Linee guida per le attività didattiche in modalità e- learning

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linee guida per le attività didattiche in modalità e- learning"

Transcript

1 Linee guida per le attività didattiche in modalità e- learning Approvate dal Senato Accademico nella seduta del 23/01/ Introduzione: modelli ISA e blended learning Linee guida La didattica online Attività didattiche in modalità e-learning all interno del carico didattico (120 ore) Attività didattiche in modalità e-learning al di fuori del carico didattico Progettazione e produzione Valutazione e assicurazione della qualità... 7 Appendice: Modelli ISA e blended learning, tre ipotesi esemplificative Modello di formazione in autoapprendimento Modello di formazione assistito Modello di formazione collaborativo

2 1. Introduzione: modelli ISA e blended learning ADiSS Ufficio Offerta formativa Settore Didattica online Il progetto ISA dell Università Ca Foscari privilegia un modello di blended learning, ovvero una modalità in cui l e-learning non sostituisce del tutto la formazione d aula, ma la integra. In questo documento verranno presentate tre linee guida su come organizzare la didattica online. Di seguito sono descritti tre possibili modelli didattici online base (che si ispirano a modelli di formazione e di apprendimento diversi) relativi a diverse metodologie di approccio agli strumenti online a supporto della didattica. Si tratta di uno schema esemplificativo: partendo da questa base sono possibili soluzioni miste o integrate. 1) Modello in autoapprendimento. Il focus è posto su un trasferimento sequenziale di informazioni (modello comportamentista). Compito del docente è di strutturare le lezioni online e di progettare le attività di valutazione in auto-apprendimento, corredate da feedback. Allo studente è richiesta l esecuzione dei compiti di apprendimento, la ricezione e l organizzazione delle informazioni provenienti dall esterno. 2) Modello formazione assistita. Il focus è posto sulle attività formative di riflessione, strategie di modellamento e analisi di casi (etc.), da svolgere con gli studenti o in piccoli gruppi, attraverso la partecipazione e la comunicazione in forum, blog, wiki etc. (modello cognitivista). Compito del docente è di strutturare le lezioni online, progettare attività didattiche da svolgere insieme agli studenti, che possono essere individuali o per piccoli gruppi. Allo studente è richiesto lo studio delle lezioni, l esecuzione di compiti di apprendimento (individuali o piccoli gruppi nei forum), l applicazione di strategie apprenditive, di auto-riflessione, la condivisione e il trasferimento delle conoscenze acquisite e infine l autovalutazione. 3) Modello di formazione collaborativo. In questo modello, l apprendimento è considerato come processo di costruzione condivisa e sociale di nuove conoscenze, processo nel quale il docente svolge un ruolo di facilitatore dell apprendimento tramite azioni di scaffolding, porta alla valutazione e all interpretazione dei concetti per ottenere apprendimenti significativi, condivisi attraverso attività di collaborazione e cooperazione (modello costruttivista). Allo studente è richiesta una partecipazione comunicativa e sociale attiva nella costruzione della conoscenza e il riutilizzo delle conoscenze. 2

3 Tabella 01. Sintesi dei tre modelli e-learning base per il progetto ISA ADiSS Ufficio Offerta formativa Settore Didattica online Modello in autoapprendimento Modello formazione assistita Modello di formazione collaborativa o di comunità Modello comportamentistica Modello cognitivista Modello costruttivista Si focalizza sul contenuto Si focalizza sullo studente Si focalizza sul gruppo Si basa sull erogazione di informazioni È orientato all apprendimento individuale Prevede un grado minimale di interazione con il docente/tutor Non prevede nessun tipo di collaborazione alla pari Si basa sulle attività di elaborazione delle informazioni È orientato all apprendimento in piccoli gruppi/classe Prevede interazioni significative con docente/tutor Prevede interazioni tra gli studenti Si basa sulla pratica, condivisione e produzione di conoscenze È orientato all apprendimento all interno di organizzazioni I partecipanti agiscono come studenti e tutor/docenti Prevede molteplici modalità di interazione tra gli studenti Nell appendice vengono formulate tre ipotesi esemplificative di come potrebbe essere organizzata la didattica online di un insegnamento in modalità e-learning (che nel presente documento comprende anche la modalità blended o mista) per il progetto ISA di Ca Foscari. 2. Linee guida Le seguenti linee guida descrivono le principali caratteristiche delle attività di e-learning, individuano i requisiti di qualità richiesti da un insegnamento online di Ca Foscari e definiscono le modalità di proposta, costruzione e realizzazione di un insegnamento online La didattica online Le tecnologie informatiche mettono a disposizione di docenti e studenti una serie di strumenti e tecniche, che possono essere variamente utilizzate a supporto della didattica: dalla semplice pubblicazione online dei materiali utilizzati in aula, come avviene nelle altre cartelle ISA, ad ambienti di apprendimento più articolati e partecipativi (Piattaforma Moodle). Ciascun docente potrà scegliere gli strumenti più idonei a supportare la propria attività attraverso l uso di tali metodologie. La distinzione fondamentale è tra didattica in presenza e didattica online (che in queste linee guida si realizza in forma blended o mista): 1. didattica in presenza: tutte le lezioni si svolgono in presenza; gli strumenti di e-learning sono utilizzati a corredo della didattica in presenza secondo le modalità e le tipologie previste nelle varie cartelle ISA; 3

4 2. didattica online: l utilizzo degli strumenti di e-learning è complementare all attività didattica in presenza e l attività online integra e sostituisce una parte dell attività in presenza; lo studente che non partecipa alle attività online avrà difficoltà analoghe a quelle che deriverebbero dalla mancata frequenza delle lezioni. Rientrano in questa tipologia i modelli didattici di autoapprendimento, di apprendimento assistito e di apprendimento collaborativo. Pertanto, l adozione di strumenti online come quelli nelle cartelle documentarie di ISA, che comunque è sempre consigliata e supportata, non è di per sé sufficiente a fare di un insegnamento un insegnamento in modalità e-learning, che invece richiede un adeguata interazione on line che preveda: supporto allo studente lungo tutto il per didattico in un contesto sociale di apprendimento collaborativo; ruolo attivo degli studenti: gli studenti discutono assieme a tutor e docenti dei contenuti didattici, partecipano allo sviluppo di progetti collaborativi e si supportano a vicenda nella comprensione dei contenuti; una didattica modulare che consente una maggiore flessibilità nei tempi e nelle modalità d insegnamento; adozione di sistemi personali per la gestione dell apprendimento (la piattaforma Moodle permette di costruire sistemi come Personal Learning Environment, e-portfolio) Attività didattiche in modalità e-learning all interno del carico didattico (120 ore) Le ore di attività didattica svolte con metodologie e-learning confluiscono nel carico didattico dei docenti coinvolti, a condizione che: siano approvate dal Collegio didattico del ; siano sostitutive di attività curriculari, ossia siano comprese all interno di un ; siano svolte personalmente dal docente con l eventuale affiancamento di uno o più tutor. Le attività curriculari, riconosciute nel carico didattico del docente, non possono comunque superare il 50% delle ore. Le attività didattiche in modalità e-learning non superiori al 10% delle ore non necessitano di autorizzazione. 4

5 La valutazione del profitto degli studenti si svolge comunque in presenza, con modalità omogenee a quelle previste per gli altri insegnamenti dell Ateneo. Nel caso di attribuzione dell attività didattica per contratto o affidamento retribuito, il relativo bando dovrà prevedere l utilizzo di metodologie e-learning e dovrà definirne le caratteristiche Attività didattiche in modalità e-learning al di fuori del carico didattico I Collegi didattici possono approvare in via sperimentale, in particolare per studenti part-time, l erogazione di insegnamenti anche con una percentuale di attività online superiore al 50% fino ad arrivare a insegnamenti erogati esclusivamente online (100% delle attività svolte online; nessuna attività in presenza), alle seguenti condizioni: al di fuori delle 120 ore di obbligo didattico dei docenti; per contratto, sulla base di specifiche esigenze formative. Anche in questo caso, le attività didattiche in modalità e-learning non superiori al 10% delle ore non necessitano di autorizzazione. La valutazione del profitto degli studenti si svolge comunque in presenza, con modalità omogenee a quelle previste per gli altri insegnamenti dell Ateneo. Previa autorizzazione del Collegio didattico e al di fuori del carico didattico dei docenti, possono inoltre essere svolte online attività integrative e potenziative delle attività didattiche curriculari Approvazione da parte del Consiglio di Dipartimento Il consiglio di Dipartimento, nell approvare l offerta formativa, dovrà altresì approvare le modalità con le quali saranno erogati i singoli insegnamenti (in presenza, blended, online) Progettazione e produzione Per la progettazione e/o produzione di un online è possibile avvalersi delle competenze del Settore Didattica Online (ADiSS Ufficio Offerta formativa, che interverrà affiancando il docente e gli eventuali Tutor nelle tre fasi: 1. Progettazione e attivazione a. Progettazione delle attività didattiche b. Progettazione tecnologica c. Attivazione 5

6 2. Erogazione e gestione a. Web editing e consegne metodologiche b. Gestione spazio in piattaforma: i. apertura degli spazi virtuali ii. caricamento moduli online iii. assistenza tecnico-metodologica: helpdesk iv. raccolta ed elaborazione dei dati v. gestione piattaforma Moodle 3. Monitoraggio e documentazione a. Backup Piattaforma: supporto elettronico e/o stampa b. Tracciamento frequenze / mappatura ogni 30 giorni Alla piattaforma di Ateneo per la realizzazione dei corsi online (http://moodle.unive.it) si accede attraverso le proprie credenziali di accesso all area riservata Unive. Alla piattaforma possono inoltre accedere gli studenti in fase di immatricolazione, tramite l account provvisorio fornito dal sistema informativo di Ateneo (gli account provvisori sono soggetti a periodica verifica e eliminazione). Possono inoltre essere accreditati alla piattaforma utenti non in possesso delle credenziali Unive, per esigenze specifiche (ad es. attività rivolte a soggetti esterni all Ateneo). L accesso alle singole attività didattiche ospitate dalla piattaforma è regolato dal docente responsabile. La piattaforma Moodle di Ateneo assicura prestazioni adeguate, in particolare per quanto riguarda: l accesso attraverso una procedura di identificazione univoca 1 ; il numero di connessioni concorrenti; i tempi di risposta garantiti; i requisiti minimi di sistema e di connessione; le caratteristiche di accessibilità, in linea con la normativa vigente; l accesso da dispositivi mobili (tablet e smartphone); la gestione di attività sincrone e asincrone. 1 Secondo quanto previsto dal DM 47/2013, è assicurata l integrazione del sistema e-learning con il sistema di anagrafica di Ateneo: l accesso ai materiali ISA e alla piattaforma di apprendimento avviene attraverso lo stesso sistema di autenticazione usato per l Area Riservata (Single Sign-On). 6

7 2.4. Tutorato Per gli insegnamenti in modalità online può essere previsto l impiego di un tutor, nel caso in cui il numero di studenti sia superiore a 30, oppure sia prevista l adozione di un modello di formazione di tipo collaborativo. Si prevedono tre tipologie di tutor online: tutor di contenuto: è un esperto di una disciplina o di un'area disciplinare che collabora con i docenti titolari degli insegnamenti dell area stessa; tutor dei corsi di studio: con funzioni di orientamento e monitoraggio; tutor tecnici o di sistema: con funzione di supporto tecnico (introduzione e familiarizzazione dello studente con l ambiente tecnologico, salvataggio, conservazione materiali, assistenza tecnica in itinere). La selezione, la gestione ed i costi dei Tutor sono coordinati dal Settore Didattica Online. L'attività dei tutor non deve sostituire quella del docente titolare. Il tutor ha il compito di orientare, facilitare e ottimizzare i processi di apprendimento. Il tutor ha inoltre il ruolo di monitorare l andamento della classe, stimolare l apprendimento degli studenti e la loro partecipazione alle attività formative e gestire le problematiche legate alla fruizione degli insegnamenti in modalità online. Prima dell inizio dei corsi i potenziali tutor on line saranno formati dal Settore Didattica Online Valutazione e assicurazione della qualità Gli insegnamenti in modalità e-learning possono prevedere forme di monitoraggio in itinere, al fine di consentire al docente di verificare l efficacia degli strumenti didattici e delle metodologie adottate. Ciò può avvenire attraverso la rilevazione della soddisfazione e della qualità percepita da parte degli studenti, anche nel contesto dell adozione di un efficace sistema di assicurazione della qualità 2, rilevazione condotta dal Settore Didattica Online in accordo con il docente Syllabus 2 Su tale materia è d obbligo il rimando al Decreto Ministeriale 30 gennaio 2013, n. 47 e alla documentazione prodotta dall ANVUR. 7

8 Nel sistema informativo dell Ateneo dovranno risultare le attività didattiche svolte in modalità e-learning. Il docente indica nel syllabus che il si svolge in modalità online blended, descrive le metodologie utilizzate e l attività richiesta agli studenti. Il docente segna sul registro delle lezioni la data in cui ha inizio l attività online e indica che quel tema è stato trattato online. Il Settore Logistica dovrà essere correttamente informato sulla distribuzione delle ore svolte in presenza rispetto al calendario delle lezioni, per una corretta assegnazione degli spazi (aule e laboratori). 8

9 Appendice: Modelli ISA e blended learning, tre ipotesi esemplificative. 1. Modello di formazione in autoapprendimento Modalità di apprendimento Questo modello di formazione riguarda processi di auto-apprendimento, basati su materiali di studio prelevati in rete da una piattaforma di e.learning (nel caso del progetto ISA, la piattaforma adottata dall Ateneo è Moodle). Il modello prevede un interattività da parte dello studente basata su: 1) prelievo dei materiali (studio delle lezioni) e 2) attività di autovalutazione delle conoscenze (es. test oggettivi scelta chiusa, scelta multipla, completamento etc. - con feedback immediato dopo l esecuzione). Cosa deve preparare il docente: 1) Le lezioni online. La lezione online dovrebbe essere costruita per un per formativo in autoapprendimento completo e autonomo, con una solida strutturazione dei contenuti. Questi materiali dovrebbero essere sviluppati in modo da potere essere fruiti autonomamente dallo studente. Questi possono essere sviluppati in formato testo, audio o video. Sarebbe meglio svilupparli in anticipo (prima che inizi l attività didattica, in particolare se per la prima volta si sperimenta questa modalità didattica di e.learning), in modo da potere essere fruiti nei tempi prestabiliti dagli studenti. Particolari tecniche sono state definite per la produzione di materiale per autoistruzione (Rowntree, 1995). 2) Prove di auto-valutazione per ogni lezione, a completamento dell attività di autoapprendimento (vedi punto 1, lezione). La possibilità di auto-valutare l apprendimento in modo indipendente con sistemi automatici di verifica (in cui lo studente riceve un immediato feedback del lavoro svolto) è considerato uno dei punti di qualità del modello in autoapprendimento. La memorizzazione delle risposte degli studenti è gestita in un database che consente di monitorare in itinere l andamento dell attività didattica, predisponendo eventualmente dei correttivi didattici, e di valutare alla fine l efficacia dell intervento (la piattaforma Moodle, svolge tutte queste attività). Tale sistema di verifica fornisce un feedback immediato allo studente, un indicazione del raggiungimento degli obiettivi formativi stabiliti per un certo modulo o unità didattica. I risultati delle prove possono essere utilizzati anche per confronti tra il singolo allievo e il dato medio della classe virtuale e per monitorare l andamento complessivo dell attività didattica. 9

10 L attività didattica potrebbe essere completata da altri materiali (facoltativi) come: una guida allo studio che descrive gli obiettivi, i percorsi formativi a disposizione e gli eventuali prerequisiti per accedervi; un glossario della materia; le FAQ; la bibliografia e l elenco dei siti e delle banche dati interessanti; link esterni come riviste scientifiche, volumi reperibili in Google scholar o Google books o repository OER (open educational resources) di università o enti di ricerca etc. Questi materiali comunque non sostituiscono le lezioni e le prove di autovalutazione. Sono solo a supporto. Tabella 1. Scheda sintetica dei passi da fare per organizzare un insegnamento in autoapprendimento Fase Attività didattica Attività in dettaglio Pre- Progettazione Progettare: Pre- e/o Pre- e/o Fine Produrre i materiali Implementazio ne tecnologica materiali Attività di insegnamento e apprendimento Valutare la qualità del 1. analisi e definizione degli obiettivi conoscitivi, abilità competenze del. 2. Definizione dei contenuti. 3. Definizione delle modalità di valutazione (quali test?). 4. Definizione di quali e quante lezioni saranno svolte in presenza e quali online 5. Definire come produrre le lezioni, se in formato testo (pdf), audio (mp3) o video. 6. Articolazione tempistica (calendario didattico delle lezioni online e in presenza). 7. Stesura del syllabus. 8. Strutturazione della comunicazione tra docente e studenti: definire come devono comunicare gli studenti con il docente se tramite oppure aprire un forum solo per le comunicazioni. 9. Definire la necessità di richiedere un tutor (dipende dal numero dei studenti, oltre ad una certa soglia potrebbe esistere l esigenza di assistenza didattica di un tutor) Produrre in formato digitale: 10. lezioni online (testo pdf, o audio, o video). 11. Batterie di test in autovalutazione (minimo 5 test, massimo 10 test circa per ogni lezione) 12. Risposte esatte alle batterie di test. 13. Una guida al con obiettivi, modalità di svolgimento etc. (facoltativo). 14. Eventuali materiali aggiuntivi (libri, articoli, siti etc.) a sostegno delle singole lezioni online e del (facoltativo) Collegarsi a Moodle per: 15. organizzare lo spazio Moodle dove inserire i materiali delle lezioni. 16. Inserire i materiali sulla piattaforma Moodle. 17. Implementare le batterie di test nel sistema di valutazione di Moodle per ogni lezione. 18. Inserire le risposte esatte per ogni batteria di test. Monitorare e supportare le attività di apprendimento degli studenti. 19. seguire le attività degli studenti online. 20. Rispondere alle domande degli studenti che possono porre su materiali e quesiti; 21. Verificare la qualità delle lezioni (se troppo facili o troppo difficili, per poi modificarle e ricalibrarle). 22. verificare la qualità dei test (se troppo facili o troppo difficili per poter ricalibrare i test). Valutare l andamento del : 23. lezioni, test, gradimento del, al fine di ricalibrare il per l anno successivo. 10

11 2. Modello di formazione assistito Modalità di apprendimento Se il primo modello in autoapprendimento è centrato soprattutto sui materiali (lezioni e strumenti di autovalutazione), questo modello è centrato sul ruolo del docente e replica in qualche misura il paradigma dell insegnamento in aula. Lo studente è inserito in un gruppo-classe e l interazione predominante è quella fra docente e studente che si svolge attraverso attività di comunicazione testuale (ma non solo). Le tecnologie svolgono in questo caso non solo un ruolo di trasmissioni dei contenuti, ma diventano uno spazio significativo per le interazioni comunicative/formative tra docente e studenti. L apprendimento assistito prevedrebbe sia momenti di studio individuale basato su materiali predisposti per l autoapprendimento (lezioni), sia momenti di interazione/comunicazione tra docente e studenti (es., attraverso l uso di forum, chat, video conferenza etc.), organizzate attraverso attività didattiche semplici (es., il docente propone un problema da risolvere, presenta uno studio di caso etc.). La verifica dell apprendimento è progettata in base all attività didattica proposta nel forum (o altro). Da un punto di vista formativo, il docente dovrebbe anche stendere i criteri di valutazione dell attività didattica online (ovvero quella che avviene tramite forum) e comunicarlo insieme all attività didattica. L attività di valutazione didattica svolta nel forum, potrebbe essere corredata anche da valutazione oggettiva (es. test oggettivi, con feedback immediato), con gli stessi criteri accennati nel modello in autoapprendimento. Questo modello sfrutta le potenzialità comunicative offerte dalla rete per fini formativi, permettendo agli studenti di interagire con docenti (o tutor, se necessario, dipende dal numero degli studenti), per avere chiarimenti, suggerimenti, confronti su possibili soluzioni ed interpretazioni. Il modello prevede un interattività più arricchita rispetto al modello precedente e quindi lo studente dovrebbe: 1) prelevare i materiali di studio (studio delle lezioni) e 2) svolgere l attività didattica nei forum (all interno di una settimana o a seconda della progettazione del docente); 3) (facoltativa a seconda di quanto previsto dal docente) svolgere i test oggettivi di autovalutazione delle conoscenze (es., scelta chiusa, scelta multipla, completamento etc. - con feedback immediato dopo l esecuzione). 11

12 Cosa deve preparare il docente: 1) Materiali-lezioni: valgono le stesse considerazioni svolte per la classe precedente (testo, audio, video), tuttavia il docente potrebbe avvalersi di materiali anche non strutturati con i criteri del modello in autoapprendimento. 2) Attività didattiche da svolgere in rete insieme gli studenti (e se necessario con l aiuto di un tutor, dipende dal numero degli studenti). Queste attività didattiche potrebbero essere attività di discussione nei forum o lavori in piccoli gruppi, o lavori individuali ecc.. 3) Sviluppo di criteri di valutazione delle attività didattiche. 4) (Facoltativo) Test di autovalutazione e feedback alle prove. 5) (Facoltativo) Materiali o link utili a supporto dell attività didattica. Tabella 2. Scheda sintetica dei passi da fare per organizzare un insegnamento in formazione assistita Fase Attività didattica Attività in dettaglio Pre- Progettazione Progettare: Pre- e/o Pre- e/o Produrre i materiali Implementazio ne tecnologica materiali Attività di insegnamento e apprendimento 1. analisi e definizione degli obiettivi conoscitivi, abilità competenze del. 2. Definizione dei contenuti. 3. Definizione delle attività didattiche da svolgere nei forum. 4. Definizione delle modalità di valutazione delle attività nei forum. 5. Definizione di quali e quante lezioni saranno svolte in presenza e quali online (massimo il 33%). 6. Definire come produrre le lezioni, se in formato testo (pdf), audio (mp3) o video. 7. Articolazione tempistica (calendario didattico delle lezioni online e in presenza). 8. Stesura del syllabus. 9. Strutturazione della comunicazione tra docente e studenti per le attività didattiche per ogni lezione: forum? Blog? Wiki? Altro?. 10. Definire la necessità di richiedere un tutor (dipende il numero dei studenti, oltre ad una certa soglia potrebbe esistere l esigenza di assistenza didattica di un tutor). Produrre in formato digitale: 11. lezioni online (testo pdf, o audio, o video) 12. Attività didattica da svolgere nei forum, o altro sistema di comunicazione. 13. (Facoltativo) Batterie di test per ogni lezione. 14. (Facoltativo) Feedback ai test oggettivi. 15. (Facoltativo) Una guida al con obiettivi, modalità di svolgimento etc. 16. (Facoltativo) Selezionare eventuali materiali (libri, articoli, siti etc.) a sostegno delle singole lezioni online e del (facoltativo). Collegarsi a Moodle per: 17. organizzare lo spazio Moodle dove inserire i materiali delle lezioni 18. Inserire i materiali sulla piattaforma Moodle. 19. Aprire un forum (blog o wiki o altro). 20. Implementare le batterie di test nel sistema di valutazione di Moodle per ogni lezione (se previste). 21. Inserire le risposte esatte per ogni batteria di test (se previste). Monitorare e supportare le attività di apprendimento degli studenti 22. seguire le attività degli studenti online; 23. Rispondere alle domande degli studenti che possono porre su materiali e quesiti. 12

13 Fine Valutare la qualità del ADiSS Ufficio Offerta formativa Settore Didattica online 24. Verificare la qualità delle lezioni (se troppo facili o troppo difficili, per poi modificarle e ricalibrarle). 25. Verificare la qualità dei test (se troppo facili o troppo difficili per poter ricalibrare i test). Valutare l andamento del : 26. lezioni, test, gradimento del al fine di ricalibrare il per l anno successivo. 3. Modello di formazione collaborativo Modalità di apprendimento In questo modello l apprendimento è il risultato di attività collaborative svolte all interno di una piccola comunità di apprendimento. I materiali di studio prelevati in rete fanno parte del repertorio comune di questa comunità, che usa la rete anche come supporto della comunicazione e della collaborazione. Le attività collaborative implicano una condivisione di compiti, e un esplicita intenzione di "aggiungere valore" - per creare qualcosa di nuovo o differente attraverso un processo collaborativo deliberato e strutturato, in contrasto con un semplice scambio di informazioni o esecuzione di istruzioni (in varia misura presenti nei due modelli precedenti). Una definizione di apprendimento collaborativo potrebbe essere l'acquisizione da parte degli individui di conoscenze, abilità o atteggiamenti che sono il risultato di un'interazione all interno di un gruppo che opera in modo collaborativo per realizzare un prodotto, un servizio o una soluzione a un determinato compito del gruppo. Una collaborazione di successo prevede un qualche accordo su obiettivi e valori comuni, il mettere insieme competenze individuali a vantaggio del gruppo come un tutt'uno, l'autonomia di chi apprende nello scegliere con chi lavorare e la flessibilità nell'organizzazione di gruppo. Perché ci sia un'efficace collaborazione o cooperazione, ci deve essere una reale interdipendenza tra i membri di un gruppo nella realizzazione di un compito, un impegno nel mutuo aiuto, un senso di responsabilità per il gruppo e i suoi obiettivi e deve essere posta attenzione alle abilità sociali e interpersonali nello sviluppo dei processi di gruppo. Riassumendo l "apprendimento collaborativo" riguarda gli apprendimenti individuali derivanti dall'attività di un gruppo impegnato nella realizzazione di un compito comune che in generale riguarda la realizzazione di un prodotto o di un servizio, in casi particolari può consistere nella "comprensione" di un concetto, nella soluzione di un problema o nell esecuzione di un processo. Modello del sistema In questo tipo di formazione in rete, tre sono gli elementi fondamentali: 1) un pool di materiali (disponibili in rete), 2) Ambienti di comunicazione collaborativi per la comunità di apprendimento 13

14 come mezzo per comunicare, cooperare, accedere, produrre e condividere informazione e conoscenza e 3) una comunità virtuale (comprendente docenti, studenti, esperti e osservatori). Cosa deve fare il docente A differenza dei precedenti modelli (autoapprendimento e assistita), risulta complesso elencare i compiti in quanto il livello di conoscenza e di complessità di questi tipi di attività formativa richiedono al docente un bagaglio di esperienza ampio e profondo. Qui proponiamo una scheda a scopo solo illustrativo per definire i compiti del docente in questo modello. Tabella 3. Scheda sintetica dei passi da fare per organizzare un insegnamento in formazione collaborativa Fase Attività didattica Attività in dettaglio Pre- Progettazione Progettare: Pre- e/o Pre- e/o surante il Produrre i materiali Implementazio ne tecnologica materiali Attività di insegnamento e apprendimento 1. analisi e definizione degli obiettivi conoscitivi, abilità competenze del. 2. Definizione dei contenuti. 3. Progettazione delle attività collaborative. 4. Definizione delle modalità di valutazione delle attività collaborative. 5. Definizione di quali e quante lezioni saranno svolte in presenza e quali online (massimo il 33%). 6. Definire come produrre i materiali INSIEME agli studenti, se in formato testo (pdf), audio (mp3) o video. 7. Articolazione tempistica (calendario didattico delle lezioni online e in presenza). 8. Stesura del syllabus. 9. Strutturazione della comunicazione tra docente e studenti per le attività collaborative (scelta vera e propria dell ambiente di comunicazione: forum, blog, wiki etc). 10. Definire la necessità di richiedere un tutor (dipende il numero dei studenti, oltre ad una certa soglia potrebbe esistere l esigenza di assistenza didattica di un tutor). Produrre in formato digitale: 11. attività didattica collaborativa da svolgere INSIEME agli studenti. 12. Selezionare materiali (libri, articoli, siti etc.) a sostegno delle attività collaborative del 13. (Facoltativo) batterie di test per ogni lezione e feeback. 14. (Facoltativo)una guida al con obiettivi, modalità di svolgimento etc. Collegarsi a Moodle per: 15. organizzare lo spazio Moodle dove inserire i materiali. 16. Inserire i materiali sulla piattaforma Moodle. 17. Aprire un forum (blog o wiki o altro). Monitorare e supportare le attività di apprendimento degli studenti. 18. Partecipare attivamente alle attività didattiche collaborative con gli studenti 19. Gestire la comunicazione didattica, sociale e collaborativa del gruppo in apprendimento. 20. Monitorare costantemente le attività di comunicazione, condivisione e produzione degli studenti. 14

15 Fine Valutare la qualità del ADiSS Ufficio Offerta formativa Settore Didattica online 21. Rispondere alle domande degli studenti che possono porre su materiali e quesiti. 22. Verificare la qualità delle attività didattiche collaborative. 23. verificare la produzione della qualità dei materiali prodotti dagli studenti. 24. Produrre frequenti feeback agli studenti su ciò che stanno realizzando. Valutare l andamento del : 25. Attività didattica collaborativa 26. Comunicazione (cognitiva, sociale e didattica). 27. Condivisione (cognitiva, sociale e didattica). 28. Produzione (cognitiva, sociale e didattica), al fine di ricalibrare le attività del per l anno successivo. 15

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015 Carta dei Servizi per lo Studente a.a. 2014/2015 INDICE ART. 1 PRINCIPI GENERALI E FINALITÀ... 3 ART. 2 CONTRATTO CON GLI STUDENTI... 3 ART. 3 TUTELA DEI DATI PERSONALI... 3 ART. 4 MATERIALE DIDATTICO...

Dettagli

Regolamento del servizio di tutorato. (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008)

Regolamento del servizio di tutorato. (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008) Regolamento del servizio di tutorato (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008) Sommario Articolo 1 - L istituto del tutorato... 3 Articolo 2 - Obiettivi generali e specifici... 3 Articolo 3 - I tutor...

Dettagli

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo 1. Elementi generali Le attività didattiche del Master

Dettagli

U f f i c i o O f f e r t a F o r m a t i v a. S e t t o r e D i d a t t i c a O n l i n e. [ A p r i l e 2 0 1 4 ]

U f f i c i o O f f e r t a F o r m a t i v a. S e t t o r e D i d a t t i c a O n l i n e. [ A p r i l e 2 0 1 4 ] U f f i c i o O f f e r t a F o r m a t i v a S e t t o r e D i d a t t i c a O n l i n e [ A p r i l e 2 0 1 4 ] Moodle a Ca Foscari Autori: Matteo Ferrini Nicola Sanavio Roberta Scuttari Sommario 1.

Dettagli

Didattica interattiva online per i Corsi di Studio. Lucia Martiniello Coordinatrice didattica Università telematica Pegaso

Didattica interattiva online per i Corsi di Studio. Lucia Martiniello Coordinatrice didattica Università telematica Pegaso Coordinatrice didattica Università telematica Pegaso Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca ANVUR Autovalutazione, Valutazione periodica e Accreditamento (AVA) AVA prevede

Dettagli

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C.

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti http://moodlevarrone.netsons.org/moodle/

Dettagli

FORMAZIONE BLENDED LEARNING DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09

FORMAZIONE BLENDED LEARNING DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09 FORMAZIONE BLENDED LEARNING http://puntoeduri.indire.it/neoassunti2008/in dex.php DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09 e-tutor Lorelle Carini 1 AMBIENTE ON-LINE PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI NEOASSUNTI CON CONTRATTO

Dettagli

E-tutor: competenze per la formazione online

E-tutor: competenze per la formazione online Progetto Speciale Multiasse La Società della Conoscenza in Abruzzo PO FSE Abruzzo 2007-2013 Piano degli interventi 2011-2012-2013 INTERVENTO B) Formazione online per le aziende SYLLABUS E-tutor: competenze

Dettagli

Regolamento per l'istituzione ed il funzionamento dei corsi di perfezionamento, di aggiornamento professionale e formazione permanente

Regolamento per l'istituzione ed il funzionamento dei corsi di perfezionamento, di aggiornamento professionale e formazione permanente Regolamento per l'istituzione ed il funzionamento dei corsi di perfezionamento, di aggiornamento professionale e formazione permanente (Decreto Rettorale n.34 del 12 dicembre 2008) Sommario Articolo 1

Dettagli

Il Learning Management System o LMS è appunto la una piattaforma applicativa che permette l'erogazione dei corsi in modalità e-learning.

Il Learning Management System o LMS è appunto la una piattaforma applicativa che permette l'erogazione dei corsi in modalità e-learning. La sezione del modulo dedicata ai Learning Management System elenca diverse funzioni di gestione, comunicazione e valutazione che possono essere utilizzate per l erogazione di formazione online. Sulla

Dettagli

LMS ERUDIO. E-learning Formazione a distanza. www.sgslweb.it SISTEMI. 20 febbraio 2014 Autore: L.albanese. powered by

LMS ERUDIO. E-learning Formazione a distanza. www.sgslweb.it SISTEMI. 20 febbraio 2014 Autore: L.albanese. powered by LMS ERUDIO E-learning Formazione a distanza powered by SISTEMI 0 febbraio 01 Autore: L.albanese www.sgslweb.it Che cos è l E- Learning? L' e-learning sfrutta le potenzialità rese disponibili da Internet

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015

PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015 PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015 Laboratorio di Tecnologie Didattiche (3 cfu - 3 lezioni d aula, 18 ore + 18 ore online) Prof.ssa Maria Grazia Ottaviani pas.ottaviani.univr@gmail.com Syllabus

Dettagli

Minerva. Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione. dr. Augusto Pifferi. dr. Guido Righini. http://minerva.mlib.cnr.

Minerva. Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione. dr. Augusto Pifferi. dr. Guido Righini. http://minerva.mlib.cnr. Minerva Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione dr. Augusto Pifferi Istituto di Cristallografia C.N.R. dr. Guido Righini Istituto di Struttura della Materia C.N.R. http://minerva.mlib.cnr.it

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Didattica e Servizi agli Studenti Percorso Abilitante Speciale P.A.S. a.a. 2014-2015 Laboratorio di Tecnologie Didattiche (3 cfu, 18 ore d aula + 18 ore online) Prof. Giancarlo Gola ggola@units.it Syllabus a.a. 2014-15, versione 01 BREVE

Dettagli

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato IL PROGETTO E-LEARNING della Ragioneria Generale dello Stato Il Contesto Nel corso degli ultimi anni, al fine di migliorare qualitativamente i servizi resi dalla P.A. e di renderla vicina alle esigenze

Dettagli

MANUALE MOODLE STUDENTI. Accesso al Materiale Didattico

MANUALE MOODLE STUDENTI. Accesso al Materiale Didattico MANUALE MOODLE STUDENTI Accesso al Materiale Didattico 1 INDICE 1. INTRODUZIONE ALLA PIATTAFORMA MOODLE... 3 1.1. Corso Moodle... 4 2. ACCESSO ALLA PIATTAFORMA... 7 2.1. Accesso diretto alla piattaforma...

Dettagli

formazione professionale continua a distanza

formazione professionale continua a distanza formazione professionale continua a distanza Piattaforma formativainnovaforma.com Moodle 2.7 Moodle (acronimo di Modular Object-Oriented Dynamic Learning Environment, ambiente per l apprendimento modulare,

Dettagli

Formazione linguistica

Formazione linguistica Formazione linguistica Prosecuzione del Piano di formazione per lo sviluppo delle competenze linguistico - comunicative e metodologico - didattiche in lingua inglese degli insegnanti di scuola primaria

Dettagli

Prot n. Todi, 23/03/2013

Prot n. Todi, 23/03/2013 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE CIUFFELLI - EINAUDI TODI Agraria, Agroalimentare e Agroindustria -- Amministrazione, Finanza e Marketing Turismo - Costruzioni, Ambiente e Territorio Manutenzione ed Assistenza

Dettagli

Introduzione e modello EAS

Introduzione e modello EAS Nr. modulo Titolo modulo formativo Descrizione argomenti trattati Competenze professionali in uscita 1 CORSO BASE PER 20 PERSONE DI 10 Lavorare con gli Episodi di Apprendimento Situato in classe. Progettazione,

Dettagli

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi E-learning Vantaggi e svantaggi vantaggi Abbattimento delle barriere spazio-temporali Formazione disponibile sempre (posso connettermi quando voglio e tutte le volte che voglio) e a bassi costi di accesso

Dettagli

Il Servizio DIR - Didattica in Rete. Facoltà di Lettere e Filosofia

Il Servizio DIR - Didattica in Rete. Facoltà di Lettere e Filosofia Il Servizio DIR - Didattica in Rete Facoltà di Lettere e Filosofia Simonetta Todi Laboratorio Informatico della Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi del Piemonte Orientale A. Avogadro

Dettagli

E-learning: esperienza nel Progetto STEEL

E-learning: esperienza nel Progetto STEEL Innovazione nella formazione universitaria Firenze, 21 marzo 2012 E-learning: esperienza nel Progetto STEEL Prof. Enrico Del Re Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Il progetto STEEL Progetto

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Scuola Primaria e Secondaria di I Grado e Biennio Secondaria di II Grado D-5-FSE-2010-1

Dettagli

MODULI DI FORMAZIONE A DISTANZA DEAL

MODULI DI FORMAZIONE A DISTANZA DEAL Progetto DEAL Università Ca Foscari Venezia MODULI DI FORMAZIONE A DISTANZA DEAL (Dislessia Evolutiva e Apprendimento delle Lingue) Sessione ottobre - dicembre 2014 Ottobre dicembre 2014 - Modulo A: Creazione

Dettagli

Decreto 17 aprile 2003

Decreto 17 aprile 2003 Decreto 17 aprile 2003 Criteri e procedure di accreditamento dei corsi di studio a distanza delle università statali e non statali e delle istituzioni universitarie abilitate a rilasciare titoli accademici

Dettagli

MODULO I TRODUTTIVO. Premessa

MODULO I TRODUTTIVO. Premessa MODULO I TRODUTTIVO Indice Premessa Obiettivo del modulo Didattica blended Ragioni dell adozione del blended e-learning - Ragioni didattiche - Ragioni del lifelong learning Finalità e obiettivi Risultati

Dettagli

E-tutor: competenze per la formazione online

E-tutor: competenze per la formazione online Progetto Sistema Sapere e Crescita Piano degli interventi 2012-2013 INTERVENTO B) Formazione online per le aziende SYLLABUS E-tutor: competenze per la formazione online Informazioni generali sul corso

Dettagli

Oggetto: generazione web 2015/2016 Formazione insegnanti. Calendarizzazione attività

Oggetto: generazione web 2015/2016 Formazione insegnanti. Calendarizzazione attività MEDA, 10/09/2015 PROT. N. 9280 Alla c.a. Dirigenti scolastici Loro Sede Oggetto: generazione web 2015/2016 Formazione insegnanti. Calendarizzazione attività A seguire, si elencano i moduli formativi programmati

Dettagli

La formazione degli studenti nelle biblioteche dell Università di Pisa:

La formazione degli studenti nelle biblioteche dell Università di Pisa: La formazione degli studenti nelle biblioteche dell Università di Pisa: dai crediti ai tirocini personalizzati Milano, 16 marzo 2012 Patrizia Lùperi, Università di Pisa, Sistema bibliotecario d Ateneo

Dettagli

IAMP ISTITUTO AVANZATO MULTIPROGETTO IL FUTURO E QUI

IAMP ISTITUTO AVANZATO MULTIPROGETTO IL FUTURO E QUI ISTITUTO AVANZATO MULTIPROGETTO IL FUTURO E QUI E-LEARNING + ON LINE - costi + RISULTATI PROGETTO PRESENTAZIONE GENERALE è un marchio commerciale di Studio Mandelli S.r.l., società specializzata in servizi

Dettagli

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI Paolo Rigo LA SCUOLA DIGITALE Il progetto di alfabetizzazione digitale della popolazione è ambizioso e la sua realizzazione non può che partire dalla scuola. Occorre potenziare

Dettagli

L E-LEARNING ENTRA NELLA PA : IL CASO ARPA PUGLIA

L E-LEARNING ENTRA NELLA PA : IL CASO ARPA PUGLIA Luigi Barberini Studiodelta S.r.l. Bari /Italia l.barberini@studiodelta.it FULL PAPER Obiettivo principale del progetto è stato la formazione informatica di base per un numero di circa 0 dipendenti dell

Dettagli

PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER OBIETTIVI:

PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER OBIETTIVI: PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER è una società di studio e ricerca nell ambito dei sistemi di istruzione, formazione e lavoro. OBIETTIVI: Supportare le istituzioni

Dettagli

IMPARADIGITALE Summer school 2015

IMPARADIGITALE Summer school 2015 IMPARADIGITALE Summer school 2015 Premessa L esperienza delle precedenti Summer e il feed back delle azioni formative realizzate nelle scuole italiane di ogni ordine e grado da parte del Centro Studi ImparaDigitale,

Dettagli

Master Executive. MASTER di I Livello IP 03 - PROFESSIONE ORIENTATORE. 1500 ore - 60 CFU. Anno Accademico 2014/2015

Master Executive. MASTER di I Livello IP 03 - PROFESSIONE ORIENTATORE. 1500 ore - 60 CFU. Anno Accademico 2014/2015 Master Executive MASTER di I Livello IP 03 - PROFESSIONE ORIENTATORE 1500 ore - 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 Titolo Categoria Livello IP 03 - PROFESSIONE ORIENTATORE MASTER I Livello Anno Accademico

Dettagli

Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H

Liceo Scientifico  C. CATTANEO  PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H Sommario PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA... 1 INDICAZIONI GENERALI... 2 PREREQUISITI... 2 CONOSCENZE, COMPETENZE E CAPACITA...

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA AREA della Didattica

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA AREA della Didattica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA AREA della Didattica Accreditamento e attivazione corsi di studio Guida alla compilazione della SUA-CdS (Lauree, Lauree magistrali e Lauree magistrali a ciclo unico) 1

Dettagli

CPS1 Linee guida per l uso dei sistemi di e- learning nella didattica

CPS1 Linee guida per l uso dei sistemi di e- learning nella didattica learning nella didattica Il presente documento propone la struttura e i contenuti di un possibile documento relativo alle linee guida sull uso dell elearning nell ambito delle attività didattiche con riferimento

Dettagli

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Uno strumento unico per risolvere i problemi di compatibilità tra le diverse lavagne interattive Non fermarti alla LIM, con

Dettagli

Master Executive. MASTER di II Livello IP 01 - LA TUTELA DEL RAPPORTO DI LAVORO. 1500 ore 60 CFU. Anno Accademico 2014/2015

Master Executive. MASTER di II Livello IP 01 - LA TUTELA DEL RAPPORTO DI LAVORO. 1500 ore 60 CFU. Anno Accademico 2014/2015 Master Executive MASTER di II Livello IP 01 - LA TUTELA DEL RAPPORTO DI LAVORO 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 Titolo Categoria Livello IP 01 - LA TUTELA DEL RAPPORTO DI LAVORO MASTER II Livello

Dettagli

LABORATORIO a cura di Pier Cesare Rivoltella e Andrea Garavaglia La Formazione a distanza di Terza Generazione

LABORATORIO a cura di Pier Cesare Rivoltella e Andrea Garavaglia La Formazione a distanza di Terza Generazione LABORATORIO a cura di Pier Cesare Rivoltella e Andrea Garavaglia La Formazione a distanza di Terza Generazione Laboratorio 2 Apprendimento collaborativo in rete Laboratorio 2 Apprendimento collaborativo

Dettagli

INCONTRIAMOCI IN RETE Piattaforma digitale accessibile, flessibile e collaborativa, per la comunicazione tra scuola e famiglia, la comunity

INCONTRIAMOCI IN RETE Piattaforma digitale accessibile, flessibile e collaborativa, per la comunicazione tra scuola e famiglia, la comunity INCONTRIAMOCI IN RETE Piattaforma digitale accessibile, flessibile e collaborativa, per la comunicazione tra scuola e famiglia, la comunity scolastica virtuale e molto di più. INinFO di Sabina Nuovo INFORMATICAinFORMAZIONE

Dettagli

CORSO WET 462 Amministrazione di database SQL Server 2012

CORSO WET 462 Amministrazione di database SQL Server 2012 CORSO WET 462 Amministrazione di database SQL Server 2012 Struttura e durata del corso Scheda informativa Il corso ha la durata di 24 ore ed è distribuito nell arco di un mese: 6 incontri da 4 ore ciascuno.

Dettagli

UNIVERSITAS MERC ATORUM

UNIVERSITAS MERC ATORUM All. 4 Carta dei servizi Pag. 1 Carta dei servizi dell Università Telematica Universitas Mercatorum Art. 1- Premessa L Univeristà Telematica Universitas Mercatorum è costituita in seno al Sistema delle

Dettagli

Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA. CLASSE 4 LSA SEZ. C e E

Liceo Scientifico  C. CATTANEO  PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA. CLASSE 4 LSA SEZ. C e E Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 4 LSA SEZ. C e E Sommario PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA... 1 INDICAZIONI GENERALI... 2 PREREQUISITI... 2 CONOSCENZE, COMPETENZE

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

Manuale per l e-learning del Gruppo ECOSafety

Manuale per l e-learning del Gruppo ECOSafety p1/21 Introduzione La piattaforma di e-learning è uno strumento didattico, con accesso ed utilizzo interamente web, che permette al docente in totale autonomia di pubblicare e rendere accessibile ai discenti

Dettagli

Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015. Senato Accademico 21/07/2015. Comitato Esecutivo 23/07/2015

Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015. Senato Accademico 21/07/2015. Comitato Esecutivo 23/07/2015 Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015 Senato Accademico 21/07/2015 Comitato Esecutivo 23/07/2015 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INDUSTRIALE INDICE TITOLO

Dettagli

Proposta operativa per l avvio delle procedure di rilevamento dell opinione degli studenti per l A.A. 2013-2014

Proposta operativa per l avvio delle procedure di rilevamento dell opinione degli studenti per l A.A. 2013-2014 Proposta operativa per l avvio delle procedure di rilevamento dell opinione degli studenti per l A.A. 2013-2014 Procedure di rilevamento dell opinione degli studenti A.A. 2013-2014 Testo aggiornato al

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica

Corso di Laurea in Informatica Corso di Laurea in Informatica Presentazione del corso di Laurea in Informatica Anno Accademico 2015-2016 Obiettivi del CdL Obiettivi del CdL Fornire capacità pratiche «spendibili» sul mercato del lavoro

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Corso di Formazione in modalità blended Interlingua e Analisi degli Errori

Corso di Formazione in modalità blended Interlingua e Analisi degli Errori Corso di Formazione in modalità blended Interlingua e Analisi degli Errori Schema di progettazione corso e-learning in modalità blended Titolo Destinatari numero corsisti Lingue coinvolte Tipo di corso

Dettagli

Insegnamento con l utilizzo delle L.I.M. (Lavagne Interattive Multimediali)

Insegnamento con l utilizzo delle L.I.M. (Lavagne Interattive Multimediali) Insegnamento con l utilizzo delle L.I.M. (Lavagne Interattive Multimediali) Con il progetto, di cui alla delibera n. 52/9 del 27.11.2009 della RAS avente ad oggetto "POR Sardegna 2007/2013, FERS, Asse

Dettagli

Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale

Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale Pagina 1 di 8 Indice 1. Gli obiettivi del corso...3 2. I contenuti del corso...3 3. Il percorso didattico...4 3.1 Studio individuale...4

Dettagli

Romecamp 2008 Roma 21 e 22/11/2008

Romecamp 2008 Roma 21 e 22/11/2008 Romecamp 2008 Roma 21 e 22/11/2008 L'Open Source entra nell'e Learning Paolo Gatti http://www.paologatti.it E learning: introduzione Per e learning si intende la possibilità di imparare sfruttando la rete

Dettagli

MASTER di I Livello MA345 - Il Tutor on line I EDIZIONE 1575 ore - 63 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA345

MASTER di I Livello MA345 - Il Tutor on line I EDIZIONE 1575 ore - 63 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA345 MASTER di I Livello MA345 - Il Tutor on line I EDIZIONE 1575 ore - 63 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA345 www.unipegaso.it Titolo MA345 - Il Tutor on line Area SCUOLA Categoria MASTER Livello I Livello

Dettagli

MASTER di I Livello. Il Tutor on line. 1ª EDIZIONE 1575 ore 63 CFU Anno Accademico 2015/2016 MA415

MASTER di I Livello. Il Tutor on line. 1ª EDIZIONE 1575 ore 63 CFU Anno Accademico 2015/2016 MA415 MASTER di I Livello 1ª EDIZIONE 1575 ore 63 CFU Anno Accademico 2015/2016 MA415 Pagina 1/6 Titolo Edizione 1ª EDIZIONE Area SCUOLA Categoria MASTER Livello I Livello Anno accademico 2015/2016 Durata Durata

Dettagli

Corso di Perfezionamento Comunicare e insegnare con la lavagna multimediale interattiva (LIM) www.csl.unifi.it/lavagnadigitale Facoltà di Scienze

Corso di Perfezionamento Comunicare e insegnare con la lavagna multimediale interattiva (LIM) www.csl.unifi.it/lavagnadigitale Facoltà di Scienze Il CORSO L uso delle nuove tecnologie a scuola ha trasformato la relazione comunicativa tra studenti ed insegnanti, modificando gli stili di apprendimento, le strategie formative e le metodologie educative.

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2010/2011 - PROGETTO CL@SSE 2.0 1D LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE. e-l@boriamo

ANNO SCOLASTICO 2010/2011 - PROGETTO CL@SSE 2.0 1D LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE. e-l@boriamo ANNO SCOLASTICO 2010/2011 - PROGETTO CL@SSE 2.0 1D LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE e-l@boriamo Pag 2 - PROGETTO Pag 3 - OBIETTIVI/ TECNOLOGIE/METODOLOGIE DI LAVORO Pag 4 - PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

MASTER di I Livello. Il Tutor on line. 1ª EDIZIONE 1575 ore 63 CFU Anno Accademico 2015/2016 MA415

MASTER di I Livello. Il Tutor on line. 1ª EDIZIONE 1575 ore 63 CFU Anno Accademico 2015/2016 MA415 MASTER di I Livello 1ª EDIZIONE 1575 ore 63 CFU Anno Accademico 2015/2016 MA415 Pagina 1/6 Titolo Edizione 1ª EDIZIONE Area SCUOLA Categoria MASTER Livello I Livello Anno accademico 2015/2016 Durata Durata

Dettagli

L autovalutazione delle attività formative ad un anno dall avvio del sistema di assicurazione della qualità IUAV

L autovalutazione delle attività formative ad un anno dall avvio del sistema di assicurazione della qualità IUAV Assicurazione della qualità L autovalutazione delle attività formative ad un anno dall avvio del sistema di assicurazione della qualità IUAV Presidio della Qualità Venezia, 14 aprile 2015 Il primo anno

Dettagli

PNSD PER IL PTOF Istituto Comprensivo Ardea II A cura della docente Marina Nassuato PREMESSA

PNSD PER IL PTOF Istituto Comprensivo Ardea II A cura della docente Marina Nassuato PREMESSA PNSD PER IL PTOF Istituto Comprensivo Ardea II A cura della docente Marina Nassuato PREMESSA L Animatore Digitale individuato in ogni scuola sarà formato in modo specifico affinché possa (rif.prot. n 17791

Dettagli

Guida alla preparazione dei materiali didattici

Guida alla preparazione dei materiali didattici Guida alla preparazione dei materiali didattici 2 Indice 1. PEGASO 3.0 I-UNIVERSITY ---------------------------------------------------------------------------------------------- 4 2. LINEE GUIDA PER LA

Dettagli

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Indice: 1 Social Learning 2 Social Learning per E.T.I.CA. 3 RiusaLO 4 Percorsi integrati 5 Community 6 Best, la Banca dati delle Esperienze Trasferibili 7 Social

Dettagli

Manuale di utilizzo della piattaforma e-learning

Manuale di utilizzo della piattaforma e-learning Manuale di utilizzo della piattaforma e-learning Rivolto ai discenti Azienda Ospedaliera Regionale San Carlo Di Potenza Sommario 1. Cos è Moodle... 3 1.1. Accesso alla piattaforma Moodle... 4 1.2. Come

Dettagli

La formazione a distanza

La formazione a distanza Diap.: 1 La formazione a distanza Diap.: 2 La formazione a distanza ambiente formativo tecnologico comprensivo di forme di didattica adistanzaediapprendimentoonline Diap.: 3 permette una interazione tra

Dettagli

Bando per il Corso di perfezionamento post-universitario in

Bando per il Corso di perfezionamento post-universitario in Bando per il Corso di perfezionamento post-universitario in Tutor on-line Anno accademico 2015/2016 L Università degli Studi di Camerino, in collaborazione con l Università degli studi di Macerata, VISTO

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI 2012/2013 DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Fotografia di Giuseppe Moscato Scuola primaria e secondaria di primo grado e biennio

Dettagli

ICT per la didattica

ICT per la didattica ICT per la didattica S2 progettare elearning Rizomatica.net Progettare un percorso e-learning Teorie e tecniche di Instructional design Macro e micro progettazione didattica Obiettivi formativi Strategie

Dettagli

Integrare la formazione in presenza e a distanza nella didattica curricolare delle scuole superiori

Integrare la formazione in presenza e a distanza nella didattica curricolare delle scuole superiori Integrare la formazione in presenza e a distanza nella didattica curricolare delle scuole superiori a cura di Patrizia Vayola Moodlemoot Italia 2006, Alessandria, 6-7 aprile 2006 Alcuni dati Cosa: utilizzo

Dettagli

Il corso di italiano on-line: presentazione

Il corso di italiano on-line: presentazione Il corso di italiano on-line: presentazione Indice Perché un corso di lingua on-line 1. I corsi di lingua italiana ICoNLingua 2. Come è organizzato il corso 2.1. Struttura generale del corso 2.2. Tempistica

Dettagli

La didattica a distanza in ambito universitario: indicazioni ministeriali e nuove prospettive Padova 20-21 Giugno 2014

La didattica a distanza in ambito universitario: indicazioni ministeriali e nuove prospettive Padova 20-21 Giugno 2014 Moodlemoot 2014 La didattica a distanza in ambito universitario: indicazioni ministeriali e nuove prospettive Padova 20-21 Giugno 2014 DM 47 30 Gennaio 2013 Art. 1 1. Le disposizioni di cui al presente

Dettagli

Il PNSD nel PTOF d Istituto A cura dell A.D. / F.S. Prof.ssa Gemma Vernoia

Il PNSD nel PTOF d Istituto A cura dell A.D. / F.S. Prof.ssa Gemma Vernoia ISTITUTO COMPRENSIVO G. CALÒ V.le M. D UNGHERIA, 86 74013 GINOSA TA tel. 099/8290470 Email: TAIC82600L@istruzione.it - www.scuolacalo.gov..it Il PNSD nel PTOF d Istituto A cura dell A.D. / F.S. Prof.ssa

Dettagli

ITALIANO L2.0. Gli strumenti e le potenzialità del web 2.0 nella didattica dell italiano L2/LS

ITALIANO L2.0. Gli strumenti e le potenzialità del web 2.0 nella didattica dell italiano L2/LS ITALIANO L2.0. Gli strumenti e le potenzialità del web 2.0 nella didattica dell italiano L2/LS L utilizzo dei social network nelle attività di progetto in classe XXVIII Corso PLIDA di aggiornamento per

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Piattaforma e-learning Moodle. Manuale ad uso dello studente. Vers. 1 Luglio 09

Piattaforma e-learning Moodle. Manuale ad uso dello studente. Vers. 1 Luglio 09 Piattaforma e-learning Moodle Manuale ad uso dello studente Vers. 1 Luglio 09 Sommario 1. Introduzione...2 1.1 L ambiente...2 1.2 Requisiti di sistema...4 2. Come accedere alla piattaforma...4 2.1 Cosa

Dettagli

FORMAZIONE DEI TUTOR AZIENDALI

FORMAZIONE DEI TUTOR AZIENDALI FORMAZIONE DEI TUTOR AZIENDALI L Ebit Ter Lazio offre a tutte le aziende della Regione Lazio la possibilità di formare i propri tutor aziendali, adempiendo così all obbligo di legge e conseguendo la certificazione

Dettagli

Percorso Abilitante Speciale - P.A.S. a.a. 2014-2015. LABORATORIO DI TECNOLOGIE DIDATTICHE (classe A059) Prof.ssa Laura Grandi

Percorso Abilitante Speciale - P.A.S. a.a. 2014-2015. LABORATORIO DI TECNOLOGIE DIDATTICHE (classe A059) Prof.ssa Laura Grandi Percorso Abilitante Speciale - P.A.S. a.a. 204-205 LABORATORIO DI TECNOLOGIE DIDATTICHE (classe A059) Prof.ssa Laura Grandi Syllabus a.a. 204-205 versione.0 BREVE INTRODUZIONE AL MODULO Il Syllabus indica

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Bando per la realizzazione di attività formative online

Bando per la realizzazione di attività formative online Bando per la realizzazione di attività formative online Progetto MOOC Ca Foscari ADiSS Ufficio Offerta formativa Settore Didattica online dicembre 2014 DR. 48/2015 Prot. n. 1851 del 16/01/2015 Sommario

Dettagli

SPERIMENTAZIONE PROGETTO GENERAZIONE WEB Schema generale

SPERIMENTAZIONE PROGETTO GENERAZIONE WEB Schema generale Schema generale Vengono definite diverse tipologie di corsi che verranno attivate a seconda dei bisogni rilevati. 1) Corso A Rivolto alla maggior parte dei docenti dove vengono affrontate le tematiche

Dettagli

Progetto STRATEG IS - Strategie per l italiano scritto

Progetto STRATEG IS - Strategie per l italiano scritto PROGETTO POLO DI MILANO PER UNA NUOVA DIDATTICA NELLA SCUOLA PROGRAMMA DI ITALIANO PER L ANNO SCOLASTICO 2014-15 Progetto STRATEG IS - Strategie per l italiano scritto Responsabile del progetto: Prof.ssa

Dettagli

per l accreditamento iniziale dei Corsi di Studio di nuova attivazione da parte delle Commissioni di Esperti della Valutazione CEV

per l accreditamento iniziale dei Corsi di Studio di nuova attivazione da parte delle Commissioni di Esperti della Valutazione CEV LINEE GUIDA per l accreditamento iniziale dei Corsi di Studio di nuova attivazione da parte delle Commissioni di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale 30

Dettagli

www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da

www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da Il nuovo servizio multimediale per la formazione e la didattica DESY è un applicazione web, dedicata a docenti e formatori, che consente, in

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE IN MODALITÀ E

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE IN MODALITÀ E IL RETTORE il Decreto del Ministro dell Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica del 10 Giugno 1998, con cui è stata istituita l Università degli Studi di Milano - Bicocca; lo Statuto dell

Dettagli

documento di progettazione Pagina 1

documento di progettazione Pagina 1 documento di progettazione Pagina 1 MASTER UNIVERSITARIO IN E-LEARNING Sommario 1. Introduzione e contesto - Finalità generali del corso - Titolo - Tema 2. Obiettivi - Macroobiettivo 3. Contenuti - Destinatari

Dettagli

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Art. 1 Premessa e ambito di competenza Art. 2 Requisiti di ammissione. Modalità di verifica Il presente

Dettagli

GUIDA DOCENTE PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE

GUIDA DOCENTE PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE GUIDA DOCENTE PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE Università degli Studi di Bergamo Centro per le Tecnologie Didattiche e la Comunicazione GUIDA ANALITICA PER ARGOMENTI ACCESSO...2 RISORSE e ATTIVITA - Introduzione...5

Dettagli

Università per Stranieri Siena

Università per Stranieri Siena Università per Stranieri Siena per Stranieri di Siena Piazza Carlo Rosselli, 27/28-53100 Siena Tel. +39 0577.240.249-274 e-mail:fast@unistrasi.it sito:www.unistrasi.it Piazza Carlo Rosselli, 27/28-53100

Dettagli

Il tutoring peer to peer

Il tutoring peer to peer Il tutoring peer to peer Peer to peer 9 ore in presenza, alle quali deve essere aggiunta 1 ora dedicata alla rielaborazione dell'esperienza anche su piattaforma on-line interamente a carico delle scuole

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA CORSO EROGATO IN MODALITÀ BLENDED-LEARNING SYLLABUS

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA CORSO EROGATO IN MODALITÀ BLENDED-LEARNING SYLLABUS UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA CORSO EROGATO IN MODALITÀ BLENDED-LEARNING SYLLABUS INFORMAZIONI DEL CORSO INFORMAZIONI DI BASE Nome Architettura del software Codice Esse3 F1801Q130M Corso di

Dettagli

TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013

TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013 PRESENTAZIONE INIZIATIVA DI FORMAZIONE TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013 IDENTIFICATIVO FA1-AA-PRE-TRASPARENZA-SCUOLE-1.0 VERSIONE Ed. 1 Rev. 0/23-10-2013

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO 2

LINEE DI INDIRIZZO 2 LINEE DI INDIRIZZO 2 ATTIVITÀ DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA A DISTANZA PER L APPRENDIMENTO NON FORMALE 1. Attività di Formazione a distanza (FAD) 1.1. La formazione a distanza (FAD) consiste nell

Dettagli

CORSO DI STORIA DELLA PEDAGOGIA

CORSO DI STORIA DELLA PEDAGOGIA SSIS LAZIO 2007-2007 Indirizzi Tecnologico, Economico-Giuridico CORSO DI STORIA DELLA PEDAGOGIA Pedagogia e Scienze dell Educazione nella cultura contemporanea Prof.ssa Eleonora Guglielman 1 06. Costruttivismo:

Dettagli

Web 2.0, Web-Enhanced Learnign, apprendimento formale e informale

Web 2.0, Web-Enhanced Learnign, apprendimento formale e informale Workshop SVEA Torino, 20 Ottobre 2011 Web 2.0, Web-Enhanced Learnign, apprendimento formale e informale Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto Tecnologie Didattiche Genova Workshop SVEA Torino, 20

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

tel. -095/7252431 - Fax 095/7254848 PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL'ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD

tel. -095/7252431 - Fax 095/7254848 PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL'ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD Ministero dell' Istruzione, dell'università e della Ricerca CIRCOLO DIDATTICO STATALE "TERESA DI CALCUTTA" VIA GUGLIELMINO 49. 95030 TREMESTIERI ETNEO Codice meccanografico: ctee081004 - Mail ctee081004@istruzione.it

Dettagli