Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici. Gulisano Antonino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici. Gulisano Antonino"

Transcript

1 Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici

2 Infortuni Ogni giorno si verificano quasi quattro (4) infortuni mortali sul lavoro. Di questi uno (1) avviene per cause elettriche.

3 Definizione di impianto elettrico Impianto elettrico: insieme delle costruzioni e delle installazioni destinate ad una o più delle seguenti funzioni: produzione, conversione, trasformazione, regolazione, smistamento, trasporto, distribuzione e utilizzazione dell energia elettrica. Ad esempio un impianto elettrico di utilizzazione in bassa tensione è costituito dai seguenti componenti principali: quadro elettrico, canalizzazioni (tubazioni e canali), cavi, apparecchi di segnalazione, manovra e comando, sistemi e apparecchi di protezione, prese a spina e punti luce.

4 Classificazione dei sistemi elettrici Sistema elettrico: parte di un impianto elettrico costituita dall insieme delle apparecchiature, delle macchine, delle sbarre e delle linee, aventi una determinata tensione nominale; in base al valore di quest ultima, i sistemi elettrici sono classificati in: 1. Sistemi di categoria 0: Vn 50 V in c.a. (o 75 V in c.c.); 2. Sistemi di I categoria: 50 V < Vn V (o 75 V e V). 3. Sistemi di II categoria: V < Vn V (o V e V). 4. Sistemi di III categoria: Vn > V (in entrambi i casi).

5 Generalità: rischi connessi con la presenza di un impianto elettrico Possibile passaggio della corrente elettrica all interno del corpo umano (o animale) cosiddetta elettrocuzione: causa di effetti fisiopatologici reversibili ed irreversibili (anche letali); Riscaldamento di componenti elettrici: causa di ustioni, per persone ed animali, ed innesco d incendio; Propagazione di un incendio: favorita dalla presenza dei materiali combustibili presenti nei componenti l impianto elettrico (anche nel caso di innesco per causa non elettrica).

6 Esempio di elettrocuzione: percorso mano-piede Legge di Ohm: V=R*I. N.B.: Normativamente il percorso preso in considerazione è mano-piedi.

7 Statistica sulle cause di innesco incendi e arco elettrico Statisticamente il numero degli incendi di origine elettrica, nel nostro paese, secondo indicazioni del Min. Interno è quantificabile dal 15 al 20% sul totale degli incendi (di cui il 48% imputabili all impianto elettrico e la rimanente parte agli apparecchi utilizzatori). Fra il 1995 e il 1999 si sono verificati in Italia 7 incendi di grande rilevanza negli alberghi, causando 8 morti e 48 intossicati/feriti. Arco elettrico: si manifesta in caso di guasto o di manovre su apparecchiature elettriche come una sorgente intensa e concentrata di calore con emissione di gas e vapori tossici, particelle incandescenti e radiazioni.

8 Requisiti dell isolante dei cavi ai fini della non propagazione dell incendio Requisiti delle condutture per evitare la propagazione dell incendio: a) Utilizzo di cavi non propaganti la fiamma in conformità alla norma CEI a condizione che vengano installati individualmente ovvero distanziati tra loro non meno di 250 mm nei tratti in cui seguono lo stesso percorso ovvero installati individualmente in tubi protettivi o involucri con grado di protezione almeno IP 4X; b) Utilizzo di cavi non propaganti l incendio installati in fascio in conformità alla Norma CEI 20-22; c) Utilizzo di sbarramenti, barriere e/o altri provvedimenti come indicato nella Norma CEI Inoltre vanno previste barriere tagliafiamma in tutti gli attraversamenti di solai o pareti che delimitano il compartimento antincendio.

9 Requisiti dell isolante dei cavi ai fini della non produzione di fumi Il comportamento al fuoco delle condutture deve essere compatibile con la specifica destinazione d uso dei locali. Nei luoghi MARCI di tipo A la norma CEI 64-8 all art prescrive la valutazione del << rischio nei riguardi dei fumi, gas tossici e corrosivi in relazione alla particolarità del tipo di installazione e dell entità del danno probabile nei confronti di persone e/o cose, >>. Per le condutture esterne con cavidotto non metallico si possono adoperare i cavi LS0H (Low Smoke Zero Halogen).

10 Conseguenze dell elettrocuzione Nelle due figure si mostrano le pratiche da mettere in atto nel caso di infortunio da elettrocuzione che abbia determinato il blocco della respirazione ovvero l arresto cardiaco. La Pubblicazione CEI 64 fasc.4985r Effetti della corrente elettrica attraverso il corpo umano fornisce una serie di dati statistici desunti da varie esperienze.

11 La normativa tecnica sugli impianti elettrici In Italia la normativa tecnica sugli impianti elettrici è pubblicata nelle norme CEI e riguarda, praticamente, tutte le tipologie di impianti elettrici. Le norme del CEI negli ultimi anni sono, perlopiù, di derivazione europea. Vengono formulate attraverso il comitato europeo di standardizzazione, CENELEC. In certi casi vengono derivate dalla commissione internazionale di elettrotecnica, IEC.

12 Normativa tecnica del CEI La norma impianti per eccellenza è rappresentata dalla: Norma CEI Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a V in corrente alternata ed a V in corrente continua essa fissa criteri e prescrizioni di sicurezza elettrica da applicare nella progettazione ed esecuzione degli impianti elettrici in bassa tensione. Rilevante è anche la: Norma CEI Impianti di produzione, trasporto e distribuzione di energia elettrica, linee in cavo. Valida per linee in cavo a prescindere dal valore di tensione nominale. Per le applicazioni a tensione superiore ad 1 kv vigono la Norma CEI 11-1 Impianti elettrici con tensione superiore a 1 kv in corrente alternata e la Norma CEI Guida all esecuzione delle cabine elettriche d utente

13 La curva di sicurezza

14 Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano Il passaggio di corrente elettrica attraverso il corpo umano può determinare numerose alterazioni e lesioni, temporanee o permanenti. La corrente elettrica produce un azione diretta sui vasi sanguigni, sul sangue, sulle cellule nervose (stato di shock); può determinare alterazioni permanenti nel sistema cardiaco (aritmie, lesioni del miocardio, alterazioni permanenti di conduzione), nell attività cerebrale (modificazione dell elettroencefalogramma) e nel sistema nervoso centrale; può arrecare danni all apparato uditivo, a quello visivo, etc.. I fenomeni principali che contribuiscono a definire i limiti di pericolosità della corrente elettrica sul corpo umano sono: 1.Tetanizzazione: indesiderate e incontrollabili contrazioni muscolari, 2.Arresto della respirazione: quando la tetanizzazione interessa i muscoli che sovrintendono all espansione della cassa toracica, 3.Fibrillazione ventricolare: gli impulsi elettrici normali che determinano la contrazione e dunque il normale funzionamento del cuore, vengono influenzati dal passaggio di correnti di rilevante intensità, 4.Ustioni: sono determinate dallo sviluppo di calore per effetto joule durante il passaggio della corrente elettrica nel corpo umano.

15 Tabella effetti della corrente

16 Schematizzazione elettrica del corpo umano Non tener conto dei numeri indicati. Per la pericolosità dei vari percorsi vedi slide successiva.

17 Fattori di percorso Percorso Mani-piedi 1 Mano sn-piede sn o piede dx 1 Mano sn-mano dx 0,4 Mano sn-dorso 0,7 Mano sn-torace 1,5 Mano dx-piede sn o piede dx 0,8 Mano dx-piedi 0,8 Mano dx-dorso 0,3 Mano dx-torace 1,3 Regione glutea-mano dx o mano sn o entrambe le mani 0,7 Fattore di percorso (F) Il percorso di riferimento è mano sinistra-piedi

18 Prescrizioni generali sugli impianti elettrici 1/16 Gli impianti elettrici devono soddisfare una serie di prescrizioni generali, che in breve possono esser fatte rientrare nelle seguenti tipologie di protezione: 1. Protezione contro i contatti diretti 2. Protezione contro i contatti indiretti 3. Protezione contro gli effetti termici 4. Protezione contro le sovracorrenti 5. Protezione contro le sovratensioni 6. Protezione contro gli abbassamenti di tensione

19 Prescrizioni generali sugli impianti elettrici: contatti diretti e indiretti 2/16 Il contatto diretto è ritenuto il più pericoloso, essendo il soggetto sottoposto alla piena tensione verso terra del sistema elettrico. Il contatto indiretto è però molto più subdolo. Statistiche americane sulla tipologia di infortuni elettrici: 25% contatti indiretti; 30% contatti diretti; 30% corto-circuiti; 15% altre cause.

20 Prescrizioni generali sugli impianti elettrici: tipologie di contatti elettrici 3/16

21 Prescrizioni sugli impianti elettrici: contatti tipologie e protezioni 4/16

22 Prescrizioni generali sugli impianti elettrici 5/16 1 Protezione contro i contatti diretti Le persone devono essere protette contro i pericoli che possono derivare dal contatto con parti attive dell impianto, mediante uno dei seguenti metodi: a) impedendo che la corrente passi attraverso il corpo; b) limitando la corrente che può attraversare il corpo ad un valore inferiore a quello patofisiologicamente pericoloso.

23 Prescrizioni generali sugli impianti elettrici 6/16 2 Protezione contro i contatti indiretti Le persone devono essere protette contro i pericoli che possono derivare dal contatto con masse in caso di guasto che provochi la mancanza dell isolamento e la conseguente messa in tensione della massa stessa, mediante uno dei seguenti metodi: a) impedendo che la corrente passi attraverso il corpo; b) limitando la corrente che può attraversare il corpo ad un valore inferiore a quello patofisiologicamente pericoloso; c) interrompendo automaticamente il circuito in un tempo determinato al verificarsi di un guasto suscettibile di provocare attraverso il corpo, in contatto con le masse, una corrente almeno uguale a quella pericolosa per il corpo umano.

24 Prescrizioni generali sugli impianti elettrici 7/16 Per quel che riguarda la protezione dai contatti indiretti negli impianti elettrici, la norma CEI 64-8 consente sostanzialmente di adoperare: interruzione dell alimentazione; uso di componenti elettrici di classe II o con isolamento equivalente; protezione mediante luoghi non conduttori; protezione mediante collegamento equipotenziale locale non connesso a terra; protezione mediante separazione elettrica per l alimentazione di un solo apparecchio utilizzatore. La misura di protezione dai contatti indiretti adoperata, nella quasi generalità dei casi, è quella legata all interruzione dell alimentazione. Questa misura di protezione richiede il coordinamento tra il modo di collegamento a terra del sistema e le caratteristiche dei conduttori di protezione e dei dispositivi di protezione. Negli impianti alimentati in BT, sistemi TT, nella pratica, il suddetto coordinamento si traduce nella necessità di realizzare un impianto di messa a terra coordinato con un interruttore automatico dotato di modulo differenziale.

25 Prescrizioni generali sugli impianti elettrici: esempio di doppio isolamento 8/16 Isolamento doppio o rinforzato: insieme dell isolamento principale e dell isolamento supplementare. In luogo di due isolamenti distinti si può realizzare un unico isolamento ad essi equivalente, detto rinforzato. Gli utensili provvisti di doppio isolamento non vanno collegati a terra.

26 Prescrizioni generali sugli impianti elettrici: esempio di separazione elettrica 9/16 Protezione per separazione elettrica: sistema elettrico completamente isolato da terra, e tanto poco esteso da poter trascurare le correnti capacitive. L isolamento del sistema viene garantito dall interposizione, fra rete e impianto, di un trasformatore di isolamento ovvero alimentando l impianto autonomamente mediante un Gruppo Elettrogeno. Il trasformatore di isolamento deve presentare tra gli avvolgimenti un doppio isolamento ovvero uno schermo metallico connesso a terra, in modo da scongiurare un contatto tra primario e secondario.

27 Prescrizioni generali sugli impianti elettrici: protezione combinata contro i contatti diretti e indiretti 10/16 La protezione combinata contro i contatti diretti e indiretti è considerata assicurata quando: La tensione nominale non supera 50 V, valore efficace in c.a. (120 V in c.c. non ondulata); L alimentazione proviene da una sorgente SELV o PELV; Siano soddisfatte le condizioni di separazione fra circuiti SELV e PELV fra loro, dai circuiti FELV e da circuiti a tensione più elevata (mediante conduttori separati materialmente, con i conduttori dei circuiti SELV e PELV isolati non per la loro tensione nominale ma bensì per la tensione più elevata) ovvero con i conduttori dei circuiti a tensione diversa separati da uno schermo o da una guaina metallici messi a terra; Le spine dei sistemi SELV e PELV non devono entrare nelle prese di altri sistemi elettrici e le loro prese non devono permettere l introduzione di spine di altri sistemi elettrici;

28 Prescrizioni generali sugli impianti elettrici: protezione combinata contro i contatti diretti e indiretti 11/16 Le prese e le spine dei circuiti SELV non devono avere un contatto per il collegamento del conduttore di protezione; Le parti attive dei circuiti SELV non devono essere collegate a terra e neppure a parti attive od a conduttori di protezione che facciano parte di altri circuiti; Le masse dei sistemi SELV non devono essere collegate a terra, a conduttori di protezione od a masse di altri circuiti elettrici ovvero a masse estranee; Se la tensione nominale dei sistemi SELV supera 25 V, valore efficace in c.a. (o 60 V in c.c. non ondulata) la protezione contro i contatti diretti deve essere assicurata da barriere o involucri aventi grado IP non inferiore a IPXXB oppure da un isolamento in grado di sopportare una tensione di prova di 500 V, valore efficace per 1 min, o in accordo con le relative norme di prodotto;

29 Prescrizioni generali sugli impianti elettrici: protezione combinata contro i contatti diretti e indiretti 12/16 Per i circuiti PELV la protezione contro i contatti diretti deve essere assicurata da barriere o involucri aventi grado IP non inferiore a IPXXB oppure da un isolamento in grado di sopportare una tensione di prova di 500 V, valore efficace per 1 min, o in accordo con le relative norme di prodotto (tale protezione non è necessaria se il componente elettrico si trova all interno o all esterno di un edificio dove sia stato effettuato il collegamento equipotenziale e la tensione nominale non superi 25 V, valore efficace in c.a. (o 60 V in c.c. non ondulata)); non è comunque necessaria se la tensione nominale non superi 12 V, valore efficace in c.a. (o 30 V in c.c. non ondulata ) ; Inoltre circuiti a tensione diversa possono essere contenuti in uno stesso cavo multipolare o in uno stesso raggruppamento di cavi, a condizione che i conduttori dei circuiti SELV e PELV siano isolati, nell insieme od individualmente, per la massima tensione presente.

30 Prescrizioni generali sugli impianti elettrici 13/16 3 Protezione contro gli effetti termici L impianto elettrico deve essere realizzato in modo che non vi sia, in servizio ordinario, pericolo di innesco dei materiali infiammabili a causa di temperature elevate o di archi elettrici né rischio che le persone possano venire ustionate. Per quel che concerne la protezione contro le ustioni, la Norma CEI prescrive che le parti accessibili dei componenti elettrici a portata di mano non devono raggiungere temperature tali che possano causare ustioni alle persone. Tali temperature sono fissate in relazione all accessibilità dei componenti ed al materiale, metallico o non metallico, degli stessi. Si va da un massimo di 90 C per parti non metalliche che non necessitano di essere toccate durante il funzionamento ordinario fino ad un minimo di 55 C per organi di comando in metallo, da impugnare nel normale funzionamento.

31 Prescrizioni generali sugli impianti elettrici 14/16 4 Prescrizioni contro le sovracorrenti Le persone ed i beni devono essere protetti contro le conseguenze dannose di temperature troppo elevate o di sollecitazioni meccaniche dovute a sovracorrenti che si possano produrre nei conduttori attivi, mediante uno dei seguenti metodi: a) interruzione automatica della sovracorrente prima che essa permanga per una durata pericolosa; b) limitazione della sovracorrente massima ad un valore non pericoloso tenuto conto della sua durata. Le sovracorrenti vengono distinte in correnti di corto circuito e correnti di sovraccarico, in funzione di ciò la Norma CEI 64-8 prescrive le misure di protezione. I dispositivi adoperati per la protezione dalle sovracorrenti sono costituiti da: interruttori automatici dotati di relè magnetici e termici (ovvero magnetotermici) e fusibili.

32 Prescrizioni generali sugli impianti elettrici 15/16 5 Protezioni contro le sovratensioni Le persone ed i beni devono essere protetti contro le conseguenze dannose di un guasto tra parti attive di circuiti alimentati con tensioni di valore differente (es. circuiti elettrici a 220 V e circuiti ausiliari ad esempio a 24 o 48 V) ed anche per sovratensioni di origine atmosferica.

33 Prescrizioni generali sugli impianti elettrici 16/16 6 Protezione contro gli abbassamenti di tensione Quando un abbassamento di tensione, o la mancanza ed il successivo ripristino della tensione, possono comportare pericoli per le persone o per le cose, devono essere prese opportune precauzioni.

34 Progettazione dell impianto elettrico Per quel che concerne la progettazione degli impianti elettrici, il DM 37/2008, che ha sostituito la L 46/1990 ed il relativo regolamento di attuazione DPR 447/1991, all art.5 richiede il progetto degli impianti (con l esclusione esplicita degli impianti ascensori, impianti di cantiere e le installazioni di apparecchi per usi domestici, ed implicita degli impianti di automazione di porte, cancelli e barriere). Tale progetto andrà redatto da un professionista iscritto negli albi professionali secondo la specifica competenza al di sopra di determinati limiti dimensionali (oltre i 6 kw di potenza elettrica assorbita contrattualmente, unità abitative di superficie superiore a 400 mq, destinazione d uso particolari: ambienti soggetti a normativa specifica del CEI, locali adibiti ad uso medico, luoghi MARCI, luoghi con pericolo di esplosione, etc., utenze relative ad attività produttive, al commercio e altri usi di superficie superiore a 200 mq). Negli altri casi potrà essere redatto dal responsabile tecnico dell impresa installatrice.

35 Realizzazione dell impianto elettrico a regola d arte La L 186/1968 recante Disposizioni concernenti la produzione di materiali, apparecchiature, macchinari, installazioni e impianti elettrici ed elettronici prescrive, all art.1, che <<tutti i materiali, le apparecchiature, i macchinari, le installazioni e gli impianti elettrici ed elettronici devono essere realizzati e costruiti a regola d arte>>. All art.2, la stessa legge, fornisce presunzione di regola d arte a << i materiali, le apparecchiature, i macchinari, le installazioni e gli impianti elettrici ed elettronici realizzati secondo le norme del CEI>>. La suddetta presunzione di regola d arte, già estesa alle norme UNI dalla L 46/1990, è stata ulteriormente estesa dal DM 37/2008 anche alle normative degli altri paesi dell UE.

36 Progettazione e realizzazione degli impianti elettrici a regola d arte secondo il DLgs 81/2008 e s.m.i. 1/4 Il Codice della salute e della sicurezza sul lavoro, DLgs 81/2008, in vigore dal 15 maggio 2008, cosiddetto Testo Unico sulla Sicurezza del lavoro, ha sostituito ed abrogato il DLgs 626/94 e s.m.i. ed anche il DPR 547/1955 (facendo proprie parte delle prescrizioni in essi contenute; parte di quelle del DPR sono oggi nell All.V). Quest ultimo trattava degli aspetti tecnici della sicurezza nei luoghi di lavoro, incluse le prescrizioni tecniche sugli impianti elettrici. Il suddetto DLgs 81/2008 è stato, successivamente, modificato ed integrato dal DLgs 106/2009, entrato in vigore il 20 agosto Gli impianti e apparecchiature elettriche sono trattate nel Titolo III, Capo III del suddetto nuovo decreto (artt. Da 80 a 87). L art.80 del Testo Unico per la Sicurezza prescrive l obbligo di progettazione, installazione e manutenzione degli impianti elettrici in modo da salvaguardare i lavoratori da tutti i rischi di natura elettrica. Il suddetto articolo riporta una suddivisione dei rischi elettrici, abbastanza aderente a quella riportata nella norma CEI 64-8 prima illustrata (a. contatti diretti; b. contatti indiretti; c. innesco e propagazione di incendi e di ustioni dovuti a sovratemperature pericolose, archi elettrici e radiazioni; d. innesco di esplosioni; e. fulminazione diretta ed indiretta; f. sovratensioni; g. altre condizioni di guasto ragionevolmente prevedibili).

37 Progettazione e realizzazione degli impianti elettrici a regola d arte secondo il DLgs 81/2008 e s.m.i. 2/4 Il DdL, secondo tale articolo, ha la responsabilità affinché quest obbligo venga adempiuto. Come per tutti gli altri rischi presenti nei luoghi di lavoro, il DdL deve effettuare una valutazione dei rischi elettrici soprattutto prendendo in considerazione: - le condizioni e le caratteristiche specifiche del lavoro, ivi comprese le eventuali interferenze; - i rischi presenti nell ambiente di lavoro; - tutte le condizioni di esercizio prevedibili. Data la presenza, nel settore elettrico, di normativa tecnica dettagliata e diffusa capillarmente per ogni specifica tipologia impiantistica, si deduce che il normatore abbia effettuato una valutazione dei rischi a monte per diverse tipologie ed abbia stabilito le misure per ridurre il rischio elettrico relativo a quella tipologia impiantistica ad un livello ritenuto accettabile. Ovviamente tali tipologie impiantistiche rappresentano comunque situazioni di riferimento di tipo standard, che certamente non possono aver tenuto conto del caso concreto di un luogo di lavoro ben determinato ove si svolge un ben precisa attività. Ecco che per completare la valutazione dei rischi normativa il DdL deve effettuare una valutazione dei rischi che potremo chiamare specifica o sui rischi residui che come detto mira ad analizzare il caso concreto del singolo luogo di lavoro.

38 Progettazione e realizzazione degli impianti elettrici a regola d arte secondo il DLgs 81/2008 e s.m.i. 3/4 L art.81 del T.U. richiede che gli impianti elettrici siano realizzati a regola d arte, inoltre fornisce presunzione di regola d arte agli impianti realizzati secondo le norme tecniche pertinenti. Il termine pertinenti estende l ambito delle norme tecniche prima individuate dal T.U., che adesso non si esaurisce con le norme elettriche del CEI, CENELEC e IEC e con le norme non elettriche del UNI, CEN e ISO ma può essere esteso anche ad altre normative di settore di altri paesi europei o comunque industrializzati ritenute equipollenti. Gli articoli seguenti si occupano di categorie particolarmente pericolose costituite rispettivamente dai Lavori sotto tensione e Lavori (non elettrici) in prossimità di parti attive (non protette sotto tensione). Per la prima tipologia di lavori si rimanda alle specifiche norme tecniche (ad es. CEI e CEI 11-27) mentre per la seconda si rimanda all allegato IX che riporta le distanze da mantenere da linee elettriche o parti attive di impianti elettrici, ciò in funzione della tensione nominale del sistema elettrico con cui si può venire in contatto. Segue un articolo che tratta delle protezione dai fulmini, con un rimando generico alle norme tecniche (es. norma CEI 81-10) ed un altro sulla protezione di atmosfere esplosive o nel caso di luoghi per la fabbricazione, manipolazione o deposito di materiali esplosivi.

39 Progettazione e realizzazione degli impianti elettrici a regola d arte secondo il DLgs 81/2008 e s.m.i. 4/4 Infine l art. 86 tratta delle verifiche e controlli da effettuare sugli impianti elettrici, intendendo per Verifiche quelle di legge di cui al DPR 462/2001 e per controlli quelli inerenti il mantenimento del corretto stato di conservazione e di efficienza degli impianti ai fini della sicurezza. Le Verifiche ed i controlli mirano comunque a far si che venga effettuata la regolare manutenzione richiesta dall art.15 co 1 lett. z) dello stesso decreto, per i luoghi di lavoro ed, in generale, per tutte le attività, dal DM 37/2008 all art. 8 co 2, come si vedrà con maggiore dettaglio nel seguito. Es. la verifica di cui al suddetto DPR 462/2001 per gli impianti di messa a terra va fatta da parte dell AUSL/ARPA o da Organismi Abilitati. La periodicità, in generale, è quinquennale mentre è biennale per gli impianti installati nei cantieri edili, nei locali ad uso medico e negli ambienti a maggior rischio in caso d incendio (luoghi MARCI).

40 Esempio: schema unifilare quadro

41 Verifica e manutenzione degli impianti elettrici Oltre alla progettazione ed all esecuzione accurata dell impianto elettrico da parte di personale addestrato e l uso di materiali ed attrezzature adeguate. Gli impianti elettrici devono essere verificati sia prima della loro messa in servizio sia in occasione di ogni modifica importante. Gli obblighi di verifica e regolare manutenzione sugli impianti elettrici derivano da: -DM37/2008, art.8 co 2 (per qualunque destinazione d uso dell immobile); -DLgs81/2008: art.15 co 1 lett.z obbligo di regolare manutenzione - e specificatamente per gli impianti elettrici art.86 co 1 e 3 obbligo esplicito di controllo ed implicito di tenuta in efficienza dell impianto (per i luoghi di lavoro). Oltreché dal citato DPR 462/2001 che richiede le Verifiche di legge o in funzione pubblica che possono essere effettuate da ISPESL, AUSL o Organismi individuati dal MSE (sulla base di criteri stabiliti dalla normativa europea UNI CEI).

42 Controlli a vista degli impianti elettrici I principali controlli a vista su un impianto elettrico sono: Accertamento dell esecuzione completa, conforme e funzionante di tutti gli impianti al progetto; Controllo dello stato degli isolanti e degli involucri; Controllo dell efficienza delle barriere di protezione nei luoghi il cui accesso è riservato a personale addestrato; Accertamento della qualità dei materiali e degli apparecchi; Verifica dei contrassegni d identificazione dei marchi e delle certificazioni; Verifica dei gradi di protezione; Controllo dell integrità dell impianto di messa a terra; Controllo dei provvedimenti di sicurezza nei locali da bagno o docce; Verifica dei tracciati per le condutture incassate; Idoneità delle connessioni dei conduttori e degli apparecchi; Controllo delle sezioni minime e dei colori distintivi dei conduttori; Verifica degli apparecchi per il comando e l arresto d emergenza.

43 Prese e spine italiane o bipasso Le prese e spine italiane o bipasso hanno il polo di terra centrale.

44 Esempi di utilizzo: Prese e spine Come visto prima le prese e spine italiane o bipasso hanno il polo di terra centrale, mentre le shuko hanno la terra laterale. E ovvio che forzare l inserzione di una spina in una presa di tipo differente, oltre che danneggiare i componenti vanifica la presenza dell impianto di messa a terra. Nelle applicazioni industriali o ad esse assimilabili, ove si adoperano correnti elevate vengono utilizzate prese IEC 309, difficilmente utilizzabili con spine di tipologia differente.

45 Altri esempi di utilizzo e/o realizzazione impropri delle apparecchiature elettriche Uso di adattatori che permettono di inserire una spina di 16 A in una presa da 10 A (che normalmente è protetta da un interruttore da 16 A). Uso di adattatori tripli che possono subire facilmente dei danneggiamenti ed allentamenti ai morsetti di serraggio dei poli con conseguente surriscaldamento per effetto Joule. Giunzioni di cavi eseguite attorcigliando tra loro le anime delle due parti di cavo, rivestendoli infine con nastro isolante (invece di usare gli idonei morsetti). Uso di prolunghe con cavo di sezione molto piccola e lunghezza rilevante, o sprovviste di cavo di terra (realizzate per lo più artigianalmente). Uso di adattatori multipli, ciabatte, realizzati con cavi lunghi (di fattura artigianale) e/o a partire dai quali si alimentano prolunghe.

46 Esempi di utilizzo: interruttore magnetotermico differenziale In caso di scatto si può verificare se l intervento dell interruttore è avvenuto per corrente dispersa, (nella foto) tastino azzurro abbassato, o per sovracorrenti, tastino azzurro regolarmente alzato. I produttori di interruttori differenziali consigliano di azionare il tasto TEST almeno mensilmente al fine di verificare l integrità del componente ed evitare la saldatura dei contatti. Analogamente, al fine di evitare la saldatura dei contatti anche gli interruttori magnetotermici dovrebbero essere azionati periodicamente, anche se, vista la diversa fattura e robustezza di questi ultimi, più remota si presenta l eventualità della saldatura dei contatti.

47 Curiosità: come funziona un differenziale

48 Impianti di messa a terra: dispersore intenzionale e naturale Naturale Intenzionale

49 Vecchi impianti elettrici con interruttore differenziale e senza impianto di terra 1/3 Il citato DM 37/2008 all art.6 co3 contiene la deroga al rispetto della <<regola dell arte, in conformità alla normativa vigente>> per gli <<impianti elettrici nelle unità immobiliari ad uso abitativo realizzati>> prima dell entrata in vigore della L 46/90, ossia <<prima del 13 marzo 1990>>. Tali impianti <<si considerano adeguati se dotati di sezionamento e protezione contro le sovracorrenti posti all origine dell impianto, di protezione contro i contatti diretti e di protezione contro i contatti indiretti ovvero protezione con interruttore differenziale avente corrente differenziale nominale non superiore a 30 ma>>. Il legislatore ha cioè ritenuto sufficiente, per la sicurezza delle persone, l installazione, a monte di tutto l impianto, di un semplice interruttore differenziale ad alta sensibilità in alternativa alla protezione dai contatti indiretti; ciò nella consapevolezza delle problematiche che abitualmente si incontrano nel ricondurre i vecchi impianti alle condizioni di sicurezza richieste dalla regola d arte. Analizziamo cosa succede, in caso di guasto, in un impianto elettrico nel quale sia presente un interruttore differenziale da 30 ma (detto salvavita ) in assenza di impianto di messa a terra.

RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO

RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO INDICE 1. Premessa 2. Infortuni da elettrocuzione 3. Pericolosità della corrente elettrica 4. Pericolosità della differenza di potenziale 5. Indicazione

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

rischio elettrico generale

rischio elettrico generale rischio elettrico generale In Italia si verificano mediamente 5 infortuni elettrici mortali ogni settimana (per folgorazione), un primato europeo fortunatamente in lenta ma continua diminuizione. I luoghi

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano La vita è regolata a livello cerebrale, muscolare e biologico da impulsi di natura elettrica. Il cervello è collegato ai muscoli ed a tutti

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

RISCHIO ELETTRICO CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO ELETTRICO

RISCHIO ELETTRICO CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO ELETTRICO PRINCIPALI RIF.TI LEGISLATIVI RISCHIO ELETTRICO DPR 547/55 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro Legge 186/68 Disposizioni concernenti la produzione di materiali, apparecchiature, macchinari,

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO

CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO 1. Elementi di elettrofisiologia I fenomeni elettrici inerenti il corpo umano e l analisi degli effetti

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

GUIDA OPERATIVA PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI IMPIANTI ELETTRICI N. 1 - NORME GENERALI

GUIDA OPERATIVA PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI IMPIANTI ELETTRICI N. 1 - NORME GENERALI 1 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 10/011/CR10c/C7 GUIDA OPERATIVA PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI IMPIANTI ELETTRICI N. 1 - NORME GENERALI Roma, 27 gennaio 2010 Impianti elettrici n.

Dettagli

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI.

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. -capitolo 1- - 1-1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. 1.1 Premessa. Gli impianti elettrici possono essere causa di innesco e di propagazione

Dettagli

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia AZIENDE PER I SERVIZI SANITARI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE Servizi Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Ufficio Operativo dd. 29/09/2011 L impianto elettrico

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti

Protezione dai contatti indiretti Protezione dai contatti indiretti Se una persona entra in contatto contemporaneamente con due parti di un impianto a potenziale diverso si trova sottoposto ad una tensione che può essere pericolosa. l

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA NELL AZIENDA SANITARIA LOCALE Applicazione del D.Lgs. 81/08 IL RISCHIO ELETTRICO. Dr. Nicola Carriero

SALUTE E SICUREZZA NELL AZIENDA SANITARIA LOCALE Applicazione del D.Lgs. 81/08 IL RISCHIO ELETTRICO. Dr. Nicola Carriero SALUTE E SICUREZZA NELL AZIENDA SANITARIA LOCALE Applicazione del D.Lgs. 81/08 IL RISCHIO ELETTRICO Dr. Nicola Carriero IL RISCHIO ELETTRICO Per rischio elettrico si intende la probabilità che si verifichi

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv Riccardo Bucci ANIE - AICE Associazione Italiana Industrie Cavi e Conduttori Elettrici Elementi costituivi i cavi elettrici

Dettagli

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici.

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. 1250(&(, &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. &(, Legge 46/ 90 - Guida per la compilazione della dichiarazione di conformità e relativi allegati &(,9

Dettagli

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici Fatti per il sole, minacciati dalle scariche atmosferiche L importanza

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI NEI SISTEMI TT

PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI NEI SISTEMI TT POTEZONE DA CONTATT NDETT NE SSTEM TT Appunti a cura dell ng. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d ngegneria dell Università degli

Dettagli

Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione...

Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione... Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione... Parte I Introduzione Capitolo 1 IMPIANTI ELETTRICI, DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E NORME TECNICHE

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni Condensatori per rifasamento industriale in Bassa Tensione: tecnologia e caratteristiche. Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni 1 Tecnologia dei condensatori Costruzione Com è noto, il principio costruttivo

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

PERICOLOSITA' DELLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLOSITA' DELLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLOSITA' DELLA CORRENTE ELETTRICA Normalmente, in presenza di un incidente di natura elettrica, si è abituati a far riferimento alla tensione quale causa dei danni (infatti si leggono o si ascoltano

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO ELETTRICO e/o ELETTRONICO IN AMBITO PRIVATO

GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO ELETTRICO e/o ELETTRONICO IN AMBITO PRIVATO Delibera n. 1036/10 Consiglio Direttivo 08/02/2010 GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO ELETTRICO e/o ELETTRONICO IN AMBITO PRIVATO in APPLICAZIONE DI Codice Civile

Dettagli

Corrente elettrica e corpo umano

Corrente elettrica e corpo umano Corrente elettrica e corpo umano 1/68 Brevi richiami di elettrofisiologia 1790 Luigi Galvani effettuò esperimenti sulla contrazione del muscolo di rana per mezzo di un bimetallo: concluse che si trattava

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni Produzione della corrente alternata La generazione di corrente alternata viene ottenuta con macchine elettriche dette alternatori. Per piccole potenze si usano i gruppi elettrogeni. Nelle centrali elettriche

Dettagli

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati.

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati. Atmosfere potenzialmente esplosive sono presenti in diverse aree industriali: dalle miniere all industria chimica e farmacautica, all industria petrolifera, agli impianti di stoccaggio di cereali, alla

Dettagli

Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione

Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione Dicembre 2006 Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione 1SDC007103G0902 Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione Indice Introduzione... 2 1 Il riscaldamento nei quadri elettrici 1.1 Generalità...

Dettagli

COMUNE DI ROMA SOVRAINTENDENZA BB. CC.

COMUNE DI ROMA SOVRAINTENDENZA BB. CC. COMUNE DI ROMA SOVRAINTENDENZA BB. CC. Corso di formazione Quaderno N 5 Parte III GLI IMPIANTI ELETTRICI Il rischio elettrico nei cantieri temporanei e mobili Servizio Prevenzione e Protezione INTRODUZIONE

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte.

Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte. Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte. Il montante L autostrada che porta al centralino Il montante È la conduttura che collega

Dettagli

Rischio Elettrico nei laboratori dei

Rischio Elettrico nei laboratori dei UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI TERAMO Rischio Elettrico nei laboratori dei Dipartimenti Scientifici Dott. Giuseppe Mazziotti di Celso Università degli Studi di Teramo 16 Novembre 2010, Teramo LA CORRENTE ELETTRICA

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

OVR Guida pratica per la protezione contro le sovratensioni

OVR Guida pratica per la protezione contro le sovratensioni OVR Guida pratica per la protezione contro le sovratensioni Indice Protezione contro le sovratensioni Danni causati dalle sovratensioni... 2 Origine delle sovratensioni Scariche atmosferiche... 4 Manovre

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A.

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. Pagina 1 di 48 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 5 2. BASI PRINCIPALI E DEFINIZIONI...

Dettagli

IMPIANTI ELETTTRICI parte II

IMPIANTI ELETTTRICI parte II IMPIANTI ELETTTRICI parte II di Delucca Ing. Diego PROTEZIONE DI UN IMPIANTO DAI SOVRACCARICHI E DAI CORTO CIRCUITI Una corrente I che passa in un cavo di sezione S, di portata IZ è chiamata di sovracorrente

Dettagli

Corso di Progettazione di Impianti Elettrici. Documentazione per la Progettazione Norme Tecniche

Corso di Progettazione di Impianti Elettrici. Documentazione per la Progettazione Norme Tecniche Corso di Progettazione di Impianti Elettrici Documentazione per la Progettazione Norme Tecniche Norme Tecniche e Norme di Legge La progettazione di un opera ha come scopo la definizione delle caratteristiche

Dettagli

Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico

Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico 1.1 Lo schema di misurazione Le principali grandezze elettriche che caratterizzano un bipolo in corrente continua, quali per esempio

Dettagli

Pubblica. Inchiesta. Progett PROGETTO. Protezione contro i fulmini C. 994 30-06-2008 81-10; V... IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO

Pubblica. Inchiesta. Progett PROGETTO. Protezione contro i fulmini C. 994 30-06-2008 81-10; V... IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO N O R M A I T A L I A N A C E I Data Scadenza C. 994 30-06-2008 Data zione 2008- Classificazione 81-10; V... Titolo Protezione contro i fulmi Title n IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO PROGETTO 1 Progett

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO - PRECAUZIONI DI SICUREZZA - LEGGERE ATTENTAMENTE PRIMA DELL

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Effetti Biologici e Fisiologici della corrente nel corpo umano

Effetti Biologici e Fisiologici della corrente nel corpo umano Sicurezza elettrica 2 Effetti Biologici e Fisiologici della corrente nel corpo umano La differenza di potenziale tra l'interno di una cellula e l'ambiente circostante varia da circa 70 a 100 mv. Ciò è

Dettagli

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PREVENZIONE INCENDI LARGO SANTA BARBARA, 2-00178 ROMA TEI..

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI Corrente e Tensioni Corrente continua Trasformatore a due avvolgimenti con schermo trasformatore di isolamento CEI 14-6 Trasformatore di sicurezza CEI 14-6 Polarità positiva e negativa Convertitori di

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

G722/... G723/... G723H/... G724/... G725/...

G722/... G723/... G723H/... G724/... G725/... F80/MC F80/MCB F80/MMR F80/SG F80/SGB F7FA0AP-0W0 F9H0AP-0W0 = Led indicazione di guasto per cortocircuito = Led Indicazione di guast o verso terra = Pulsante interfaccia utente = Indicazione sezionamento

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Prot. Generale n. 19033 del 23.10.2012 Primo livello di help desk HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Qui di seguito si riportano alcune delle più frequenti domande con le relative risposte.

Dettagli

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti THERMATILE & BREVETTATO Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti 1 Che cos è? Thermatile è l innovativo sistema brevettato di riscaldamento radiante in fibra di carbonio, di soli 4 millimetri

Dettagli

Nuova Norma CEI 64-8 7 a Edizione 2012 Impianti elettrici utilizzatori in BT

Nuova Norma CEI 64-8 7 a Edizione 2012 Impianti elettrici utilizzatori in BT Nuova Norma CEI 64-8 7 a Edizione 2012 Impianti elettrici utilizzatori in BT 1 Nuova Norma CEI 64-8 - 7 a Edizione 2012 La nuova edizione (settima) della norma CEI 64-8 contiene piccoli aggiustamenti ed

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli

Saldatura ad arco Generalità

Saldatura ad arco Generalità Saldatura ad arco Saldatura ad arco Generalità Marchio CE: il passaporto qualità, conformità, sicurezza degli utenti 2 direttive europee Direttiva 89/336/CEE del 03 maggio 1989 applicabile dall 01/01/96.

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Interruttori per protezione motore P5M 68 Ausiliari per interruttore P5M 70 Sezionatori-fusibili STI 7 Limitatori di sovratensione di Tipo PRF Master 7 Limitatori

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE (L.R. n 89/98 art 2.2, D.R. n 77/2000 Parte 3 e L. 447/95) Il Dirigente GEOL. ROBERTO FERRARI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 13/02/2008 1 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

GENERALITA Le misure di sicurezza e le cautele da adottarsi per la prevenzione contro il rischio elettrico sono prescritte dal D.P.R. 27 aprile 1955, n. 547 titolo VII. Di seguito si riportano le principali

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

ITALIANO. Q quadri da cantiere vuoti o. assemblati in fabbrica (ASC)

ITALIANO. Q quadri da cantiere vuoti o. assemblati in fabbrica (ASC) ITALIANO Q quadri da cantiere vuoti o assemblati in fabbrica (ASC) i presentazione prodotti L azienda e il prodotto La SpA INDUSTRIA LOMBARDA MATERIALE ELETTRICO opera a Milano dal 1938 nel settore elettrotecnico

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli