Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano"

Transcript

1 Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano La vita è regolata a livello cerebrale, muscolare e biologico da impulsi di natura elettrica. Il cervello è collegato ai muscoli ed a tutti gli organi vitali da una miriade di circuiti elettrici, che costituiscono il sistema nervoso, attraverso i quali transitano debolissime correnti fisiologiche che comandano e controllano l intero organismo. Se alle normali correnti fisiologiche si sovrappongono correnti di origine esterna tutto il delicato sistema risulta turbato con effetti più o meno gravi in funzione degli organi interessati, della intensità di corrente e del tempo in cui dura il contatto con parti in tensione. Gli effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano sono fondamentalmente 4: etanizzazione; Arresto della respirazione; Fibrillazione ventricolare; Ustioni. etanizzazione La tetanizzazione è una paralisi muscolare temporanea che, se perdura nel tempo, può portare a svenimenti, asfissia, collasso e stato di incoscienza. Sotto l azione degli stimoli elettrici i muscoli si contraggono in modo progressivo (contrazione tetanica) fino alla contrazione completa. Questo stato permane finchè non cessano gli stimoli, dopodichè i muscoli tornano lentamente allo stato di riposo. Il più elevato valore di corrente per cui il soggetto è ancora capace di lasciare la presa della parte in tensione con la quale è in contatto prende il nome di corrente di rilascio. Mediamente la corrente di rilascio in alternata a 50 Hz vale circa 10 ma; in continua la corrente di rilascio vale ma. Quindi la corrente continua è meno pericolosa della corrente alternata!!! Arresto della respirazione Correnti superiori alla corrente di rilascio determinano una contrazione dei muscoli addetti alla respirazione o una paralisi dei centri nervosi che sovrintendono alla funzione respiratoria; se la corrente perdura l infortunato perde conoscenza e può morire soffocato. E necessario quindi intervenire entro 3-4 minuti al massimo dopo l infortunio praticando la respirazione artificiale (respirazione bocca a bocca) per evitare l asfissia dell infortunato e lesioni irreversibili al tessuto cerebrale. Fibrillazione ventricolare Alla normale attività elettrica fisiologica corrisponde il pulsare ritmico ed ordinato del muscolo cardiaco che si contrae ritmicamente volte al minuto e sostiene, al pari di una pompa, la circolazione sanguigna; al sopraggiungere di un azione perturbatrice esterna, le fibrille (fibre muscolari dei ventricoli) vengono sovrastimolate in maniera caotica e iniziano a contrarsi in maniera disordinata provocando una grave aritmia cardiaca detta appunto fibrillazione ventricolare che non è spontaneamente reversibile. E determinante in questi casi il tempestivo intervento medico (entro qualche minuto) con apparecchio defibrillatore che utilizza una scarica elettrica violenta ma opportunamente dosata per arrestare la fibrillazione.

2 Ustioni Il passaggio di una corrente elettrica attraverso il corpo umano è ovviamente accompagnato da sviluppo di calore per effetto Joule e quindi da ustioni profonde (e spesso difficili da guarire). Le ustioni peggiori si hanno sulla pelle perché questa presenta una resistività più grande di quella dei tessuti interni inoltre la densità di corrente è maggiore in corrispondenza dei punti di contatto tra corpo umano e parti attive e tra corpo umano e terra. In fig. 1.1 sono indicate 4 zone con le quali sono stati riassunti gli effetti principali prodotti dalla corrente elettrica alternata in funzione del tempo per cui fluisce attraverso il corpo umano. durata del contatto Fig. 1.1 Zone di pericolosità della corrente elettrica alternata (15 : 100 Hz). (1) Di solito, assenza di reazioni, fino alla soglia di percezione (dita della mano). (2) In genere nessun effetto fisiologico pericoloso, fino alla soglia di tetanizzazione. (3) Possono verificarsi effetti patofisiologici, in genere reversibili, che aumentano con 1 intensità della corrente e con il tempo, quali: contrazioni muscolari, difficoltà di respirazione, aumento della pressione sanguigna, disturbi nella formazione e trasmissione degli impulsi elettrici cardiaci, compresi la fibrillazione atriale e arresti temporanei del cuore ma senza fibrillazione ventricolare. (4) Probabile fibrillazione ventricolare, arresto del cuore, arresto della respirazione, gravi bruciature. DEFINIZIONI Contatti diretti ed indiretti Massa: parte conduttrice, facente parte dell' impianto elettrico, che può essere toccata e che non è in tensione in condizioni ordinarie di isolamento ma che può andare in tensione in caso di un cedimento dell'isolamento principale (in pratica: contenitori metallici delle apparecchiature). Una massa deve essere protetta contro i contatti indiretti. Può diventare una massa anche una parte metallica non destinata a far parte di un impianto elettrico ma che (come un canale metallico portacavi) si trova permanentemente in questa scomoda veste. La dizione che può essere toccata significa che non è una massa una parte

3 conduttrice, che può andare in tensione in caso di guasto, interna ad un apparecchio ed accessibile solo dopo aver rimosso un involucro saldamente fissato, in genere rimovibile con l uso di un attrezzo. Se invece si deve rimuovere l involucro nel servizio ordinario, ad esempio per compiere operazioni di regolazione, di sostituzione di fusibili, di manutenzione ordinaria ecc. allora la parte in questione diventa di fatto accessibile ed è una massa. Massa estranea: parte conduttrice, che non fa parte dell'impianto elettrico, suscettibile di introdurre il potenziale di terra o altri potenziali pericolosi. Sono considerate esplicitamente dalle norme masse estranee: le tubazioni dell acqua e del gas allacciate alla rete pubblica di distribuzione, le parti strutturali metalliche degli edifici, le tubazioni e le canalizzazioni del riscaldamento e del condizionamento centralizzato degli edifici, gli schermi metallici dei cavi di telecomunicazione, le armature principali del cemento armato utilizzate nella costruzione degli edifici se, in qualche modo, sono accessibili direttamente o indirettamente. Non costituiscono masse estranee tutte le stutture metalliche che non escono dall unità di impianto e non possono introdurre il potenziale di terra perché sono isolate da terra (ad esempio la tubazione metallica di un impianto autonomo di riscaldamento, che quindi non è comune a più unità, isolata da terra e collegata metallicamente solo alla massa della caldaia). Contatto diretto: contatto con parte dell'impianto normalmente in tensione (conduttore, morsetto, attacco di una lampada) Contatto indiretto: contatto con una massa o con una parte conduttrice connessa ad una massa (fig. 3.3) Fig. 3.3 Il contatto indiretto è pericoloso quanto il diretto; la percentuale di infortuni elettrici mortali è infatti simile nei due casi. Il contatto indiretto è più pericoloso del contatto diretto. Si può evitare il contatto diretto con una condotta prudente verso l impianto elettrico, ma è impossibile evitare il contatto con le parti ordinariamente non in tensione perché il contatto con gli apparecchi elettrici e frequentissimo. Dispersore: insieme di conduttori infissi nel terreno destinati a convogliare nel terreno le correnti di guasto ensione di contatto: tensione effettivamente esistente tra due punti del corpo umano durante un guasto d isolamento ensione di contatto a vuoto: tensione (che preesiste al contatto) tra la massa e il punto del terreno occupato dalla persona ensione totale di terra: tensione tra massa e un punto sul terreno a potenziale zero. In fig. 5.2 è mostrato il circuito di guasto franco (impedenza di guasto trascurabile) a terra in un sistema e in fig. 5.3 il circuito elettrico equivalente nell ipotesi, più sfavorevole, che

4 la persona sia sufficientemente lontana dal dispersore da poter confondere la tensione di contatto a vuoto con la tensione totale di terra per cui la serie di c (resistenza del corpo umano) ed s (resistenza pavimento, scarpe ecc) è perfettamente in parallelo con. Questa ipotesi fornisce risultati cautelativi quando la persona si trova con i piedi in un punto a potenziale diverso da zero; in tal caso infatti, la tensione di contatto a vuoto è minore della tensione totale di terra. Inoltre, per ottenere il circuito di fig. 5.3, sono state trascurate l impedenza interna del trasformatore e l impedenza del conduttore di fase che sono molto piccole rispetto alle altre resistenze in gioco. Fig. 5.2: circuito di guasto a terra in un sistema. Fig. 5.3: circuito elettrico equivalente. Se si considera che la resistenza c + s è molto elevata rispetto ad, e può quindi essere considerata come un circuito aperto, si può ricavare semplicemente la tensione totale di terra U applicando la formula del partitore di tensione U = E (1) + N dove E rappresenta la tensione stellata.

5 Sostituire c + s con un aperto equivale a considerare la tensione totale di terra non modificata apprezzabilmente dal contatto con la persona; d altronde anche questa ipotesi è a favore della sicurezza perché l espressione esatta di U, ottenuta dal circuito di fig. 5.3, fornisce valori di tensione inferiori a quelli forniti dalla (1). Se si volesse contenere la tensione di contatto a vuoto, che coincide con U, a valori inferiori alla tensione di contatto limite U L dovrebbe essere: NU L E < UL < (2) + N ( E - U L ) Per esempio, in un sistema trifase con E=230 V, in condizioni ordinarie U L =50 V, con una resistenza di terra del neutro N =1 Ω si ha <0.3 Ω. Non è quindi possibile dal punto di vista pratico limitare la tensione di contatto a vuoto sulle masse, perché non è facile ottenere resistenze di terra così basse negli impianti in bassa tensione. Inoltre, eventuali diminuzioni della resistenza N, che non sono note all utente nei sistemi di distribuzione pubblica, potrebbero pregiudicare la sicurezza facendola dipendere dalle vicissitudini e dalle caratteristiche della rete di distribuzione pubblica in bassa tensione. Poiché quindi si ammette che la tensione di contatto a vuoto U co possa superare il valore limite convenzionale U L si deve poter limitare il tempo per cui U co permane in modo da rispettare la curva di sicurezza tensione-tempo. Si deve cioè coordinare la resistenza di terra dell impianto con dei dispositivi in grado di interrompere automaticamente l alimentazione.. Occorre allora ricorrere agli interruttori differenziali. Si definisce corrente differenziale I d la differenza tra le correnti I 1 (con riferimento entrante nel carico) e I 2 (con riferimento uscente dal carico) che fluiscono nei conduttori attivi del circuito (Fig. 5.7). In condizioni normali la corrente differenziale è nulla; solo se nel circuito si manifesta un guasto verso terra essa è diversa da zero e coincide con la corrente che si richiude nel terreno I d = I 1 - I 2. I1 I2 Id Fig. 5.7 L interruttore differenziale è un dispositivo automatico destinato ad aprire automaticamente il circuito quando la corrente differenziale supera un valore di soglia I dn denominato corrente differenziale nominale d intervento. Il differenziale è schematicamente rappresentato in fig. 5.8.

6 Fig. 5.8: principio di funzionamento di un interruttore differenziale di tipo AC (per correnti alternate sinusoidali). Quando I 1 I 2 nel toroide 3 si genera un flusso alternato Φ. Nell avvolgimento 4 si induce una forza elettromotrice che genera la corrente I s che circola nella bobina di sgancio del relè polarizzato 5. Il relè polarizzato lavora al contrario degli ordinari relè: è costituito da un magnete permanente (N-S) che, nella posizione di ON quando la leva di riarmo 8 pone l ancora mobile a contatto con i poli, trattiene tale ancora mobile malgrado il contrasto esercitato dalla molla 7. La circolazione della corrente I s riduce il valore dell induzione (ovviamente in uno solo dei due semiperiodi corrispondenti alla frequenza f) e quindi l ancora mobile, sollecitata dalla molla, si stacca dai poli provocando lo sgancio dell interruttore. Il tasto 9 è un tasto di prova che serve a verificare la funzionalità del differenziale e, se azionato periodicamente (il costruttore raccomanda di azionarlo almeno una volta al mese) limita il fenomeno dell incollamento dei contatti dovuto a ossidazione, residui di lavorazione, presenza di lubrificanti ecc.. Per il coordinamento tra impianto di terra e differenziale deve essere soddisfatta la seguente relazione analoga alla (3): U L (4) Idn I valori di I dn per interruttori differenziali per uso domestico o similare sono i seguenti: 10 ma, 30 ma, 0.1 A, 0.3 A, 0.5 A, 1A. La differenza tra la (3) e la (4) consiste nel valore numerico del denominatore; mentre la corrente I 5s dipende dalla corrente nominale I n del dispositivo ed è dell ordine di centinaia di Ampere, la I dn non dipende dalla I n e richiede, per il coordinamento con l impianto di terra, resistenze di terra facilmente realizzabili. Per esempio, se I dn =30 ma, deve essere non superiore a 1666 Ω. Anche se in teoria è possibile utilizzare per la protezione dai contatti indiretti differenziali con I dn fino ad 1 A,

7 per la protezione dai contatti diretti sono necessari differenziali ad alta sensibilità (I dn 30mA) come spiegato in seguito per cui nei centralini d appartamento sono utilizzati differenziali con I dn =30mA. La caratteristica di intervento del differenziale è tale da soddisfare comunque, per I d >I dn, la curva di sicurezza tensione-tempo.

CORSO DI IMPIANTI ELETTRICI

CORSO DI IMPIANTI ELETTRICI CORSO DI IMPIANTI ELETTRICI Fondamenti di sicurezza elettrica PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA STUDIO DI INGEGENERIA MAGRINI POLLONI MARCO VIA SAN CARLO 5 27100 PAVIA TEL. 0382-21902 Impianti elettrici

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

SICUREZZA NEGLI EDIFICI AD USO CIVILE IL RISCHIO ELETTRICO

SICUREZZA NEGLI EDIFICI AD USO CIVILE IL RISCHIO ELETTRICO SICUREZZA NEGLI EDIFICI AD USO CIVILE IL RISCHIO ELETTRICO Il rischio elettrico coinvolge tutti coloro che a qualsiasi titolo vengono a contatto con gli impianti e gli utilizzatori elettrici. Il contatto

Dettagli

Sicurezza negli impianti elettrici

Sicurezza negli impianti elettrici Sicurezza negli impianti elettrici L energia elettrica, necessaria per la maggior parte delle attività dell uomo, costituisce un enorme vantaggio ma anche un elemento di rischio e di pericolosità. Per

Dettagli

LO SHOCK ELETTRICO PARTE 1 MODALITÀ DI ACCADIMENTO ED EFFETTI

LO SHOCK ELETTRICO PARTE 1 MODALITÀ DI ACCADIMENTO ED EFFETTI LO SHOCK ELETTRICO PARTE 1 MODALITÀ DI ACCADIMENTO ED EFFETTI Premessa Il passaggio di corrente attraverso il corpo umano causato dal contatto contemporaneo con parti a tensione differente può determinare

Dettagli

Definizione. La terra. Folgorazione. Rischi elettrico. Effetti. Tipi di corrente elettrica. Cavi. Adempimenti Primo Soccorso

Definizione. La terra. Folgorazione. Rischi elettrico. Effetti. Tipi di corrente elettrica. Cavi. Adempimenti Primo Soccorso 1 Tipi di corrente elettrica Rischi elettrico Definizione Cavi La terra Folgorazione Effetti Adempimenti Primo Soccorso 2 Possiamo paragonare la corrente elettrica ad una cascata e l energia trasferita

Dettagli

Prof. Ing. Luigi Maffei. Impienti elettrici e speciali

Prof. Ing. Luigi Maffei. Impienti elettrici e speciali Conduttori: sostanze nelle quali alcune o tutte le cariche elettriche possono muoversi liberamente sotto l'azione di forze elettriche (es: metalli, soluzioni acquose). Isolanti (dielettrici): materiali

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA E CORPO UMANO

CORRENTE ELETTRICA E CORPO UMANO CONTATTI ELETTRICI DIRETTI E INDIRETTI CORRENTE ELETTRICA E CORPO UMANO 2 CORRENTE ELETTRICA E CORPO UMANO Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano Il passaggio di corrente elettrica

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA. 1. Elementi di elettrofisiologia (effetti della corrente sul corpo umano). 2. Correnti e tensioni pericolose.

SICUREZZA ELETTRICA. 1. Elementi di elettrofisiologia (effetti della corrente sul corpo umano). 2. Correnti e tensioni pericolose. 1. Elementi di elettrofisiologia (effetti della corrente sul corpo umano). 2. Correnti e tensioni pericolose. 3. Contatti pericolosi 4. Metodi di protezione 1. Elementi di elettrofisiologia (effetti della

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI ENERGIA ELETTRICA

IMPIANTI ELETTRICI ENERGIA ELETTRICA IMPIANTI ELETTRICI ENERGIA ELETTRICA forma di energia più conosciuta ed utilizzata facilmente trasportabile facilmente trasformabile in energia meccanica, termica, chimica, luce pericolosa in caso di guasti,

Dettagli

CORSO RSPP modulo B SAFETY CONTACT SRL RISCHIO ELETTRICO. Consulenza e servizi Divisione Antinfortunistica Antincendio

CORSO RSPP modulo B SAFETY CONTACT SRL RISCHIO ELETTRICO. Consulenza e servizi Divisione Antinfortunistica Antincendio SAFETY CONTACT SRL CORSO RSPP modulo B RISCHIO ELETTRICO D.Lgs. 81/08. IGIENE SICUREZZA AMBIENTE CERTIFICAZIONI ANTINCENDIO MEDICINA del LAVORO PRIVACY Divisione Consulenza e servizi Divisione Antinfortunistica

Dettagli

IL RISCHIO ELETTRICO

IL RISCHIO ELETTRICO IL RISCHIO ELETTRICO Con quest articolo vorrei fornire alcune informazioni che interessano i radioamatori e più in generale tutti coloro che per hobby, o per vita quotidiana, sono interessati all utilizzo

Dettagli

AZIONAMENTI E MACCHINE ELETTRICHE. Prof. Masiello Luigi

AZIONAMENTI E MACCHINE ELETTRICHE. Prof. Masiello Luigi AZIONAMENTI E MACCHINE ELETTRICHE Prof. Masiello Luigi Enti normativi nazionali ed internazionali CAPITOLO 3 SCHEMI ELETTICI Comando di una lampada da un punto Comando di una lampada

Dettagli

Protezione contro gli infortuni elettrici

Protezione contro gli infortuni elettrici IMPIANTI ELETTRICI: Protezione contro gli infortuni elettrici 1 Pericolosità della corrente elettrica (CEI fascicolo 1335 P). Il passaggio della corrente elettrica attraverso il corpo umano può provocare

Dettagli

IL RISCHIO ELETTRICO NELL AMBIENTE DOMESTICO

IL RISCHIO ELETTRICO NELL AMBIENTE DOMESTICO ORDINE DEGLI INGEGNERI della Provincia di Latina Piazza Celli, 3-04100 Latina (LT) Tel. 0773.694208 - Fax 0773.662628 IL RISCHIO ELETTRICO NELL AMBIENTE DOMESTICO Relatore: Ing. Giovanni Andrea POL Ordine

Dettagli

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica Sicurezza elettrica: Effetti fisiopatologici della corrente elettrica Effetti della corrente sul corpo umano folgorazione ed arco elettrico - Protezione dai contatti elettrici - Aspetti costruttivi degli

Dettagli

CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO

CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO 1. Elementi di elettrofisiologia I fenomeni elettrici inerenti il corpo umano e l analisi degli effetti

Dettagli

CAPITOLO VIII PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO

CAPITOLO VIII PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO CAPITOLO VIII PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO 1. Elementi di elettrofisiologia I fenomeni elettrici inerenti il corpo umano e l analisi degli

Dettagli

Impianti elettrici in bancarelle mercati all aperto. Impianti elettrici in bancarelle mercati all aperto

Impianti elettrici in bancarelle mercati all aperto. Impianti elettrici in bancarelle mercati all aperto Impianti in manifestazioni mercati all aperto all aperto (CEI(CEI64-864-8/7)/7) Impiantielettrici elettrici in bancarelle emercati Parliamo di impianti elettrici perchè : In Italia si verificano mediamente

Dettagli

1 Rischi connessi all uso di energia elettrica

1 Rischi connessi all uso di energia elettrica I s t i t u t o P r o f e s s i o n a l e d i S t a t o p e r l I n d u s t r i a e l A r t i g i a n a t o CAVOUR-MARCONI Loc. Piscille Via Assisana, 40/d-06154 PERUGIA Tel. 075/5838322 Fax 075/32371

Dettagli

ARI LOANO (SV) 20.05.2011 IK1HLG

ARI LOANO (SV) 20.05.2011 IK1HLG ARI LOANO (SV) Utilizzare un Generatore Elettrico in Sicurezza ovvero "come proteggersi dai contatti diretti ed indiretti quando si usa un generatore di corrente elettrica con motore a scoppio". 20.05.2011

Dettagli

Corrente elettrica e corpo umano

Corrente elettrica e corpo umano Corrente elettrica e corpo umano 1/68 Brevi richiami di elettrofisiologia 1790 Luigi Galvani effettuò esperimenti sulla contrazione del muscolo di rana per mezzo di un bimetallo: concluse che si trattava

Dettagli

Sistemi Elettrici }BT }AT

Sistemi Elettrici }BT }AT Sistemi Elettrici DEFINIZIONE (CEI 11-1) Si definisce SISTEMA ELETTRICO la parte di impianto elettrico costituita dai componenti elettrici aventi una determinata TENSIONE NOMINALE (d esercizio). Un sistema

Dettagli

CAPITOLO VII COMPONENTI DELL IMPIANTO: IMPIANTI DI TERRA

CAPITOLO VII COMPONENTI DELL IMPIANTO: IMPIANTI DI TERRA CAPITOLO VII COMPONENTI DELL IMPIANTO: IMPIANTI DI TERRA 1. Premessa Le definizioni sono riportate nell Appendice A. 1.1 Tipi di messa a terra I tipi di messa a terra sono: messa a terra di protezione,

Dettagli

D.to Lg.vo n.81/08 CORSO DI FORMAZIONE PER LAVORATORI

D.to Lg.vo n.81/08 CORSO DI FORMAZIONE PER LAVORATORI D.to Lg.vo n.81/08 CORSO DI FORMAZIONE PER LAVORATORI PARTE SPECIFICA RISCHI: MECCANICO ED ELETTRICO CLASSIFICAZIONE DEI RISCHI RISCHIO DA AMBIENTI DI LAVORO RISCHIO ELETTRICO RISCHIO MECCANICO, MACCHINE

Dettagli

Misure per la sicurezza elettrica

Misure per la sicurezza elettrica Misure per la sicurezza elettrica - 1 Misure per la sicurezza elettrica 1 - Il rischio elettrico e il contatto indiretto Pericolosità della corrente elettrica nell uomo L impiego dell energia elettrica

Dettagli

ASPETTI DI SICUREZZA ELETTRICA IN IMPIANTI FOTOVOLTAICI

ASPETTI DI SICUREZZA ELETTRICA IN IMPIANTI FOTOVOLTAICI ASPETTI DI SICUREZZA ELETTRICA IN IMPIANTI FOTOVOLTAICI Ing. Domenico Corbo Siena, 24 ottobre 2014 SICUREZZA ELETTRICA IN IMPIANTI FOTOVOLTAICI perche' e' necessario parlarne? per i seguenti motivi : sempre

Dettagli

RISCHIO ELETTRICO RISCHIO ELETTRICO

RISCHIO ELETTRICO RISCHIO ELETTRICO RISCHIO ELETTRICO RISCHIO ELETTRICO Il rischio elettrico è per definizione la fonte di un possibile infortunio o danno per la salute in presenza di energia elettrica di un impianto elettrico. 2 1 INFORTUNIO

Dettagli

rischio elettrico generale

rischio elettrico generale rischio elettrico generale In Italia si verificano mediamente 5 infortuni elettrici mortali ogni settimana (per folgorazione), un primato europeo fortunatamente in lenta ma continua diminuizione. I luoghi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Corso di formazione per i Rappresentanti del Lavoratori per la sicurezza eireferentiperlaprevenzione e sicurezza dei dipartimenti SICUREZZA AMBIENTE IENE IG SERVIZI INTEGRATI

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti

Protezione dai contatti indiretti Protezione dai contatti indiretti Se una persona entra in contatto contemporaneamente con due parti di un impianto a potenziale diverso si trova sottoposto ad una tensione che può essere pericolosa. l

Dettagli

17/09/2015 TETANIZZAZIONE ARRESTO DELLA RESPIRAZIONE FIBRILLAZIONE VENTRICOLARE USTIONI

17/09/2015 TETANIZZAZIONE ARRESTO DELLA RESPIRAZIONE FIBRILLAZIONE VENTRICOLARE USTIONI PRINCIPALI EFFETTI PRODOTTI DALLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO TETANIZZAZIONE ARRESTO DELLA RESPIRAZIONE FIBRILLAZIONE VENTRICOLARE USTIONI 1 CONSEGUENZE DELLE CORRENTI ELETTRICHE SUL CORPO UMANO

Dettagli

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO. ---- Sicurezza elettrica ---- Materia: Elettronica, Telecomunicazioni ed applicazioni. prof. Ing.

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO. ---- Sicurezza elettrica ---- Materia: Elettronica, Telecomunicazioni ed applicazioni. prof. Ing. I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO a.s. 2011/2012 -classe IV- Materia: Elettronica, Telecomunicazioni ed applicazioni ---- Sicurezza elettrica ---- alunni Paletta Francesco Scalise Pietro Iacoi Domenico Turco

Dettagli

Il Rischio Elettrico. Il contatto diretto

Il Rischio Elettrico. Il contatto diretto 133 Il Rischio Elettrico L energia elettrica trova il suo impiego in svariate applicazioni in tutti gli ambienti di vita e di lavoro. Se correttamente utilizzata è la fonte di energia più sicura, senza

Dettagli

I sistemi di distribuzione

I sistemi di distribuzione I sistemi di distribuzione In bassa tensione i sistemi di distribuzione sono defi niti in funzione del loro sistema di conduttori attivi e del loro modo di collegamento a terra. SISTEMI DI CODUTTORI ATTIVI

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA SPERIMENTAZIONE. La Sicurezza Elettrica nel Laboratorio

INTRODUZIONE ALLA SPERIMENTAZIONE. La Sicurezza Elettrica nel Laboratorio INTRODUZIONE ALLA SPERIMENTAZIONE La Sicurezza Elettrica nel Laboratorio Argomenti Pericolosità della corrente elettrica Isolamento, massa, contatti Interruttore differenziale Marchi IMQ e CE Soccorsi

Dettagli

Classificazione dei Sistemi Elettrici

Classificazione dei Sistemi Elettrici Classificazione dei Sistemi Elettrici Classificazione dei Sistemi Elettrici in base alla tensione Sistema elettrico: complesso delle macchine, delle apparecchiature, delle sbarre e delle linee aventi una

Dettagli

Si può classificare quattro fenomeni:

Si può classificare quattro fenomeni: Il rischio elettrico è certamente uno degli aspetti più complessi e concreti della prevenzione agli infortuni, il 4-5% di questi ha esito mortale, deriva dagli effetti dannosi che la corrente elettrica

Dettagli

RISCHIO ELETTRICO CONTENUTI LEZIONE

RISCHIO ELETTRICO CONTENUTI LEZIONE RISCHIO ELETTRICO NEI CANTIERI EDILI P. Ind. Michele Luongo - C.P.T. LUCCA CONTENUTI LEZIONE NORMATIVA VIGENTE PRINCIPI DI SICUREZZA ELETTRICA ORGANIZZAZIONE DI IMPIANTI DI CANTIERE FONTI DI RISCHIO Situazioni

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica (Seconda parte) Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI Concluso l esame a vista, secondo quanto

Dettagli

Tensione alternata negli impianti civili

Tensione alternata negli impianti civili Tensione alternata negli impianti civili Tensione di alimentazione negli impianti civili: Veff=Vp/ 2 = 220-230 V, 1/T= f = 50 Hz Sistema di distribuzione di energia: MONOFASE con due fili: uno di FASE

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Marchi I.M.Q CESI IENGF

Marchi I.M.Q CESI IENGF Le apparecchiature elettroniche e gli impianti elettrici devono essere progettati, costruiti e impiegati in modo tale che eventuali malfunzionamenti o eventi dovuti all ambiente circostante non creino

Dettagli

IL RISCHIO ELETTRICO

IL RISCHIO ELETTRICO IL RISCHIO ELETTRICO Generalità L energia elettrica è presente nelle industrie, nei posti di lavoro, nelle nostre case con le più svariate applicazioni e per merito delle sue eccezionali caratteristiche

Dettagli

6. Misure di protezione contro i contatti diretti

6. Misure di protezione contro i contatti diretti 6.1 Protezione totale Misure di protezione contro i contatti diretti (1) 6. Misure di protezione contro i contatti diretti Isolamento Le misure di protezione totali consistono nell isolamento delle parti

Dettagli

IL RISCHIO ELETTRICO

IL RISCHIO ELETTRICO P.I. Alberto Del Grande Consulenza Tecnica Edilizia - INAIL Direzione Regionale Lazio IL RISCHIO ELETTRICO Concetti base di sicurezza elettrica P. I. Alberto Del Grande INAIL Lazio CTE slide n. 1 L INAIL

Dettagli

RISCHIO ELETTRICO CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO ELETTRICO

RISCHIO ELETTRICO CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO ELETTRICO PRINCIPALI RIF.TI LEGISLATIVI RISCHIO ELETTRICO DPR 547/55 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro Legge 186/68 Disposizioni concernenti la produzione di materiali, apparecchiature, macchinari,

Dettagli

La corrente e le leggi di Ohm

La corrente e le leggi di Ohm La corrente e le leggi di Ohm Elettroni di conduzione La conduzione elettrica, che definiremo successivamente, consiste nel passaggio di cariche elettriche da un punto ad un altro di un corpo conduttore.

Dettagli

CAPITOLO VI CABINE ELETTRICHE DI TRASFORMAZIONE

CAPITOLO VI CABINE ELETTRICHE DI TRASFORMAZIONE CAPITOLO VI CABINE ELETTRICHE DI TRASFORMAZIONE 1. Generalità Dopo aver esaminato separatamente i vari componenti degli impianti elettrici di media e bassa tensione (linee elettriche, apparecchi di manovra,

Dettagli

Sistemi di distribuzione e protezione contro i contatti indiretti ed i guasti a terra

Sistemi di distribuzione e protezione contro i contatti indiretti ed i guasti a terra Maggio 2006 1SDC007102G0901 Sistemi di distribuzione e protezione contro i contatti indiretti ed i guasti a terra Sistemi di distribuzione e protezione contro i contatti indiretti ed i guasti a terra Indice

Dettagli

RISCHIO ELETTRICO NEI CANTIERI EDILI

RISCHIO ELETTRICO NEI CANTIERI EDILI RISCHIO ELETTRICO NEI CANTIERI EDILI CORSO COORDINATORI LUCCA 17 DICEMBRE 2013 Per. Ind. Michele Luongo - C.P.T. LUCCA CONTENUTI LEZIONE NORMATIVA VIGENTE PRINCIPI DI SICUREZZA ELETTRICA ORGANIZZAZIONE

Dettagli

LO SHOCK ELETTRICO PARTE 2 MISURE DI PROTEZIONE

LO SHOCK ELETTRICO PARTE 2 MISURE DI PROTEZIONE LO SHOCK ELETTRICO PARTE 2 MISURE DI PROTEZIONE Premessa Nella prima parte della trattazione (documento Lo shock elettrico - parte 1 - modalità di accadimento ed effetti allegato alla pagina Eventi dannosi

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE. RISCHIO ELETTRICO (d.lgs 81/08 Capo III)

CORSO DI FORMAZIONE. RISCHIO ELETTRICO (d.lgs 81/08 Capo III) Pedelombarda scarl CORSO DI FORMAZIONE RISCHIO ELETTRICO (d.lgs 81/08 Capo III) MODULO 1 Docente : dott.ing. Paolo Beghelli 1. SOMMARIO 1. SOMMARIO 2 2. OBIETTIVI DEL CORSO 3 3. NORMATIVA ELETTRICA 4 4.

Dettagli

Formazione specifica Unità Didattica n. 6. Rischi elettrici generali. Nome docente Dati docente

Formazione specifica Unità Didattica n. 6. Rischi elettrici generali. Nome docente Dati docente Formazione specifica Unità Didattica n. 6 Rischi elettrici generali Nome docente Dati docente Di cosa parleremo insieme oggi? di rischio impiantistico e più nel dettaglio di rischio elettrico Ma perché

Dettagli

AGGIORNAMENTO FORMATIVO SULLA SICUREZZA NEI LAVORI ELETTRICI. Parte II Effetti fisiopatologici della corrente elettrica

AGGIORNAMENTO FORMATIVO SULLA SICUREZZA NEI LAVORI ELETTRICI. Parte II Effetti fisiopatologici della corrente elettrica Pag. 1 di 5 2.1 La pericolosità della corrente elettrica Conoscere gli effetti che produce il passaggio di una corrente elettrica attraverso il corpo umano è necessario al fine di definire le caratteristiche

Dettagli

Protezione dai contatti diretti. Sistemi a bassissima tensione

Protezione dai contatti diretti. Sistemi a bassissima tensione Elettrotecnica, Impianti e Rischio Elettrico A.A. 2013-2014 Università dell Insubria - Varese Protezione dai contatti diretti. Sistemi a bassissima tensione dott. ing. Lucia FROSINI Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

IL RISCHIO ELETTRICO NEI LOCALI AD USO MEDICO

IL RISCHIO ELETTRICO NEI LOCALI AD USO MEDICO IL RISCHIO ELETTRICO NEI LOCALI AD USO MEDICO IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO RELATORI: Dr. Nicola CARRIERO Dr. Carmineraffaele ROSELLI Individuazione del rischio L individuazione del rischio per il

Dettagli

Quaderni di Applicazione Tecnica N.3 Sistemi di distribuzione e protezione contro i contatti indiretti ed i guasti a terra

Quaderni di Applicazione Tecnica N.3 Sistemi di distribuzione e protezione contro i contatti indiretti ed i guasti a terra Quaderni di Applicazione Tecnica N.3 Sistemi di distribuzione e protezione contro i contatti indiretti ed i guasti a terra Sistemi di distribuzione e protezione contro i contatti indiretti ed i guasti

Dettagli

Sistemi di distribuzione e protezione contro i contatti indiretti ed i guasti a terra

Sistemi di distribuzione e protezione contro i contatti indiretti ed i guasti a terra 3 Aprile 2008 1SDC007102G0902 Quaderni di Applicazione Tecnica Sistemi di distribuzione e protezione contro i contatti indiretti ed i guasti a terra Sistemi di distribuzione e protezione contro i contatti

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

La corrente e le leggi di Ohm

La corrente e le leggi di Ohm La corrente e le leggi di Ohm Elettroni di conduzione La conduzione elettrica, che definiremo successivamente, consiste nel passaggio di cariche elettriche da un punto ad un altro di un corpo conduttore.

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN LOCALI AD USO MEDICO

SICUREZZA ELETTRICA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN LOCALI AD USO MEDICO SICUREZZA ELETTRICA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN LOCALI AD USO MEDICO Garbagnate Milanese, 26-27 Marzo 2013 1 Agenda INTRODUZIONE EFFETTI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO CENNI ALLE TIPOLOGIE DEGLI

Dettagli

RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO

RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO INDICE 1. Premessa 2. Infortuni da elettrocuzione 3. Pericolosità della corrente elettrica 4. Pericolosità della differenza di potenziale 5. Indicazione

Dettagli

IMPIANTI ELE L TT T R T IC I I

IMPIANTI ELE L TT T R T IC I I IMPIANTI ELETTRICI 1 CORRENTE ELETTRICA La corrente alternata è caratterizzata da cariche elettriche in moto variabile nel tempo sia in intensità che in direzione. Normalmente la corrente elettrica viene

Dettagli

Norma CEI 11-1 Campo di applicazione e definizioni

Norma CEI 11-1 Campo di applicazione e definizioni Norma CEI 11-1 Campo di applicazione e definizioni di Gianluigi Saveri 1. Campo di applicazione La nona edizione della Norma CEI 11-1, derivata dal documento di armonizzazione europeo HD 637, è entrata

Dettagli

Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000V in corrente alternata e a 1500V in corrente continua

Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000V in corrente alternata e a 1500V in corrente continua Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000V in corrente alternata e a 1500V in corrente continua Norma CEI 64-8 Parte 6 Verifiche Definizioni Generalità Esame

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA. Obiettivi di apprendimento:

SICUREZZA ELETTRICA. Obiettivi di apprendimento: SICUREZZA ELETTRICA La sicurezza elettrica è una sezione molto importante degli impianti elettrici, perché deve proteggere contestualmente gli apparati/sistemi elettrici in qualunque condizione di funzionamento

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA. 1 Definizioni e richiami teorici. 1.1 Sicurezza. 1.2 Rischio

SICUREZZA ELETTRICA. 1 Definizioni e richiami teorici. 1.1 Sicurezza. 1.2 Rischio SICUREZZA ELETTRICA Sicurezza è un concetto indeterminato: occorre precisare chi, o che cosa, si vuole rendere sicuro e contro quale evento. Rischio è un altro termine molto usato e poco definito, fonte

Dettagli

IMPIANTO DI TERRA. Limiterò le mie considerazioni solo agli impianti di terra destinati a svolgere una funzione di protezione contro l'elettrocuzione.

IMPIANTO DI TERRA. Limiterò le mie considerazioni solo agli impianti di terra destinati a svolgere una funzione di protezione contro l'elettrocuzione. L'impianto di terra ha una duplice funzione: protezione funzionale IMPIANTO DI TERRA La prima classificazione è ulteriormente suscettibile di suddivisione. Gli impianti di terra, infatti, possono svolgere

Dettagli

RISCHI DERIVANTI DALL USO DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE

RISCHI DERIVANTI DALL USO DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE Pagina 1 di 5 INDICE Scopo Riferimenti normativi Campo di applicazione Responsabilità ed aggiornamento Rischi derivanti dall uso di apparecchiature a funzionamento elettrico Cautele e misure di prevenzione

Dettagli

Per i rischi di natura elettrica vanno tenuti in considerazione tre aspetti fondamentali :

Per i rischi di natura elettrica vanno tenuti in considerazione tre aspetti fondamentali : RISCHIO ELETTRICO L art. 80 del D. Lgs. 81/08, modificato dal D. Lgs. 106/09, introduce l esplicito obbligo a carico del. datore di lavoro di effettuare una valutazione del rischio elettrico al quale sono

Dettagli

Terasaki Italia Srl via Campania, 4-20090 Segrate (MI) Tel. 022137574 - Fax 0226922931 www.terasaki.it - terasaki@tin.it. Contatti indiretti

Terasaki Italia Srl via Campania, 4-20090 Segrate (MI) Tel. 022137574 - Fax 0226922931 www.terasaki.it - terasaki@tin.it. Contatti indiretti Contatti indiretti Premessa Nel presente articolo è trattata l installazione degli interruttori differenziali modulari per la protezione delle persone dai contatti indiretti nell edilizia residenziale.

Dettagli

Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3)

Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3) Incontro tecnico Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3) Relatore Per. Ind. Gastone Guizzo 1 Padova, 04 febbraio 2012 La Norma CEI EN 50522

Dettagli

Guida all installazione dell impianto elettrico

Guida all installazione dell impianto elettrico Volume 1 Edizione aggiornata a settembre 2008 Guida all installazione dell impianto elettrico Criteri generali d impianto 1SDC007071E0903 Guida all installazione dell impianto elettrico Volume 1 L impianto

Dettagli

Impianto di terra. messa a terra di protezione, è una misura atta a proteggere le persone dai contatti diretti;

Impianto di terra. messa a terra di protezione, è una misura atta a proteggere le persone dai contatti diretti; Impianto di terra Generalità L impianto di terra costituisce fondamentalmente un mezzo per disperdere correnti elettriche nel terreno e per proteggere, unitamente ai dispositivi d interruzione automatica

Dettagli

Guida tecnica 2013/2014. Protezione contro i guasti verso terra con gli interruttori differenziali

Guida tecnica 2013/2014. Protezione contro i guasti verso terra con gli interruttori differenziali Guida tecnica 2013/2014 Protezione contro i guasti verso terra con gli interruttori differenziali Protezione contro i guasti verso terra con gli interruttori differenziali Introduzione 1 Protezione contro

Dettagli

8. Protezione dai contatti indiretti senza interruzione automatica

8. Protezione dai contatti indiretti senza interruzione automatica 8.1 Generalità 8. Protezione dai contatti indiretti senza interruzione automatica Sono questi dei metodi di protezione che, a differenza dei sistemi di protezione attiva trattati fino ad ora (protezione

Dettagli

Unità di misura della corrente elettrica.

Unità di misura della corrente elettrica. Ampere Unità di misura della corrente elettrica. Cavo Centralino È un elemento fondamentale di un circuito elettrico: ha il compito di trasportare la corrente dal generatore fino all utilizzatore. (vedi

Dettagli

Principali riferimenti legislativi

Principali riferimenti legislativi Rischio Elettrico FASI DI SVILUPPO DELLA LEZIONE Principali riferimenti legislativi e normativi Pericolosità della corrente per l uomo Protezione da contatti diretti e indiretti Sistemi elettrici a tensione

Dettagli

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 Rischio elettrico in edilizia DIVO PIOLI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Attuazione art. 1 L. 123/2007 ELETTRICITA CONTATTI DIRETTI CONTATTI INDIRETTI

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE NEGLI UFFICI

PROCEDURA DI SICUREZZA UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE NEGLI UFFICI SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI Pagina 1 di 6 PROCEDURA DI SICUREZZA 1. UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE NEGLI UFFICI 2. Revisione numero Data emissione e/o ultima modifica Approvata

Dettagli

4.5 IMPIANTI ED APPARECCHIATURE ELETTRICHE

4.5 IMPIANTI ED APPARECCHIATURE ELETTRICHE 4.5 IMPIANTI ED APPARECCHIATURE ELETTRICHE Con il termine impianto elettrico si intende l insieme di apparecchiature elettriche, meccaniche e fisiche atte alla trasmissione e all'utilizzo di energia elettrica.

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Guida alla progettazione ed all installazione secondo le norme tecniche CEI e UNI di MARCO

Dettagli

Impianti di Messa a Terra

Impianti di Messa a Terra FACOLTÁ DI INGEGNERIA UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Impianti di Messa a Terra Prof. Roberto Mugavero tel/fax 06-72597320 e-mail mugavero@ing.uniroma2.it Normativa L'impianto di terra può essere

Dettagli

Norma 17-13. Generalità

Norma 17-13. Generalità QUADRI ELETTRICI Generalità Norma 17-13 I quadri elettrici, sono da considerare componenti dell impianto. Essi devono rispondere alla Norma CEI 17-13, che riporta le prescrizioni generali e distingue:

Dettagli

Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa

Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa DESCRIZIONE DELL OPERA La presente relazione si riferisce alla realizzazione di

Dettagli

VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI

VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI Oggetto e scopo VERIFICA: insieme delle operazioni necessarie per accertare la rispondenza di un impianto elettrico a requisiti stabiliti (rispondenza alle prescrizioni

Dettagli

Il rischio Elettrico. Massimo Ceraolo Dipartimento di Sistemi Elettrici e Automazione. M. Ceraolo - Elementi di sicurezza elettrica

Il rischio Elettrico. Massimo Ceraolo Dipartimento di Sistemi Elettrici e Automazione. M. Ceraolo - Elementi di sicurezza elettrica Il rischio Elettrico Massimo Ceraolo Dipartimento di Sistemi Elettrici e Automazione M. Ceraolo - Elementi di sicurezza elettrica 1 Sommario L elettricità e i suoi rischi In cosa consiste l elettricità

Dettagli

METODOLOGIA OPERATIVA PER L ESECUZIONE DELLE VERIFICHE STRUMENTALI

METODOLOGIA OPERATIVA PER L ESECUZIONE DELLE VERIFICHE STRUMENTALI METODOLOGIA OPERATIVA PER L ESECUZIONE DELLE VERIFICHE STRUMENTALI INDICE MOEV-1 Verifica impianti di terra per sistemi elettrici TT Protezione mediante interruzione automatica dell alimentazione MOEV-2

Dettagli

Corso di specializzazione in Prevenzione incendi (Legge 7 dicembre 1984, n. 818) IMPIANTI ELETTRICI

Corso di specializzazione in Prevenzione incendi (Legge 7 dicembre 1984, n. 818) IMPIANTI ELETTRICI Ordine degli Ingegneri della Provincia di Vicenza Corso di specializzazione in Prevenzione incendi (Legge 7 dicembre 1984, n. 818) IMPIANTI ELETTRICI Ing. Claudio Noro libero professionista - Vicenza 1

Dettagli

Impianti elettrici in edifici adibiti ad uso medico

Impianti elettrici in edifici adibiti ad uso medico V.I.T.E.S.A. Impianti elettrici in edifici adibiti ad uso medico Dott. Ing. Pietro Antonio SCARPINO Professore a contratto Università di Firenze e Libero Professionista Un po di storia Decreto del Duce

Dettagli

Utilizzo in sicurezza dell elettricità

Utilizzo in sicurezza dell elettricità Pag. 1/8 Utilizzo in sicurezza dell tà Pag. 2/8 1. SCOPO DELLA PROCEDURA Prevenire i rischi principali connessi all impiego dell tà, che corrispondono all azione delle correnti elettriche sulle due più

Dettagli

Materiale didattico validato da: Impianti elettrici

Materiale didattico validato da: Impianti elettrici Impianti elettrici 1. Legislazione Applicabile 2. Valutazione del rischio elettrico 3. Contatti diretti e indiretti 4. Misure di protezione 5. Verifiche periodiche 6. Scariche atmosferiche 7. Centrali

Dettagli

GLI INCENDI ELETTRICI

GLI INCENDI ELETTRICI GLI INCENDI ELETTRICI Premessa Il passaggio di corrente elettrica nei conduttori determina sempre lo sviluppo di calore. Negli apparecchi termici, quali ad esempio i forni, le stufe, gli scaldabagni elettrici,

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

Il finto TT. di Luigi Longari

Il finto TT. di Luigi Longari Il finto TT Pubblicato il: 07/07/200 Aggiornato al: 07/07/200 di Luigi Longari Il finto TT, qualora non sia rilevato dall intervento del dispositivo differenziale, non desta particolari preoccupazioni

Dettagli

Impianti elettrici negli ambienti medici

Impianti elettrici negli ambienti medici Impianti elettrici negli ambienti medici Un po di storia Panorama Legislativo per la realizzazione degli impianti Decreto del Duce e del Fascismo 29/07/1939 Approvazione per le costruzioni ospedaliere

Dettagli

IL PROGETTISTA IL COMMITTENTE L IMPRESA. 10.10.2014 A02 Relazione tecnica specialistica G.L.G. G.L.G. DATA DESCRIZIONE REDATTO CONTROLLATO

IL PROGETTISTA IL COMMITTENTE L IMPRESA. 10.10.2014 A02 Relazione tecnica specialistica G.L.G. G.L.G. DATA DESCRIZIONE REDATTO CONTROLLATO IL PROGETTISTA IL COMMITTENTE L IMPRESA 10.10.2014 A02 Relazione tecnica specialistica G.L.G. G.L.G. DATA DESCRIZIONE REDATTO CONTROLLATO committente Comune di Sorico Piazza Cesare Battisti, 2 22010 SORICO

Dettagli