Corso di formazione Perito estimatore danni da avversità atmosferiche GRANDINE. 20/02/2015 I.I.S. Stanga Cremona

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di formazione Perito estimatore danni da avversità atmosferiche GRANDINE. 20/02/2015 I.I.S. Stanga Cremona"

Transcript

1 GRANDINE 20/02/2015 I.I.S. Stanga Cremona Dario Burizzi Reale Mutua Assicurazioni 1

2 Introduzione / Campagna Grandine Il Ramo Grandine assicura i danni provocati da eventi atmosferici quali, per citare i principali, grandine, gelo-brina, vento forte, eccesso di pioggia e siccità ai prodotti agricoli in campo, gestendo pertanto polizze annuali non tacitamente rinnovabili. Ogni singola annata assuntiva, definita Campagna, può essere così denominata e caratterizzata: primaverile / estiva: è la campagna assuntiva che rappresenta la quasi totalità del portafoglio del Ramo. Il perfezionamento dei contratti avviene nei mesi a partire da marzo sino a giugno, lasso di tempo in cui hanno avvio i cicli vegetativi delle principali colture, determinandone pertanto in quell epoca l esposizione al rischio atmosferico. Questa campagna ha termine sempre entro il 31/12 dell anno di stipula dei contratti. autunno / vernina: riguarda prodotti che hanno ciclo produttivo a cavallo di due anni solari, in particolare agrumi e carciofi, ma anche orticoli. 2

3 Introduzione / Panoramica del mercato nazionale Ad oggi, dell intera PLV (Produzione Lorda Vendibile) nazionale, meno del 20% risulta assicurato, con una raccolta di affari pari a circa Mln di di valore assicurato (v.a.), così suddivisi tra i diversi comparti di prodotto: - cereali 27% - frutta 27% - uva 24% - ortaggi 12% - restanti 10% 3

4 Introduzione / Settore agevolato e non agevolato Le coperture prestate dal Ramo Grandine possono godere della contribuzione pubblica (comunitaria e statale) la cui erogazione è subordinata alla piena rispondenza a determinati requisiti legislativi in seguito esplicitati, rientrando così nel settore definito Agevolato. Esse sono esenti da imposta erariale e rappresentano la quasi totalità dei contratti sottoscritti. Diversamente è praticabile la sottoscrizione di coperture con premio a totale carico dell assicurato, rientranti pertanto nel settore Non Agevolato ed assoggettate ad imposta erariale (2,5%). 4

5 Introduzione / Normativa vigente / D.Lgs. 29/03/2004 Interventi finanziari a sostegno delle imprese agricole Requisito obbligatorio per accedere alla contribuzione pubblica è la qualifica di imprenditore agricolo ai sensi dell art del C.C. Tra i requisiti richiesti per rientrare nella figura dell I.A.P. (Imprenditore agricolo professionale), come stabilito dal D.Lgs 99 del 29/03/2004, figurano: - un reddito agricolo prevalente (superiore al 50%, 25% nelle zone svantaggiate), - l iscrizione al registro delle imprese e - il versamento dei contributi INPS trimestrali. 5

6 Introduzione / Normativa vigente / D.Lgs. 29/03/2004 Interventi finanziari a sostegno delle imprese agricole Il contributo pubblico viene concesso esclusivamente per contratti assicurativi che prevedono la copertura dell intera produzione ordinaria aziendale per comune - specie di prodotto (es. tutte le varietà di mele di un determinato comune). In caso di accertamento di mancata osservanza della norma, oltre al contributo sul costo di polizza, la Ditta rischierebbe di compromettere future provvidenze per l Azienda Agricola. Per produzione ordinaria aziendale si intende: - la produzione media ottenuta nei tre anni precedenti oppure - la media triennale della produzione calcolata sui cinque anni precedenti, escludendo l anno con la produzione più bassa e quello con la produzione più alta. 6

7 Introduzione / Normativa vigente / D.Lgs. 29/03/2004 Interventi finanziari a sostegno delle imprese agricole Eliminazione degli interventi ex-post (indennizzi e contributi a posteriori) per gli eventi e le colture previsti nell annuale piano assicurativo agricolo di emanazione MIPAAF. Introduzione del concetto di soglia di danno minimo del 30% al superamento del quale si ha diritto all indennizzo (assimilazione dell avversità al concetto di calamità naturale); tali contratti possono usufruire della massima percentuale di contribuzione a seconda della tipologia di copertura prescelta. 7

8 Introduzione / Normativa vigente / Interventi finanziari a sostegno delle imprese agricole - Campagna 2014 Dal 2010, in affiancamento ai fondi stanziati dal Governo in linea con quanto stabilito dal D.Lgs. 102/2004, intervengono nel settore assicurativo anche risorse provenienti dalla Unione Europea come misure di sostegno specifico della OCM vino e come attuazione dei contenuti dell art. 68 Reg. CE 73/2009. Scendendo nello specifico: OCM Vino: canale contributivo dedicato esclusivamente al prodotto Uva da Vino; Art. 68: canale contributivo dedicato a tutti i restanti prodotti diversi dall Uva da vino. 8

9 Introduzione / Normativa vigente / Emanazioni annuali MIPAAF entro il 30/11* dell anno precedente, Decreto riportante il Piano Assicurativo Agricolo Annuale atto ad individuare gli eventi, le produzioni agricole e zootecniche, le strutture, le garanzie ammissibili all assicurazione agevolata, nonchè l entità del contributo pubblico sul costo dell assicurazione (parametri contributivi); entro il 31/12 dell anno precedente, Decreto riportante, per tutti i prodotti che beneficiano della contribuzione pubblica, i prezzi massimi di assicurazione utili per il calcolo dei valori delle produzioni assicurabili con polizze agevolate, elaborato sulla base delle rilevazioni dei prezzi unitari di mercato alla produzione, eseguite da ISMEA, Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare: si tratta della media dei prezzi all origine degli ultimi tre anni e, quindi, per questo, possono discostarsi da quanto avvenuto, invece, nell anno in corso. 9

10 Domanda assicurativa / Modalità di accesso al contributo La contrattazione e la stipula del contratto assicurativo può avvenire attraverso organismi associativi o a livello di singolo imprenditore agricolo come di seguito sintetizzato sulla base dei dettami delle specifiche decretazioni in materia : Consorzi di Difesa (Legge n. 364 del 1970) e successive decretazioni Cooperative e loro Consorzi (Legge 23 dicembre 2000, n. 388 art. 127) Contributo al singolo agricoltore (D.M del 15 luglio 2004) 10

11 Domanda assicurativa / Modalità di accesso al contributo A decorrere dalla Campagna Grandine 2010 l Assicurato che intenda aderire a qualsiasi tipologia di copertura che benefici di contribuzione pubblica, in qualsiasi forma, dovrà necessariamente essere munito di Fascicolo Aziendale aggiornato, procedendo, con scadenza al 15/05, ad una dichiarazione d intenti assicurativi nell ambito della domanda unica PAC presso il proprio CAA (Centro di Assistenza Agricola) di riferimento, manifestando in quella sede la volontà di assicurare le intere proprie produzioni. La manifestazione della volontà di assicurarsi da parte degli agricoltori dovrà ovviamente trovare riscontro nella compilazione dei relativi certificati di assicurazione presso la rete agenziale che potrà avvenire in una data precedente, contemporanea o successiva alla compilazione della domanda unica PAC. Differentemente da quanto accaduto in precedenza, il contributo assicurativo viene erogato da AGEA (Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura) o dagli Organismi Pagatori Regionali direttamente all Assicurato. 11

12 Domanda assicurativa / Consorzio di Difesa Polizza Assicurativa Collettiva - Certificati Il Consorzio di Difesa è un associazione di agricoltori operante a livello provinciale o regionale che, nel settore agevolato, riveste la figura di sottoscrittore della Polizza Collettiva. Compito principale del Consorzio di Difesa, oltre all ottenimento di condizioni normative e tariffarie vantaggiose per i propri soci, è la gestione della parte amministrativa e di controllo dei certificati e la trasmissione dei dati assicurativi, inerenti la richiesta di contributo attivata in precedenza presso il CAA, verso AGEA. La Polizza Assicurativa Collettiva è il documento che prova l assicurazione nel quale la Compagnia ed il Consorzio di Difesa stabiliscono le norme contrattuali per gli stipulandi certificati di assicurazione. Ogni Consorzio sottoscrive con più Compagnie o Gruppi una Collettiva, la quale può riportare condizioni uniche per tutto il mercato o in alcuni casi differenziate per singola compagnia; in quest ultimo caso possono differenziarsi le condizioni normative e/o tariffarie 12

13 Domanda assicurativa / Consorzio di Difesa - Convenzione Assicurativa - Certificati Il Certificato di Assicurazione è il documento contenente la dichiarazione delle produzioni che l Assicurato intende garantire ed altre dichiarazioni alle stesse inerenti, sottoscritto dall Assicurato e dall Agente, e vidimato dal Consorzio di Difesa. Il Decreto Ministeriale riportante il Piano Assicurativo Agricolo sancisce che sul contratto assicurativo agevolato occorre riportare: per ogni garanzia prestata la tariffa applicata ed il conseguente sviluppo del premio, la soglia di danno non coperto, e la franchigia; per ciascun appezzamento di ubicazione delle colture la possibilità della sua individuazione planimetrica riportandone i relativi riferimenti catastali (fogli di mappa e particelle o mappali). 13

14 Domanda assicurativa / Inquadramento del rischio / Concetti generali Bene assicurato: frutto pendente (esclusi quindi i danni all impianto per le arboree) ottenibile nella partita, ovvero l appezzamento di terreno sul quale viene coltivato il prodotto agricolo; Appezzamento assicurato (o partita): identificato tramite la denominazione rurale, la superficie (ha), i dati catastali (fogli e particelle o mappali) ed i confini naturali posti ai quattro lati del singolo appezzamento; Portata della garanzia assicurativa: scaturisce dalla considerazione di più elementi, tra i quali la coltura e le condizioni assicurative ad essa riferite nonchè le avversità atmosferiche oggetto di richiesta assicurativa; Esposizione di rischio in termini di valore assicurato deriva dall applicazione del prezzo unitario al q.le (generalmente per specie/varietà) ai q.li assicurati, i quali devono essere realmente ottenibili. 14

15 Domanda assicurativa / Inquadramento del rischio / Punti focali Specie assicurata (uva vino, mele, pere, mais, ) Tipo di garanzia prestata (grandine, vento forte, eccesso di pioggia, ) Tipologia di copertura assicurativa: monorischio, pluririschio, multirischio; Comune di ubicazione del rischio Franchigia minima 15

16 Domanda assicurativa / Soglia di danno - Franchigia contrattuale Limite d indennizzo La soglia di danno (concetto legislativo - assicurativo) è il livello minimo di danno, pari al 30%, a carico della produzione (specie all interno del comune), superato il quale l assicurato ha diritto all indennizzo. Essa è stata introdotta dalle disposizioni previste dal già citato D. Lgs. 102/2004 ed applicata in base alle successive decretazioni ministeriali. La franchigia (concetto assicurativo) è la parte di prodotto in garanzia per singola partita, espressa in centesime parti, esclusa dall indennizzo. Limite di indennizzo (concetto assicurativo) è la percentuale della somma assicurata interessata dal sinistro che indica l importo massimo indennizzabile. Nei certificati di assicurazione deve necessariamente essere riportata la franchigia e, se previsti, la soglia di danno ed il limite di indennizzo. 16

17 Catalogo / Coperture assicurative agevolate 2015* Di seguito si riepilogano le avversità atmosferiche assicurabili come, probabilmente, definite dal MIPAAF nel Piano Assicurativo di ormai prossima emanazione: Sulla base delle regolamentazioni definite dal Ministero in merito alla creazione di pacchetti di garanzie si vanno a determinare coperture della mancata resa più o meno allargate, fermo il principio che le avversità garantite debbano essere almeno 3. 17

18 Catalogo / Coperture assicurative agevolate 2015* A partire dalla Campagna 2015 tutte le coperture assicurative prevederanno l obbligo di garantire i valori assicurabili delle produzioni contenuti nel limite della produzione media annua calcolata come descritto in precedenza La quantificazione del danno dovrà essere effettuata identificandola come la differenza tra la resa effettiva al momento della raccolta e la resa assicurata, come sopra definito, tenendo conto, eventualmente, anche della compromissione della qualità del prodotto. Come consolidato l applicazionde della soglia di danno del 30% verrà sempre attuata a carico dell intera produzione assicurata. 18

19 Offerta assicurativa / Parametri Ministeriali 2015 * Annualmente il MIPAAF pubblica i parametri contributivi, necessari per il calcolo della contribuzione pubblica utile a determinare il costo finale a carico dell Assicurato. I parametri sono consultabili sul sito Il contributo è riconosciuto fino al 65% (caratterizzato e finanziato a seconda della specie come illustrato nel capitolo normativo) del parametro ministeriale stabilito nel caso in cui i certificati coprano le perdite superiori alla soglia di danno del 30% Il contributo è riconosciuto fino al 50% (caratterizzato e finanziato a seconda della specie come illustrato nel capitolo normativo) del parametro nel caso in cui i certificati non abbiano il vincolo della soglia di danno Lo Stato si riserva di rideterminare la misura del contributo a consuntivo, nei limiti stabiliti dal D.Lgs. 102/2004, tenendo conto delle disponibilità di bilancio in funzione della spesa effettiva 19

20 Schema riassuntivo COMUNITA EUROPEA Linee comunitarie in materia di contribuzione e stanziamento di fondi dedicati MIPAAF Linee guida settore agevolato Erogazione del contributo RIASSICURAZIONE Piano Riass. vo Agricolo Annuale (ISMEA) Consorzio Italiano di Coriassicurazione ASNACODI Associazione Nazionale Consorzi di Difesa ANIA Banca Dati Statistici Attività associativa (Gruppi di lavoro tematici) Trattativa e stipula della Polizza Assicurativa Collettiva CONSORZIO DI DIFESA Sottoscrive convenzioni con imprese. Gestione amministrativa ed inoltro dati all Ente Pagatore AGEA Eroga il contributo direttamente all Assicurato ASSICURATO Socio del Consorzio Cliente dell Agenzia Aderisce alla Convenzione Cede il rischio alla Compagnia AGENZIA Notifica dei rischi alla Compagnia e apertura sx Inoltro documentazione presso i Cons COMPAGNIA Assume il rischio informativa alle Agenzie CAA Aggiornamenti Fascicolo Aziendale e apertura domanda d aiuto 20

21 Peculiarità del Ramo Grandine Criticità del processo assuntivo perfezionamento del contratto, notifica del rischio (compilazione Preavviso di copertura e invio tramite alla Direzione ed al Consorzio) e conseguente entrata in copertura, indipendente dall incasso del premio (settore agevolato); il ricevimento del Preavviso di copertura attesta il perfezionamento del contratto, la cui decorrenza viene stabilita a partire ore 12 del giorno successivo a quello della notifica (Condizioni Generali grandine); decorrenza della garanzia in base a quanto previsto dalle Condizioni Speciali di Polizza. 21

22 Peculiarità del Ramo Grandine Doveri dell Assicurato in caso di danno: L Assicurato ha l obbligo di presentare all Agenzia denuncia di danno di ogni singolo evento assicurato su apposito stampato dichiarando se la suddetta si intende per memoria (senza perizia) o con richiesta di perizia, entro i termini previsti dalle Condizioni di Assicurazione (3 gg per la grandine, 1 giorno per le altre avversità garantite); eseguire tutti i lavori di buona agricoltura richiesti dalla coltura; non raccogliere il prodotto prima che abbia avuto luogo la rilevazione definitiva del danno; dare comunicazione alla Direzione qualora il prodotto sia giunto a maturazione e, a rilievi non ancora effettuati, intenda iniziare la raccolta, lasciando però tassativamente dei campioni di prodotto rispondenti ai requisiti esplicitati dalle Condizioni Assicurative. 22

23 Peculiarità del Ramo Grandine Gestione dei sinistri La perizia e la liquidazione del danno (correlazione tra la denuncia di sinistro con il danno liquidato, o imputazione all evento) sono eseguite su ogni partita, applicando in percentuale la quantità di prodotto perduto al valore della partita. I risultati di ogni perizia vengono riportati sul Bollettino di Campagna che viene sottoposto alla firma dell Assicurato in segno di accettazione della perizia. 23

24 Peculiarità del Ramo Grandine Gestione sinistri - Organizzazione rilievi peritali Il sistema peritale grandine del Gruppo Reale Mutua poggia su un elenco di circa 104 periti, divisi in 5 gradi gerarchici: Responsabili di Squadra con Funzione Ispettiva: 6 Responsabili di Squadra: 6 Rilevatori: 27 Assistenti: 62 Allievi: 3 Prima di ogni campagna estiva viene fatta la revisione degli organici e verificate le esigenze al fine di introdurre in maniera mirata nuovi nominativi. Molto curati la formazione e l aggiornamento tecnico degli stessi, con particolare risalto attribuito anche al rapporto con la clientela. 24

25 Peculiarità del Ramo Grandine Gestione dei sinistri Organizzazione rilievi peritali Sulla base della presumibile distribuzione del portafoglio si effettuano : una generale rotazione dei periti sul territorio una divisione territoriale con assegnazione dei R.S.F.I. una pre-organizzazione delle squadre con assegnazione dei R.S. e degli altri periti (Rilevatori e Assistenti), che tenga conto di situazioni sinistri medie squadre trasversali nord e centro-sud, dalle quali attingere nominativi di rinforzo per i vari territori costantemente, ma in particolare ai primi di Agosto, si verificano i nominativi utilizzati e quelli da utilizzare (conoscenze, disponibilità, rotazione assistenti) 25

Avversità atmosferiche e assicurazioni in agricoltura

Avversità atmosferiche e assicurazioni in agricoltura Avversità atmosferiche e assicurazioni in agricoltura Avversità atmosferiche INTRODUZIONE DEFINIZIONI PROCEDURA DI DELIMITAZIONE TIPOLOGIA AIUTI RICHIEDIBILI QUANDO SI PUO RICHIEDERE L AIUTO? ENTITÀDEGLI

Dettagli

PAC 2014-2020 LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA, TUTTE LE NOVITÀ PER IL 2015

PAC 2014-2020 LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA, TUTTE LE NOVITÀ PER IL 2015 Speciale n.4 PAC 2014-2020 LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA, TUTTE LE NOVITÀ PER IL 2015 Per la gestione del rischio in agricoltura il 2015 lo possiamo considerare l anno zero viste le tante novità.

Dettagli

ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA

ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA Allegato 1 al decreto n. ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA Modalità e condizioni per la presentazione della domanda di contributo per le assicurazioni nel settore OCM Vitivinicolo Campagna 2010 1 Sommario

Dettagli

POLIZZA MULTIRISCHIO CONTRO LE CALAMITA NATURALI

POLIZZA MULTIRISCHIO CONTRO LE CALAMITA NATURALI POLIZZA MULTIRISCHIO CONTRO LE CALAMITA NATURALI VIVAI PIANTE ORNAMENTALI Rischi agevolati Campagna assicurativa 2014 Dal 01 gennaio 2010 è in vigore il nuovo sistema di contribuzione pubblica sulle polizze

Dettagli

16 Bollettino Ufficiale

16 Bollettino Ufficiale 16 Bollettino Ufficiale D.d.u.o. 24 aprile 2012 - n. 3605 Direzione centrale Programmazione integrata - Organismo pagatore regionale - OCM vitivinicolo - Reg. (CE) 1234/2007 - Approvazione del manuale

Dettagli

LE POLIZZE RELATIVE AI PRODOTTI FRUTTA, UVA E CEREALI AUTUNNALI (ANCHE COLZA) VANNO SOTTOSCRITTE OBBLIGATORIAMENTE ENTRO IL 31 MARZO

LE POLIZZE RELATIVE AI PRODOTTI FRUTTA, UVA E CEREALI AUTUNNALI (ANCHE COLZA) VANNO SOTTOSCRITTE OBBLIGATORIAMENTE ENTRO IL 31 MARZO Ravenna, Data timbro postale Prot. 22/2014 Socio N SOCIO Oggetto: Campagna Assicurativa 2014 Spett.le DENOMINAZIONE INDIRIZZO FRAZIONE CAP COMUNE PROVINCIA Egregio Socio, La informiamo che è aperta la

Dettagli

CONDIFESA Vercelli e Biella. Assicurazioni agevolate contro le avversità 2014

CONDIFESA Vercelli e Biella. Assicurazioni agevolate contro le avversità 2014 CONDIFESA Vercelli e Biella Assicurazioni agevolate contro le avversità 2014 Avversità assicurabili nel 2014 su tutto il territorio nazionale Il Piano Assicurativo Agricolo Nazionale prevede: AVVERSITA

Dettagli

AGEA AGEA. Dr.ssa Concetta Lo Conte Perugia, 26 gennaio 2010. Misure di sostegno all assicurazione sul raccolto

AGEA AGEA. Dr.ssa Concetta Lo Conte Perugia, 26 gennaio 2010. Misure di sostegno all assicurazione sul raccolto AGEA AGEA Dr.ssa Concetta Lo Conte Perugia, 26 gennaio 2010 Misure di sostegno all assicurazione sul raccolto 2 OPPORTUNITA ASSICURATIVE DAL 2010 assicurazione dei raccolti, degli animali e delle piante,

Dettagli

Consorzio Regionale Molisano di Difesa Campobasso

Consorzio Regionale Molisano di Difesa Campobasso Consorzio Regionale Molisano di Difesa Campobasso CAMPAGNA ASSICURATIVA 2009 DISPOSIZIONI OPERATIVE CO.RE.DI.MO 1 DI CHE COSA PARLIAMO: 1. COMPILAZIONE CERTIFICATI 2. DOCUMETAZIONE OBBLIGATORIA 3. D.M.

Dettagli

PIANOASSICURATIVOAGRICOLONAZIONALE 2014

PIANOASSICURATIVOAGRICOLONAZIONALE 2014 PIANOASSICURATIVOAGRICOLONAZIONALE 2014 Scadenza adesione Polizze collettive 1) Per essere ammessi a contributo i certificati devono essere sottoscritti entro le seguenti date: 31 Marzo 2014 Colture a

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali IL MINISTRO Prot. 0008809 VISTO il decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 102 e successive modifiche, concernente interventi finanziari a sostegno delle imprese agricole; VISTI i Capi I, III e IV del medesimo

Dettagli

L ASSICURAZIONE CONTRO LE CALAMITA ED AVVERSITA ATMOSFERICHE

L ASSICURAZIONE CONTRO LE CALAMITA ED AVVERSITA ATMOSFERICHE Presidenza Tel. 080/ 574. 77. 30 Bari 11 settembre 2006 Direzione Tel. 080/ 574. 46. 52-574. 48. 80 Centro Oper. Prov. Tel. 080/ 574. 48. 26-574. 47. 33 Telefax 080/ 527.73.42 L ASSICURAZIONE CONTRO LE

Dettagli

PSRN Programma di Sviluppo Rurale Nazionale

PSRN Programma di Sviluppo Rurale Nazionale PSRN Programma di Sviluppo Rurale Nazionale Gestione dei rischi in agricoltura - Assicurazioni del raccolto, degli animali e delle piante (art. 37 del Reg. Ue 1305/2013) Quadro d insieme A partire dal

Dettagli

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2014

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2014 Mantova, 12/03/2014 CAMPAGNA ASSICURATIVA 2014 La copertura assicurativa agevolata dei rischi agricoli è effettuata nell ambito del regime di sostegno specifico di cui all articolo 68 del Regolamento (CE)

Dettagli

PROCEDURE DA SEGUIRE PER OTTENERE IL CONTRIBUTO COMUNITARIO (Art. 68 Reg Ce 73/2009 e Reg. Ce 1234/2007 - OCM vino)

PROCEDURE DA SEGUIRE PER OTTENERE IL CONTRIBUTO COMUNITARIO (Art. 68 Reg Ce 73/2009 e Reg. Ce 1234/2007 - OCM vino) Ravenna, Data timbro postale Prot. 25/2013 Oggetto: Campagna Assicurativa 2013 Egregio Socio, La informiamo che è aperta la campagna assicurativa 2013. Come gli anni scorsi l OCM vino finanzierà le polizze

Dettagli

CAMPAGNA ASSICURATIVA CON IL CONTRIBUTO PUBBLICO 2013

CAMPAGNA ASSICURATIVA CON IL CONTRIBUTO PUBBLICO 2013 CAMPAGNA ASSICURATIVA CON IL CONTRIBUTO PUBBLICO 2013 ASSOCIAZIONE REGIONALE DEI CONDIFESA DELLA LOMBARDIA Condifesa Bergamo...035301030 Condifesa Brescia...0302548562 Condifesa Como e Lecco...031473071

Dettagli

CO.PRO.VI. Società Cooperativa CONDIFESA di PAVIA. Piazza Vittorio Veneto 1-27045 Casteggio

CO.PRO.VI. Società Cooperativa CONDIFESA di PAVIA. Piazza Vittorio Veneto 1-27045 Casteggio CO.PRO.VI. Società Cooperativa CONDIFESA di PAVIA Piazza Vittorio Veneto 1-27045 Casteggio tel. 0383.82392/804067 fax 0383.805509 coprovi@maxidata.it condifesa.pavia@asnacodi.it www.coprovi.it Campagna

Dettagli

NOVITA CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015 RACCOMANDIAMO DI LEGGERE ATTENTAMENTE QUANTO SOTTO RIPORTATO

NOVITA CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015 RACCOMANDIAMO DI LEGGERE ATTENTAMENTE QUANTO SOTTO RIPORTATO Ravenna, Data timbro postale Prot. 39/2015 Oggetto: Campagna Assicurativa 2015 A TUTTI I SOCI LORO SEDI Egregio Socio, Comunichiamo che è aperta la campagna assicurativa 2015. NOVITA CAMPAGNA ASSICURATIVA

Dettagli

Misure per la gestione del rischio nella «NUOVA PAC» Gli strumenti e le opportunità nella PAC 2014-2020 ALBA CUNEO LAGNASCO 2015

Misure per la gestione del rischio nella «NUOVA PAC» Gli strumenti e le opportunità nella PAC 2014-2020 ALBA CUNEO LAGNASCO 2015 Misure per la gestione del rischio nella «NUOVA PAC» Gli strumenti e le opportunità nella PAC 2014-2020 ALBA CUNEO LAGNASCO 2015 CONDIFESA CN 23/26/27 Febbraio 2015 1 II PILASTRO SVILUPPO RURALE Il valore

Dettagli

CONSORZIO REGIONALE PRODUTTORI AGRICOLI PER LA DIFESA DELLE PRODUZIONI INTENSIVE DALLE AVVERSITÀ ATMOSFERICHE NELLA REGIONE LAZIO

CONSORZIO REGIONALE PRODUTTORI AGRICOLI PER LA DIFESA DELLE PRODUZIONI INTENSIVE DALLE AVVERSITÀ ATMOSFERICHE NELLA REGIONE LAZIO CONSORZIO REGIONALE PRODUTTORI AGRICOLI PER LA DIFESA DELLE PRODUZIONI INTENSIVE DALLE AVVERSITÀ ATMOSFERICHE NELLA REGIONE LAZIO Cod. Fisc. 80010280602 D.M. n 3023 del 30/07/1973 G.U. n 221 del 28/08/1973

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 9/I-II del 26/02/2013 / Amtsblatt Nr. 9/I-II vom 26/02/2013 166

Bollettino Ufficiale n. 9/I-II del 26/02/2013 / Amtsblatt Nr. 9/I-II vom 26/02/2013 166 Bollettino Ufficiale n. 9/I-II del 26/02/2013 / Amtsblatt Nr. 9/I-II vom 26/02/2013 166 83251 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2013 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

PSRN Programma di Sviluppo Rurale Nazionale

PSRN Programma di Sviluppo Rurale Nazionale PSRN Programma di Sviluppo Rurale Nazionale Gestione dei rischi in agricoltura - Assicurazioni del raccolto, degli animali e delle piante (art. 37 del Reg. Ue 1305/2013) Quadro d insieme A partire dal

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

CAMPAGNA ASSICURAT IVA AVVERSIT A AT MOSFERICHE- A N N O 2 0 1 4 /

CAMPAGNA ASSICURAT IVA AVVERSIT A AT MOSFERICHE- A N N O 2 0 1 4 / 6 D I R E Z I O N E 71121 Foggia P.za Padre Pio, Pal. Caccavo Sc.B Alle AGENZIE di ASSICURAZIONE FOGGIA, 19 marzo 2014 delle SOCIETÀ CONVENZIONATE Prot. N. LORO SEDI CAMPAGNA ASSICURAT IVA AVVERSIT A AT

Dettagli

Orientamenti dell Unione europea per gli aiuti di Stato nei settori agricolo e forestale 2014-2020

Orientamenti dell Unione europea per gli aiuti di Stato nei settori agricolo e forestale 2014-2020 Allegato alla Delib.G.R. n. 13/11 del 31.3.2015 Legge regionale 11 marzo 1998, n. 8, articolo 23. Aiuti per i danni alla produzione agricola. Nuove direttive di attuazione. 1. Quadro normativo Orientamenti

Dettagli

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2014

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2014 CAMPAGNA ASSICURATIVA 2014 DEFINIZIONI GENERALI: o SOCIETA : l impresa assicuratrice e le eventuali imprese coassicuratrici che presta/prestano la garanzia. o CONTRAENTE: il Consorzio di Difesa, riconosciuto

Dettagli

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2013

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2013 CAMPAGNA ASSICURATIVA 2013 DEFINIZIONI GENERALI: o SOCIETA : l impresa assicuratrice e le eventuali imprese coassicuratrici che presta/prestano la garanzia. o CONTRAENTE: il Consorzio di Difesa, riconosciuto

Dettagli

CO.DI.P.A. CONSORZIO DIFESA PRODUZIONI AGRICOLE

CO.DI.P.A. CONSORZIO DIFESA PRODUZIONI AGRICOLE POLIZZA COLLETTIVA AVVERSITA ATMOSFERICHE 2015 RISCHI NON AGEVOLATI Contraente CO.DI.P.A. CONSORZIO DIFESA PRODUZIONI AGRICOLE Indirizzo C.A.P. Comune CORSO PORTA NUOVA, 98 37122 VERONA Codice Fiscale/Partita

Dettagli

COSTI NEL CORSO DEGLI ANNI:

COSTI NEL CORSO DEGLI ANNI: COSTI NEL CORSO DEGLI ANNI: Dal 1996 al 2006 il tasso di inflazione ufficiale è stato del 24,9% Ma gli incrementi medi sono stati ad es Gasolio + 42,86 Contributi lavoratori autonomi + 41,18 variazione

Dettagli

Il sistema assicurativo

Il sistema assicurativo Il sistema assicurativo Tipologie di rischio in agricoltura Strumenti per la difesa dai rischi Sistema assicurativo italiano Polizze multirischio Sistemi assicurativi di altri Paesi Tipologie di rischio

Dettagli

REG. (UE) n. 1308/2013 OCM VINO MISURA ASSICURAZIONE DEL RACCOLTO CAMPAGNA 2015

REG. (UE) n. 1308/2013 OCM VINO MISURA ASSICURAZIONE DEL RACCOLTO CAMPAGNA 2015 REG. (UE) n. 1308/2013 OCM VINO MISURA ASSICURAZIONE DEL RACCOLTO CAMPAGNA 2015 Disposizioni per la presentazione della domanda di aiuto Pag. 1 di 15 Sommario PREMESSA... 3 OCM VINO MISURA ASSICURAZIONE

Dettagli

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015 CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015 DEFINIZIONI GENERALI: o SOCIETA : l impresa assicuratrice e le eventuali imprese coassicuratrici che presta/prestano la garanzia. o CONTRAENTE: il Consorzio di Difesa, riconosciuto

Dettagli

Piemonte ARPEA via Bogino, 23 10123 TORINO

Piemonte ARPEA via Bogino, 23 10123 TORINO AREA COORDINAMENTO Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.494991 Fax 06.49499770 Prot. ACIU.2010. 202 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 17 marzo 2010 Organismo Pagatore AGEA SEDE Organismo pagatore della Regione

Dettagli

ASSICURAZIONI AGRICOLE AGEVOLATE

ASSICURAZIONI AGRICOLE AGEVOLATE ASSICURAZIONI AGRICOLE AGEVOLATE I numeri della campagna 2011 I Fondi di mutualità Perugia, gennaio 2012 Il ruolo dell ISMEA per le assicurazioni agricole agevolate ISMEA realizza servizi assicurativi

Dettagli

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI,

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI, Strada dei mercati, 17 43126 Parma Tel.0521984996 Fax 0521950084 info@codiparma.it www.codiparma.it Oggetto: Campagna assicurativa 2015 Spett.le Socio, da quest anno le risorse finanziare sono reperite

Dettagli

A Chi Ci Rivolgiamo?

A Chi Ci Rivolgiamo? Per proporre assicurazione nel mondo agricolo NON BASTA FARE GLI ASSICURATORI, ma è necessario avere un esperto agronomo che valuti il Riscio Agricolo, avendo conoscenze specifiche sulle necessità del

Dettagli

POLIZZA COLLETTIVA RISCHI NON AGEVOLATI

POLIZZA COLLETTIVA RISCHI NON AGEVOLATI POLIZZA COLLETTIVA RISCHI NON AGEVOLATI UVA DA VINO N. UV/0606/15/2/000910 ARBOREE ED ERBACEE N. AP/0606/15/2/000911 Società Società Svizzera d Assicurazione contro la Grandine, Società Cooperativa Via

Dettagli

Gestione del rischio

Gestione del rischio FORUM INTERNAZIONALE DELL AGRICOLTURA E DELL ALIMENTAZIONE POLITICHE EUROPEE SVILUPPO TERRITORIALE MERCATI Gestione del rischio Roberto D Auria Workshop su La nuova Pac - Un analisi dell accordo del 26

Dettagli

1. CONSIDERAZIONI DI CARATTERE GENERALE

1. CONSIDERAZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. CONSIDERAZIONI DI CARATTERE GENERALE Il Fondo di Riassicurazione istituito dall art. 127 comma 3 della Legge 388 del 2000, avendo come attività esclusiva la riassicurazione chiude il bilancio 2011 entro

Dettagli

FAQ. La formazione è obbligatoria anche per il subentrante? Si.

FAQ. La formazione è obbligatoria anche per il subentrante? Si. FAQ Le risposte di seguito riportate hanno carattere indicativo e non vincolante. Eventuali approfondimenti specifici potranno essere richiesti agli uffici referenti delle singole misure. INFORMAZIONI

Dettagli

Legge regionale 11 marzo 1998, n. 8, articolo 23. Aiuti per i danni alla produzione agricola. Nuove direttive di attuazione.

Legge regionale 11 marzo 1998, n. 8, articolo 23. Aiuti per i danni alla produzione agricola. Nuove direttive di attuazione. Allegato alla Delib.G.R. n. 33/15 del 30.6.2015 Legge regionale 11 marzo 1998, n. 8, articolo 23. Aiuti per i danni alla produzione agricola. Nuove direttive di attuazione. 1. Quadro normativo Orientamenti

Dettagli

POLIZZE AMMESSE AD ASSICURAZIONE AGEVOLATA

POLIZZE AMMESSE AD ASSICURAZIONE AGEVOLATA prot. n. /14 Terni, 17 marzo 2014 Ai sig.ri S O C I Loro Indirizzo OGGETTO: campagna assicurativa 2014 Egregio Socio, La informiamo che è iniziata la campagna assicurativa 2014, La invitiamo pertanto a

Dettagli

OGGETTO: Decreto legislativo 29 marzo 2004, n.102 e succ. modifiche con D.lgs. n.82/2008. Istanza di ammissione ai benefici di legge.

OGGETTO: Decreto legislativo 29 marzo 2004, n.102 e succ. modifiche con D.lgs. n.82/2008. Istanza di ammissione ai benefici di legge. Modello n. 4 Spett PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE AGRICOLTURA ED EXPO VIA F.LLI CALVI 10 24100 BERGAMO OGGETTO: Decreto legislativo 29 marzo 2004, n.102 e succ. modifiche con D.lgs. n.82/2008. Istanza di

Dettagli

COMUNI DI: _l_ sottoscritt. nat_ a il / /, residente in n. civico (via, fraz., loc.) (c.a.p.) (comune) (prov.) CHIEDE

COMUNI DI: _l_ sottoscritt. nat_ a il / /, residente in n. civico (via, fraz., loc.) (c.a.p.) (comune) (prov.) CHIEDE Alla Provincia di Lecco Servizio Agricoltura Piazza L. Lombarda 4 23900 Lecco PEC provincia.lecco@lc.legalmail.camcom.it All Istituto di Credito Filiale di OGGETTO: D. Lgs 29 marzo 2004, n. 102 Interventi

Dettagli

Ravenna, 27 Febbraio 2012 Prot. 19/2012 A TUTTE LE AGENZIE DI ASSICURAZIONE LORO SEDI

Ravenna, 27 Febbraio 2012 Prot. 19/2012 A TUTTE LE AGENZIE DI ASSICURAZIONE LORO SEDI Ravenna, 27 Febbraio 2012 Prot. 19/2012 A TUTTE LE AGENZIE DI ASSICURAZIONE LORO SEDI Oggetto: Campagna Assicurativa 2012 Comunichiamo che è aperta la campagna assicurativa 2012. IMPORTANTE COMUNICAZIONE

Dettagli

NOVITA CAMPAGNA ASSICURATIVA 2013 RACCOMANDIAMO DI LEGGERE ATTENTAMENTE QUANTO SOTTO RIPORTATO

NOVITA CAMPAGNA ASSICURATIVA 2013 RACCOMANDIAMO DI LEGGERE ATTENTAMENTE QUANTO SOTTO RIPORTATO Ravenna, 18 marzo 2013 Prot. 18/2013 A TUTTE LE AGENZIE DI ASSICURAZIONE LORO SEDI Oggetto: Campagna Assicurativa 2013 Comunichiamo che è aperta la campagna assicurativa 2013. NOVITA CAMPAGNA ASSICURATIVA

Dettagli

CERTIFICATO DI ASSICURAZIONE N 00676

CERTIFICATO DI ASSICURAZIONE N 00676 Residenza CORSO MONFORMTE c.a.p. 34009 Comune ALBIGNANO Telefono Luogo e data di nascita 15/08/67 Titolo di conduzione fondo: CENTRO AZIENDALE Polizza Integrativa Si Ubicazione Comune ALBIGNANO c.a.p.

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 Regolamento recante disciplina del risarcimento diretto dei danni derivanti dalla circolazione stradale, a norma dell'articolo 150 del decreto

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA Legge 1995023 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA Norme per i consorzi fidi di garanzia collettiva tra piccole e medie imprese. Norme interpretative e di modifica delle leggi

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Prot. N. 7103 del 31 marzo 2015 Avviso pubblico Presentazione di manifestazioni di interesse per l accesso ai benefici del Programma nazionale di sviluppo rurale 2014-2020, Misura 17 - Gestione dei Rischi,

Dettagli

Ai Viticoltori interessati. e, p.c. Al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali

Ai Viticoltori interessati. e, p.c. Al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali Ufficio Monocratico Via Palestro, 81 00185 Roma Tel. 06.49499537/538 Fax 06.49499751 Prot. N. AGEA.UMU.864 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 7 maggio 2010 CIRCOLARE N. 15 Ai Viticoltori interessati A tutti

Dettagli

RISCHI NON AGEVOLATI

RISCHI NON AGEVOLATI CAMPAGNA 2012 Contraente: CONSORZIO DI TREVISO 0604 CONVENZIONE ASSICURATIVA RISCHI NON AGEVOLATI Coperture MONORISCHIO GRANDINE PLURIRISCHIO: grandine + gelo/brina + vento forte grandine + gelo/brina

Dettagli

Aiuti all'avviamento di imprese per i giovani agricoltori

Aiuti all'avviamento di imprese per i giovani agricoltori BOZZA DIRETTIVE REGIONALI PER L ATTUAZIONE DELLA SOTTOMISURA 6.1 Aiuti all'avviamento di imprese per i giovani agricoltori PORTATA FINANZIARIA Le risorse disponibili per il presente bando ammontano a 20.000.000,00.

Dettagli

Gli strumenti agevolativi e finanziari dell Ismea

Gli strumenti agevolativi e finanziari dell Ismea Gli strumenti agevolativi e finanziari dell Ismea Dott. Arturo Semerari Presidente Ismea Bisceglie, 23 novembre 2012 ISMEA ISMEA, Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare accompagna gli imprenditori

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Allegato 3 UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Programma Sviluppo Rurale FEASR 2007 2013 Art. 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) 1698/05 Allegato

Dettagli

CAMPAGNA GRANDINE 2012 POLIZZA COLLETTIVA RISCHI NON AGEVOLATI N 2 / XXXX / 12

CAMPAGNA GRANDINE 2012 POLIZZA COLLETTIVA RISCHI NON AGEVOLATI N 2 / XXXX / 12 Great Lakes Reinsurance (UK) Plc CAMPAGNA GRANDINE 2012 POLIZZA COLLETTIVA RISCHI NON AGEVOLATI N 2 / XXXX / 12 Società Via Caldera, 21 20123 MILANO Contraente Consorzio di Difesa di Premesso che tra le

Dettagli

CAMPAGNA GRANDINE 2013 POLIZZA COLLETTIVA RISCHI NON AGEVOLATI

CAMPAGNA GRANDINE 2013 POLIZZA COLLETTIVA RISCHI NON AGEVOLATI N. CAMPAGNA GRANDINE 2013 POLIZZA COLLETTIVA RISCHI NON AGEVOLATI Società Largo Tazio Nuvolari, 1 20123 MILANO Contraente Consorzio di Difesa di Premesso che tra le Parti sopra indicate è stata sottoscritta,

Dettagli

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015 CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015 CONTRIBUZIONE EUROPEA: POLIZZE MULTIRISCHIO: FINO AL 65% DELLA SPESA PARAMETRATA DEFINIZIONI DELLE AVVERSITA DI FREQUENZA: GRANDINE: Acqua congelata nell atmosfera che precipita

Dettagli

Ai Viticoltori interessati. e, p.c. Al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Via XX Settembre, 20 00187-ROMA

Ai Viticoltori interessati. e, p.c. Al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Via XX Settembre, 20 00187-ROMA ORGANISMO PAGATORE - Ufficio Monocratico Via Palestro 81 00185 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.4453940 Prot. N. UMU.2012. 468 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li 02/05/2012 CIRCOLARE N. 17 Ai Viticoltori interessati

Dettagli

Sesso Data di Nascita Comune di Nascita Prov. Codice ISTAT Comune Prov. C.A.P. Codice ISTAT Comune Prov. C.A.P. Codice fiscale

Sesso Data di Nascita Comune di Nascita Prov. Codice ISTAT Comune Prov. C.A.P. Codice ISTAT Comune Prov. C.A.P. Codice fiscale Spazio riservato al protocollo All'Ente Delegato All'Istituto di Credito Denominazione Forma Giuridica Codice Fiscale CUAA Partita IVA Iscr. Camera di Commercio PV NUMERO Sesso Data di Nascita Comune di

Dettagli

NOVITA CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015 RACCOMANDIAMO DI LEGGERE ATTENTAMENTE QUANTO SOTTO RIPORTATO

NOVITA CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015 RACCOMANDIAMO DI LEGGERE ATTENTAMENTE QUANTO SOTTO RIPORTATO Ravenna, 31 Marzo 2015 Prot. 38/2015 A TUTTE LE AGENZIE DI ASSICURAZIONE LORO SEDI Oggetto: Campagna Assicurativa 2015 Comunichiamo che è aperta la campagna assicurativa 2015. NOVITA CAMPAGNA ASSICURATIVA

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 1186 del 10/06/2015 Oggetto: Reg. CE n. 1308/2013

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE DELL INTERVENTO FORMATIVO

SPECIFICHE TECNICHE DELL INTERVENTO FORMATIVO SPECIFICHE TECNICHE DELL INTERVENTO FORMATIVO (art. 68 D. Lgs. 163/2006) ALLEGATO A FINALITÀ L intervento formativo richiesto deve essere finalizzato a formare il giovane imprenditore agricolo in maniera

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 Regolamento recante disciplina del risarcimento diretto dei danni derivanti dalla circolazione stradale, a norma dell'articolo 150 del decreto

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 1. Denominazione della Misura: Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

Dettagli

PSR 2007/2013 PUGLIA MISURA 112 INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI

PSR 2007/2013 PUGLIA MISURA 112 INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI 10239 ALLEGATO A PSR 2007/2013 PUGLIA MISURA 112 INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DEL PREMIO DI PRIMO INSEDIAMENTO NELLA FORMA COMBINATA (PREMIO UNICO + ABBUONO DI INTERESSI).

Dettagli

CONDIFESA VERCELLI BIELLA Consorzio di Difesa delle Produzioni Intensive delle Province di Vercelli e Biella 0108

CONDIFESA VERCELLI BIELLA Consorzio di Difesa delle Produzioni Intensive delle Province di Vercelli e Biella 0108 Definizione AVVERSITA ATMOSFERICHE: Grandine: acqua congelata in atmosfera che cade sotto forma di granelli di ghiaccio di dimensioni variabili. Gelo/brina: abbassamento termico inferiore a 0 gradi centigradi

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 33 del 01/04/2015 Oggetto: Reg. CE n. 1308/2013

Dettagli

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi n 43 del 16 novembre 2012 circolare n 695 del 15 novembre 2012 referente GRANDI/af INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi L INPS, con circolare n.128 del 2 novembre 2012 (allegata alla

Dettagli

REGIONE SICILIANA Assessorato dell Agricoltura e delle Foreste

REGIONE SICILIANA Assessorato dell Agricoltura e delle Foreste Allegato B al D.D.G. n /2009 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato dell Agricoltura e delle Foreste Modalità e procedure per il concorso regionale nel pagamento degli interessi sul prestiti

Dettagli

FONDO DANNI STRUTTURE E IMPIANTI ARBOREI

FONDO DANNI STRUTTURE E IMPIANTI ARBOREI FONDO DANNI STRUTTURE E IMPIANTI ARBOREI PREMESSA L impianto arboreo di un vigneto o frutteto è un investimento importante che comporta dei costi imprenditoriali normalmente ammortizzati durante l intero

Dettagli

1.CHI PUO PRESENTARE DOMANDA

1.CHI PUO PRESENTARE DOMANDA Introduzione Nell ambito delle politiche di sviluppo rurale ed in armonia con la normativa comunitaria, nazionale e regionale, l Ismea, organismo fondiario nazionale, intende incentivare l insediamento

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO

COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEL SOGGETTO ATTUATORE, BENEFICIARIO DEL CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO A COPERTURA DELLE SPESE EFFETTIVAMENTE SOSTENUTE E DOCUMENTATE FINALIZZATO

Dettagli

MISURA 112 - INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI

MISURA 112 - INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI MISURA 112 - INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI Riferimento normativo Articolo 22 del regolamento (CE) n. 1698/2005 RAGIONI DELL INTERVENTO La misura punta a incentivare il primo insediamento di giovani

Dettagli

Richiesta di fornitura per servizi di consulenza professionale Consulente del Lavoro

Richiesta di fornitura per servizi di consulenza professionale Consulente del Lavoro Richiesta di fornitura per servizi di consulenza professionale Consulente del Lavoro Lepida SpA è lo strumento operativo della Regione Emilia Romagna per la pianificazione, lo sviluppo e la gestione delle

Dettagli

NOTA INFORMATIVA AL CONTRAENTE. La presente Nota Informativa è redatta secondo lo schema predisposto dall ISVAP ma

NOTA INFORMATIVA AL CONTRAENTE. La presente Nota Informativa è redatta secondo lo schema predisposto dall ISVAP ma UFFICIO REGISTRO BOLLO RADIO ASSICURAZIONI ROMA - Copertina Fascicolo Informativo Sig... Date viaggio... Destinazione... CERTIFICATO DI ASSICURAZIONE 509945135 INTER PARTNER ASSISTANCE Interassistance

Dettagli

A relazione dell'assessore Sacchetto:

A relazione dell'assessore Sacchetto: REGIONE PIEMONTE BU13 28/03/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 25 marzo 2013, n. 11-5559 Piano Verde - Programma regionale per la concessione di contributi negli interessi sui prestiti contratti

Dettagli

DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO 2008 PROCEDURA DI PRESENTAZIONE DELLE ISTANZE DI PARTE

DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO 2008 PROCEDURA DI PRESENTAZIONE DELLE ISTANZE DI PARTE DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO 2008 PROCEDURA DI PRESENTAZIONE DELLE ISTANZE DI PARTE SP/lv Allegato alla Determinazione 118-2012 del 21/08/2012 Pagina 1 di 9 Sommario 1. PREMESSA...3 2. OGGETTO...3 3. ESITO

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

LE NUOVE MISURE DELLA GESTIONE DEI RISCHI PAOLA GROSSI

LE NUOVE MISURE DELLA GESTIONE DEI RISCHI PAOLA GROSSI LE NUOVE MISURE DELLA GESTIONE DEI RISCHI PAOLA GROSSI PRESIDENTE GRUPPO GESTIONE DEI RISCHI COPA-COGECA 1. QUALI I RISCHI PER UN IMPRESA AGRICOLA 2. PERCHE SOSTENERE LA GESTIONE DEI RISCHI 3. LE POSSIBILITÀ

Dettagli

IL FOTOVOLTAICO IN AGRICOLTURA

IL FOTOVOLTAICO IN AGRICOLTURA IL FOTOVOLTAICO IN AGRICOLTURA La soluzione dell impianto fotovoltaico per la produzione di energia elettrica viene presa in considerazione da molte imprese agricole vuoi per la necessità di sostituire

Dettagli

Bologna, 11/04/2012 LA RIFORMA PAC: IL NUOVO FASCICOLO AZIENDALE E I PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COLLEGATI

Bologna, 11/04/2012 LA RIFORMA PAC: IL NUOVO FASCICOLO AZIENDALE E I PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COLLEGATI Bologna, 11/04/2012 LA RIFORMA PAC: IL NUOVO FASCICOLO AZIENDALE E I PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COLLEGATI DECRETO MINISTERIALE 162 del 12/01/2015 Decreto relativo alla SEMPLIFICAZIONE della gestione della

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO. Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO. Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile PROVINCIA DI LIVORNO AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile Premessa La Provincia promuove e finanzia interventi volti allo sviluppo di imprese giovanili

Dettagli

POLIZZA PER L ASSICURAZIONE DI PRESTAZIONI PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI IN FORMA DI RENDITA VITALIZIA

POLIZZA PER L ASSICURAZIONE DI PRESTAZIONI PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI IN FORMA DI RENDITA VITALIZIA POLIZZA PER L ASSICURAZIONE DI PRESTAZIONI PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI IN FORMA DI RENDITA VITALIZIA CONTRATTO n 9.021.307 CONTRAENTE: FONDO PENSIONE DEL GRUPPO SAN PAOLO IMI TRA FONDO PENSIONE DEL PERSONALE

Dettagli

L.R. n. 63/78 art. 50 (prestiti per la conduzione aziendale) ISTRUZIONI OPERATIVE

L.R. n. 63/78 art. 50 (prestiti per la conduzione aziendale) ISTRUZIONI OPERATIVE L.R. n. 63/78 art. 50 (prestiti per la conduzione aziendale) ISTRUZIONI OPERATIVE PREMESSE La deliberazione della Giunta Regionale n. 30-7048 dell 8/10/2007 ha istituito, a partire dall 1/01/2008, un programma

Dettagli

SCHEMA DI ACCORDO PER L ANTICIPAZIONE DEI CONTRIBUTI PAC. tra

SCHEMA DI ACCORDO PER L ANTICIPAZIONE DEI CONTRIBUTI PAC. tra ALLEGATO SCHEMA DI ACCORDO PER L ANTICIPAZIONE DEI CONTRIBUTI PAC tra l Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura - AGEA, con sede in Roma, via Palestro 81, codice fiscale P.I.: 06234661004 - Codice fiscale:

Dettagli

Iscritta all albo delle banche Art.13 D.Lgs. 385/93 al n.3556.8 Albo delle cooperative a mutualità prevalente

Iscritta all albo delle banche Art.13 D.Lgs. 385/93 al n.3556.8 Albo delle cooperative a mutualità prevalente FOGLIO INFORMATIVO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 235 CODICE ISIN IT0003935365

Dettagli

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO AVVISO 3/12bis Modalità per la richiesta dei voucher formativi per i lavoratori delle imprese aderenti a For.Te. 1.

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA A.T.C. PROVINCIA DI FOGGIA

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA A.T.C. PROVINCIA DI FOGGIA AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA A.T.C. PROVINCIA DI FOGGIA (Approvato con deliberazione del Comitato di Gestione n. 66/12 del 22 giugno 2012 e successive modiche ed integrazioni effettuate in data 30/01/2014

Dettagli

VH Italia Gruppo AGRORISK

VH Italia Gruppo AGRORISK Condizioni di Assicurazione VH Italia 2009/2010 CONDIZIONI GENERALI DI ASSICURAZIONE (CG-2009/2010-COLL) Premessa Le presenti Condizioni Generali e Speciali di Assicurazione sono redatte in applicazione

Dettagli

Forma Giuridica Codice Fiscale CUAA Partita IVA. Sesso Data di Nascita Comune di Nascita Prov. Codice ISTAT Comune Prov. C.A.P.

Forma Giuridica Codice Fiscale CUAA Partita IVA. Sesso Data di Nascita Comune di Nascita Prov. Codice ISTAT Comune Prov. C.A.P. Pazio riservato al protocollo All'Ente Delegato All'Istituto di Credito Denominazione Forma Giuridica Codice Fiscale CUAA Partita IVA Iscr. Camera di Commercio PV NUMERO Sesso Data di Nascita Comune di

Dettagli

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE DESTINAZIONE DEL TFR MATURANDO A PARTIRE DALL 01.01.2007 IN APPLICAZIONE DELL ART. 8 COMMA 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005 N. 252 Ogni lavoratore del settore

Dettagli

OGGETTO: Contributi dovuti dalle aziende agricole per gli operai a tempo determinato e a tempo indeterminato per l anno 2007.

OGGETTO: Contributi dovuti dalle aziende agricole per gli operai a tempo determinato e a tempo indeterminato per l anno 2007. Presidio Unificato Previdenza Agricola Roma, 6 Marzo 2007 Circolare n. 52 Allegati 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami

Dettagli

D.P.R. 18 luglio 2006, n. 254

D.P.R. 18 luglio 2006, n. 254 397 D.P.R. 18 luglio 2006, n. 254 Art. 1 2. D.P.R. 18 luglio 2006, n. 254. Regolamento recante disciplina del risarcimento diretto dei danni derivanti dalla circolazione stradale, a norma dell articolo

Dettagli

Sesso Data di Nascita Comune di Nascita Prov. Indirizzo e numero civico. Codice ISTAT Comune Prov. C.A.P. Codice ISTAT Comune Prov. C.A.P.

Sesso Data di Nascita Comune di Nascita Prov. Indirizzo e numero civico. Codice ISTAT Comune Prov. C.A.P. Codice ISTAT Comune Prov. C.A.P. Spazio riservato al protocollo All'Ente Delegato All'Istituto di Credito Denominazione Forma Giuridica Partita IVA Codice Fiscale CUAA Iscr. Camera di Commercio PV NUMERO Sesso Data di Nascita Comune di

Dettagli

Il fondo mutualistico: strumento per la gestione del rischio

Il fondo mutualistico: strumento per la gestione del rischio Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Convegno Assicurazioni e gestione del rischio in agricoltura: nuovi strumenti ed innovazioni operative Perugia 26 gennaio 2011 Il fondo mutualistico:

Dettagli

1. Controlli di ricevibilità 2. Controlli di ammissibilità a) Controllo tecnico-amministrativo

1. Controlli di ricevibilità 2. Controlli di ammissibilità a) Controllo tecnico-amministrativo Allegato 1 Istruzioni per il controllo delle domande di aiuto presentate ai sensi del bando regionale 2008/2009 - Misura di ristrutturazione e riconversione dei vigneti nell ambito delle disposizioni attuative

Dettagli

OGGETTO: richiesta preventivo polizza Responsabilità Civile, Infortuni, Tutela Giudiziaria e Assistenza.

OGGETTO: richiesta preventivo polizza Responsabilità Civile, Infortuni, Tutela Giudiziaria e Assistenza. Prot. N. 65/C9 Spettabile AGENZIA DI ASSICURAZIONE OGGETTO: richiesta preventivo polizza Responsabilità Civile, Infortuni, Tutela Giudiziaria e Assistenza. Con la presente si sottopone alla vostra cortese

Dettagli

Politica Agricola Comunitaria e adattamento ai cambiamenti climatici.

Politica Agricola Comunitaria e adattamento ai cambiamenti climatici. Politica Agricola Comunitaria e adattamento ai cambiamenti climatici. Quali prospettive alla luce della prossima riforma? Simone Severini (Università della Tuscia - Coordinatore Unità: Prof. G. Dono) Portici

Dettagli