenziale elettrico, presente tra le estremità del conduttore. A sua volta la differenza di potenziale corrisponde al lavoro, cambiato di segno, che le forze 3

4 4 CAPITOLO 1. 1 elettriche compiono su una carica elettrica unitaria che si sposta tra i punti considerati, cioè al lavoro diviso per la carica elettrica su cui è stato compiuto, ossia V AB = V B V A = L AB /Q. Il rapporto tra la differenza di potenziale (in valore assoluto) e la corrispondente intensità di corrente si chiama resistenza elettrica del conduttore (R). Tutto questo è riassunto nella legge di Ohm: V = i R. La legge di Ohm appare pertanto come la definizione di resistenza elettrica. Il suo contenuto fisico risiede nel fatto che esistono corpi, detti conduttori ohmici, per i quali R è costante al variare della differenza di potenziale applicata. Occorre osservare subito che R non è costante quando cambia la sua temperatura; in particolare nei veri conduttori (metallici) la resistenza aumenta all aumentare della temperatura. Spesso le resistenze commerciali che vengono impiegate nella realizzazione di circuiti elettrici (come quelle che si utilizzano nelle esercitazioni di laboratorio di questo corso) sono a base di carbone e il loro comportamento termico è esattamente opposto a quello dei conduttori metallici, ossia la resistenza diminuisce all aumentare della temperatura. Se si considera un conduttore omogeneo, di sezione costante S e di lunghezza L, si trova che la sua resistenza è direttamente proporzionale a L e inversamente proporzionale ad S. La costante di proporzionalità, detta resistività, dipende dal tipo di materiale e, come abbiamo notato, dalla temperatura. Essa viene comunemente indicata con la lettera ρ. Quanto detto sopra viene riassunto nella seconda legge di Ohm: R = ρ L S. Nel Sistema Internazionale di unità di misura la grandezza fondamentale di tipo elettrico è l intensità di corrente i, la cui unità dimisuraè detta ampere (A) ed è definita a partire dalla forza magnetica agente tra fili percorsi da corrente. L unità di carica elettrica, detta coulomb (C) è la carica che attraversa un conduttore percorso da una corrente costante unitaria, cioè di 1 A, nell unità ditempo,cioè in 1 s. Quindi 1 C = 1 A 1sovvero1A=1C/1s. L unità di potenziale (o di differenza di potenziale) elettrico, detta volt (V) è definita come il rapporto tra l unità di lavoro, il joule (J), e l unità di carica elettrica: 1 V = 1 J / 1 C, ovvero 1 V = 1 J / (1 A s). La prima legge di Ohm ci consente di ricavare l unità di misura della resistenza: il suo nome è appunto Ohm (Ω) e vale 1 Ω = 1 V / 1 A = 1 J/(A 2 s). Dalla seconda legge di Ohm si ricava che l unità di resistivitàè l unità di resistenza per unità lunghezza, cioè 1 Ωm. Spesso si introduce un altra grandezza, detta conduttanza (G), uguale all inverso della resistenza. La sua unità dimisurasaràovviamente1ω 1 = 1 A/V, detta siemens (S). L inverso della resistività è detto conducibilità (σ) e la relativa unità dimisuranels.i.è1(ωm) 1. Il passaggio di una quantità di carica dq attraverso un elemento di circuito, ai capi del quale è presente una differenza di potenziale V, richiede il compimento di un lavoro dl = V dq; se chiamiamo dt il tempo in cui questo avviene ricaviamo che viene sviluppata una potenza P = dl/dt= V dq/dt = V i. Ne segue che in un circuito, in genere, non si può mantenere un passaggio di corrente senza la presenza di dispositivi in grado di fornire potenza. L esperienza quotidiana ci mostra che per tenere in funzione qualunque apparecchio elettrico occorre alimentarlo con batterie (cariche) o connetterlo alla rete di distribuzione di energia elettrica (cioè ad una presa di corrente ). Le batterie producono energia elettrica tramite reazioni chimiche; in quelle ricaricabili la reazione viene fatta procedere in senso inverso immettendo corrente con appositi dispositivi ( caricabatterie ecc...). Le prese di corrente sono il punto di arrivo di un sistema complesso. Nelle centrali elettriche dispositivi, detti alternatori, azionati meccanicamente, producono correnti alternate, ossia variabili sinusoidalmente nel tempo: i(t) = i 0 sen (2πνt φ) con una frequenza ν =50Hz (standard europeo, in USA ν =60Hz). La ragione dell impiego di correnti alternate deriva dalla facilità di trasformarle da bassa ad alta tensione e viceversa. Infatti il trasporto di energia elettrica si realizza facilmente ad altissima

5 tensione (poichè la potenza è data dal prodotto V i, ad alta tensione si possono utilizzare, a parità di potenza trasportata, correnti più basse, quindi cavi di sezione ragionevole) mentre per la produzione e l utilizzo sono convenienti tensioni relativamente basse (nessuno in casa vorrebbe collegare il frigorifero a V). Le prese di corrente comuni forniscono energia alla tensione efficace di 220 V. A livello di impianti industriali è anche diffusa la distribuzione a 380 V (trifase) ma questa non è utilizzata dagli strumenti di interesse di questo corso e non verrà considerata. Quando si parla di tensione efficace si intende una tensione alternata (variabile sinusoidalmente) tale che la potenza media dissipata su una resistenza sia uguale alla potenza che sarebbe dissipata da una tensione continua (cioè costante nel tempo) di valore uguale a quello efficace. In altri termini, se accendo una stufa elettrica alimentandola con una tensione continua di 220 V oppure con una tensione alternata di valore efficace 220 V, produco la stessa quantità di calore per unità ditempo. In pratica si verifica facilmente che una sorgente alternata con V = V 0 sen (2πνt φ) ha un valore efficace V eff =V 0 / 2. In molti casi (in particolare per le esercitazioni di laboratorio di questo corso) è opportuno utilizzare sorgenti che forniscano tensioni continue anzichè alternate. A questo fine esistono apparecchiature (alimentatori) che trasformano l alternata in una tensione continua con caratteristiche più o meno aderenti a quelle ideali (ossia di essere perfettamente costanti nel tempo e al variare della corrente erogata) in funzione della qualità (e del costo) dell apparecchio. In moltissimi casi uno o più alimentatori in continua sono contenuti nei comuni apparecchi domestici che vengono alimentati dalle prese di corrente alternata (televisioni, stereo, computer ecc.). 5

6 6 CAPITOLO 1. 1

7 Capitolo 2 Definizioni, notazioni e leggi fondamentali Introduciamo gli elementi che compongono i circuiti che saranno considerati in questo corso e realizzati nelle esercitazioni di laboratorio. È importante osservare che i componenti reali che saranno utilizzati nei circuiti approssimano soltanto il comportamento ideale che viene schematizzato teoricamente. L approssimazione può essere molto buona quando il componente viene utilizzato in opportune condizioni di funzionamento, ma al di fuori di queste il comportamento può essere completamente differente da quanto previsto dalla schematizzazione. Per esempio un resistore può avere un comportamento perfettamente ohmico se usato correttamente (ossia se attraversato da una corrente tale che la dissipazione di potenza possa essere smaltita senza surriscaldamenti) ma addirittura fondersi se percorso da correnti di intensità eccessiva. Come primo esempio di elemento circuitale consideriamo il resistore, spesso chiamato semplicemente resistenza dal nome della proprietà fisica caratterizzante, appunto la resistenza elettrica. Questo elemento è indicato dal simbolo rappresentato in figura 2.1. Un resistore ideale è R Figura 2.1: Simbolo circuitale del resistore di resistenza R. caratterizzato semplicemente dal valore nominale della sua resistenza (R). Un componente reale ha (o almeno dovrebbe avere) in condizioni ambientali normali una resistenza compatibile con il valore nominale (indicato da un codice a strisce colorate come in figura 2.2) entro la tolleranza dichiarata. Esso è inoltre caratterizzato da una potenza massima, che può essereneicasipiù comuni 1/4 W, 1 W oppure 2 W ma anche sensibilmente superiore, quando necessario. Il valore di resistenza è garantito solo se la potenza effettivamente dissipata sul resistore è inferiore alla potenza massima. Per valori di potenza superiori, il resistore si scalda significativamente e, come abbiamo visto, la sua resistenza cambia. Oltre un certo valore il resistore si danneggia (si brucia ) e può anche danneggiare il resto del circuito. 7

8 8 CAPITOLO Nero 1 Marrone 2 Rosso 3 Arancio 4 Giallo 5 Verde 6 Blu 7 Viola 8 Grigio 9 Bianco 1 Cifra 2 Cifra Esponente Tolleranza Rosso : 2% Oro : 5% Argento : 10% Niente : 20% Sequenza standard di valori Figura 2.2: Codice a colori delle resistenze. Oltre ai resistori considereremo come elementi circuitali i generatori di tensione e/o di corrente. Un generatore di tensione ideale è un dispositivo dotato di due terminali ai cui capi esiste una differenza di potenziale costante, uguale alla forza elettromotrice (f.e.m.), indipendentemente dall intensità di corrente erogata. Un generatore ideale di tensione è schematizzato da uno dei simboli circuitali mostrati in figura 2.3. V (a) (b) Figura 2.3: Simboli circuitali di un generatore ideale di tensione. Un generatore ideale di corrente è un dispositivo in grado fornire un valore fissato di corrente, indipendentemente dalla resistenza dei conduttori in cui passa la corrente stessa. Un generatore ideale di corrente è schematizzato dal simbolo circuitale mostrati in figura 2.4. Nessun generatore reale di tensione può comportarsi in ogni situazione come uno ideale in quanto dovrebbe essere in grado di fornire una potenza illimitata al crescere della corrente erogata. Una utile schematizzazione, valida soprattutto per descrivere il comportamento di una batteria, è pensare ad un generatore reale come ad un generatore ideale con una resistenza interna r i in serie. Al crescere dell intensità di corrente il valore della tensione osservabile sui morsetti è inferiore a quello nominale per via della caduta di tensione sulla resistenza interna: V est = f.e.m. i r i ; la massima corrente che può essere fornita sarà i max = f.e.m. / r i. Il comportamento di un alimentatore stabilizzato da laboratorio, usato opportunamente,

9 9 i i Figura 2.4: Simbolo circuitale di un generatore ideale di corrente. può essere sensibilmente diverso. La tensione diminuisce pochissimo all aumentare della corrente finchè questa non supera un certo livello; quando questo è superato la tensione cade a zero molto rapidamente. Quindi un alimentatore stabilizzato differisce da un generatore ideale in quanto può fornire un intensità di corrente non superiore ad un certo limite; fino a quel punto la sua resistenza interna è in genere trascurabile o comunque molto piccola. Viceversa una batteria è caratterizzata da una resistenza interna significativa e il cui valore dipende non solo dalle sue caratteristiche costruttive ma anche dal suo stato di carica (una batteria scarica ha la stessa f.e.m. di una batteria carica dello stesso tipo ma una resistenza interna molto più alta: la corrente massima che può erogare è estremamente ridotta ovvero la tensione che misuriamo ai morsetti sotto carico è molto inferiore al valore della f.e.m). Analogamente nessun generatore reale di corrente può comportarsi in tutto e per tutto come uno ideale in quanto nuovamente avremmo situazioni in cui la potenza potrebbe crescere illimitatamente. Una schematizzazione comune di un generatore di corrente reale corrisponde ad un generatore ideale con una resistenza in parallelo. La corrente vista all esterno resta sostanzialmente costante quando la resistenza esterna è molto più bassa di quella interna ma viene limitata automaticamente quando la resistenza esterna cresce. Un buon alimentatore da laboratorio può funzionare con buona approssimazione come generatore di corrente purchè la tensione ai sui capi non superi un determinato valore. Le comuni schematizzazioni dei generatori reali sono mostrate in figura 2.5. Lo studio dei i v r i v r i i r s (a) (b) (c) Figura 2.5: Schematizzazione di generatori reali. circuiti elettrici è basato su due leggi fisiche, dette leggi di Kirchhoff. La prima legge, detta legge dei nodi o teorema dei nodi, è basata sulla legge di conservazione

10 10 CAPITOLO 2. 2 della carica elettrica. In qualunque punto di un circuito non possiamo avere un accumulazione di carica perchè altrimenti si arriverebbe rapidamente a situazioni esplosive (differenze di potenziale elevatissime, campi elettrici e quindi forze enormi e distruttive...). Quindi se consideriamo un nodo, ossia un punto in cui convergono diversi rami di un circuito, poichè la carica elettrica non si crea e non si distrugge occorre che la carica trasportata in un certo tempo verso il nodo sia uguale a quella che esce dallo stesso nodo nello stesso tempo. In altri termini, la somma delle correnti entranti in un nodo deve essere uguale alla somma delle correnti uscenti. Se attribuiamo un segno positivo alle correnti entranti e uno negativo a quelle uscenti dal nodo, possiamo anche dire che la somma algebrica delle correnti in un nodo deve essere nulla. La seconda legge di Kirchhoff, detta anche legge della maglia o teorema della maglia, è una conseguenza dell unicità del potenziale elettrico. Se noi percorriamo un circuito elettrico seguendo un cammino chiuso (quello che si chiama appunto una maglia) al termine troviamo lo stesso potenziale di partenza, ossia la somma algebrica delle variazioni di potenziale deve essere nulla. Se in un ramo di un circuito abbiamo una resistenza, questa dà luogo ad una caduta di potenziale uguale al prodotto di intensità di corrente per resistenza, ossia V= ir se stiamo percorrendo il ramo nello stesso verso della corrente e V=iR se lo percorriamo in senso inverso. Se incontriamo un generatore di tensione questo implica una variazione V= f.e.m. se lo percorriamo dal polo negativo al positivo e V= f.e.m. nel caso opposto. Se il generatore ha una resistenza interna, questa viene trattata come tutte le altre resistenze. Quindi per capire cosa succede in un circuito contenente solo resistenze e generatori di tensione è sufficiente procedere nel modo seguente. In primo luogo assegnare una corrente, con un verso arbitrario, ad ogni ramo del circuito. Poi, individuati i nodi in cui convergono tre o più rami, scrivere per ciascuno la legge dei nodi. Fatto ciò, è necessario individuare un certo numero di maglie tali da ricoprire tutti gli elementi del circuito. In generale la scelta delle maglie non è univoca. L importante è considerare il numero minimo di maglie sufficienti, come si è detto, a ricoprire tutti i rami del circuito. Ogni maglia in più darebbe luogo ad equazioni linearmente dipendenti dalle altre e quindi appesantirebbe inutilmente la trattazione. Per ogni maglia indipendente scrivere per ciascuna la legge della maglia a partire dalle correnti che si erano assegnate inizialmente ai vari rami. L insieme delle equazioni scritte per i nodi e di quelle scritte per le maglie si traduce in un sistema di equazioni lineari in cui le incognite sono le correnti. Il sistema può essere risolto con uno dei metodi noti consentendo così di ricavare le correnti passanti in ogni elemento del circuito. È importante notare che quando il valore di una corrente risulta negativo il verso effettivo di tale corrente è opposto a quello che si era schematizzato.

11 Capitolo 3 Esempi ed applicazioni delle leggi di Kirchhoff Come primo esempio di studio di circuiti consideriamo il caso elementare di due resistori disposti in serie e collegati ad un generatore ideale di tensione come in figura 3.1. In questo caso le i R 1 R 2 V Figura 3.1: Esempio di circuito elettrico con 2 resistenze in serie. resistenze sono attraversate dalla stessa corrente i. La legge della maglia ci dice: V ir 1 ir 2 =0,cioèV=i(R 1 R 2 ). Allora il sistema dei due resistori in serie èequivalente ad un unico resistore la cui resistenza sia la somma di quelle dei due considerati. La cosa si estende banalmente al caso di un numero qualunque di resistori in serie, per cui vale la legge R s = n i=1 R i. Un altro caso è quello di due resistori in parallelo, come in figura 3.2. In questo caso ai i R 1 R 2 V Figura 3.2: Esempio di circuito elettrico con 2 resistenze in parallelo. capi di entrambe le resistenze è applicata la stessa differenza di potenziale V, quindi esse sono attraversate rispettivamente da intensità di corrente i 1 =V/R 1 ei 2 =V/R 2. Per la legge dei nodi la corrente totale vista all esterno del parallelo sarà i T =i 1 i 2 = V (1/R 1 1/R 2 ). 11

12 12 CAPITOLO 3. 3 Vediamo allora come il parallelo è equivalente ad un unico resistore di resistenza R p tale che 1/R p = 1/R 1 1/R 2. Quindi adesso si sommano gli inversi delle resistenze (ovvero si sommano le conduttanze). Nel caso generale di un numero qualunque di resistori in parallelo vale la legge 1/R p = n i=1 1/R i, oppure G p = n i=1 G i. La conoscenza delle leggi di Kirchhoff è essenziale per un corretto impiego degli strumenti di misura, di cui discuteremo brevemente le caratteristiche principali. I moderni strumenti di misura elettrici consentono di effettuare svariate misure; in questo corso ci occupiamo soltanto di misure di resistenza, intensità di corrente continua e differenza di potenziale continua (o variabile molto lentamente). Gli strumenti si dividono sostanzialmente in due categorie: strumenti a bobina mobile, in cui la visualizzazione è analogica, basata sul posizionamento di un ago lungo una scala graduata, e strumenti elettronici a conversione analogicodigitale, in cui la visualizzazione di norma è realizzata mediante un display numerico. Negli strumenti a bobina mobile l elemento centrale è appunto una bobina percorsa dalla corrente che si vuole misurare e immersa in un campo magnetico. La bobina si comporta come un ago magnetico e tende ad allinearsi al campo magnetico, contrastando il richiamo di una molla. La posizione di equilibrio dipende dal valore della corrente ed è messa in evidenza dalla posizione di un ago, collegato alla bobina, lungo una scala graduata. In questo modo si è realizzato uno strumento di misura di corrente, che si chiama amperometro. Si può ottenere un fondoscala differente mettendo in parallelo alla bobina un resistore (detto di shunt ) di valore opportuno. Per esempio, se si mette in parallelo un resistore la cui conduttanza sia 9 volte maggiore di quella della bobina, solo un decimo della corrente totale passa attraverso la bobina e quindi il fondoscala viene moltiplicato per 10. Un amperometro deve essere inserito in serie nel ramo di circuito in cui si vuole misurare l intensità di corrente. Per alterare il meno possibile le caratteristiche del circuito in cui viene inserito è bene che la resistenza interna dell amperometro sia il più possibile bassa. Per la misura di correnti molto basse si usano strumenti molto sensibili e delicati, detti galvanometri, il cui funzionamento è analogo a quello degli amperometri ma in cui la bobina, anzichè essere collegata ad una molla, è sospesa a due fili sottili che realizzano anche il collegamento elettrico. L amperometro, con una resistenza in serie, può essere utilizzato per misurare differenze di potenziale (voltmetro). In questo caso i puntali devono essere collegati ai punti del circuito tra cui si vuole determinare la differenza di potenziale e quindi la disposizione è in parallelo rispetto alla porzione di circuito considerata. Per questo motivo è opportuno che la resistenza interna sia il più possibile alta in modo da non introdurre grosse alterazioni al circuito originale. Tuttavia in uno strumento a bobina mobile il valore di questa resistenza è limitato dal fatto che è necessario il passaggio di un intensità di corrente non troppo piccola per poter spostare l ago contro il richiamo della molla. Attualmente sono molto utilizzati gli strumenti elettronici a conversione analogicodigitale; questa viene realizzata con diverse tecniche, che in genere si basano sul confronto tra la tensione in misura e una tensione di riferimento generata internamente allo strumento. A titolo di esempio, uno dei metodi utilizzati consiste nel creare internamente allo strumento una tensione crescente linearmente nel tempo (rampa di tensione) e contemporaneamente far partire un contatore di impulsi prodotti a intervalli regolari di tempo. Nel momento in cui la tensione generata supera quella in misura, il contatore viene fermato e un apposito circuito ne visualizza, con le opportune manipolazioni e conversioni di unità di misura, il contenuto (vedere figura 3.3). Anche gli strumenti digitali, ovviamente, sono solitamente realizzati in modo da poter misurare grandezze di diverso tipo (tensioni, correnti, resistenze, ecc...). La loro resistenza interna,

13 13 quando usati come amperometri, è in genere confrontabile con quella degli strumenti analogici, mentre può essere sensibilmente superiore (tipicamente 10 MΩ) quando usati come voltmetri. V (Rampa di tensione) V m Tensione in misura t m t Impulsi tra t=0 e t m Figura 3.3: Esempio schematico di conversione analogicodigitale. Può essere utile mettere in evidenza il ruolo della resistenza interna degli strumenti considerando come esempio il metodo voltamperometrico per la determinazione della resistenza, basato sulla misura contemporanea della corrente passante attraverso un conduttore e la differenza di potenziale ai capi del medesimo. A questo scopo si possono realizzare in alternativa due circuiti, rappresentati nelle figure 3.4 (a) e (b). Amp Rx Amp R x Volt Volt (a) (b) Figura 3.4: Schemi di circuiti per misure di resistenza con il metodo voltamperometrico. Nel caso del circuito (a) il voltmetro misura correttamente la d.d.p. ai capi di R x ma la corrente i misurata dall amperometro differisce in modo sistematico dalla corrente i che attraversa la resistenza in quando comprende anche la corrente che attraversa il voltmetro stesso. Si capisce immediatamente che questo effetto tende a 0 quando la resistenza interna del voltmetro tende a. In generale possiamo dire che i= V e i = V dove 1 = 1 1 (con R V =resistenza R x R p R p R x R V interna del voltmetro).

14 14 CAPITOLO 3. 3 Ne segue che i = V (1 R x V )dacuisiricavar x = R x R V i ; la correzione risulta quindi V/R V trascurabile se V << i. La corrente che attraversa R x sarà i=i V. R V R V Se si considera invece il circuito (b) è corretta la corrente i letta dall amperometro ma risulta falsata la tensione V letta dal voltmetro in quanto essa include anche la caduta di potenziale nella resistenza interna R A dell amperometro. Avremo V = i(r x R A )dacuisiricavar x = V ir A ;inquestocasolacorrezioneè i trascurabile se ir A << V. La tensione ai capi di R x sarà ovviamente V = V ir A Un altro circuito elementare, che è utile studiare, èilpartitore di tensione mostrato in figura 3.5. Nel circuito, ad una sola maglia, circola una corrente i= V 0 R ar b ;latensioneai R a V 0 R b V Figura 3.5: Il partitore di tensione (o attenuatore). R b capi di R b sarà V=iR b =V 0. Quindi la tensione ai capi di R b risulta attenuata di R a R b R b un fattore (detto appunto fattore di attenuazione) rispetto alla tensione V 0 fornita R a R b dal generatore. È importante osservare che il fattore di attenuazione così trovatoè valido a circuito aperto. Se la tensione V viene utilizzata da un carico schematizzato per esempio da una resistenza R L (figura 3.6) occorre sostituire a R b il parallelo tra R b er L :V=V 0, R a R p dove R p =(1/R b 1/R L ) 1. R p R a V 0 R b R L Figura 3.6: Il partitore di tensione con il carico R L. Il potenziometro èundispositivoa3terminalischematizzatoinfigura 3.7.

15 15 A R T C R X B Figura 3.7: Schema di potenziometro. Tra i terminali A e B si ha un valore fisso di resistenza (R T ), tra B e C, invece, il valore può essere regolato mediante una manopola o una vite e assume un valore R X compresotra0e R T (ovviamente tra C ed A si avrà una resistenza R T R X ). Il potenziometro, collegato ad un generatore, costituisce un partitore con fattore di attenuazione regolabile dato da R X /R T. In presenza di una resistenza di carico R L,postoR p =(1/R X 1/R L ) 1, il fattore di attenuazione R p diventa. R T R X R p Si può fare una applicazione completa delle leggi di Kirchhoff considerando un circuito a due maglie indipendenti, come in figura 3.8. La legge dei nodi, applicata nel punto A, ci dice: i 1 =i 2 i 3. La legge delle maglie, applicata per esempio al settore sinistro e al settore destro del circuito, implica altre due equazioni: V 1 i 1 R 1 i 3 R 3 =0 V 2 i 3 R 3 i 2 R 2 =0 Quindi abbiamo ottenuto un sistema di 3 equazioni lineari in 3 incognite (le 3 correnti); possiamo osservare che l applicazione della legge dei nodi al punto B o di quella delle maglie alla maglia esterna porterebbe a scrivere equazioni linearmente dipendenti da quelle sopra ricavate. Si può procedere per esempio per sostituzione ricavando inizialmente dalle prime due equazioni i 2 = V 1 i 3 (R 1 R 3 ) R 1 e quindi sostituendo nella terza: V 2 i 3 R 3 R 2 [V 1 i 3 (R 1 R 3 )] = 0 da cui R 1 i 3 [R 3 R 1 R 2 R 1 R 2 R 3 ]=V 1 R 2 V 2 R 1 cioè V 1 R 2 V 2 R 1 i 3 =. R 3 R 1 R 2 R 1 R 2 R 3 Notiamo che il valore di i 3 può essere positivo o negativo (quindi la corrente può andare secondo il verso ipotizzato oppure al contrario) a seconda dei valori di V 1,V 2,R 1 ed R 2. Sostituendo il valore di i 3 nelle equazioni precedenti, ricaviamo rispettivamente i 2 = R 3V 1 R 1 V 2 R 3 V 2 R 3 R 1 R 2 R 1 R 2 R 3

16 16 CAPITOLO 3. 3 i 1 R 1 A R 2 i 2 V 1 i 3 R 3 V 2 B Figura 3.8: Esempio di circuito a due maglie. i 1 = R 2V 1 R 3 V 1 R 3 V 2. R 3 R 1 R 2 R 1 R 2 R 3 Si vede immediatamente che i 1 ei 2 sono positive indipendentemente dai valori delle grandezze in gioco, quindi queste correnti seguono sempre il verso ipotizzato inizialmente. Il problema può essere affrontato in maniera lievemente differente utilizzando il metodo, introdotto da Maxwell, delle correnti fittizie di maglia. Nell esempio che abbiamo appena considerato possiamo introdurre una corrente, che chiamiamo i A, associata alla maglia di sinistra e una corrente, i B, associata alla maglia di destra. Con questa convenzione è possibile utilizzare soltanto le equazioni delle maglie purchèneirami in comune a due maglie si consideri come corrente la somma algebrica delle correnti associate alle due maglie interessate. Nell esempio del circuito di figura 3.8 la corrente i 1 si identifica con i A,i 2 con i B ei 3 con i A i B. Ovviamente il risultato è esattamente lo stesso: l unica differenza è che la legge dei nodi viene utilizzata implicitamente anzichè esplicitamente.

17 Capitolo 4 Alcuni teoremi relativi ai circuiti elettrici Dal punto di vista fisico i circuiti elettrici in corrente continua sono descritti completamente dalle leggi di Kirchhoff. In pratica in molti casi può essere utile fare ricorso ad alcuni teoremi, che costituiscono essenzialmente elaborazioni matematiche delle leggi precedentemente considerate, per analizzare più agevolmente alcune situazioni. Vediamo in primo luogo il teorema di sovrapposizione. Questo asserisce che il comportamento di una rete lineare contenente più generatori indipendenti può essere determinato considerando separatamente l effetto di ogni generatore e sommando le rispettive risposte. Possiamo applicare questo teorema al circuito di figura 3.8: a questo scopo consideriamo i circuiti mostrati in figura 4.1 (a) e (b), contenenti ciascuno un solo generatore. R 1 R R A 2 1 A R 2 V 1 R 3 R 3 V 2 B (a) B (b) Figura 4.1: Circuiti analoghi a quello di figura 3.8 ma con un solo generatore. Nel caso del circuito (a) avremo la resistenza R 1 in serie al parallelo di R 2 er 3. In R 1 V 1 circolerà la corrente i 1a = R 1 R. 2R 3 R 2 R 3 La tensione ai capi di R 2 er 3 sarà V ABa =V 1 R 1 i 1a e quindi le correnti circolanti in R 2 er 3 saranno rispettivamente i 2a = V ABa ei 3a = V ABa. R 2 R 3 Se invece consideriamo il circuito (b) R 2 sarà in serie al parallelo di R 1 ed R 3.InR 2 circolerà 17

18 18 CAPITOLO 4. 4 V 2 i 2b = R 2 R. 1R 3 R 1 R 3 La tensione ai capi di R 1 er 3 sarà V ABb =V 2 R 2 i 2b e quindi le correnti circolanti in R 1 er 3 saranno rispettivamente i 1b = V ABb ei 3b = V ABb. R 1 R 3 Si possono così ricostruire i valori delle correnti nel circuito originale: i 1 =i 1a i 1b ; i 2 = i 2a i 2b ; i 3 =i 3a i 3b. Inmolticasipuò essere conveniente considerare un circuito equivalente semplificato rispetto a quello originale. Questo succede in particolare quando non siamo interessati al dettaglio di quello che accade internamente al circuito ma ai suoi effetti nei confronti del mondo esterno ossia, in genere, di un altro circuito. A questo proposito èrilevanteilteorema di Thevenin. Questo asserisce che ogni rete lineare vista tra due capi A e B è equivalente ad un generatore ideale di tensione V Th con in serie una resistenza R Th. Il valore di V Th è la tensione esistente tra A e B a circuito aperto (ossia con il circuito non collegato al resto del mondo ) mentre R Th è la resistenza che si vede tra i punti A e B supponendo di avere cortocircuitato tutti i generatori di tensione e tagliato i rami contenenti i generatori di corrente. Possiamo utilizzare il teorema di Thevenin per semplificare il circuito di figura 3.8. Per esempio la maglia composta dal generatore di tensione V 1 e dalle resistenze R 1 er 3 si può ridurre ad un ramo contenente un generatore con una resistenza in serie come illustrato in figura 4.2. R 1 A V 1 R 3 B V Th R Th A B Figura 4.2: Esempio di semplificazione di un circuito con il teorema di Thevenin. La tensione V Th è quella che sussiste tra i punti A e B, quando questi non sono collegati ad R 3 altri elementi circuitali, cioè V Th =V 1. R 1 R 3 La resistenza R Th è quella vista tra A e B cortocircuitando il generatore, ossia il parallelo di R 1 con R 3 :R Th = R 1R 3. R 1 R 3 Allora per il calcolo della corrente circolante in R 2 circuito (a una sola maglia) di figura 4.3. Avremo semplicemente i 2 = V Th V 2 R Th R 2. (i 2 ) si può far riferimento al

19 19 È chiaro che con questo metodo perdiamo il dettaglio di cosa accade internamente alla parte di circuito che abbiamo semplificato. R Th A V Th R 2 B V 2 Figura 4.3: Circuito equivalente a quello di figura 3.8, ricavato utilizzando il teorema di Thevenin. Un altro modo di sostituire un circuito con uno equivalente semplificato è fornito dal teorema di Norton. Secondo questo teorema si può sostituire qualunque rete lineare tra due punti A e B con un generatore di corrente con in parallelo una resistenza vista tra i punti A e B (in pratica la stessa del teorema di Thevenin). La corrente i N da considerare è quella che scorre tra A e B quando questi punti siano in corto circuito, ossia collegati da un ramo di resistenza nulla (trascurabile). L applicazione del teorema di Norton al circuito di figura 3.8 è mostrata in figura 4.4. La corrente di corto circuito sarà i N = V 1 R 1 elaresistenzatraaebsarà R N = R 1R 3 R 1 R 3. R 1 A A V 1 R 3 i N R N B B Figura 4.4: Esempio di semplificazione di un circuito con il teorema di Norton.

20 20 CAPITOLO 4. 4 Dai teoremi di Thevenin e Norton si ricava immediatamente che V Th =i N R Th,cioèche, presi due terminali A e B di un circuito, la tensione a circuito aperto tra A e B è uguale al prodotto della corrente di corto circuito per la resistenza vista tra A e B. Questa relazione, che è formalmente analoga alla legge di Ohm, può essere utile per ricavare semplicemente la tensione tra due punti di un circuito.

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente.

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente. CORRENTE ELETTRICA Si definisce CORRENTE ELETTRICA un moto ordinato di cariche elettriche. Il moto ordinato è distinto dal moto termico, che è invece disordinato, ed è sovrapposto a questo. Il moto ordinato

Dettagli

Generatore di forza elettromotrice f.e.m.

Generatore di forza elettromotrice f.e.m. Generatore di forza elettromotrice f.e.m. Un dispositivo che mantiene una differenza di potenziale tra una coppia di terminali batterie generatori elettrici celle solari termopile celle a combustibile

Dettagli

Corrente ele)rica. Cariche in movimento e legge di Ohm

Corrente ele)rica. Cariche in movimento e legge di Ohm Corrente ele)rica Cariche in movimento e legge di Ohm Corrente ele)rica Nei metalli si possono avere elettroni che si muovono anche velocemente fra un estremo e l altro del metallo, ma la risultante istante

Dettagli

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica Corrente elettrica LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Cos è la corrente elettrica? La corrente elettrica è un flusso di elettroni che si spostano dentro un conduttore dal polo negativo verso il polo positivo

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

Carica positiva e carica negativa

Carica positiva e carica negativa Elettrostatica Fin dal 600 a.c. si erano studiati alcuni effetti prodotti dallo sfregamento di una resina fossile, l ambra (dal cui nome in greco electron deriva il termine elettricità) con alcuni tipi

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI Capitolo3:Layout 1 17-10-2012 15:33 Pagina 73 CAPITOLO 3 GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI OBIETTIVI Conoscere le grandezze fisiche necessarie alla trattazione dei circuiti elettrici Comprendere la necessità

Dettagli

PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: NOTE TEORICHE: Differenza di potenziale Generatore di tensione Corrente elettrica

PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: NOTE TEORICHE: Differenza di potenziale Generatore di tensione Corrente elettrica Liceo Scientifico G. TARANTINO ALUNNO: Pellicciari Girolamo VG PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: Verificare la Prima leggi di Ohm in un circuito ohmico (o resistore) cioè verificare che l intensità di corrente

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Ø Prof. Attilio Santocchia Ø Ufficio presso il Dipartimento di Fisica (Quinto Piano) Tel. 075-585 2708 Ø E-mail: attilio.santocchia@pg.infn.it Ø Web: http://www.fisica.unipg.it/~attilio.santocchia

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella Equazione di Ohm nel dominio fasoriale: Legge di Ohm:. Dalla definizione di operatore di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, dove Adesso sostituiamo nella

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Generatore di Forza Elettromotrice

Generatore di Forza Elettromotrice CIRCUITI ELETTRICI Corrente Elettrica 1. La corrente elettrica è un flusso ordinato di carica elettrica. 2. L intensità di corrente elettrica (i) è definita come la quantità di carica che attraversa una

Dettagli

Corrente elettrica stazionaria

Corrente elettrica stazionaria Corrente elettrica stazionaria Negli atomi di un metallo gli elettroni periferici non si legano ai singoli atomi, ma sono liberi di muoversi nel reticolo formato dagli ioni positivi e sono detti elettroni

Dettagli

approfondimento Corrente elettrica e circuiti in corrente continua

approfondimento Corrente elettrica e circuiti in corrente continua approfondimento Corrente elettrica e circuiti in corrente continua Corrente elettrica e forza elettromotrice La conduzione nei metalli: Resistenza e legge di Ohm Energia e potenza nei circuiti elettrici

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA Corso di Fisica per la Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2007

CORRENTE ELETTRICA Corso di Fisica per la Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2007 CORRENTE ELETTRICA INTRODUZIONE Dopo lo studio dell elettrostatica, nella quale abbiamo descritto distribuzioni e sistemi di cariche elettriche in quiete, passiamo allo studio di fenomeni nei quali le

Dettagli

ELETTROSTATICA + Carica Elettrica + Campi Elettrici + Legge di Gauss + Potenziale Elettrico + Capacita Elettrica

ELETTROSTATICA + Carica Elettrica + Campi Elettrici + Legge di Gauss + Potenziale Elettrico + Capacita Elettrica ELETTROSTATICA + Carica Elettrica + Campi Elettrici + Legge di Gauss + Potenziale Elettrico + Capacita Elettrica ELETTRODINAMICA + Correnti + Campi Magnetici + Induzione e Induttanza + Equazioni di Maxwell

Dettagli

La corrente e le leggi di Ohm

La corrente e le leggi di Ohm La corrente e le leggi di Ohm Elettroni di conduzione La conduzione elettrica, che definiremo successivamente, consiste nel passaggio di cariche elettriche da un punto ad un altro di un corpo conduttore.

Dettagli

Corrente Elettrica. dq dt

Corrente Elettrica. dq dt Corrente Elettrica Finora abbiamo considerato le cariche elettriche fisse: Elettrostatica Consideriamole adesso in movimento! La carica in moto forma una corrente elettrica. L intensità di corrente è uguale

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

Conduzione e Corrente Elettrica

Conduzione e Corrente Elettrica Conduzione e Corrente Elettrica I conduttori (metallici) sono solidi costituiti da atomi disposti in maniera ordinata nello spazio, che hanno perso uno o più elettroni (negativi) che sono liberi dimuoversinello

Dettagli

( a ) ( ) ( Circuiti elettrici in corrente alternata. I numeri complessi. I numeri complessi in rappresentazione cartesiana

( a ) ( ) ( Circuiti elettrici in corrente alternata. I numeri complessi. I numeri complessi in rappresentazione cartesiana I numeri complessi I numeri complessi in rappresentazione cartesiana Un numero complesso a è una coppia ordinata di numeri reali che possono essere pensati come coordinate di un punto nel piano P(a,a,

Dettagli

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO ELETTROLOGIA 1) CONCETTI FONDAMENTALI Cariche elettriche: cariche elettriche dello stesso segno si respingono e cariche elettriche di segno opposto si attraggono. Conduttore:

Dettagli

isolanti e conduttori

isolanti e conduttori 1. ELETTROMAGNETISMO 1.1. Carica elettrica 1.1.1. Storia: Franklin Thomson Rutherford Millikan 1.1.2. L atomo: struttura elettroni di valenza (legame metallico) isolanti e conduttori ATOMO legge di conservazione

Dettagli

Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ

Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ Che cos è la corrente elettrica? Nei conduttori metallici la corrente è un flusso di elettroni. L intensità della corrente è il rapporto tra la quantità

Dettagli

Fisica Generale - Modulo Fisica II Esercitazione 5 Ingegneria Gestionale-Informatica CARICA E SCARICA DEL CONDENSATORE

Fisica Generale - Modulo Fisica II Esercitazione 5 Ingegneria Gestionale-Informatica CARICA E SCARICA DEL CONDENSATORE AIA E SAIA DEL ONDENSATOE a. Studiare la scarica del condensatore della figura che è connesso I(t) alla resistenza al tempo t=0 quando porta una carica Q(0) = Q 0. Soluzione. Per la relazione di maglia,

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

PROGRAMMA PREVENTIVO: Tecnologie Elettrico-Elettroniche e Applicazioni. Modulo n 1: STRUTTURA DELLA MATERIA E FENOMENI ELETTRICI CONTENUTI OBIETTIVI

PROGRAMMA PREVENTIVO: Tecnologie Elettrico-Elettroniche e Applicazioni. Modulo n 1: STRUTTURA DELLA MATERIA E FENOMENI ELETTRICI CONTENUTI OBIETTIVI ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "G. VERONESE - G. MARCONI" SEZIONE ASSOCIATA G. MARCONI Via T. Serafin, 15-30014 CAVARZERE (VE) Tel. 0426/51151 - Fax 0426/310911 E-mail: ipsiamarconi@ipsiamarconi.it -

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

10.1 Corrente, densità di corrente e Legge di Ohm

10.1 Corrente, densità di corrente e Legge di Ohm Capitolo 10 Correnti elettriche 10.1 Corrente, densità di corrente e Legge di Ohm Esercizio 10.1.1 Un centro di calcolo è dotato di un UPS (Uninterruptible Power Supply) costituito da un insieme di 20

Dettagli

1 di 3 07/06/2010 14.04

1 di 3 07/06/2010 14.04 Principi 1 http://digilander.libero.it/emmepi347/la%20pagina%20di%20elettronic... 1 di 3 07/06/2010 14.04 Community emmepi347 Profilo Blog Video Sito Foto Amici Esplora L'atomo Ogni materiale conosciuto

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Lampadina Ferro da stiro Altoparlante Moto di cariche elettrice Nei metalli i portatori di carica sono gli elettroni Agitazione termica - moto caotico velocità media 10 5 m/s Non costituiscono una corrente

Dettagli

La corrente e le leggi di Ohm

La corrente e le leggi di Ohm La corrente e le leggi di Ohm Elettroni di conduzione La conduzione elettrica, che definiremo successivamente, consiste nel passaggio di cariche elettriche da un punto ad un altro di un corpo conduttore.

Dettagli

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Davide Giglio Introduzione alle eti Elettriche e reti elettriche costituite da resistori, condensatori e induttori (bipoli),

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Scienze M.F.N. Corso di Laurea in Matematica. Prof. Andrea Stefanini

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Scienze M.F.N. Corso di Laurea in Matematica. Prof. Andrea Stefanini UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Scienze M.F.N. Corso di Laurea in Matematica Prof. Andrea Stefanini Appunti aggiuntivi al corso di LABORATORIO DI FISICA 2 CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Anno

Dettagli

Michele D'Amico (premiere) 6 May 2012

Michele D'Amico (premiere) 6 May 2012 Michele D'Amico (premiere) CORRENTE ELETTRICA 6 May 2012 Introduzione La corrente elettrica può essere definita come il movimento ordinato di cariche elettriche, dove per convenzione si stabilisce la direzione

Dettagli

PROGRAMMA DEFINITIVO di Tecnologie Elettrico-Elettroniche e Applicazioni. Docente: VARAGNOLO GIAMPAOLO. Insegnante Tecnico Pratico: ZANINELLO LORIS

PROGRAMMA DEFINITIVO di Tecnologie Elettrico-Elettroniche e Applicazioni. Docente: VARAGNOLO GIAMPAOLO. Insegnante Tecnico Pratico: ZANINELLO LORIS ISTITUTO VERONESE MARCONI Sede di Cavarzere (VE) PROGRAMMA DEFINITIVO di Tecnologie Elettrico-Elettroniche e Applicazioni Docente: VARAGNOLO GIAMPAOLO Insegnante Tecnico Pratico: ZANINELLO LORIS Classe

Dettagli

Capitolo II Le reti elettriche

Capitolo II Le reti elettriche Capitolo II Le reti elettriche Fino ad ora abbiamo immaginato di disporre di due soli bipoli da collegare attraverso i loro morsetti; supponiamo ora, invece, di disporre di l bipoli e di collegarli tra

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

Università del Salento Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Industriale Appello di FISICA GENERALE 2 del 27/01/15

Università del Salento Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Industriale Appello di FISICA GENERALE 2 del 27/01/15 Università del Salento Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Industriale Appello di FISICA GENERALE 2 del 27/01/15 Esercizio 1 (9 punti): Una distribuzione di carica è costituita da un guscio sferico

Dettagli

Campo elettrico per una carica puntiforme

Campo elettrico per una carica puntiforme Campo elettrico per una carica puntiforme 1 Linee di Campo elettrico A. Pastore Fisica con Elementi di Matematica (O-Z) 2 Esercizio Siano date tre cariche puntiformi positive uguali, fisse nei vertici

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA Intensità e densità di corrente sistema formato da due conduttori carichi a potenziali V 1 e V 2 isolati tra loro V 2 > V 1 V 2

CORRENTE ELETTRICA Intensità e densità di corrente sistema formato da due conduttori carichi a potenziali V 1 e V 2 isolati tra loro V 2 > V 1 V 2 COENTE ELETTICA Intensità e densità di corrente sistema formato da due conduttori carichi a potenziali V 1 e V isolati tra loro V > V 1 V V 1 Li colleghiamo mediante un conduttore Fase transitoria: sotto

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

LA RESISTENZA ELETTRICA

LA RESISTENZA ELETTRICA LA RESISTENZA ELETTRICA La resistenza elettrica è una grandezza fisica scalare che misura la tendenza di un conduttore di opporsi al passaggio di una corrente elettrica quando è sottoposto ad una tensione.

Dettagli

CORRENTE E TENSIONE ELETTRICA LA CORRENTE ELETTRICA

CORRENTE E TENSIONE ELETTRICA LA CORRENTE ELETTRICA CORRENTE E TENSIONE ELETTRICA La conoscenza delle grandezze elettriche fondamentali (corrente e tensione) è indispensabile per definire lo stato di un circuito elettrico. LA CORRENTE ELETTRICA DEFINIZIONE:

Dettagli

1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI.

1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI. 1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI. Tutti i fenomeni elettrici e magnetici hanno origine da cariche elettriche. Per comprendere a fondo la definizione di carica elettrica occorre risalire alla

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Transitori del primo ordine

Transitori del primo ordine Università di Ferrara Corso di Elettrotecnica Transitori del primo ordine Si consideri il circuito in figura, composto da un generatore ideale di tensione, una resistenza ed una capacità. I tre bipoli

Dettagli

Come visto precedentemente l equazione integro differenziale rappresentativa dell equilibrio elettrico di un circuito RLC è la seguente: 1 = (1)

Come visto precedentemente l equazione integro differenziale rappresentativa dell equilibrio elettrico di un circuito RLC è la seguente: 1 = (1) Transitori Analisi nel dominio del tempo Ricordiamo che si definisce transitorio il periodo di tempo che intercorre nel passaggio, di un sistema, da uno stato energetico ad un altro, non è comunque sempre

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

1. La corrente elettrica

1. La corrente elettrica . Elettrodinamica. La corrente elettrica Finora abbiamo studiato situazioni in cui le cariche elettriche erano ferme. Nell elettrodinamica si studia il moto delle cariche elettriche. Una corrente elettrica

Dettagli

Circuiti Elettrici. Un introduzione per studenti di Fisica. Giulio D Agostini. Dipartimento di Fisica, Università La Sapienza, Roma

Circuiti Elettrici. Un introduzione per studenti di Fisica. Giulio D Agostini. Dipartimento di Fisica, Università La Sapienza, Roma Circuiti Elettrici Un introduzione per studenti di Fisica Giulio D Agostini Dipartimento di Fisica, Università La Sapienza, Roma 6 marzo 2015 ii Indice 1 Forze gravitazionali e forze elettriche 1 1.1 Forze

Dettagli

Alcune applicazioni delle equazioni differenziali ordinarie alla teoria dei circuiti elettrici

Alcune applicazioni delle equazioni differenziali ordinarie alla teoria dei circuiti elettrici Alcune applicazioni delle equazioni differenziali ordinarie alla teoria dei circuiti elettrici Attilio Piana, Andrea Ziggioto 1 egime variabile in un circuito elettrico. Circuito C. 1.1 Carica del condensatore

Dettagli

Appunti tratti dal videocorso di Elettrotecnica 1 del prof. Graglia By ALeXio

Appunti tratti dal videocorso di Elettrotecnica 1 del prof. Graglia By ALeXio Appunti tratti dal videocorso di Elettrotecnica 1 del prof. Graglia By ALeXio Parte b Bipoli elettrici - potenza entrante Tensione e corrente su di un bipolo si possono misurare secondo la convenzione

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Come detto precedentemente la legge di ohm lega la tensione e la corrente con un altro parametro detto "resistenza". Di seguito sono presenti

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Elettricità e magnetismo

Elettricità e magnetismo E1 Cos'è l'elettricità La carica elettrica è una proprietà delle particelle elementari (protoni e elettroni) che formano l'atomo. I protoni hanno carica elettrica positiva. Gli elettroni hanno carica elettrica

Dettagli

Due cariche positive si respingono, due cariche negative si respingono, una carica positiva e una negativa si attraggono.

Due cariche positive si respingono, due cariche negative si respingono, una carica positiva e una negativa si attraggono. 2012 11 08 pagina 1 Carica elettrica Esistono cariche elettriche di due tipi: positiva e negativa. Due cariche positive si respingono, due cariche negative si respingono, una carica positiva e una negativa

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

RICHIAMI DI MISURE ELETTRICHE

RICHIAMI DI MISURE ELETTRICHE RICHIAMI DI MISURE ELETTRICHE PREMESSA STRUMENTI PER MISURE ELETTRICHE Come si è già avuto modo di comprendere ogni grandezza fisica ha bisogno, per essere quantificata, di un adeguato metro di misura.

Dettagli

I CIRCUITI ELETTRICI. Prima di tutto occorre mettersi d accordo anche sui nomi di alcune parti dei circuiti stessi.

I CIRCUITI ELETTRICI. Prima di tutto occorre mettersi d accordo anche sui nomi di alcune parti dei circuiti stessi. I CIRCUITI ELETTRICI Prima di tutto occorre mettersi d accordo anche sui nomi di alcune parti dei circuiti stessi. Definiamo ramo un tratto di circuito senza diramazioni (tratto evidenziato in rosso nella

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

Libri di testo adottati: Elettrotecnica generale HOEPLI di Gaetano Conte.

Libri di testo adottati: Elettrotecnica generale HOEPLI di Gaetano Conte. Libri di testo adottati: Elettrotecnica generale HOEPLI di Gaetano Conte. Obiettivi generali. L insegnamento di Elettrotecnica, formativo del profilo professionale e propedeutico, deve fornire agli allievi

Dettagli

PROPRIETÀ DEI CIRCUITI DI RESISTORI

PROPRIETÀ DEI CIRCUITI DI RESISTORI CAPITOLO 5 PROPRIETÀ DEI CIRCUITI DI RESISTORI Nel presente Capitolo, verrà introdotto il concetto di equivalenza tra bipoli statici e verranno enunciati e dimostrati alcuni teoremi (proprietà) generali

Dettagli

Elettronica Analogica. Luxx Luca Carabetta. Nello studio dell elettronica analogica ci serviamo di alcune grandezze:

Elettronica Analogica. Luxx Luca Carabetta. Nello studio dell elettronica analogica ci serviamo di alcune grandezze: Grandezze elettriche Serie e Parallelo Legge di Ohm, Principi di Kirchhoff Elettronica Analogica Luxx Luca Carabetta Premessa L elettronica Analogica, si appoggia su segnali che possono avere infiniti

Dettagli

Esercizi svolti di Elettrotecnica

Esercizi svolti di Elettrotecnica Marco Gilli Dipartimento di Elettronica Politecnico di Torino Esercizi svolti di Elettrotecnica Politecnico di Torino TOINO Maggio 2003 Indice Leggi di Kirchhoff 5 2 Legge di Ohm e partitori 5 3 esistenze

Dettagli

Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale. 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito

Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale. 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito I fenomeni energetici connessi al passaggio della corrente in un circuito, possono essere distinti

Dettagli

Elettrostatica. 1. La carica elettrica 2. La legge di Coulomb 3. Il campo elettrostatico 4. Il potenziale elettrico 5. Condensatori e dielettrici

Elettrostatica. 1. La carica elettrica 2. La legge di Coulomb 3. Il campo elettrostatico 4. Il potenziale elettrico 5. Condensatori e dielettrici Elettrostatica 1. La carica elettrica 2. La legge di Coulomb 3. Il campo elettrostatico 4. Il potenziale elettrico 5. Condensatori e dielettrici Prof. Giovanni Ianne 1 L ELETTRIZZAZIONE PER STROFINIO Un

Dettagli

Tesina di scienze. L Elettricità. Le forze elettriche

Tesina di scienze. L Elettricità. Le forze elettriche Tesina di scienze L Elettricità Le forze elettriche In natura esistono due forme di elettricità: quella negativa e quella positiva. Queste due energie si attraggono fra loro, mentre gli stessi tipi di

Dettagli

TERZA LEZIONE (4 ore): INTERAZIONE MAGNETICA

TERZA LEZIONE (4 ore): INTERAZIONE MAGNETICA TERZA LEZIONE (4 ore): INTERAZIONE MAGNETICA Evidenza dell interazione magnetica; sorgenti delle azioni magnetiche; forze tra poli magnetici, il campo magnetico Forza magnetica su una carica in moto; particella

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

a b c Figura 1 Generatori ideali di tensione

a b c Figura 1 Generatori ideali di tensione Generatori di tensione e di corrente 1. La tensione ideale e generatori di corrente Un generatore ideale è quel dispositivo (bipolo) che fornisce una quantità di energia praticamente infinita (generatore

Dettagli

Applicazioni dell amplificatore operazionale

Applicazioni dell amplificatore operazionale Capitolo 10 Applicazioni dell amplificatore operazionale Molte applicazioni dell amplificatore operazionale si basano su circuiti che sono derivati da quello dell amplificatore non invertente di fig. 9.5

Dettagli

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie.

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie. RISONANZA Introduzione. Sia data una rete elettrica passiva, con elementi resistivi e reattivi, alimentata con un generatore di tensione sinusoidale a frequenza variabile. La tensione di alimentazione

Dettagli

Macchina sincrona (alternatore)

Macchina sincrona (alternatore) Macchina sincrona (alternatore) Principio di funzionamento Le macchine sincrone si dividono in: macchina sincrona isotropa, se è realizzata la simmetria del flusso; macchina sincrona anisotropa, quanto

Dettagli

LABORATORIO 1-B. Guida alle esercitazioni di laboratorio

LABORATORIO 1-B. Guida alle esercitazioni di laboratorio Università degli Studi di Genova Facoltà di Scienze M.F.N. Corso di laurea in Fisica LABORATORIO 1-B Guida alle esercitazioni di laboratorio Anno Accademico 2006-2007 Vengono riportate nel seguito le tracce

Dettagli

Definizione di circuito, delle grandezze circuitali e classificazione dei bipoli

Definizione di circuito, delle grandezze circuitali e classificazione dei bipoli Definizione di circuito, delle grandezze circuitali e classificazione dei bipoli Definizione di circuito elettrico Da un punto di vista fisico un circuito si presenta come una connessione di elementi o

Dettagli

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Induzione magnetica INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Che cos è l induzione magnetica? Si parla di induzione magnetica quando si misura una intensità di corrente diversa da zero che attraversa

Dettagli

Le reti elettriche possono contenere i componenti R, C, L collegati fra di loro in modo qualsiasi ed in quantità qualsiasi.

Le reti elettriche possono contenere i componenti R, C, L collegati fra di loro in modo qualsiasi ed in quantità qualsiasi. e reti elettriche in alternata (- ; - ; --) e reti elettriche possono contenere i componenti,, collegati fra di loro in modo qualsiasi ed in quantità qualsiasi. l loro studio in alternata parte dall analisi

Dettagli

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz Il campo magnetico 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz 1 Lezione 1 - Fenomeni magnetici I campi magnetici possono essere

Dettagli

V= R*I. LEGGE DI OHM Dopo aver illustrato le principali grandezze elettriche è necessario analizzare i legami che vi sono tra di loro.

V= R*I. LEGGE DI OHM Dopo aver illustrato le principali grandezze elettriche è necessario analizzare i legami che vi sono tra di loro. LEGGE DI OHM Dopo aver illustrato le principali grandezze elettriche è necessario analizzare i legami che vi sono tra di loro. PREMESSA: Anche intuitivamente dovrebbe a questo punto essere ormai chiaro

Dettagli

La resistenza elettrica e il resistore

La resistenza elettrica e il resistore La resistenza elettrica e il resistore Gli antichi greci erano rimasti colpiti dalle proprietà di una resina fossile, l ambra, che se strofinata con un panno di lana riusciva ad attirare, senza toccarli,

Dettagli

Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1

Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1 Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1 CONVENZIONI DI NOTAZIONE Calore scambiato da 1 a 2. Calore entrante o di sorgente. Calore uscente o ceduto al pozzo. CONVERSIONI UNITÀ DI MISURA PIÙ FREQUENTI

Dettagli

ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI ELETTRICHE

ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI ELETTRICHE SISTEMA NAZIONALE PER L'ACCREDITAMENTO DI LABORATORI DT-000/ ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI ELETTRICHE INDICE parte sezione pagina. Misurazione di una corrente continua

Dettagli

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento 11. Macchine a corrente continua unità 11.1 Principio di funzionamento Si consideri una spira rotante con velocità angolare costante e immersa in un campo magnetico costante come in figura 11.1. I lati

Dettagli

Retroazione In lavorazione

Retroazione In lavorazione Retroazione 1 In lavorazione. Retroazione - introduzione La reazione negativa (o retroazione), consiste sostanzialmente nel confrontare il segnale di uscita e quello di ingresso di un dispositivo / circuito,

Dettagli

1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica

1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica 1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica in corrente continua Si hanno a disposizione : 1 alimentatore di potenza in corrente continua PS 2 multimetri digitali 1

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

funziona meglio con FIREFOX! FENOMENI ELETTROSTATICI mappa 1 mappa 2 mappa 3 mappa 4 http://cmap.ihmc.us/

funziona meglio con FIREFOX! FENOMENI ELETTROSTATICI mappa 1 mappa 2 mappa 3 mappa 4 http://cmap.ihmc.us/ mappa 1 mappa 2 mappa 3 mappa 4 http://cmap.ihmc.us/ funziona meglio con FIREFOX! FENOMENI ELETTROSTATICI Struttura dell'atomo (nucleo, protoni, neutroni, elettroni); cariche elettriche elementari (elettrone,

Dettagli

Induzione elettromagnetica

Induzione elettromagnetica Induzione elettromagnetica 1. Induzione elettromagnetica 2. Esperienze di Faraday 3. Legge di Faraday Neumann Lenz Induzione elettromagnetica (1) La rivoluzione determinata dall'utilizzo dell'energia elettrica

Dettagli

FONDAMENTI DI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria Meccanica. http://web.ing.unimo.it/~lbiagiotti/fondamenticontrolli1415.html SISTEMI ELEMENTARI

FONDAMENTI DI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria Meccanica. http://web.ing.unimo.it/~lbiagiotti/fondamenticontrolli1415.html SISTEMI ELEMENTARI FONDAMENTI DI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria Meccanica http://web.ing.unimo.it/~lbiagiotti/fondamenticontrolli1415.html SISTEMI ELEMENTARI Ing. e-mail: luigi.biagiotti@unimore.it http://www.dii.unimore.it/~lbiagiotti

Dettagli